Archivi tag: diritto d’autore

Un maiale che pensa di essere più maiale degli altri

-26 Marzo 2019-

La scusante europea a difesa del Copyright non difende il Copyright, ma ammazza la libertà di parola, baluardo di ogni Libertà passata, presente e futura.

Il Re nudo si veste solo con arroganza e idiozia, dimostrando con ciò, che egli riveste un ruolo che non sa assolvere e che la Libertà prospettata in antichità per l’uomo del futuro questa non ci sarà mai, se l’uomo del futuro poi si accompagna con l’uomo senza morale, cosi come si trovato male nel passato dove la morale non ha mai avuto valore, ora si trova male nel presente dove tuttora non vuole riconoscere, che è la moralità delle cose che funge da aggregante sociale semmai ve ne fosse bisogno, la morale con la quale si permetterà di avere una vita nuova con un futuro differente dal presente e con questo poi, avere anche in futuro qualcosa di valore da dare a figli e nipoti.

Questo per qualsiasi persona coerente significa “fare la storia”, mentre per vende se stesso e gli altri per una fetta di mortadella, buona solo se la mangi subito, ma non lo sarà altrettanto se mangiata tra una settimana, quando aprendo la carta che contiene il succulento prodotto non rimetterà più il classico e amabile suo profumo, ma l’odore di acido fenico prevarrà, essendo qualsiasi insaccato un prodotto ottenuto solo con la morte dalla sua materia prima, quanto si prospetta ciò non può che accadere altrimenti!

Allo stesso modo si comportano lor Signori che compongono i ranghi in quel di Bruxelles, i quali sembrano vivere nel mondo delle fiabe, mentre fuori dal Castello tutto brucia e la gente che non ha delegato loro alcunché, arranca nel fango da questi creato e nel quale sono destinati loro stessi a finire, visto che basta loro non essere rieletti per fare la fine di noi tutti! Sembra non vogliano rendersi conto dall’alto della propria superbia, che una volta affossata la Nazione in cui sono nati non potranno riciclarsi in altre, avendo queste che compongono la Comunità, tutte chi prima e chi dopo, dopo l’iniziale fase speculativa arrivare tutte alla stessa medesima fine, perché checché se ne dica, una Comunità è tale finché c’è partecipazione, ma il fine malefico decretato dalla Germania sulla Grecia insegna che è la mancanza di pietà verso il prossimo determina, che se non c’è poi niente in comunione o se preferite in comune, la stessa Comunità decreta la fine della sua stessa esistenza, non essendo capace di saper dare ciò di cui si abbonda in casa a chi non ne ha, pur vivendo come tutti in una casa comune. Una casa povera ovviamente.

Ciò in me non apporta meraviglia alcuna, essendo a conoscenza che le società moderne sono istruite a differenza di quelle medievali, il cui potere dei signorotti dell’epoca poteva avvalersi e prevalere sulla stessa ignoranza denotata dai loro sudditi, viene da se, che nell’era dalla comunicazione ogni comunicazione omessa, nascosta o peggio ancora: censurata, questo crea un ponte mancato su di un fiume che divide i fratelli dai fratelli o fa anche peggio, dividendo i genitori dai figli.

Per questo e non per altro, oggi come oggi in cui qualsiasi opera può racchiudersi in un file, non vede l’autore derubato in caso di pubblicazione fatta da terzi del suo lavoro potendo provare che sia il suo, traendolo facilmente dai file originari sul proprio computer, in quanto il file che è presente nel suo hard disk è stato solo duplicato e non rubato l’originale, inoltre, avendo tutti i file nelle proprietà inseriti nei campi di creazione dove è visibile: l’autore del file, la data e l’ora della creazione del file stesso, il medesimo file seppur duplicato riporta questo nuove informazioni sul file del computer dell’eventuale ladro, il quale non potendo disporre delle stesse proprietà del file originario dimostra che questi non è l’originale ma la copia e trovo giusto che si rimetta all’autore parte dei proventi delle vendite all’autore originario, in quanto oggi il Copyright non ha più senso di esistere essendo stato surclassato, dimostrazione ne sia che la creazione di più e più catene di vendita, garantiscono all’autore del libro o del marchio, un ulteriore guadagno con l’«affiliazione» esterna possibilmente globalizzata, come lo è per esempio l’azienda Mc Donald, presente ormai a livello globale dopo aver dato in gestione il proprio marchio. Ciò dimostra anche ai ciechi che si guadagna molto più con le royalty che non comportano spesa per l’autore, piuttosto che sia l’autore a sobbarcarsi oltre che mettendo a disposizione l’opera d’ingegno anche le relative spese per la riproduzione.

Tutto questo sta a dimostrare che sovente chi dedito alla salvaguardia di diritti altrui, è probabilmente incapace mancando di argomenti validi tangibili per farlo, tanto da peggiorare col suo intervento la situazione e con questo dimostra di non saper salvaguardare neanche i propri di diritti, figuriamoci quelli degli altri!

L’ormai prossimo 26 marzo, la Comunità Europea si appresta a far valere il diritto di Copyright e si assisterà alla moria e conseguente scomparsa nella rete di Blog e siti, la cui unica colpa e informare dove l’informazione manca o vacilla per più motivi o forse è meglio chiamarli in questo caso “interessi privati”, peraltro c’è da scommetterci che, chi incaricato non sa neanche chi è colui a cui pretenderà di farne le parti e come sovente accade in questi frangenti, l’indifeso rimarrà tale e i buoni propositi rimarranno nel cassetto per l’incapacità di renderli tali da chi preposto a tale atto, in cui è prevedibile, esporrà tutta la propria inconsistenza nella valutazione finale, peraltro in una votazione subdola nei fini e farà si, nel caso i chiamati al voto si esprimano per restringere le “libertà” che credevamo ormai acquisite dalla Civiltà a cui apparteniamo, Civiltà di cui sovente questi Signori si riempiono bocca in discorsi inutili, ma che poi nella sostanza, quando questa c’è da metterla in pratica la Civiltà tra i valori esistenziali dell’uomo, stranamente chi poi rappresenta altri non ne da il giusto valore, in quanto probabilmente dimentica che vive in un mondo condiviso, dove peraltro non è l’unico che per sopravvivere alla giornata ha poi bisogno come tutti di nutrirsi, perché parafrasando Orwell, si può essere pure un maiale che pensa di essere più maiale degli altri, ma quando pensa di poter fare a meno di chi accudisce i maiali, per quanto tempo lo stesso soggetto pensa che possa rimanere in vita, pur ritenendosi più maiale degli altri maiali in seno a una qualsiasi fattoria? Possibile che nella sua cupidigia non sappia che egli stesso farà la stessa fine degli altri?

Domenico Proietti

Fonte: https://guardforangels.altervista.org/

®wld

Una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet

 

Stop ACTA 2: proteste, blackout di Internet e azioni Hacktivist per arrivare al voto finale sugli articoli distopici 11 e 13 in UE

Di Aaron Kesel

Dopo un breve ritardo, i legislatori dell’Unione Europea stanno continuando il loro viaggio per censurare Internet e hanno concordato modifiche al testo degli articoli 11,12 e 13, secondo quanto riportato da The Independent. Nel frattempo, Anonymous e Pirates stanno pianificando azioni on-the-ground e online contro le direttive sul copyright proposte.

Germania e Francia hanno concordato una terribile versione di “compromesso” dell’articolo 13 in seguito a una discussione accesa, che pretende di proteggere le piccole imprese. Tuttavia, nella stampa fine della legge, non protegge quasi nessun sito web come sottolinea Julia Reda.

Per ottenere la protezione, il sito Web in questione deve soddisfare i seguenti criteri:

  • Meno di 3 anni
  • Hanno entrate inferiori a 10 milioni di euro (11 milioni di dollari)
  • Hanno meno di 5 milioni di visite uniche al mese

I nuovi articoli legislativi saranno presentati ai deputati, che decideranno le controverse regole sul copyright in una data successiva ad essere annunciata.

Sia gli attivisti che le multinazionali affermano che le nuove regole – in particolare l’articolo 11 e l’articolo 13 – cambieranno per sempre parti centrali di Internet.

Google e la sua consociata YouTube, così come Wikipedia e molti altri, hanno sostenuto che le nuove regole potrebbero impedire agli utenti Web di essere in grado di cercare e condividere contenuti liberamente come consentito dalle leggi vigenti.

Julia Reda, eurodeputata tedesca di Pirate Parties International e prominente oppositrice alle riforme, ha espresso indignazione:

L’accordo sporco tra Francia e Germania prevale, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla peggiore versione dell’articolo 13 ancora, la prossima interruzione dei negoziati con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora!

Prevalgono accordi sporchi tra Francia e Germania, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla versione peggiore dell’articolo 13 ancora, i prossimi negoziati di arresto con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora! https://t.co/tMqBgPkVz7 #SaveYourInternet #uploadfilters pic.twitter.com/u7n07CDeLC

– Julia Reda (@Senficon), 8 febbraio 2019

Come riportato in precedenza da Activist Post , l’articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sui contenuti pubblicati dagli utenti sui loro siti Web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di caricamento per proteggersi da rivendicazioni di titolari di copyright e agenzie che lavorano per loro per conto come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Immagina di voler collegare a un articolo di notizie perché vuoi avere una discussione libera su di esso? Secondo la legge, l’utente potrebbe ora aver bisogno di pagare per collegare l’articolo di materiale protetto da copyright – follia assoluta!

Questo è qualcosa che “distruggerà il nostro Internet, e non possiamo accettarlo. Quindi stiamo combattendo. Attivisti, hacktivisti e pirati si stanno ora unendo sotto lo stendardo di StopACTA2”, scrive Anonimo Bites Back .

Anonymous Bites Back esprime inoltre che lo show radiofonico ospitato da Anons è in “pieno sostegno alle (di strada) proteste contro queste mosse orwelliane per censurare internet. Abbiamo già avuto diversi episodi su questo argomento e abbiamo in programma di unirci ai manifestanti per la strada e trasmettere in diretta alla nostra rete”.

Quindi cosa è cambiato da allora? Non tanto. Tuttavia, potrebbe essere una buona notizia che l’Italia è ora dalla nostra parte e ha denunciato gli articoli, dicendo al resto dell’UE di eliminare gli articoli 11 e 13 dalla direttiva sul diritto d’autore per proteggere gli utenti di Internet.

“La priorità per l’Italia è l’eliminazione della tassa di collegamento e dei filtri diretti o indiretti sui contenuti caricati dagli utenti delle piattaforme, insieme con un’estensione delle eccezioni al copyright che consente lo sviluppo dell’economia dei dati. In queste condizioni, l’Italia è pronta ad aderire a una proposta che dovrebbe venire dalla Presidenza rumena “, ha detto Luigi Di Maio, Ministro per lo Sviluppo Economico.

“Chiediamo un cambiamento a livello europeo – conclude il Ministro – dei famosi articoli 11 e 13 della direttiva. La rete deve essere mantenuta libera e neutrale perché è un’infrastruttura fondamentale per la libera espressione dei cittadini, del sistema italiano e della stessa Unione europea “.

Ciò significa che ufficiosamente i paesi che si sono opposti alla direttiva com’erano erano: Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovacchia, Svezia e Malta. La Slovenia ha scelto di astenersi, la Polonia In, ha riferito. Ciò lascia 20 paesi, o 19 se la Brexit passa, per decidere il destino di Internet e la libertà di informazione.

Julia Reda, eurodeputata del Partito dei Pirati, osserva che gli utenti saranno ritenuti responsabili per eventuali violazioni del copyright che fanno su piattaforme Internet.

“I negoziatori hanno raggiunto un accordo sul nucleo dell’articolo 13, che cambierà internet così come lo conosciamo: vogliono rendere le piattaforme Internet direttamente responsabili di eventuali violazioni del copyright che i loro utenti commettono”, osserva Reda.

Reda inoltre esprime che i negoziati finali si trascineranno fino a più tardi questa settimana.

Il primo trilogo “finale” su #copyright sta iniziando ora. Probabilmente i negoziati si trascineranno fino a domani e mercoledì. Daremo un breve aggiornamento più tardi, stasera. #SaveYourInternet # Article13 #UploadFilters

– Julia Reda (@Senficon), 11 febbraio 2019

La Electronic Frontier Foundation (EFF) avverte che le politiche proposte aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa creando uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono  wolnemediaSoMee.SocialBitchutePresearchblogmedia24Anonymous Bites BackwykoppolskapartiapiratowPirate Parties International,  kontestacjaHackread.cominsproStowarzyszenie LibertarianskieAnonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Numerose altre organizzazioni e individui stanno uscendo e parlano dei negoziati degli articoli 11, 12 bis e 13 e di ciò che è fondamentalmente sbagliato in loro.

Già 54 ONG, tra cui il FEP e 40 accademici, hanno emesso lettere aperte distinte al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia per i diritti fondamentali, portando al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Tuttavia, gli studiosi sottolineano che dubitano della “giurisprudenza della CGUE e del suo riferimento alla Carta europea dei diritti fondamentali e se l’articolo 13 della proposta di direttiva sul copyright sia effettivamente proporzionato, anche se l’articolo 17, paragrafo 2 della Carta europea prevede che la proprietà intellettuale devono essere tutelati, in quanto l’articolo 17, paragrafo 2, non ha la stessa base di calcolo degli articoli 7 e 11. Gli articoli 7 e 11 della Carta europea sono pilastri fondamentali di qualsiasi società democratica. Le violazioni del diritto d’autore non dovrebbero essere inserite troppo rapidamente nella stessa categoria dei reati gravi come la pornografia infantile “.

A dicembre, più di 4 milioni di petizioni avanzate di utenti e imprese di Internet sono state inviate al Parlamento europeo chiedendo la fine delle proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

EFF rileva che la petizione è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le aziende statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano per negoziare accordi migliori) e perché questi filtri censurerà enormi quantità di materiale legittimo, grazie a errori e abusi algoritmici inevitabili.

I settori creativi chiedono anche una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 con 14 organizzazioni che chiedono il blocco, secondo Creative Refresh un altro gruppo che supporta un “Internet gratuito e aperto”.

Settori creativi Chiedere una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 #SaveYourInternet

LEGGI DI PIÙ QUI: https://t.co/EWFboialh2 pic.twitter.com/gYgpZgKbme

– Create.Refresh (@CreateRefresh) 15 gennaio 2019

Dietro le quinte, diversi movimenti stanno lavorando a un blackout di Internet simile al 2012 quando gli attivisti hanno combattuto contro l’ACTA originale proponendo leggi per Internet. Per mettere le cose in prospettiva più ampia per i lettori, ciò che sta accadendo nell’UE è l’ACTA sugli steroidi; le conseguenze se questo passa cambierà per sempre Internet. Ai siti web sarà richiesto di acquistare costosi e problematici filtri di caricamento, e il contenuto generato dagli utenti sembrerà quasi cessare di esistere perché sarà anche impossibile collegarsi al materiale di origine, inclusi i contenuti educativi. Oh e se ti piacciono i meme, anche quelli possono essere protetti da copyright e autorizzati.

Il fondatore di Wikipedia e WikiTribune, Jimmy Wales, ha twittato che avrebbe sostenuto un blackout di Internet per attirare l’attenzione sull’attuale crisi crescente.

Non dipende da me. Ma lo appoggerei, sì.

– Jimmy Wales (@jimmy_wales) 6 febbraio 2019

Nel frattempo, questo scrittore ha assistito a chiacchiere in varie stanze di chat su potenziali azioni di hacktivist se l’UE dovesse passare con queste proposte e molto di più se passassero. Ci sono anche attivisti che stanno organizzando proteste sul campo che saranno annunciate nelle prossime settimane.

Anonimi e Pirati di tutto il mondo invitano il grande pubblico a protestare come mai prima d’ora e invadere le strade dell’Europa per inviare un messaggio – mani da Internet, aiuto per salvare Internet.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Pirati e attivisti dei diritti d’autore

Pls segue @ stopActa2_eu combattendo l’articolo 11 e 13 in modo digitale e con gli stivali sul terreno. @PPInternational, coordinerà tra queste persone e gli sforzi #Pirate. Dietro di loro U troverà l’equipaggio #anonymous più efficace che ci sia oggi. pic.twitter.com/WDv3ELvg1v

– Raymond Johansen (@ RayJoha2), 13 gennaio 2019

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019 in tutta Europa. Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, # Article11, # Article13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopActa2.org, un sito Web che viene eseguito per supportare l’operazione Stop Acta 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole:

Perché # ACTA2 farà in modo che tu debba essere molto ricco per eseguire un blog sul sito e il giornalismo indipendente svanirà. Permettendo ai governi e ai loro compari appaltatori di andare in giro e di inviarci rapporti falsi come il memo di Downing St per invadere i paesi. # StopActa2 #SaveYourInternet https://t.co/YCehnpWYzn

– ⒶK # Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 13 febbraio 2019

Ciò che è importante, e potrebbe essere una possibile occhiata al nostro futuro distopico orwelliano, Spagna e Francia – due paesi coinvolti in proteste (Francia con Gilets Jaunes e Spagna con la Catalogna libera) – stanno disperatamente spingendo ACTA 2. Ci si deve chiedere se questo sia per mettere a tacere le voci dissidenti online. Ad esempio, supponiamo che sia stato caricato un video di una manifestazione di strada. Se c’è un business visto in quel filmato, il video potrebbe quindi essere rimosso per “copyright”. Tutto ciò sarebbe fatto con il filtro di upload che rileverà il logo di un’azienda e impedirà il caricamento online del video. Allo stesso modo, il presidente della Francia Emmanuel Macron e il presidente della Spagna Mariano Rajoy potrebbero usare una nuova tattica: basta pagare qualcuno per cantare testi protetti da copyright come una canzone di Michael Jackson alla protesta e qualsiasi video caricato verrà segnalato.

Ora potrebbe sembrare folle o sciocco, ma quelli sono il tipo di tattica che potrebbe essere schierata se questi articoli passassero attraverso il Parlamento Europeo. “Sei stato colpito da; sei stato colpito da un criminale agevole e tutto quello che voglio dire è che a loro non importa davvero di noi. “

Aaron Kesel scrive per Activist Post. Sostienici a Patreon . Seguici su Minds, Steemit, SoMee, BitChute, Facebook e Twitter. Pronto per le soluzioni? Iscriviti alla nostra newsletter premium Counter Markets .

Credito immagine: LoboTaker / DeviantArt

Fonte: https://www.activistpost.com/

 

®wld