Crea sito

Tecnocrazia = la Scienza dell’Ingegneria Sociale

Dr. Tim Ball: Perché le persone continuano a credere alla bufala del riscaldamento globale

Scritto da: Dr. Tim Ball, 30 ottobre 2018

La tecnocrazia è definita come “la scienza dell’ingegneria sociale”, che non è affatto scienza. L’uso della “scienza” come strumento per la manipolazione sociale confonde completamente la maggior parte delle persone fino a quando non comprendono il motivo dietro l’inganno. ⁃ Editor TN  

È difficile convincere la gente che la scienza dietro l’affermazione del riscaldamento globale causato dall’uomo è sbagliata. I tecnocrati hanno sviluppato termini e termini tecnici propri per proteggere il loro controllo sulle informazioni; far pagare alle persone un prezzo più alto per i loro servizi; per garantire che rimangano inspiegabili per le loro azioni. Le tre cause intentate mi hanno impedito di spiegare la loro scienza in modi che il pubblico potesse comprendere, e tutti provenivano da membri tecnocratici del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC). Dopo aver convinto con successo le persone sull’uso ingannevole della scienza, affronti un problema più difficile. Devi spiegare il motivo a persone che non possono credere che gli scienziati corrompono la scienza, la usano per un’agenda politica, o che alcune persone possono ingannare il mondo.

Sono trascorsi 28 anni da quando Channel 4 nel Regno Unito ha prodotto The Greenhouse Conspiracy. Ha coperto tutte le cose che erano sbagliate nella teoria AGW. Sono ancora validi, ma ora testati nel tempo. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone non capisce ancora in che modo smentisca la teoria, nonostante tutti gli sforzi per educare le persone sull’abuso della scienza. I tecnocrati burocratici, compresi quelli finanziati da loro, che hanno creato e promosso l’inganno, raramente rispondono alle sfide scientifiche. Perché preoccuparsi quando il pubblico non capisce? Tuttavia, rispondono quando discutete il motivo dietro le loro azioni.

Ci sono segnali che gli scettici stanno influenzando l’opinione pubblica, ma nel complesso poco è cambiato. Il pubblico è in uno schema di partecipazione. Sanno che qualcosa non va come si evince da una crescente sfiducia nei confronti della scienza in generale e della scienza del clima in particolare. Una citazione da un rapporto Pew Center spiega.

“Complessivamente, molte persone hanno opinioni scettiche sugli scienziati del clima e sugli scienziati degli alimenti geneticamente modificati; una parte più ampia esprime fiducia negli scienziati medici, ma anche in questo caso molti esprimono ciò che gli analisti del sondaggio definiscono una visione “morbida” positiva anziché positiva”.

Ciò conferma parzialmente il modello di partecipazione. Non sanno di chi fidarsi, quindi lo mettono da parte. Hanno paura di parlare di un argomento che non capiscono. Questo segue il consiglio di Mark Twain,

“È meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupida piuttosto che aprirla e rimuovere ogni dubbio.”

La figura 1 mostra il sondaggio del Pew Center sulle priorità pubbliche con “cambiamento climatico” 18 su 19.

Figura 1

La figura 2 mostra i risultati di un sondaggio delle Nazioni Unite di 10 milioni di persone in diversi paesi che rafforza la rivendicazione del modello di partecipazione. Il cambiamento climatico è 16 ° su 16.

 figura 2

Le persone sono in uno schema di partecipazione per altri motivi. Uno è il fallimento degli scettici a fornire una spiegazione alternativa. La risposta è il Sole, ma pochi scettici spiegano come e perché, perché la maggior parte non sono in grado.

La gente non può credere che un piccolo gruppo di persone possa ingannare il mondo, comunque, come osservò l’antropologa Margaret Mead,

“Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini premurosi e impegnati possa cambiare il mondo. In effetti, è l’unica cosa che abbia mai avuto.” 

Questa convinzione è un’estensione del detto che nessuna persona può cambiare il mondo. In realtà, è sempre una persona, per esempio, Hitler, Mao Zedong e Karl Marx. Sfortunatamente, è sempre peggio.

Un altro motivo per cui il pubblico non crede agli scettici è perché i tecnocrati marginalizzano effettivamente gli avversari come membri di gruppi marginali, come gli scettici del riscaldamento globale oi negatori del cambiamento climatico. Questi peggiorativi falliscono perché tutti gli scienziati sono scettici, e nessuno nega che i cambiamenti climatici: ciò che negano è che gli umani sono la causa. L’ultimo attacco finale è che sei un teorico della cospirazione. Funziona perché la maggior parte non ama un’associazione con perdenti o estremisti. La realtà è che si verificano cospirazioni, altrimenti, la parola non esisterebbe.

L’evoluzione e l’adattamento di questo come termine militare fu spiegato da un autore come segue.

“Teoria della cospirazione” è un termine che colpisce immediatamente la paura e l’ansia nei cuori di quasi tutti i personaggi pubblici, in particolare giornalisti e accademici. Dagli anni ’60 l’etichetta è diventata un dispositivo disciplinare che è stato straordinariamente efficace nel definire determinati eventi off limits alla ricerca o al dibattito”. 

Se accetti l’argomento della cospirazione, di solito ritieni che sia stato eseguito da un grande gruppo. Tuttavia, una definizione dissipa quel mito.

“Un accordo tra due o più persone per commettere un crimine o realizzare uno scopo legale attraverso un’azione illegale”.

Alcuni altri indicatori di reticenza pubblica includono

  • L’affermazione secondo cui le persone avrebbero reagito negativamente e violentemente al ritiro di Trump dall’accordo di Parigi si è rivelata falsa.
  • La sfiducia dei politici è ai minimi storici, specialmente negli Stati Uniti .
  • Le udienze di Kavanaugh erano così estreme da aprire gli occhi della gente.
  • Sono insensibili all’estremismo dei media. Anche FOX News ha “Tempo estremo” piuttosto che il semplice, il tempo. Le valutazioni pubbliche dei media sono ai minimi storici.

L’ultima ragione per cui le persone stanno guardando è che i perpetratori della falsa dichiarazione AGW avevano una scelta quando le prove contraddicevano le loro affermazioni e le loro previsioni. Ammetti che hanno sbagliato, o raddoppiano. Hanno scelto quest’ultimo. L’unica opzione allora è diventare più estremi in ogni modo, e ciò conferma solo ciò che il pubblico sospetta. Il ruolo degli estremisti è definire i limiti per la maggioranza, e funziona di nuovo come sempre.

Fonte https://www.technocracy.news/

®wld

l’epidemiologia dice: a farci morire non sono le bufale

 

«UN MEDICO CI SEPPELLIRÀ», CAMPAGNA SHOCK DALL’ORDINE DEI BECCHINI  

Marcello Pamio – 4 aprile 2018 

Dalla rivista “Pediatrics” – punto di riferimento della pediatria a livello mondiale – arrivano delucidazioni importantissime che cambieranno in meglio la nostra storia.

Si sono occupati questa volta dell’allattamento al seno, ma da un nuovo punto di vista. Un punto di vista più moderno e liberale. Secondo i ricercatori infatti sarebbe «eticamente inappropriato» – per i governi e le organizzazioni mediche – descrivere l’allattamento al seno come «naturale», perché cozzerebbe contro l’ideologia di genere…  

«Associare la natura alla maternità (…) può inavvertitamente sostenere argomentazioni biologicamente deterministiche sul ruolo
degli uomini e delle donne nella famiglia (per esempio, che dovrebbero essere principalmente le donne a prendersi cura dei bambini)». 
 

Era ora che i pediatri prendessero questa posizione. Meglio tardi che mai.
Da che mondo è mondo l’allattamento al seno è sempre stato l’unico e imprescindibile approccio “naturale” che interessa tutti i mammiferi. Ma per fortuna da oggi non lo è più, e se lo dicono i pediatri amerikani c’è da crederci.
E’ “biologicamente deterministico”, e quindi non corretto, sostenere che sono solo le donne a prendersi cura dei bambini.
 

Il discorso non fa una piega. In fin dei conti, se ci pensiamo bene, quale sarebbe il motivo per cui le donne avrebbero tale priorità? Forse perché sono le donne che, avendo l’utero, possono partorire i bambini? E questo sarebbe un valido motivo? Come la mettiamo con quelle povere coppie di gay che vorrebbero avere un figlio, ma la disgraziata Natura li sta castrando? 

L’avvertimento alle “uterine” è lapalissiano: l’ectogenesi infatti sta prendendo sempre più piede! 

Il parto (genesi) fuori (ecto) dal corpo materno, all’interno di un utero artificiale porterà finalmente giustizia ed equità, dopo millenni di discrepanze.
Non se ne poteva più dell’arroganza di queste donne in preda al delirio di onnipotenza solo per sentirsi crescere dentro la Vita.
 

Quindi il plauso va alla medicina e alla scienza in generale, che lentamente stanno colmando questi vuoti importantissimi riportando giustizia fra i generi…

«Fare riferimento al ‘naturale’ nella promozione dell’allattamento al seno… può inavvertitamente sostenere una serie di valori sulla vita familiare e sui ruoli di genere, che sarebbero eticamente inappropriati». 

Per non parlare dell’allattamento che secondo i pediatri illuminati sarebbe eticamente inappropriato definire “naturale”.

Anche in questo caso hanno perfettamente ragione, perché va ricordato che oggi un neonato può essere comprato da catalogo, da due gay o due lesbiche, o da un singolo uomo o donna abbastanza ricchi. Come la mettiamo con i diritti?
Se consideriamo come “naturale” l’allattamento al seno, quello esclusivo della mamma che lo ha partorito, lediamo ogni diritto a tutti gli altri.

Poco importa se nel mondo dei mammiferi, la ghiandola mammaria inizia a ingrandirsi nella madre quando questa è gravida, per poi provvedere alla produzione vera e propria al momento della suzione. 

Da oggi anche questo aspetto non è più cosa buona perché si scontra con i sacrosanti diritti di un gay che non ha il seno o di una lesbica che non è stata ingravidata. 

I geni in camice bianco stanno lavorando alacremente anche su questo: livellare le differenze anatomo-fisiologiche che la Natura sessista ha da sempre imposto all’essere Uomo.

Sarà possibile a breve, grazie a lunghissime e costose cure di ormoni di sintesi, innescare la produzione di latte anche nella mammella maschile.

Non mi si venga dire che questo latte sarà pregno di chimica mortifera. Il latte è latte, sia che sgorghi dalla tetta della mamma che ha nel grembo la creatura, sia che venga fuori da un capezzolo di un maschio o “diversamente-maschio”.
Al neonato poco importa se il latte esce dal seno materno o paterno o da una vacca.

Il latte è un liquido biancastro, con una percentuale precisa di proteine, grassi e zuccheri. Punto.

Conclusione 

Ironia a parte stiamo assistendo allo sbando totale della medicina.
Il Sistema è allo stadio terminale e agonizzante si dimena disperatamente. Il mondo accademico e universitario ne è ovviamente lo specchio e l’esempio dello studio riportato dalla rivista “Pediatrics” è illuminante.

Come speciale e illuminante è la campagna shock indetta dalla Fnomceo, l’ordine degli ordini dei medici: la casta dei camici bianchi italiani. 

«Una bufala ci seppellirà» è il titolo.

Mega manifesti di 6 metri per 3 con slogan del tipo «Non mi hanno vaccinato per paura dell’autismo», «Avevo acquistato sul web un farmaco miracoloso», «Ho curato il cancro con il bicarbonato di sodio», ecc.

La fantasia e l’ironia si sa non sono prettamente una peculiarità della classe medica. 

Trattasi della brutta-copia della campagna mediatica (giornali e cartelloni pubblicitari) invece ben riuscita organizzata dal Corvelva qualche mese fa e che tutt’ora continua a comparire grazie ai gruppi di genitori attivi in diverse realtà locali. 

I media, lo sappiamo, sono tutti controllati e pilotati, per cui è impossibile pubblicare un solo articolo scientifico che esca dal paradigma.
L’ordine arrivato ai giornalisti è perentorio: i vaccini non si mettono in discussione.
 

Per cui l’associazione veneta ha pensato bene di bypassare la censura di regime, pagando di tasca propria alcune pagine pubblicitarie scritte da medici e/o riportando dati e fatti ufficiali in ambito vaccinale (come il numero di danneggiati dai vaccini secondo l’AIFA, oppure i morti riconosciuti dalla legge 210, o ancora i dati omessi nei rapporti delle case farmaceutiche). 

Fare corretta informazione in Italia dà molto fastidio al Sistema, perché rischia di svegliare le coscienze molto anestetizzate e addormentate, per cui la campagna è stata denigrata in ogni modo. 

Ora l’ordine dei medici fa la medesima cosa, ma tutti battono le mani. Ma c’è una piccola differenza: mentre il Corvelva, autotassandosi, ha fornito ai lettori dati concreti e ufficiali, numeri e tabelle su cui riflettere e aprire un serio confronto, la casta dei camici bianchi (ma sempre più sporchi), la Vera e Unica Scienza, che ovviamente non vuole nessun confronto, se ne esce con una campagna di battute e slogan. 

Invece di smontare pezzo per pezzo le cosiddette “fake” usando i canali e gli strumenti della Scienza (che dicono di avere) cosa fanno? Si comportano come i poveri (in spirito, non in banca) burioni di turno: facendo battute e ironizzando.
Questa è la medicina ortodossa.

Tornando al titolo della campagna («Una bufala ci seppellirà»), la federazione dovrebbe rivedere attentamente non solo gli esperti di comunicazione che hanno pagato profumatamente per organizzarla, ma anche i loro stessi soci.  

I dati ufficiali, le statistiche e l’epidemiologia dicono che a farci morire non sono le bufale, ma i camici bianchi! Perché non si confrontano i dati delle persone morte perché non vaccinate – o perché hanno usato il bicarbonato con il cancro, o perché hanno comprato il farmaco miracolo su e-bay – con la strage che ogni anno si verifica per «cause iatrogene», per errori medici, per gli effetti collaterali dei farmaci/vaccini, per i devastanti trattamenti chemio e/o radio? 

Fonte articolo:  https://www.disinformazione.it/ 

®wld

Almanacco di fine anno

Giovani: morti improvvise, malori (IENA) e infarti a scuola sul computer. C’entra il Wi-Fi?

di Maurizio Martucci

Chi o cosa sta falcidiando un’intera generazione? Minando lo stato di salute dei più giovani? Ieri è toccato ad una famosa Iena. Ma, riduzionista, il titolo è semplificato: in discussione non ci sono solo gli effetti sulla salute pubblica del Wi-Fi e dei diversi sistemi wireless (H24, ubiquitari e cumulativi), ma l’Elettrosmog nel suo complesso: invisibile e silente, il fenomeno elettromagnetico c’entra qualcosa con l’inquietante lista di lutti (prematuri) e malori (improvvisi) registrati nell’ultimo anno? Se si, cosa, come e perché? Se no, perché? Ecco i fatti. Continua QUI

************************ 

QUESTO VIENE DAL SUOLO ITALIANO DI TUTTI I GIORNI.  AUGURI, INCOSCIENTI. 

di Paolo Barnard

Caro Paolo,

Sono un informatico di lunga data con una propria aziendina che opera in Europa…. Avendone esperienza, condivido pienamente le tue preoccupazioni per il futuro riguardo il lavoro in forte calo. In ogni settore…

Pensa solo all’auto ELETTRICA che oggi viene spinta in modo deciso… Il motore elettrico rispetto al motore a scoppio (benzina o diesel) è estremamente più semplice.

Spariscono: Basamenti, Pistoni, Bielle, Spinterogeno, Carburatori, Iniettori, Turbine… meccanica di precisione ed elettronica di controllo…

Quindi sparisce tutto il lavoro di progettazione, costruzione, assemblaggio ecc… Ma sparirà anche tutto il lavoro di manutenzione. Migliaia di piccole o grandi officine che ci lavorano sopra. (nota **) 

Prevedibile -80% del lavoro relativo… E dei lavoratori… Tanto, purtroppo, il popolo è bestia. (triste considerazione a 66 anni !) Magna, beve, tromba e… se ne fotte… Vedranno e capiranno…

Firmato: lo 0,2% italiano (cioè un imprenditore consapevole).

** Nota di PB: e i nuovi lavori in nascita sulle auto elettriche saranno al 99% svolti da COBOTS, cioè robotica che produce come 200 umani e comandata da solo due o tre dipendenti, che dialogano con le macchine. Spero non farete figli, fate COBOTS.

Fonte: http://paolobarnard.info/

************************

Mattei: siamo merce da macello, controllata via smartphone

Negli ultimi tre o quattro anni sono stati installati, soltanto nella parte occidentale del mondo, quindi nel nord globale, circa un miliardo e quattrocentomila sensori per l’Internet delle cose. Gran parte dei quali sono costruiti nei muri delle case, nei nuovi televisori – in tutti gli apparecchi elettronici che comperiamo – e nelle automobili. Parte di questi sensori, che sono invece fissi, sono inseriti negli spazi pubblici e sono quelli con i quali i nostri meccanismi elettronici si collegano senza che noi lo sappiamo.

Queste cose vengono chiamate “Smart”, nel senso che noi sentiamo parlare costantemente di “Smart City”, “Smart Card”, eccetera. Tutte le volte in cui si sente la parola “Smart” io penso sempre che gli “Smart” siano loro e i cretini siamo noi. Qui la situazione sta diventando davvero molto preoccupante. C’è in costruzione un gigantesco dispositivo (e qui proprio la parola “dispositivo” studiata da Foucault è direttamente utilizzabile per parlare dei dispositivi elettronici che noi compriamo).

Un gigantesco dispositivo di controllo sociale di tutti quanti, che viene ovviamente sperimentato per fare un passo in avanti in modo da rendere in qualche modo l’umanità coerente con la nuova frontiera. Continua QUI 

************************

 Davvero ironico per non dire insultante ed osceno: i maestri della menzogna a caccia di “bufale”

di Enrico Galoppini

A tutti i falsi, falsoni e falsissimi che si riempiono la bocca con ‘ste “fake news” vorrei – giusto a titolo d’esempio – ricordare che l’Iraq, che non ci minacciava in alcun modo (ma forse minacciava qualcun altro di sacro ed inviolabile…), è stato devastato e ridotto ad un campo di battaglia proprio grazie alle spudorate e criminali menzogne propalate da chi ora si ritrova a convegno (http://www.ansa.it/…/fake-news-la-notizia-al-centro-e-larma…) per discutere di “notizia al centro”, “giornalismo veritiero” ed altre chimere.

Chiedo a padre Jean-Marie Benjamin: quanti sono i morti iracheni imputabili alle bugie e alle “bufale” messe in circolazione da tutti i media occidentali? 500.000? Un milione tondo? Ve le ricordate, no, le fialette con l’antrace (!) agitate da Colin Powell? Le “armi di distruzione di massa”? Il “supercannone” di Saddam? I bambini tolti dalle incubatrici a Kuwayt City e il cormorano (dell’Alaska?) impiastricciato di greggio? Chi era che pubblicava paginoni sulla “alleanza tra Bin Laden e il rais di Baghdad” prima dell’attacco finale del 2003? Continua QUI  

************************  

L’ETEROGENESI DEI FINI Violenza sulle donne, molestie, fascisti, migranti, Regeni, ciberbullismo… Ma anche Honduras e Israel – MA ANCHE I LOBBISTI ITALIANI DI SOROS NELL’EUROPARLAMENTO!

Fake news

I dominanti sono quattro gatti e campano di rendita, nel senso che campano alle spalle di tutti gli altri. I dominati sono tutti gli altri , ormai anche più del 99% reclamato dagli Occupy, oggi svaporati. Per cui aveva ragione Gramsci a chiamarli popolo e si aggirano tra i sepolcri coloro che ancora invocano la classe operaia e il proletariato a guidare la rivoluzione. Irriducibili alla presa di coscienza che proletario è il mio fruttarolo ridotto al nocciolo dal proliferare dei supermercati e operai sono la cassiera di qualsiasi supermercato e l’insegnante di qualsiasi scuola. Compresi coloro che questi lavori se li sognano, o li fanno da tre giorni a un mese. L’operaio Fiat oggi sta alla FCA di Detroit o Pomigliano e, come l’altofornista dell’Ilva, sta attaccato con i denti alla catena di montaggio, o alla palata di carbone, che avvelenano lui, i suoi figli e la sua comunità.

I dominanti per mantenere questo assetto delle cose devono mentire per forza. Con le bugie, oggi dette fake news, lo mettono in quel posto ai dominati. I dominati possono mentire anch’essi, ma costretti, e perlopiù a se stessi, per cavarsela in qualche modo, o per non dar fuori di matto. Nel primo caso è dolo, nel secondo colpa, ma neanche tanto. La vicenda delle fake news è tutta qui. Sarebbe facile smascherare il gigantesco inghippo planetario, radicato in una storia che inizia 2017 anni fa e che raggiunge la perfezione con il finanz-militar-securitar-capitalismo dei nostri giorni. Non fosse che i dominanti hanno messo in campo una formula assolutamente geniale: quella delle fake news a fin di bene con dentro, però, il batterio dell’eterogenesi dei fini. Fini malvagi. Continua QUI  

************************

I ricchi sempre più ricchi, mentre i poveri in Italia sono diventati 18 milioni

di Anna Padri

Roma, 6 dic – Mai prima d’ora gli italiani sono stati così poveri. Quasi un italiano su tre è a rischio povertà. Un dato sconfortante, quello dell’Istat, che arriva proprio a ridosso del periodo natalizio e che ci dice che ben 18 milioni di italiani rischiano l’esclusione sociale. Una situazione che peggiora di anno in anno, aumentando di quasi un punto e mezzo percentuale rispetto al 2015: dal 28,7% si è passati al 30%, tra poveri, deprivati e persone che faticano a trovare un lavoro.

E sebbene si registri una “diffusa crescita del reddito disponibile e del potere d’acquisto delle famiglie”, dovuto anche a un lieve calo del cuneo fiscale rispetto agli anni passati con un’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare del 19,4% , questo si associa a un “un aumento della disuguaglianza economica”, con i poveri che sono sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi, con il quinto più ricco della popolazione che vede il proprio reddito impennarsi. Continua QUI 

************************

I BRICS stanno creando un loro internet

BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) intendono dotarsi di una propria governance internet per sfuggire al controllo degli Stati Uniti

Fino a oggi internet è governata dall’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), organizzazione para-amministrativa del dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

L’istituzione di una nuova governance internet è stata proposta dal Consiglio di Sicurezza Nazionale russo. Non si sa come si articolerà con il DNS alternativo, già operativo in Cina. Se il sistema si estendesse, gli Stati Uniti perderebbero il controllo delle telecomunicazioni mondiali. Internet dovrebbe dividersi in due e i siti potranno essere accessibili solo a condizione d’scriversi in ciascuno dei due sistemi, qualunque sia la localizzazione degli internauti. Traduzione Rachele Marmetti Il Cronista

Fonte: http://www.voltairenet.org/  

************************

Secondo lo studioso il Planet X sarebbe un astro gemello del Sole con 7 pianeti orbitanti

Nibiru nel 2020 secondo un astrofisico russo

Nibiru sta entrando nel Sistema Solare, sta accelerando e raggiungerà il punto più vicino a noi (0.3 unità astronomiche) nel 2020. Tutto questo secondo l’astronomo russo Dr. Dyomin Damir Zhakarovich.

Ex amico e consulente astronomico del presidente russo Vladimir Putin, il dottor Zhakarovich lavora ora sotto copertura, emergendo di volta in volta per un unico scopo: avvisare il mondo a proposito di Nibiru, una nana bruna con sette pianeti in rotta verso il sistema solare interno.

La sua conoscenza del sistema Nibiru è così accurata che molti governi lo hanno considerato un’arma pericolosa, in grado di seminare il caos con i suoi annunci. Per impedire che la verità venga rivelata, i leader mondiali come Angela Merkel, Benjamin Netanyahu, Kim Jung-un, Theresa May e Salman bin Abdulaziz Al Saud hanno vietato al dottor Zhakarovich di entrare nelle rispettive nazioni, temendo che le sue parole possano scatenare potenziali insurrezioni e colpi di stato.

L’anno scorso, durante una trasmissione pre-registrata dello show televisivo tedesco Space and Beyond, il dottor Zhakarovich è stato rimosso forzatamente dallo studio e gettato in strada dopo aver espresso preoccupazione per Nibiru. Naturalmente, l’episodio non è mai emerso

Una nuova data, ancora

Ora, il dottor Zhakarovich fa nuova luce sulla data di arrivo. Aiutato da colleghi, il telescopio più potente della Russia e un supercomputer di ultimagenerazione, afferma che Nibiru sarà chiaramente visibile nei cieli del sud tra il settembre e il dicembre 2019 e renderà catastrofico il clima entro il 2020.

Ma né la nana bruna né i suoi pianeti rappresentano la più grave minaccia per la Terra, dice. I maggiori pericoli sono i trilioni di asteroidi e micrometeoriti che accompagnano il sistema Nibiru.

Il problema maggiore sono i detriti

“Mentre Nibiru attraversa lo spazio nel suo viaggio di 3600 anni, raccoglie ogni tipo di oggetto celeste. Questo vortice di spazzatura spaziale rappresenta una doppia minaccia per noi, perché la Terra passerà due volte in questa tempesta cosmica. La schermatura atmosferica che protegge la Terra dai piccoli asteroidi sarà sopraffatta dalla mole di detriti, consentendo a grandi asteroidi di colpire il pianeta e devastare le nostre città”.

Il problema non è il sistema ma la scia di detriti spaziali che si porta dietro  

Inoltre, gli asteroidi all’interno del sistema Nibiru ereditano proprietà dalla stella oscura stessa; Molti sono costituiti da ferro di magnesio, circondato da una guaina porosa che permette effettivamente di penetrare la nostra atmosfera senza disintegrarsi.

Osserviamo i cieli meridionali

La distanza di Nibiru alla terra è circa di 156.000.000 miglia e la velocità trasversale di 6.000 mph; Questa velocità, aggiunge, fluttua a seconda della posizione perpendicolare di Nibiru rispetto ai corpi astronomici vicini.

“Non credo che Nibiru sarà la fine per tutta la vita sulla Terra”, ha detto il dottor Zhakarovich, “ma cercherà di ucciderci. Purtroppo, molti capi di stato pensano di risparmiare e non si preoccupano delle persone che governano. Nibiru presenterà loro il conto. Non credo che la nostra civiltà sia così tecnologicamente avanzata per difendersi dal rosso distruttore”.

In chiusura, il dottor Zhakarovich esorta le persone nell’emisfero meridionale a mantenere una vigilanza dei cieli notturni, nel caso che Nibiru arrivi molto prima del previsto. Fonte pubblicazione nibiru2012.it

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/

Almanacco di aprile 2017


C’è l’Armageddon all’orizzonte?

di Paul Craig Roberts. Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras.

L’incosciente spensieratezza del mondo occidentale è straordinaria. Non sono solo gli americani a permettersi di essere sottoposti al lavaggio del cervello da parte di CNN, MSNBC, NPR, il New York Times e il Washington Post, ma anche le loro controparti in Europa, Canada, Australia e Giappone, che si affidano alla macchina della propaganda di guerra che si atteggia a essere un normale mass media.

http://www.bbc.com/news/world-us-canada-39573526.

I “leader”, occidentali, cioè i burattini che si trovano alla fine dei fili manovrati da potenti gruppi di interesse privati e dallo Stato Profondo, sono altrettanto incoscientemente spensierati. Trump e le sue controparti nell’Impero Americano devono essere inconsapevoli del fatto che stanno provocando la guerra con la Russia e la Cina, altrimenti sono psicopatici. Continua a leggere QUI


Siccità biblica in Italia
 
Furono avvertite tempo fa le varie associazioni di agricoltori che ora si disperano e si stracciano le vesti: se continuerete ad ignorare la geoingegneria clandestina, in particolare tutte le operazioni che provocano siccità, impedendo le piogge con le inseminazioni igroscopiche delle nubi basse, vi ritroverete con i raccolti falcidiati dalla carenza, anzi assenza di precipitazioni. E’ quello che è successo ed ora pare troppo tardi per intervenire: dall’aridità alla carestia il passo è breve… 
 
Agricoltori costretti ad irrigare il grano: “In aprile non era mai successo”. Fiume in secca come in piena estate. Coldiretti preoccupata: a rischio i raccolti. Continua a leggere QUI
 
“VACCINARE E’ UN ATTO D’AMORE”: PAROLA DI BURIONI”
 
di Marcello Pamio 13/4/2017 
 
Accendi la tv e appare; sintonizzi la radio e la sua voce si diffonde nell’etere; acquisti un giornale e lo intervistano; entri in un social ed è pure lì.
Di chi stiamo parlando? Magari fosse la Madonna, purtroppo è Roberto Burioni, il virologo più famoso d’Italia e quello certamente anche col maggior tempo libero.
Il professore ordinario di microbiologia e virologia al San Raffaele di Milano è l’emblema del pro-vaccini per antonomasia. Uomo di punta di quel Sistema che difende a spada tratta i farmaci, i vaccini, le industrie che li producono, in una parola: il paradigma.
Continua a leggere QUI
 
Cosa sono le fake news? 
La non-risposta della Commissione Europea 
 
di Dario Tamburrano 15/04/2017
 

Non le definisce, non dice chi l’ha incaricata di contrastarle, ma continuerà ad incitare Google e Facebook a lottare contro di loro. E’ l’esito della nostra interrogazione.

E’ finalmente arrivata la risposta alla nostra interrogazione sulla lotta promossa dalla Commissione Europea alle fake news e che può in realtà colpire la pluralità di espressione su internet. Abbiamo ricevuto un testo che potrebbe risultare adeguato se, anziché presentare un’interrogazione, avessimo chiesto alla Commissione Europea di scrivere un temino da terza media sulle fake news, mentre noi avevamo posto tre domande precise che vengono accuratamente aggirate. Continua a leggere QUI

 
Ma quali sono le “notizie false”?
 
 
 
A quanto pare, il problema principale sembrerebbe essere proprio la visibilità che questi nuovi strumenti della socializzazione virtuale garantiscono alle cosiddette “bufale”. Tutti discettano di tutto: di che meravigliarsi dunque se circolano notizie false? Uno può raccontare di essere in vacanza ai tropici pubblicando foto di fantastiche spiagge accompagnate da commenti estasiati; un altro può darsi l’aria di essere un cuoco sopraffino sfornando foto di manicaretti non suoi; e c’è anche chi è specializzato nella proliferazione di profili falsi, che tuttavia non hanno mai preoccupato nessun “amministratore” (io stesso potrei avere questo tipo di “amici” tra i miei contatti). Quindi dove sta il problema? Continua a leggere QUI
 
La terra come campo di concentramento elettronico
 
di Nicolas Bonal dedefensa.org
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di VOLLMOND
 

Siamo tutti contenti di perdere il nostro tempo nella rete (filet, in latino), di pescare qua e là dei pesci d’oro e delle informazioni, di perdere il tempo che avremmo potuto impiegare coltivando il nostro vero giardino. Ma come nel paese dei balocchi di Pinocchio, c’è un prezzo da pagare. Infatti si vive avvolti nella tela del ragno. Nel mio libro sul web cito i salmi e poi Giobbe:

«Allora Giobbe denuncia la tela del ragno mondialista … : « … così perisce la speranza degli empi. La sua fiducia non è che fibrosa, la sua sicurezza, una tela di ragno». (8, 15) «L’empio si è costruito una casa simile alla tela di un ragno». (27, 18) Continua a leggere QUI

 
La Pianta Sacra degli Inca
che combatte i prodotto transgenici
 
17 Marzo 2017 
dal Sito Web EcoPortal 
traduzione di Nicoletta Marino 
 

L’Amaranto, 
la pianta sacra degli Inca 
sfida il gigante Monsanto. 
Entrano in panico gli agricoltori degli Stati Uniti 
per la presenza dell’Amaranto nelle loro coltivazioni. 
La filiale americana di Monsanto 
non sa che fare con l’Amaranto (Kiwicha) 
che è apparsa recentemente 
in migliaia di ettari di soia
 
Per Monsanto gli Incas sono una maledizione.
 
Negli Stati Uniti, gli agricoltori hanno dovuto abbandonare cinquemila ettari di soia transgenica e altri cinquantamila sono gravemente danneggiati dalla presenza dell’amaranto, la frutta sacra degli Incas che combatte le coltivazioni transgeniche.
 
Nel 2004 un agricoltore di Atlanta ha comprovato che alcuni germogli di amaranto (kiwicha in Perù) erano resistenti al potente erbicida Roundup
 
I campi vittime di questa invasione della “erba cattiva” erano stati seminati con chicchi Roundup Ready, che contiene un seme che ha ricevuto un gene resistente all’erbicida.
 
Da allora la situazione è peggiorata e il fenomeno si è esteso in:

  • Carolina del Sud e del Nord
  • Arkansas
  • Tennessee
  • Missouri 

Continua a leggere QUI

Realtà e Illusione – Viviamo in un Mondo Virtuale?
 

“La realtà è una illusione molto persistente.” A. Einstein

Fin dalla più remota antichità una frangia culturale trasversale – spaziante dalla fisica alla spiritualità, alla matematica, alla filosofia – asserisce che la realtà in cui viviamo sarebbe solo un’illusione.
Teorie affascinanti ma non dimostrabili, che per lungo tempo hanno occupato nicchia nell’immaginario collettivo occidentale, fino al giorno in cui alcuni scienziati le hanno esaminate sotto una nuova luce, quella della fisica quantistica.
Secondo quanto asserito da alcune stupefacenti sperimentazioni – infatti – ciò che percepiamo come materiale, tangibilmente reale – comprese le nostre stesse persone – potrebbe essere il frutto illusorio della interazione della ‘coscienza’ con una infinita serie di impulsi lumino-elettrici-informatici i quali si manifesterebbero in un ambiente ignoto, forse neutro come il programma ‘struttura’ del film Matrix, o forse no. Un ambiente che – in ultima analisi – potrebbe esistere solo all’interno della coscienza, o coincidere con essa.
Continua a leggere QUI

Basta con quest’informazione OGM!

di Enrico Galoppini

Che questo sistema ed i suoi difensori a spada tratta sentano oramai il fiato sul collo di un sacco di gente stufa di essere raggirata e che cominciato, da un po’ di tempo a questa parte, ad insospettirsi che “qualcosa non va” e che vuole sapere ed informarsi al di là dei consueti canali “ufficiali” è un dato talmente evidente da far risaltare come patetici e goffi i tentativi di mantenerlo in piedi raccontando sempre le stesse storielle.

Si va dalle trite e ritrite versioni ufficiali sulla storia del Novecento (e non solo) a riproposizioni delle stesse indiscutibili “verità” politiche, scientifiche ed economiche. In certi momenti, ascoltando o leggendo gli esponenti di una “cultura ufficiale” sempre più arroccata sulle posizioni, sembra di stare fermi alla seconda metà dell’Ottocento, quando garrivano gli stendardi del mito del Progresso che avrebbe “liberato” per sempre l’umanità da secoli di “oscurantismo”.

A sentire certi soloni dell’accademia, della “divulgazione scientifica” e del giornalismo, attaccati pervicacemente a quell’idea di Progresso, oggi vivremmo in un mondo gravemente minacciato da una “superstizione” di ritorno, veicolata, tanto per non farci mancare “le streghe”, da internet e dai “social media”, divenuti, secondo costoro, un qualche cosa a metà tra dei mezzi d’informazione veri e propri e la chiacchiera da bar.

Sono preoccupazioni, queste ultime, emerse dal Festival del giornalismo alimentare che si tiene a Torino in questi giorni e del quale il tg regionale del Piemonte ha dato conto ospitando un docente del locale ateneo. Il quale, prendendola alla larga e citando in ordine sparso “avvelenatori medievali” e persino cannibali (!), ha messo in guardia gli ascoltatori dalle nuove “paure” messe in circolazione nei suddetti “bar virtuali” al riguardo di un tema importante come quello dell’alimentazione.

Il sottoscritto, che ormai ha fiuto – oserei dire

capacità di “premonizione” – appena un soggetto di questi ben integrati apre bocca, ha immediatamente capito dove si voleva andare a parare: la difesa degli Ogm. O l’attacco a coloro che li criticano, il che è la stessa cosa.

Dopo la premessa pittoresca utile a denigrare e ridicolizzare chi ha da obiettare al riguardo degli organismi geneticamente modificati, si è arrivati al dunque: “si teme addirittura che possano avere capacità mutagene”. Come dire: l’ennesima “bufala”!

Perché, è stato dimostrato forse il contrario? E cioè che questo cibo-non-cibo – questo cibo incapace di riprodursi (!) e dunque più vicino alla materia inerte che alla vita – è esente da controindicazioni e danni per la salute dell’uomo? Assolutamente no.

È la stessa storia dei vaccini: voi intanto vaccinatevi per tutto, anche per il semplice stare al mondo, ché poi se vi viene qualcosa di grave o anche “solo” debilitante ci penseranno gli “studi scientifici” a “dimostrare” che non vi è alcuna relazione tra patologie o danni permanenti insorti – guarda un po’ – subito dopo un vaccino, e la somministrazione di sostanze sature di elementi che non dovrebbero essere inoculate in un organismo sano al solo fine di “prevenire” certe malattie.

Se poi vogliamo parlare di cosiddette “scie chimiche” si rasenta la follia. Proprio a Torino, mentre tutto “il problema” sembra essere circoscritto ai motori diesel (hai visto mai che il mitico “mercato dell’auto” riceve una spintina a causa dei divieti di circolazione delle euro 4?) e non all’insensato e pervicace abuso dell’automobile, i cieli vengono irrorati senza pietà ed infine “velati” da inquietanti (ma sicuramente “innocue”: lo dicono gli “scienziati”!) coltri biancastre che, in una prima fase, sono le famose “scie chimiche” persistenti in forma di scia per un tempo inspiegabile se si trattasse di sole “scie di condensazione”. Nelle giornate di “bel tempo” (che non prevedono più nubi, beninteso) è cosa ordinaria osservare l’evolversi di questo crimine perpetrato sulle nostre teste, anche se si trattasse di generico “inquinamento”.

Ma anche alzare il naso all’insù pare esser diventata attività da cospirazionisti e paranoici, come quelli che insistono nel dire, argomenti alla mano, che gli Ogm fanno male e basta, anche se i loro creatori fan di tutto per renderceli simpatici e necessari (“fame nel mondo” ed altri ricatti e/o disastri fabbricati per renderli “indispensabili”: creazione del problema e “soluzione” del problema).

La soluzione è comunque a portata di mano: fare del “buon giornalismo”! Parola dell’accademico, dell’intervistatrice e, naturalmente, del “festival” dove avranno servito, presumibilmente, un buffet a base di Ogm, giusto per dare l’esempio e dimostrare che tutta questa delizia non nuoce alla salute, anzi fa bene, benissimo, come gli ‘ingredienti’ di quei pasticci che sono i giornali e i tigì.

Fonte: http://www.ildiscrimine.com/ 

Tra il lusco e il brusco – il crepuscolo dell’informazione

La Repubblica pubblica fake news

di Massimo Mazzucco
Pubblicato: 19 Febbraio 2017

Nella versione online di oggi La Repubblica ha publicato la seguente notizia, intitolando: “Usa, morto lo “sceicco cieco”: la mente dell’attentato alle Torri Gemelle del ’93 – È MORTO in un carcere di massima sicurezza in North Carolina lo “sceicco cieco” egiziano Omar Abdel Rahman. Era considerato la mente del primo attentato al World Trade Center, quello compiuto il 26 febbraio del 1993, quando nel parcheggio sotterraneo di una delle Torri gemelle fu fatto esplodere un pulmino imbottito con oltre 600 chili di esplosivo che provocò la morte di 6 persone.”

Omar Abdel Rahmannon fu affatto la mente dell’attentato al WTC del ’93. Come si evince chiaramente da questo video, fu la stessa FBI ad organizzare l’attentato, tramite il proprio infiltrato Emad Salem, “dimenticandosi” poi di sostituire la bomba vera con una falsa. Un “errore” che costò la vita a 6 persone.

Da oggi denunceremo sistematicamente qualunque fake news pubblicata dalle testate mainstream.

Denunciamo le fake new

https://www.luogocomune.net/ 

____________________________________________

Fake news: ecco a voi la censura perfetta!
Il Grande Fratello sferra l’ultimo attacco
Marcello Pamio – 19 febbraio 2017

La mannaia della censura viene ogni tanto tirata fuori e fatta oscillata nell’aria, questo da almeno 15 anni senza risultati. Oggi purtroppo sembra che le cose stiano accelerando.

E’ di questi giorni infatti una proposta in Senato che farebbe concretizzare il più grande timore per i diritti e le libertà: il Grande Fratello di stampo orwelliano.

Prima però andiamo a fare un salto nella Commissione Europea, perché lo strumento nelle mani dei potentati economici è stato il primo a incitare alla “lotta contro le fake news”, ossia la lotta contro le notizie false.

Il tutto è iniziato con la guerra contro l’incitamento all’odio su internet, sfociata nel maggio 2016 in un codice di condotta concordato fra la Commissione e le grandi società tipo Youtube e Twitter. Questo era solo l’inizio…

Il passaggio dall’odio sul web alle fake news è stato immediato.

Per le cosiddette notizie false l’establishment è preoccupato, e non è un caso infatti che esso abbia attribuito alle fake tre fatti alquanto sgraditi: la Brexit, cioè l’uscita dell’Inghilterra dall’euro la vittoria del no alla modifica costituzionale in Italia e l’inaspettata vittoria di Trump negli States.

Secondo il Sistema, almeno in questi tre casi i canali di informazione alternativi sul web avrebbero giocato un ruolo decisivo (sorvoliamo sul magistrale lavoretto fatto dagli hacker russi che hanno impedito brogli e manipolazioni dei voti alle presidenziali, cosa questa normalissima e frequente, permettendo così la vittoria di Trump)…

E’ bene ricordare che tutti i media inginocchiati al regime scrivevano all’unisono e a caratteri cubitale che la Gran Bretagna se usciva dall’euro sarebbe precipitata nel baratro economico, flagellata da cavallette e locuste; qui da noi se avesse vinto il no al referendum costituzionale saremo tornati in pieno medioevo, e negli States tutti avevano già pronti gli articoli per la vittoria scontata di Killary Clinton. Ma le cose sono andate diversamente… Continua QUI

______________________________________

 

Le Fake News dei media contro Trump? Il Presidente USA aveva ragione sulla Svezia (Telegraph)! Sembra quasi propaganda fascista….

Il vaso è colmo, adesso basta! Queste sono le parole che disse mio nonno un giorno, nella mezzo della sua gioventù, quando decise di opporsi al nazifascismo.  Dunque, 75 anni dopo, con la redazione di Scenarieconomici.it abbiamo deciso di mettere in piedi una centrale sulle fake news, seria, documentata, fattuale, per evidenziare l’esistenza di un enorme problema. Vi faremo sapere gli sviluppi.

Quello che temo è scoprire che sono proprio i media mainstream a diffonderle, vedremo. La ragione? Mi dilungherei troppo, mi limito a dire che lo scopo facilmente è non fare comprendere alla gente che disastro hanno combinato i governi degli ultimi anni (…). Disastro che si traduce in crisi economiche a cui contribuiscono con loro miseria solo le classi media e bassa, invece le elites globali di stampo neofeudale esplodono di gioia e ricchezza.

Ho visto troppe bugie sui media in questi ultimi tempi, e lo dico senza partigianeria. Continua QUI

_____________________________________

Bufale giganti: per seppellire indizi sui “giganti” veri?

Scheletri di giganti alti 4 metri, scoperti in America e subito occultati: scoperta clamorosa, ma “insabbiata” da una autorevolissima istituzione scientifica come la Smithsonian Institution, un glorioso organismo scientifico finanziato dal sul web in diversi blog, avrebbe «costretto la Smithsonian Institution a rilasciare i documenti classificati risalenti agli inizi del 1900 che dimostrano che l’organizzazione è stata coinvolta in una grande, storica copertura di prove». Documenti che proverebbero «la scoperta di migliaia di scheletri di giganti umani rinvenuti in tutta l’America: fu ordinato di distruggerli dagli amministratori di alto livello per proteggere la principale cronologia corrente dell’evoluzione umana». Davvero? Niente affatto: quegli scheletri non sono mai stati distrutti. E per un semplice motivo: non sono mai esistiti. Lo ripetono in coro altre fonti, sempre su Internet, secondo cui la storia rientrerebbe tra le classiche “fake news”, sempre più in voga per gettare discredito sulle vere notizie che circolano sul web, disturbando gli omertosi silenzi del mainstream. Continua QUI  

______________________________________

La libertà è cosa per pochi  

Didi Bozzini

In un Paese nel quale si vendono oltre centomila copie di È tutta vita di Fabio Volo o La dieta dei gruppi sanguigni (non un ricettario per vampiri, ma l’ennesima guida all’alimentazione sana) del dott. Mozzi, bisognerebbe costituire un comitato di pubblica igiene mentale che si incaricasse della diffusione dei libri di Aldo Busi. È chiaro che in un tale clima di sentimentalismo adolescenziale e isteria salutista, che altro non sono se non i baffi finti della gerontocrazia più cinica e dell’economia più cancerogena, questo resterà un auspicio vano. Quindi, mentre le folle continuano a ruminare idiozie languide e paraecologiche, noi ci accontentiamo di attirare l’attenzione di pochi lettori su una sola pagina dell’autobiografia non autorizzata che lo scrittore ha intitolato Vacche amiche. Una pagina, la numero 104 del volume, nella quale è racchiuso il nucleo dell’etica di Busi. 

La libertà non è un diritto, è un sapere costante nel tempo, una capacità di resistenza alla tentazione di asservirsi, una curiosità per le lande più inesplorate del cervello umano a contatto con il mondo ma innanzitutto a contatto con se stesso, a cui ritorna e a cui deve dare conto di quanto ha fatto fuori il suo portatore. Continua QUI