Archivi tag: digitale

Il Profondo Apprendimento dei Grandi Dati

Big Data e Deep Learning

Autore marceellopamio

Dottor Alfred Spitzer, «Solitudine Digitale»

Dall’inizio di questo secolo gli stati del mondo occidentale “civilizzato” raccolgono i dati personali dei loro cittadini in proporzioni mai conosciute finora. Una delle fonti fondamentali di questi dati siamo noi stessi! Siamo noi che forniamo i dati, sia con il pieno consenso, sia del tutto inavvertitamente: che siano le nostre email e le nostre telefonate ad essere lette o ascoltate, le nostre abitudini d’acquisto a essere registrate (per mezzo delle tessere fedeltà), i nostri movimenti (non solo) nei luoghi pubblici a essere monitorati per mezzo di telecamere, dei nostri smartphone o del software della nostra auto, o che siano i nostri sentimenti e stati d’animo essere non solo registrati e analizzati, ma ormai anche manipolati per mezzo di Facebook o Twitter, non fa differenza.

Prima ci preoccupavamo di ciò che sapevano sul nostro conto l’Agenzia delle Entrate o la Motorizzazione Civile. Oggi vengono raccolti, memorizzati e analizzati i dati sul nostro conto da numerose aziende e dallo Stato, in proporzioni tali che la furia catalogatrice della Stasi sembra a confronto un semplice “caffè tra signore”.
Non c’è da meravigliarsi se ormai il termine Big Data ha assunto un retrogusto sgradevole.
Il motivo che si adduce per giustificare tale furia catalogatrice è l’aumento degli attacchi terroristici: per evitarli, l’intera società deve reagire con una maggior vigilanza al fine di garantire la sicurezza interna.

Big Data e Deep Learning

Non è solo la raccolta dei dati personali ad aver conosciuto una crescita esponenziale, ma anche la possibilità di una loro analisi. E’ stato solo con lo sviluppo dei più moderni programmi di elaborazione dati che si è reso possibile interpretare i dati che uno smartphone fornisce con tutti i suoi sensori (sensori per i gesti, i movimenti, la velocità, la temperatura, l’umidità eccetera), con il microfono, le videocamere e il sistema di navigazione satellitare.
Perché solo quando l’enorme massa di dati in entrata può essere anche automaticamente analizzata si ha una reale possibilità di spiare gli uomini sulla Terra.

Non c’è da meravigliarsi quindi se quasi in contemporanea all’arrivo dello smartphone siano stati fatti i necessari progressi nell’ambito dell’elaborazione dati. Tali progressi sono conosciuti con il nome di Big Data e Deep Learning.

Il concetto di Big Data è ambiguo e i suoi contorni non solo sono sfocati, ma anche in continuo mutamento. In ogni caso si tratta di quantità di dati talmente esorbitanti che non è possibile avere una visione di insieme senza l’aiuto di strumenti meccanici e per i quali non bastano più nemmeno i consueti processi di elaborazione dati digitale.

Si dice che la quantità di dati disponibili prodotti in tutto il mondo, raddoppia ogni due o tre anni, ma si dimentica che questo dipende non da ultimo dal fatto che ci sono sempre più macchine fotografiche che scattano in continuazione foto, con una definizione sempre maggiore, che la nostra comunicazione – mail, telefonate, messaggi ecc. – viene osservata e memorizzata sempre meglio, e che i sensori più disparati forniscono in maniera del tutto automatica dati per qualsiasi cosa (a partire dal meteo fino alle nostre pulsazioni), mentre prima ci limitavamo ad assistere i fenomeni naturali senza registrarli. Con Big Data s’intende senz’altro anche questo aspetto del nostro mondo tecnologizzato.

Big Data si riferisce comunque soprattutto alle possibilità di salvataggio e interpretazione dei dati in giganteschi centri dati che sorgono nelle vicinanze di corsi dei fiumi e/o di centrali elettriche, perché calcolatori e sistemi di immagazzinamento dati sviluppano un fabbisogno energetico molto elevato, non da ultimo per il raffreddamento.

Le banche dati contengono così tante informazioni che estrarre quelle rilevanti somiglia davvero all’estrazione di metalli in una miniera. Per questo la ricerca all’interno di grandi quantità di dati viene chiamata Data Mining.
Le possibili conseguenze di tutto ciò le ha scoperte a proprie spese una quindicenne americana incinta…

L’incredibile storia della ragazza incinta

La ragazza non aveva ancora informato i genitori della sua gravidanza, quando ricevette posta da un supermercato locale: pubblicità di vestiti pre-maman, fasciatoi e molti, molti visi di bebè…

Il padre, che non aveva trovato affatto divertente la cosa si recò furibondo al supermercato chiedendo di parlare con il manager: «Mia figlia ha trovato questo nella cassetta postale (…) va ancora a scuola e voi le ha mandate coupon per vestiti da bebè e culle? Volete che mia figlia rimanga incinta?»
Il manager si scusò e anche dopo qualche giorno telefonò di persona per scusarsi nuovamente. Ma la voce del padre adesso suonava affranta: «ho fatto una chiacchierata a quattrocchi con mia figlia. Ho scoperto che a casa nostra succedevano cose di cui non sapevo nulla. Partorirà ad agosto. Sono io che devo scusarmi con lei».

Cos’era accaduto?

Nei supermercati degli Stati Uniti esistono da molto tempo coupon, sconti e carte socio che hanno essenzialmente la funzione di raccogliere informazioni sul cliente: età, sesso, stato di famiglia, figli, domicilio, guadagno; le carte di credito utilizzate, le pagine web consultate sono note ai negozi tanto quanto le preferenze tra le marmellate, il caffè o i fazzoletti di carta, oppure le particolarità della dieta (vegetariana, vegana, intollerante al lattosio o al glutine, ecc.)

Se le informazioni possedute dai supermercati non sono per loro sufficienti, ne comprano altre: «sull’appartenenza etnica, sulle precedenti occupazioni, sulle riviste lette, se si è stati inadempienti o se si è separati, in che anno si è comprato casa, che scuola si è frequentata o che università, di cosa si parla o si scrive online, quali sono le posizioni politiche, ecc.»

 La catena di supermercati Target, la seconda più grande negli USA, è tra le prime che provano a scoprire per mezzo del Data Mining quali delle proprie clienti siano in stato di gravidanza.

Per far ciò si confrontano gli acquisti di migliaia di donne che si sa essere incinte, con gli acquisti delle donne non incinte. Da tale confronto risulta che le donne in stato di gravidanza, a partire circa dall’inizio del loro quarto mese, comprano prodotti per la pelle senza l’aggiunta di profumi e, nei primi 5 mesi di gravidanza, acquistano integratori alimentari come calcio, magnesio e zinco.

«Sono molte le clienti che comprano saponi e ovatta, ma quando la cliente inizia all’improvviso a comprare molti saponi inodori, confezione extralarge di ovatta, lozioni per il bucato a mano e strofinacci, è probabilmente vicina alla data del parto»

In questo modo, sulla base di circa 25 prodotti acquistati da una donna, è possibile non soltanto assegnare un punteggio di previsione della gravidanza, ma anche calcolare una finestra relativamente ristretta sul giorno della nascita.

Su questa base è possibile raggiungere i clienti con pubblicità molto mirate e tanto più efficaci se si pensa che la gravidanza e la nascita di un figlio sono sempre fasi di cambiamenti radicali, in cui si definiscono alcune vecchie abitudini.

Così è successo quello che doveva succedere…

Dopo che l’incidente della ragazza quindicenne è stato reso pubblico sul «New York Times»[1], ci si è resi conto che la strategia adottata non era affatto una buona strategia di marketing. Eppure chi crede che il supermercato abbia abbandonato il suo calcolo delle previsioni di gravidanza si sbaglia.

Adesso lo fa soltanto in maniera più subdola, stampando un tosaerba accanto al pannolino sul coupon, in modo che la cosa dia meno nell’occhio: la cliente crede che tutti ricevano lo stesso coupon e considera la pubblicità dei pannolini un caso…

Alfred Spitzer, medico psichiatra è stato visiting professor a Harvard e attualmente dirige la Clinica psichiatrica e il Centro per le Neuroscienze e l’Apprendimento dell’Università di Ulm.
Autore di numerosi saggi tra cui «Demenza Digitale»

Note

[1] «How company learn your secrets», «New York Times», 16 febbraio 2016, https://www.nytimes.com/2012/02/19/magazine/shopping-habits.html

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Latente tossicodipendenza dei bambini

Genitori attenzione: una generazione di bambini tossicodipendenti

Wikimedia Commons

Inserito da: Katherine Rushton

La naturale inclinazione umana verso la dipendenza è già abbastanza grave, ma gli algoritmi di YouTube guidano volutamente la gioventù verso materiale inappropriato e inquietante che non dovrebbe impressionare le giovani menti. Se hai figli o nipoti, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

I bambini sono diventati tali tossicodipendenti che stanno abbandonando i loro amici e gli hobby, oggi un importante rapporto ci avverte avverte.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini al di sotto dei cinque anni trascorrono un’ora e 16 minuti al giorno online. Il tempo di visualizzazione dello schermo è di quattro ore e 16 minuti quando sono inclusi giochi e televisione.

I giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni trascorrono in media quasi tre ore al giorno sul web, oltre a due ore in più guardando la TV. Lo studio ha detto che YouTube è stata “una caratteristica quasi permanente” di molte giovani vite e sette su dieci di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno portato gli smartphone a letto.

Conclusione: “I bambini guardavano le persone su YouTube a perseguire gli hobby che non avevano fatto da soli o che avevano abbandonato di recente offline”.

Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

Il principale studio di Ofcom arriva quando l’analisi mostra che gli iPad possono ostacolare lo sviluppo dei bambini

Quasi il 20% dei bambini con meno di cinque anni ha una compressa, che sale alla metà dei bambini più grandi (immagine)

Gli attivisti hanno descritto il rapporto del controllore dei media Ofcom come terrificante.

“Nei primi anni, i bambini hanno bisogno di interagire con altre persone e giocare – è fondamentale per le loro abilità sociali”, ha affermato Sue Palmer del gruppo Toxic Childhood.

‘Se ciò non accade quando sono piccoli, non so dove conduce. C’è lo stesso tempo dello schermo e poi c’è lo spostamento dell’ora sullo schermo.”

Il rapporto annuale, basato su 2.000 interviste, ha rivelato anche che:

  • I bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni trascorrono 20 minuti in più online al giorno che a guardare la TV;
  • Un bambino su cinque pre-scolaresca e due quinti dei bambini di età compresa tra cinque e otto anni hanno un dispositivo iPad o tablet;
  • Un quinto dei bambini di età compresa tra 8 e 12 anni è sui social media – nonostante un presunto divieto di minori di 13 anni;
  • Quasi un bambino su cinque tra i 12 e i 16 anni ha speso accidentalmente denaro online.

I bambini di tre e quattro anni guardano ancora più la televisione rispetto ai video online, ma il loro consumo televisivo si sta riducendo mentre il loro tempo online è sbalorditivo.

Molti si affollano su YouTube e trascorrono ore a guardare video a misura di bambino come il modo di fabbricare la melma o disegnare animali. Altri cercano video “unboxing” in cui le stelle di YouTube sfornano nuovi prodotti.

Alcuni giovani stanno diventando così ossessionati dalle celebrità di YouTube che li idolatrano come modelli di riferimento, ha affermato il rapporto Ofcom.

Alcuni caricano i loro video, sperando di fare carriera da soli. Disturbingly, molti guardano lo stile di vita dei “vlogger” che perseguono gli hobby e interagiscono con gli amici invece di farlo da soli.

Molti nuovi genitori considerano l’opportunità di offrire ai loro figli un iPad o un tablet con cui giocare considerandoli essere una manna dal cielo – ma le cifre mostrano che più giovani si stanno allontanando dai vecchi hobby

Ofcom ha parlato con un numero di bambini che avevano abbandonato i loro hobby – come disegnare e fare acrobazie in scooter – per guardare film su YouTube.

Un bambino che si è descritto come “molto arty” ha ammesso di aver provato raramente qualsiasi tipo di artigianato, e ha preferito guardare gli altri a essere creativi online.

Alcuni giovani hanno dichiarato di socializzare meno con gli amici, perché uscire di casa era “troppo sforzo” quando potevano interagire con loro online.

“YouTube è stata una caratteristica quasi permanente della vita di molti bambini, utilizzata durante il giorno”, hanno affermato i ricercatori.

Ma molti bambini che vanno online per guardare video innocui si trovano a guardare materiale profondamente inquietante. Spesso incontrano contenuti non adatti per sbaglio, quando cercano qualcos’altro.

A volte cercano semplicemente materiale che sono troppo giovani per vedere. Sono anche guidati da questo algoritmo di YouTube che fornisce loro suggerimenti basati sui loro gusti, ha rilevato Ofcom.

Solo uno su cento dei minori di 5 anni ha uno smartphone, ma a 11 è cresciuto del 35%

I bambini preferiscono YouTube ai servizi televisivi o TV on-demand vecchio stile perché “potevano facilmente accedere esattamente a ciò che volevano vedere e venivano offerti con un flusso infinito di raccomandazioni su misura per i loro gusti”, afferma il rapporto.

Molti dei genitori coinvolti nella ricerca sono rimasti scioccati nello scoprire cosa stavano guardando i loro figli. Due quinti di quelli con bambini dai 5 ai 15 anni temevano che i loro figli fossero sotto pressione per spendere soldi sul web.

La metà era preoccupata per le imprese tecnologiche che raccoglievano troppe informazioni sui loro figli, e circa un terzo temeva che i loro figli vedessero contenuti inadatti o fossero radicalizzati dagli estremisti.

Nonostante queste paure, molti genitori di adolescenti hanno ammesso di avere difficoltà a controllare la quantità di tempo trascorso dai loro figli online.

Secondo il rapporto parte del problema era che i giovani preferiscono guardare i contenuti sul web da soli.

Guardano la TV in diretta come un’attività di famiglia, ma si sentono molto più a loro agio su un dispositivo che possono controllare in privato.

I bambini usano spesso più schermi contemporaneamente, ma le ore che dedicano a ciascuno vengono contate separatamente per la ricerca Ofcom.

Stanno anche utilizzando più profili di social media per progettare un ‘immagine perfetta’ e per evitare il bullismo. Il numero di persone di età compresa tra 12 e 15 anni vittime di bullismo online è quasi raddoppiato dal 5% nel 2017 al 9% l’anno scorso.

I giovani ora usano spesso diversi account per progettare diverse versioni di se stessi in modo che il loro “sé reale” possa evitare lo stigma sociale, afferma il rapporto.

Più della metà dei bambini intervistati ha affermato che i social media presentano un’immagine non realistica, e alcuni ricercatori hanno affermato che i filtri glamour e lusinghieri per renderli più “graziosi” sono stati utilizzati in molti casi. Circa il 20% delle ragazze ha dichiarato di aver bisogno di apparire online sempre “online” rispetto a solo l’11% dei ragazzi.

Il cane da guardia ha scoperto che i bambini dovevano affrontare il bullismo sempre più spesso attraverso servizi come WhatsApp.

La scorsa settimana il padre della quattordicenne Molly Russell ha accusato Instagram per la sua morte, dopo aver visto post sul social network che ha affascinato il suicidio e l’autolesionismo.

Anche la piattaforma YouTube di proprietà di Google è stata messa sotto accusa per consentire jihadisti, attivisti di estrema destra e predicatori di odio.

****************************

Come gli iPad possono ostacolare lo sviluppo

Lasciare che i bambini in età prescolare giochino su iPad e guardino un sacco di televisione può danneggiare il loro sviluppo, hanno scoperto i ricercatori.

Hanno detto che quelli che sono stati esposti maggior tempo sullo schermo all’età di due anni hanno mostrato abilità generali più limitate all’età di tre anni.

I ricercatori, dell’Università di Calgary in Canada, hanno dichiarato: “I media e gli schermi digitali sono ormai onnipresenti nella vita dei bambini.

“Sebbene siano stati identificati alcuni benefici del tempo sullo schermo interattivo di alta qualità, il tempo di schermatura eccessivo è stato associato a deleteri risultati fisici, comportamentali e cognitivi. Lo studio ha esaminato i risultati durante un periodo critico di crescita e maturazione, rivelando che il tempo trascorso sullo schermo può interferire con la capacità dei bambini di svilupparsi in modo ottimale.

“Quando osservano gli schermi, possono mancare importanti opportunità per praticare e padroneggiare le capacità interpersonali, motorie e comunicative.”

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics, monitorava 2.400 bambini.

Leggi l’articolo completo in lingua originale qui …

Fonte: https://www.dailymail.co.uk/

®wld

Almanacco di ottobre 2018

chi ha fatto più debito pubblico

Riprendo da IcebergFinanza questa tabella. E ricordare che nel 1980, quando ancora vigeva il “matrimonio” fra Tesoro e Banca Centrale, il debito publico era sotto il 60% del Pil: il risparmio italiano finanziava se stesso, e la crescita del Pil. Nel 1981, non per legge bensì con un paio di lettere che si scambiarono privatamente il ministro del Tesoro (Andreatta) e il governatore di Bankitalia (Ciampi), quest’ultima cessò di acquistare i BOT che i “mercati” non assorbivano, come aveva fatto prima, in pratica cessandfo di calmierare gli interessi sul debito. 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

“La storia di una grande illusione” di William White 

Il secolo 19º è il secolo che vide la nascita delle vaccinazioni di massa, e con essa vide anche un feroce dibattito che prese forma, già allora, fra vaccinisti e anti-vaccinisti. Del gruppo dei secondi faceva parte lo scrittore William White, che nel 1885 – dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale in Inghilterra – scrisse il libro “The story of a Great Delusion” (La storia di una grande illusione). Quelli che seguono sono alcuni estratti dalla prefazione del libro. 

[Nota storica: prima della vaccinazione vera e propria, inventata dal medico inglese Edward Jenner, si praticava la variolizzazione, che consisteva nel contagiare direttamente le persone con una forma leggera di vaiolo tramite una escoriazione cutanea “arm to arm” (da un braccio all’altro), dalla persona già contagiata alla persona sana. Questa pratica sarebbe poi stata sostituita dall’inoculazione diretta del virus del vaiolo preso dalla mucca (da cui il termine “vaccino”)].

La storia di una grande illusione – di William White L’articolo continua QUI

Vaccinare ragazzi e nonni, o niente più esenzioni sul ticket?

Si chiama “vaccinazione universale”, e ha un sapore sinistramente orwelliano: negli Usa, prevede che siano immunizzati i neonati – ad appena 6 ore di vita – dal virus dell’epatite B, che si può contrarre solo per via sessuale o attraverso aghi infetti. «E’ pieno, infatti, di neonati che ad appena 6 ore dal parto vanno in giro a fare sesso o a iniettarsi eroina». Una garanzia: «I piccoli incorporano veleni che possono danneggiargli il cervello in modo anche irriversibile, non avendo ancora un sistema immunitario bilanciato». Massimo Mazzucco, ovvero: viaggio – virtuale, ma non troppo – nell’incubo che ha invaso di colpo la mente di milioni di italiani, dopo l’adozione del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale. «Prima, dei 4 vaccini obbligatori non parlava nessuno», ricorda Fabio Frabetti di “Border Nights”. «Poi, all’improvviso, le vaccinazioni divenute improvvisamente obbligatorie (in prima battuta addirittura 12, e senza alcuna emergenza sanitaria in corso) sono state recepite come un fatto fisiologico, quasi naturale, al quale semplicemente arrendersi». Fino al delirio che ora sembra contagiare lo stesso governo gialloverde: lungi dall’abrogare la filosofia della legge Lorenzin, il grillino Stefano Patuanelli sta lavorando a un decreto legge che, si dice, potrebbe anche sfociare in qualcosa di persino peggiore: per esempio, l’obbligo vaccinale esteso agli anziani, pena la perdita dell’esenzione dai ticket sanitari.L’articolo continua QUI

SCIE CHIMICHE E TUMORI A TERNI – “L’INDAGINE SENTIERI”  

Di: Errante

Il presente articolo non vuole mettere in dubbio l’esito dell’Indagine “SENTIERI”, ma vuole approfondire e tentare di fare chiarezza in un settore critico come Ambiente/Salute.

TERNICirca un mese fa a Terni è stata resa pubblica l’Indagine “SENTIERI”. Uno studio sull’incidenza di tumori e mortalità nelle età giovanili da 0 a 29 anni. L’indagine è stata eseguita su alcuni siti sensibili italiani, particolarmente soggetti ad inquinamento da industrie. Da sottolineare, come dice il documento, che alcune fonti sono sconosciute ma l’accusa è rivolta soprattutto contro l’impianto siderurgico che ha sede in città. Si parla di “eccessi”, ossia la differenza risultante dal confronto con la casistica nazionale. Quello che si sussurrava ora è noto a tutti, ufficialmente, importante rilevare come afferma il documento pubblico (link download), che si tratta della prima volta che lo studio è rivolto al settore dei giovani.

I risultati sono veramente tragici, tumori perfino nei feti, non vengono citati altri casi molto diffusi come Leucemie e Tumori della Tiroide; da 0 a 29 anni è in corso una strage. (Vedasi situazioni e casi analoghi in tutta Italia). L’articolo continua QUI

PIOGGIA DI FILAMENTI DAL CIELO

Il fenomeno alquanto strano si ripete da anni in molte zone del globo, ed anche in Italia. E proprio negli ultimi giorni pare intensificarsi. Segnalazioni arrivano soprattutto dall’Italia centrale. Molte persone hanno anche filmato la pioggia di tali filamenti, molto simili a ragnatele.

Mostriamo foto e analisi di uno tra i tanti casi. Un ingegnere elettronico voleva sapere di più e ha fatto eseguire una analisi a spese sue analizzando i campioni di questi filamenti per capire quanto meno l’origine e le cause, ed eventuali tossicità per l’uomo. I dati mostrano , come del resto altre volte, non sono stati ragni a depositare questi filamenti. Continua a leggere QUI

Ancora errori dell’IPCC sui cambiamenti climatici. Gli scienziati lo dimostrano

Pubblicato da Enzo Ragusa  

Di John Dale Dunn e Joseph Bast – 8 Ottobre 2018  

Oggi, il Gruppo Intergovernativo di esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) ha pubblicato una relazione speciale sui presunti impatti del “riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e dei relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia di cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà”.

In concomitanza con la pubblicazione di questa pubblicazione, il Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) ha pubblicato il 5 ottobre una bozza di Summary for Policymakers del quinto volume della serie “Climate Change Reconsidered”. Quel rapporto è disponibile online qui.

Le due relazioni raccontano storie drammaticamente diverse sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici. Si prevede che il rapporto dell’IPCC, denominato SP15, affermi che le emissioni di gas serra provocano un riscaldamento senza precedenti dell’atmosfera del pianeta, che è troppo tardi per evitare un riscaldamento di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e che nulla meno di una drastica riduzione dell’uso di combustibili fossili, forse persino un divieto assoluto imposto dalle Nazioni Unite, è necessario per prevenire una catastrofe globale. Continua a leggere QUI 

BARNARD SPIEGA LA DISRUPTION A TUTTI: COME FUNZIONA NEL CUORE.

Di Paolo Barnard

Prefazione fissa: cos’è la Disruption. Per Disruption oggi s’intende lo sconvolgimento, in positivo o in negativo, delle società e dell’economie portato dall’arrivo di nuove tecnologie dotate di una potenza mai vista dalla Storia umana. Il termine Disruption esprime il seguente concetto: tutto cambierà come mai visto prima, e nulla sarà più come prima. Ne consegue che, nel Terzo Millennio, non comprendere la Disruption equivale alla progressiva esclusione di Stati e individui da tutto, fra cui lavoro, produzione, salute, democrazia.

Non si può scrivere una piccola enciclopedia della Disruption iniziando a raccontare le cose che già, almeno di nome, sono sula bocca di tutti, come l’Artificial Intelligence, le App, la robotica, i super computer, la Blockchain o Big Data. Questo perché è fondamentale, prima, darvi lo strumento per capire cosa si nasconde dietro a tutto questo immane potere tecnologico, cioè proprio come fa a funzionare alla base. Infatti quasi nessuno lo sa.

Ogni singolo oggetto Digitale che oggi esiste, da quelli nella tasca del cittadino fino ai sistemi industriali e intercontinentali, deve la sua straordinaria capacità al seguente e davvero strano concetto:

Mucchi di elettroni sparati dentro a circuiti contando sull’alta… probabilità che si comporteranno come desiderato. Questo è il succo della grande scoperta chiamata Meccanica Quantistica. Senza di essa non esisterebbe il Digitale, né la Disruption.

A questo punto vi chiederete: la tech del futuro che già oggi domina il Pianeta sta in piedi su… calcoli di PROBABILITA’? Sembra una frase assurda, ma vi garantisco che è precisamente il modo in cui nell’essenza più profonda un cellulare usa la Rete, un computer crea una grafica, un laser esplora lo Spazio, una risonanza magnetica cerca immagini, un robot industriale riconosce una vite, l’Artificial Intelligence pensa, o l’energia illumina le città. Ora scomponiamo parola per parola quell’affermazione, e alla fine avrete compreso tutto ciò che è fondamentale capire su come le incredibili tecnologie della Disruption siano potute nascere e possano fare ciò che fanno. Continua a Leggere QUI

®wld