Archivi tag: DNA-RNA

Ultimi e primi uomini

Francis Crick – Il segreto della vita e una civiltà straniera creatrice 

Francis Harry Compton Crick, uno dei più famosi biologi molecolari britannici, biofisico e neuroscienziato, noto per essere il Co-scopritore nel 1953 della struttura della molecola del DNA con James Watson aveva alcune affascinanti opinioni su come la vita ‘è sorta’ sulla Terra.

La vita sulla Terra – una civiltà creatrice aliena e diretta Panspermia

La panspermia diretta può essere interpretata come il trasporto deliberato di microrganismi nello spazio da utilizzare come specie introdotte su pianeti senza vita.

È interessante notare che nel 1966, Sclovskii, Sagan, Crick e Orgel prima di loro nel 1973, hanno teorizzato come la vita sulla Terra possa essere seminata deliberatamente da civiltà aliene, da altrove nell’universo.

L’idea della diretta Panspermia può essere ricondotta al lavoro di fantascienza chiamato – Ultimi e primi uominiLast and First Men di Olaf Stapledon, pubblicato nel 1930.

Nel 1953 Francis Crick disse: “… organismi sono stati veicolati deliberatamente alla terra da esseri intelligenti da un altro pianeta. Concludiamo che è possibile che la vita abbia raggiunto la terra in questo modo, ma al presente non possiamo dire nulla sulle prove scientifiche siano adeguate o no sulla probabilità …”

Inoltre, le idee di Crick sulla teoria secondo cui siamo il risultato di «un gruppo di molecole che si rompono l’una nell’altra» questo è probabile come l’assemblaggio di un jumbo jet, colpito da un uragano in un cestino.

Nel libro intitolato “Life Itself”, Francis Crick ha scritto che non esiste un modo positivo che la molecola del DNA possa con un calcio ricevuto essere arrivato sulla Terra in modo casuale ma, che deve aver avuto origine altrove. Panspermia diretta.

Crick si chiedeva come fosse possibile che la “natura” creasse contemporaneamente due elementi reciprocamente interdipendenti per dare inizio alla vita. Crick ha avuto difficoltà a capire come il materiale genetico (acidi nucleici, come il DNA o l’RNA) sia il meccanismo che le permette la sua perpetuazione (proteine ​​chiamate enzimi) si siano manifestati allo stesso tempo e spontaneamente.

Inoltre, se la sintesi dell’acido nucleico è dipendente dalle proteine e le proteine, a loro volta, contano sugli acidi nucleici, Crick e il suo collaboratore Leslie Orgel hanno affrontato un problema simile a quello dell’uovo e della gallina, chi è nato prima?

Così il duo dinamico della creazione giunse alla conclusione che la vita terrestre potrebbe / avrebbe potuto provenire in un mondo in cui esisteva una sorta di “minerale o composto” che avrebbe potuto sostituire la funzione degli enzimi da cui sarebbe stata diffusa in altri Pianeti, come il nostro, attraverso “un’attività deliberata da parte di una società extraterrestre”.

Anche se questo era lontano da un’ipotesi convenzionale, la verità è che Crick in un dato momento, ha cercato di rispondere a una domanda incisiva. Sarebbe stato molti anni dopo la scoperta della doppia elica del DNA finché non si scoprì che l’RNA può funzionare come enzima, senza bisogno di proteine, cioè la soluzione al problema che ha ispirato Crick alla teoria aliena della pan-spermica.

Gli scienziati sostengono che il DNA umano ‘è stato progettato dagli alieni’

Così, nel 1993, Crick e Orgel hanno pubblicato un nuovo articolo scientifico in cui non hanno più citato un presunto intervento extraterrestre.

Gli scienziati hanno scritto: il problema dell’uovo e della gallina “potrebbe essere risolto se, all’inizio dell’evoluzione della vita, gli acidi nucleici abbiano agito come catalizzatori”.

Sicuramente una civiltà aliena super avanzata sarebbe stata capace di qualcosa di simile, se naturalmente ci fosse un posto adeguato nel cosmo per poterlo sviluppare.

La nostra civiltà, ad esempio, è capace di seminare la vita su pianeti senza vita.

In un saggio pubblicato in Astrofisica e Space Science Claudius Gros, un fisico teorico dell’Università Johann Wolfgang Goethe, ha proposto l’idea di trapiantare la vita su altri pianeti. Riferendosi all’idea del Progetto Genesi.

L’idea è quella di inviare navi spaziali robotizzate a basso costo che contengono una spedizione piena di forme di vita microbica – batteri e eucarioti unicellulari – e indirizzarli verso gli esopianeti identificati dagli astronomi come potenzialmente abitabili.

Quindi, se possiamo farlo oggi, come facciamo a sapere se qualcuno in un lontano passato non ci abbia piantati qui sulla Terra?
Cibo per la mente?

PEN – Le emergenti nanotecnologie

Armi chimiche: in futuro saranno ‘nano’
Armi nanotecnologiche
Non sono vera finzione le rappresentazioni cinematografiche

Le nanoparticelle sono state presentate dall’industria come il meraviglioso ingrediente di nuovi prodotti per l’igiene personale, il confezionamento degli alimenti, le procedure mediche, gli articoli farmaceutici, gli pneumatici e i pezzi di automobile. Droni nanotecnologici.

Secondo il Progetto USA sulle Nanotecnologie Emergenti (PEN) l’offerta della produzione nanotecnologica raggiunge il 60% dei prodotti conosciuti.

Finora i nanomateriali sono stati così poco compresi che gli scienziati non sono in grado di predire come si comporteranno e di testare la loro sicurezza. Più di 1.000 articoli di consumo manifatturati con nanoparticelle, che possono essere fino a 100 volte più piccole di un virus, sono già sul mercato.

Ma cosa si intende per nanotecnologia.

Il termine “nanotecnologia” indica genericamente la manipolazione della materia a livello atomico e molecolare e, in particolare, si riferisce a lunghezze dell’ordine di pochi passi reticolari.

Per tale motivo le nanotecnologie coinvolgono molteplici indirizzi di ricerca, tra cui: biologia molecolare, chimica, scienza dei materiali, fisica (sia applicata che di base), ingegneria meccanica, ingegneria chimica ed elettronica, bioingegneria (ndr geoingegneria).

Siccome la nanotecnologia è un settore emergente e la maggior parte delle sue applicazioni sono ancora di carattere speculativo, si discute molto sugli effetti positivi e negativi che essa potrebbe avere.

Si potrebbero creare nuovi prodotti intelligenti o materiali estremamente resilienti che consentirebbe a molti differenti gruppi o anche a singoli individui la fabbricazione di una vasta gamma di cose. Questo potrebbe portare alla facile costruzione di grandi arsenali di armi convenzionali o di più nuove, rese nuove dalla precisa fabbricazione automatizzata.

Le nanotecnologie presentano quindi dei grossi rischi: potrebbero permettere di costruire armi convenzionali più distruttive ad un costo ridotto e armi di distruzione di massa che si auto-replicano (come fanno i virus e le cellule cancerose quando attaccano il corpo umano).

Un’altra possibile applicazione delle nanotecnologie è la utility fog, nella quale una nuvola di microscopici robot connessi (più semplici degli assemblatori) cambierebbe la propria forma e le sue proprietà per formare oggetti o strumenti macroscopici diversi, rispondendo a comandi inviati da un software. Invece di modificare le attuali pratiche di consumare beni materiali in forme differenti, la utility fog sostituirebbe semplicemente la maggior parte degli oggetti fisici.

L’uso improprio di nanotecnologia nel campo medico è un altro sconfinato scenario di forte rischio.

Fattori di rischio

– La tempistica dello sviluppo delle nanotecnologie.
– Quali aspetti della ricerca nanotech farà progressi e in quale ordine.
– Anche piccoli gruppi industriali possono produrre e assemblare rapidamente armi nanotecnologiche.
– Gli strumenti nanotecnologici o le armi nanotecnologiche potrebbero essere costruiti per essere tenuti fuori il controllo umano.

Fonte https://silvanodonofrio.wordpress.com/2015/04/17/le-cause-che-tengono-lumanita-appesa-ad-un-filo-3-parte-terza-collasso-del-sistema-economico-armi-nanotecnologiche-intelligenza-artificiale/

Armi chimiche: in futuro potrebbero essere ‘nano’

ANSA – Le armi chimiche del futuro potrebbero arrivare dalle nanotecnologie: questo settore all’avanguardia della ricerca e ricco di promesse, nelle mani sbagliate potrebbe trasformarsi in una fucina di nuove armi non convenzionali. E’ uno degli scenari emersi nella conferenza internazionale sulle minacce emergenti chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari organizzato a Milano, dall’Istituto di scienze e tecnologie molecolari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Istm-Cnr) e dal Corpo militare dell’Ordine di Malta.

Sostanze innocue, come quelle che oggi sono contenute nei dentifrici o nell’intonaco, se ridotte in particelle delle dimensioni di miliardesimi di metro (nanometri) potrebbero non essere più altrettanto innocue. “E’ il caso, per esempio, di un materiale come il biossido di titanio, presente nell’intonaco, utilizzato come eccipiente nei farmaci e presente nei dentifrici”, ha detto Matteo Guidotti, dell’Istm-Cnr.

“Tuttavia – ha aggiunto – al livello nano, ossia ridotto in particelle delle dimensioni comprese fra 30 e 50 nanometri, il biossido di titanio può interagire con il materiale biologico e diventare cancerogeno”. Anche strutture come i nanotubi di carbonio, che giocano un ruolo di primo piano in molti materiali di nuova generazione “non sono esenti da potenziali rischi. Ad esempio – ha detto ancora Guidotti – interagiscono facilmente con il Dna o con l’Rna dei virus: chi mi dice che qualcuno non possa utilizzarli come nuovi veleni?”

La prima contromisura, secondo gli esperti, è individuare quanto prima delle regole per la produzione di nanomateriali. Una questione che, a livello europeo, si sta affrontando con il progetto NanoReg. Deve comunque essere chiaro, hanno rilevato gli esperti, che non esistono sostanze di per sè “cattive’: tutto dipende dal modo in cui vengono usate. Basti pensare che l’iprite, la prima e la più diffusa delle armi chimiche, oggi è diventato un principio attivo dei farmaci anticancro utilizzati nella chemioterapia.

FONTE http://www.analisidifesa.it/2015/11/armi-chimiche-quelle-del-futuro-potrebbero-essere-nano/

Si tratta di un’ articolo molto cauto. Una previsione più dettagliata offre questo articolo

MILITARY USES OF NANOTECHNOLOGY

http://www.thenanoage.com/military.htm

VEDI ANCHE

Ragni volanti invadono le esercitazioni “biowar” della NATO

LO SMART DUST E IL CONTROLLO GLOBALE

GUERRA BIOLOGICA: EFFICIENZA LETALE A BASSO COSTO

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/