Archivi tag: capitalismo

La malattia cumulativa omnidale si sta metastatizzando

Crollo del sistema globale: i geni e la “natura umana” non sono la causa del “caos mondiale”

By Prof. John McMurtry
Global Research, September 06, 2018

Nota dell’autore: il testo di questo articolo è tratto da un dibattito online su Science for Peace, Dipartimento di fisica, Università di Toronto, settembre 2018

C’è una spiegazione popolare per il caos del mondo ora su di noi, e molti scienziati e filosofi lo sostengono. La forma di questa argomentazione è che la crescente crisi globale che affrontiamo fa risalire alla natura umana e ai geni per spiegarla.

L’ormai diffusa categoria scientifica di antropocene per localizzare la crisi globale esprime la stessa idea e gestisce lo stesso diversivo dalla causa comune.

In realtà, nessuno può spiegare a distanza il collasso del sistema globale in corso né l’estrema destabilizzazione climatica che è il principale sintomo noto di esso.

La crisi della vita planetaria su tutti i fronti è limitata a un meccanismo causale molto più specifico: gli assalti cumulativi, montanti e non regolamentati della distruzione industriale privata, dell’inquinamento, dell’esaurimento e dei rifiuti dei consumatori in un periodo relativamente breve dell’epoca dell’antro.

Ma l’argomentazione ” genetica umana” o ” natura umana” oscura questo fatto fondamentale. Non viene da persone stupide, ma è una spiegazione stupida.

L’antico errore della “natura umana” per spiegare le istituzioni cieche della vita

Più esattamente, è un preconcetto duraturo che è stato dominante fin dai tempi antichi. È stato spesso smentito, ma il suo ritorno esprime in un altro modo la cecità vitale istituita dell’era neo-capitalista.

In questa pericolosa congiuntura dell’evoluzione umana e della storia, è un altro ostacolo ideologico a far deragliare l’esame del problema socio-strutturale.

Dobbiamo tenere a mente che la stessa argomentazione sulla “natura umana” è stata a lungo in atto per spiegare la schiavitù come un fenomeno naturale. Socrate, Platone e Aristotele, la più tranchant, concepirono la schiavitù come naturale per gli esseri umani e così immutabile. Erano uomini molto intelligenti, ma lo consideravano un dato di fatto della condizione umana.

Fin dal primo studio di questi filosofi, ho osservato l’argomento riapparire in tempi malvagi per bloccare la comprensione delle persone sull’effettiva causa socio-strutturale dei problemi solubili.

Ad esempio, l’accettazione della guerra e della schiavitù per millenni si è basata su un “argomento di natura umana”. È naturale che alcuni regnino e altri li servano, e le guerre decidono quale gruppo è più adatto a governare.

Di fatto, entrambe le istituzioni non sono affatto espressioni di natura umana, ma istituzioni totalitarie forzate pervasivamente di omicidi di massa e schiavitù in particolari formazioni sociali che servono la sovranità della minoranza ricca e senza lavoro. loro.

Il capitalismo non è naturale o determinato dal gene

Il capitalismo del sequestro monetario è un’estensione storica di queste istituzioni che regna ancora. La sua differenza è che una forma finanziaria de-regolata e iper-aggressiva ha portato le tendenze di uccisione di massa che sono state patogene a senso unico dal momento che la svolta di Reagan-Thatcher contro il diritto pubblico di protezione della vita e di non partigiani governo.

Continua ancora oggi. Ma i danni cumulativi ignorati da tempo hanno raggiunto. L’organizzazione della vita planetaria sta pagando il prezzo in termini di degenerazione e collasso ad ogni livello, arricchendo ulteriormente quelli che guidano la catastrofe globale.

Hanno scure ragioni per scegliere e finanziano tranquillamente l’argomento dei “geni”, “natura umana” e “antropocene” come la ragione del caos crescente.

Eppure questa regola clinicamente folle è assurdamente attribuita a “natura umana” e “geni” anche da coloro che non ne traggono beneficio. Dopo tutto, molte più vittime sono “natura umana” anche con “geni umani” in “l’antropocene”, e solo una minoranza è d’accordo con le politiche, e sempre più aborriscono i leader e il sistema che guidano che insieme producono tali carattere inumano e malgoverno eco-genocida.

Eppure avrete ancora i pensatori più eminenti – anche l’inventore dell’impronta

ecologica – sostengono che il nostro attuale sistema ecocida si basa su un carattere genetico formato nel nostro passato remoto. Pensa che sia indicato dalla massiccia scomparsa di grandi animali da parte della mano umana, ma da allora è stato sapientemente attribuito alla selezione da condizioni ambientali alterate.

L’argomento del “gene” è molto allettante, tuttavia, per la sua semplificazione in “risultati” fissi a una causa. Questa è l’essenza teoretica della “sociobiologia” in generale. esso è stato dominante nell’accademia e nei media legacy come una razionalizzazione apparentemente scientifica di un chiaro disordine sociale.

Tuttavia, finché dura la sua storia di copertura, la crescente crisi del governo privato dei ciechi che distrugge la vita terrestre condivisa non deve essere affrontata o risolta.

La soluzione di Nicer People

Una delle conseguenze indebolibili delle deviazioni del gene della natura umana dal disordine del sistema regnante è che attribuisce l’onere ai singoli esseri umani di risolvere il problema essendo “più gentili” e “più gentili” l’uno con l’altro.

Questo suona sicuramente bene. Tuttavia, rintraccia l’attenzione critica dal disordine dei mercati aziendali alla fine della vita alle personalità di individui che normalmente hanno un tale o nulla a che fare con esso, e di solito sono vittime della sua sistematica spogliazione di istituzioni pubbliche, regolamenti di protezione della vita e basi di reddito.

In effetti, questo disturbo sistemico ha invaso così tanti livelli dell’evoluzione della società che l’insicurezza della vita dei cittadini è stata normalizzata in tutte le fasi del lavoro, dell’ambiente e del futuro, per quanto ci piacciano gli uni gli altri come individui (che io per amore).

Eppure non sono le singole scelte che sono responsabili del sistema che opprime i mezzi di sussistenza della maggioranza, le loro condizioni di vita e il loro futuro, compreso quello dei loro figli. Concentrarsi su di loro è una forma implicita di incolpare la vittima. Il fatto che siano persone più carine è essenzialmente al di là del punto del problema.

In termini logici, questo è un errore di divisione. Deriva falsamente dalle proprietà di un’entità collettiva le proprietà dei singoli membri di esso, rendendole così responsabili del suo peggioramento o miglioramento. “Siamo tutti responsabili, ognuno di noi per questa crisi umana” è un’espressione corale noiosa di questo errore.

Perché rende coloro che lo dicono così, bene, gentile e gentile, possono crogiolarsi nella riflessione del sé virtuoso. Quelli che di fatto stanno guidando la crisi mentre i suoi pianificatori e dirigenti, con oscenamente alti guadagni finanziari e privilegi per farlo, nel frattempo sono rimasti incolpevoli e fuori dai guai.

La domanda di cui bono: chi beneficia e guadagna da questo sistema insano della vita? – è annullato a priori.

Quelli che sostengono in questo modo non sono così carini come sembrano. Si presentano come persone buone agli altri, si ingraziano a chi ha il controllo e evitano di dover affrontare il vero problema. Questo è certamente più facile e più sicuro. Di fatto, può portare un favore dall’alto ai ciucci e al loro “attivismo per la pace” per il “side-tracking” dal vero male e dai suoi principali agenti. 

La cultura del cover-up del sistema omnicidale

Anche l’evitamento autocentrico del sistema omnicidale si colloca perfettamente in linea con la metafisica dell’agenzia atomica della “scelta del libero mercato”. È il singolo consumatore che sceglie il sistema.

Ancora una volta torniamo al carattere umano individuale come responsabile del disordine del sistema – sebbene, in realtà, i desideri del consumatore siano condizionati operativamente in preferenze (perché si spende molto più denaro per pubblicità pervasive che per ricerca o salute); le condizioni di produzione sono escluse norme e diritti commerciali (perché si verificano ‘corsa al ribasso’ e si verificano standard ambientali); e quasi il consumatore o il cittadino scelgono da remoto che le società debbano competere per abbassare le tasse ai ricchi, abolire l’esame pubblico e l’imposizione di diritti ambientali e dei consumatori e far eleggere i loro rappresentanti eletti da lobby e manipolatori monetari invisibili.

Natura umana? I geni? Scelta del consumatore? La cultura del cover-up ha molti livelli.

Tutte le forme di discussione analizzate sopra condividono una caratteristica. Individuano la responsabilità nell’agenzia individuale. Questa è la metafisica dominante della civiltà occidentale, e perché oggi abbiamo un tale problema nel riconoscere il disordine collettivo del sistema.

Infatti, veniamo continuamente fuorviati dalla comprensione e dalla conoscenza del meccanismo causale collettivo del Grande Disordine come sua funzione centrale – per deviare la colpa, la responsabilità e l’azione sociale dal malgoverato ereditario ma cumulativamente patologico dall’alto che minaccia la vita sulla Terra stessa.

Solo un modello diagnostico si adatta a tutti i fenomeni depredatori attraverso gli host di vita biologici, sociali ed ecologici. Non è “natura umana” o “geni” o “antropocene”, o troppo pochi individui “carini / gentili” o “scelta del consumatore”.

Il vero meccanismo causale di tutte le tendenze degenerate a senso unico di questa malattia cumulativa omnidale è un cancro finanziario privato altamente invasivo che si sta metastatizzando tra società e organizzazione della vita globale.

*

Il Prof. John McMurtry è Fellow della Royal Society of Canada e autore dello studio in tre volumi, Philosophy and World Problems dell’UNESCO Encyclopedia of Life Support Systems (EOLSS). Le sue opere sono tradotte in tutti i continenti e il suo ultimo libro è The Cancer Stage of Capitalism: from Crisis to Cure.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof. John McMurtry, Global Research, 2018
Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Scegli la tua apocalisse

Cosa succede dopo il capitalismo?
– Una nuova sintesi – 

di Umair Haque

Stavo parlando con qualcuno di recente e nel bel mezzo di una conversazione perfettamente civilizzata sul nostro imminente destino hanno sbottato: “ma tu sei un socialista!”

Whoa. Non sono nessuna di queste cose, capitalista, socialista, ateo, any-ist. Credo solo in tre cose, disco, cioccolato e vero amore, e sono la stessa cosa, davvero. Il mio unico ruolo e obiettivo quando si tratta del mondo è osservare. Ed ecco quello che vedo.

Capitalismo e socialismo potrebbero essere stati, una volta, in una fiaba mitica di imperi passati, opposti – tesi e antitesi. Dico “potrebbe” perché penso che anche quella sia una storia raccontata da vecchi saggi pazzi per tenere i bambini spaventati dall’oscurità. Il vero opposto (o forse il punto di arrivo, se si vuole pensare dinamicamente, non staticamente) sia al capitalismo puro che al socialismo sono la cleptocrazia, l’oligarchia, l’autoritarismo – ciò che risulta quando le economie politiche sono gestite da e per piccole élite. Torneremo a quello.

La grande lezione del secolo scorso è molto semplice: il primo socialismo estremo è fallito e l’impero sovietico è caduto. Ora il capitalismo estremo sta fallendo e l’America sta cadendo. Due potenti regni: una sola lezione: gli estremi di ieri hanno fallito entrambi. La competizione spietata in ogni aspetto della vita diventa presto un abuso. La cooperazione forzata diventa presto insopportabile. Così quello che ora? Beh, sicuramente non scegliere le parti in questa falsa dicotomia da manuale – che purtroppo è ciò che molti ancora sperano di fare – ma trascenderlo.

Oggi capitalismo e socialismo non sono opposti. Sono complementari. L’economia globale di questo secolo deve e sarà costruita su una nuova sintesi: capitalismo e socialismo che lavorano insieme, rafforzando ciascuno la debolezza degli altri, una specie di yin e yang dell’organizzazione umana. Lo vediamo già al lavoro nelle società di maggior successo del mondo, come la Scandinavia o il Canada.

In che modo specifico? Bene, esaminiamo la realtà per un momento. Il capitalismo è molto, molto bravo a fornire alle persone cose come iPhone e blockbuster estivi e applicazioni per appuntamenti e deodoranti e pannolini da tavola e reality TV. Potresti chiamarli piaceri oziosi. Quale non potrei gradire, ma la persona media certamente fa. E va bene. Se.

Se hanno prima le basi di una vita veramente buona. Quali sono quelle basi? La destra e la sinistra americane amano fingere che ci sia una sorta di grande dibattito, mistero, su di esso. Non c’è. Aristotele, il Buddha e Gesù tutti lo hanno scritto millenni fa. Cibo, alloggio, reddito, sicurezza, opportunità. Oggi potremmo aggiornare quell’elenco con cose che non esistevano nel loro tempo, ma sono chiaramente nello stesso spirito: trasporti, sanità, istruzione, ambiente, relazioni, ecc. Se ci pensate, non importa quanti soldi avete, non puoi davvero comprare cose del genere a meno che una società per prima non abbia investito in esse.

Queste “cose” sono quelle che io chiamo “beni fondamentali”. Sono ciò che rende una vita buona alla radice. Attraverso di loro, tutti possono essere felici e crescere nel loro potenziale – senza di loro, nessuno può esserlo, qualunque sia il tuo ultimo bestseller di autoaiuto. Senza alcuni pasti al giorno, un po’ di soldi in banca e la tua salute, nessuna quantità di pensiero positivo può portarti alla felicità, né dovrebbe. Gli esseri umani non sono tutti nati per essere monaci – sono nati per osare, rischiare, sfidare, ribellarsi, immaginare, creare. E per fare tutto ciò, hanno bisogno delle basi. Senza le basi, la democrazia non può sopravvivere, la società non può coesistere, le persone non possono prosperare e le vite non possono essere pienamente vissute.

Così. I due grandi sistemi del passato, imparando a lavorare insieme. Dove lo vediamo accadere? Come ho detto, ovviamente in tutta Europa e in Canada. Lì, il capitalismo e il socialismo vengono mescolati insieme in modi sofisticati e audaci. Queste società stanno prosperando perché stanno ottenendo la formula delle possibilità umane nel modo giusto: il socialismo fornisce le basi e il capitalismo offre infiniti piaceri oziosi che contano davvero solo se si hanno le basi.

Dove non lo vediamo accadere? Bene, ironicamente, o forse logicamente, nei due imperi caduti del passato. L’America si aggrappa ancora al capitalismo estremo, che si è trasformato in oligarchia – proprio come in Russia. Qui, le persone hanno piaceri oziosi ma non le basi – e per il semplice motivo che non puoi mangiare il tuo iPhone, o educare i tuoi figli con il pacchetto di benefici inesistenti di Uber, le classi medie scelgono demagoghi per rovesciare le élite che non hanno funzionato contratti sociali.

È un grande mondo e un futuro senza fine. Ma è anche uno con grossi problemi. Demagogia, estremismo, disuguaglianza, instabilità, stagnazione, estinzione di massa, cambiamenti climatici, crescente minaccia di guerra. Scegli la tua apocalisse. Queste sono le poste in gioco di questa età travagliata.

Se l’umanità deve sopravvivere, dovrà crescere. Su. Dovrà superare la semplice e cruda polarità di ieri e imparare a sintetizzare la sua grande lezione. Il capitalismo e il socialismo non sono avversari, opposti. Non sono mai stati veramente – più di yin e yang. Ogni tesi e antitesi producono in definitiva solo una nuova sintesi. L’opposto del capitalismo e del socialismo è l’oligarchia. E la nuova sintesi oltre l’oligarchia è il capitalismo sociale, o socialismo capitalista. Qualunque cosa la chiamiamo, è un sistema in cui le persone sono più libere. Sì davvero. In America, ironicamente, la “libertà” è stata devoluta a “devi competere come un animale per la tua vita ogni singolo giorno della tua vita, o altrimenti muori giovane.” Nella Russia sovietica, è diventato praticamente lo stesso, a modo suo di quello che si sperava fosse l’esatto opposto: altrimenti cooperare per la tua vita. Ma il punto di sintesi dell’organizzazione umana al di là del capitalismo è che gli esseri umani non devono più sottomettersi a quelle sciocche non-scelte, richieste, piccole tirannie.

Perché ogni volta che basiamo un’intera società su un principio, valore o obiettivo – che si tratti di una brutale competizione senza cuore o di una cooperazione – non importa quanto possa sembrare nobile, è quello che abbiamo creato – una sorta di totalismo, una piccola tirannia. Fealtà a una cosa e solo a una cosa. Quel tipo di società richiede quindi coercizione, punizione, disciplina – dopotutto, che tipo di persona metterebbe un ideale astratto sopra la pancia piena dei suoi figli? Solo un estremista. Non può finire in un posto libero, prospero e salutare.

La vita umana è più ricca di quella. E così per sviluppare società veramente benestanti, stiamo imparando oggi, che non esiste un vero modo – o, se vuoi, che l’unica vera via è che ci sono molte cose di cui le vite umane hanno bisogno prima di nobili ideali astratti, che non contano nulla se la propria vita sta cadendo a pezzi. Invece di ideali puritani, ci sono molti beni fondamentali che le società devono mettere al primo posto. Quindi la democrazia sopravvive, la libertà si espande e la società stessa matura.

E questo è esattamente ciò che la crescita è .

https://eand.co/what-happens-after-capitalism-c990c111273d

®wld

Almanacco di dicembre 2016

immagine

MANIFESTO SINTETICO 

Questo Progetto sta nascendo dalla consapevolezza che il destino è nelle nostre mani, che un mondo migliore potrebbe ancora esistere se solo comprendessimo il potere di ogni nostra scelta e del suo effetto su tutto ciò che ci circonda.  Fonte

Non per scadere nel complottismo (Deviance Project) [VIDEO]

Prima di guardare il video qui sotto, consigliamo vivamente di leggere integralmente il presente articolo.

Questo video è una raccolta molto parziale e generale di dichiarazioni fatte da importanti esponenti ufficiali ed autorevoli della politica, dell’economia, del giornalismo, della medicina, ecc. Queste stesse dichiarazioni fatte da perfetti sconosciuti sarebbero facilmente etichettate come becero “complottismo”, ed è proprio questo concetto che dovrebbe avviare la riflessione alla base del video.

Tra le fonti utilizzate ci sono documentari come Zeitgeist, Zero Privacy, XIII Emendamento, Anatomia di un Grande Inganno; spezzoni di telegiornali, trasmissioni di approfondimento, dichiarazioni politiche ufficiali. Continua QUI (Il video è all’interno dell’articolo) 

******

IL CAPITALISMO TERMINALE DA’ LAVORI DI M. IN BASSO E IN ALTO

cireurIn Francia esiste, dal 2012,  la “Rete dei Lustrascarpe”. Les Cireurs.  Associa i lustrascarpe in franchising:   coloro che aderiscono hanno diritto di usare  il logo  e l’insegna.  Non hanno salario- sono “auto-imprenditori” – ma una paga oraria (su cui pagano in prelievo fiscale del 23%).  Pagano di tasca loro materiale e abbigliamento (un grembiule di cuoio, essenzialmente); se non hanno soldi  per cominciare a lanciarsi nell’auto- imprenditoria, possono chiedere un prestito  alla Rete Les Cireurs,  che pratica interessi fra il  6 e l’%. In compenso,  la struttura di franchising si occupa di contattare i grandi centro commerciali perché consentano ai loro “artigiani” di lavorare in un angolino.  Propone alle aziende  abbonamenti: “Lustrascarpe in ufficio! Date ai vostri collaboratori un momento di distensione utile. Uno dei nostri mastri lustrascarpe verrà nei vostri uffici con la frequenza che desiderate per darvi il suo servizio!”.    Altro servizio, il lustrascarpe a domicilio, che viene a ritirare le scarpe infangate e ve le riporta lucide, e dentro un sacchetto  di carta  col logo. Continua QUI

******

images-duckduckgo-com

Post referendum, sta per arrivare la troika

State pronti: il gruppo finanziario JP Morgan, l’Ue e gli Usa non hanno ottenuto il risultato sperato, giacché in Italia ha vinto il No al referendum costituzionale. Non è passata la loro linea, supportata dal nostro partito governativo atlantista ed euroservo, atta a destrutturare lo Stato nazionale, a desovranizzare e a spoliticizzare la politica, di modo che il fanatismo economico finanziario possa svilupparsi senza residui ostacoli e senza i lacci e i lacciuoli degli Stati.

Il piano dei signori globalisti neofeudali e neo-oligarchici è fallito. Ora stanno lavorando per ottenere per altra via il loro obiettivo, cioè distruggere la sovranità nazionale, la Costituzione e i diritti sociali: stanno lavorando per imporre un “governo tecnico” (si legga: colpo di Stato finanziario ) all’Italia, con tanto di troika in casa. Questo è il domani che ci aspetta. Con la vittoria del no abbiamo vinto la battaglia. Ma la guerra continua e i signori dell’èlite plutocratica mondialista stanno riorganizzando il conflitto.

È notizia di oggi, prontamente negata e smentita: come nei tradimenti amorosi, i colpevoli agiscono negando fino alla fine. Padoan chiederà un prestito miliardario al fondo salva stati: l’Italia come la Grecia entra nel girone dell’indebitamento, con annesso ingresso della troika nel Paese e distruzione in un colpo solo della Costituzione e della sovranità nazionale. Ciò che non sono riusciti a fare – la riforma costituzionale – lo faranno ora con una giunta militare di tipo economico, con una dittatura finanziaria il cui compito sarà la distruzione finale della sovranità nazionale con annesse “riforme” di adeguamento dell’Italia alla linea europea: distruzione dello stato sociale, tagli salariali, ulteriori aggressioni al mondo del lavoro e dei diritti sociali. I signori del mondialismo continuano nella loro lotta di classe ai danni delle masse precarizzate che subiscono in silenzio. Fonte  

****** 

rothSfatiamo un mito: i Rothscild e Big Pharma ci temono

Attenti all’Uomo Nero: se lo fate diventare un’ossessione, potreste arrivare a crederlo invincibile, proprio come vuole lui. Ma la realtà è un’altra: persino i super-campioni del massimo potere sono vulnerabili.

E’ per questo che si affannano tanto a controllarci: i loro immensi privilegi non sono affatto al sicuro. Ci temono, gli Uomini Neri, anche se noi non ce ne rendiamo conto. Lo sostiene Paolo Barnard, autore di devastanti denunce proprio contro l’oligarchia planetaria: libri, reportage, inchieste, saggi taglienti e profetici come “Il più grande crimine”, che mette a fuoco – con largo anticipo sulla cronaca – la genesi europea della “dittatura” tecnocratica dell’euro, progettata dalla destra economica in combutta con la sinistra “rinnegata”, reclutata segretamente dall’élite per demolire la democrazia sociale in Occidente.

Lo stesso Barnard, oggi, avverte: «Nell’immaginario di tanto pubblico c’è un errore tragico, che peraltro devasta le reali possibilità delle opinioni pubbliche di migliorare la propria vita. Si pensa, infatti, che gli agglomerati della ricchezza privata siano padroni del mondo. I Rothschild! Le multinazionali! I big media! Balle. Non lo sono». Continua QUI 

******

matrix-sxc

IL DIAVOLO VESTE SMART

Il diavolo è capace di trarre in inganno e stringere un patto faustiano che solo nel tempo rivelerà i suoi effetti.

Una rivoluzione annunciata da tempo: stanno per arrivare i contatori ‘smart’ per dare il via alle nostre case ‘intelligenti’. Enel lancia la “E-goodlife” che, sfruttando l’Internet delle cose, promette la possibilità di raggiungere “la piena efficienza energetica” in casa e un maggior livello di “sicurezza”.

Spiega Nicola Lanzetta, responsabile mercato Italia Enel: “Da 30 anni a questa parte il personal computer ci ha permesso di avere su un unico device tutto ciò che riguarda la nostra vita quotidiana come persone; con e-goodlife questo concetto si trasferisce alla casa: è un ‘home computer’ che consente di gestire la nostra abitazione in modo intelligente da smartphone o tablet”.

Si tratta di un kit composto da una serie di dispositivi smart: prese intelligenti, rilevatori di consumi, sensori di movimento, sensori che indicano se le porte e le finestre sono aperte e chiuse, una webcam che monitora cosa succede all’interno della casa. Tutte le informazioni e le funzioni di questi dispositivi sono accessibili attraverso un’app, che consente di controllare la casa da remoto e gestire al meglio i consumi elettrici, il frigo, la lavatrice… e anche i propri cari,

Sul SITO ENEL leggiamo: Per noi di Enel Energia casa è questo e molto altro ancora. La gestione della quotidianità a volte richiede abilità circensi e pianificazioni a tavolino degne dei grandi maestri di strategia. Lo sa chi deve occuparsi dell’organizzazione di una famiglia, chi per lavoro è costretto a spostarsi frequentemente, chi esce col buio la mattina presto e torna a casa ad ora di cena, chi non ha mai il tempo di godersi un po’ di relax. Allora, che male c’è ad alleggerirsi la vita? Così abbiamo creato e-goodlife che, grazie ai dispositivi presenti nel kit, a un sistema di notifiche totalmente personalizzabile e una serie di servizi aggiuntivi disponibili tramite app dedicata, rende la gestione della casa e delle attività quotidiane semplici e a portata di click! Poi dicono che la tecnologia non aiuta la vita. Non l’aiuta solamente, la risolve! 

Il Grande Fratello entra a casa tua in veste smart.
La casa sempre a portata di telefonino
Continua QUI

“collettivismo” – il pretesto di uguaglianza

 L’individuo e il suo futuro

“E’ istruttivo leggere quello che hanno scritto gli autori cento o duecento anni fa sui valori fondamentali, perché allora si può apprezzare quanto è successo alla cultura di una nazione. Si può cogliere l’enorme influenza della propaganda pianificata, che cambia le menti, costruisce un nuovo consenso, esiliando certi dirompenti pensatori ai margini della società. Con grande intento, si può vedere ciò che gli è stato dipinto sopra, al fine di promuovere la tirannia che annuncia un bene maggiore per tutti.” (La metropolitana, Jon Rappoport)

Qui presento diverse dichiarazioni circa l’individuo, sono state scritte nel 19° secolo in America. Gli autori: Ralph Waldo Emerson, Henry David Thoreau, e James Fenimore Cooper erano figure di spicco. Emerson, a suo tempo, era il più famoso.

“Tutta la grandezza del carattere dipende dall’individualità. L’uomo che non ha altra esistenza se non quella di partecipare comunemente in tutto quello che è intorno a lui, non avrà altro che un’esistenza di mediocrità.”- James Fenimore Cooper

“Meno governo abbiamo, meglio è, – con un minor numero di leggi si potrà confidare su di un minore potere. L’antidoto a questo abuso è di [da] un Governo formale”, influenzato da un carattere privato, per far crescere l’individuo -. Ralph Waldo Emerson

“Le generazioni precedenti hanno agito sotto la convinzione di una splendente prosperità sociale che sarebbe stata la beatitudine dell’uomo, cittadini che si sono sacrificati in modo uniforme allo Stato. La mente moderna ha creduto che la nazione sarebbe esistita per l’individuo, per la tutela e l’educazione di ogni uomo. Questa idea, più o meno è stata scritta nelle rivoluzioni e/o movimenti nazionali, ma nella mente del filosofo era molto più precisa; l’individuo è il mondo.”- Ralph Waldo Emerson

“If a man does not keep pace with his companions, perhaps it is because he hears a different drummer. Let him step to the music which he hears, however measured or far away.” — Henry David Thoreau

“Loro [i conformisti] pensano che la società sia più saggia della loro anima, e non sanno che è una sola anima, e che la loro anima, è la più saggia di tutto il mondo … La società è ovunque nella cospirazione contro la virilità di ciascuno dei suoi membri … L’obiettivo è l’uomo, che deve essere un anticonformista … Infine, nulla è sacro, tranne l’integrità della vostra mente.”- Ralph Waldo Emerson

Potete immaginare, oggi, una di queste dichiarazioni farsi largo nelle tradizioni e nelle menti del pubblico, tanto meno nei media mainstream?

Immediatamente, bisognerebbe respingere in forma virulenta l’individualismo illimitato, sulla base del fatto che è comparabile alla brutale avidità, è l’equivalente e (odiato) capitalismo, la disumana indifferenza è uguale alla difficile situazione dei meno fortunati, pari al cinico disprezzo per le esigenze del gruppo.

Gli uomini del 19° secolo che hanno scritto queste affermazioni verrebbero guardati con ostile sospetto, come potenziali criminali, con dei valori potenzialmente anomali “anti-governativi”, che dovrebbero essere messi in una lista, per il fatto che potrebbero avere tendenze terroristiche.

L’analisi contemporanea dell’individuo va ben oltre questo.

Il caso in questione è quello di: Peter Collero, del dipartimento di sociologia, Western Oregono University, ha scritto un libro dal titolo: Il mito dell’individualismo: come le Forze Sociali Formano la nostra vita:

“La maggior parte delle persone oggi crede che un individuo è una persona con un documento d’identità indipendente e distinto. Tuttavia, questo, è un mito.”

Callero sta sostenendo l’assenza di qualsiasi unicità da persona a persona. Sta affermando che non c’è distinzione significativa tra due persone. Tanto per cominciare, non ci sono due persone. Sono un gruppo.

Questo declassamento dell’individuo e del suo spirito umano è notevole, ma questa non è una eccezione. Ci sono molte, molte persone che oggi sarebbero d’accordo (senza capire di che cosa stanno parlando) che l’individuo non esiste. Il perché sul fatto che essi sarebbero d’accordo, è quello che il prendere una posizione opposta, li avrebbe impostati verso un percorso individuale e indipendente, ammettendo la loro autonomia e quindi avrebbero violato un sacro divieto, quello della correttezza politica.

Questi sono gli estremisti del conformismo a cui Emerson si riferiva un secolo e mezzo fa.

Incapaci di partecipare a qualcosa di simile e a un chiaro pensiero, queste persone salutano la bandiera del Collettivo, i quali ammettono allegramente che “ciò che è meglio per tutti.” Tali domande, di “chi si definisce ‘migliore'” e di “chi siano gli ingegneri di questo risultato” sono al di là delle loro capacità di distinguo. Riposano nella vaghezza del loro orgoglio.

Senza rendersene conto, si tratta di strumenti di un programma. Sono fanti in una campagna senza sosta per promuovere il collettivismo (dittatura dall’alto) con il pretesto di uguaglianza.

Ribadendo una delle dichiarazioni di Emerson: “L’antidoto a questo abuso di [da] un governo formale, è, un’influenza di carattere privato, sulla crescita della persona.” Il corollario è: se non c’è una diffusa crescita degli individui e della loro autonomia per pensieri, azioni e una coscienza morale, se non si allargano i propri orizzonti e le sfere d’influenza, a lungo andare sarà il governo ad avere il controllo?

Infatti, l’umiliazione dell’individuo è una intenzionale manovra progettata per mantenere il potere del governo intatto e ampliare la propria gamma.

Considerate questa domanda: se tutta l’opposizione al prepotente e invadente governo illegittimo, sono contenute in gruppi organizzati, e se non emergessero persone indipendenti, “Emerson”, quale sarebbe il risultato?

A lungo termine, questi gruppi potrebbero ristagnare e non riuscire nelle loro missioni. Sarebbero cooptati dal governo. Alla fine, tutti questi gruppi potrebbero essere considerati come “bisogni speciali” casi, che richiedono un “intervento” per “aiutarli”.

Questo è un futuro senza promesse, senza ragione, senza fantasia, senza forza vitale.

È per questo che l’individuo rimane vitale; al di sopra e al di là, attraversando qualsiasi tempesta di propaganda.

Jon Rappoport 

traduzione e adattamento: ningishzidda

DEMOCRAZIA: orgoglio ed arroganza

votare

L’esperimento democratico è finito.  La politica ingannevole della maggioranza, anche 

“Ed è questa parola “maggioranza” che incapsula il fallimento della democrazia, perché non è ancora stata in possesso della visione e della saggezza necessarie per portare la società verso un obiettivo più “meritorio”’.

by Julian Rose

In Occidente abbiamo vissuto con questa cosa chiamata ”democrazia” per qualche secolo. È stato un esperimento importante, ma uno che, alla fine, è riuscito ad inghiottire la sua stessa coda piuttosto che portare la società in un luogo migliore. Ora il suo tempo è finito e abbiamo il compito di sostituirla con qualcosa di genuinamente migliore.

La definizione più nota di democrazia – ma in nessun caso la prima- è racchiusa nel Gettysburg Address del 1863, che proclama la democrazia come “governo della gente, fatto dalla gente, per la gente”, che – e forse per una buona ragione-  pone un forte accento su “la gente”.

Ma in questo c’è anche la sua debolezza; la gente (si è poi scoperto) aveva altre ambizioni, che questa forma di autogoverno non era invece equipaggiata a soddisfare. Neppure voleva in qualche modo essere responsabile di decidere e gestire tutti gli intrecci dell’esperimento che aveva firmato. La maggioranza, eccoci…

Ed è questa parola “maggioranza” che incapsula il fallimento della democrazia, perché, come alcuni di noi avranno notato,la maggioranza non è ancora stata in possesso della visione e della saggezza necessarie per portare la società verso un obiettivo più “meritorio”’. Al meglio, la maggioranza ha creato una certa forma di giustizia sociale,  che non esisteva con la leadership di un re o una regina,  a meno che questi non avessero una coscienza sociale. 

Quindi la democrazia è diventata simile ad una polizza assicurativa personale, che è uno firma  e di cui paga la copertura annuale, attraverso la tassazione. In cambio si è ottenuta una certa garanzia: si avrebbero “inalienabili diritti”,  sostenuti dalla “legge”. Una legge presumibilmente fatta per sostenere questa forma di auto-governo, ma in realtà che ha prodotto una nicchia che assorbe  un confortevole reddito, sempre legata a quell’elemento elitario, di sfruttamento, che era ben aleggiante intorno prima dell’esperimento democratico.

Cosi poi ha finito con l’essere: ciò che la maggioranza in realtà vuole e che in realtà si basa su un interesse personale e non sulla visione di una società migliore per tutti. Quindi dai alla maggioranza il diritto di decidere su chi desidera che governi il tuo paese e colui che sarà effettivamente eletto da questa maggioranza, sarà quello che per primo deraglierà…. affermando “di avere a cuore i tuoi interessi”. Appunto gli interessi della maggioranza…

Una società sotto il mantello della “democrazia”, quindi , non evolve mai. Al contrario ruota intorno ai desideri e le paure dell’elettorato. Il desiderio “che qualcuno si prenda cura di noi” e la paura che questo non accada.”

La maggioranza elegge semplicemente una banda di  baby-sitter, così da poter uscire e andare a giocare, lasciando ad altri la vera responsabilità per la forma e la funzione della società; cosi la si lascia in mano soprattutto a coloro che si divertono a flirtare col potere che a loro è stato garantito.

L’elettorato poi si lamenta a gran voce se le cose fatte da coloro a  cui ha consegnato il potere, non vanno in porto nè sono all’altezza delle aspettative delle seduttive promesse pre-elettorali .

È uno schema che costantemente si ripete, che non mostra segno di ridursi di intensità. Ciò che è in azione cosi è la “regola della massa”: la voce inconsapevole,  senza direzione, di una maggioranza che soccombe prontamente ai poteri dei persuasori occulti.

La “gente”, quando questo significa “una maggioranza della gente”, in tutta la storia non è mai stata ne è ora in possesso della saggezza e della visione che sono prerequisiti necessari per una società in evoluzione. Una società a cui si chieda di innalzare il livello di consapevolezza, di coscienza e di responsabilità.

L’esperimento democratico è così un mezzo totalmente inappropriato per uscire dal casino in cui attualmente siamo ed andare oltre- . È semplicemente ingenuità in mostra, quella delle manifestazioni in cui ci sono cartelli che dicono che questo e quell’altro non è democratico: “il TTIP non è democratico”, “il nuovo ordine mondiale non è democratico”, “evitare le tasse non è democratico” etc. etc…

Negli anni, la democrazia si è formata intorno ad un’alleanza irremovibile con il capitalismo. Il capitalismo in genere viene considerato come “democrazia in azione”, particolarmente in relazione al fatto del libero mercato, dicendo che si autoregola, poiché sarebbe  una voce silente della gente.  Infatti è “nel mercato” che la maggioranza ha riposto la sua fede e ha lasciato operare coloro che affermano di saper gestire tutte le sue varie tortuosità, seguendo regole nefaste di competizione ed avidità, che dominano l’economia globale neo-liberale: il gioiello sulla corona dell’impero capitalista.

democracy

Una economia in cui negozi di caramelle delle multinazionali, nel terzo mondo, possono dare alla maggioranza esattamente quel che vogliono: “abiti a poco prezzo” , “cibo a poco prezzo”, “macchine a poco prezzo”. Ecco cari amici, questa è la nostra famosa democrazia in azione… E quelli che dicono che questo “non è democrazia”,

mancano di rendersi conto che la maggioranza ha votato coloro che condonano e che seguono queste politiche altamente sfruttatrici. Quelli votati tramite l’elezione determinata dalla maggioranza: la pietra miliare ammaccata dell’esperimento democratico.

Non solo questo, ma quando tutto questo è messo in discussione da qualcuno che promuove il comunismo, la risposta è “ma il comunismo non è democrazia”. Così intenzionalmente o meno, sì mantiene la bandiera della democrazia come se fosse un simbolo di una società libera e progressiva.

Come la religione e come la mafia, la democrazia ha fornito una formula che offre protezione per coloro che prescrivono un sistema deformato di controllo di pochi. Mette dei bei brillantini su ciò che in realtà è un gioco sofisticato di duplice inganno. Un inganno che ha le sue radici nel fatto che l’elettorato ha abdicato al controllo sul proprio destino e ha invece scelto di giocare il ruolo di vittima, in un sistema che ha contribuito a mettere in atto.

Oggi si stanno lentamente aprendo gli occhi su cio’ che ci siamo rifillati. Che sia sotto il nome di Conservatore, Socialista, Liberale, Democratico, Repubblicano o altro ancora…non fa la minima differenza: sono semplicemente delle varianti di intrattenimento dello stesso tema, quel che rimane gestito e controllato da una elite nell’ombra, che tira tranquillamente le fila del potere e che consentirà che siano giocati solo quei giochi rigorosamente previsti nei suoi termini, senza andare oltre.

Dunque partendo da questo, dove possiamo andare noi?

Quel “noi” che qui intendo, è una esigua minoranza in grado di produrre un pensiero razionale, informato, con visione e saggezza. Questo gruppo non può esercitare nessuna seria autorità sulla società in cui siamo, perché in una democrazia una minoranza non può formare la maggioranza necessaria per diventare un corpo amministrativo eletto.

Ma almeno non lo stiamo negando: ci fosse un consiglio di saggi al timone degli affari regionali, nazionali e globali, il mondo sarebbe un luogo diverso. I sistemi di valore sarebbero preservati . Anziché essere il denaro, il potere,  l’egoismo e l’interesse personale a dominare la scena, ci sarebbero i valori umani, una profonda etica ed una giustizia genuina, come prerogative di una società eclettica e multirazziale.

Ci sono ancora società tribali che operano su un tale sistema e sono chiamate “primitive” e vengono collegate in modo vendicativo ad un mondo spaventoso di voodoo, stregoni e sciamani ribelli. Si è fatto ogni tentativo per spazzarli dalla cartina geografica, sia fisicamente che “democraticamente” con il nostro sistema di valori occidentali, ovvero attraverso una visione altamente giudicante di questa forma antica, testata nel tempo, della “leadership dei saggi”.

Nel ritrovare le nostre vere fondamenta spirituali, i nostri pensieri naturalmente ritornano a questa forma di società gestita da saggi, perché è una risposta organica ai nostri bisogni più profondi, veri e non superficiali. Non stupiamoci se le tribù indiane del Nord America sono state spazzate via o spinte in “riserve speciali”, come è successo anche alle tribù native sudamericane e agli Aborigeni in Australia. La democrazia che le ha soppiantate non avrebbe potuto avere traccia, senza queste culture così profondamente radicate e in sintonia con la natura.

Il libero mercato capitalista ha avuto bisogno di sfruttare i loro sacri territori e depredarli di uranio, oro e altri preziosi metalli che, mentre stavano nel sottosuolo, informavano la geografia vibrazionale dei loro siti sacri. 

La presunta “civiltà”,  che ha saccheggiato i territori dei nativi, è stata una macchinazione ampiamente giudeo cristiana, ovvero con forti pregiudizi euro-centrici  e una propensione per la “grandeur” e una vergognosa ricchezza materiale. Nelle origini pagane o tribali dell’antichità, un simile dispiegamento di grandezza e vergognosa importanza di sè, non ha mai avuto un posto cosi rilevante.

Ma è da questa tradizione, che la più parte delle persone che stanno leggendo questo articolo, probabilmente sono state educate, o meglio “indottrinate”. 

Insieme a questo orgoglio ed arroganza, ci sono state alcune avventure idealistiche in varie parti del mondo, in territori che in qualche modo ricordano la “leadership dei saggi”. E queste appartengono alla categoria definita “dittatura”. Fidel Castro di Cuba, Federico il Grande di Prussia, Mustafa Kamal Atutuk della Turchia, il re del Bhutan…per citare alcuni esempi.

La dittatura è molto meno complicata della nostra forma di democrazia, ma solo se è”benigna” puo’ essere ritenuta genuinamente superiore. Un numero di grandi leader spirituali, hanno avuto questo ruolo di dittatore benevole durante i tempi di crisi nazionale. I loro seguaci hanno visto le loro qualità che combinano amore e leadership e  di conseguenza si sentono felici di vivere alla loro guida. I grandi leader incoraggiano sempre il meglio da tirar fuori dalla umanità, bypassando il potere e prestigio personali, per essere piuttosto un esempio al comando.

Questa forma di “essere un esempio al comando”, si avvicina molto di più ai principi universali spirituali, di quanto non abbia fatto mai alcuna democrazia. 

Se ciò avviene in modo radicato ed unito al “livello di autodeterminazione del villaggio” nonché ad un consiglio di anziani saggi, questo costituisce con ogni probabilità il miglior modello che abbiamo a disposizione per guidare l’umanità fuori della crisi che ora incombe su di noi e che è solo probabile peggiori. Questo fino a quando una maggioranza di essere umani finalmente saprà riconoscere se stessa come entità divina e quindi potrà rispondere solo al Supremo.

Ciò nonostante è d’ obbligo investire ora tempo ed energia, sia per chi è desideroso che per chi è in grado di vedere il quadro più grande della situazione, per riflettere a fondo sui fondamenti principali che è necessario porre in essere per creare il mondo che sappiamo deve sostituire l’attuale fatiscente distopia.

E’ imperativo ora porre le fondamenta della vita futura persino prima che il fiasco presente abbia raggiunto il suo massimo. Questo è il vero significato del prenderci responsabilità per i nostri destini

by Julian Rose

Julian è uno dei primi pionieri nella agricoltura biologica in UK , un’ attivista internazionale, attore e autore  di ‘In Defence of Life – A Radical Reworking of Green Wisdom

fonte: http://www.zengardner.com/democratic-experiment-finished/

traduzione e adattamento Cristina Bassi

dallo stesso autore:

Le “Arche della Resistenza”. Come superare la “zona comfort” e inoltrarsi nel cambiamento 

Transumanesimo versus Coscienza del Potere Divino in noi

Forse ti svegli, ma ti alzerai dal letto? 

 

http://ningizhzidda.blogspot.it/

I “FORCONI” CHE VERRANNO

 

Impressionante lettera di un multimilionario 

 Nota:

anche se questa è una lettera in chiave nordamericana, si può perfettamente estendere a tutto il resto del mondo e alle circostanze odierne e perciò la proponiamo qui:

 LETTERA DI NICK HANAUER   AI MIEI CARI AMICI MULTIMILIONARI

E’ probabile che non mi conosciate, ma come voi faccio parte di quello 0,01%; sono un capitalista orgoglioso e senza complessi.  

Ho fondato, co-fondato e finanziato più di 30 imprese di un’ampia gamma di industrie, dal Night Club che ho aperto quando avevo appena vent’anni ai giganti come Amazon.com, di cui sono stato il primo investitore esterno alla famiglia. 

 

Poi ho fondato aQuantive, un’impresa di pubblicità in Internet che fu venduta a Microsoft nel 2007 per 6400 milioni di dollari. In contanti. I miei amici ed io siamo proprietari di una banca.

Vi dico tutto questo per dimostrare che per molti versi non sono diverso da voi. Come voi, ho un’ampia prospettiva degli affari e del capitalismo. E come voi, sono stato ricompensato in maniera oscena per il mio successo, con una vita che l’altro 99,99% degli statunitensi non può nemmeno immaginare. Ho varie case, il mio aereo, etc., etc…Sapete di cosa sto parlando.

Nel 1992, vendevo cuscini confezionati dalla ditta della mia famiglia, la PacificCoast Feather Co., a negozi di tutto il paese e Internet era una novità un po’ goffa a cui una persona si collegava sentendo quel gracchiare particolare del modem. 

Abbastanza rapidamente ho visto, anche allora, che molti dei miei clienti, le grandi catene dei negozi, erano condannate all’estinzione. Sentivo che molto presto Internet si sarebbe trasformato in qualcosa di più rapido e affidabile (qualcosa che non era molto lontano nel tempo) le persone avrebbero comprato come pazzi on-line. Addio a Caldor, Filene e Borders. E via via con il resto delle imprese… 

Mi sono reso conto che prevedere il futuro prima di chi mi circondava, sarebbe stata la parte strategica del mio successo. La parte di fortuna che ho avuto furono due amici, con un talento immenso, che videro anche loro il potenziale del Web. Uno di loro era una persona di cui probabilmente non avrete mai sentito parlare, Jeff Tauber, e l’altro era Jeff Bezos

 

Ero così emozionato dal potenziale di Internet che dissi ai due Jeff che volevo investire in quello che sarebbe nato. Successe che il secondo Jeff, Jeff Bezos mi chiamò per primo per considerare la mia offerta di investimento. Così lo aiutai a finanziare la sua piccola start-up di libri.

L’altro Jeff aprì un negozio in Internet, Cybershop, ma lo fece in un momento in cui la fiducia della vendita via Internet non era ancora alta, era troppo presto; le persone ancora non erano pronte per comprare prodotti carissimi senza vederli personalmente( a differenza di prodotti basici come libri la cui qualità non varia tanto). Invece Amazon continuò. E adesso sono padrone di un grande yacht.

Magazzino di Amazon

Parliamoci con franchezza però: non sono la persona più intelligente che abbia conosciuto e nemmeno il più lavoratore. Ero uno studente mediocre. Non nessuna conoscenza tecnica e non sono capace di scrivere una parola in codice. Credo che ciò che mi rende diverso è una grande tolleranza per il rischio e la mia intuizione di ciò che può succedere nel futuro. Vedere che direzione prendono le cose è l’essenza dell’iniziativa commerciale. E cosa vedo adesso nel nostro

“Per noi plutocrati si avvicinano il tempo dei forconi…”

 

Mentre persone come voi e me prosperano ben oltre i sogni di qualsiasi plutocrate della storia, il resto del paese, il 99,99% sta rimanendo molto indietro. La spaccatura tra i ricchi e i poveri sta aumentando molto molto rapidamente. 

 

NEL 1980, l’1 % della popolazione controllava l’8% delle entrate nazionali degli Stati Uniti. La parte bassa della popolazione condivideva il 18% della ricchezza. Oggi l’1% possiede circa il 20% delle ricchezze; il restante 50% della più bassa solo il 12%.

 

Il problema però non è la diseguaglianza, così è per qualsiasi economia capitalista. Il problema è che la diseguaglianza a livelli storicamente alti e peggiora giorno per giorno. Il nostro paese è sempre meno una società capitalista e più una società feudale.

 

A meno che le nostre politiche non cambino drasticamente, la classe media scomparirà e saremo nuovamente come alla fine del XVIII secolo in Francia. Prima della Rivoluzione.

Perciò ho un messaggio per i miei amici scandalosamente ricchi, per tutti noi che viviamo chiusi nelle nostre forme dorate: 

 

Svegliatevi. Tutto ciò non durerà. 

 

Se non facciamo qualcosa per regolare le diseguaglianze della nostra economia, arriveranno i forconi. Nessuna società può sostenere questo tipo di aumento della diseguaglianza. Nella storia umana non troviamo nessun esempio di una ricchezza accumulata come quelle di oggi e dove i forconi non siano presenti.

 

Una società così diseguale porta a uno stato di polizia. O a una rivoluzione. Non troviamo esempi contrari. Nessuno. Non è se questo succederà, ma quando succederà.

Molti di noi pensano che siamo speciali perché “questa è l’America”. Crediamo di essere immuni alle stesse forze che hanno iniziato la Primavera Araba o la Rivoluzione francese o quella russa.

 

So che i miei amici che fanno parte di quello 0,01% privilegiato tendono a scartare questo tipo di fatti; molti di voi già mi hanno detto in faccia che sono completamente pazzo.

 

E so che molti di voi sono convinti che il semplice fatto di vedere un povero con un IPhone, considerano la diseguaglianza una finzione. Per questo vi dico: voi vivete in un mondo di sogni. Tutti voi volete credere che quando i fatti si avvicineranno ad un punto di flessione, lo potremo riconoscere e potremo sovvertire il processo prima che tutto esploda.

Uno studente qualsiasi di storia, però, sa che le cose non succedono nella stessa maniera. Le rivoluzioni, come i fallimenti, si avvicinano poco a poco e scoppiano all’improvviso. Un giorno qualcuno si dà fuoco come un bonzo e di colpo migliaia di persone inondano le strade e prima che ci si renda conto, il paese intero sta bruciando ai quattro angoli. 

 

E’ proprio allora che la gente come noi abbiamo appena il tempo di arrivare in aeroporto e di fuggire per la Nuova Zelanda. Succede sempre nello stesso modo. Se la diseguaglianza continua ad aumentare come fino ad oggi, questo succederà. Non siamo capaci di predire quando e sarà terribile per tutti. Ma specialmente “per noi”.

La cosa più ironica dell’aumento della diseguaglianza è che si tratta di qualcosa totalmente non necessario e controproducente. Se facciamo qualcosa, se riaggiustiamo le nostre politiche, come fece per esempio Franklin D. Roosevelt durante la Grande Depressione, aiutando il 99 % e anticipando i rivoluzionari e i pazzi (quelli che arriveranno a linciarci con i forconi), faremo la cosa migliore per tutti noi gente ricca. Allora , non solo salveremo le nostre vite; sicuramente diventeremo più ricchi. 

di Nick Hanauer

 

Nota: la lettera continua, ampliando il messaggio principale sopra esposto con dati più concreti. Se volete accedere al contenuto completo in inglese, cliccate QUÍ.

Traduzione di Nicoletta Marino

LINK 

http://ningizhzidda.blogspot.it/