Archivi tag: Bibbia

Lilith, L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri

 

La terribile e sensuale Lilith: madre dei demoni e dea delle tenebre

In alcuni testi è descritto come un demone, in altri è un’icona di cui è stata una delle Dee più scure del paganesimo. Lilith è uno dei più antichi spiriti femminili conosciuti al mondo. Le sue radici si trovano nel famoso poema epico di Gilgamesh, ma si parla anche nella Bibbia e nel Talmud.

Nella tradizione ebraica, è considerato uno dei peggiori demoni, anche se in altre fonti appare come la prima donna creata sulla terra. Secondo alcune leggende, Dio a forma di Lilith come la prima donna. Lo fece nello stesso modo in cui creò Adamo, con l’unica differenza che invece di usare come materia prima solo terra pulita usava anche spazzatura e sporcizia. Tradizionalmente è stato considerato che Lilith significa “la notte”, ed è legato a attributi legati agli aspetti spirituali della sensualità e della libertà, ma anche con il terrore.

Antico demone Sumerico

Il nome di Lilith deriva dalla parola sumeriana “Lilitu”, che significa spirito del vento o demone femminile. Lilith è menzionato nella tavoletta XII dell’epica di Gilgamesh, un famoso poema epico dell’antica Mesopotamia risalente a un tempo intorno al 2100 A.C. Questa stecca è stata aggiunta al testo originale molto più tardi, verso 600 A.C., nelle sue traduzioni dopo l’assiro e l’Akkadian. Lilith è anche rappresentata dai rami di un albero in una storia di magia. È descritto insieme ad altri demoni, anche se i ricercatori non hanno ancora accettato di questo giorno se fosse un demone femmina o una dea delle tenebre. Allo stesso tempo, appare anche negli antichi testi ebraici, quindi è difficile scoprire chi l’ha menzionato per la prima volta. Tuttavia, sembra chiaro che fin dall’inizio della sua presenza nelle fonti scritte è legato alla stregoneria sumeriana.

Sollievo Burney, Babilonia (1800 A. C. – 1750 a.c.). Alcuni esperti, come Emil Kraeling, hanno identificato la figura femminile del sollievo come Lilith, basata su una errata interpretazione di una traduzione obsoleta del poema di Gilgamesh. (CC BY-SA 3,0)

Nel Talmud babilonese, Lilith è descritto come uno spirito oscuro con una sessualità pericolosa e incontrollabile. Si è contata su di lei che si fertilizza con lo sperma maschile che non fertilizza nessuna donna, generando così demoni. Così, è considerata la madre di migliaia di demoni.

 

Pagina di un manoscritto medievale del Talmud di Gerusalemme, dal Genizá del Cairo. (Pubblico dominio)

Lilith era conosciuto anche nelle culture ittite, egiziane, greche, ebraiche e romane. In tempi successivi, la sua leggenda arrivò anche a nord d’ Europa. Rappresentava il caos e la sessualità, e si diceva di lei che aveva il potere di scrivere gli uomini. Il suo mito è anche legato alle più antiche storie di vampiri.

Moglie del biblico Adamo

Lilith compare nella Bibbia, nel libro di Isaia 34,14, che descrive la desolazione dell’Eden. Fin dall’inizio è stato considerato uno spirito diabolico, impuro e pericoloso. Genesis Rabbah la descrive come la prima moglie di Adamo. Secondo questo testo, Dio creò Lilith e Adamo allo stesso tempo. Lilith era molto forte, una donna indipendente, e voleva relazionarsi con Adamo allo stesso modo. Non avrebbe accettato di essere inferiore a lui, e si rifiutò di mentire sotto di lui per copulare. La coppia ovviamente non ha funzionato, e non hanno mai avuto modo di essere felice. Come scrisse Robert Graves e Raphael Patai nel suo libro “i miti ebraici”:

Adamo si lamentò con Dio:’ il mio compagno mi ha abbandonato ‘. Immediatamente, Dio mandò Angeli seno, Sansenoy e Semangelof per riportare Lilith. L’hanno trovata dal mar rosso, una regione dove abbondano i demoni più lasciti, dai quali ha generato più di 100’ Lilim ‘ al giorno. ‘ Ritorna ad Adamo senza indugio,’ disse gli angeli,’ o noi vi annegherà!’ Lilith chiese loro,’ come potevo tornare ad Adamo e vivere come una casalinga onesta dopo aver trascorso tutto questo tempo dal mar rosso?’ ‘ Se si rifiuta, morirai!’, hanno risposto. ‘ Come potevo morire,’ chiese Lilith di nuovo,’ se Dio mi ha comandato di prendermi cura di tutti i bambini appena nati, e di tutti i maschi fino al loro ottavo giorno di vita, quello della loro circoncisione, e di tutte le ragazze fino al loro ventesimo giorno? Tuttavia, ogni volta che vedi i tuoi tre nomi o i loro equivalenti scritti in un amuleto su un bambino appena nato, prometto di risparmiarti la vita. ” Gli angeli furono concordati; Ma Dio punì Lilith facendo un centinaio dei suoi figli demoniaci periscono ogni giorno; E quando Lilith non riusciva a porre fine alla vita di un bambino umano a causa dell’amuleto Angelico, divenne pieno di odio contro i suoi figli.

A causa delle incomprensioni e delle disaccordi provocate da Lilith, Dio decide di creare una seconda moglie per Adamo: Eva

Lilith, la prima moglie di Adamo secondo la Genesi Rabbah. (Pubblico dominio)

Un’icona per i pagani e le femministe

Oggi, Lilith è diventato un simbolo di libertà per molti gruppi femministi. Grazie al crescente livello di istruzione della popolazione, le donne hanno capito che potevano essere indipendenti, così cominciarono a cercare simboli di potenza femminile. Lilith è stato anche adorato come una dea da alcuni seguaci della religione pagana Wiccan , creato negli anni 50.

L’appello del personaggio di Lilith è stato percepito da alcuni artisti, che l’hanno adottata come sua musa. Lilith cominciò ad essere un motivo popolare nell’arte e nella letteratura in epoca rinascimentale, quando Michelangelo la ritrasse come una creatura mezza donna e mezzo serpente. Il brillante artista italiano lo dipinse attorno all’albero della conoscenza, aumentando così l’importanza della sua leggenda. Con il passare del tempo, Lilith divenne ancora più interessante per l’immaginazione di artisti maschi come Dante Gabriel Rosetti, che la ritrasse come la più bella creatura femminile del mondo. Da parte sua, l’autore di “le cronache di Narnia”, C. S. Lewis, è stato ispirato dalla leggenda di Lilith per il suo personaggio della strega bianca. Una donna bellissima, ma anche pericolosa e crudele. Lewis disse della strega bianca che era la figlia di Lilith, ed era determinata a porre fine al lignaggio di Adamo ed Eva.

Lilith (1892), John Collier Oil esposto alla Atkinson Art Gallery, Street (Inghilterra).

( Pubblico dominio )

La mente di James Joyce, tuttavia, evocò un’immagine meno romantica di Lilith, che chiamò il ‘ Santo patrono degli aborti ‘. Joyce introdusse Lilith nella filosofia femminista, e iniziò il processo della sua adozione come dea delle donne indipendenti del ventesimo secolo. Mentre le donne stavano ricevendo più diritti, cominciarono a mostrare il loro disaccordo con una visione del mondo incentrata su una prospettiva maschile, compreso il racconto biblico della creazione dell’uomo. Il nome di Lilith compare in un programma di alfabetizzazione nazionale in Israele, ed è anche il titolo di una rivista femminile ebraica. L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri è uno dei temi più popolari della letteratura femminista in relazione alla mitologia antica. I ricercatori stanno ancora discutendo se è stato realmente creato come un demone o se si tratta di un improbabile avvertimento di ciò che può accadere se alle donne viene dato maggiore potere.

Immagine di copertina: Lilith, un angelo satanico-looking. ( CC BY-NC 2,0 )

Autore: Natalia Klimczak

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

Articolo correlato: Fantasmi Mesopotamici

®wld

Il 60° PARALLELO SUD

Ricevo dal Dottor Roberto Slaviero e pubblico  

Il 60° PARALLELO SUD

La città di Ushuaia nella punta estrema dell’Argentina ha una latitudine di:

54° gradi e 48° minuti Sud e una longitudine di 68° gradi e 18° minuti W (ovest).

Da li si possono fare delle mini crociere che arrivano sul lembo del continente Antartideo.

Le prime basi scientifiche in questo tratto del pianeta, collocate sotto il 60° parallelo Sud, sono la base Macho Pichu appartenente al Perù, con una latitudine di:

62° gradi e 5° S ed una longitudine di 58° e 28° W.

Li vicino, l’Argentina possiede la base Marambo con latitudine di:

64° 14° S e longitudine 56° 39° W.

Il 1° dicembre 1959 fu firmato a Washington il Trattato Antartideo, che stabilisce l’utilizzo pacifico delle risorse del Continente Antartideo a partire dal 60° parallelo Sud.

In tale trattato sono interdette tutte le rivendicazioni territoriali dei singoli Stati e si parla di un utilizzo delle risorse ad uso pacifico, attraverso anche la creazione di basi di ricerche scientifiche senza alcun scopo militare.

Ad oggi vi sono presenti oltre 60 basi di svariate nazioni, localizzate intorno alla cintura antartidea tra longitudine Est ed Ovest.

La base più vicina al 90° parallelo Sud e quindi al presunto Polo Sud è:

– la base Usa di Amundsen Scott posta a 89° 59° S e 139° 16° E, fondata nel 1956.

La seconda base più vicina al 90° parallelo è:

– la base russa di Vostock posta a 78° 28° S 106° 48° E, fondata nel 1957.

L’Italia possiede 6 basi, tra annuali ed estive.

La base:

– Concordia insieme alla Francia, posizionata a 75° 6° S 123° 23° E

– Mario Zucchelli 74° 41° S 164° 7° E

– Browning Pass 74° 37° S 163° 54° E

– Enigma Lake 74° 42° S 164° 2° E

– Mid Point 75° 32° S 145° 49° E

– Sitry 71° 39° S 148° 39° E

Come vedete l’Italia è molto presente in Antartide principalmente tra il:

– 145° grado di longitudine Est ed il 164° grado Est.

Per avere un’idea di dove si trovino le basi lungo la linea longitudinale, che scende dall’Equatore verso Sud, fino al presunto Polo Sud, troviamo le Capitali della

– Tasmania 41° 38° S 146° 16° E

– Sidney 38° 52° S 151° 12° E

– Auckland (New Z.) 36° 50° S 174° 45° E

Quindi, tolta la base Concordia, che è più spostata verso Ovest, sempre localizzata comunque sulla longitudine Est 123° 19° (ad esempio Saigon Vietnam è sul grado 106° 39° E ),

le nostre basi si trovano su paralleli più bassi tra le longitudini di Nuova Zelanda ed Australia.

Ho scritto paralleli più bassi, intendendo che il pianeta Terra sia una Sfera … o meglio come è spiegato dalla nostra scienza, in realtà la Terra sarebbe un GEOIDE od ELISSOIDE, figura geometrica schiacciata ai due poli, che prende una forma tipo Ciambella o Pera … più o meno.

Non si capiscono allora le presunte FOTO degli enti spaziali che fanno vedere un pianeta Terra fantasticamente e perfettamente SFERICO!

Si vocifera che usino la GC, Grafica Computerizzata, che costruisce e manipola immagini e filmati.

Ma manteniamoci sui dati in nostro possesso; con questo articolo voglio portare a conoscenza (si sa ma non si dice, o si danno dati falsi), di come sia estremamente facile verificare se il Pianeta Terra sia un Elissoide, quindi una Sfera non perfetta che gira intorno a se stessa ed al sole; oppure se il pianeta Terra sia posto su di un piano stazionario, non rotante, come affermano diversi testi religiosi, dagli antichi Veda all’Antica Bibbia ebraica.

I dati ufficiali riportano un Raggio Terrestre di:

– 6378 Km all’Equatore e – 6356 Km ai Poli

differenza dovuta appunto allo schiacciamento del pianeta ai poli. Troviamo allora la CIRCONFERENZA del pianeta.

La circonferenza di una Sfera o di un Cerchio è la stessa ed utilizza la stessa formula, ovvero:

2R (Diametro) per 3,14 (Pi greco)

all’Equatore quindi avremo una circonferenza di:

6378+6378 per 3,14 = 40.053 Km ai Poli 6356+6356 per 3,14 = 39.915 Km

Una Sfera sappiamo tutti cos’è … basta immaginare una bella arancia; vi sono due punti, uno in alto (Nord) ed uno in basso (Sud): da questi due punti si forma una bella sfera (bella cicciona e succulenta), che sviluppandosi al massimo della sua estensione alla metà della sfera, si ricongiunge poi diminuendo la sua estensione verso i due poli.

E cosi sarebbe la Terra Sferica o meglio Elissiodale, quindi non cosi perfetta come un arancia! Strana cosa questa, poichè il Creatore di solito crea volutamente in modo perfetto.

Veniamo adesso al punto FOCALE della questione: Parliamo delle distanze in Km tra i gradi longitudinali, distanze che confermerebbero o meno la teoria della Terra elissoidale o la teoria della Terra piana e stazionaria!

Posto che la Circonferenza terrestre, sia che trattesi di un Elissoide o di un Cerchio, sia sempre di 40.000 Km, le differenze sulle distanze tra i 360 gradi in cui è divisa la sfera od il cerchio, avviene a partire dal Parallelo Equatoriale verso Sud.

Equatore Latitudine o parallelo ZERO

Dall’Equatore verso Nord fino al Polo il pianeta è diviso in 90° di latitudine e verso Sud in altri 90° per un Totale 180°.

Mezza sfera oppure mezzo cerchio … è lo stesso in termini geometrici. Posto 40.000 km circa la circonferenza della Terra all’Equatore, la distanza tra 2 Gradi di Longitudine è di circa 111 Km … infatti 40.000 Km: 360 gradi = 111,1 Km per grado

E adesso viene il bello:

Se la Terra fosse un Elissoide, scendendo verso Sud, le Linee della Longitudine (o Meridiani) tenderebbero a riavvicinarsi fino a ricongiungersi tutte al Polo Sud e quindi, più ci avviciniamo al 90° e più le DISTANZE tra i Gradi devono RIDURSI rispetto alle DISTANZE equatoriali, come avviene salendo verso il Polo Nord!

Se la Terra è posta su di un Piano, tipo Cerchio, dal centro del cerchio (Polo Nord Azimutale), si dipartono i 360 Gradi che lo dividono in spicchi fino a raggiungere la circonferenza esterna, che limiterebbe il pianeta da noi conosciuto.

Dalla Metà del parallelo che divide circolarmente in due il cerchio della Terra piana (Equatore), partendo dal suo centro ed allargandosi ad onde concentriche (parallelo-latitudine) verso l’esterno, le linee longitudinali, inversamente rispetto ad una Sfera, continuano ad ALLARGARSI verso la Circonferenza del Cerchio (che corrisponderebbe al Continente Antardideo che circonderebbe la Terra piana in questa teoria); Circonferenza esterna, dove i gradi longitudinali raggiungerebbero la loro MASSIMA DISTANZA in termini Kilometrici! Tutto Chiaro?! Senza disegni è un pò difficile, ma usate la vostra immaginazione geometrica.

Su una Terra Sferica Elissoidale, l’Equatore, ovvero la Massima Circonferenza del pianeta si trova a metà, divide cioè le due Semisfere; emisfero boreale ed astrale Su una Terra piana, la Massima Circonferenza e quindi le massime DISTANZE tra i Gradi, si trovano appunto sulla Circonferenza esterna del cerchio, che corrisponderebbe alla gelida cintura antartidea! Gelida con però alcune eccezioni dietro le prime roccaforti montagnose costiere, come riportò l’Ammiraglio Byrd e come riportano alcune enciclopedie come la Treccani.

Immaginate allora se dall’Arancia sopra citata, lasciate integro il Polo Nord ed aprite invece la buccia esternamente, partendo dal Polo Sud e la svolgete verso l’alto ed esterno. Cosa si ottiene? Un Cerchio con il Polo Nord al centro! Il Polo Sud è sparito, anzi è diventato la cintura esterna, la circonferenza!

Infatti abbiamo visto che la Circonferenza di una Sfera o di un Cerchio è LA STESSA! Per dipanare quindi il dilemma basta avere le  PRECISE MISURE DELLE DISTANZE TRA I GRADI LONGITUDINALI DELLA PARTE SUD DEL PIANETA.

Si narra che diversi esploratori navali dei mari del Sud, tra i quali Charles Wilkes, che raggiunse tra il 1838-39 le Terre del Fuoco e poi scese fino al 70° parallelo, si trovassero spesse volte fuori di addirittura 15-20 miglia, rispetto alle carte nautiche in loro possesso. LE DISTANZE NON COINCIDEVANO!

Ufficialmente si prendevano in causa i forti venti e le feroci correnti oceaniche, ma qualche pensierino deve essere entrato nei ragionamenti di questi incredibili esploratori!

Alcune considerazioni finali:

Pochi giorni (scrivo il 7.01.19) fa, il TG1 ha mandato in onda un servizio nel quale si mostrava la recente attraversata da parte a parte dell’Antartide (si dice 1482 Km) dell’eroe Colin O’ Brady. 54 giorni tra i venti gelidi e gli ultimi 120 km senza sosta!

Google Map ci fa vedere l’Antartide come una grossa isola; quale un cerchio non perfetto, ma frastagliato con diverse penisole, anfratti e golfi.

I dati ufficiali ci dicono che l’AREA dell’Antartide misura circa 14.000.000 (milioni) di Km quadrati! 

Torniamo alla matematica;

Area di un Cerchio = raggio al quadrato per 3,14

Nel caso sopra descritto di O’ Brady

1482: 2 = 741 Km (raggio)

lo so, non è un cerchio perfetto ma vi stupirete dei risultati

741 per 741 = 549.081 Km

549.081 per 3,14 = 1.724.114 Km QUADRATI

Con tutti i dovuti arrangiamenti ed errori di calcolo, visto che non è un Cerchio, mancano all’APPELLO oltre 12 milioni di Km quadrati, se fosse vero che l’Eroe in questione avesse attraversato l’Antartide da parte a parte! Avrà attraversato tutt’al più un lembo esterno della cintura antartidea.

Sempre di cintura si tratta infatti, in quanto la maggior parte delle Basi di ricerca si trovano in prossimità della costa degli oceani che la bagnano!

Abbiamo quindi visto che sotto, od oltre il 60° Parallelo Sud, c’è una sorta di controllo di varie nazioni, che hanno stipulato un trattato di cooperazione (1959) senza rivendicazione di alcun territorio.

La Nasa fu fondata qualche mese prima, il 29 luglio 1958.

La domanda che si fanno molti; perchè i governi dovrebbero mentire cosi spudoratamente ai propri cittadini?

Perchè dalla fine del 1500 ad oggi la Terra stazionaria biblica, delimitata dalla Cupula del Firmamento, si è trasformata in una Sfera – Elissoide girevole?

Grazie a Copernico e poi a Galilei naturalmente e poi Newton … Nessuno parla del più grande astronomo del 16° secolo, il danese Thyco Brahe, maestro anche di Keplero, che dopo circa 50 anni da Copernico, riaffermò decisamente la stazionarietà del pianeta con prove schiaccianti.

Ed allora?!; un Elissoide che viaggia nello spazio a velocità folli e su se stesso inoltre! Un Elissoide che è un piccolo pulviscolo in una galassia tra milioni di galassie: un nulla rispetto alla grandiosità dell’Universo?

Questo pensiero toglie l’importanza di noi esseri umani e l’importanza della Creazione dell’Uomo … che infatti il Darvinismo lo fa derivare dalla Scimmia. Capite?!

Si vuol far credere che tutto è un caso … dal Big Bang … casualità estrema, non creazione mirata ed amorevole!

Voi credete che il famoso NWO di cui oggi se ne parla, esista solo da poco?

Chi ha avuto in mano le redini del pianeta non poteva essere un piccolo Stato, ma doveva essere da sempre una grande ed organizzata rete di poche persone potenti e con le giuste conoscenze ed informazioni in mano.

Con le conoscenze di nuove terre lontane e con la possibilità di nuovi possedimenti, il Cerchio che si chiude su se stesso e diventa una Sfera nel 16° secolo, era la visione perfetta per mantenere il potere di pochi sul resto dell’umanità; aumentando si la geografia del vecchio mondo conosciuto, ma nello stesso tempo limitandolo e relegandolo per sempre ad una superficie sferica!

I Brhamana vedici dicono che la Terra o le Terre su cui viviamo noi ed altre specie, esistono su di un piano orizzontale, circolare ed il loro diametro totale ammonta a 5,6 MILIARDI di Km! Sono dei pazzoidi forse?!

Non serve pensare ad alieni che vivono oltre la cintura, pensiamo magari ad umani più evoluti, evoluti però in tecnologia ma non in bontà e moralità: umani sfruttatori di schiavi umani, considerati però esseri di razze inferiori.

Viventi senza empatia alcuna … non occorre andare lontano … basta guardare alcuni politici o riccastri del pianeta che con le loro decisioni distruggono le vite altrui, creando sofferenze infinite agli altri, sanguisughe senza pietà alcuna!

Tornando alla nostra geografia: se guardiamo al Cielo, il pianeta Terra è avvolto da una cupula Sferica, quella delle stelle, quindi Sfera e Cerchio sono probabilmente entrambe verità; sono ordini della perfezione del Creato.

Solo che la Cupula sferica avvolge una Terra piana e livellata,come dimostrano i movimenti delle sue acque marine!

Oggi con la CG possono fare quello che vogliono, hanno smartizzato il pianeta, hanno inserito calcoli algoritmici, probabilmente con dati falsificati sulle distanze, inattaccabili.

Scientificamente hanno sempre ragione loro, i colonizzatori di Luna e Marte.

Anche se poi ammettono che forse adesso riusciranno ad uscire dall’Orbita Bassa della Terra … boohhhhoo

(Termosfera a 400 km di altezza…1500-2000 gradi centigradi)!

L’unica possibilità per scoprire la Verdadera Verdade, sarebbe quella di misurare esattamente le distanze nei mari del Sud!

Ma col Trattato Antartideo hanno bloccato qualsiasi interferenza di privati che non devono impicciarsi del problema!

Ma il Web, disgraziatamente per loro, è pieno ormai di misurazioni fatte col Laser ad infrarossi (che non risente come l’occhio delle rifrazioni della luce), ove non si nota alcun Orizzonte.

Tutto piano, piatto incredibilmente STAZIONARIO

Che sia questa la Rivelazione massima, l’Apocalisse in atto? Non ci è dato a sapere, forse!

Il riscoprire comunque che, il Creatore ha fatto questo pianeta in onore nostro e delle altre razze animali e vegetali che lo vivono e per lo sviluppo delle nostre intelligenze e capacità ci deve spronare a ricercare la Verità; verità che ognuno di noi deve trovare nel suo istinto, nel suo Dna e nel suo ragionamento logico.

Andate quindi sui binari del treno, in un rettifilo lungo vari kilometri e guardate lontano; i binari convergeranno al centro, si uniranno cosi in un binario unico sotto i vostri occhi … come per magia, come per le linee longitudinali che si uniscono tutte al Polo Sud … !!!

Rassegnatevi…..sanguisughe del pianeta … la verità si farà strada da se, volenti o nolenti!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

L’oro della Bibbia, il sesso e l’immortalità

Mauro Biglino, l’oro della Bibbia, il sesso e l’immortalità

A cura di Andrea Pilati.

(Un ringraziamento a Mauro Biglino per link e riferimenti biblici)

Quello che mi accingo a scrivere penso sia l’articolo più impegnativo che abbia mai redatto e, visto l’argomento, farò del mio meglio per redigerlo in maniera completa, fluida e comprensibile.

Mauro Biglino

Spero di non ferire la sensibilità di qualche lettore ma l’argomento è inevitabilmente crudo, esplicito e terribilmente affascinante.

Ieri, sabato 15 dicembre, ho assistito alla conferenza di Mauro Biglino, controverso interprete dei testi sacri e nella fattispecie, a riguardo dei cattolici, del testo Sacro per antonomasia, la Bibbia.

La conferenza è durata circa due ore, dove il relatore ha riportato alcune cose già sentite ma nonostante ciò ricca, come sempre, di spunti sempre nuovi e di nuove modifiche alle traduzioni bibliche presenti nelle case dei fedeli.

Per chi mi conosce, nelle conferenze che seguo cerco di porre attenzione ai parallelismi con le conoscenze che la mia persona ha acquisito in altri ambiti e che collimano, e a volte si scontrano, con quelle espresse dal relatore del momento. È mia abitudine quindi porre a lui le domande chiarificatrici, a volte scomode, per rivedere, confutare o rafforzare i risultati delle ricerche.

Un passaggio che mi ha fatto attivare l’adrenalina è stato quello relativo all’oro che questi Elohim chiedevano di estrarre ai loro schiavi sottoposti, affinché essi potessero giovarsene come elemento per allungare loro la vita.

Biglino cita a questo proposito recenti studi volti a comprovare l’affermazione biblica riguardo la longevità. Leggiamo infatti sul sito “Le Scienze”, un articolo del gennaio 2012:

La lunghezza dei telomeri è un forte fattore predittivo della longevità: la correlazione statisticamente significativa è stata riscontrata nel diamante mandarino (Taeniopygia guttata), un piccolo uccello della famiglia degli Estrildidi, nell’ambito di uno studio condotto presso il College of Medical, Veterinary, and Life Sciences dell’Università di Glasgow e del Centre for Ecology and Conservation, College of Life and Environmental Sciences dell’ Università di Exeter, nel Regno Unito  

Sempre sui telomeri dei cromosomi leggiamo un passaggio interessante riguardante l’invecchiamento e la sua reversibilità, articolo, questo, del 2013:

Recenti studi sui topi hanno dimostrato che la senescenza associata all’accorciamento dei telomeri è un fenomeno reversibile. Se in topi con telomeri corti e chiari sintomi di senescenza veniva riattivata la telomerasi si assisteva ad un rapido ed inequivocabile ringiovanimento. 

Fonte: www.fisv.org 

La relazione diretta tra il prezioso metallo e la telomerasi non è stata ufficialmente comprovata dalla scienza ma che l’oro fosse per i tempi biblici un metallo prezioso, a questo punto se ne può comprendere il motivo, che va al di là della semplice funzione monetaria e per la creazione di monili ed ornamenti. Un passaggio interessante riguarda la descrizione biblica dell’Arca dove il testo ne descrive le fattezze e menziona i particolari della costruzione:

L’arca del patto (Es 37:1-9; De 10:1-5) Cl 2:17

10 «Faranno dunque un’arca di legno d’acacia; la sua lunghezza sarà di due cubiti e mezzo, la sua larghezza di un cubito e mezzo e la sua altezza di un cubito e mezzo.11 La rivestirai d’oro puro; la rivestirai così, sia dentro che fuori; le farai al di sopra una ghirlanda d’oro, che giri intorno. 12 Fonderai per essa quattro anelli d’oro, che metterai ai suoi quattro piedi: due anelli da un lato e due anelli dall’altro lato. 13 Farai anche delle stanghe di legno di acacia e le rivestirai d’oro. 14 Farai passare le stanghe negli anelli ai lati dell’arca, perché servono a portarla. 15 Le stanghe rimarranno negli anelli dell’arca e non ne saranno sfilate. 16 Poi metterai nell’arca la testimonianza che ti darò.17 Farai anche un propiziatorio d’oro puro; la sua lunghezza sarà di due cubiti e mezzo e la sua larghezza di un cubito e mezzo. 18 Farai due cherubini d’oro; li farai lavorati al martello, alle due estremità del propiziatorio; 19 fa’ un cherubino per una delle estremità e un cherubino per l’altra; farete in modo che questi cherubini escano dal propiziatorio alle due estremità. 20 I cherubini avranno le ali spiegate in alto, in modo da coprire il propiziatorio con le loro ali; avranno la faccia rivolta l’uno verso l’altro; le facce dei cherubini saranno rivolte verso il propiziatorio. 21 Metterai il propiziatorio in alto, sopra l’arca; e nell’arca metterai la testimonianza che ti darò.

Fonte: www.laparola.net 

Essendo il cubito circa 45 cm di lunghezza si evince che l’Arca dell’Alleanza avesse le dimensioni di 1 metro di lunghezza per 50 centimetri di larghezza e altezza.

Tutto quel rivestimento d’oro, senza calcolare cosa contenesse, rendeva la stessa decisamente pesante al punto da chiedersi come potessero i due anelli per lato, anch’essi d’oro, riuscire a sostenerne il peso. L’oro è un metallo prezioso ma non è assolutamente adatto nella metallurgia pesante. Quindi è anche facile pensare che l’Arca non servisse a portare alcun ché ma fungesse da dispositivo che oggi potremmo chiamare condensatore. Ma questa è solo una mia congettura…

Ma torniamo ai giorni nostri. Anno 2014, Centro Nazionale delle Ricerche (C.N.R.)

COMUNICATO STAMPA

Nanoparticelle d’oro identificano e uccidono le cellule tumorali

18/12/2014Un team dell’Ifac-Cnr e dell’Università di Firenze mette a punto un nuovo tipo di trattamento del cancro: nanoparticelle d’oro riconoscono le cellule cancerose quando queste sviluppano un enzima che permette loro di sopravvivere senza ossigeno. La tecnologia, illustrata su Advanced Functional Materials, è protetta da brevetto.

Fonte: www.cnr.it

PANORAMA – Un cerotto d’oro per il cuore

Sviluppato un biomateriale con nanoparticelle d’oro in grado di riparare i tessuti cardiaci danneggiati

di Angelo Piemontese

Presto i danni causati al cuore da infarto o altre patologie cardiovascolari potranno essere aggiustati con uno speciale cerotto inserito chirurgicamente nelle aree danneggiate del muscolo cardiaco.

All’Università di Tel Aviv hanno infatti sviluppato un nuova metodologia biomedica per creare un tessuto ibrido, composto cioè da una miscela di cellule umane e micro particelle d’oro, in grado di sostituire le fibre del miocardio malfunzionanti e inoltre capace di migliorarne le prestazioni.

Fonte: www.panorama.it

Piano piano sembra proprio che stiamo arrivando al centro del labirinto…

Ma l’oro lo troviamo anche in un altro specifico contesto e anche Biglino ne condivide il parallelismo. Parliamo di Alchimia ed elisir di lunga vita; con essa gli alchimisti volevano ottenere la trasmutazione del piombo in oro (ancora lui!) ma la cosa che lascia interdetti è il fatto che questo metallo lo ritroviamo sempre quando c’è la vita di mezzo e se consideriamo che i patriarchi biblici godevano di longevità ultracentenaria allora qualche domanda sul fatto che questi Elohim necessitassero di oro per se stessi porta a pensare a qualsiasi congettura.

L’oro è presente tra gli elementi chimici del corpo che abitiamo e a riprova di ciò riporto le analisi fatte con il test del mineralogramma:

L’Alchimia descritta nel MedioEvo non è quella che ci è sempre stata raccontata come la rudimentale chimica appannaggio di folli metallurghi relegati in oscuri scantinati tra libroni ed alambicchi. Essa è relativa alla possibilità di ottenere un cambio chimico nel corpo, indotto con una pratica molto potente, in grado di sprigionare una enorme energia trasmutatoria. In questa pratica si mettono in atto la respirazione, l’ossigenazione del sangue e dei tessuti, l’equilibrio endocrino, la totale funzionalità cerebrale dei due emisferi in sincrona collaborazione, il controllo del corpo e dei pensieri, il dominio della mente e delle emozioni, il discernimento tra gli istinti e la Coscienza. Sto parlando del Sesso e del relativo rapporto Maschio/Femmina. Come si può capire, qui gli omosessuali non possono accedere, per logica e per Natura cosmica.

Adamo ed Eva – Raffaello Sanzio – Stanza della Segnatura, Vaticano – Particolare della volta

Il rapporto Maschio/Femmina è per il raggiungimento del Cosmo, dell’ordine. Quello omosessuale è chiaramente per il Caos, il disordine. In mezzo la scelta con il libero arbitrio e le relative conseguenze.

Se le ricerche di Biglino sono corrette, gli Elohim crearono l’uomo, e dopo alcuni esperimenti genetici, la sua controparte, la donna. Tutti e due in grado di replicarsi, ma quando una coscienza prende posto in un corpo, altro non può fare che evolversi. Sul suo ultimo libro, “Lacaduta degli Dei” (Uno Editori) spiega altri interessanti dettagli a riguardo.

L’albero della Conoscenza del Bene e del Male altro non è che il rapporto Sessuale Sacro con il quale ci si scontra e si vanno a conoscere le dinamiche delle due energie opposte senza le quali non è possibile la Conoscenza e l’evoluzione della Coscienza. Perché mai la Bibbia ci racconta che Adamo ed Eva, dopo averne colto il frutto (della Conoscenza), si coprirono i genitali? Per caso la Bibbia ci parla di albero di mele? Non mi risulta…

Da allora anche nel generato “genere umano” entrarono preponderanti queste due forze, agenti attraverso l’Uomo, che hanno prodotto dei movimenti che si sono polarizzati per l’una o per l’altra forza, antagonisti l’un l’altro. L’uno, il Male, è votato alla distruzione, al dolore, all’offuscamento della Coscienza, alla degenerazione tissutale e all’invecchiamento precoce, alla tristezza e all’apatia, questi ultimi chiari segni di carenza energetica. L’altro, il Bene, agisce all’opposto fornendo Tenacia, Costanza, Pazienza, Intelligenza, Volontà, tonicità ed elasticità fisica e relativa elasticità mentale, rigenerazione e vigore, Entusiasmo (En-Theos, “Dio dentro”)… Non vi sono dubbi verso quale parte merita porre attenzione.

Ma per come è strutturata questa dimensione su questo pianeta e come siamo strutturati noi psicologicamente parlando, possiamo apprendere solo conoscendo il Male, e Dante ce lo ha mostrato chiaramente.

Se vogliamo conoscerci e risalire la china degli inferi per raggiungere i livelli paradisiaci lo possiamo fare solo attraverso il Sesso, con il quale si può vincere o perdere una battaglia, la più importante, essendo esso stesso l’unica energia che permette la procreazione attraverso l’attivazione della divisione cellulare e la relativa creazione di un nuovo veicolo fisico chiamato “corpo umano” che sarà abitato da una Coscienza con un ben preciso compito.

Se utilizziamo il Sesso per il Bene, come sopra descritto, la nostra vita sarà meno dolorosa e tendente al Paradiso; altrimenti sarà in Inferno. Penso che così sia più chiaro comprendere anche quello che è legato alla fortuna e alla sfortuna, il destino, diretto o subìto, il karma e il dharma orientali. Da ciò si  può comprendere la repressione verso il sesso e la creazione del tabù tramite la Chiesa cattolica e il Satanismo, che divulga la totale perdita del seme/coscienza.

Marina Abramovic

Per notare la deriva alla quale porta il satanismo basta vedere le “opere” di Marina Abramovic, sedicente artista che tra le sue performance utilizza una miscela di sperma, sangue suino e sangue mestruale per scrivere messaggi su muri adibiti a tela, nelle gallerie d’arte a lei dedicate.

Esterniamo quello che siamo, Come dentro così fuori… I mostri che aleggiano in noi prima i poi escono anche se siamo dei bravi dissimulatori, consapevoli o meno.

Chi vuole addentrarsi nel merito della compagine satanica che gira intorno a questi personaggi, ispirati dalla divulgazione di Aleister Crowley, consiglio di leggere l’articolo di Maurizio Blondet sul Pizzagate con “attori” quali John Podesta e il fratello Tony, quest’ultimo proprietario di una galleria d’arte moderna “particolare”, James Alefantis, Bill & Hillary Clinton, Obama,  www.maurizioblondet.it. Altri dettagli li trovate anche suDagospia. Per altri abomini artistici, frutto delle aberrazioni mentali e genesi delle parti oscure in noi, consiglio la visione delle opere di Patricia Piccinini che trovate su Internet.

Un’opera della Abramovic scritta con il mix ideale…

Il seme, come il seme per le piante, è la sintesi dell’essere umano dal quale nasce e si sviluppa il futuro corpo/coscienza. Attraverso il Sesso abbiamo la possibilità, data dai Theoi, Elohim, Divinità, anch’esse operanti per il Bene o per il Male, di diventare come loro, Dei ai nostri occhi.

Il futuro ci vuole responsabili, capaci di prendere in mano il nostro destino, ma dipende SOLO DA NOI. Il tempo, o meglio, il periodo che stiamo vivendo è quello dell’Apocalisse, la Rivelazione, quindi è possibile e doveroso divulgare queste informazioni speciali. Molti di noi ancora non comprendono quello che è stato trasferito in queste righe, non ne comprendono l’enorme potenzialità. Ma ad ogni frutto va dato il tempo per maturare…

E ora, per terminare questo lungo intervento con un messaggio di speranza e di augurio, riporto una frase ripresa dal film “Guerre Stellari – gli  ultimi Jedi”:

“La vittoria non si consegue attaccando il nemico ma salvando chi ami”

Ipostasi degli Arconti

 

Gli Arconti; I Divini Creatori del Cosmo e dell’Umanità

Nell’antichità ci si riferiva all’Arcano o agli Arconti come ai servitori del Demiurgo, il dio creatore che si frapponeva tra la razza umana e un Dio trascendente che poteva essere raggiunto solo attraverso la conoscenza della vera natura dell’umanità come divina, portando alla liberazione della scintilla divina all’interno l’umanità dai vincoli dell’esistenza terrena.

L’arconte è anche la parola greca che significa “sovrano”, che veniva anche spesso usato nei tempi antichi come il titolo di un certo ufficio pubblico in un governo. 

Se diamo un’occhiata agli Arconti da un punto di vista gnostico, capiremo che in questo contesto erano considerati gli angeli e i demoni del vecchio testamento. 

Ipostasi degli Arconti: i creatori divini dell’universo e dell’umanità 

I governanti prepararono i piani e dissero: “Venite, creiamo un uomo che sarà suolo dalla terra”. Hanno modellato la loro creatura come un tutt’uno con la terra. Ora il corpo […] dei governanti […] hanno […] femmina […] è con la faccia di una bestia. Avevano preso un po’ di terra dalla terra e modellato il loro uomo dopo il loro corpo e dopo l’immagine di Dio che era apparso loro nelle acque. Dissero: “Veniamo, lasciateci prendere per mezzo della forma che abbiamo modellato, in modo che possa vedere la sua controparte maschile […], e possiamo afferrarla con la forma che abbiamo modellato” – non capendo la forza di Dio, a causa della loro impotenza. Gli soffiarono in faccia, e l’uomo venne per avere un’anima e rimase per terra molti giorni. Ma non potevano farlo alzare a causa della loro impotenza. Come venti tempestosi, persistevano nel soffiare, cercando di catturare quell’immagine, che era apparsa loro nelle acque. Senza conoscere l’identità del suo potere. (Fonte 

Chiamata anche The Reality of the Rulers, l’Ipotesi degli Arconti è un’esegesi – un’interpretazione critica di un testo religioso – sul Libro di Genesi 1-6 ed esprime la mitologia gnostica dei creatori divini del cosmo e dell’umanità.   

Credito d’immagine: Klaus Wittman. Pubblicato con permesso. 

Il libro della Genesi è il primo libro della Bibbia ebraica (il Tanakh) e l’Antico Testamento cristiano.

Questo antico testo era venerato tra molti altri dalla biblioteca di Nag Hammadi. La biblioteca di Nag Hammadi chiamata anche “Manoscritti di Chenoboskion” o “Vangeli gnostici” è una raccolta di numerosi testi cristiani e gnostici trovati nell’alto Egitto nel 1945. 

Si ritiene che la Realtà dei sovrani sia stata scritta durante il terzo secolo d.C. I ricercatori credono che sia nato da un periodo tradizionale nello gnosticismo quando si trasformava da uno stato puramente mitologico in una fase filosofica.

La scrittura è presentata come un’istruzione sul tema dei dominatori (arconti) del mondo menzionati da San Paolo.

L’intenzione espressa di questo scritto è di insegnare la verità sui poteri che hanno autorità su questo mondo. 

La storia inizia con il vanto del demiurgo, l’arconte supremo, in parole attribuite al Dio della Bibbia: “Io sono quello che sono, Dio non è nulla separato da me” 

La Realtà dei Sovrani viene presentata come un trattato erudito in cui un insegnante si avvicina a un argomento suggerito dal dedicatario del lavoro. Il trattato inizia con un frammento di cosmogonia, che guida una “vera storia” revisionistica degli eventi nella storia della creazione della Genesi, rivelando una sfiducia gnostica del mondo materiale e il demiurgo che l’ha concepito. Un “dialogo di rivelazione angelica” emerge all’interno di questa narrazione in cui un angelo ripete ed elabora il frammento dell’autore del mito cosmogonico in un ambito molto più ampio, concludendo con una profezia storica della venuta del salvatore e della fine dei giorni.

Bentley Layton, professore di studi religiosi (antico cristianesimo) e professore di lingue e civiltà del Vicino Oriente (copto) all’Università di Yale, scrive: La realtà dei sovrani (‘Ipostasi degli arconti’) racconta la storia gnostica dalla creazione di Yaldabaoth giù fino a Noè e alla grande alluvione e si conclude con una predizione dell’avvento finale del salvatore, la distruzione dei poteri demoniaci e la vittoria degli gnostici. 

Come notato da Roger A. Bullard nel suo libro “L’ipostasi degli arconti: il testo copto con traduzione e commento“, l’inizio e la conclusione del testo sono cristiani gnostici, ma il resto del materiale è un racconto mitologico sull’origine e natura dei poteri arconali che popolano i cieli tra la Terra e l’Ogdoad, e come questi antichi eventi influenzano il destino dell’uomo.

Sebbene non sia collegato a questo punto, è possibile che i cosiddetti Arconti fossero in qualche modo collegati agli Anunnaki Antichi? Cibo per la mente. 

Secondo l’Ipostasi degli Arconti, questi sono i personaggi mitici:

Il genitore dell’intera società: l’invisibile spirito vergine

incorruttibilità 

Il bambino: presiede per intero 

I quattro luminari: Eleleth e altri tre  

Il vero essere umano 

La razza non domata 

Saggezza: Sophia o Pistis Sophia

Zoe (vita): figlia di Sophia

Yaldabaoth: Il capo sovrano chiamato anche Sakla e Samael

Sabaoth: uno dei primi sette discendenti di Yaldabaoth 

Adamo: il primo essere umano 

Eva: la moglie e la controparte di Adamo

Caino: il figlio di Eva generato dai governant

Abele: il figlio di Eva generato da Adamo 

Seth: un figlio per dio  

Norea: la figlia di Eva 

https://ancient-code.com/

®wld

Articoli correlati>

Norea la figlia di Eva

Sophia e gli Arconti

indagine sugli arconti

“ARCONTI”

Frammenti dal passato

I 5 libri antichi “controversi” che potrebbero distruggere le fondamenta della storia

Nel corso degli anni, gli archeologi hanno incontrato incredibili scoperte. Alcune di queste scoperte sono manoscritti antichi che sono stati trovati per ritrarre la storia da un diverso punto di vista. Un punto di vista controverso.

Nemerosi libri antichi raccontano un lato diverso della storia. Un lato diverso delle origini umane e un lato diverso delle capacità umane. Questi testi antichi, di solito considerati di natura mitologica, si oppongono a quasi tutti gli studiosi e la storia moderna.

Alcuni di loro sono parzialmente accettati, mentre alcune delle loro pagine sono state soprannominate miti perché scuotono le fondamenta stesse di ciò che sappiamo della nostra civiltà.

Purtroppo, mentre questi libri sono reali e fanno parte della storia, la storia che ci è stata insegnata nel corso degli anni li ha ignorati del tutto.

Questo è il motivo per cui in questo articolo ti porterò in un viaggio e ti presenterò cinque libri antichi che sono sia controversi che affascinanti e potrebbero scuotere la comprensione stessa della storia umana.

Li trovo oltremodo affascinanti.

Uno dei miei libri preferiti è il cosiddetto libro di Thoth. È un libro sacro che, secondo le antiche credenze egizie, non solo offre una conoscenza illimitata, ma la leggenda dice che chiunque legga il conten

uto può contenere i mezzi per decifrare i segreti e dominare la terra, il mare, l’aria e i corpi celesti. I documenti storici ci dicono che il libro era una raccolta di antichi testi egizi scritti da Thoth, l’antico dio egizio della scrittura e della conoscenza.

Il libro di Thoth appare frammentato in vari papiri, la maggior parte del secondo secolo al periodo tolemaico.

La Bibbia di Kolbrin è un altro affascinante libro antico che si ritiene sia stato scritto circa 3.600 anni fa.

Questo antico libro è indicato come il primo documento giudaico / cristiano che spiega la comprensione dell’evoluzione umana, del creazionismo e del design intelligente. Alcuni studiosi sostengono che questo antico libro fu scritto insieme all’Antico Testamento.

Vari autori hanno partecipato alla sua creazione e la Bibbia di Kolbrin è composta da due parti principali che costituiscono un totale di 11 libri antichi.

Il libro di Enoch è un altro libro che molti autori hanno inserito nella categoria dubbia o controversa. Il libro di Enoch è un antico manoscritto religioso ebraico che viene fatto risalire a Enoch, il bisnonno di Noè.

Il Libro di Enoch è considerato da molti uno degli scritti apocrifi non canonici più influenti.

Inoltre, si ritiene che questo libro abbia influenzato in modo significativo le credenze cristiane.

Si ritiene che il cosiddetto Libro dei Giganti sia stato composto circa 2000 anni fa. È stato trovato nelle grotte di Qumran dove i ricercatori hanno trovato i rotoli del Mar Morto. Nello specifico, il Libro dei Giganti parla di creature che hanno abitato il nostro pianeta nel lontano passato e di come sono state distrutte. Secondo il testo antico, i Giganti – I Nephilim – si sono resi conto che, a causa dei loro violenti atti, affrontarono un’imminente distruzione. Chiesero a Enoc di parlare a nome loro a Dio.

L’Ars Notoria è uno dei libri più controversi e misteriosi mai creati.

Secondo la leggenda, questo antico libro è una miscela di contenuti mistici, storici e sensazionali che promette di insegnare le abilità sovrumane a coloro che seguono ciò che è scritto. L’Ars Notoria appartiene alla Chiave Minore di Salomone. È un grimorio anonimo (o libro degli incantesimi) sulla demonologia. I suoi centoquarantaquattro incantesimi furono creati a metà del XVII secolo, per lo più da materiali vecchi di secoli. L’Ars Notoria contiene una serie di preghiere e sono state scritte in diverse lingue, tra cui ebraico, greco e latino.

fONTE: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

Il libro di bronzo – Colebrook

Bibbia Kolbrin-Il Libro di Enoch-Il Libro dei Giganti

Il Tempo nel tempo tra passato – presente – futuro

Viaggi del tempo dai testi antichi alla scienza moderna 

by Ivan Petricevic 25 September 2017from Ancient-Code Website Spanish version

Numerosi testi antichi indicano come viaggiare nel tempo era realizzabile migliaia di anni fa.

La prova di questo può essere trovata in numerosi manoscritti e testi antichi tra cui la Bibbia, e la prova che gli scienziati sono ancora interessati al viaggio nel tempo sono documentati da innumerevoli studi e scritti negli ultimi anni.

Nell’antico testo indiano del Mahabharata, scritto durante l’ottavo secolo a.C., il re Raivata è descritto come viaggiatore verso il cielo per incontrare il dio creatore Brahma, solo poi per tornare sulla Terra centinaia di anni dopo nel futuro.

I viaggi del tempo e macchine potenti che potrebbero aiutare una persona a viaggiare sono state da decenni uno dei grandi temi ricorrenti della fantascienza negli innumerevoli film da decenni.

Ma c’è una ragione per questo. La possibilità di viaggiare nel tempo ha affascinato l’umanità per innumerevoli secoli.

Mentre molti potrebbero pensare che sia assurdo credere di viaggiare nel tempo, alcuni degli scienziati più brillanti del mondo hanno indagato se l’umanità possa davvero viaggiare attraverso il tempo nel prossimo futuro.

Albert Einstein ha concluso che il passato, presente e futuro esistono contemporaneamente.

Ora, con la giusta tecnologia, come un veicolo spaziale molto veloce – il genere che dobbiamo ancora inventare sulla Terra – una persona che viaggia nello spazio potrebbe sperimentare tecnicamente diversi giorni mentre un altro avrebbe sperimentato contemporaneamente solo poche ore o minuti.

Tuttavia, la saggezza e le convinzioni di Einstein hanno avuto scarso impatto sulla cosmologia o sulla scienza in generale quando si tratta di viaggiare nel tempo.

Se fosse veramente possibile viaggiare nel tempo, non possiamo quasi intravedere ciò che potrebbe significare per l’umanità e, soprattutto, per coloro che hanno avuto il potere di viaggiare nel tempo e il potere di scrivere la storia come vogliono.

E se questo può sembrare interessante, non conosciamo le conseguenze di alterare gli eventi passati e come potrebbero influenzare il futuro, se naturalmente abbiamo effettivamente i mezzi per farlo.

Se si guarda alla storia e ai diversi testi antichi possiamo trovare una serie di riferimenti di viaggi nel tempo catalogati da diverse culture in tutto il mondo.

Nella mitologia indù, c’è una storia su Re Raivata Kakudmi che viaggia per incontrare il creatore Brahma. Anche se questo viaggio non durò a lungo, quando Kakudmi tornò sulla terra, 108 yugas erano passati.

Ogni yuga rappresenta circa 4 milioni di anni circa …(corsivo mio “yuga“)

La spiegazione che Brahma ha dato a Kakudmi è che il tempo passa diversamente sui diversi piani dell’esistenza.

Inoltre, abbiamo riferimenti del Time Travel nel Corano. La storia si riferisce a un gruppo di individui che nel 250 d.C. minacciati dalla persecuzione si ritirarono sotto la guida di Dio, in una grotta dove Dio li fece dormire. Si sono svegliati 309 anni dopo.

Questa storia coincide con la storia cristiana dei sette dormienti, con poche differenze.

Ulteriori testimonianze si possono trovare nella Bibbia, secondo Erick von Daniken:

Nella Bibbia, il profeta Geremia era seduto insieme ad alcuni suoi amici e c’era un ragazzo. Il suo nome era Abimelec, e Geremia disse ad Abimelech:

  • “Esci da Gerusalemme, c’è una collina e raccogli alcuni fichi per noi”.

Il ragazzo uscì e raccolse i fichi freschi.

All’improvviso, Abimelech sente qualche rumore e vento nell’aria, e diventa incosciente, ha avuto un blackout. Dopo un po’ di tempo, si sveglia di nuovo e vide che era quasi sera.

Così, quando fece ritorno si accorse che la città era piena di strani soldati.

E disse,

  • “Cosa sta succedendo qui? Dove sono Geremia e tutti gli altri?”

E un vecchio gli rispose:

  • “Erano qui 62 anni fa.”

È una storia di un viaggio temporale scritta nella Bibbia.

Un’altra storia proviene dalla leggenda giapponese di Urashima Taro.

Si dice che un uomo ha visitato il palazzo sottomarino del Drago Dio Ryujin. Rimase lì per tre giorni, ma quando tornò in superficie 300 anni erano passati.

Nel testo buddista Pali Canon è scritto che nel cielo dei trenta Deva (il luogo degli Dei) il tempo passa ad un ritmo diverso, dove cento anni della terra si contano come un solo giorno

Tuttavia, nei tempi moderni, uno dei conti più famosi del viaggio nel tempo è l’infame Philadelphia Experiment che si suppone avvenisse nel 1943.

L’obiettivo principale dei progetti era quello di nascondere una nave della Marina e renderla invisibile ai radar nemici

Tuttavia, si dice che l’esperimento ha avuto un esito negativo: non solo la nave è completamente scomparsa, è stata teleportata a Norfolk. Quando la nave apparve, alcuni membri dell’equipaggio erano fisicamente attaccati alla carena delle navi, altri svilupparono disturbi mentali, alcuni scomparsi completamente e altri avevano riferito di aver viaggiato verso il futuro.

Presumibilmente, Nikola Tesla è stato coinvolto nell’esperimento, eseguendo tutti i calcoli necessari e sviluppando i vari disegni, oltre a fornire i necessari generatori.

Nel 1960, un’altra interessante relazione sul viaggio di tempo è stata presentata da Pellegrino Ernetti, che ha affermato di aver sviluppato una macchina che gli permetteva di vedere il passato:

il Chronovisor.

Doveva sviluppare questa macchina che potesse rilevare, espandere e trasformare l’energia in un’immagine:

qualcosa come un televisore che mostrava quello che è successo nel passato.

Il fisico e il professor Ronald Lawrence Mallett dell’Università di Connecticut stanno lavorando al concetto di viaggiare nel tempo, sulla base della teoria della relatività di Einstein ed è assolutamente convinto che l’umanità possa in realtà viaggiare nel tempo.

Secondo Mallett, entro questo secolo, gli esseri umani avranno la capacità di viaggiare nel tempo.

Il fisico di particelle Brian Cox concorda che il viaggio temporale è possibile, ma solo in una sola direzione.

Non possiamo parlare di viaggi del tempo nei tempi moderni senza menzionare l’affascinante storia di un uomo chiamato Al Bielek che afferma di aver viaggiato nel tempo, in particolare nel futuro, fino all’anno 2749.

Ma sono le storie sopra riportate una raccolta di racconti fantasiosi?

O c’è una lieve possibilità che qualcosa di simile possa essere avvenuta in passato?

È interessante notare che uno studio pubblicato di recente afferma che un viaggio in tempi minimi è veramente possibile.

Pubblicato nella rivista IOPscience Journal Gravity Classica e Quantistica, lo studio (Domini retrogradabili di Acausal Traversable in Spacetime) afferma che lo spazio NON deve essere diviso in tre dimensioni – dove il tempo è separato.

Benjamin K. Tippett dice invece che quattro dimensioni devono essere immaginate contemporaneamente come un continuum spazio-temporale in cui sono collegate le diverse direzioni:

Viaggio nel tempo…

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

 Linee di realtà

di Ruben Torres
27 aprile 2015
del sito web LaCosechaDeAlmas

Abbiamo un concetto lineare del tempo:

  • passato, presente e futuro.

La fisica quantistica espone che i tempi passati coesistono con il tempo presente, quindi la linearità non esiste e il tempo come lo percepiamo.

In realtà il tempo viene letto da noi come un ago che legge le scanalature di un disco vinile.

Sarebbero l’ago e il tempo esisterebbe solo quando abbiamo attraversato quella scanalatura che crea a sua volta il contenuto che leggiamo in essa.

In realtà moi saremo il tutto, l’ago e il disco, ma senza complicarlo troppo, continueremo con questo esempio.

Mentre progrediamo a leggere quella linea (scanalatura) del tempo, ci vengono costantemente mostrate alternative per scegliere tra passare attraverso la riga corrente o la linea e/o saltare ad un’altra linea parallela.

Con ogni decisione facciamo piccoli salti nella nostra linea temporale, lo facciamo ogni giorno e queste piccole scanalature finiscono per aggiungere le scelte di ognuno di noi, in un calcolo globale.

Queste piccole decisioni, forse irrilevanti, portano finalmente a scanalature più ampie che spaziano nelle linee temporali generali che riguardano tutti noi che abitano il pianeta.

Scanalature come la guerra o la pace, per esempio, ci fanno passare tra una linea temporale ad un’altra, scegliendo un futuro o un altro.

Siamo coloro che manipolano il tempo e cosa succederà sarà una irrimediabile conseguenza della nostra scelta, ogni piccola decisione si aggiunge in modo che il corso del pianeta salti tra una o l’altra.

Le possibilità sono estese, ma quando scegliamo di andare avanti, le linee temporali vengono create o distrutte, nessuna è alterata, esiste semplicemente o non esiste, secondo la nostra scelta.

Creiamo la possibilità e una volta materializzata è questa realtà che esiste, finché l’osservatore (creatore) non vede a ciò che accade al suo lavoro e ciò non accade, è solo in suspense, in quella nuvola di possibilità.

L’ago salta sul disco vinile, salta tra diversi solchi e legge diversi avvenimenti, secondo le loro scelte passate, gli eventi e le azioni sono sviluppate in modo che alla fine siamo tutti esposti a prendere una cosciente decisione, anche se la coscienza della decisione non è integrata in noi.

Una scelta porta ad un’altra e così via …

Possiamo sempre scegliere, ma la nostra tendenza ad essere gestita inconsciamente ci farà scegliere secondo la tendenza e non secondo la coscienza, provocando avvenimenti che non si adattano mai al meglio per noi, ma sostengono l’ideale degli altri.

Fondamentalmente per questo soggetto è facile da capire, tutto quello che facciamo sarà decisivo per il futuro di tutti.

Siamo tutti uniti e le decisioni inconsce portano i loro frutti, futuri errori e fallimenti. La catastrofe viaggia con noi tenendoci le mani finché continuiamo a vivere inconsapevolmente.

Continuare a aspettare altri per risolvere il futuro implica che la linea temporale che sceglieremo sarà quella che gli altri scelgono per te e, è quasi certamente la decisione peggiore che si possa fare.

Con in mente l’azione passiva o egoista, la nostra performance sarà inevitabilmente peggiore.

Se pensiamo solo al meglio per noi o al meglio per il sistema, la linea temporale scelta sarà quella che porta ad un risultato negativo.

Non è questione di uscire e bruciare il parlamento, congresso, né di votare per il candidato giusto, ma far uscire dalla nostra mente tutto ciò che pensi ti rende diverso o superiore agli altri:

  • la tua classe
  • il tuo stato
  • i tuoi titoli
  • il tuo denaro
  • il tuo colore della pelle
  • i tuoi beni

Tutto ciò che è di circostanza e non definisce l’essere che tu sei, siamo più di quello che sembriamo, l’avvolgimento è diverso, ma all’interno degli stessi flussi di energia.

Creare un mondo migliore significa credere che possiamo crearlo, credere in noi stessi, partecipare attivamente alla nostra fede e mantenerla come l’unica credenza valida.

Le linee temporali saranno trasformate e salteremo a quella più adatta per noi, senza induzione esterna, né provocazione mediatica, senza paura.

Linee di realtà nella scelta costante, tempi di cambiamento nelle linee di cambiamento, creare il proprio pensiero, creare la propria creazione, ora e da ora in poi…

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Antiche guerre e … nuove guerre

Distruzione nucleare extraterrestre del malvagio Anu-Yahweh 

L’annientamento di Sodoma e Gomorra e la creazione del popolo di Anu La storia delle origini sumere

Ottobre 2015 dal sito EnkiPtahSatya  versionespagnola

Eridu: La città sacra di Enki fu desolata

Il 16 luglio 1945, la prima prova di un’arma nucleare fu effettuata in una zona meridionale degli Stati Uniti.

Il test della Trinità, il soprannome dato al dispositivo atomico, si è svolto in una parte remota di Alamogordo nel mezzo del deserto Jornada del Muerto nello stato del Nuovo Messico.

Il dispositivo esplose nel deserto con un’energia pari a 19 kilotoni e lasciò un cratere nel letto del deserto con una profondità di tre metri e una larghezza di 330 metri.

La forza esplosiva della bomba ha trasmesso una potente onda d’urto che si è anche sentita a distanza più di 150 chilometri, i lampi brillanti emessi dall’esplosione hanno illuminato il paesaggio e la nuvola dei funghi ha raggiunto circa 12 chilometri.

In quel momento storico l’era atomica era ormai iniziata.

Tuttavia, il test della Trinità sarebbe risultato pallido rispetto all’orrore sanguinante che doveva seguire solo un mese dopo. Nel mese di agosto dello stesso anno, due bombe dello stesso tipo, battezzato Little Boy e Fat Man dall’esercito degli Stati Uniti, sono state detonate nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le esplosioni atomiche che hanno prodotto hanno raggiunto rispettivamente 16 e 25 kilotoni.

La forza degli esplosioni ha distrutto le città, il fuoco consumante ha scaldato la terra, il suono dell’impatto ha reso il paesaggio tremito e la caduta radioattiva ha coinvolto la vita di decine di migliaia di persone e molti altri sarebbero stati vittime di malattie attribuite all’avvelenamento delle radiazione.

In quei giorni fatali il mondo ha vissuto gli orrori della guerra nucleare per “la prima volta”.

Da allora le nazioni della terra sono entrate in uno stato di paranoia e tutto il mondo, ritenendo che il giorno del temuto futuro si sarebbe avvicinato. La minaccia della guerra nucleare era già diventata una realtà.

Il XX secolo era un’epoca sanguinosa e guerriera, una vera macchia nella storia dell’umanità moderna, e ora, nel 21° secolo, la minaccia della distruzione atomica è ancora molto viva.

Molti uomini, spaventati dalla crescente tendenza all’armamento nucleare, prevedono un futuro terribile per l’umanità e temono un imminente scenario apocalittico protagonizzato dalle armi atomiche di distruzione di massa.

Molti credono che il giorno finale del giudizio sia vicino. Tuttavia, molte persone dimenticano che il corso della storia è ciclico.

Anche se la civiltà umana dovesse essere distrutta da armi atomiche in questo secolo in una data così lontana, non sarebbe stata la prima volta.

Forse quello che ho appena detto sarà una sorpresa per molti lettori. Tuttavia, c’era già un incubo che scosse le fondamenta del mondo civilizzato alla fine del terzo millennio a.C. più di 4000 anni fa.

Il destino del terzo millennio consisteva in una terrificante esplosione militare atomica che avrebbe devastato i regni della Mesopotamia e del Medio Oriente. Tale evento è stato dimenticato dagli storici moderni, ma è stato documentato nei registri storici di quel tempo.

Il più famoso di essi è il Libro della Genesi della Bibbia Ebraica in cui l’evento appare nel noto racconto di Sodoma e Gomorra.

Tuttavia, pochissime persone sanno che in realtà la suddetta storia biblica si basa su una storia mesopotamica molto più antica.

La distruzione delle città per mezzi soprannaturali è stata registrata in un testo Sumero-Accadico chiamato l’Epica di Erra e in un gruppo di registri sumerici conosciuti come le lamentazioni di Sumer più di un millennio prima della composizione della Bibbia ebraica.

Simili al racconto biblico, i testi mesopotamici raccontano come una manciata di città del Medio Oriente venisse annichilita dalle armi misteriose degli dèi e molti altri luoghi furono desolati dall’inquinamento mortale che avevano prodotto.

Visto da una prospettiva moderna, i documenti antichi registrano la prima guerra nucleare nella storia della terra.

Il racconto ebraico di Sodoma e Gomorra e i testi paleo-apocalittici mesopotamici su cui si fonda l’evento biblico testimoniano un conflitto nucleare tra diverse fazioni di esseri alieni in cui furono scatenate armi di distruzione di massa di origine extraterrestre.

Alla fine del terzo millennio gli dei Enkiti guidati da Marduk si trovarono in un faccia a faccia con gli dèi anuisti (enliliti, Anu ndr) in una violenta rivalità per la supremazia nella regione della Mesopotamia.

Incapaci di irrompere nella battaglia e nella lotta, gli sconosciuti doli anuisti decisero di ricorrere alle armi atomiche per l’avanzamento nella loro campagna militare.

Alla fine, quei maledetti malfattori finirono per devastare la terra di un gruppo di città Enkite nelle terre del Medio Oriente con sette armi potenti e la conseguente radioattività che ha provocato l’improvvisa e misteriosa scomparsa dell’ultimo regno della civiltà sumera intorno al 2000 a.C.

L’antica  guerra nucleare secondo gli antichi registri

I registri più conosciuti dell’antica guerra nucleare è senza dubbio la storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Genesi biblica.

Secondo il racconto ebraico, il cosiddetto dio della giustizia Yahweh vede che i peccati e le abominazioni degli abitanti delle città di Sodoma e Gomorra hanno già raggiunto un estremo e quindi decide di distruggerli.

La natura dei loro crimini non è esplicitata, ma si suppone che il popolo di Sodoma e Gomorra abbia già raggiunto uno stato di totale depravazione.

Questo può essere dedotto dall’episodio poco prima della distruzione in cui il supposto patriarca Abramo invoca il suo dio per avere pietà e non distruggere le città per l’amore dei giusti e poi riceve la risposta che non esistono neanche dieci uomini giusti in Sodoma e Gomorra.

Sappiamo già che solo una manciata di persone può essere considerata “giusta” o “santa” prima del cosiddetto standard morale di quel tiranno senza cuore.

La storia continua …

Presumibilmente Yahweh invia due esseri celesti o angeli per guidare Abramo e salvare la famiglia di Lot, nipote di Abramo e membro del popolo scelto di Yahweh, prima che inizi la distruzione divina.

Il male Yahweh e il suo servo Abramo entrano in complotto, e l’Eterno gli promette che la volontà lo renderà padre di una grande eredità e di una nazione grande e potente.

Dopo la sua intima conversazione con il suo dio, Abrahamo e i due angeli arrivano a Sodoma e tiranno Lot e la sua famiglia fuori dalla città in apparenza in modo soprannaturale. Poi, con la cosiddetta grande misericordia di Yahweh, la distruzione delle città presumibilmente degenerate è rinviata al giorno successivo e i servi di Yahweh fuggono nella lontana città di Zoar.

Domani arriva e il sole sorge sulla terra. L’ora del grande giudizio con il fuoco si avvicina.

Il Signore, il cosiddetto grande giudice della giustizia, sorge contro le città di Sodoma e Gomorra, facendo scendere fuoco e brume dall’alto. Le città vengono completamente distrutte insieme a tutti i loro disgraziati residenti, le pianure sono bruciate e la terra è bollente. Le città sono spazzate via dalla mappa in un istante.

Nel frattempo, in lontananza la moglie di Lot si volta e guarda indietro.

La povera donna viene consumata dalla sostanza emessa dagli esplosioni e viene trasformata in una statua di sale. Quando Abrahamo guarda nella direzione delle città, vede che una colonna di fumo sta salendo dalla terra come il fumo di un forno.

La distruzione delle città è così grande che le figlie di Lot credono che tutta la civiltà umana sia stata distrutta e che esse stesse sono le uniche femmine lasciate sulla terra.

Senza una ombra di dubbio, il racconto biblico di Sodoma e Gomorra da l’impressione simile a una serie di esplosioni nucleari.

  • In primo luogo, vediamo che le città sono investite da una deflagrazione consumante la cui esplosione somiglia allo zolfo.
  • In secondo luogo, leggiamo che le persone che si trovano nelle vicinanze dell’esplosione come la moglie di Lot vengono vetrificate o vaporizzate dalla contaminazione aerea mortale delle esplosioni.
  • In terzo luogo, la colonna di fumo che Abramo testimonia dopo le esplosioni è molto simile alla nuvola di un fungo di una bomba atomica.

Tuttavia, i testi mesopotamici come l’Epica di Erra e le lamentazioni di Sumer, molto più antiche di Sodoma e Gomorra di secoli, raccontano l’evento in modo molto più dettagliato.

Nella versione Sumero-Accadica non c’è spazio per il dubbio di quello che è successo e che sia stata un’esplosione nucleare di origine extraterrestre. 

Nell’Epica di Erra, sin dall’inizio, del primo millennio, in un testo babilonese racconta una storiella sumerica ancora più antica, incontriamo un feroce conflitto tra gli dei Enkiti del lignaggio di Marduk e gli dei guerrieri e spietati del consiglio di Anu (enliliti del lignaggio di Ninurta ndr).

Secondo l’interpretazione di Zecharia Sitchin, questo scontro divino avrebbe luogo intorno all’anno 2024 a.C. (Sitchin, 2010). I

L’esito della storia è molto apocalittico ed è molto simile all’evento che si è verificato nel racconto di Sodoma e Gomorra. Alla fine i nemici di Marduk cercano di privarli dei suoi amati territori e decidono di debellare certe città di Mardukite in Medio Oriente con armi proibite conosciute come i sebitti (Sebitti ndr) o i sette grandiosi.

Secondo lo stesso autore, i sebitti simboleggiano sette dispositivi nucleari devastanti (Sitchin, 2010). II

I sette terrificanti dispositivi furono chiamati,

  1. l’ineguagliabili
  2. la fiamma che brucia
  3. quello che si sgretola con paura
  4. il fonditore di montagne
  5. il vento che trova le estremità della terra
  6. l’insolente sopra e sotto
  7. rispettivamente il vaporizzatore del vivente

Quelle armi di distruzione di massa sarebbero presto state scatenate contro le città di Marduk nella grande antica guerra nucleare mesopotamica o nel fallimentare finale.

Le lamentazioni di Sumer, sono un gruppo di testi storici molto antichi che raccontano la desolata miserabile e straziante delle città nelle terre mesopotamiche attorno al 2000 a.C., descrivono gli effetti della distruzione ancora più dettagliata rispetto all’equivalente racconto biblico.

  • Innanzitutto, i Lamenti mostrano chiaramente che la distruzione non è avventa per una calamità naturale, bensì una grande tempesta decisa da Anu.
  • In secondo luogo, i testi indicano che la grande tempesta di Anu era il risultato della descrizione di un’enorme esplosione avvenuta per via di un malefico colpo, precursore di una tempesta maligna.
  • In terzo luogo, la pena crudele che Anu ha decretato è descritta come una tempesta che sfocia unendo un caldo scottante. Qui vediamo che la tempesta di Anu non si riferisce ad una tempesta meteorologica, ma piuttosto ad una colonna di fuoco che consuma tutto ciò che tocca.
  • Quarto, lo stesso fenomeno spaventoso non solo bruciò la terra ma anche privò la terra del sole splendente del giorno e rese invisibili le stelle della notte. Il fumo della tempesta di fuoco raggiunse il cielo e bloccò completamente la luce solare, qualcosa che non sarebbe avvenuto con una tempesta normale.
  • Quinto, nei giorni successivi un vento cattivo si è abbattuto sugli abitanti, ha fatto diventare pallidi i volti, gli ha fatti soffocare nel sangue e inquinata l’acqua dei fiumi, rendendola amara e mortale.
  • In sesto luogo, i testi raccontano che dopo la demolizione delle città i campi agricoli e le praterie erano contaminati e avevano erbacce cattive e piante avizzite.

Tutte queste descrizioni sono identiche agli effetti devastanti di un’esplosione atomica.

Alcune zone del Medio Oriente furono distrutte da armi atomiche di origine extraterrestre in una guerra brutale tra gli dei della fazione di Marduk e gli dei nemici della cricca del malvagio Anu.

Questa storia del conflitto nucleare tra le opposte fazioni extraterrestri intorno al momento della improvvisa scomparsa della civiltà sumerica sarebbe successivamente ritratta in forma del racconto biblico di Sodoma e Gomorra in cui il dio ebraico Yahweh avrebbe svolto il ruolo distruttivo di Anu, suo Precursore mesopotamico.

Ecco un estratto della letteratura dei Lamenti che descrive come le città sumere furono desolate dagli effetti delle esplosioni nucleari.

È una traduzione del celebre sumerologo Samuel Noah Kramer.

Sulla Terra cadde una calamità, sconosciuta all’uomo; una cosa che non è mai stata vista prima, una cosa a qui non si poteva resistere.

Una grande tempesta dal cielo. Una tempesta di annientamento. Un vento maligno, come un torrente impetuoso. Un’immane a tempesta unita a un caldo scottante.

Di giorno privò la Terra del sole luminoso, la sera le stelle non brillavano. La gente, terrorizzata, non poteva respirare; il vento malvagio li soffocava, non concede loro un altro giorno.

Le bocche erano bagnate di sangue, le teste perdevano sangue. Il viso è stato reso pallido dal Vento del Male. Ha causato la desolazione delle città e delle abitazioni; le stalle desolate prive di vita, gli ovili rimasero vuoti.

I fiumi della Sumeria defluivano con acqua amara; i campi coltivati crescevano erbacce, i suoi pascoli crescono di piante rinsecchite.

Lo spietato scoppio nucleare è stato ordinato da Anu, lo stesso essere degenerato che nella Bibbia avrebbe sopresso Sodoma e Gomorra per i loro peccati indicibili.

Gli anuisti erano grandi nemici di Marduk e quindi volevano portare rovina sul suo regno in Medio Oriente.

In quella fatidica giornata, hanno preso possesso delle sette armi terrificanti e hanno volato sopra le città Mardukite e le montagne circostanti. Una volta oltre i loro obiettivi, gli anuisti hanno lanciato i sette dispositivi nucleari e li hanno fatti detonati sulle regioni che in seguito sarebbero conosciute come Sodoma e Gomorra nella tradizione ebraica.

Quelle città leali a Marduk furono annientate dalla tempesta di fuoco e zolfo che avrebbe seguito le esplosioni tumultuose e molti dei loro disgraziati abitanti sarebbero stati consumati dalle fiamme mortali degli esplosioni fulminanti.

Un fumo scuro si levò in aria e il cielo annerì. Nei giorni seguenti un inverno nucleare ha bloccato la luce solare e di notte le stelle non sarebbero state più visibili.

Nei mesi successivi la caduta mortale radioattiva si diffuse in tutta la terra della Mesopotamia come un vento di morte raggiungendo a est anche le città degli dei Enkiti. Il vento radioattivo avrebbe avvelenato i residenti delle città nella desolazione più completa. Le persone caddero come mosche quando respirarono l’aria inquinata e bevendo l’acqua radioattiva.

La vegetazione dei campi appassiva e i raccolti non avrebbero dato più alcun frutto. Alla fine la distruzione senza precedenti inflitta dalla guerra nucleare mesopotamica ha portato alla improvvisa e misteriosa scomparsa della civiltà sumera.

Il conflitto divino tra i Mardukiti e gli Anuisti si era evoluto da una piccola rivalità familiare tra fratelli e cugini in una vera guerra.

La calamità che cadde sulla Mesopotamia era così grande che anche gli dèi di Sumer dovevano evacuarsi dalle loro amate città. Il vento cattivo si avvicinava alle regioni orientali e la radioattività avvelenò tutto ciò che si trovava nel suo avanzamento.

Le città sono diventate desolate …

Le lamentazioni raccontano che Enki e gli dei del suo lignaggio abbandonarono i loro santuari terrestri, si rifugiarono in montagna e alla fine fuggirono verso il cielo.

  • Così, tutti gli importanti dèi furono evacuati da Uruk, si tennero lontani da lei, si nascondevano in montagna, si accamparono nelle pianure lontane. (Lamenti di Uruk)
  • l padre Enki si allontanò dalla città come se fosse una città aliena. Per la sua città desolata, pianse le lacrime amare. La grande signora della città (Ninki), volando come un uccello, ha lasciato la città. (Lamenti di Eridú)

Qui vediamo che la caduta radioattiva ha colpito persino gli dèi.

Purtroppo, si sono trovati costretti ad abbandonare le loro dimore sulla terra per evitare il vento mortale. I nostri dèi Enkiti salivano sulle loro navette spaziali, volarono in alto nel cielo come gli uccelli e ritornarono nello spazio. Una completa evaquazione.

L’antica guerra nucleare avrebbe dato inizio di una nuova era nella storia del mondo.

Con i loro bastioni indeboliti in Mesopotamia, gli Enkiti finirono per perdere la loro egemonia in Medio Oriente e rinunciare per sempre al dominio degli Anuisti.

I nobili regni di Babilonia e Egitto si mantenevano fedeli al loro grande dio Marduk e rimasero come potenti bastioni della corrente spirituale Enkita per molti secoli.

Tuttavia, gli anuisti avevano già approfittato dell’occasione di stabilirsi sulla quella terra.

I seguaci di Anu hanno occupato molte regioni del Medio Oriente e sono riusciti a infiltrarsi in molti governi. Così fu l’inizio dell’età di Ares, un’era astrologica caratterizzata da conflitti, guerre e violenze.

Gli anuisti continueranno i loro attacchi feroci contro gli Enkiti e alla fine trionfarono nella battaglia sui nostri dèi. Un momento di tristezza e angoscia insopportabile per l’umanità era arrivato.

Alcuni dei nostri dèi furono catturati e annichiliti dai malvagi invasori anuisti.

Sono stati incastrati e imprigionati nelle prigioni buie nelle profondità di quello che è stato chiamato inferno. Purtroppo, diventarono prigionieri di guerra. Nelle loro infernali celle, i nostri dèi non avevano più la libertà di movimento a livello fisico, anche se erano ancora in grado di muoversi temporaneamente in altri luoghi nel loro corpo astrale.

Ricordiamo che le abilità psichiche degli dèi sono molto più sviluppate dei nostri.

Dopo la battaglia i nostri dèi furono portati nelle carceri degli Anuisti e lì i seguaci di Anu li avrebbero sfruttati trasferendo le loro energie al vortice energetico del loro signore il male Anu-Yahweh.

Da questo sorgerà l’idea degli angeli ribelli incappati nell’abisso infernale della letteratura apocalittica del Nuovo Testamento e del Giudaismo del Tempio del Secondo Tempio (Apocalisse 20: 2-3, Giudea 1: 6, 2 Pietro 2: 4 Enoch 10: 4-6, Enoch 10: 12-13).

Ricordiamo che nella letteratura religiosa dell’ebraismo monoteistico dell’epoca post-esilio, i grandi dèi della cultura politeista mesopotamica in cui gli ebrei si erano trovati durante l’esilio sono stati ingannati e trasformati in ‘demoni’ e ‘angeli caduti’.

Altri dei nostri dèi, il grande Enki incluso, riuscirono a fuggire per tempo fuggendo nello spazio. In quel momento di totale tristezza, i nostri dèi si vedevano costretti ad abbandonare l’orgoglio e ritirarsi dal nostro pianeta.

Si lasciarono la terra alle spalle e tornarono alla loro casa originale nella costellazione di Orione.

Il mondo è caduto negli artigli dei malvagi anuisti. Tuttavia, il ritiro degli Enkiti non significa che ci avrebbero abbandonati. Quello che hanno fatto in quel momento molto difficile è stato un ritiro tattico.

I nostri dèi sapevano che non avrebbero potuto vincere la guerra in quel momento poiché gli anuisti erano riusciti a diventare molto potenti dopo aver fatto deflagrare gli ordigni nucleari in Medio Oriente, e quindi, invece di essere catturati o massacrati sulla terra, hanno deciso di fuggire e di ritornare al loro pianeta d’origine per ripensare alla loro strategia e pianificare il loro contrattacco.

Un giorno i guerrieri Enkiti ritorneranno, un ritorno contro i malvagi anuisti e riprendere la terra.

Era molto doloroso quello che è successo ai nostri dèi quando furono catturati dagli anuisti e incastrati nell’abisso infernale. Tuttavia, secondo le memorie Enkite, negli ultimi anni tutti gli dei senza alcuna eccezione sono riusciti a scappare dalla schiavitù di Anu e riconquistare la loro libertà. III

Ora tutti i nostri dèi sono liberi e disposti a combattere nella guerra per il dominio della terra.

Ora torniamo all’età di Ares (intorno al 2150 a.C. – 1 a.C.).

Dopo aver indebolito gli dei Enkiti con la guerra nucleare, gli anuisti approfittarono dell’opportunità di infiltrarsi nelle nazioni della terra e di stabilire una linea di fedeli seguaci.

Il malvagio Anu avrebbe deciso di creare un popolo anuistico sulla terra in modo che in seguito avrebbe eseguito il suo intricato piano per dominare il mondo intero.

Anu stabilì il suo primo bastione della corrente anuista nelle terre della Palestina sulla costa levantina, tra i grandi regni Enkiti d’Egitto e Babilonia. La posizione del cuore del suo regno terrestre non era una coincidenza, poiché la missione del suo popolo sarebbe quella di infiltrarsi nei regni adiacenti Enkiti e corromperli dall’interno.

I popoli scelti di Anu sarebbero i semiti occidentali, quelli che poi sarebbero conosciuti come gli ebrei, gli israeliti.

L’origine del popolo ebraico

Gli ebrei sono delle genti enigmatiche. Anche la loro origine come nazione è avvolta nel mistero.

La bibbia ebraica, il sacro libro dell’ebraismo, afferma che il popolo ebraico ha le proprie radici nella discendenza di Abramo, il primo patriarca della razza ebraica presumibilmente eletto da Yahweh come padre del suo popolo scelto.

Secondo il racconto biblico, la scelta di Abramo avviene poco prima della distruzione di Sodoma e Gomorra, che avrebbe posto la data della sua nascita nei decenni finali del XX secolo a.C.

Alla fine Yahweh fa un patto con Abramo e gli promette che sarà il padre di una grande nazione messianica che regnerà in tutto il mondo.

Tuttavia, uno studio minuzioso della storia di Abramo rivelerà che il padre ben venerato del popolo ebraico non può essere stato una persona reale, ma piuttosto un patriarca fittizio.

Il progenitore ancestrale degli ebrei non esisteva realmente; l’Abrahamo biblico non è altro che un archetipo ebraico che il sacerdozio ebraico ha inventato nel primo millennio allo scopo di realizzare una storia ancestrale per i popoli dell’ebraismo.

La storia del popolo ebraico raccontata nella Bibbia non è altro che una truffa intricata il cui obiettivo è la giustificazione della loro nuova “teologia del popolo scelto”. Niente della loro storia è vera e la storia della loro origine è ancora minore.

Come possiamo sapere se il patriarca biblico Abramo non era mai stato una persona storica, ma in realtà un archetipo inventato in una data successiva?

La risposta è semplice per chiunque abbia una buona comprensione della storia antica. In primo luogo, i ricercatori della borghesia biblica moderna sono giunti alla conclusione che il Libro della Genesi è pieno di anacronismi.

Un anacronismo è un errore storico che consiste nella presentazione di qualcosa di appartenente a un tempo a cui non corrisponde veramente. Quello che è strano nel Libro della Genesi è l’assenza di un accurato riferimento a ciò che stava accadendo storicamente in Medio Oriente durante il secondo millennio (Grant, 1996). IV

La verità è che molti riferimenti storici e topografici nella Bibbia sono molto più appropriati nella metà del primo millennio, cosa che indica una data di redazione successiva e dimostra che la cosiddetta storia antica del popolo ebraico è infatti, nient’altro che un’invenzione tardiva del primo millennio.

Ad esempio, il narratore biblico della Genesi afferma che Abramo proveniva dalla città di Ur dei Caldei.

Tuttavia, il termine Ur dei Caldei era appropriato solo dal VII secolo a.C., dato che i Caldei sono emersi nella regione di Ur solo alla metà del primo millennio.

Nel tempo in cui doveva vivere Abrahamo, Ur era una regione abitata dai Sumeri (Grant, 1996). V

Secondo, molti storici moderni hanno osservato che non esistono registrazioni provenienti da fonti extra-bibliche che corroborano le presunte azioni del popolo israelitico nelle nazioni circostanti come l’Egitto (Romer, 1999). VI

Ciò suggerisce che le storie dei grandi patriarchi ebraici raccontati nella Bibbia non costituiscono la realtà della realtà, in realtà sono invenzioni tardive del sacerdozio ebraico il cui obiettivo era falsificare e far credere di maggiore antichità la storia ebraica.

Risulta che la storia di Abramo così come presentata nella Bibbia era falsa. L’ Abrahamo biblico non è altro che un archetipo fittizio ebraico e la storia della scelta di Abramo era in realtà un tentativo di fornire una spiegazione sull’origine del cosiddetto popolo scelto dal sacerdozio ebraico.

Se la storia di Abramo come il grande padre ancestrale del popolo ebraico è completamente fittizia, da dove è apparso quel misterioso popolo e come?

La storia della scelta di Abramo nella Bibbia è in realtà una favola fittizia che copre un evento veramente sinistro. In altre parole, si potrebbe dire che la storia della scelta di Abramo è un racconto allegorico che nasconde la scioccante verità sull’origine autentica del popolo ebraico.

A volte la verità è molto più fantastica di una finzione.

Gli Ebrei, quella misteriosa razza che infiltrò così tanti paesi stranieri ed era dietro le tre grandi religioni monoteistiche e molti movimenti mondiali, sono il popolo di Anu.

Sono il popolo scelto del loro dio settario; ma non sono il popolo scelto del dio dell’umanità.

Gli Ebrei furono scelti o piuttosto creati da Anu affinché assumessero una missione di dominio mondiale. Gli ebrei furono creati come una nazione di sospetti subordinati a Anu e per essere suoi rappresentanti sulla terra.

Ad un tempo non specificato dopo l’antica guerra nucleare, Anu stabilì il suo grande bastione della sua fazione nella regione di Palestina e fondò il suo culto, culto sotto lo pseudonimo semitico El.

Il suo culto si sarebbe sparso in tutte le regioni levantine e Anu-El sarebbe stato adorato come il dio principale dai popoli semitici occidentali come,

  • i Fenici
  • gli Amoriti
  • i Cananei

Nella religione semitica del secondo millennio, il culto di El fu caratterizzato da sacrifici umani e rituali di infanticidi (Olyan, 1988). VII

Lo stesso dio sanguinario e spietato sarebbe stato poi conosciuto dai Greci come Kronos (Smith, 2002). VIII

Lo stesso Kronos era conosciuto come Saturno nel mondo che parlava latino. Il culto saturo e perverso di Anu-El era già stato stabilito nelle varie regioni semitiche lungo la costa levantina. Nel frattempo, il malevole Anu-El ha formato il suo popolo scelto nella loro prima tappa tra i popoli semitici occidentali. I primi proto-ebrei sarebbero nati tra gli antichi popoli cananei. Sembrano simili ai loro vicini semitici levantini, ma il loro DNA sarebbe stato modificato dagli anuisti e sarebbero molto diversi dalle altre razze dell’umanità.Il popolo ebraico è stato creato dagli anuisti come una nuova razza e dentro di loro è stato impiantato il materiale genetico del loro dio Anu e anche quello di un’altra specie extraterrestre conosciuta come Dracos o Saurians. IX

Pertanto, gli ebrei si sarebbero manifestati con molti dei tratti perversi del loro creatore:

  • odio dai popoli Gentili o non-ebrei
  • collettivismo razziale
  • furbizia
  • inganno
  • un complesso di superiorità
  • delirio persecutorio
  • a moralismo
  • depravazione
  • complesso vittimistico
  • ipocrisia
  • materialismo
  • avidità
  • guerrafondaio
  • sete di sangue
  • una insaziabile sete di dominio

Alla fine, gli ebrei originali furono fatti con l’immagine e la somiglianza del loro degenerato dio Anu-El e così hanno ereditato molte delle sue caratteristiche psicologiche.

Il DNA del Dracos che è stato aggiunto ha dato al popolo ebraico una certa perversa, crudele e spietata mentalità. È per qualcosa che le élite s del rabbinate ebraico dicono che il sangue ebraico non è lo stesso del sangue Gentile e afferma che gli ebrei e i gentili sono due specie diverse.

Gli ebrei sono programmati geneticamente per servire Anu e sostenere la causa della loro razza in modo ultra collettivista.

Sin dall’inizio della loro storia, il popolo di Anu è stato esperto nell’infiltrazione di governi stranieri, sabotaggio e cospirazione. Le élite s della società hanno sempre operato attraverso confraternite ebraiche segregate e cospiratorie.

Non è noto con certezza quando la razza preferita di Anu è stata creata dagli dei della fazione anuista nella regione della Palestina, ma si può dedurre che tale avvenimento avvenne in un periodo compreso tra il 2000 e il 1800 a.C. 

La ragione per cui possiamo arrivare a tale conclusione è perché la misteriosa corsa dell’invasore conosciuta come gli Hyksos apparirà nella storia per la prima volta intorno all’anno 1800 a.C.

Gli Hyksos erano una razza sconosciuta di barbari guerrieri che improvvisamente apparvero dal nulla e cominciarono a combattere contro gli egiziani. Questa gente sanguinaria e crudele conquisterà sia il basso Egitto che l’Alto Egitto regnando sul paese da circa il 1720 fino al 1570 a.C.

Sei reverendi re di quella stessa tribù avrebbero dominato la terra dell’Egitto per due secoli, fino a quando la loro ultima dinastia è stata rovesciata dalla resistenza Tebana. Si sono diffuse diverse voci sull’origine degli Hyksos.

Alcuni dicevano che erano semiti mentre altri sostenevano che erano nomadi asiatici. C’era anche la voce che erano di radici greche!

Quello che c’è di certo è che anche la loro origine è avvolta nel mistero. Tuttavia, sappiamo che avevano nomi cananei, anche se poi avrebbero adottato pseudonimi egiziani. I cananei erano un popolo semitico occidentale stabilito nella regione della Palestina da cui gli ebrei avrebbero poi tracciato la loro cultura.

Contrariamente a quanto afferma la pseudo-storia ebraica, nel secondo millennio a.C., i Cananei e gli Ebrei erano identici, parlavano la stessa lingua e appartenevano alla stessa corrente culturale (Tubb, 1999, Smith, 2002). X, XI

Alla fine, gli Hyksos erano i semiti occidentali e i “Proto-Ebrei” creati da Anu-El all’inizio del secondo millennio a.C. e la loro missione era quella di infiltrarsi nei regni d’Egitto, un nobile bastione degli attuali Enkiti distruggendoli e corrompendoli dall’interno verso l’esterno.

Qui vediamo i primi segni del proto-sionismo anuistico nella storia del mondo.

Così è stato il modus operandi del popolo di Anu fin dall’inizio:

infiltrarsi in una terra straniera, assumere spesso le istituzioni del potere politico con mezzi surrettizi, corrompere la cultura e la civiltà Gentile e distruggere le nazioni dall’interno.

Il malevole Anu li ha programmati per essere così.

Il popolo di Anu ha sempre odiato i popoli di Enki come gli egiziani, i babilonesi e le altre nazioni gentili, dal momento che l’odio xenofobo è codificato nel loro DNA da Anu e registrato nella loro coscienza collettiva.

Quando il primo tentativo di far cadere la rovina sulla regione dell’Egitto non è riuscita e gli Hyksos o i “Proto-Ebrei” sono stati espulsi dal paese dopo due secoli di dominio, Anu ha disegnato un nuovo piano d’azione.

Intorno al 14° secolo a.C. il famigerato faraone Akhenaton fece la sua comparsa nella storia e cercava di sopprimere il tradizionale politeismo egiziano e sostituire il culto di Amon-Ra (Marduk) con un culto ad una sola divinità solare chiamata atonismo.

Akhenaton era un ibrido Draco-Human, vero rettiliano, assunto da Anu. XII

Durante il suo regno Akhenaton sarebbe diventato sempre più fanatico.

Ha proclamato che Aton non era solo il dio supremo ma anche l’unico dio e si è dichiarato l’unico mediatore tra il popolo e l’unico vero dio. Poi Akhenaton ordinò il vandalismo dei templi di Amon-Ra, proibì le immagini delle divinità egiziane tradizionali e cancellò tutti i riferimenti a una pluralità di dei nelle iscrizioni del suo tempo.

Chi ti ricorda il comportamento intollerante di quel “faraone” tirannico

monoteista? Le azioni di Akhenaton sono firmate da Anu e sono precedenti di ciò che accadrà più tardi in Palestina sotto il sacerdozio ebraico.

Akhenaton era un inganno anuistico di sangue draconiano che cercava di corrompere la corrente spirituale del grande bastione Enkita dell’Egitto. Fortunatamente le sue cosiddette “riforme” monoteistiche sarebbero appena durate 20 anni e il culto di Amon-Ra sarebbe stato ripristinato a Tebe da Tutankhamon.

Quindi il secondo tentativo del popolo di Anu sarebbe fallito grazie al grande spirito di resistenza del popolo egiziano.

Più tardi, all’inizio del primo millennio, le stesse persone di Anu cominciarono a dividersi dal popolo cananeo a cui appartenevano prima, per formare un nuovo movimento ignominioso.

Questa volta si sarebbero chiamati Ebrei e sarebbero diventati acerrimi nemici con i loro cugini semantici levantini che non simpatizzavano con loro come i Moabiti, i Filistei e persino con i Canaaniti.

La storia del presunto Esodo fuori dall’Egitto è pura finzione.

Nulla di ciò che viene detto nella storia di Mosè è veramente avvenuto. Come molti anedoti del Pentateuco, la storia dell’Esodo è ricca di anacronismi e tutte le testimonianze archeologiche per quanto riguarda l’argomento si sono rivelate negative nonostante più di un secolo di ricerca archeologica ed egittologi-ca (Meyers, 2005 ). XIII

Alla fine, la storia dell’Esodo non era un fatto, ma piuttosto un racconto pseudo-storico della propaganda anti-egiziana fabbricata dalle élite del sacerdozio ebraico anuista.

Gli obiettivi principali di questa ignota bugia biblica erano la calunnia dei principali nemici del popolo di Anu e la giustificazione degli Ebrei come popolo scelto da ‘dio’. In realtà gli Ebrei si separarono dalla cultura cananea all’inizio del primo millennio e alcuni secoli dopo il loro sacerdozio inventava il monoteismo radicale jehovitico.

Questa volta il monoteismo di Anu si è radicato con grande successo.

I semi della religione ingannevole di Anu erano già stati seminati nella terra di Palestina. Il presunto sacro libro della pseudo-storia del popolo ebraico sarebbe stato fabbricato intorno al 550 a.C. e il culto di Yahweh, il nuovo epitoma ebraico di Anu-El, sarebbe stato stabilito nella capitale ebraica di Gerusalemme.

Il nuovo monoteismo del popolo ebraico sarebbe diventato sempre più violento e tutte le nazioni confinanti che si rifiutarono di accettare il dio ebraico Yahweh-El-Anu sarebbero state disprezzate e demonizzate dal sacerdozio di Anu.

Gli ebrei avrebbero sempre implorato gli dei Enkiti del regno di Babilonia nei loro scritti calunniosi e avrebbero proposto il genocidio di tutti i popoli politeisti attorno a loro. L’ebraismo è stato una religione terribile, brutale, guerriera e degenerata fin dall’inizio.

Pertanto, le nazioni più gentili civilizzate erano in grado di vedere attraverso la perversa follia dell’ebraismo per quello che era.

L’élite del sacerdozio di Anu avrebbe nuovamente cospirato per diffondere la loro illusoria corrente anuistica tra i popoli Gentili.

Nel primo secolo d.C. il regno di Babilonia era già caduto e la terra di Israele era già stata sottoposta all’impero romano. Anche l’influenza greca era molto presente nelle regioni del Levante. L’esercito ebraico era già indebolito e il paese era all’orlo della sua scomparsa.

Già abituato ad infiltrare le nazioni straniere e parassitarle dall’interno, l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato un enorme e sinistro complotto per dominare le grandi nazioni gentili.

Un ennesimo fariseo ebraico con cittadinanza romana conosciuto come Paolo di Tarsus apparirà in Palestina alla metà del I secolo e affermerebbe di aver ricevuto una visione profetica da un certo Gesù di Nazareth sulla strada per Damasco.

Questo cosiddetto apostolo dei Gentili che non aveva mai conosciuto il mitico Nazareno in persona affermò di essere un messaggero della verità e fondò una nuova setta ebraica orientata verso i Gentili.

Quella nuova setta sarebbe poi stata conosciuta come cristianesimo.

È interessante notare che il presunto grande eroe della cristianità, l’apostolo Paolo, era un discepolo diretto e dipendente di un certo Gamaliel, uno dei membri più alti dell’infame Gran Sinedrio, l’assemblea della élite ebraica nell’antico Israele.

È anche interessante notare che anche dopo la creazione della nuova setta cristiana, Paolo di Tarso ha continuato a praticare l’ebraismo dei suoi antenati.

Se posso lasciare la diplomazia da un lato e dire la verità esattamente come è, posso solo dire che Paolo di Tarsus, il fariseo ebreo, è stato un ingannevole ingannatore dei popoli Gentili, un venditore di menzogne, un lupo in un gregge di pecore e un impiegato dei cospiratori ebrei proto-sionisti del Sinedrio.

Era una creazione animale di Anu e della sua cricca contorta.

I bizzarri insegnamenti della sua nuova setta sarebbero stati puro avvelenamento per le sue vittime Gentili.

In primo luogo, l’insegnamento di una filosofia anti-vita e autodistruttiva di,

  • pacifismo totale
  • indebito altruismo
  • obbedienza cieca
  • oscurantismo
  • abnegazione dell’Io
  • amore per i nemici e anche per coloro che ci opprimono
  • la rinuncia a qualunque tipo di conoscenza spirituale ancestrale
  • la strana umiliazione di sé come un perduto peccatore
  • una preoccupazione malsana di colpa e di vergogna
  • dipendenza fatalistica
  • una paura irrazionale nei confronti di altri concetti come il diavolo, l’inferno e il giudizio finale.

Il cristianesimo finisce per trasformare milioni di Gentili in schiavi docili e sottomessi senza spirito di combattimento e facile da dominare.

  • In secondo luogo, l’espansione della teologia monoteista giudeo-cristiana esporterebbe il culto di Yahweh (El, Anu, Kronos, Saturno) a tutte le nazioni europee e quindi un numero innumerevole di Gentili cadrebbero sotto il dominio del dio degli ebrei.
    • Giudaismo 2.0 presumibilmente dallo stesso Nazareno e solo per i Gentili.

E chi era il cosiddetto Messia e salvatore dell’umanità introdotto da Paolo il fariseo?

Il mitico biblico Nazareno conosciuto come Gesù e più tardi come Gesù Cristo non era altro che un carattere fittizio. Proprio come Abramo e Mosè, Gesù era puramente un archetipo ebraico inventato dai cospiratori anuisti.

Il salvatore universale dell’umanità sarebbe solo una forma di pensiero ingannevole di Anu.

In termini esoterici, una forma pensiero è un’entità irreale, illusoria e fantasmagorica proiettata dalla mente di un mago e dotata anche di una consistenza fisica e di una propria personalità. In altre parole, è un’apparizione programmata creata attraverso l’energia magica.

Il concetto forme di pensiero è molto antico e risale all’antico Oriente, dove era noto come Tulpa in tibetano e Nirmita in sanscrito.

Gli anuisti mantengono tutto il mondo nell’inganno e si impadroniscono dell’energia spirituale dei loro ingenui seguaci religiosi attraverso le loro forme di pensiero, come il fittizio Gesù Cristo. Ogni volta che un cristiano prega il Nazareno l’energia spirituale delle sue preghiere viene inghiottita dal vortice energetico di Anu e la magia nera degli Anuisti viene rafforzata. Gli anuisti si nutrono di quella energia a livello spirituale.

Molti iniziati ebrei e seguaci del sionismo fingono di avere un’avversione per Gesù Cristo come eretico e traditore dell’ebraismo; tuttavia, tutto questo è solo un atto di teatrale…

Sanno che il Nazareno adorato dai cristiani non è altro che un fittizio archetipo e comprendono che il presunto Messia dei Gentili è infatti una forma di pensiero con cui possono assumere le menti dei loro nemici cristiani.

L’ostilità che essi mostrano verso la propria forma di pensiero non è altro che un modo per suscitare conflitti tra i popoli e confonderli ancora di più.

Tornando all’argomento principale, nei secoli successivi la nuova setta cristiana, costruita dalla élite dell’ebraismo anuista e venduta ai gentili ingenui dal fariseo ebraico Paolo di Tarso, si è diffusa in tutto il mondo mediterraneo. All’inizio fu respinto dalla maggioranza dei Gentili nelle grandi nazioni europee ed era persino perseguitato nei territori dell’Impero Romano.

Tuttavia, nel quarto secolo, i cattivi anuisti hanno fatto un accordo con l’élite dell’Impero (o forse lo Stato romano era già caduto sotto il controllo degli Anuisti da molto tempo) e seguente-mente gli imperatori hanno imposto la religione di Anu come culto ufficiale dello Stato.

Da allora gli Anuisti avrebbero stabilito un potente secondo bastione a Roma:

Più o meno nello stesso tempo, gli anuisti avrebbero trovato una terza religione monoteista dogmatica ed intollerante nelle terre degli arabi:

  • Islam.

Anu ha inviato lo stesso arcangelo Gabriele, un ingrato extraterrestre della fazione anuista conosciuto come Jibril in arabo, in modo che avrebbe rivelato a Mohammad la nuova “verità” di “dio” creando una nuova religione abrahamica … L’Islam abbraccia l’insegnamento della “guerra santa” contro gli “infedeli” e gli arabi convertiti avrebbero brandito le loro spade per distruggono tutti i popoli che si rifiutarono di credere nella nuova religione di Anu.

Gli Anuisti avevano creato una nuova cultura di potenti guerrieri disposti a combattere per la loro causa.

Nel frattempo, in Europa il Papato dell’anuista Vaticano distrugge tutte le tradizioni spirituali ancestrali dei popoli Gentili e annienta tutti i ribelli attraverso la loro perversa e malvagia inquisizione.

Alla fine gli ebrei iniziati, il popolo di Anu, infiltreranno molte organizzazioni europee che fingono la loro conversione al cattolicesimo.

Il Vaticano è sempre stato un’organizzazione misteriosa con legami con le società segrete dell’occultismo ebraico. In poche parole, gli ebrei anuisti hanno sottomesso (o in questo caso sub-ebrei) le nazioni europee con il loro sanguigno cavallo sionista conosciuto come cristianesimo e distrutto le culture ancestrali del Medio Oriente per mezzo della loro arma chiamata islamismo.

Il popolo di Anu riuscì a monopolizzare il potere politico e intellettuale sul Vecchio Mondo (Europa) attraverso la loro religione cattolica. Tuttavia, questo significa che non li servirà per sempre. La strategia degli anuisti è sempre in evoluzione e si adatta alle circostanze dell’epoca.

Nei tempi moderni le genti di Anu avrebbero tracciato i loro intenti per un nuovo progetto segreto per espandere il loro monopolio sul potere e comprimendolo per infiltrarsi nei governi del Nuovo Mondo (Americhe) attraverso diverse società segrete.

La fase successiva e finale della loro cospirazione millenaria sarebbe l’infame Nuovo Ordine Mondiale.

Il Nuovo Ordine Mondiale è composto da una rete di occulte confraternite dirette dai discendenti della stessa linea antisemitica creata in Palestina quasi quattro millenni fa.

I cosiddetti Illuminati del presente sono i figli del millenario sionismo.

Contrariamente a alcuni miti popolari che suppongono che gli Illuminati siano seguaci del Satana biblico, un semplice personaggio fittizio inventato per seminare i semi della paura e della paranoia, le élite dell’Ordine degli Illuminati sono veramente ebrei sionisti fedeli a Yahweh (Anu, El, Saturno) e il Nuovo Ordine Mondiale è l’eredità che il loro dio malvagio ha promesso per loro nel momento della loro elezione.

È curioso che nella Bibbia Yahweh promette al fittizio archetipo ebraico Abrahamo che lo farà padre di molte nazioni grandi e poi i profeti ebrei profetizzeranno che il popolo d’Israele erediterà il mondo intero e regnerà su tutte le nazioni.

In realtà, la Bibbia ebraica non è altro che un progetto codificato del sionismo per gli ebrei iniziati e un mezzo di inganno per mantenere i non iniziati schiavi.

Quello che è certo, è che il Nuovo Ordine Mondiale appartiene a Yahweh e al suo popolo eluso scelto da Ebrei ... 

conclusioni

La storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Bibbia ebraica è una rifusione tardiva di un gruppo di antichi racconti storici mesopotamici che comprendono l’Epica di Erra babilonese e le lamentazioni di Sumer.

I testi originali raccontano un feroce conflitto tra gli dei che successivamente poi testimoniano una grande catastrofe che avrebbe portato all’improvviso la scomparsa della civiltà sumera costringendo gli dèi Enkiti ad esiliarsi dalla terra.

Il conflitto devastante raccontato nei testi antichi era infatti un’antica guerra nucleare che scoppiava tra due opposte fazioni avanzate di extraterrestri.

Gli Anuisti avrebbero ricorso alle armi atomiche di distruzione di massa per sconfiggere gli Enkiti e a farli ritirare dalla terra.

Il “vento cattivo”, un antico riferimento alla caduta radioattiva causato dalle bombe atomiche, avrebbe desolato le città dei nostri dei e indebolendo il loro dominio sulla regione mesopotamica.

Immediatamente gli extraterrestri della fazione di Anu avrebbero invaso la terra assumendo alcune aree del pianeta. Avrebbero combattuto spietatamente con gli Enkiti e seminano il caos in Medio Oriente.

Anu stabilirà il bastone del suo culto anuistico nella regione di Palestina sotto lo pseudonimo semitico El. Nel frattempo, i suoi potenti alleati spirituali con gli infami Dracos schiacciarono la resistenza Enkita prendendo molti dei nostri dèi come prigionieri.

Da lì nasce l’idea degli angeli ribelli caduti nell’abisso dell’inferno nella letteratura apocalittica del giudaismo nel periodo del secondo tempio e successivamente nel Nuovo Testamento. Fortunatamente altri nostri dèi, inclusi Enki, nel tempo riuscirono a fuggire e si ritirarono dalla terra tornando in casa nella costellazione di Orione per preparare la loro futura rivalsa.

La storia di Abramo nella Genesi non è altro che una ritardata cronaca pseudo-storica il cui scopo è stata la giustificazione degli ebrei come popolo scelto da ‘dio’.

Abramo è un nome archetipo di carattere fittizio e il resoconto della sua elezione è un’allegoria che nasconde un evento veramente sinistro.

In realtà Yahweh (Anu) non scelse alcun Abramo; ha creato una nuova razza ibrida in Palestina attraverso l’ingegneria genetica sulla base del proprio materiale genetico e quello dei Dracos in modo che essi sarebbero stati il suo popolo scelto.

Ha affidato al suo popolo una missione speciale:

la distruzione sistematica di tutte le civiltà enkite gentili e la dominazione sul mondo = sionismo.

Da questa nuova razza anuista apparirà l’enigmatico Hyksos intorno al 1800 a.C. e avrebbero cercato di rovinare il regno Enkita d’Egitto.

Il “faraone” Akhenaton anuista sarebbe venuto sulla scena e cercare di corrompere la religione egizia ancestrale per sostituirla con la spazzatura di Anu. Ma, l’Egitto rimase forte.

Più tardi all’inizio del primo millennio a.C. il medesimo lignaggio anuista si organizzò nuovamente a formare il popolo ebraico, il popolo “scelto” e gli ebrei avrebbero combattuto con tutte le nazioni politeiste vicine.

Nel 1° secolo a,C. l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato la trama più complessa della storia.

Una grande minaccia
(Agenda 21)  

Avrebbero creato altre due religioni basate sul loro ebraismo monoteistico, due culti ebrei molto velenosi e autodistruttivi, per venderlo ai Gentili in Europa e Medio Oriente. Questo sarebbe stato il cavallo di Troia ebraico.

Il cristianesimo ebraico sarebbe stato stabilito in Europa e l’islamismo ebraico avrebbe stato assunto dalle menti del popolo arabo. Allora gli ebrei sionisti, gli ultimi burattinai, avrebbero infiltrato le società cristiane straniere e alla fine hanno espanso il loro dominio sui popoli gentili.

Negli ultimi tempi le stesse persone avrebbero assunto molti dei governi del mondo con l’aiuto del loro malvagio dio Anu-Yahweh e stabilirono il loro nuovo ordine mondiale.

Ora i seguaci di Anu sono i più potenti, hanno quasi il monopolio sul potere politico del mondo e gestiscono gran parte della ricchezza.

Ora i sionisti anuisti godono della promessa che il loro demonio del dio Anu-Yahweh ha fatto al padre archetipo ebraico Abramo e ai profeti della Bibbia:

egli consegna loro il potere su tutte le nazioni e li rende i padroni di tutto il mondo.

Alla fine, la Bibbia giudeo-cristiana è in realtà un segreto nascosto per il millennio sionista.

Il sionismo ebraico è sponsorizzato da Anu-Yahweh, che ha reso schiava l’umanità asservendola e rendendo nemico il cosmico Enki.

Riferimenti

I. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati giganti sulla terra: dèi, semi dei e ancestrali umani: l’evidenza del DNA straniero – New York (p. 287)

II. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati Giants sulla Terra: Dei, Semidei e Umani Ancestrali: L’Evidenza del DNA Alieno – New York (p. 288)

III.  http://www.loveenki.com/enki_gb/enki-and-his-human-children-lets-sum-up-the-situation/

IV. Grant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (p.30)

V. rant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (pagina 32)

VI. Romer, J. (1999) Testamento. (pp. 57-58)

VII. Olyan, SM (1988) Asherah e il culto di Yahweh in Israele. (pp. 62-68)

VIII. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 172-173)

IX. http://www.loveenki.com/enki/2012/07/abraham-imposture-de-lhistoire-les-kashars-imposture-du-moment-dieu-sobek-anu-et-sa-premiere-visite/

X. Tubb, JN (1998) Canaaniti: Popoli del passato. (pp. 107-116)

XI. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 6-9)

XII. http://www.loveenki.com/enki_gb/the-god-seth-from-love-to-fury-or-from-suty-to-typhon-anu-the-children-and-the-black-magic-the-Hyksos /

XIII. Meyers, C. (2005) Esodo. Cambridge (pp. 5-7)

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

L’IRA DI “ERRA”

le armi degli dèi

Spazio Porto Nel Sinai al tempo degli dèi

SINOSSI DELLA XIII° TAVOLETTA

Ma anche le civiltà dell’Indo riportano le stesse vicende catastrofiche

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

“Le Sette città Rishi”