Archivi tag: Dingir

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

Il conflitto segreto del nostro mondo
La storia ignorata

Dal libro “The Cosmic Portale Orion”
Ricardo González
marzo 2017
Sito LegadoCosmico

Le guerre dell’antico passato sono state extraterrestri?

Un lungo manoscritto appartenente alla straordinaria e più completa scoperta del Mar Morto nel 1947, parla di una guerra tra i “figli della luce e i figli delle tenebre.”

La cosa interessante è che il manoscritto non solo anticipa la guerra fatta dagli umani – e che, alla luce del globale quadro corrente è non del tutto lontano – inverosimile – ma anche esseri divini si sono impegnati e confrontati contro un nemico molto oscuro:

“I Figli della luce che lottano contro i figli delle tenebre con una dimostrazione della potenza divina, in mezzo a un tumulto fragoroso, tra grida di dèi e degli uomini”.

Dei e uomini … da quanto siamo coinvolti nelle vicende di questi “dei”?

Secondo l’antico Mahabharata, un lungo testo indiano e presumibilmente epico “mitologico”, ci racconta di una feroce battaglia avvenuta nei cieli della Terra. Non a caso, questo documento, un lavoro monumentale, un centinaio di migliaia di versi, racconta di una “Grande Guerra”.

La vincitrice di questa guerra è stata la potente Indra, che ha combattuto con il suo veicolo alato, gli asura che si nascondevano tra le “nuvole” …

Gli inni del Rig Veda hanno descritto la “divinità”:

“Avanzavamo senza paura in un combattimento cruento, distruggendo castello dopo castello con la tua forza. Si Indra, con il tuo amico, hai reso il tuo nemico inoffensivo, hai tenuto lontano l’astuto Namuchi. Tu che hai dato la morte a Arancione, Parnaya … Tu che hai distrutto le cento città di Vangrida.

Hai shoccato le nobili creste del cielo quando, hanno osato far male a Sambara.

“Tornando al Mahabharata, si legge che Maia, un’altra curiosa “divinità” indù, ha costruito una grande macchina di metallo ed è stata portata in cielo …

Ciascuno degli “dei” come Indra, Yama, Varuna, Kuvera e Brama, avevano uno di queste macchine volanti metalliche chiamate “Vimana“.

Questi veicoli cosmici venivano modellati a forma di razzo, e navigavano nei cieli per l’effetto del mercurio che originava un grande vento.

Gli uomini alloggiati all’interno dei vimanas potevano percorrere grandi distanze in un istante …

Un altro riferimento intrigante lo fornisce Narada – il grande saggio di antica tradizione – che cita un appartenente all’Indra, che “volava nel cielo di città” “in città” ininterrottamente.

Come se non bastasse, questo portento era circondato da un bianco “muro”, che produceva lampi di luce nel cielo.

Il suddetto Mahabharata descrive anche quello che sembra un attacco atomico:

“La carica di un singolo proiettile aveva la forza dell’universo. Brillante come diecimila soli, una colonna incandescente di fumo e fiamme che aumentavano in tutto il suo splendore.

Era un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza di Vrishnis e Andhakas.

I corpi erano così terrificantemente bruciati che non potevano essere riconosciuti. Cadevano capelli e unghie: i vasi si rompevano senza nessun motivo, e gli uccelli diventavano bianchi.

Dopo un paio d’ore tutti i prodotti alimentari si sono infettati …

 … Per uscire da questo fuoco i soldati si gettavano nei fiumi, per lavare se stessi e le loro attrezzature … “

In seguito egli dice:

… Raggiunti dal vento che infausto soffiava …

Il sole sembrava girare intorno all’universo, bruciando con il suo calore, sembrava di avere la febbre … elefanti e altre creature della terra, bruciate dall’energia esplosiva, scapparono via …

La stessa acqua quando è stata riscaldata, le creature che vivevano in quell’elemento hanno cominciato a bruciare …

Sono stati gli “dei” a lanciare missili distruttivi dai loro veicoli volanti?

Nel Ramayana, un altro antico documento indù, parla di questi oggetti volanti misteriosi.

Secondo quanto riferito, le persone che usavano quei veicoli divini potevano viaggiare nei cieli della Terra e andare anche verso i loro mondi d’origine, e poi tornare sulla Terra.

Questo e altri poemi epici indù hanno descritto battaglie aeree con “missili”, potenti come i fulmini, capaci di distruggere, come abbiamo visto, tutto quello che si trovava nel loro cammino …

La scomparsa della città di Mohenjo-Daro in Pakistan, circa 3.500 anni fa, potrebbe essere correlata a questi fatti.

Come ora sappiamo, su quella città c’era un chiarore abbagliante, una grande esplosione con una luce accecante che ha fatto totalmente bollire le vicine costiere marine.

Cosa ha causato quella distruzione? Molti studiosi si riferiscono a quella città distrutta originariamente dei Sumeri in Mesopotamia.

Inoltre, negli archivi reali della cultura ittita si parla di un’altra “entità”, il “dio” Teshub – “il Divino Tormentatore” – e le loro pretese per il controllo delle regioni superiori della Terra, che indica che c’è stata una lotta aerea tra quegli esseri.

In aggiunta, vengono narrate le battaglie del Dio Kumarbi lanciate contro Teshub e, come se non bastasse, contro i loro discendenti …

Questi “dei” non solo hanno voluto distruggere:

Essi miravano ad eliminare anche tutte le tracce e il lignaggio del nemico.

Così come viene raccontato in altre culture del mondo riguardo alle alleanze, il vendicatore Kumarbi si è basato su altri “Dei” alleati per dare la battaglia finale.

Il filo comune è che gli Ittiti, anche se pronunciavano i nomi delle loro divinità nella propria lingua, scrivevano utilizzando la scrittura sumerica …

Riflettendo sul termine “divino” che impiegano i “DIN.GIR“, che in sumero significa:

“I Giusti sulle navicelle”.

Ma non tutti erano così “giusti” …

Tutti i riferimenti che noi abbiamo, sui lunghi poemi epici o proverbi, due linee indicando che gli dèi sono sempre stati in mezzo di terribili battaglie.

Gli epici ittiti, hanno evidenti con-notazioni sumere, il sanscrito ricorda anche la storia della battaglia finale tra Indra e il “demone” Vritra:

“E allora si potrebbe vedere una terrificante visione in cui Dio e demone Vritra impegnati in combattimento … ha sparato i suoi proiettili appuntiti, la loro incandescenza e fulmini …

Poi il fulmine ha cominciato a lampeggiare, la terra si spaccava – scossa dai raggi incandescenti … orgogliosamente lanciati da Indra … “

E improvvisamente la campana a morto di sventura stava suonando per di Vritra con scoppi e bracci di pioggia di ferro lanciati da Indra; trafitto, inchiodato, schiacciato con un urlo terribile il demone morente è caduto di testa …

E Indra lo uccise con un fulmine lanciato tra le spalle …”

Disegno Disegno di un Vimana.
In uno di loro era Indra?

L’aspetto delle vimanas ricorda la nave profeta Ezechiele.

La verità è scioccante a notare che questi “dei”, “angeli”, o enti del cielo, erano il mezzo a queste feroci battaglie spaziali.

 La nave del profeta Ezechiele,
come interpretato
dall’Ingegnere Aerospaziale J. Blumrich.

Oltre all’India o alle antiche culture del Medio Oriente, queste guerre sono menzionate anche nell’Apocalisse di San Giovanni (capitolo XII), dove Michele e i suoi angeli affrontare il drago.

Nella mitologia greca troviamo la rivolta degli dèi prima della divinità suprema:

Zeus.

Il risultato è stata una epica lotta che ha avuto luogo presso le bianche pareti dell’Olimpo.

Culture americane ricordano anche quelle battaglie, che per tradizione ha avuto inizio nel cielo “prima del diluvio”.

  • La guerra di quegli esseri ha causato la leggendaria “alluvione” del pianeta?
  • Quindi la caduta di Atlantide nella narrazione di Platone?

Di fatto, nel mondo c’è stato un “nuovo inizio” dopo la catastrofe di proporzioni inimmaginabili.

Il tempo e le leggende hanno nascosto il mistero. Un mistero che indica una comportamento bellicoso e distruttivo degli “dèi”, o, per chiamare le cose con il loro nome, alcuni gruppi alieni in visita nel nostro pianeta in quel momento.

Credo che di quelle “razze stellari” non troveremo una spiegazione soddisfacente solo nella già citata “quarantena di protezione planetaria“.

La sensazione è che lasciano le vecchie storie a quegli esseri, “conosciuti” come “dei” che sono  venuti a combattere sulla Terra, promettendo che un giorno sarebbero ritornati.

Credo che per qualche potente ragione – siano venuti nel nostro mondo con la missione di separarci prendendo direzioni e posizioni diverse.

E il conflitto di idee è stato innescato dall’azione militare …

La mitologia sumera suggerisce che tutto è cominciato dalla lotta di due “parti” in causa che ha seguito il “dio” Enlil – che, secondo le antiche scritture, ha voluto distruggere l’umanità per tre volte – e Enki, suo fratello, che ha cercato proteggere l’uomo.

In Egitto troviamo una storia simile tra Seth e Osiride. La controversia tra “dei” e l’uomo nel mezzo …

Riusciremo mai un giorno ad andare alla causa di queste dispute …?

http://www.bibliotecapleyades.net/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

L’ascesa al cielo di Etana

Gli scavi condotti nell’antica Kish, hanno confermato vari testi sumeri che definivano il dio Ninurta la divinità titolare della città, dando origine all’idea che forse si trattasse di “Nimrod” che era il “valente cacciatore” di Yahwe.

Ma la lista sumera dei re nominava effettivamente il primo sovrano di Kish; purtroppo non lo si conosce ancora perché l’iscrizione è danneggiata proprio in quel punto, permettendo di leggere solo le sillabe Ga-,-ur. E’ invece chiaramente leggibile l’affermazione che regnò per 1.200 anni!

Il nome del secondo sovrano di Kish è interamente danneggiato, ma il suo regno durò 860 anni, com’è chiaramente scritto. Gli succedettero dieci re, i cui nomi sono leggibli e i cui regni durarono 900,840,720, e 600 anni. Essendo numeri chiaramente divisibili per 60, la domanda senza risposta è se si tratti davvero degli anni di durata dei regni o se gli scribi che li hanno copiati si siano sbagliati a leggerli e non avessero dovuto piuttosto scrivere 200 (o 20) per Ga-,-ur, 15 invece di 900 per il suo successore, ecc. Quale dei due?

I 1.200 anni di regno di Ga-,-ur, se effettivi, lo collocano nella categoria dei patriarchi biblici antidiluviani (ciascuno dei quali visse quasi 1.000 anni) e mettono i suoi immediati successori appena prima dei figli di Noè (Sem visse fino a 600 anni). Se Ga-,-ur fosse un semidio Gibbor, i 1.200 anni sarebbero plausibili.

In tal caso i 1.560 anni sarebbero attribuiti al tredicesimo re di Kish, Etana, a proposito del quale la Lista dei re fornisce questa lunga annotazione << Un pastore che ascese al cielo e unificò i paesi>>. In questo caso l’annotazione reale e raffigurata dalla letteratura scoperta, fra cui c’è un antico testo su due tavolette che racconta La Leggenda di Etana, perché egli fu veramente un re che <<ascese al cielo>>.

Sovrano benevolo, Etana era avvilito per la mancanza di un erede maschio, dovuta lla difficoltà di concepimento di sua moglie, che potevano essere curate solo con una pianta celeste, la pianta della nascita. Così Etana si rivolse al suo dio protettore Utu/Shamash affinche lo aiutasse  a ottenerla.

Shamash lo indirizzo alla “fossa di un’aquila” e, dopo aver superato vari ostacoli, l’aquila lo condusse alla “porta del cielo di Anu”. Mentre salivano sempre più in alto, la Terra sotto di loro sembrava sempre più piccola.

Dopo averlo portato in alto per un beru, l’aquila disse a Etana: <<Amico mio, guarda come appare il paese! Osserva il mare a lato della casa sulla montagna. Il paese è diventato una collina, e il vasto mare è come una tinozza>>.  

Dopo essere saliti di un altro beru (una misura di distanza come i gradi dell’arco celeste), l’aquila spinse di nuovo etana a guardare in basso:

<<Amico mio,

dai un’occhiata a come appare la terra!

Il paese si è trasformato in un campo arato …

e il vasto mare è come un cestino del pane>>.

<<Dopo che l’aquila l’ebbe innalzato per un terzo beru>>, il paese <<si trasformò nel fossato di un giardiniere>>. E poi mentre continuavano a salire, la Terra scomparve improvvisamente alla vista e, come disse in seguito Etana, spaventato: <<Mentre mi guardavo intorno la Terra è scomparsa!>>.

Secondo una versione del racconto, Etana e l’aquila <<attraversarono la porta di Anu>>. Secondo un’altra Etana si allarmò e gridò all’aquila: <<Sto cercando la Terra, ma non riesco a vederla!>>. Terrorizzato, urlò all’aquila:<<Non posso andare in cielo! Riportami indietro!>>.

Prestando ascolto alle grida di Etana, che <<si era accasciato sulle ali dell’aquila>>, l’uccello ritornò sulla Terra, ma (secondo questa versione) Etana e l’aquila fecero un secondo tentativo che a quanto pare ebbe successo, perché il re successivo di Kish, Balih, viene identificato come “figlio di Etana”. Balih regnò per soli 400 anni (o 410) anni.

Il racconti di Etana venne illustrato dagli antichi artisti su sigilli cilindrici (vedi immagine sopra): uno inizia con “l’aquila” nella sua “fossa” e un altro mostra Etana che volteggia fra la Terra (vedi nell’immagine i sette puntini) e la Luna (identificata dalla sua falce).

Il racconto è istruttivo sotto vari aspetti: fornisce una descrizione realistica di un volo nello spazio con la Terra che diventa sempre più piccola alla vista e conferma ciò che numerosi altri testi suggeriscono, ovvero che i viaggi tra la Terra e Nibiru erano più frequenti che una volta ogni 3.600 anni.

Il racconto non si pronuncia sulla condizione mortale o semi-divina di Etana, ma si può solo supporre che il re non sarebbe stato autorizzato a compiere voli spaziali e neppure avrebbe regnato per un millennio se non fosse stato un semidio.

Il fatto che un’iscrizione più tarda doti il nome di Etana del prefisso determinativo “Dingir” supporta la conclusione che il re fosse di origine divina e in un’annotazione in un altro testo, secondo cui Etana era dello stesso “seme puro” di Adapa, può servirci da indizio per capire chi fosse il padre.

La possibilità che fra i ventitré re che regnarono a Kish ci sia stata un’alternanza di semidei e loro discendenti mortali si affaccia alla mente sopratutto quando arriviamo al sedicesimo re, En.me.nunna. che regnò per 1.200 anni e al quale succedettero i due figli con regni mortali di 140 e 305 anni.

 

Tratto dalle me letture:

“Quando i Giganti abitarono la Terra”(2010)

di Zacharia Sitchin  

p: 244-245-246-147  

http://ningizhzidda.blogspot.it/