Crea sito

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

josh-knobs-768x637.jpg

TOP SCIENZIATI CLIMATICI: “L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima”

Di Jamie Spry

“Abbiamo bisogno di avere un ampio supporto di base,
per attrarre l’immaginazione del pubblico …
Quindi dobbiamo offrire scenari spaventosi, fare dichiarazioni semplificate e drammatiche ef are poca menzione di ogni dubbioOgnuno di noi deve decidere quale sia il giusto equilibrio
è tra l’essere efficace e l’essere onesti.”
Prof.Stephen Schneider,
Professore alla Stanford of Climatology,
autore principale di numerosi rapporti IPCC

***

The Bolt Report con la principale scienziata del clima Dr.Judith Curry:

JUDITHCURRY è uno dei più importanti scienziati del clima del mondo. A differenza dei nostri politici, lei non pensa che ci sia molto da ridire sulle emissioni:

CLIC per link intervista (0: 49s) …

“Non penso che anche se avessimo la volontà politica potremmo fare molto per cambiare il clima. L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima. Ha un certo effetto su scale di tempo molto lunghe ma non è nulla che tu possa realmente modificare in su o giù sulla scala temporale di un secolo e modificare il clima. Ci sono moltissime forze naturali in gioco che determinano il clima e pensano davvero che possiamo controllare il clima, abbattere le emissioni di CO2 è un’hubris davvero fuorviante.”– Judith Curry PhD

TOP SCIENZIATO CLIMATICO: L’UOMO NON PUO’ FARE MOLTO PER CAMBIARE IL CLIMA | Herald Sun

***

PERCHÈ QUINDI È IL “BIOSSIDO DI CARBONIO” (o come gli zelanti del clima etichettano falsamente – “Inquinamento da carbonio”) IL PRINCIPALE INGREDIENTE DI UN “CAMBIAMENTO CLIMATICO” TEORIZZATO?

Come con tutti gli editti socialisti, la risposta è potere assoluto e controllo su di te e sul tuo stile di vita.  

Fisico ATMOSFERICO, professore di meteorologia al MIT e RichardS. Lindzen, ex autore dell’IPCC, spiega:

“Per molte persone, tra cui la burocrazia del governo e il movimento ambientalista, il problema è il potere. È difficile immaginare un punto di leva migliore del biossido di carbonio per assumere il controllo su una società. È essenziale per la produzione di energia, è essenziale per la respirazione. Se lo demonizzi e ne prendi il controllo, per così dire, controlli tutto. È attraente per le persone. È stato dichiarato apertamente per oltre quarant’anni che si dovrebbe cercare di usare questo problema per una varietà di scopi, che vanno dalla redistribuzione Nord/Sud, all’indipendenza energetica, a Dio sa cosa … “- RichardS. Lindzen

“La CO2 per persone diverse ha attrazioni diverse. Dopotutto, cos’è? – non è un inquinante, è un prodotto della respirazione di ogni creatura vivente, è il prodotto di tutte le respirazioni vegetali, è essenziale per la vita vegetale e la fotosintesi, è un prodotto di tutte conbustioni industriali, è un prodotto guida – voglio dire, se hai sempre desiderato un punto di forza per controllare tutto, dall’espirazione alla guida, questo sarebbe un sogno. Quindi ha una sorta di attrattiva fondamentale per la mentalitàburocratica“. – RichardS. Lindzen

ANCORA LINDZEN

IN 5 MINUTI DEVI GUARDARE, Lindzen esamina la scienza, la politica e l’ideologia dietro la truffa del riscaldamento globale, identificando i gruppi chiave della lobby che guidano la paura, l’allarmismo e il pensiero di gruppo che domina il dibattito su scienza oggettiva e ragione.

Prager Uni forward:

Il cambiamento climatico è un tema di discussione urgente tra politici, giornalisti e celebrità … ma cosa dicono gli scienziati dei cambiamenti climatici? I dati convalidano quelli che dicono che gli umani stanno causando un riscaldamento catastrofico della terra? Richard Lindzen, un fisico dell’atmosfera del MIT e uno dei climatologi leader nel mondo, riassume la scienza dietro i cambiamenti climatici.

WATCH…

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

Video Trascritto: 

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

Sono Richard Lindson, un fisico dell’atmosfera. Ho pubblicato più di 200 articoli scientifici. Ho insegnato al MIT per 30 anni.

Durante questo periodo, il clima è cambiato molto poco. Ma la voce del “riscaldamento globale” è diventata sempre più potente, il grido del “riscaldamento globale” è diventato sempre più acuto, in effetti, il clima non è cambiato di molto.

Contestualmente più forte sono le voci degli allarmisti del clima.

Eliminiamo quindi l’equivoco e creiamo un’immagine più accurata. Vediamo quindi dove siamo veramente sulla questione del riscaldamento globale. Ora come noto il “riscaldamento climatico”, così come viene chiamato, ha preoccupato tre gruppi di persone per questo problema, e fondamentalmente questi tre gruppi di persone se ne stanno preoccupando.

I gruppi 1 e 2 sono scienziati, il gruppo 3 è composto principalmente da ambientalisti, politici e media. Il gruppo 1 è la parte scientifica dell’International Panel on Climate Change delle Nazioni Unite (IPCC Working Group 1).

La maggior parte di questi scienziati sono quelli che ci credono di più. Credono che il cambiamento climatico sia dovuto principalmente ai combustibili fossili usati dagli uomini: Petrolio, carbone, gas naturale. Questi carburanti rilasciano anidride carbonica, liberando nell’atmosfera la CO2, appunto anidride carbonica. E credono che questo possa alla fine portare al pericolo che la Terra si riscaldi pericolosamente.

Il gruppo 2 è composto da scienziati che non considerano questo problema particolarmente serio, e questo è il gruppo a cui appartengo. Spesso veniamo etichettati come scettici; Abbiamo notato che ci sono molti fattori che causano il cambiamento climatico: il Sole, le nuvole, gli oceani, le variazioni orbitali della terra, così come una miriade di altri input

Nessuno di questi elementi sopra esposti è completamente compreso. Non vi è alcuna prova che le emissioni di biossido di carbonio siano il fattore dominante principale delle emissioni di CO2..

Ma in realtà c’è un grande consenso tra gli scienziati di questi due gruppi, di seguito sono elencati i punti di accordo:

Il clima cambia continuamente la CO2 è un Gas a effetto serra che senza il quale non è possibile la vita sulla terra, che aggiunto alla atmosfera farà si che il clima si scaldi leggermente.

La concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è aumentata dalla fine della Piccola Era Glaciale nel 19° secolo. Durante questo periodo (negli ultimi due secoli – 1800 – 1900), la temperatura media è aumentata leggermente e in modo irregolare, circa 1,8 gradi Fahrenheit o 1 grado Celsius.

Tuttavia le emissioni di gas serra umane sono state presenti sin dagli anni 60, e solo a partire da quegli anni che le emissioni di gas serra imputabili all’uomo sono state significative per svolgere un ruolo.

Considerando la complessità del clima, incapace di fare una previsione affidabile sulla futura temperatura media globale e sul suo impatto, non è possibile fare previsioni attendibili.

L’IPCC ha riconosciuto nella relazione annuale del 2007 “la previsione a lungo termine dei futuri cambiamenti è impossibile”. Più importante e soprattutto, i due gruppi non hanno asserito che la combustione di combustibili fossili avrebbero causato disastri e catastrofi. Questa è quello che affermano entrambi i due gruppi.

Quindi, perché così tante persone sono preoccupate per questo problema? Anzi sono in preda al panico, per questo problema.

In questo momento, il Gruppo 3 ha fatto il suo debutto entrando in gioco:

  • Politici,
  • ambientalisti
  • e media.

Gli allarmi del Riscaldamento Globale, forniscono quello che più ambiscono desiderare, più di ogni altro problema, ecco le cose che più ambiscono e vogliono:

Per i politici è il denaro e il potere,

per gli ambientalisti, i soldi di cui hanno bisogno per le loro organizzazioni ambientaliste; confermando i loro pensieri devoti, quasi religiosi. Cioè, che gli esseri umani sono una forza distruttiva, l’uomo che agisce sulla natura.

Per i Media, è l’ideologia del denaro e dei titoli, tipo la vendita sulla teoria “Il giorno del giudizio” che può fare un sacco di soldi. Allo stesso tempo, negli ultimi dieci anni di Meanwihile, gli scienziati al di fuori della fisica del clima seguono anche gli scienziati di tendenza, saltando sul carro.

Documenti pubblicati sui giornali del riscaldamento globale incolpano tutte le cose, dall’acne alla guerra civile siriana.

I potenti capitalisti sono desiderosi di cogliere l’opportunità ei capitalisti clientelari hanno afferrato avidamente le sovvenzioni che i governi hanno così generosamente fornito.

Sfortunatamente, il gruppo 3 sta vincendo questa discussione, soffocando il serio dibattito che avrebbe dovuto andare avanti. Ma anche ambientalisti, politici e vari media, possono sperperare un sacco di soldi spaventando la maggio parte della gente.

Non possono nascondere la verità, non saranno in grado di seppellire la verità.

Alla fine sarà il clima ad avere l’ultima parola.

Sono Richard Lindson, professore onorario emerito del Dipartimento di scienze dell’Atmosfera al MIT Richardson.

Realizzato per Prager University

®wld

FERITE PROFONDE

 

Ricevo dal Dottor Roberto Slaviero e pubblico

L’apocalisse tempestosa che ha sradicato vasti territori del triveneto ed ha sbattuto violentemente soprattutto le coste liguri, non può passare per una semplice alluvione…come nel 1966; qualcosa di diverso e di imperscrutabile si aggira nei meandri di queste disgrazie, che hanno messo in ginocchio intere popolazioni e distrutto territori di una bellezza incredibile.

Sembra quasi, ad esempio, che le bellezze dolomitiche siano troppo belle, per quel serpente strisciante di odio e rancore che circola in questi anni.

Odi e rancori fomentati  da politiche di governi dissennate su tutto, con il solo scopo di arricchire i potenti e togliere ai normali. Territori abbandonati ed incolti; piccole provincie,quali quella di Belluno da cui io provengo, dilapidate da decine di anni, di fondi statali per la messa in sicurezza del territorio.

Territorio però decantato a livello turistico, ma diciamo trattato come una serie inferiore di grado. Uno Stato e diciamolo anche una Regione che era interessata per lo più a venire a divertirsi in vacanza, lasciando ai pochi valorosi rimasti a vivere in quota  il compito di salvaguardare il territorio!!  

Ma un dato di questi eventi balza  alla vista.

Avrete visto come in località distanti tra loro, quasi come per un taglio per piste da sci, siano andati distrutte migliaia e migliaia di piante secolari : pini, abeti, larici che con le loro radici ci hanno protetti per secoli e che  ci hanno donato il loro prezioso legno per la nostra vita.

Venti a 200 km orari, ma strani, quasi incanalati volutamente da una forza misteriosa, una forza che vuole seminare morte e distruzione.

Pensate a quanti animali hanno perso la vita; gli alberi sotto i quali si proteggevano gli si sono girati contro , come nelle malattie autoimmuni , dove il nostro sistema immune attacca i nostri organi, organi che dovrebbe invece proteggere.

Vi è in atto una completa sovversione di tutto ciò che era “normalità“ fino ad una ventina di anni fa. Sembra che qualcuno o qualcosa ci voglia far soffrire,ci voglia togliere quel benessere raggiunto negli anni 80.

Non è il solito complottismo…tutti i territori in questione hanno subito disgrazie enormi nella 1ma e 2da guerra mondiale.

Ed anche l’altipiano di Asiago ha subito questi tagli boschivi perfetti: un onda che ha travolto nella maggior parte dei casi con precisione massima, centellinata.

Dovremmo parlare magari di come purtroppo le sofferenze delle anime decedute allora, possano in un qualche modo fare da collante per uno scatenamento di eventi nefasti.

Dovremmo parlare di come da decine di anni la guerra sia fatta anche con il clima, di come i cambiamenti climatici siano voluti per creare problemi al  “nemico”.

Seguo spesso i bollettini meteo, che in poche ore, spesso, vengono sostanzialmente cambiati. Ma come?? Non hanno satelliti di grande precisione??

Dovremmo parlare di come gran parti dell’Italia con  le Dolomiti in primo piano, diciamo da un punto di vista più esoterico, vengano considerate la culla per una nuova rinascita e perciò il “Male” le si accanisce contro!! 

Si vuole oscurare la nascita di un nuovo Sole di amore!!

Dovremmo parlare di come la gente sia sfinita mentalmente e non riesca più ad analizzare le cose con calma, senza i Tg ansiogeni di ogni mezzora; tg che comunque all’ inizio degli eventi, hanno oscurato per lo più la catastrofe bellunese.

Dovremmo parlare di come l’Italia, idealmente una croce immersa nel mediterraneo, venga attaccata ultimamente nelle due sue alte braccia ideali; ovest-est, da Ventimiglia ed Aosta fino al Brennero e Trieste.

Tutte fesserie diranno i più e quindi il risultato sarà riparlare dello Spread e della Bce ecc ecc fino al dimenticatoio nel quale anche tale catastrofe, in poco tempo, verrà gettata.

Alle montagne mancheranno alberi ed animali; magari tra pochi anni, dove prima sorgevano le piante, magari costruiranno case o cementi vari.

Chi ha perso tutto sarà aiutato inizialmente, ma poi dovrà vedersela con banche e tasse e……i più abbandoneranno i territori per scendere a valle nelle città, facendo il contrario di quello che in molti dovrebbero fare.

Ma le Smart city sono pronte per accoglierli a braccia aperte!!

Si vuole concentrare la popolazione nelle città tutto connesse con il 5G…fantastico, marziano, psicoesoterico galattico … uno schif assoluto … pessima gente senza anima!!

Il mio pensiero va in questo momento ai miei amici della montagna … ai veri e puri che nonostante tutto e tutti continuano a viverci pur soffrendo dell’abbandono dello Stato italico.

Mi viene in mente infine la mistica bavarese Teresa Neumann che predisse l’inizio e la fine dei 18 anni di Caino, dal 1999 al 2017.

Lei disse che dopo tale periodo, dopo grandi disgrazie, alla maggior parte dell’umanità sarebbe tornato il seme del giudizio. Ci siamo adesso e vedremo cosa accadrà !!!

Sempre volli…fortissimamente volli!!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Una radicale teoria su di un futuro più equo

 

Solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri – afferma lo storico 

Uno non deve essere un genio per vedere che c’è molta ingiustizia sul nostro pianeta. I ricchi stanno diventando più ricchi e le persone povere hanno spesso pochissime possibilità di migliorare la loro vita. 

Uno storico ha avanzato una teoria radicale che suggerisce che solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri. 

È una visione pessimista, ma alcuni scienziati credono che questo sia l’unico modo per “salvare” il mondo. 

Nel suo libro The Great Leveler: Violenza e storia dell’ineguaglianza dall’età della pietra al ventunesimo secolo, lo storico di Stanford Walter Scheidel sostiene che la violenza di massa e le catastrofi possono seriamente ridurre la disuguaglianza economica,  

Secondo Scheidel, i documenti storici mostrano che le società sono “livellate” solo da eventi enormemente distruttivi: la guerra di mobilitazione di massa, le rivoluzioni radicali, i fallimenti dello stato e le pandemie mortali.  

La violenza di massa e le catastrofi sono le sole forze che possono seriamente ridurre la disuguaglianza economica? Per giudicare da migliaia di anni di storia, la risposta è sì. Tracciando la storia globale dell’ineguaglianza dall’età della pietra fino ad oggi, Walter Scheidel mostra che l’ineguaglianza non muore mai pacificamente. La disuguaglianza diminuisce quando la carneficina e il disastro colpiscono e aumenta quando la pace e la stabilità ritornano. The Great Leveler è il primo libro a tracciare il ruolo cruciale degli shock violenti nel ridurre la disuguaglianza nel corso dell’intero arco della storia umana in tutto il mondo.  

Da quando gli umani hanno iniziato a coltivare, ad allevare bestiame ea trasmettere i loro beni alle generazioni future, la disuguaglianza economica è stata una caratteristica determinante della civiltà. Nel corso di migliaia di anni, solo gli eventi violenti hanno ridotto significativamente la disuguaglianza. I “Quattro cavalieri” del livellamento – la guerra di mobilitazione di massa, le rivoluzioni trasformative, il crollo dello stato e le piaghe catastrofiche – hanno ripetutamente distrutto le sorti dei ricchi. Scheidel identifica ed esamina questi processi, dalle crisi delle prime civiltà alle guerre mondiali catastrofiche e alle rivoluzioni comuniste del XX secolo. Oggi, la violenza che ha ridotto l’ineguaglianza nel passato sembra essere diminuita, e questa è una buona cosa. Ma getta seri dubbi sulle prospettive di un futuro più equo.  

Un contributo essenziale al dibattito sull’ineguaglianza, The Great Leveler fornisce nuove importanti informazioni sul perché la disuguaglianza è così persistente – e sul perché è improbabile che declini presto. Leggi di più  

Come esempi storici che dimostrano il caso, Scheidel menziona il collasso dell’Impero Romano, la Peste Bubbonica, la Rivoluzione Francese e le guerre napoleoniche, la Guerra civile americana, le rivoluzioni comuniste russa e cinese e le Guerre Mondiali I e II.  

Quando le società sono sotto stress tendono a riformarsi in modi che riducono temporaneamente le ingiustizie nelle opportunità e nel reddito. 

Senza un evento drammatico e distruttivo, il divario tra ricchi e poveri aumenterà, ha detto lo storico. 

Scheidel ha detto: “Nei prossimi decenni, il drammatico invecchiamento dei paesi ricchi e le pressioni dell’immigrazione sulla solidarietà sociale renderanno sempre più difficile assicurare una distribuzione equa dei redditi netti. E al di sopra di tutto il resto, i cambiamenti tecnologici in corso potrebbero aumentare le disuguaglianze in modi imprevedibili, dall’automazione più sofisticata che scavalca il mercato del lavoro ai miglioramenti genetici e cibernetici del corpo umano privilegiato”.  

Scheidel sottolinea che una guerra non è sufficiente per migliorare le condizioni di vita future per coloro che sono poveri ora. Secondo lui solo una guerra nucleare può riformare il mondo come è adesso.  

Inoltre, sempre Scheidel: “Solo una guerra termonucleare a tutto campo”, asserisce, “potrebbe sostanzialmente ripristinare la distribuzione esistente delle risorse”.  

Quindi sembra che la scelta sia l’ineguaglianza o l’apocalisse, a meno che non ci sia una terza opzione che Scheidel e altri scienziati hanno trascurato.     

https://www.ancientpages.com/ 

®wld

solo 48 ore per l’asteroide 86666

Notizia scoccante da parte della NASA, l’Agenzia conferma che entro 48 ore asteroidi di due miglia di larghezza passeranno vicino alla Terra 

La NASA annuncia che l’asteroide 86666 passerà entro 48 ore vicino alla Terra, inoltre sempre la stessa agenzia ha annunciato che e Plutone è vivo! Solo poche settimane fa è stato detto al mondo che non ci sono asteroidi o comete vicino alla Terra, ora la NASA sta dicendo che un massiccio asteroide 86666 (2000 FL10) passerà vicino alla Terra nelle prime 48 ore partendo da oggi 9 ottobre 2015. Questo massiccio asteroide è largo circa 1 miglio e se dovesse colpire il pianeta, potrebbe avere conseguenze catastrofiche. 

Ecco i rapporti espressi:
Dovrebbe passare per la Terra senza creare problemi Sabato, ma gli astronomi lo stanno tenendo d’occhio, secondo la NASA, sarà è uno dei più grandi asteroidi degli ultimi tempi a passare vicino al nostro pianeta.
Il voluminoso gigante di roccia, sta viaggiando nello spazio a 40.000 miglia all’ora. L’esatta dimensione dell’asteroide non è ancora chiaro, è stimato tra 0,7 e 1,6 miglia miglia di larghezza – più grande di 15 volte degli altri asteroidi attualmente sul radar della NASA.

Una collisione sarebbe a dir poco catastrofica, il frammento di roccia si pensa possa essere circa un quarto della dimensione del Monte Everest.
La NASA ha rilasciato una proiezione animata del percorso dell’asteroide, che potete vedere qui sotto. 86666 appare dalla parte superiore sinistra dello schermo, mentre si avvicina l’orbita terrestre.
FONTE

Asteroid 86666 Nasa animated gif

Ma non è l’unica grande novità che esce dalle bocche dei noti e poco chiari della NASA, oh no, c’è molto di più. Sulla scia dell’acqua trovata su Marte, gli scienziati si stanno ora preparando a dare un eclatante annuncio su Plutone, la notizia dovrebbe essere che anche su Plutone c’è acqua, aumentando ulteriormente non solo il potenziale per la vita fuori nell’universo, ma proprio qui, nel nostro stesso Sistema Solare. Saremo pronti all’annuncio sulla vita aliena?

UNO dei principali investigatori sulla NASA si è lasciato sfuggire indiscrezione, da parte dalla stessa agenzia spaziale, annunciando che in settimana ci sarà un altro grande annuncio per quanto riguarda Plutone.

E se i commenti del dottor Alan Stern, in una sala gremita presso l’Università di Alberta in Canada, saranno confermate, allora potremmo benissimo parlare di forme di vita aliene.

Secondo il The Guardian, il signor Stern ha mostrato delle foto ad alta risoluzione di Plutone e della sua più grande luna, Caronte e facendo alcuni importanti annunci, ha detto:
“Questo mondo è vivo”. “Ha una meteorologia, ha nebbie nell’atmosfera e una geologia attiva.

FONTE

wlady