Crea sito

Sporchi Trucchi sull’imperiale rete web globale

 

Protesta di Splinternet: interrompi gli attivisti di ACTA 2 Inizia la petizione online per salvare Internet da consegnare alla Commissione europea

Di Aaron Kesel

Stop Gli attivisti di ACTA 2 composti da anonimi, pirati e sostenitori della libertà di Internet hanno lanciato una nuova petizione di Change.org da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio dopo le elezioni europee, con nuovi politici pronti a conquistare la leadership.

Le elezioni europee si svolgeranno tra il 23 maggio e il 26 maggio, a quel punto nuovi politici prenderanno il posto degli ultimi funzionari pubblici che hanno tradito il popolo europeo vendendo il loro Internet per un filtro di upload e una tassa di collegamento che cambierà il mondo come sappiamo esso. Tuttavia, le carni fresche che entrano in carica hanno la possibilità di invertire le cose rovinate dai loro predecessori e rendere le cose giuste per il popolo europeo che in precedenza si è opposto alla direttiva in una petizione di 5,2 milioni di persone che è stata consegnata al Parlamento europeo chiedendo la fine le proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

Gli attivisti si sono incontrati nelle strade di tutta Europa in diverse occasioni in passato per manifestare il loro malcontento per il disegno di legge ACTA 2 dell’UE.

Il 23 marzo, gli attivisti si sono incontrati per la prima volta nelle strade per combattere contro le società di copyright e i burocrati della UE che cercano di distruggere Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019, in tutta Europa, come riportato da Activist Post .

Nonostante le proteste in tutta Europa, i deputati hanno votato il 15 aprile per ridisegnare con successo Internet con una direttiva sulla censura mascherata da una proposta di copyright, approvata in un voto di 22 paesi a favore della legge.

Solo sei paesi – Italia, Svezia, Polonia, Finlandia, Paesi Bassi e Lussemburgo – hanno votato contro la proposta di direttiva che cambierà Internet come la conosciamo.

ACTA 2 ha richiesto tutti i trucchi sporchi nel libro per passare il voto iniziale.

Durante il processo di votazione, ci sono stati numerosi politricks da parte del Gruppo PPE e altri partiti politici coinvolti nella direttiva sul copyright, o ACTA 2, come tentare di cambiare la data di voto, intimidire i politici minacciandoli con cattiva stampa e persino modificare i numeri degli articoli prima al voto.

Se ciò non bastasse, un rapporto di una pubblicazione tedesca ha rivelato che la vera ragione per cui la Germania ha ceduto in Francia a febbraio è perché il paese è stato corrotto nei negoziati per ottenere l’approvazione per il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia.

Con il superamento di ACTA 2 ciò significa che i paesi membri dell’UE hanno due anni per conformarsi alla stesura delle proprie leggi nazionali. Questo sicuramente stimolerà proteste e battaglie legali in tutta Europa per i prossimi anni. A meno che attivisti e hacktivisti che usano Change.org abbiano qualcosa da dire contro.

La petizione afferma:

Come probabilmente saprai, è stata introdotta una direttiva sul copyright nell’Unione europea che cambierà per sempre la nostra Internet.

L’articolo 11 e l’articolo 13 (ora chiamato articolo 15 e articolo 17) introdurranno un #uploadfilter e un #linktax. Questo è inaccettabile per noi.

Chiediamo alla nuova Commissione europea di introdurre una nuova direttiva che abroga l’attuale direttiva sul copyright, compresi gli articoli 15 e 17 ampiamente criticati (noti in precedenza come articoli 11 e 13). Il modo in cui ciò viene fatto dipende da voi, ma non diamo il nostro consenso a lanciare QUALSIASI legge che introduca la censura di Internet e costringa i proprietari del sito Web a monitorare proattivamente i loro servizi.

Per chiunque consideri la firma: tra il 23 e il 26 maggio 2019 ci saranno nuove elezioni nell’UE. Questa petizione deve essere consegnata alla nuova Commissione Europea. Diamo loro un chiaro messaggio che vogliamo che creino una nuova direttiva che invalida l’attuale direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, adottata dal Parlamento europeo il 26 marzo e approvata dal Consiglio dell’Unione europea il 15 aprile 2019.

Vuoi saperne di più?

Unisciti a # StopACTA2 su Discord: https://discord.gg/UgvYn3F

Visita il sito Web: https://www.stopacta2.org/en/

In retrospettiva, i nuovi politici che conquistano i leader dei paesi possono rappresentare la gente, la libertà e la trasparenza di Internet o finire un obiettivo dei cittadini di Internet sovrani e distruggere le tue carriere politiche mentre rispondono alle telefonate arrabbiate che spiegano perché ignori la volontà della gente . La scelta, ovviamente, è tua; la decisione di opporsi a te è nostra!

Attualmente, la nuova petizione da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio ha un totale di 1.007 persone che hanno firmato al momento della presente relazione.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Nel frattempo, il Regno Unito stesso nel processo di uscita dall’UE, ha approvato un orribile disegno di legge che renderà illegale la sorveglianza di qualsiasi “propaganda terroristica” (non chiaramente definita) che rechi una condanna a 15 anni, una legge sulla pornografia e l’introduzione del la prima agenzia mondiale per la sicurezza delle normative su Internet, come riportato da Activist Post .

In altre parole questo sta portando a uno “splinternet”, un termine reso popolare l’anno scorso dall’ex CEO di Google Eric Schmidt che ha predetto che Internet sarebbe crollato in due parti: una guidata dai cinesi e l’altra guidata dagli Stati Uniti. Conosco il Regno Unito, l’ex paese dell’UE sembra guidare lo sforzo insieme agli attuali paesi membri dell’Unione Europea.

Per dirla chiaramente, stanno usando il sistema legale come mezzo per dividere Internet; questo porterà i webmaster a dover seguire le leggi di più paesi e dover pagare per un filtro di upload e collegare le tasse o semplicemente bloccare i paesi che supportano tali sistemi.

Un recente articolo della Associated Free Press intitolato: “Rompere Internet: nuove regole sulla rete globale imperiale” evidenzia il problema chiave con cui i singoli paesi creano le proprie leggi regolatorie per un sistema creato per consentire la connettività tra nazioni senza frontiere. Internet è globale, un World Wide Web, quindi questo significa che i proprietari di siti Web dovranno conformarsi alle leggi di più paesi; questo soffoca non solo la libertà di informazione, ma può anche danneggiare le piccole imprese che non sono giganti aziendali come Google o Facebook.

Inoltre, la legislazione di Internet in conflitto da parte di più paesi finirà per frammentare le informazioni tra reti e paesi. Già, con il passare del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), come riportato da Gizmodo, abbiamo visto questo prendere forma.

Ora, se visiti decine di siti Web di notizie americane da un indirizzo IP basato sull’UE, alcuni dei siti di notizie affermano quanto segue o qualcosa di simile: “Purtroppo, il nostro sito Web non è attualmente disponibile nella maggior parte dei paesi europei. Siamo impegnati sulla questione e ci impegniamo a esaminare le opzioni che supportano la nostra gamma completa di offerte digitali per il mercato dell’UE. Continuiamo a identificare soluzioni tecniche di conformità che forniranno a tutti i lettori il nostro pluripremiato giornalismo “.

L’Electronic Frontier Foundation (EFF) ha precedentemente avvertito che le politiche proposte all’interno di ACTA 2 aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa e creeranno uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

EFF rileva che la petizione originale degli attivisti consegnati al Parlamento è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le società statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano negoziare migliori affari in), e perché questi filtri censureranno enormi quantità di materiale legittimo.

Come Activist Post ha riferito continuamente, l’Articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sul contenuto che gli utenti postano sui loro siti web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di upload per proteggersi dalle enormi richieste dei proprietari e delle agenzie che lavorano su per loro come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti sconvolgenti apportati al conto in un post sul blog .

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.


Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole aziende o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il FEP ha dichiarato lo scorso mese che questa battaglia non è finita, che le leggi possono ancora essere impugnate in tribunale, i cittadini dell’UE dovranno organizzare e sostenere gruppi indipendenti di diritti digitali europei.

In un post sul blog, Danny O’Brien, direttore internazionale della Electronic Frontier Foundation (EFF), ha definito il passaggio della legge sul copyright “un sorprendente rifiuto della volontà di cinque milioni di petizioni online e oltre 100.000 manifestanti questo fine settimana”.

Se ritieni che la legislazione dell’UE in materia di internet non ti riguardi, allora ti sbagli e non capisci come funziona Internet.

Oltre al FEP, 54 ONG e 40 accademici hanno pubblicato lettere aperte separate al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia ai diritti fondamentali, che porta al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Inoltre, 70 Internet e i luminari informatici si sono espressi in precedenza contro le disposizioni pericolose. Il gruppo, incluso – pioniere dell’Internet Vint Cerf, l’inventore del World Wide Web Tim Berners-Lee, co-fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, co-fondatore del Mozilla Project Mitchell Baker, fondatore di Internet Archive Brewster Kahle, esperto di crittografia Bruce Schneier, e l’esperto di neutralità della rete Tim Wu.

L’informatore della NSA Edward Snowden ha criticato il voto, twittando in tedesco, “Non dimenticare mai cosa hanno fatto qui.”

Il fascismo di regolamentazione di Internet sta aumentando e non sembra essersi fermato presto. La domanda deve essere posta: dov’è Anonymous che ha aiutato a superare la legislazione orwelliana su Internet? Sembra che tutti siano stati tranquilli nonostante questa recente spinta in atto a portare via tutti i nostri diritti e libertà di Internet gratuiti un paese alla volta.

Se i diritti e le libertà di Internet devono essere mantenuti, le persone devono venire insieme, alzarsi e protestare come mai prima e lasciare che le loro voci, i tasti e i sit-in digitali siano ascoltati e sentiti in tutto il mondo. Altrimenti, rischiamo di entrare in un’era che sarà conosciuta come l’era oscura del 21 ° secolo in cui le informazioni vengono dimenticate a causa di controlli di polizia, censura attraverso filtri di upload o contenuti di propaganda terroristica e generalmente persi a causa del mancato pagamento di ogni link esterno su un sito web (link tax). Non si torna indietro una volta che questi sistemi e le agenzie di regolamentazione delle infrastrutture sono in atto.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet # Articolo 11, #Articolo13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Puoi firmare la petizione qui, per salvare Internet, esprimere la tua opinione contro lobbisti e burocrati dell’UE che cercano di distruggere il World Wide Web.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono:  wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org , un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

Controinformazione deviata

Controinformazione deviata: un appello! 

Scritto da MMJ in febbraio 12th, 2016.

Lo scorso 10 Febbraio io, Mason Massy James, Roberto Scalisi (alias Logica convenzionalista) e Fulvio Venanzini abbiamo partecipato ad una diretta web sul canale di Salvo Mandarà.

Nonostante il tempo ci abbia impedito di illustrare in maniera esaustiva, come ci eravamo prefissati, i concetti che volevamo esporre (e speriamo ci sia una seconda occasione per approfondire e completare quanto abbiamo detto), credo che questa diretta abbia segnato un punto di svolta e di rottura nella cosiddetta controinformazione online.

Da troppo tempo quest’ultima, complice l’eccessiva leggerezza con cui si analizzano i fatti e le informazioni da parte di chi si informa, è stata presa d’assalto e infiltrata (consapevolmente o no) da argomentazioni e ideologie tutt’altro che antisistema. La controinformazione online si è trasformata piuttosto in un veicolo dell’informazione mainstream, abilmente camuffata, perciò assimilata come realtà alternativa e di opposizione al sistema.

C’era da aspettarselo. Sarebbe stato ingenuo pensare che il potere non avesse i mezzi e il movente per contaminare internet ed usare la potenza informativa intrinseca a questo mezzo, a suo vantaggio.

Così, attraverso i canali e i personaggi che erano soliti divulgare informazioni contro il sistema, oggi stanno dilagando e prendendo piede ideologie che in realtà sono le stesse con cui abbiamo permesso ad un sistema di consolidarsi, dividerci, farci odiare e continuare indisturbato il suo incessante lavoro di sottomissione e delega al potere.

La controinformazione appare oggi in mano a coloro che ritengono possibile creare gay artificialmente, persone che sostengono che l’omosessualità sia contronatura, che vada fermata o comunque limitata perché l’elite avrebbe interesse a divulgarla per diversi scopi come ad esempio sdoganare la pedofilia, ridurre la popolazione, mercificare il corpo umano. Tutto questo ovviamente in assoluta antitesi con la logica, la biologia, l’antropologia e soprattutto il buonsenso.

Senza argomentare oltre sul fatto che per depopolare la terra ci siano mezzi e tecnologie molto più efficaci e facilmente utilizzabili, l’omosessualità non lede nessuno, gli studi sociali dimostrano che l’adozione da parte di coppie omogenitoriali non dà risultati diversi dalle adozioni etero, non c’è alcuna correlazione tra pedofilia e omosessualità e infine essa è presente nel regno animale e umano da sempre, quindi non può essere certo frutto di una moderna manipolazione delle menti. Il punto infatti di queste tesi non è quello di difendere i bambini e la società da un pericolo (che non esiste). Il punto è fingere di proteggerci da quel pericolo inesistente, con il recondito scopo di alimentare quello status quo e quella divisione che esiste e resiste grazie a millenni di manipolazione sessuale che ci vuole veder scannare e reprimere l’un l’altro su questioni irrisorie.

Non è un caso che gli stessi che propinano queste tesi sono gli stessi che difendono “la famiglia tradizionale/naturale”. Un concetto che non esiste perché la famiglia non è né naturale né tradizionale, è solo un modello sociale. Un modello che è funzionale al capitalismo e all’economia industriale in quanto è la base del classismo, della divisone per sangue delle persone, della continuazione e protezione del patrimonio di generazione e generazione. E’ lo strumento primo di controllo sociale ed è per questo ora che questo modello si sta estendo alle coppie gay: non perché il potere è diventato buono, ma solo per estendere quel dominio ad una parte di popolazione ancora fuori dai giochi ma che ora sta acquisendo quell’accettabilità sociale necessaria per cadere nelle fauci di quella forma di controllo.

Altri controinformatori blasonati sostengono la tesi del piano Kalergi, il ché implicitamente ammette non solo che le migrazioni siano destabilizzanti a prescindere, ma anche che il miscuglio genetico tra razze generi automaticamente un cosiddetto “meticciato” più facilmente dominabile dal potere.

Vedere le migrazioni come fatto aprioristicamente destabilizzante è una semplificazione superficiale e criminale. Superficiale perché non contempla tutti i casi storici in cui le migrazioni non hanno causato destabilizzazione e criminale perché non si prende in considerazione il motivo per cui le migrazioni avvengono, né come i migranti vengono gestiti una volta arrivati, una deumanizzazione del problema agghiacciante oltre che paralizzante dal punto di vista della risoluzione pratica. Se venissero presi davvero in considerazione questi due elementi (il perché i migranti partano e il come vengano accolti), qualsiasi piano Kalergi sarebbe evidentemente impraticabile, perché se si smettesse di martoriare le terre del terzo mondo non ci sarebbero migrazioni di massa; se i pochi migranti che partissero comunque fossero integrati nel rispetto reciproco, non vi sarebbe alcuna tensione sociale e quindi alcuna destabilizzazione economica, culturale o di altro genere (la destabilizzazione sociale che vediamo oggi di certo non è dovuta alla presenza di stranieri, ma ad una programmata diminuzione delle risorse e anzi, questa scusa è stata usata in passato molto proficuamente da svariati totalitarismi, come collante per ottenere il consenso necessario a consolidare posizioni di potere). Sentir dire che non dobbiamo occuparci dei migranti perché non abbiamo le risorse per farlo (e quindi prima gli italiani) o perché non ne siamo responsabili, dalle stesse persone che conoscono le truffe bancarie, il sistema a moneta debito, le guerre inventate dal nulla in medio oriente attraverso false flag, neocolonialismo, lo sfruttamento dei paesi poveri da parte delle multinazionali ecc. è assolutamente inaccettabile!

Il concetto del miscuglio di razze che genera una razza più dominabile svela la natura di chi divulga e vuole che si parli di questi temi piuttosto che delle loro vere soluzioni. La razza è un marker genetico che determina un aspetto estetico non diverso dal gene che fa avere i capelli neri ad una persona e i capelli biondi ad un’altra. Quindi è come se stessimo dicendo che le persone meticce (castani) che vengono fuori dal miscuglio dei biondi con i mori sia più facilmente dominabile. Queste sarebbero dunque le ridicole basi logiche e biologiche del Kalergi e dei controinformatori che lo divulgano, non dissimili alla pseudoscienza della frenologia con cui si pensava di poter capire la psiche criminale di una persona semplicemente osservando l’aspetto del cranio.

Quindi anche qui si può vedere la vera natura della divulgazione di queste tematiche che non è quella di comprendere e infine risolvere il problema per migliorare il mondo in cui viviamo (per tutti!), ma è solo ed esclusivamente quello di identificare un nuovo nemico nello straniero, creando quello strappo sociale che serve al potere per poterci manipolare. Paradossalmente credere a ciò che il piano Kalergi implica, è fare in modo che un piano Kalergi avvenga.

Ancora una volta la razza è usata per dividerci e darci un alibi per non occuparci del vero problema: il senso critico delle persone, come queste vedono se stesse e vedono la società, la responsabilità verso il prossimo e verso se stessi. Tutto questo ci viene precluso in una visione razziale di separazione in cui ce la prendiamo con le pedine piuttosto che con chi le manovra dall’alto. Un perfetto sistema del potere per continuare ad agire indisturbato.

Non esagero se, parlando della diretta a cui abbiamo partecipato, la indico come uno strappo e svolta nella controinformazione. Ne sono esempio le aspre critiche che ci hanno sommersi, nel numero e nella qualità.
Infatti queste critiche sono state portate avanti da pochi individui, ma in maniera determinata, sistematica, all’unisono. Queste critiche si sono basate su etichette politiche, accuse di varia natura; siamo stati chiamati massoni, sinistroidi, tecnocrati, sionisti, adoranti del cornuto ecc. ma ben poche argomentazioni.

Questo è evidentemente frutto di una ideologizzazione delle argomentazioni anche nella controinformazione: le persone non si confrontano più sul merito delle questioni (base imprescindibile di una corretta crescita e comprensione del mondo) ma vogliono dare etichette per permettersi e permettere di non confrontarsi sui temi. Lo stesso meccanismo che usano i convenzionalisti per continuare a credere nelle menzogne del sistema e che lo proteggono da una visione critica delle cose che lo distruggerebbe con uno schiocco di dita.

Alla luce di tutto questo, la nostra apparizione in quella diretta e il presente articolo sono un appello a tutte le persone che hanno a cuore la controinformazione e vogliono davvero cambiare le cose e vedere realizzato un mondo migliore per tutti, in cui i miti che ci hanno separati, imbruttiti, resi vittime e carnefici allo stesso tempo, vengano scacciati via come brutti incubi.
So che siete in molti lì fuori e che in molti avete abbandonato l’attivismo e la controinformazione perché l’avete vista cadere nelle mani sbagliate, nelle mani di coloro che in realtà perpetrano gli stessi meccanismi del potere. Siete molti più di quanti crediate. Il problema è che siete più silenziosi e il vostro silenzio sta lasciando spazio alle urla violente di chi, infiltrando la controinformazione, la sta rendendo strumento del potere. Siamo noi la maggioranza e vi assicuro che è una maggioranza schiacciante, ma sarà tale solo quando tutti inizieremo a parlare insieme.

Visione & Coraggio.

Ecco la diretta integrale:

Ecco alcuni esempi di commenti ricevuti:

1-400x177-4 2-400x118-4 3-768x298-5 4-400x139-6 5-3 6-400x201-2 7-400x71-1

 

 

Fonte: Mason Massy James