Archivi tag: civiltà

Zeta Reticuli Guarire il passato per cambiare il futuro della terra

Zeta Eeticuli

 Zeta Reticuli -Trasformazione e Risveglio” 

“Cercano la profondità dell’anima, cercano la comunione.” – Whitley Strieber

Gli inizi della civiltà Zeta Reticuli possono essere fatti risalire durante il periodo dell’Inception del pianeta Apex,avvenuto nel sistema Lirano da parte dei Fondatori. Il loro è stato uno sviluppo unico e toccante, che ha avuto una rilevanza significativa per l’evoluzione del pianeta Terra.

Il pianeta Apex lasciò che la polarità, espressa attraverso un’estrema individualità, facesse a pezzi i suoi abitanti. La loro evoluzione tecnologica avvenne rapidamente, superando lo sviluppo spirituale che impediva loro di coesistere pacificamente nel mondo. Questo squilibrio di energia causò la distruzione virtuale del pianeta Apex. Dal punto di vista di un osservatore dello spazio, il mondo Apex venne annullato. Dal punto di vista degli abitanti di Apex, si verificò una storia diversa.

Il pianeta Apex divenne estremamente tossico. L’inquinamento e le radiazioni ad alto livello resero inabitabile la superficie del pianeta.

Gli Apexiani sopravvissuti alla catastrofe si isolarono sottoterra.1 Divenne imperativo che all’interno di questa nuova società sotterranea avvenisse subito l’integrazione, per timore che si ricreasse il ciclo di distruzione. Riconoscendo la sua importanza, decisero di forzare l’integrazione (fusione) attraverso una ristrutturazione totale della loro realtà.

1 – Questo isolamento sotterraneo ha prodotto varie fazioni di Apexiani. Quello esplorato nel presente capitolo è la razza più benevola. Quelle che erano più orientate negativamente (e che hanno aiutato a creare il caos sul pianeta Apex) alla fine lasciarono il pianeta dopo migliaia di anni e si stabilirono nelle aree di Sirio e Orione, in particolare a Betelgeuse. Gli esseri negativi che hanno interagito con la Terra sono stati etichettati come i Siriani e i Grigi negativi; hanno le loro motivazioni per le interazioni con la Terra.

Mentre il pianeta Apex si avvicinava alla sua distruzione, la mentalità e l’intelletto erano così sviluppati che la cosa divenne evidente nelle forme fisiche degli Apexiani. I crani erano notevolmente aumentati di dimensione nel corso di pochissime generazioni. Il parto naturale ebbe sempre meno successo perché i crani non passavano tanto facilmente dal canale uterino.

Le femmine non riuscirono semplicemente ad adattarsi alla rapidità della crescita cranica. Anticipando quella che avrebbe potuto diventare una crisi della specie, gli ingegneri genetici iniziarono a studiare tecniche di clonazione che avrebbero potuto eventualmente sostituire il processo di nascita. Per gli Apexiani questa mossa salvò la loro specie, poiché dopo che la superficie del pianeta divenne inabitabile, gli Apexiani si ritrovarono sterili.

Quando si resero conto di essere sterili, gli Apexiani decisero di usare la cosa a loro vantaggio. Non volevano più il tipo di civiltà che avevano un tempo; volevano

ricominciare daccapo. Così decisero di controllare scrupolosamente la genetica della loro futura società. Gli ingegneri genetici iniziarono a lavorare sullo sviluppo della nuova razza. Questa razza (così credevano) doveva essere l’aspetto integrato del loro passato.

La prima priorità fu quella di alterare geneticamente le strutture cerebrali per influenzare l’espressione emotiva. Evitarono le passate espressioni di passione e caos; ora volevano ordine. I loro cervelli vennero quindi alterati per produrre una risposta chimica coerente agli stimoli esterni. Raggiunsero il distacco dalla loro struttura egoica.

Attraverso generazioni di manipolazioni neurochimiche, gli Apexiani divennero una mente di gruppo. Le espressioni individualistiche di cui un tempo furono molto fieri, erano ora sparite.

La combinazione delle radiazioni planetarie con gli effetti della loro clonazione, iniziò a produrre una razza con poca varianza fisica da una persona all’altra. Al fine di utilizzare l’ambiente sotterraneo del pianeta in modo più efficiente, i loro corpi furono creati più piccoli di statura. In adattamento all’assenza di luce ultravioletta e luce solare naturale, i loro occhi cominciarono a rispondere a frequenze differenti dello spettro visivo.

Le pupille mutarono fino a coprire l’occhio intero e gli occhi si ingrandirono per fare in modo che la luce sia raccolta in più spazio.

In risposta alla mancanza di cibo fresco, per nutrirsi i loro corpi si adattarono all’assorbimento di certe frequenze di luce. La loro pelle divenne foto termica, fotovoltaica e sensibile alle fonti di luce nelle caverne sotterranee. Le piante recuperate e i minerali luminiferi sotterranei, li aiutarono nel loro nutrimento. Molti dei loro organi, tipo quelli del sistema digestivo e riproduttivo, cominciarono così ad atrofizzarsi.

La trasformazione subita toccò ogni aspetto del loro essere. Fu la nascita di una nuova civiltà.

La forza e la vibrazione delle precedenti esplosioni atomiche degli Apexiani, alla fine piegarono lo spazio attorno al pianeta Apex, per cui emersero “dall’altra parte” della porta dimensionale. Durante l’isolamento sotterraneo, che durò migliaia di anni, gli Apexiani non avevano idea che il loro pianeta avesse cambiato posizione nello spazio tempo.

Fu solo in seguito a quando emersero dalle generazioni di superficie del pianeta, che scoprirono che il campo stellare si era spostato drammaticamente. Fu allora che conobbero l’estensione delle loro azioni. Il pianeta Apex aveva spostato la sua posizione (rispetto al tempo e allo spazio) nel cosmo. Ora esisteva “leggermente” fuori dimensione rispetto ai mondi cui erano abituati. Per capire cosa fosse successo e usare la conoscenza a loro vantaggio, iniziarono a padroneggiare la scienza della curvatura del tempo e dello spazio.

Il giorno in cui finalmente emersero sulla superficie del pianeta, erano diventati una nuova specie. Proprio come la fenice che rinasce dalle ceneri, erano riusciti a produrre una trasformazione dalla distruzione. Non erano più Apexiani. Ora assunsero una nuova identità, quella del Popolo Unico che Riflette il Tutto.

Dal punto di vista della Terra, questo Popolo Unico ora cosi possono chiamare Zeta Reticuli.1 Il loro pianeta, attraverso lo spostamento di dimensione, si è inserito nelle vicinanze di Zeta Reticuli 1 e Zeta Reticuli 2 nel gruppo stellare Reticulum Rhomboidalis. 3

1 – Come affermato nella nota 27, c’erano molte fazioni di Apexiani che si rifugiarono sottoterra. Mentre erano lì, diverse fazioni si svilupparono nelle razze benigne di Zeta Reticuli. Queste entità benigne sono quelle trattate nel Capitolo 9. La fazione discussa nella nota 27 può essere considerata la Zeta Reticuli negativa, che dopo il passaggio nel sistema stellare Reticulum, lasciò il pianeta Apex originale e colonizzò un altro pianeta nel sistema di Zeta Reticuli. Nell’aspetto sono quasi identici; possono essere differenziati solo dalla loro vibrazione o comportamento, che è intrinsecamente negativo per natura. Può essere che quando si vedono versioni contraddittorie di Zeta Reticuli, gli umani interagiscano effettivamente con loro da diversi punti evolutivi nella loro linea temporale storica, anche se provengono tutti dal futuro della Terra. Le manifestazioni più negative potrebbero essere il loro passato, mentre alcune delle interazioni più innocue potrebbero verificarsi da un successivo stato evoluto. Quando arrivarono dagli umani nel presente, si presume che provenissero da un singolo punto nel tempo. Se effettivamente stessero venendo sulla Terra da vari punti del loro sviluppo, si spiegherebbe l’ampia gamma di esperienze documentate di abduzione condotte dagli stessi esseri.

2 – Il Webster Dictionary definisce la parola “reticolare” con “tipo una rete, complicato”. Alcuni potrebbero sicuramente attestare che la psiche degli esseri di Zeta Reticuli è davvero complicata!

3 – Uno dei casi più famosi di abduzioni UFO che supporta l’origine di questi esseri, è il caso di Betty e Barney Hill. Nel 1961, durante il suo rapimento, a Betty Hill fu mostrata la mappa di un gruppo di stelle. Anni dopo disegnò questa mappa mentre era sotto ipnosi. A quel tempo, non c’era alcun riferimento a questo gruppo stellare sulle carte conosciute. Da allora si scoprì che il disegno di Betty corrispondeva a un gruppo di stelle appena scoperto nell’emisfero australe della Terra. Il gruppo di stelle ReticulumRhomboidalis (la Rete Romboidale) ospita il gruppo di stelle ora etichettato come Zeta Reticuli 1 e 2.

Da quella base iniziarono a ristabilire le loro connessioni con i Fondatori della Vita. Continuano ancora fino ad oggi a realizzare i desideri dei Fondatori riguardo all’evoluzione galattica. Quello che hanno appena cominciato a capire è che stanno portando avanti la loro stessa evoluzione.

Oggi, gli Zeta Reticuli hanno bisogno di trovare un modo per rafforzare la loro linea genetica, al fine di creare un futuro per la loro razza. Dopo generazioni di clonazioni, eseguite usando lo stesso materiale genetico, sono diventati fortemente ibridi e stagnanti nella loro crescita evolutiva.

La loro razza sta morendo, ma la loro anima sovrannaturale continua a incarnarsi nella fisicità. Si stanno deliberatamente sottraendo al passaggio verso la quinta densità, per lasciare indietro un loro seme che possa continuare a riprodursi geneticamente. Ciò aiuterà l’intera galassia nella propria evoluzione.

Rendendosi conto della loro situazione, chiamarono i Fondatori.

I Fondatori introdussero i Reticuli su un pianeta diverso, che possedeva un pool genetico proveniente da molte specie umane fin dal principio delle razze Lirane. Invece di continuare ad andare di civiltà in civiltà, per raccogliere materiale genetico, ora potevano averlo tutto in un solo posto. Quel pianeta era la Terra.

I Reticuli furono principalmente attratti dalla Terra negli anni ’40, quando il pianeta iniziò a possedere la tecnologia per autodistruggersi. Sono abbastanza consapevoli che il loro passato rappresenta la possibilità futura della Terra. A causa della loro capacità di viaggiare nel tempo, avrebbero potuto raccogliere il materiale genetico da qualsiasi periodo nel passato della Terra.

Tuttavia, avevano bisogno del materiale genetico di un periodo specifico della nostra storia sulla Terra, quando la civiltà si trovò sull’orlo della distruzione e della trasformazione. Questo li avrebbe potuti aiutare nel loro processo d’integrazione. In un certo senso, è il loro modo per cambiare il loro passato. Interagendo con la Terra di oggi, guariscono il loro passato e cambiano il loro futuro.

Portano avanti questo programma genetico ancora oggi sulla Terra. Poiché questo pianeta non ha ancora compreso o abbracciato l’idea della scelta dell’anima, la maggior parte degli individui che partecipano a questo programma genetico si considerano delle vittime. Ci sono migliaia di storie di addotti terrorizzati, che sono tormentati da esperienze ricorrenti di extraterrestri che li strappano dai loro letti caldi. 4

4 – Sebbene la maggior parte dei rapimenti siano effettuati dagli Zeta Reticuli, ci sono alcuni incidenti isolati di altri gruppi che utilizzano lo scenario delle abduction per i loro scopi. Ad esempio, i Siriani orientati negativamente, gli Orioniani e quelli chiamati “Grigi”, usano molto spesso dei metodi di terrore. È essenziale che gli umani imparino a differenziare il contatto benigno di Zeta Reticuli dalle interazioni più malevole. [OCR editor: gli zeta benigni sono delle memorie distorte impiantate dal governo e dagli esseri rettiliani, dalle mantidi e dai nordici per coprire i veri abusi che si verificano con il fenomeno delle abduction. Questo libro è pieno di razionalizzazioni e disinvolte disinformazioni. Fate le vostre debite ricerche prima di credere a tutto quello che c’è scritto.]

Le esperienze di terrore si verificano perché l’umanità non è ancora disposta ad affrontare la propria ombra che si riflette nello specchio rappresentato dai Reticuli.

I Reticuli cercano principalmente delle specifiche caratteristiche umane che furono impiantate dalla loro razza eoni fa. Una di queste caratteristiche è la variabilità della reazione agli stimoli esterni. Per riapprendere questo, devono campionare e studiare le reazioni neurochimiche umane a una miriade di stimoli.

 Il loro metodo più comune di studiare queste secrezioni neurochimiche, è impiantando una sonda organica. Queste sonde vengono inserite nella testa dell’addotto attraverso il naso, gli occhi o le cavità dell’orecchio. Queste sonde assorbono e catalogano i dati neuro chimici e vengono rimosse periodicamente per lo studio e quindi reinserite. Se un individuo muore, la sonda organica può essere assorbita naturalmente dal corpo.

Non solo stanno cercando informazioni biologiche negli umani, ma stanno anche cercando l’apprendimento emotivo. Sono passati eoni da quando furono genitori di bambini. L’abilità del nutrimento umano, per loro è affascinante. Quando cominceranno a modificare le loro strutture neurochimiche, saranno di nuovo in grado di rispondere maternamente alla loro progenie.

Questo è uno dei motivi principali per cui le donne vengono rapite e chiedono di tenere i bambini ibridi. Queste femmine umane stanno aiutando a risvegliare l’istinto materno e procreativo degli Zeta Reticuli.

L’umanità non li sta solo aiutando -loro stanno anche giocando un ruolo vitale per la Terra. I Fondatori sono ben consapevoli che l’umanità della Terra dovrà integrarsi su più livelli altrimenti lo scenario del conflitto continuerà. I Reticuli riflettono sulla razza umana una delle idee più fondamentali che ha sempre negato: l’unità. Gli umani riflettono sui Reticuli la loro individualità, che li terrorizza.

Se il divario creato dalle paure dell’umanità potesse essere colmato, la trasformazione avverrebbe più intensamente e profondamente.

I Reticuli stanno attualmente acquisendo materiale genetico dai volontari che, a livello di anima, hanno accettato di far parte del risveglio della Terra e della nascita di una nuova civiltà. In questa fase del gioco, la paura degli addotti è ancora necessaria. Sulla Terra la paura è l’ostacolo principale alla crescita. Se l’umanità riuscisse a superare la paura, raggiungerebbe molti obiettivi che attualmente sembrano fuori portata.

Verrà fatto attraverso la consapevolezza, non attraverso la convalida del vittimismo. I Reticuli devono anche affrontare la loro paura (che ancora negano) e superarla. Senza quella paura, la crescita sarebbe minima. A volte le più grandi barriere producono i più grandi traguardi.

Uno di questi traguardi è la creazione di una nuova razza ibrida che possegga le qualità integrate degli Zeta Reticuli e degli umani della Terra.

Saranno unificati e diversi. Saranno ricchi di umorismo e fluidi con le loro emozioni. Saranno soprattutto gli araldi incondizionatamente amorevoli che ci ricondurranno alla Fonte del Tutto.

Fonte dal pdf: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Un maiale che pensa di essere più maiale degli altri

-26 Marzo 2019-

La scusante europea a difesa del Copyright non difende il Copyright, ma ammazza la libertà di parola, baluardo di ogni Libertà passata, presente e futura.

Il Re nudo si veste solo con arroganza e idiozia, dimostrando con ciò, che egli riveste un ruolo che non sa assolvere e che la Libertà prospettata in antichità per l’uomo del futuro questa non ci sarà mai, se l’uomo del futuro poi si accompagna con l’uomo senza morale, cosi come si trovato male nel passato dove la morale non ha mai avuto valore, ora si trova male nel presente dove tuttora non vuole riconoscere, che è la moralità delle cose che funge da aggregante sociale semmai ve ne fosse bisogno, la morale con la quale si permetterà di avere una vita nuova con un futuro differente dal presente e con questo poi, avere anche in futuro qualcosa di valore da dare a figli e nipoti.

Questo per qualsiasi persona coerente significa “fare la storia”, mentre per vende se stesso e gli altri per una fetta di mortadella, buona solo se la mangi subito, ma non lo sarà altrettanto se mangiata tra una settimana, quando aprendo la carta che contiene il succulento prodotto non rimetterà più il classico e amabile suo profumo, ma l’odore di acido fenico prevarrà, essendo qualsiasi insaccato un prodotto ottenuto solo con la morte dalla sua materia prima, quanto si prospetta ciò non può che accadere altrimenti!

Allo stesso modo si comportano lor Signori che compongono i ranghi in quel di Bruxelles, i quali sembrano vivere nel mondo delle fiabe, mentre fuori dal Castello tutto brucia e la gente che non ha delegato loro alcunché, arranca nel fango da questi creato e nel quale sono destinati loro stessi a finire, visto che basta loro non essere rieletti per fare la fine di noi tutti! Sembra non vogliano rendersi conto dall’alto della propria superbia, che una volta affossata la Nazione in cui sono nati non potranno riciclarsi in altre, avendo queste che compongono la Comunità, tutte chi prima e chi dopo, dopo l’iniziale fase speculativa arrivare tutte alla stessa medesima fine, perché checché se ne dica, una Comunità è tale finché c’è partecipazione, ma il fine malefico decretato dalla Germania sulla Grecia insegna che è la mancanza di pietà verso il prossimo determina, che se non c’è poi niente in comunione o se preferite in comune, la stessa Comunità decreta la fine della sua stessa esistenza, non essendo capace di saper dare ciò di cui si abbonda in casa a chi non ne ha, pur vivendo come tutti in una casa comune. Una casa povera ovviamente.

Ciò in me non apporta meraviglia alcuna, essendo a conoscenza che le società moderne sono istruite a differenza di quelle medievali, il cui potere dei signorotti dell’epoca poteva avvalersi e prevalere sulla stessa ignoranza denotata dai loro sudditi, viene da se, che nell’era dalla comunicazione ogni comunicazione omessa, nascosta o peggio ancora: censurata, questo crea un ponte mancato su di un fiume che divide i fratelli dai fratelli o fa anche peggio, dividendo i genitori dai figli.

Per questo e non per altro, oggi come oggi in cui qualsiasi opera può racchiudersi in un file, non vede l’autore derubato in caso di pubblicazione fatta da terzi del suo lavoro potendo provare che sia il suo, traendolo facilmente dai file originari sul proprio computer, in quanto il file che è presente nel suo hard disk è stato solo duplicato e non rubato l’originale, inoltre, avendo tutti i file nelle proprietà inseriti nei campi di creazione dove è visibile: l’autore del file, la data e l’ora della creazione del file stesso, il medesimo file seppur duplicato riporta questo nuove informazioni sul file del computer dell’eventuale ladro, il quale non potendo disporre delle stesse proprietà del file originario dimostra che questi non è l’originale ma la copia e trovo giusto che si rimetta all’autore parte dei proventi delle vendite all’autore originario, in quanto oggi il Copyright non ha più senso di esistere essendo stato surclassato, dimostrazione ne sia che la creazione di più e più catene di vendita, garantiscono all’autore del libro o del marchio, un ulteriore guadagno con l’«affiliazione» esterna possibilmente globalizzata, come lo è per esempio l’azienda Mc Donald, presente ormai a livello globale dopo aver dato in gestione il proprio marchio. Ciò dimostra anche ai ciechi che si guadagna molto più con le royalty che non comportano spesa per l’autore, piuttosto che sia l’autore a sobbarcarsi oltre che mettendo a disposizione l’opera d’ingegno anche le relative spese per la riproduzione.

Tutto questo sta a dimostrare che sovente chi dedito alla salvaguardia di diritti altrui, è probabilmente incapace mancando di argomenti validi tangibili per farlo, tanto da peggiorare col suo intervento la situazione e con questo dimostra di non saper salvaguardare neanche i propri di diritti, figuriamoci quelli degli altri!

L’ormai prossimo 26 marzo, la Comunità Europea si appresta a far valere il diritto di Copyright e si assisterà alla moria e conseguente scomparsa nella rete di Blog e siti, la cui unica colpa e informare dove l’informazione manca o vacilla per più motivi o forse è meglio chiamarli in questo caso “interessi privati”, peraltro c’è da scommetterci che, chi incaricato non sa neanche chi è colui a cui pretenderà di farne le parti e come sovente accade in questi frangenti, l’indifeso rimarrà tale e i buoni propositi rimarranno nel cassetto per l’incapacità di renderli tali da chi preposto a tale atto, in cui è prevedibile, esporrà tutta la propria inconsistenza nella valutazione finale, peraltro in una votazione subdola nei fini e farà si, nel caso i chiamati al voto si esprimano per restringere le “libertà” che credevamo ormai acquisite dalla Civiltà a cui apparteniamo, Civiltà di cui sovente questi Signori si riempiono bocca in discorsi inutili, ma che poi nella sostanza, quando questa c’è da metterla in pratica la Civiltà tra i valori esistenziali dell’uomo, stranamente chi poi rappresenta altri non ne da il giusto valore, in quanto probabilmente dimentica che vive in un mondo condiviso, dove peraltro non è l’unico che per sopravvivere alla giornata ha poi bisogno come tutti di nutrirsi, perché parafrasando Orwell, si può essere pure un maiale che pensa di essere più maiale degli altri, ma quando pensa di poter fare a meno di chi accudisce i maiali, per quanto tempo lo stesso soggetto pensa che possa rimanere in vita, pur ritenendosi più maiale degli altri maiali in seno a una qualsiasi fattoria? Possibile che nella sua cupidigia non sappia che egli stesso farà la stessa fine degli altri?

Domenico Proietti

Fonte: https://guardforangels.altervista.org/

®wld

La nuova Internet Police: informazioni che non vogliono che tu veda

 

La “polizia del pensiero” di Internet ora è pienamente attiva, bloccando l’accesso alla conoscenza umana che è fondamentale per il futuro della nostra civiltà

by: Ethan Huff

(Naturale News) Come probabilmente avete notato ultimamente, sta diventando sempre più difficile accedere online a informazioni oneste e veritiere, poiché i signori della tecnologia che vogliono controllarci continuano a imporre ogni sorta di nuove tattiche di censura volte a sradicare fatti e sostituendoli con menzogne ​​e propaganda.

Il loro ultimo obiettivo sembra essere l’ informazione sui vaccini, poiché i militanti di sinistra stanno attivamente facendo pressione su piattaforme di social media come Facebook e Pinterest per limitare tutti i contenuti che in qualche modo suggeriscono che i vaccini approvati dal governo non sono sicuri e inefficaci.

Come rivelato da Barbara Loe Fisher, co-fondatrice del National Vaccine Information Center (NVIC), in un recente articolo, il governo dello “stato profondo” ha attivamente colluso con potenti corporazioni e istituzioni per molti anni per tenere la conversazione lontano dal vaccino scetticismo, usando la coercizione della “polizia del pensiero” se necessario.

Fisher Avverte

“In un futuro molto prossimo potresti non essere in grado di trovare informazioni su scienza vaccinale, politica e legge pubblicate su siti web come NVIC.org e TheVaccineReaction.org o essere in grado di connettersi con noi su piattaforme di social media per avere una conversazione aperta a riguardo”,  .

“Con la cancellazione della neutralità della rete negli Stati Uniti nel 2017, i due decenni di collaborazione tra governi e società e istituzioni politicamente potenti hanno aperto la strada a informazioni censurate sulla salute da censurare come” notizie false “e in silenzio rimosso da Internet se non è conforme alla politica di salute pubblica e alle raccomandazioni governative per l’uso di prodotti farmaceutici e alimentari.”

Per ulteriori notizie sull’assalto di Big Tech alla libertà di parola, assicurati di controllare Censorship.news.

Lo stato profondo sta costruendo un muro elettronico per impedirti di trovare la verità online

Come probabilmente ricorderete, il primo “grande pesce” a cadere è stato Alex Jones di Infowars, che ha visto come il suo impero mediatico veniva sistematicamente rimosso da Apple, Google, Facebook e molte altre piattaforme tecnologiche. E come abbiamo avvertito in quel momento, non si fermerà qui.

Fisher spiega:

“Viene costruito un muro elettronico per impedirti di ottenere le informazioni che desideri, in modo da ottenere solo le informazioni che qualcun altro decide di aver bisogno”. “È iniziata una combustione elettronica dei libri, e le persone vengono silenziosamente introdotte in un Dark Age virtuale. Mentre questa censura sta iniziando con le conversazioni su salute e vaccinazione, non finirà qui”.

Solo pochi giorni fa, il Wall Street Journal (WSJ) ha riferito che Pinterest sta modificando i suoi algoritmi in modo che gli utenti non possano nemmeno eseguire ricerche per contenuti associati alla “vaccinazione”.

Lo scopo di questa censura, spiega l’articolo WSJ, è di arginare la diffusione della “disinformazione”, oltre a dimostrare al mondo che le aziende tecnologiche detengono realmente il “potere … di censurare la discussione sui problemi dei pulsanti”.

Sta già accadendo da molto tempo su piattaforme di sinistra come Web of Trust, Snopes e Wikipedia, che hanno funzionato come attori nell’orchestra di propaganda e bugie. E ora ci sono anche i plugin per i browser che sono progettati per etichettare tutte le notizie false come “verità” e tutte le notizie reali come “disinformazione”.

Ma ora la polizia pensante sta prendendo di mira prendendo di mira i social media, l’ultimo bastione dove la gente comune ha, fino a questo punto, potuto liberamente impegnarsi nella conversazione e nello scambio di informazioni. Una volta che è andato, è Game Over.

Scrive Fisher 

“La nuova Internet Police che sfrega il World Wide Web di informazioni che non vogliono che tu veda o parlino fa parte della più vasta guerra culturale in corso oggi nel nostro paese e in molti paesi”.

“Quando si parla di vaccinazione, la discriminazione e la censura sono giustificate in nome della sicurezza pubblica e del bene più grande”.

Assicurati di leggere il suo pezzo completo a questo link.

Le fonti per questo articolo includono:

GreenMedInfo.com

NaturalNews.com  

WSJ.com  

NaturalNews.com

Fonte: https://www.naturalnews.com/

Noi? Allineati come sempre, ci mancherebbe altro! Siamo una colonia o no? (ndr)

  

Stop alle sperimentazioni fai-da-te. Le cavie le usano solo loro! 

di Marcello Pamio

«L’annuncio di Fabio Franchi su Facebook è delirante e ho attivato i controlli del caso. 

Voglio rassicurare i cittadini dicendo che in Italia non c’è spazio per sperimentazioni fai da te!”

E se lo dice con un tweet il ministro della salute Giulia Grillo, allora c’è da stare tranquilli. Fiuff…stavo proprio per pensar male…  

Come non fidarsi, d’altronde, dell’onorevole pentastellata che nel 2017 attaccava e inveiva contro Beatrice Lorenzin per il decreto poi convertito nella sciagurata legge 119 sull’obbligatorietà dei vaccini e che oggi ne è la sostenitrice più incallita? La coerenza, come sempre, viene prima di tutto. 

La situazione italiota è così allo sbando che ultimamente la Lorenzin sostiene addirittura la Grillo negli attacchi ai cosiddetti no-vax. Della serie: il nemico del mio nemico, è mio amico!

Queste sono le classiche notizie che schiudono il sarcofago dove è conservata la politicamente-nulla Lorenzin, ridestandone momentaneamente la coscienza. Rimane in ibernazione letargica per mesi e poi, di punto in bianco, si sveglia per twittare o postare su Facebook attacchi contro i novax. 

Prima di ritornare nell’oblio, ecco cos’ha scritto la liceale ex ministro sul caso del dottor Franchi: «Reclutamento di cavie umane, bambini, via facebook, per esperimenti. Non è una news da qualche paese del terzo mondo, ma è tutta made in Italy. Che il protagonista sia un medico no-vax è solo un’appendice della follia in cui sta degenerando il nostro paese», terminando poi con l’auspicio che il ministro «faccia valutare se ci sono gli estremi per un affondamento giudiziario». 

Se parliamo di follia, i neuroscienziati dovrebbero studiare approfonditamente il suo cervello per capire meglio come avviene dal punto di vista neurosinaptico l’involuzione dell’uomo… 

Tornando alla Grillo, non mi risulta che l’attento ministro abbia attivato controlli nei confronti dell’epidemiologo, nonché collaboratore GSK, Pierluigi Lopalco, il quale l’8 febbraio scorso, non da una pagina facebook ma in un congresso all’università di Modena Reggio Emilia, ha dichiarato che «bisogna vaccinare i bambini volontari», e che «il test sui vaccini si fa su decine di migliaia di bambini». (vedi articolo)

Avete capito come funziona il Sistema? In Italia non ci può essere spazio per sperimentazioni fai da te, perché le sperimentazioni su cavie, cioè su neonati “volontari”, le possono fare solo loro negli ambulatori delle ASL!

Per cui se dichiari pubblicamente che i vaccini vengono testati su decine di migliaia di neonati inconsapevoli, anzi “volontari”, va tutto bene, se però hai la sfrontatezza di ironizzare sulle sperimentazioni cliniche, o peggio ancora hai il coraggio di analizzare il contenuto vaccinale, e richiedere la pubblicazione delle analisi di controllo (che ANCORA NESSUNO HA PORTATO ALLA LUCE), allora vieni attaccato, sputtanato dai giornalai, dai servi pennivendoli del Sistema, subendo perfino gli accertamenti dal ministro.

Se ancora non fosse chiaro chi può usare le cavie umane, leggete il titolo del comunicato n.31 di oggi, datato 26 febbraio 2019, del Ministero della salute:

«Test HIV su minori senza consenso dei genitori, sì del garante Infanzia al ministro grillo per collaborazione su nuove regole» 

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate sulle generazioni

La Corsa Verso l-Alba della Genesi: il nostro DNA extraterrestre e le vere origini della specie.

Di Will Hart

I misteri della storia antica, come il modo in cui la Grande Piramide è stata costruita e da chi e perché, sono stati ben consolidati negli ultimi quarant’anni. Simili enigmi archeologici disseminano il paesaggio intorno al pianeta e sollevano molte domande difficili sull’origine della civiltà umana.

La serie di libri di Erik Von Daniken, che ha avuto inizio con Chariots of the Gods, ha presentato prove archeologiche mentre raccontava molte tradizioni mitologiche che hanno “divinità” che arrivano sulla Terra da un mondo lontano e portano la tecnologia e le arti della vita civile a tribù primitive umane.

Molti scrittori hanno seguito la guida di Von Daniken e un’intera scuola di pensiero storico alternativo chiamata teoria dell’antico astronauta emersa nel corso degli anni. Questa scuola deve essere distinta da un altro ramo ampiamente definito da scrittori come Graham Hancock, che possiamo riassumere come la scuola della “civiltà perduta”.

Quest’ultimo non figura in questa discussione, né è trattato nel mio libro The Genesis Race perché non affronta mai realmente la questione delle origini ultime dell’Uomo o della civiltà. Anche se si accetta l’idea che l’antico Egitto e Sumer abbiano le loro origini in Atlantide, chi ha creato quella civiltà e da quali precursori?

Le domande essenziali che l’autore ha studiato negli ultimi tre decenni sono: 1) in che modo la vita ha avuto origine ed evoluzione sulla Terra? 2) in che modo la civiltà è improvvisamente emersa dalle primitive radici dell’umanità? A mio parere, sembrava che l’antica teoria dell’astronauta potesse essere sconfitta se la teoria di Darwin si fosse rivelata corretta, che la “scienza ufficiale” afferma di essere stata. Questa premessa può essere giustificata usando diversi argomenti validi.

La teoria dell’antico astronauta comprende generalmente l’idea riassunta nel primo capitolo della Genesi, che indica che gli “dei” hanno geneticamente progettato una razza proto-umana. Il versetto attuale recita: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”. Se il darwinismo è accurato, questa affermazione sarebbe falsa e la nozione di intervento cosmico da parte di una razza avanzata andrebbe in pezzi.

La seconda ragione è che la teoria di Darwin non solo è stata applicata alla biologia, ma è anche usata per spiegare l’emergere e lo sviluppo della civiltà umana attraverso un processo chiamato evoluzione culturale.

Al suo centro il darwinismo si basa su un concetto semplice: la vita si evolve lentamente attraverso un processo di adattamenti incrementali a un’ampia varietà di stimoli esterni. Lo ha applicato alla biologia e antropologi, archeologi e storici hanno applicato gli stessi principi alla cultura e alla storia umana. Se questo è corretto, non dovremmo trovare nessuna brusca trasformazione nell’evoluzione umana né biologica né storica.

Ho ragione che se il darwinismo è accurato allora non ci può essere alcuna valida base scientifica per la teoria dell’antico astronauta, che ha posto l’intervento e la metamorfosi a fuoco rapido sia nella sfera biologica che in quella storica. I risultati di questa ricerca sono stati sorprendenti. Il darwinismo non è solo non dimostrato – è stato dimostrato dagli scienziati come fatalmente imperfetto. È qui che inizia il mio libro, The Genesis Race. I capitoli due e tre mostrano chiaramente i difetti nella teoria dell’evoluzione. Ha fallito esattamente dove Darwin temeva potesse – nella documentazione fossile. Qui troviamo – invece di conferma diffusa – un gran numero di link mancanti.

Il pubblico generale è dato a credere che l’unico “anello mancante” nella documentazione fossile esista tra le scimmie e l’uomo. Questo non è vero. La documentazione sui fossili contiene centinaia di lacune tra piante antiche e moderne e specie animali. Darwin si riferì allo scarto che separava le primitive piante non fiorite (gimnosperme) e le piante da fiore (angiosperme) come il “problema abominevole”. Perché? Perché le gimnosperme, come le felci, esistevano da miliardi di anni e esistono ancora oggi. Le angiosperme, come le rose, sono apparse sulla scena circa 150 milioni di anni fa e oggi esistono. Dov’è la prova che mostra la felce evoluta attraverso una serie di cambiamenti lenti e incrementali in una rosa?

Secondo il darwinismo le angiosperme si sono evolute dalle gimnosperme. Se questo è vero, allora dove sono le forme intermedie che collegano i due tipi molto diversi di piante? Non sono stati trovati nei reperti fossili e nessuno esiste oggi. Questo sembra impossibile ed è accettando i principi del darwinismo.

Non c’è alcuna spiegazione scientifica per la mancanza di piante intermedie che collegano i tipi antichi e moderni. In realtà, ci dovrebbero essere milioni di tali fossili poiché si sarebbero evoluti per centinaia di milioni di anni, molto più a lungo delle piante da fiore.

Gli scienziati non hanno nemmeno una spiegazione del perché le ginnaste e le angiosperme esistano fianco a fianco. In qualche modo tutte le piante intermedie che dicono collegano i due regni misteriosamente scomparsi dalla documentazione fossile e si estinsero. La logica imporrebbe che le piante più antiche e antiche (senza fioritura) avrebbero dovuto essere la via dell’estinzione. Questa è in realtà una prova sufficiente per uccidere il darwinismo. La scienza ufficiale vorrebbe farci credere che i soli dissidenti contro il darwinismo sono creazionisti che provengono dai ranghi della destra religiosa. Tuttavia, presento numerosi riferimenti a scienziati in buona fede che sbattono la porta sulla teoria dell’evoluzione naturale di Darwin.

Ciò che è, o dovrebbe essere, di grande interesse per chiunque sia interessato alla ricerca della scienza – come si fa per arrivare alla verità delle origini umane e all’emergere della civiltà – sono le opere di Francis Crick e Fred Hoyle.

Mentre i libri di Von Daniken stavano diventando popolari nella cultura tradizionale, questi due eminenti scienziati hanno scritto libri sulle origini della vita sulla Terra. Entrambi erano molto critici nei confronti del darwinismo e ipotizzavano che la vita non fosse originaria della Terra. Dissero che i semi della biosfera avevano origine nel cosmo.

Nel suo libro Life Itself, Crick – un premio Nobel e co-fondatore della forma della molecola del DNA – sosteneva che una civiltà avanzata trasportasse i semi della vita sulla Terra in una nave spaziale. Hoyle, un astronomo che ha dato al mondo la teoria dello stato stazionario dell’Universo, ha proposto che la vita provenga dalle stelle portate dalle comete o dalle correnti di onde luminose. La cosa sfortunata è che questi rigorosi argomenti scientifici sono stati in gran parte ignorati o completamente ignorati dalla “scienza ufficiale”, e anche trascurati dagli stessi popoli che abbracciavano l’approccio relativamente non scientifico, ma popolare di Von Daniken. (Erik ha fatto in modo che le persone facessero domande e riflettessero).

Voglio chiarire cosa intendo con questa affermazione. Von Daniken affermò che stava presentando una teoria, ma il titolo del suo primo libro terminò con un punto interrogativo. Una nuova teoria viene normalmente offerta presentando argomenti contro la teoria attualmente accettata, come hanno fatto Crick e Hoyle, e viene presentata assertivamente con misure uguali di umiltà e sicurezza che non finiscono in un punto interrogativo. Il suo approccio un po ‘insicuro e acritico ha caratterizzato gran parte della letteratura “dell’antico astronauta”, che la scienza ufficiale trova facile smascherare.

Ecco perché The Genesis Race inizia con una seria critica del darwinismo. Questo è seguito da diversi capitoli che riesaminano il racconto della genesi umana e della prima storia trovata nella Bibbia. Un’analisi rivoluzionaria dei primi tre capitoli mostra chiaramente che ci sono stati due eventi di creazione della vita (e dell’umanità) sulla Terra. Mostra anche la storia data nella Bibbia concorda con le scoperte della paleontologia e dell’antropologia. Nel primo capitolo scopriamo che una prima razza proto-umana è stata creata e vissuta nel deserto, come altri animali, come cacciatori-raccoglitori. Ad essi fu dato “ogni cosa verde da mangiare” dagli dei e la Genesi 1 terminò con quell’alleanza.

Tuttavia, nel secondo capitolo ci viene detto che Adam è stato creato per essere un giardiniere ed Eva è presa dalla costola di Adamo e gli “dei” danno loro l’abbigliamento e l’autoconsapevolezza. Il resoconto cronologico della Creazione nel secondo capitolo è completamente diverso da quello del primo capitolo della Genesi.

Questo è un punto critico. Non solo i due racconti differiscono completamente, ma troviamo che Adam non deve vivere nella natura selvaggia come un animale ma è destinato a essere un guardiano e un contadino. Se i due account vengono confrontati fianco a fianco la differenza è ovvia: Adamo ed Eva non sono equivalenti alla razza creata in Genesi 1; e Genesi 2 e 3 non sono una dettagliata delucidazione degli eventi descritti nel primo capitolo, che è normalmente implicita o insegnata nelle lezioni di Bibbia della Chiesa.

Ciò che i primi tre capitoli della Genesi descrivono in realtà sono: 1) la creazione di una razza proto-umana, i pre-Neanderthal e Neanderthal che vivono come cacciatori-raccoglitori in uno stato innocente come descritto nel capitolo 1, seguito da, 2) la genesi del moderno Homosapiens (Adamo) adatto alla rivoluzione agricola. Questa è esattamente la storia data in Genesi e concorda con tutto ciò che la scienza moderna stabilisce sulla cronologia della preistoria umana.

Questa è una revisione radicale che dà un sostegno molto più forte alla versione biblica della genesi umana e al come e perché la rivoluzione agricola ha avuto luogo. Chiarifica anche a chi si riferisce il “noi” quando Dio viene improvvisamente definito “una pluralità” che interviene e altera geneticamente la vita sulla Terra, la Razza Genesis; e prepara il terreno per una presentazione dell’enigmatico reperto archeologico e ulteriori prove che supportano ulteriormente la teoria dell’intervento di una razza extraterrestre tecnologicamente avanzata.

L’archeologia non ha mai nemmeno affrontato tutte le questioni sollevate dall’improvvisa comparsa dell’agricoltura e delle civiltà altamente avanzate in Mesopotamia e in Egitto nel 3° millennio aEV, per non parlare delle risposte più critiche.

Dal punto di vista del pensiero archeologico e antropologico convenzionale, le origini dell’umanità e l’emergere della civiltà dall’età della pietra rimangono enigmatiche. Abbiamo prove incontrovertibili che i nostri antenati non avrebbero potuto costruire la Grande Piramide con gli strumenti e i metodi che possedevano. Tuttavia, la scienza ufficiale semplicemente ignora o cerca di spiegare molte domande serie e questioni come il modo in cui la Grande Piramide – la più grande struttura in pietra di precisione del mondo – è stata costruita usando solo pietre martello, corde, manodopera e slitte.

Tuttavia, ci sono altri problemi che devono essere affrontati e la ricerca genetica di oggi sta gettando nuova luce su questo campo. Le implicazioni di alcune importanti scoperte recenti sembrano essere sfuggite all’attenzione di molti investigatori indipendenti. Gli archeologi e gli antropologi affermati hanno ignorato o inveito contro i risultati di questi controversi studi sul DNA. Mi riferisco a studi genetici sull’origine del cane addomesticato e alla dieta dei nostri antenati paleolitici e del neolitico antico.

Puoi chiedere che cosa hanno a che fare le abitudini alimentari del cane e dell’età della pietra con la risoluzione degli enigmi dell’antico passato dell’umanità? La risposta è tutto Fino a poco tempo fa si credeva che i cani (Canis familiaris) provenissero da una varietà di cani selvatici come lupi, coyote, dingo, sciacalli, ecc. Ma l’ultima ricerca sul DNA mostra che il lupo da solo è la razza ancestrale di tutti i cani.

Questo pone una serie di problemi molto difficili. Il primo cane sarebbe stato un lupo mutante. Tuttavia, i lupi sono estremamente sensibili all’idoneità e alla forza genetica di ciascun membro del branco. Stanno costantemente testando e stabilendo un rigoroso ordine gerarchico sociale e solo gli alpha si riproducono. Quindi, come mai un mutante sarebbe sopravvissuto e riprodotto dato il rigore del comportamento del branco? Nessun lupo in cattività ha prodotto mutanti vitali e i genetisti ci dicono che i mutanti sono normalmente inadatti e non sopravvivono.

Siamo di fronte a un vero enigma. Se poniamo l’idea che le prime tribù umane siano intervenute e abbiano generato lupi nei cani, ci troviamo di fronte a uno scenario altrettanto impossibile. Come potevano gli uomini primitivi sapere che era possibile allevare selettivamente un animale selvatico in uno che possedeva solo quei tratti benefici per loro? Prendiamo per scontate le caratteristiche dei cani, tuttavia ci presentano un mistero profondo. Un cane è l’incarnazione di quei tratti del lupo che le persone trovano utili, attraenti e sicuri. In che modo gli umani dell’età della pietra geneticamente analfabeti hanno raggiunto questa impresa di ingegneria genetica?

Questo problema è aggravato quando ci troviamo di fronte alle prove delle nostre prime civiltà che mostrano che i saluti, i levrieri e il segugio del faraone erano già stati allevati nell’antica Sumeria e in Egitto. Com’è possibile che i nostri antenati, emersi di recente dall’età della pietra, abbiano potuto ingegnerizzare con successo linee purosangue all’inizio della civiltà? Inoltre, i cani non sono solo caratterialmente diversi dai loro progenitori selvatici, ma differiscono anche dal punto di vista fisiologico.

Un maschio alfa e una femmina selvatici si riproducono solo una volta all’anno, mentre i cani possono riprodursi in qualsiasi momento. I lupi perdono i loro cappotti invernali, i cani no. Queste caratteristiche fisiologiche divergenti richiedono tempo per sviluppare, infatti, molte generazioni. Di nuovo, come hanno fatto i nostri antenati all’inizio della civiltà a realizzare questo?

Questo mistero è sottolineato dal fatto che la maggior parte delle moderne razze di cani sono state originate migliaia di anni fa. La scienza non ha nemmeno affrontato la maggior parte di questi problemi e tanto meno gli esperti hanno spiegato in modo soddisfacente come i lupi sono diventati cani – 100.000 anni fa – né hanno mostrato le transizioni passo dopo passo. I cani di razza appaiono all’improvviso nel registro archeologico come per magia. Questo vale anche per l’agricoltura e le nostre principali colture di cereali e leguminose. Grano, mais, fagioli e riso rappresentano una seconda serie di enigmi genetici.

Le ricerche sulle abitudini alimentari delle tribù dell’età della pietra in tutto il mondo mostrano che i nostri antichi antenati cacciatori-raccoglitori vivevano su piante a foglia verde e carni magre. Questo ha perfettamente senso perché questi cibi erano prontamente disponibili, richiedevano poca o nessuna elaborazione e il gioco selvaggio poteva essere cotto su un fuoco aperto. Il problema con i nostri raccolti di grano, e sono la base della civiltà, è che i semi di erba selvatica sono così minuscoli che il costo / beneficio della loro raccolta non era favorevole a questo. Richiedono anche la raccolta, la trebbiatura e la tecnologia di cottura dal momento che devono essere ampiamente bolliti. Questa era la tecnologia Stone Age Man che mancava.

Il motivo per cui i chicchi devono essere cotti è che l’intestino umano non è adatto a digerire i cereali selvatici. Ciò rende molto chiaro che l’uso di semi di erba selvatica come fonte primaria di cibo è di origine recente. I nostri antenati paleolitici non sussistevano su di loro. Ancora una volta, questo pone una serie di problemi formidabili che devono essere studiati rigorosamente. Se i nostri antenati non raccoglievano e mangiavano cereali selvatici, come potevano aver addomesticato e allevato le specie selvatiche così in fretta?

Senza molte generazioni di sperimentazioni per tentativi ed errori – culminati in un vasto corpo di conoscenze agronomiche e pratiche agricole che avrebbero incluso la genetica e l’allevamento – è quasi impossibile capire come è stata realizzata la rivoluzione agricola. La scienza ufficiale cerca di spiegare l’evoluzione dei cacciatori-raccoglitori nomadi in contadini sedentari, coltivando colture, affermando di aver scoperto le colture abbastanza per caso. Ci è stato detto che accadde quando un abitante primitivo lanciò una piantina contenente semi nel mucchio della spazzatura e notò che germogliava.

Ma quel banale racconto non può spiegare come abbiano scelto le migliori specie selvatiche da utilizzare come base per la rivoluzione agricola. Ci sono migliaia e migliaia di potenziali piante selvatiche che potrebbero essere trasformate in colture agricole. In che modo le persone con poca esperienza con le erbe selvatiche sono state in grado di scegliere le migliori varietà da allevare? Questo rappresenta un salto di qualità. Quello che ci viene chiesto di credere è che i nostri antenati, senza molta esperienza nella fase seminale della civiltà, sono stati in grado di selezionare e allevare le migliori varietà di specie di erba selvatica.

Come sappiamo che questo è vero? Perché coltiviamo ancora le colture che presumibilmente hanno selezionato anche dopo 5000 anni di continuo sviluppo tecnologico e agricolo. Ci viene chiesto di sospendere l’incredulità e accettare che abbiano costruito anche la più grande costruzione di pietra progettata con precisione e che il mondo abbia mai visto – la Grande Piramide di Giza – usando solo strumenti manuali primitivi e un lavoro massacrante. Ovviamente c’è qualcosa di sbagliato in questa immagine.

È logico supporre che i nostri antenati terrestri avrebbero (o avrebbero) gettato insieme la rivoluzione agricola e poi le intere civiltà di Sumer e dell’Egitto dall’intero tessuto? No non lo è; e nemmeno queste supposizioni rappresentano una solida scienza.

Per quelli di noi nel campo della storia alternativa, una delle domande più fondamentali che dobbiamo stupire sul pubblico e sulla “scienza ufficiale” è chiedere dove sono gli antecedenti e i precedenti? Mostraci le lente fasi di sviluppo darwiniano che la storia ufficiale presuppone. Come si può spiegare l’apparizione improvvisa di colture alimentari geneticamente modificate e tecniche ingegneristiche avanzate all’inizio della civiltà umana?

Abbiamo bisogno di una documentazione dettagliata e di prove incontrovertibili e dovrebbe essere abbondante e priva di collegamenti mancanti poiché si suppone che si tratti di eventi verificatisi migliaia e non decine o centinaia di milioni di anni fa, come nel caso dell’evoluzione biologica.

Da dove i nostri antenati del Paleolitico acquisiscono le conoscenze e le capacità per allevare piante selvatiche in colture alimentari mentre costruiscono anche città pianificate? Come riuscirono a ottenere un comando rigoroso dei principi dell’ingegneria civile esposti in Sumeria e nella civiltà Harrappan della Valle dell’Indo? In che modo gli umani passavano da capanne di fango e collezionavano piante frondose alla costruzione di ziggurat, sciacquavano gabinetti, bagni pubblici (Mohenjo Daro), facevano il pane nei forni e inventavano la metallurgia dei processi all’apparenza da un giorno all’altro? In parole povere, dov’è la dimostrazione – i collegamenti mancanti – a dimostrare che le teorie (scientifiche ufficiali) sono confermate nella documentazione archeologica e soddisfano semplici standard di logica e buon senso?

Passando a ciò che i nostri antenati in Sumer, Messico, Egitto e Perù hanno da dire sulle origini dell’agricoltura e della civiltà, troviamo una storia molto diversa. Secondo gli antichi documenti, le tradizioni scritte e orali, nessuna delle prime civiltà affermò di averlo inventato. Ciò che è di profondo interesse è che sono in accordo unanime nel sostenere che le “arti” hanno dato le arti della civiltà.

È molto diverso dalla natura umana dare credito a qualcun altro per tutto ciò che abbiamo inventato o raggiunto. Gli antichi egizi lasciarono copiosi documenti di ogni aspetto della loro cultura in una vasta collezione di opere d’arte, geroglifici e testi. Tuttavia, non troviamo alcun riferimento nella loro storia di 3000 anni su come o perché “hanno” costruito le piramidi. Che strano scambio di documentazione per una razza così comunicativa, supponendo che abbiano effettivamente costruito le piramidi. Avrebbero omesso ogni riferimento ai loro monumenti più importanti?

Sembra una supposizione assurda, eppure gli egittologi ci sorvolano mentre non dicono nulla sulla mancanza di mummie nel presunto scenario delle “piramidi-come-tombe” che abbracciano senza arrossire.

Questi sono tutti indizi, pezzi di un vasto puzzle planetario, che raccontano la storia della Genesis Race. I riferimenti a questi “dei” che arrivarono sulla Terra per elevare l’uomo sono descritti nella Bibbia e in altri testi e tradizioni antichi. I loro documenti megalitici si trovano in Egitto, Messico, Perù e Cina.

Le teorie sulla “scienza ufficiale” basate su Darwin, riguardanti l’origine dell’Uomo e la civiltà umana, portano a una serie di intellettuali vicoli ciechi. Se esaminiamo attentamente la documentazione, scopriamo che la civiltà si basa su cinque invenzioni primarie: 1) Agricoltura, 2) Urbanizzazione, 3) Scrittura, 4) La ruota e 5) Processo metallurgico.

Ora, cosa succede quando proviamo a scoprire le origini di queste invenzioni chiave nel record archeologico e storico? Troviamo antropologi e storici che ipotizzano che l’agricoltura sia stata scoperta per caso quando i nostri primitivi antenati hanno gettato le piante nel mucchio della spazzatura e hanno notato che i semi hanno prodotto nuove piante. Ovviamente questo non spiega cosa li abbia motivati ​​a piantare e raccogliere semi di erba selvatica (non hanno quasi mai mangiato) e come hanno imparato a riprodurre selettivamente e ad addomesticare (alterare) queste piante geneticamente.

Bene, spazzano via queste domande con la stessa logica. Anche questo era probabilmente un processo fortuito che si è evoluto in una serie di benevoli e felici coincidenze. Ci viene dato di immaginare che il primo animale addomesticato, un esempio di perfetta riproduzione selettiva, abbia avuto luogo anche quando le tribù paleolitiche, attraverso tecniche sconosciute, addomesticò una linea di lupi mutanti. Poi apprendiamo che anche la metallurgia di processo è il risultato di un incidente, quando qualcuno lasciò cadere un pezzo di malachite in un fuoco da campo e osservò con attenzione che mentre si scioglieva produceva rame.

In breve, il paradigma fondamentale “scienza ufficiale” ha formulato sul modo in cui la vita umana ha avuto origine e su come abbiamo creato la civiltà poggia su una serie di incidenti “miracolosi” e di conoscenze e abilità impossibili! Gli egittologi vorrebbero farci credere che le tribù primitive che vivevano lungo il Nilo in capanne ovali che usavano mattoni di fango per costruire mastabas per millenni furono improvvisamente in grado di effettuare operazioni avanzate di cava, scalpellini, architettura e ingegneria aziendale.

Naturalmente, non possono spiegare come questi popoli primitivi costruirono una piramide massiccia e di precisione costruita usando solo martelli tondi, slitte di legno e lavoro umano. Gli egiziani non avrebbero potuto costruirlo, non lo hanno costruito e non hanno mai affermato che fossero i creatori della piramide. Semplicemente non è possibile scavare, sollevare, trascinare e trasportare blocchi di granito da 70 tonnellate a 500 miglia dalla cava di Assuan a Giza e fino a 150 piedi verticali e posizionarli precisamente nella Camera del Re, come sostengono gli egittologi.

Ho ripetutamente sfidato gli egittologi e i loro compagni irrazionali e non scientifici a dimostrare come i blocchi di granito nella Camera del Re possano essere estratti e sollevati dal letto della cava e trasportati usando gli strumenti ei metodi primitivi che sostengono siano stati usati. Non può essere fatto! Inoltre, quest’autore afferma di poter dimostrare che qualsiasi accademico – matematico, antropologo e / o professore di ingegneria – che crede e insegna queste assurdità agli studenti è lunatico che gestisce i manicomi – le nostre istituzioni scientifiche e le università.

Questo è certamente un atto di accusa serio e audace, eppure deve essere fatto perché è vero ed è giunto il momento di esporre il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate su generazioni. Non sto facendo queste affermazioni per creare una polemica, ma per risolvere un dibattito di lunga data che ha profonde implicazioni poiché comporta l’eliminazione delle menzogne ​​e l’accesso ai fatti storici. Come posso fare accuse così forti con totale fiducia?

In primo luogo, l’autore ha studiato i problemi ingegneristici in modo approfondito ed estensivo confrontando la costruzione di monumenti moderni usando la tecnologia più avanzata per la costruzione della Grande Piramide usando strumenti e metodi primitivi. In secondo luogo, ho esaminato il recente record di test condotti da egittologi e altri che cercavano di dimostrare che potevano estrarre, spostare e sollevare blocchi di pietra usando nient’altro che antichi strumenti e tecniche. Entrambi gli studi hanno prodotto gli stessi risultati: la Grande Piramide non avrebbe potuto essere costruita con martelli di pietra, slitte e rampe.

Un test girato da Nova è stato organizzato dall’egittologo Mark Lehner e ha coinvolto importanti esperti in vari campi. Il team si mise alla cava, spostò e sollevò un obelisco da 35 tonnellate. Hanno fallito miseramente ad ogni passo. Il maestro scalpellino non poteva estrarre il blocco usando gli strumenti primitivi che gli erano stati dati. Fu chiamato un elevatore per estrarre il blocco e sollevarlo su un camion a pianale; sentendo la sconfitta non hanno mai nemmeno provato a trasportarla con una mazza di legno. Il blocco era metà del peso di uno di quelli usati nella Camera del re.

Una squadra giapponese finanziata da Nissan condusse un altro serio test nel 1978. Partirono per costruire un duplicato su piccola scala della Grande Piramide usando anche gli strumenti e le tecniche primitive che gli egittologi rivendicano per gli antichi. Questo gruppo era sicuro di poter dimostrare come è stato fatto. Tuttavia, quando hanno cercato di estrarre i blocchi hanno scoperto che i martelli non erano all’altezza del compito. Hanno fatto intervenire martelli pneumatici. Quando hanno cercato di traghettare i blocchi attraverso il fiume su una chiatta primitiva, sono affondati. Hanno chiamato un moderno rimorchiatore per chiedere aiuto.

Poi hanno caricato un blocco su una slitta solo per scoprire che è caduto ostinatamente nella sabbia quando hanno cercato di trascinarlo sul sito. Hanno chiamato camion e caricatori. Il colpo di grazia finale è stato consegnato quando sono stati costretti a chiamare elicotteri per sollevare e posizionare i blocchi in posizione. Anche usando la tecnologia moderna, la squadra giapponese ha trovato, con il loro imbarazzo totale, che non potevano portare l’apice della loro minuscola replica alta 60 piedi insieme. Hanno sofferto una sconfitta amara e abbastanza umiliante nel deserto egiziano impietoso. La loro replica della Grande Piramide si è rivelata uno scherzo.

Dovremmo credere che gli uomini utilizzino strumenti marginalmente migliori delle attrezzature dell’età della pietra, estraggono, sollevano e trasportano milioni di blocchi di pietra per formare una tomba da 4 milioni di tonnellate progettata con precisione. Queste sono sciocchezze! Lo scenario convenzionale non è solo una proposizione assurda che può essere mantenuta solo usando il fumo e gli specchi intellettuali, è assolutamente sciocco. La vera domanda è: come mai qualcuno che abbia avuto qualche buon senso non lo ha mai creduto?

Ci sono, naturalmente, molti altri problemi con lo scenario di strumenti e metodi primitivi e la Grande Piramide. Per iniziare, Mark Lehner ha incaricato una società di ingegneria di studiare il sito. Hanno scoperto che la base di 13 acri era stata livellata con una precisione pari a quella raggiunta dai laser moderni. Dobbiamo credere che una lastra di pietra calcarea di 13 acri sia stata progettata con quel grado di precisione usando martelli arrotondati per sbricciolare la roccia fino a renderla quasi perfettamente piatta?

Inoltre, il Passaggio Discendente era in realtà la fase successiva di questo imponente progetto di costruzione. Anch’esso doveva essere scavato in una solida base rocciosa. I problemi con questa fase del progetto sono molteplici. Il passaggio era solo di circa 3 a 4 piedi, abbastanza grande da ospitare un lavoratore alla volta. Fu scavato a 150 piedi sottoterra mantenendo un angolo preciso di 26 gradi e una deviazione trascurabile da un lato all’altro e dal basso verso l’alto per tutta la sua lunghezza. Poi è stato aperto in diverse stanze e in un altro passaggio. Come?

Perché gli antichi scavavano un tunnel dritto sotto una tomba da 4 milioni di tonnellate e in che modo il passaggio era diretto e vero? Gli ‘ingegneri’ egiziani non avevano altro che corde nei loro strumenti. L’autore può anche provare queste sole due fasi – livellando la base e scavando il passaggio discendente – avrebbe richiesto metà del tempo che gli egittologi hanno assegnato all’intero progetto di costruzione. In realtà, non includono mai nemmeno queste due fasi nei loro calcoli.

Ma abbiamo altri pesci importanti da friggere. Durante decenni di ricerche l’autore ha notato alcune curiose somiglianze tra Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo – i siti delle nostre prime civiltà – che non si sommano. Come tutti sappiamo ora, le rovine di Sumer si trovano nell’odierna Iraq. I nostri libri di storia e antropologia ci dicono regolarmente che l’agricoltura e la civiltà sono state date alla luce in valli fluviali benigne e altamente fertili. Ma quando ci fermiamo a esaminare da vicino questi luoghi, scopriamo che sono alcuni dei luoghi più caldi, più secchi e più inospitali del pianeta.

Le temperature in questi luoghi per 6 mesi all’anno sono in genere tra 35-48 gradi Celsius. È vero che le pianure alluvionali e  quelle alluvionali del Nilo, del Tigri-Eufrate e degli antichi fiumi Indù erano fertili. Ma ci vuole una conoscenza agronomica e idrologica considerevole per saperlo e per convertire le paludi e controllare le inondazioni per trasformare queste zone umide in terreni agricoli produttivi. La domanda è: in che modo i nostri antichi antenati, così recentemente emersi dallo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori, acquisirono così rapidamente questa conoscenza e svilupparono queste abilità?

Quando guardiamo fuori dagli ziggurat dell’antica Sumer, le piramidi sabbiose dell’Egitto o le città in rovina della Valle dell’Indo, non vediamo pianure fruttate ma vaste, vesciche, distese desertiche. Non è difficile immaginare i nostri primitivi antenati che stendono i loro progetti per la civiltà mentre guardano con gli occhi al sole e decidendo che è qui che si costruiscono le prime città e i grandi monumenti e si coltiva il primo vero terreno coltivato?

Lo scenario fa pensare alla mente e ci fa uscire dal cancello dalle comode fantasie dipinte dalla “scienza ufficiale”. Qualcosa comincia a puzzare o il naso dell’autore è troppo sensibile? Mi sembra di percepire l’aroma sottile di troppi scheletri ed enigmi – essendo stato spinto frettolosamente in troppi armadi e catacombe ammuffite – che si alzavano da pietre e ossa antiche …

Dobbiamo esaminare diversi altri articoli che non superano il test dell’odore. Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo condividono alcune altre caratteristiche critiche in comune che li rendono luoghi improbabili per i popoli primitivi di aver sviluppato le nostre prime civiltà. Dovremmo aspettarci di trovare civiltà in evoluzione dove le persone hanno accesso immediato a un’ampia varietà di risorse. Lo scenario più logico sarebbe nelle valli fluviali vicino a montagne boscose ricche di minerali.

Questa è un’aspettativa logica dal momento che le persone avevano bisogno di acqua, combustibile (legna) per fare fuochi, manici di attrezzi e materiali da costruzione, nonché rame, oro e argento per realizzare gioielli e strumenti e così via. Ci aspetteremmo di trovare questa associazione non solo per stabilire che hanno accesso immediato a queste risorse necessarie, ma anche per essere stati coinvolti in un lungo periodo di estrazione, elaborazione e utilizzo di queste risorse.

Sfortunatamente, Sumer, la culla della civiltà, mancava completamente di foreste, minerali e persino pietre. Questo è un fatto curioso, illogico. In che modo questa strana tribù, parlando una lingua strana e chiamandosi ‘la gente dalla testa nera’, ha inventato la civiltà nel mezzo di una desolata distesa deserta del deserto? Anche l’Egitto era privo di foreste, così come la Valle dell’Indo. Il punto non è che la civiltà fosse o sia impossibile in queste aree, ma che si suppone che abbia avuto origine in questi ambienti aspri e desertici privi di molte risorse di base.

Eppure troviamo che i Sumeri ingegnosamente estraggono rame e stagno e creano la prima lega, il bronzo, nelle fornaci intorno al 3000 a.C. Nella successione al fuoco rapidamente hanno inventato la ruota, il carro, la barca a vela, la scrittura, le città, la specializzazione del lavoro, l’ingegneria civile e così via. Apparentemente, le tribù della Valle dell’Indo e del Nilo sarebbero presto seguite. Hanno fatto tutto questo mentre la maggior parte delle tribù del mondo vivevano ancora come cacciatori-raccoglitori, un altro fatto che demolisce le teorie dei darwinisti culturali. Non si può spiegare la radicale partenza dalla norma umana da parte di diverse tribù senza invocare qualche forma di razzismo o deviazioni genetiche inspiegabili.

Gli altri aspetti curiosi che troviamo in comune tra le “prime” civiltà della Terra sono che nessuno di loro ha affermato di aver inventato l’agricoltura, le leggi, la moralità o gli altri principali strumenti di civiltà.

I Sumeri sostenevano di dovere tutto agli “dei” (Annunaki) che erano discesi dai cieli sulla Terra per creare e insegnare all’umanità le arti della vita civile. Gli antichi egizi si riferivano ai Nefertu che regnarono su di loro durante lo Zep Tepi (prim tempo) per migliaia di anni fino a quando non consegnarono i regni ai faraoni umani.

La nostra vera storia umana, tramandata dai nostri antenati, è molto più eccitante e incredibile di quanto la scienza “ufficiale” del nutrimento abbia esercitato forza su di noi per molte generazioni. L’umanità è davvero sulla soglia di un risveglio in una nuova alba; il momento delle profonde rivelazioni sulla verità delle nostre stupefacenti origini e della nostra storia è a portata di mano.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 81.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.

 

®wld

La minaccia della biotecnologia

 

Rivelata: la causa e la data in cui la nostra civiltà si estinguerà

by Ivan 

Secondo John Sotos, a capo dei servizi medici del gigante tecnologico Intel, la biotecnologia è la più grande minaccia alla stabilità della razza umana.

“Sulla Terra, il controllo dei fattori endogeni che potrebbero distruggere la civiltà – vale a dire l’esaurimento delle risorse malthusiane, le armi nucleari e la corruzione ambientale – è rimasto fino alle poche persone che comandano grandi arsenali nucleari o guidano le più grandi economie nazionali. Tuttavia, le tecnologie emergenti potrebbero cambiare questo”, ha scritto Sotos nello studio.

Questo è stato presentato da Sotos in uno studio pubblicato di recente, in cui si afferma che la nostra specie potrebbe scomparire in soli mille anni. 

La tecnologia è il più grande pericolo per l’umanità, per la civiltà. Più sviluppiamo come specie tecnologica, più emergono i pericoli e Sotos nota che il nostro rapido progresso tecnologico ci vedrà scomparire come specie.

 La biotecnologia, e non l’intelligenza artificiale, la più grande minaccia alla civiltà secondo John Sotos.   

Sotos osserva nello studio come “Sulla Terra, le pandemie microbiche hanno messo fine alle civiltà non tecniche. I farmaci antimicrobici mitigano tali rischi solo in parte. I consiglieri del Presidente degli Stati Uniti hanno già avvertito che i rapidi progressi della biotecnologia potrebbero presto rendere possibili i microrganismi ingegnerizzati che presentano un potenziale serio per l’uso distruttivo da parte di entrambi gli Stati e di individui tecnicamente competenti con accesso a moderne strutture di laboratorio.” 

Negli ultimi anni, sempre più persone hanno accesso all’ingegneria genetica, una tendenza che, secondo lo scienziato, implica un aumento dell’abuso di prodotti biotecnologici, nonché la possibilità di incidenti. 

“La biotecnologia è ineluttabilmente minacciosa perché è intrinsecamente a duplice uso: curare le malattie genetiche consente di causare malattie genetiche”, scrive Sotos. 

Inoltre, l’esperto ha concluso che nella Via Lattea non esiste altro modo di vivere, dal momento che qualsiasi civiltà con l’uso della ragione è probabilmente già estinta, proprio a causa dello sviluppo tecnologico: 

Ad oggi, in un universo visibile di ≈ 1024 stelle e dei loro pianeti, solo la Terra mostra prove di vita intelligente. Questo apparente paradosso, notato da Enrico Fermi e da altri, potrebbe essere spiegato da un “Grande Filtro” che impedisce tutti di comunicare alle civiltà di formare o sopravvivere. Il Grande Filtro potrebbe essere di origine tecnologica se “(a) praticamente tutte le civiltà sufficientemente avanzate alla fine lo scopriranno e (b) la sua scoperta porterà quasi universalmente a un disastro esistenziale”.  

Nel complesso, quindi, consiglierei alle civiltà tecniche avanzate di ottimizzare non sul calcolo delle megascale, né sull’ingegneria né sull’energetica, ma sulla difesa dalle minacce esistenziali auto-replicanti individualmente posabili, come i microbi o le nano-macchine, conclude Soto. 

Fonte pdf: biotecnologia e vita delle civiltà tecniche 

Fonte articolo: https://www.ancient-code.com/ 

®wld

Graham Hancock – tra il 10.800 e il 9.600 a.C.

  

A Roma lo scrittore Hancock, tra divinità, archeo-ingegneria e mito-storia: “la Terra è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata”. Può riaccadere?

di Stefania Abazia

Sala gremita. Siamo tutti in attesa di ascoltare Hancock che torna a Roma 10 anni dopo in un’evento organizzato dalla casa editrice capitolina ‘Spazio Interiore’. Graham Hancock è conosciuto in tutto il mondo. È nato in Scozia, a Edimburgo, ma ha vissuto a lungo in India, dove il padre lavorava come chirurgo. Tornato in patria, si è laureato in sociologia presso la Durham University, ed ha iniziato una splendida carriera arrivando a firmare articoli per Guardian, Times e Independent. Dal 1980 inizia a scrivere libri che diventano best-seller internazionali. Ne ricordiamo alcuni: “Il Segno ed il Sigillo”, “Impronte degli Dei”, “Il messaggio della Sfinge”, “Civiltà sommerse”, “Sciamani”. 

Link

La conferenza a cui abbiamo assistito s’intitola “Il Ritorno degli Dei” e si apre con una domanda: “È possibile che sia esistita una civiltà molto evoluta prima dell’era glaciale di cui poi si è persa traccia?” E prosegue sollevando un’altra domanda: “Che connessione c’è tra le opere dei Maya, degli Atzechi, degli Incas e le monumentali costruzioni egiziane?” Hancock rivela un messaggio universale celato nelle grandi opere e riportato nei miti e nelle leggende di tutte le popolazioni. Partendo da Nazca fino ad arrivare in Egitto, passando da Perù, Bolivia e Messico, l’autore va alla ricerca di una connessione, un legame, tra mappe, miti e opere architettoniche, lasciateci da popolazioni geograficamente lontane le une dalle altre e con una preparazione culturale, tecnologica e ingegneristica apparentemente non così avanzata da poter realizzare tali opere.

Secondo Hancock, vi sono prove sufficienti che suggeriscono che tra il 10.800 e il 9.600 a.C., uno tsunami di proporzioni epiche spazzò via interi continenti, a causa dell’impatto di una cometa. Nel tempio di Horus, nell’antica città egiziana di Edfu, celebri iscrizioni descrivono come Dèi gli esseri che vi si erano rifugiati, “provenienti da un’isola sacra, distrutta da inondazioni e incendi”. L’autore sostiene che un evento di estinzione antica “spazzò via Atlantide e le società avanzate di 12.000 anni fa”.

Gli egittologi affermano che il nome Atlantide non compaia in nessun testo. In effetti ce n’è solo uno risalente al 230 a.C. presente nel tempio di Horus (costruito su un tempio precedente). È Platone che parla chiaramente di Atlantide dicendo che è stata distrutta in una sola notte poiché dopo tanta evoluzione ricchezza ed elevazione materiale e spirituale, la popolazione era arrivata ai massimi livelli di materialismo e corruzione e al bisogno di potere e controllo sul mondo. Platone afferma di aver ricevuto questa storia da Solone che aveva visitato l’Egitto un secolo e mezzo a.C. ed aveva incontrato i sacerdoti Egizi. Era lui l’eredità di Atlantide e parla di quest’isola come la “Casa degli Esseri Primordiali”. Era una sorta di modello cosmico usato per costruire tutti i templi futuri, compreso le Piramidi.

La teoria di Hancock è che la storia del nostro pianeta è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata. E, nonostante si affermi il contrario, sono elevatissimi i rischi che ciò accada ancora. Più di 60 scienziati di varie discipline confermano con prove sempre più schiaccianti che la Terra 12.500 anni fa fu bombardata da una serie di comete. Normalmente le comete tendono a disintegrarsi. Una gigante di esse deve essere entrata nel nostro sistema solare e deve aver iniziato a disintegrarsi in diversi frammenti fino ad entrare in collisionecon la Terra. Il più grande di questi frammenti aveva il diametro di un chilometro, e dai dati emergerebbe che l’epicentro di queste impatto c’è stato nel Nord America che all’epoca era ancora sotto i ghiacci, provocando un’enorme inondazione di acqua dolce nell’ Oceano Atlantico e fermando quindi la Corrente del Golfo causando un’altra Era Glaciale per ulteriori 1200 anni. Questa civiltà molto evoluta che si è estinta quasi del tutto ed ha lasciato degli eredi che secondo la teoria di Hancock ci sono stabiliti in varie parti del mondo per tramandare insegnamenti importanti a tribù indigene meno evolute.

Di questi passaggi Hanckoc ci rivela in anteprima tracce che lui stesso è andato a verificare e studiare nei siti archeologici. Ci ha parlato di iscrizioni rupestri e incisioni sui muri megalitici identici sia nel nord che nel sud America. Queste iscrizioni riguardano tutte il tema della morte. Importantissima scoperta sconcertante di Hancock è che le stesse identiche tradizioni degli egizi sul viaggio che compie l’anima dopo la morte nel regno del Dual, sono ripetute in maniera identica in questi monumenti del Nord America, così come nelle giungle dell’Amazzonia. Quindi questa è la prova per lui assolutamente schiacciante che un’antica civiltà perduta dimenticata sia esistita ben prima di quanto ci tramandi la nostra storia ufficiale.

Nel “Ritorno degli dèi” Hancock identifica e documenta le tracce che dimostrano l’esistenza di questa civiltà evoluta preesistente all’era glaciale e si pone in una prospettiva nuova riguardo all’eredità del passato. Per ricominciare con le varie arti (artigianato, agricoltura, caccia) siamo stati aiutati e guidati dagli “Déi Costruttori”, i Sapienti sopravvissuti all’epoca antidiluviana che tramandando alle generazioni future tradizioni e sapienza derivanti da un’epoca precedente riuscirono a rinnovarsi, come la mitica fenice. La loro missione non fu però soltanto quella di consegnarci il patrimonio di conoscenze con cui ricominciare, ma anche di lasciarci un messaggio: sarebbe successo ancora! Un nuovo cataclisma incomberà sulla Terra e il “ritorno della fenice”, a cui sono da sempre associati distruzione e rinnovamento, avverrà proprio nei nostri tempi, un possibile futuro che dobbiamo prepararci ad affrontare.

Attualmente i popoli che potrebbero sopravvivere ad un cataclisma così grave sono i meno evoluti, quelli meno dipendenti dalla tecnologia. Quella tecnologia che invece di usarla nelle armi dovremmo usarla per prevenire i cataclismi. Questo è il vero messaggio di Hancock. Perché se non lo facciamo, se come fu per il popolo di Atlantide, faremo prendere il sopravvento all’arroganza e alla smania di potere, allora potremmo essere proprio noi un giorno ad estinguerci, e quel giorno, a quanto pare, non è affatto così lontano. E non è affatto escluso che la Terra possa impattare con un meteorite anche di 30 km! Perciò assicuriamoci di non essere la prossima Civiltà perduta. Siamo in un momento cruciale e ancora troppe poche persone si stanno Risvegliando

Fonte: https://oasisana.com/

®wld

Il primordiale sistema gerarchico

La chiave Omerica e il grande segreto de Il Potere nell’Ombra

di Francisco Callejas 16 giugno 2018 dal Sito Web DondeLaVerdadNosLleva traduzione di Nicoletta Marino  Versione originale in spagnolo 

(nda) premessa: l’articolo è stato copiato in forma integrale senza modifiche volutamente, pertanto, il maiuscolo è stile originale dell’autore nel suo blog

In molte occasioni ti sarai chiesto cosa rende il mondo quello che è. Perché la nostra civiltà si basa sulla menzogna, l’inganno, la violenza e la sofferenza continua?

Il sistema di per sé è una grande menzogna “un grande velo di Iside” socio economico e religioso messo davanti a te per mantenerti sottomesso in maniera continua.

IL SISTEMA GERARCHICO PIRAMIDALE BASATO SULLA SOFFERENZA E L’ABUSO RITUALE SATANICO É UN PERFETTO MECCANISMO DI CONTROLLO SOCIALE.

MA C’É QUALCOSA DI PIU’, IL “DEEP STATE” DI CUI PARLAVA IL COLONNELLO PROUTY.

E’ L’ORGANO SUPERVISORE DEL SISTEMA DEL POTERE MA NON LA FONTE DEL SISTEMA.

PER CONOSCERE LA FONTE E I MOTIVI DELL’AUTENTICO “POTERE OSCURO” BISOGNA SAPER INTERPRETARE I DATI CHE I VASSALLI DEL POTERE OSCURO CI FORNISCONO.

PIU’ ANDIAMO INDIETRO NEL TEMPO E MENO CONTAMINATA É LA FONTE DELL’INFORMAZIONE SIMBOLICA CHE L’ÉLITE HA FILTRATO NELLA “CAPPA ESTERNA” DI QUESTA STRUTTURA PIRAMIDALE CHIAMATA CIVILTA’.

UNA DELLE CHIAVI CHE CI CONDURRANNO AI PADRONI LA TROVIAM NEGLI SCRITTI DI OMERO CONSIDERATO IL PADRE DELLA LETTERATURA OCCIDENTALE.

TI HANNO INSEGNATO CHE OMERO FU UN IMPORTANTE SCRITTORE DELL’ANTICA GRECIA, ANCORA UNA VOLTA…FALSO.

HOMERO É UNO PSEUDONIMO, UN “VELO DI ISIDE” SOTTO IL QUALE AGIVANO LE SOCIETA’ SEGRETE DELL’EPOCA.

LO STESSO É LO PSEUDONIMO SHAKESPEARE.

O GLI STESSI SCRITTI BIBLICI, UN’AUTENTICA FRODE COME ABBIAM RIPETUTO FINO ALLA NAUSEA DANDOVENE PROVE SU QUESTO BLOG.

NON É CURIOSO IL FATTO CHE AL LORO TEMPO “L’ILIADE” E “L’ODISSEA”, ERANO CONSIDERATE COME ‘PROVE’ DI FATTI REALI.

ESPERTI INTELLIGENTI E ALTI RAPPRESENTANTI DELL’EDUCAZIONE DELL’EPOCA CONFERMAVANO LA VERIDICITA’ DI QUEI TESTI COME ‘STORICI’ E COSI LO INSEGNAVANO AL POPOLO.

VI DICE NIENTE TUTTO QUESTO?

E’ LA STESSA COSA CHE STANNO FACENDO ADESSO CON LE RELIGIONI DEL NOSTRO TEMPO.

E QUEGLI ERUDITI PARTE INTEGRANTE DI QUELLE SOCIETA’ SEGRETE NEI SECOLI CHE AFFERMANO CHE ‘CRISTO’ O ‘MOSE‘ SONO STATI PERSONAGGI STORICI.

I TESTI OMERICI COME QUELLI BIBLICI VANNO INTERPRETATI IN CHIAVE SIMBOLICA, NON STORICA.

QUESTE SOCIETA’ SEGRETE CHE DOMINAVANO LA CULTURA E LA POLITICA GRECA CI DICONO CHE ATTRAVERSO DELLO PSEUDONIMO “OMERO” CHE L’EROE ULISSE COMUNICAVA CON GLI SPETTRI CHIAMATI “PSICHE” PER MEZZO DI SACRIFICI DI SANGUE.

IL SANGUE DELLE VITTIME FACEVA SI CHE GLI PSYCHE SI MATERIALIZZASSERO NEL MONDO DEGLI UMANI.

QUESTA AFFERMAZIONE CI PORTA AD UNA CHIAVE CRUCIALE.

COME HO GIA’ DETTO IN UN ARTICOLO, STUDI SCIENTÍFICI RECENTI HANNO RIPORTATO CHE I PROCESSI BIOCHIMICI DEL DNA SONO COORDINATI E TUTELATI DA UNA DETERMINATA FREQUENZA VIBRATORIA CHE É DIVERSA IN TUTTI GLI ESSERI VIVI E CHE DETERMINA LA LORO STRUTTURA GENETICA.

QUESTO SIGNIFICA CHE CAMBIANDO LA FREQUENZA VIBRATORIA MODIFICHIAMO UN EMBRIONE O QUELLO CHE SAREBBE UNA RANA DIVENTA UNA SALAMANDRA.

COME SPIEGA L’ÉLITE NELLA SUA FILOSOFIA ERMETICA, L’ESISTENZA NELLA SUA IMMENSITA’ É IN COSTANTE MOVIMENTO E VIBRAZIONE.

CON UN COLLEGAMENTO ADEGUATO UNA FREQUENZA IMPERCETTIBILE AL NOSTRO MONDO, PUO’ ARRIVARE A MATERIALIZZARVISI.

COME AVVIENE QUANDO CI SI SINTONIZZA SUL CANALE RADIO CON UNA DETERMINATA TRASMITTENTE.

ED É ATTRAVERSO IL SANGUE CON DELLE CARATTERISTICHE DETERMINATE CHE QUESTE ENTITA’ CREATRICI DEL SISTEMA SI COLLEGANO CON LE ÉLITE s CHE LI DIRIGONO.

QUESTO É QUANTO “IL VELO DI ISIDE” CHIAMATO “OMERO” CI ESPONE NELLE SUE OPERE.

ESISTE UN TIPO DI SANGUE, L’RH NEGATIVO, CHE É PIU’ SUSCETTIBILE AD ESSERE “SINTONIZZATO” DA QUESTE ENTITA’.

LA MAGGIORANZA DEI DIRIGENTI MONDIALI SONO RH NEGATIVI.

LA ÉLITE HA SEGUITO SEMPRE UN PROCESSO DI SELEZIONE DEI SUOI INTEGRANTI FIN DALLA SUA CREAZIONE.

OSSERVATE

L’OSSESSIONE PER LA GENETICA CHE HA LA CASTA DIRIGENTE OGGI É UNA REALTA’ NASCOSTA DA DIFFERENTI “VELI DI ISIDE” PER IL CONSUMO DELLA MASSA.

OGGI LO SVILUPPO DI UNA CASTA DIRIGENTE GENETICAMENTE DIVERSA STA AVVENENDO IN MODO COPERTO A DIFFERENZA DI ALTRE EPOCHE, AD UN LIVELLO CHE POSSIAMO DEFINIRE INDUSTRIALE.

NELLO STESSO TEMPO, PER “IL CIRCOLO ESTERNO” DELLA CIVILTA’ SI PROMUOVE LA ANDROGENIZZAZIONE E I METICCI DI MASSA.

PERCHE?

SE CERCHI TROVERAI QUELLO CHE MOLTO CHIARAMENTE HA ESPOSTO L’INIZIATO ALDOUS HUXLEY NELLA SUA OPERA, “UN MONDO FELICE“.

SI CERCA DI SEPARARE LE SOCIETA’ IN CASTE GENETICHE DIVERSE E DI AVERE NELLA CUSPIDE UNA RIDOTTA ÉLITE GOVERNATA DA QUESTI “PSYCHE” OMERICI.

“HOMERO” VIENE DAL TERMINE “HOMERIDAI” CHE SIGNIFICA “FIGLIO DI SCHIAVO”.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld