Blaylock: le maschere per il viso pongono seri rischi per i sani 

Il Dr. Russell Blaylock avverte che non solo le maschere per il viso non riescono a proteggere i sani dall’ammalarsi, ma creano anche gravi rischi per la salute di chi li indossa. La linea di fondo è che se non sei malato, non dovresti indossare una maschera.
Quando le aziende riaprono, molti richiedono agli acquirenti e ai dipendenti di indossare una maschera. Costco, ad esempio, non consentirà agli acquirenti di entrare nel negozio senza indossare una maschera. Molti datori di lavoro richiedono a tutti i dipendenti di indossare una maschera mentre sono al lavoro. In alcune giurisdizioni, tutti i cittadini devono indossare una maschera se si trovano al di fuori della propria casa. ⁃ Editor TN 
Con l’avvento della cosiddetta pandemia COVID-19, abbiamo visto una serie di pratiche mediche che hanno poco o nessun supporto scientifico per quanto riguarda la riduzione della diffusione di questa infezione.
 
Una di queste misure è l’uso di maschere facciali, una maschera di tipo chirurgico, una maschera di respirazione bandana o N95. Quando è iniziata questa pandemia e sapevamo poco del virus stesso o del suo comportamento epidemiologico, si presumeva che si sarebbe comportato, in termini di diffusione tra le comunità, come altri virus respiratori. Poco si è presentato dopo un intenso studio di questo virus e del suo comportamento per cambiare questa percezione. 
Questo è un po ‘un virus insolito in quanto per la stragrande maggioranza delle persone infettate dal virus, non si verifica né malattia (asintomatica) né pochissima malattia.Solo un numero molto limitato di persone è a rischio di un esito potenzialmente grave dall’infezione, principalmente quelle con patologie mediche di base associate a età avanzata e fragilità, quelle con condizioni di compromissione immunitaria e pazienti in casa di cura verso la fine della loro vita.

Vi sono prove crescenti che il protocollo terapeutico emesso per curare i medici dal Center for Disease Control and Prevention (CDC), principalmente intubazione e uso di un ventilatore (respiratore), potrebbe aver contribuito in modo significativo all’alto tasso di mortalità in questi individui selezionati.

Indossando una maschera, i virus espirati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello.
Russell Blaylock, MD

Per quanto riguarda il supporto scientifico per l’uso della maschera facciale, un recente attento esame della letteratura, in cui sono stati analizzati 17 dei migliori studi, ha concluso che “Nessuno degli studi ha stabilito una relazione conclusiva tra l’uso di maschera / respiratore e la protezione contro infezione dainfluenza.
1Tenete presente che non sono stati condotti studi per dimostrare che una maschera di stoffa o la maschera N95 abbiano alcun effetto sulla trasmissione del virus COVID-19. Pertanto, eventuali raccomandazioni devono basarsi su studi sulla trasmissione del virus dell’influenza. E, come hai visto, non ci sono prove conclusive della loro efficienza nel controllo della trasmissione del virus dell’influenza.

È anche istruttivo sapere che fino a poco tempo fa, il CDC non raccomandava di indossare una maschera o una copertura di alcun tipo, a meno che una persona non fosse nota per essere infetta, cioè fino a poco tempo fa. Le persone non infette non devono indossare una maschera.

Quando una persona ha la tubercolosi, facciamo indossare una maschera, non l’intera comunità di non infetti. Le raccomandazioni del CDC e dell’OMS non si basano su studi di questo virus e non sono mai state utilizzate per contenere qualsiasi altra pandemia o epidemia di virus nella storia. 

Ora che abbiamo stabilito che non ci sono prove scientifiche che richiedono l’uso di una maschera per la prevenzione, ci sono pericoli nell’indossare una maschera, specialmente per lunghi periodi? Numerosi studi hanno effettivamente riscontrato problemi significativi con l’uso di una tale maschera. Ciò può variare dal mal di testa, all’aumentata resistenza delle vie aeree, all’accumulo di anidride carbonica, all’ipossia, fino a gravi complicazioni potenzialmente letali.

C’è una differenza tra la maschera respiratoria N95 e la maschera chirurgica (panno o maschera di carta) in termini di effetti collaterali. La maschera N95, che filtra il 95% delle particelle con un diametro mediano> 0,3 µm

2,perché compromette lo scambio respiratorio (respirazione) in misura maggiore rispetto a una maschera morbida ed è più spesso associata a mal di testa. In uno di questi studi, i ricercatori hanno esaminato 212 operatori sanitari (47 maschi e 165 femmine) chiedendo la presenza di mal di testa con l’uso della maschera N95, la durata del mal di testa, il tipo di mal di testa e se la persona aveva mal di testa preesistente.

2Hanno scoperto che circa un terzo dei lavoratori ha sviluppato mal di testa con l’uso della maschera, la maggior parte aveva mal di testa preesistenti che erano stati aggravati dall’uso della maschera e il 60% aveva bisogno di farmaci per il sollievo. Per quanto riguarda la causa del mal di testa, mentre le cinghie e la pressione dalla maschera potrebbero essere causali, la maggior parte delle prove indica come causa l’ipossia e/o l’ipercapnia.

Cioè, una riduzione dell’ossigenazione del sangue (ipossia) o un aumento del sangue C02 (ipercapnia). È noto che la maschera N95, se indossata per ore, può ridurre l’ossigenazione del sangue fino al 20%, il che può portare a una perdita di conoscenza, come è accaduto al compagno sfortunato che guida da solo nella sua auto indossando una maschera N95, causando lui a svenire, a far schiantare la sua macchina e subire lesioni.Sono sicuro che abbiamo diversi casi di persone anziane o di qualsiasi persona con cattiva funzionalità polmonare che si spegne, colpendo la testa. Questo, ovviamente, può portare alla morte.

Uno studio più recente condotto su 159 operatori sanitari di età compresa tra 21 e 35 anni ha rilevato che l’81% ha sviluppato mal di testa indossando una maschera.

3Alcuni avevano mal di testa preesistenti che venivano fatti precipitare dalle maschere. Tutti sentivano che il mal di testa influiva sulle loro prestazioni lavorative.

Sfortunatamente, nessuno sta dicendo ai deboli anziani e a quelli con malattie polmonari, come BPCO, enfisema o fibrosi polmonare, di questi pericoli quando si indossa una maschera facciale di qualsiasi tipo, il che può causare un grave peggioramento della funzione polmonare. Ciò include anche i pazienti con carcinoma polmonare e le persone che hanno subito un intervento chirurgico ai polmoni, in particolare con resezione parziale o addirittura la rimozione di un intero polmone.

Mentre la maggior parte concorda sul fatto che la maschera N95 può causare ipossia e ipercapnia significative, un altro studio sulle maschere chirurgiche ha riscontrato anche riduzioni significative dell’ossigeno nel sangue. In questo studio, i ricercatori hanno esaminato i livelli di ossigeno nel sangue in 53 chirurghi utilizzando un ossimetro. Hanno misurato l’ossigenazione del sangue prima dell’intervento e alla fine degli interventi chirurgici.

4 I ricercatori hanno scoperto che la maschera ha ridotto significativamente i livelli di ossigeno nel sangue(pa0

2). Maggiore è la durata di indossare la maschera, maggiore è la caduta dei livelli di ossigeno nel sangue.

 

L’importanza di questi risultati è che un calo dei livelli di ossigeno (ipossia) è associato a una compromissione dell’immunità. Gli studi hanno dimostrato che l’ipossia può inibire il tipo di principali cellule immunitarie utilizzate per combattere le infezioni virali chiamate linfociti T CD4 +.

Ciò si verifica perché l’ipossia aumenta il livello di un composto chiamato fattore 1 inducibile dall’ipossia (HIF-1), che inibisce i linfociti T e stimola una potente cellula immunitaria inibitrice chiamata Tregs. Questo pone le basi per contrarre qualsiasi infezione, incluso COVID-19 e rendere le conseguenze di tale infezione molto più gravi. In sostanza, la tua maschera potrebbe benissimo metterti a un aumentato rischio di infezioni e, in tal caso, avere un risultato molto peggiore.  

5,6,7Le persone con cancro, specialmente se il cancro si è diffuso, saranno ulteriormente a rischio di ipossia prolungata poiché il cancro cresce meglio in un microambiente a basso contenuto di ossigeno. L’ossigeno basso promuove anche l’infiammazione che può favorire la crescita, l’invasione e la diffusione dei tumori.

8,9Ripetuti episodi di ipossia sono stati proposti come un fattore significativo nell’aterosclerosi e quindi aumentano tutte le malattie cardiovascolari (attacchi di cuore) e cerebrovascolari (ictus).  

10Esiste un altro pericolo per indossare queste maschere quotidianamente, specialmente se indossate per diverse ore. Quando una persona è infettata da un virus respiratorio, espellerà parte del virus ad ogni respiro. Se indossano una maschera, in particolare una maschera N95 o un’altra maschera aderente, respireranno costantemente i virus, aumentando la concentrazione del virus nei polmoni e nei passaggi nasali. Sappiamo che le persone che hanno le peggiori reazioni al coronavirus hanno le più alte concentrazioni del virus all’inizio. E questo porta alla micidiale tempesta di citochine in un numero selezionato.

Diventa ancora più spaventoso. Prove più recenti suggeriscono che in alcuni casi il virus può entrare nel cervello.

11,12Nella maggior parte dei casi entra nel cervello attraverso i nervi olfattivi (odori nervosi), che si collegano direttamente con l’area del cervello occupandosi della memoria recente e del consolidamento della memoria. Indossando una maschera, i virus espirati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello.  

13È evidente da questa recensione che non ci sono prove sufficienti che indossare una maschera di qualsiasi tipo possa avere un impatto significativo nel prevenire la diffusione di questo virus.

Il fatto che questo virus sia un’infezione relativamente benigna per la stragrande maggioranza della popolazione e che anche la maggior parte del gruppo a rischio sopravviva, da una malattia infettiva e dal punto di vista epidemiologico, lasciando che il virus si diffonda attraverso la popolazione più sana raggiungeremo un livello di immunità della mandria piuttosto rapidamente che porrà fine rapidamente a questa pandemia e impedirà un ritorno il prossimo inverno.

Durante questo periodo, dobbiamo proteggere la popolazione a rischio evitando il contatto ravvicinato, aumentando la sua immunità con composti che aumentano l’immunità cellulare e, in generale, si prendono cura di loro.

Non si dovrebbe attaccare e insultare coloro che hanno scelto di non indossare una maschera, poiché questi studi suggeriscono che sia la scelta saggia da fare.

 

Riferimenti:

  1. bin-Reza F et al. L’uso di maschera e respiratori per prevenire la trasmissione dell’influenza: una revisione sistematica delle prove scientifiche. Resp Viruses 2012; 6 (4): 257-67.
  2. Zhu JH et al. Effetti dell’uso prolungato del respiratore N95 e della maschera facciale chirurgica: uno studio pilota. J Lung Pulm Resp Res 2014: 4: 97-100.
  3. Ong JJY et al. Mal di testa associato a dispositivi di protezione individuale – Uno studio trasversale tra gli operatori sanitari in prima linea durante COVID-19. Mal di testa 2020; 60 (5): 864-877.
  4. Bader A et al. Rapporto preliminare sulla deossigenazione indotta da maschera chirurgica durante interventi chirurgici importanti. Neurocirugia 2008; 19: 12-126.
  5. Shehade H et al. Tagliente: Hypoxia-Inducible Factor-1 regola negativamente la funzione Th1. J Immunol 2015; 195: 1372-1376.
  6. Westendorf AM et al. L’ipossia migliora l’immunosoppressione inibendo la funzione delle cellule T effettrici CD4 + e promuovendo l’attività di Treg. Cell Physiol Biochem 2017; 41: 1271-84.
  7. Sceneay J et al. L’immunosoppressione guidata dall’ipossia contribuisce alla nicchia pre-metastatica. Oncoimmunology 2013; 2: 1 e22355.
  8. Blaylock RL. Meccanismi immunoeccitativi nella proliferazione, invasione e metastasi occasionali degli gliomi. Surg Neurol Inter 2013; 4: 15.
  9. Aggarwal BB. Nucler factor-kappaB: il nemico dentro. Cellula cancerosa 2004; 6: 203-208.
  10. Savransky V et al. L’ipossia cronica intermittente induce l’aterosclerosi. Am J Resp Crit Care Med 2007; 175: 1290-1297.
  11. Baig AM et al. Prove del virus COVID-19 mirato al sistema nervoso centrale: distribuzione dei tessuti, interazione host-virus e meccanismi neurotropici proposti. ACS Chem Neurosci 2020; 11: 7: 995-998.
  12. Wu Y et al. Coinvolgimento del sistema nervoso dopo infezione da COVID-19 e altri coronavirus. Brain Behavior, and Immunity, In press.
  13. Perlman S et al. Diffusione di un coronavirus murino neurotropico nel sistema nervoso centrale attraverso i nervi trigemino e olfattivo. Virologia 1989; 170: 556-560.

________________________________________________ 

 

 
vuotoIl Dr. Russell Blaylock,  autore della  newsletter di  The Blaylock Wellness Report , è un neurochirurgo riconosciuto a livello nazionale, un professionista della salute, un autore e un docente. Ha frequentato la Louisiana State University School of Medicine e completato il suo tirocinio e residenza neurologica presso la Medical University of South Carolina. Per 26 anni, ha praticato neurochirurgia oltre ad avere una pratica nutrizionale. Recentemente si è ritirato dai suoi compiti neurochirurgici per dedicare tutta la sua attenzione alla ricerca nutrizionale. Il dott. Blaylock ha scritto quattro libri,  Excitotoxins: The Taste That Killssegreti di salute e nutrizione che possono salvarti la vitastrategie naturali per i malati di cancro e il suo ultimo lavoro, Biologia cellulare e molecolare dei disturbi dello spettro autistico.Fonte https://www.technocracy.news/

®wld