Archivi tag: bomba atomica

TERRA COME ARMA, GEOENGINEERING COME GUERRA

VIDEOCONFERENZA Laboratorio per l’Alternativa Politico-Culturale AlterLab  Dopocena domenica 20 Ottobre alle ore 21.00.   Dal titolo: ” Pianeta Terra Ultima Arma di Guerra”  Relazione di: Maria Heibel

Ndr: riporto qui solo una parte (interessante) del corposo articolo pubblicato da https://www.nogeoingegneria.com/

 

Cosa si poteva fare per sciogliere i ghiacci? Che tipo di progetti c’erano? E’ una fantasia assurda o ha qualche fondamento?

Dopo la Seconda Guerra Mondiale furono avanzate proposte di fusione delle calotte polari da figure ben note, come il primo direttore generale dell’UNESCO Julian Huxley nel 1946 (bomba nucleare) oppure un alto funzionario presso il US Weather Bureau, l’ingegnere petrolifero russo Petr Mikhailovich Borisov. La sua proposta per scioglierli fu quella di spargere sulla superficie polvere di carbone.

I ghiacciai neri  della Groenlandia  e dell’ Himalaia non possono che suscitare un certa perplessità. Borisov non era considerato uno scienziato pazzo. Il suo lavoro era di grande interesse per il governo sovietico, che stava già finanziando una vasta gamma di ricerche con l’intento di riscaldare l’Artico e tutto questo per il semplice motivo che la Russia ha larghe aree molto fredde. Circa il 63 per cento della Russia è coperta da permafrost, considerato un ostacolo significativo per lo sviluppo della Siberia.

Altro nome di spicco in questo contesto era Harry Wexler, considerato il padre del mondo satellitare, nominato dall’amministrazione Kennedy capo negoziatore statunitense per discutere l’utilizzo congiunto di satelliti meteorologici con l’unica altra potenza spaziale del tempo, l’Unione Sovietica. Il ‘genio Wexler’ della NASA fece delle proposte ben precise su come influenzare clima e meteo. Nel bel mezzo della Guerra Fredda, lui e il meteorologo russo Viktor A. Bugaev posero le basi per un sistema di monitoraggio meteorologico globale.  

Le Proposte di Wexler erano le seguenti:

– AUMENTARE LA TEMPERATURA DELLA TERRA DI 1,7°C iniettando una nube di cristalli di ghiaccio nell’atmosfera polare e facendo esplodere 10 BOMBE NUCLEARI NELL’OCEANO ARTICO;

– DIMINUIRE LA TEMPERATURA DELLA TERRA DI 1,2° C, “lanciando un anello di particelle di polvere intorno all’orbita equatoriale”;

– DISTRUGGERE LO STRATO DI OZONO e di conseguenza aumentare nettamente la temperatura superficiale del pianeta, irrorando diverse centinaia di migliaia di tonnellate di cloro e bromo con aerei stratosferici.

Harry Wexler era più che qualificato per poter parlare autorevolmente di clima, di cambiamento climatico e di climatizzazione e lui non era tanto  preoccupato della travagliata storia delle modificazioni delle nubi (cloud seeding) che influenzavano piogge, grandine, nevi  e nebbie, tempeste etc  a livello locale, ma della manipolazione planetaria (pacifica o ostile è secondario) e degli effetti.

Nei suoi discorsi pubblici sul controllo del clima, sottolineò il ruolo crescente dell’inquinamento e dell’uso di razzi sonda ( per la diffusione di sostanzecon effetti deleteri. Wexler aveva iniziato a mettere in guardia, ma morì all’ improvviso.

Stratega geopolitico e geofisico importante in quei anni  era Gordon MacDonald. MacDonald, membro dell’Organo di Consulenza Presidenziale tracciò possibili scenari futuri nel suo saggio ‘Come devastare l’ambiente” ( dal libro ‘ Unless Peace Comes’ del 1968),  scaricabile in rete e tradotto da noi.

In quegli anni la bomba nucleare veniva considerata efficace per molti usi, tra questi la modifica del  clima e della geofisica della terra. Uno degli usi immaginati era la detonazione sotto le calotte dell’ artico, per fare staccare montagne di ghiaccio.

MacDonald includeva, nel suo abbozzo di  futuri strumenti di manipolazione, l’uso distruttivo delle onde dell’oceano (tsunami),  la fusione o destabilizzazione delle calotte polari (manipolazioni, spostamenti, fusione di enormi superfici di ghiaccio), uragani controllati, la riduzione intenzionale dell’ozono, il raffreddamento e il riscaldamento del pianeta  (raffreddare introducendo materiali nell’alta atmosfera capaci di assorbire i raggi in entrata o riscaldare trattenendo il calore in uscita) … Aveva scritto nel suo saggio:

un meccanismo esiste per modificare catastroficamente il clima della Terra. Il rilascio di energia termica, forse attraverso esplosioni nucleari lungo la base di uno strato di ghiaccio, potrebbe avviare uno scorrimento verso l’esterno della coltre di ghiaccio che sarebbe poi sostenuta dall’energia gravitazionale…

Nella regione artica ebbero luogo numerose esplosioni nucleari. Uno dei più grandi impianti militari per  test nucleari era sull’isola di Novaja Zemlja, dove dal 1955 al 1990 l’Unione Sovietica fece esplodere 88 bombe in atmosfera, 29 sottoterra, e 3 sott’acqua.  Nell’Artico russo , dove le bombe nucleari vennero utilizzate alla fine del 1980 per studi sismici, minerali, e nel tentativo di spegnere incendi di qualche giacimento di petrolio, vi furono decine di esplosioni nucleari. (Fonte).

Scrivevano  Rapetto-di Nunzio:

Oleg Kalugin, alto funzionario del Kgb, nel 1994 racconta a un quotidiano londinese che l’ex Unione Sovietica stava approfondendo la possibilità di realizzare ordigni geofisici in grado di provocare terremoti e onde anomale oceaniche allo scopo di devastare il territorio statunitense. Mitologia di una Guerra fredda che non vuole esser dimenticata? Leggende metropolitane da abbinarsi a quelle dei mangiatori di bambini? E allora che dire delle attività sismiche anomale – rilevate addirittura in Iran – al verificarsi delle esplosioni sperimentali nei test nucleari sotterranei sovietici nel poligono di Semipalatinsk in Kazakhistan?”  

La fantasia agli scienziati non mancava, specie a Edward Teller, padre della bomba termonucleare

Risultati immagini per edward teller shield

Teller mostrò nel corso degli anni una sorprendente capacità di far rinascere un progetto a lui evidentemente molto caro. Molti ricordano il cosiddetto scudo stellare SDI (1983) passato alla storia come sistema di “guerre stellari” , poi bocciato. L’ SDI si trasformò in seguito in uno scudo per la difesa ambientale (1992)  per poi presentarsi in versione attualizzata come scudo solare (SRM) in cerca di consensi.  La proposta di controllo climatico nel memorandum della CIA nel 1960 venne ripresa in forma  dettagliata  da Teller e Wood nello scudo di  ultima versione, e presentato al seminario annuale sulle emergenze planetarie al centro Majorana di Erice 1997. Il titolo era esplicito: “Effetto serra e glaciazioni. Prospettive per un meccanismo di regolazione dei cambiamenti globali su basi fisiche”.

Nel rapporto del seminario si leggeva, tra l’altro, quanto segue:

suggeriamo l’impiego di scatterers che rimandino indietro nello spazio circa l’uno per cento della radiazione solare che oggi arriva sulla Terra: tanto quanto basterebbe per scongiurare il surriscaldamento globale. D’altra parte quando, come ci si aspetta, arriverà una delle cicliche ere glaciali, un analogo tipo di scatterers potrebbe essere impiegato per impedire l’uscita di quel tre per cento della radiazione termica terrestre necessario per mantenere le nostre temperature medie ottimali e evitare che il nostro pianeta precipiti nel gelo delle glaciazioni….” Troppo freddo  o troppo caldo, il rimedio è offerto. 

E come funzionava?

La proposta era di 1) Rilasciare con razzi, palloni, aerei uno spray di ossidi di zolfo (SO2 o SO3) da disperdere in stratosfera emulando un’emissione simile a quella prodotta dal vulcano filippino Pinatubo; 2) particelle di alluminio allo stato cristallino (Al2O3) da immettere in stratosfera.

Cose grandiose di questo genere furono già fatte in passato. Irrorare  il pianeta  non era una proprosta nuova. Nel 1963, con il  progetto WEST FORD, fu creato una  ‘ciambella’ di particelle  intorno al pianeta, un campo di trasmissione di radioonde artificiali generate da minuscoli dipoli irrorati nello spazio. L’Air Force lanciò un razzo mettendo in circolazione 480 milioni di minuscoli aghi di rame. Visto che le comunicazioni internazionali erano inviate attraverso cavi sottomarini, l’esercito degli Stati Uniti si mostrava preoccupato del fatto che i sovietici (o altri ) potessero tagliare i cavi, pertanto diventava necessario comunicare oltremare solo via ionosfera. Quindi nel mese di maggio 1963 la US Air Force lanciò questi  aghi di rame di minuscola dimensione creando per breve tempo un anello che circondava l’intero globo.

’60 anni dopo, la ciambella-anello  intorno al globo  è diventata un ombrellone e dovrebbe avvolgere il pianeta intero.

Un anno prima delle pubblicazione di Teller e Wood fu presentato nell’agosto del 1996 il documento  Owning the weather in 2025”ovvero essere padroni del clima entro il 2025 (documento tradotto sul sito).

Il documento parla di applicazioni militari riguardanti modifiche del tempo atmosferico le quali possono creare “fenomeni atmosferici di piccola e media scala” utili a migliorare la posizione tattica delle proprie truppe degradando quella dell’avversario, utili ad innescare violenti temporali attraverso l’inseminazione delle nubi per via aerea, utili a consentire la generazione/dissipazione di nebbia con tecniche di energia diretta, e tanto altro ancora …Questo documento (tradotto) illuminante è ampiamente trattato anche da Umberto Rapetto e il generale Mini.

E per concludere:

Ho trovato recentemente uno studio del 1998 di Jay Michaelson con il titolo: “Geoengineering: A Climate Change Manhattan Project. Geoingegneria: un progetto Manhattan per il cambiamento climatico” pubblicato nello Stanford Environmental Law Journal, vol. 17, No. 73, 1998.  Michaelson sosteneva in questo scritto corposo di 53 pagine la necessità urgente di avviare immediatamente progetti di geoingegneria e proponeva un progetto tanto vasto e segreto quanto lo era il progetto Manhattan.

Coincidenza:  dal 1998 sono stati denunciati – prima in USA/ Canada in seguito in altri paesi del mondo, ormai su tutto il globo – cieli modificati.

Questo studio presentava la prima analisi giuridica, politica e scientifica della geoingegneria.

RIASSUMENDO – COSA FARE

Rosalie Bertell indica  nel caos climatico e meteorologico, oggi definito con la sigla ‘cambiamento climatico’, la più grande minaccia del nostro secolo. Questo caos è determinato dalla manipolazione dei strati atmosferici a mezzo di agenti chimici e impulsi elettromagnetici.

Per oltre 50 anni gli esperimenti sulle modificazioni atmosferiche sono stati fatti o tramite l’aggiunta di reagenti chimici che causano reazioni che possono essere o non essere viste dalla Terra, come le aurore boreali , o campi d’onda che usano il calore o forze elettromagnetiche , o anche esplosioni nucleari nell’atmosfera. Quest’ultime interrompono o alterano il normale moto ondoso delle atmosfere più alte, spesso inducendo modificazioni climatiche nella troposfera.

Gli elementi chimici rilasciati nell’atmosfera comprendono bario clorato, bario nitrato, bario perclorato e bario perossido. Sono tutti infiammabili e distruttivi dello strato di ozono. …Sebbene questi esperimenti facciano chiaramente parte dell’ambizione militare di controllare il clima come arma, non si ha traccia di rapporti pubblici sulle conseguenze sul clima. Viene invece data la colpa dello svuotamento dell’ozono ai deodoranti per il corpo, all’acqua di colonia, agli spruzzatori e distributori di farmaceutici!

Bertell riassume molteplici aspetti della manipolazione.

Appare oggi chiaro che si può ‘pilotare’ la corrente a getto, definendo la linea di demarcazione fra aria calda e aria fredda nelle regioni geografiche; o manipolare le grandi correnti di vapore che spostano la pioggia dai tropici alle zone temperate, causando siccità o inondazioni. Gli episodi naturali di instabilità come monsoni, uragani, tornado, ecc. nellatmosfera possono essere accentuati aggiungendo energia. Liniezione di petrolio nelle placche tettoniche, o la creazione di vibrazioni artificiali con impulsi elettromagnetici possono causare terremoti.

Per Bertell non è la CO2 il problema principale nell’ estremizzazione del tempo atmosferico o del  caos climatico,  ma la guerra contro il pianeta e le guerre in generale.  I più grandi devastatori del pianeta sono le forze militari, sono le guerre, la preparazione alle guerre e non per ultimo  le guerre invisibili e nascoste.

Quindi cosa c’è da fare? La risposta è semplice. La via principale di uscita  dalla devastazione del pianeta e la sua  salvezza è di  uscire dal Sistema Guerra. Stiamo di fronte a rischi inimmaginabili e a guerre ormai “finali” grazie agli strumenti a disposizione. Le guerre devono essere abolite! Devono essere dichiarate quello che sono: Crimini!  Greta di queste cose non ne parla.   

E’ una utopia?

Rosalie Bertell aiuta ad immaginare uno scenario nuovo, senza guerre, senza distruzione.

Ha coniato un nuovo compito per il mondo militare e nuovo concetto di sicurezza, che definisce con il termine di “sicurezza ecologica” un nuovo paradigma che pone in primo piano la cura del pianeta e dei suoi abitanti.  Propone che il ruolo dell’esercito sia di protezione e la difesa dovrà  essere vera difesa, assistenza in caso di crisi ecologiche (e non mancano), l’ impegno deve essere in vere missioni di pace attraverso la diplomazia e il dialogo. Occorrono forti investimenti di risorse finanziarie e umane in tale direzione. Per poter invertire la rotta è necessario sensibilizzare tutti, a tutti i livelli, a questa nuova visione. Penso che molti militari sarebbero ben contenti di operare in questa logica.

Questo significa una inversione totale di rotta, che mette al centro la Terra e la vita.  Questo vuol dire diventare custodi e non più devastatori del pianeta che ci ospita. Vuol dire capovolgere una logica di morte. La nostra epoca richiede agli abitanti della Terra di evolversi moralmente e eticamente, unica via per affrontare le enormi conseguenze e minacce creati da menti immorali. E’ necessario un cambiamento epocale che richiede una nuova scienza con coscienza: a livello individuale e collettivo.

Deve nascere la consapevolezza di essere custodi e non padroni di una complessa, delicata  e meravigliosa rete di relazioni che pervade ogni aspetto della Terra e oltre.

E’ richiesto un salto quantico e cambiamento di paradigma.

Maria Heibel

Fonte articolo intero: https://www.nogeoingegneria.com/

___________***__________

Risultati immagini per planète terre la nuitAeroporto di Bruxelles, Belgio. Credito fotografico: OceAnne Sansoucis

Fonte https://www.geoengineeringwatch.org/

®wld

Hiroshima 6 agosto 1945: Il Grande Zero

Hiroshima, le foto che non volevano che vedessimo

I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki uccisero circa 250.000 persone e divennero il più terribile massacro di civili nella storia moderna. Tuttavia, per molti anni c’è stato un curioso divario nei registri fotografici. Sebbene i nomi di Hiroshima e Nagasaki fossero incisi nei nostri ricordi, c’erano poche immagini per accompagnarli. Ancora oggi, l’immagine nelle nostre menti è un misto di paesaggi devastati ed edifici in frantumi. Immagini scioccanti delle rovine, ma dov’erano le vittime?

Le forze di occupazione americane imposero una severa censura sul Giappone, proibendo qualsiasi cosa “che potesse, direttamente o per deduzione, disturbare la tranquillità pubblica” e la usarono per proibire tutte le immagini delle città bombardate. Le immagini sono rimaste classificate “top secret” per molti anni. Alcune immagini sono state pubblicate in seguito con mezzi diversi, ma non è normale vederle tutte insieme. Questo è l’orrore che non volevano che vedessimo e che non dobbiamo MAI dimenticare: 

1 Il momento in cui il tempo si è fermato

Tutti gli orologi trovati nel ground zero sono stati fermati alle 8:15, il momento dell’esplosione.

A una certa distanza dal luogo dell’esplosione, il calore era così intenso che praticamente tutto era vaporizzato. Le ombre dei parapetti erano impresse sulla superficie stradale del ponte Yorozuyo, 1/2 di un miglio a sud-sud-ovest dell’ipocentro. Inoltre, a Hiroshima, tutto ciò che restava di alcuni umani, seduti su panche di pietra vicino al centro dell’esplosione, erano i loro contorni

La fotografia sotto mostra i gradini di pietra di una banca in cui una persona è stata incenerita dai raggi di calore.

2 Il massacro

Il 6 agosto 1945, alle 8.15, la bomba atomica all’uranio esplose a 580 metri sopra la città di Hiroshima con un bagliore accecante, creando una gigantesca palla di fuoco e inviando temperature di superficie a 4000 ° C. Raggi di calore feroce e radiazioni esplodono in ogni direzione, scatenando un’onda d’urto ad alta pressione, vaporizzando decine di migliaia di persone e animali, fondendo edifici e tram, riducendo in polvere una città di 400 anni.

Casalinghe e bambini furono inceneriti all’istante o paralizzati nella loro routine quotidiana, i loro organi interni bollirono e le loro ossa carbonizzate in un fragile carbone.

Sotto il centro dell’esplosione, le temperature erano abbastanza calde da fondere cemento e acciaio. In pochi secondi, 75.000 persone sono state uccise o ferite a morte con il 65% delle vittime di età pari o inferiore a nove anni.

I decessi per radiazioni si stavano ancora verificando in gran numero nei giorni seguenti. “Per nessuna ragione apparente la loro salute ha cominciato a fallire. Hanno perso l’appetito. I loro capelli sono caduti. Macchie bluastre sono apparse sui loro corpi. E poi il sanguinamento è iniziato dalle orecchie, dal naso e dalla bocca”.

I medici “diedero ai loro pazienti iniezioni di vitamina A. I risultati furono orribili. La carne iniziò a marcire dal buco causato dall’iniezione dell’ago. E in ogni caso la vittima morì”.

Questa fotografia mostra un bulbo oculare di una vittima di una bomba atomica che ha avuto una cataratta di bomba atomica. C’è opacità vicino al centro del bulbo oculare.

  1. Hibakusha

Hibakusha è il termine ampiamente usato in Giappone riferito alle vittime dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki. La parola giapponese si traduce letteralmente in “persone colpite dall’esplosione”.

Loro e i loro figli sono stati (e sono tuttora) vittime di gravi discriminazioni a causa della mancanza di conoscenza delle conseguenze della malattia da radiazioni, che la gente riteneva ereditaria o addirittura contagiosa.

Molti di loro sono stati licenziati dal loro lavoro. Le donne di Hibakusha non si sono mai sposate, poiché molti temevano che avrebbero dato alla luce bambini deformi. Anche gli uomini hanno subito discriminazioni. “Nessuno voleva sposare qualcuno che potesse morire tra un paio d’anni”.

4 Yamahata, il fotografo di Nagasaki

Il 10 agosto 1945, il giorno dopo il bombardamento di Nagasaki Yosuke Yamahata, iniziò a fotografare la devastazione. La città era morta Attraversò le rovine oscure e i cadaveri per ore. Nel tardo pomeriggio, aveva scattato le sue ultime fotografie vicino a una stazione di pronto soccorso a nord della città. In un solo giorno aveva completato l’unica estesa documentazione fotografica delle conseguenze immediate del bombardamento atomico di Hiroshima o Nagasaki.

“Un vento caldo cominciò a soffiare – scrisse più tardi – Qua e là in lontananza vidi molti piccoli incendi, come i fuochi degli elfi, fumanti. Nagasaki era stato completamente distrutto”

Le fotografie del signor Yamahata sono il record più completo dell’attentato atomico visto nelle ore più immediate dopo l’attentato. Il New York Times ha definito le fotografie di Mr. Yamahata, “alcune delle immagini più potenti mai realizzate”.

Il signor Yamahata si ammalò violentemente il 6 agosto 1965, il suo quarantottesimo compleanno e il ventesimo anniversario del bombardamento di Hiroshima. Gli fu diagnosticato un tumore terminale del duodeno, probabilmente causato dagli effetti residui delle radiazioni ricevute a Nagasaki nel 1945. Morì il 18 aprile 1966 e fu sepolto nel Cimitero di Tama, a Tokyo.

Maggiori informazioni al Congresso giapponese.

Ulteriori informazioni e fonti: 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 , 7 , 8

 Lemigliori storie di Fogonazos (in inglese)

Scritto da Aberrón a las 8:30 | 880commenti

Fonte diretta; http://www.fogonazos.es/

®wld

Antiche Civiltà hanno sperimentato cose incredibili?

I testi suggeriscono che di 12.000 anni fa una bomba atomica è esplosa sulla terra distruggendo la civiltà? 

Questo testo di 12.000 anni fa rivela che in un lontano passato una bomba atomica esplose sulla Terra? 

Più di 12.000 anni fa, un evento incredibile ha lasciato un segno nell’antica civiltà indù. 

Innumerevoli testi antichi descrivono storie affascinanti che molti autori credevano, accadute migliaia di anni fa sulla Terra. Mentre molte antiche civiltà in tutto il mondo hanno lasciato un segno nella storia con innumerevoli scritture, monumenti e oggetti antichi che ci costringono a rivalutare ciò che sappiamo della storia, molti di questi racconti sono percepiti con la nozione di incredulità dagli studiosi mainstream. Alcuni chiamano questi racconti come mitologia, alcuni si riferiscono ad esso come al folklore, ma la verità è che ci sono innumerevoli testi antichi che indicano come antiche civiltà in tutto il mondo abbiano sperimentato cose incredibili, e si sono assicurati di documentarle nel modo migliore possibile. 

Per quanto possa sembrare discutibile, molte persone in tutto il mondo credono che ci sia un’alta probabilità che nel lontano passato, decine di migliaia di anni fa, l’umanità fosse stata visitata da esseri, non della Terra. Molte persone credono ancora che siamo stati visitati ancora oggi, e ci sono ampie prove che suggeriscono che siamo continuamente visitati dalle civiltà, non della Terra. Oggi, le prove delle visite possono essere trovate in innumerevoli immagini, video e registrazioni messe a disposizione del pubblico. Ci sono innumerevoli video e immagini di presunti avvistamenti UFO. Alcuni potrebbero non essere reali, ma alcuni potrebbero essere veritieri. 

Tuttavia, come avrebbe potuto l’umanità antica, migliaia di anni fa, documentare ciò che avevano visto? Immaginate di vivere 10.000 anni fa da qualche parte in India, e alzi lo sguardo verso il cielo e vedi quello che oggi si chiama UFO. Come potresti documentare meglio questa esperienza? 

Le antiche civiltà di tutto il mondo hanno fatto ricorso all’arte rupestre, ai petroglifi, ai geoglifi, all’arte della ceramica e persino alla scrittura. Dagli dei che discesero dal cielo, menzionati in numerose antiche culture in tutto il mondo, a incredibili “dischi” volanti menzionati dagli antichi egizi migliaia di anni fa, prove che suggeriscono che siamo stati visitati da antichi alieni si possono trovare tutt’intorno a noi. 

Possibili prove scritte di antichi contatti alieni e di tecnologie avanzate esistenti sulla Terra migliaia di anni fa possono forse essere trovate se diamo un’occhiata al Mahabharata e al Ramayana. 

Si ritiene che questi antichi testi documentino incredibili tecnologie e storie di ciò che molti credono siano la prova che gli alieni siano tra noi in carne e ossa. 

Il Mahabharata è una delle due grandi epopee sanscrite nell’antica India, l’altra è il Ramayana.

Consiste di 100.000 versi divisi in 18 parti o libri equivalenti a otto volte l’Iliade e l’Odissea combinati.

 Il sacrificio del serpente di Janamejaya. Credito dell’immagine: Wikimedia Commons.  

Questi antichi testi sono più di una narrazione storica.  

È una combinazione di fatti, storie di leggende e miti. 

Una vasta collezione di discorsi didattici scritti in una lingua meravigliosa, che alimentano tutta la mitologia indù e creano una delle principali religioni mondiali: l’induismo. 

Tra questi testi storici, vediamo una storia di un evento devastante che si è verificato migliaia di anni fa. Questo evento, incomparabile a qualsiasi altro storico anche nella storia antica, sembra molto familiare agli eventi che hanno scosso la storia moderna: l’uso di bombe atomiche. 

Lo storico Kisari Mohan Ganguli, sostiene che il Mahabharata e il Ramayana sono pieni di descrizioni di grandi olocausti nucleari che sembrano avere proporzioni incredibilmente più alte di quelle di Hiroshima e Nagasaki.  

Curiosamente, quando uno studente chiese al Dr. Oppenheimer se il primo ordigno nucleare esploso fosse quello di Alamogordo. durante il Progetto Manhattan, ha risposto … Beh. Nei tempi moderni, , certo 

Quindi, cosa dice quel testo antico? E come si può essere sicuri che descriva effettivamente un evento nucleare, che si è svolto sulla Terra migliaia di anni fa? 

 Un’illustrazione manoscritta della Battaglia di Kurukshetra, combattuta tra i Kaurava e i Pandava, registrata nell’epopea di Mahabharata. Credito dell’immagine: Wikimedia Commons. 

L’antico testo indù, il Mahabharata:  

“Gurkha, vola con un Vimana veloce e potente,
lanciato come un singolo proiettile
carico del potere dell’universo.
 

Una colonna incandescente di fumo e fiamme,
brillante come diecimila soli,
è aumentato con tutto il suo splendore. 
 

Era un’arma sconosciuta,
un fulmine di ferro,
un gigantesco messaggero di morte,
che ha ridotto in cenere
l’intera razza dei Vrishnis e degli Andhaka. 
 

I cadaveri erano così bruciati
da essere irriconoscibili. 

Capelli e unghie cadevano;
Le ceramiche si sono rotte senza causa apparente,
e gli uccelli diventarono bianchi. 
 

… Dopo poche ore
tutti i prodotti alimentari erano infetti …
… per sfuggire a questo fuoco
i soldati si gettarono nei torrenti
per lavarsi togliendosi il loro equipaggiamento.”

Un secondo passaggio:  

“Dense frecce fiammanti,
come una grande doccia,
emesso sulla creazione,
che comprende il nemico.
Una densa oscurità si insinuò rapidamente sui padroni di Pandava.
Tutti i punti di orientamento erano persi nell’oscurità.
Il vento feroce cominciò a soffiare
Le nuvole ruggirono verso l’alto,
inondando di polvere e ghiaia. 

Gli uccelli gracchiarono follemente … gli stessi elementi sembravano disturbati.  Il sole sembrava oscillare nei cieli La terra tremò, bruciato dal terribile calore violento di quest’arma.  

Gli elefanti hanno preso fuoco
e correvano avanti e indietro in delirio …
su una vasta area,
altri animali si accasciarono a terra e morirono.
Da tutti i punti cardinali, 
le frecce fiammanti piovevano continuamente e ferocemente.”- Il Mahabharata 

Il testo sopra descritto descrive un evento violento e terribile, che molti autori sostengono, può essere paragonato solo a una bomba nucleare che esplode sulla Terra. 

Tuttavia, ci sono molti altri riferimenti nel Ramayana che sembrano molto simili a quelli descritti nel testo sopra.  

Ma ci sono prove, oltre ai testi che sostengono la teoria che un ordigno nucleare è detonato sulla Terra migliaia di anni fa?  

Secondo i teorici degli antichi astronauti, c’è.  

Le prove, si noti che i teorici degli antichi astronauti, sono state trovate nel 1992, quando i ricercatori hanno scoperto nel Rajasthan, a 16 chilometri a ovest di Jodhpur, uno strato di cenere radioattiva, che copre un’area di circa otto chilometri quadrati.  

La radiazione era presumibilmente così intensa che oggi contamina ancora l’area.  

Gli antichi siti archeologici di Harappa e Mohenjo-Daro sono trattati come un altro importante elemento di prova: lì gli esperti hanno scoperto scheletri sparsi in tutta la zona quasi come se un evento improvviso ed estremamente distruttivo fosse avvenuto lì, devastando intere città.  

“(Era un’arma) così potente che potrebbe distruggere la terra in un istante Un grande suono in ascesa con fumo e fiamme E su di esso vi si trovava la morte …” – Il Ramayana

Quindi cosa è successo veramente migliaia di anni fa? Che cosa ha documentato l’uomo antico in questi antichi testi? È davvero possibile che un ordigno simile a una bomba atomica sia esploso sulla Terra, circa 12.000 anni fa?

Il Mahabharata e il Ramayana descrivono davvero le armi nucleari? Se sì, da dove venivano queste armi? Gli dei?

Se una bomba atomica è realmente esplosa in passato, avrà lasciato la prova visibile di un cratere? I teorici degli antichi astronauti dicono di sì e indicano un cratere con 2154 metri di diametro, situato a 400 chilometri da Mumbai. 

La data in cui il cratere si è formato, secondo gli esperti, va da 12.000 a 50.000 anni fa. 

Credito immagine in evidenza: Shutterstock 

https://ancient-code.com/  

*****************************

Articoli correlati:

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

“Le Sette città Rishi”

®wld