Archivi tag: Economic Forum di Davos

Tra neve e ghiaccio e riscaldamento globale

Gli scienziati dicono che le “previsioni apocalittiche” sul riscaldamento globale da parte dell’ONU NON sono credibili

by Natural News

Aggiungendo alla confusione generale e al disaccordo sui veri pericoli del riscaldamento globale, un nuovo studio ha determinato che le previsioni “apocalittiche” del riscaldamento globale delle Nazioni Unite sono completamente esagerate.

I ricercatori dell’Università di Exeter hanno utilizzato nuovi calcoli per determinare il probabile impatto che i gas serra che avrebbero avuto sul riscaldamento globale, e sono stati in grado di scontare scenari estremi come la previsione delle Nazioni Unite sul riscaldamento del mondo di ben 19,8 gradi Fahrenheit entro il 2100. Essi hanno ridotto la gamma di potenziali risultati alla fine del secolo di oltre la metà.

Il loro metodo di modellazione ha esaminato quanto aumenterebbe la temperatura media della superficie del nostro pianeta se la quantità di anidride carbonica nella nostra atmosfera raddoppiasse. Mentre i precedenti tentativi di determinare l’equilibrio della sensibilità climatica hanno esaminato i record storici della temperatura, il nuovo studio si è concentrato sulle fluttuazioni globali della temperatura anno dopo anno. Hanno analizzato il modo in cui i cambiamenti di temperatura a breve termine erano sensibili a lievi urti nel clima, indipendentemente dalle emissioni di gas serra.

Mentre il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite ha previsto che l’equilibrio sulla sensibilità al clima sarebbe compreso tra 1,5 e 4,5 gradi Celsius, il nuovo studio vede un intervallo compreso tra 2,2 e 3,4 gradi Celsius. Ciò significa che la “fine del mondo” secondo le Nazioni Unite non è così vicina come vorrebbe farti credere.

Tuttavia, i ricercatori ammettono che il loro nuovo modello non prende in considerazione alcuna possibilità di cambiamenti climatici rapidi causati dal pianeta stesso. Ad esempio, lo scongelamento del permafrost ricco di carbonio sul pianeta, le calotte di ghiaccio che si sciolgono in Antartide, o il crollo della corrente del golfo che potrebbero causare un grande cambiamento.

Gli esperti stanno lodando il nuovo studio 

Il loro “geniale” approccio è stato lodato dal professor Piers Forster dell’Università di Leeds. In un articolo collettivo pubblicato sulla rivista Nature, dove ha scritto: “L’idea alla base di questo lavoro è così invidiabile che farà chiedere agli esperti di climatologia:” Perché non ci abbiamo pensato?”

E’ poco probabile che questo studio vada bene per alcuni allarmisti del riscaldamento globale. Un professore dell’Università del Colorado Boulder, Roger A. Pielke Jr., ha definito su Twitter “intelligente” il nuovo studio, scrivendo: “Se la tua difesa sul clima è basata su argomenti [che saranno davvero cattivi, davvero cattivi”, allora la nuova scienza (“non è così male”) ti mette in una posizione scomoda. Senza dubbio alcuni catastrofisti sentiranno oggi un po’ il bisogno di disquisire il nuovo studio per timore che dia i cattivi negatori”.

Da ricordare una storia simile l’anno scorso su come i modelli climatici del riscaldamento globale siano stati apertamente scorretti e tendenziosi sullo sfornare previsioni troppo esagerate pensate per spaventare le masse. In quell’occasione, un articolo che è stato pubblicato su Nature Geoscience ha concluso che sono stati usati dall’IPCC modelli di software difettosi e ampiamente citati da coloro che hanno interesse a promuovere la narrazione del riscaldamento globale. Hanno dimostrato che il cambiamento climatico non è proprio stata una minaccia urgente per il nostro pianeta, ma è stata concepita per esserlo. Qualcuno qui sta iniziando a notare uno schema?

Trova notizie credibili sulla scienza del clima su Climate.news.

Le fonti includono:

DailyMail.co.uk

WashingtonTimes.com

NaturalNews.com

https://www.naturalnews.com/2018-01-24-scientists-say-apocalyptic-predictions-about-global-warming-by-the-u-n-are-not-credible.html 

************************************

Mattis toglie il riscaldamento globale dalla strategia di difesa nazionale 

Di Michael Bastasch

Il Pentagono ha pubblicato la strategia di difesa nazionale che per la prima volta da oltre un decennio non menziona il riscaldamento globale causato dall’uomo come una minaccia alla sicurezza.

Un riassunto di 11 pagine della nuova strategia di difesa nazionale non menziona più il “riscaldamento globale” o “cambiamento climatico”, secondo una ricerca per parole chiave dell’Huffington Post. Il documento riflette l’attenzione dell’amministrazione Trump su “dominanza energetica” sul clima.

La strategia di difesa nazionale, firmata dal segretario alla Difesa James Mattis, non ha molto da dire sui problemi energetici, tranne che gli Stati Uniti “promuoveranno un Medio Oriente stabile e sicuro” e “contribuiranno a mercati energetici globali stabili e a vie commerciali sicure.”

Il Pentagono ha pubblicato il documento di strategia venerdì, e i funzionari sono stati chiari che non avrebbe fatto cenno al riscaldamento globale. L’amministrazione Bush ha aggiunto il riscaldamento globale alla strategia di difesa nel 2008, ma il problema ha guadagnato lo status di alto livello durante l’amministrazione Obama.

L’amministrazione Trump ha lanciato la sua strategia di sicurezza “America First” a dicembre, che ha chiesto “risorse energetiche abbondanti – carbone, gas naturale, petrolio, fonti rinnovabili e nucleare” per rilanciare l’economia e aiutare gli alleati degli Stati Uniti.

Questo piano ha de-enfatizzato le politiche volte a combattere il riscaldamento globale provocato dall’uomo, un’inversione completa dalla sicurezza nazionale sotto l’amministrazione Obama.

“Le politiche climatiche continueranno a plasmare il sistema energetico globale”, recita la National Security Strategy, pubblicata a dicembre.

“NOI. la leadership è indispensabile per contrastare un’agenda anti-crescita e di energia che è dannosa per gli interessi degli Stati Uniti in materia di sicurezza economica e energetica”, recita il piano. “Considerata la futura domanda energetica globale, gran parte del mondo in via di sviluppo richiederà combustibili fossili e altre forme di energia per alimentare le loro economie e sollevare il loro popolo dalla povertà”.

Fonte: The Daily Caller

Articolo integrale: https://www.attivitasolare.com/pentagono-global-warming-non-piu-minaccia-la-sicurezza-nazionale/

VEDI ANCHE  

PENTAGONO: SEIMILA E CINQUECENTO MILIARDI DI DOLLARI DISPERSI!

I VEGGENTI DEL PENTAGONO NEL 2003: SARA’ CATASTROFE CLIMATICA ENTRO IL 2020

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

************************************

Le previsioni di inverni senza neve svaniscono nel nulla mentre l’emisfero nord viene sepolto sotto neve e ghiaccio

Pubblicato da Enzo Ragusa

Di P. Gosselin – 23.01.2018

Ricordiamo a tutti come alcuni scienziati (David Viner e Mojib Latif, solo per fare alcuni esempi) hanno annunciato audacemente, circa 18 anni fa, che la neve e il ghiaccio alle latitudini 40 – 55° N sarebbe diventata rara.

Tuttavia, guardando gli ultimi dati, vediamo che ironicamente è il terreno senza neve che è diventato “una cosa del passato”. Il giornalista scientifico di Spiegel,Axel Bojanowski ha twittato qui.

Il giornalista di Spiegel ha twittato (enfasi aggiunta)

Perché c’è stata una certa confusione a causa della neve: Niente neve alle nostre latitudini è attualmente l’eccezione in tutto il mondo (sfumatura bianca).”

Con temperature gelide e forti nevicate che attanagliano gran parte dell’emisfero settentrionale, questo è un vero e proprio imbarazzo per gli esperti di clima che in precedenza avevano affermato che la nevesarebbe diventata rara a causa del riscaldamento globale. Inoltre, non solo la neve è tornata vendicandosi, anche le temperature superficiali globali negli ultimi 20 anni sono aumentate in modo insignificante.

I leader mondiali e degli affari dovrebbero ricordarselo mentre si dirigono verso una Davos innevata.

Un altro aneddoto per sollevare le sopracciglia si trova a Montreal, in Canada, dove il possente fiume St. Lawrence potrebbe avere una nave della marina statunitense intrappolata fino a primavera:”a causa delle acque ghiacciate”.

Anche se non ci troviamo in un’era glaciale, è sicuro che attraverserà l’emisfero settentrionale quest’inverno.

Fonte: NoTricksZone

Enzo

AttivitàSolare

https://www.attivitasolare.com/

************************************  

Una risata li seppellirà

Posted By Massimo Lupicino

…Ma per adesso a seppellirli è la neve.

Come da tradizione in questi giorni sulle montagne svizzere di Davos si riunisce il gotha del potere politico e finanziario mondiale: tutti felicemente impegnati a “migliorare lo stato del mondo (…) per modellare agende globali, regionali e industriali (weforum.org)”. Niente di nuovo sotto il sole: è il Club dei Migliori che periodicamente si riunisce per autocelebrarsi nella più alta espressione di sè, quella dei Salvamondo. Un circo itinerante che si alimenta di kermesse a tema: ieri erano a Bonn per salvare il clima (COP23), l’altro ieri in Virginia per curare i loro privatissimi interessi personali (Bilderberg) e oggi in un paradiso svizzero dello sci a due passi dal Liechtenstein, ché magari si unisce anche l’utile al dilettevole.

Se il Bilderberg è carbonaro e misterioso, Davos è quasi sfacciato nel suo sfoggio opulento e autocelebrativo, tanto da potersi persino permettere il lusso di invitare qualche deplorable, per il piacere assai raffinato di prenderlo per i fondelli. E deve essere per questo sofisticato piacere che proprio alla presenza del Presidente americano si porta in scena il trionfo della retorica ambientalista più trita: dei 5 rischi più gravi identificati dagli Illuminati, ben tre sono di carattere ambientale, un record. Si parla di “Eventi Meteorologici Estremi”, di “Disastri Naturali” e di “Incapacità di mitigare / adattarsi al Climate Change” (Fig.1). E nessun rischio economico, a fronte della montagna di trilioni di debito che ha partorito una crescita mondiale da topolino. Non sia mai che qualcuno pensi che l’èlite finanziaria al potere non sa prendersi cura di noi.

E siccome sono i migliori, naturalmente ci hanno preso in pieno con le loro analisi di rischio, e in tempo reale per giunta. Davos, infatti, è stata seppellita da due metri di freschissima e sofficissima neve proprio all’apertura della kermesse. Decisamente un “evento estremo”, e probabilmente anche un “disastro naturale” per chi aveva pianificato qualche giorno di shopping, una sciata defatigante o una capatina in giornata a Vaduz per una consulenza…fiscale. Per non parlare della incapacità di “mitigare” l’inconveniente climatico: “impossibile”, ammette sconsolato il sindaco di fronte allo spettacolo desolante di auto e mini-van di lusso bloccati dalla neve. E che dire della chiusura dell’eliporto, proprio in concomitanza con il previsto atterraggio di 1,000 jet privati? Just…Deplorable.

Ma lo show deve andare avanti, e a salvare la narrativa ci pensano i professionisti del clima-catastrofismo: ovvero giornalisti ed accademici. Tanto per cambiare, infatti, è il New York Times a spiegarci che “singoli eventi atmosferici non possono essere attribuiti al Climate Change”: parole sante, che sono state usate anche per la recente ondata di gelo che ha interessato gli USA. Eppure, curiosamente, proprio la stessa testata è avvezza ad imputare al Climate Change singoli eventi meteorologici secondo convenienza: appena un mese fa, per esempio, ci spiegava che il ciclone Harvey è Climate Change.

A Linda Fried (Columbia University) è affidato l’ingrato compito di difendere la narrativa sul campo. Dopo aver impiegato 3 ore per farsi largo tra la neve e raggiungere un centro di registrazione semi-deserto a due passi dal suo albergo, Linda ha iniziato con mezz’ora di ritardo la sua conferenza sui pericoli del Global Warming. Di fronte alle inevitabili ironie sul tempismo del suo discorso, l’esperta ha ribattuto: “La gente proprio non vuole capire, non sono certo questi i parametri di misura (del riscaldamento globale)”.

In attesa che Linda e i suoi fratelli riescano a far capire al volgo ignorante quali sono questi benedetti parametri di misura, forse è il caso che i modellisti di agende globali in questione facciano davvero uso delle “tecniche di mitigazione del rischio” più opportune, e per esempio trasferiscano il Forum dalle montagne svizzere al deserto australiano. Forse non se ne gioverà lo shopping, ma la narrativa per lo meno non ne uscirà con le ossa rotte.

http://www.climatemonitor.it/?p=47243

Almanacco di luglio 2017

Gas meno caro, ma in Germania non tutti contenti per il progetto russo Nord Stream 2

Il governo tedesco intende cooperare con la Russia per la costruzione del gasdotto “Nord Stream 2” per ragioni economiche e per garantire la transizione verso fonti energetiche alternative, scrive Die Welt.

Tuttavia i piani del governo hanno incontrato la resistenza da parte di alcuni cittadini e di alcuni analisti, che ritengono che la Germania disponga di risorse in abbondanza e un altro gasdotto pertanto non serve”, osserva il giornale.

Il progetto per il gasdotto “Nord Stream 2” dal valore di 10 miliardi di dollari è destinato a migliorare la consapevolezza della Germania sulla propria disponibilità di gas per allontanarsi dall’uso del carbone e del nucleare e passare verso le energie rinnovabili, si legge in un articolo di Die Welt.

Tuttavia questo progetto ha “nemici sia in Germania che all’estero.” Continua a leggere QUI 

**********************

Ci è arrivato persino Bill Gates: “Troppi immigrati, rendete più difficili gli ingressi” 

Roma, 6 lug – Era il volto delle multinazionali “buone”, quelle che spendevano milioni in beneficenza, che flirtavano con Obama e criticavano Trump. Il fondatore di Microsoft, Bill Gates, non ha mai nascosto la sua collocazione nell’ambito del pensiero dominante. Ancora nel gennaio 2016, al World Economic Forum di Davos, aveva dichiarato: “La Germania e la Svezia sono da elogiare per il modo in cui accolgono i migranti. Gli Stati Uniti dovrebbero seguire il loro esempio”. Ora la musica è cambiata.

*********************

Donald Trump di fronte al “quarto potere”

di Thierry Meyssan

Nell’arrogarsi la qualifica di “Quarto Potere”, la stampa statunitense si è posta alla pari con i tre Poteri democratici, benché sia sprovvista di legittimità popolare. Conduce una campagna massiccia, sia in patria che all’estero, per denigrare il presidente Trump e provocare la sua destituzione; una campagna che ha avuto inizio la sera della sua elezione, ossia ben prima del suo arrivo alla Casa Bianca. Essa ottiene un grande successo presso l’elettorato democratico e gli Stati alleati, la cui popolazione è convinta che il Presidente degli Stati Uniti sia uno svitato. Ma gli elettori di Donald Trump tengono botta mentre lui riesce a lottare efficacemente contro la povertà. Continua a leggere QUI

********************** 

L’EUROPA VUOLE CHE L’INVASIONE DELL’ITALIA PROSEGUA, PROBABILMENTE FINO ALLA SUA DEFINITIVA DISTRUZIONE 

Notizia ANSA di oggi, o la non notizia , è che al vertice di Tallinn di oggi non cambierà nulla

Il Mandato di Triton è quello di caricare i migranti in mare e scaricarli, TUTTI, SOLO in Italia. Quindi se non cambia Triton, ed a questo punto apre certo, anche per l’opposizione degli altri paesi, l’Europa AUTORIZZERÀ L’INVASIONE DELL’ITALIA in modo permanente e totale. Praticamente l’Italia viene condanna al sacrificio della proprie identità e del proprio essere sull’altare di un bene superiore non identificato. 

Chiaramente ci blandiranno con qualche milionata di euro, con qualche promessa, ma i fatti sono quelli: A RAGIONE NON VOGLIONO MIGRANTI, ED A TORTO LI VOGLIONO IMPORRE A NOI. Tutto il resto è NOIA.  Fonte link:  https://scenarieconomici.it/ 

**********************

Torino-Lione, ogni lavoratore Tav ci costa 1 milione di euro

Il road show di Telt si è conquistato i titoli e gli articoli dei giornali con facilità come purtroppo avviene solitamente. Eppure se il sistema dell’informazione verificasse le informazioni e i numeri dati dai comunicati stampa inviati nella propria email, si scoprirebbe che più che informazioni ci troviamo quasi sempre ad avere a anche fare con propaganda! Noi lo abbiamo fatto e al di là della retorica e della propaganda i numeri (veri!) sono impietosi: ogni singolo posto di lavoro che sarebbe creato dalla costruzione del Tav Torino Lione costerebbe alla collettività oltre un milione di euro, e sarebbe un posto di lavoro a termine, durerebbe i 10 anni della costruzione dell’opera.

Prendiamo in esame le ricadute occupazionali previste dai proponenti e il costo a carico delle casse pubbliche italiane. Nel progetto definitivo della sezione compresa tra Bussoleno e il confine di Stato troviamo la stima della forza lavoro: nei primi due anni di anticipazione sono previsti circa 200 lavoratori; nell’ultimo anno e mezzo una cinquantina; negli otto anni e mezzo centrali di lavoro la media è di circa 900 lavoratori.

Consideriamo anche i posti di lavoro indiretti, i proponenti affermano che sono due per ogni posto diretto. Diciamo quindi 800 posti diretti più 1600 indiretti. I costi a carico dell’Italia dell’intera sezione transfrontaliera li troviamo nella delibera Cipe 19 del 2015: se l’Europa erogasse il massimo contributo possibile l’opera graverebbe sulle finanze italiane per 3 miliardi di euro; da questa cifra si sale fino a 5 miliardi se il contributo Europeo venisse cancellato o ridotto.  Continua a leggere QUI
**********************

LA GABBIA CHIUSA. CHI E’ CHE CI PRENDE SEMPRE?

Le mie ultime parole a Gianluigi Paragone quando quasi un anno fa mi cacciò per la terza volta da La Gabbia di La 7 furono: “Tu sei l’uomo del 3% e lì morirai”.

La Gabbia è stata chiusa perché da 4 anni a ogni fine puntata Paragone e l’autore Montanari ci dicevano: “Dai, che fra un mesetto cresciamo!”. Non sono mai cresciuti. E io glielo dicevo tutte le volte. E li hanno chiusi, punto. Erano il 3% eterno.

Prima di continuare, posso chiedere a Diego Fusaro di emigrare nelle isole Palau? Voglio dire Diego, sei un marxista di Porto Cervo che attribuisce ogni manifestazione sul Pianeta “Alla contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria”… anche se ti si rompe il sifone del lavandino è la contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria. Poi chiedi 1.000 euro per palesarti a iniziative pubbliche dove per 1.000 euro dirai che piove perché è la contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria. Già questo basta per appiopparti un one way ticket to the Palau Islands. Ma che tu sia stato capace di scrivere un encomio su Paragone e la Gabbia, degno del peggior Paolo Mieli se avessero chiuso Porta a Porta, questo è troppo. 

Allora l’equazione è semplice come un panino al prosciutto: 

Continua a leggere QUI 

**********************

 Una Fiat 500 “F Berlina”, dello stesso modello acquistato dal MoMA di New York 

La “vecchia” Cinquecento entra nel nuovo cuore del MoMA
 

Il Museum of Modern Art di New York ha annunciato l’acquisto di una FIAT Cinquecento del ’68 da inserire nella sua collezione

Un altro grande riconoscimento del disegno italiano. A un’ottantina d’anni dalla sua nascita, infatti, la FIAT Cinquecento riceve quello che è in pratica il massimo crisma del “design” mondiale: verrà incluso tra gli oggetti offerti all’attenzione del pubblico come i più significativi e più belli nello sviluppo del disegno industriale  
 
A un’ottantina d’anni dalla nascita, la “Cinquecento” della FIAT riceve quello che è in pratica il massimo crisma del “design” mondiale con l’annuncio, dato dal Museum of Modern Art di New York, che un esemplare della macchinetta è stato acquistato dal museo stesso per essere incluso tra gli oggetti offerti all’attenzione del pubblico come i più significativi e più belli nello sviluppo del disegno industriale.
 
Nel suo comunicato il “MoMA” non precisa quale sia l’avvenimento che lo ha indotto ad includere la mini-FIAT nella sua collezione – accanto ad altre macchine “iconiche” come una Cisitalia, una Ferrari, una Jaguar, una Jeep e una Volkswagen – ma non è impossibile che il fatto che la Cinquecento si veda adesso sgattaiolare ogni tanto per le strade  americane in seguito  all’avvenuta fusione tra FIAT e Chrysler abbia rammemorato qualcuno dei suoi curatori dell’esistenza della intramontabile quanto simpatica, pratica e graziosa macchinetta.  Continua a leggere QUI