Archivi tag: Cristianesimo

Arconti: L’abisso della verità – le forze anti-risveglio – la sicurezza dell’ignoranza

 

Le Forze anti risveglio degli Arconti

di Mateo Sol dal sito LonerWolf 

 La forza e il grado della benevolenza interiore di un uomo evoca in altri un grado proporzionato di malevolenza.  Gurdjieff   

Ho incontrato per la prima volta la conoscenza delle forze anti-risveglio mentre ero profondamente immerso nel libro “The Herald of Coming Good” del famoso mistico GI Gurdjieff.

Nel libro, Gurdjieff descrive che ci sono certe forze nella vita chiamate Tzvarnoharno, una parola originariamente coniata dal re Salomone della Giudea.

Tzvarnoharno è una forza che emerge tra le persone che portano alla distruzione a chiunque tenti di aiutare l’umanità e si traduca nella distruzione di tutti i loro sforzi.

In sostanza, Gurdjieff stava descrivendo ciò che sono venuto a incontrare nel mio viaggio molte volte.

In termini psicologici, potremmo dire che Tzvarnoharno è una “forza inconscia collettiva” il cui primo istinto è quello di opporsi a qualsiasi controforza che sta tentando di svegliare le persone.

In questo articolo, la mia intenzione è di esplorare questa forza di anti-risveglio, come sono sorti in modi diversi nel corso della storia e come li puoi sperimentare nel tuo stesso viaggio.    

Cosa sono gli Arconti?  

Gli gnostici, un ramo mistico del cristianesimo, hanno conosciuto le forze anti-risveglio per secoli e hanno scritto su di loro nel loro lavoro descrivendoli come “Arconti“.

Gli gnostici credono che gli Arconti siano i servitori del Demiurgo, il “dio creatore” che si trova tra la razza umana e l’esperienza della divinità.

Questa divinità può essere raggiunta solo attraverso esperienze mistiche che chiamano gnosi.

Sebbene gli Arconti siano spesso raffigurati come creature ermafrodite e dall’aspetto alieno con un appetito insaziabile per stupro e violenza, non è la paura che usano per prevenire la trascendenza, ma l’ignoranza

Secondo il Vangelo Gnostico di Filippo, l’obiettivo principale della forza Archonica è quello di mantenere gli umani ignoranti delle loro origini divine oltre l’universo fisico.

Più mi sono avventurato nel mio viaggio di crescita e di cambiamento, più sono arrivato a vedere che c’è molta verità nell’idea di forze anti-risveglio.

L’universo funziona in una sorta di equilibrio, un organismo autoregolante in perfetta armonia. Qualsiasi cosa tenti di disturbare quell’equilibrio, viene immediatamente attaccata dagli anticorpi dell’universo, gli Arconti.   
 

L’abisso della verità  

Se osserviamo da vicino la storia, di solito vediamo che il lavoro di cercatori di verità, mistici e saggi è stato improvvisamente abortito o sabotato in modi diversi.

L’esempio più noto è la “crocifissione” di Gesù, in cui possiamo vedere la “forza inconscia collettiva” all’opera, distruggere qualsiasi cosa cerchi di inondarla di luce e di scurirla con l’oscurità.

Altri esempi di maestri spirituali che hanno sperimentato le forze arconiche sono quelli di

  • Socrate (che fu avvelenato)
  • sufi sage Al-Hillaj Mansoor (che è stato giustiziato)
  • numerosi altri truth seeker come Galileo, Darwin, Pasteur, i fratelli Wright,

… e innumerevoli altri che sono stati messi a tacere, respinti o perseguitati per i loro messaggi.

Noterai che al livello che sfidavano lo status quo era il livello in cui erano stati respinti da altri.

Quindi, in primo luogo, perché le forze arconiche anti-risveglio esistono …?

La risposta è che il nostro inconscio collettivo è profondamente attaccato ai modi statici di essere perché è terrorizzato dal cambiamento.

La nostra profonda paura del cambiamento alla fine si concentra sulla nostra paura di svegliarci, perché al centro del nostro essere, sappiamo che abbracciare il cambiamento significa abbracciare la morte di ogni cosa come la conosciamo.

Ho sperimentato troppo spesso le forze arconiche attraverso il mio sviluppo e gli insegnamenti. Ogni volta che mettevo in discussione qualcosa che non percepivo intuitivamente era giusto, sono stato accusato di essere un “asino intelligente” o un “piantagrane ribelle” dalle persone intorno a me.

E ora, come insegnante che scrive su questi argomenti su questo sito, sono spesso accusato tramite e-mail e messaggi come “menti corruttrici” o persone che portano fuori strada.

L’ho persino osservato in colleghi insegnanti, dove i loro studenti sabotano le loro comunità e missioni discutendo su cose meschine come l’interpretazione “giusta” degli insegnamenti.

Un modo interessante che mi piace pensare (
che è la Verità) a queste forze anti-risveglio è che siamo tutti in piedi sull’orlo dell’abisso. Eppure ognuno di noi sta chiudendo gli occhi, guardando avanti e aggrappandosi strettamente a qualsiasi cosa che consideriamo come “verità”, sia che si tratti di una credenza, di un’identità o di un desiderio.

Ogni volta che i nostri occhi si aprono e fanno una fugace visione dell’abisso della Verità, siamo immediatamente pieni di paura e del desiderio di tornare di nuovo all’ignoranza a causa della sua “sicurezza”.

In fondo, sappiamo nei nostri cuori che questo abisso di Verità rappresenta una morte spirituale e l’obbligo per noi di consegnare tutto ciò che crediamo sia vero.

Per lo più, questo abisso di Verità ci obbliga ad abbandonare la nostra identificazione dell’ego e ad entrare nel processo della morte dell’ego. Nei nostri viaggi spirituali, i nostri ego sono le forze di Arconti più forti che incontreremo mai.

I nostri ego sono quasi infinitamente creativi nel loro modo di sopravvivere e di corrompere ogni nostro tentativo di essere liberi. L’ego non esiterà a sabotare qualsiasi legittimo tentativo di muoversi nella direzione della Luce o della Verità. E lo fa per paura intensa.    

Di fronte agli Arconti

Tutti coloro che sono sulla via alla ricerca della verità e dell’illuminazione possono tuttavia portare dentro di sé un lato che è in realtà contrario all’esperienza di totalità.

Come potrebbe non esserci questo lato dentro di noi? Per l’ego, la ricerca della verità è un pulsante di autodistruzione.

Affrontare gli Arconti dentro di noi e senza di noi può sembrare una battaglia costante. Queste forze anti-risveglio possono presentarsi come persone che non hanno interesse a sostenerci, a tradirci, a sminuirci, a tentarci ea illuminarci.

Lo psicoterapeuta Wilhelm Reich, ha descritto come l’umanità fin dall’alba dei tempi sia stata influenzata da quella che chiama la piaga emotiva:

il dolore che reprimiamo ripetutamente per tutta la vita e che ci impedisce di trovare la nostra interezza.

Quando incontriamo delle persone naturali e autentiche, ci sentiamo minacciati da loro e vogliamo distruggerli o criticarli in qualche modo.

Hai mai provato questa sensazione?

Più insidioso, tuttavia, degli Arconti esterni sono le forze anti-risveglio nelle nostre menti.

Nel romanzo Good Omens di Neil Gaiman e del compianto Terry Pratchett, un demone di nome Crowley spiega come gli ingorghi e le interruzioni del servizio telefonico siano molto più efficaci nell’impadronirsi Sul rispetto ai possedimenti e alle tentazioni una volta popolari.

Mantenerli costantemente frustrati ed eternamente irrequieti è il nuovo modo in cui le forze arcontiche stanno schiacciando i nostri spiriti umani.

Forse è per questo che i possedimenti e gli incontri con gli “spiriti del male” sono diminuiti nel corso degli anni.

Chi ha più tempo per loro?

Tra aggiornamenti delle app, infinite opzioni di fast food, Netflix, ordini di oggetti da eBay e l’eterno flusso infinito di contenuti su Internet, chi ha il tempo o l’energia per svegliarsi?

Più le nostre tendenze egocentriche diventano più dense, meno cercheremo il cambiamento in qualsiasi modo reale, e più lontano correremo dalla coltivazione della libertà e della responsabilità che accompagna un risveglio spirituale al nostro più alto potenziale.

Quindi, come possiamo impedire a queste forze anti-risveglio di trascinarci nell’oscurità dell’incoscienza? Ecco alcuni consigli:

  • Smettila di distrarti con fonti esterne di “felicità” per evitare il tuo vuoto interiore e irrequietezza
  • Incontra la tua infelicità e sofferenza emotiva con un cuore aperto
  • Sii consapevole e onesto degli ostacoli nella tua vita (come evitare il cambiamento)
  • Assumiti la responsabilità della tua felicità e del tuo benessere (perché nessun altro lo farà)
  • Invece di rincorrere la felicità, cerca l’oscurità e scoprirai la luce

La responsabilità personale e il desiderio di verità sono i nostri più grandi alleati quando si tratta di superare le forze dell’anti-risveglio.

Quando c’è un’assenza di amore e comprensione, gli Arconti prosperano …   

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il collettivismo sta arrivando che ci piaccia o no

globalreligion13_01_small

Maggiori informazioni su questo “incendio” …

Fuori dalle ceneri – Lo scontro di Civiltà potrebbe evocare una Religione del Nuovo Mondo  

di Daniel Taylor
dal sito web OldThinkerNews

Il Consiglio Federale delle Chiese di Rockefeller ha spinto,

  • “Governo mondiale”
  • “Sistema di denaro universale”
  • “Libertà di immigrazione in tutto il mondo”,

… nel 1942.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del World Council of Churches, dicendo che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no” …

Per coloro che prestano attenzione, c’è un modello discernibile di ingegneria sociale che è diretto alle principali religioni del mondo, in particolare il cristianesimo.

Si tratta indubbiamente di una questione molto complessa, poiché esistono numerosi sistemi di credenze e opinioni sfumate su milioni di persone. Quello che sappiamo è che le guerre e le rivoluzioni finanziate dai globalisti hanno alimentato l’immigrazione clandestina e alimentato le fiamme dei conflitti in tutto il mondo.

Si può ragionevolmente dimostrare che le principali organizzazioni globaliste stanno seguendo un programma per ridisegnare le religioni del mondo utilizzando una tecnica collaudata e vera. È un processo chiamato dialettica hegeliana.

Ecco una descrizione semplificata della dialettica applicata dalle forze globaliste:

  • Tesi (problema): le religioni sono bigotte, alimentano l’intolleranza e la violenza alimentare. Gli esempi “estremi” di ciascun gruppo vengono mostrati al mondo intero.
  • Antitesi (reazione): “Non voglio essere politicamente scorretto”. Segue la dissociazione con gruppi demonizzati.
  • Sintesi (soluzione): si trova una “via di mezzo” e si forma una fede politicamente corretta sotto la bandiera del governo globale.

Lo stabilimento ha incoraggiato e piantato i semi di “estremismo” dove si adatta alle agende geopolitiche.

Le conseguenze di questa manipolazione vengono quindi indicate nella conseguente battaglia dialettica come prova di una giusta causa contro queste idee.

Un po’ di storia

Prima di andare oltre, è importante sottolineare che l’establishment ha un interesse particolare nel plasmare la religione.

Questo è vero da secoli. Lo storico storico Alexis de Tocqueville ci avvertì nel 1835 quando scrisse Democrazia in America che le chiese erano già state usurpate dalle élite del potere per il loro programma.

Scrisse,

“… i sovrani … stanno usando l’influenza dei sacerdoti e la trasformano in un loro esclusivo profitto.

Stanno trasformando il clero in funzionari e, spesso, servitori, e stanno usando il clero per raggiungere i recessi più profondi dell’anima individuale “.

Questa influenza ha continuato ai nostri tempi moderni, ma con quello che è forse un tocco più sofisticato.

La famiglia Rockefeller, con la sua vasta fortuna raccolta dal barone del petrolio John D. Rockefeller Sr., ha svolto un ruolo importante nel riformare le chiese nell’America moderna.

Non sorprende, dato il loro obiettivo a lungo termine del governo mondiale, che la famiglia Rockefeller approverebbe e sosterrà una prospettiva sociale favorevole al globalismo .

L’ uso della religione è un metodo che, agli occhi di Rockefeller, sembrava essere un mezzo promettente per raggiungere questo obiettivo.

I primi programmi come Interchurch World Movement si concentrarono sul mantenimento di relazioni armoniose tra le persone nella crescente società industriale americana.

Sforzi successivi come il Consiglio Mondiale delle Chiese si orienterebbero verso una natura globale con obiettivi che vanno oltre quello di mantenere semplicemente la stabilità di classe in America per l’eliminazione della sovranità nazionale e della governance mondiale.

Come mostrano i documenti, sono stati fatti molti tentativi per spingere le chiese cristiane a ottenere dietro programmi per la governance mondiale. Se i tentativi non sono stati avviati dai Rockefeller, è stato fornito un significativo sostegno finanziario alle organizzazioni che condividono la loro visione per il mondo.

All’indomani del sanguinoso conflitto della prima guerra mondiale, la Società delle Nazioni fu presentata come una soluzione agli orrendi problemi che il mondo aveva assistito.

Durante lo stesso periodo in cui è stata costituita la Società delle Nazioni, John D. Rockefeller Jr. ha lanciato il movimento mondiale di Interchurch nel 1919.

Rockefeller ha scritto in una lettera riguardante il movimento mondiale di Interchurch,

“Non conosco nessuna assicurazione migliore per un uomo d’affari per la sicurezza dei suoi investimenti, la prosperità del paese e la stabilità futura del nostro governo di quanto questo movimento possa offrire …”

Harry Emerson Fosdick era il fratello dell’avvocato fidato di John D. Rockefeller, Raymond B. Fosdick. Era profondamente coinvolto con il movimento mondiale di Interchurch.

Harry era molto vicino alla famiglia Rockefeller e ai suoi meccanismi interiori, mentre serviva nel consiglio della Fondazione Rockefeller durante la seconda guerra mondiale. La chiesa Riverside di New York, dove Fosdick prestò servizio come pastore dal 1926 al 1946, fu costruita con denaro donato da John D. Rockefeller Jr.

È interessante notare che Fosdick riteneva che in futuro una federazione del mondo sarebbe stata creata da un singolo uomo.

Fosdick scrive,

“Un giorno, prevedo, un uomo sorgerà con le sue mani una federazione del mondo sarà così efficace, e le guerre così si fermano così, che il suo nome andrà giù attraverso i secoli associati a quella grande conquista, come il nome di Copernico è con la nuova astronomia, o Lincoln con la conservazione della nostra unione.

Quell’uomo verrà. Un giorno sorgerà.”

Proprio mentre il Movimento Interchurch Mondiale veniva presentato alle chiese come soluzione ai problemi che affliggono il mondo dopo la prima guerra mondiale, il Consiglio Federale delle Chiese presentò la propria soluzione all’inizio del 1940 per un programma “per una pace giusta e duratura “alla fine della seconda guerra mondiale.

Non sorprende che il Consiglio federale delle chiese – che è stato fuso con il Consiglio nazionale delle chiese nel 1950 – abbia ricevuto finanziamenti significativi da John D. Rockefeller Jr.

Come riportato da Time nel 1942, il Consiglio federale delle chiese guidò un programma per il governo mondiale.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del Consiglio Mondiale delle Chiese che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no”.

Il consiglio ha affermato,

“… dobbiamo cercare di … creare un’opinione pubblica che assicuri che gli Stati Uniti giochino la loro parte piena ed essenziale nella creazione di un modo morale di vivere internazionale”.

Come riportato, il progetto mirava a creare, tra le altre cose,

  • “un governo mondiale con poteri delegati”
  • “una banca internazionale”
  • “Completo abbandono dell’isolazionismo americano”    

Le Guerre di Dio

Uno dei fattori trainanti delle moderne “guerre di Dio” è la guerra globale al terrorismo lanciata dopo l’11 settembre.

L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 all’America ha colpito tutti gli aspetti della società, incluse le chiese.

Come scrive Bryan Appleyard nel New Statesman,

“Per me, gli eventi dell’11 settembre sono stati certamente un catalizzatore, il nuovo ingrediente che ha trasformato il mix già frizzante di sentimenti anti-religiosi in un intruglio esplosivo”.

All’inizio della guerra al terrorismo, ci è stato detto che la maggior parte degli attacchi terroristici di alto profilo sono stati effettuati da estremisti islamici . Ciò che non è stato detto, tuttavia, è che questi individui e gruppi hanno avuto l’aiuto esterno delle fazioni globaliste.

In realtà, le radici molto ideologiche di alcuni gruppi terroristici possono essere ricondotte alla letteratura che gli Stati Uniti hanno fornito ai bambini delle scuole afghane durante la Guerra Fredda.

Come riportato dal Washington Post nel 2002,

“Nel crepuscolo della Guerra Fredda, gli Stati Uniti spesero milioni di dollari per rifornire gli scolari afgani di libri di testo pieni di immagini violente e di insegnamenti islamici militanti …”

Guarda questo filmato come Zbigniew Brzezinski, che funge da consigliere per la sicurezza nazionale, parla ad un gruppo di combattenti Mujihadeen nel 1979:

“Un diverso tipo di religione”

In un articolo del 2012 pubblicato da Christian Post , la ricerca dei politologi dell’Università di Harvard dimostra ulteriormente che sta avvenendo un cambiamento fondamentale nella fede dell’America.

A causa dell’associazione del partito repubblicano e del suo “bigottismo” insieme al suo “cristianesimo”, i giovani si stanno allontanando dalla fede cristiana.

A sua volta, questo gruppo è paragonato a un “mercato inutilizzato” che potrebbe essere influenzato da un “diverso tipo di religione”.

“La ragione per cui questo è importante per il clero è che queste non sono persone che si perdono completamente nella religione.

È quasi come se fossero un collegio elettorale inesplorato, o un mercato non sfruttato, che potrebbe essere riportato a un diverso tipo di religione, o una religione che pensavano fosse spogliata della politica, sosteneva Campbell “

Mentre la Chiesa di Satana si schiera apertamente con l’estrema sinistra politica in America, sempre più americani si identificano come non aventi religione nei sondaggi.

Quasi la metà dei pastori in America ha paura di parlare di questioni morali o sociali per paura di offendere la persona sbagliata.

Il co-fondatore del Tempio di Satana Lucien Greaves ha recentemente dichiarato

“A questo punto sembra esserci una comprensione intrinseca e intuitiva di ciò che Satana può significare in un contesto eroico …”

Greaves afferma che i nazionalisti cristiani stanno minando,

“democrazia liberale” “asportando i diritti riproduttivi delle persone”.

La chiesa cristiana si sta dividendo per il sostegno alla politica LGBT. Lo scontro è qui …

Lo stato del globo e le ideologie che lo guideranno nel futuro dipenderanno dalle tue scelte e azioni in questo momento.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net

®wld

Antiche guerre e … nuove guerre

Distruzione nucleare extraterrestre del malvagio Anu-Yahweh 

L’annientamento di Sodoma e Gomorra e la creazione del popolo di Anu La storia delle origini sumere

Ottobre 2015 dal sito EnkiPtahSatya  versionespagnola

Eridu: La città sacra di Enki fu desolata

Il 16 luglio 1945, la prima prova di un’arma nucleare fu effettuata in una zona meridionale degli Stati Uniti.

Il test della Trinità, il soprannome dato al dispositivo atomico, si è svolto in una parte remota di Alamogordo nel mezzo del deserto Jornada del Muerto nello stato del Nuovo Messico.

Il dispositivo esplose nel deserto con un’energia pari a 19 kilotoni e lasciò un cratere nel letto del deserto con una profondità di tre metri e una larghezza di 330 metri.

La forza esplosiva della bomba ha trasmesso una potente onda d’urto che si è anche sentita a distanza più di 150 chilometri, i lampi brillanti emessi dall’esplosione hanno illuminato il paesaggio e la nuvola dei funghi ha raggiunto circa 12 chilometri.

In quel momento storico l’era atomica era ormai iniziata.

Tuttavia, il test della Trinità sarebbe risultato pallido rispetto all’orrore sanguinante che doveva seguire solo un mese dopo. Nel mese di agosto dello stesso anno, due bombe dello stesso tipo, battezzato Little Boy e Fat Man dall’esercito degli Stati Uniti, sono state detonate nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le esplosioni atomiche che hanno prodotto hanno raggiunto rispettivamente 16 e 25 kilotoni.

La forza degli esplosioni ha distrutto le città, il fuoco consumante ha scaldato la terra, il suono dell’impatto ha reso il paesaggio tremito e la caduta radioattiva ha coinvolto la vita di decine di migliaia di persone e molti altri sarebbero stati vittime di malattie attribuite all’avvelenamento delle radiazione.

In quei giorni fatali il mondo ha vissuto gli orrori della guerra nucleare per “la prima volta”.

Da allora le nazioni della terra sono entrate in uno stato di paranoia e tutto il mondo, ritenendo che il giorno del temuto futuro si sarebbe avvicinato. La minaccia della guerra nucleare era già diventata una realtà.

Il XX secolo era un’epoca sanguinosa e guerriera, una vera macchia nella storia dell’umanità moderna, e ora, nel 21° secolo, la minaccia della distruzione atomica è ancora molto viva.

Molti uomini, spaventati dalla crescente tendenza all’armamento nucleare, prevedono un futuro terribile per l’umanità e temono un imminente scenario apocalittico protagonizzato dalle armi atomiche di distruzione di massa.

Molti credono che il giorno finale del giudizio sia vicino. Tuttavia, molte persone dimenticano che il corso della storia è ciclico.

Anche se la civiltà umana dovesse essere distrutta da armi atomiche in questo secolo in una data così lontana, non sarebbe stata la prima volta.

Forse quello che ho appena detto sarà una sorpresa per molti lettori. Tuttavia, c’era già un incubo che scosse le fondamenta del mondo civilizzato alla fine del terzo millennio a.C. più di 4000 anni fa.

Il destino del terzo millennio consisteva in una terrificante esplosione militare atomica che avrebbe devastato i regni della Mesopotamia e del Medio Oriente. Tale evento è stato dimenticato dagli storici moderni, ma è stato documentato nei registri storici di quel tempo.

Il più famoso di essi è il Libro della Genesi della Bibbia Ebraica in cui l’evento appare nel noto racconto di Sodoma e Gomorra.

Tuttavia, pochissime persone sanno che in realtà la suddetta storia biblica si basa su una storia mesopotamica molto più antica.

La distruzione delle città per mezzi soprannaturali è stata registrata in un testo Sumero-Accadico chiamato l’Epica di Erra e in un gruppo di registri sumerici conosciuti come le lamentazioni di Sumer più di un millennio prima della composizione della Bibbia ebraica.

Simili al racconto biblico, i testi mesopotamici raccontano come una manciata di città del Medio Oriente venisse annichilita dalle armi misteriose degli dèi e molti altri luoghi furono desolati dall’inquinamento mortale che avevano prodotto.

Visto da una prospettiva moderna, i documenti antichi registrano la prima guerra nucleare nella storia della terra.

Il racconto ebraico di Sodoma e Gomorra e i testi paleo-apocalittici mesopotamici su cui si fonda l’evento biblico testimoniano un conflitto nucleare tra diverse fazioni di esseri alieni in cui furono scatenate armi di distruzione di massa di origine extraterrestre.

Alla fine del terzo millennio gli dei Enkiti guidati da Marduk si trovarono in un faccia a faccia con gli dèi anuisti (enliliti, Anu ndr) in una violenta rivalità per la supremazia nella regione della Mesopotamia.

Incapaci di irrompere nella battaglia e nella lotta, gli sconosciuti doli anuisti decisero di ricorrere alle armi atomiche per l’avanzamento nella loro campagna militare.

Alla fine, quei maledetti malfattori finirono per devastare la terra di un gruppo di città Enkite nelle terre del Medio Oriente con sette armi potenti e la conseguente radioattività che ha provocato l’improvvisa e misteriosa scomparsa dell’ultimo regno della civiltà sumera intorno al 2000 a.C.

L’antica  guerra nucleare secondo gli antichi registri

I registri più conosciuti dell’antica guerra nucleare è senza dubbio la storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Genesi biblica.

Secondo il racconto ebraico, il cosiddetto dio della giustizia Yahweh vede che i peccati e le abominazioni degli abitanti delle città di Sodoma e Gomorra hanno già raggiunto un estremo e quindi decide di distruggerli.

La natura dei loro crimini non è esplicitata, ma si suppone che il popolo di Sodoma e Gomorra abbia già raggiunto uno stato di totale depravazione.

Questo può essere dedotto dall’episodio poco prima della distruzione in cui il supposto patriarca Abramo invoca il suo dio per avere pietà e non distruggere le città per l’amore dei giusti e poi riceve la risposta che non esistono neanche dieci uomini giusti in Sodoma e Gomorra.

Sappiamo già che solo una manciata di persone può essere considerata “giusta” o “santa” prima del cosiddetto standard morale di quel tiranno senza cuore.

La storia continua …

Presumibilmente Yahweh invia due esseri celesti o angeli per guidare Abramo e salvare la famiglia di Lot, nipote di Abramo e membro del popolo scelto di Yahweh, prima che inizi la distruzione divina.

Il male Yahweh e il suo servo Abramo entrano in complotto, e l’Eterno gli promette che la volontà lo renderà padre di una grande eredità e di una nazione grande e potente.

Dopo la sua intima conversazione con il suo dio, Abrahamo e i due angeli arrivano a Sodoma e tiranno Lot e la sua famiglia fuori dalla città in apparenza in modo soprannaturale. Poi, con la cosiddetta grande misericordia di Yahweh, la distruzione delle città presumibilmente degenerate è rinviata al giorno successivo e i servi di Yahweh fuggono nella lontana città di Zoar.

Domani arriva e il sole sorge sulla terra. L’ora del grande giudizio con il fuoco si avvicina.

Il Signore, il cosiddetto grande giudice della giustizia, sorge contro le città di Sodoma e Gomorra, facendo scendere fuoco e brume dall’alto. Le città vengono completamente distrutte insieme a tutti i loro disgraziati residenti, le pianure sono bruciate e la terra è bollente. Le città sono spazzate via dalla mappa in un istante.

Nel frattempo, in lontananza la moglie di Lot si volta e guarda indietro.

La povera donna viene consumata dalla sostanza emessa dagli esplosioni e viene trasformata in una statua di sale. Quando Abrahamo guarda nella direzione delle città, vede che una colonna di fumo sta salendo dalla terra come il fumo di un forno.

La distruzione delle città è così grande che le figlie di Lot credono che tutta la civiltà umana sia stata distrutta e che esse stesse sono le uniche femmine lasciate sulla terra.

Senza una ombra di dubbio, il racconto biblico di Sodoma e Gomorra da l’impressione simile a una serie di esplosioni nucleari.

  • In primo luogo, vediamo che le città sono investite da una deflagrazione consumante la cui esplosione somiglia allo zolfo.
  • In secondo luogo, leggiamo che le persone che si trovano nelle vicinanze dell’esplosione come la moglie di Lot vengono vetrificate o vaporizzate dalla contaminazione aerea mortale delle esplosioni.
  • In terzo luogo, la colonna di fumo che Abramo testimonia dopo le esplosioni è molto simile alla nuvola di un fungo di una bomba atomica.

Tuttavia, i testi mesopotamici come l’Epica di Erra e le lamentazioni di Sumer, molto più antiche di Sodoma e Gomorra di secoli, raccontano l’evento in modo molto più dettagliato.

Nella versione Sumero-Accadica non c’è spazio per il dubbio di quello che è successo e che sia stata un’esplosione nucleare di origine extraterrestre. 

Nell’Epica di Erra, sin dall’inizio, del primo millennio, in un testo babilonese racconta una storiella sumerica ancora più antica, incontriamo un feroce conflitto tra gli dei Enkiti del lignaggio di Marduk e gli dei guerrieri e spietati del consiglio di Anu (enliliti del lignaggio di Ninurta ndr).

Secondo l’interpretazione di Zecharia Sitchin, questo scontro divino avrebbe luogo intorno all’anno 2024 a.C. (Sitchin, 2010). I

L’esito della storia è molto apocalittico ed è molto simile all’evento che si è verificato nel racconto di Sodoma e Gomorra. Alla fine i nemici di Marduk cercano di privarli dei suoi amati territori e decidono di debellare certe città di Mardukite in Medio Oriente con armi proibite conosciute come i sebitti (Sebitti ndr) o i sette grandiosi.

Secondo lo stesso autore, i sebitti simboleggiano sette dispositivi nucleari devastanti (Sitchin, 2010). II

I sette terrificanti dispositivi furono chiamati,

  1. l’ineguagliabili
  2. la fiamma che brucia
  3. quello che si sgretola con paura
  4. il fonditore di montagne
  5. il vento che trova le estremità della terra
  6. l’insolente sopra e sotto
  7. rispettivamente il vaporizzatore del vivente

Quelle armi di distruzione di massa sarebbero presto state scatenate contro le città di Marduk nella grande antica guerra nucleare mesopotamica o nel fallimentare finale.

Le lamentazioni di Sumer, sono un gruppo di testi storici molto antichi che raccontano la desolata miserabile e straziante delle città nelle terre mesopotamiche attorno al 2000 a.C., descrivono gli effetti della distruzione ancora più dettagliata rispetto all’equivalente racconto biblico.

  • Innanzitutto, i Lamenti mostrano chiaramente che la distruzione non è avventa per una calamità naturale, bensì una grande tempesta decisa da Anu.
  • In secondo luogo, i testi indicano che la grande tempesta di Anu era il risultato della descrizione di un’enorme esplosione avvenuta per via di un malefico colpo, precursore di una tempesta maligna.
  • In terzo luogo, la pena crudele che Anu ha decretato è descritta come una tempesta che sfocia unendo un caldo scottante. Qui vediamo che la tempesta di Anu non si riferisce ad una tempesta meteorologica, ma piuttosto ad una colonna di fuoco che consuma tutto ciò che tocca.
  • Quarto, lo stesso fenomeno spaventoso non solo bruciò la terra ma anche privò la terra del sole splendente del giorno e rese invisibili le stelle della notte. Il fumo della tempesta di fuoco raggiunse il cielo e bloccò completamente la luce solare, qualcosa che non sarebbe avvenuto con una tempesta normale.
  • Quinto, nei giorni successivi un vento cattivo si è abbattuto sugli abitanti, ha fatto diventare pallidi i volti, gli ha fatti soffocare nel sangue e inquinata l’acqua dei fiumi, rendendola amara e mortale.
  • In sesto luogo, i testi raccontano che dopo la demolizione delle città i campi agricoli e le praterie erano contaminati e avevano erbacce cattive e piante avizzite.

Tutte queste descrizioni sono identiche agli effetti devastanti di un’esplosione atomica.

Alcune zone del Medio Oriente furono distrutte da armi atomiche di origine extraterrestre in una guerra brutale tra gli dei della fazione di Marduk e gli dei nemici della cricca del malvagio Anu.

Questa storia del conflitto nucleare tra le opposte fazioni extraterrestri intorno al momento della improvvisa scomparsa della civiltà sumerica sarebbe successivamente ritratta in forma del racconto biblico di Sodoma e Gomorra in cui il dio ebraico Yahweh avrebbe svolto il ruolo distruttivo di Anu, suo Precursore mesopotamico.

Ecco un estratto della letteratura dei Lamenti che descrive come le città sumere furono desolate dagli effetti delle esplosioni nucleari.

È una traduzione del celebre sumerologo Samuel Noah Kramer.

Sulla Terra cadde una calamità, sconosciuta all’uomo; una cosa che non è mai stata vista prima, una cosa a qui non si poteva resistere.

Una grande tempesta dal cielo. Una tempesta di annientamento. Un vento maligno, come un torrente impetuoso. Un’immane a tempesta unita a un caldo scottante.

Di giorno privò la Terra del sole luminoso, la sera le stelle non brillavano. La gente, terrorizzata, non poteva respirare; il vento malvagio li soffocava, non concede loro un altro giorno.

Le bocche erano bagnate di sangue, le teste perdevano sangue. Il viso è stato reso pallido dal Vento del Male. Ha causato la desolazione delle città e delle abitazioni; le stalle desolate prive di vita, gli ovili rimasero vuoti.

I fiumi della Sumeria defluivano con acqua amara; i campi coltivati crescevano erbacce, i suoi pascoli crescono di piante rinsecchite.

Lo spietato scoppio nucleare è stato ordinato da Anu, lo stesso essere degenerato che nella Bibbia avrebbe sopresso Sodoma e Gomorra per i loro peccati indicibili.

Gli anuisti erano grandi nemici di Marduk e quindi volevano portare rovina sul suo regno in Medio Oriente.

In quella fatidica giornata, hanno preso possesso delle sette armi terrificanti e hanno volato sopra le città Mardukite e le montagne circostanti. Una volta oltre i loro obiettivi, gli anuisti hanno lanciato i sette dispositivi nucleari e li hanno fatti detonati sulle regioni che in seguito sarebbero conosciute come Sodoma e Gomorra nella tradizione ebraica.

Quelle città leali a Marduk furono annientate dalla tempesta di fuoco e zolfo che avrebbe seguito le esplosioni tumultuose e molti dei loro disgraziati abitanti sarebbero stati consumati dalle fiamme mortali degli esplosioni fulminanti.

Un fumo scuro si levò in aria e il cielo annerì. Nei giorni seguenti un inverno nucleare ha bloccato la luce solare e di notte le stelle non sarebbero state più visibili.

Nei mesi successivi la caduta mortale radioattiva si diffuse in tutta la terra della Mesopotamia come un vento di morte raggiungendo a est anche le città degli dei Enkiti. Il vento radioattivo avrebbe avvelenato i residenti delle città nella desolazione più completa. Le persone caddero come mosche quando respirarono l’aria inquinata e bevendo l’acqua radioattiva.

La vegetazione dei campi appassiva e i raccolti non avrebbero dato più alcun frutto. Alla fine la distruzione senza precedenti inflitta dalla guerra nucleare mesopotamica ha portato alla improvvisa e misteriosa scomparsa della civiltà sumera.

Il conflitto divino tra i Mardukiti e gli Anuisti si era evoluto da una piccola rivalità familiare tra fratelli e cugini in una vera guerra.

La calamità che cadde sulla Mesopotamia era così grande che anche gli dèi di Sumer dovevano evacuarsi dalle loro amate città. Il vento cattivo si avvicinava alle regioni orientali e la radioattività avvelenò tutto ciò che si trovava nel suo avanzamento.

Le città sono diventate desolate …

Le lamentazioni raccontano che Enki e gli dei del suo lignaggio abbandonarono i loro santuari terrestri, si rifugiarono in montagna e alla fine fuggirono verso il cielo.

  • Così, tutti gli importanti dèi furono evacuati da Uruk, si tennero lontani da lei, si nascondevano in montagna, si accamparono nelle pianure lontane. (Lamenti di Uruk)
  • l padre Enki si allontanò dalla città come se fosse una città aliena. Per la sua città desolata, pianse le lacrime amare. La grande signora della città (Ninki), volando come un uccello, ha lasciato la città. (Lamenti di Eridú)

Qui vediamo che la caduta radioattiva ha colpito persino gli dèi.

Purtroppo, si sono trovati costretti ad abbandonare le loro dimore sulla terra per evitare il vento mortale. I nostri dèi Enkiti salivano sulle loro navette spaziali, volarono in alto nel cielo come gli uccelli e ritornarono nello spazio. Una completa evaquazione.

L’antica guerra nucleare avrebbe dato inizio di una nuova era nella storia del mondo.

Con i loro bastioni indeboliti in Mesopotamia, gli Enkiti finirono per perdere la loro egemonia in Medio Oriente e rinunciare per sempre al dominio degli Anuisti.

I nobili regni di Babilonia e Egitto si mantenevano fedeli al loro grande dio Marduk e rimasero come potenti bastioni della corrente spirituale Enkita per molti secoli.

Tuttavia, gli anuisti avevano già approfittato dell’occasione di stabilirsi sulla quella terra.

I seguaci di Anu hanno occupato molte regioni del Medio Oriente e sono riusciti a infiltrarsi in molti governi. Così fu l’inizio dell’età di Ares, un’era astrologica caratterizzata da conflitti, guerre e violenze.

Gli anuisti continueranno i loro attacchi feroci contro gli Enkiti e alla fine trionfarono nella battaglia sui nostri dèi. Un momento di tristezza e angoscia insopportabile per l’umanità era arrivato.

Alcuni dei nostri dèi furono catturati e annichiliti dai malvagi invasori anuisti.

Sono stati incastrati e imprigionati nelle prigioni buie nelle profondità di quello che è stato chiamato inferno. Purtroppo, diventarono prigionieri di guerra. Nelle loro infernali celle, i nostri dèi non avevano più la libertà di movimento a livello fisico, anche se erano ancora in grado di muoversi temporaneamente in altri luoghi nel loro corpo astrale.

Ricordiamo che le abilità psichiche degli dèi sono molto più sviluppate dei nostri.

Dopo la battaglia i nostri dèi furono portati nelle carceri degli Anuisti e lì i seguaci di Anu li avrebbero sfruttati trasferendo le loro energie al vortice energetico del loro signore il male Anu-Yahweh.

Da questo sorgerà l’idea degli angeli ribelli incappati nell’abisso infernale della letteratura apocalittica del Nuovo Testamento e del Giudaismo del Tempio del Secondo Tempio (Apocalisse 20: 2-3, Giudea 1: 6, 2 Pietro 2: 4 Enoch 10: 4-6, Enoch 10: 12-13).

Ricordiamo che nella letteratura religiosa dell’ebraismo monoteistico dell’epoca post-esilio, i grandi dèi della cultura politeista mesopotamica in cui gli ebrei si erano trovati durante l’esilio sono stati ingannati e trasformati in ‘demoni’ e ‘angeli caduti’.

Altri dei nostri dèi, il grande Enki incluso, riuscirono a fuggire per tempo fuggendo nello spazio. In quel momento di totale tristezza, i nostri dèi si vedevano costretti ad abbandonare l’orgoglio e ritirarsi dal nostro pianeta.

Si lasciarono la terra alle spalle e tornarono alla loro casa originale nella costellazione di Orione.

Il mondo è caduto negli artigli dei malvagi anuisti. Tuttavia, il ritiro degli Enkiti non significa che ci avrebbero abbandonati. Quello che hanno fatto in quel momento molto difficile è stato un ritiro tattico.

I nostri dèi sapevano che non avrebbero potuto vincere la guerra in quel momento poiché gli anuisti erano riusciti a diventare molto potenti dopo aver fatto deflagrare gli ordigni nucleari in Medio Oriente, e quindi, invece di essere catturati o massacrati sulla terra, hanno deciso di fuggire e di ritornare al loro pianeta d’origine per ripensare alla loro strategia e pianificare il loro contrattacco.

Un giorno i guerrieri Enkiti ritorneranno, un ritorno contro i malvagi anuisti e riprendere la terra.

Era molto doloroso quello che è successo ai nostri dèi quando furono catturati dagli anuisti e incastrati nell’abisso infernale. Tuttavia, secondo le memorie Enkite, negli ultimi anni tutti gli dei senza alcuna eccezione sono riusciti a scappare dalla schiavitù di Anu e riconquistare la loro libertà. III

Ora tutti i nostri dèi sono liberi e disposti a combattere nella guerra per il dominio della terra.

Ora torniamo all’età di Ares (intorno al 2150 a.C. – 1 a.C.).

Dopo aver indebolito gli dei Enkiti con la guerra nucleare, gli anuisti approfittarono dell’opportunità di infiltrarsi nelle nazioni della terra e di stabilire una linea di fedeli seguaci.

Il malvagio Anu avrebbe deciso di creare un popolo anuistico sulla terra in modo che in seguito avrebbe eseguito il suo intricato piano per dominare il mondo intero.

Anu stabilì il suo primo bastione della corrente anuista nelle terre della Palestina sulla costa levantina, tra i grandi regni Enkiti d’Egitto e Babilonia. La posizione del cuore del suo regno terrestre non era una coincidenza, poiché la missione del suo popolo sarebbe quella di infiltrarsi nei regni adiacenti Enkiti e corromperli dall’interno.

I popoli scelti di Anu sarebbero i semiti occidentali, quelli che poi sarebbero conosciuti come gli ebrei, gli israeliti.

L’origine del popolo ebraico

Gli ebrei sono delle genti enigmatiche. Anche la loro origine come nazione è avvolta nel mistero.

La bibbia ebraica, il sacro libro dell’ebraismo, afferma che il popolo ebraico ha le proprie radici nella discendenza di Abramo, il primo patriarca della razza ebraica presumibilmente eletto da Yahweh come padre del suo popolo scelto.

Secondo il racconto biblico, la scelta di Abramo avviene poco prima della distruzione di Sodoma e Gomorra, che avrebbe posto la data della sua nascita nei decenni finali del XX secolo a.C.

Alla fine Yahweh fa un patto con Abramo e gli promette che sarà il padre di una grande nazione messianica che regnerà in tutto il mondo.

Tuttavia, uno studio minuzioso della storia di Abramo rivelerà che il padre ben venerato del popolo ebraico non può essere stato una persona reale, ma piuttosto un patriarca fittizio.

Il progenitore ancestrale degli ebrei non esisteva realmente; l’Abrahamo biblico non è altro che un archetipo ebraico che il sacerdozio ebraico ha inventato nel primo millennio allo scopo di realizzare una storia ancestrale per i popoli dell’ebraismo.

La storia del popolo ebraico raccontata nella Bibbia non è altro che una truffa intricata il cui obiettivo è la giustificazione della loro nuova “teologia del popolo scelto”. Niente della loro storia è vera e la storia della loro origine è ancora minore.

Come possiamo sapere se il patriarca biblico Abramo non era mai stato una persona storica, ma in realtà un archetipo inventato in una data successiva?

La risposta è semplice per chiunque abbia una buona comprensione della storia antica. In primo luogo, i ricercatori della borghesia biblica moderna sono giunti alla conclusione che il Libro della Genesi è pieno di anacronismi.

Un anacronismo è un errore storico che consiste nella presentazione di qualcosa di appartenente a un tempo a cui non corrisponde veramente. Quello che è strano nel Libro della Genesi è l’assenza di un accurato riferimento a ciò che stava accadendo storicamente in Medio Oriente durante il secondo millennio (Grant, 1996). IV

La verità è che molti riferimenti storici e topografici nella Bibbia sono molto più appropriati nella metà del primo millennio, cosa che indica una data di redazione successiva e dimostra che la cosiddetta storia antica del popolo ebraico è infatti, nient’altro che un’invenzione tardiva del primo millennio.

Ad esempio, il narratore biblico della Genesi afferma che Abramo proveniva dalla città di Ur dei Caldei.

Tuttavia, il termine Ur dei Caldei era appropriato solo dal VII secolo a.C., dato che i Caldei sono emersi nella regione di Ur solo alla metà del primo millennio.

Nel tempo in cui doveva vivere Abrahamo, Ur era una regione abitata dai Sumeri (Grant, 1996). V

Secondo, molti storici moderni hanno osservato che non esistono registrazioni provenienti da fonti extra-bibliche che corroborano le presunte azioni del popolo israelitico nelle nazioni circostanti come l’Egitto (Romer, 1999). VI

Ciò suggerisce che le storie dei grandi patriarchi ebraici raccontati nella Bibbia non costituiscono la realtà della realtà, in realtà sono invenzioni tardive del sacerdozio ebraico il cui obiettivo era falsificare e far credere di maggiore antichità la storia ebraica.

Risulta che la storia di Abramo così come presentata nella Bibbia era falsa. L’ Abrahamo biblico non è altro che un archetipo fittizio ebraico e la storia della scelta di Abramo era in realtà un tentativo di fornire una spiegazione sull’origine del cosiddetto popolo scelto dal sacerdozio ebraico.

Se la storia di Abramo come il grande padre ancestrale del popolo ebraico è completamente fittizia, da dove è apparso quel misterioso popolo e come?

La storia della scelta di Abramo nella Bibbia è in realtà una favola fittizia che copre un evento veramente sinistro. In altre parole, si potrebbe dire che la storia della scelta di Abramo è un racconto allegorico che nasconde la scioccante verità sull’origine autentica del popolo ebraico.

A volte la verità è molto più fantastica di una finzione.

Gli Ebrei, quella misteriosa razza che infiltrò così tanti paesi stranieri ed era dietro le tre grandi religioni monoteistiche e molti movimenti mondiali, sono il popolo di Anu.

Sono il popolo scelto del loro dio settario; ma non sono il popolo scelto del dio dell’umanità.

Gli Ebrei furono scelti o piuttosto creati da Anu affinché assumessero una missione di dominio mondiale. Gli ebrei furono creati come una nazione di sospetti subordinati a Anu e per essere suoi rappresentanti sulla terra.

Ad un tempo non specificato dopo l’antica guerra nucleare, Anu stabilì il suo grande bastione della sua fazione nella regione di Palestina e fondò il suo culto, culto sotto lo pseudonimo semitico El.

Il suo culto si sarebbe sparso in tutte le regioni levantine e Anu-El sarebbe stato adorato come il dio principale dai popoli semitici occidentali come,

  • i Fenici
  • gli Amoriti
  • i Cananei

Nella religione semitica del secondo millennio, il culto di El fu caratterizzato da sacrifici umani e rituali di infanticidi (Olyan, 1988). VII

Lo stesso dio sanguinario e spietato sarebbe stato poi conosciuto dai Greci come Kronos (Smith, 2002). VIII

Lo stesso Kronos era conosciuto come Saturno nel mondo che parlava latino. Il culto saturo e perverso di Anu-El era già stato stabilito nelle varie regioni semitiche lungo la costa levantina. Nel frattempo, il malevole Anu-El ha formato il suo popolo scelto nella loro prima tappa tra i popoli semitici occidentali. I primi proto-ebrei sarebbero nati tra gli antichi popoli cananei. Sembrano simili ai loro vicini semitici levantini, ma il loro DNA sarebbe stato modificato dagli anuisti e sarebbero molto diversi dalle altre razze dell’umanità.Il popolo ebraico è stato creato dagli anuisti come una nuova razza e dentro di loro è stato impiantato il materiale genetico del loro dio Anu e anche quello di un’altra specie extraterrestre conosciuta come Dracos o Saurians. IX

Pertanto, gli ebrei si sarebbero manifestati con molti dei tratti perversi del loro creatore:

  • odio dai popoli Gentili o non-ebrei
  • collettivismo razziale
  • furbizia
  • inganno
  • un complesso di superiorità
  • delirio persecutorio
  • a moralismo
  • depravazione
  • complesso vittimistico
  • ipocrisia
  • materialismo
  • avidità
  • guerrafondaio
  • sete di sangue
  • una insaziabile sete di dominio

Alla fine, gli ebrei originali furono fatti con l’immagine e la somiglianza del loro degenerato dio Anu-El e così hanno ereditato molte delle sue caratteristiche psicologiche.

Il DNA del Dracos che è stato aggiunto ha dato al popolo ebraico una certa perversa, crudele e spietata mentalità. È per qualcosa che le élite s del rabbinate ebraico dicono che il sangue ebraico non è lo stesso del sangue Gentile e afferma che gli ebrei e i gentili sono due specie diverse.

Gli ebrei sono programmati geneticamente per servire Anu e sostenere la causa della loro razza in modo ultra collettivista.

Sin dall’inizio della loro storia, il popolo di Anu è stato esperto nell’infiltrazione di governi stranieri, sabotaggio e cospirazione. Le élite s della società hanno sempre operato attraverso confraternite ebraiche segregate e cospiratorie.

Non è noto con certezza quando la razza preferita di Anu è stata creata dagli dei della fazione anuista nella regione della Palestina, ma si può dedurre che tale avvenimento avvenne in un periodo compreso tra il 2000 e il 1800 a.C. 

La ragione per cui possiamo arrivare a tale conclusione è perché la misteriosa corsa dell’invasore conosciuta come gli Hyksos apparirà nella storia per la prima volta intorno all’anno 1800 a.C.

Gli Hyksos erano una razza sconosciuta di barbari guerrieri che improvvisamente apparvero dal nulla e cominciarono a combattere contro gli egiziani. Questa gente sanguinaria e crudele conquisterà sia il basso Egitto che l’Alto Egitto regnando sul paese da circa il 1720 fino al 1570 a.C.

Sei reverendi re di quella stessa tribù avrebbero dominato la terra dell’Egitto per due secoli, fino a quando la loro ultima dinastia è stata rovesciata dalla resistenza Tebana. Si sono diffuse diverse voci sull’origine degli Hyksos.

Alcuni dicevano che erano semiti mentre altri sostenevano che erano nomadi asiatici. C’era anche la voce che erano di radici greche!

Quello che c’è di certo è che anche la loro origine è avvolta nel mistero. Tuttavia, sappiamo che avevano nomi cananei, anche se poi avrebbero adottato pseudonimi egiziani. I cananei erano un popolo semitico occidentale stabilito nella regione della Palestina da cui gli ebrei avrebbero poi tracciato la loro cultura.

Contrariamente a quanto afferma la pseudo-storia ebraica, nel secondo millennio a.C., i Cananei e gli Ebrei erano identici, parlavano la stessa lingua e appartenevano alla stessa corrente culturale (Tubb, 1999, Smith, 2002). X, XI

Alla fine, gli Hyksos erano i semiti occidentali e i “Proto-Ebrei” creati da Anu-El all’inizio del secondo millennio a.C. e la loro missione era quella di infiltrarsi nei regni d’Egitto, un nobile bastione degli attuali Enkiti distruggendoli e corrompendoli dall’interno verso l’esterno.

Qui vediamo i primi segni del proto-sionismo anuistico nella storia del mondo.

Così è stato il modus operandi del popolo di Anu fin dall’inizio:

infiltrarsi in una terra straniera, assumere spesso le istituzioni del potere politico con mezzi surrettizi, corrompere la cultura e la civiltà Gentile e distruggere le nazioni dall’interno.

Il malevole Anu li ha programmati per essere così.

Il popolo di Anu ha sempre odiato i popoli di Enki come gli egiziani, i babilonesi e le altre nazioni gentili, dal momento che l’odio xenofobo è codificato nel loro DNA da Anu e registrato nella loro coscienza collettiva.

Quando il primo tentativo di far cadere la rovina sulla regione dell’Egitto non è riuscita e gli Hyksos o i “Proto-Ebrei” sono stati espulsi dal paese dopo due secoli di dominio, Anu ha disegnato un nuovo piano d’azione.

Intorno al 14° secolo a.C. il famigerato faraone Akhenaton fece la sua comparsa nella storia e cercava di sopprimere il tradizionale politeismo egiziano e sostituire il culto di Amon-Ra (Marduk) con un culto ad una sola divinità solare chiamata atonismo.

Akhenaton era un ibrido Draco-Human, vero rettiliano, assunto da Anu. XII

Durante il suo regno Akhenaton sarebbe diventato sempre più fanatico.

Ha proclamato che Aton non era solo il dio supremo ma anche l’unico dio e si è dichiarato l’unico mediatore tra il popolo e l’unico vero dio. Poi Akhenaton ordinò il vandalismo dei templi di Amon-Ra, proibì le immagini delle divinità egiziane tradizionali e cancellò tutti i riferimenti a una pluralità di dei nelle iscrizioni del suo tempo.

Chi ti ricorda il comportamento intollerante di quel “faraone” tirannico

monoteista? Le azioni di Akhenaton sono firmate da Anu e sono precedenti di ciò che accadrà più tardi in Palestina sotto il sacerdozio ebraico.

Akhenaton era un inganno anuistico di sangue draconiano che cercava di corrompere la corrente spirituale del grande bastione Enkita dell’Egitto. Fortunatamente le sue cosiddette “riforme” monoteistiche sarebbero appena durate 20 anni e il culto di Amon-Ra sarebbe stato ripristinato a Tebe da Tutankhamon.

Quindi il secondo tentativo del popolo di Anu sarebbe fallito grazie al grande spirito di resistenza del popolo egiziano.

Più tardi, all’inizio del primo millennio, le stesse persone di Anu cominciarono a dividersi dal popolo cananeo a cui appartenevano prima, per formare un nuovo movimento ignominioso.

Questa volta si sarebbero chiamati Ebrei e sarebbero diventati acerrimi nemici con i loro cugini semantici levantini che non simpatizzavano con loro come i Moabiti, i Filistei e persino con i Canaaniti.

La storia del presunto Esodo fuori dall’Egitto è pura finzione.

Nulla di ciò che viene detto nella storia di Mosè è veramente avvenuto. Come molti anedoti del Pentateuco, la storia dell’Esodo è ricca di anacronismi e tutte le testimonianze archeologiche per quanto riguarda l’argomento si sono rivelate negative nonostante più di un secolo di ricerca archeologica ed egittologi-ca (Meyers, 2005 ). XIII

Alla fine, la storia dell’Esodo non era un fatto, ma piuttosto un racconto pseudo-storico della propaganda anti-egiziana fabbricata dalle élite del sacerdozio ebraico anuista.

Gli obiettivi principali di questa ignota bugia biblica erano la calunnia dei principali nemici del popolo di Anu e la giustificazione degli Ebrei come popolo scelto da ‘dio’. In realtà gli Ebrei si separarono dalla cultura cananea all’inizio del primo millennio e alcuni secoli dopo il loro sacerdozio inventava il monoteismo radicale jehovitico.

Questa volta il monoteismo di Anu si è radicato con grande successo.

I semi della religione ingannevole di Anu erano già stati seminati nella terra di Palestina. Il presunto sacro libro della pseudo-storia del popolo ebraico sarebbe stato fabbricato intorno al 550 a.C. e il culto di Yahweh, il nuovo epitoma ebraico di Anu-El, sarebbe stato stabilito nella capitale ebraica di Gerusalemme.

Il nuovo monoteismo del popolo ebraico sarebbe diventato sempre più violento e tutte le nazioni confinanti che si rifiutarono di accettare il dio ebraico Yahweh-El-Anu sarebbero state disprezzate e demonizzate dal sacerdozio di Anu.

Gli ebrei avrebbero sempre implorato gli dei Enkiti del regno di Babilonia nei loro scritti calunniosi e avrebbero proposto il genocidio di tutti i popoli politeisti attorno a loro. L’ebraismo è stato una religione terribile, brutale, guerriera e degenerata fin dall’inizio.

Pertanto, le nazioni più gentili civilizzate erano in grado di vedere attraverso la perversa follia dell’ebraismo per quello che era.

L’élite del sacerdozio di Anu avrebbe nuovamente cospirato per diffondere la loro illusoria corrente anuistica tra i popoli Gentili.

Nel primo secolo d.C. il regno di Babilonia era già caduto e la terra di Israele era già stata sottoposta all’impero romano. Anche l’influenza greca era molto presente nelle regioni del Levante. L’esercito ebraico era già indebolito e il paese era all’orlo della sua scomparsa.

Già abituato ad infiltrare le nazioni straniere e parassitarle dall’interno, l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato un enorme e sinistro complotto per dominare le grandi nazioni gentili.

Un ennesimo fariseo ebraico con cittadinanza romana conosciuto come Paolo di Tarsus apparirà in Palestina alla metà del I secolo e affermerebbe di aver ricevuto una visione profetica da un certo Gesù di Nazareth sulla strada per Damasco.

Questo cosiddetto apostolo dei Gentili che non aveva mai conosciuto il mitico Nazareno in persona affermò di essere un messaggero della verità e fondò una nuova setta ebraica orientata verso i Gentili.

Quella nuova setta sarebbe poi stata conosciuta come cristianesimo.

È interessante notare che il presunto grande eroe della cristianità, l’apostolo Paolo, era un discepolo diretto e dipendente di un certo Gamaliel, uno dei membri più alti dell’infame Gran Sinedrio, l’assemblea della élite ebraica nell’antico Israele.

È anche interessante notare che anche dopo la creazione della nuova setta cristiana, Paolo di Tarso ha continuato a praticare l’ebraismo dei suoi antenati.

Se posso lasciare la diplomazia da un lato e dire la verità esattamente come è, posso solo dire che Paolo di Tarsus, il fariseo ebreo, è stato un ingannevole ingannatore dei popoli Gentili, un venditore di menzogne, un lupo in un gregge di pecore e un impiegato dei cospiratori ebrei proto-sionisti del Sinedrio.

Era una creazione animale di Anu e della sua cricca contorta.

I bizzarri insegnamenti della sua nuova setta sarebbero stati puro avvelenamento per le sue vittime Gentili.

In primo luogo, l’insegnamento di una filosofia anti-vita e autodistruttiva di,

  • pacifismo totale
  • indebito altruismo
  • obbedienza cieca
  • oscurantismo
  • abnegazione dell’Io
  • amore per i nemici e anche per coloro che ci opprimono
  • la rinuncia a qualunque tipo di conoscenza spirituale ancestrale
  • la strana umiliazione di sé come un perduto peccatore
  • una preoccupazione malsana di colpa e di vergogna
  • dipendenza fatalistica
  • una paura irrazionale nei confronti di altri concetti come il diavolo, l’inferno e il giudizio finale.

Il cristianesimo finisce per trasformare milioni di Gentili in schiavi docili e sottomessi senza spirito di combattimento e facile da dominare.

  • In secondo luogo, l’espansione della teologia monoteista giudeo-cristiana esporterebbe il culto di Yahweh (El, Anu, Kronos, Saturno) a tutte le nazioni europee e quindi un numero innumerevole di Gentili cadrebbero sotto il dominio del dio degli ebrei.
    • Giudaismo 2.0 presumibilmente dallo stesso Nazareno e solo per i Gentili.

E chi era il cosiddetto Messia e salvatore dell’umanità introdotto da Paolo il fariseo?

Il mitico biblico Nazareno conosciuto come Gesù e più tardi come Gesù Cristo non era altro che un carattere fittizio. Proprio come Abramo e Mosè, Gesù era puramente un archetipo ebraico inventato dai cospiratori anuisti.

Il salvatore universale dell’umanità sarebbe solo una forma di pensiero ingannevole di Anu.

In termini esoterici, una forma pensiero è un’entità irreale, illusoria e fantasmagorica proiettata dalla mente di un mago e dotata anche di una consistenza fisica e di una propria personalità. In altre parole, è un’apparizione programmata creata attraverso l’energia magica.

Il concetto forme di pensiero è molto antico e risale all’antico Oriente, dove era noto come Tulpa in tibetano e Nirmita in sanscrito.

Gli anuisti mantengono tutto il mondo nell’inganno e si impadroniscono dell’energia spirituale dei loro ingenui seguaci religiosi attraverso le loro forme di pensiero, come il fittizio Gesù Cristo. Ogni volta che un cristiano prega il Nazareno l’energia spirituale delle sue preghiere viene inghiottita dal vortice energetico di Anu e la magia nera degli Anuisti viene rafforzata. Gli anuisti si nutrono di quella energia a livello spirituale.

Molti iniziati ebrei e seguaci del sionismo fingono di avere un’avversione per Gesù Cristo come eretico e traditore dell’ebraismo; tuttavia, tutto questo è solo un atto di teatrale…

Sanno che il Nazareno adorato dai cristiani non è altro che un fittizio archetipo e comprendono che il presunto Messia dei Gentili è infatti una forma di pensiero con cui possono assumere le menti dei loro nemici cristiani.

L’ostilità che essi mostrano verso la propria forma di pensiero non è altro che un modo per suscitare conflitti tra i popoli e confonderli ancora di più.

Tornando all’argomento principale, nei secoli successivi la nuova setta cristiana, costruita dalla élite dell’ebraismo anuista e venduta ai gentili ingenui dal fariseo ebraico Paolo di Tarso, si è diffusa in tutto il mondo mediterraneo. All’inizio fu respinto dalla maggioranza dei Gentili nelle grandi nazioni europee ed era persino perseguitato nei territori dell’Impero Romano.

Tuttavia, nel quarto secolo, i cattivi anuisti hanno fatto un accordo con l’élite dell’Impero (o forse lo Stato romano era già caduto sotto il controllo degli Anuisti da molto tempo) e seguente-mente gli imperatori hanno imposto la religione di Anu come culto ufficiale dello Stato.

Da allora gli Anuisti avrebbero stabilito un potente secondo bastione a Roma:

Più o meno nello stesso tempo, gli anuisti avrebbero trovato una terza religione monoteista dogmatica ed intollerante nelle terre degli arabi:

  • Islam.

Anu ha inviato lo stesso arcangelo Gabriele, un ingrato extraterrestre della fazione anuista conosciuto come Jibril in arabo, in modo che avrebbe rivelato a Mohammad la nuova “verità” di “dio” creando una nuova religione abrahamica … L’Islam abbraccia l’insegnamento della “guerra santa” contro gli “infedeli” e gli arabi convertiti avrebbero brandito le loro spade per distruggono tutti i popoli che si rifiutarono di credere nella nuova religione di Anu.

Gli Anuisti avevano creato una nuova cultura di potenti guerrieri disposti a combattere per la loro causa.

Nel frattempo, in Europa il Papato dell’anuista Vaticano distrugge tutte le tradizioni spirituali ancestrali dei popoli Gentili e annienta tutti i ribelli attraverso la loro perversa e malvagia inquisizione.

Alla fine gli ebrei iniziati, il popolo di Anu, infiltreranno molte organizzazioni europee che fingono la loro conversione al cattolicesimo.

Il Vaticano è sempre stato un’organizzazione misteriosa con legami con le società segrete dell’occultismo ebraico. In poche parole, gli ebrei anuisti hanno sottomesso (o in questo caso sub-ebrei) le nazioni europee con il loro sanguigno cavallo sionista conosciuto come cristianesimo e distrutto le culture ancestrali del Medio Oriente per mezzo della loro arma chiamata islamismo.

Il popolo di Anu riuscì a monopolizzare il potere politico e intellettuale sul Vecchio Mondo (Europa) attraverso la loro religione cattolica. Tuttavia, questo significa che non li servirà per sempre. La strategia degli anuisti è sempre in evoluzione e si adatta alle circostanze dell’epoca.

Nei tempi moderni le genti di Anu avrebbero tracciato i loro intenti per un nuovo progetto segreto per espandere il loro monopolio sul potere e comprimendolo per infiltrarsi nei governi del Nuovo Mondo (Americhe) attraverso diverse società segrete.

La fase successiva e finale della loro cospirazione millenaria sarebbe l’infame Nuovo Ordine Mondiale.

Il Nuovo Ordine Mondiale è composto da una rete di occulte confraternite dirette dai discendenti della stessa linea antisemitica creata in Palestina quasi quattro millenni fa.

I cosiddetti Illuminati del presente sono i figli del millenario sionismo.

Contrariamente a alcuni miti popolari che suppongono che gli Illuminati siano seguaci del Satana biblico, un semplice personaggio fittizio inventato per seminare i semi della paura e della paranoia, le élite dell’Ordine degli Illuminati sono veramente ebrei sionisti fedeli a Yahweh (Anu, El, Saturno) e il Nuovo Ordine Mondiale è l’eredità che il loro dio malvagio ha promesso per loro nel momento della loro elezione.

È curioso che nella Bibbia Yahweh promette al fittizio archetipo ebraico Abrahamo che lo farà padre di molte nazioni grandi e poi i profeti ebrei profetizzeranno che il popolo d’Israele erediterà il mondo intero e regnerà su tutte le nazioni.

In realtà, la Bibbia ebraica non è altro che un progetto codificato del sionismo per gli ebrei iniziati e un mezzo di inganno per mantenere i non iniziati schiavi.

Quello che è certo, è che il Nuovo Ordine Mondiale appartiene a Yahweh e al suo popolo eluso scelto da Ebrei ... 

conclusioni

La storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Bibbia ebraica è una rifusione tardiva di un gruppo di antichi racconti storici mesopotamici che comprendono l’Epica di Erra babilonese e le lamentazioni di Sumer.

I testi originali raccontano un feroce conflitto tra gli dei che successivamente poi testimoniano una grande catastrofe che avrebbe portato all’improvviso la scomparsa della civiltà sumera costringendo gli dèi Enkiti ad esiliarsi dalla terra.

Il conflitto devastante raccontato nei testi antichi era infatti un’antica guerra nucleare che scoppiava tra due opposte fazioni avanzate di extraterrestri.

Gli Anuisti avrebbero ricorso alle armi atomiche di distruzione di massa per sconfiggere gli Enkiti e a farli ritirare dalla terra.

Il “vento cattivo”, un antico riferimento alla caduta radioattiva causato dalle bombe atomiche, avrebbe desolato le città dei nostri dei e indebolendo il loro dominio sulla regione mesopotamica.

Immediatamente gli extraterrestri della fazione di Anu avrebbero invaso la terra assumendo alcune aree del pianeta. Avrebbero combattuto spietatamente con gli Enkiti e seminano il caos in Medio Oriente.

Anu stabilirà il bastone del suo culto anuistico nella regione di Palestina sotto lo pseudonimo semitico El. Nel frattempo, i suoi potenti alleati spirituali con gli infami Dracos schiacciarono la resistenza Enkita prendendo molti dei nostri dèi come prigionieri.

Da lì nasce l’idea degli angeli ribelli caduti nell’abisso dell’inferno nella letteratura apocalittica del giudaismo nel periodo del secondo tempio e successivamente nel Nuovo Testamento. Fortunatamente altri nostri dèi, inclusi Enki, nel tempo riuscirono a fuggire e si ritirarono dalla terra tornando in casa nella costellazione di Orione per preparare la loro futura rivalsa.

La storia di Abramo nella Genesi non è altro che una ritardata cronaca pseudo-storica il cui scopo è stata la giustificazione degli ebrei come popolo scelto da ‘dio’.

Abramo è un nome archetipo di carattere fittizio e il resoconto della sua elezione è un’allegoria che nasconde un evento veramente sinistro.

In realtà Yahweh (Anu) non scelse alcun Abramo; ha creato una nuova razza ibrida in Palestina attraverso l’ingegneria genetica sulla base del proprio materiale genetico e quello dei Dracos in modo che essi sarebbero stati il suo popolo scelto.

Ha affidato al suo popolo una missione speciale:

la distruzione sistematica di tutte le civiltà enkite gentili e la dominazione sul mondo = sionismo.

Da questa nuova razza anuista apparirà l’enigmatico Hyksos intorno al 1800 a.C. e avrebbero cercato di rovinare il regno Enkita d’Egitto.

Il “faraone” Akhenaton anuista sarebbe venuto sulla scena e cercare di corrompere la religione egizia ancestrale per sostituirla con la spazzatura di Anu. Ma, l’Egitto rimase forte.

Più tardi all’inizio del primo millennio a.C. il medesimo lignaggio anuista si organizzò nuovamente a formare il popolo ebraico, il popolo “scelto” e gli ebrei avrebbero combattuto con tutte le nazioni politeiste vicine.

Nel 1° secolo a,C. l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato la trama più complessa della storia.

Una grande minaccia
(Agenda 21)  

Avrebbero creato altre due religioni basate sul loro ebraismo monoteistico, due culti ebrei molto velenosi e autodistruttivi, per venderlo ai Gentili in Europa e Medio Oriente. Questo sarebbe stato il cavallo di Troia ebraico.

Il cristianesimo ebraico sarebbe stato stabilito in Europa e l’islamismo ebraico avrebbe stato assunto dalle menti del popolo arabo. Allora gli ebrei sionisti, gli ultimi burattinai, avrebbero infiltrato le società cristiane straniere e alla fine hanno espanso il loro dominio sui popoli gentili.

Negli ultimi tempi le stesse persone avrebbero assunto molti dei governi del mondo con l’aiuto del loro malvagio dio Anu-Yahweh e stabilirono il loro nuovo ordine mondiale.

Ora i seguaci di Anu sono i più potenti, hanno quasi il monopolio sul potere politico del mondo e gestiscono gran parte della ricchezza.

Ora i sionisti anuisti godono della promessa che il loro demonio del dio Anu-Yahweh ha fatto al padre archetipo ebraico Abramo e ai profeti della Bibbia:

egli consegna loro il potere su tutte le nazioni e li rende i padroni di tutto il mondo.

Alla fine, la Bibbia giudeo-cristiana è in realtà un segreto nascosto per il millennio sionista.

Il sionismo ebraico è sponsorizzato da Anu-Yahweh, che ha reso schiava l’umanità asservendola e rendendo nemico il cosmico Enki.

Riferimenti

I. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati giganti sulla terra: dèi, semi dei e ancestrali umani: l’evidenza del DNA straniero – New York (p. 287)

II. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati Giants sulla Terra: Dei, Semidei e Umani Ancestrali: L’Evidenza del DNA Alieno – New York (p. 288)

III.  http://www.loveenki.com/enki_gb/enki-and-his-human-children-lets-sum-up-the-situation/

IV. Grant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (p.30)

V. rant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (pagina 32)

VI. Romer, J. (1999) Testamento. (pp. 57-58)

VII. Olyan, SM (1988) Asherah e il culto di Yahweh in Israele. (pp. 62-68)

VIII. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 172-173)

IX. http://www.loveenki.com/enki/2012/07/abraham-imposture-de-lhistoire-les-kashars-imposture-du-moment-dieu-sobek-anu-et-sa-premiere-visite/

X. Tubb, JN (1998) Canaaniti: Popoli del passato. (pp. 107-116)

XI. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 6-9)

XII. http://www.loveenki.com/enki_gb/the-god-seth-from-love-to-fury-or-from-suty-to-typhon-anu-the-children-and-the-black-magic-the-Hyksos /

XIII. Meyers, C. (2005) Esodo. Cambridge (pp. 5-7)

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

L’IRA DI “ERRA”

le armi degli dèi

Spazio Porto Nel Sinai al tempo degli dèi

SINOSSI DELLA XIII° TAVOLETTA

Ma anche le civiltà dell’Indo riportano le stesse vicende catastrofiche

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

“Le Sette città Rishi”

Il reddito universale per una Classe inutile

Nel futuro, Mondi virtuali potrebbero prendere il posto della religione e altri sistemi importanti costruiti per la società man mano che gli eseri umani diventano meno utili.  Fotografia: Jeff J Mitchell / Getty Images

La Classe inutile Il significato della vita senza lavoro e un reddito di base universale

L’autore Yuval Noah Harari, è un ateo che crede di poter indovinare il futuro.  Questo articolo potrebbe farvi salire la pressione, ma bisogna che lo leggiate. Harari parla anche della élite mondiale dando immagini avveniristiche. Fonte

La maggior parte dei posti di lavoro che esistono oggi, potrebbero sparire ed è una questione di decadi.

Man mano che l’intelligenza artificiale supera gli esseri umani in sempre più compiti, li rimpiazzerà in moltissimi posti di lavoro. E’ probabile che appaiano molte nuovi professioni: disegnatori di mondi virtuali per esempio.

Questa tipologia di professioni però, richiederanno più creatività e flessibilità e non è chiaro se i tassisti o gli assicuratori di 40 anni e senza impiego saranno capaci di reinventare se stessi come disegnatori di mondi virtuali (cercate di immaginare un mondo virtuale creato da un assicuratore!).

E anche se l’assicuratore in un modo o nell’altro compie questa transizione e diventa un disegnatore di mondi virtuali, il ritmo del progresso è tale che entro dieci anni potrebbe essere che debba reinventarsi una volta di più.

Il problema fondamentale non è creare nuovi posti di lavoro. Il problema fondamentale è creare nuovi posti di lavoro che gli esseri umani possano svolgere meglio degli algoritmi.

Stando così le cose, nel 2050 potremmo trovarci con una nuova classe di persone:

la classe inutile…

Persone non sono solo senza lavoro, ma che non si possono impiegare

La tecnologia stessa che rende inutili gli esseri umani, può fare in modo di alimentare e mantenere la massa che non è possibile impiegare per mezzo di un qualche schema di reddito di base universale.

Il vero problema sarà allora mantenere occupate e soddisfatte le masse. Le persone devono partecipare ad attività utili o diventano pazzi.

Allora, cosa farà la classe inutile tutto il giorno?

Nell’anno 2050 Nascerà una nuova classe di perone la classe inutile. Le persone saranno disoccupate, ma anche non impiegabili.

 Una risposta potrebbe essere giochi al computer….

Le persone economicamente in esubero, potrebbero passare sempre più tempo in mondi dalla realtà virtuale 3D che daranno loro molto più entusiasmo e impegno emotivo del “mondo reale”.

Infatti, questa è una soluzione molto antica…

Per migliaia di anni, migliaia di persone hanno trovato un significato giocando con giochi di relatà virtuale. In passato abbiamo chiamato questi giochi di realtà virtuale “religioni“.

Cosa è una religione? E’ un gran gioco di realtà virtuale giocato insieme da milioni di persone.

Le religioni come l’Islam e il cristianesimo inventano leggi immaginarie del tipo:

  • “Non magiare carne di maiale”
  •  “Ripetere le stesse preghiere un determinato numero di volte al giorno.
  •  “Non avere relazioni sessuali con qualcuno del tuo stesso sesso”

…e così via.

Queste leggi esistono solo nell’immaginario umano. Nessuna legge naturale richiede la ripetizione di formule magiche e proibisce l’omosessualità o il mangiare carne di maiale.

I Musulmani e i Cristiani vivono cercando di “guadagnare punti” al loro gioco favorito di realtà virtuale. Se preghi tutti i giorni otterrai dei punti. Se ti dimentichi di pregare perderai dei punti.

Se alla fine della tua vita hai guadagnato punti sufficienti allora dopo la morte passerai al livello seguente del gioco (conosciuto anche come “il cielo”).

La religione:  un gioco della vita reale in cui si prega  per accumulare punti virtuali.  Fotografia: Kevin Frayer / Getty Images

Come lo mostrano, le religioni, la realtà virtuale non deve essere incasellata in una casella isolata. Invece può essere sovrapposta alla realtà fisica.

In passato, questo si faceva con l’immaginazione umana e con i libri sacri, e nel secolo 21 si può fare con gli smartphones.

Poco tempo fa sono stato con mio nipote di sei anni, Matan, a caccia di Pokemon.

Mentre camminava per la strada, Matan si fermò a guardare il suo smartphone, il che gli permise di trovare dei Pokemon attorno a noi. Io non ho visto nessun Pokemon perché non avevo uno smartphone.

Allora abbiamo visto altri due bambini per la strada che stavano andando a caccia dello stesso Pokemon e quasi litigavamo con loro.

Mi richiamò alla mente la similitudine di quella situazione con il conflitto tra “Ebrei” e “Musulmani” della “città santa” di Gerusalemme.

Se osserviamo la realtà oggettiva di Gerusalemme, tutto ciò che vediamo sono pietre ed edifici. Non c’è “santità” in nessun posto.

Però quando si guarda attraverso i ‘libri intelligenti’ (come la Bibbia e il Corano), si vedono luoghi santi e angeli dappertutto.

Voi guadagnate punti con nuove automobile e vacanze all’estero. Se avete più punti degli altri, avete vinto al gioco

L’idea di trovare il senso della vita per mezzo di giochi di realtà virtuale è, quindi, comune non solo alle religioni ma anche alle ideologie secolari e agli stili di vita.

Il consumismo anche è un gioco di realtà virtuale. Voi acquistate punti comprando nuove macchine, comprando marche care e facendo vacanze all’estero e se avete più punti degli altri vi dite che avete vinto il gioco

Potreste obiettare che le persone godono realmente delle loro macchine e delle loro vacanze.

Ma anche i religiosi godono nel pregare e celebrare cerimonie e mio nipote gode nella caccia ai Pokemon. Alla fine l’azione vera si realizza sempre “all’interno del cervello umano”.

Cosa importa se i neuroni sono stimolati mediante osservazione di pixel su uno schermo di computer, fuori della finestra di un centro turistico ai Caraibi o guardando il cielo attraverso la nostra mente?

In ogni caso, il significato che attribuiamo a quello che vediamo è generato dalla nostra mente. In realtà non sta “lì fuori”. Per la nostra conoscenza scientifica, la vita umana non ha nessun significato.

Il senso della vita è sempre una storia creata da noi esseri umani.

Nel suo primo saggio, Gioco Profondo – Note Sulla Guerra Dei Galli dei Balinesi (Deep Play – Notes on the Balinese Cockfight – 1973), l’antropologo Clifford Geertz descrive come nell’isola di Bali, la gente passa molto tempo e spende denaro scommettendo sulle guerre tra i galli.

Le scommesse e le guerre racchiudono elaborati rituali, e i risultati hanno un impatto sostanziale sulla situazione nazionale, economica e politica dei giocatori e degli spettatori

Le guerre dei galli erano così importanti per gli abitanti di Bali che quando il governo dell’Indonesia dichiarò illegale quella pratica, le persone ignorarono la legge e correvano il rischio di essere arrestati e multati. Per gli abitanti di Bali, le guerre dei galli erano “un gioco profondo” – un gioco inventato dove mettono tanto significato da trasformarle in una realtà.

Un antropologo di Bali indubbiamente avrebbe potuto scrivere saggi simili sul “calcio in Argentina” o “sull’Ebraismo in Israele.”

Infatti, una parte molto interessante della società israeliana fornisce un laboratorio unico per la forma di vivere una vita felice in un mondo post lavoro. In Israele una percentuale significativa di uomini ebrei ultra ortodossi non lavora mai.

Trascorrono la loro vita studiando le sacre scritture e compiendo rituali religiosi. Essi e le loro famiglie non muoiono di fame in parte perché le donne a volte lavorano e in parte perché il governo fornisce loro dei sussidi generosi.

Nonostante il fatto che normalmente vivono in povertà, l’appoggio del governo significa che non mancano loro le cose basilari necessarie nella vita.

Questo è il reddito di base universale messo in pratica

Nonostante siano poveri e non lavorino mai, da diverse ricerche effettuate, risulta che questi uomini ultra ortodossi ebrei dichiarano di essere molto soddisfatti della vita se paragonati ad altri settori della società israeliana.

Giochi a cui gioca la gente: uomini afgani che guardano un combattimento di galli a Kabul. Fotografia: Johannes Eisele / AFP / Getty Images

Non è necessario andare fino in Israele per vedere il mondo del dopo lavoro..

Se in casa avete un figlio adolescente a cui piacciono i giochi sul computer, potete fare un esperimento da soli: dategli un sussidio minimo di Coca-Cola e pizza, e poi ritirate tutte le domande di lavoro e ogni controllo parentale.

Il risultato più probabile è che rimarrà nella sua stanza per giorni incollato allo schermo. Non farà nessun compito o lavori domestici, salterà i pasti compresa la doccia e il sonno.

E’ poco probabile che si annoi o che provi una sensazione di mancanza di obiettivi. Almeno a corto raggio…

Quindi “la realtà virtuale” è probabile che sia la chiave per dare significato alla classe inutile del mondo post lavorativo.

  • Forse queste realtà virtuali saranno generate nei computer.
  • Forse saranno originate fuori dei computer sotto forma di nuove religioni e ideologie.
  • Forse sarà una combinazione delle due.

Le possibilità sono infinite e nessuno sa di certo a quali giochi profondi parteciperemo nel 2050

In ogni caso, la fine del lavoro non significa necessariamente la fine di significato perché quest’ultimo è generato immaginando al posto del lavoro. Il lavoro è essenziale per dare significato solo per alcune ideologie e stili di vita.

Gli scudieri inglesi del XVIII secolo, gli Ebrei ultra ortodossi di oggi e i bambini di tutte le epoche hanno trovato una grande quantità di interesse e significate nella vita compreso il lavoro.

Nel 2050 la gente probabilmente sarà capace di giocare con giochi più profondi e costruire mondi virtuali più complessi di qualsiasi altro tempo della storia.

Però,

  • Cosa c’è oltre la verità?
  • Che succede con la realtà?
  • Vogliamo vivere realmente in un mondo in cui milioni di persone sono immerse in fantasie, che cercano obiettivi illusorii e che obbediscono a leggi immaginarie?

Ci piaccia o no, questo è il mondo abbiamo vissuto per migliaia di anni…

di Yuval Noah Harari 08 maggio 2017 dal Sito Web TheGuardian traduzione di NicolettaMarino  Versioneoriginale in inglese Versionein spagnolo

Yuval Noah Harari tiene conferenze presso L’Università Ebrea di Gerusalemme ed è l’autore di ‘Sapiens: Una breve storia dell’umanità’ E ‘Homo Deus: Una breve storia del Domani’

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

La poesis è pericolosa

Sesso e potere, la virilità di Cristo. E il Natale ha 5000 anni

Di Salvatori se ne contano tanti: e sono tutto maschi e virili, come Cristo. E’ la tesi “blasfema” di un eminente intellettuale come Francesco Saba Sardi, scomparso nel 2012, autore di decine di libri tra cui “Il Natale ha 5000 anni”, messo all’indice dal Vaticano. 

Chi è, dunque, e come “nasce” un dio? Perché la Chiesa nega la sessualità del messia? In un’intervista a Sonia Fossi per la rivista “Hera”, Saba Sardi spiega la sua visione della religione intesa solo come sistema di potere sui popoli. Triestino, spregiatore dei dogmi, Saba Sardi ha tradotto in sei lingue alcuni tra i più grandi scrittori dell’800 e del ‘900, pubblicando oltre 40 libri su temi che spaziano dalla narrativa alla saggistica, dalla poesia ai viaggi. E’ considerato una delle menti più prestigiose del XX secolo, riconosciuto dal Quirinale tra le maggiori autorità intellettuali italiane. 

“Il Natale ha 5000 anni” racconta la vicenda della nascita e della diffusione del Natale cristiano, illuminando le radici della religiosità in un momento storico di nascente integralismo. Con l’avvento del neolitico, 12.000 anni fa, la nostra civiltà diventa stanziale grazie alla scoperta dell’agricoltura. Per gestire la terra e il lavoro nasce la guerra. E per motivare la guerra viene “inventata” la religione.

Nasce così l’attuale sistema di potere, che in un suo saggio del 2004 Saba Sardi chiama “dominio”. Temi anticipati da “Il Natale ha 5000 anni”, volume popolato di vicende e personaggi che, prendendoci per mano, ci fanno percorrere il

cammino dell’uomo: «Dodicimila anni fa l’umanità dell’Eurasia ha inventato le divinità», riassume Sonia Fossi nell’intervista ripresa dal blog di Gianfranco Carpeoro. Ma è nella crisi generale di 5000 anni fa che Francesco Saba Sardi individua «il sorgere della necessità di speranza che porta l’uomo a desiderare la comparsa del Salvatore, del redentore capace di ricondurci alla fratellanza dei primordi». E così, «la speranza nei Figli del Cielo apparsi in maniera straordinaria, uscendo da grotte, rocce o nascendo da madri vergini, si diffonde per millenni lungo tutti i territori eurasiatici». Sicché, il Cristianesimo «è solo uno dei Natali dei Figli del Cielo». Ma chi è questa volta il Figlio del Cielo? Sempre lo stesso di 5000 anni fa? E cosa rappresenta per noi oggi la religione, la fede, la credenza in entità sovrumane?

“Il Natale ha 5000” anni viene pubblicato per la prima volta nel 1958 per essere poi ritirato dalle librerie. La pubblicazione del 2007 dell’editore Bevivino è in realtà la seconda edizione, precisa Sonia Fossi. Cosa accadde nel 1958? «Nel ’58 il mio libro fu accolto molto bene dal pubblico e molto male dalla “Civiltà Cattolica”». La rivista dei gesuiti, allora diretta da padre Enrico Rosa, «dedicò un intero numero, ben 25 pagine, alla confutazione della tesi esposta nel mio libro, confutazione a cura di padre Rosa». Che cosa ha fatto e cosa può ancora fare paura del suo libro? «Varie cose. Ad esempio, ha fatto paura il fatto che io affermassi che il Cristianesimo è un mitema: ma il mito non è bugia». Il mito è un’affermazione che sorge spontaneamente, spiega Saba Sardi. «Il Natale è un mito che sorge nell’impero eurasiatico quando nell’età neolitica l’umanità passa dal nomadismo alla stanzialità. La società stanziale inventò l’agricoltura, l’allevamento di bestiame, il maschilismo e il potere. La necessità di una società organizzata richiese l’istituzione di una gerarchia che veniva ordinata soprattutto dal cielo con l’idea della divinità».

Su quali elementi – domanda la giornalista – basò la sua confutazione padre Rosa? «La mia tesi è inconfutabile», risponde lo studioso. «Padre Rosa basò la sua confutazione sul fatto che Gesù è una realtà storica e non una figura mitica. 

Ma anche se Gesù fosse una realtà storica questo non avrebbe nessuna importanza, perché fu Paolo di Tarso il fondatore del Cristianesimo e non Cristo». Il Cristianesimo nasce e si diffonde seguendo vari rami, varie tesi come ad esempio la gnostica, per poi arrivare alle edizioni Paoline, e gli scritti di Paolo di Tarso diventano la base su cui si fonda il cattolicesimo per come noi oggi lo conosciamo. 

Come interpretare questo percorso? «E’ chiaro che quando è giunto il momento di scegliere tra i vari rami del Cristianesimo si è pensato di scegliere il Dio monoteista che più conveniva a chi in quel momento gestiva il potere, in questo caso l’imperatore Costantino. Insomma, Paolo di Tarso è stato un autore che ha trovato nell’imperatore Costantino un formidabile editore». 

Quindi l’imperatore Costantino potendo scegliere tra diversi autori decide di editare Paolo di Tarso? «Sì, e da quel momento il Cristianesimo sostituisce la Trinità Capitolina formata da Giove, Marte ed Ercole. Bisogna sottolineare il fatto che le figure e le qualità degli Dei Capitolini non soddisfacevano più gli intellettuali romani dell’epoca. Costantino unificò l’impero donando al popolo romano un Figlio del Cielo, monoteista e nato da un Dio sensibile e più raffinato degli Dei a cui i romani erano abituati fino ad allora».

La narrazione cristica ha però avuto un’immensa fortuna: perché? «La grande forza del Cristo, così come per tutti gli Apparsi, per tutti i Figli del Cielo, consiste soprattutto nell’essere maschio», spiega Saba Sardi. «La gerarchia è maschile. Il potere maschile, il Tyrannos (in lingua turca e in latino: il pene duro), il Tiranno». Attenzione: «Nessun potere può affermarsi se non è incarnato; così, il potere si materializza in una parte del corpo». Al che, «sesso e potere diventano tutt’uno». Si badi: «Non c’è mai stata un’Apparsa. Mai una donna venuta a rivelare il Nuovo Mondo, a promettere l’Età dell’Oro». Da quando sono stati inventati gli Dei, le Dee, le Ninfe, le Valchirie – aggiunge Saba Sardi – sono sempre «al servizio del Signore degli Dei, il Grande Maschio». Il potere è maschio in una civiltà dominata dai maschi, osserva Sonia Fossi. Ma se l’umanità avesse camminato sulla scia dell’energia femminile, questo avrebbe fatto differenza nella nostra evoluzione? «Moltissima differenza. Il potere non è donna. La donna è madre. Nella nebulosità dei nostri ricordi ancestrali si è persa l’idea delle Dee che si auto-generavano senza il ricorso dell’inseminazione maschile come la Madre Terra, metafora del suolo che risorge continuamente da se stesso. Nell’età neolitica la donna venne “domesticata”, ridotta alla condizione di inferiorità e sudditanza». 

«Il Neolitico è stata una tragedia per l’umanità», insiste Saba Sardi. «L’invenzione della stanzialità, nel tempo ha cambiato tutto: il modo di mangiare, la concezione dello spazio. Abbiamo cessato di divertirci. Andare a caccia è divertente, il selvaggio si diverte. 

Zappare non è divertente come non è divertente fare l’impiegato. Abbiamo cessato di divertirci e abbiamo inventato la guerra. La parola ha cessato di essere spontanea: non è la parola che inventa il mondo, ma sono gli oggetti che iniziano a imporre le parole». Il suo libro percorre la storia dei Figli del Cielo, dei mitema. Quali elementi uniscono queste figure al Cristo? «Come abbiamo già detto la maschilità», risponde l’autore. 

«Il fatto che devono affrontare dei pericoli: ad esempio, il Dio egizio Amon Ra – il Sole – deve affrontare il pericolo della notte, come il Cristo deve affrontare il buio, il Diavolo. Il fatto è che sono Apparsi, il Natale è Apparso. Non è sempre necessaria una madre vergine, ma una nascita straordinaria: Mitra nasce da una roccia. Poi, l’Apparso trionfa nell’aldiquà o nell’aldilà; quello che conta è il trionfo attuale o futuro, dopo aver “rinominato” il mondo non più con la parola spontanea, ma come conseguenza dell’essersi impadronito del mondo». In altre parole, attraverso l’evocazione della divinità, «il potere consiste nel darci il pensiero, che è parola».

Tutti i profeti raccontano del ritorno dell’Età dell’Oro, scrive la Fossi, anche se ognuno chiama questo tempo che ci attende con le proprie parole: cosa rappresenta questa visione? «Nostalgia e speranza», dice Saba Sardi. «Speranza che ritorni il tempo felice. Il tempo in cui non si consumava la propria vita lavorando, perché cacciare o raccogliere delle radici nei boschi non è un lavoro». Ed ecco il nostro tempo: «La civiltà per come l’abbiamo costruita ora è un disastro. Abbiamo distrutto la natura, abbiamo ucciso noi stessi». Tornare indietro? «E come? Tornando alla caccia? E’ più probabile che ci penserà la Terra stessa a ripulire l’uomo. L’Apocalisse è la fine del mondo per ricominciare. L’Età dell’Oro è apocalittica. Ci sarà un’epoca di felicità futura perché la nostalgia e la speranza sono tutt’uno. Tutti gli Apparsi, tutti i Figli del Cielo parlano di questo momento, tutti». 

Quindi, figure simili a Cristo esistono almeno da 5000 anni. «Nel Neolitico avviene la rivoluzione razionale, la ratio: il cognito prende il posto del mitema e sostituisce la poesis, l’invenzione, la poesia che è immediatezza e spontaneità, è ciò che sopravvive ancora nei bambini». Quindi le informazioni le abbiamo, ma a causa della nostra razionalità non riusciamo ad utilizzarle? «No, non riusciamo. Tutte le informazioni da cui siamo invasi nella nostra società sono composte da due parti: la prima è costituita da dogmi. Dogma è la fede e l’affermazione fideistica non ha nulla a che fare con la razionalità. 

La seconda parte dell’informazione è composta dalla giustificazione, la riprova. Il Vaticano, ad esempio, informa utilizzando la razionalità dell’informazione religiosa». Ratzinger ha detto di continuo che il Cristianesimo è razionale. «I preti non fanno altro che dare dimostrazione di Dio e delle sue manifestazioni hanno bisogno della riprova». Mentre la scienza «parte da ipotesi che debbono essere provate», la religione «al posto delle ipotesi mette delle certezze aprioristiche», cioè «dogmi che non possono essere smentiti perché smentire i dogmi significa essere degli eretici».

La storia dell’uomo è comunque piena di eretici, di uomini che hanno tentato con tutte le loro forze di smentire questi dogmi. Gente come Giordano Bruno, disposta a pagare con la vita. Oggi, domanda Sonia Fossi, un Giordano Bruno che tipo di opposizione incontrerebbe? «Incontrerebbe un padre Rosa che gli darebbe pubblicamente del bugiardo», risponde Saba Sardi. Ma la Chiesa «è in contraddizione con se stessa: ad esempio, dichiara Cristo una realtà storica, quindi non nega l’incarnazione, ma dell’incarnazione nega la sessualità». 

Infatti, “Il Natale ha 5000 anni” mostra le immagini di antichi dipinti in cui la sessualità di Cristo non viene negata, ma mostrata. Quei dipinti «sono esistiti fino al Concilio di Trento», poi sono stati occultati. «Il Concilio di Trento è da considerarsi lantirinascimento», sostiene lo studioso. La copertina del libro sotto accusa, ad esempio, mostra la “Sacra Famiglia” di Hans Baldung Grien, datata 1511. «L’immagine che ha suscitato, a più riprese, scandalo, mostra il Bambino Gesù sottoposto a manipolazioni genitali. A toccarlo è la nonna, sant’Anna, mentre il bambino tende una mano al mento della madre, Maria, e l’altra scopre l’orecchio dal quale è entrato il Verbo». 

Da cattolici e protestanti «si è cercato in vari modi di spiegare, o meglio esorcizzare, l’atto erroneamente considerato un gesto di libertà senza precedenti nell’arte cristiana, ma le erezioni di Gesù sono illustrate da una folla di dipinti rinascimentali», afferma Saba Sardi. 

«In più di un dipinto l’erezione è talmente palese da aver indotto più volte i censori a mascherarla con pennellate o drappeggi, quando non si è arrivati a distruggere i dipinti “incriminati”». Eppure, aggiunge lo studioso, «la virilità di Gesù è una componente fondamentalissima nella concezione cristiana». Sicché, «negare questa evidenza, negare la sessualità del Cristo, equivale a negare l’Ensarcosi, l’incarnazione del Figlio del Cielo, e dunque a negare il dogma stesso del Dio-uomo; questo equivale dunque a pronunciare una bestemmia».  

Visto che l’esistenza stessa di questi dipinti testimonia il fatto che la Chiesa non ha da sempre negato la sessualità di Cristo – ragiona Sonia Fossi – come siamo arrivati alla negazione? Nel Cristianesimo, Saba Sardi distingue tre fasi: nella prima, la fase Agostiniana, «Dio è Padre, severo e unilaterale: concede la grazia ai suoi figli ma chi non è nelle sue grazie va all’inferno». La seconda è la fase del Rinascimento: «In questa fase Dio Padre viene sostituito dal figlio, che ha ha doti di spontaneità e umanità, ed è davvero di carne e sangue». Poi arriva il Concilio di Trento, che apre la terza fase del Cristianesimo, in cui si torna alla figura del Padre severo e indiscutibile. 

«Naturalmente un residuo del Dio che si incarna nel Figlio, della fase rinascimentale, ha continuato a sopravvivere resistendo fino a Giovanni XXIII, ma adesso si sta tornando a Pio IX, al Sillabo. Perché la concezione dell’uomo che può e deve scegliere è impossibile da conciliare per la Chiesa, quindi si torna al Sillabo: così si pensa, così si parla, così si scrive». La poesis è pericolosa, conclude Saba Sardi: «Il poeta è pericoloso perché non rispetta i dettami del potere, quindi, tutti devono essere ridotti al comune denominatore: il Sillabo e i suoi derivati. I giornali sono il Sillabo, la produttività è il Sillabo. Il poeta è la negazione del Sillabo».

Il declino di una civiltà

Il Declino di un Impero (prima parte

Come alcuni di voi sanno, io sono un appassionato di storia antica. (non solo l’autore di questo articolo è un “appassionato di storia antica, ma anch’io lo sono – corsivo mio)

Ho pensato che potrebbe essere utile per discutere di ciò che è accaduto a Roma e sulla base di questo, ciò che è probabile accada agli Stati Uniti

Va detto che:

Ci sono alcune somiglianze tra gli Stati Uniti e Roma.

Ma prima di continuare a leggere, vi preghiamo di stare seduti comodamente.

In questo articolo vengono necessariamente esplicitate quelle cose nascoste che non si è mai supposto di parlarne prima d’ora come – religione e politica – e cose che non si avrebbero dovuto mai fare, cioè, il male fatto dai militari.

Ci sono buone ragioni per guardare a Roma piuttosto che a qualsiasi altra civiltà quando si cerca di vedere dove sono diretti negli Stati Uniti.

Tutti sanno e hanno conosciuto il declino della Roma Imperiale, ma poche persone ne conoscono le cause. E, credo, ancora meno si rendono conto che gli Stati Uniti sono ormai sullo stesso percorso per più o meno delle stesse ragioni, che a breve io e voi esploreremo insieme.

Roma ha raggiunto il suo picco di potenza militare intorno all’anno 107, quando Traiano ha completato la conquista della Dacia (territorio dell’attuale Romania moderna).

Con la conquista della Dacia, l’Impero Romano ha raggiunto il massimo del suo picco in termini di dimensioni, ma direi che il suo picco maggiore era già passato oltre misura.

Per certi versi, gli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo assoluto del suo picco rispetto al mondo, già nel 1950. Nel 1950 questo paese ha prodotto il 50% del PIL mondiale e l’80% dei suoi veicoli. Ora si tratta di circa il 21% del PIL mondiale e il 5% dei suoi veicoli.

Era proprietario dei due terzi delle riserve auree del mondo; ora ne detiene un quarto.

E’ stato, con un enorme margine, il più grande creditore del mondo, mentre ora è il più grande debitore con un margine enorme.

Il reddito di un americano medio era di gran lunga il più alto del mondo; oggi si colloca sull’ottavo, e sta scivolando sempre più verso il basso.

Ma non sono solo gli Stati Uniti – è la stessa civiltà occidentale che è in declino.

Nel 1910 l’Europa controllava quasi tutto il mondo – politicamente, economicamente e militarmente. Ora sta diventando una Disneyland con edifici reali e uno zoo per i cinesi. E’ ancora più in declino e sta scivolando giù per un pendio rispetto agli Stati Uniti

Come l’America, Roma fu fondata dai profughi – da Troia, almeno come è raccontata nel mito.

Roma, come l’America, è stata governata nella sua storia remota da re. Più tardi, i romani si sono dati un auto-governo, con diverse assemblee e un Senato. Più tardi ancora, il potere è stato devoluto all’esecutivo, che probabilmente senza dubbio non è stato un incidente.

I Fondatori degli Stati Uniti hanno modellato il paese sui fondamenti dell’antica Roma, dalle strade fino all’architettura degli edifici governativi, hanno adottato l’uso dell’aquila, come l’uccello nazionale, l’uso di motti latini, e lo sfortunato uso di fasci – la scure circondata da fascine di legna – come il simbolo del potere statale.

Publio, lo pseudonimo dell’autore di The Federalist Papers, ha preso il suo nome da uno dei primi consoli di Roma. Come è stato per Roma, il valore militare è al centro dell’identità nazionale degli Stati Uniti

Quando si adotta seriamente un modello, si cresce fino ad assomigliargli.

Un notevole e capillare lavoro si è sviluppato confrontando tempi antichi e tempi moderni da parte di Edward Gibbon nella pubblicazione del il declino e la caduta dell’Impero Romano nel 1776 – nello stesso anno sono stati scritti da s ‘Adam Smith, La ricchezza delle nazioni e la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati.

Io sono un grande fan di tutti e tre, ma D & F non è solo una grande storia, è una letteratura molto elegante e leggibile. In realtà fa sorridere; comunque Gibbon aveva una sottile ingegno.

Ci sono stati enormi progressi nella nostra comprensione di Roma dal tempo di Gibbon, guidati da scoperte archeologiche. C’erano molte cose che non sapeva, perché era molto più filologo che come storico, e ha basato la sua scrittura su quello che dicevano gli antichi su se stessi.

Non c’era vera scienza dell’archeologia quando Gibbon ha scritto; poco era stato fatto anche per correlare i testi antichi sopravvissuti con quello che era sui monumenti superstiti – anche i monumenti noti – e sulle monete. Per non parlare di scienziati che scavano intorno nelle province di ciò che era rimasto di ville romane, luoghi di battaglia, e questo genere di cose.

Così Gibbon, come la maggior parte degli storici, si possono paragonare a collezionisti del sentito dire.

E come poteva sapere a chi credere tra le antiche fonti?

È come se William F. Buckley, Gore Vidal, HL Mencken, Norman Mailer, e George Carlin abbiano scritto la stessa cosa sullo stesso evento, facendovi intendere che la storia fosse vera.

Oggi è quasi difficile e impossibile dire cosa è realmente accaduto a pochi anni fa … quando in realtà è stata dimentica la storia antica. Ecco perché lo studio della storia è così tendenziosa; così come lo è gran parte di essa, del tipo, “hanno detto/è stato detto.”

In ogni caso, non vogliamo qui fare una lezione sulla storia antica. Ci vogliamo intrattenere un po’ su ipotesi interessanti su ciò che è probabile che accada negli Stati Uniti.

Vorrei iniziare dicendo che io non sono sicuro che il crollo dell’Impero Romano non sia stata una buona cosa.

Ci sono stati molti aspetti positivi a Roma – come ci sono per la maggior parte delle civiltà. Ma a Roma non c’era molto altro, ad esempio io disapprovo, il suo anti-mercantilismo, il suo militarismo e, dopo Cesare, il suo governo centralizzato e sempre più totalitario.

In questa luce, vale la pena considerare se il crollo degli Stati Uniti potrebbe non essere una buona cosa.

Allora perché Roma è caduta?

Nel 1985, un tedesco di nome Demandt ha assemblato 210 motivi. Trovo stupidi alcuni di loro – come la degenerazione razziale, l’omosessualità, e la libertà eccessiva. La maggior parte sono ridondanti. Alcuni di questi motivi sono solo di buon senso – come il fallimento della perdita di fibra morale, e la corruzione.

La Lista di Gibbon è molto più breve. Anche se è piuttosto difficile riassumere i suoi sei grossi volumi in una sola frase, Gibbon, ha attribuito la caduta di Roma a sole due cause, una interna e una esterna:

Rispettivamente, Cristianesimo e invasioni barbariche.

Credo che Gibbon avesse essenzialmente ragione su entrambi.

Tuttavia, a causa della sensibilità della sua epoca, ha sondato il cristianesimo primitivo (cioè, dalla sua fondazione a metà del 4° secolo) molto delicatamente; Ho deciso di farlo meno delicatamente.

Spero che né la mia analisi della religione, né quella delle invasioni barbariche (allora come oggi) disturberà troppo molti lettori.

In ogni caso, pur accettando le idee di base del Gibbon sui cristiani e i barbari, ho deciso ulteriormente di abbattere le ragioni del declino di Roma, in 10 categorie:

  • politico
  • legale
  • sociale
  • demografico
  • ecologico
  • militare
  • psicologico
  • intellettuale
  • religioso
  • economico,

… Ognuno dei quali mi ha toccato.

E, come bonus, verso la fine di questo articolo, vi darò un altro motivo, completamente indipendente, ed estremamente importante per il crollo di Roma e il crollo degli Stati Uniti

Non è necessario essere d’accordo con la mia interpretazione, ma vediamo quali lezioni ci vengono offerte dalla storia di Roma, dalla sua fondazione semi-mitica da Romolo e Remo nel 753 a.C. (una storia che è in conflitto con il racconto di Virgilio di Enea e dei rifugiati troiani) a ciò che è convenzionalmente indicato come la fine dell’impero occidentale nel 476 d.C., quando il bambino-imperatore Romolo Augustolo fu deposto da Odoacre (un generale germanico che era responsabile di quello che passava per l’esercito romano – che per quel tempo era in carenza di personale militare quasi interamente formato da mercenari germanici che non avevano la fedeltà all’idea di Roma).

Sembra un po’ come l’esperienza americana nel corso degli ultimi due secoli:

prima conquista ed espansione

poi dominanza globale

poi slittamento e declino

Politico

Però, è un po’ fuorviante, parlare di una semplice caduta di Roma, e molto più esplicito parlare di una sua graduale trasformazione, con episodi come quelli che i paleontologi descrivono “squilibri punteggiati.”

Ci sono state molte cadute.

Roma repubblicana è caduto nel 31 a.C. con l’adesione di Augusto e l’inizio di quello che è stato chiamato il Principato. Si è quasi disintegrato nei 50 anni della metà del 3° secolo, un periodo di guerra civile costante, l’inizio di gravi incursioni barbariche, e la distruzione della moneta d’argento di Roma, il denaro.

Roma come qualcosa di simile ad una società libera è caduta nel 290 e poi è cambiata di nuovo radicalmente, con Diocleziano e il periodo Dominate (a breve  sarò più preciso su questo). Forse la fine è venuta nel 378, quando i Goti hanno distrutto l’esercito romano ad Adrianopoli e le grosse invasioni sono  iniziate. Forse dovremmo parlare della fine del 410, quando Alarico – un gotico che in realtà era un generale romano – ha condotto il primo sacco di Roma.

Si potrebbe dire che la civiltà non sia davvero crollata fino alla fine degli anni 600, quando l’Islam ha conquistato il Medio Oriente e il Nord Africa tagliando il commercio mediterraneo.

Meglio ancora, è più opportuno parlare del 1453, quando Costantinopoli e l’Impero d’Oriente è caduto.

Forse l’Impero è ancora vivo oggi, sotto forma di Chiesa cattolica – il Papa è il Pontifex Maximus che indossa pantofole rosse, così come quando Giulio Cesare ha ricoperto quella posizione.

Possiamo vedere un lontano riflesso nello specchio a partire nel periodo del Principato, Roma ha subito un trend di accelerazione verso:

assolutismo

centralizzazione

totalitarismo

burocrazia

Credo che si possa discutere che l’America sia entrato nel suo Principato con l’elezione di Roosevelt nel 1933; Da allora, il presidente ha regnato sovrano sul Congresso, come Augusto fece nel Senato Romano.

Nel corso del tempo Roma è caduta sempre più in basso, proprio come hanno fatto gli Stati Uniti

Dopo il terzo secolo, con la costante guerra civile e la distruzione della moneta, il Principato (quando l’imperatore, almeno in teoria, era solo il primo tra gli uguali) ha dato modo al periodo di Dominazione (dalla parola “dominus”, o Signore, riferendosi a un padrone di schiavi), quando l’imperatore divenne un monarca assoluto.

Questo è accaduto con l’ascensione di Diocleziano nel 284 e poi, dopo un’altra guerra civile, Costantino nel 306. Da quel punto in avanti, l’imperatore non ha fatto nemmeno più finta di essere il primo tra uguali ed è stato trattato come un sovrano orientale.

La stessa tendenza è ora in atto negli Stati Uniti, ma siamo ancora lontani dal raggiungimento del suo obiettivo – anche se va notato che il presidente è ora protetto da centinaia e/o addirittura migliaia di guardie del corpo.

Harry Truman fu l’ultimo presidente che in realtà ha avuto il coraggio di uscire dall’ufficio in forma informale a passeggiare per W-DC, come un comune cittadino.

In ogni caso, proprio come il Senato, i consoli, i tribuni e con i loro veti sono diventati anacronismi impotenti, così come lo sono le istituzioni degli Stati Uniti. Nella fase iniziale, a partire dal quarto imperatore, Claudio, nel 41 d.C., i pretoriani (che sono stati istituiti da Augusto) hanno avuto la possibilità di indicare e nominare l’imperatore.

Così probabilmente è vero che oggi gli Stati Uniti, ha i suoi pretoriani:

la NSA, CIA, FBI e, tra gli altri – naturalmente, i militari.

Vedremo in seguito come la controversia elezione presidenziale verrà risolta.

La mia ipotesi è che la massa delle genti (i romani la chiamavano censi capite, o il conteggio delle teste) richiederà un leader forte che possa risolvere la Grande Depressione, la distruzione del dollaro, e la seria guerra in corso.

Bisogna ricordare che la guerra è sempre stata la salute dello stato. Così come sono sempre stati in guerra gli imperatori romani, non da ultimi i loro soldati, da sempre impegnati in guerra. E non è un caso che i cosiddetti grandi presidenti degli Stati Uniti sono stati presidenti di guerra – Lincoln, Wilson e Roosevelt.

Umoristicamente Possiamo aggiungere il presidente di guerra autoproclamato il bambino Bush.

Eroi militari – come Washington, Andrew Jackson, Ulysses Grant, Teddy Roosevelt e Eisenhower – sono sempre facili da eleggere.

La mia ipotesi è che un generale verrà assegnato per l’ufficio alle prossime elezioni, quando saremo in una vera e propria crisi. Il pubblico vuole un generale, in parte perché i militari sono oggi di gran lunga l’istituzione più rinomata della società statunitense.

La sua probabile elezione sarà un errore per diversi motivi, non ultimo che i militari in realtà sono solo una pesante variante armata del servizio postale.

E’ saggio tenere a mente le parole di Gibbon circa i militari:

“Ogni ordine di uomini abituati alla violenza e alla schiavitù saranno dei custodi deboli della costituzione civile.”

Un parallelo politico supplementare con gli Stati Uniti:

fino a Traiano nel 100 d.C., tutti gli imperatori erano culturalmente romani provenienti da vecchie famiglie nobili. Dopo di loro, pochi lo erano.

Gli Stati Uniti ora hanno il suo primo presidente del Kenya – stiamo solo scherzando, naturalmente …

Seconda Parte

Come i romani, siano stati presumibilmente governati da leggi, non dagli uomini.

A Roma, la legge è iniziata con le 12 tavole incise nel 451 a.C., con pochi dettami e abbastanza semplici da essere inscritte sul bronzo dove tutti potevano vederle. Un corpo separato di diritto comune sviluppato da prove, che si teneva a volte al Forum, a volte in Senato.

Quando la legge è stata breve e semplice, il detto “ignorantia legis non excusat” (l’ignoranza della legge non è una scusa) aveva un senso.

Ma, quando il governo e la sua legislazione è diventata più pesante, il detto è diventato sempre più ridicolo. Alla fine, sotto Diocleziano, il diritto è diventato del tutto arbitrario, fatto tutto da decreti dell’imperatore – oggi noi li chiamiamo ordini esecutivi.

Ho citato Diocleziano già più volte. E’ vero che le sue misure draconiane hanno tenuto insieme l’Impero, ma era una questione distruggere Roma per salvarla.

Come negli Stati Uniti, a Roma lo statuto e il diritto comune a poco a poco si trasformò in un labirinto di regole burocratiche.

La tendenza ha avuto una accelerazione sotto Costantino, il primo imperatore cristiano, perché il cristianesimo è una religione trasmessa dall’alto verso il basso, che riflette una gerarchia in cui i governanti sono stati visti come concessioni date loro da Dio.

La vecchia religione romana non ha mai cercato di catturare la mente degli uomini in questo modo. Prima del cristianesimo, chi violava le leggi dell’imperatore non veniva visto come una persona che violava anche le leggi di Dio.

La devolution è simile negli Stati Uniti Vi ricorderete che solo tre delitti sono menzionati nella Costituzione degli Stati Uniti – il tradimento, la contraffazione, e la pirateria.

Ora è possibile leggere nel libro di Harvey Silverglate s ‘, I Tre Crimini del giorno, in cui si sostiene che nella media dei tempi moderni americani, per lo più inconsapevolmente, è in funzione una propria ondata di criminalità personale – perché la legge federale ha criminalizzato oltre 5.000 atti diversi.

Roma divenne sempre più corrotta col passare del tempo, così come gli Stati Uniti

Tacito (56-117 d.C.) ecco cosa dice:

“Più numerose sono le leggi, più corrotta è la nazione”.

Sociale

Insieme ai problemi politici e legali ci sono i problemi sociali.

Il governo romano ha iniziato ad offrire a bocche inutili pane gratuito e più tardi i circhi, verso la fine del Repubblica, dopo le tre guerre puniche (264-146 a.C.). Panem et circenses erano per lo più limitate alla capitale stessa.

Naturalmente erano estremamente distruttive, ma sono state fornite esclusivamente per una ragione pratica: per mantenere la folla sotto controllo.

Roma al suo massimo apice contava di una grande folla di gente intorno ad un milione di abitanti, e almeno il 30% viveva con il sussidio di disoccupazione. Vale la pena notare che il sussidio di disoccupazione è durato più di 500 anni ed è diventato parte del tessuto della vita romana – termina solo quando le spedizioni di grano provenienti dall’Egitto e dal Nord Africa sono state tagliate fuori dai Vandali all’inizio del 5° secolo.

Negli Stati Uniti, ci sono ora più destinatari di benefici statali che di quelli che lavorano.

Programmi come:

Sicurezza sociale

Medicine

aiuto medico

buoni pasto,

… e numerosi altri programmi di welfare assorbono oltre il 50% del bilancio degli Stati Uniti, e che a lungo termine cresceranno rapidamente ancora di più, anche se prevedo che arriveranno al termine o di essere riformati radicalmente entro i prossimi 20 anni.

Riconosco che è una previsione audace, data la longevità del sussidio di Roma.

demografia

L’Impero sembra aver subito un crollo demografico in ritardo nel 2° secolo, durante il regno di Marco Aurelio, almeno in parte, a causa di una piaga che ha ucciso nell’ordine il 10% della popolazione.

Le piaghe antiche sono poco documentate, forse perché erano viste come eventi normali. Ma ci possono essere altre ragioni, più sottili per il calo della popolazione.

Forse la gente non stava solo morendo, inoltre non si stavano riproducendo, che è molto più grave.

La religione cristiana nascente era puritana e ha incoraggiato il celibato. Soprattutto tra i ceppi gnostici del primo cristianesimo, il celibato era parte della formula per la perfezione e la conoscenza di Dio.

Ma, naturalmente, se il cristianesimo fosse stato efficace nel favorire il celibato, ci sarebbero stati più morti. La stessa cosa sta accadendo ora in tutto il mondo sviluppato – in particolare in Europa e in Giappone, ma anche negli Stati Uniti e in Cina.

Dopo la seconda guerra mondiale, le donne americane avevano in media 3,7 figli. Ora è l’1,8; in alcune parti d’Europa, è l’1.3. Parte di questo è dovuto alla urbanizzazione e partecipare ad una comprensione del controllo delle nascite, ma la verità è che una parte crescente semplicemente non può permetterselo; Oggi, è molto costoso avere un bambino.

Credo che un altro elemento importante sia un nuovo movimento religioso, il Greenism, che per molti modi è analogo al primo cristianesimo. E’ ormai considerata antisociale la riproduzione, dal momento che avere figli aumenta le emissioni di anidride carbonica.

Intellettualità

L’essenzialità anti-razionalista del primitivo e avvelenato cristianesimo l’atmosfera intellettuale del mondo classico.

Questo è vero non solo per le religioni in generale, ma per le religioni desertiche del giudaismo, il cristianesimo e l’Islam in particolare – ogni religione è più estrema rispetto al suo predecessore. In tarda antichità, ci fu una battaglia tra la fede dei Padri della Chiesa e la ragione dei filosofi.

Il cristianesimo ha fermato il progresso della ragione, che è cresciuto nel mondo greco-romano fin dai tempi dei razionalisti Ionici,

Anassimandro

Pitagora

Eraclito,

… e altri, fino a:

Aristotele

Archimede

Plinio

La conoscenza di come funzionava il mondo è stata conciliata, anche se lentamente – poi si fermò con il trionfo della superstizione nel 4° secolo. E andò in retromarcia durante tutto il Medioevo, a partire dal 6° secolo.

Si ritiene che il Cristianesimo sia stato utilizzato su tutto ciò che sembra in contrasto con la verità rivelata o anche con le estrapolazioni della verità rivelata, un anatema è il modo di quello che oggi fa molto l’Islam.

La chiesa ha attirato generazioni di uomini da attività intellettuali e scientifiche e verso occupazioni ultraterrene – che non ha aiutato la causa romana. Si può sostenere che, se non fosse per il cristianesimo, il mondo antico avrebbe potuto fare un salto di una rivoluzione industriale (io dico un salto planetario, corsivo mio).

E’ impossibile fare progressi scientifici se il meme in carica sostiene che se non è la parola di un dio, non vale la pena conoscere.

Per quasi 1000 anni, ha sfollato e rivelato credenze, scienze della ragione. Questo ha iniziato a cambiare solo nel 13° secolo con Tommaso d’Aquino, un’anomalia in quanto egli ha abilmente integrato il pensiero razionale degli antichi filosofi – Aristotele in particolare – nel cattolicesimo.

Aquino è stato fortunato che non fu condannato come eretico, invece di essere trasformato in un santo.

Però, il suo pensiero ha avuto alcune conseguenze non volute, che ha portato al Rinascimento, la rivoluzione industriale, e al mondo d’oggi. Almeno fino ad Aquino, da secoli il cristianesimo ha rallentato l’ascesa dell’uomo e all’aumento del razionalismo e la scienza, in aggiunta alla sua complicità nella caduta di Roma.

Tuttavia l’importanza della scienza è cresciuta, la religione – o la superstizione, come descritta da Gibbon – è passata in secondo ordine.

Nel corso degli ultimi 100, anche gli ultimi 50 anni, il cristianesimo è sceso al rango di una storia caratteristica posteriore di Babbo Natale e, sia pure poetica, racconti di saggezza popolare …

Terza Parte Le guerre fatte da Roma.

Le guerre hanno ampliato i confini del paese portandolo alla ricchezza, ma ha anche seminato i semi della sua distruzione, soprattutto le tre grandi guerre contro Cartagine, 264-146 a.C.

Roma iniziò come una repubblica di agricoltori piccoli terrieri, ciascuno con il proprio appezzamento di terreno.

Si doveva essere un proprietario terriero per aderire l’esercito romano; questo era considerato un grande onore, e il non appartenere alla marmaglia. Quando la Repubblica veniva minacciata – e le guerre fin dall’inizio sono diventate una costante ininterrotta – un legionario avrebbe potuto essere impegnato per cinque, dieci o più anni.

La moglie e i successivi figli impegnati nell’azienda avrebbero potuto aver bisogno di denaro preso in prestito per mantenere le cose in corso per non andare in default, quindi, i soldati facendo ritorno a casa alle loro aziende agricole avrebbero dovuto rifondere i creditori, diversamente le aziende sarebbero diventate dei cespugli incolti. Quelli che sono sopravvissuti alle guerre, per un ex legionario potrebbe essere stato difficile ritornare alla vita della fattoria dopo anni anni di saccheggio, saccheggiare e schiavizzare il nemico.

In cima a tutto questo, ci sono state maree di schiavi che si sono resi disponibili a lavorare le proprietà appena confiscate. Così, come l’America, Roma divenne più urbana e meno agraria. Come in America, ci sono stati un numero inferiore di famiglie di agricoltori ma più latifondisti su scala industriale.

La Guerra combattuta  nel lago Mediterraneo romano.

Con le guerre puniche, la Spagna e il Nord Africa divennero province

Pompeo Magno (106-48 a.C.) ha conquistato il Vicino Oriente

Giulio Cesare (100-44 a.C.) conquistò la Gallia, 20 anni dopo

Augusto ha preso l’Egitto

La cosa interessante è che nei primi giorni, la guerra era in realtà molto redditizia.

Si conquistava un posto e si rubava tutto l’oro, bestiame e altri beni mobili e schiavizzando la gente. C’era molta ricchezza che si poteva portare a casa – e poi si poteva mungere la zona per molti anni con le tasse.

Ma le guerre hanno anche contribuito a distruggere il tessuto sociale di Roma con l’annientamento degli agrari, le radici repubblicane del paese hanno corrotto tutto con il costante afflusso del lavoro degli schiavi a basso costo e prodotti alimentari importati gratuitamente.

Le guerre hanno creato ancora più confini lontani, che poi dovevano essere difesi. E alla fine, il contatto ostile con i “barbari” effettivamente liquidati e disegnati come invasori.

Le guerre di Roma hanno cambiato radicalmente la società, proprio come sta facendo l’America. Si stima che a volte l’80-90% della popolazione della città di Roma era nata all’estero. Questo ha una similitudine in molte città degli Stati Uniti.

Però, ho sempre cercato di guardare il lato positivo: dopo ogni disavventura straniera, gli Stati Uniti hanno ottenuto un afflusso di nuove culture esotiche.

Il flusso delle ruberie delle ricchezze da parte di Roma si è conclusa con la conquista della Dacia nel 107. Anticipatamente sono stati fermati i Persiani, una potenza militare comparabile a quella di Roma. Dall’altra parte del Reno e del Danubio, i tedeschi – che vivevano nelle paludi e nelle foreste, formati da piccoli villaggi – i quali non erano degni di essere conquistati. A sud c’era solo il Sahara.

A questo punto, non c’era niente di nuovo da rubare, ma c’erano i costi continui di amministrazione e di difesa delle frontiere.

Era scomodo – e forse non solo una coincidenza – che i barbari cominciarono a diventare davvero problematici di cui solo il cristianesimo lo era iniziando a diventare sempre più popolare, nel 3° secolo.

Il Cristianesimo, nei suoi primi giorni, a differenza di oggi, ha incoraggiato il pacifismo … questa non era la cosa migliore quando si è di fronte a invasioni barbariche.

Ricordate, l’esercito ha iniziato come una milizia di cittadini soldati che hanno fornito le proprie braccia. E alla fine ha accettato di trasformarsi e diventare una forza mercenaria completamente organica e guidata in gran parte da stranieri.

Questo è più o meno come le forze armate degli Stati Uniti si sono evolute.

Ininterrottamente la propaganda ha “Sostenuto le nostre truppe”, le forze armate americane sono ora più rappresentative delle stesse Barrios, ghetti, e roulotte del paese nel suo complesso. E sono isolate da esse, una classe a se stante, come l’esercito tardo-romano.

Anche se l’esercito romano era di grandi dimensioni e avevano un enorme costo, nel periodo della Dominazione, rimane il fatto che era pur sempre una tigre di carta.

Dopo la sua sconfitta nella battaglia di Adrianopoli nel 378, l’impero occidentale si è involuto in una spirale di morte. Le forze armate degli Stati Uniti possono ora essere in una postura analoga, paragonabile alle forze sovietiche del 1980.

Anche se gli Stati Uniti hanno vinto molti impegni e alcune guerre non impegnative, non ha mai vinto una vera e propria guerra dal 1945. Il costo delle sue guerre, tuttavia, è aumentato enormemente. La mia ipotesi è che se si arriva in un’altra grande guerra, non vincerà, anche se nel suo conto sconfiggesse enormi quantità di nemici.

Ricordiamo il piano astuto di Osama Bin Laden, vincere mandando in rovina gli Stati Uniti.

La maggior parte delle attrezzature degli Stati Uniti è solo un bene per combattere un replay della seconda guerra mondiale – mezzi come i $ 2 miliardi spesi per i bombardieri B-2, i $ 350 milioni per gli F-22, e 110 milioni di $ spesi per i V-22 Osprey sono dinosauri ad alto prezzo.

L’esercito ha perso 5.000 elicotteri in Vietnam. Quanti Blackhawks si possono permettere di perdere gli Stati Uniti nella prossima guerra a $ 25 milioni ciascuno?

La seconda guerra mondiale è costato agli US nel 1940 $ 288.000.000.000, in dollari. Le avventure inutili in Iraq e in Afghanistan sono una stima approssimativa pari a $ 4 miliardi di dollari, un importo approssimativamente paragonabile in termini reali.

In futuro – a meno che non cambia completamente la sua politica estera e militare – gli Stati Uniti dovranno probabilmente affrontare decine di attori indipendenti non statali, piuttosto che altri stati-nazione.

Noi non conosciamo veramente chi sono, ma saranno molto efficaci nell’attaccare infrastrutture estremamente costose con  l’hacking computer a quasi costo zero. Essi non avranno bisogno di un B-2 quando una bomba nucleare pakistana rubata può essere caricata su di un cargo. Essi possono prendere con $ 5 milioni un serbatoio di M-1 ordigno incendiario essenzialmente improvvisato a costo zero.

Mentre gli Stati Uniti si avvalgono di bancarottieri come appaltatori della difesa le cui armi hanno un tempo di sviluppo di circa 20 anni, i nemici useranno la guerra open-source, una imprenditoria di sviluppo a basso costo, con armi non convenzionali componenti off-the-shelf.

Questo è in realtà analogo a quello che è successo a Roma di fronte all’invasione dei nomadi.

Nel 450 d.C., un aneddoto riferito da Prisco, ambasciatore Romano alla corte di Attila, dopo aver incontrato un greco che si era unito ai barbari vi darà un sapore della storia che racconta Prisco.

Dopo la guerra gli Sciti sono tornati a vivere rimanendo completamente inattivi, godendo di ciò che hanno guadagnato, molestato, depredato, anche quelli che ne hanno tratto un esiguo profitto o per niente.

I romani, d’altra parte, sono molto suscettibili sulle perdite avute in guerra, perché devono riporre le loro speranze di sicurezza sugli altri, e non sono ammessi, all’utilizzo della braccia a causa dei loro tiranni. E coloro che vengono usati sono provati dalla viltà vissuta con i loro generali, che non possono sostenere la condotta della guerra.

Ma la condizione di questi soggetti in tempo di pace è molto più grave di quanto lo siano i mali della guerra, soggetti alle cospicue  e gravose esazione delle tasse, così uomini senza scrupolo infliggono lesioni ai poveri malcapitati, perché le leggi non sono praticamente valide contro tutte le classi.

Le guerre hanno distrutto Roma, proprio come distruggeranno gli Stati Uniti ..

Ma per quanto riguarda le invasioni barbariche che Gibbon indicava correttamente è forse la causa diretta della caduta di Roma? Abbiamo oggi una analoga situazione? La risposta è un qualificato “sì.”

E’ anche vero che gli stessi Stati Uniti andranno in bancarotta combattendo la “ridicola e chimerica guerra al terrore“, per via del mantenimento di centinaia di basi militari e operazioni in tutto il mondo, sperando forse di entrare in una grande guerra. Ma da un punto di vista culturale, è possibile che il confine meridionale presenterà un problema altrettanto grave.

Il confine USA-Messico è un classico, riguardo al confine, non più stabile e altrettanto permeabile come la linea che divideva il Reno-Danubio, era per i romani.

Il problema ora è che non stanno invadendo delle orde barbariche, ma una popolazione che non ha la fedeltà culturale all’idea di America.

Un sorprendente numero di messicani che attraversano il confine degli Stati Uniti parlano seriamente di una Riconquista, in riferimento al fatto che gli americani hanno rubato il terreno in questione a persone che presumono siano i loro antenati.

In molte parti del sud-ovest, i messicani costituiscono la maggioranza decidendo di non imparare l’inglese – loro non ne hanno bisogno, questa è una cosa nuova per l’immigrazione negli Stati Uniti

La maggior parte sono “illegali”, come si potrebbe dire dei Goti, i Vandali e gli Unni negli ultimi giorni di Roma.

La mia ipotesi è che nel prossimo futuro, ci saranno un sacco di giovani maschi ispanici che riterranno attivamente di non pagare la metà di quello che è il loro reddito per la sicurezza sociale, e le tasse di Obamacare al fine di sovvenzionare vecchie donne bianche nel Nord-Est.

Non sarei sorpreso di vedere parti del sud-ovest in zone “no go” per molte agenzie governative nel corso dei prossimi decenni.

Potranno gli Stati Uniti rimediare e rompere lo schema fatto in passato dall’Impero Romano? Assolutamente; i colori sulla mappa sopra non fanno parte del firmamento cosmico. E non deve avere nulla a che fare con la conquista militare.

Nonostante la presenza di Walmarts, McDonald, e concessionarie Chevrolet in un paese le cui strade sono così impressionanti come i quasi 50.000 miglia di autostrada, così come hanno fatto i romani nel passato, ci sono prove che il paese si stia disintegrando culturalmente.

Anche se ciò che sta accadendo nella zona di confine messicano è la cosa più importante, ci sono crescenti differenze culturali e politiche tra gli stati “blu” e gli stati cosiddetti “rossi”.

Semi-gravi movimenti secessionisti sono al lavoro nel nord del Colorado, Maryland occidentale e Kansas occidentale.

Si tratta di un fenomeno nuovo, almeno da quando è stata combattuta la guerra tra gli Stati del 1861-1865 …

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

NIENTE di BUONO

Famiglia, tradizioni e cristianità contro  il capitalismo e lo sfruttamento.  Scritto da MMJ

 

Tra poco arriva la Pasqua. È importante dirlo perché le feste come questa, o ad esempio il Natale, ci ricordano l’importanza della famiglia, delle tradizioni, della cristianità che difendono i veri valori e soprattutto sono un baluardo contro il capitalismo e lo sfruttamento.

Ricordatevelo e siatene fieri mentre regalate ovetti di cioccolata Nestlé, fatti con olio di palma e il regalino dentro (per cui NON si è disboscato, NON si ha contribuito all’estinzione di molte specie e alla diminuzione degli spazi degli aborigeni, il giochino dentro NON è stato prodotto in qualche fabbrica del terzo mondo, di certo NON da un lavoratore sfruttato e con materiali sostenibili).

…Mentre affettate l’agnellino (che è solo un animale, NON una vita, quindi va benone etichettarlo, trasportarlo, farlo a pezzi e usarlo a nostro piacere, e così fare per tutte le altre specie non umane, pagando altri perché lo facciano, in altri luoghi nascosti alla nostra vista).

…Mentre ringraziate Gesù, Dio e felici di avere la fortuna di essere tutti cristiani e quindi di condividere certi valori (perché è evidente che essere cristiani oggi NON permette che ci siano discrepanze di valori e anzi, è garanzia che siamo tutti d’accordo su tematiche importanti, d’altronde è una delle religioni più diffuse al mondo NON perché ha usato violenza e si è imposta con la politica e sterminando le altre religioni, ma perché è l’unica vera e, il suo credo, seppur implichi una sudditanza a un entità con cui bisogna per forza essere d’accordo qualsiasi cosa faccia e dica, senza mai metterla in dubbio, NON crea una base psicologica di adesione e sottomissione all’autorità e quindi ci mantiene liberi nel corpo e nell’anima).

…Il tutto mentre vi godete le poche ore libere con i vostri cari sperando che non diano di matto (perché il resto delle ore è portato via dal sistema di sfruttamento del lavoro che ovviamente NON è sostenuto e difeso dalla visione classista della società che dà l’istituzione della famiglia stessa, anzi, questa NON è per niente la base legale per la protezione del patrimonio di padre in figlio e NON replica al suo interno i crismi autoritaristici del sistema.) LINK 

**********

Sospeso da Goldman Sachs: ha fatto donazione a Trump 

di Maurizio Blondet 

Si chiama Luke Thorburn, ed è l’unico addetto del colosso bancario d’affari ad aver dato un contributo alla campagna del candidato: per 534,58 dollari. Si tenga conto che gli altri dipendenti di Goldman Sachs hanno fatto donazioni per oltre 199 mila dollari a Marco Rubio, 99 mila per Hillary Clinton (le contribuzioni alle campagne dei candidati devono essere pubblicamente dichiarate) . Siccome era l’unico, di lui ha parlato il New York Times: così la banca se n’è accorta, ed ha preso le misure.

Formalmente, la banca non l’ha punito per aver scelto Trump, ma per un altro motivo. Ha scoperto che Luke Thorburn ha con altri un sito, che si chiama “Make Christianity Great Again”, e si propone come un’organizzazione di cittadini che intende “portare Dio al centro delle nostre vite”. Il motto – che evoca quello di Trump, Make America Great Again, appare sui cappellini che l’organizzazione vende per 14.99 http://makechristianitygreatagain.com/ 

Continua a leggere QUI  

**********

Investimento milionario per la pubblicità dell’olio di palma su tv e giornali per frenare l’emorragia di consumatori che dicono no ai prodotti con l’olio tropicale.

Gli spot dell’olio di palma sulle reti televisive Rai e Mediaset sono iniziati il 28 febbraio 2016 e proseguiranno per tre settimane. Il budget rimane una notizia riservata ma deve ammontare a qualche milione di euro, visto che il programma prevede anche due settimane di inserzioni a tutta pagina sui giornali e altre tre settimane di banner in rete (vedi video sotto). Rispetto alla campagna realizzata nei mesi di settembre/ottobre 2015, promossa solo da Aidepi (Associazione delle industrie del dolce e della pasta Italiane che raggruppa le maggiori aziende italiane di prodotti da forno, gelati, snack, merendine), questa volta il promotore è la nuova associazione “Unione italiana (http://www.oliodipalmasostenibile.it/) per l’olio di palma sostenibile“.

Il numero di aziende sostenitrici e di gruppi industriali è aumentato a dismisura rispetto all’iniziativa dell’autunno. Nella lista troviamo: Ferrero, Unilever, Nestlé e Unigrà, Aidepi, Assitol (Associazione italiana dell’industria olearia che raggruppa le principali aziende del settore che producono olio extravergine di oliva, olio di semi e margarine), Associazioni Prodotti e Preparazioni alimentari aderenti ad Aiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari). Si tratta di una santa alleanza che riunisce buona parte delle aziende alimentari che usano olio di palma. Questo elemento deve fare riflettere perché dimostra che gli alimenti contenenti l’olio tropicale sono migliaia e che l’invasione si è estesa a tutti i livelli. La stima di 12 grammi di palma al giorno presenti nel piatto degli italiani (dato fornito dalle stesse aziende) è inquietante. Per un ragazzo arrivare al limite non è difficile, bastano mangiare a colazione 5 biscotti tipo Molinetti Mulino Bianco Barilla (ognuno contiene circa 2.5 g di palma e 0,4 g di burro).
Continua a leggere QUI 

 **********

IL FIGLIO DEL CAPITANO MERYLL, AL SECOLO PAOLO MIELI, CONTINUA LA SUA SOLITARIA BATTAGLIA CONTRO L’AVANZARE DEL “COMPLOTTISMO”

A pagina 42 del Corriere della Sera di oggi è pubblicato un lungo articolo di Paolo Mieli che, prendendo a pretesto l’uscita di un saggio di Vladimiro Satta, cerca maldestramente di “smontare” alcune ricostruzioni storiche proditoriamente definite “dietrologiche” proprio dal figlio del “capitano Meryll”.

La sortita di Mieli ha tutta l’aria di essere una “excusatio non petita”, essendo il nostro un noto tessitore di trame lavorate quasi sempre al riparo di occhi indiscreti. Quelli come Mieli, abituati da anni a manovrare masse rese idiote da una disinformazione scientifica, tremano all’idea che una nuova ondata di consapevolezza possa far crollare il vergognoso castello di menzogne costruito nel tempo da uomini “cerniera” fra mondo dei servizi e sistema mediatico. Fortunatamente, però, grazie all’esplosione di internet, molti cittadini hanno ora strumenti utili per demistificare e denunciare le manipolazioni interessate che il modello “mainstream”, per conto di una oligarchia finanziaria feroce, continuamente promuove. Continua a leggere QUI

  **********

Ma i poveri sono bestie, come suggerisce Eugenio Scalfari? 

I tempi attuali hanno questo di particolare: dovremo viverli sino in fondo e berne la coppa sino alla feccia. Uno dei maestri residui del pensiero italiano (un altro, celebratissimo, è crepato recentemente), il nababbo Eugenio Scalfari, nei giorni scorsi se ne è uscito con tale argomentazione: i poveri soddisfano esclusivamente i loro istinti e voglie primari; non ne hanno di secondari: la ricerca di Dio, ad esempio; collezionare ceramiche Ming; leggere trattati di socialisti tedeschi dell’Ottocento; scrivere per il teatro; occuparsi di lirica et cetera. Il loro mondo (il mondo dei poveri) è chiuso, basico, animale. I poveri, ne consegue, dei bruti. Ovviamente Scalfari ha ragione. Tutta la mia famiglia, ad esempio, in particolar modo i miei ascendenti diretti (nonni materni e paterni), son lì a confermare le sue tesi. Aggiungo di più. I poveri, quelli veri, quelli che ben presto popoleranno la nazione, sono pure brutti, sporchi e cattivi.

Brutti poiché le privazioni imbruttiscono; e un lavoro non intellettuale (lavoro intellettuale: scrivere articoli da quattro soldi con l’aria condizionata, i piedi sul tavolo e le sfogliatelle alla propria destra, ad esempio) non regala tempo per curarsi la barba Villaggio in Fantozzi come un orticello (altro esempio). In quanto brutti i poveri attirano altri brutti: ne nascono, a meno di un terno secco cromosomico, figli brutti. I poveri sono sporchi, poi, perché quando si è brutti, con un lavoro di merda, e la mattina ci si sveglia con una donna laida, grassa e sboccata al fianco (è un esempio pure questo) si va in depressione, e, in depressione, come tutti sanno, non si ha mica voglia di farsi la doccia, profumarsi con essenze che nemmeno si è in grado di comprare o tagliarsi i baffi in maniera cool. Va da sè che un tizio che è brutto, con una moglie brutta, e figli brutti, senza una lira, con un lavoro merdoso e le ascelle che gli puzzano, si incattivisca ogni giorno che passa. Continua a leggere QUI

 **********

A BRUXELLES E A FRANCOFORTE HANNO VOLUTO LA DISTRUZIONE DELL’ITALIA. CON LA COMPLICITÀ DEI NOSTRI POLITICI (di Giuseppe PALMA) 

Volete sapere la verità su cosa è accaduto esattamente in questi anni? Bene, allora Vi presento la mia prima opera narrativa, un racconto.

Chi è abituato a leggermi sa benissimo che scrivo saggi (e ne ho scritti davvero tantissimi), ma questa volta la verità Ve la racconterò con un’opera narrativa, in modo tale che tutti – ma proprio tutti – possano capire cosa è accaduto…

Le donne e gli uomini nati dalla fine degli anni Settanta in avanti sono stati lasciati soli: lo Stato italiano, tradendo la Costituzione e le intenzioni dei Padri Costituenti, ha sottoscritto – da Maastricht a Lisbona – Trattati capestro che hanno ridotto alla disperazione e alla fame almeno una generazione. E in tutto questo la fa da padrone uno strumento di morte e schiavitù, l’€uro, una moneta completamente sbagliata che impone la svalutazione del lavoro a vantaggio esclusivo del capitale internazionale e dei mercati finanziari. Continua a leggere QUI

  **********

Italiani in libia

Non dobbiamo invadere la Libia

di stefano.dandrea

Non dobbiamo aggredire la Libia, sia con il “consenso” del governo di unità nazionale fantoccio, sia senza il consenso del fantomatico fantoccio.
Il terrorismo mediatico che paventa attacchi dell’IS è pura propaganda atlantista e guerrafondaia: vuole spingerci a compiere un atto che oltre ad essere contrario alla Costituzione è folle sotto il profilo della razionalità.

L’IS ha compiuto l’attentato contro la Francia perché quest’ultima lo aveva già bombardato e ha fatto saltare un aereo russo, perché la Russia aveva già bombardato l’IS. L’IS non ha nessun interesse a procurarsi da solo altri nemici, visto che già combatte, su vari fronti, numerose guerre da posizione isolata.

Se aggrediremo la Libia, l’IS diverrà uno dei paladini del “patriottismo libico” (sia pure nella cornice della ideologia “internazionalista” dell’IS), sentimento che si diffonderà nei cittadini libici e nelle tribù contro i membri del governo fantoccio che eventualmente darà il consenso all’aggressione o comunque contro le forze politiche che accetteranno di allearsi con gli invasori per tentare di ottenere il potere o briciole di potere.

Ovviamente, dopo che avremo invaso la Libia, l’IS compirà attentati in Italia. LINK 

Nin.Gish.Zid.Da