Archivi tag: DNA

5G – 20.000 satelliti sopra la Terra

 

La Veterana MD lancia una bomba sul 5G e l’effetto che avrà sulla nostra salute

Di Terence Newton, scrittrice

Waking Times

Se stai prestando attenzione ai principali cambiamenti che avvengono nel mondo di oggi, sai già che gli esseri umani sono sul punto di diventare schiavi della tecnologia che abbiamo creato. In altre parole, la tecnologia che influenza direttamente la nostra salute, il nostro benessere e la nostra sovranità fisica e mentale viene distribuita su larga scala senza che nulla assomigli al consenso della stragrande maggioranza delle persone.

Questo, naturalmente, va bene a coloro che hanno intenzione di trarre profitto dal punto di vista finanziario o acquisire maggiore potere e controllo dall’implementazione di tecnologie in grado di rintracciare, spiare, fare leva, invadere, censurare, redigere, identificare e persino manipolare le persone in comportamenti comportamentali che altrimenti non avrebbe mai avuto senso per loro.

In prima linea in questo sforzo di schiavizzare il pianeta con la tecnologia è l’introduzione della rete internazionale 5G, la cosiddetta quinta generazione di tecnologia wireless. La grande promessa è internet più veloce e un massiccio aggiornamento a Internet delle cose, una rete silenziosa di dispositivi che parlano tra loro e predicono i comportamenti umani. Quando sarà completamente implementato, saremo in grado di sostituire i driver con veicoli robotici e di inviare messaggi di testo 100 volte più velocemente di quanto possiamo fare oggi.

Ma il costo di tutto questo è la nostra salute, la salute del nostro pianeta, i suoi ecosistemi naturali e la delicata rete di vita che rende questo pianeta così adorabile. 5G non è amico della salute umana. Richiederà lo spiegamento di circa 20.000 satelliti sopra la terra, che irradieranno ogni pollice quadrato di terraforma con onde radio ad alta frequenza che friggeranno letteralmente le cellule di tutte le cose viventi sotto di loro. Gli sviluppatori di 5G lo sanno, ma non se ne preoccupano, nemmeno con il fatto che il 5G utilizza una gamma di frequenze in linea con un sistema di controllo della folla finanziato dal Pentagono.

Esatto, stanno collegando una rete globale di controllo della folla a frequenze radio per coprire la terra con radiazioni elettromagnetiche. Gli esperti dicono che questa rete richiederà lo spiegamento di centinaia di migliaia, se non milioni di piccoli box 5G, praticamente ovunque.

Il Dr. Sharon Goldberg, un medico e professore di medicina interna, è uno dei tanti professionisti e preoccupato degli umani che stanno parlando di una verità molto importante per il potere in questo momento. Cioè, sta dando un avvertimento molto serio a coloro che potrebbero essere in posizioni di potere dove possono influenzare la traiettoria del lancio del 5G.

I commenti del Dr. Goldberg nella sua testimonianza al Senato degli Stati Uniti servono ancora come un altro avvertimento.

“La radiazione wireless ha effetti biologici. Periodo. Questo non è più un argomento di discussione quando si guarda PubMed e la letteratura di revisione tra pari. Questi effetti sono visti in tutte le forme di vita; piante, animali, insetti, microbi. Negli esseri umani, ora abbiamo una chiara evidenza di cancro: non c’è dubbio Abbiamo prove del danno al DNA, cardiomiopatia, che è il precursore dell’insufficienza cardiaca congestizia, effetti neuropsichiatrici … 5G è un’applicazione non testata di una tecnologia che sappiamo essere dannosa; lo sappiamo dalla scienza. Negli studi universitari, questa è chiamata ricerca su soggetti umani. “~ Dr. Sharon Goldberg

https://youtu.be/1Qt5B39LB7c

Recentemente abbiamo riferito sullo staff delle Nazioni Unite Claire Edwards che ha fatto un simile tentativo di mettere in guardia le Nazioni Unite, definendo la 5G una “guerra all’umanità”. La rivolta del 5G è qui e questa potrebbe essere la lotta più importante della nostra generazione.

Leggi altri articoli di Terence Newton.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

*********************************

Pazzesco: “5G pericoloso per umanità e ambiente!” Lo dice l’Europa (che ce lo impose nel 2012) 

di Maurizio Martucci 

Più che al paradosso, siamo alla follia: col 5G Action Plan nel 2012 l’Europa ci ha ‘imposto’ l’irradiazione massiccia del 5G. E adesso, col business delle Telco in corsa, la stessa Europa – dopo aver stanziato 700 milioni di euro in ricerca tecnologica e zero soldi sulla prevenzione sanitaria – ci avverte che il 5G può fare male, molto, ma molto male fino ad un livello 3 in una scala d’emergenza in valori che vanno da 1 a 3, cioè il massimo del rischio! E lo mette pure nero su bianco in un documento ufficiale del Comitato Scientifico sui rischi sanitari ambientali ed emergenti (SCHEER) della Comunità Europea, ente notoriamente negazionista sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici. Ma, evidentemente, giunti a questo punto, è chiaro come lo spauracchio 5G sia talmente grande, col rischio che possa diventare ingestibile nella sua esplosione elettromagnetica, che pure nei piani alti di Bruxelles si sono decisi che non hanno più la possibilità di continuare a nascondersi negando l’evidenza. Alla faccia del cavolo!

https://oasisana.com/2019/01/16/pazzesco-5g-pericoloso-per-umanita-e-ambiente-lo-dice-leuropa-che-ce-lo-impose-nel-2012/

®wld

Il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate sulle generazioni

La Corsa Verso l-Alba della Genesi: il nostro DNA extraterrestre e le vere origini della specie.

Di Will Hart

I misteri della storia antica, come il modo in cui la Grande Piramide è stata costruita e da chi e perché, sono stati ben consolidati negli ultimi quarant’anni. Simili enigmi archeologici disseminano il paesaggio intorno al pianeta e sollevano molte domande difficili sull’origine della civiltà umana.

La serie di libri di Erik Von Daniken, che ha avuto inizio con Chariots of the Gods, ha presentato prove archeologiche mentre raccontava molte tradizioni mitologiche che hanno “divinità” che arrivano sulla Terra da un mondo lontano e portano la tecnologia e le arti della vita civile a tribù primitive umane.

Molti scrittori hanno seguito la guida di Von Daniken e un’intera scuola di pensiero storico alternativo chiamata teoria dell’antico astronauta emersa nel corso degli anni. Questa scuola deve essere distinta da un altro ramo ampiamente definito da scrittori come Graham Hancock, che possiamo riassumere come la scuola della “civiltà perduta”.

Quest’ultimo non figura in questa discussione, né è trattato nel mio libro The Genesis Race perché non affronta mai realmente la questione delle origini ultime dell’Uomo o della civiltà. Anche se si accetta l’idea che l’antico Egitto e Sumer abbiano le loro origini in Atlantide, chi ha creato quella civiltà e da quali precursori?

Le domande essenziali che l’autore ha studiato negli ultimi tre decenni sono: 1) in che modo la vita ha avuto origine ed evoluzione sulla Terra? 2) in che modo la civiltà è improvvisamente emersa dalle primitive radici dell’umanità? A mio parere, sembrava che l’antica teoria dell’astronauta potesse essere sconfitta se la teoria di Darwin si fosse rivelata corretta, che la “scienza ufficiale” afferma di essere stata. Questa premessa può essere giustificata usando diversi argomenti validi.

La teoria dell’antico astronauta comprende generalmente l’idea riassunta nel primo capitolo della Genesi, che indica che gli “dei” hanno geneticamente progettato una razza proto-umana. Il versetto attuale recita: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”. Se il darwinismo è accurato, questa affermazione sarebbe falsa e la nozione di intervento cosmico da parte di una razza avanzata andrebbe in pezzi.

La seconda ragione è che la teoria di Darwin non solo è stata applicata alla biologia, ma è anche usata per spiegare l’emergere e lo sviluppo della civiltà umana attraverso un processo chiamato evoluzione culturale.

Al suo centro il darwinismo si basa su un concetto semplice: la vita si evolve lentamente attraverso un processo di adattamenti incrementali a un’ampia varietà di stimoli esterni. Lo ha applicato alla biologia e antropologi, archeologi e storici hanno applicato gli stessi principi alla cultura e alla storia umana. Se questo è corretto, non dovremmo trovare nessuna brusca trasformazione nell’evoluzione umana né biologica né storica.

Ho ragione che se il darwinismo è accurato allora non ci può essere alcuna valida base scientifica per la teoria dell’antico astronauta, che ha posto l’intervento e la metamorfosi a fuoco rapido sia nella sfera biologica che in quella storica. I risultati di questa ricerca sono stati sorprendenti. Il darwinismo non è solo non dimostrato – è stato dimostrato dagli scienziati come fatalmente imperfetto. È qui che inizia il mio libro, The Genesis Race. I capitoli due e tre mostrano chiaramente i difetti nella teoria dell’evoluzione. Ha fallito esattamente dove Darwin temeva potesse – nella documentazione fossile. Qui troviamo – invece di conferma diffusa – un gran numero di link mancanti.

Il pubblico generale è dato a credere che l’unico “anello mancante” nella documentazione fossile esista tra le scimmie e l’uomo. Questo non è vero. La documentazione sui fossili contiene centinaia di lacune tra piante antiche e moderne e specie animali. Darwin si riferì allo scarto che separava le primitive piante non fiorite (gimnosperme) e le piante da fiore (angiosperme) come il “problema abominevole”. Perché? Perché le gimnosperme, come le felci, esistevano da miliardi di anni e esistono ancora oggi. Le angiosperme, come le rose, sono apparse sulla scena circa 150 milioni di anni fa e oggi esistono. Dov’è la prova che mostra la felce evoluta attraverso una serie di cambiamenti lenti e incrementali in una rosa?

Secondo il darwinismo le angiosperme si sono evolute dalle gimnosperme. Se questo è vero, allora dove sono le forme intermedie che collegano i due tipi molto diversi di piante? Non sono stati trovati nei reperti fossili e nessuno esiste oggi. Questo sembra impossibile ed è accettando i principi del darwinismo.

Non c’è alcuna spiegazione scientifica per la mancanza di piante intermedie che collegano i tipi antichi e moderni. In realtà, ci dovrebbero essere milioni di tali fossili poiché si sarebbero evoluti per centinaia di milioni di anni, molto più a lungo delle piante da fiore.

Gli scienziati non hanno nemmeno una spiegazione del perché le ginnaste e le angiosperme esistano fianco a fianco. In qualche modo tutte le piante intermedie che dicono collegano i due regni misteriosamente scomparsi dalla documentazione fossile e si estinsero. La logica imporrebbe che le piante più antiche e antiche (senza fioritura) avrebbero dovuto essere la via dell’estinzione. Questa è in realtà una prova sufficiente per uccidere il darwinismo. La scienza ufficiale vorrebbe farci credere che i soli dissidenti contro il darwinismo sono creazionisti che provengono dai ranghi della destra religiosa. Tuttavia, presento numerosi riferimenti a scienziati in buona fede che sbattono la porta sulla teoria dell’evoluzione naturale di Darwin.

Ciò che è, o dovrebbe essere, di grande interesse per chiunque sia interessato alla ricerca della scienza – come si fa per arrivare alla verità delle origini umane e all’emergere della civiltà – sono le opere di Francis Crick e Fred Hoyle.

Mentre i libri di Von Daniken stavano diventando popolari nella cultura tradizionale, questi due eminenti scienziati hanno scritto libri sulle origini della vita sulla Terra. Entrambi erano molto critici nei confronti del darwinismo e ipotizzavano che la vita non fosse originaria della Terra. Dissero che i semi della biosfera avevano origine nel cosmo.

Nel suo libro Life Itself, Crick – un premio Nobel e co-fondatore della forma della molecola del DNA – sosteneva che una civiltà avanzata trasportasse i semi della vita sulla Terra in una nave spaziale. Hoyle, un astronomo che ha dato al mondo la teoria dello stato stazionario dell’Universo, ha proposto che la vita provenga dalle stelle portate dalle comete o dalle correnti di onde luminose. La cosa sfortunata è che questi rigorosi argomenti scientifici sono stati in gran parte ignorati o completamente ignorati dalla “scienza ufficiale”, e anche trascurati dagli stessi popoli che abbracciavano l’approccio relativamente non scientifico, ma popolare di Von Daniken. (Erik ha fatto in modo che le persone facessero domande e riflettessero).

Voglio chiarire cosa intendo con questa affermazione. Von Daniken affermò che stava presentando una teoria, ma il titolo del suo primo libro terminò con un punto interrogativo. Una nuova teoria viene normalmente offerta presentando argomenti contro la teoria attualmente accettata, come hanno fatto Crick e Hoyle, e viene presentata assertivamente con misure uguali di umiltà e sicurezza che non finiscono in un punto interrogativo. Il suo approccio un po ‘insicuro e acritico ha caratterizzato gran parte della letteratura “dell’antico astronauta”, che la scienza ufficiale trova facile smascherare.

Ecco perché The Genesis Race inizia con una seria critica del darwinismo. Questo è seguito da diversi capitoli che riesaminano il racconto della genesi umana e della prima storia trovata nella Bibbia. Un’analisi rivoluzionaria dei primi tre capitoli mostra chiaramente che ci sono stati due eventi di creazione della vita (e dell’umanità) sulla Terra. Mostra anche la storia data nella Bibbia concorda con le scoperte della paleontologia e dell’antropologia. Nel primo capitolo scopriamo che una prima razza proto-umana è stata creata e vissuta nel deserto, come altri animali, come cacciatori-raccoglitori. Ad essi fu dato “ogni cosa verde da mangiare” dagli dei e la Genesi 1 terminò con quell’alleanza.

Tuttavia, nel secondo capitolo ci viene detto che Adam è stato creato per essere un giardiniere ed Eva è presa dalla costola di Adamo e gli “dei” danno loro l’abbigliamento e l’autoconsapevolezza. Il resoconto cronologico della Creazione nel secondo capitolo è completamente diverso da quello del primo capitolo della Genesi.

Questo è un punto critico. Non solo i due racconti differiscono completamente, ma troviamo che Adam non deve vivere nella natura selvaggia come un animale ma è destinato a essere un guardiano e un contadino. Se i due account vengono confrontati fianco a fianco la differenza è ovvia: Adamo ed Eva non sono equivalenti alla razza creata in Genesi 1; e Genesi 2 e 3 non sono una dettagliata delucidazione degli eventi descritti nel primo capitolo, che è normalmente implicita o insegnata nelle lezioni di Bibbia della Chiesa.

Ciò che i primi tre capitoli della Genesi descrivono in realtà sono: 1) la creazione di una razza proto-umana, i pre-Neanderthal e Neanderthal che vivono come cacciatori-raccoglitori in uno stato innocente come descritto nel capitolo 1, seguito da, 2) la genesi del moderno Homosapiens (Adamo) adatto alla rivoluzione agricola. Questa è esattamente la storia data in Genesi e concorda con tutto ciò che la scienza moderna stabilisce sulla cronologia della preistoria umana.

Questa è una revisione radicale che dà un sostegno molto più forte alla versione biblica della genesi umana e al come e perché la rivoluzione agricola ha avuto luogo. Chiarifica anche a chi si riferisce il “noi” quando Dio viene improvvisamente definito “una pluralità” che interviene e altera geneticamente la vita sulla Terra, la Razza Genesis; e prepara il terreno per una presentazione dell’enigmatico reperto archeologico e ulteriori prove che supportano ulteriormente la teoria dell’intervento di una razza extraterrestre tecnologicamente avanzata.

L’archeologia non ha mai nemmeno affrontato tutte le questioni sollevate dall’improvvisa comparsa dell’agricoltura e delle civiltà altamente avanzate in Mesopotamia e in Egitto nel 3° millennio aEV, per non parlare delle risposte più critiche.

Dal punto di vista del pensiero archeologico e antropologico convenzionale, le origini dell’umanità e l’emergere della civiltà dall’età della pietra rimangono enigmatiche. Abbiamo prove incontrovertibili che i nostri antenati non avrebbero potuto costruire la Grande Piramide con gli strumenti e i metodi che possedevano. Tuttavia, la scienza ufficiale semplicemente ignora o cerca di spiegare molte domande serie e questioni come il modo in cui la Grande Piramide – la più grande struttura in pietra di precisione del mondo – è stata costruita usando solo pietre martello, corde, manodopera e slitte.

Tuttavia, ci sono altri problemi che devono essere affrontati e la ricerca genetica di oggi sta gettando nuova luce su questo campo. Le implicazioni di alcune importanti scoperte recenti sembrano essere sfuggite all’attenzione di molti investigatori indipendenti. Gli archeologi e gli antropologi affermati hanno ignorato o inveito contro i risultati di questi controversi studi sul DNA. Mi riferisco a studi genetici sull’origine del cane addomesticato e alla dieta dei nostri antenati paleolitici e del neolitico antico.

Puoi chiedere che cosa hanno a che fare le abitudini alimentari del cane e dell’età della pietra con la risoluzione degli enigmi dell’antico passato dell’umanità? La risposta è tutto Fino a poco tempo fa si credeva che i cani (Canis familiaris) provenissero da una varietà di cani selvatici come lupi, coyote, dingo, sciacalli, ecc. Ma l’ultima ricerca sul DNA mostra che il lupo da solo è la razza ancestrale di tutti i cani.

Questo pone una serie di problemi molto difficili. Il primo cane sarebbe stato un lupo mutante. Tuttavia, i lupi sono estremamente sensibili all’idoneità e alla forza genetica di ciascun membro del branco. Stanno costantemente testando e stabilendo un rigoroso ordine gerarchico sociale e solo gli alpha si riproducono. Quindi, come mai un mutante sarebbe sopravvissuto e riprodotto dato il rigore del comportamento del branco? Nessun lupo in cattività ha prodotto mutanti vitali e i genetisti ci dicono che i mutanti sono normalmente inadatti e non sopravvivono.

Siamo di fronte a un vero enigma. Se poniamo l’idea che le prime tribù umane siano intervenute e abbiano generato lupi nei cani, ci troviamo di fronte a uno scenario altrettanto impossibile. Come potevano gli uomini primitivi sapere che era possibile allevare selettivamente un animale selvatico in uno che possedeva solo quei tratti benefici per loro? Prendiamo per scontate le caratteristiche dei cani, tuttavia ci presentano un mistero profondo. Un cane è l’incarnazione di quei tratti del lupo che le persone trovano utili, attraenti e sicuri. In che modo gli umani dell’età della pietra geneticamente analfabeti hanno raggiunto questa impresa di ingegneria genetica?

Questo problema è aggravato quando ci troviamo di fronte alle prove delle nostre prime civiltà che mostrano che i saluti, i levrieri e il segugio del faraone erano già stati allevati nell’antica Sumeria e in Egitto. Com’è possibile che i nostri antenati, emersi di recente dall’età della pietra, abbiano potuto ingegnerizzare con successo linee purosangue all’inizio della civiltà? Inoltre, i cani non sono solo caratterialmente diversi dai loro progenitori selvatici, ma differiscono anche dal punto di vista fisiologico.

Un maschio alfa e una femmina selvatici si riproducono solo una volta all’anno, mentre i cani possono riprodursi in qualsiasi momento. I lupi perdono i loro cappotti invernali, i cani no. Queste caratteristiche fisiologiche divergenti richiedono tempo per sviluppare, infatti, molte generazioni. Di nuovo, come hanno fatto i nostri antenati all’inizio della civiltà a realizzare questo?

Questo mistero è sottolineato dal fatto che la maggior parte delle moderne razze di cani sono state originate migliaia di anni fa. La scienza non ha nemmeno affrontato la maggior parte di questi problemi e tanto meno gli esperti hanno spiegato in modo soddisfacente come i lupi sono diventati cani – 100.000 anni fa – né hanno mostrato le transizioni passo dopo passo. I cani di razza appaiono all’improvviso nel registro archeologico come per magia. Questo vale anche per l’agricoltura e le nostre principali colture di cereali e leguminose. Grano, mais, fagioli e riso rappresentano una seconda serie di enigmi genetici.

Le ricerche sulle abitudini alimentari delle tribù dell’età della pietra in tutto il mondo mostrano che i nostri antichi antenati cacciatori-raccoglitori vivevano su piante a foglia verde e carni magre. Questo ha perfettamente senso perché questi cibi erano prontamente disponibili, richiedevano poca o nessuna elaborazione e il gioco selvaggio poteva essere cotto su un fuoco aperto. Il problema con i nostri raccolti di grano, e sono la base della civiltà, è che i semi di erba selvatica sono così minuscoli che il costo / beneficio della loro raccolta non era favorevole a questo. Richiedono anche la raccolta, la trebbiatura e la tecnologia di cottura dal momento che devono essere ampiamente bolliti. Questa era la tecnologia Stone Age Man che mancava.

Il motivo per cui i chicchi devono essere cotti è che l’intestino umano non è adatto a digerire i cereali selvatici. Ciò rende molto chiaro che l’uso di semi di erba selvatica come fonte primaria di cibo è di origine recente. I nostri antenati paleolitici non sussistevano su di loro. Ancora una volta, questo pone una serie di problemi formidabili che devono essere studiati rigorosamente. Se i nostri antenati non raccoglievano e mangiavano cereali selvatici, come potevano aver addomesticato e allevato le specie selvatiche così in fretta?

Senza molte generazioni di sperimentazioni per tentativi ed errori – culminati in un vasto corpo di conoscenze agronomiche e pratiche agricole che avrebbero incluso la genetica e l’allevamento – è quasi impossibile capire come è stata realizzata la rivoluzione agricola. La scienza ufficiale cerca di spiegare l’evoluzione dei cacciatori-raccoglitori nomadi in contadini sedentari, coltivando colture, affermando di aver scoperto le colture abbastanza per caso. Ci è stato detto che accadde quando un abitante primitivo lanciò una piantina contenente semi nel mucchio della spazzatura e notò che germogliava.

Ma quel banale racconto non può spiegare come abbiano scelto le migliori specie selvatiche da utilizzare come base per la rivoluzione agricola. Ci sono migliaia e migliaia di potenziali piante selvatiche che potrebbero essere trasformate in colture agricole. In che modo le persone con poca esperienza con le erbe selvatiche sono state in grado di scegliere le migliori varietà da allevare? Questo rappresenta un salto di qualità. Quello che ci viene chiesto di credere è che i nostri antenati, senza molta esperienza nella fase seminale della civiltà, sono stati in grado di selezionare e allevare le migliori varietà di specie di erba selvatica.

Come sappiamo che questo è vero? Perché coltiviamo ancora le colture che presumibilmente hanno selezionato anche dopo 5000 anni di continuo sviluppo tecnologico e agricolo. Ci viene chiesto di sospendere l’incredulità e accettare che abbiano costruito anche la più grande costruzione di pietra progettata con precisione e che il mondo abbia mai visto – la Grande Piramide di Giza – usando solo strumenti manuali primitivi e un lavoro massacrante. Ovviamente c’è qualcosa di sbagliato in questa immagine.

È logico supporre che i nostri antenati terrestri avrebbero (o avrebbero) gettato insieme la rivoluzione agricola e poi le intere civiltà di Sumer e dell’Egitto dall’intero tessuto? No non lo è; e nemmeno queste supposizioni rappresentano una solida scienza.

Per quelli di noi nel campo della storia alternativa, una delle domande più fondamentali che dobbiamo stupire sul pubblico e sulla “scienza ufficiale” è chiedere dove sono gli antecedenti e i precedenti? Mostraci le lente fasi di sviluppo darwiniano che la storia ufficiale presuppone. Come si può spiegare l’apparizione improvvisa di colture alimentari geneticamente modificate e tecniche ingegneristiche avanzate all’inizio della civiltà umana?

Abbiamo bisogno di una documentazione dettagliata e di prove incontrovertibili e dovrebbe essere abbondante e priva di collegamenti mancanti poiché si suppone che si tratti di eventi verificatisi migliaia e non decine o centinaia di milioni di anni fa, come nel caso dell’evoluzione biologica.

Da dove i nostri antenati del Paleolitico acquisiscono le conoscenze e le capacità per allevare piante selvatiche in colture alimentari mentre costruiscono anche città pianificate? Come riuscirono a ottenere un comando rigoroso dei principi dell’ingegneria civile esposti in Sumeria e nella civiltà Harrappan della Valle dell’Indo? In che modo gli umani passavano da capanne di fango e collezionavano piante frondose alla costruzione di ziggurat, sciacquavano gabinetti, bagni pubblici (Mohenjo Daro), facevano il pane nei forni e inventavano la metallurgia dei processi all’apparenza da un giorno all’altro? In parole povere, dov’è la dimostrazione – i collegamenti mancanti – a dimostrare che le teorie (scientifiche ufficiali) sono confermate nella documentazione archeologica e soddisfano semplici standard di logica e buon senso?

Passando a ciò che i nostri antenati in Sumer, Messico, Egitto e Perù hanno da dire sulle origini dell’agricoltura e della civiltà, troviamo una storia molto diversa. Secondo gli antichi documenti, le tradizioni scritte e orali, nessuna delle prime civiltà affermò di averlo inventato. Ciò che è di profondo interesse è che sono in accordo unanime nel sostenere che le “arti” hanno dato le arti della civiltà.

È molto diverso dalla natura umana dare credito a qualcun altro per tutto ciò che abbiamo inventato o raggiunto. Gli antichi egizi lasciarono copiosi documenti di ogni aspetto della loro cultura in una vasta collezione di opere d’arte, geroglifici e testi. Tuttavia, non troviamo alcun riferimento nella loro storia di 3000 anni su come o perché “hanno” costruito le piramidi. Che strano scambio di documentazione per una razza così comunicativa, supponendo che abbiano effettivamente costruito le piramidi. Avrebbero omesso ogni riferimento ai loro monumenti più importanti?

Sembra una supposizione assurda, eppure gli egittologi ci sorvolano mentre non dicono nulla sulla mancanza di mummie nel presunto scenario delle “piramidi-come-tombe” che abbracciano senza arrossire.

Questi sono tutti indizi, pezzi di un vasto puzzle planetario, che raccontano la storia della Genesis Race. I riferimenti a questi “dei” che arrivarono sulla Terra per elevare l’uomo sono descritti nella Bibbia e in altri testi e tradizioni antichi. I loro documenti megalitici si trovano in Egitto, Messico, Perù e Cina.

Le teorie sulla “scienza ufficiale” basate su Darwin, riguardanti l’origine dell’Uomo e la civiltà umana, portano a una serie di intellettuali vicoli ciechi. Se esaminiamo attentamente la documentazione, scopriamo che la civiltà si basa su cinque invenzioni primarie: 1) Agricoltura, 2) Urbanizzazione, 3) Scrittura, 4) La ruota e 5) Processo metallurgico.

Ora, cosa succede quando proviamo a scoprire le origini di queste invenzioni chiave nel record archeologico e storico? Troviamo antropologi e storici che ipotizzano che l’agricoltura sia stata scoperta per caso quando i nostri primitivi antenati hanno gettato le piante nel mucchio della spazzatura e hanno notato che i semi hanno prodotto nuove piante. Ovviamente questo non spiega cosa li abbia motivati ​​a piantare e raccogliere semi di erba selvatica (non hanno quasi mai mangiato) e come hanno imparato a riprodurre selettivamente e ad addomesticare (alterare) queste piante geneticamente.

Bene, spazzano via queste domande con la stessa logica. Anche questo era probabilmente un processo fortuito che si è evoluto in una serie di benevoli e felici coincidenze. Ci viene dato di immaginare che il primo animale addomesticato, un esempio di perfetta riproduzione selettiva, abbia avuto luogo anche quando le tribù paleolitiche, attraverso tecniche sconosciute, addomesticò una linea di lupi mutanti. Poi apprendiamo che anche la metallurgia di processo è il risultato di un incidente, quando qualcuno lasciò cadere un pezzo di malachite in un fuoco da campo e osservò con attenzione che mentre si scioglieva produceva rame.

In breve, il paradigma fondamentale “scienza ufficiale” ha formulato sul modo in cui la vita umana ha avuto origine e su come abbiamo creato la civiltà poggia su una serie di incidenti “miracolosi” e di conoscenze e abilità impossibili! Gli egittologi vorrebbero farci credere che le tribù primitive che vivevano lungo il Nilo in capanne ovali che usavano mattoni di fango per costruire mastabas per millenni furono improvvisamente in grado di effettuare operazioni avanzate di cava, scalpellini, architettura e ingegneria aziendale.

Naturalmente, non possono spiegare come questi popoli primitivi costruirono una piramide massiccia e di precisione costruita usando solo martelli tondi, slitte di legno e lavoro umano. Gli egiziani non avrebbero potuto costruirlo, non lo hanno costruito e non hanno mai affermato che fossero i creatori della piramide. Semplicemente non è possibile scavare, sollevare, trascinare e trasportare blocchi di granito da 70 tonnellate a 500 miglia dalla cava di Assuan a Giza e fino a 150 piedi verticali e posizionarli precisamente nella Camera del Re, come sostengono gli egittologi.

Ho ripetutamente sfidato gli egittologi e i loro compagni irrazionali e non scientifici a dimostrare come i blocchi di granito nella Camera del Re possano essere estratti e sollevati dal letto della cava e trasportati usando gli strumenti ei metodi primitivi che sostengono siano stati usati. Non può essere fatto! Inoltre, quest’autore afferma di poter dimostrare che qualsiasi accademico – matematico, antropologo e / o professore di ingegneria – che crede e insegna queste assurdità agli studenti è lunatico che gestisce i manicomi – le nostre istituzioni scientifiche e le università.

Questo è certamente un atto di accusa serio e audace, eppure deve essere fatto perché è vero ed è giunto il momento di esporre il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate su generazioni. Non sto facendo queste affermazioni per creare una polemica, ma per risolvere un dibattito di lunga data che ha profonde implicazioni poiché comporta l’eliminazione delle menzogne ​​e l’accesso ai fatti storici. Come posso fare accuse così forti con totale fiducia?

In primo luogo, l’autore ha studiato i problemi ingegneristici in modo approfondito ed estensivo confrontando la costruzione di monumenti moderni usando la tecnologia più avanzata per la costruzione della Grande Piramide usando strumenti e metodi primitivi. In secondo luogo, ho esaminato il recente record di test condotti da egittologi e altri che cercavano di dimostrare che potevano estrarre, spostare e sollevare blocchi di pietra usando nient’altro che antichi strumenti e tecniche. Entrambi gli studi hanno prodotto gli stessi risultati: la Grande Piramide non avrebbe potuto essere costruita con martelli di pietra, slitte e rampe.

Un test girato da Nova è stato organizzato dall’egittologo Mark Lehner e ha coinvolto importanti esperti in vari campi. Il team si mise alla cava, spostò e sollevò un obelisco da 35 tonnellate. Hanno fallito miseramente ad ogni passo. Il maestro scalpellino non poteva estrarre il blocco usando gli strumenti primitivi che gli erano stati dati. Fu chiamato un elevatore per estrarre il blocco e sollevarlo su un camion a pianale; sentendo la sconfitta non hanno mai nemmeno provato a trasportarla con una mazza di legno. Il blocco era metà del peso di uno di quelli usati nella Camera del re.

Una squadra giapponese finanziata da Nissan condusse un altro serio test nel 1978. Partirono per costruire un duplicato su piccola scala della Grande Piramide usando anche gli strumenti e le tecniche primitive che gli egittologi rivendicano per gli antichi. Questo gruppo era sicuro di poter dimostrare come è stato fatto. Tuttavia, quando hanno cercato di estrarre i blocchi hanno scoperto che i martelli non erano all’altezza del compito. Hanno fatto intervenire martelli pneumatici. Quando hanno cercato di traghettare i blocchi attraverso il fiume su una chiatta primitiva, sono affondati. Hanno chiamato un moderno rimorchiatore per chiedere aiuto.

Poi hanno caricato un blocco su una slitta solo per scoprire che è caduto ostinatamente nella sabbia quando hanno cercato di trascinarlo sul sito. Hanno chiamato camion e caricatori. Il colpo di grazia finale è stato consegnato quando sono stati costretti a chiamare elicotteri per sollevare e posizionare i blocchi in posizione. Anche usando la tecnologia moderna, la squadra giapponese ha trovato, con il loro imbarazzo totale, che non potevano portare l’apice della loro minuscola replica alta 60 piedi insieme. Hanno sofferto una sconfitta amara e abbastanza umiliante nel deserto egiziano impietoso. La loro replica della Grande Piramide si è rivelata uno scherzo.

Dovremmo credere che gli uomini utilizzino strumenti marginalmente migliori delle attrezzature dell’età della pietra, estraggono, sollevano e trasportano milioni di blocchi di pietra per formare una tomba da 4 milioni di tonnellate progettata con precisione. Queste sono sciocchezze! Lo scenario convenzionale non è solo una proposizione assurda che può essere mantenuta solo usando il fumo e gli specchi intellettuali, è assolutamente sciocco. La vera domanda è: come mai qualcuno che abbia avuto qualche buon senso non lo ha mai creduto?

Ci sono, naturalmente, molti altri problemi con lo scenario di strumenti e metodi primitivi e la Grande Piramide. Per iniziare, Mark Lehner ha incaricato una società di ingegneria di studiare il sito. Hanno scoperto che la base di 13 acri era stata livellata con una precisione pari a quella raggiunta dai laser moderni. Dobbiamo credere che una lastra di pietra calcarea di 13 acri sia stata progettata con quel grado di precisione usando martelli arrotondati per sbricciolare la roccia fino a renderla quasi perfettamente piatta?

Inoltre, il Passaggio Discendente era in realtà la fase successiva di questo imponente progetto di costruzione. Anch’esso doveva essere scavato in una solida base rocciosa. I problemi con questa fase del progetto sono molteplici. Il passaggio era solo di circa 3 a 4 piedi, abbastanza grande da ospitare un lavoratore alla volta. Fu scavato a 150 piedi sottoterra mantenendo un angolo preciso di 26 gradi e una deviazione trascurabile da un lato all’altro e dal basso verso l’alto per tutta la sua lunghezza. Poi è stato aperto in diverse stanze e in un altro passaggio. Come?

Perché gli antichi scavavano un tunnel dritto sotto una tomba da 4 milioni di tonnellate e in che modo il passaggio era diretto e vero? Gli ‘ingegneri’ egiziani non avevano altro che corde nei loro strumenti. L’autore può anche provare queste sole due fasi – livellando la base e scavando il passaggio discendente – avrebbe richiesto metà del tempo che gli egittologi hanno assegnato all’intero progetto di costruzione. In realtà, non includono mai nemmeno queste due fasi nei loro calcoli.

Ma abbiamo altri pesci importanti da friggere. Durante decenni di ricerche l’autore ha notato alcune curiose somiglianze tra Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo – i siti delle nostre prime civiltà – che non si sommano. Come tutti sappiamo ora, le rovine di Sumer si trovano nell’odierna Iraq. I nostri libri di storia e antropologia ci dicono regolarmente che l’agricoltura e la civiltà sono state date alla luce in valli fluviali benigne e altamente fertili. Ma quando ci fermiamo a esaminare da vicino questi luoghi, scopriamo che sono alcuni dei luoghi più caldi, più secchi e più inospitali del pianeta.

Le temperature in questi luoghi per 6 mesi all’anno sono in genere tra 35-48 gradi Celsius. È vero che le pianure alluvionali e  quelle alluvionali del Nilo, del Tigri-Eufrate e degli antichi fiumi Indù erano fertili. Ma ci vuole una conoscenza agronomica e idrologica considerevole per saperlo e per convertire le paludi e controllare le inondazioni per trasformare queste zone umide in terreni agricoli produttivi. La domanda è: in che modo i nostri antichi antenati, così recentemente emersi dallo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori, acquisirono così rapidamente questa conoscenza e svilupparono queste abilità?

Quando guardiamo fuori dagli ziggurat dell’antica Sumer, le piramidi sabbiose dell’Egitto o le città in rovina della Valle dell’Indo, non vediamo pianure fruttate ma vaste, vesciche, distese desertiche. Non è difficile immaginare i nostri primitivi antenati che stendono i loro progetti per la civiltà mentre guardano con gli occhi al sole e decidendo che è qui che si costruiscono le prime città e i grandi monumenti e si coltiva il primo vero terreno coltivato?

Lo scenario fa pensare alla mente e ci fa uscire dal cancello dalle comode fantasie dipinte dalla “scienza ufficiale”. Qualcosa comincia a puzzare o il naso dell’autore è troppo sensibile? Mi sembra di percepire l’aroma sottile di troppi scheletri ed enigmi – essendo stato spinto frettolosamente in troppi armadi e catacombe ammuffite – che si alzavano da pietre e ossa antiche …

Dobbiamo esaminare diversi altri articoli che non superano il test dell’odore. Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo condividono alcune altre caratteristiche critiche in comune che li rendono luoghi improbabili per i popoli primitivi di aver sviluppato le nostre prime civiltà. Dovremmo aspettarci di trovare civiltà in evoluzione dove le persone hanno accesso immediato a un’ampia varietà di risorse. Lo scenario più logico sarebbe nelle valli fluviali vicino a montagne boscose ricche di minerali.

Questa è un’aspettativa logica dal momento che le persone avevano bisogno di acqua, combustibile (legna) per fare fuochi, manici di attrezzi e materiali da costruzione, nonché rame, oro e argento per realizzare gioielli e strumenti e così via. Ci aspetteremmo di trovare questa associazione non solo per stabilire che hanno accesso immediato a queste risorse necessarie, ma anche per essere stati coinvolti in un lungo periodo di estrazione, elaborazione e utilizzo di queste risorse.

Sfortunatamente, Sumer, la culla della civiltà, mancava completamente di foreste, minerali e persino pietre. Questo è un fatto curioso, illogico. In che modo questa strana tribù, parlando una lingua strana e chiamandosi ‘la gente dalla testa nera’, ha inventato la civiltà nel mezzo di una desolata distesa deserta del deserto? Anche l’Egitto era privo di foreste, così come la Valle dell’Indo. Il punto non è che la civiltà fosse o sia impossibile in queste aree, ma che si suppone che abbia avuto origine in questi ambienti aspri e desertici privi di molte risorse di base.

Eppure troviamo che i Sumeri ingegnosamente estraggono rame e stagno e creano la prima lega, il bronzo, nelle fornaci intorno al 3000 a.C. Nella successione al fuoco rapidamente hanno inventato la ruota, il carro, la barca a vela, la scrittura, le città, la specializzazione del lavoro, l’ingegneria civile e così via. Apparentemente, le tribù della Valle dell’Indo e del Nilo sarebbero presto seguite. Hanno fatto tutto questo mentre la maggior parte delle tribù del mondo vivevano ancora come cacciatori-raccoglitori, un altro fatto che demolisce le teorie dei darwinisti culturali. Non si può spiegare la radicale partenza dalla norma umana da parte di diverse tribù senza invocare qualche forma di razzismo o deviazioni genetiche inspiegabili.

Gli altri aspetti curiosi che troviamo in comune tra le “prime” civiltà della Terra sono che nessuno di loro ha affermato di aver inventato l’agricoltura, le leggi, la moralità o gli altri principali strumenti di civiltà.

I Sumeri sostenevano di dovere tutto agli “dei” (Annunaki) che erano discesi dai cieli sulla Terra per creare e insegnare all’umanità le arti della vita civile. Gli antichi egizi si riferivano ai Nefertu che regnarono su di loro durante lo Zep Tepi (prim tempo) per migliaia di anni fino a quando non consegnarono i regni ai faraoni umani.

La nostra vera storia umana, tramandata dai nostri antenati, è molto più eccitante e incredibile di quanto la scienza “ufficiale” del nutrimento abbia esercitato forza su di noi per molte generazioni. L’umanità è davvero sulla soglia di un risveglio in una nuova alba; il momento delle profonde rivelazioni sulla verità delle nostre stupefacenti origini e della nostra storia è a portata di mano.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 81.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.

 

®wld

Rilascio di organismi geneticamente modificati nell’oceano

 

La marina degli Stati Uniti rilascia gli organismi geneticamente modificati nell’oceano, scatenando l’inquinamento genetico di massa con conseguenze devastanti

(Naturale Notizie)

di: Tracey Watson

Non si accontenta più di armeggiare con il disegno genetico delle colture e degli esseri umani, gli scienziati – per volere dei militari statunitensi – stanno ora rivolgendo la loro attenzione agli oceani del mondo. Come riportato da Defense One, il Pentagono sta esaminando vari modi in cui ingegnerizzare geneticamente i microorganismi marini in apparecchiature di sorveglianza viventi in grado di rilevare sottomarini nemici, sommozzatori e altri sospetti di traffico sottomarino.

I militari stanno anche valutando l’utilizzo dell’ingegneria genetica per creare un camuffamento vivente in cui le creature reagiscono all’ambiente circostante per evitare di essere scoperti, insieme a una miriade di altre applicazioni potenzialmente nefande.

Sebbene tali modifiche possano sembrare vantaggiose per gli sforzi di sicurezza nazionale, ci sarà un prezzo da pagare – come sempre accade quando gli scienziati interferiscono con la progettazione genetica. Quali saranno gli effetti dell’inquinamento genetico di massa sui nostri oceani e quali risultati irreversibili e devastanti potrebbero essere scatenati? (Correlato: il primo OGM mai prodotto dall’ingegneria genetica ha avvelenato migliaia di americani).

Scatenare organismi ingegnerizzati senza conoscerne le conseguenze

I funzionari militari, che insistono sul fatto che questo tipo di ricerca è ancora agli inizi, vengono sostenuti nei loro sforzi dal Naval Research Laboratory (NRL).

Defence One ha spiegato la ricerca in modo più dettagliato:

Prendi un abbondante organismo marino, come Marinobacter , e cambia il suo corredo genetico per reagire a certe sostanze lasciate da navi nemiche, sommozzatori o equipaggiamento. Questi potrebbero essere metalli, scarichi di carburante, DNA umano o alcune molecole che non si trovano naturalmente nell’oceano, ma sono associati, ad esempio, ai sottomarini diesel. La reazione potrebbe assumere la forma di una perdita di elettroni, che potrebbe essere rilevabile da sub-droni amichevoli.

“In un contesto ingegnerizzato, potremmo prendere la capacità dei microbi di abbandonare gli elettroni, quindi usare [quegli elettroni] per parlare con qualcosa come un veicolo autonomo”, ha spiegato la ricercatrice della NRL, Sarah Glaven, che stava parlando ad un evento ospitato da il laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University. “Allora puoi iniziare a immaginare di poter creare un segnale elettrico quando i batteri incontrano alcune molecole nel loro ambiente.”

I ricercatori hanno già dimostrato, in un ambiente di laboratorio, che i geni dei batteri di E. Coli possono essere manipolati per mostrare proprietà che potrebbero rivelarsi utili per il rilevamento sottomarino. Tuttavia, questo tipo di ricerca è limitato perché potrebbe non essere necessariamente replicabile nella vita marina trovata nelle aree in cui è necessario che siano al fine di rilevare i sottotitoli ostili.

Nondimeno, Glaven crede che il team possa trasformare questi tipi di organismi marini mutati in un solo anno.

“Il motivo per cui pensiamo di poterlo fare è che abbiamo questo vasto database di informazioni che abbiamo raccolto dalla coltivazione di questi sistemi naturali”, ha osservato. “Quindi, dopo gli esperimenti in cui esaminiamo il potenziale genetico di commutazione, l’espressione genica, le reti di regolazione, stiamo trovando questi sensori.” (Correlato: l’inquinamento genetico danneggia gli organismi attraverso 14 generazioni di prole, rivela uno studio scientifico sbalorditivo).

Parte di un più ampio programma militare di “biologia sintetica”

Questa ricerca di modificazione marina fa parte di un programma militare da 45 milioni di dollari che comprende le piattaforme della marina, dell’esercito e dell’aeronautica militare ed è stato etichettato come programma di ricerca applicata per il progresso delle scienze e tecnologia sulle biologia sintetica per gli ambienti militari. Il programma mira a fornire ai ricercatori in questi settori militari tutti gli strumenti che ritengono necessari per elaborare le risposte genetiche in un modo che possa essere manipolato dai militari.

Non è difficile immaginare che questo programma di manipolazione genetica su larga scala possa creare effetti disastrosi – effetti che i nostri figli e nipoti saranno lasciati affrontare e che potrebbero rivelarsi irreversibili.

Quali altri elementi di progettazione genetica stanno facendo gli scienziati che giocano con Dio? Ulteriori informazioni su GMO.news.

Le fonti includono:

DefenseOne.com

NaturalNews.com

fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

CORRELAZIONI

 

Fukushima: Dottori e il trattamento delle Radiazioni   

by Mark Sircus 

October 19, 2018 

from DrSircus Website   

Nel luglio del 2005 l’ Accademia Nazionale delle Scienze giunse alla conclusione che la preponderanza delle prove scientifiche dimostra che anche dosi molto basse di radiazioni pongono un rischio di cancro o altri problemi di salute e non esiste una soglia al di sotto della quale l’esposizione può essere considerata innocua. [1]

Molti medici, tuttavia, hanno generalmente ritenuto che bassi livelli di radiazioni siano innocui in quanto non hanno prodotto effetti immediatamente osservabili. 

Assumono anche che alti livelli di radiazioni siano innocui e quindi espongono i bambini alle scansioni CAT.

La radiazione è veleno. 

Stiamo lentamente uccidendo il nostro mondo con, 

  • radiazione 
  • metalli pesanti 
  • plastica 
  • pesticidi 
  • erbicidi 
  • fungicidi 
  • più sostanze chimiche che la maggior parte delle persone può contare 
  • frequenze delle microonde 
  • toro politico che corre così in profondità non c’è possibilità che qualcosa cambierà … 

Per una rapida uccisione tutto ciò di cui abbiamo bisogno è una guerra nucleare; e sembra che molti politici in America vorrebbero esporre tutti noi a radiazioni killer con una guerra con la Russia.

Perché?
 

C’è qualche ragione se non una follia eccezionale che giustificherebbe rischiare tutte le donne e i bambini, tutti i nostri animali e persino noi uomini in un olocausto nucleare? 

La radiazione è morte, significa cancro. È difficile da trattare …

Fukushima per sempre  

In cima alla lista tossica dei problemi nucleari c’è Fukushima, un problema che non andrà mai via. 

Il disastro della fusione della centrale nucleare di Fukushima, 

“Non è finita e non finirà mai”, avverte la dottoressa Helen Caldicott, candidata al premio Nobel per la pace e titolare di 21 diplomi di dottorato onorari. 

Il proprietario della centrale nucleare di Fukushima, distrutta da un terremoto e uno tsunami più di sette anni fa, ha detto che l’acqua trattata nel sito contiene ancora materiali radioattivi che per anni ha insistito che fossero stati rimossi. 

L’ammissione di Tokyo Electric Power potrebbe rovinare le sue possibilità di rilasciare l’acqua nell’oceano, una mossa che il regolatore nucleare dice che è sicura, ma che i pescatori locali si oppongono.  

Solo a Fukushima il governo e la Tokyo Electric Power Holdings Inc (TEPCO) sono sotto pressione per scaricare 920.000 tonnellate di acqua contenente trizio, che vengono immagazzinate in circa 680 serbatoi all’interno dei locali della centrale in mare. 

Quest’acqua è gravemente contaminata con 62,2 Becquerel per litro di Iodio 129, molto più alto del limite legale di 9 becquerel, è stato trovato nell’acqua filtrata dal Sistema di elaborazione del liquido avanzato utilizzato per rimuovere vari tipi di materiali radioattivi. 

Lo iodio 129 ha un’emivita di 15,70 milioni di anni.  

TEPCO ha detto all’inizio di ottobre che gli studi hanno scoperto che l’acqua contiene ancora altri elementi, tra cui iodio radioattivo, cesio e stronzio.

Circa 161.000 tonnellate di acqua trattata hanno da 10 a 100 volte il limite per il rilascio nell’ambiente, e altre 65.200 tonnellate hanno fino a quasi 20.000 volte il limite, ha detto TEPCO.   

L’articolo continua QUI in lingua inglese 

 

5G, cellulari e Wi-Fi: le prove scientifiche sull’effetto cancro dallo studio più importante al mondo. Denunciata la Commissione negazionista (‘protegge la lobby, non la salute pubblica’). Ora l’OMS chiarisca (e pure subito!) 

Tanto tuonò che piovve. Il 1° Novembre 2018 l’americano National Toxicology Program pubblica i risultati definitivi della più grossa ricerca al mondo mai condotta sugli effetti biologici delle radiofrequenze, in piena corsa 5G. I dati dello studio, 30 milioni di dollari in anni di ricerca su cavie uomo-equivalenti, spazza via ogni dubbio: il wireless provoca il cancro, tumori al cervello e danni al DNA. Ora tocca all’Organizzazione Mondiale della Sanità prendere atto di quest’incresciosa situazione, prima che sia troppo tardi e il 5G ricopra interamente l’umanità di pericolose irradiazioni elettromagnetiche. Intanto divampa la polemica sull’attendibilità della Commissione per la Protezione dalle Radiazioni non-ionizzanti (deputata dall’OMS ad un parere preliminare sullo studio del NTP e dell’Istituto Rmazzini): in esclusiva per OASI SANA pubblichiamo il commento dell’accreditata Microwave News sullo studio uscito ieri e la diffida prodotta da 244 scienziati contro l’ICNIRP, tacciato di mistificazione dati. 

La lotta per la verità sul pericolo invisibile continua! 

L’articolo continua QUI

Clima da guerra o guerra climatica?

Di Marcello Pamio 

Tanto di cappello alle «armi di distrazione di massa» perché stanno lavorando egregiamente.

I neuroni della maggior parte delle persone vengono tenuti occupati da notizie inutili per non dire offensive. Ma forse al popolo-gregge va benissimo così.
Avanti quindi con le letterine del presidente Mattarella, uomo-pedina dei potentati europei e dei banchieri internazionali; avanti con gli sfoghi del multimiliardario Ronaldo; con Berlusconi, gli stupri di gruppo, ecc.

Stiamo parlando di fuffa, o per meglio dire nebbia, per il cervello già di per sé atrofizzato da anni di interventi di brain washing. 

L’Italia è sotto attacco economico-finanziario-climatico e il popolino si preoccupa se Asia Argento parteciperà o meno a X-Factor, o se la coppietta dell’anno Ferragni-Fedez, organizzerà ancora festine al supermercato.

Stiamo assistendo e vivendo a scenari che superano la fantasia fervida dei registi hollywoodiani ma sembra che a nessuno interessi. Trombe d’aria e tornado da far invidia ai tropici stanno flagellando l’Italia; grandinate inverosimili; milioni di pesci nuotano per le strade del trentino; migliaia di uccelli piovono dal cielo stecchiti a l’Aquila; mille auto prendono fuoco nel porto di Savona; ponti crollano trascinandosi via vite umane; migliaia di alberi letteralmente sradicati dal terreno; voragini si aprono nella terra, ecc. ed è tutto normale! 

Piovono uccelli

Forse siamo stati indottrinati dai cartoni nei quali piovono polpette dal cielo, ma non è tanto normale che migliaia di uccelli cadano sull’asfalto morti stecchiti…
L’episodio curioso è avvenuto lungo la statale 17, tra Bazzano e la stazione di Paganica, a l’Aquila. Una vera e propria “pioggia” che cadeva letteralmente dal cielo. 

 

Oltre al numero di uccelli, a rendere la scena ancora più inquietante è che sembravano tutti morti all’istante. Sul luogo sono intervenuti l’ufficio animali problematici del Dipartimento, Asl e Istituto Zooprofilattico per indagare sulle cause del fenomeno. L’articolo continua QUI

Apocalisse maltempo: qualcuno sta bombardando l’Italia? 

Siamo stati deliberatamente “bombardati” da nubifragi devastanti, scatenati da perturbazioni artificiali? «Il prossimo che riparla di scie chimiche andrà sottoposto a un Tso», disse a mo’ di battuta Matteo Renzi, scoraggiando ulteriori interrogazioni parlamentari, sul fenomeno, da parte di esponenti del Pd. Oggi però, con il Nord-Est raso al suolo da eventi mai visti a memoria d’uomo, c’è chi torna sul tema in modo più che esplicito: «Bombardamento climatico sull’Italia, un avvertimento al governo?», si domanda il blog “Disquisendo”, secondo cui «nei giorni precedenti al disastro, ci sono state fortissime operazioni di aviodispersione a bassa quota». Tutti hanno visto il cielo sereno “rannuvolarsi”, dopo l’emissione di una rete fittissima di migliaia di scie bianche rilasciate dagli aerei di linea. Follia? Complottismo da strapazzo? L’unica vera certezza è la storica carenza (in Italia, non all’estero) di spiegazioni ufficiali, definitive ed esaurienti, sulla manipolazione del clima. Si accumulano invece informazioni parziali, da fonti indipendenti, riguardo al presunto impiego clandestino della geoingegneria, inaugurata da Israele per far piovere sul deserto del Negev. La stessa Cia, oggi, ammette che sono in corso vaste sperimentazioni. Nel saggio “Owning the wheather” (possedere il clima), l’economista canadese Michael Chossudowsky svela che la “guerra climatica” è ormai una realtà. L’articolo continua QUI  

®wld

La tossicità è una forza trainante della malattia sulla Terra e sui suoi abitanti

    

Il Sole Artificiale, le Frequenze Oscure e la Luce della Verità  

Rosanne Lindsay, Collaboratore Waking Times

(Corsivo mio: ho lasciato tutti i link dell’articolo volutamente tradotti dal traduttore di Google per una maggiore fruizione in lingua italiana. Leggi QUI l’articolo in lingua originale) 

In un universo doppio e binario, ti aspetteresti che ci siano opposti a tutto: notte e giorno, freddo e caldo, giusto e sbagliato, verità e bugie, bianco e nero. Nella divisione politica, il rosso e il blu sono due facce della stessa moneta sporca. Questi estremi servono un’agenda di controllo per mantenere le persone che scelgono una parte piuttosto che un’altra. L’ingegneria sociale dall’alto mantiene le persone divise in due metà invece di vedere che siamo multidimensionali. 

Gli opposti in realtà non esistono come bianchi e neri, o giusti e ingiusti. Le aree di grigio e verde e giallo sono ignorate o censurate. Freddo e caldo sono davvero punti su un continuum di temperatura. Quando metti la mano calda su un bicchiere freddo di limonata, la temperatura di ciascuno raggiunge un equilibrio.   

Il Sole  

Sulla Terra, la notte e il giorno sono divisi dalla luna e dal sole. Il sole riscalda il pianeta e porta la vita attraverso la sua energia elettrica al plasma nel nostro universo elettrico. È una fonte importante di vitamina D che rafforza il sistema immunitario umano. Il sole, di per sé, è vivo, multidimensionale, ha coscienza e si collega all’espansione della coscienza umana. La credenza indiana tradizionale dice che gli spiriti defunti di esseri umani illuminati passano prima nella luce del Sole e poi in dimensioni o regni oltre; il Sole è una specie di porta attraverso cui la coscienza umana potrebbe muoversi dopo la morte fisica. Questa luce è anche vista nella Bibbia come coscienza di Cristo.

  • Nella Bibbia, Giovanni 14: 6 Gesù disse: “Io sono la via, la verità e la vita.
  • Nessuno viene al Padre se non attraverso me.” 
  • Cristo disse: “Io sono la luce del mondo. Ogni occhio mi vedrà.” 
  • Salmo 48:11: “Il signore è uno scudo e un sole”. 
  • Giovanni 1: 5: “Dio è luce”. 
  • Ebrei 12:12: “Il nostro Dio è un fuoco divorante. 
  • Luca 17:21: “Il Regno di Dio è dentro di te”. 
  • San Patrizio (390 d.C.): “Il vero Cristo è il sole”. 

La Bibbia avverte anche di una falsa luce. Nel mondo di oggi, questo significa qualsiasi sole artificiale.  

Sole artificiale e falsa luce 

Composto da 149 lampade per simulare la luce del sole, la fonte di luce a base di Xenon è stata piantata dagli scienziati nel cielo nel 2017. In un articolo di Wired.com: 

“L’array da 3,8 milioni di dollari è alto 50 piedi e riempie un edificio di tre piani a Juelich, in Germania. Gli scienziati possono concentrare l’a nido d’ape da 350 kilowatt delle lampade allo xeno ad arco corto su un’area di 61 pollici quadrati e creare 10.000 volte la radiazione solare che altrimenti brillerebbe in quel punto. E la temperatura in quel punto? Fino a 5.400 gradi Fahrenheit.” 

Gli scienziati sostengono che la manipolazione delle radiazioni sia utile quando si desidera testare la radiazione solare su cose come i satelliti. Tuttavia, la radiazione solare è anche accusata come causa del “cambiamento climatico” da un gruppo che governa la gestione della radiazione solare: una contraddizione lampante. 

La vera domanda è perché aggiungere un sole artificiale quando il vero sole è stato la fonte di vita sul pianeta? Perché aggiungere un sole minuscolo e finto quando il grande sole è di magnitudo di gradi più potente? Il prossimo campo solare e il campo magnetico debole preoccupano i meteorologi? La proposta?

Controllo. False luci Il governo distribuisce simulatori solari e altre tecnologie senza discussione e le persone vengono sottoposte al lavaggio del cervello. Nessuno ritiene che il cambiamento climatico sia una manipolazione del clima. Nessuno considera se il falso sole è lì per bloccare di proposito il vero sole 

Arma meteorologica 

Le modifiche meteorologiche sono in corso da oltre un secolo. Gli articoli di giornale mostrano una linea temporale geo-ingegneristica risalente al 1800 utilizzando la semina delle nuvole prima dell’irrorazione aerea. Mentre gli ingegneri sociali creano un’opposizione controllata incolpando i teorici della cospirazione per un insabbiamento, non c’è copertura governativa se qualcuno può trovare documenti che rivelano l’agenda del tempo su internet. 

L’Air Force degli Stati Uniti ha prodotto un documento rivelatore nel 1995 dal titolo: “Il tempo come forza moltiplicatore: possedere il tempo“. Nessuno “possiede” il tempo. Il governo è complice nello spruzzare popolazioni per la sperimentazione. Nanochip e Smart Dust sono i nuovi mezzi tecnologici per il progresso dell’agenda di microchip umano . È un controllo governativo con un consenso implicito che danneggia il pianeta e tutta la vita. 

I politici sono messi lì per darti l’idea di avere la libertà di scelta. Non lo fai. Non hai scelta. Hai proprietari. Loro ti possiedono … Il tavolo è inclinato, gente, il gioco è truccato. E nessuno sembra accorgersene. A nessuno sembra importare. – George Carlin, umanitario, comico 

La tossicità è una forza trainante della malattia sulla Terra e sui suoi abitanti. Nel corso dei secoli e dell’ultimo decennio, nonostante i regolamenti governativi per ridurre le emissioni tossiche, le esposizioni sono solo aumentate.  

La Guerra dell’energia

La guerra energetica contro gli umani, le piante e la Terra arriva in molte forme. L’armamento meteorologico non viene solo attraverso la geoingegneria, ma è anche la manipolazione della ionosfera che utilizza campi elettromagnetici da array di celle cellulari o array più grandi, noti come HAARP. Ci sono anche dozzine di generatori sul pianeta, sia nei deserti che negli oceani, che generano “smog” dove non si trovano città.  

Il programma di ricerca aurorale attivo ad alta frequenza (HAARP) è una schiera di antenne da 3,6 milioni di watt gestito dall’esercito statunitense a Gakona, in Alaska. Fin dal Trattato per la messa al bando limitato da esperimenti più di 50 anni fa, i radar estremamente potenti hanno riscaldato i pennacchi di scarico del razzo e le nubi di bario per misurare e modificare il nostro ambiente spaziale. Jim Lee, Climateviewercom

Lo “smog” metallico generato è la radiazione. La radiazione viene caricata dalle frequenze artificiali per creare una ionosfera che può essere manipolata per creare trombe d’aria, tempeste, uragani e tsunami, oltre a bloccare il vero sole. 

Una simile guerra viene condotta contro i nostri corpi attraverso le onde millimetriche degli scanner del corpo dell’aeroporto di TSA che alterano il DNA e sotto la siringa approvata a livello federale chiamata vaccino. Quando aggiungiamo metalli e sostanze chimiche al corpo e ionizziamo quei metalli usando le frequenze degli array di telefoni cellulari, e ora il sole artificiale, viene creata una potenziale ricetta per il disastro. 

Lo stesso assalto al corpo umano è usato contro le piante. Invece di modificare geneticamente i semi in un laboratorio, flotte di insetti geneticamente modificati vengono inviate in colture in cui gli insetti geneticamente modificati farebbero il loro lavoro “infettando” le piante con un virus speciale che passa lungo i nuovi geni nell’ambito di un programma finanziato dalla Difesa degli Stati Uniti Agenzia per i progetti di ricerca avanzata, o DARPA. 

La guerra energetica è energia oscura che colpisce molti enzimi importanti per la disintossicazione. La comunicazione cellula-cellula è interrotta. L’energia cellulare, a livello dei nostri mitocondri, viene distrutta. La nostra connessione con l’alta coscienza è interrotta. Una tempesta perfetta provoca malattie croniche del corpo, della mente e dello spirito. La rabbia e il comportamento antisociale sono aumentati. Questa è la prova del controllo della mente. La parola governo si traduce in controllo mentale. Hai pensieri che non sono i tuoi?

Trascendendo l’energia oscura 

Come trascendere due lati di una moneta sporca? Vai dritto nel mezzo, alla luce del cuore. Sappi che sei libero. Solo nella mente sei prigioniero. 

Un mondo di dualità significa che per ogni fonte di energia negativa esiste una fonte di energia positiva. Quello di cui ti puoi fidare? Il tuo! Siamo entrambi chiari e scuri! Siamo luce ed energia, energia vitale, il che significa che siamo parte della soluzione perché siamo parte della coscienza che co-crea sempre la nostra esperienza. Siamo vortici di onde scalari che possono ionizzare negativamente per interrompere l’energia tossica positiva.  

Come trascendiamo la dualità 

1. Attivare l’energia orgonica  

Orgone è una soluzione di energia libera. È il sole che esiste in tutti. Può essere usato per neutralizzare l’atmosfera artificiale ionizzando negativamente la ionizzazione positiva. L’Orgone è uno strumento per distruggere le nuvole artificiali che distruggono il pianeta e la nostra salute e riportare il potere della salute nelle nostre mani. L’energia orgonica squarcia le scie chimiche da terra. 

Tra le molte persone che si concentrano sugli scenari di catastrofe, pochi parlano di soluzioni. Sharon Daphna evita la propaganda basata sulla paura per potenziare le persone. È schietta sul potere dell’orgongite basato sul lavoro di Wilhelm Reich e del suo Orgone Accumulator per deviare e trasmutare le energie nocive e migliorare il flusso dell’energia vitale. Sharon produce, vende e distribuisce dispositivi orgone alle persone e al pianeta. Ogni pezzo contiene i materiali inorganici e organici della tecnologia di Reich che includono i cristalli di quarzo (energia di terra), trucioli di metallo, serpentino di rame e una resina di poliestere. 

L’orgonite è la risposta alle aggressioni energetiche poiché crea un vortice d’onda scalare. E chiunque può realizzare questi dispositivi. Possono essere collocati sotto le torri dei cellulari, sui contatori intelligenti, vicino al letto, come pendenti sui tuoi animali e accanto ai tuoi computer. Un Obilisk è un dispositivo non realizzato con resina che è attivata dal sole.  

2. Spegni il Wi-Fi 

Se scegli di mantenere il Wi-fi in casa, spegnilo durante la notte mentre dormi per consentire al tuo corpo di rigenerarsi. Invece, eseguire un cavo Ethernet utilizzando un modem TP Link. Disattivazione dei contatori intelligenti. La rete intelligente è un meccanismo di controllo contro l’umanità. 

3. Ritorna alle lampadine a incandescenza. Rimuovi tutte le nuove lampadine “a risparmio energetico” che ti costringono a scegliere tra i LED che contengono mercurio e le lampadine Compact Florescent Lamp (CFL).  

4. Non impegnarsi in combattimento con i tuoi compagni uomo e donna. Stai giù e lavora dal cuore. Conoscere la differenza tra la propaganda e la luce della verità, che è l’amore. Non possiamo più dipendere dai funzionari governativi per proteggere nessuno. I funzionari hanno mentito agli americani sulla nostra storia, incluso il tema dello sbarco sulla luna. Gli astronauti americani sono effettivamente atterrati sulla luna?

Luna artificiale

Ora la Cina progetta di lanciare una luna artificiale nello spazio. La Cina afferma che la loro luna è otto volte più luminosa della luce della luna argentea . C’è una guerra nei cieli come sulla Terra? Come sopra così sotto? C’è un tema celeste? La luna finta è una copertura per un’altra illusione?  

Molti nel programma spaziale affermano che non possiamo volare sulla luna o lasciare l’orbita terrestre a meno che non costruiamo sistemi in grado di resistere alle radiazioni delle cinghie di Van Allen. Stanno parlando della stessa luna che il presidente Nixon ha chiamato nel 1969 dopo l’atterraggio lunare registrato. 

Gli astronauti Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael’Collins non hanno viaggiato in sicurezza attraverso le cinture Van Allen senza alcuna protezione eccetto per un sottile schermo di alluminio dell’Apollo 11 dell’Aquila e il materiale delle loro tute spaziali? Secondo l’astronauta Buzz Aldrin, non sono mai atterrati sulla luna in primo luogo. Ciò è confermato dall’astronauta Don Petit in un’intervista in cui afferma: “Non abbiamo la tecnologia per poterlo fare”. Con i suoi commenti, non deride tutti gli americani.

La scienza e la fantascienza sono essenzialmente le stesse. – William Shatner 

Per supportare questa teoria, nel 2015 la NASA ha iniziato a testare un modulo abitativo collegato a una capsula dell’equipaggio a lungo raggio nello spazio di Cislunar per i viaggi nello spazio negli anni 2020. Cislunar significa situato tra la Terra e la Luna. Se siamo già atterrati sulla luna, perché non costruire una base lì? È perché non siamo stati sulla luna e non possiamo atterrare lì?  

Il motivo per cui la luna sarebbe off-limits è perché non è quello che sembra essere. Una teoria supporta una luna che è un planetoide scavato portato qui da un’altra razza molto tempo fa, o un satellite con uno scafo cavo. Un’altra teoria è che la luna è olografica . L’uomo sulla luna è più di una fantasia iperattiva? La luna potrebbe essere abitata da un’altra razza più avanzata degli umani? Questi abitanti potrebbero scegliere di non ricevere visitatori? Se questo è vero, allora anche un’altra storia, la storia di Blue Kachina nel Libro degli Hopi, è vera. La profezia dice: “La rotazione della Terra è stata manipolata da esseri Star non così benevoli. 

La luna, che controlla le maree, è la ragione per cui l’oceano si ritira in alcune zone della Florida , delle Bahamas, del Brasile e dell’Ecuador ? Come il falso sole e la finta luna cinese, la nostra luna produce la sua sorgente di luce? Se la luna è artificiale e manipola le maree, che altro sta manipolando? La “luce alla fine del tunnel” è vista da persone che muoiono dalla luna? Quanti falsi corpi celesti fluttuano nello spazio? Cos’è reale e cosa non lo è? 

Incolla la luce della verità  

Dove finisce la controversia e la divisione? Con te! La Terra è una matrice di apprendimento. Ognuno di noi è un faro di luce, eterno, parte del Creatore di Tutto. Abbiamo solo bisogno di incarnarlo. Se le illusioni del nostro mondo fanno qualcosa, forniscono un’apertura per concentrarsi su ciò che è reale. 

La lezione di vita che viene con questa esperienza di vita è che non c’è inizio né fine. Siamo esseri eterni di luce. La luce è informazione. Il corpo umano è un costrutto e un concetto per la crescita dell’anima. Non c’è bisogno di temere nulla nel cielo o sulla Terra. Presta attenzione e guarda lo stratagemma di The Great Divide. Come il falso sole e il vero sole, la verità e l’inganno si trovano in tutto ciò che è scritto perché il linguaggio è manipolato. 

Quando strane tecnologie spaziali si scatenano nei cieli, segui la luce della tua verità, che arriva attraverso il centro del tuo essere; la luce del tuo cuore. Quando Cristo disse: “Nessuno viene al Padre se non attraverso me”, non era un messaggio criptato che dovremmo dirigerci verso il sole, noto anche come la luce che è dentro ognuno di noi? Stava dando un indizio su come bypassare il ciclo di nascita e morte per liberare l’anima?  

Creare il grande divario nell’umanità è l’agenda transumanista. Metti sempre in discussione la narrazione e chiedi perché mai è necessario un knock-off. Evita la falsa luce ovunque la trovi e incarnare la luce della verità dentro di te. 

Fonte: https://www.wakingtimes.com/ 

®wld

I Fondatori: un misto pool genetico

 

L’Inception della Terra

“Poi Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza.” – Genesi 1: 26

All’immagine di chi sono stati fatti gli umani della Terra?

Molte delle più antiche scritture della Terra, indicano che lo sviluppo umano era guidato dagli dèi che sono venuti dal cielo. Persino gli antropologi sono consapevoli dello sviluppo insolitamente rapido dell’Homo sapiens. Alcuni antropologi stimano che la specie Homo sapiens sia apparsa milioni di anni prima di quel che si dice.

Mentre per lo sviluppo evolutivo tra l’Australopiteco e il Neanderthal ci sono voluti più di due milioni di anni, ci sono le prove sulla Terra che l’Homo sapiens (Cro-Magnon) è emersocirca 35.000 anni fa. Ciò che è ancora più intrigante è che sebbene i resti dell’uomo continuino a essere scoperti, gli archeologi hanno trovato resti di un Homo sapiens, ancora più antico, nelle aree dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale.

Questi resti risalgono a 250.000 anni prima dell’uomo di Cro-Magnon.

Si potrebbe affermare che l’Homo sapiens non ha avuto dei precursori evolutivi.

Niente si è evoluto nell’Homo sapiens – la specie è semplicemente apparsa.

Gli extraterrestri potrebbero aver dato una mano all’evoluzione della Terra? Se sì, cosa avrebbero potuto guadagnare dagli umani della Terra? Forse era un loro modo per accelerare la propria evoluzione.

Sembra evidente che ci furono tre gruppi principali che orchestrarono l’Inception della Terra.

Li identifichiamo così:

  • ·il gruppo dei Fondatori
  • ·il gruppo dei Lirani
  • ·il gruppo dei Siriani

I Fondatori facilitarono l’Inception dal punto della non-fisicità e furono i supervisori dell’intero progetto. Ignari di queste influenze non fisiche, i Lirani orchestrarono fisicamente l’Inception e impiegarono il gruppo Siriano per assisterla. Ogni gruppo ha le proprie motivazioni per il suo coinvolgimento e sebbene fossero diverse, l’obiettivo era lo stesso: la creazione di una razza umanoide sulla Terra.

Come affermato in precedenza, i Pleiadiani furono coinvolti nell’evoluzione della Terra per un proprio tornaconto.

Sentivano che se avessero interagito con gli umani, non solo sarebbero stati in grado di far parte dello sviluppo della loro dimora precedente, ma avrebbero potuto conoscere la negatività e l’integrazione, senza doversi incarnare direttamente in un mondo che stava elaborando quelle idee. Vennero persuasi dal gruppo Lirano, che era ben consapevole della compatibilità genetica dei Pleiadiani con i nuovi umani della Terra che si stavano sviluppando.

Il gruppo Lirano (formato da una combinazione di razze Lirane) faceva sempre degli esperimenti. Proprio come gli umani che hanno determinate pulsioni istintive (tipo la procreazione), questi extraterrestri sentono l’impulso di emulare i loro “creatori” – i Fondatori. La “progenie” dei Fondatori ha sempre continuato istintivamente l’inseminazione genetica. I Fondatori erano ben consapevoli che la consanguineità avrebbe causato la morte della razza, quindi cercarono continuamente dei nuovi ceppi per mantenere un pool genetico misto.

C’era un’altra motivazione primaria per cui i Lirani si fecero coinvolgere con la Terra. Dopo eoni di conflitto all’interno delle razze discendenti Lirane (Vega, Sirio, Orione, ecc.), erano stanchi di creare civiltà polarizzate che non riuscivano a coesistere pacificamente. Furono determinati a stabilire che la Terra doveva essere un pianeta fondato sull’integrazione piuttosto che sulla polarità.

Il gruppo Lirano sentiva che forse quello di cui avevano sempre avuto bisogno era un pianeta integrato dalle origini, piuttosto che uno che portava con sé i semi della polarità da altri sistemi stellari. Con questo in mente iniziarono a formulare il loro rigido piano per l’Inception della Terra.

Tuttavia, i Fondatori avevano altri piani. Sapevano che la Terra sarebbe stata il terreno finale per la guarigione del dramma di Orione e quindi doveva rimanere polarizzata per risolvere il conflitto. I Fondatori sapevano che la famiglia galattica avrebbe finalmente potuto conoscere l’integrazione attraverso l’esperienza di risoluzione della polarità sulla Terra. I Fondatori permisero al gruppo Lirano di portare a termine il loro progetto, perché sapevano che alla fine avrebbe sostenuto il piano cosmico.

Per quanto riguarda il gruppo Siriano, le sue motivazioni erano molto più vicine a casa. Ritenevano che la Terra si trovasse all’interno del sistema stellare della triade di Sirio, per cui credevano di avere il diritto di manipolare la genetica della Terra. I Siriani erano interessati semplicemente a costituire delle primitive razze umanoidi sulla Terra da poter utilizzare per i lavori manuali mentre espandevano le loro colonie fino alla Terra. Pertanto, sostennero il progetto Lirano tenendo in mente i propri obiettivi.

Il progetto di Inception della Terra ebbe inizio.

Per molte migliaia di anni, durante le prime fasi del progetto di Inception della Terra, i Lirani 1 – osservarono con occhi cauti la crescente razza dei primati terrestri.

1-1 I Lirani, così come altri, erano conosciuti con il termine ebraico “Nefilim“, erroneamente tradotto in “giganti”. Nefilim significa letteralmente “quelli che sono venuti giù”. In Genesi 6: 4 si dice: “Vi erano i Nephilim sulla terra in quei giorni – e anche dopo – quando i figli di Dio si avvicinarono alle figlie degli uomini ed ebbero dei figli da loro. Erano gli eroi dei tempi antichi, gli uomini famosi di quei giorni.” Il termine ebraico originale che è stato tradotto con “famosi” è “shem”, che significa letteralmente veicolo aviotrasportato, probabilmente un razzo spaziale. Quindi, “Erano gli eroi dei tempi antichi, quelli dei razzi spaziali.”

Prelevarono occasionalmente dei campioni e apportarono delle leggere modifiche alle strutture del DNA Durante i punti critici dello sviluppo, iniziarono a inserire, in questi primati, il materiale genetico dei Pleiadiani 2 (e altri gruppi). Per lunghi periodi divenne sempre più chiaro che l’evoluzione stava accelerando a un ritmo rapido. Quando divenne evidente, si avviarono gli esperimenti cruciali del prototipo.

2 – Come detto in precedenza, i Pleiadiani portavano la genetica della Terra che si integrò con successo nel ceppo Lirano. Per cui diventarono la scelta definitiva per inseminare la razza terrestre.

La storia di Adamo ed Eva è una delle poche eredità rimaste che possa sottilmente ricordare all’umanità le sue origini. Il racconto contiene molti riferimenti simbolici alla saga che avvenne riguardo a quale tipo di specie avrebbe ereditato la Terra.

Come già affermato, il gruppo Lirano voleva una specie fondata sull’integrazione.

Pertanto, sentivano che la specie non doveva conoscere la polarità, vale a dire il “bene” e il “male”. Controllarono rigorosamente l’ambiente di questi nuovi umani, in modo da rimanere concentrati sullo sviluppo di perfetti veicoli di integrazione. Non volevano che i nuovi umani diventassero come loro: polarizzati. Ciò che il gruppo Lirano non riuscì a riconoscere è che, a questi nuovi umani, stava limitando anche la scelta.

Dopo generazioni di lavoro con i primati e la genetica extraterrestre, il gruppo Lirano sviluppò un prototipo umano il cui significato “della terra” venne tradotto con il nome “Adam”. Il prototipo Adam fu introdotto sulla Terra per verificarne l’adattabilità ambientale in molte aree del pianeta. (C’erano molti Adam).

Quando il prototipo fu adattato in modo soddisfacente, gli Adam furono ritirati.

Così il Signore Dio fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che si addormentò. Poi prese una delle sue costole [o una parte del suo fianco] e richiuse la carne al suo posto.”3

3 – Genesi 2: 21

Attraverso la clonazione el’ingegneria genetica, fu creato un prototipo femminile tradotto con “Eva”.

Vennero restituiti entrambi all’ambiente e furono osservati da vicino. Dal loro desiderio di creare una specie che non avesse conoscenza della polarità, i Lirani istruirono tutti coloro che tendevano vietare ai prototipi la loro conoscenza, di negare a loro il diritto di scelta che venne concesso a tutti gli esseri divini.

Ecco che si riesce a vedere bene il significato dell’affermazione di Dio:

“Mangia pure liberamente di ogni albero del giardino, ma dall’albero della conoscenza del bene e del male [polarità] non devi mangiare, perché nel giorno in cui ne mangerai, sicuramente morirai.”4

4 –Genesi 2: 16

I Siriani che lavoravano con il gruppo Lirano, non erano d’accordo con questa filosofia. Sentivano che i desideri personali dei Lirani di creare questa specie, erano disallineati con i diritti delle forme umanoidi. I Siriani, sebbene volessero sviluppare la razza umana per i loro scopi, scoprirono cheavevano un affetto genuino per i nuovi umani. Nonostante qesta dualità, decisero di intervenire dando inavvertitamente agli umani l’opportunità di scegliere.

Il gruppo Siriano avvertì gli umani:

“E il serpente 5 disse alla donna: “Voi non morirete affatto! Dio sa che nel giorno in cui ne mangerete, i vostri occhi si apriranno e sarete come Dio, conoscerete il bene e il male.”

5 – Il serpente 5 è un simbolo archetipo che si trova in molti miti antichi. La natura del serpente rappresenta coerentemente la dualità: è sia temuto che un forte alleato dell’umanità. Nei Testi Sumeri, Enki, il dio (Siriano) che protegge l’umanità, viene anche raffigurato come un serpente. Il giudizio “malvagio” del serpente è più contemporaneo e potrebbe essere stato uno stratagemma usato dagli dei (Lirani) per impedire all’umanità di seguire le istruzioni dei Siriani che stavano tentando di aiutarla.

6 – Genesi 3: 4

Avendo davanti a loro una scelta e dovendo prendere una decisione che coinvolgeva la loro esistenza, gli umani raggiunsero la coscienza di terza densità. Quando si resero conto di essere stati ingannati da “Dio”, optarono per la conoscenza. Una volta che fecero la scelta di ricevere la conoscenza della polarità, rimasero completamente ancorati al piano fisico.

Ora possedevano l’ego, che è la conoscenza di “Io sono” e divennero consapevoli di loro stessi.

“Allora il Signore Dio disse: Guardate, l’uomo è diventato come uno di noi, ora conosce il bene e il male [la polarità]. Non bisogna permettergli di allungare la mano e prendere anche dall’albero della vita e mangiarne, o vivrà per sempre.”7

7 –Genesi 3: 22

Inutile dire che il gruppo Lirano non rimase contento. A causa della loro rabbia negarono l’albero della vita (l’Eredità Divina) alla conoscenza umana. La razza umana fu così costretta a svilupparsi senza sapere della sua connessione con la famiglia galattica e il Tutto. Fu davvero una sfida.

Per assicurarsi che gli umani non avrebbero cercato quella conoscenza, il gruppo Lirano adottò alcune precauzioni:

“… ad est del giardino pose i cherubini e una spada fiammeggiante che girava in
ogni direzione, per custodire la via verso l’albero della vita.”8

8 –Genesi 3: 24

Lasciarono all’umanità la sua eredità: il retaggio di Orione (simbolicamente rappresentato dalla spada), senza lasciare alcuna conoscenza per la sua risoluzione. Negli antichi Testi Sumeri si insinua che i cherubini siano dei veri e propri dispositivi meccanici o robotici che, in questo caso, proteggevano l’albero della vita.

Qual è la traduzione letterale dell’albero della vita? In Sumero, la parola usata per l’albero della vita era GISH.TIL.

GISH voleva dire dispositivo creato dall’uomo; TIL significava missile (ed è così anche nell’ebraico contemporaneo). Invece di un vero albero, stava a indicare il “veicolo per la vita”, ovvero un’astronave. Nei resoconti Sumeri ci sono delle chiare raffigurazioni di razzi spaziali, così come di uomini che le salutano da terra.

Sembra chiaro che l’azione degli dèi di posizionare i cherubini per tener lontani gli umani dall’albero della vita, voleva effettivamente negare agli umani la conoscenza della loro eredità. Agli umani della Terra non fu più permesso di mescolarsi apertamente con gli dèi e lasciare il pianeta con loro. Gli umani furono banditi dai cieli.

Cosa successe al gruppo Siriano che interferì con i progetti Lirani?

A causa della loro interferenza si legarono energeticamente allo sviluppo della Terra. Hanno sempre avuto molti assi nella manica e, in questo caso, sono quelli che hanno riso per ultimi.

Mentre lavoravano con il gruppo Lirano nel programma genetico, inserirono un codice di DNA latente all’interno delle cellule umane.

Questo codice verrà innescato da una vibrazione accelerata che si verificherà quando la civiltà inizierà a evolversi spiritualmente. Come la Terra accelererà verso l’auto – consapevolezza e la quarta densità (che è ciò che sta capitando ora), il codice si attiverà. Una volta attivato, la razza umana srotolerà la sua visione limitata come fosse una spirale, finché la distesa del Tutto Ciò Che È
diventerà visibile. Dopo tutto, si è trattato del loro modo di permettere all’umanità di mangiare dall’albero della vita.

L’umanità è stata sottoposta a una dura sfida da parte dei primi inseminatori del pianeta Terra. Come già affermato, i “bambini” di solito portano dentro di loro i codici genetici e gli atteggiamenti radicati dei “genitori”.

Se la Terra fosse stata davvero seminata da un punto di disuguaglianza e mancanza di libero arbitrio,

  • Questo non potrebbe forse spiegare perché gli umani di molte razze hanno ancora oggi la convinzione di fondo riguardo alla superiorità della razza caucasica / ariana (il gruppo Lirana)?
  • Potrebbe essere che le radici stesse del bigottismo razziale risalgano alle origini del pianeta?

Certamente lo ipotizzano i testi antichi a disposizione dei ricercatori.

I testi Sumeri parlano di “quelli dalla testa nera” che lavoravano nelle miniere dell’Africa per gli dèi. Se questo fosse vero, ovvero che l’umanità porta i modelli dei suoi antenati, allora questa sfida sarebbe solo all’inizio. Riuscire a spezzare questo incantesimo divino che è stato scagliato sull’umanità, potrebbe essere la chiave per la liberazione della razza umana sulla Terra.

Nel passato della Terra, la razza umana ha sempre ricevuto segnali contrastanti dagli dèi.

Ci furono dei periodi (alcuni dei quali sono documentati nei testi Sumeri, tipo il grande diluvio), in cui gli umani furono abbandonati e lasciati morire sul pianeta, mentre gli dèi in cui riponevano la loro fiducia, se ne andarono con le loro astronavi. Durante questi periodi, alcuni dèi salvarono “illegalmente” gli umani prescelti. Questo creò una codifica emotiva all’interno della specie umana durante i periodi di crisi. La codifica ricorda entrambi questi schemi e fa attivare una lotta tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza. È imperativo che la razza umana risolva questa dipendenza dagli dèi e diventi autosufficiente.

Nella Terra dei nostri giorni, i gruppi extraterrestri le cui codifiche sono radicate nel passato, promettono ancora la salvezza. Vengono agli umani come esseri dello spazio fisico e parlano telepaticamente a coloro che possono sentire la loro frequenza.

Spesso chiamano vari “comandanti” o uomini “prescelti” della Terra e continuano a tentare l’ego umano nel perpetuare i propri sentimenti di superiorità. Sebbene questi gruppi dello spazio siano un bene, perpetuano continuamente il divario tra la paura dell’abbandono e la gioia della salvezza, incoraggiando così la separazione e l’elitarismo.

Man mano che gli umani si riprendono il loro potere ed entrano nell’età adulta planetaria, anche quei gruppi rimanenti si trasformeranno. La maggior parte degli altri gruppi extraterrestri ha imparato dalle loro azioni passate e desidera, una volta per tutte, la soluzione definitiva a questo conflitto.

Dal punto di vista dei Fondatori, il Piano sta continuando perfettamente.

Il gruppo Lirano deve interpretare uno scenario per la propria crescita. Queste antiche “divinità” extraterrestri lasciarono molti indizi sulla Terra, che alla fine contribuiranno a risvegliare il pianeta alla sua vera eredità. Mentre l’umanità si risveglierà a questa conoscenza, inizierà a mettere in campo gli strumenti necessari per risolvere il dramma di Orione. La risoluzione risiede nella tolleranza.

Se la razza umana riuscisse veramente a tollerare la diversità all’interno dell’unità da un punto di non giudizio, sulla Terra potrebbe nascere il Paradiso

Tratto dal libro in PDF “Il Prisma della Lira”

di Lyssa Royal e Keith Priest 

Versione originale in Inglese 

testo tradotto in lingua italiana da claudiordali 

®wld

Il primordiale sistema gerarchico

La chiave Omerica e il grande segreto de Il Potere nell’Ombra

di Francisco Callejas 16 giugno 2018 dal Sito Web DondeLaVerdadNosLleva traduzione di Nicoletta Marino  Versione originale in spagnolo 

(nda) premessa: l’articolo è stato copiato in forma integrale senza modifiche volutamente, pertanto, il maiuscolo è stile originale dell’autore nel suo blog

In molte occasioni ti sarai chiesto cosa rende il mondo quello che è. Perché la nostra civiltà si basa sulla menzogna, l’inganno, la violenza e la sofferenza continua?

Il sistema di per sé è una grande menzogna “un grande velo di Iside” socio economico e religioso messo davanti a te per mantenerti sottomesso in maniera continua.

IL SISTEMA GERARCHICO PIRAMIDALE BASATO SULLA SOFFERENZA E L’ABUSO RITUALE SATANICO É UN PERFETTO MECCANISMO DI CONTROLLO SOCIALE.

MA C’É QUALCOSA DI PIU’, IL “DEEP STATE” DI CUI PARLAVA IL COLONNELLO PROUTY.

E’ L’ORGANO SUPERVISORE DEL SISTEMA DEL POTERE MA NON LA FONTE DEL SISTEMA.

PER CONOSCERE LA FONTE E I MOTIVI DELL’AUTENTICO “POTERE OSCURO” BISOGNA SAPER INTERPRETARE I DATI CHE I VASSALLI DEL POTERE OSCURO CI FORNISCONO.

PIU’ ANDIAMO INDIETRO NEL TEMPO E MENO CONTAMINATA É LA FONTE DELL’INFORMAZIONE SIMBOLICA CHE L’ÉLITE HA FILTRATO NELLA “CAPPA ESTERNA” DI QUESTA STRUTTURA PIRAMIDALE CHIAMATA CIVILTA’.

UNA DELLE CHIAVI CHE CI CONDURRANNO AI PADRONI LA TROVIAM NEGLI SCRITTI DI OMERO CONSIDERATO IL PADRE DELLA LETTERATURA OCCIDENTALE.

TI HANNO INSEGNATO CHE OMERO FU UN IMPORTANTE SCRITTORE DELL’ANTICA GRECIA, ANCORA UNA VOLTA…FALSO.

HOMERO É UNO PSEUDONIMO, UN “VELO DI ISIDE” SOTTO IL QUALE AGIVANO LE SOCIETA’ SEGRETE DELL’EPOCA.

LO STESSO É LO PSEUDONIMO SHAKESPEARE.

O GLI STESSI SCRITTI BIBLICI, UN’AUTENTICA FRODE COME ABBIAM RIPETUTO FINO ALLA NAUSEA DANDOVENE PROVE SU QUESTO BLOG.

NON É CURIOSO IL FATTO CHE AL LORO TEMPO “L’ILIADE” E “L’ODISSEA”, ERANO CONSIDERATE COME ‘PROVE’ DI FATTI REALI.

ESPERTI INTELLIGENTI E ALTI RAPPRESENTANTI DELL’EDUCAZIONE DELL’EPOCA CONFERMAVANO LA VERIDICITA’ DI QUEI TESTI COME ‘STORICI’ E COSI LO INSEGNAVANO AL POPOLO.

VI DICE NIENTE TUTTO QUESTO?

E’ LA STESSA COSA CHE STANNO FACENDO ADESSO CON LE RELIGIONI DEL NOSTRO TEMPO.

E QUEGLI ERUDITI PARTE INTEGRANTE DI QUELLE SOCIETA’ SEGRETE NEI SECOLI CHE AFFERMANO CHE ‘CRISTO’ O ‘MOSE‘ SONO STATI PERSONAGGI STORICI.

I TESTI OMERICI COME QUELLI BIBLICI VANNO INTERPRETATI IN CHIAVE SIMBOLICA, NON STORICA.

QUESTE SOCIETA’ SEGRETE CHE DOMINAVANO LA CULTURA E LA POLITICA GRECA CI DICONO CHE ATTRAVERSO DELLO PSEUDONIMO “OMERO” CHE L’EROE ULISSE COMUNICAVA CON GLI SPETTRI CHIAMATI “PSICHE” PER MEZZO DI SACRIFICI DI SANGUE.

IL SANGUE DELLE VITTIME FACEVA SI CHE GLI PSYCHE SI MATERIALIZZASSERO NEL MONDO DEGLI UMANI.

QUESTA AFFERMAZIONE CI PORTA AD UNA CHIAVE CRUCIALE.

COME HO GIA’ DETTO IN UN ARTICOLO, STUDI SCIENTÍFICI RECENTI HANNO RIPORTATO CHE I PROCESSI BIOCHIMICI DEL DNA SONO COORDINATI E TUTELATI DA UNA DETERMINATA FREQUENZA VIBRATORIA CHE É DIVERSA IN TUTTI GLI ESSERI VIVI E CHE DETERMINA LA LORO STRUTTURA GENETICA.

QUESTO SIGNIFICA CHE CAMBIANDO LA FREQUENZA VIBRATORIA MODIFICHIAMO UN EMBRIONE O QUELLO CHE SAREBBE UNA RANA DIVENTA UNA SALAMANDRA.

COME SPIEGA L’ÉLITE NELLA SUA FILOSOFIA ERMETICA, L’ESISTENZA NELLA SUA IMMENSITA’ É IN COSTANTE MOVIMENTO E VIBRAZIONE.

CON UN COLLEGAMENTO ADEGUATO UNA FREQUENZA IMPERCETTIBILE AL NOSTRO MONDO, PUO’ ARRIVARE A MATERIALIZZARVISI.

COME AVVIENE QUANDO CI SI SINTONIZZA SUL CANALE RADIO CON UNA DETERMINATA TRASMITTENTE.

ED É ATTRAVERSO IL SANGUE CON DELLE CARATTERISTICHE DETERMINATE CHE QUESTE ENTITA’ CREATRICI DEL SISTEMA SI COLLEGANO CON LE ÉLITE s CHE LI DIRIGONO.

QUESTO É QUANTO “IL VELO DI ISIDE” CHIAMATO “OMERO” CI ESPONE NELLE SUE OPERE.

ESISTE UN TIPO DI SANGUE, L’RH NEGATIVO, CHE É PIU’ SUSCETTIBILE AD ESSERE “SINTONIZZATO” DA QUESTE ENTITA’.

LA MAGGIORANZA DEI DIRIGENTI MONDIALI SONO RH NEGATIVI.

LA ÉLITE HA SEGUITO SEMPRE UN PROCESSO DI SELEZIONE DEI SUOI INTEGRANTI FIN DALLA SUA CREAZIONE.

OSSERVATE

L’OSSESSIONE PER LA GENETICA CHE HA LA CASTA DIRIGENTE OGGI É UNA REALTA’ NASCOSTA DA DIFFERENTI “VELI DI ISIDE” PER IL CONSUMO DELLA MASSA.

OGGI LO SVILUPPO DI UNA CASTA DIRIGENTE GENETICAMENTE DIVERSA STA AVVENENDO IN MODO COPERTO A DIFFERENZA DI ALTRE EPOCHE, AD UN LIVELLO CHE POSSIAMO DEFINIRE INDUSTRIALE.

NELLO STESSO TEMPO, PER “IL CIRCOLO ESTERNO” DELLA CIVILTA’ SI PROMUOVE LA ANDROGENIZZAZIONE E I METICCI DI MASSA.

PERCHE?

SE CERCHI TROVERAI QUELLO CHE MOLTO CHIARAMENTE HA ESPOSTO L’INIZIATO ALDOUS HUXLEY NELLA SUA OPERA, “UN MONDO FELICE“.

SI CERCA DI SEPARARE LE SOCIETA’ IN CASTE GENETICHE DIVERSE E DI AVERE NELLA CUSPIDE UNA RIDOTTA ÉLITE GOVERNATA DA QUESTI “PSYCHE” OMERICI.

“HOMERO” VIENE DAL TERMINE “HOMERIDAI” CHE SIGNIFICA “FIGLIO DI SCHIAVO”.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld