Archivi tag: crisi

Il giorno dopo

images-duckduckgo-com

Cacciari: arriva la catastrofe, solo il Pd non lo capisce

«Oggi trionfano quelli che chiamate populisti, ma domani sarà molto peggio: vincerà la destra-destra, quella vera, con conseguenze spaventose per l’Europa». Il filosofo Massimo Cacciari, in prima serata, dipinge così il day-after referendario, parlando ai (pochi) renziani moderati, ancora tramortiti dallo tsunami del 4 dicembre. «Sono anni – dice Cacciari, ospite di Lilli Gruber su La7 – che chiedo inutilmente al Pd di fare qualcosa contro la crisi che sta devastando il tessuto sociale italiano, a cominciare dalla stessa base sociale di quel partito». E invece sono arrivati il beffardo Jobs Act e provocazioni continue contro i sindacati, fino all’harakiri finale: una riforma costituzionale assurda, incomprensibile, respinta a furor di popolo da chi si è sentito essenzialmente preso in giro. E la musica non cambia nemmeno dopo la debacle di Renzi: «Ci risiamo con le polemiche di palazzo, i calcoli, le tattiche. Non una sola parola di vera autocritica, da un partito ormai al governo da quattro anni. Cosa intende fare, il Pd, per rispondere alle drammatiche urgenze degli italiani?». Perdurando l’assenza di risposte, Cacciari vede una strada a senso unico: il legittimo voto di protesta aprirà la strada al livido trionfo di una destra intollerante e reazionaria, di cui avere paura.

cacciariCacciari sa benissimo che il Pd è un fallimento, «e infatti Renzi ha potuto impadronirsene proprio perché in crisi: fosse stato in buona salute, non avrebbe avuto quello spazio». E il Pd «si è rotto fin dall’inizio, una settimana dopo la sua fondazione», a cui il filosofo (già sindaco di Venezia) collaborò, per poi distaccarsene rapidamente. Cacciari si rifiuta di aderire alla lettura dei critici più intransigenti, secondo cui il centrosinistra in Europa (quindi il Pd in Italia) non è stato “un fallimento, frutto di errori”, ma un complice organico, cooptato dalla destra economica per distruggere i diritti sociali, patrimonio storico della sinistra. Demolire il welfare sarebbe stato impossibile, per governi di centrodestra: occorrevano “collaborazionisti” in grado di mobilitare l’elettorato di sinistra per appoggiare tutte le controriforme degli ultimi anni, dai decreti sul lavoro all’agenda Monti, nel quadro di un “format” europeista modellato dalla finanza e dalle multinazionali con l’obiettivo di sterilizzare le pulsioni sociali dei governi, l’istinto democratico di protezione delle comunità nazionali, verso il tramonto storico dei diritti. «Siamo sull’orlo della catastrofe», dice Cacciari, ben sapendo che il voto del 4 dicembre è l’ultimo avvertimento prima del “diluvio” che minaccia di travolgere tutto.

Anziché liquidare il Pd come “gatekeeper”, abbaglio collettivo e specchietto per allodole “di sinistra”, in realtà completamente asservito all’élite, Cacciari insiste sul partito fondato da Veltroni, poi ereditato da Franceschini e Bersani, quindi “occupato militarmente” da Renzi. Nel mirino del filosofo veneziano restano le imbarazzanti nomenclature alla testa di un disegno fallito (o di un grande inganno, a seconda dei punti di vista), ma la prima preoccupazione è per l’elettorato, che rappresenta ancora un patrimonio sociale e culturale che il Pd ha prima congelato, poi illuso, e oggi deluso e tradito. “Smontato” anche quello, secondo Cacciari, cadrà un argine: e i dirigenti del Pd non stanno facendo nulla perché quella diga non crolli. La situazione dell’Italia, sotto il regime Ue, è ormai insostenibile: e dal partito di Renzi, D’Alema e Bersani, non un fiato. I giovani, in massa, hanno votato No al referendum. Ma l’ex Ulivo non ha nulla da dire, di serio, sull’Europa – nulla da proporre, in concreto, per riscrivere (davvero) le regole, costruendo un orizzonte sostenibile, diverso dai salari irrisori, dai lavori precari e neo-schiavistici. Il boato del No ha frastornato tutti, dimissionando Renzi, ma a quanto pare non ha sortito alcun effetto capace di trasformare il Pd in uno strumento socialmente utile.

http://www.libreidee.org/

“Mai sprecare una bella crisi”

Tutti spendibili, tranne il primo a sinistra.

Fuori dalla padella UE per cadere nella brace Globale

di Maurizio Blondet

“Draghi vuole un Nuovo Ordine Mondiale che i populisti ameranno odiare”: così suona un articolo di Bloomberg datato 28 giugno, all’indomani del Brexit. Due ore dopo, Bloomberg toglieva dal titolo l’aggettivo “Nuovo”: parlare di Nuovo Ordine Mondiale forse scopriva troppo i giochi.

http://www.bloomberg.com/news/articles/2016-06-28/draghi-wishes-for-a-new-world-order-populists-will-love-to-hate

Come si sa, in quegli ambienti vale il detto: “Mai sprecare una bella crisi”. E il Brexit lo è. I globalizzatori sono dunque all’attacco: mentre gli europeisti (che sembrano essere la cosca perdente) cercano di cavalcare la crisi per instaurare “più Europa”, Draghi e complici puntano al Nuovo Ordine Mondiale.

Ciò sarà venduto al pubblico come “necessario coordinamento fra le banche centrali”, in seguito ad un collasso finanziario globale che è stato già (deliberatamente?) innescato. Di fatto, Draghi, nelle sue dichiarazioni post-Brexit, ha parlato di un coordinamento obbligatorio per tutti gli Stati, coattivo, sovranazionale. Bloomberg è chiaro, fin troppo. Oggi, “le banche centrali [nazionali] sono governate da leggi concepite in patria, che richiedono loro di perseguire certi scopi, a volte espliciti, in genere legati all’inflazione e alla disoccupazione. Per di più, devono rispondere ai legislatori nazionali, eletti”. Il che è un guaio per i banchieri globali. In questa crisi gravissima, invece, “gli obbiettivi a breve termine dovrebbero essere sostituiti dagli obbiettivi globali”.

Obbiettivi globali che comprendono l’aggravamento della disoccupazione, e decretati da un consesso di banchieri centrali irresponsabili verso i governi e i popoli (meno, magari, verso Goldman Sachs di cui, come Draghi, sono impiegati). La crisi ci farà cadere dalla padella dell’euro alla brace della moneta globale governata contro gli interessi dei popoli.
Brandon Smith, notevole economista-blogger, giunge a sostenere che il Brexit sia stato un evento artificiale, per preparare deliberatamente il prossimo collasso – quello vero – che farà implorare i media e i governi e i complici in ogni stato, il governo unico mondiale – proprio come oggi i federalisti eurocratici vorrebbero, pateticamente, non sprecare questa bella crisi per dare tutti i poteri alla Commissione, senza vedere che essi sono stati superati. Ora vige il nuovo progetto.

http://www.alt-market.com/articles/2931-brexit-global-trigger-event-fake-out-or-something-else

Questa ipotesi non manca di indizi. Mette nella giusta prospettiva il fatto che l’uscita del Regno Unito dalla Ue sia stato voluto dalla “gentry e da Buckingham Palace” – per posizionare la City come centrale globale di negoziazione dello yuan – che farà parte del paniere di monete che costituirà la moneta globale digitale, una volta tramontato il dollaro. Il giorno dopo il Brexit, Pechino s’è affrettata ad esprimere il caldo proposito di collaborare, con la sua Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), di stretto concerto con la Banca Mondiale: la prova, per Brandon Smith, che “i cinesi non hanno mai avuto l’intenzione di fare di fare della AIIB un contro Fondo Monetario o anti-Banca Mondiale. Ho sempre sostenuto che i cinesi lavorano con i globalizzatori, non contro di essi”: parere che personalmente condivido, per quel che vale.

In questa chiave si capisce anche come Toni Blair venga messo sotto accusa dal rapporto emanato dalla ‘gentry” – proprio adesso, dopo 12 anni! – per aver obbedito a Bush jr. e aver commesso crimini di guerra in una guerra criminale in Irak. Personaggi simili non servono più, o hanno ormai una sola utilità marginale: non escluderei che Blair, e persino Bush jr., siano dati in pasto alle folle e tratti in tribunale. Allo stesso modo, la Unione Europea viene abbandonata come un guscio vuoto. Abbiamo sentito Schauble criticare la “commissione e Bruxelles” – manco fosse un blogger, non uno dei creatori di “Bruxelles” e della sua ottusa regolamentazione, che ha aggravato il collasso economico dell’Europa del Sud, e come se la sua cancelliera non fosse l’artefice del colpo finale, con la sua inspiegabile chiamata a milioni di ‘profughi’ perché invadessero l’Europa. Adesso il governo tedesco si disamora dell’Europa; adesso che dovrebbe pagare il conto dell’aver ficcato il naso nei bilanci degli altri stati membri per controllare che li pareggiassero, facendo dell’euro una “vera” moneta comune (con relativi trasferimenti di solidarietà da Berlino a Grecia, Portogallo, Spagna, Italia: è questo “più Europa”), Schauble dice: se alcuni stati membri vogliono perseguire le loro politiche al di fuori delle istituzioni europee, che lo facciano pure. Una UE ridotatad accordi fra governi, adesso gli va benissimo.

Matteo? Sacrificabile

Se il progetto è quello indicato d a Bloomberg – salto nella globalizzazione totalitaria – si capisce anche l’imprevista pugnalata di Draghi al Montepaschi, a cui ha richiesto, ordinato, di liberarsi di 10 miliardi di crediti inesigibili: certo con ciò ha precipitato il fallimento della banca (del PD), e magari il collasso del sistema bancario italiano, il più fragile, e non può non averlo fatto apposta. Con ciò ha decretato anche la disfatta di Matteo Renzi.

Deliberatamente ha pugnalato alla schiena il giovine rottamatore, come già fece con il vecchio Berlusconi.

Come Blair, come Juncker e Schulz, simili personaggi non servono più. Sono spendibili, come l’Europa che ormai ha esaurito il suo compito di fase intermedia verso la globalizzazione.

Anche Matteo Renzi sarà dato in pasto alle folle inferocite, e ai suoi sicari di partito….C’è il rischio che l’Italia si trovi nel collasso del suo sistema bancario senza un governo funzionante, e magari – il che è lo stesso – con un governo grillino eletto a furor di popolo. Ma chi dice che è un “rischio”? Lo sarà per chi ha perso il lavoro nei passati otto anni di depressione mai curata, chi s’è visto pignorare la casa, ed ha i figli disoccupati da sempre. Ma per lor-signori le grandi recessioni hanno un altro significato: non perdono mai il lavoro, né la villa, né lo yacht, loro. “ Mai sprecare una bella crisi”.

Aggravarla, cioè, non alleviarla– così sospetta Brandon Smith. Non a caso Soros continua a dire che sta per arrivare la catastrofe. Non a caso il Fondo Monetario e la Banca dei Regolamenti Internazionali hanno “lanciato l’allarme” prevedendo un crash colossale nel 2016. Queste previsioni non le sbagliano mai, perché sono loro che pongono le condizioni perché esplodano, sostiene Brandon Smith. Per quel che vale, tenderei a condividere.

Il crepuscolo della politica

Nessuno affronta davvero la crisi, così gli elettori non votano

Fino a ieri, la maggioranza votava per il meno peggio. Oggi, in assenza di vere alternative ai gestori della crisi, l’elettore medio non se la sente più di rassegnarsi all’impossibilità di soluzioni: quasi un cittadino su due, infatti, preferisce restare a casa piuttosto che accordare ancora una volta – a candidati deludenti – la solita mezza fiducia, concessa con estrema riluttanza. E’ il dato forse più sostanziale che emerge dalla tornata amministrativa del 5 giugno 2016, tra l’atteso successo dei 5 Stelle a Roma, il pareggio Sala-Parisi a Milano, la riconferma di De Magistris a Napoli, l’erosione del consenso di Fassino a Torino. La partita è gigantesca e si chiama crisi. Il primo orizzonte a oscurarsi è quello nazionale, precariamente presidiato da Matteo Renzi, ma in realtà lo spettacolo va in onda in mondovisione tra l’Europa del Brexit, il martirio a rate della Grecia, la guerra in Siria, i profughi, la devastazione economica indotta dal regime di austerity varato dall’Unione Europea attraverso l’Eurozona e le sue politiche volutamente recessive, a partire dalla prescrizione suicida del pareggio di bilancio. 
 

Nessuno, tra i principali candidati italiani delle amministrative, ha declinato in modo chiaro, a livello locale, l’opprimente quadro sovranazionale, da cui dipende anche la sofferenza quotidiana dei Comuni, a prescindere dal colore politico dei suoi amministratori di turno. Si preferisce affidarsi a storie più comode da raccontare, operazioni-trasparenza contro piccole cupole di potere, l’orgoglio degli sfidanti, la freschezza dei più giovani, l’entusiasmo degli esordienti contro il cinismo dei reggenti di lungo corso. Nulla, comunque, che abbia un’attinenza diretta e frontale col nocciolo del problema: e cioè la revoca – storica – di sovranità democratica, che condanna anche gli enti locali a fare i conti col poco che resta, tagliando servizi e spremendo i contribuenti a suon di imposte. Era il tema attorno a cui il “Movimento Roosevelt” creato da Gioele Magaldi aveva provato a lanciare, per Roma, la candidatura rivoluzionaria di un economista prestigioso ed “eretico” come il keynesiano Nino Galloni. Tesi: impossibile governare una città col vincolo del 3% sulla spesa, impossibile investire sul futuro e sul benessere collettivo se prima non si respingono al mittente tutti i diktat dell’Ue che, a cascata, dal governo centrale ricadono sui Comuni.

Lo scenario post-elettorale resta dunque intermedio e transitorio, anche a prescindere dai ballottaggi: neppure dagli “spareggi”, infatti, potrà scaturire un’opzione alternativa di politica economica. In generale, si osserva un lento declino del gruppo oggi al potere – rappresentato dal Pd – che sconta le inevitabili difficoltà di un governo allineato a Bruxelles, cioè a Berlino. Nella capitale, a sparigliare le carte è ovviamente l’eredità del caso-Marino, in una città che comunque aveva vissuto una sostanziale alternanza, da Veltroni ad Alemanno – così come Milano, passata dalla Moratti a Pisapia. Torino resta un caso diverso, forse più interessante, perché dall’avvento del gruppo post-Pci, guidato da Castellani e poi Chiamparino, l’ex città Fiat era sempre rimasta compatta attorno alla sua compagine di potere, fino ad accettare un candidato come Fassino, proveniente dalla preistoria della Prima Repubblica. Anche oggi Fassino arriva primo, ma – questa la novità – dovrà affrontare i rischi del ballottaggio. Non che la sfidante grillina intavoli un’alternativa strutturale, naturalmente: ancora una volta, il sistema euro-catastrofico non è in discussione. In compenso, si sgretola il fronte dei supremi guardiani di quel sistema, la ex sinistra cooptata dai super-poteri europei per far digerire agli italiani la grande crisi in programma, la fine dei diritti sociali, la disoccupazione come nuova normalità. Quel sistema sta franando, e lo dimostra la vastissima diserzione delle urne. Ma nessuna vera alternativa è ancora in campo.