Crea sito

La zombieficazione pandemica delle imprese europee

Wikipedia Commons, George A. Romero

La zombieficazione pandemica delle imprese europee

 

Il grande panico del 2020 sta mettendo a dura prova le imprese europee poiché le società che sono come i “morti viventi” non vengono precluse perché le banche non possono permettersi di cancellare i crediti inesigibili, per timore che vengano dichiarate fallite. La vera carneficina deve ancora arrivare. ⁃ TN Editor

 

Le aziende zombi europee si stanno moltiplicando come mai prima d’ora. In Germania, una delle poche economie europee che ha resistito alla crisi del virus abbastanza bene, si stima che 550.000 aziende – circa un sesto del totale – potrebbe già essere classificati come “zombie”,  in base alla  ricerca da parte della agenzia di credito Creditreform. È una  storia simile  in Svizzera.

 

Le aziende zombi sono società con una leva finanziaria eccessiva e ad alto rischio con un modello di business che non è neanche lontanamente autosufficiente, poiché devono raccogliere costantemente denaro fresco da nuovi creditori per pagare i creditori esistenti. Secondo  la definizione della Banca dei regolamenti internazionali, non sono in grado di coprire i costi del servizio del debito con il loro EBIT (guadagni prima degli interessi e delle tasse) per un periodo prolungato.

 

Il numero di società zombi è aumentato in tutta Europa e in Anglosfera, a causa di due fattori principali:

 

  • Le politiche di denaro facile per sempre delle banche centrali, che hanno portato i tassi di interesse a livelli talmente bassi che anche le aziende con una ragionevole possibilità di insolvenza sono state in grado di continuare a emettere debito a tassi sostenibili. Anche molte grandi aziende di zombi sono state salvate, in alcuni casi più di una volta. Il gigante spagnolo dell’energia verde  Abengoa è stato salvato tre volte in cinque anni .
  • La tendenza delle banche scarsamente capitalizzate a rinnovare o ristrutturare continuamente i crediti inesigibili. Ciò è particolarmente diffuso in parti dell’Eurozona dove le banche sono particolarmente deboli, come l’Italia.

 

Un rapporto della Bank of America di luglio  ipotizza  che il Regno Unito rappresenti un incredibile terzo di tutte le società zombi in Europa. Rappresentano il 20% di tutte le aziende del Regno Unito, in aumento di quattro punti percentuali da marzo,  secondo  un nuovo documento del think tank conservatore Onward. Nei due settori più colpiti – alloggio e servizi di ristorazione, arte, intrattenimento e ricreazione – la percentuale di imprese zombie è aumentata rispettivamente di 9 e 11 punti percentuali, al 23% e al 26%.

 

Il numero di aziende zombi è aumentato vertiginosamente in quanto le aziende hanno assunto enormi volumi di nuovi debiti solo per resistere alla crisi del virus e, in molti casi, generando molto meno entrate. In tutto il mondo, le società non investment grade hanno emesso 322 miliardi di dollari nei primi otto mesi di quest’anno, così come nell’intero 2019,  secondo i  dati della BRI. Allo stesso tempo, le società che erano già zombi, invece di andare in bancarotta e avere i loro debiti ristrutturati, sono state salvate dal governo e / o dalla banca centrale.

 

Da parte loro, le aziende più piccole hanno anche assunto più prestiti bancari, in gran parte o completamente garantiti dal governo. Molte aziende, in particolare nei settori più colpiti dalla crisi, hanno ricavi inferiori e flussi di cassa più deboli. Di conseguenza, il denaro preso in prestito si esaurisce rapidamente ma il debito rimane. Se non erano zombi prima della pandemia, diventeranno zombi in futuro.

 

Cosa si deve fare con tutti questi zombi? Questa è la domanda che molti stanno chiedendo ora. Il rapporto di Onward propone un piano astuto (in vena Baldrick) – chiamato New Start – che convertirà qualsiasi debito del coronavirus che non può essere rimborsato in un prestito contingente di reddito raccolto come quota dei profitti di trading. Il debito sarebbe dovuto solo quando un’azienda inizia a realizzare un profitto.

 

“Il programma New Start offre la possibilità di ritardare in modo intelligente i rimborsi solo per quelle aziende che ne hanno bisogno”,  afferma  l’autore dello studio Angus Groom. “Questo può essere implementato come uno schema gestito da HM Treasury e implementato e controllato dalle banche, massimizzando nel contempo il valore dei contribuenti per i prestiti che il governo ha già sottoscritto”.

 

Il termine “schema” in inglese britannico in questo contesto significa “programma”, ma il significato statunitense di “schema” sembra essere almeno altrettanto appropriato. E i contribuenti probabilmente non vedranno mai più quei fondi.

 

Questa è una delle numerose proposte che circolano in Europa volte a trovare un modo per mantenere in piedi la maggior parte, se non tutti, degli zombi europei, il più a lungo possibile. Includono un semplice swap del “debito statale in azioni”, che implicherebbe essenzialmente la conversione dei prestiti di emergenza contratti dalle società in difficoltà in azioni da parte dei governi. Questa idea è particolarmente popolare tra i banchieri senior,  come il  CEO di Unicredit Jean Paul Mustier, presumibilmente perché anche le società di debito del coronavirus non pagabili che devono alle banche verrebbero trasformate in azioni.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

Correlati:

L’informatrice virologa cinese: afferma che la Cina ha creato il virus COVID-19

I Dati di Yelp: il 60% delle chiusure pandemiche è ora permanente

®wld

La Fede dei Dati nel truffatore moderno

I dati sono la nostra nuova falsa religione?

 

Nella falsa religione dei dati, l’eresia richiede dati che non vengono raccolti perché potrebbero rivelare realtà poco redditizie non remunerative.

Ecco come inizia ogni truffatore moderno:  diamo un’occhiata ai dati.  Ogni truffatore moderno inizia con un serio appello a  guardare i dati  perché il truffatore ha assemblato i dati per ingrassare le diapositive del truffatore.
Siamo stati indottrinati in una nuova e falsa religione, la  fede dei dati.  Siamo stati indottrinati incessantemente con la convinzione quasi religiosa che “i dati non mentono”, quando la realtà è che i  dati ci fuorviano costantemente perché questo è l’intento.
Nessuno nella  falsa religione dei dati  osserva mai ciò  che non misuriamo  perché ciò svelerebbe verità dirompenti.  Il mio ultimo libro  Will You Be Più ricco o povero ?: Profitto, potere e intelligenza artificiale in un mondo traumatizzato  guarda a tutte le conseguenze che non misuriamo e dato che non lo misuriamo, supponiamo  che non esista.  Questo è il gioco finale della  falsa religione dei daticiò che in realtà è importante non viene misurato e quindi non esiste, mentre ciò che viene misurato è abilmente impacchettato per supportare una narrativa che arricchisce quelli dietro lo schermo di “obiettivi basati sui dati scienza.”
La truffa basata sui dati può essere costruita in vari modi.  Alcuni punti di dati possono essere estrapolati abilmente per “dimostrare” qualche pretesa di egoismo, un po’ di dati possono essere evocati in un modello che proprio per supportare l’opzione di politica più redditizia, i punti di dati scomodi possono essere eliminati di nascosto tramite “filtro” “I trucchi statistici” possono essere invocati (con un’ondata di questa bacchetta magica …) per dichiarare dati semi-casuali “statisticamente significativi”, e così via, in un flusso quasi infinito di trucchi.
Allegato n. 1: il tasso ufficiale di inflazione.  Ecco i dati elevati all’abilità artistica. Come ho spiegato  nell’aggiornamento dell’indice Burrito: Burrito Cost Triple, aumento dell’inflazione ufficiale del 43% rispetto al 2001  (31 maggio 2018), i dati non gestiti da mele a mele mostrano che l’inflazione sta riducendo drasticamente il potere d’acquisto dei salari, una dinamica che non è distribuita in modo uniforme:  L’inflazione non è equamente distribuita: i protetti sono buoni, i non protetti sono servi del debito indeboliti  (25 maggio 2017).
Mentre le statistiche ufficiali sull’inflazione indicano un tasso annuo del 2,5%, le stime non manipolate (ad esempio l’indice Chapwood) rilevano che l’inflazione è a nord del 10% nelle principali aree urbane statunitensi
La borsa dei trucchi degli indovini di dati ufficiali include “aggiustamenti edonici” completamente falsi e inventati che magicamente abbassano il prezzo di beni e servizi del mondo reale.  Le auto sono presumibilmente “più economiche” ora perché sono molto più sicure e affidabili. Forse, ma possiamo essere onesti e ammettere che costano molto di più rispetto a una generazione fa?
I poveri sciocchi che danno centinaia di milioni di dollari ai truffatori del Big Data Marketing apparentemente non capiscono la debolezza della “scienza”.  Mentre Mark, Jesse e io discutiamo nel nostro ultimo Salon,  Algorithmic Guerrilla Warfare, alcuni punti di dati intenzionalmente fuorvianti trasformano l’intera “scienza” del Big Data Marketing nella famigerata “immondizia, immondizia”.
E così eccoci nel mezzo di una pandemia, e le battaglie su “cosa ci dicono i dati” sembrano più guerre di religione che scienza.  Tutti hanno tanta fretta di evocare un profitto redditizio o fare grandi affermazioni per la loro narrativa che  ciò che non stiamo misurando  viene ignorato
Ecco i dati grezzi che vorrei vedere raccolti:
  1. Qual è la percentuale di persone di età inferiore ai 50 anni che non hanno condizioni di salute croniche che risultano positive ai test si ritrovano con sintomi gravi che li rendono inabili per settimane o mesi?
  2. Qual è la percentuale di queste persone più giovani e più sane che presentano sintomi gravi che hanno danni agli organi che non guariscono in pochi mesi?
  3. Qual è la percentuale di persone che avevano anticorpi per il virus che si ritrovano di nuovo con la malattia qualche mese dopo?
La raccolta di questi dati non è banale e quindi potrebbe non essere mai raccolta, in parte perché i risultati potrebbero non supportare le narrative approvate:  qualunque dato non raccogliamo non esiste e non può interrompere i nostri modelli, i nostri centri di profitto, narrazioni, politiche, ecc.
Nella falsa religione dei dati, l’eresia richiede dati che non vengono raccolti perché potrebbero rivelare realtà poco redditizie e non redditizie.  Molto più sicuro bruciare gli eretici sul rogo piuttosto che lasciarli mettere in discussione i contro.
Ti potrebbero interessare:

Gli Intoccabili

Di FunnyKing , il 11 dicembre 2015 

Vorrei fare un minimo di chiarezza su una delle tante menzogne che circolano in rete e sui giornali mainstream in questi giorni.

Il così detto “salvataggio” del quattro banchette piddine del centro Italia ha scoperchiato il vaso di pandora, ovvero il fatto che il sistema bancario italiano è fragilissimo, sotto capitalizzato e pieno di crediti inesigibili che spesso sono il frutto di gestioni politicizzate delle banche (attraverso le “mitiche” fondazioni o il voto capitario delle popolari per esempio).

Una delle menzogne che mi fa uscire letteralmente dai gangheri sulla questione riguarda la lamentela pelosa italica riguardo al fatto che “gli altri paesi” (tipo la malvagyiaaaaa Germania) hanno potuto ricapitalizzare le loro banche con soldi pubblici e noi no.

Alcune considerazioni:

  1. Quindi devo supporre che ricapitalizzare con soldi pubblici le banche sia un bene.
  2. “Gli altri paesi”, forse, non avevano il problema di stock di debito dell’Italia e si sono potuti permettere di aumentare di decine di punti il rapporto debito/Pil per salvare le loro banche, e in ogni caso lo hanno fatto scegliendo di ipotecare il futuro dei figli per salvare i loro banchieri.
  3. Mentre “gli altri paesi” (tipo la malvagyaaaa Germania) salvavano le LORO banche con i LORO soldi pubblici, in itaGlia le autorità di controllo a partire da Banca d’Italia ci raccontavano che il sistema bancario italiano era (è il caso di usare il passato) il “più solido del mondo anzi dell’Universo” e che anzi, non dovere salvare le banche è un vanto italiano di fronte ai malvagi tedeschi.

Dunque ora che non si può più fare, per comune decisione politica, ratificata dall’Italia e nello specifico da questo e dai precedenti governi…

MA CHE CAZZO VOGLIAMO? 

Ma se vi chiedeste il perché in Italia non sia mai stata fatta una vera operazione verità e di sistema sul livello di crediti inesigibili e delle conseguenze sul capitale delle banche italiane.

Allora dovete chiedervi chi ha comandato nelle banche italiane e chi vuole ancora comandare nelle banche italiane nonostante una serie di palesi fallimenti che mettono a rischio l’intera economia italiana.

Il problema è sempre lo stesso: difendere lo status quo ovvero mantenere le consorterie politiche e bancarie che decidono a chi fare e a chi NON fare credito.

E i risultati si sono visti.

E attenzione, anche nel caso del “salvataggio” delle 4 merdose banchette piddine del centro italia, il metodo utilizzato ha operato chirurgicamente per espropriare il popolino in possesso delle obbligazioni subordinate senza un corrispettivo in azioni delle Nuove Banchette (merdose) Piddine Salvate.

E operando un salvataggio di:

  • Obbligazionisti ordinari (chi ha queste obbligazioni? vogliamo fare un controllino)
  • Il potere politico di decisione all’interno delle 4 banche. Fate caso che nessuna azione è andata agli unici soggetti che hanno davvero pagato per il dissesto, le 130.000 famiglie con in mano le obbligazioni subordinate. (e piantiamola di insultarle dicendo che si sono prese il 7% o l’8% sono PALLE, pochissimi bond avevano quel rendimento)

Tanto vi dovevo.

Ah ma tranquilli, i vostri soldi sono “nel sistema bancario” più sicuro dell’Universo, che su a Berlino strabuzzano gli occhi per l’invidia, lo dicevano anche agli obbligazionisti delle 4 merdose banchette piddine del centro italia, fino al giorno prima del fallimento.

Fonte: http://www.rischiocalcolato.it/ 

***********************

TrueSpotX: Fantozzi, il Debito e l’Euro

Video e ricerca dati a cura di Chiara Lyn e Mason Massy James.

LA QUESTIONE DELLA PROPRIETÀ DELLA MONETA AL MOMENTO DELLA SUA EMISSIONE

Tratto dal libro “Euroschiavi e i segreti del signoraggio“
di Marco Della Luna e Antonio Miclavez
Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org/

La questione della proprietà della moneta al momento della sua emissione. La Banca Centrale emette denaro per un valore, supponiamo, di mille miliardi di Euro.

Quel valore, quei mille miliardi, di chi sono? A chi appartiene la moneta, il valore del denaro, nel momento in cui viene emessa dalla Banca Centrale?Alla Banca Centrale stessa, che quindi ha diritto di farsela pagare dallo Stato? O allo Stato, al popolo, che quindi non dovrebbe pagare né il denaro né gli interessi alla Banca Centrale quando ha bisogno di denaro?

Si tratta di una questione fondamentale, perché dalla risposta che essa riceve, dipende essenzialmente l’indebitamento dello Stato. 

Il fatto che l’esercizio del potere monetario attraverso la Banca Centrale è uno strumento di potere dei banchieri sullo Stato, trova conferma in come le istituzioni statali sono impegnate a equivocare e a mentire in tutte le sedi, anche parlamentari, per coprire il fatto che la Banca d’Italia cede a caro prezzo denaro che a essa niente costa e a cui non è essa a dare il valore, ossia il potere di acquisto.

Il potere di acquisto, come abbiamo visto, glielo conferisce il mercato, la gente, attraverso la domanda di denaro.

La Banca Centrale non ha “prodotto” il valore del denaro, eppure si comporta come se fosse proprietaria del medesimo denaro, in quanto lo cede allo Stato (e alle banche commerciali) in cambio di titoli di Stato e contro-interessate.

QUESTO FATTO E’ PARADOSSALE

È come se il tipografo, incaricato dagli amministratori della società calcistica organizzatrice di una partita di stampare 30.000 biglietti di ingresso per le partite del campionato, col prezzo di € 20 stampato su ogni biglietto, chiedesse come compenso per il suo lavoro di stampa € 600.000, in base al fatto che i biglietti che ha prodotto “valgono” € 20 cadauno.

È vero che essi “valgono” € 20 cadauno, ma che essi abbiano un valore non dipende dal tipografo, bensì dall’associazione sportiva che ha formato la squadra, procurato il campo da gioco e organizzato la partita, sostenendo i relativi costi e producendo la domanda di quei biglietti, senza la quali questi niente varrebbero.

Gli amministratori della società sportiva lo sanno bene, ma il tipografo in parte li ricatta e in parte li lusinga perché promette loro che, se gli pagheranno l’ingiusto compenso richiesto, egli darà loro un lauto regalo e i fondi per farsi rieleggere alle prossime elezioni del consiglio di amministrazione.

Altrimenti, finanzierà altri candidati e una campagna di stampa contro i consiglieri onesti.

Il potere bancario si comporta come quel tipografo, e i governanti si comportano come i consiglieri ricattati e lusingati dell’associazione sportiva, riconoscendo alla Banca Centrale la proprietà o titolarità del valore del denaro che emette, stampato o scritturale che sia, e in cambio di esso indebitano ingiustamente e illogicamente proprio il popolo, che è il soggetto che, col suo lavoro e con la sua domanda, ossia col mercato, conferisce valore al denaro.

Per questa ragione, oltre che in base al principio costituzionale della sovranità popolare, al momento in cui viene emesso, il denaro, il suo valore, dovrebbe logicamente essere ed essere trattato come proprietà del popolo e, per esso, dello Stato.

Assolutamente lo Stato non dovrebbe indebitare se stesso e il popolo verso una Banca Centrale, pubblica o privata che sia, per ottenere denaro.

AL CONTRARIO

Ciò è proprio quanto succede incessantemente.

Ma vi è di peggio: la Banca Centrale , cioè i suoi azionisti, oltre ad appropriarsi, a danno dello Stato, del valore del denaro che essa emette, nei suoi propri conti segna questo valore non all’attivo ma al passivo, simulando un debito ed evitando, così, di pagare le tasse su quello che è un puro incremento di capitale e che, come tale, dovrebbe essere interamente tassato.

L’ovvio ragionamento che abbiamo testé svolto è stato già sottoposto al Parlamento, attraverso interrogazioni parlamentari, nel 1994 e nel 1995.

Entrambe le risposte elusero il problema, affermando che la Banca Centrale (allora, cioè, la Banca d’Italia) non sarebbe proprietaria dei valori monetari, ossia del valore del denaro emesso, perché il denaro emesso costituirebbe sempre un passivo, un debito; e che, perciò, giustamente la Banca d’Italia lo iscriveva come posta passiva nel proprio bilancio.

Come i membri competenti dei due governi interessati non potevano ignorare, queste risposte sono del tutto contrarie alla verità.

Innanzitutto, la risposta fornita è contraddetta dal comportamento dei governi medesimi – di tutti i governi. Infatti, se i governi fossero coerenti con l’affermazione che il denaro, il valore monetario, non appartiene alla Banca emittente, perché lo Stato continua a dare qualcosa (i titoli del debito pubblico) in cambio di Lire o Euro?

E se il denaro emesso costituisse una passività, un debito, perché mai lo Stato dovrebbe comperarlo pagandolo con titoli del debito pubblico, che costituiscono un credito per chi li riceve?

Si è mai visto che qualcuno paghi un altro per farsi cedere un debito?

Ma le risposte del governo sono anche false giuridicamente, perché il denaro non è affatto un debito per la Banca che lo emette.

Se fosse un debito, dovrebbe poter essere incassato dal portatore presso la Banca medesima, mediante conversione in oro, e il portatore della banconota aveva il diritto di farsela cambiare in oro dalla Banca Centrale che l’aveva emessa, come avveniva una volta, fino al 1929 circa, quando il denaro era convertibile in oro.

Anche in tempi successivi al 1929, molte banconote portavano la scritta “Pagabile a vista al portatore”.

MA PAGABILE IN CHE COSA DATO CHE ESSE NON ERANO CONVERTIBILI IN ORO?

In realtà, quei biglietti non erano pagabili in alcun modo e quella scritta era una menzogna per ingannare il pubblico e fargli credere che i biglietti di banca fossero convertibili in qualcosa avente valore proprio o che la banca si fosse indebitata per emetterli, il che è falso (mentre era vero in un ormai lontano passato).

Del resto, è naturale che nessun governo potrebbe permettersi di dare risposte veridiche a simili questioni, perché ammetterebbe che la sua vera funzione è defraudare i cittadini e gli elettori per arricchire un’élite finanziaria che detiene il vero potere.

Ma quanto sopra costituisce solo la punta dell’iceberg.

Perché il grosso, circa l’85%, del denaro esistente e circolante al mondo, non è denaro vero, emesso da Banche Centrali, ma denaro creditizio, ossia aperture di credito e disponibilità di spesa create dal nulla dalle banche commerciali, le quali, attraverso questa creazione continua di nuovo denaro creditizio, si impossessano di quote crescenti del potere d’acquisto complessivo della popolazione mondiale.

Di ciò si parlerà più diffusamente in seguito in tema di signoraggio secondario o creditizio.

CARO CITTADINO EUROPEO SAPEVI CHE ?

– Il debito pubblico è fasullo e le tasse che paghi a causa di esso sono illegali e incostituzionali.

– Banca d’Italia S. p. A, autorizzata a creare in modo autonomo denaro dal nulla senza garanzie auree o di altro tipo, è dal 1948 di proprietà privata.

– I suoi azionisti (detti ‘partecipanti’) sono le altre banche e assicurazioni private. Il debito pubblico dello Stato, quindi dei cittadini, nasce nei loro confronti.

– La Banca d’Italia (analogamente alla Banca Centrale Europea) usa un artificio contabile più o meno espressamente legalizzato per camuffare i propri utili, non pagare le tasse su essi dovuti e per non darli allo Stato, come dovrebbe per statuto.

– La Banca d’Italia dovrebbe, per statuto, vigilare sulla correttezza delle altre banche; ma essa stessa è di proprietà di banche private, le quali nominano il suo governatore e i suoi direttori; quindi questi dovrebbero sorvegliare chi li nomina – cosa del tutto improbabile.

– Le tasse vanno in gran parte a pagare il debito pubblico e gli interessi su di esso, quindi finiscono in tasca ai proprietari privati della Banca d’Italia e della Banca Centrale Europea, e non per spese di interesse collettivo.

– Per arricchirli, il debito pubblico viene continuamente fatto crescere – e ciò non solo in Italia e non solo di recente.

– L’organizzazione a monte di questo sistema di potere bancario è internazionale: in quasi tutti gli altri Paesi, infatti, la situazione è simile a quella italiana.

– Tale sistema, di cui i mass media si guardano bene dal parlare (come pure i sindacalisti, i parlamentari, i ministri, i presidenti) ha prodotto nel tempo, e ancor oggi sempre più produce, un enorme e sistematico trasferimento di beni e di ricchezze dalle tasche dei cittadini a quelle dei banchieri, ma anche un trasferimento del potere politico dalle istituzioni democratiche alle mani dei banchieri sovranazionali.

– Il vero potere politico ed economico, a livello mondiale e nazionale, sta in questi meccanismi, ignoti a tutti o quasi; essendo sconosciuti, essi sono ancor più efficaci..

– Il Trattato di Maastricht, l’Euro, la Banca Centrale Europea, sono strumenti di completamento di questo trasferimento.

– La corrente mancanza di denaro, la crisi economica, i fallimenti e le privatizzazioni sono p.i.l.otati da loro attraverso governi a sovranità limitata, e vanno a loro vantaggio.

– La soluzione efficace è ben nota ed è stata ripetutamente proposta: restituire al popolo, quindi allo Stato, la funzione sovrana dell’emissione del denaro, in modo che non si debba più indebitare.

– Il risultato sarebbe: tasse quasi eliminate, denaro a costo zero per lo stato e la Pubblica Amministrazione , economia fiorente; potere politico democratico anziché in mano alle banche.

– Ovviamente, gli unici danneggiati da questa riforma sarebbero i banchieri.

– E’ anche stata proposta una soluzione parziale: la moneta complementare, sull’esempio di migliaia di realtà nel mondo.

– Sono state proposte e talora attuate, nella storia, anche soluzioni globali, e hanno funzionato: l’emissione di denaro da parte dello Stato, direttamente e sovranamente, senza l’inutile intermediario di una banca centrale di emissione. Fonte: http://www.masonmassyjames.it/


Si veda inoltre l’articolo:

ed i video:

********************

Dopo quattro anni non è cambiato nulla 

Le banche creano soldi dal nulla per poi avere un controllo totale sulle nazioni. Ti serve altro? Dal film “Gli intoccabili”: “Adesso cosa sei disposto a fare?”

http://ningizhzidda.blogspot.it/