Crea sito

Gli otto re delle dinastie antidiluviane – regnarono 241.200 anni

La lista reale sumerica lascia ancora perplessi gli storici

L’universo è pieno di misteri che sfidano le nostre conoscenze. Nella sezione ‘Viaggio nei misteri della Scienza’ Epoch Times raccoglie storie che riguardano questi strani fenomeni per stimolare l’immaginazione e aprire possibilità ignote. Se siano vere o no, sei tu a deciderlo.

La lista reale sumerica è forse il reperto più affascinante rinvenuto in Iraq. Quest’antico manoscritto, scritto in lingua sumera, elenca i re delle dinastie sumere e dei popoli vicini, e anche l’ipotetica durata dei loro regni e l’ubicazione delle regalità ‘ufficiali’. Il reperto è unico poiché nella lista figurano assieme re antidiluviani e probabilmente mitici con re storici, ufficialmente esistiti.

Il primo frammento di questo testo era una tavola in scrittura cuneiforme risalente a quattromila anni fa e ritrovata nel sito dell’antica Nippur. La scoperta, pubblicata nel 1906, si deve allo studioso americano di origine tedesca Hermann Hilprecht. Dalla scoperta di Hilprecht sono stati ritrovati almeno 18 esemplari della lista reale, la maggior parte dei quali databili alla seconda metà della dinastia Isin (2017-1749 a.C. circa). Nessuno di questi documenti è identico all’altro. Tuttavia le varie versioni hanno abbastanza materiale in comune da far pensare che derivano da un unico, racconto ‘ideale’ della storia sumerica.

Tra gli esempi della lista reale sumerica, il prisma di Weld-Blundel, conservato nella collezione dedicata alla scrittura cuneiforme del museo Ashmoleano a Oxford, è la versione più estesa e la copia più completa della lista reale. Il prisma, lungo venti centimetri, è formato da quattro lati, con due colonne per lato. Si pensa che originariamente contenesse un fuso di legno al centro che permetteva di farlo ruotare per leggere tutti e quattro i lati. Elenca i re dalle dinastie antidiluviane (prima del Diluvio universale) al quattordicesimo re della dinastia Isin (1763-1753 a.C. circa).

La lista ha un valore immenso dato che riflette tradizioni molto antiche e allo stesso tempo fornisce un importante quadro cronologico che si riferisce ai diversi periodi dei regni sumeri; presenta inoltre notevoli similitudini con la Genesi.

La lista reale sumerica. (Wikimedia Commons)

L’ANTICA CIVILTÀ SUMERA

Sumer è il luogo d’origine della più antica civiltà conosciuta, localizzata nella parte più meridionale della Mesopotamia, tra il Tigri e l’Eufrate, nell’area che sarebbe poi diventata la Babilonia e che ora è l’Iraq meridionale, da Baghdad al Golfo Persico.

Dal terzo millennio a.C., nella Mesopotamia c’erano almeno dodici città-stato: Kish, Erech, Ur, Sippar, Akshak, Larak, Nippur, Adab, Umma, Lagash, Bad-tibira e Larsa.

Ognuno di questi Stati aveva una città cinta da mura con i suoi villaggi e terre circostanti, e ognuna venerava le proprie divinità, i cui templi erano la struttura centrale della città. Il potere politico era originariamente nelle mani del popolo ma, con l’aumento della rivalità tra le varie città-stato, venne adottato da tutte il potere sovrano.

La lista reale sumerica riporta che otto re governarono prima del Diluvio universale. Dopo il Diluvio, varie città-stato e le dinastie dei loro re guadagnarono temporaneamente il potere sulle altre.

IL MITICO PASSATO DEI SUMERI

La lista reale sumerica inizia dalle origini del potere sovrano, che è visto come un’istituzione divina: «Il re discende dal Cielo». Secondo la lista, i monarchi delle prime dinastie regnarono per tempi incredibilmente lunghi:

«Dopo che la regalità è scesa dal cielo, il potere sovrano era ad Eridug. Ad Eridug, Alulim divenne il re; regnò per 28.800 anni. Alaljiar regnò per 36.000 anni. Altri due re regnarono per 64.800 anni».

Alcuni monarchi citati nella prima lista, come Etana, Lugal-banda e Gilgamesh, sono figure mitiche o leggendarie, le cui eroiche imprese sono materia di una serie di composizioni narrative sumere e babilonesi.

La prima lista nomina otto re per un totale di 241.200 anni, da quando i re «discendevano dal Cielo» a quando «il diluvio» inondò la terra e poi di nuovo quando «il potere sovrano veniva dal Cielo» dopo il Diluvio.

INTERPRETAZIONE DEI LUNGHI REGNI

La straordinaria lunghezza dei regni dei primi monarchi ha provocato numerose interpretazioni. Da un lato c’è il completo accantonamento delle grandi cifre astronomiche considerate come completamente artificiali e l’opinione che non siano meritevoli di serie considerazioni. Dall’altra parte vi sono quelli che credono che i numeri si basino sulla realtà e che i primi re fossero divinità, capaci di vivere molto più a lungo degli umani.

Tra questi due estremi c’è l’ipotesi che queste cifre rappresentino potere, trionfo o importanza. Ad esempio nell’antico Egitto, la frase ‘morì all’età di 110 anni’ è riferita a qualcuno che ha vissuto la sua vita pienamente e che ha dato importanti contributi alla società. Nello stesso modo i lunghi periodi di regno dei primi re potrebbero rappresentare quanto fossero considerati incredibilmente importanti dalla gente. Ma questo non spiega perché il periodo di mandato dei re successivi fosse cambiato, assumendo durate più normali.

Collegata a questa prospettiva c’è l’opinione che, sebbene i primi re non siano storicamente confermati, questo non esclude la loro possibile corrispondenza con monarchi storici in seguito diventati mito.

Infine alcuni studiosi hanno tentato di spiegare le cifre attraverso indagini e interpretazioni matematiche (es. Harrison, 1993).

COLLEGAMENTI CON LA GENESI

Alcuni ricercatori (es. Wood 2003) hanno portato l’attenzione sul fatto che ci siano notevoli similitudini tra la lista reale sumerica e i racconti della Genesi. Ad esempio la Genesi racconta la storia del Diluvio universale e gli sforzi di Noè nel salvare le specie animali della Terra dalla distruzione. Similmente, nella lista reale sumerica, si parla di un grande diluvio: «L’alluvione spazzò la Terra».

La lista reale sumerica fornisce l’elenco di otto re (dieci, in alcune versioni) che regnarono per lunghi periodi di tempo prima del Diluvio, spaziando dai 18.600 ai 43.200 anni. Questo si trova anche nel quinto capitolo della Genesi, in cui vengono registrate le generazioni dalla Creazione al Diluvio. Curiosamente tra Adamo e Noè ci sono otto generazioni, esattamente come gli otto re tra l’inizio del potere sovrano e il diluvio nella lista reale sumerica.

Dopo il diluvio la lista reale registra re che regnarono per periodi molto più brevi. Pertanto la lista reale sumerica non documenta soltanto un grande diluvio nell’iniziale storia dell’uomo, ma riflette anche lo stesso schema decrescente di longevità, come avviene anche nella Bibbia – gli uomini vivevano per periodi di tempo incredibilmente lunghi prima del diluvio e molto più brevi dopo il diluvio (Wood 2003).

La lista reale sumerica è davvero un mistero sconcertante. Perché i sumeri hanno combinato sovrani mitici e autentici sovrani storici in un unico documento? Perché ci sono così tante similitudini con la Genesi? Perché è indicato che gli antichi monarchi governarono per centinaia di anni? Queste sono solo alcune delle domande per le quali, dopo più di un secolo di ricerche, ancora non c’è risposta.

Articolo in inglese:

Sumerian King List Still Puzzles Historians After More Than a Century of Research

Fonte diretta: http://epochtimes.it/n2/news/

La poesis è pericolosa

Sesso e potere, la virilità di Cristo. E il Natale ha 5000 anni

Di Salvatori se ne contano tanti: e sono tutto maschi e virili, come Cristo. E’ la tesi “blasfema” di un eminente intellettuale come Francesco Saba Sardi, scomparso nel 2012, autore di decine di libri tra cui “Il Natale ha 5000 anni”, messo all’indice dal Vaticano. 

Chi è, dunque, e come “nasce” un dio? Perché la Chiesa nega la sessualità del messia? In un’intervista a Sonia Fossi per la rivista “Hera”, Saba Sardi spiega la sua visione della religione intesa solo come sistema di potere sui popoli. Triestino, spregiatore dei dogmi, Saba Sardi ha tradotto in sei lingue alcuni tra i più grandi scrittori dell’800 e del ‘900, pubblicando oltre 40 libri su temi che spaziano dalla narrativa alla saggistica, dalla poesia ai viaggi. E’ considerato una delle menti più prestigiose del XX secolo, riconosciuto dal Quirinale tra le maggiori autorità intellettuali italiane. 

“Il Natale ha 5000 anni” racconta la vicenda della nascita e della diffusione del Natale cristiano, illuminando le radici della religiosità in un momento storico di nascente integralismo. Con l’avvento del neolitico, 12.000 anni fa, la nostra civiltà diventa stanziale grazie alla scoperta dell’agricoltura. Per gestire la terra e il lavoro nasce la guerra. E per motivare la guerra viene “inventata” la religione.

Nasce così l’attuale sistema di potere, che in un suo saggio del 2004 Saba Sardi chiama “dominio”. Temi anticipati da “Il Natale ha 5000 anni”, volume popolato di vicende e personaggi che, prendendoci per mano, ci fanno percorrere il

cammino dell’uomo: «Dodicimila anni fa l’umanità dell’Eurasia ha inventato le divinità», riassume Sonia Fossi nell’intervista ripresa dal blog di Gianfranco Carpeoro. Ma è nella crisi generale di 5000 anni fa che Francesco Saba Sardi individua «il sorgere della necessità di speranza che porta l’uomo a desiderare la comparsa del Salvatore, del redentore capace di ricondurci alla fratellanza dei primordi». E così, «la speranza nei Figli del Cielo apparsi in maniera straordinaria, uscendo da grotte, rocce o nascendo da madri vergini, si diffonde per millenni lungo tutti i territori eurasiatici». Sicché, il Cristianesimo «è solo uno dei Natali dei Figli del Cielo». Ma chi è questa volta il Figlio del Cielo? Sempre lo stesso di 5000 anni fa? E cosa rappresenta per noi oggi la religione, la fede, la credenza in entità sovrumane?

“Il Natale ha 5000” anni viene pubblicato per la prima volta nel 1958 per essere poi ritirato dalle librerie. La pubblicazione del 2007 dell’editore Bevivino è in realtà la seconda edizione, precisa Sonia Fossi. Cosa accadde nel 1958? «Nel ’58 il mio libro fu accolto molto bene dal pubblico e molto male dalla “Civiltà Cattolica”». La rivista dei gesuiti, allora diretta da padre Enrico Rosa, «dedicò un intero numero, ben 25 pagine, alla confutazione della tesi esposta nel mio libro, confutazione a cura di padre Rosa». Che cosa ha fatto e cosa può ancora fare paura del suo libro? «Varie cose. Ad esempio, ha fatto paura il fatto che io affermassi che il Cristianesimo è un mitema: ma il mito non è bugia». Il mito è un’affermazione che sorge spontaneamente, spiega Saba Sardi. «Il Natale è un mito che sorge nell’impero eurasiatico quando nell’età neolitica l’umanità passa dal nomadismo alla stanzialità. La società stanziale inventò l’agricoltura, l’allevamento di bestiame, il maschilismo e il potere. La necessità di una società organizzata richiese l’istituzione di una gerarchia che veniva ordinata soprattutto dal cielo con l’idea della divinità».

Su quali elementi – domanda la giornalista – basò la sua confutazione padre Rosa? «La mia tesi è inconfutabile», risponde lo studioso. «Padre Rosa basò la sua confutazione sul fatto che Gesù è una realtà storica e non una figura mitica. 

Ma anche se Gesù fosse una realtà storica questo non avrebbe nessuna importanza, perché fu Paolo di Tarso il fondatore del Cristianesimo e non Cristo». Il Cristianesimo nasce e si diffonde seguendo vari rami, varie tesi come ad esempio la gnostica, per poi arrivare alle edizioni Paoline, e gli scritti di Paolo di Tarso diventano la base su cui si fonda il cattolicesimo per come noi oggi lo conosciamo. 

Come interpretare questo percorso? «E’ chiaro che quando è giunto il momento di scegliere tra i vari rami del Cristianesimo si è pensato di scegliere il Dio monoteista che più conveniva a chi in quel momento gestiva il potere, in questo caso l’imperatore Costantino. Insomma, Paolo di Tarso è stato un autore che ha trovato nell’imperatore Costantino un formidabile editore». 

Quindi l’imperatore Costantino potendo scegliere tra diversi autori decide di editare Paolo di Tarso? «Sì, e da quel momento il Cristianesimo sostituisce la Trinità Capitolina formata da Giove, Marte ed Ercole. Bisogna sottolineare il fatto che le figure e le qualità degli Dei Capitolini non soddisfacevano più gli intellettuali romani dell’epoca. Costantino unificò l’impero donando al popolo romano un Figlio del Cielo, monoteista e nato da un Dio sensibile e più raffinato degli Dei a cui i romani erano abituati fino ad allora».

La narrazione cristica ha però avuto un’immensa fortuna: perché? «La grande forza del Cristo, così come per tutti gli Apparsi, per tutti i Figli del Cielo, consiste soprattutto nell’essere maschio», spiega Saba Sardi. «La gerarchia è maschile. Il potere maschile, il Tyrannos (in lingua turca e in latino: il pene duro), il Tiranno». Attenzione: «Nessun potere può affermarsi se non è incarnato; così, il potere si materializza in una parte del corpo». Al che, «sesso e potere diventano tutt’uno». Si badi: «Non c’è mai stata un’Apparsa. Mai una donna venuta a rivelare il Nuovo Mondo, a promettere l’Età dell’Oro». Da quando sono stati inventati gli Dei, le Dee, le Ninfe, le Valchirie – aggiunge Saba Sardi – sono sempre «al servizio del Signore degli Dei, il Grande Maschio». Il potere è maschio in una civiltà dominata dai maschi, osserva Sonia Fossi. Ma se l’umanità avesse camminato sulla scia dell’energia femminile, questo avrebbe fatto differenza nella nostra evoluzione? «Moltissima differenza. Il potere non è donna. La donna è madre. Nella nebulosità dei nostri ricordi ancestrali si è persa l’idea delle Dee che si auto-generavano senza il ricorso dell’inseminazione maschile come la Madre Terra, metafora del suolo che risorge continuamente da se stesso. Nell’età neolitica la donna venne “domesticata”, ridotta alla condizione di inferiorità e sudditanza». 

«Il Neolitico è stata una tragedia per l’umanità», insiste Saba Sardi. «L’invenzione della stanzialità, nel tempo ha cambiato tutto: il modo di mangiare, la concezione dello spazio. Abbiamo cessato di divertirci. Andare a caccia è divertente, il selvaggio si diverte. 

Zappare non è divertente come non è divertente fare l’impiegato. Abbiamo cessato di divertirci e abbiamo inventato la guerra. La parola ha cessato di essere spontanea: non è la parola che inventa il mondo, ma sono gli oggetti che iniziano a imporre le parole». Il suo libro percorre la storia dei Figli del Cielo, dei mitema. Quali elementi uniscono queste figure al Cristo? «Come abbiamo già detto la maschilità», risponde l’autore. 

«Il fatto che devono affrontare dei pericoli: ad esempio, il Dio egizio Amon Ra – il Sole – deve affrontare il pericolo della notte, come il Cristo deve affrontare il buio, il Diavolo. Il fatto è che sono Apparsi, il Natale è Apparso. Non è sempre necessaria una madre vergine, ma una nascita straordinaria: Mitra nasce da una roccia. Poi, l’Apparso trionfa nell’aldiquà o nell’aldilà; quello che conta è il trionfo attuale o futuro, dopo aver “rinominato” il mondo non più con la parola spontanea, ma come conseguenza dell’essersi impadronito del mondo». In altre parole, attraverso l’evocazione della divinità, «il potere consiste nel darci il pensiero, che è parola».

Tutti i profeti raccontano del ritorno dell’Età dell’Oro, scrive la Fossi, anche se ognuno chiama questo tempo che ci attende con le proprie parole: cosa rappresenta questa visione? «Nostalgia e speranza», dice Saba Sardi. «Speranza che ritorni il tempo felice. Il tempo in cui non si consumava la propria vita lavorando, perché cacciare o raccogliere delle radici nei boschi non è un lavoro». Ed ecco il nostro tempo: «La civiltà per come l’abbiamo costruita ora è un disastro. Abbiamo distrutto la natura, abbiamo ucciso noi stessi». Tornare indietro? «E come? Tornando alla caccia? E’ più probabile che ci penserà la Terra stessa a ripulire l’uomo. L’Apocalisse è la fine del mondo per ricominciare. L’Età dell’Oro è apocalittica. Ci sarà un’epoca di felicità futura perché la nostalgia e la speranza sono tutt’uno. Tutti gli Apparsi, tutti i Figli del Cielo parlano di questo momento, tutti». 

Quindi, figure simili a Cristo esistono almeno da 5000 anni. «Nel Neolitico avviene la rivoluzione razionale, la ratio: il cognito prende il posto del mitema e sostituisce la poesis, l’invenzione, la poesia che è immediatezza e spontaneità, è ciò che sopravvive ancora nei bambini». Quindi le informazioni le abbiamo, ma a causa della nostra razionalità non riusciamo ad utilizzarle? «No, non riusciamo. Tutte le informazioni da cui siamo invasi nella nostra società sono composte da due parti: la prima è costituita da dogmi. Dogma è la fede e l’affermazione fideistica non ha nulla a che fare con la razionalità. 

La seconda parte dell’informazione è composta dalla giustificazione, la riprova. Il Vaticano, ad esempio, informa utilizzando la razionalità dell’informazione religiosa». Ratzinger ha detto di continuo che il Cristianesimo è razionale. «I preti non fanno altro che dare dimostrazione di Dio e delle sue manifestazioni hanno bisogno della riprova». Mentre la scienza «parte da ipotesi che debbono essere provate», la religione «al posto delle ipotesi mette delle certezze aprioristiche», cioè «dogmi che non possono essere smentiti perché smentire i dogmi significa essere degli eretici».

La storia dell’uomo è comunque piena di eretici, di uomini che hanno tentato con tutte le loro forze di smentire questi dogmi. Gente come Giordano Bruno, disposta a pagare con la vita. Oggi, domanda Sonia Fossi, un Giordano Bruno che tipo di opposizione incontrerebbe? «Incontrerebbe un padre Rosa che gli darebbe pubblicamente del bugiardo», risponde Saba Sardi. Ma la Chiesa «è in contraddizione con se stessa: ad esempio, dichiara Cristo una realtà storica, quindi non nega l’incarnazione, ma dell’incarnazione nega la sessualità». 

Infatti, “Il Natale ha 5000 anni” mostra le immagini di antichi dipinti in cui la sessualità di Cristo non viene negata, ma mostrata. Quei dipinti «sono esistiti fino al Concilio di Trento», poi sono stati occultati. «Il Concilio di Trento è da considerarsi lantirinascimento», sostiene lo studioso. La copertina del libro sotto accusa, ad esempio, mostra la “Sacra Famiglia” di Hans Baldung Grien, datata 1511. «L’immagine che ha suscitato, a più riprese, scandalo, mostra il Bambino Gesù sottoposto a manipolazioni genitali. A toccarlo è la nonna, sant’Anna, mentre il bambino tende una mano al mento della madre, Maria, e l’altra scopre l’orecchio dal quale è entrato il Verbo». 

Da cattolici e protestanti «si è cercato in vari modi di spiegare, o meglio esorcizzare, l’atto erroneamente considerato un gesto di libertà senza precedenti nell’arte cristiana, ma le erezioni di Gesù sono illustrate da una folla di dipinti rinascimentali», afferma Saba Sardi. 

«In più di un dipinto l’erezione è talmente palese da aver indotto più volte i censori a mascherarla con pennellate o drappeggi, quando non si è arrivati a distruggere i dipinti “incriminati”». Eppure, aggiunge lo studioso, «la virilità di Gesù è una componente fondamentalissima nella concezione cristiana». Sicché, «negare questa evidenza, negare la sessualità del Cristo, equivale a negare l’Ensarcosi, l’incarnazione del Figlio del Cielo, e dunque a negare il dogma stesso del Dio-uomo; questo equivale dunque a pronunciare una bestemmia».  

Visto che l’esistenza stessa di questi dipinti testimonia il fatto che la Chiesa non ha da sempre negato la sessualità di Cristo – ragiona Sonia Fossi – come siamo arrivati alla negazione? Nel Cristianesimo, Saba Sardi distingue tre fasi: nella prima, la fase Agostiniana, «Dio è Padre, severo e unilaterale: concede la grazia ai suoi figli ma chi non è nelle sue grazie va all’inferno». La seconda è la fase del Rinascimento: «In questa fase Dio Padre viene sostituito dal figlio, che ha ha doti di spontaneità e umanità, ed è davvero di carne e sangue». Poi arriva il Concilio di Trento, che apre la terza fase del Cristianesimo, in cui si torna alla figura del Padre severo e indiscutibile. 

«Naturalmente un residuo del Dio che si incarna nel Figlio, della fase rinascimentale, ha continuato a sopravvivere resistendo fino a Giovanni XXIII, ma adesso si sta tornando a Pio IX, al Sillabo. Perché la concezione dell’uomo che può e deve scegliere è impossibile da conciliare per la Chiesa, quindi si torna al Sillabo: così si pensa, così si parla, così si scrive». La poesis è pericolosa, conclude Saba Sardi: «Il poeta è pericoloso perché non rispetta i dettami del potere, quindi, tutti devono essere ridotti al comune denominatore: il Sillabo e i suoi derivati. I giornali sono il Sillabo, la produttività è il Sillabo. Il poeta è la negazione del Sillabo».

‘la perversa coscienza satanica’

La Realtà Satanica e/o il tessuto satanico della società. 

Definizione della civiltà: Avere una cultura umana avanzata della società.

La nostra cosiddetta società ‘civile’ è costruita su una menzogna mostruosa. Non è umana e nemmeno avanzata, si tratta di un sistema gerarchico satanico che opera a sangue freddo, costruito sulla sofferenza e il sangue degli uomini e degli animali in tutte le nazioni. Tutte le forme di vita su questo pianeta sono sotto attacco da una coscienza perversa e folle; un insieme di menti degradate che sono discese verso una bestialità ben al di sotto del regno innocente dell’istinto animale.

Tutti quelli che tacciono e non parlano contro la barbarie e la crudeltà in tutte le sue manifestazioni, sono complici nella continua distruzione del nostro pianeta e delle sue creature. Purtroppo, molti di noi sono diventati impostori con una coscienza nera come il carbone, perversi nel loro pensiero e non curanti della loro ignoranza e insensibilità. Noi tutti stiamo giocando nel dare credito a un sistema satanico debitorio, scelte politiche, frode medica, noiose notizie false, il saccheggio planetario … e, che in effetti, sono complici e Co-cospiratori di disuguaglianza e di oppressione.

Nulla accade per caso

Gli episodi di violenza che sono avvenuti in questo mondo non sono accidentali. Sono scenari, pensati da pazzi criminali realizzati con cura, le tredici famiglie della congrega satanica, e i loro esecutori politici. Nel loro modo doppio di parlare del male, della pace e dello stato; La liberazione è la riduzione in schiavitù; aiuto e sollievo sono ostacoli di sfruttamento, e l’istruzione è l’ignoranza della menzogna.

La Magia nera
Le tredici famiglie della élite che praticano la magia nera, sanno perfettamente quali sono le leggi che governano questa dimensione, e sono consapevoli del potere astrologico. Usano gli allineamenti e le congiunzioni planetarie per migliorare i crac finanziari o per iniziare una guerra. Non fanno nulla per caso, essendo loro creature che praticano questi riti a ripetizione. Ci hanno ingannato, drogato e  distratti con gli stimoli sensoriali che costantemente applicano attraverso i loro canali di “intrattenimento”, e, anche se possiamo essere consapevoli del loro complotto per conquistare il mondo, molti si sentono impotenti di fronte alla palese ricerca della malvagità e corruzione.

Per tenerci incatenati alla dimensione dei sensi, bloccando la nostra divinità, loro hanno la possibilità di manipolare la salute energetica del nostro pianeta con maligna energia terrorizzante. Sanno che siamo immersi in un mare di vibrazioni, risonanze e frequenze, manipolano la griglia con il sacrificio umano.

Energia negativa

A causa dell’orrore iniettato in punti di energia sul nostro pianeta dalla élite satanica, l’anima collettiva viene macchiata e degradata dal buio dall’impulso demoniaco che scorre in tutto il nostro mondo. La Griglia Planetaria è sotto ‘shock’ sotto la paura collettiva, relegata in un basso stato di vibrazioni, come la tortura, bambini violentati e sacrificati da pedofili, bordelli, allevamenti intensivi, laboratori di vivisezione, macelli, il terrore e la barbarie civile è la costante del canto della guerra.

Le vere vittime della guerra siamo “noi, il popolo”. Non siamo pagati come mercenari per commettere omicidi. Noi siamo l’umanità, avvelenata, mutilata e oppressa a causa del capriccio dei nostri maestri satanici. Siamo alla deriva in un mondo ostile dove il trauma è la norma, e la menzogne ci vengono servite a colazione, pranzo e cena.

Testa o Croce: le due facce della medaglia.

Tutto è duale; tutto ha dei poli; Tutto ha le sue coppie di opposti. 

‘Il Kybalion” (Wikipedia).

Per affrontare l’élite satanica e livellare il campo da gioco, è importante capire le dinamiche della dualità. Nel gioco della Matrice di ‘noi e loro’ ci devono essere due lati opposti: quelli che riparano prendendosi una pausa e quelli che danno nel ricevere.

Nel nostro mondo duale esistono due tipi di coscienza affiancate. Essi si oppongono agli aspetti della stessa forza da sempre in lotta nel gioco della matrice serpentina.

Il gioco fatto su misura sulla coscienza del ‘noi contro loro’ è una menzogna e non cesserà fino a quando l’umanità si rifiuterà di giocare a questo gioco … ma questo, per molti, è molto lontano … nemmeno si rendono conto che c’è un gioco a cui essi stanno giocando.

La disconnessione dalla divinità.

Il trauma crea una disconnessione dal cuore, e una volta che perdiamo questo vitale collegamento veniamo intrappolati nei nostri cinque sensi nel mondo della auto-gratificazione. Non siamo più esseri altruisti. Siamo ostaggio di una coscienza menzognera che abita il mondo della gratificazione. L’ego che si sviluppa eclissa la nostra divina natura multidimensionale, e la nostra consapevolezza spirituale inibisce la crescita.

La perdita del sesto senso

Possiamo utilizzare solo i cinque chakra del tatto, gusto, luce, odore e la sensazione dello spazio per creare la nostra realtà fisica. Abbiamo perso il contatto con il nostro io interiore e la consapevolezza multi-dimensionale, e non siamo in grado di accedere al nostro Sesto e Settimo Senso: Il terzo occhio [ghiandola pineale] e il chakra della corona.

Comunque, gli animali che noi alleviamo, torturiamo, macelliamo e uccidiamo con la caccia, è la manifestazione di quello che accade nel mondo, gli animali conservano ancora la consapevolezza del sesto e Settimo Senso. Sono in effetti, molto più vicini alla divinità nella ricerca del sé, che l’arrogante umanità, e sono più consapevoli di noi del loro posto in questa realtà.

Giusto per scattare una fotografia, gli animali non corrono come uno tsunami verso la loro morte, come invece sembra faccia l’uomo!

Chi sono gli animali?

Rudolph Steiner ha postulato nei suoi libri “L’uomo è come la Sinfonia della Parola Creativa l’uomo è scienza occulta nel microcosmo, che si riflette nel macrocosmo, e il regno animale è una speciale parte del tutto sparsa nella creazione”.

In seguito, nelle ricerche di Rudolph Steiner in “Uomo Sinfonia della Parola Creativa, di Sir George Trevelyan nel suo libro ‘Operazione Redenzione’ ha avuto questo da dire circa i regni animali: il microcosmo e il macrocosmo.

“Così i ruminanti possono essere visti come il sistema digestivo esteriorizzato. Dall’altra parte della faccia della terra si estende questo meccanismo di digestione, la mucche che consumano erba cibandosi, fecondando la vita della Terra. Il leone sembra rappresentare il petto specializzato nella fase dello sviluppo, il sistema ritmico di cuore e polmoni. Così come possono essere delicati i suoi organi digestivi, quanto potenti sono le spalle, il torace e la criniera, così come è il suo regale sguardo e il suo ruggito! L’aquila, che rappresenta il regno degli uccelli, è visto come una metamorfosi della testa e della laringe. Non ha un grande intestino, il suo corpo è un sistema di sacche d’aria calda per tenerla galleggiante, lo sfarzo del suo piumaggio brilla al sole e con il suo brillare mette insieme tutti pensieri.

Così come serpenti sono il fegato, i pesci, come riconosciuto in astrologia, sono i piedi. I crostacei, che galleggiano in mare, sono come il corpo galleggiante nel sangue: come i reni, ed è ben noto infatti che, il sangue e l’acqua di mare sono praticamente e chimicamente identici. Così l’uomo, il microcosmo, riflette il macrocosmo e gli organi del corpo appaiono sparsi attraverso il regno animale.

Se questo è davvero una verità, la comprensione sarà accompagnata da una terribile rivelazione.

Se il regno animale, con tutte le sue varianti sono aspetti di noi stessi, allora vuol dire che noi e le nostre coscienze siamo tutti legati alla matrice contro di loro, gli impostori che con i loro programmi attaccano il tessuto del nostro essere.

Il pianeta sta morendo … perché l’Homo sapiens sta morendo. La sua sconfitta spirituale è all’orizzonte, e il suo nuovo coraggioso mondo sarà popolato da cyborg dalla coscienza robotica. L’uomo ancora una volta dovrà scendere verso il basso ….

Il ritorno

“Possiamo solo scappare dal mondo superando il mondo. La morte può portarci fuori dal mondo, ma solo la saggezza potrà prendere l’uomo e portarlo fuori. Fino a quando l’uomo sarà ossessionato dalla mondanità, lui soffrirà le conseguenze karmiche delle false alleanze. Quando tuttavia, la mondanità si tramuterà in integrità spirituale egli sarà libero, anche se abita in un silenzio fisico tra le cose del mondo.” Manly P. Hall.

‘La Trasmutazione, non la negazione di presunzione, è l’arma del Maestro.’ 

Il Kybalion pdf.

Tutti i grandi filosofi hanno ipotizzato il fatto che la meraviglia e la trascendenza della coscienza cosmica potrà essere raggiunta solo quando il ‘sé’ sarà soppresso. Il timoroso chiacchiericcio del nostro io-ego è mendace, anzi custodisce la porta della coscienza a scapito della realtà spirituale.

E’ difficile per molti di noi coltivare una quiete mentale, perché la delicata voce dell’anima può essere udita solo quando il nostro ego smette di parlare abbastanza a lungo da poterla sentire. L’ego sta costantemente cercando di interferire con i nostri sforzi per contattare la nostra vera natura universale.

Ma, solo quando l’ego verrà sottomesso, il dialogo del conflitto interno si spegnerà, allora potremo partecipare e ricollegarci con la nostra multidimensionale Divinità.

Dal luogo della verità ultima, ci rendiamo conto che tutto ciò che esiste compreso il pianeta e l’universo sono aspetti di noi stessi. Noi sappiamo che siamo solo in grado di accedere al 10% della nostra divinità, il nostro DNA. L’altro 90% è stato dirottato dal nemico della vita, da una coscienza crudele, e questo a sua volta ha creato la dualità. La verità non sta dentro o fuori. E’ lo stesso campo del dentro e fuori unificato tale e quale.

Tutto esiste all’interno di un campo di coscienza unificato e tutto è collegato. Nella verità non c’è separazione, è solo una coscienza impostora che ha bloccato la nostra comprensione.

Una volta che ci ritiriamo dal gioco e osserviamo il nostro cuore, è possibile con l’intento  psichico ricollegarci con tutta la vita. Questo è il percorso e il fine ultimo del guerriero spirituale. Il mago guerriero

Poi tutto è possibile, siamo in grado di sottrarre una lepre che viene cacciata e salvare la sua/nostra vita. Possiamo salvare un branco di balene pilota dalla orribile brutalità inflitta dai servi delle tenebre dalla coscienza impostora.

Attraverso la sincronicità divina, diventiamo potenti catalizzatori per il cambiamento; I veri illuminati della vivente verità. Potremo rinascere in un nuovo santuario. Vale a dire quello che veramente siamo.

La falsità del cambiamento

Molti di noi credono ancora che l’azione diretta e il confronto con lo status quo, può facilitare il cambiamento per il miglioramento di tutti. Ma niente è cambiato dall’inizio dei tempi. L’umanità è silenziosa, egoista, brutale e sconsiderata, e nulla cambierà in questo abisso di opposti, per la nostra realtà, è una costruzione governata dall’ego della mente parassitaria. Siamo in grado di puntare a questo o quel successo, ma prendendo il mondo nel suo complesso, non è mai stato così satanico, inquinato e degradato.

Il parassita chiamato I

Il problema legato a questa lettera è il gatekeeper, il sicario e parassitario spirituale della nostra specie. L’osservatore sulla soglia della nostra immortalità. Lo spaventoso ego che ci tiene bloccati nel baratro, è il gioco del ‘noi e loro’. L’osservatore è il servo del nemico della vita, il suo parco giochi è la terza dimensione. Il bagliore dell’occhio del serpente è ipnotico, può e deve impegnare le nostre menti, vive la sua vita di auto gratificazione attraverso la nostra consapevolezza e le nostre emozioni … fino alla morte. La sua voce e le chiacchiere sono il suo mezzo di distrazione, è la guardia al cancello che di fatto conduce al tutto, è l’impianto rettile che ha usurpato la nostra divinità. Solo gli stolti possono pensare alla Legge della Dualità: La legge di polarità può cambiare. Non ci può essere utopia nella dualità, nel mondo del predatore C’è solo io, io e il mio.

Gli esseri umani sono tutti azione e reazione [dualità] è il modo in cui il gioco viene truccato, si accumulano debiti fatti di energia che ci portiamo anche nell’aldilà. Nel gioco brutale dell’Abisso. Il pendolo oscilla avanti e indietro, età dopo età, come in una fattoria di animali, come se uscissimo dalle grotte per ritornarci all’infinito fino alla nausea.

Non ci rendiamo conto che abbiamo un parassita nella mente, e che è la causa dei problemi del mondo. Il conflitto è spirituale e, il mondo manifesto è un riflesso di noi stessi; la nostra coscienza è l’impostore del diritto ereditario la cicatrice e lo stupro del mondo vivente.

‘Il mondo non si evolverà oltre il suo attuale stato di crisi utilizzando lo stesso pensiero che ha creato la situazione.’ Einstein.

Dalle letture dei libri di Elva Thompson

wlady

ANTROPOMORFI (seconda parte)

I Canidi (Anubis)

Il Protettore dell’altro mondo.
Nella religione egizia, Anubi era la divinità che proteggeva le necropoli ed il mondo dei morti, per il quale veniva anche chiamato “Il Signore degli Occidentali”.

Prima divinità dell’Oltretomba, come recitano i “Testi delle Piramidi“, venne successivamente sostituito da Osiride già verso la V dinastia, ma restava il dio protettore del XVII nomos dell’Alto Egitto il cui capoluogo, Khasa, venne chiamato in epoca ellenistica Cinopoli, ossia “Città dei Canidi” per il culto che vi veniva celebrato.

Aveva numerosi titoli che coglievano i vari aspetti della complessa natura del dio, tra i quali:

“Colui che presiede l’imbalsamazione”

“Colui che è sulla montagna” intendendo la montagna ove erano scavati gli ipogei

“Colui della necropoli”

“Colui che è nelle bende” intendendo le bende funerarie ma dall’oscuro significato

Nel primitivo culto zoolatrico, Anubi era raffigurato come un cane dal pelo rossiccio, con grandi orecchie e lunga coda, ma a partire dal Nuovo Regno veniva rappresentato con il corpo di uomo e testa di cane, chiamata poi genericamente testa di sciacallo, per identificare così l’animale che si nutre di carogne e quindi strettamente connesso alla morte.

La testa era raffigurata nera perché questo colore indicava la putrefazione dei corpi, il bitume impiegato nella mummificazione ma anche il fertile limo, simbolo di rinascita, quindi, la comune immagine di questo dio, altro non era che un geroglifico indicante la “natura e le caratteristiche” della divinità.

Le divinità ibride con testa di canide erano diverse e ne citiamo tre:

Anubi, Upuat e Khentamentyu.

Anubi veniva definito nei “Testi delle Piramidi” come quarto figlio di Ra generato con la dea Hesat, dalla testa di vacca.

Le varie teologie, in realtà molto confuse, lo indicavano anche come figlio frutto di un rapporto tra Osiride e Nefti oppure della coppia Nefti-Seth ed era anche indicato come fratello di Osiride mentre, inizialmente, negli antichi testi non venivano citati né genitori né coniuge. La dea Qeb-hwt, anche conosciuta come Kebechet ossia “Colei che versa l’acqua fresca” che ristorava i defunti, era considerata la figlia di Anubi e qualche volta la sorella.

La sua paredra era la dea Inpwt avente anche lei per simbolo il canide ed un centro di culto sempre nel XVII distretto dell’Alto Egitto.

Protettore della sacra terra della necropoli, aveva il compito di accompagnare il Ba del defunto davanti al tribunale supremo degli dei, così come narrato nel “Libro dei morti”, illuminando il cammino con la Luna tenuta nel palmo della mano. In questo caso diveniva la forma sincretica del dio Upuat che significa “Colui che apre la strada” ed era anche assimilato all’altra divinità canide, Khentamentyu, ossia “Colui che è a capo della necropoli”.

Ebbe anche un ruolo importante nel mito di Osiride del quale imbalsamò le spoglie su ordine di Ra, facendone così la prima mummia e divenendo il dio protettore dell’imbalsamazione. Gli stessi imbalsamatori erano suoi sacerdoti e quello che presiedeva ai riti funebri indossava la maschera nera con le sembianze del dio, assumendo egli stesso la personificazione della divinità.

Partecipava inoltre alla psicostasia ove conduceva il defunto nella “Sala delle due verità” e ne pesava il cuore assieme al dio Thot che, come scriba, ne registrava la pesatura.

Procione nella costellazione del Cane Minore
Il Cane Minore (in latino Canis Minor) è una delle 48 costellazioni elencate da Tolomeo ed è anche una delle 88 costellazioni moderne; rappresenta uno dei cani che seguono Orione, il cacciatore.

Il Cane Minore è una piccola costellazione dell’emisfero boreale che consiste principalmente di due stelle,

Procione (α Canis Minoris)
Gomeisa (β Canis Minoris)

Procione (α Canis Minoris) è una stella bianco-azzurra di sequenza principale di magnitudine 0,38 e trovandosi alla distanza di soli 11,4 anni luce è la tredicesima stella più vicina al Sole.

Gomeisa (β Canis Minoris) è una nana bianco-azzurra di magnitudine 2,89 ed è distante 170 anni luce, mentre γ Canis Minoris è una gigante arancione di magnitudine 4,33 distante 398 anni luce. Costituisce il vertice nordorientale dell’asterismo del Triangolo Invernale, ciò rende la costellazione, nonostante le sue piccole dimensioni, immediatamente individuabile anche dalle aree urbane più popolate.

Il Procione, in realtà, è una stella doppia, la componente principale (Procione A o α Canis Minoris A) è una nana sub-gigante giallo-bianca con un massa 1,4 volte quella del sole e 7,5 più volte luminosa, la componente secondaria (Procione B o α Canis Minoris B) è una nana bianca.

Procione B orbita ad una distanza media dalla principale di circa 14,9 UA (2,229 miliardi di km), poco meno di quella che separa Urano dal Sole, sebbene l’eccentricità dell’orbita la porti da una distanza minima di 9 a una massima di 21 UA.

L’età della stella era stimata sui 3 miliardi di anni, ma nuove stime hanno ridotto questo valore a 1,7 ± 0,3 miliardi di anni, ritenendo che la stella nei prossimi 10-100 milioni di anni ultimerà la sua espansione, sino a diventare una gigante rossa di dimensioni da 80 a 150 volte quelle attuali.

Il nome Procione deriva dal greco antico e significa “Prima del Cane”, per il fatto che precede Sirio (la “Stella del Cane”) durante la rotazione della sfera celeste a causa della rotazione della Terra sul proprio asse.

Presso i Romani la stella era nota con la traduzione latina del nome greco Antecanis, gli arabi la conoscevano invece come Al Shira ed Elgomaisa.

Il primo nome deriva dal termine “il Segno Siriano” (l’altro segno era Sirio), il secondo da “la donna dagli occhi annebbiati”, in contrasto con “la donna con gli occhi lacrimanti”, ovvero Sirio. Il nome moderno in arabo di Procione è ghumūş, in Cina è noto con il mandarino nánhésān, “la Terza Stella del Fiume Meridionale”.

Queste due “stelle del cane” sono menzionate nella letteratura sin dall’antichità ed erano venerate sia dai Babilonesi che dagli antichi Egizi.

Un pianeta oscuro scavato nella roccia
Dalle ultime e più recenti ricostruzioni, sembra che tra Procione A e B siano collocati ben 13 pianeti rocciosi.

Solamente il secondo e il terzo pianeta hanno condizioni favorevoli ad ospitare la vita, ed è nel secondo che abita la razza Canide o degli Anubis. Il pianeta ha una grandezza poco più ampia della nostra Terra, ma a confronto risulta essere completamente diverso, in quanto al primo impatto appare come un mondo oscuro, con ampie zone della superficie annerite, completamente rivestito di una intricata rete di catene montuose.

E’ del tutto roccioso, con poche zone pianeggianti e fertili, inoltre sono presenti anche dei “piccoli oceani” sparsi qua e là su tutto il globo, non rivestendo comunque una qualche importanza fondamentale.

L’aspetto ancora più particolare di questo mondo risiede nell’atmosfera, pressoché intrisa di nubi e/o nebbia in modo perenne, questo dovuto al massiccio irradiamento solare che rende il pianeta caldo e umido. Anticamente il pianeta doveva essere molto più simile alla Terra, ma una qualche catastrofe, probabilmente dovuta all’impatto di un planetoide, ne ha bruciato l’intera superficie, sterminando buona parte di tutte le creature in esse presenti.

La conseguente vivacità geologica ha scatenato successivi terremoti ed eruzioni vulcaniche che, nel corso dei millenni, hanno modificato per sempre l’aspetto di questo pianeta, nell’opaco e nero di cui abbiamo testimonianza. Certamente un luogo non adatto alla vita dell’Uomo, ma a quanto pare mondo ideale per questa razza aliena.

Gli Anubis vivono all’interno di alte montagne, in immense costruzioni completamente scavate all’interno della roccia, luoghi che presentano tutti i canoni comuni di una normale convivenza tra i propri simili.

Centri di potere, uffici, negozi, luoghi di incontro, case, si trovano tutte internamente a queste caverne, attraverso un intricato reticolo ben costruito e funzionale. L’interno delle montagne, oltre a rendere più accettabile il clima, quindi più temperato, ha anche la particolarità di rendere sicuro da attacchi esterni e di qualsiasi natura, tutto il loro apparato.

Il pianeta è privo di qualsiasi altra forma di vita animale o vegetale, a parte qualche mostro carnivoro che vive negli oceani o pozze d’acqua sparse nelle risacche, e tutte le materie prime (se si escludono sostanze presenti all’interno del pianeta, come gas o combustibili fossili, etc.), provengono dalle due lune che orbitano attorno o dal terzo pianeta.

Le due lune sono tra i satelliti più affascinanti conosciuti, il primo, grande più o meno quanto la nostra Luna, è completamente ricoperto di acqua.

A causa della sua particolare orbita e della composizione atmosferica, durante il suo lento movimento attorno al pianeta, e la sua posizione rispetto a Procione A, presenta metà della superficie acquatica rivolta verso il pianeta ricoperta di ghiaccio, mentre l’altra metà rivolta verso la stella, allo stato liquido. Questa continua fusione e congelamento delle acque, produce una forte attività atmosferica con la formazione di gigantesche cellule temporalesche che riversano continuamente pioggia o neve su tutta la Luna.

La seconda luna, metà della prima, è un piccolo mondo roccioso privo di atmosfera ma ricchissimo di metalli, gas naturali, etc. Nel terzo pianeta, molto più temperato e simile al nostro, sono presenti forme di vita vegetali e animali in grande quantità e varietà.

Questo mondo è sottoposto ad una forte pressione e sfruttamento da parte degli Anubis, utilizzato come una sorta di immenso e totale “mondo da allevamento”, nel quale ogni materia prima, forma animale o vegetale, esiste in funzione alla sussistenza e alla sopravvivenza della specie.

Un alieno di nome Anubi
La razza aliena degli Anubis, rispetto a tante altre che già conosciamo, è tra le poche che presenta un aspetto simile a quello conosciuto nelle nostre antiche culture terrestri.

Vedere una rappresentazione del dio Anubi degli antichi Egizi è come vedere in fotografia un esemplare di questa razza aliena, per quanto siano pressoché somiglianti. Fisicamente presentano un altezza variabile dai 3 ai 6 metri, più alti sono i maschi, più basse le femmine ed entrambi i sessi, come tutti gli appartenenti alla specie, hanno il colore della pelle di un nero ebano, più lucido nei maschi e leggermente più opaco e rossiccio nelle femmine.

La corporatura è del tutto umana, possente e forte, le uniche differenze che esistono con il genere umano si riscontrano nelle mani e i piedi, a forma più di zampa che di arto umano, anche se in grado di poter tenere oggetti di qualsiasi fattura.

Altra differenza è la testa dalla forma canina, simile a quella di un lupo nei maschi, con il muso allungato in avanti e le orecchie lunghe, mentre al contrario più tondeggiante nelle femmine. Entrambi i sessi presentano una capigliatura somigliante a capelli intrecciati finemente, che diventa quasi rasta nei maschi, di lunghezza variabile, ma che non oltrepassa le spalle.

Questa unione di faccia canide con capelli, conferisce un aspetto a caschetto o di copricapo. Sono simili gli uni con gli altri, ci sono leggerissime differenze tra singoli individui, inoltre il loro abbigliamento non lascia spazio ad ulteriori identificazioni. Quasi del tutto nudi, portano soltanto un gonnellino alla vita, di vario colore a seconda della funzione, mentre ai piedi indossano dei calzari o sandali.

Raramente vestono con delle tuniche, soprattutto quando si svolgono funzioni pubbliche di una certa importanza, al contrario, portano svariati gioielli e bracciali, gli unici che permettono di far riconoscere il livello di appartenenza nella società.

Più ornamenti sono presenti sul corpo, più elevato è il potere, anche carismatico dell’individuo sugli altri della stessa specie.

La loro società è gestita in modo “democratico” da un “Consiglio degli Anziani”, retaggio di una antica tradizione e di quando il popolo dei canidi viveva in un diverso mondo, allo stato brado e dove al posto delle città si trovavano tribù erranti guidate dagli anziani (una società simile a quella degli indiani d’America).

Nel consiglio si accede dopo aver raggiunto l’età della massima maturità ed aver conseguito durante la lunga vita (attualmente 1.600 / 1.900 anni, dato provvisorio) innumerevoli riconoscimenti.

Dotati di grande forza fisica, possiedono anche una straordinaria capacità psichica, con la quale riescono a comunicare tra di loro telepaticamente e a riconoscersi.

Nei più anziani sono presenti anche casi di telecinesi, amplificata con l’utilizzo di una appropriata tecnologia.

Interferenze con l’Uomo
L’intervento della razza Canide sul genere umano è legato alla sua protezione e monitoraggio nei riguardi degli alieni Horus e, a diretti contatti, con entità extra-dimensionali (questi ultimi sopravvivono in Universi paralleli al nostro), se è invece la razza stessa ad intervenire direttamente, la situazione si presenta sotto molteplici aspetti.

Al momento non disponiamo di molti dati al riguardo, sia perché questo genere di interferenza è molto raro, sia perché il lavoro che svolgono è ancora pressoché sconosciuto.

La razza dei Canidi, insieme a quella dei Felini e degli Adam fa parte della potente e temuta “Gerarchia Superiore”. Sappiamo per certo che esiste una collaborazione attiva tra le razze che compongono questa gerarchia e che si aiutano a vicenda per raggiungere determinati obbiettivi.

Come spiegato per la razza Felina, svolgono anch’essi azioni di interventi per rimuovere o inserire nuovi microchip, molto più sofisticati e tecnologicamente avanzati, seguono alcuni tipi particolari di impianto di feti (ibridi umano-alieni) nelle donne, sembra non parassitino a livello di memorie aliene, ma sono responsabili della creazione continua di blocchi di acquisizione di coscienza, soprattutto ad un livello fortemente spirituale.

Essendo tra le prime e più antiche razze create, grazie alla sua particolare evoluzione è sempre stata al vertice di un potere, quasi assoluto e soprattutto militare, interferendo su ogni sviluppo di qualsiasi altra razza aliena presente nella Via Lattea.

Guardiani della Galassia?
Se i Felini Sek sono coloro che hanno suddiviso i centri di poteri, per meglio monitorare e controllare le altre razze aliene e mandare avanti il progetto delle Abductions, gli Anubis sono il braccio armato che detta legge nella Galassia (o buona parte di essa), decretando persino la distruzione delle civiltà nemiche.

Compito della Gerarchia Superiore, come ampiamente scritto, è quello di mandare avanti il “Progetto di Perfezionamento Umano”, ovvero una sorta di missione astro-biologica nel quale sia possibile fondere l’attuale Uomo con le razze aliene, soprattutto quelle della Gerarchia, con l’unico scopo finale di acquisire l’immortalità ed arrivare, attraverso una Coscienza quasi divina, alla conquista Universale.

E’ in questa potente razza aliena che la Gerarchia Superiore ha trovato la propria arma per mettere a tacere ogni voce fuori dal coro, soggiogando con la potenza distruttiva in loro possesso, ogni ribellione.

Dotati di avveniristiche astronavi dalle forme più bizzarre (si pensa che possiedano una flotta di migliaia di astronavi, alcune di grandezza simile ad un planetoide), sono equipaggiate con armamenti per noi sconosciuti, ma in grado di distruggere interi pianeti attraverso armi che utilizzano frequenze vibrazionali, in grado di cuocere il pianeta dall’interno (lo stesso effetto che viene innescato dai forni a microonde, ovviamente su scala planetaria).

Ci sono testimonianze uscite da alcune visualizzazioni di addotti, i quali asseriscono di aver visto in stati di trance interi pianeti distrutti da un calore innaturale e che, oltre a surriscaldare l’atmosfera, provocava anche un incremento esponenziale di terremoti ed eruzioni vulcaniche.

Civiltà dalla natura ambigua, stranamente rispecchia la visione che abbiamo della figura del Cane nella visione delle antiche civiltà della Terra, il quale rappresenta simbolicamente la fedeltà e la vigilanza.

Non di rado viene considerato guardiano dell’aldilà oppure viene sacrificato ai defunti per poter servire loro da guida anche nell’altro mondo. I cani sono considerati in grado di “vedere gli spiriti” e quindi di salvaguardare dai pericoli invisibili. In alcune culture primitive, il cane, a causa della sua intelligenza e della facilità di apprendimento, veniva invece considerato portatore di molti beni per la civiltà umana.

Nell’antichità si citavano l’adulazione e la spudoratezza dei cani, ma si sottolineava il loro attaccamento alla casa e le loro doti di guardiani del gregge, ma nel medioevo Cani infernali accompagnavano Satana, il cacciatore di anime.

Nell’antica Cina il cane è l’undicesimo segno dello zodiaco, ma il suo significato simbolico-mitico ha invece caratteri diversi, perché in primo luogo i cani dovevano scacciare i demoni, ma in alcune regioni venivano ritenuti carne commestibile (quindi portatori di cibo), mentre per la popolazione dello Yao, nella Cina meridionale, diviene progenitore dell’Uomo, attraverso numerose leggende di uomini dalla testa di cane.

Leggi QUI la prima parte 

Tratto da: http://www.bibliotecapleyades.net/ 

http://ningizhzidda.blogspot.it/