Crea sito

La zombieficazione pandemica delle imprese europee

Wikipedia Commons, George A. Romero

La zombieficazione pandemica delle imprese europee

 

Il grande panico del 2020 sta mettendo a dura prova le imprese europee poiché le società che sono come i “morti viventi” non vengono precluse perché le banche non possono permettersi di cancellare i crediti inesigibili, per timore che vengano dichiarate fallite. La vera carneficina deve ancora arrivare. ⁃ TN Editor

 

Le aziende zombi europee si stanno moltiplicando come mai prima d’ora. In Germania, una delle poche economie europee che ha resistito alla crisi del virus abbastanza bene, si stima che 550.000 aziende – circa un sesto del totale – potrebbe già essere classificati come “zombie”,  in base alla  ricerca da parte della agenzia di credito Creditreform. È una  storia simile  in Svizzera.

 

Le aziende zombi sono società con una leva finanziaria eccessiva e ad alto rischio con un modello di business che non è neanche lontanamente autosufficiente, poiché devono raccogliere costantemente denaro fresco da nuovi creditori per pagare i creditori esistenti. Secondo  la definizione della Banca dei regolamenti internazionali, non sono in grado di coprire i costi del servizio del debito con il loro EBIT (guadagni prima degli interessi e delle tasse) per un periodo prolungato.

 

Il numero di società zombi è aumentato in tutta Europa e in Anglosfera, a causa di due fattori principali:

 

  • Le politiche di denaro facile per sempre delle banche centrali, che hanno portato i tassi di interesse a livelli talmente bassi che anche le aziende con una ragionevole possibilità di insolvenza sono state in grado di continuare a emettere debito a tassi sostenibili. Anche molte grandi aziende di zombi sono state salvate, in alcuni casi più di una volta. Il gigante spagnolo dell’energia verde  Abengoa è stato salvato tre volte in cinque anni .
  • La tendenza delle banche scarsamente capitalizzate a rinnovare o ristrutturare continuamente i crediti inesigibili. Ciò è particolarmente diffuso in parti dell’Eurozona dove le banche sono particolarmente deboli, come l’Italia.

 

Un rapporto della Bank of America di luglio  ipotizza  che il Regno Unito rappresenti un incredibile terzo di tutte le società zombi in Europa. Rappresentano il 20% di tutte le aziende del Regno Unito, in aumento di quattro punti percentuali da marzo,  secondo  un nuovo documento del think tank conservatore Onward. Nei due settori più colpiti – alloggio e servizi di ristorazione, arte, intrattenimento e ricreazione – la percentuale di imprese zombie è aumentata rispettivamente di 9 e 11 punti percentuali, al 23% e al 26%.

 

Il numero di aziende zombi è aumentato vertiginosamente in quanto le aziende hanno assunto enormi volumi di nuovi debiti solo per resistere alla crisi del virus e, in molti casi, generando molto meno entrate. In tutto il mondo, le società non investment grade hanno emesso 322 miliardi di dollari nei primi otto mesi di quest’anno, così come nell’intero 2019,  secondo i  dati della BRI. Allo stesso tempo, le società che erano già zombi, invece di andare in bancarotta e avere i loro debiti ristrutturati, sono state salvate dal governo e / o dalla banca centrale.

 

Da parte loro, le aziende più piccole hanno anche assunto più prestiti bancari, in gran parte o completamente garantiti dal governo. Molte aziende, in particolare nei settori più colpiti dalla crisi, hanno ricavi inferiori e flussi di cassa più deboli. Di conseguenza, il denaro preso in prestito si esaurisce rapidamente ma il debito rimane. Se non erano zombi prima della pandemia, diventeranno zombi in futuro.

 

Cosa si deve fare con tutti questi zombi? Questa è la domanda che molti stanno chiedendo ora. Il rapporto di Onward propone un piano astuto (in vena Baldrick) – chiamato New Start – che convertirà qualsiasi debito del coronavirus che non può essere rimborsato in un prestito contingente di reddito raccolto come quota dei profitti di trading. Il debito sarebbe dovuto solo quando un’azienda inizia a realizzare un profitto.

 

“Il programma New Start offre la possibilità di ritardare in modo intelligente i rimborsi solo per quelle aziende che ne hanno bisogno”,  afferma  l’autore dello studio Angus Groom. “Questo può essere implementato come uno schema gestito da HM Treasury e implementato e controllato dalle banche, massimizzando nel contempo il valore dei contribuenti per i prestiti che il governo ha già sottoscritto”.

 

Il termine “schema” in inglese britannico in questo contesto significa “programma”, ma il significato statunitense di “schema” sembra essere almeno altrettanto appropriato. E i contribuenti probabilmente non vedranno mai più quei fondi.

 

Questa è una delle numerose proposte che circolano in Europa volte a trovare un modo per mantenere in piedi la maggior parte, se non tutti, degli zombi europei, il più a lungo possibile. Includono un semplice swap del “debito statale in azioni”, che implicherebbe essenzialmente la conversione dei prestiti di emergenza contratti dalle società in difficoltà in azioni da parte dei governi. Questa idea è particolarmente popolare tra i banchieri senior,  come il  CEO di Unicredit Jean Paul Mustier, presumibilmente perché anche le società di debito del coronavirus non pagabili che devono alle banche verrebbero trasformate in azioni.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

Correlati:

L’informatrice virologa cinese: afferma che la Cina ha creato il virus COVID-19

I Dati di Yelp: il 60% delle chiusure pandemiche è ora permanente

®wld

VOLERE E’ POTERE

Riceviamo aiuti da tutti: Albania, Cuba, Russia, Stati  Uniti, e noi siamo ancora qui a parlare di MES. Volere e Potere, basta fare gli struzzi.

Considerato che la guerra è ECONOMICA, e Tedeschi, Austriaci, Olandesi, Fillandesi non hanno intenzione di aiutare coi soldi di tutti e cioè con Eurobond, i paesi più colpiti dell’area Euro come SPAGNA FRANCIA, ITALIA, GRECIA ecc. Soldi che servirebbero a curare malati, a comprare farmaci, a pagare medici, infermieri, sussidi, cassa integrazione, contributi ad aziende e lavoratori, ed attività commerciali oggi chiuse, e ogni misura di sostegno all’economia del nostro paese.

Visto che andiamo tutti a far la spesa, VI IMPLORIAMO di far crollare il fatturato delle aziende tedesche e austriache, i vantaggi saranno enormi…

Il primo è per l’occupazione italiana, in secondo luogo le aziende italiane pagano tasse in Italia, molte multinazionali delocalizzano e non producono nulla in Italia, ma inviano solo i loro prodotti al nostro mercato, cioè non producono posti di lavoro in Italia. Altre tramite un gioco complicato ma legale, pagano poche tasse, avendo sede ad Amsterdam o Paesi Bassi.

Se le aziende tedesche che hanno dipendenti qui in Italia crollano,  altre aziende italiane o di altri paesi assumeranno personale in Italia, quindi tranquilli.

La Germania ha avuto un SURPLUS commerciale da quando è entrata in Europa, vantaggio riconosciuto da tutti gli economisti del mondo.

Questo anche perchè la gran parte dei nostri politici son tutti senza palle.

I vantaggi per le aziende NON GERMANICHE sarebbero enormi,

Vi chiediamo di inoltrarlo a 20 persone, di cui 2 almeno fuori dalla vostra città,

se ognuno di voi ci riesce in 5 minuti siamo a 400, in un ora a 8.000 persone circa, in un giorno raggiungiamo 192.000 contatti, quindi i numeri si fanno importanti.

Rendiamo la Germania innofensiva, senza missili, senza armi, ma con l’arma che è caratteristica di noi italiani e cioè l’intelligenza. Vedi MEUCCI (inventore telefono),  E.FERMI, Cristoforo Colombo,  Leonardo da Vinci.

Cominciamo con il boicottare TUTTI I PRODOTTI ELENCATI DEI COLOSSI DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE tedeschi:

ALDI SUPERMERCATI, LIDL, PENNY, Market e DESPAR,

prodotti:

BALSEN biscotti

YOGURT MULLER
KNORR SUGHI
HARIBO caramelle
Birra Paulaner, Edelweiss, Goldenbrau, Gosser (BAVARIA e Heineken olandesi)
Red bull bevanda austriaca
Henkel group tedesca che detiene:
DIXAN, BIO PRESTO, Perlana, VERNEL, PERSIL ,Pril per lavastoviglie,
Nielsen sapone piatti.
GLISS per capelli,
Antica Erboristeria che è tutto meno che italiana
Breff detergenti prodotti casa
VAPE antizanzare
HERTZ autonoleggio
Ravensburger giocattoli
LOCTITE e colla e Pritt
Schwarkopf shampoo e Neutromed saponi
Continental pneumatici
ROWENTA E VORKERK elettrodomestici
Marchio Bosch e Aeg Cucine

Materiale per bagno edilizia 

Duravit, Grohe e Knauf, Villeroy & Bosch
Wurth viti
Junkers e Vaillant caldaie
Telefunken televisori
Osram e SIEMENS, colossi illuminazione
PUMA e ADIDAS
ESCADA e MONTBLANC
REUSCH e ULHSPORT abbigliamento sport e neve.
LANGE & SONHE orologi
KTM moto
Swaroski gioielli
SCI ATOMIC e il marchio HEAD

Deustche Bank

(per chi tiene i soldi lì ricordiamo che la banca ha varato 20.000 licenziamenti in tutto il mondo, in quanto attraversa una grave crisi di liquidità) Decisamente più sicuro tenere risparmi nelle grosse banche italiane

Sui farmaci, si parla di salute e quindi siamo persone perbene e non ci permettiamo di toccare la Bayer ma se comprate un’aspirina in meno è meglio, per tutti…

DIFENDEIAMO I LAVORATORI E LE AZIENDE DEL NOSTRO PAESE

Non ci rivolgiamo a tutti ma solo AGLI ITALIANI CHE VOGLIONO DIFENDERE IL PROPRIO PAESE, OGGI COME NON MAI.

La maggior parte del denaro non è nemmeno tangibile, esiste solamente nei computer

Foto: Biglietti di dollari da investimenti Getty

Chi ha il potere di Creare Denaro nell’Economia Moderna? 

La maggior parte del denaro non è più creato dai governi nè dalle banche centrali. Inoltre, la maggior parte del denaro che circola oggi nel mondo non sono biglietti.

Vi siete chiesti qualche volta da dove viene il denaro che usate per pagare?

La moneta di carta fu una invenzione cinese:

Si è iniziata ad usare per la prima volta attorno all’anno 1000 nella privincia di Sichuan, in sostituzione del pagamento tradizionale eseguito con monete d’oro e d’argento.

Un paio di scoli dopo, l’imperatore Kublai Kan adotto il sistema a livello nazionale secondo il racconto di Marco Polo dei suoi viaggi in Asia.

La prima carta moneta non era proprio di carta ma una lamina derivata dalla corteccia di un albero che portava la firma di vari funzionari e, cosa più importante, il sigillo rosso dello stesso imperatore Kan, il che gli attribuiva il valore.

Oggi però, nella maggior parte dei paesi del mondo, il denaro non è fatto fare dai monarchi, ma nemmeno è fabbricato proprio dai governi, come molti credono.

Nemmeno le banche centrali autonome sono le responsabili della creazione della maggior quantità di denaro che circola sul pianeta.

Nella maggior parte delle economie moderne il denaro è creato dalle banche private, e la maggior parte non è nemmeno tangibile:

esiste solamente nei computer.

Parliamo dei depositi bancari, quelle cifre che appaiono nei vostri conti correnti bancari e che si aggiornano man mano che spendete o ci sono entrate.

Secondo il centro di ricerca e campagna britannico Positive Money (“Denaro Positivo”), nel Regno Unito il 97% del denaro attuale è creato dalle banche e solo il 3% è creato dal governo.

“Come per magia”

Nella serie The New Age of Capitalism (“La nuova era del capitalismo”), della BBC Radio 4, la direttrice esecutiva di Positive Money, Fran Boait, spiega che il denaro si genera quando le banche fanno prestiti.

E afferma che il denaro appare di colpo,

“come per magia”…

Funziona così:

Immaginate di voler comprare qualcosa… per esempio un’auto. Però il denaro non vi basta. Allora andate in banca e chiedete un prestito.

Se la banca accetta la vostra richiesta, un impiegato scrive dei numeri sul suo computer e subito appare il denaro sul vostro conto!

Quello è denaro nuovo che un secondo prima non esisteva e che potete usare per comprare la vostra macchina (e poi dovrete renderlo con gli interessi, però questa è un’altra storia…)

E’ così , per mezzo di prestiti bancari, come si genera la maggior parte del denaro nell’economia moderna.

Denaro elettronico contro denaro reale

Quando pensiamo al denaro siamo soliti immaginare dei biglietti.

Però Sir Charles Bean, ex-economista capo e vicegovernatore della politica monetaria della Banca d’Inghilterra (la banca centrale del Regno Unito), ha detto alla BBC che in realtà la maggior parte del denaro odierno è elettronico…

“(La moneta di carta) è una frazione molto piccola di quello che gli economisti considerano denaro, che comprende anche i depositi bancari che possono essere trasformati in denaro effettivo su richiesta”, spiega Bean.

Quanto denaro è elettronico e quanto è reale?

La cifra va cambiando. Però Bean ha detto, come esempio, che prima della crisi finanziaria del 2008, la proporzione nel Regno Unito era di 25 a 1.

Vuol dire che si aveva una libbra fisica per ogni 25 libbre virtuali.

Questo significa che al momento di prestarvi denaro, le banche non sono limitati dai loro attivi o dall loro riserve e nemmeno dalle riserve della banca centrale.

“Le banche prestano depositi, che creano denaro, e possono servirsi delle riserve in un secondo momento. Non hanno bisogno di avere riserve per prestare denaro.

Possono prestare la quantità che vogliono”, afferma Boait.

Allora, chi impone un limite alla creazione di denaro?

“La quantità di prestiti che danno le banche dipende dal loro appetito per il rischio e da quanta abilità hanno per sostenere perdite dovute ai loro investimenti” risponde Bean.

Dipende anche da quanto si sentono ottimisti per lo stato dell’economia.

A volte un ottimismo smisurato può generare problemi come è avvenuto negli anni precedenti alla debacle del 2008 generata dalla crisi ipotecaria.

E la banca centrale cosa fa?

Una banca centrale ha due maniere di influenzare la misura del sistema bancario di un paese.

  • La prima è con le politiche monetarie che detta, in particolare il tasso di interesse bancario.

    Un tasso più basso incentiva le richieste di prestiti e i tassi fissi. Però un tasso troppo basso può portare al fatto che la gente preferisca non mettere in banca il prorpio denaro e conservare il denaro in casa.

  • La seconda forma che hanno le banche centrali di incidere sull’economia è generare denaro loro stesse.

    Per esempio dopo il 2008, come abbassare i tassi di interesse non stava riuscendo a riattivare l’economia britannica, la Banca d’Inghilterra decise di emettere denaro per inserirlo nell’economia.

I pericoli

Gruppi come Positive Money, senza dubbio considerano che questa “soluzione” ha portato nuovi problemi.

“Ha avuto effetti secondari molto negativi, ha aumentato la diseguaglianza di entrate” dice Fran Boait.

Il problema è che le banche sono solite dare prestiti a coloro che posseggono beni, che possono usare come supporto di quel credito.

 

Infine l’inserimento di denaro ha benficiato coloro che avevano di più e ha pregiudicato che avevano meno, perché ha fatto sì che i prezzi delle proprietà aumentassero.

Senza dubbio Bean considera che l’emissione di denaro è stata

“una risposta necessaria” per la gravità della crisi.

“Senza questo l’attività si sarebbe debilitata e la disoccupazione sarebbe aumentata” ha assicurato.

C’è un’altra alternativa alla creazione di denaro?

Positive Money crede di sì e ha lanciato una campagna affinchè il denaro arrivi “all’economia reale”.

Una maniera che propone è schivare le banche:

“La Banca d’Inghilterra potrebbe creare denaro e darlo al governo perché lo distribuisca tra la popolazione, per esempio attraverso ‘un dividendo cittadino’ uguale per tutti o attraverso un programma di costruzione di case” suggerisce Boait.

“Dobbiamo rompere questo tabù che le cose sono così e non possono essere altrimenti” sostiene.

I gruppi, e altri affini nel resto d’Europa, fanno una campagna affinché le banche smettano di avere il controllo sulla creazione di denaro e questa potestà torni ad essere esclusivamente in mano allo Stato.

“La moneta nazionale è in essenza un monopolio naturale e dovrebbe essere sotto il controllo pubblico” sostiene Boait.

Senza dubbio, per ora nessuno – nemmeno la crisi mondiale del 2008 – è riuscita a togliere potere alle banche che continuano ad essere i re dell’economia moderna…

EU: Più piccioni con una Fava

 

 

NOVITA’ IN CORSO NELL’EURO-DITTATURA (Spartizioni e maskirovka).

 

Di Maurizio Blondet  

 

Chi, fra i media e i politicanti, vi racconta che nella UE vige “Lo stato di diritto”, quella libertà sotto legge che invece “sovranisti” e “populisti” starebbero distruggendo, dovrebbe leggere il documento dell’ombdusman europoide il quale attesta: la nomina di Martin Selmayr a segretario generale (ossia il burocrate di carriera che assiste il Commissario, un politico, nel nostro caso Juncker) è stata fatta in modo estremamente irregolare, senza concorso e con forzature e violenze delle norme, da interessare il codice penale – se appunto in Europa vigesse il diritto. 

 

Della questione abbiamo già parlato in un articolo del marzo 2018:  

 

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/ 

 

Dato il sempre più evidente effetto disabilitante dell’alcolismo di Juncker, che la cosca dominante tedesca aveva fatto “eleggere” anni fa, la medesima cosca tedesca ha pensato di affiancargli un segretario generale attivo, giovane, capace di sostituire in tutto il sempre più vacillante e vaneggiante ubriacone. La scelta non poteva che cadere su Selmayr, perché già di fatto era insieme il badante e vero capo del governo europeo. Abbiamo infatti appreso da Libération che Juncker “non ha mai presieduto una sola volta le riunioni di gabinetto”, ossia l’atto più altamente politico, il consiglio dei ministri – e in queste appariva a spadroneggiare, sulla poltrona dell’alcolizzato, il Selmayr: senza che nessuno dei presenti”ministri” sollevasse un sopr4acciglio. Si potrebbe addirittura sostenere che tutte le decisioni del “governo europeo” non presiedute da Juncker siano invalide.

 

Se ci fosse un giudice a Berlino, volevo dire a Bruxelles.

 

Non c’è. Però c’è l’ombdusman. E’ una bella istituzione. Tale ombdusman ha effettivamente scritto nero su bianco che Selmayr è stato fatto segretario generale “senza concorso né competizione”, che sono obbligatori; senza che fosse “reso pubblico che il posto era vacante” (notate: un “posto” che dà il potere su 33 mila dipendenti e su tutti i dossier che contano, per cui è ovviamente il segretario a fare le pulci ad ogni bilancio nazionale – e quelli dell’Italia a Selmayr non sono mai piaciuti). Anzi di più: che quel posto fosse vacante, perché il precedente segretario (di nome Italiener…) aveva lasciato la poltrona nel gennaio 2018, “questa informazione era conosciuta solo dal presidente [Juncker] e da mister Selmayr [il badante teutonico].

https://www.ombudsman.europa.eu/en/recommendation/en/102651

 

 

Vedete, dirà l’europeista, che un giudice a Berlino (a Bruxelles) c’è dopo tutto? Visto che denuncia questo trucco così terronico fra Juncker e Selmayr, che i concorsi truccati di cui ci si lamenta in Italia in certe università o nelle regioni meridionali, sono al confronto modelli di trasparenza e legalità svedese? E invece no, ingenuo europeista: perché dopo questa denuncia dell’ombdusman, mica succede niente. Specificamente, Selmayr mantiene il posto potentissimo di segretario generale (e agente degli interessi tedeschi), non viene obbligato a lasciarla poltrona perché venga aggiudicata con un vero concorso. 

 

Questo è “lo stato di diritto” nella UE. Quello della orwelliana Fattoria degli Animali, ma con una furbesca creatività “meridionale” da parte tedesca, da far sembrare la Regione Sicilia una raccolta di ingenui legalisti.

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/

 

Ma tranquilli: “Ciò che azzererà Selmayr non saranno le circostanze della sua nomina, bensì la nomina di un Presidente della Commissione tedesco, sempre più probabile”, scrive Wolfgang Munchau, il corrispondente da Bruxelles per il Financial Times. 

 

Difatti, vista la proossima decadenza di Juncker, la Merkel ha già scelto il nuovo presidente della Commissione, che ovviamente sarà “eletto” regolarmente dai suoi stati-satelliti. Ecco presentato il nuovo candidato del Partito Popolare Europeo (PPE): si chiama Manfred Weber, bavarese, anti—italiano, sarà messo lì per imporre alla BCE di “terminare l’acquisto di titoli pubblici al più presto possibile”, e impedire ogni timida unione bancaria che obblighi la Germania a contribuire, in caso di crisi, per esempio accettando una assicurazione europea sui depositi fino a 100 mila euro anche per gli euro depositati nelle banche del Sud.

 

Più precisamente: Weber perseguirà l’indurimento di quella politica “europeista” ma in realtà anti-UE, di stampo tedesco, che persino il direttore generale di Bankitalia Salvatore Rossi – con insolita franchezza – un fallimento. 

 

“Lo scopo originario dell’Unione bancaria è stato accantonato”, ha riconosciuto il direttore: la sfiducia tra i Paesi dell’Eurozona ha definitivamente affossato l’assicurazione comune sui depositi, cioè l’obiettivo di tutti gli ultimi governi italiani. 

 

Viviamo “la chiara sconfitta di una strategia europea che ha accomunato gli esecutivi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni …” , che hanno ceduto tutto ai tedeschi per la speranza di ottenere una “unione bancaria” che Berlino non ha mai e poi mai lasciato sperare, anzi è stato ben chiaro: Nein. 

 

Bankitalia: la UE è fallita 

 

Bankitalia dunque certifica il fallimento dei governi da Monti a Gentiloni, dei sacrifici che hanno imposto al Paese inutilmente . Dando ragione dunque ai Savona, Bagnai, Borghi.

 

Ha detto: “in sostanza, le nostre banche sono divenute europee solo in un senso, ovvero in quanto vigilate e sottoposte a risoluzione a livello europeo”, ma non saranno soccorse in caso di crisi: perché in quel caso, ogni paese dell’eurozona è lasciato a se stesso – ma non libero di inventare i mezzi non-convenzionali, perché sotto la sorveglianza di Francoforte. “Alle banche è stata imposta una camicia di forza volta a garantire che, in caso di fuga dai titoli di Stato emessi da un sovrano, le banche di quel paese non verranno salvate dai contribuenti, di quello stesso paese o di altri”. Traduzione: quel tanto di Unione Bancaria accettata da Berlino “è servita esclusivamente ad impedire che lo Stato Italiano salvasse le Banche Italiane”, imponendo la spoliazione dei depositanti “, “un vero e proprio prelievo forzoso contro le famiglie, contro le imprese e solo nell’interesse delle grandi banche” (citazione di Renato Brunetta).

 

Leggere per credere fino a che punto il direttore condivide le valutazioni di qusto governo, naturalmente senza dirlo:

 

https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/interventi-direttorio/int-dir-2018/rossi-30.08.2018.pdf

 

Ora, dopo simili enunciazioni, persino l’opposizione del PD ed altre “sinistre” dovrebbe riconoscere le buone ragioni del governo “sovranista populista”, e in Europa unirsi ad esso per contestare l’austeritarismo fallimentare. Invece gongola che l’Europa lo farà cadere, e torneranno di nuovo al potere loro – per continuare a fare la politica di austerità di Monti , Renzi, Letta e Gentiloni, già certificata fallimentare – dal direttore dei Bankitalia, mica da Borghi. Che signifca: l’ultimo saccheggiodei risparmi italiani per “salvare” l banche. 

 

Naturalmente accetteranno il nuovo presidente della Commissione “eletto” per volontà della Merkel. 

 

La quale, facendo eleggere Manfred Weber, prenderà più piccioni con una fava. Sanerà la sua malconcia relazione con il partito democristo-bavarese, CSU, a cui Weber appartiene. Spera di portare via voti ai partiti populisti europei, e specialmente al tedesco AfP, che nei sondaggi appare ormai il secondo partito, ma anche alla nuovissima formazione (Aufstehen, “alzarsi in piedi”) , anti-immigrati da “sinistra”, fondata da Sahra Wagenknecht, copresidente del gruppo della Linke, il partito della sinistra radicale tedesca. 

 

Merkel deve aver visto questo sondaggio: quale è la prima preoccupazione degli elettorati in Eurpèa? “L’immigrazione”. E la seconda? “Il terrorismo”. Solo gli italiani rispondono “La disoccupazione”

 

 

 

Quindi, ecco l’opportuno riposizionamento del PPE e guida germanica: anche il leader del PP e prossimo presidente , il sullodato Weber, è su posizioni esplicitamente anti-immigrati, anzi identitarie e religiose : ecco una delle sue frasi celebri con cui si fa propaganda , e guardate su che sfondo l’ha fatta stampare – una chiesa, un crocifisso. E la frase suona così:

 

“Se vogliamo difendere il nostro modo di vita dobbiamo sapere cosa ci determina. L’Europa necessita di un dibattito sulla identità e la cultura dominante”. 

 

Insomma avremo uno che promuove altri anni di austerità tedesca alla Monti, l’egemonia economica e il surplus tedesco, ma in veste di Crociato e Nostalgico della Vittoria di Vienna contro li turchi. 

 

Ha infatti, lo credereste?, “forti relazioni con membri dell’Europa centrale e dell’Est , il cui peso nel PPE è cresciuto”: polacchi, ungheresi, austriaci, gruppo di Visegrad… 

 

Assisteremo a incontri di Weber con Orban, salutati di nostri media che hanno demonizzato l’incontro di Salvini, come il nuovo e vero europeismo ? A una politica di cristianesimo anti-musulmani che sarà elogiata ed imitata dal PD e dalla Boldrini? 

 

Certo è che gli europeisti di ieri, da Mogherini a Tusk, sentono un effetto di spiazzamento, ma già si adeguano. Donald Tusk, che ora che è in scadenza può dire la verità, ha notato: “Le posizioni di Merkel e Orban sono reciprocamente compatibili”. Il partito Fidesz potrà rimanere nel PPE….   

 

https://uk.reuters.com/article/uk-eu-merkel/merkel-backs-bavarian-ally-as-centre-rights-eu-commission-candidate-media-idUKKCN1LF2OF 

 

Una bella gara fra un sovranista piccolo e la politica super-sovranista di Berlino: sovrana non solo a casa sua, ma in casa d’altri. 

 

Una sola preoccupazione: una campagna di Weber come capo del PPE e presidente di Commissione anti-immigrati e identitario non andrà in rotta di collisione con l’impegno di Macron di combattere contro “il populismo”? C’è chi se lo domanda.  

 

http://www.votewatch.eu/blog/does-weber-have-enough-support-to-become-president-of-the-european-commission/ 

 

Infatti Macron ha già protestato: “Uno non può sostenere Merkel e Orban allo stesso tempo”; ha strillato secondo Spiegel.  

 

http://www.spiegel.de/politik/ausland/emmanuel-macron-zu-manfred-weber-man-kann-nicht-gleichzeitig-merkel-und-orban-unterstuetzen-a-1226935.ht

 

Ma sì che si può. Merkel non ha imparato la lezione del suo creatore, Attali? “Non possiamo lasciare la nazione ai nazionalisti”

https://www.maurizioblondet.it/la-caduta-di-macron-decisa-dai-suoi-creatori/

 

Il nuovo europeismo è “bandiera sangue e suolo” più globalizzazione, “cristianesimo” e niente Unione Bancaria, i Templari più la Troika e la disoccupazione di massa. Basta che non siano Salvini e Di Maio. Basta che il Sud resti in recessione profonda e disoccupazione. Basta rispettare il 3%.  

 

 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

 

®wld

Il mortale tranello della TAV

Lettera aperta al Ministro Matteo Salvini

Rispettabilissimo Ministro e vice premier Matteo Salvini, mai al mondo avrei pensato in passato di poterla sostenere in questa compagine di governo ma tant’è che ho dovuto mio malgrado appoggiarla nella sua battaglia per il cambiamento così come tanti altri che nulla avevano da spartire con un partito tendenzialmente posto ai margini; non parlo di destra e sinistra ormai superate da una globalizzazione incalzante, parlo invece di quel cambiamento che Lei ha saputo indirizzare ad una popolazione ormai persa nei meandri della storia.

Lei Ministro,  ha dato ancora una speranza ad una nazione alla deriva; Lei Ministro, forte della sua giovane età e da una pulizia mentale che non accetta compromessi meschini, ha portato le sue idee in un programma di governo (anche se anomalo); i punti di questo programma sono piaciuti alla maggioranza degli italiani, l’hanno votata nelle urne portandolo oltre l’immaginabile e, strada facendo per la sua tenacia è arrivato ad avere una miriade di consensi, consensi (ribadisco) che non vengono dalla Sua compagine di partito ma, da tutte le componenti politiche di cui gli italiani nauseati si sono rivolte a Lei come ultima razzio.

Or dunque Ministro, come ben sa si fa molto presto a salire nei consensi ma si fa altrettanto presto a precipitare, spiego: Lei è attaccato e vituperato da ogni dove, euro burocrati, cespugli di partiti ormai alla deriva e disperati, ONG di personaggi come Soros, politically correct e capi religiosi, capi di governo discutibili come Macron, BCE e banche allineate con gli interessi di una sola nazione che ha distrutto una nazione come la Grecia (con la complicità di tutta l’eurozona) che ora dice di aver salvato e, tante altre componenti virulente che hanno in mano tutti i media mainstream dell’informazione.

Fin’ora Ministro, con maestria si è ben destreggiato nel parare i colpi sotto la cintura con emigrazione, sbarchi, sgombero campi, sicurezza e legittima difesa, RAI, ma, la TAV è un tranello mortale che potrebbe far sparire il surplus del Suo consenso.

http://www.libreidee.org/2018/07/se-anche-salvini-si-piega-ai-padroni-del-tav-torino-lione/

Non so se leggerà mai questa mia lettera, il mio è un piccolo blog che si affaccia su di un mondo vituperato fatto di informazioni veicolate (anche in rete) da chi sapientemente ha in mano tutta la Stampa mainstream, con una potenza economica atta a dirigere il pensiero unico la dove lo vuole portare. Stay tuned

wlady

®wld

Questa è la UE cari Lettori …

COME CI TRATTA LA UE – CON FINALE SATANICO

di Maurizio Blondet

 Ricapitoliamo: Donald Trump ha minacciato di alzare i dazi sulle auto estere del 25%. Berlino spedisce in tutta fretta Claude Juncker per trattare, senza nemmeno avvertire Parigi (sicché Juncker forse non ha il mandato per tratttare a nome di tutti). Costui, ovviamente assistito dal suo badante Martin Selmayr che è tedesco e molto capace (è il vero commissario), ha grande successo. Trump rinuncia ai dazi sulle auto; in cambio, la UE deve comprare il gas liquefatto americano e abolisce i dazi sui prodotti agricoli che gli USA vogliono esportare.

Marco Zanni, eurodeputato Lega: 

@Marcozanni86 

Come ormai prassi in #UE, ieri #Juncker è andato in #USA con l’unico scopo di proteggere gli interessi della #Germania, e per ora ci è riuscito, anche a costo di arrecare danno agli altri stati membri. #EUsolidarity 

01:20 – 26 lug 2018  

Ciò è letteralmente vero. E’ l’Italia che produce il 40 per cento della soia europea, è dunque quella che sarà penalizzata dalla concorrenza della soia americana. Inoltre, siccome l’Italia ha i rigassificatori e la Germania no, sarà l’Italia a cui sarà chiesto di comprare il gas di petrolio liquefatto (LNG), che costa il 20% in più del gas russo.

Questa notizia avrebbe dovuto aprire i telegiornali serali; ed oggi, essere ben spiegata sulle prime pagine dei giornali. Nulla di tutto ciò. Le prime pagine dei giornali sono impegnate a sparare in prima una frase del presidente Mattarella: “L’Italia non può diventare un Far West dove uno compra un fucile e spara una bambina di un anno, rovinandone il futuro e la salute”.Ovviamente i media esultano perché capiscono con chi ce l’ha Mattarella: “Mattarella frena il far west leghista”, titola Il Manifesto. Avvenire, idem, sempre più spesso identico al Manifesto: “L’Italia non sia il far west”, eccetera.

 
Nessuno rileva come l’esempio di Mattarella sia pretestuoso e stiracchiato. Sta parlando della bambina rom colpita da un pallino di un fucile ad aria compressa (in libera vendita) sparato a casaccio dal balcone da un ex dipendente del Senato. Non c’entra nulla con la proposta leghista che vuole che in giudizio sia presunta la legittima la difesa quando colpisci un estraneo che ti entra in casa di notte a rubare. Per trovare qualcosa da dire contro Salvini, il presidente-giurista ha dovuto fare una acrobatica arrampicata sugli specchi: il cui solo scopo è esprimere ostilità preconcetta al governo. E’ chiaro che Mattarella non riconosce legittimo il voto popolare.
 
Ma torniamo alla notizia vera, il successo ottenuto da Juncker (Selmayr) nel solo interesse della Germania e a danno degli altri che, chissà perché, ci ostiniamo a chiamare “partner” europei. Per fortuna,la Francia – anch’essa penalizzata nel suo agro-alimentare dal “successo” di Juncker, sembra si opporrà: Bruno Le Maire (il ministro dell’economia) “esige che l’agricoltura resti al di fuori del campo delle discussioni: “Noi abbiamo norme sanitarie, alimentari ed ambientali a cui siamo attaccati perché garantiscono la protezione e la sicurezza dei consumatori”. 
 
Dunque Parigi si opporrà. Ma, con Macron invischiato nello scandalo che sappiamo, la forza negoziatrice di Parigi non sembra al suo meglio 
 
Come stanno “aiutando” la Grecia..
 
Al Nord, gli europeisti sono così abituati a usare la UE per i loro propri interessi, da aver sviluppato una vera deformazione psichica. Prendiamo Carl Bildt: svedese, già primo ministro, per decenni con le mani in pasta in tutti gli affari europeisti – un rappresentante tipico dell’oligarchia. Sulla tragedia degli incendi in Grecia e il centinaio di morti, ha twittato: 
 
 
SeguiSegui @carlbildt

Horrible death toll in very dangerous wild fires in Greece. EU countries coming to help. Again.

Traduco:

 
“Orribile prezzo di morte nei pericolosissimi incendi in Grecia. I paesi UE vengono in aiuto. Di nuovo”.
 
“Di nuovo”? Chiaramente, per Bild gli europei hanno aiutato la Grecia già un’altra volta: quando secondo loro l’hanno “salvata” finanziariamente, prestandole ad alto tasso i soldi per pagare i suoi debiti – o meglio, continuare a servirli – che le banche tedesche e francesi avevano fatto contrarre al governo ellenico.
 
Meno del 5% delle centinaia di miliardo che abbiamo “prestato” alla Grecia è effettivamente entrato in Grecia: il 95% non ci è entrato, è passato direttamente nelle casse delle banche tedesche e francesi. L’Italia ha contribuito, scodinzolante, spendendo 40 miliardi (che si è fatta prestare) per salvare le banche straniere – per poi venire accusata di avere troppo debito.
 
Quell’aiuto della UE è consistito nel creare alla Grecia un ulteriore debito, gigantesco e insostenibile, nel piegare il governo votato (Tsipras) in un fantoccio che obbedisce alle sempre nuove torture inferte alla Grecia.
 
Il 21 giugno scorso, Pierre Moscovici, il commissario alle finanze, a nome della UE salutava i successi del primo “aiuto” alla Grecia: “
 
@pierremoscovici
 
La crise grecque s’achève ici, cette nuit. Nous sommes finalement arrivés au bout de ce chemin qui a été si long et si difficile C’est un moment historique. @EU_Commission @ecfin @EEAthina 
 
Traduco: “La crisi greca del debito finisce qui, stanotte. Siamo finalmente arrivati alla fine del cammino che è stato tato lungo e difficile. E’ un momento storico”.
 
E’ un tantino presto per dire che la crisi greca “è finita”, ha notato beffarda la giornalista finanziaria inglese Frances Coppola: “La Grecia deve ancora mantenere un avanzo primario del 3,5% del Pil fino al 2022 e del 2,2 del Pil fino al 2060. Decenni di austerità in più. Politicamente insostenibile”.
 
“Avanzo primario” significa che la Grecia deve spendere meno di quel che introita in tasse e svendite dei suoi cespiti (privatizzazioni) per i prossimi 37 anni. Tirare la cinghia, nelle condizioni in cui è, per un altro quarantennio. Cosa mai vista e nemmeno possibile, secondo gli economisti con un residuo senso di realtà.
 
E invece, sapete che cosa ha subito comunicato Bruxelles mentre i boschi presso Atene ardevano e la gente moriva?
 
Fresh warning for Greece to stick to reforms
 
“Nuovo ammonimento alla Grecia: si attenga alle riforme.
 
Ossia non si permetta di spendere più d quanto pattuito nei programmi di austerità, nonostante gli incendi e la ricostruzione che dovrà intraprendere.
 
Klaus Regling ha avvertito Atene.

Glielo ha comunicato “Klaus Regling, il capo del Meccanismo Europeo di Stabilità: che ha emesso un chiaro nuovo avvertimento al governo greco – se devia dal corso delle riforme, le misure di alleviamento del debito decise il mese scorso saranno sospese”.

 
Siccome potete non credere alle mie parole, potete leggerlo sul primo giornale ellenico: 
 
 
Voi v’illudete che sia in atto una qualunque “solidarietà” europea verso i greci? Che Bruxelles si precipiti ad organizzare i soccorsi, proponga un alleviamento del debito, faccia una qualche donazione alla Grecia? Organizzi una raccolta di fondi? Niente di tutto questo. Nessun soccorso viene da Bruxelles. Nemmeno u n coordinamento” di soccorsi. Nulla.
 
Anzi no, qualcosa: apprendiamo che la UE ha rubato alla Grecia – non c’è altra parola – 8 miliardi di euro…. Come? La questione è tecnica, e rimandiamo gli interessati all’articolo: 
 
 
In breve e per semplicità:
 
Quando “salva” la Grecia comprandone i titoli, la BCE fa un profitto: perché ha comprato questi titoli al 30-40% del loro valore nominale, per poi farseli restituire dai Greci a 100. Di questo profitto, la BCE si tiene il 20%. Il resto, dovrebbe distribuirlo alle banche centrali degli altri paesi – compresa la banca centrale ellenica. Che però non ha visto che una cifra parziale, mancante appunto di 8 miliardi. Invece la Bundesbank ha ricevuto 14,3 miliardi di questi profitti. 
 
Un paese ridotto in miseria da loro, è stato privato da lorsignori di 8 miliardi di cui ha estrema necessità.
 

  L’attivo commerciale della Germania, 296,4 miliardi di dollari, supera quello della Cina  e dei  Giappone . Ma nemmeno un miliardo spende per il soccorso alla Grecia.

Strano? “Questa” è la UE, cari lettori. Non la UE di cui ci parla sognante Mattarella. Un gruppo di insensibili delinquenti e luciferini oligarchi che non esita a spogliare il povero, di folli autistici insensibili alla sua tragedia. Sarebbe o no una notizia con cui aprire i TG? Invece si parla di Mattarella che frena il Far West di Salvini, del “fucile” senza dire che è ad aria compressa eccetera

Per fortuna la Grecia ha un governo efficiente. Di sinistra. Che sta provvedendo alle prime, urgenti, indispensabili necessità dei csuoi cittadini. In questo momento, che cosa ha fatto Tsipras?“

Grecia: varata legge che consente l’affido di bambini a coppie dello stesso sesso

Apprendiamo la felice notizia da un esultante sito omosessuale, il Gay Post. 

http://www.gaypost.it/grecia-legge-affido-bambini-coppie-gay/amp 

Già, perché c’è anche questo nella folle psicopatia chiamata “UE”, una specie di infezione del delirio. Tsipras ha ritenuto necessario garantire anzitutto “i nostri valori”, dettati dall’ideologia globalista. Un esorcismo contro il “populismo” e il “sovranismo”, che sono i veri pericoli di cui l’oligarchia e i suoi servi sentono di doverci liberare.

Come? Una proposta viene dalla celebre rivista pop Rolling Stone 

CULTURA / News  

Solo la Chiesa di Satana ci salverà dal populismo

  

“Chi ci salverà dalla marea montante dell’oscurantismo populista e neo-bigotto? Gli intellettuali impegnati come Roberto Saviano o Sandro Veronesi? O una nuova sinistra?”, esordisce l’articolo: no, guardiamo altreove : “In questo momento storico in cui la ragione soccombe alla stupidità, la logica non viene più applicata, e l’unico punto di riferimento rimasto sembra essere il proprio buon senso (o la sua completa mancanza), l’ultimo baluardo di razionalità occidentale è rappresentato dalla Church of Satan – o meglio: dai social media manager dell’organizzazione religiosa americana”. 

Segue una spiegazione simpatizzante della Chiesa satanica creata dal noto Szandor LaVey (1930-1997).

Conclusione di Rolling Stones:

“Alla luce di questo, crediamo quindi che oggi abbiamo tutti bisogno di più satanismo: come antidoto a chi, con la sua intolleranza, rende il mondo peggiore. Del resto, è nei momenti più difficili che l’uomo riscopre il proprio lato spirituale, e sente il bisogno di avvicinarsi a una Chiesa. Noi adesso, nel caso, sappiamo quale scegliere”

Un lettore mi chiede di commentare. Impossibile. Si possono commentare idee, ragionamenti, ma non il delirio. Esso ammutolisce. Ed è la sua forza. (Leggete qui il delirio completo):  

https://www.rollingstone.it/cultura/news-cultura/solo-la-chiesa-di-satana-ci-salvera-dal-populismo/420104/  

Di cosa ha bisogno l’Europa? Non di dare aiuti alla Grecia. Ha bisogno soprattutto di Satana. Di aderire alla Chiesa di Satana. Detto dai Rolling Stones, nemmeno ci sorprende. Lo sapevamo già che avevano scelto. Magari qualcuno avverta quelli di Famiglia Cristiana e di Avvenire, che si sono messi insieme ai Rolling: anche loro hanno scelto Satana. Ma forse lo sanno già.

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

®wld

Dai re di sumer alle Banche Centrali

 

Segui i soldi – come il sistema monetario è truccato per schiavizzare l’umanità

by Rob Chatwin May 08, 2018 from Collective-Evolution Website  

Nessuno è immune al debito e la maggior parte di noi è in qualche forma di debito finanziario.   (1, 2, 3)

Gli studi dimostrano che non avere abbastanza soldi, e soprattutto essere in debito, provoca gravi difficoltà fisiche e mentali. (1, 2, 3) Questo articolo indaga sul perché le banche mettano in debito le persone e scopre perché un mondo senza debiti è completamente possibile.

La parola moderna “banca” deriva dalla parola ” banca ” usata in Italia durante il Medioevo, ma gli orafi del 17 ° secolo in Inghilterra sono spesso citati come il luogo in cui è iniziata la banca contemporanea.  (1, 2, 3, 4)

A quei tempi, la gente depositava il proprio oro per custodirlo in sicurezza con gli orafi che emettevano un pezzo di carta (o cambiale ) per l’oro conservato. Gli orafi hanno poi prestato l’oro del depositante ad altri sotto forma di ulteriori cambiali, ottenendo buoni profitti dall’interesse che hanno addebitato ( fonte ).

Oggi, quando depositate denaro nella banca commerciale scelta, la banca presta anche i vostri soldi depositati agli altri.

Questo intelligente sistema di profitti dal nulla è chiamato prestito a riserva frazionaria ed è spiegato semplicemente in questo breve video qui:

Tuttavia, le primissime banche sofisticate possono effettivamente essere ricondotte alla prima civiltà conosciuta, la cultura antica di 6000 anni i Sumer nell’area della Mesopotamia, dove i re sumeri usavano la banca di un regno che emetteva gettoni d’argilla come ricevute, o cambiali, per i rimborsi di interessi fatti con argento. (1, 2, 3)

I re che usano le banche come strumento per governare le persone ovviamente dipingono un’immagine molto più negativa del nostro sistema monetario rispetto all’evoluzione dal baratto; tuttavia, se critichiamo l’uso del denaro da questa prospettiva, diventa chiaro che ora sono le banche centrali del mondo ad avere questo potere sovrano di controllo sui regni o sulle nazioni, oggi.

Questo perché le banche centrali non effettuano prestiti a riserva frazionaria di denaro immagazzinato nei loro caveau come le banche commerciali; invece, il loro ruolo è quello di creare effettivamente denaro ufficiale della nazione (o moneta a corso legale).

Le banche centrali prestano poi quei soldi al governo della nazione, e la gente ripaga il debito del governo, così come gli interessi che il governo incorre quando prende in prestito i soldi, attraverso le imposte sul reddito.

Il debito pubblico viene quindi esteso dalle banche commerciali attraverso prestiti al pubblico con ulteriore interesse. Dal momento che i soldi extra necessari per rimborsare tutto questo interesse non esiste, le banche centrali devono continuare a creare più denaro, quindi c’è abbastanza denaro in circolazione.

Ciò fa diminuire il valore di ogni singola banconota, quindi i prezzi salgono (inflazione) e le persone devono lavorare ancora più ore – non solo per restituire tutti gli interessi, ma anche per acquistare le cose che potevano permettersi prima.

Il sistema bancario centrale è spiegato più dettagliatamente nel mio breve documentario qui:

Fu nel 1694, quando il re d’Inghilterra richiese i fondi per una guerra contro la Francia, che i privati ​​incredibilmente ricchi fornirono quel denaro in cambio della formazione della Banca d’Inghilterra.

In questo caso, le famiglie del private banking hanno dapprima acquisito un’influenza diretta su re e governo (1, 2) e nel 1783, quando l’America ha conquistato l’indipendenza dall’Inghilterra, i Padri fondatori erano ben consapevoli dei pericoli delle banche centrali private; (1, 2) per la Bank of England aveva messo fuori legge la valuta indipendente senza interessi che aveva portato prosperità alle colonie, creando così il disagio e la disperazione che Benjamin Franklin sosteneva essere la vera causa della Rivoluzione americana.

Eppure il potere e l’influenza delle famiglie bancarie dominanti (anche in consanguineità ) erano diventate immense, (1, 2, 3) e le indagini sulle cause del Panico del 1907 suggerivano che deliberatamente innescavano le corse bancarie su alcuni dei sempre più riusciti e profitti più piccoli redditizi diffondendo voci di insolvenza che potrebbero causare il fallimento di molti di loro. (1, 2, 3, 4, 5)

Nel 1910, un incontro segreto tra queste élite bancarie, il senatore Nelson Aldrich e l’assistente segretario del dipartimento del tesoro AP Andrews, si tenne a Jekyll Island al largo delle coste della Georgia. Fu lì che fu redatto il disegno di legge sulle banche centrali chiamato Legge della Federal Reserve.  (123456)

Poi, solo 16 anni dopo l’istituzione della Federal Reserve, ha aumentato sostanzialmente l’offerta di moneta, aumentando l’indebitamento e indebitamento.

Proprio come nel 1907, si verificarono casi di bancarotta, bancarotta e collasso sistemico ( fonte ), ma mentre gli Stati Uniti sperimentavano la Grande Depressione, l’élite ” Banking and Currency and The Money Trust ” aveva già tirato fuori i soldi dal mercato azionario, usandolo per comprare azioni a basso costo e banche fallimentari più piccole.  (1, 2)

Man mano che la tecnologia si sviluppava, le tecniche di prestito e gioco d’azzardo sono diventate più complicate, ma lo schema di pompe e discariche continua a consolidare ricchezza e potere con quelli che sanno, mentre la persona che lavora normalmente paga letteralmente il prezzo.  (12)

Oggi, l’1% più ricco possiede oltre l’altro 99% messo insieme e 62 persone possiedono la stessa ricchezza della metà più povera della popolazione mondiale.  (1, 2)

È essenziale quindi considerare, poiché una persona può spendere così tanti soldi in una vita, perché queste persone accumulano tutta questa ricchezza.

Cosa possiamo fare? 

È importante notare che la banca centrale di tutte le banche centrali è la Bank for International Settlements ( BIS ) (1, 2) con le sue 60 banche centrali e membri che lavorano per stabilire “stabilità monetaria e finanziaria” mentre sono anche intrinsecamente coinvolte nell’Internazionale Fondo Monetario (FMI) insieme a 189 paesi membri, così come la Banca Mondiale (BM), il cui obiettivo è “porre fine alla povertà estrema”.

Ma i fatti dimostrano che l’obiettivo degli individui più ricchi e segreti del mondo non è mai stato quello di creare stabilità o porre fine alla povertà, ma piuttosto di controllare i governi e monopolizzare la fame, decidendo chi mangia e chi no. (1, 2)

 

fonte 

Non solo, ma gli studi dimostrano ripetutamente che le persone non sono nate avide, ma piuttosto quelle persone che cercano ricchezza e potere soffrono di disturbi psicologici della personalità, tra cui psicopatologia e narcisismo. (1, 2, 3, 4, 5)

Ma il fatto più importante di tutti è forse che questa élite del sistema bancario centrale può governare solo le persone finché gli permetteranno loro di farlo.

Il denaro che le banche centrali producono oggi è denaro fiat, o cambiali emesse per “fede”, il che significa che non è supportato dall’oro o dall’argento, non può essere riscattato in alcuna forma materiale e in realtà non ha alcun valore materiale.

In altre parole, il valore del denaro deriva interamente dalla promessa delle banche centrali secondo cui il denaro stesso ha un valore intrinseco.

L’uso della moneta legale e la necessità di pagare il debito bancario dipendono interamente dalla convinzione della gente di doverlo effettivamente fare.

http://www.bibliotecapleyades.net/