Archivi tag: conformismo

Il dogma post-moderno della ‘parità’

 

 TESTE QUOTE

posted by Francesco Carraro

Notizie dal futuro. E non sono buone. La Royal Academy of Arts di Londra, in occasione della mostra ‘Renaissanse nude’ (sui nudi del Rinascimento) del marzo 2019, applicherà la parità di genere, esponendo tanti quadri di nudo maschile quanti quadri di nudo femminile. Se la prima vostra reazione è un cenno di assenso, siete perduti. Se, invece, è un moto di ripulsa, siete normali. Questo post è destinato ai secondi. Vi capisco. Comprendo la vostra frustrazione, ma è il momento di ragionare a sangue freddo. Perché succede? Questo dobbiamo chiederci. Perché, sempre più spesso, ci imbattiamo in notizie che ci fanno dubitare della residua sanità mentale dell’essere umano? Perché idiozie così palesi, persino pacchiane nella loro irragionevolezza, fanno breccia anche presso istituzioni di altissima levatura culturale e intellettuale, come la Royal Academy, o politica, come il Parlamento italiano, dove ancora riecheggiano le risate suscitate dalle ossessioni da dizionario della sua ex presidente, anzi presidentessa?

Andiamo subito al sodo: il motivo apparente di tali iniziative – e cioè la tutela del cosiddetto sesso debole – non c’entra nulla con le iniziative stesse. È un’esca. Una foglia di fico destinata a celare l’obbiettivo principe; che non è la protezione delle donne, ma la manipolazione delle menti. Imporre l’ossessione per la cosiddetta parità di genere, fino a derive deliranti come la galleria rinascimentale del sessualmente corretto, serve a compartimentare i cervelli. Propiziare, cioè, nuove logiche binarie di ragionamento simili all’idioma basico delle macchine informatiche costituito solo da due elementi: zero e uno, alternati all’infinito e miscelati in smisurate combinazioni. Fatte tutte, però, di zero e di uno. E se la perversione – tale può definirsi la mania ossessivo compulsiva dei feticisti paritari – è giunta al punto da colonizzare le sale di una pinacoteca o le aule di un’assemblea elettiva o le redazioni di un giornale, allora possiamo ben dire che il processo è in fase talmente avanzata da risultare irreversibile. La riprova sta proprio nell’aver traguardato la soglia del ridicolo senza far ridere nessuno. E nell’averlo fatto da un pulpito di autorevolezza indiscussa come le cattedre di un’accademia reale. Che deve dire l’uomo della strada? Gli viene il dubbio di essere lui quello ‘sbagliato’. Se una decisione tanto cretina la prende un consesso di geni, allora forse la decisione non è così cretina. Magari, bisogna solo adeguarsi. E pensarci due volte prima di violare il dogma post-moderno della ‘parità’.

Una medesima funzione di ingessatura cerebrale la svolgono i comandamenti del politicamente consentito: rieducare la nostra naturale ritrosia al pensiero unico, le nostre umanissime tendenze all’anarchia e all’indisciplina, attraverso dosi massicce di conformismo perbenista e convenzionalmente accettabile. Completano l’opera il depauperamento lessicale, l’imbarbarimento sintattico e l’anoressia concettuale provocati da quei killer del linguaggio che sono i social network e i semplificatori seriali della ‘intelligenza’ digitale. Volendo sintetizzare in uno slogan, potremmo dire: meno pensieri per tutti. Anzi, per tutte. Anzi, per tutti. Anzi, per tutte. Anzi per tutti. Anzi, per tutte…

Francesco Carraro
www.francescocarraro.com

®wld

“collettivismo” – il pretesto di uguaglianza

 L’individuo e il suo futuro

“E’ istruttivo leggere quello che hanno scritto gli autori cento o duecento anni fa sui valori fondamentali, perché allora si può apprezzare quanto è successo alla cultura di una nazione. Si può cogliere l’enorme influenza della propaganda pianificata, che cambia le menti, costruisce un nuovo consenso, esiliando certi dirompenti pensatori ai margini della società. Con grande intento, si può vedere ciò che gli è stato dipinto sopra, al fine di promuovere la tirannia che annuncia un bene maggiore per tutti.” (La metropolitana, Jon Rappoport)

Qui presento diverse dichiarazioni circa l’individuo, sono state scritte nel 19° secolo in America. Gli autori: Ralph Waldo Emerson, Henry David Thoreau, e James Fenimore Cooper erano figure di spicco. Emerson, a suo tempo, era il più famoso.

“Tutta la grandezza del carattere dipende dall’individualità. L’uomo che non ha altra esistenza se non quella di partecipare comunemente in tutto quello che è intorno a lui, non avrà altro che un’esistenza di mediocrità.”- James Fenimore Cooper

“Meno governo abbiamo, meglio è, – con un minor numero di leggi si potrà confidare su di un minore potere. L’antidoto a questo abuso è di [da] un Governo formale”, influenzato da un carattere privato, per far crescere l’individuo -. Ralph Waldo Emerson

“Le generazioni precedenti hanno agito sotto la convinzione di una splendente prosperità sociale che sarebbe stata la beatitudine dell’uomo, cittadini che si sono sacrificati in modo uniforme allo Stato. La mente moderna ha creduto che la nazione sarebbe esistita per l’individuo, per la tutela e l’educazione di ogni uomo. Questa idea, più o meno è stata scritta nelle rivoluzioni e/o movimenti nazionali, ma nella mente del filosofo era molto più precisa; l’individuo è il mondo.”- Ralph Waldo Emerson

“If a man does not keep pace with his companions, perhaps it is because he hears a different drummer. Let him step to the music which he hears, however measured or far away.” — Henry David Thoreau

“Loro [i conformisti] pensano che la società sia più saggia della loro anima, e non sanno che è una sola anima, e che la loro anima, è la più saggia di tutto il mondo … La società è ovunque nella cospirazione contro la virilità di ciascuno dei suoi membri … L’obiettivo è l’uomo, che deve essere un anticonformista … Infine, nulla è sacro, tranne l’integrità della vostra mente.”- Ralph Waldo Emerson

Potete immaginare, oggi, una di queste dichiarazioni farsi largo nelle tradizioni e nelle menti del pubblico, tanto meno nei media mainstream?

Immediatamente, bisognerebbe respingere in forma virulenta l’individualismo illimitato, sulla base del fatto che è comparabile alla brutale avidità, è l’equivalente e (odiato) capitalismo, la disumana indifferenza è uguale alla difficile situazione dei meno fortunati, pari al cinico disprezzo per le esigenze del gruppo.

Gli uomini del 19° secolo che hanno scritto queste affermazioni verrebbero guardati con ostile sospetto, come potenziali criminali, con dei valori potenzialmente anomali “anti-governativi”, che dovrebbero essere messi in una lista, per il fatto che potrebbero avere tendenze terroristiche.

L’analisi contemporanea dell’individuo va ben oltre questo.

Il caso in questione è quello di: Peter Collero, del dipartimento di sociologia, Western Oregono University, ha scritto un libro dal titolo: Il mito dell’individualismo: come le Forze Sociali Formano la nostra vita:

“La maggior parte delle persone oggi crede che un individuo è una persona con un documento d’identità indipendente e distinto. Tuttavia, questo, è un mito.”

Callero sta sostenendo l’assenza di qualsiasi unicità da persona a persona. Sta affermando che non c’è distinzione significativa tra due persone. Tanto per cominciare, non ci sono due persone. Sono un gruppo.

Questo declassamento dell’individuo e del suo spirito umano è notevole, ma questa non è una eccezione. Ci sono molte, molte persone che oggi sarebbero d’accordo (senza capire di che cosa stanno parlando) che l’individuo non esiste. Il perché sul fatto che essi sarebbero d’accordo, è quello che il prendere una posizione opposta, li avrebbe impostati verso un percorso individuale e indipendente, ammettendo la loro autonomia e quindi avrebbero violato un sacro divieto, quello della correttezza politica.

Questi sono gli estremisti del conformismo a cui Emerson si riferiva un secolo e mezzo fa.

Incapaci di partecipare a qualcosa di simile e a un chiaro pensiero, queste persone salutano la bandiera del Collettivo, i quali ammettono allegramente che “ciò che è meglio per tutti.” Tali domande, di “chi si definisce ‘migliore'” e di “chi siano gli ingegneri di questo risultato” sono al di là delle loro capacità di distinguo. Riposano nella vaghezza del loro orgoglio.

Senza rendersene conto, si tratta di strumenti di un programma. Sono fanti in una campagna senza sosta per promuovere il collettivismo (dittatura dall’alto) con il pretesto di uguaglianza.

Ribadendo una delle dichiarazioni di Emerson: “L’antidoto a questo abuso di [da] un governo formale, è, un’influenza di carattere privato, sulla crescita della persona.” Il corollario è: se non c’è una diffusa crescita degli individui e della loro autonomia per pensieri, azioni e una coscienza morale, se non si allargano i propri orizzonti e le sfere d’influenza, a lungo andare sarà il governo ad avere il controllo?

Infatti, l’umiliazione dell’individuo è una intenzionale manovra progettata per mantenere il potere del governo intatto e ampliare la propria gamma.

Considerate questa domanda: se tutta l’opposizione al prepotente e invadente governo illegittimo, sono contenute in gruppi organizzati, e se non emergessero persone indipendenti, “Emerson”, quale sarebbe il risultato?

A lungo termine, questi gruppi potrebbero ristagnare e non riuscire nelle loro missioni. Sarebbero cooptati dal governo. Alla fine, tutti questi gruppi potrebbero essere considerati come “bisogni speciali” casi, che richiedono un “intervento” per “aiutarli”.

Questo è un futuro senza promesse, senza ragione, senza fantasia, senza forza vitale.

È per questo che l’individuo rimane vitale; al di sopra e al di là, attraversando qualsiasi tempesta di propaganda.

Jon Rappoport 

traduzione e adattamento: ningishzidda

CONFORMARSI ALLA MASSA

Il comportamento del gregge

Molti psicologi hanno cercato di verificare le cause comportamentali del gregge e, fino a che punto l’individuo è capace di rinunciare al proprio modo di pensare scegliendo il pensiero della massa.

Uno degli esperimenti psicologici più interessanti è l’ESPERIMENTO SOLOMON ASCH.

Adeguarsi alle Norme del Gruppo-L’esperimento di Solomon Asch

“Come vedi te stesso? Sei un conformista o un anticonformista?”

La maggior parte delle persone a cui si rivolge questa domanda, rispondono definendosi anticonformisti e che sarebbero capaci di far fronte ad un gruppo di persone quando sanno di avere ragione.

Eppure, fino a che punto gli anticonformisti possono resistere alla pressione della gente che li circonda?

Solomon Asch

Durante gli anni ’50, lo psicologo polacco Solomon Asch, ha realizzato uno studio sulla conformità.

I partecipanti all’esperimento vi si iscrissero sapendo di fare un esperimento di psicologia dove si chiedeva loro di completare un test visivo. Si trattava però di un inganno.

Il vero esperimento cercava di rispondere alla domanda seguente:

Possono le persone resistere alla pressione della maggioranza che vuole che si accetti come vero qualcosa che è falso?

Ai soggetti dell’esperimento, seduti in una sala con altri partecipanti, si mostrò un foglio con un segmento di una linea di una determinata longitudine e si chiese loro di scegliere quale fosse la stessa linea in un gruppo di tre, disegnate su un altro foglio.

Lo psicologo, poi, chiese individualmente ad ogni partecipante di scegliere quale segmento di linea fosse quello giusto.

In alcune occasioni tutta la gente del gruppo sceglieva la linea giusta, ma di tanto in tanto, gli altri partecipanti davano, all’unanimità una risposta sbagliata.

Ciò che il soggetto dell’esperimento non sapeva, era che tutte le altre persone del gruppo che lui credeva che stessero facendo l’esperimento come lui, in realtà collaboravano con lo psicologo e le loro risposte erano state pianificate prima con il fine di determinare se la risposta del partecipante poteva essere condizionata dall’opinione della maggioranza nonostante fossero chiaramente sbagliate.

Quasi il 75% dei partecipanti agli esperimenti di adeguamento furono d’accordo con il resto del gruppo almeno una volta.

Dopo aver riunito le prove, i risultati hanno dimostrato che i partecipanti sceglievano la risposta sbagliata data dalla maggioranza, per la maggior parte una su tre.

Conclusi gli sperimenti, ad ogni partecipante è stato chiesto perché si erano trovati d’accordo con il criterio sbagliato del resto del gruppo.

Nella maggior parte dei casi, gli studenti hanno affermato che sebbene sapessero che il resto del gruppo sbagliava, non volevano correre il rischio di affrontare delle critiche.

Qualcuno dei partecipanti era così debole di mente che arrivò a dire che credeva che gli altri membri del gruppo erano nel giusto e che erano loro invece a sbagliare le risposte nonostante l’evidenza.

Questi risultati provano che l’adeguarsi può essere influenzato sia dalla necessità di trovarsi in una comunità, sia dal credere che le altre persone sono più intelligenti o sono informate meglio.

Visto il livello di conformità degli esperimenti di Solomon Asch, adeguarsi può essere ancora più forte nelle situazioni della vita reale, dove gli stimoli sono più ambigui o difficili da giudicare della semplice scelta di alcune linee disegnate su un foglio.

Eppure, in tutto questo c’è una lezione in più che ci fa sperare.

Con l’esperimento, Asch ha anche scoperto che, se uno dei membri del gruppo che collaboravano con lo psicologo dava la risposta corretta contraddicendo la maggioranza del gruppo, il livello di adeguamento del soggetto si abbassava drasticamente.

In questa situazione, solo tra il 5% e il 10% dei partecipanti si adeguavano alle decisioni sbagliate della maggioranza.

Questo vuol dire che: una sola persona che dice la verità in un gruppo di bugiardi, può aiutare a convincere gli altri su quale è la strada giusta da prendere.

Questo dimostra chiaramente l’importanza che hanno, per esempio, i mezzi alternativi o i ricercatori di qualsiasi tipo o disciplina che si scontrano con la verità ufficiale e di maggioranze e che cercano di informare sul loro punto di vista a più persone possibili.

Como si vede, esistono anche delle molle psicologiche che ci fanno sperare…

di Dave Hodges 09 settembre 2014 dal Sito Web TheCommonSenseShow traduzione di Nicoletta Marino Versione completa originale in inglese Versione in spagnolo

http://ningizhzidda.blogspot.it/