Archivi tag: conflitti

Citazioni errate nell’interpretazione

 

“Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” – Attribuito erroneamente, abusato e oscenamente sottovalutato

Caitlin Johnstone, Ospite
Waking Times

(La frase virgolettata nel testo sopra – e nel mio Logo ndr) Indica una citazione di Mahatma Gandhi.

Le probabilità sono che la prima cosa che salta nella tua mente è il famoso, “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo.” È una buona citazione. È abbastanza conciso da adattarsi a un adesivo per paraurti, e risuona profondamente con qualcosa dentro di noi che ci dice che indica qualcosa di vero e prezioso.

Ma, come in molte altre citazioni di sticker paraurti che vediamo fluttuare oggi, queste parole non sono mai state pronunciate dalla persona a cui sono state attribuite. Ciò che Gandhi in realtà ha detto è stato questo:

“Se potessimo cambiare noi stessi, cambierebbero anche le tendenze nel mondo. Quando un uomo cambia la propria natura, cambia anche l’atteggiamento del mondo nei suoi confronti”.

Oof. Questo è un po’ più conflittuale rispetto alla versione divulgata, non è vero? Cambia la mia natura? Pensavo che stessimo parlando di qualcosa di leggero e facile, come non indossare pellicce o comprare chicchi di caffè del commercio equo e solidale.

Ecco come “essere il cambiamento che desideri vedere nel mondo” tende a essere interpretato oggi. È una frase che è così rigurgitata nella nostra società che ora è cliché e quasi priva di significato, qualcosa che si vede su portachiavi economici al centro commerciale e scruta senza leggerla veramente, ma immagina di capire perché l’hai visto tante volte in passato. Se premuto per davvero pensarci, la maggior parte delle persone dirà che significa qualcosa come fare i cambiamenti nel mondo che vuoi vedere. Se non ti piace l’agricoltura industriale, diventa un vegano. Se non ti piace la povertà, fai volontariato in una mensa per i poveri.

Ma non è quello che dice la citazione. Non è niente di simile a quello originale di Gandhi. Non è nemmeno quello che dice la versione adesiva del paraurti.

Anche se guardi la versione divulgata della citazione, guardala davvero con occhi nuovi che non l’hanno vista rigiocamente rigurgitata dai liberali aziendali e intonacata sui prodotti K-Mart, ti viene in mente lo stesso messaggio dell’originale. Non dice “Fai il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Non dice “Attiva il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Dice “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo. “Non si riferisce a un semplice cambiamento nel comportamento o nello stile di vita, sta dicendo cambiare chi sei come persona. Sta dicendo cambiare la tua stessa natura per cambiare il mondo.

Questa è notte-e-giorno diversa dall’interpretazione convenzionale. L’interpretazione convenzionale della citazione esiste come una plateale vana che le persone prendono in giro gli hippy e i New Age per l’uso eccessivo. Una comprensione profonda e viscerale di quella stessa frase, tuttavia, trasmette più saggezza di tutti i testi religiosi del mondo messi insieme. È una chiamata a una trasformazione più reale del parto. Più esistenzialmente conflittuale di una diagnosi terminale del cancro.

La prima sfida della citazione è di farti riflettere seriamente su quali cambiamenti di fatto vuoi vedere nel mondo. La maggior parte delle persone non arriva mai così lontano. Pochi hanno davvero pensato a quale tipo di mondo vorrebbero vedere in un modo positivo che immagina realmente come sarebbe il mondo. La maggior parte delle persone pensa solo in termini di piccole battaglie partigiane che stanno vedendo attualmente: sanità universale, politiche di immigrazione, controllo delle armi, politiche di austerità, aborto, problemi LGBTQ, brutalità della polizia, ecc. Poche persone arrivano fino a sedersi e a contemplare profondamente una visione positiva per il tipo di mondo che vorrebbero aiutare a creare.

Quando faccio un inventario dei cambiamenti che desidero vedere nel mondo, so che voglio vedere le persone che scelgono costantemente la salute rispetto all’illusione della sicurezza.

Voglio che facciano scelte con il più alto interesse di tutti gli interessati rispetto al proprio interesse personale, anche se queste scelte li fanno sentire esposti o vulnerabili perché sembrano andare contro le loro finanze o il pensiero di gruppo tribale, o sono al di fuori della loro zona di comfort.

Voglio che le persone siano collaborative piuttosto competitive.

Voglio che le persone inizino a fidarsi del fatto che i passaggi appariranno di fronte a loro mentre forgiamo un percorso su una nuova rotta sconosciuta piuttosto che ritirarsi sulle autostrade ben battute perché sono familiari anche se sappiamo già che guidano nel modo sbagliato.

Voglio vedere la gente rinunciare al proprio tribalismo e abbracciare il proprio umanesimo.

Voglio vedere le persone che si amano abbastanza profondamente da amare gli altri in modo significativo e con occhi chiari.

Voglio che le persone si elevino al di sopra delle narrative in competizione e facciano le loro distinzioni in base alle azioni e alla realtà piuttosto che alle storie dei manipolatori o delle loro stesse manipolazioni interne.

Voglio che le persone abbiano la saggezza di riconoscere dove hanno potere e privilegio e usarle coraggiosamente, e dove sono impotenti, così possono costringere coloro che sono al potere a cambiare immediatamente la nostra traiettoria suicida.

Voglio che la gente dica la verità, anche se all’inizio è solo per se stessi.

Voglio che le persone scelgano la vita sulla morte, ogni volta, senza esitazione, e voglio che cerchino sempre le loro soluzioni nella vita e nella guarigione e nell’armonia e rifiutino le soluzioni offerte dalla morte, dalla distruzione, dalla manipolazione, dal sabotaggio e dal caos.

Questi sono solo i miei desideri personali per il mondo. Dopo averli scoperti, la prossima sfida posta da “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” è molto più seria e, se intrapresa, rimarrà davanti e al centro della tua attenzione per il resto della tua vita.

Osservando i cambiamenti che desidero vedere nel mondo, cerco di essere qualcuno che sceglie costantemente di premere il pulsante “salute” anche se mi spaventa, o altri, o entrambi.

Cerco di essere qualcuno che sceglie sempre il massimo interesse piuttosto che manipolarlo leggermente, così ne ricavo un po’ di più o sembro un po’ più cool.

Cerco di dire la verità anche quando la mia tribù mi sta urlando per stare zitta, ma cerco di avere la saggezza per farlo solo quando giova a tutti e non solo per cercare il dramma o l’attenzione.

Cerco di trascinarmi attraverso la vita usando la mia bussola interiore perché so per certo che i miei vecchi sentieri non hanno mai portato a nulla di buono.

Cerco di non manipolare gli altri, e cerco di non manipolarmi per fingere a me stesso che non sto manipolando gli altri.

Cerco di amare le parti di me che vedo negli altri, specialmente quelle parti che mi fanno rabbrividire, ma anche io cerco di amarmi abbastanza da allontanarmi da qualcuno i cui schemi mi fanno male.

Cerco di fare distinzioni in base a ciò che vedo fare alle persone piuttosto che a ciò che sento sentirmi dire, e cerco di integrare i miei pensieri e le mie azioni il più possibile.

Cerco di usare il mio potere e il mio privilegio per il più alto interesse di tutti, ma mi rifiuto di assumermi la responsabilità per cose al di fuori del mio controllo, e mi impegno a mantenere quelli che hanno quel potere da rendere conto.

Cerco sempre di dire la verità, anche se è solo per me stesso a volte perché in quel caso non ho abbastanza potere e privilegio per parlarne senza essere punito ingiustamente. Ma se è nel più alto interesse prendere punizioni ingiuste, allora lo scelgo.

Scelgo la vita, ogni volta, senza esitazione, e voglio guarire qualsiasi blocco in me o fuori di me che sia resistente a trasformare ogni atomo del mio essere verso la vita e la guarigione.

Certo che mi manca molto, ma spero di continuare a notare quando fallisco e correggo il corso ogni volta che è necessario, perché ottenere questo diritto è molto più importante per me che sentirmi giusto. Voglio questo più di quanto voglio la storia di aver già questo. Voglio cambiare il mondo più di quanto voglio la storia di cambiare il mondo.

Fondamentalmente, voglio questo più di quanto io voglia “me”, più di quanto voglio la personalità che io considero come “me”. Intere parti della mia identità sono dovute morire per trasformarsi in qualcosa di più sano e più agile, e ci saranno molte altre parti di me che devono morire in futuro, e ne sono felice. Lo accolgo con un profondo respiro di trepidazione perché non è facile, e nel momento prima di lasciarmi andare mi sembra di morire davvero, ma so che deve succedere, e più lo faccio, più positivamente mi rinforzo per ottenere come la mia riluttanza viene annullata con curiosità su ciò che si manifesterà nello spazio che ho creato. E so che in ogni caso è meglio dell’alternativa, che è una morte lenta e reale attraverso la stagnazione.

Oltre l’adesivo del paraurti, sono abbastanza sicuro che Mahatma abbia avuto qualcosa di davvero enorme. Sono abbastanza sicuro che questo è il modo in cui lo aggiustiamo. Ricorda quell’altra castagna trita, La preghiera della serenità. “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza di conoscere la differenza”, un altro detto che ha eroso nella superficialità ma contiene una profonda saggezza se la prendi come la tua chiamata. Se tutti noi abbiamo preso individualmente la responsabilità sincera per l’unica cosa che possiamo realmente cambiare – noi stessi – allora gli effetti a catena non sono quantificabili.

E, inevitabilmente, cambiamo il mondo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

 

®wld

Il 2019 sarà un anno in cui vivremo pericolosamente.

 

 L’anno che vivremo pericolosamente a livello globale

 di Iosu Perales 14 Gennaio 2019 dal Sito Web AlaiNet traduzione di Nicoletta MarinoVersione originale in spagnolo

Il mondo sta andando verso la destra, più esattamente verso un’estrema destra alimentata dall’ascesa e più diffusione di idee anti immigrazione, xenofobe e di attacchi alla libertà e alla democrazia.

La mappa europea dell’estrema destra si avvicina inoltre all’antierupeismo.

Alcuni dati:

  • Alternativa per la Germania ha un 12,6% di appoggi elettorali raccolti nelle ultime elezioni a cui ha partecipato.

  • il Partito Populare Danese il 21,1%
  • il Fronte Nazionale francese il 21,3%
  • il Partito del Popolo Svizzero il 29,4%
  • Democratici Svedesi il 12,9%
  • Il partito polacco Legge e Giustizia il 37,6%
  • Il Movimento per una Ungheria Migliore il 19,1%
  • Il Partito Liberale di Austria il 26,0%
  • L’italiano Lega Nord il 17,4%
  • Il Partito per l’Indipendenza del Regno Unito l’1,8%

  • Il Partito per la Libertà, olandese, il 13,1%

Inoltre in Andalusia VOX ha ottenuto il 10,97%

Questo è un elenco significativo che dovremmo completare con le percentuali di altri partiti di estrema destra che sono presenti in Europa Non si tratta più di un problema francese, adesso è un problema di tutta l’Europa democratica.

Per questo vedremo cosa uscirà fuori dalle elezioni del parlamento europeo del 2019. Una contea che già sta dando a vedere lo scambio e la configurazione di una Internazionale di Estrema Destra, il che potrebbe avere gravi conseguenze se ottenesse buoni risultati. 

La cosa grave di questo nuovo scenario è che in Europa i muri per contenere l’estrema destra sono molto danneggiati. La socialdemocrazia non ha capacità di risposta.

Esempi eclatanti sono:

  • la scomparsa del partito greco Pasok

  • la brutale caduta del Partito Socialista francese il cui candidato Benoit Hamon ha ottenuto un 6% alle presidenziali del 2017
  • il Partito Laburista Olandese nel 2017 è passato da trentotto rappresentanti a nove.
  • lo stesso PSOE ha perso quasi al metà dei voti del 2008.

Sono ugualmente umilianti altri esempi.

Molti votanti della sinistra moderata stanno dando il loro voto a forze di estrema destra visto lo stato di frustrazione e di senso di abbandono che provano.

Dodici anni fa l’Unione Europea era un club per progressisti, oggi ci sono appena cinque governi con tratti di sinistra.

In America Latina la vittoria elettorale del fascista Jair Bolsonaro, una misto tra Trump e Pinochet, cambia il bilanciamento di forze e ci avverte:

  • Da una parte la militarizzazione del Brasile e ne consegue l’incriminazione dei movimenti sociali

  • Dall’altra parte, la continuità della brutta influenza nord americana in America Latina.

Il pericolo di contagiare altri paesi del continente è una possibilità reale.

Sarebbe un male leggere separatamente, in modo frazionato ciò che sta succedendo in diverse parti del pianeta. Dalla fine della II Guerra Mondiale non abbiamo vissuto un momento più pericoloso dell’attuale: questo merita una riflessione.

Certo è che il mondo, da quando è arrivato alla presidenza degli USA Donald Trump, è più caotico e imprevedibile.

Ciò che sta succedendo ci porta a due piani di analisi:

  • L’ambito nazionale che ci porterebbe ad approfondire paese per paese sulle cause precise di questa svolta verso la destra.  

  • L’ambito mondiale, che mostra uno stato generale sfavorevole alla pace, che fomenta il moltiplicarsi dei conflitti e lo scontro bellico il che produce una associazione tra globalizzazione economica e globalizzazione armata.

Il declino elettorale tocca le forze politiche di quella che potremmo definire destra civile …

Viviamo la punizione delle forze politiche che dopo la seconda guerra mondiale decisero di comune accordo per lo stato sociale e che sono state neutralizzate da un neoliberalismo di confronto estremo e in più adesso patiscono il castigo elettorale per mano di forze neofasciste.

Certo è che i conservatori e i socialdemocratici sono molto responsabili di essere entrati in una globalizzazione che genera disagi e insicurezza ed è il terreno su cui crescono partiti con programmi settari, esclusivisti e conflittuali.

L’estrema destra è un pericolo per la forza che può arrivare a realizzare da sola.

Però lo è anche per la pressione e la spinta che possono avere sulle destre tradizionali tentate di fare proprio il programma politico estremista per non perdere consenso di voti Il caso dell’Andalusia è molto chiaro.

L’Europa che si sta delineando fa suonare tutti gli allarmi.

Se già l’unione politica è quasi una chimera, d’ora in poi la sovranità condivisa subirà aggressioni e un’unione del contenuto sociale diventerà impossibile.

Però, ad essere sinceri, mi preoccupa più l’aumento delle tensioni globali che ci possono portare vicino a una terza guerra mondilae

Sapete perchè…?

Perchè,

  • mai come adesso, negli ultimi settanta anni, il clima generale mondiale è stato tanto favorevole agli attacchi verso la democrazia e la pace.

  • mai come adesso, si erano visti tanti paesi con una estrema destra in auge.
  • mai come adesso, i tamburi di guerra hanno suonato in tanti luoghi allo stesso tempo.
  • mai come adesso, gli Stati Uniti avevano avuto un presidente così eccentrico e provocatore che si vanta di tenere il pulsante nucleare sulla sua scrivania.
  • mai come adesso il sionismo spinge per ingaggiare una guerra con l’Iran…

A questo si aggiungono gli interessi di un’industria bellica, cioé delle guerre che diventano indefinite.

Il mondo è così globalizzato, collegato, che la sorte della sua stabilità o instabilità si sta giocando su scacchieri che anche se ci sembrano lontani hanno influenza sulle nostre vite:

Medio Oriente e in particolare la lotta tra Israele e Iran può terminare trascinando le grandi potenze a intervenire direttamente.

Il 2019 sarà un anno in cui vivremo pericolosamente.

Come è risaputoo, il sionismo israeliano anela a lanciare un attacco contro l’Iran, bombardando prima il territorio siriano e ampliando poi il conflitto verso il suo nemico principale. Se succede ci sono molte possibilità che la Russia intervenga militarmente e che gli Hezbolla libanesi aprano un altro fronte con Istraele.

Rimane da conoscere il gioco finale degli Stati Uniti che non lasceranno da solo il loro alleato sionista.

Sono i due grandi fattori quelli che causano tanta instabilità bellica:

  • il neoliberalismo di guerra che disputa il controllo delle materie prime.  

  • la geopolitica che cerca il predominio su ampie regioni strategiche, dotate di armi nucleari.

Le tendenze autoritariste delle potenze che si disputano egemonie sono una realtà.

L’ascesa dell’estrema destra in Europa e in America richiedono delle misure nazionali ma anche altre misure a livello globale, mondiale. 

Sono due fatti che pregiudicano la risoluzione dei conflitti su scenari terzi (Medio Oriente, Asia centrale…) con il dialogo e la negoziazione.

La destra radicale capisce solo la violenza e può canalizzare la sua islamofobia solo con altre guerre.

Urge che le relazioni internazionali impongano il multilateralismo e le negoziazioni come strumento per superare i conflitti.

I grandi paesi, le grandi potenze, se lasciate libere, con il loro libero arbitrio, sono un pericolo per la pace mondiale e lo sono ancora di più se sono governate da un tipo squilibrato come Donald Trump, che sicuramente cerca un nuovo ordine geo-economico e geo-politico, a qualsiasi prezzo. 

E’ chiaro che la Cina ha qualcosa da dire e in riguardo alla guerra commerciale già in atto.
 
 
******************************
 
Articolo correlato:
 
 

© Global Look Press Christoph Meyer/DPA © Reuters/Kevin Lamarque © Reuters/Christian Hartmann

di George Gallowa  
09 Gennaio 201 dal Sito Web RT 
traduzione di Claudiordali 

®wld

Il paradosso del progresso e conseguenze prossime future

Imagine dal film Geostorm

Ecco come sarà il mondo nel 2035  secondo l’intelligence americana

Nel 2019 disastri naturali causeranno una distruzione estrema globale. Ci si renderà conto di dover collaborare come una sola nazione per controllare il tempo. Così un team di 17 Stati costruirà insieme la rete di controllo nello spazio. Questa è la visione proposta  nel film ‘Geostorm’, in uscita nei cinema italiani tra pochi giorni.

L’ultimo rapporto dell ‘Intelligence Council USA’ disegna scenari che promuove una visione multipolare. Pechino, secondo il rapporto, è destinata, insieme alla Russia, a scalzare definitivamente gli Stati Uniti dal ruolo di unica superpotenza mondiale.

ll  mondo nel 2035  secondo l’intelligence americana 

L’intelligence USA ha delineato come potrebbe essere il mondo nel 2035. Diciotto anni possono sembrare un lasso di tempo molto breve per poter osservare dei cambiamenti radicali. Eppure molti osservatori sono concordi nel ritenere i prossimi venti/trent’anni come i più rivoluzionari di tutta la storia del genere umano. Inoltre basta guardarsi alle spalle e osservare i cambiamenti avvenuti nei vent’anni precedenti, per verificare come tale lasso di tempo sia più che sufficiente per dei mutamenti radicali. Diciotto anni fa il mondo doveva ancora assistere al crollo delle Torri Gemelle, alla conseguente guerra al Terrore, agli interventi militari in Afghanistan, Iraq e Libia, nonché alla crisi finanziaria del 2008. Insomma cambiamenti sconvolgenti.

Il paradosso del progresso 

Ci ha pensato ora il National Intelligence Council USA, organo strategico dell’intelligence USA, a mettere nero su bianco quello che potrebbe essere il mondo fra diciotto anni. Il documento, chiamato PARADOX OF PROGRESS fa parte del più ampio progetto “GlobalTrends” che ogni cinque anni cerca di dare un’idea del futuro più prossimo. Il documento serve così al presidente americano di turno, all’inizio del suo mandato (o al rinnovamento di esso), per farsi un’idea migliore delle sfide che lo attendono.

Per la sua redazione l’analisi si è servita di una dettagliata raccolta dati e di proiezioni basate sull’osservazione dell’evoluzione economica, sociale e tecnologica su scala planetaria degli ultimi anni. Un approccio scientifico per quanto la previsione del futuro non possa essere materia di scienza esatta. Tuttavia lo studio fatto dall’intelligence USA arriva addirittura al punto di prevedere quelli che potrebbero essere titoli di giornale in specifiche date.

La Cina si espanderà fino al largo delle Hawaii 

Ecco che il 3 febbraio del 2019 alcuni giornali scriveranno: “La Cina compra un’isola disabitata dell’arcipelago Fiji per costruire una base militare a 3.150 miglia dalle Hawaii per 850 milioni di dollari”. Pechino, secondo il report, è destinata, insieme alla Russia, a scalzare definitivamente gli Stati Uniti dal ruolo di unica superpotenza mondiale. In quest’ottica anche l’Europa uscirebbe dalla sfera d’influenza americana per entrare in quella euroasiatica.

Droni assassini e lavoratori sempre più flessibili 

Il 13 marzo del 2019 invece si titola che “Il Messico mette al bando i droni per uso privato dopo l’ultimo tentativo di assassinio”. La tecnologia, secondo il report, ha dunque preso il sopravvento e l’utilizzo dei droni diventerà nei prossimi anni dispnibile al grande pubblico. Il report denuncia in particolare come tali droni diventeranno facilmente reperibili anche per la criminalità organizzata, che potrà usare queste silenziose zanzare meccaniche al posto dei più riconoscibili sicari. Se saranno i droni a “sporcarsi le mani”, il lavoro delle forze di sicurezza del futuro diventerà sempre più impegnativo e difficile.

Il 17 settembre del 2021 è invece il turno della “rivolta dei gig workers a Londra”. I “gig workers” sono i lavoratori della cosiddetta “gig economy”. Si tratta di lavoratori senza stipendio fisso che lavorano solo “su richiesta (on demand)”. Lavoratori in proprio che svolgono attività temporanee. Secondo l’intelligence USA, infatti, lo sviluppo tecnologico creerà un ulteriore disequilibrio economico, modificando radicalmente la piramide lavorativa conosciuta dopo la Prima Rivoluzione Industriale. Così lo sviluppo progressivo di Intelligenza Artificiale andrà a sostituire il capitale umano in numerosi comparti, contribuendo allo sviluppo appunto della figura del lavoratore “su richiesta”.

C’è ottimismo per il futuro dell’Africa 

Se il futuro dei lavoratori dipendenti sembra a tinte fosche, pare invece che il 2035 rappresenti per il Terzo Mondo  un’opportunità di rivalsa. Nel documento redatto dall’intelligence USA si fa riferimento infatti a una rivoluzione energetica dell’Africa, che porterà il Continente ad una progressiva autosufficienza. Un traguardo raggiunto grazie allo sviluppo di pannelli solari e batterie fatte in casa facilmente reperibili a basso prezzo. A ciò si aggiunge poi la diffusione della tecnologia di desalinizzazione dell’acqua che contribuirà a stabilizzare la produzione alimentare africana.

Conflitti per acqua e cibo 

Per il resto del mondo invece i problemi legati all’acqua e allo sfruttamento del suolo diventeranno di primaria importanza. Ben 21 delle 37 sorgenti d’acqua più grandi al mondo sono attualmente sfruttate in maniera “insostenibile” e se la tecnologia non porterà un miglioramento a questo, secondo l’ intelligence USA, vi sarà un crescendo di conflitti. Stesso discorso vale per la terra, sfruttata oggi ad un ritmo quaranta volte più veloce rispetto alla naturale rigenerazione del suolo. Quest’analisi lucida arriva da una fonte più che autorevole e mette in guardia l’attuale presidenza americana rispetto ai rischi maggiori per la società contemporanea. Starà ora alla Casa Bianca interpretare al meglio gli avvertimenti lanciati dalla propria intelligence.

FONTE http://www.occhidellaguerra.it/sara-mondo-nel-2035-secondo-lintelligence-americana/

NEWS  Accelerail processo di de-dollarizzazione con la Cina in prima linea per spodestare lavaluta americana come riserva mondiale e come divisa

VEDI ANCHE 

The Governance of Geoengineering in 2025

PROGETTI MILITARI STATUNITENSI PER “CONTROLLARE Il CLIMA” ENTROIl 2025

GEOINGEGNERIA, “IL PROGETTO NEW MANHATTAN”. IL PIANETA SOTTOATTACCO

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

_______________________________________________

Il rifiuto del dollaro da parte della Cina Washingtonn sta distruggendo il potere americano

by Paul Craig Roberts October 16, 2017 from PaulCraigRoberts Websit

Washington sta distruggendo il potere americano

La Cina e la Russia capiscono che Washington, invece di gestire un sistema equo, utilizza il suo ruolo di valuta mondiale per dominare altri paesi.

I lettori a casa e in tutto il mondo vogliono sapere cosa fare dell’annuncio che la Cina ormai condurrà acquisti di petrolio e vendite in moneta d’oro cinese.

  • Il dollaro sarà indebolito e crollerà per essere scartato come la valuta in cui viene effettuato il trasporto del petrolio?

Queste ed altre domande sono nelle menti dei lettori.

Di seguito è la mia opinione:

Il valore del dollaro americano dipende dal fatto che le banche centrali, le società e gli individui sono tenuti a tenere i loro beni o ricchezze in dollari.

  • Se lo sono, non importa quale sia la valuta utilizzata per la transazione del petrolio.
  • Se non lo sono, non ha importanza se tutto il petrolio viene fatto in dollari.

Perché? Perché se non vogliono tenere i dollari, li butteranno non appena la transazione sarà completata e si sposterà in altre valute o in oro.

Ciò che la Cina sta facendo è la creazione di una moneta che potrebbe essere una divisa più attraente da tenere.

È possibile che la moneta cinese appoggiata all’oro sia una mossa contro il potere statunitense, ma io la vedo diversamente. Lo vedo come una protezione contro il potere statunitense.

La Cina e la Russia si dissociano dal sistema del dollaro, perché Washington, sta abusando del suo ruolo della moneta mondiale, usa il meccanismo dei pagamenti in dollari per imporre sanzioni ad altri paesi minacciandoli di escluderli dal sistema di compensazione dei pagamenti.

In altre parole, Washington, invece di operare un ‘sistema equo’, utilizza il suo ruolo di valuta mondiale per dominare altri paesi.

La Russia e la Cina sono troppo forti per essere dominati, e quindi si stanno tirando fuori dal sistema del dollaro. Se seguissero altri paesi, il dollaro smetterà di essere uno strumento di controllo statunitense sul resto del mondo.

Per dirla in parole diverse, Bretton Woods ha dato a Washington la responsabilità del sistema finanziario mondiale. Washington ha abusato del potere affidatogli usando il sistema del dollaro per destabilizzare altri paesi, come attualmente il Venezuela  …

L’abuso di Washington sul ruolo della valuta mondiale per favorire gli interessi finanziari e commerciali americani e il potere di Washington sulle politiche straniere e nazionali di altri paesi ha messo in atto forze che elimineranno il ruolo del dollaro come valuta di riserva mondiale.

Il brutto è che l’arroganza di Washington sta distruggendo il potere americano.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Qualcosa di più

L’imperativo di sostituire Google e Facebook

Le nazioni stanno iniziando a prendere più seriamente il controllo del loro spazio d’informazione dopo che per anni hanno permesso ai giganti della tecnologia degli Stati Uniti, Google e Facebook, di monopolizzarli e sfruttarli

Il Vietnam, secondo un recente articolo di GeekTime, è l’ultimo paese che ha iniziato a fomentare alternative locali del motore di ricerca e della rete dei mezzi di comunicazione sociali, per riequilibrare il monopolio dell’informazione che oggi hanno nel loro paese i giganti della tecnologia del sud est asiatico.

Google e Facebook – Sono più che Motori di Ricerca e Social Media

I due giganti della tecnologia e altri come loro agli inizi possono essere sembrati ai politici, agli industriali e ai capi militari di tutto il mondo, delle corporazioni meramente opportuniste che cercano guadagni ed espansione.

Indubbiamente, Google e Facebook, tra gli altri, chiaramente sono diventati qualcosa molto più di questo.

Tutti e due hanno lavorato ed è verificabile per il Dipartimento di Stato per la ricerca di obiettivi geopolitici in tutto il mondo, dal collasso del governo della Libia ai tentativi di cambiamento del regime della Siria e l’utilizzo dei social media e della tecnologia dell’informazione di tutto il mondo per manipolare la percezione pubblica e ottenere mete sociopolitiche in nome di Wall Street e Washington per molti anni.

L’utilizzo delle reti sociali per controllare lo spazio di informazione di una specifica nazione, e utilizzarlo come un mezzo per arrivare alla sovversione sociopolitica e anche a un cambiamento di regime ha raggiunto l’apice negli Stati Uniti nel 2011 con la gestione della “primavera araba”.

All’inizio dipinta come manifestazioni spontanee organizzate su Facebook e altre piattaforme di social media, adesso è stato rivelato in alcuni articoli quelli del New York Times, Gruppi di statunitensi che aiutano a fomentare “Rivolte Arabe“, che il Governo degli Stati Uniti aveva addestrato attivisti anni prima delle proteste, con con Google e Facebook partecipando direttamente ai preparativi.

I fronti di opposizione finanziati e appoggiati dalla Fondazione Nazionale per la Democrazia (NED) del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e dalle loro filiali,

  • Casa della Libertà (Freedom House)
  • Istituto Repubblicano Internazionale (IRI – International Republican Institute)
  • Istituto Nazionale Democratico (NDI – National Democratic Institute),

…furono invitati a varie riunioni dove i dirigenti con i loro gruppi di appoggio tecnico di Google e Facebook presentavano loro i piani di gioco da eseguire nel 2011 coordinati agli Stati Uniti e ai mezzi di comunicazione europei che avevano anche assistito alle riunioni.

Il risultato finale fu quello di armare virtualmente le reti sociali, che agivano come coperchio per quello che fu una serie pianificata da tempo di colpi militari regionali fortemente armata che finalmente buttarono giù i governi di:

  • Tunisia
  • Egitto
  • Libia
  • Yemen,

…con il governo della Siria adesso accerchiato da 6 anni di guerra come risultato.

E’ stato durante il conflitto in Siria che Google è stato di nuovo coinvolto.

Il Guardián, in un articolo del 2012 dal titolo “Siria – E’ possibile cambiare il nome delle strade su Google Maps?”, avrebbe dato questa informazione:

Nella loro lotta per liberare la Siria dalle grinfie del presidente Bashar al-Assad, attivisti antigovernativi si sono imbarcati in un progetto per cancellarlo dalla mappa. Letteralmente…

Su Google Maps, le principali vie di Damasco dedicate alla famiglia Assad sono apparse cambiate con il nome degli eroi della rivolta. La primavera araba prende forma così.

Quando i ribelli contro Gheddafi fecero sparire a Tripoli l’agosto scorso, il nome della piazza principale della città dal servizio di mappe durante la notte – da Piazza Verde, nome datogli dall’antico dittatore, è divenuta “Piazza dei Martiri”.

Il servizio di mappe del gigante di Internet ha una storia importante nelle dispute politiche.

Il monopolio di Google nelle nazioni che non hanno un’alternativa locale, assicura chela percezione pubblica sia influenzata di traverso da questi metodi ingannevoli.

The Independent, in un articolo del 2016 intitolato “Google progetta di aiutare i ribelli siriani a sconfiggere il regime di Assad – Asseriscono così nella posta elettronica filtrata di Hillary Clinton“, continuerebbero a dire altro sull’attività di Google per quanto riguarda la Siria:

Uno strumento interattivo creato da Google è stato disegnato per alimentare i ribelli siriani e aiutarli a distruggere il regime di Assad, così hanno rivelato le mail di Hillary Clinton secondo i rapporti effettuati.

Controllando e monitorando quanti si cancellavano dall’indirizzo della Siria, è stato progettato come dicono i resoconti, un modo per animare più persone a cancellarsi e a dare fiducia all’opposizione ribelle.

E’ chiaro che Google è molto più di solo ricerche in Internet.

Le nazioni sarebbero comunque irresponsabili a permettere che una impresa straniera eserciti un controllo sul suo spazio di informazione – specialmente alla luce degli abusi documentati, verificati – come lo sarebbero se imprese straniere esercitassero un controllo su altri aspetti essenziali dell’infrastruttura nazionale.

Vietnam prende il controllo del suo spazio d’informazione

L’articolo sul GeekTime, condiviso con il Dipartimento degli Stati Uniti NDI su Twitter dal titolo “Si tratta di una campagna del Vietnam per costruire un’alternativa a Facebook per lottare contro le notizie false o è per fomentare la censura?”,

così scrive:

Durante una riunione all’inizio di questo mese, Truong Minh Tuan, Ministro per l’Informazione e le Comunicazioni del Vietnam, ha detto che il governo sta incoraggiando le industrie di tecnologie vietnamite a costruire sostituti locali di piattaforme come Facebook e Google (che sono le più popolari del genere in Vietnam).

L’articolo diceva anche:

Si tratta di una campagna più ampia “per rafforzare la sicurezza cibernetica” e l’integrità dell’informazione del paese.

“Il piano è cercare di abbordare il problema di come su Facebook, le ‘pagine false’ crescevano senza controllo, con un contenuto antigovernativo.” Queste le parole di Taun.”

“Guardando oltre, abbiamo bisogno di reti sociali utili alle società locali che possano rimpiazzare e competere con Facebook.”.

La menzione del NDI all’articolo ha la pretesa di far comprendere che il governo vietnamita ottiene dei guadagni a partire dalle localizzazioni dei motori di ricerca e dei social media – e lo fa.

La localizzazione dello spazio d’informazione del Vietnam, però, non è diversa dalla localizzazione dell’infrastruttura dell’industria della difesa, dell’energia, dell’acqua, delle scuole e della sanità vietnamita.

Tutti dovrebbero essere controllati dal popolo vietnamita non da Washington, Wall Street, o Silicon Valley. Se il governo vietnamita abusa di questa localizzazione o non lo fa, è un problema del popolo vietnamita.

La vera preoccupazione del NDI è che una volta avvenuta quella localizzazione della tecnologia d’informazione in Vietnam, questi effettivi vettori di rivolta sociopolitica saranno chiusi per sempre agli speciali interessi finanziari e corporativi della politica estera degli Stati Uniti come i fronti di lavoro dell’NDI.

Fonte:  http://www.bibliotecapleyades.net/