Crea sito

Uomo di vimini – Toro di bronzo

 

Pene capitali orribili e prolungate nei tempi antichi

di Micki Pistorius 

Tutti hanno familiarità con il rogo delle streghe e dei criminali – che spesso sono morti per asfissia o arresto cardiaco prima che la loro carne fosse consumata dalle fiamme – ma fin dall’antichità l’ingenua ingenuità dei torturatori ha ispirato misure sorprendentemente orribili per punire i trasgressori e prolungare le loro morti angoscianti e lancinanti, spesso per gratificare i piaceri sadici dei loro carnefici.

Raffigurazione di un uomo di vimini, rifornito di vittime da bruciare. (Archivista / Adobe Stock)  

Arrostiti vivi e piombo fatto ingerire 

Secondo la leggenda, i druidi celtici tenevano prigionieri i legionari romani in cestini di vimini, e poi li incendiavano, come sacrifici per i loro dei. Sebbene Cicerone, Tacito e Plinio il Vecchio, abbiano commentato il sacrificio umano tra i Celti, è solo Giulio Cesare nel suo Commentario delle Guerre Galliche, che attribuisce questa particolare pratica ai druidi. Esiste la possibilità che i cestini di vimini possano essere stati spinti dai romani per alimentare la paura e il disprezzo della popolazione romana nei confronti dei viziosi nemici celtici e per giustificare le invasioni delle terre celtiche. Tuttavia, potrebbe esserci della verità in quanto un commento molto più tardi si trova nel Commenta Bernensia del X secolo ((o Berna scholia conservato nella Burgerbibliothek di Berna, Svizzera) in riferimento al poema epico di Lucano De Bello Civili Pharsalia, che descrive la combustione delle genti fatta dai Celti in un’effigie di legno come sacrificio a Taranis, dio del tuono.

 La costruzione di Perillos dove è stato chiuso con l’inganno in un toro di bronzo che fece costruire per Falaride da Pierre Woeiriot (circa 1562) (dominio pubblico)

Diodoro Siculo, nella sua Bibliotheca Historica, racconta del toro siciliano, un toro di bronzo inventato da Perilli di Atene per Falaride, il tiranno di Akragas, in Sicilia. I prigionieri furono maneggiati attraverso un chiavistello aperto sul lato del toro di metallo e poi fu fatto un fuoco sotto di esso, per arrostire lentamente in vita le vittime intrappolate all’interno. Perillos disse a Falaride di aver progettato un dispositivo acustico impiantato all’interno del toro che avrebbe convertito i lamenti pietosi delle vittime nel “melodioso muggito” di un toro, per uscire, insieme all’incenso, attraverso il naso aperto del toro di bronzo. Falaride ingannò Perillos in una dimostrazione, lo chiuse a chiave all’interno del toro e accese il fuoco.

Immagine in alto: i santi Savino e Cipriano vengono torturati (circa 1100) Chiesa abbaziale di Saint-Savin-sur-Gartempe (dominio pubblico) 

Per saperne di più

Fonte:  https://www.ancient-origins.net/

®wld

L’albero di Natale e le sue leggendarie origini storiche

 

È una casa rara che non è adornata in questo momento con un abete di Natale. In questi tempi familiari, piccoli e grandi di solito trasformiamo il nostro albero di Natale nell’asse centrale della nostra casa: ai tuoi piedi appariranno i regali il 25 dicembre e accanto a lui ci incontreremo, assaporando deliziosi piatti e dolci. Ci siamo abituati così tanto alla sua presenza magica, che non ricordiamo nemmeno – o molte volte sappiamo – i motivi per cui, anno dopo anno, diventa il protagonista del nostro Natale.

Tuttavia, sebbene la documentazione storica sull’abete natalizio appaia solo pochi secoli fa, è vero che le leggende e le tradizioni che ci raccontano risalgono a tempi molto antichi. Tradizioni e leggende frutto di culture, epoche e usanze molto diverse: alcune di origine strettamente cristiana e altre molto precedenti alla nascita del cristianesimo. 

Il simbolismo dell’albero nel corso della storia

Gli alberi sono sempre stati considerati un simbolo di vita, specialmente per quelle culture strettamente legate alle forze della natura. Dalla preistoria gli uomini primitivi introdussero piante perenni e tutti i tipi di fiori nelle loro caverne e rifugi ai quali conferirono un significato magico e / o religioso. Mentre Greci e Romani decoravano le loro case con edera, i Vichinghi e altri popoli nordici preferivano farlo con il vischio e altre piante sempreverdi come alloro, agrifoglio e rami di varie conifere.

 I popoli nordici decoravano le loro case con agrifoglio e altre piante perenni. Illustrazione di una pianta di agrifoglio disegnata da Otto Wilhelm per il suo libro “Flora di Germania, Austria e Svizzera” (1885). (Dominio pubblico)

Gli antichi abitanti del nord Europa hanno celebrato la nascita di Frey, dio del sole e della fertilità, adornando un albero perenne vicino al solstizio d’inverno. Questo albero rappresentava il divino Yggdrasil (Albero dell’albero dell’universo supporto dei Nove mondi), nella cui corona era il cielo in cui era Asgard (la dimora degli dei), e all’interno di Asgard el Valhalla (sala di Odino nella che ha ricevuto eroi vichinghi uccisi in combattimento). Al contrario, le loro radici profonde affondarono in Helheim, il regno dei morti. La celebrazione di quel giorno era decorarla con torce che rappresentavano le stelle, la luna e il sole. Intorno a lui, danza e canta in onore di Frey. Dopo l’evangelizzazione di quella parte del vecchio continente, i nuovi cristiani hanno adottato l’idea dell’albero sacro per celebrare la nascita di Cristo.

Per i Celti l’albero era considerato un elemento sacro e venerato dai Druidi. Era un mezzo per celebrare il “culto della luce” nel giorno del solstizio d’inverno, la notte più lunga dell’anno. Dal solstizio d’inverno fino all’inizio di gennaio i Celti hanno bruciato rami di quercia (simbolo dell’anno che muore) nella convinzione che le scintille prodotte porterebbero a nuovi giorni luminosi, mentre le ceneri si spargevano attraverso i campi per favorire il Colture future

Esistono innumerevoli culture in cui l’albero rappresenta il mezzo di unione tra cielo e terra. Pertanto, specialmente nelle culture orientali, l’albero è un simbolo dell’incontro con il sacro: un punto d’incontro tra esseri umani e divinità. Per millenni gli alberi sono stati per l’uomo un simbolo di saggezza, fertilità, longevità e crescita. Quindi, ci sono così tante leggende che ruotano attorno agli alberi e al loro rapporto con gli umani.

Giovane donna che decora il suo albero di Natale nel “Natale” (1898), di Marcel Rieder (1862-1942). (Dominio pubblico) 

L’albero di Natale cristiano

L’albero di Natale simboleggia per il cristianesimo la speranza di rinascita nella notte più buia dell’anno e l’invocazione della luce attraverso la nascita di Gesù di Nazaret. Inoltre, ricorda l’albero del Paradiso di cui mangiarono i frutti Adamo ed Eva e da dove proviene il peccato originale. D’altra parte, la sua forma triangolare (perché si usa generalmente una conifera) simboleggia la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo.

Secondo una popolare tradizione tedesca, San Bonifacio (675-754) – vescovo inglese che viaggiò in Frisia e Germania per evangelizzare i suoi abitanti, si sentì molto ferito nel Natale del 723 quando vide che i tedeschi erano tornati alla loro vecchia idolatria e si prepararono a celebrare il solstizio d’inverno sacrificando un giovane sotto la sacra quercia di Thor. Tale era la sua delusione e rabbia che, prendendo un’ascia, andò a tagliare quell’albero. La leggenda narra che, al primo colpo dell’ascia, una forte raffica di vento abbatté immediatamente la quercia. La gente del posto, sorpresa e spaventata, riconobbe l’intervento della mano di Dio in un simile evento e implorò San Bonifacio di spiegare come avrebbero dovuto celebrare il Natale.

Quindi, il sacerdote notò un piccolo abete che, miracolosamente, rimase intatto accanto ai resti della quercia caduta. Lo vide come un simbolo dell’amore di Dio e lo adornava con mele – frutti di tentazioni peccaminose – e con candele che rappresentano la luce di Cristo che nasce per illuminare il mondo. Alla fine, poiché aveva familiarità con l’usanza pagana di decorare case con foglie e rami di piante perenni durante l’inverno, chiese a ogni famiglia di portare un abete a casa.

Statua di San Bonifacio a Fritzlar, Germania, raffigurante il santo che porta un’ascia dopo aver abbattuto la quercia di Thor. (Dominio pubblico)

A poco a poco, la tradizione si è evoluta, cambiando mele per palline colorate e candele per faretti e luci lampeggianti. Ma, nonostante questi cambiamenti, le sfere colorate simboleggiano ancora le preghiere fatte durante il periodo dell’Avvento cristiano: il tempo di preparazione fino alla nascita di Gesù.

In questo modo, le palle blu simboleggiano le preghiere di pentimento, quelle d’argento corrispondono alle preghiere per dire grazie, quelle dorate sono un simbolo delle preghiere di lode e le sfere rosse delle richieste rivolte a Dio. Allo stesso modo, la stella con cui è sormontato l’abete di Natale rappresenta la fede e la luce che dovrebbero guidare ogni buon cristiano, ricordando alla stella che, secondo il credo cristiano, ha guidato i Magi a Betlemme.

Per quanto riguarda il resto delle figurine con cui è decorato l’albero di Natale, rappresentano le buone azioni e i sacrifici che i cristiani offrono in dono a Gesù per il suo “compleanno” il 25 dicembre.

Tutti gli ornamenti natalizi in abete hanno un profondo significato simbolico. (Kris de Curtis-CC BY 2.0) 

Origini dell’albero di Natale moderno

Oggi non sappiamo quale sia stata la prima copia dell’albero di Natale nella storia, dal momento che ci sono diverse città del nord Europa che contestano questo onore. Ad esempio, a Riga, in Lettonia, c’è una targa che afferma che il primo albero fu adornato in quella città nel 1510. Tuttavia, ci sono anche testimonianze che affermano che era nella Brema tedesca, nel 1570, quando fu decorato per la prima volta un albero a base di noci, frutta secca e nastri di carta.

Nonostante quanto sopra, sono gli spettacoli medievali – che rappresentavano misteri e passaggi biblici – che, secondo gli esperti, forniscono gli indizi più importanti sulla vera origine del moderno albero di Natale. Questi spettacoli hanno adempiuto alla funzione di insegnare la religione cristiana alle persone che, per la maggior parte, erano composte da individui analfabeti. Queste opere sono diventate molto popolari e diffuse in tutta Europa. Così, alla vigilia di Natale, il 24 dicembre, era rappresentato il passaggio del peccato originale di Adamo ed Eva. Durante tutto il lavoro, l’albero biblico del bene e del male ha occupato il centro della scena. In linea di principio si pensava di usare un melo, ma non sarebbe stato adatto in inverno, quindi si decise di far adornare un abete con mele, wafer e dolci per bambini dai quali, secondo gli esperti, sarebbero derivati ​​i nostri attuali alberi di Natale.

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

Questi stessi esperti suggeriscono anche che si trovava sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” dell’albero di Natale è emersa nel XVI secolo. Una delle prime prove documentali di ciò è la documentazione della città di Schlettstadt dell’anno 1521, che include l’ordine di fornire una protezione speciale alle foreste nei giorni prima di Natale, essendo i ranger responsabili della punizione Chiunque abbia tagliato un albero per decorare la propria casa. Inoltre, un altro documento informa che, a Strasburgo, capitale dell’Alsazia, gli abeti furono venduti sul mercato, per portarli a casa e decorarli. Dall’Alsazia la tradizione si diffuse nel resto della Germania, poi in tutta Europa e, infine, nel resto del mondo cristiano. 

Immagine di copertina: particolare del dipinto ad olio “L’albero di Natale” (1911), di Albert Chevallier Tayler. (Dominio pubblico)

Autore: Mariló T. A. 

riferimenti

L’albero di Natale: origini e senso cristiano. http://www.primeroscristianos.com/index.php/origenes/item/791-el-arbol-de-navidad-sus-origenes-y-sentido-cristiano/791-el-arbol-de-navidad-sus- Origenes-e-senso-cristiana

Fernandez, Tere. Natale e le sue tradizioni: l’albero di Natale. http://es.catholic.net/op/articulos/18260/la-navidad-y-sus-tradiciones-el-rbol-de-navidad.html

Castelli, Eleonora. L’abete come albero di Natale: origine, storia e leggenda. http://galakia.com/abeto-arbol-de-navidadorigenhistoria-leyenda/

Gómez Fernández, Francisco José. Breve storia del Natale. Edizioni Nowtilus.

Fonte articolo: https://www.ancient-origins.es/

®wld

clienti per la vita

L’alchimia del potere – L’industria farmaceutica

La storia delle droghe e di come hanno manipolato il mondo

Mirja Holtrop
27 ottobre 2016
sito web Dr-Rath-Fondazione
traduzione di Adela Kaufmann
Versione originale in inglese
 

Durante il Medioevo, la conoscenza delle proprietà curative delle piante veniva  soprattutto dai druidi e dalle streghe.

Queste persone sapevano come procedere per la guarigione, e trattavano i problemi di salute come l’infiammazione o piccole ferite con semplici miscele di foglie ed erbe. Ma alla fine è diventato una minaccia per la Chiesa.

In quel periodo storico il cattolicesimo era molto potente e l’unica soluzione per debellare la malattia, era:  

  • pregare  
  • obbedienza
  • generose donazioni finanziarie 

Anche se non ci fosse stata per le persone alcuna cura disponibile per la malattia sulla terra, era assicurata dopo la dipartita una grande vita in “cielo” questo è stato promesso a loro.

Così, druidi, streghe e rimedi naturali costituivano una minaccia per questo modello di cure.

Druidi e streghe, etichettati come il male, sono stati brutalmente sradicati

 Le droghe legali di ieri sono diventate oggi illegali 

Nel 1900 cocaina ed eroina erano droghe legali, usate tutti i giorni. 

  • L’eroina veniva utilizzata per calmare i bambini
  • La cocaina veniva usata per stimolare il metabolismo e l’appetito,

 … Ed entrambe venivano prescritte come stimolatori dell’anima. 

CF Boehringer Mannheim, in Germania, era orgoglioso di essere il primo produttore di cocaina nel mondo. Anche i vini spesso contenevano cocaina, quindi erano di conseguenza molto richiesti.

Papa Leone XIII ha dato una medaglia d’oro ad Angelo Mariani enologo per la sua invenzione di vino arricchito con la cocaina. 

Nell’etichetta del vino Maltine, prodotto a New York, c’era un’istruzione per le persone di come consumare il vino: “un bicchiere pieno durante e dopo i pasti, e per i bambini solo mezzo bicchiere. Un altro vino alla cocaina molto famoso era il Metcalf, una bevanda molto popolare da usare per le vacanze.

Vapor-OL era una miscela di alcool e oppio che veniva impiegato per curare l’asma e spasmi.

Mentre le bottiglie di vino erano troppo ingombranti per le signore da mettere in borsa, portavano con loro delle piccole tavolette di cocaina da usare alla bisogna. Queste tavolette di cocaina sarebbero state utilizzate per migliorare l’umore e il trattamento di corde vocali.

Per prevenire mal di gola, queste compresse erano considerate essenziali per i cantanti, per le madri con bambini piccoli e per gli insegnanti. Ai bambini venivano somministrate compresse di cocaina per curare il mal di denti. Naturalmente solo per curare i sintomi, facendo ritornare il dolore una volta che gli effetti del farmaco si era dissipato.

Ancora oggi, i dentisti usano una forma modificata di cocaina conosciuta come lidocaina per intorpidire i nervi prima di un intervento chirurgico.

Maksym Kozlenko (Opera propria) via Wikimedia Commons

Un altro esempio è un farmaco noto come Paregorico prodotto da Stickney & P, contenente 46% di alcol e una grande percentuale di oppio grezzo.

Incredibilmente, è stato raccomandato come coadiuvante per il sonno ai neonati, la dose consigliata era di 3 gocce al giorno. 8 gocce al giorno per 8 giorni erano consigliate per gli altri bambini; consigliate 25 gocce per bambini di 5 anni; e un intero cucchiaio per gli adulti.

Non vi è alcun dubbio che tutti dormivano bene …  

Oggi ci sono dei musei in Germania, come Dortmund e Heidelberg, dove si possono vedere le bottiglie della medicina e i vasetti di quei giorni passati. Meritano una visita, sono molto educativi …!

Le droghe legali di oggi  

Certamente sarebbe realistico far finta che non ci siano più farmaci pericolosi, farmaci di base. L’incubo è ancora là fuori, tutti i giorni.  

Siamo di fronte ad essi nel momento in cui siamo malati e andiamo dal nostro medico per il trattamento.

Un prodotto farmaceutico contenente warfarin

I farmaci chimici prescritti dai medici convenzionali causano vari effetti collaterali.

Mentre il nostro corpo recepisce – e può tranquillamente metabolizzare – molecole naturali, le sostanze chimiche sintetiche artificiali che i medici prescrivono sono estranee al nostro corpo.  

Rendiamo l’esempio del warfarin, un farmaco anticoagulante (che fluidifica il sangue), che è prescritto a milioni di persone che soffrono di malattie cardiovascolari. Inoltre viene usato come veleno per topi, ed è una delle principali cause di morte nei pronto soccorsi degli ospedali negli Stati Uniti. 

Per quei pazienti che non sono deceduti dopo la somministrazione, i possibili effetti collaterali di warfarin comprendono:

  • Ulcere del piede
  • dita viola
  • vertigini
  • sanguinamento
  • tosse fino ad espellere sangue
  • sanguinamento che si non si ferma
  • nausea
  • vomito
  • difficoltà respiratorie
  • mancanza di respiro
  • paralisi,

… Tra gli altri.  

Molti decessi sono causati da ipovolemia, una pericolosa diminuzione del volume del sangue nel corpo, sono associati a lungo – uso prolungato di farmaci anticoagulanti.  

Antibiotici – un altro grande mercato  

Avete mai pensato a quello che vuole dire la parola “antibiotico” quello che significa veramente? Significa ‘contro la vita (anti: contro – biotica: la vita)’ …  

Se si mangia carne non biologica, quello che otterremo sarà una dose di antibiotici chimici ogni volta che godremo di un bel pezzo di manzo o un’ala di pollo. Non bisogna commettere errori, gli antibiotici sono tossici.  

Quando i pazienti sviluppano un’influenza, molti medici (non tutti) immediatamente prescrivono antibiotici chimici. Questi uccidono tutti i batteri nell’intestino – tra cui i “batteri amici”. Quindi, nei giorni successivi sarà impossibile avere una digestione corretta e l’assorbimento di micronutrienti.  

Ci sono comunque approcci più sicuri.  

Ci sono molte piante – a base di antibiotici naturali e non danneggiano i batteri benefici che vivono nell’intestino.  

Piante naturali con proprietà antibiotiche 

  • muskul Balsamodendron  
  • Quath Maharasnadi
  • cordifolia Tinospora  
  • Rubia cordifolia  
  • bhasma Kindred  
  • officinalis Emblica  
  • frutescens Sutherlandia  
  • Moringa pterygosperma  
  • Glycyrrhiza glabra   
  • Racemoses asparagi   
  • zeylanicum Cimmamonum  

Questi antibiotici naturali sono molto potenti. Ma dal momento che non possono essere brevettati, non sono di interesse per le aziende farmaceutiche, perché il margine di profitto è troppo basso.

Un corpo sano non è di alcuna utilità per l’industria della droga, solo i corpi malati generano profitti.

Rubia cordifolia  Vinayaraj (Opera propria) Via Wikimedia Commons

Il fluoruro è tossico e non ha posto nel dentifricio   

Un’altra sostanza estremamente tossica è il fluoro, che è un ingrediente presente in molti dentifrici.  

Raymond Francis, uno scienziato esperto presso il MIT, ha descritto il fluoro come una delle sostanze chimiche più tossiche nel nostro ambiente. Solo una manciata di dentifrici sono decenti, i migliori contengono sostanze naturali come l’olio di tea tree e sale marino.  

Il fluoro è un prodotto di scarto dell’industria dei concimi chimici, il fluoro è anche il principale ingrediente nei farmaci come quelli antidepressivi,

  • diazepam  
  • flunitrazepam  
  • Rohypnol  
  • Stelazine  
  • Trifluoperazin  
  • Prozac  
  • Zoloft  

La facile accessibilità agli antidepressivi  

Kim, 38 anni, descrive la sua esperienza come segue:
 

“Io avevo appena avuto un bambino e soffrivo di “malinconia”.  Non mi sentivo bene, avevo sbalzi d’umore, e non potevo addormentarmi facilmente. Ero ansiosa e irrequieta. Sono andato a trovare il mio medico e lui mi ha prescritto Zoloft per ‘prendere un po’ di entusiasmo’.  

Inizialmente ha funzionato bene, mi sono sentita meno emotiva e ho potuto dormire meglio, ma dopo pochi mesi mi sono sentita più depressa che mai.  

Era il mio compleanno quando ho ricevuto un dono e non ho potuto nemmeno gioire per averlo ricevuto, mi sentivo completamente insensibile, è stato lì che ho capito di smettere. Mesi fa ho preso l’ultima pillola e finora non mi sono completamente ristabilita per ritornare al  mio vecchio sé”.

In questi giorni, anche ai bambini e gli adolescenti vengono somministrati antidepressivi. E’ preoccupante che alcuni bambini di 6 anni di età li prendano  e il numero di giovani utenti è in aumento.

Consideriamo alcuni dei possibili effetti collaterali:  

  1. depressione  
  2. Mania e psicosi  
  3. pensieri suicidi  
  4. violenza  
  5. cancro  
  6. Difetti alla nascita e aumento del rischio di autismo
  7. danni cerebrali
  8. Indebolimento delle ossa  
  9. movimenti del corpo incontrollabili  
  10. Aumento del rischio di diabete  
  11. Aumento del rischio di ictus  
  12. Aumento del rischio di demenza  
  13. Aumento del rischio di nervosismo, insonnia e irrequietezza  
  14. apatia  
  15. problemi sessuali  
  16. dipendenza  

Per ulteriori informazioni sui pericoli degli antidepressivi, visitare il sito Web ssristories.org.  

Per curare la depressione, naturalmente, una recente ricerca suggerisce che grandi quantità di omega-3 EPA e DHA, insieme a una selezione di micronutrienti, può essere efficace.

Una alternativa naturale A antidepressivi. 

Gli enormi vantaggi del business con la malattia 

Non dovrebbero forse i governi avere il dovere morale e legale per avviare il finanziamento di studi scientifici che si occupano di approcci naturali per la salute? Essi dovrebbero, ma purtroppo gli interessi finanziari impediscono che questo accada.  

Per illustrare le enormi cornici del profitto nel settore farmaceutico con farmaci chimici, daremo un paio di esempi:  

aspirina:  

Un pacchetto con 20 compresse = $ 3

I costi di produzione, incl. Package = $ 0,03  

percentuale di margine di guadagno = 10.000%

Xanax:  

100 compresse 1mg x = 136,79 $  

I costi di produzione = 0,024 $  

Margine percentuale di guadagno = 569 958% !!  

Come si può immaginare, a livello politico, i benefici di questo tipo si comprano un sacco di influenze nel settore farmaceutico.  

Chi controlla il mondo?  

Grandi quantità di azioni in alcune delle più grandi aziende nel mondo sono di proprietà di una rete di famiglie che operano a livello globale.  

In aggiunta per l’industria farmaceutica, queste stesse famiglie controllano anche le banche, le industrie chimiche, aziende biotecnologiche, agenzie di stampa e di altri settori chiave della società.  

“Se noi controlliamo il denaro di un paese non ci importa chi fa le leggi.”  

Mayer Amschel Rothschild

Questo è quanto ha detto il massimo della Camera dei Rothschild, e il principio fondamentale delle banche europee, descritto in un rapporto sul governo udienze ufficiale degli Stati Uniti nel 1914.

In campo bancario, una delle famiglie più influenti è la famiglia Rothschild.

Discendente di Mayer Amschel Rothschild, che ha stabilito un attività bancaria nel 1760, nel Regno Unito, il quotidiano britannico Daily Telegraph lo ha descritto come sinonimo di ricchezza e potere, notando che,

“Il nome Rothschild è diventato sinonimo di denaro e potere a un livello che nessun altro della famiglia è stato in grado di eguagliare.”  Significativamente, si è detto che la versione originale della canzone di successo del musical Il violinista sul tetto non era Se fossi ricco, ma se fossi un Rothschild …

John D. Rockefeller

Per quanto riguarda lo sviluppo del settore farmaceutico, probabilmente l’influenza più importante era di un americano di nome John D. Rockefeller

Una breve storia della sua unità per creare un sistema di igiene del lavoro può essere letto sul sito della Fondazione.

Vi è anche un libro rivelatore intitolato ‘Rockefeller Medicina Men‘, che descrive come, nei primi anni del 20° secolo, il Rockefeller ha creato il settore degli investimenti farmaceutici per promuovere la ricchezza e la massa di potere che si era accumulata attraverso il controllo l’industria petrolifera.

I principi chiave dietro business plan del farmaco Rockefeller, che formano le leggi dell’industria farmaceutica di oggi, sono stati i seguenti: 

  1. I prodotti dovrebbero essere brevettabili. 
  2. I prodotti non devono affrontare le cause profonde della malattia, ma solo curare i sintomi. 
  3. I prodotti devono avere un potenziale dipendenza.

In un chiaro esempio di come le famiglie chiave per l’attività di investimento globale sono legate insieme è avvenuto nel maggio 2012 dove è stato annunciato che la dinastia dei banchieri Rothschild aveva comprato un 37 per cento della ricchezza e asset del gruppo management di Rockefeller.

Il movimento ha riunito David Rockefeller, 96 anni, e Jacob Rothschild, 76 anni – patriarchi della famiglia il cui rapporto personale si dice che abbia attraversato cinque decenni. 

L’obiettivo principale del l’industria farmaceutica non è guarire, ma il beneficio economico 

Le aziende farmaceutiche non sono interessate alla cura dei pazienti il loro unico obiettivo è quello di trasformare loro in clienti per la vita.

Ciò significa che il mercato per l’industria farmaceutica è il corpo umano. Con l’aiuto del settore alimentare, che produce velocemente, alimenti trasformati e bevande zuccherate, potendo facilmente raggiungere trasformando la salute in malattia – su cui le aziende farmaceutiche prosperano finanziariamente.

Per assicurarsi che tutto fili liscio, vengono utilizzate le costose agenzie pubblicitarie. Le più grandi agenzie sono presenti in diversi paesi offrendo alle aziende farmaceutiche contatto diretto con i funzionari della sanità del governo.

Essi forniscono anche gratis “formazione” medica per i medici per promuovere nuovi farmaci per i pazienti.

Ma non tutte sono cattive notizie …

Stili di vita sani e biologici stanno diventando sempre più popolari, le persone stanno scoprendo sempre di più la bellezza del contatto con la natura. Nuovi approcci alla formazione stanno insegnando ai bambini a pensare per se stessi e a prendere le proprie decisioni.

Terapie naturali con micronutrienti e piante medicinali sono sempre disponibili e vengono utilizzate da un numero maggiore di persone.

I social media hanno svolto un ruolo importante in questo attraverso le persone che condividono le loro esperienze on-line. Il risultato inevitabile di tutto questo è che, poco a poco, si sta riducendo la potenza e l’influenza dell’industria farmaceutica.

Anche se non abbiamo ancora grandi ospedali e le università che promuovono rimedi naturali, un giorno sicuramente ci sarà. 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Il libro di bronzo – Colebrook

La Bibbia Kolbrin:  il manoscritto che ha 3.600 anni riscriverà la storia

Tra le tante cose che narra la Bibbia Kolbrin, c’è la storia della creazione umana e menziona anche l’esistenza di antiche culture (civiltà) che hanno vissuto sulla Terra prima dell’arrivo di Adamo ed Eva. E’ forse uno dei testi antichi e più dibattuti che menziona l’esistenza di antiche civiltà sulla Terra altamente avanzate  prima storia scritta.

“In quei giorni, gli uomini avranno il Grande Libro scritto da altri esseri prima della loro comparsa e, [al loro ritorno], la saggezza sarà rivelata, pochi saranno presenti e radunati per l’ora della prova. Quegli intrepidi sopravviveranno … “Manoscritti 3:10

Mentre molte persone non sono consapevoli della sua esistenza, la cosiddetta Bibbia Kolbrin racconta la storia di antichi avvenimenti della storia dimenticata del genere umano. Alcuni dei resoconti scritti nella ‘Bibbia Kolbrin’, viene anche detto di prevedere la nostra storia scritta, mentre altri scritti predicono eventi catastrofici che devono ancora avverarsi per colpire la terra.  

La Kolbrin è considerata come una bibbia parallela alla classica Bibbia cristiana. Si crede possa includere dettagli affascinanti relativi ad alcuni passaggi, come il Diluvio e quello dell’Esodo. I testi Kolbrin menzionano anche ‘Il Distruttore’ come una figura chiave in entrambi gli eventi e descrive ancora numerosi eventi catastrofici che si devono ancora verificare.
 

La Bibbia Kolbrin è una raccolta di testi antichi nascosti per secoli e conservati da presunti gruppi segreti per quasi mille anni. Si dice che gli antichi testi sono stati recuperati da un incendio doloso all’Abbazia di Glastonbury nel 1184. Alcuni sostengono addirittura che visia una connessione profonda tra i testi antichi e Gesù Cristo.

Molti ricercatori concordano sul fatto che la ‘Bibbia’ Kolbrin sia un’antologia laica di almeno 3.600 anni. Viene detto che sono stati scritti allo stesso tempo, di quando è stato scritto il ‘Testamento’. E’ stato creato da numerosi autori che vanno dagli antichi egizi agli antichi Celti. Così come ci sono due parti – il vecchio e nuovo Testamento, le due parti che compongono il Kolbrin portano a un totale di 11 libri.

I primi sei libri della Bibbia Kolbrin sono stati scritti dagli antichi egizi, mentre i restanti libri erano stati ‘redatti’ dagli antichi sacerdoti celtici.
Molti credono che le parti più antiche del Bibbia Kolbrin siano state compilate dopo l’esodo, che secondo molti studiosi, si è verificato nel XV secolo a.C.

E’ considerato da molti come il primo documento giudaico/cristiano che enuncia la comprensione dell’evoluzione umana, il creazionismo e il disegno intelligente. I principi matematici della Kolbrin riflette l’interesse degli antichi druidi in astronomia e matematica e parla di cataclismi globali del passato.

Il testo antico narra anche la storia della creazione umana, menzionando l’esistenza di antiche culture che esistevano sulla Terra prima dell’arrivo di Adamo ed Eva.

La prima parte della Kolbrin contiene la storia della creazione che viene letta sia in forma religiosa, sia come un testo scientifico. Gli ultimi due libri della Kolbrin sono dedicati a Gesù.

È interessante notare che questo antico documento, chiamato anche il libro di bronzo o il Colebrook, descrive gli Angeli Caduti che sono anche menzionati nella Genesi, facendo riferimento a ‘mortali’ che hanno sposato le figlie di Adamo ed Eva e insieme hanno avuto dei bambini. Essa contraddice la credenza comune che gli esseri divini si siano incrociati moralmente con gli esseri umani.

Il Distruttore: una figura chiave per l’umanità 

La Bibbia Kolbrin  – 21st Century Master Edition

  • Manoscritti 3: 3

Nel passare dei secoli, certe leggi hanno operato sulle stelle nel cielo. I loro modi sono cambiati; c’è stato un gran movimento e agitazione, non sono state più costanti è apparsa nei cieli solo una grande luce rossa.

  • Manoscritti 3: 4

Quando il sangue cadrà sulla Terra, apparirà il Distruttore, e le montagne si apriranno eruttando fuoco e cenere. Gli alberi saranno distrutti e tutti gli esseri viventi inghiottiti. Le acque saranno inghiottite dalla terra, e mari ribolliranno.

  • Manoscritti 3: 6

Le persone in preda alla follia si disperderanno. Essi sentiranno il rombo e il grido di battaglia del distruttore e cercheranno rifugio all’interno di tane nelle viscere della terra. Il terrore corroderà il loro cuore e il loro coraggio scorrerà da loro come l’acqua da una brocca rotta. Essi saranno consumati dall’ira e dal soffio fiammeggiante del distruttore.

http://www.ancient-code.com/the-kolbrin-bible-a-3600-year-old-manuscript-that-will-rewrite-

history/  
Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da
 
Per saperne di più sulla Bibbia Kolbrin: