Crea sito

Dal Tramonto all’Alba

BUBO BUBO

Di: Dottor Roberto Slaviero 22.08.20

Con la decisione del nostro governo, di portare la maschera all’aperto, nei luoghi di affollamento, tra le 18 e le 6 di mattina, probabilmente qualcuno ha avuto un leggero crepitio di risveglio cerebrale. Pochi credo comunque, vedendo gente ancora correre da sola con la maschera o guidare l’auto.

Mi raccontano, che qualche bar, ha già deciso di chiudere alle 20, onde evitare rottura di palle per i controlli o per le migliaia di delatori, probabilmente sguinzagliati dal potere, che telefonano alle forze dell’ordine, per trovare motivi di multe e denunce varie, nonché, per poter tamponare più persone possibili.

Sono disperati infatti, poiché i tamponi positivi sono pochissimi, per lo più asintomatici e loro vogliono la famigerata “seconda ondata”! Comunque il governo, è riuscito benissimo ad imparare bene le forme di delazione da applicare alla popolazione, come ai tempi della Stasi DDR. O forse, retaggio ancora dai tempi della guerra partigiana e fascista.

Fare le spie, è una delle azioni morali più riprovevoli, è uno stupro per le singole individualità; e mi pare che vogliano creare società di spioni, con punti di credito, tipo Cina o similari … una mierda galattica!

Allora, sti marpioni mondiali, con i governi da loro pagati, appena vedono che vi è un inizio di ripresa, economica e sociale, ripartono a manetta, per provocare incidenti, alzando i numeri di tamponi eseguiti, per rifare casino.

Qualsiasi virus vogliate trovare, lo troverete, perché viviamo immersi nel nostro corpo tra virus e batteri … pensate ad esempio alla “flora batterica intestinale“. Quindi continuare a tamponare per trovare Mr. Corona, lo troveranno sempre, anche se il poveraccio, ha fatto il suo compito e non è più virulento.

La carica virale del Corona si è esaurita già da molto, lo sappiamo. Il loro progetto di distruzione però è ampio e a lungo termine.

Con l’uscita a settembre degli spray orali, con glicerolo e tripsina, tutte le cariche virali e batteriche, presenti nel cavo orale, verranno ridotte od annullate … ma nel naso … quello spray non l’hanno ancora brevettato … furbacchioniiii

Potranno sempre dire … ok … nel cavo orale alles ok … ma dal naso possono arrivare i problemi … meglio rilassarsi e ridacchiare, magari in compagnia del vaccino russo a base di vodka!

Ho letto l’altro giorno che un Governatore, mi pare del Leon, abbia detto che, da qui in anzi, ogni virus influenzale, deve venir trattato come il Corona 19. Molta gente, ormai in crisi ossigenatoria, gli crede.

Siamo seri e diciamo il vero: nel pianeta vi è in atto una guerra, una guerra che prevede una ristrutturazione economica e geopolitica. L’Italia è strategicamente ed economicamente molto importante, ed è uno degli obbiettivi principali.

Con la Spagna, messa peggio di noi, il sud Europa verrà facilmente soggiogato, in uno – due anni. Gli ultimi preziosi pezzi da 90, cadranno in mani nemiche, per usare un termine guerresco.

La seconda guerra mondiale è durata 5 anni, questa durerà meno, perché la povertà ed i fallimenti arriveranno prima: infatti nelle guerre, il PIL  cresceva, da un certo punto di vista, in quanto le fabbriche producevano munizioni, aerei, navi, carri, etc.

Come allora, comunque vi saranno milioni di poveri e disoccupati, che si adatteranno a qualsiasi situazione lavorativa per sopravvivere. O staranno in casa a cazzeggiare col redito di cittadinanza, a molti va bene cosi!

La depressione economica, che porterà questa guerra, mascherata da Virus Mortale, distruggerà ed impoverirà molto di più e farà danni caratteriali fisici e psichici permanenti, soprattutto nelle nuove generazioni Chi ha voglia, legga la lettera inviata dall’ Arciv. Viganò, alle mamme italiane

https://gloria.tv/post/nb96kEyevDy74t72Fgz3UFUWX

Purtroppo, la politica che gestisce il potere è soggiogata e non reagisce, anzi esegue ordini e chi fa l’opposizione fa a finta di opporvisi.

L’unica vera soluzione ad un governo, che ha stracciato la Costituzione, sarebbe la dimissione in massa dei parlamentari di opposizione:

pensate che lo faranno? Ah ah ah … stipendi dorati e chi se ne frega.

Ah, durante i tre mesi di chiusura, i grossi del pianeta tipo Amazon ,Windows , Face, ETC, hanno aumentato il loro patrimonio, come sarebbe loro successo in decenni, e lo hanno fatto in pochi mesi … forse è una traccia per capire, chi ha contribuito ad  organizzare la chiusura con il Corona?!

Lavoro a casa con computer, scuola a casa con computer, acquisti online e consegne a casa … che siano degli indizi sui produttori della crisi in atto?! Ma và, è il virus cattivo!

 

Un mio amico mi dice; se entravi in maschera in un negozio fino a poco tempo fa ti potevano arrestare, adesso sei obbligato ad usarla e tra poco metteranno i rilevatori chippati nelle persone, cosi che, saranno riconoscibili ugualmente … dalle loro fottute Int Art … grazie Michel!

Purtroppo questa è la via che stanno tracciando. Mondo infame … ma la gente non capisce nulla di quello che sta accadendo e teme il virus all’attacco, volando, come il Bubo Bubo, dal tramonto all’alba!

Ve lo ricordate il film di Tarantino? Probabilmente abbiamo a che fare, con sgradevoli personaggi notturni disumanizzati, amanti del sangue umano, soprattutto dei minori!

Del business dei vaccini, mi son rotto di parlarne … penso che preferirò quello russo a base di vodka!

 

Per uscirne prima da sta mierda esiste un unico mezzo: boicottare economicamente le multinazionali, che hanno organizzato la guerra del virus, pagando e corrompendo in primis, l’OMS, col serpente nel suo simbolo.

Cercate quali sono, secondo voi, i fautori del massacro 2020; io vi ho dato qualche indizio, ma la ricerca abbraccia molte teste della medusa coalizzata. Quando le avrete identificate, boicottatele. Il resto sono solo bla bla, senza speranza. Se non lo farete, vuol dire che vi va bene cosi.

Stasera al tramonto, mi localizzo in un bel punto per vedere il Bubo Bubo … quello vero però: è fantastico ed è opera della Creazione del mondo … e non dei genetisti corrotti e deviati mentalmente … grazie Signore dei Cieli e della Terra!

Faremo in modo che gli usurpatori del pianeta, si stampino quanto prima ad alta velocità, sulle loro muraglie di menzogne!

 

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Il circo mediatico della pandemia continua senza sosta

LA PANDEMIA DELLA CACARELLA

 

Di Dottor Roberto Slaviero 21.07.20

 

Il circo mediatico della pandemia continua senza sosta.

 

In Italia, non sanno più come fare per trovare i loro cosiddetti “focolai”, da tamponi positivi corona, tutti asintomatici senza carica virale trasmissibile comunque, ed utilizzano adesso immigrati clandestini o meno, e stranieri che vivono in Italia.

Scappano immigrati dai centri di accoglienza: pagliacci incapaci al governo, durante i 3 mesi di prigione, avete controllato agli italiani, anche le distanze di 200 metri da casa! Se la Marina militare lo volesse, nessuno entrerebbe in Italia …. folli esecutori del piano mondialista di distruzione economica e sociale d’Italia!

Nel frattempo che l’economia va a puttane, che nei prossimi mesi vi saranno licenziamenti a valanga … una rivista italiana di Trading, ci fa sapere che da aprile a giugno la BCE, ha aumentato i sui asset di bilancio di 2000 MILIARDI DI EURO 2.000.000.000.000 CAPITO BAMBOCCIONI

Loro creano denaro nei computer, lo prestano agli Stati attraverso…banche, finanziarie  o chicchessia e hanno enormi crediti esigibili verso gli Stati. Pandemie inventate e crisi, per loro, sono la marmellata sulla cioccolata!

https://www.youtube.com/watch?v=0MZabvkVXyE&t=659s

Grazie Greg……sei simpatico!

La più grande truffa del mondo!

Ringraziate i nostri politici corrotti di fine anni 80, che hanno massacrato la Banca d’Italia, togliendole di fatto in pochi anni la stampa della Moneta al Portatore, ovvero della proprietà della moneta del cittadino italiano!

Vi hanno chiamati ad un Referendum per adottare la moneta Euro?

Svizzera ed Inghilterra hanno l’Euro ??

Svegliatevi, intorpiditi dalla vostra CO2, che respirate con quelle cazzo di maschere, che portate all’aperto! Non parliamo poi dei virusbatteri e funghi che si sviluppano con l’umidità del vostro respiro e che vi tornano dentro …  Siete rincretiniti da Tv e radio corrotte, da virologi corrotti da un OMS corrotta, al soldo di Cina, Gates e soci, tanto per far dei nomi, eugenetisti e cultori del controllo di massa incalliti, stile Nazi!

 

Comunque:

– ospedali e rianimazioni vuote

– terapia consolidata senza alcun rischio ulteriore di mortalità

– decessi avvenuti per lo più, per gravissimi errori di terapia nelle fasi iniziali, quando il Ministero della Salute italiano vietava le autopsie

– spray orali con glicerolo e tripsina, che ABBATTONO nel cavo orale qualsiasi carica batterica o virale, corona compreso … in commercio da i primi di ottobre

E’ FINITA, E’ FINITA, LA   FARSA E’ FINITA! SMETTETELA, E’ FINITA!

Alla procura della Repubblica di Roma, giacciono molte circostanziate denunce, su come i pazienti in ospedale, venissero sedati ed intubati, causandone la morte in poche ore: uccisi perché i medici, non facendo le autopsie, hanno scambiato UNA TROMBOSI PER UNA POLMONITE  e forzando l’ossigeno nei polmoni, ne bruciavano letteralmente i tessuti alveolari!

Chi ha dato queste indicazioni protocollari ai medici, dovrà venire indagato e processato per genocidio!

Tremate, maledetti assassini, al soldo dei corrotti! Prima o dopo la vostra ora arriverà!

Non si può dare in mano la responsabilità del nostro bene più prezioso a degli incapaci o peggio corrotti.

Non si possono annullare le competenze di grandi medici clinici ed affidare il sistema sanitario ad un comitato tecnico scientifico, che si è dimostrato incapace e  dannoso.

Adesso si rimpallano le responsabilità tra governo, comitati tecnici, protezione civile di sanitari incapaci e regioni con i loro governatori giacobini. Un mangia mangia di soldi, tra loschi affari di maschere ed attrezzature sanitarie. Uno schifo senza fine!

Invece, all’immigrazione selvaggia permessa, si controllano i portatori di Tbc o Scabbia o di Epatiti tossiche alimentari e di altre malattie vere?

Nel 2016 scrissi un articolo, in cui rendevo noto dell’altissima mortalità in continua crescita in Italia e della sparizione di migliaia di bambini nel nostro paese:

https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?melastregata

50mila morti in più ogni anno! Morti anche  a causa di effetti collaterali influenzali invernali, in persone anziane già sofferenti di molte altre  patologie, esattamente come quest’anno e nessuno parlò di pandemia!

Il sistema corrotto, si stava preparando e non avevano ancora raggiunto il massimo di smartizzazione planetaria e di acquisti di quasi tutti i media  e governi del pianeta, da parte delle élite sataniche.

E adesso … a romperci le palle con le ondate future di un virus che in Italia è scomparso! Provate adesso a fare i tamponi per i rotavirus, che provocano vomito e diarrea? Milioni di positivi ci sono … e allora … dichiariamo la Pandemia di Cacarella?

Il vostro sistema basato sui tamponi e il “mostruoso” corona non regge più, lo tenete in vita solo con un’emergenza che non esiste e con il terrore che avete instillato! Peggio che ai tempi di Robespierre!

Con il giochetto delle due settimane obbligatorie di quarantena, possono bloccare svariati flussi, turistici soprattutto!

 

Il vaccino?

Ma per quale ceppo corona?

Quello tedesco o italiano o cinese o slavo?

Un miscuglio di tutti i ceppi?

Attenti alla vostra salute, mascherati impauriti dai virus volanti nell’aria!

Attenti ai falsi profeti, attenti allo strapotere del pensiero unico  scientifico, che ci ha portati in questo baratro sociale ed economico!

Il periodo è buio ed è dovuto intervenire pubblicamente anche il Cardinale cattolico Viganò, per metterci in guardia su questo male, che sta inondando il mondo. Anche la Chiesa di Roma, pare caduta in mani non proprio angeliche, purtroppo!

Quindi sappiate, che avete di fronte una banda mondiale di imbroglioni ed assassini, che vogliono distruggere le piccole economie, che hanno fatto il miracolo economico degli anni 60 in Italia e rubare più soldi possibili, con crisi varie, soprattutto dove i risparmi ci sono ancora!

In questi momenti tragici, il vostro pensiero di appoggio  morale e di pensiero deve andare a quelli che ritenete tra i peggiori, i migliori … non saprei darvi consigli, visto l’andazzo generale.

Invece date ascolto ai veri medici clinici ed esperti più saggi, quali il Prof Tarro, che sconfisse il colera ed insieme al Prof Sabin, collaborò per lo sviluppo del vaccino antipolio.

https://it.wikipedia.org/wiki/Albert_Bruce_Sabin

Persone eccezionali, persone con il cuore e l’amore per il bene comune dell’umanità.

Ce ne sono tanti ancora, sebbene spesso vengano umiliati anche dai loro colleghi, attraverso Ordini professionali di stampo dittatoriale e succubi o collusi al sistema.

Non so cosa ci prospetta il prossimo immediato futuro, ma se molti non capiranno la vera realtà in cui viviamo, saranno dolori e lacrime, in tutti i sensi.

Questa banda di malfattori, che vuole cambiare le nostre vite, che installa frequenze elettromagnetiche ad alta frequenza tossiche, che installa Intel Artificiali dappertutto, che vuole controllare tutti e tutto non si fermerà certamente; creando denaro dal nulla, può comprare e corrompere tutto e tutti.

Se non cominciate voi, nel vostro piccolo a cambiare le cose, nulla cambierà.

Volete essere schiavi e percepire il reddito di cittadinanza senza lavorare?

Buttate via lo Smart, date disdetta ai contratti delle Pay Tv, uscite dai social ad esempio; e non è tornare indietro e dichiararsi contro lo sviluppo tecnologico, ma un atto di difesa in un mondo folle.

Tutti i vostri like sui social sono serviti a qualcosa? Si …hanno fatto capire ai marpioni che li hanno creati, che siete delle pecore narcisiste manipolabili.

Se qualche milione di persone uscissero dalla matrix dei social e media, allora qualcuno in alto si preoccuperebbe; caso contrario vi schiacceranno ancora di più.

Per loro, creare un altro agente patogeno tossico o farlo figurare tale, non è un problema. Lo possono semplicemente fare con le alte frequenze che  danneggiano il vostro Dna: le vostre cellule intossicate elimineranno poi sostanze genetiche a Rna o Dna e con i tamponi troveranno qualsiasi virus od agente patogeno!

Tanto, i vostri sistemi immunitari sono in deficit, soprattutto per le vostre paure della morte da virus cattivo!

Vi è uno studio scientifico recente  che lo prova e perciò è stato subito fatto sparire da Pubmed.gov!

E allora non lamentatevi più di niente ed agite e pensate con forza …

Croce santa sia la mia luce, non sia il drago la mia guida, retrocedi, Satana, non tentare mai di persuadermi, sono cose vane, le cose che offri sono cattive, bevi tu stesso i veleni!

VADE RETRO SATANAS!

 

Per chi non è cristiano od ateo trovi altri pensieri di persuasione e di difesa … per chi fa parte della combriccola delle élite malate, pedofile ed usuraie, un augurio … che presto il virus della Cacarella eterna vi dia la pace … in un mare di zolfo …. magari bollente … al posto dei vostri  panfili nei mari caraibici ed isolotti, sfruttando e molestando i minori!

Banda di depravati senza perdono!

 

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

 

®wld

Un riassunto della scienza sulle mascherine

 

Le maschere non sono né efficaci né sicure: un riassunto della scienza

Postato da:

Mia moglie ed io abbiamo cenato fuori la scorsa notte in un ristorante molto vuoto e la giovane cameriera doveva indossare una maschera di stoffa. Le chiesi come stesse con la maschera e se ci fossero effetti collaterali. Ha riferito che era costantemente a corto di fiato (quando si allontanò dal tavolo, abbassò la maschera sotto il naso) e che in realtà era svenuta per questo pochi giorni prima, portandola dritta sul pavimento. Fortunatamente, non è stata ferita. ⁃ Editor TN

In questo scritto, c’è una recente impennata nell’uso diffuso da parte del pubblico di maschere in luoghi pubblici, anche per lunghi periodi di tempo, negli Stati Uniti e in altri paesi. Il pubblico è stato istruito dai media e dai loro governi che il proprio uso delle maschere, anche se non malato, può impedire ad altri di essere infettati da SARS-CoV-2, l’agente infettivo di COVID-19.

 

Una revisione della letteratura medica peer-reviewed esamina gli impatti sulla salute umana, sia immunologici che fisiologici. Lo scopo di questo documento è quello di esaminare i dati relativi all’efficacia delle maschere, nonché i dati sulla sicurezza. Il motivo per cui entrambi sono esaminati in un documento è che per il grande pubblico nel suo insieme, così come per ogni individuo, è necessaria un’analisi del rapporto rischio-beneficio per guidare le decisioni su se e quando indossare una maschera. 

 

Le maschere sono efficaci nel prevenire la trasmissione di agenti patogeni respiratori?

 

In questa meta-analisi, è stato scoperto che le maschere per il viso non hanno alcun effetto rilevabile contro la trasmissione di infezioni virali. (1) Ha trovato: “Rispetto alle maschere, non vi è stata alcuna riduzione dei casi di malattia simil-influenzale o dell’influenza per le maschere nella popolazione generale, né negli operatori sanitari.”

 

Questa meta-analisi del 2020 ha rilevato che le prove da studi randomizzati controllati su maschere facciali non hanno supportato un effetto sostanziale sulla trasmissione dell’influenza confermata in laboratorio, sia quando indossata da persone infette (controllo del codice sorgente) sia da persone nella comunità generale per ridurre la loro suscettibilità. (2)

 

Un’altra recente recensione ha scoperto che le maschere non avevano alcun effetto specifico contro Covid-19, sebbene l’uso della maschera sembrasse collegato, in 3 su 31 studi, a probabilità “molto leggermente ridotte” di sviluppare malattie simil-influenzali. (3)

 

Questo studio del 2019 su 2862 partecipanti ha mostrato che sia i respiratori N95 che le maschere chirurgiche “non hanno prodotto differenze significative nell’incidenza dell’influenza confermata in laboratorio”. (4)

 

Questa meta-analisi del 2016 ha scoperto che sia gli studi controllati randomizzati che gli studi osservazionali sui respiratori N95 e le maschere chirurgiche utilizzate dagli operatori sanitari non hanno mostrato benefici contro la trasmissione di infezioni respiratorie acute. È stato anche scoperto che la trasmissione di infezione respiratoria acuta “potrebbe essersi verificata attraverso la contaminazione dei dispositivi di protezione respiratoria forniti durante la conservazione e il riutilizzo di maschere e respiratori durante la giornata lavorativa”. (5)

 

Una meta-analisi del 2011 di 17 studi riguardanti le maschere e l’effetto sulla trasmissione dell’influenza ha scoperto che “nessuno degli studi ha stabilito una relazione conclusiva tra l’uso della maschera / respiratore e la protezione contro l’infezione influenzale”. (6) 

 

Tuttavia, gli autori hanno ipotizzato che l’efficacia delle maschere possa essere collegata all’uso precoce, coerente e corretto. Allo stesso modo è stato scoperto che l’uso della maschera facciale non è protettivo contro il raffreddore comune, rispetto ai controlli senza maschere facciali tra gli operatori sanitari. (7) 

 

Flusso d’aria attorno alle maschere

 

Si presume che le maschere siano efficaci nell’ostruzione del viaggio in avanti delle particelle virali. Considerando quelli posizionati accanto o dietro a chi indossa una maschera, si è verificata una trasmissione più lontana di particelle fluide cariche di virus da individui mascherati rispetto a individui non mascherati, mediante “diversi getti di dispersione, tra cui getti intensi all’indietro e verso il basso che possono presentare gravi rischi, “E un” getto di dispersione potenzialmente pericoloso fino a diversi metri”. (8)

 

Si pensava che tutte le maschere riducessero il flusso d’aria in avanti del 90% o più indossando nessuna maschera. Tuttavia, l’imaging di Schlieren ha mostrato che sia le maschere chirurgiche che le maschere di stoffa avevano getti di sopracciglia più lontani (flusso d’aria verso l’alto non filtrato oltre le sopracciglia) rispetto a non indossare alcuna maschera, rispettivamente 182 mm e 203 mm, rispetto a nessuno distinguibile senza maschera.Il flusso d’aria non filtrato all’indietro è risultato essere forte con tutte le maschere rispetto al non mascheramento.

 

Per entrambe le maschere N95 e chirurgiche, si è scoperto che le particelle espulse da 0,03 a 1 micron venivano deviate attorno ai bordi di ciascuna maschera e che vi era una penetrazione misurabile delle particelle attraverso il filtro di ciascuna maschera. (9) 

 

Penetrazione attraverso maschere

 

Uno studio condotto su 44 marchi di maschere ha rilevato una penetrazione media del 35,6% (+ 34,7%). La maggior parte delle maschere mediche presentava una penetrazione superiore al 20%, mentre “maschere e fazzoletti generali non avevano alcuna funzione protettiva in termini di efficienza di filtrazione dell’aerosol”. Lo studio ha scoperto che “maschere mediche, maschere generali e fazzoletti sono stati trovati per fornire poca protezione contro gli aerosol respiratori”. (10)

 

Può essere utile ricordare che un aerosol è una sospensione colloidale di particelle liquide o solide in un gas. Nella respirazione, l’aerosol rilevante è la sospensione di particelle batteriche o virali nel respiro inalato o espirato.

 

In un altro studio, la penetrazione delle maschere di stoffa da parte delle particelle è stata di quasi il 97% e le maschere mediche del 44%. (11) 

 

Respiratori N95

 

Honeywell è un produttore di respiratori N95. Questi sono realizzati con un filtro da 0,3 micron. (12) 

 

I respiratori N95 sono così chiamati, perché il 95% delle particelle con un diametro di 0,3 micron vengono filtrate dalla maschera davanti a chi le indossa, mediante un meccanismo elettrostatico. I coronavirus hanno un diametro di circa 0,125 micron.

 

Questa meta-analisi ha scoperto che i respiratori N95 non offrivano una protezione superiore ai facemask contro le infezioni virali o le infezioni simil-influenzali. (13)

 

Questo studio ha trovato una protezione superiore dai respiratori N95 quando sono stati sottoposti a test di adattamento rispetto alle maschere chirurgiche. (14)

 

Questo studio ha rilevato che 624 persone su 714 che indossavano maschere N95 lasciavano vuoti visibili quando indossavano le proprie maschere. (15) 

 

Mascherine chirurgiche

 

Questo studio ha scoperto che le maschere chirurgiche non offrivano alcuna protezione contro l’influenza. (16)

 

Un altro studio ha scoperto che le maschere chirurgiche presentavano un rapporto di penetrazione dell’85% circa delle particelle di influenza inattivate aerosol e circa il 90% dei batteri dello Staphylococcus aureus, sebbene le particelle di S aureus avessero un diametro di circa 6 volte maggiore rispetto alle particelle di influenza. (17)

 

In uno studio su 3.088 interventi chirurgici è stato riscontrato che l’uso di maschere in chirurgia aumenta leggermente l’incidenza dell’infezione rispetto al non mascheramento. (18) 

 

È stato scoperto che le maschere dei chirurghi non davano alcun effetto protettivo ai pazienti. Altri studi non hanno riscontrato differenze nei tassi di infezione della ferita con e senza maschere chirurgiche. (19) (20)

 

Questo studio ha scoperto che “mancano prove sostanziali a sostegno delle affermazioni secondo cui le maschere protettive proteggono il paziente o il chirurgo dalla contaminazione infettiva”. (21)

 

Questo studio ha scoperto che le maschere mediche hanno una vasta gamma di efficienza di filtrazione, con la maggior parte che mostra un’efficienza dal 30 al 50%. (22)

 

In particolare, le maschere chirurgiche sono efficaci per fermare la trasmissione umana di coronavirus? Entrambi i gruppi sperimentali e di controllo, rispettivamente mascherati e non mascherati, sono stati trovati per “non rilasciare virus rilevabili in goccioline respiratorie o aerosol”. (23)

 

In quello studio, “non hanno confermato l’infettività del coronavirus” come riscontrato nel respiro espirato. Uno studio sulla penetrazione di aerosol ha mostrato che due delle cinque maschere chirurgiche studiate avevano una penetrazione dal 51 all’89% di aerosol polidispersi. (24)

 

In un altro studio, che ha osservato i soggetti mentre tossivano, “né le maschere chirurgiche né quelle di cotone hanno efficacemente filtrato SARS-CoV-2 durante la tosse di pazienti infetti”. E più particelle virali sono state trovate all’esterno che all’interno delle maschere testate. (25) 

 

Maschere di stoffa

 

Si è scoperto che le maschere di stoffa hanno una bassa efficienza per bloccare particelle di 0,3 micron e più piccole. La penetrazione di aerosol attraverso le varie maschere di stoffa esaminate in questo studio era tra il 74 e il 90%. Allo stesso modo, l’efficienza di filtrazione dei materiali dei tessuti è stata del 3% al 33% (26)

 

È stato scoperto che gli operatori sanitari che indossano maschere di stoffa hanno 13 volte il rischio di malattie simil-influenzali rispetto a quelli che indossano maschere mediche. (27)

 

Questa analisi del 1920 sull’uso delle maschere di stoffa durante la pandemia del 1918 esamina il fallimento delle maschere di impedire o arrestare la trasmissione dell’influenza in quel momento e concluse che il numero di strati di tessuto necessari per prevenire la penetrazione di agenti patogeni avrebbe richiesto un numero soffocante di strati, e non poteva essere usato per questo motivo, così come il problema delle aperture di fuga attorno ai bordi delle maschere di stoffa. (28) 

 

Maschere contro Covid-19

 

L’editoriale del New England Journal of Medicine sull’argomento dell’uso della maschera contro Covid-19 valuta la questione come segue:

 

“Sappiamo che indossare una maschera al di fuori delle strutture sanitarie offre una protezione minima, se non nulla, dalle infezioni. Le autorità sanitarie pubbliche definiscono un’esposizione significativa a Covid-19 come contatto faccia a faccia entro 6 piedi con un paziente con Covid-19 sintomatico che viene sostenuto per almeno alcuni minuti (e alcuni dicono più di 10 minuti o addirittura 20 minuti ). La possibilità di catturare Covid-19 da un’interazione di passaggio in uno spazio pubblico è quindi minima. In molti casi, il desiderio di un mascheramento diffuso è una reazione riflessiva all’ansia per la pandemia. ” (29) 

 

Le maschere sono sicure? 

 

Durante la camminata o altri esercizi

 

I portatori di maschere chirurgiche hanno aumentato significativamente la dispnea dopo una camminata di 6 minuti rispetto ai portatori di non-maschera. (30)

 

I ricercatori sono preoccupati per il possibile carico di maschere facciali durante l’attività fisica sui sistemi polmonare, circolatorio e immunitario, a causa della riduzione dell’ossigeno e dell’intrappolamento dell’aria che riduce lo scambio sostanziale di anidride carbonica. Come conseguenza dell’ipercapnia, ci possono essere sovraccarico cardiaco, sovraccarico renale e spostamento verso l’acidosi metabolica. (31) 

 

Rischi di respiratori N95

 

È stato riscontrato che le gestanti in gravidanza hanno una perdita di volume del consumo di ossigeno del 13,8% rispetto ai controlli quando indossano respiratori N95. È stato espirato il 17,7% in meno di anidride carbonica. (32) I pazienti con malattia renale allo stadio terminale sono stati studiati durante l’uso dei respiratori N95. La loro pressione parziale di ossigeno (PaO2) è diminuita significativamente rispetto ai controlli e all’aumento degli effetti avversi respiratori. (33)

 

Il 19% dei pazienti ha sviluppato vari gradi di ipossiemia mentre indossava le maschere. I respiratori N95 degli operatori sanitari sono stati misurati da campionatori personali di bioaerosol per ospitare il virus dell’influenza. (34) 

 

E il 25% dei respiratori per il viso degli operatori sanitari hanno riscontrato l’influenza in un dipartimento di emergenza durante la stagione influenzale 2015. (35) 

 

Rischi di maschere chirurgiche

 

Anche le maschere chirurgiche degli operatori sanitari sono state misurate da campionatori personali di bioaerosol per ospitare il virus dell’influenza. (36)

 

Vari patogeni respiratori sono stati trovati sulla superficie esterna di maschere mediche usate, il che potrebbe provocare un’auto-contaminazione. Si è riscontrato che il rischio era maggiore con una durata maggiore dell’uso della maschera. (37)

 

È stato anche scoperto che le maschere chirurgiche sono un deposito di contaminazione batterica. La fonte dei batteri è stata determinata essere la superficie corporea dei chirurghi, piuttosto che l’ambiente della sala operatoria. (38)

 

Dato che i chirurghi sono sottoposti a intervento chirurgico dalla testa ai piedi, questo risultato dovrebbe essere particolarmente preoccupante per i laici che indossano maschere. Senza l’abbigliamento protettivo dei chirurghi, i laici in genere hanno una superficie corporea ancora più esposta per servire da fonte di raccolta dei batteri sulle loro maschere. 

 

Rischi di maschere di stoffa

 

Gli operatori sanitari che indossavano maschere di stoffa avevano tassi significativamente più alti di malattia simil-influenzale dopo quattro settimane di uso continuo sul posto di lavoro, rispetto ai controlli. (39)

 

L’aumento del tasso di infezione nei portatori di maschere può essere dovuto a un indebolimento della funzione immunitaria durante l’uso della maschera. È stato riscontrato che i chirurghi hanno una saturazione di ossigeno inferiore dopo interventi chirurgici anche di soli 30 minuti. (40) 

 

L’ossigeno basso induce il fattore 1 alfa inducibile dall’ipossia (HIF-1). (41)

 

Questo a sua volta regola verso il basso le cellule T CD4 +. Le cellule T CD4 +, a loro volta, sono necessarie per l’immunità virale. (42) 

 

Pesare i rischi rispetto ai benefici dell’uso della maschera 

 

Nell’estate del 2020 gli Stati Uniti stanno vivendo un’impennata dell’uso popolare di maschere, che è spesso promossa da media, leader politici e celebrità. Maschere di stoffa fatte in casa e acquistate nei negozi e maschere chirurgiche o maschere N95 vengono utilizzate dal pubblico soprattutto quando entrano nei negozi e in altri edifici accessibili al pubblico. A volte vengono utilizzate bandane o sciarpe. L’uso di maschere per il viso, che siano di stoffa, chirurgiche o N95, crea un cattivo ostacolo ai patogeni aerosol come possiamo vedere dalle meta-analisi e altri studi in questo documento, consentendo sia la trasmissione di patogeni aerosol ad altri in varie direzioni, sia come auto-contaminazione.

 

Va inoltre considerato che le maschere impediscono il volume necessario di presa d’aria necessario per un adeguato scambio di ossigeno, il che si traduce in effetti fisiologici osservati che potrebbero essere indesiderabili. Anche le camminate di 6 minuti, figuriamoci l’attività più faticosa, hanno provocato dispnea. Il volume di ossigeno non ostruito in un respiro tipico è di circa 100 ml, utilizzato per i normali processi fisiologici. 100 ml di O2 superano di molto il volume di un agente patogeno necessario per la trasmissione.

 

I dati precedenti mostrano che le maschere servono più come strumenti di ostruzione della respirazione normale, piuttosto che come efficaci barriere agli agenti patogeni. Pertanto, le maschere non dovrebbero essere utilizzate dal grande pubblico, né da parte di adulti o bambini, e i loro limiti come profilassi contro i patogeni dovrebbero essere considerati anche in contesti medici.

 

Note finali

1  T Jefferson, M Jones, et al. Physical interventions to interrupt or reduce the spread of respiratory viruses. MedRxiv. 2020 Apr 7.

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.03.30.20047217v2

2  J Xiao, E Shiu, et al. Nonpharmaceutical measures for pandemic influenza in non-healthcare settings – personal protective and environmental measures.  Centers for Disease Control. 26(5); 2020 May.

https://wwwnc.cdc.gov/eid/article/26/5/19-0994_article

3  J Brainard, N Jones, et al. Facemasks and similar barriers to prevent respiratory illness such as COVID19: A rapid systematic review.  MedRxiv. 2020 Apr 1.

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.01.20049528v1.full.pdf

4  L Radonovich M Simberkoff, et al. N95 respirators vs medical masks for preventing influenza among health care personnel: a randomized clinic trial.  JAMA. 2019 Sep 3. 322(9): 824-833.

https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2749214

5  J Smith, C MacDougall. CMAJ. 2016 May 17. 188(8); 567-574.

https://www.cmaj.ca/content/188/8/567

6  F bin-Reza, V Lopez, et al. The use of masks and respirators to prevent transmission of influenza: a systematic review of the scientific evidence. 2012 Jul; 6(4): 257-267.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5779801/

7  J Jacobs, S Ohde, et al.  Use of surgical face masks to reduce the incidence of the common cold among health care workers in Japan: a randomized controlled trial.  Am J Infect Control. 2009 Jun; 37(5): 417-419.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19216002/

8  M Viola, B Peterson, et al. Face coverings, aerosol dispersion and mitigation of virus transmission risk.

https://arxiv.org/abs/2005.10720https://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/2005/2005.10720.pdf

9  S Grinshpun, H Haruta, et al. Performance of an N95 filtering facepiece particular respirator and a surgical mask during human breathing: two pathways for particle penetration. J Occup Env Hygiene. 2009; 6(10):593-603.

https://www.tandfonline.com/doi/pdf/10.1080/15459620903120086

10 H Jung, J Kim, et al. Comparison of filtration efficiency and pressure drop in anti-yellow sand masks, quarantine masks, medical masks, general masks, and handkerchiefs. Aerosol Air Qual Res. 2013 Jun. 14:991-1002.

https://aaqr.org/articles/aaqr-13-06-oa-0201.pdf

11  C MacIntyre, H Seale, et al. A cluster randomized trial of cloth masks compared with medical masks in healthcare workers.  BMJ Open. 2015; 5(4)

https://bmjopen.bmj.com/content/5/4/e006577.long

12  N95 masks explained. https://www.honeywell.com/en-us/newsroom/news/2020/03/n95-masks-explained

13  V Offeddu, C Yung, et al. Effectiveness of masks and respirators against infections in healthcare workers: A systematic review and meta-analysis.  Clin Inf Dis. 65(11), 2017 Dec 1; 1934-1942.

https://academic.oup.com/cid/article/65/11/1934/4068747

14  C MacIntyre, Q Wang, et al. A cluster randomized clinical trial comparing fit-tested and non-fit-tested N95 respirators to medical masks to prevent respiratory virus infection in health care workers. Influenza J. 2010 Dec 3.

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/j.1750-2659.2011.00198.x?fbclid=IwAR3kRYVYDKb0aR-su9_me9_vY6a8KVR4HZ17J2A_80f_fXUABRQdhQlc8Wo

15  M Walker. Study casts doubt on N95 masks for the public. MedPage Today. 2020 May 20.

https://www.medpagetoday.com/infectiousdisease/publichealth/86601

16  C MacIntyre, Q Wang, et al. A cluster randomized clinical trial comparing fit-tested and non-fit-tested N95 respirators to medical masks to prevent respiratory virus infection in health care workers. Influenza J. 2010 Dec 3.

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/j.1750-2659.2011.00198.x?fbclid=IwAR3kRYVYDKb0aR-su9_me9_vY6a8KVR4HZ17J2A_80f_fXUABRQdhQlc8Wo

17  N Shimasaki, A Okaue, et al. Comparison of the filter efficiency of medical nonwoven fabrics against three different microbe aerosols. Biocontrol Sci.  2018; 23(2). 61-69.

https://www.jstage.jst.go.jp/article/bio/23/2/23_61/_pdf/-char/en

18  T Tunevall. Postoperative wound infections and surgical face masks: A controlled study. World J Surg. 1991 May; 15: 383-387.

https://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01658736

19  N Orr. Is a mask necessary in the operating theatre? Ann Royal Coll Surg Eng 1981: 63: 390-392.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2493952/pdf/annrcse01509-0009.pdf

20  N Mitchell, S Hunt. Surgical face masks in modern operating rooms – a costly and unnecessary ritual?  J Hosp Infection. 18(3); 1991 Jul 1. 239-242.

https://www.journalofhospitalinfection.com/article/0195-6701(91)90148-2/pdf

21  C DaZhou, P Sivathondan, et al. Unmasking the surgeons: the evidence base behind the use of facemasks in surgery.  JR Soc Med. 2015 Jun; 108(6): 223-228.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4480558/

22  L Brosseau, M Sietsema. Commentary: Masks for all for Covid-19 not based on sound data. U Minn Ctr Inf Dis Res Pol. 2020 Apr 1.

https://www.cidrap.umn.edu/news-perspective/2020/04/commentary-masks-all-covid-19-not-based-sound-data

23  N Leung, D Chu, et al. Respiratory virus shedding in exhaled breath and efficacy of face masks Nature Research.  2020 Mar 7. 26,676-680 (2020).

https://www.researchsquare.com/article/rs-16836/v1

24  S Rengasamy, B Eimer, et al. Simple respiratory protection – evaluation of the filtration performance of cloth masks and common fabric materials against 20-1000 nm size particles. Ann Occup Hyg. 2010 Oct; 54(7): 789-798.

https://academic.oup.com/annweh/article/54/7/789/202744

25  S Bae, M Kim, et al. Effectiveness of surgical and cotton masks in blocking SARS-CoV-2: A controlled comparison in 4 patients.  Ann Int Med. 2020 Apr 6.

https://www.acpjournals.org/doi/10.7326/M20-1342

26  S Rengasamy, B Eimer, et al. Simple respiratory protection – evaluation of the filtration performance of cloth masks and common fabric materials against 20-1000 nm size particles. Ann Occup Hyg. 2010 Oct; 54(7): 789-798.

https://academic.oup.com/annweh/article/54/7/789/202744

27  C MacIntyre, H Seale, et al. A cluster randomized trial of cloth masks compared with medical masks in healthcare workers.  BMJ Open. 2015; 5(4)

https://bmjopen.bmj.com/content/5/4/e006577.long

28  W Kellogg. An experimental study of the efficacy of gauze face masks. Am J Pub Health. 1920.  34-42.

https://ajph.aphapublications.org/doi/pdf/10.2105/AJPH.10.1.34

29  M Klompas, C Morris, et al. Universal masking in hospitals in the Covid-19 era. N Eng J Med. 2020; 382 e63.

https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp2006372

30  E Person, C Lemercier et al.  Effect of a surgical mask on six minute walking distance.  Rev Mal Respir. 2018 Mar; 35(3):264-268.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29395560/

31  B Chandrasekaran, S Fernandes.  Exercise with facemask; are we handling a devil’s sword – a physiological hypothesis. Med Hypothese. 2020 Jun 22. 144:110002.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32590322/

32  P Shuang Ye Tong, A Sugam Kale, et al.  Respiratory consequences of N95-type mask usage in pregnant healthcare workers – A controlled clinical study.  Antimicrob Resist Infect Control. 2015 Nov 16; 4:48.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26579222/

33  T Kao, K Huang, et al. The physiological impact of wearing an N95 mask during hemodialysis as a precaution against SARS in patients with end-stage renal disease.  J Formos Med Assoc. 2004 Aug; 103(8):624-628.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15340662/

34  F Blachere, W Lindsley et al. Assessment of influenza virus exposure and recovery from contaminated surgical masks and N95 respirators. J Viro Methods.  2018 Oct; 260:98-106.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30029810/

35  A Rule, O Apau, et al. Healthcare personnel exposure in an emergency department during influenza season.  PLoS One. 2018 Aug 31; 13(8): e0203223.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30169507/

36  F Blachere, W Lindsley et al. Assessment of influenza virus exposure and recovery from contaminated surgical masks and N95 respirators. J Viro Methods.  2018 Oct; 260:98-106.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30029810/

37  A Chughtai, S Stelzer-Braid, et al.  Contamination by respiratory viruses on our surface of medical masks used by hospital healthcare workers.  BMC Infect Dis. 2019 Jun 3; 19(1): 491.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31159777/

38  L Zhiqing, C Yongyun, et al. J Orthop Translat. 2018 Jun 27; 14:57-62.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30035033/

39  C MacIntyre, H Seale, et al. A cluster randomized trial of cloth masks compared with medical masks in healthcare workers.  BMJ Open. 2015; 5(4)

https://bmjopen.bmj.com/content/5/4/e006577

40  A Beder, U Buyukkocak, et al. Preliminary report on surgical mask induced deoxygenation during major surgery. Neurocirugia. 2008; 19: 121-126.

http://scielo.isciii.es/pdf/neuro/v19n2/3.pdf 

41  D Lukashev, B Klebanov, et al. Cutting edge: Hypoxia-inducible factor 1-alpha and its activation-inducible short isoform negatively regulate functions of CD4+ and CD8+ T lymphocytes. J Immunol. 2006 Oct 15; 177(8) 4962-4965.

https://www.jimmunol.org/content/177/8/4962 

42  A Sant, A McMichael. Revealing the role of CD4+ T-cells in viral immunity.  J Exper Med. 2012 Jun 30; 209(8):1391-1395.

https://europepmc.org/article/PMC/3420330 

 

Colleen Huber, NMD via PrimaryDoctor

 

Fonte: https://www.technocracy.news/

 

®wld 

QUEL CHE SARA’ … GOCCIOLINE DI FLUGGE!

   

Di: Dottor Roberto Slaviero  

11.05.20

Ho scritto 17 articoli dall’inizio della falsa pandemia; il primo è datato 12.02.20

https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?ballespaziotemporali

Credo questo sarà l’ultimo sullo specifico argomento, poiché ormai sappiamo praticamente tutto.

Dagli ultimi dati, dell’ Ist Sup di Sanità, sappiamo che su circa 30mila decessi, solo circa un 3% sarebbe morto senza pregresse patologie; stiamo parlando quindi di circa 1000 persone su 60 milioni di italiani!

La chiusura del pianeta è stata abilmente gestita; un primo focolaio a Whuan…un secondo focolaio nel Nord Italia, che ha preoccupato molto di più del focolaio cinese, e da li, chiusura di tutto il pianeta!

Errori nelle terapie, inizialmente, dovuti al fatto che il ministero della salute, non autorizzava scandalosamente, autopsie e via via dicendo…; Tv e radio con carri funebri, autoambulanze e sacchi di morti (anche finti), dappertutto.

Gente terrorizzata, chiusa in casa, che ancor oggi, teme per la propria incolumità.

Adesso, entro per un attimo in dettagli tecnici, su come vengano riscontrati nel sangue o nei tessuti, gli agenti patogeni. In primis, ci si deve basare sui 4 Postulati del Dr Koch che nel caso del corona, NON sono stati rispettati!

Trattandosi di un virus, stiamo parlando di un parassita, costituito di sostanze genetiche e proteiche, con misure di grandezza di miliardesimi di metro, visibile solo con microscopi atomici.

Per i batteri, molto più grandi, la rilevazione è molto più facile.  La tecnica utilizzata, per ricercarli, si chiama: Reazione a catena della polimerasi – PCR ideata nel 1983 da Kary Mullis, che ottenne poi il Nobel.

Vi è poi una tecnica aggiuntiva detta RT-PCR che dovrebbe favorire,ancor di più, l’identificazione dell’agente patogeno. Sono procedure molto complicate e con diversi cosiddetti “falsi positivi“, perché la reazione di “amplificazione“ del tessuto genetico a Rna o Dna, può subire contaminazioni varie e dipende molto, ad esempio, dalla quantità nel plasma o tessuti, di magnesio.

Essendo i virus, grandezze di miliardesimi di metro, devono venire appunto con le tecniche sopraindicate, AMPLIFICATI, per poterli riconoscere.

A livello cellulare vi sono poi delle molecole, chiamate Esosomi deputate a distruggere l’RNA cellulare, dopo che ha svolto le sue funzioni di messaggero.

 Il Corona virus è un VIRUS a RNA! E’ molto possibile e probabile che, verificando ed isolando gli eventuali agenti patogeni, ci si possa CONFONDERE con secrezioni delle cellule animali ed umane a Rna o Dna!

Capite quindi che, se vogliamo trovare un Virus o più Virus, scopriamo che, siamo pieni nelle nostre cellule di strutture genetiche similari e facilmente, o peggio, VOLUTAMENTE scambiabili con agenti patogeni!

Questo NON significa comunque che la malattia non esista e che i morti non esistano! E allora, cosa può essere successo in realtà, e cosa potrebbe ancora accadere, se continuiamo ad affidarci a scienziati disonesti e politici corrotti?

Vi è stata un’intossicazione nell’aria principalmente, che ha avvelenato le cellule. Le cellule hanno poi eliminato “merda” cellulare, creando un sovraccarico nei sistemi di eliminazione corporea; principalmente polmoni, pelle,reni ed intestino, generando cosi una grave infiammazione nel corpo, con febbri alte ed in seguito creazione di micro trombosi, che poi a livello polmonare, conducevano a morte, per impossibilità di scambio O2 e CO2! E l’intubazione forzata, probabilmente, ha peggiorato le cose!

Il fantomatico Virus non è l’accusato numero uno: l’accusato numero uno è l’inquinamento, soprattutto elettromagnetico e poi di seguito, le polveri sottili e la chimica varia, prodotta da esazione di fabbriche e riscaldamenti etc, e da assenza di venti, che trasportino via il tossico.

Difatti la pianura padana per questo, purtroppo, è tra le peggiori zone del pianeta!

Un altra situazione, sarebbe quella di un Virus modificato dall’uomo ed estremamente pericoloso, perché difficilmente riconoscibile e quindi attaccabile dal nostro Sistema Immune, che però poi, presa la mira, lo annienterebbe, se è in salute chiaramente.

Se è stato modificato, sparisce in poco tempo, perché la Natura lo sopprime, come ben spiega il Prof Montagnier.

La sfiga massima potrebbe essere stata la somma delle due cose insieme;

  • – virus modificato
  • – 5G
  • – polveri sottili esagerate
  • – clima invernale non normale, con assenza di precipitazioni
  • – gas chimici tossici o parzialmente radioattivi

Infatti:

nessuno parla degli incendi terribili, creatisi nel mese di  marzo-aprile a Chernobyl vicino ai depositi radioattivi della catastrofe del secolo scorso

Accusare comunque un parassita virale, è fuori da qualunque logica scientifica razionale, se non succube e collusa invece, ad interessi finanziari ed economici, questi sì, estremamente tossici.

Ma il peggio deve arrivare! Aprite bene le orecchie!

Come avrete capito, soprattutto in Italia, siamo in mano a degli incapaci o meglio a degli incapaci, che si credono salvatori della patria, guidati da una comunità scientifica sponsorizzata ed allineata ai poteri transnazionali, che vogliono distruggere l’Italia.

Usare la maschera, sarà la più grande CATASTROFE per la salute, principalmente col caldo! Aumenteranno i valori della CO2 nel sangue, chiamata Ipercapnia, che porta ad acidosi

alcuni sintomi:

I sintomi e segni di ipercapnia comprendono l’arrossamento della pelle, frequenza cardiaca elevata, dispnea, extrasistole, spasmi muscolari, riduzione dell’attività cerebrale, aumento della pressione sanguigna, aumento del flusso ematico cerebrale. Possono presentarsi anche mal di testa, stato confusionale e letargia. L’ipercapnia può indurre un aumento della gittata cardiaca, un aumento della pressione arteriosa ed una propensione verso le aritmie.[2] [3] In caso di grave ipercapnia (dovuta p. es. a respirazione in aria con pressioneparziale di CO2 superiore a 10 kPa o 75 mmHg), la sintomatologia progredisce verso il disorientamento, il panico, l’iperventilazione, le convulsioni, la perdita di coscienza, e può portare fino alla morte.[4] [5]

CAPITO?!

L’uso dei guanti, non fa traspirare la pelle, creando seri problemi, e sul guanto si, che si possono annidare batteri e virus, i quali sulla pelle, verrebbero facilmente fagocitati dal microbioma della pelle!

CAPITO?!

Le vostre  GOCCIOLINE DI FLUGGE, che respirate con la maschera, intrise delle vostre secrezioni virali e batteriche, invece di uscire dal corpo, rientrano e sapete che succede sul tratto esofageo e bronchiale?

https://www.infezmed.it/media/journal/Vol_7_2_1999_10.pdf

Potete immaginare a quale rischio di infezioni, andranno incontro le persone più deboli e con patologie varie?

E … i perfidi ed assassini che comandano il mondo diranno … SECONDA ONDATA … TUTTI A CASA DI NUOVO! Un virus lo trovano sempre nelle secrezioni dei malati, senza problema!

Capite?

Restate a casa … andrà tutto bene … teste di cazzo!

Attraverso le goccioline di Flugge, soprattutto nei bambini, si stimola e si rafforza il Sistema Immune.

Il pensare che restino virus e batteri nell’aria per ore e ore è un pensiero criminale, inculcato nelle menti dei più, da criminali, non ci sono altre parole!

Quante volte vi hanno tossito addosso e non vi siete mai ammalati? Il più delle volte, sicuramente.

Ma ora, con la paranoia psicotica, che i bastardi, hanno creato, vi ammalerete alla prima scoreggia: vi hanno fottuto il cervello e la paura vi distruggerà il Sistema Immune.

All’Aria aperta, al sole, al mare, nei boschi, in montagna … LO CAPITE O NO!

In casa al chiuso ci si ammala, si accumulano le cariche tossiche, tanto più senza sole ed aria fresca … vi vengono in mente le Case di Riposo per anziani?

Chi sta gestendo questa operazione satanica, crea disposizioni e comportamenti, fatti apposta per AMMAZZARE più persone possibili, per fare AMMALARE più persone possibili.

SVEGLIATEVI o SARA’ la fine per milioni e milioni di persone!

Altro che Salvatori della Patria!

Un minimo di igiene, come ci deve essere e va bene … come è sempre stato!

Non parliamo dell’isolamento i danni psichici che crea, non parliamo del mancato rientro a scuola dei bambini, che non possono giocare e socializzare, i danni che farà …

Avete stracciato tutti i diritti costituzionali, ipnotizzando gli italiani con false notizie e regole di comportamento…avete distrutto la più florida economia del paese, il turismo!

A proposito Avvocato del pueblo e soci; da oggi la Croazia apre tutto senza limitazioni e merde varie, maschere e distanze e gel e sterilizzazioni…

Marameo, turismo straniero e italiano  estivo!

E molti di voi pensano che i vostri governanti vi abbiano salvato la vita … e le App e i tamponi e il coprifuoco e la delazione, le multe e le denuncie…

Gli Ospedali sono mezzi vuoti!

Sindaci che tengono spiagge chiuse…a proposito…grandi i ragazzi di Mondello … il sole ed il bagno nel mare sono un toccasana, evviva!

Un ultima domanda:

come ne uscirete, anche fisicamente, quando molti italiani si sveglieranno dal torpore e si troveranno o disoccupati o falliti e senza futuro?

Produzione industriale marzo – 28%

Sapete quanti Hotel non apriranno quest’estate?

Sapete che calo di occupazionale ci sarà  ??

Sapete che molti, chi potrà finanziariamente, quando aprirete le frontiere, andranno in vacanza all’estero?

Perché non fate una prova!

Dite agli italiani  che facciano le vacanze in Italia; ma nello stesso tempo, smettete questa dittatura dei controlli e degli abusi costituzionali e riducete le misure precauzionali al minimo, senza controlli tipo nazismo, come sta facendo la Croazia.

Cosi molti degli esercizi alberghieri e di ristorazione potranno riaprire!

Cosi si vedrà,  se gli italiani amano l’Italia!

Cosi si vedrà, se siete in buona fede!

Se non lo farete, significa che siete degli incapaci o dei venduti o peggio …. svenduti !!

Goccioline di Flugge? Magari…

Enormi gocce di grandine sclerotizzata, nelle vostre menti inutili!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Questi sono i cosiddetti focolai del Corona Virus in Italia: Vo’ Euganeo nel Veneto e Codogno nel Lodigiano in Lombardia

DUE + DUE FA QUATTRO! 

In collaborazione con il Dott. Roberto Slaviero

Vo’ Euganeo

nel Veneto

Codogno nel Lodigiano

in Lombardia

Questi sono i cosiddetti focolai del Corona Virus in Italia.

Ad oggi (27.02.20), dopo il Decreto del Governo di domenica 23.02, decreto che evoca uno stato di guerra, la situazione rimane caotica e difficilmente decifrabile.

Paesi interdetti, panico di massa con supermercati vuoti, spostamenti e viaggi ai minimi, con il crollo del turismo e del commercio, in un Italia che vive principalmente di turismo!

Una situazione che se dovesse continuare a lungo condurrebbe nel baratro l’economia!

Ho già parlato in articoli precedenti della mortalità delle normali influenze stagionali,che è significativa; sono migliaia ogni anno e si può ben controllare l’andamento sul sito del Istituto superiore di Sanità.

Ma visto che si evoca una grave epidemia o pandemia, nel caso del corona, vuol dire che qualcosa di grosso sta nel buco del Bianconiglio.

Come ormai sappiamo, il pianeta è governato per lo più da grossi gruppi bancari e multinazionali e i vecchi stati sovrani non esistono più; con qualche eccezione di chi ha ancora la possibilità di stampare la propria moneta.

In Europa nessuno la può stampare, per cui …

Uno dei businnes più significativi del presente è lo sviluppo delle Intelligenze Artificiali e dell’Internet delle Cose e le multinazionali stanno investendo miliardi e miliardi, foraggiando le varie nazioni, per ottenere bande di emissioni elettromagnetiche sui territori; per adesso il 5G!

Ovvero emissioni in frequenza di MILIARDI di Hert: le nostre cellule e il Dna, biologicamente lavorano su frequenze di 8 Hertz!

E adesso veniamo al dunque! Wuhan è una delle prime città cinesi completamente 5gizzata; sembra che nell’autunno scorso siano state installate 30mila antenne 5G.

https://oasisana.com/2020/02/25/coronavirus-secondo-studi-ed-esperti-col-5g-ce-immunodepressione-e-non-assorbimento-dossigeno-cioe-lidentikit-del-virus-seconda-parte-inchie/

E’ anche vero, si dice, che a Wuhan esista un laboratorio militare batteriologico, tra l’altro sviluppato con l’OMS.

Da ciò qualcuno afferma che, il corona sia un virus modificato per creare la famosa pendemia, pandemia che fa molto gola alle multinazionali dei vaccini; multinazionali foraggiate dai miliardari del pianeta, tanto per fare un nome Bill e Melinda Gates…ma ce ne saranno molti altri che rimangono dietro le quinte!

Potete verificare i comportamenti e i guadagni di tali multinazionali nelle Borse mondiali.

Si dice anche che questa è una guerra degli Usa contro la potenza economica cinese della Via della Seta; pensate un attimo se veramente i cinesi sapessero che gli Usa gli hanno spruzzato un virus mortale, cosa sarebbe già accaduto…ci sarebbe ancora il fumo in cielo per i pochi sopravvissuti del pianeta!

Stiamo con i piedi per terra e cerchiamo di non farci fregare, come al solito!

Soprattutto in Italia c’è, per fortuna, una resistenza alla 5gizzazione: 5gizzazione promessa dal ex vice primo ministro del ex governo giallo verde, due anni fa al premier cinese; l’Italia sarà la prima Smart Nation di Europa!

Inutile soffermarsi a dire che, frequenze di milioni o miliardi di Hz, indeboliscano il sistema immunitario; lo capisce anche un idiota, che un sistema corporeo che lavora sugli 8 Hz, non può resistere per lungo tempo a miliardate di Hz.

Quindi cosa c’entrano i Virus?!

Virus e batteri, convivono in equilibrio con il nostro sistema, ma quando il sistema si altera, logicamente possono divenire virulenti…elementare Watson!

Perfetto quindi!

Il paesino veneto in questione, Vo’ euganeo si trova direttamente sotto il Monte Venda: https://www.google.com/maps/place/Monte+Venda/@45.3197428,11.6466251,15z/data=!4m5!3m4!1s0x477f203aa2f118cd:0xa4e2adbc5ddcb2ac!8m2!3d45.3166667!4d11.6666667!5m1!1e4 

Sul Monte Venda c’è una installazione Radar Usa, oltre che altre svariate installazioni militari e civili italiane del controllo aereo del nord-est italiano https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_globalization_eu408.htm

Inoltre, il Cinto euganeo è stato scelto per la sperimentazione delle emissioni di banda 5G in GigaHz (miliardi di Hz)

http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2019/03/al-via-la-sperimentazione-della-tecnologia-5g-in-questi-120-ignari-piccoli-comuni/

Vi si sta rischiarando il cervello?

Ospedaletto lodigiano, dove pochi giorni fa è deragliato un frecciarossa

https://www.varesenews.it/2020/02/incidente-frecciarossa-piacenza-casalpusterlengo/897592/ è attaccato a Codogno lodigiano, l’altro focolaio del corona!

“Si pensa che la causa sia uno scambio … Una prima ipotesi sulle cause dell’incidente al Frecciarossa a Lodi è che il treno sia uscito dai binari perché ha incontrato un deviatoio – cioè uno scambio – posizionato in modo errato: il treno, che viaggiava a 280 km/h, ha trovato lo scambio “in deviata”…

Si vocifera che le Fs stiano utilizzando nuovi sistemi di comunicazioni elettromagnetiche in alte bande di frequenza!

Non so, se tra l’altro nelle vicinanze vi siano installazioni militari o simili …

ma mi viene in mente l’esperimento che fece il geniale Marconi, pochi anni prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, dove bloccò tutti i motori in un ampio territorio sotto Roma.

LA TESTIMONIANZA DELLA MOGLIE DI MUSSOLINI

Una fonte autorevole d’informazione però è esistita, della quale rimane un’autobiografia. Si tratta di Rachele Mussolini, la moglie del Duce, che nel suo libro “Mussolini Privato” descrive un importante esperimento condotto verso la fine del mese di Giugno 1936 sulla strada che da Roma conduceva ad Ostia.

“Verso la fine di Giugno di quello stesso anno, Benito Mussolini ebbe nuovamente la possibilità di cambiare il corso degli eventi: Guglielmo Marconi aveva messo a punto un’invenzione rivoluzionaria. https://www.hackthematrix.it/?p=16701

Fantasie?
Depistaggi?

Chissà chi lo sa!

Non vi sembra strano che comunque a Codogno vi siano queste “deficienze del sistema immunitario“  e quindi l’insorgenza dell’epidemia virale?! 

Ricapitoliamo adesso!

Abbiamo delle multinazionali che controllano la maggior parte dei governi.

Tali multinazionali guadagnano un sacco di soldi con i vaccini e le malattie. Tali multinazionali hanno deciso probabilmente di sfoltire la popolazione poiché, con l’introduzione delle IA, non hanno molto più bisogno del Sapiens Sapiens; Sapiens che ha solo il nome, in quanto ha perso l’originaria intelligenza del nomade cacciatore ed è diventato tendenzialmente un pigro schiavo idiotizzato!

Capite mie cari!

Non fatevi depistare da complottismi e pandemie artificiali di serpenti o pipistrelli o scienziati pazzi, con virus che si modificano o vengono modificati artificialmente!

Le cose purtroppo sono molto più semplici e comunque lo stesso terrificanti.

Una domanda? Ma qualche Procura della Repubblica non potrebbe aprire un fascicolo…? Verso ignoti chiaramente!

Auguri a tutti e ricordate che la paura vi fotte il sistema immune! Siate forti psicologicamente e non cadete nei tranelli del sistema!

“Ma ora basta cosi, lascia perdere tutti questi ragionamenti, che ti distraggono dalla concretezza della nuova vita che stai per iniziare.

Ciò che è importante è vivere, non pensare; essere e non capire.

“La verità si manifesterà in te come un dono quando meno te lo aspetti, quando rinuncerai a volerla strappare al mistero, con la violenza dei tuoi ragionamenti”

Pierluigi Ighina

Fonte:  http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Il legame tra un microbioma intestinale sano e il benessere generale

La metà di tutti i farmaci comunemente usati colpisce seriamente il microbioma intestinale, avvertono gli scienziati

Di Alanna Ketler

I  fatti:

È stato scoperto che molti farmaci comunemente prescritti hanno un effetto drastico sui “batteri buoni” nel nostro intestino.

Riflessioni su:

È importante essere consapevoli di tutti i potenziali effetti collaterali prima di assumere un nuovo farmaco per decidere se ne valga la pena.

Il legame tra un microbioma intestinale sano e il benessere generale è stato stabilito negli ultimi anni, poiché stiamo imparando che circa il 95% della serotonina (comunemente indicata come “ormone felice”) prodotto nei nostri corpi proviene effettivamente dal nostro intestino! Questo è uno dei tanti motivi per cui è importante prendersi cura della nostra salute, essere consapevoli dei cibi che stiamo mangiando ed essere consapevoli delle reazioni avverse da qualsiasi farmaco che stiamo assumendo.

Un recente studio presentato alla UEG Week 2019 (United European Gastroenterology) ha rilevato che 18 farmaci da prescrizione comunemente prescritti influenzano ampiamente la struttura tassonomica e il potenziale metabolico del microbioma intestinale. Altri otto farmaci di diverse categorie sono stati trovati per aumentare i meccanismi di resistenza antimicrobica nei partecipanti allo studio, e questo non va bene.

Secondo il comunicato stampa ufficiale sui risultati dello studio,

“I ricercatori del University Medical Center Groningen e del Maastricht University Medical Center hanno esaminato 41 categorie di farmaci comunemente usati e valutato 1883 campioni fecali da una coorte basata sulla popolazione, pazienti con IBD e pazienti con IBS mescolati a controlli sani. I ricercatori hanno confrontato i profili delle funzioni tassonomiche e metaboliche dei tossicodipendenti con i non tossicodipendenti, osservando l’effetto dell’uso di singoli farmaci e quindi l’uso combinato di farmaci. I cambiamenti osservati potrebbero aumentare il rischio di infezioni intestinali, obesità e altre gravi condizioni e disturbi legati al microbioma intestinale “.

In un intestino sano, tutti noi abbiamo una popolazione di microbi che vive all’interno del nostro intestino. Questa popolazione di microbi è composta da decine di trilioni di microrganismi, che comprendono oltre 1000 diverse specie di batteri. Esistono molti fattori diversi che possono influenzare la popolazione di microbiota nell’intestino umano, comprese varie forme di trattamento.

Le categorie di farmaci che si sono concluse nello studio per avere il maggiore impatto sul microbioma intestinale sono le seguenti:

  • Inibitori della pompa protonica (IPP) – usati per trattare la dispepsia che colpisce tra l’11% e il 24% della popolazione europea. Gli IPP sono anche usati per trattare l’ulcera peptica, l’eradicazione da H. Pylori, il reflusso gastrointestinale e l’esofago di Barrett.
  • Metformina – usata come trattamento per il diabete di tipo 2, che colpisce il 10% degli adulti europei
  • Antibiotici: usati per trattare le infezioni batteriche, assunti ogni anno dal 34% della popolazione europea
  • Lassativi: usati per trattare e prevenire la costipazione, che colpiscono il 17% degli adulti europei

Risultati più importanti

Lo studio ha anche dimostrato che il microbiota intestinale degli utilizzatori di PPI ha determinato un aumento del livello dei batteri del tratto gastrointestinale superiore e una maggiore produzione di acidi grassi. I consumatori di metformina hanno mostrato livelli più alti di batteri Escherichia coli (E.coli).

La ricerca ha anche mostrato che altre sette categorie di farmaci erano collegate a cambiamenti significativi nei livelli di popolazioni di batteri presenti nell’intestino. Gli steroidi orali erano correlati a livelli più elevati di batteri metanogeni, che è associato ad un aumento dell’IMC e dell’obesità. Inoltre, alcuni farmaci antidepressivi (noti come SSRI) usati da coloro che soffrono anche di IBS erano collegati a un’abbondanza di una specie batterica chiamata Eubacterium ramulus, che può essere dannosa.

Il ricercatore capo dello studio, Arnau Vich Vila, ha dichiarato: “Sappiamo già che l’efficienza e la tossicità di alcuni farmaci sono influenzate dalla composizione batterica del tratto gastrointestinale e che il microbiota intestinale è stato correlato a molteplici condizioni di salute; pertanto, è fondamentale capire quali sono le conseguenze dell’uso di farmaci nel microbioma intestinale. Il nostro lavoro evidenzia l’importanza di considerare il ruolo del microbiota intestinale nella progettazione dei trattamenti e indica anche nuove ipotesi che potrebbero spiegare alcuni effetti collaterali associati all’uso di farmaci. “

Pensieri finali

È importante comprendere tutti i potenziali effetti collaterali quando si decide di introdurre un nuovo farmaco nel nostro sistema. I batteri nel nostro intestino sono lì per una ragione e aiutano i nostri corpi con molte funzioni e se vengono uccisi o sbilanciati potrebbe causare problemi più gravi lungo la strada.

Se stai riscontrando uno di questi problemi e stai assumendo uno di questi farmaci, può essere utile parlarne con il medico e vedere se esistono metodi alternativi per il trattamento.

La nostra salute è la nostra più grande ricchezza!

Fonte: https://www.collective-evolution.com/

®wld

 

Il microbioma nella mucosa del colon umano

 

Dieta di alta qualità legata ai batteri più benefici dell’intestino

È ben noto che la dieta influenza la salute e la malattia, ma i meccanismi alla base di questo effetto non sono pienamente compresi. Facendo luce sulla connessione dieta-salute, un team guidato da ricercatori del Baylor College of Medicine riporta oggi su The American Journal of Clinical Nutrition un’associazione tra qualità della dieta e composizione del microbioma nella mucosa del colon umano.

I ricercatori hanno scoperto che una dieta di alta qualità è legata a più batteri potenzialmente benefici; mentre una dieta di bassa qualità è associata ad un aumento dei batteri potenzialmente dannosi. Propongono che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa far parte di una strategia per ridurre il rischio di malattie croniche.

“In questo studio, piuttosto che osservare le diete individuali, ci siamo concentrati sui modelli dietetici definiti dall’Indice di alimentazione sana (HEI) -2005 e su come si relazionano al microbioma”, ha detto l’autore corrispondente Dr. Li Jiao, professore associato di medicina -gastroenterologia e membro del Centro di Cancro Complessa Dan L Duncan del Baylor College of Medicine. “In uno studio precedente, abbiamo scoperto che l’HEI-2005 è associato a un ridotto rischio di cancro al pancreas.”

La dieta è considerata un fattore principale che influenza la struttura della comunità microbica nell’intestino, che a sua volta influenza significativamente la capacità di microbi benefici o dannosi di colonizzarla. Il microbioma intestinale umano influenza anche l’assorbimento dei nutrienti, la sintesi delle vitamine, il raccolto di energia, l’infiammazione cronica, il metabolismo del carcinoma e la risposta immunitaria e metabolica dell’organismo, fattori che possono influenzare il rischio di malattia, ha spiegato Jiao.

“Un nuovo contributo a questo lavoro è che abbiamo esaminato il microbioma associato alla mucosa del colon”, ha detto Jiao. “La maggior parte degli altri studi sul microbioma intestinale umano hanno utilizzato campioni fecali. Abbiamo esaminato il microbioma della mucosa del colon, perché sappiamo che questo microbioma è diverso da quello dei campioni fecali e si dice che sia più correlato all’immunità umana e all’interazione ospite-microbioma rispetto al microbioma nei campioni fecali “.

I ricercatori hanno utilizzato tecniche di sequenziamento di prossima generazione per analizzare il tipo e l’abbondanza di batteri presenti nelle biopsie della mucosa del colon. I campioni sono stati ottenuti per via endoscopica da partecipanti arruolati tra 50 e 75 anni che hanno avuto una colonscopia presso il Michael E. DeBakey Veterans Affairs Medical Center di Houston tra il 2013 e il 2017. I partecipanti erano privi di polipi e apparentemente sani. Hanno segnalato il loro consumo alimentare utilizzando un questionario di frequenza alimentare prima della colonscopia.

La qualità alimentare influenza in modo significativo il microbioma del colon

Jiao e i suoi colleghi hanno scoperto che una dieta di buona qualità come quella raccomandata dalle linee guida dietetiche per gli americani è ricca di frutta, verdura e cereali integrali, e un basso contenuto di zuccheri aggiunti, bevande alcoliche e grassi solidi è associata ad una maggiore abbondanza di benefici batteri come quelli con proprietà anti-infiammatorie.

Una dieta di cattiva qualità, d’altra parte, è associata a più batteri potenzialmente patogeni, come i Fusobatteri, che sono stati collegati al cancro del colon-retto.

I ricercatori suggeriscono che l’effetto che la dieta ha sulla struttura delle comunità batteriche nella mucosa del colon umano può portare a modificazioni dell’immunità innata, dell’infiammazione e del rischio di malattie croniche.

Il loro prossimo passo è confermare i risultati dello studio in una popolazione di studio più ampia. Inoltre, vogliono indagare su come i prodotti batterici, o metaboliti, come gli acidi grassi a catena corta o acidi biliari secondari, possono modificare il microambiente tissutale in uno che inibisce o promuove la crescita del tumore o lo sviluppo di altre malattie.

Inoltre, Jiao e i suoi colleghi sono interessati a indagare su come il microbioma intestinale sfavorevole in soggetti che consumano una dieta povera risponderebbe a un intervento dietetico personalizzato usando dieta, pre o probiotici, poiché studi precedenti hanno prodotto risultati misti.

“Altri fattori, come l’invecchiamento, la genetica o alcuni farmaci, influenzano anche il rischio di malattia, ma non possiamo modificarli”, ha detto Jiao. “La dieta, d’altra parte, può essere modificata e quindi fornisce una strategia per sviluppare un microbioma che promuova una vita sana. Suggeriamo che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa essere una parte di un piano per ridurre il rischio di malattie croniche”.

fonti:
Baylor College of Medicine
Articolo di giornale

Fonte Articolo: https://www.naturalblaze.com/

®wld