Archivi tag: cyberbullismo

Latente tossicodipendenza dei bambini

Genitori attenzione: una generazione di bambini tossicodipendenti

Wikimedia Commons

Inserito da: Katherine Rushton

La naturale inclinazione umana verso la dipendenza è già abbastanza grave, ma gli algoritmi di YouTube guidano volutamente la gioventù verso materiale inappropriato e inquietante che non dovrebbe impressionare le giovani menti. Se hai figli o nipoti, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

I bambini sono diventati tali tossicodipendenti che stanno abbandonando i loro amici e gli hobby, oggi un importante rapporto ci avverte avverte.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini al di sotto dei cinque anni trascorrono un’ora e 16 minuti al giorno online. Il tempo di visualizzazione dello schermo è di quattro ore e 16 minuti quando sono inclusi giochi e televisione.

I giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni trascorrono in media quasi tre ore al giorno sul web, oltre a due ore in più guardando la TV. Lo studio ha detto che YouTube è stata “una caratteristica quasi permanente” di molte giovani vite e sette su dieci di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno portato gli smartphone a letto.

Conclusione: “I bambini guardavano le persone su YouTube a perseguire gli hobby che non avevano fatto da soli o che avevano abbandonato di recente offline”.

Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

Il principale studio di Ofcom arriva quando l’analisi mostra che gli iPad possono ostacolare lo sviluppo dei bambini

Quasi il 20% dei bambini con meno di cinque anni ha una compressa, che sale alla metà dei bambini più grandi (immagine)

Gli attivisti hanno descritto il rapporto del controllore dei media Ofcom come terrificante.

“Nei primi anni, i bambini hanno bisogno di interagire con altre persone e giocare – è fondamentale per le loro abilità sociali”, ha affermato Sue Palmer del gruppo Toxic Childhood.

‘Se ciò non accade quando sono piccoli, non so dove conduce. C’è lo stesso tempo dello schermo e poi c’è lo spostamento dell’ora sullo schermo.”

Il rapporto annuale, basato su 2.000 interviste, ha rivelato anche che:

  • I bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni trascorrono 20 minuti in più online al giorno che a guardare la TV;
  • Un bambino su cinque pre-scolaresca e due quinti dei bambini di età compresa tra cinque e otto anni hanno un dispositivo iPad o tablet;
  • Un quinto dei bambini di età compresa tra 8 e 12 anni è sui social media – nonostante un presunto divieto di minori di 13 anni;
  • Quasi un bambino su cinque tra i 12 e i 16 anni ha speso accidentalmente denaro online.

I bambini di tre e quattro anni guardano ancora più la televisione rispetto ai video online, ma il loro consumo televisivo si sta riducendo mentre il loro tempo online è sbalorditivo.

Molti si affollano su YouTube e trascorrono ore a guardare video a misura di bambino come il modo di fabbricare la melma o disegnare animali. Altri cercano video “unboxing” in cui le stelle di YouTube sfornano nuovi prodotti.

Alcuni giovani stanno diventando così ossessionati dalle celebrità di YouTube che li idolatrano come modelli di riferimento, ha affermato il rapporto Ofcom.

Alcuni caricano i loro video, sperando di fare carriera da soli. Disturbingly, molti guardano lo stile di vita dei “vlogger” che perseguono gli hobby e interagiscono con gli amici invece di farlo da soli.

Molti nuovi genitori considerano l’opportunità di offrire ai loro figli un iPad o un tablet con cui giocare considerandoli essere una manna dal cielo – ma le cifre mostrano che più giovani si stanno allontanando dai vecchi hobby

Ofcom ha parlato con un numero di bambini che avevano abbandonato i loro hobby – come disegnare e fare acrobazie in scooter – per guardare film su YouTube.

Un bambino che si è descritto come “molto arty” ha ammesso di aver provato raramente qualsiasi tipo di artigianato, e ha preferito guardare gli altri a essere creativi online.

Alcuni giovani hanno dichiarato di socializzare meno con gli amici, perché uscire di casa era “troppo sforzo” quando potevano interagire con loro online.

“YouTube è stata una caratteristica quasi permanente della vita di molti bambini, utilizzata durante il giorno”, hanno affermato i ricercatori.

Ma molti bambini che vanno online per guardare video innocui si trovano a guardare materiale profondamente inquietante. Spesso incontrano contenuti non adatti per sbaglio, quando cercano qualcos’altro.

A volte cercano semplicemente materiale che sono troppo giovani per vedere. Sono anche guidati da questo algoritmo di YouTube che fornisce loro suggerimenti basati sui loro gusti, ha rilevato Ofcom.

Solo uno su cento dei minori di 5 anni ha uno smartphone, ma a 11 è cresciuto del 35%

I bambini preferiscono YouTube ai servizi televisivi o TV on-demand vecchio stile perché “potevano facilmente accedere esattamente a ciò che volevano vedere e venivano offerti con un flusso infinito di raccomandazioni su misura per i loro gusti”, afferma il rapporto.

Molti dei genitori coinvolti nella ricerca sono rimasti scioccati nello scoprire cosa stavano guardando i loro figli. Due quinti di quelli con bambini dai 5 ai 15 anni temevano che i loro figli fossero sotto pressione per spendere soldi sul web.

La metà era preoccupata per le imprese tecnologiche che raccoglievano troppe informazioni sui loro figli, e circa un terzo temeva che i loro figli vedessero contenuti inadatti o fossero radicalizzati dagli estremisti.

Nonostante queste paure, molti genitori di adolescenti hanno ammesso di avere difficoltà a controllare la quantità di tempo trascorso dai loro figli online.

Secondo il rapporto parte del problema era che i giovani preferiscono guardare i contenuti sul web da soli.

Guardano la TV in diretta come un’attività di famiglia, ma si sentono molto più a loro agio su un dispositivo che possono controllare in privato.

I bambini usano spesso più schermi contemporaneamente, ma le ore che dedicano a ciascuno vengono contate separatamente per la ricerca Ofcom.

Stanno anche utilizzando più profili di social media per progettare un ‘immagine perfetta’ e per evitare il bullismo. Il numero di persone di età compresa tra 12 e 15 anni vittime di bullismo online è quasi raddoppiato dal 5% nel 2017 al 9% l’anno scorso.

I giovani ora usano spesso diversi account per progettare diverse versioni di se stessi in modo che il loro “sé reale” possa evitare lo stigma sociale, afferma il rapporto.

Più della metà dei bambini intervistati ha affermato che i social media presentano un’immagine non realistica, e alcuni ricercatori hanno affermato che i filtri glamour e lusinghieri per renderli più “graziosi” sono stati utilizzati in molti casi. Circa il 20% delle ragazze ha dichiarato di aver bisogno di apparire online sempre “online” rispetto a solo l’11% dei ragazzi.

Il cane da guardia ha scoperto che i bambini dovevano affrontare il bullismo sempre più spesso attraverso servizi come WhatsApp.

La scorsa settimana il padre della quattordicenne Molly Russell ha accusato Instagram per la sua morte, dopo aver visto post sul social network che ha affascinato il suicidio e l’autolesionismo.

Anche la piattaforma YouTube di proprietà di Google è stata messa sotto accusa per consentire jihadisti, attivisti di estrema destra e predicatori di odio.

****************************

Come gli iPad possono ostacolare lo sviluppo

Lasciare che i bambini in età prescolare giochino su iPad e guardino un sacco di televisione può danneggiare il loro sviluppo, hanno scoperto i ricercatori.

Hanno detto che quelli che sono stati esposti maggior tempo sullo schermo all’età di due anni hanno mostrato abilità generali più limitate all’età di tre anni.

I ricercatori, dell’Università di Calgary in Canada, hanno dichiarato: “I media e gli schermi digitali sono ormai onnipresenti nella vita dei bambini.

“Sebbene siano stati identificati alcuni benefici del tempo sullo schermo interattivo di alta qualità, il tempo di schermatura eccessivo è stato associato a deleteri risultati fisici, comportamentali e cognitivi. Lo studio ha esaminato i risultati durante un periodo critico di crescita e maturazione, rivelando che il tempo trascorso sullo schermo può interferire con la capacità dei bambini di svilupparsi in modo ottimale.

“Quando osservano gli schermi, possono mancare importanti opportunità per praticare e padroneggiare le capacità interpersonali, motorie e comunicative.”

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics, monitorava 2.400 bambini.

Leggi l’articolo completo in lingua originale qui …

Fonte: https://www.dailymail.co.uk/

®wld

Catturare l’attenzione in tre secondi

Immagineillustrata JaapArriens www.globallookpress.com

Ex impiegati di Facebook e Google Lottano contro la tecnologia che hanno costruito

06 Febbraio 2018 dal Sito Web RT traduzione di Nicoletta Marino Versioneoriginale in spagnolo

Queste persone Vogliono che prendiate coscienza dell’impatto che l’industria tecnologica ha sulla salute dei bambini.

Vecchi dirigente della Silicon Valley (California, Stati Uniti) che hanno aiutato a trasformare Google e Facebook in giganti tecnologici, hanno unito le loro forze per lottare contro la natura di dipendenza di queste industrie e il loro impatto sulla società.

Questi ex dipendenti di imprese tecnologiche hanno fondato il Center for HumaneTechnology (Centro per la Tecnologia Umana in italiano) per,

“invertire la crisi di attenzione digitale e riportare la tecnologia verso i migliori interessi dell’umanità”.

Allo stesso tempo hanno lanciato la campagna The Truthabout Tech (La verità sulla Tecnologia) centrata sull’impatto che questa industria ha sulla salute dei bambini.

Immagineillustrata Armin Durgut  www.globallookpress.com 

Questa iniziativa sarà finanziata dal gruppo di controllo dei media senza scopo di lucro Common Sense e con il capitale che si raccoglie in questa organizzazione, che cercherà di far prendere coscienza sul danno da dipendenza della tecnologia.

Una parte di questo sforzo sarà data con la realizzazione di una campagna in 55.000 scuole pubbliche degli Stati Uniti, diretta a educare gli studenti, i genitori e i professori sui pericoli della tecnologia, che comprende la depressione che può causare l’uso intensivo delle reti sociali.

“Eravamo dentro”

Uno dei creatori di questa iniziativa e vecchio gestore di prodotti di Google, Tristan Harris, assicura che,

essendo stato “dentro”, loro sanno “ciò che fanno” le imprese, “come parlano” e “come funziona l’ingegneria”, riporta il The New York Times.

Google e Facebook possiedono,

“i super computer più grandi del mondo”.

“Dove stiamo puntando con quelle?” si domandò Harris: “Ai cervelli delle persone, ai bambini”.

Il fondatore e direttore esecutivo di Common Sense, JimSteyer, ha spiegato che la sua campagna fu ispirata dalle iniziative antitabacco; si centra sui bambini vista la loro vulnerabilità e spera che serva affinché i direttori tecnologici cambino.

Il gruppo pianifica anche di lanciare Ledger of Harms (Libri che contabilizzano i Danni), in sito web diretto a guidare gli ingegneri delle grandi compagnie tecnologiche che sono preoccupati per gli incarichi che vengono chiesti loro che comprenderà soprattutto gli effetti sulla salute di diverse tecnologie e i modi per creare prodotti più salutari.

Alleanza senza precedenti

Il Centro per la Tecnologia Umana comprende un’alleanza senza precedenti di persone che hanno lavorato in alcune delle compagnie tecnologiche più grandi del mondo.

Oltre ad Harris ci sono:

  • Sandy Parakilas, che era un manager delle Operazioni Facebook
  • Lynn Fox, una vecchia dirigente delle Comunicazioni di Apple e Google
  • DaveMorin, un ex-dirigente di Facebook
  • Justin Rosenstein, colui che ha creato il tasto “Like” di Facebook
  • Roger McNamee, un investitore della prima epoca di Facebook
  • RenéeDiResta, una specialista in bots

http://www.bibliotecapleyades.net/

************************************ 

5 Verità ferrea sui segnali dei social media È tempo di lasciar perdere

Dimentica “leoni e tigri e orsi, oh mio!” L’affermazione più accurata delle principali paure per il 2018 sembra essere “pubblicità e portata ad algoritmi, oh mio!”, Mentre nessuno di questi termini è nuovo per il nostro lessico digitale, essi” Sicuramente si sono imposti alla ribalta di ogni mente del marketing digitale, grazie in gran parte ai recenti cambiamenti “ben intenzionati” annunciati da Mark Zuckerberg.

A quelli che sono strettamente utenti finali, questi cambiamenti sicuramente suonano molto bene, come ricordiamo tutti i giorni in cui i nostri newsfeed erano pieni di “John Smith è in palestra” e “Suzie Jones ha bisogno di un caffè”, piuttosto che “ISCRIVITI PER IL MIO WEBINAR GRATUITO”.

Ma tutto quello che “lo Zuck” sta facendo sembrare è che presto useremo e faremo viaggiare solo la nostra memoria verso i nostri amici e famiglie, che non potrebbero essere più lontani dalla verità. Vedremo ancora tanto contenuto “ingannevole” come lo siamo stati, tranne che ora lo vedremo solo da coloro che possono permettersi di metterlo davanti a noi.

Come gestore di social media per diverse aziende e marchi (incluso il mio), lasciatemi dire che questo articolo non intende essere uno sfogo per lamentarmi dello stato attuale dei social media. È per aiutarti a dare un senso a qualcosa di quello che sta succedendo, dal momento che sembra interessare anche mia zia che usa Facebook per nient’altro che cucinare video e giocare alla saga di Candy Crush.

Ecco 5 aspre verità per aiutarti a dare un senso a ciò che sta accadendo ai social media nel 2018:

Il passato è il primo

Mentre le statistiche relative al tempo medio che passiamo quotidianamente sui social media potrebbero suggerire che è solo l’inizio, sappiamo tutti che ha più a che fare con la sua forte attrattiva, piuttosto che con la qualità di ciò che offre.

Pensaci, quand’è l’ultima volta che hai sentito qualcuno che ti diceva che amano sinceramente scorrere le notizie? Non è detto che non esista alcun contenuto valido o utile sui social media, ma è innegabilmente invaso sia da ciò che è completamente insignificante sia da quello per cui è stato pagato.

Per le aziende e i marchi, i social media sono passati, perché: A) sono passati i giorni in cui i seguiti erano facili da coltivare e arrivare e, B) non è più possibile interagire anche con quelli che in precedenza hanno mostrato interesse per te senza pagare il massimo dollaro.

Per gli utenti finali, i social media sono passati, perché: A) continui a vedere sempre le stesse cose dalle stesse persone e, B) non ti puoi fidare molto di quello che vedi per molte delle ragioni per cui io sto andando a precisare sotto.

  1. È antisociale

Come può una piattaforma di SOCIAL media essere antisociale? Facile, essendo ciò che sono attualmente. Potremmo essere collegati a più persone di quanto i nostri sé più giovani (a seconda di quanti anni hai) avrebbero mai pensato possibile, ma quanto ne sappiamo veramente di loro?

I social media ci danno tutta l’illusione della socializzazione, mentre gradualmente ci rendono sempre più a disagio con l’interazione reale. Caso in questione: pensa a quanto anche una semplice telefonata da tutti tranne pochi numeri selezionati ti mette a disagio. Confrontalo (sempre a seconda di quanti anni hai) a come le telefonate di benvenuto sono cresciute nella tua famiglia.

Viviamo in un mondo in cui centinaia, se non migliaia, di noi si radunano ogni giorno su autobus e metropolitane per non scambiarsi più di un cenno cortese con uno o due altri. Proprio come i numeri di utilizzo dei social media sono in aumento, così come quelli relativi alla depressione e alla solitudine, pensi che esista una correlazione?

  1. Portare fuori il peggio di noi

A questo punto abbiamo tutti familiarità con il termine “cyber-bullo” e, mentre Internet nel suo complesso potrebbe essere responsabile della sua creazione, sui social media il cyberbullismo ha saldamente messo piede.

Proprio come l’alcol fornisce a molti di noi un livello di “coraggio liquido” per parlare, i social media ci forniscono la sicurezza sufficiente a vocalizzare apertamente il nostro dispiacere nei confronti di qualsiasi cosa. I commenti odiosi e maleducati sono diventati la norma, mentre le parole di sostegno e di incoraggiamento sembrano poche e lontane tra loro, tranne quando sono chiamate naturalmente da difficoltà o tragedie.

Anche se ti consideri uno dei “simpatici” online, probabilmente ne sei ancora influenzato attraverso il filtro conscio o subconscio applicato a tutto ciò che dici, piace o condividi per mitigare le tue possibilità di essere il destinatario di esso.

  1. Tutti vogliono i tuoi soldi

Che sia alimentato da necessità ben intenzionate o pura avidità, tutti alla fine cercano i tuoi soldi online. A questo punto dovremmo sapere che il webinar gratuito è solo il punto di partenza per una canalizzazione di vendita e che il titolo “click-bait” è per farti raggiungere il loro sito da unità pubblicitarie. E va bene.

La migliore difesa di fronte a questa realtà non è di evitarli del tutto, ma di pensare veramente in modo critico prima di agire su di essa. Come qualcuno che ha costruito un corso online da solo, e sta attualmente lavorando su un altro, so che sembra controproducente per me dire questo, ma so anche che il mio lavoro non avrà valore per tutti quelli che lo attraversano.

C’è molto valore da trovare in certe cose online, ma ciò che queste cose certe differiscono per ognuno di noi.

  1. Ti sta rendendo impaziente

L’articolo è un medium che muore lentamente; infatti, è quasi un miracolo che tu stia leggendo questa frase. Dai la colpa alla vite, dai la colpa ai feed di notizie, dai la colpa a Snapchat, qualunque sia il principale colpevole nella tua vita, siamo diventati tutti molto più impazienti e impegnativi online.

Spoiler alert: il tuo newsfeed è attualmente disseminato di video quadrati con titoli orecchiabili (alcuni dei quali sono dichiaratamente miei) e numerati articoli “list-icle” (come questo) per una ragione … è praticamente l’unica cosa che attira la tua attenzione 1 in ogni 50 tentativi! (non una statistica effettiva)

Sono ormai lontani i giorni in cui potremmo essere lentamente attirati in un punto di interesse, e qui per restare sono i giorni in cui la nostra attenzione deve essere catturata in 3 secondi o meno. Quindi, se sei stanco di vedere la stessa “schifezza” online, renditi conto che è lì solo perché l’abbiamo collettivamente portata a quel punto.

http://www.collective-evolution.com/

®wld

“il confine con l’informazione critica è talmente lieve da venir meno”

Analfabetismo funzionale e fine della democrazia 

settembre 29, 2016 posted by Ilaria Bifarini

Per comprendere la portata di quanto accaduto con l’approvazione della cosiddetta “legge sul cyberbullismo”, meglio indicata come “Legge Ammazza Web” e la cui valenza è ben riassunta dal popolare blogger Cory Doctorow con “la più stupida legge censoria d’Europa”, dobbiamo rispolverare il grande filosofo e piscoanalista Erich Fromm.

Secondo lo scienziato tedesco, la democrazia può resistere alla minaccia autoritaria sola se riesce a trasformarsi da “democrazia di spettatori passivi” a “democrazia di partecipanti attivi”, nella quale cioè i problemi della comunità siano familiari al singolo e per lui importanti quanto le sue faccende private.

Il particolarismo e l’individualismo della società moderna, sempre più frenetica e affannata nel lavoro e nel consumo, è un fatto già assodato. Quello che invece crea sconcerto, su cui dobbiamo soffermarci, è l’incapacità ormai consolidata di comprendere gli accadimenti della vita collettiva.

Secondo una recente ricerca dell’Ocse, un italiano su due non possiede le abilità di lettura, scrittura e calcolo richieste per lo svolgimento efficiente delle attività della vita quotidiana. Le sue competenze e conoscenze non sono quindi funzionali alla vita nella società moderna: è stato perciò coniato il termine “analfabetismo funzionale”, o di ritorno. Oltre la metà della popolazione (54%) non ha letto alcun libro nell’ultimo anno, e un italiano su 10 dichiara addirittura di non possedere neanche un libro. 

Ma, sempre citando Fromm, il saper leggere e scrivere non è affatto una benedizione qualora la gente se ne serva soltanto per leggere scritti che ne impoveriscono la capacità di sperimentare e immaginare.
Il livello di partecipazione alla vita pubblica e l’utilizzo degli strumenti democratici per la metà degli italiani, affetti da analfabetismo funzionale, è pari a quello di un bambino della scuola elementare.

E proprio questa incapacità di comprendere gli avvenimenti e metterli in relazione deve essere alla base dell’approvazione alla Camera della legge sul cyberbullismo e del quasi unanime consenso – o silenzio assenso – del mainstream mediatico.

La proposta di legge era stata avviata già da tempo e a fine luglio, mentre tutti pensavamo alle vacanze o eravamo scossi da qualche tremendo attentato, ha riportato delle modifiche al testo originario davvero draconiane. Quella più clamorosa e sostanziale è che nella casistica di cyberbullismo non deve più rientrare necessariamente un minore. Chiunque può esserne vittima. E questo dovrebbe bastare per comprendere lo snaturamento e la sopravvenuta inappropriatezza della normativa.

Inoltre, la definizione di cyberbullismo è stata ampliata e rientrerà nella fattispecie “l’aggressione o la molestia reiterate, a danno di una o più vittime, anche al fine di provocare in esse sentimenti di ansia, di timore, di isolamento o di emarginazione ,ecc.”, sia essa attuata attraverso “atti o comportamenti vessatori, pressioni e violenze fisiche o psicologiche (…) offese o derisioni, anche aventi per oggetto la razza, la lingua, la religione, l’orientamento sessuale, l’opinione politica, l’aspetto fisico o le condizioni personali e sociali della vittima.” Insomma, il confine con l’informazione critica è talmente lieve da venir meno.

La pena, per chi si macchierà di questo crimine, sarà durissima: oltre al sequestro del computer e degli altri dispositivi mobili, il testo prevede la reclusione da uno a sei anni, anche per chi usa “la sostituzione della propria all’altrui persona”.

Chissà se la maggioranza che ha votato compatta in aula (contrari solo i Cinque Stelle e il gruppo di Civati) soffriva di analfabetismo di ritorno, come i cittadini che si mostrano tacitamente disinteressati, o di opportunismo, altro grande male della democrazia?

 
Leggi anche:
Articolo tradotto QUI

“Lo standard è l’insulto personale, non la falsità”

Come la legislazione italiana viene vista all’estero

articolo tradotto da: bOiNGbOING

Dopo una serie di cyberbullismo di alto profilo e i conseguenti incidenti di vendetta-porno, la Camera dei deputati italiana ha presentato un disegno di legge che non farà nulla per prevenire questi abusi, e tutto per consentire la dilagante e inspiegabile censura di Internet italiana, senza regola legge o sanzione per abuso.

Secondo la proposta di legge, i “gestori dei siti” e media italiani, tra cui i blogger, giornali e social network sarebbero obbligati a censurare la “presa in giro” in base “alla condizione personale e sociale” della vittima – che è, tutto ciò che personalmente il destinatario si sarebbe sentito offeso. La pena per la mancata adozione di azione è una multa di € 100.000. La verità è che non sia solo una difesa in giacca e cravatta ai sensi della presente legge – lo standard è l’insulto personale, non la falsità.

Cominciamo con quello che questa legge non farà in Italia: non si fermerà il bullismo, molestie o le vendette porno. La maggior parte dei servizi su cui gli italiani si esprimono non sono basati in Italia, o quelli che hanno le loro sedi di vendita in Italia, ecc, questi possono semplicemente spostare i loro uffici piuttosto che affrontare una multa 100.000 € ogni volta che qualcuno insulta qualcun altro in linea.

Ma quello che farà sarà quello di creare uno strumento per facilitare la censura senza processo o penalità per uso improprio. Lo standard proposto nel disegno di legge è semplicemente che la persona sul lato ricevente dell’argomento si sente lesa. Se si pensa all’abuso del copyright: la moltitudine di siti on-line già ricevono milioni di questi, più di quanto potessero eventualmente valutare, e quindi abbiamo un regime di rimozione per violazione che permette ordinariamente di rimuovere il materiale mettendoli in una luce poco lusinghiera.

Un male di questo tipo, rende almeno la censura contingente su qualcosa di specifico e oggettivo: la violazione del copyright, che ha una ricchezza di giurisprudenza con contorni definiti. Tanto che in effetti,  è necessario essere un esperto qualificato per giudicare un reclamo di violazione. Ma almeno si può oggettivamente valutare se una violazione del copyright ha avuto luogo.

Lo standard fissato e proposto dalla legge italiana per i crediti puramente soggettivi da effettuare, consente enormi sanzioni da imporre a coloro che li hanno in discussione prima di intraprendere atti di cancellazione e censura.

Come ogni diritto civile, la legge italiana propone favorendo i ricchi e i potenti, che meglio sono in grado di permettersi un contenzioso civile – si pensi ai vecchi e famigerati abusi delle leggi sulla diffamazione della Gran Bretagna, che corrotte e schermate potenti persone, da decenni hanno impunemente abusato sessualmente dei bambini, un segreto che nessuno ha osato farne un rapporto.

Cosa si può dire di più, se non quello di uno sfogo online sulla giurisdizione italiana sullo discutere di politica e la società civile, il che significa che questa legge in modo sproporzionato interesserà il discorso dell’interesse politico locale, dando i ricchi e ai potenti, al criminale e al corrotto, il potere incontrollato per rimuovere semplicemente il materiale che li offende – indipendentemente dal fatto che il materiale sia vero o falso.

L’esperto di Internet deputato italiano Stefano Quintarelli ha proposto un emendamento che rende la legge marginalmente più sana: sotto la sua modifica, una carenza su un avviso di censura non darebbe automaticamente luogo ad una multa; piuttosto, sarebbe la persona che ha ignorato la denuncia di una parte di ogni eventuale sanzione civile imposta da un tribunale di diritto.

Questo è un passo nella giusta direzione, ma è in realtà solo un cerotto su un abisso di male, legislazione reazionaria. Le persone che sono sinceramente addolorate continueranno a lottare per la giustizia; gli originali cattivi attori  (come i siti di vendette-porno) continueranno impunemente fuori giurisdizione italiana, e il ricco e il potente otterranno una forza-moltiplicatrice per tacere le critiche rivolte loro senza significative penalizzazioni per l’abuso.

Gli anni di Berlusconi hanno dato all’Italia una reputazione di caos politico. Nell’era post-berlusconiana, che speravamo fosse meglio. Con le idee che considerano seriamente un male di questo tipo, la camera dei deputati italiana continua a fare della politica uno scherzo globale.

Articoli correlati: