Archivi tag: burocrazia

Sporchi Trucchi sull’imperiale rete web globale

 

Protesta di Splinternet: interrompi gli attivisti di ACTA 2 Inizia la petizione online per salvare Internet da consegnare alla Commissione europea

Di Aaron Kesel

Stop Gli attivisti di ACTA 2 composti da anonimi, pirati e sostenitori della libertà di Internet hanno lanciato una nuova petizione di Change.org da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio dopo le elezioni europee, con nuovi politici pronti a conquistare la leadership.

Le elezioni europee si svolgeranno tra il 23 maggio e il 26 maggio, a quel punto nuovi politici prenderanno il posto degli ultimi funzionari pubblici che hanno tradito il popolo europeo vendendo il loro Internet per un filtro di upload e una tassa di collegamento che cambierà il mondo come sappiamo esso. Tuttavia, le carni fresche che entrano in carica hanno la possibilità di invertire le cose rovinate dai loro predecessori e rendere le cose giuste per il popolo europeo che in precedenza si è opposto alla direttiva in una petizione di 5,2 milioni di persone che è stata consegnata al Parlamento europeo chiedendo la fine le proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

Gli attivisti si sono incontrati nelle strade di tutta Europa in diverse occasioni in passato per manifestare il loro malcontento per il disegno di legge ACTA 2 dell’UE.

Il 23 marzo, gli attivisti si sono incontrati per la prima volta nelle strade per combattere contro le società di copyright e i burocrati della UE che cercano di distruggere Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019, in tutta Europa, come riportato da Activist Post .

Nonostante le proteste in tutta Europa, i deputati hanno votato il 15 aprile per ridisegnare con successo Internet con una direttiva sulla censura mascherata da una proposta di copyright, approvata in un voto di 22 paesi a favore della legge.

Solo sei paesi – Italia, Svezia, Polonia, Finlandia, Paesi Bassi e Lussemburgo – hanno votato contro la proposta di direttiva che cambierà Internet come la conosciamo.

ACTA 2 ha richiesto tutti i trucchi sporchi nel libro per passare il voto iniziale.

Durante il processo di votazione, ci sono stati numerosi politricks da parte del Gruppo PPE e altri partiti politici coinvolti nella direttiva sul copyright, o ACTA 2, come tentare di cambiare la data di voto, intimidire i politici minacciandoli con cattiva stampa e persino modificare i numeri degli articoli prima al voto.

Se ciò non bastasse, un rapporto di una pubblicazione tedesca ha rivelato che la vera ragione per cui la Germania ha ceduto in Francia a febbraio è perché il paese è stato corrotto nei negoziati per ottenere l’approvazione per il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia.

Con il superamento di ACTA 2 ciò significa che i paesi membri dell’UE hanno due anni per conformarsi alla stesura delle proprie leggi nazionali. Questo sicuramente stimolerà proteste e battaglie legali in tutta Europa per i prossimi anni. A meno che attivisti e hacktivisti che usano Change.org abbiano qualcosa da dire contro.

La petizione afferma:

Come probabilmente saprai, è stata introdotta una direttiva sul copyright nell’Unione europea che cambierà per sempre la nostra Internet.

L’articolo 11 e l’articolo 13 (ora chiamato articolo 15 e articolo 17) introdurranno un #uploadfilter e un #linktax. Questo è inaccettabile per noi.

Chiediamo alla nuova Commissione europea di introdurre una nuova direttiva che abroga l’attuale direttiva sul copyright, compresi gli articoli 15 e 17 ampiamente criticati (noti in precedenza come articoli 11 e 13). Il modo in cui ciò viene fatto dipende da voi, ma non diamo il nostro consenso a lanciare QUALSIASI legge che introduca la censura di Internet e costringa i proprietari del sito Web a monitorare proattivamente i loro servizi.

Per chiunque consideri la firma: tra il 23 e il 26 maggio 2019 ci saranno nuove elezioni nell’UE. Questa petizione deve essere consegnata alla nuova Commissione Europea. Diamo loro un chiaro messaggio che vogliamo che creino una nuova direttiva che invalida l’attuale direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, adottata dal Parlamento europeo il 26 marzo e approvata dal Consiglio dell’Unione europea il 15 aprile 2019.

Vuoi saperne di più?

Unisciti a # StopACTA2 su Discord: https://discord.gg/UgvYn3F

Visita il sito Web: https://www.stopacta2.org/en/

In retrospettiva, i nuovi politici che conquistano i leader dei paesi possono rappresentare la gente, la libertà e la trasparenza di Internet o finire un obiettivo dei cittadini di Internet sovrani e distruggere le tue carriere politiche mentre rispondono alle telefonate arrabbiate che spiegano perché ignori la volontà della gente . La scelta, ovviamente, è tua; la decisione di opporsi a te è nostra!

Attualmente, la nuova petizione da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio ha un totale di 1.007 persone che hanno firmato al momento della presente relazione.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Nel frattempo, il Regno Unito stesso nel processo di uscita dall’UE, ha approvato un orribile disegno di legge che renderà illegale la sorveglianza di qualsiasi “propaganda terroristica” (non chiaramente definita) che rechi una condanna a 15 anni, una legge sulla pornografia e l’introduzione del la prima agenzia mondiale per la sicurezza delle normative su Internet, come riportato da Activist Post .

In altre parole questo sta portando a uno “splinternet”, un termine reso popolare l’anno scorso dall’ex CEO di Google Eric Schmidt che ha predetto che Internet sarebbe crollato in due parti: una guidata dai cinesi e l’altra guidata dagli Stati Uniti. Conosco il Regno Unito, l’ex paese dell’UE sembra guidare lo sforzo insieme agli attuali paesi membri dell’Unione Europea.

Per dirla chiaramente, stanno usando il sistema legale come mezzo per dividere Internet; questo porterà i webmaster a dover seguire le leggi di più paesi e dover pagare per un filtro di upload e collegare le tasse o semplicemente bloccare i paesi che supportano tali sistemi.

Un recente articolo della Associated Free Press intitolato: “Rompere Internet: nuove regole sulla rete globale imperiale” evidenzia il problema chiave con cui i singoli paesi creano le proprie leggi regolatorie per un sistema creato per consentire la connettività tra nazioni senza frontiere. Internet è globale, un World Wide Web, quindi questo significa che i proprietari di siti Web dovranno conformarsi alle leggi di più paesi; questo soffoca non solo la libertà di informazione, ma può anche danneggiare le piccole imprese che non sono giganti aziendali come Google o Facebook.

Inoltre, la legislazione di Internet in conflitto da parte di più paesi finirà per frammentare le informazioni tra reti e paesi. Già, con il passare del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), come riportato da Gizmodo, abbiamo visto questo prendere forma.

Ora, se visiti decine di siti Web di notizie americane da un indirizzo IP basato sull’UE, alcuni dei siti di notizie affermano quanto segue o qualcosa di simile: “Purtroppo, il nostro sito Web non è attualmente disponibile nella maggior parte dei paesi europei. Siamo impegnati sulla questione e ci impegniamo a esaminare le opzioni che supportano la nostra gamma completa di offerte digitali per il mercato dell’UE. Continuiamo a identificare soluzioni tecniche di conformità che forniranno a tutti i lettori il nostro pluripremiato giornalismo “.

L’Electronic Frontier Foundation (EFF) ha precedentemente avvertito che le politiche proposte all’interno di ACTA 2 aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa e creeranno uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

EFF rileva che la petizione originale degli attivisti consegnati al Parlamento è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le società statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano negoziare migliori affari in), e perché questi filtri censureranno enormi quantità di materiale legittimo.

Come Activist Post ha riferito continuamente, l’Articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sul contenuto che gli utenti postano sui loro siti web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di upload per proteggersi dalle enormi richieste dei proprietari e delle agenzie che lavorano su per loro come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti sconvolgenti apportati al conto in un post sul blog .

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.


Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole aziende o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il FEP ha dichiarato lo scorso mese che questa battaglia non è finita, che le leggi possono ancora essere impugnate in tribunale, i cittadini dell’UE dovranno organizzare e sostenere gruppi indipendenti di diritti digitali europei.

In un post sul blog, Danny O’Brien, direttore internazionale della Electronic Frontier Foundation (EFF), ha definito il passaggio della legge sul copyright “un sorprendente rifiuto della volontà di cinque milioni di petizioni online e oltre 100.000 manifestanti questo fine settimana”.

Se ritieni che la legislazione dell’UE in materia di internet non ti riguardi, allora ti sbagli e non capisci come funziona Internet.

Oltre al FEP, 54 ONG e 40 accademici hanno pubblicato lettere aperte separate al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia ai diritti fondamentali, che porta al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Inoltre, 70 Internet e i luminari informatici si sono espressi in precedenza contro le disposizioni pericolose. Il gruppo, incluso – pioniere dell’Internet Vint Cerf, l’inventore del World Wide Web Tim Berners-Lee, co-fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, co-fondatore del Mozilla Project Mitchell Baker, fondatore di Internet Archive Brewster Kahle, esperto di crittografia Bruce Schneier, e l’esperto di neutralità della rete Tim Wu.

L’informatore della NSA Edward Snowden ha criticato il voto, twittando in tedesco, “Non dimenticare mai cosa hanno fatto qui.”

Il fascismo di regolamentazione di Internet sta aumentando e non sembra essersi fermato presto. La domanda deve essere posta: dov’è Anonymous che ha aiutato a superare la legislazione orwelliana su Internet? Sembra che tutti siano stati tranquilli nonostante questa recente spinta in atto a portare via tutti i nostri diritti e libertà di Internet gratuiti un paese alla volta.

Se i diritti e le libertà di Internet devono essere mantenuti, le persone devono venire insieme, alzarsi e protestare come mai prima e lasciare che le loro voci, i tasti e i sit-in digitali siano ascoltati e sentiti in tutto il mondo. Altrimenti, rischiamo di entrare in un’era che sarà conosciuta come l’era oscura del 21 ° secolo in cui le informazioni vengono dimenticate a causa di controlli di polizia, censura attraverso filtri di upload o contenuti di propaganda terroristica e generalmente persi a causa del mancato pagamento di ogni link esterno su un sito web (link tax). Non si torna indietro una volta che questi sistemi e le agenzie di regolamentazione delle infrastrutture sono in atto.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet # Articolo 11, #Articolo13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Puoi firmare la petizione qui, per salvare Internet, esprimere la tua opinione contro lobbisti e burocrati dell’UE che cercano di distruggere il World Wide Web.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono:  wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org , un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

josh-knobs-768x637.jpg

TOP SCIENZIATI CLIMATICI: “L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima”

Di Jamie Spry

“Abbiamo bisogno di avere un ampio supporto di base,
per attrarre l’immaginazione del pubblico …
Quindi dobbiamo offrire scenari spaventosi, fare dichiarazioni semplificate e drammatiche ef are poca menzione di ogni dubbioOgnuno di noi deve decidere quale sia il giusto equilibrio
è tra l’essere efficace e l’essere onesti.”
Prof.Stephen Schneider,
Professore alla Stanford of Climatology,
autore principale di numerosi rapporti IPCC

***

The Bolt Report con la principale scienziata del clima Dr.Judith Curry:

JUDITHCURRY è uno dei più importanti scienziati del clima del mondo. A differenza dei nostri politici, lei non pensa che ci sia molto da ridire sulle emissioni:

CLIC per link intervista (0: 49s) …

“Non penso che anche se avessimo la volontà politica potremmo fare molto per cambiare il clima. L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima. Ha un certo effetto su scale di tempo molto lunghe ma non è nulla che tu possa realmente modificare in su o giù sulla scala temporale di un secolo e modificare il clima. Ci sono moltissime forze naturali in gioco che determinano il clima e pensano davvero che possiamo controllare il clima, abbattere le emissioni di CO2 è un’hubris davvero fuorviante.”– Judith Curry PhD

TOP SCIENZIATO CLIMATICO: L’UOMO NON PUO’ FARE MOLTO PER CAMBIARE IL CLIMA | Herald Sun

***

PERCHÈ QUINDI È IL “BIOSSIDO DI CARBONIO” (o come gli zelanti del clima etichettano falsamente – “Inquinamento da carbonio”) IL PRINCIPALE INGREDIENTE DI UN “CAMBIAMENTO CLIMATICO” TEORIZZATO?

Come con tutti gli editti socialisti, la risposta è potere assoluto e controllo su di te e sul tuo stile di vita.  

Fisico ATMOSFERICO, professore di meteorologia al MIT e RichardS. Lindzen, ex autore dell’IPCC, spiega:

“Per molte persone, tra cui la burocrazia del governo e il movimento ambientalista, il problema è il potere. È difficile immaginare un punto di leva migliore del biossido di carbonio per assumere il controllo su una società. È essenziale per la produzione di energia, è essenziale per la respirazione. Se lo demonizzi e ne prendi il controllo, per così dire, controlli tutto. È attraente per le persone. È stato dichiarato apertamente per oltre quarant’anni che si dovrebbe cercare di usare questo problema per una varietà di scopi, che vanno dalla redistribuzione Nord/Sud, all’indipendenza energetica, a Dio sa cosa … “- RichardS. Lindzen

“La CO2 per persone diverse ha attrazioni diverse. Dopotutto, cos’è? – non è un inquinante, è un prodotto della respirazione di ogni creatura vivente, è il prodotto di tutte le respirazioni vegetali, è essenziale per la vita vegetale e la fotosintesi, è un prodotto di tutte conbustioni industriali, è un prodotto guida – voglio dire, se hai sempre desiderato un punto di forza per controllare tutto, dall’espirazione alla guida, questo sarebbe un sogno. Quindi ha una sorta di attrattiva fondamentale per la mentalitàburocratica“. – RichardS. Lindzen

ANCORA LINDZEN

IN 5 MINUTI DEVI GUARDARE, Lindzen esamina la scienza, la politica e l’ideologia dietro la truffa del riscaldamento globale, identificando i gruppi chiave della lobby che guidano la paura, l’allarmismo e il pensiero di gruppo che domina il dibattito su scienza oggettiva e ragione.

Prager Uni forward:

Il cambiamento climatico è un tema di discussione urgente tra politici, giornalisti e celebrità … ma cosa dicono gli scienziati dei cambiamenti climatici? I dati convalidano quelli che dicono che gli umani stanno causando un riscaldamento catastrofico della terra? Richard Lindzen, un fisico dell’atmosfera del MIT e uno dei climatologi leader nel mondo, riassume la scienza dietro i cambiamenti climatici.

WATCH…

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

Video Trascritto: 

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

Sono Richard Lindson, un fisico dell’atmosfera. Ho pubblicato più di 200 articoli scientifici. Ho insegnato al MIT per 30 anni.

Durante questo periodo, il clima è cambiato molto poco. Ma la voce del “riscaldamento globale” è diventata sempre più potente, il grido del “riscaldamento globale” è diventato sempre più acuto, in effetti, il clima non è cambiato di molto.

Contestualmente più forte sono le voci degli allarmisti del clima.

Eliminiamo quindi l’equivoco e creiamo un’immagine più accurata. Vediamo quindi dove siamo veramente sulla questione del riscaldamento globale. Ora come noto il “riscaldamento climatico”, così come viene chiamato, ha preoccupato tre gruppi di persone per questo problema, e fondamentalmente questi tre gruppi di persone se ne stanno preoccupando.

I gruppi 1 e 2 sono scienziati, il gruppo 3 è composto principalmente da ambientalisti, politici e media. Il gruppo 1 è la parte scientifica dell’International Panel on Climate Change delle Nazioni Unite (IPCC Working Group 1).

La maggior parte di questi scienziati sono quelli che ci credono di più. Credono che il cambiamento climatico sia dovuto principalmente ai combustibili fossili usati dagli uomini: Petrolio, carbone, gas naturale. Questi carburanti rilasciano anidride carbonica, liberando nell’atmosfera la CO2, appunto anidride carbonica. E credono che questo possa alla fine portare al pericolo che la Terra si riscaldi pericolosamente.

Il gruppo 2 è composto da scienziati che non considerano questo problema particolarmente serio, e questo è il gruppo a cui appartengo. Spesso veniamo etichettati come scettici; Abbiamo notato che ci sono molti fattori che causano il cambiamento climatico: il Sole, le nuvole, gli oceani, le variazioni orbitali della terra, così come una miriade di altri input

Nessuno di questi elementi sopra esposti è completamente compreso. Non vi è alcuna prova che le emissioni di biossido di carbonio siano il fattore dominante principale delle emissioni di CO2..

Ma in realtà c’è un grande consenso tra gli scienziati di questi due gruppi, di seguito sono elencati i punti di accordo:

Il clima cambia continuamente la CO2 è un Gas a effetto serra che senza il quale non è possibile la vita sulla terra, che aggiunto alla atmosfera farà si che il clima si scaldi leggermente.

La concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è aumentata dalla fine della Piccola Era Glaciale nel 19° secolo. Durante questo periodo (negli ultimi due secoli – 1800 – 1900), la temperatura media è aumentata leggermente e in modo irregolare, circa 1,8 gradi Fahrenheit o 1 grado Celsius.

Tuttavia le emissioni di gas serra umane sono state presenti sin dagli anni 60, e solo a partire da quegli anni che le emissioni di gas serra imputabili all’uomo sono state significative per svolgere un ruolo.

Considerando la complessità del clima, incapace di fare una previsione affidabile sulla futura temperatura media globale e sul suo impatto, non è possibile fare previsioni attendibili.

L’IPCC ha riconosciuto nella relazione annuale del 2007 “la previsione a lungo termine dei futuri cambiamenti è impossibile”. Più importante e soprattutto, i due gruppi non hanno asserito che la combustione di combustibili fossili avrebbero causato disastri e catastrofi. Questa è quello che affermano entrambi i due gruppi.

Quindi, perché così tante persone sono preoccupate per questo problema? Anzi sono in preda al panico, per questo problema.

In questo momento, il Gruppo 3 ha fatto il suo debutto entrando in gioco:

  • Politici,
  • ambientalisti
  • e media.

Gli allarmi del Riscaldamento Globale, forniscono quello che più ambiscono desiderare, più di ogni altro problema, ecco le cose che più ambiscono e vogliono:

Per i politici è il denaro e il potere,

per gli ambientalisti, i soldi di cui hanno bisogno per le loro organizzazioni ambientaliste; confermando i loro pensieri devoti, quasi religiosi. Cioè, che gli esseri umani sono una forza distruttiva, l’uomo che agisce sulla natura.

Per i Media, è l’ideologia del denaro e dei titoli, tipo la vendita sulla teoria “Il giorno del giudizio” che può fare un sacco di soldi. Allo stesso tempo, negli ultimi dieci anni di Meanwihile, gli scienziati al di fuori della fisica del clima seguono anche gli scienziati di tendenza, saltando sul carro.

Documenti pubblicati sui giornali del riscaldamento globale incolpano tutte le cose, dall’acne alla guerra civile siriana.

I potenti capitalisti sono desiderosi di cogliere l’opportunità ei capitalisti clientelari hanno afferrato avidamente le sovvenzioni che i governi hanno così generosamente fornito.

Sfortunatamente, il gruppo 3 sta vincendo questa discussione, soffocando il serio dibattito che avrebbe dovuto andare avanti. Ma anche ambientalisti, politici e vari media, possono sperperare un sacco di soldi spaventando la maggio parte della gente.

Non possono nascondere la verità, non saranno in grado di seppellire la verità.

Alla fine sarà il clima ad avere l’ultima parola.

Sono Richard Lindson, professore onorario emerito del Dipartimento di scienze dell’Atmosfera al MIT Richardson.

Realizzato per Prager University

®wld

Il mortale tranello della TAV

Lettera aperta al Ministro Matteo Salvini

Rispettabilissimo Ministro e vice premier Matteo Salvini, mai al mondo avrei pensato in passato di poterla sostenere in questa compagine di governo ma tant’è che ho dovuto mio malgrado appoggiarla nella sua battaglia per il cambiamento così come tanti altri che nulla avevano da spartire con un partito tendenzialmente posto ai margini; non parlo di destra e sinistra ormai superate da una globalizzazione incalzante, parlo invece di quel cambiamento che Lei ha saputo indirizzare ad una popolazione ormai persa nei meandri della storia.

Lei Ministro,  ha dato ancora una speranza ad una nazione alla deriva; Lei Ministro, forte della sua giovane età e da una pulizia mentale che non accetta compromessi meschini, ha portato le sue idee in un programma di governo (anche se anomalo); i punti di questo programma sono piaciuti alla maggioranza degli italiani, l’hanno votata nelle urne portandolo oltre l’immaginabile e, strada facendo per la sua tenacia è arrivato ad avere una miriade di consensi, consensi (ribadisco) che non vengono dalla Sua compagine di partito ma, da tutte le componenti politiche di cui gli italiani nauseati si sono rivolte a Lei come ultima razzio.

Or dunque Ministro, come ben sa si fa molto presto a salire nei consensi ma si fa altrettanto presto a precipitare, spiego: Lei è attaccato e vituperato da ogni dove, euro burocrati, cespugli di partiti ormai alla deriva e disperati, ONG di personaggi come Soros, politically correct e capi religiosi, capi di governo discutibili come Macron, BCE e banche allineate con gli interessi di una sola nazione che ha distrutto una nazione come la Grecia (con la complicità di tutta l’eurozona) che ora dice di aver salvato e, tante altre componenti virulente che hanno in mano tutti i media mainstream dell’informazione.

Fin’ora Ministro, con maestria si è ben destreggiato nel parare i colpi sotto la cintura con emigrazione, sbarchi, sgombero campi, sicurezza e legittima difesa, RAI, ma, la TAV è un tranello mortale che potrebbe far sparire il surplus del Suo consenso.

http://www.libreidee.org/2018/07/se-anche-salvini-si-piega-ai-padroni-del-tav-torino-lione/

Non so se leggerà mai questa mia lettera, il mio è un piccolo blog che si affaccia su di un mondo vituperato fatto di informazioni veicolate (anche in rete) da chi sapientemente ha in mano tutta la Stampa mainstream, con una potenza economica atta a dirigere il pensiero unico la dove lo vuole portare. Stay tuned

wlady

®wld

Una pagina in bianco del CETA

CETA, una riunione segreta in Canada decide cosa mangeremo nell’UE

Al via il comitato che, fuori dal controllo democratico, é chiamato a stabilire quali alimenti canadesi possono essere importati nell’UE perché offrono un livello di sicurezza equivalente a quello europeo.

Lontano da occhi indiscreti, al di fuori dal controllo democratico, i burocrati dell’Unione Europea e del Canada iniziano oggi a riempire una pagina lasciata volutamente in bianco al momento dell’entrata in vigore del trattato commerciale CETA fra UE e Canada. I contenuti del CETA possono essere esplorati a partire da questo link.

La pagina da riempire conterrà i criteri per stabilire se gli alimenti canadesi offrono un livello di sicurezza conforme agli standard europei, e se quindi possono essere importati nell’UE. In sostanza si tratta di decidere come gestire all’interno del CETA gli OGM e la carne agli ormoni consumati in Canada, nonché le colture canadesi trattate con pesticidi non ammessi nell’UE e che pressoché inevitabilmente ne contengono i residui.

Il “CETA SPS Joint Management Commitee” e l’ordine del giorno della sua riunione

La riunione di oggi fra Canada ed UE é stata rivelata dalla coalizione Stop TTIP Italia, che pubblica un documento segreto: l’ordine del giorno per il 26 e 27 marzo del “CETA SPS Joint Management Commitee”, la sottocommissione sulla gestione delle misure sanitarie e fitosanitarie (l’acronimo SPS sta per “Sanitary and Phyto Sanitary”) che fa capo al CETA Joint Committee. Quest’ultima é la commissione formata da burocrati che sovrintende all’applicazione del trattato CETA e che può anche modificarne determinati contenuti.

Non sono noti i nomi di coloro che fanno parte di commissione e sottocommissione. Non é possibile chiedere conto a chicchessia di ciò che verrà detto e fatto.

Riempire una pagina lasciata volutamente in bianco dal trattato CETA

Al quarto punto dell’ordine del giorno della riunione, che si tiene ad Ottawa, figura l’allegato 5-D del trattato CETA, ossia quello lasciato in bianco: le linee guida per stabilire e riconoscere l’equivalenza fra le misure sanitarie e fitosanitarie di Canada ed UE, e dunque degli alimenti made in Canada e made in UE.

Le “misure sanitarie e fitosanitarie” riguardano ad esempio i pesticidi: ma non solo. Infatti il CETA “incorpora” e riconosce le misure sanitarie e fitosanitarie del WTO, in base alle quali in passato il Canada ed altri paesi hanno vittoriosamente sfidato le norme europee contro l’importazione di OGM e di carne agli ormoni. Dunque il “CETA SPS Joint Management Commitee” che si riunisce ad Ottawa ha voce in capitolo anche su questi alimenti.

Pesticidi. I residui del Picoxystrobin, ammesso in Canada ma non nell’UE

Vari altri punti all’ordine del giorno riguardano i pesticidi. Il Canada ha chiesto di parlare del Picoxystrobin, un funghicida ammesso in Canada ma recentemente vietato nell’UE anche perché non le é stato possibile stabilire se esiste – e quale é – la quantità massima di residui che possono essere ingeriti senza rischi insieme ai cibi che li contengono.

La riunione di Ottawa, si può ragionevolmente supporre, discuterà se il cibo canadese con residui di Picoxystrobin offre un livello di sicurezza conforme alle norme UE nonostante il fatto che il Picoxystrobin sia vietato dalla UE, e se dunque grazie al CETA il cibo con residui di Picoxystrobin può essere importato nell’UE.

I rappresentanti dell’UE si impunteranno su: Picoxystrobin no, grazie? Non é affatto detto. Se l’UE si muovesse in quest’ottica, ben altre parole sarebbero scritte nel CETA e l’allegato 5-D non sarebbe stato lasciato in bianco.

In questa prospettiva vanno lette le ripetute assicurazioni dell’UE secondo le quali “tutte le importazioni dal Canada dovranno essere conformi alla regolamentazione e alle disposizioni dell’UE”. Il problema è appunto costituito dai criteri in base ai quali stabilire l’equivalenza delle norme, e dunque la conformità degli alimenti.

Foto

Fonte:  https://www.dariotamburrano.it/

®wld

Una licenza rilasciata dal governo per guarire

 

 Il governo lascerebbe che Gesù curasse il cancro? 

Di Jon Rappoport 

Negli anni 90, ho assistito a un processo federale in un’aula di tribunale di Los Angeles. Il convenuto è stato accusato di vendita di farmaci senza una licenza per praticare la medicina. 

Il convenuto era pronto a sostenere che a) la sostanza che vendeva era prodotta naturalmente nel corpo e b) era efficace.

L’accusa si è trasferita per escludere tale testimonianza, sulla base del fatto che era irrilevante.  

Il giudice ha acconsentito. Pertanto, il processo è stato brutto, brutale e breve. L’imputato è stato dichiarato colpevole e condannato al carcere per diversi anni.

Ecco come funziona la burocrazia federale. “Hai una licenza rilasciata dal governo per guarire? No? Sei un criminale. Fine della storia.” 

Credo che se Gesù di Nazareth avesse camminato sulla Terra oggi, negli Stati Uniti, sarebbe stato arrestato per gli stessi motivi.

Questo sarebbe particolarmente vero se curasse il cancro.  

Immagina questo caso estremo: in uno stadio pieno di 50.000 persone a cui è stato diagnosticato un cancro, Gesù di Nazareth agita la mano e cura tutti loro in pochi secondi.  

Ora sta minacciando i profitti di molte società, per non parlare del potere del governo, che appoggia il monopolio della chemio-radioterapia chirurgica fino in fondo. 

Quindi viene arrestato. È messo sotto processo. Decide di difendersi senza un avvocato. Dice alla corte che curare il cancro non è un crimine.  

Gli oggetti del procuratore giudiziario. “Vostro Onore”, dice, “se quest’uomo abbia guarito o meno il cancro è fuori questione. Non ha la licenza per praticare la medicina. Questo è il motivo per cui siamo qui oggi. Stiamo semplicemente stabilendo che a) stava praticando la medicina e b) non ha una licenza rilasciata dal governo. Questo è lo scopo di questo procedimento.” 

Il giudice è d’accordo. Il verdetto è emesso. Colpevole.  

Naturalmente, su un altro fronte, i principali media, che dipendono per la loro esistenza dalla pubblicità farmaceutica, prendono la palla e corrono con essa. Le reti e i giornali più importanti cercano “esperti”, che affermano con enfasi che ciò che Gesù di Nazareth “ha eseguito” nello stadio è stato semplice ipnotismo. E’ stato un effetto placebo. Qualunque improvvisa “remissione” possa essersi verificata sono solo temporanee. Tragicamente, i cancri torneranno.  

Non solo, queste 50.000 persone sono state distratte e allontanate dalla ricerca di “cure reali da veri medici”. Con la chemio, con le radiazioni, con la chirurgia, avrebbero avuto la possibilità di sopravvivere e vivere una lunga vita normale.

Altri esperti del settore dei media inviano questa bandiera: “Molti dei presenti nello stadio si sono aggrappati aspramente alla loro religione. Rifiutano di accettare la scienza. Stanno vivendo nel passato. Preferiscono la superstizione alle cure mediche reali. In realtà, stanno minacciando l’intera base dell’assistenza sanitaria, dal momento che altri americani confusi e illusi possono ora allontanarsi dai medici e cercare venditori di olio di serpente e predicatori per la guarigione”.  

Dai più alti posatoi del potere politico in questo paese, la parola passa tranquillamente ai media: non dare seguito a quelle persone che erano nello stadio; non cercare di rintracciarli; non compilare statistiche sui loro tassi di sopravvivenza; passare ad altre storie (distrazioni); lascia che questa follia si spenga.  

Ma tra i cittadini si diffonde una consapevolezza: il governo sta controllando la guarigione attraverso l’emissione di licenze. È così che il governo sta essenzialmente proteggendo una forma di “guarigione” e rendendola capace di diventare un cartello onnicomprensivo.

Quale sarebbe l’alternativa alle licenze?  

Contratti:

I contratti sono accordi stipulati da adulti consenzienti, che si assumono la responsabilità dei risultati. Nel caso della guarigione, un contratto dovrebbe specificare che le persone hanno il diritto di sbagliare.  

Diciamo che due adulti consenzienti, Jim e Frank, acconsentono a permettere a Frank di trattare Jim per la sua artrite con acqua da un pozzo sulla terra di Frank.  

I due uomini riconoscono che nessuna responsabilità sarà allegata al risultato. In altre parole, se Jim sta meglio o peggiora, nessuno sta facendo causa. Nessuno andrà al governo per la riparazione dei torti.  

L’acqua del pozzo può essere meravigliosa o potrebbe essere completamente inutile. Entrambi gli uomini capiscono e lo riconoscono. Ma affermano il diritto di provare il trattamento, perché sono liberi.  

Immediatamente la gente dice “Questo è ridicolo. L’acqua non può curare l’artrite. Frank sta tradendo Jim. Jim è una vittima. Ha bisogno di vedere un dottore. Ha bisogno di droghe per l’artrite.”  

No, Jim non deve fare nulla. Lui è libero. 

Per dirla in altro modo, Jim ha il diritto di avere ragione o torto. È una sua decisione, che va oltre lo scopo di ogni autorità.  

Se il governo cerca di rimuovere questo diritto da tutti noi, sta essenzialmente dicendo che sa cosa è corretto, sa cosa è vero, sa quello che ci serve e lo richiede, e ce lo darà anche se lo deve spingere giù per le nostre gole. Ti sembra una libertà per te?  

Se oggi Gesù di Nazareth vivesse negli Stati Uniti, e se andasse in giro a curare il cancro, sarebbe stato arrestato. Non sarebbe accusato di blasfemia o tradimento. Sarebbe stato accusato di qualcosa di molto più semplice e più banale: praticare la medicina senza una licenza.  

E sarebbe condannato e ostragizzato. 

Perché il governo, nel suo trono di corruzione, nella sua partnership con le multinazionali, vuole monopolizzare i suoi illegali interessi. 

Fonte:  https://jonrappoport.wordpress.com/

®wld