Archivi tag: atlantidei

Consolamentum – con il Sole nella mente

 

I misteriosi Segreti del Sole rivelati 

Dal 1209 al 1249 uno dei peggiori genocidi della storia fu condotto contro i Catari, una setta eretica nel sud della Francia. Papa Innocenzo III, promettendo oro e indulgenze (la remissione delle pene dovute per i peccati) in cambio del sangue dei Catari, mandò in Francia 30.000 crociati per massacrare i Catari e i loro sostenitori. 
 
I Catari furono cacciati, torturati, bruciati sul rogo e selvaggiamente uccisi dagli assassini assunti dalla Chiesa. Le stime indicano il numero totale di catari e simpatizzanti assassinati tra 300.000 e 1.000.000 di uomini, donne e bambini. Durante questo bagno di sangue è stato osservato un fenomeno sorprendente. I Catari non esprimevano paura, rabbia o dolore, ma solo beatitudine, nonostante le atrocità più orribili commesse contro di loro. Cosa stavano facendo? 
 
Secondo William Henry in Maria Maddalena: The Illuminator, era una sostanza psicoattiva prodotta dal cervello – i Catari avevano appreso le tecniche necessarie per produrlo dagli insegnamenti segreti di Gesù. Fu chiamato Christos (olio per l’unzione) dagli Esseni, che trasmisero i loro segreti a Gesù da Mosè, che li aveva ottenuti in Egitto dai discendenti dei sacerdoti Atoniti banditi di Akhenaton. 
 
Questi insegnamenti implicano il potere del sole e il potere della parola pronunciata e costituiscono ciò che io chiamo “i misteri del sole”. Erano parte dei misteri egiziani, babilonesi e greci, e gli insegnamenti gnostici dei primi cristiani e dei segreti società. Sono stati dati ad ogni cultura da grandi adepti come mezzo per illuminare le menti delle persone e liberarle dall’oscurità dell’ignoranza e della superstizione. 
 
In questo articolo, esaminerò brevemente la vita e gli insegnamenti dei fondatori di varie scuole misteriche nel Medio Oriente e nel Mediterraneo dal faraone Thutmose III a Omraam Mikhail Aivanhov. C’erano altre scuole di mistero in India, Cina, Perù e altrove, ma quelle che ho scelto rappresentano una continuità che ha attraversato millenni e ha formato le radici spirituali dell’eredità giudaico-cristiana. 
 
La storia dei misteri del sole è antica quanto l’umanità e nuova come l’ultima scoperta scientifica. Nel 1882, Ignatius Donnelly pubblicò Atlantis: The Antediluvian World. In questo libro, ha sostenuto in modo convincente che Atlantide aveva stabilito colonie in Perù, Egitto e altrove e che le mitologie e i misteri di questi popoli rappresentavano la religione originale degli Atlantidei, che era una forma di culto del sole. 
 
Scrisse: “La religione degli Atlantidei, come ci dice Platone, era pura e semplice; non facevano regolarmente sacrifici, ma frutta e fiori; adoravano il sole. In Perù era adorata un’unica divinità, e il sole, la sua opera più gloriosa, fu onorato come suo rappresentante. Quetzalcoatl, il fondatore degli Aztechi, condannò ogni sacrificio ma quello di frutti e fiori. [Possiamo vedere fino a che punto la religione azteca degenerò nel corso dei secoli fino al punto più basso del sacrificio umano al tempo della Conquista.] Anche la prima religione egiziana era pura e semplice; i suoi sacrifici erano frutti e fiori; i templi furono eretti al sole, Ra, in tutto l’Egitto. In Perù la grande festa del sole si chiamava Ra-mi. ” 
 
Tra l’Egitto pre-dinastico e la diciottesima dinastia, la “pura e semplice” religione solare dell’Egitto divenne molto corrotta e complicata. C’erano diversi dei del sole e una miriade di dei minori. Il sacerdozio era ricco e potente e la gente dipendeva da loro per gli amuleti magici, pregando gli dei per loro e dando loro un adeguato ed elaborato invio nell’aldilà. Frutta e fiori non offrivano più sacrifici; gli animali hanno preso il loro posto. 
 
Entra nel faraone Thutmose III. Figlio più giovane di Amenhotep I, dovette il suo governo all’intervento del sacerdozio di Amen-Ra che, in un rituale religioso che invocava il volere di Amen-Ra, lo nominò faraone, anche se non era in linea per la successione. Thutmose si rese conto che il sacerdozio stava diventando troppo potente e cercò di frenare il loro potere prestando esternamente omaggio ad Amen-Ra, ma adorando segretamente Aton e sostenendo un separato sacerdozio di Aton a Eliopoli che era fedele al trono. 
 
Sotto il suo dominio, Thutmose III permise alla gente comune di indulgere in tutte le sue fantasiose credenze e superstizioni come gli amuleti magici. Credeva che un cambiamento graduale delle credenze religiose esistenti potesse essere realizzato più facilmente e permanentemente istituendo una scuola segreta misteriosa, i cui studenti avrebbero messo in pratica standard più elevati. Voleva gradualmente infondere nella religione egiziana dall’alto verso il basso quei misteri, miti e riti che avrebbero sollevato il popolo verso una comprensione e una morale superiori. 
 
Così, nel 1489 aEV, fondò una scuola segreta misteriosa, l’Ordine della Croce Rosa, da cui i rosacrociani rivendicano la discendenza e che esiste ancora oggi. I membri di questa scuola misteriosa erano chiamati Therapeutea, che significa “medici dell’anima”. La sungazing Essene setta di Alessandria adottò in seguito questo nome e il simbolo della croce rosea. 
 
William Henry, in The Healing Sun Code, collegava i segreti rosacroce e rosacrociani con il “sorgere del sole curativo, la fonte della vita e della saggezza”. Recentemente ho parlato con una donna che ha studiato l’egittologia per 25 anni e sapeva di Thutmose III e Rosacrociani. Mi disse che una volta conosceva una donna rosacrociana, che ogni volta che si sentiva male avrebbe affrontato il sole e fare uno speciale esercizio di respirazione in cui avrebbe respirato il fuoco del sole per bruciare impurità nel suo corpo. Ha vissuto per essere molto vecchia. Questa tecnica faceva parte degli insegnamenti segreti dei Rosa-Croce, che erano molto attenti a non rivelare ai non iniziati. 
 
Un’altra tecnica usata da Thutmose III e membri del suo ordine era l’uso di aste di guarigione mentre si stava osservando il fuoco (vedi Figura 1). Questi erano tubi di rame e zinco che contenevano rispettivamente carbone indurito e magnetite. Furono reintrodotti nel mondo dal mistico russo Conte Stefan Colonn Walewski, che era membro di una scuola di mistero sulle montagne caucasiche. Essi amplificano la corrente che attraversa il corpo tra il sole e la terra mentre si sbiadiscono, aumentando la meditazione e accelerando la guarigione e lo sviluppo dei poteri psichici. 
 
Il figlio e il nipote di Thutmose III continuarono con la scuola di mistero e il culto di Aton, ma fu solo quando il suo pronipote, Akhenaton, prese il trono che le cose andarono al pettine. 
 
La rivoluzione di Akhenaton 
 
Nel 1369 aEV, Amenhotep IV assunse il regno d’Egitto dal padre malato Amenhotep III. Durante la sua educazione, è stato educato al Tempio del Sole a On (Heliopolis) dove i sacerdoti hanno instillato in lui una devozione ad Aton. Quando divenne faraone, ricevette i misteri segreti del sole tramandato dal suo bisnonno. Ha imparato che Aton era l’unico vero Dio non creato e creato da sé e che la maggior parte degli altri dèi, incluso Amen-Ra, erano fatti dall’uomo. All’inizio del suo regno, cambiò il suo nome in Akhenaton, che significa “il servo di Aton”. Diversamente dal suo bisnonno, non aveva tolleranza per l’ignoranza spirituale. 
 
Akhenaton iniziò un cambiamento nel clima religioso da un politeismo basato sulla paura con il suo culto della morte, amuleti magici, numerosi idoli, sacrifici animali e rituali segreti di un potente sacerdozio a una religione più devota, che era libera da immagini scolpite, ossessione per l’aldilà e la magia; che enfatizzava la riverenza per la luce del sole e la pulizia e la semplice sepoltura; e che permetteva ai normali cittadini di adorare liberamente nei templi all’aperto con offerte di frutta, fiori e incenso, come era stato fatto nella religione solare originale dell’Egitto. I templi di Aton non avevano idoli o immagini scolpite diverse da quella inventata da Akhenaton: un disco solare da cui provenivano raggi, le cui estremità terminavano in mani aggraziate. Alcune di queste mani contenevano l’ankh, il simbolo della vita, nelle narici dei suoi adoratori adoranti. 
 
Questo simbolismo mostra che Akhenaton ha compreso la relazione tra luce solare, prana e respiro. Sapeva che la luce del sole è la fonte di tutta la vita sulla terra. Questa non era l’adorazione del sole fisico, ma l’adorazione di un solo Dio, una divinità suprema, il cui spirito era in cielo e la cui manifestazione fisica era il sole – il simbolo della vita. Ha cambiato il culto del sole come un dio per il culto di Dio simboleggiato dal sole. I dipinti e le sculture di Aton erano sempre accompagnati da una sorta di nota geroglifica (visto nella parte superiore della Figura 4, pagina 56), affermando che era solo una rappresentazione del Creatore onnicomprensivo. 
 
Così, Akhenaton creò la prima religione monoteistica elevando Aton su Amen-Ra e altri dei. Sua madre, Tiya, ha fatto molto per mediare e arginare l’ondata di polemiche causata dalla sua audace opposizione al potente sacerdozio di Amen-Ra. Tuttavia, dopo la sua morte, ha preso l’offensiva e ha ordinato al suo esercito di sciogliere il sacerdozio e deturpare i loro falsi dei. 
 
Akhenaton amava officiare le cerimonie come sommo sacerdote di Aton. La seguente citazione da un decreto fatto da Akhenaton sulla fondazione della sua capitale, Akhetaton, mostra che il morning sungazing era un rituale quotidiano di Atonismo:
 
“Ogni occhio lo vede senza ostacoli mentre riempie la terra con i suoi raggi e fa vivere tutti. Nel vedere chi sono i miei occhi soddisfatti ogni giorno quando si alza in questo tempio e lo riempie con se stesso per mezzo dei suoi raggi, beato di amore, e mi abbraccia con loro nella vita e nella potenza per sempre. ” 
 
Durante queste cerimonie, Akhenaton e la sua congregazione cantavano il suo inno ad Aton. Sebbene la stragrande maggioranza degli egiziani non desse molta credito all’atonismo e la corte di Akhenaton seguisse i rituali della religione esterna per senso del dovere, esisteva un circolo ristretto di circa 300 iniziati che imparavano da Akhenaton i misteri del sole. Tra questi vi erano Giuseppe il figlio di Giacobbe, che Robert Feather, nel Mistero del rotolo di rame di Qumran, sostiene fu il visir Nakhte di Akhenaton. 
 
La Bibbia riporta che Giuseppe sposò Asenath, figlia di Potifera, un sacerdote di Aton a Eliopoli, e gli archeologi scoprirono una cappella privata ad Aton tra le rovine della casa di Nakhte ad Akhetaton. Robert Feather pensa che dopo la morte di Akhenaton, alcuni di questi iniziati siano andati al tempio del sole di Eliopoli e altri, incluso Giuseppe e la sua famiglia, sono andati sull’isola di Elefantina nella terra di Cush (Etiopia), dove hanno costruito un altro tempio del sole e stabilito un ramo del giudaismo che esiste fino ad oggi.
 
I misteri formano la base della tradizione giudaico-cristiana 
 
Dopo la morte di Akhenaton, gli insegnamenti di Atonismo, i suoi rituali e precetti furono quasi completamente distrutti dai fanatici della religione stabilita. Questo è stato il destino di ogni insegnamento misterioso che coinvolge il sole nel passato. La maggior parte degli storici e degli scrittori religiosi pensano che il monoteismo di Akhenaton fosse una breve aberrazione in una lunga tradizione del politeismo egiziano e che sia morto con lui. 
 
Ma, sepolto nelle pagine di testi storici e scritturali, suggerisce che le sue idee siano sopravvissute nella fede ebraica. Ad esempio, il Salmo 104 è quasi identico all’inno di Aton. Sopravvissero anche agli insegnamenti segreti delle Confraternite Esseno e Terapeutico, che erano associate al cristianesimo primitivo. 
 
Nella storia dell’Egitto, il sacerdote egiziano Manetho scrisse: “Mosè, un figlio della tribù di Levi, educato in Egitto e iniziato a Eliopoli, divenne un Sommo Sacerdote della Fratellanza … Fu eletto dagli Ebrei come loro capo e adattato alle idee del suo popolo la scienza e la filosofia che aveva ottenuto nei misteri egizi quando stabilì un ramo della Fratellanza egiziana nel suo paese, dal quale discendevano gli Esseni. Il dogma di un ‘unico Dio’, che insegnò, fu l’interpretazione e l’insegnamento del faraone egiziano della Confraternita che stabilì la prima religione monoteistica nota all’uomo [Akhenaton]. Le tradizioni che egli stabilì in questo modo erano note solo a pochi di loro e furono preservate nei misteri delle società segrete, la Terapeuta dell’Egitto e degli Esseni “. 
 
Dopo essere tornato da Eliopoli, Mosè divenne un fastidio per i sacerdoti di Amen-Ra e la corte di Ramses II a causa delle sue idee atoniste. Lo storico Josephus riporta che Mosè fu inviato in una spedizione militare a Cush in uno sforzo dai cortigiani del faraone per liberarsi del “dissidente”. Lì non solo trovò una moglie, ma un altro avamposto di Atonismo sull’isola di Elefantina. Robert Feather pensa che sia stato nel deserto di Cush che Mosè abbia visto il roveto ardente e abbia ricevuto la sua missione. 
 
Flavia Anderson, in The Ancient Secret: Fire from the Sun ha affermato che il cespuglio ardente era in realtà un piccolo albero d’oro con un cristallo che rifletteva così intensamente la luce del sole che sembrava essere in fiamme. Un talismano simile, chiamato un punchao , era usato dagli Incas per mettere i fedeli in trance in modo che potessero vedere e comunicare con gli esseri di luce. 
 
Anderson riferisce anche questo albero d’oro all’Urim e Thummin (luce perfetta) degli ebrei, che era un cristallo posto in una posizione d’oro, e con il quale il sommo sacerdote comunicava con Dio. Anderson pensa che Mosè abbia incontrato questo albero d’oro durante l’iniziazione al tempio del sole di Eliopoli. Ma è più probabile che l’abbia visto nel tempio del sole dell’Isola Elefantina appena prima di tornare in Egitto. È anche probabile che alcuni dei sacerdoti Atoniti che discendono da Giuseppe e dalla sua famiglia si unirono a Mosè nella sua missione. La Bibbia riporta che c’erano due fazioni rivali di sacerdoti durante l’Esodo. Una fazione aveva nomi egiziani come Korah, Dathan, Abiram e On. 
 
In The Secret Initiation of Jesus a Qumran, Robert Feather mostra come i discendenti di questi sacerdoti egizi, originariamente nominati al tempo di Akhenaton, avrebbero potuto mantenere la loro coesione fino all’inizio degli Esseri di Qumran (610 aEV). Quando entrarono in Canaan, si stabilirono attorno a Shiloh e così divennero noti come sacerdoti Shiloniti. Divennero prominenti intorno al tempo di Ezechiele (589 aEV), di Onia IV (160 aEV) e di Gesù (4 aEV). Erano anche le volte in cui gli esseni erano attivi. Gli Esseri di Qumran, basati sui sacerdoti Shiloniti, vennero per avere un ebraismo molto più puro che rifiutò i sacrifici animali, gli idoli, gli amuleti e la sepoltura con i beni terreni che si insinuarono nel giudaismo degli altri israeliti. Durante l’Esodo, questi sacerdoti erano pro-Mosè e contro i sacerdoti di Aronne. È probabile che i sacerdoti di Aronne, che si sono ribellati nell’idolatria del vitello d’oro (la dea egizia Hathor) mentre Mosè era sulla montagna, possano essere stati responsabili di reintrodurre un’altra pratica egiziana di sacrificio dell’Olocausto, proibita dall’Atonismo. Sul monte Sinai, Dio diede a Mosè la prima serie di tavolette da presentare agli Ebrei. La Figura 2 (pagina 55) è un dettaglio di un dipinto di Beccafumi. Mostra Mosè che riceve le tavole dal sole, che è rappresentato come un’apertura nel cielo. 
 
Tuttavia, quando scese dalla montagna e vide come il popolo era caduto nell’idolatria, si rese conto che non erano pronti per quello che c’era sulle tavolette. Quindi fracassò le tavolette e risalì la montagna dove Dio incise dieci semplici comandamenti su una seconda serie di tavolette. 
 
Cosa avrebbe potuto essere sul primo set? Forse i misteri solari! In ogni caso, i misteri furono tramandati di bocca in bocca da Mosè ai sacerdoti Shiloniti agli Esseni. 
 
Gli archeologi hanno trovato nelle catacombe di Roma un disegno di Gesù che regge una verga di potere quando resuscita Lazzaro dai morti (Figura 3, pagina 55), mostrando che i primi cristiani capivano che la fonte del potere di Gesù veniva dal sole. La Bibbia riporta che poco prima che Gesù avesse risuscitato Lazzaro, egli “alzava gli occhi” al sole e pregava. La verga è un simbolo della forza vitale, che ogni dio egizio del sole e gli dei del sole di Babilonia, India e Perù sono mostrati brandendo in pitture e sculture a parete, come nella figura 5. 
 
Molti studiosi stanno ora realizzando che Gesù era un membro del movimento di Esseni di Qumran e che molti dei suoi insegnamenti sono simili agli insegnamenti di Esseno. Gli esseni e i terapeuti si consideravano i figli della luce e così anche i primi cristiani. 
 
Secondo Gene Savoy nel suo libro Il documento di Essaei: Insegnamenti segreti di una eterna razza, Gesù ricevette gli insegnamenti segreti degli Esseni, che egli chiama la paradosia , intendendo un processo di divinizzazione mediante il quale uno divenne immortale. La Savoia suggerisce di essere un fattore chiave in questo insegnamento segreto. 
 
Scrive: “Che gli Essei [di fronte al sole] in queste ore [alba e tramonto] suggeriscono che il sole era usato come un intermediario grazie al quale gli uomini della terra erano collegati da” cordoni di luce “con il paradiso … ed erano nutriti su un cibo divino sul quale gli angeli nutrivano … ” 
 
I Therapeuts credevano che le anime pure tornassero al sole e che la luce del sole sia davvero il cibo celeste e incorruttibile dell’anima. 
 
Le “corde di luce” della Savoia che collegano tutti possono essere pensate come una griglia di energia. Il sole è una parte di questa griglia di energia; la terra è l’altra. Savoia scrisse altrove: “I seguaci di Mitra si radunarono sulle cime o si fermarono nelle acque, alzando le mani in preghiera davanti al sole che sorge …” Savoy menzionò anche nel Progetto X che gli adoratori del sole in Perù si sarebbero fermati sulle cime delle montagne o del sole templi. Questo mi ha fatto pensare ai vortici e alle ley lines della griglia terrestre, che sono punti focali e linee di energia elettromagnetica che di solito si trovano sui punti più alti della superficie terrestre e nei letti del torrente. 
 
Richard Leviton e Robert Coons, in “Ley Lines e il significato di Adamo”, un capitolo di Anti-Gravity e World Grid, hanno affermato che il sistema elettromagnetico dei nostri corpi, l’intera biosfera e la griglia terrestre fanno parte di un molto più grande griglia del sistema solare ed è tutto collegato. E l’energia che alimenta questa griglia è la Luce di Dio. Hanno scritto: “Il tempio del paesaggio fatto di pietre e cristallo … ha collegato il Cielo e la Terra attraverso l’Uomo. Il tempio terrestre funzionava anche come una porta della griglia in base alla quale la coscienza umana … poteva effettivamente uscire da questo piano ed entrare nel “regno degli dei” [ciò che William Henry chiamava “la dimensione dei beati”]. Attraverso questa Porta della Griglia, gli Dei potrebbero anche incanalare le loro vibrazioni e messaggi spirituali “. 
 
Forse è così che Dio ha incanalato i misteri del sole e poi i Dieci Comandamenti a Mosè sul tempio terrestre del Monte. Sinai, come illustrato nella Figura 2. È significativo che gli eventi chiave del ministero di Gesù siano avvenuti sulle cime delle montagne e nei torrenti (il suo battesimo, la sua ultima tentazione, il sermone sul monte, la sua trasfigurazione, la sua morte e la sua ascensione) . 
 
Gesù trasmise gli insegnamenti segreti di Esseno sui misteri del sole ai suoi discepoli, inclusa Maria Maddalena. I primi cristiani, che non erano a conoscenza di questi insegnamenti, inizialmente adorarono lo spirito di Cristo sotto il sole, ma intorno al terzo secolo essi caddero in un culto della personalità del culto di Gesù, che è continuato fino ad oggi. 
 
Frammenti di questi insegnamenti segreti possono essere trovati nei rotoli del Mar Morto, nel testo apocrifo noto come Pistis Sophia, e nel Vangelo della Pace Esseno, che era nascosto nella biblioteca vaticana per secoli prima che Edmond Bordeux Szekely lo scoprisse nel 1928. Nella Pistis Sophia, un vangelo antico soppresso per oltre mille anni e ignorato dalle chiese ortodosse anche dopo la sua pubblicazione nel secolo scorso, Gesù, dopo la sua risurrezione, elabora i misteri solari e quanto sono necessari per entrare nel regno di Paradiso: 
 
“Voi dovete cercare i misteri della Luce, che purificano il corpo della materia e lo rendono in una luce raffinata estremamente purificata. In verità vi dico … mi sono fatto a pezzi e ho portato a loro tutti i misteri della luce, per purificarli … altrimenti nessuna anima della razza totale degli uomini sarebbe stata salvata e non sarebbero stati in grado di ereditare il regno della luce … ” 
 
Come si verifica questa purificazione è accennato in questo ulteriore passaggio: “Ora, quindi, colui che riceverà i misteri dei battesimi, allora diventerà un grande, estremamente violento, saggio fuoco e brucia i peccati ed entra nell’anima segretamente e consuma tutti i peccati che lo spirito contraffattore ha fatto ad esso. ” 
 
Nel Vangelo Esseno della Pace, Gesù dà un insegnamento sul ruolo purificatore della luce solare in questo battesimo di fuoco. Dice ai malati dopo averli istruiti sul digiuno: “E se in seguito rimangono in te tutti i tuoi peccati passati e impurità, cerca l’angelo del sole … Perché ti dico veramente, santo è l’angelo del sole che pulisce tutte le impurità e rende tutte le cose maleodoranti di un odore dolce. Nessuno può venire davanti al volto di Dio, che l’angelo del sole non lascia passare. In verità, tutto deve rinascere dal sole e dalla verità, poiché il tuo corpo si crogiola alla luce solare della Madre Terrestre, e il tuo spirito si crogiola alla luce del sole della verità del Padre Celeste. ” 
 
La ricezione di questo fuoco attraverso il mantello con le braccia alzate in una formazione Y o piegate al gomito e le mani distese e rivolte verso il sole fu chiamata dai Greci “fuoco che fiorisce” perché la radianza o l’essenza del sole così incanalata bruciasse le impurità in il plesso solare, che, a proposito, è associato al sole e al fuoco. Si possono trovare intagli alle pareti, dipinti, statue, xilografie e fotografie di adoratori del sole di tutto il mondo – indù, musulmani, indiani d’America, antichi egizi, monaci medievali, russi, inca e persino aborigeni in petroglifi preistorici – tutti con le braccia alzate . William Henry scrisse in Maria Maddalena: L’Illuminatore che quando Gesù insegnò ai suoi discepoli la Preghiera del Signore, insegnò loro anche questa posizione di preghiera, che apprese dagli Egiziani, che la chiamavano la posizione Ka (Figura 6, pagina 57). Anche Mosè lo apprese dagli Egiziani e lo usò per invocare la Luce di Dio durante la battaglia degli Israeliti con gli Amalechiti. Significativamente, la battaglia fu vinta al tramonto. 
 
Questo ci porta a considerare un’altra parte dei misteri rivelati dalla Pistis Sophia, che è un certo potere della parola. L’anima, per essere liberata dallo spirito contraffatto, deve pronunciare “il mistero della rovina dei sigilli e di tutti i legami”. Questa è la scienza della parola, l’espressione di sacri mantra, preghiere e canzoni che rimuovono o frenano il sé malvagio, i “registri karmici” dell’individuo. 
 
Queste scienze e tecniche spirituali non furono rivelate a tutti i fedeli. Secondo la Pistis Sophia, i misteri dovevano essere dati solo a quegli iniziati che si dimostrarono degni di essere sottoposti a molti anni di test. Inoltre sono stati tenuti segreti a causa della minaccia di persecuzioni. 
 
I misteri sopravvivono alla persecuzione durante il Medioevo 
 
Nella luce perduta, Alvin Boyd Kuhn scrisse che l’adorazione del sole “era il centro del cuore di ogni religione e filosofia prima che il Medioevo oscurasse la visione della verità … Le terribili ombre dell’Età Oscura non finiranno fino al bagliore luminoso della saggezza solare viene rilasciato ancora una volta per illuminare la modernità ottenebrante. ” 
 
Durante il Medioevo, i misteri del sole sopravvissero e furono tramandati attraverso i Cavalieri Templari, Catari, Paulici, Bogomili e altri Gnostici. Molti di questi santi furono brutalmente assassinati dalle chiese cattoliche e orientali ortodosse nel tentativo di sopprimere i loro insegnamenti, che minacciavano l’autorità stabilita dalla Chiesa. 
 
Uno degli gnostici più ispirati era Saulo di Tarso. Saul sperimentò un’improvvisa conversione e gnosi sulla via di Damasco. Dipinti di questa esperienza di solito mostrano Saul essere accecato dal sole di mezzogiorno che splende attraverso una pausa tra le nuvole direttamente su di lui. 
 
Gene Savoy, nel Documento di Essaei, sosteneva che Saul aveva imparato che gli Esseni erano svelati per comunicare con Dio. Quando Saul lo provò, ricevette un messaggio potente e trasformatore di vita, che lo lasciò cieco e temporaneamente pazzo, così che non potesse mangiare o bere per tre giorni. Nel 1840, il dottor Gustav Fechner, il padre della psicofisica, sperimentò guardando il sole attraverso filtri colorati e liquidi. Lo fece a mezzogiorno e, di conseguenza, divenne cieco e pazzo. Tuttavia, dopo molte preghiere e meditazioni in una stanza buia, ha recuperato la vista, la sanità mentale e altro ancora. Cominciò a vedere aure e angeli, che chiamò “esseri dal sole”. 
 
Socrate insegnò nella sua accademia che la trasformazione personale era possibile solo attraverso la comprensione della parola di Dio, la Luce, e che era raggiunta solo attraverso l’illuminazione interiore assorbita dal sole. Apparentemente, Saul il persecutore fu trasformato dal sole in Paul the proselytiser. 
 
Clemente Alessandrino scrisse che Paolo, prima di andare a Roma, disse che avrebbe portato ai fratelli la Gnosi, o tradizione dei misteri nascosti, come il compimento delle benedizioni di Cristo, il quale, dice Clemente, rivela la conoscenza segreta e si allena lo gnostico da parte dei misteri, cioè rivelazioni fatte nello stato di coscienza superiore. Un tale stato può essere raggiunto attraverso la meditazione profonda, il canto e il sole. Sfortunatamente, Paolo fu arrestato a Roma e alcuni anni dopo giustiziato. I suoi veri insegnamenti sui misteri del sole furono persi per diversi secoli fino a quando furono resuscitati in Armenia e in Siria alla fine del settimo secolo dai Pauliciani. Questo gruppo fu così chiamato perché i loro insegnamenti erano i misteri gnostici tramandati da San Paolo quando li portò nei Balcani e in Siria durante il suo ministero. 
 
I pauliciani furono perseguitati e diminuiti nel nono secolo, sebbene fino a tempi relativamente recenti esistesse un culto solare armeno i cui aderenti erano conosciuti come Arevorti, “figli del sole”. Nel decimo secolo sorse un nuovo movimento gnostico, i Bogomili. La Bulgaria, che ha portato molte delle stesse credenze e pratiche dei pauliciani, inclusa l’adorazione del sole. Tuttavia, i loro insegnamenti erano basati sul Vangelo di Giovanni. 
 
All’inizio del XII secolo, Bisanzio iniziò a perseguitare i Bogomili. Molti furono uccisi, ma alcuni fuggirono in Italia, nel sud della Francia e altrove. Entro la metà del 12 ° secolo, scuole gnostiche come i Cavalieri Templari e Catari erano sorti e si diffusero in tutta l’Europa occidentale. Queste erano le controparti dell’Europa occidentale dei Bogomili dell’Europa orientale. 
 
I Catari “puri” e i Cavalieri Templari erano concentrati nelle regioni della Linguadoca e del Midi della Francia meridionale. I Catari sostenevano di possedere il Libro dell’Amore (AMOK) la versione originale iniziatica del Libro di Giovanni (l’unico vangelo letto dai Catari, dai Cavalieri Templari e dai Bogomili) che probabilmente conteneva i misteri solari. Insegnò che una scintilla o un piccolo sole della Luce di Cristo dimorava nel cuore dell’uomo e rivelava come coltivarlo come un seme di divinità in modo che fiorisse nella rosa della scuola del mistero della croce rosea originale. Questo insegnamento, che reputamente poteva trasformare un essere umano in un essere divino, un tempo apparteneva a Thutmose III, Akhenaton, Mosè, Salomone, Gesù e Giovanni il Beneamato. Si riteneva che fosse in grado di dissolvere ogni odio, rabbia e gelosia dal cuore degli uomini. 
 
I Catari credevano che la chiave di questa trasformazione divina fosse la corretta comprensione del simbolismo dell’Eucaristia, cioè il pane, il vino e il Santo Graal. La luce del sole è il pane; il suo calore è il vino. Il Santo Graal è il terzo ventricolo o cavità del cervello che contiene le ghiandole pineale e pituitaria (Figura 7, pagina 58). 
 
Questo segreto, noto ai Catari come il consolamentum (“con il sole nella mente”), era tenuto nascosto ai non iniziati. I Catari credevano che l’uomo fosse entrato nel regno di Dio attraverso la sua anima, la cui sede era considerata da Descartes come la ghiandola pineale. I Catari credevano che gli elementi solari dell’Eucaristia transustanziati nel corpo e nel sangue di Cristo in loro stessi. La transustanziazione mondiale viene dal latino trans, across e substantia, sostanza. Questa sostanza o secrezione ghiandolare, catturata dal Santo Graal (il terzo ventricolo), è ciò che gli indù chiamano Amrita, “l’elisir dell’immortalità” e i greci chiamato Ambrosia, “il nettare degli dei”. 
 
William Henry, in Maria Maddalena: L’Illuminatore, ha scritto, “Tutti i misteri occulti parlano di una chiave che è richiesta per sbloccare i segreti mistici dell’illuminazione. Nello specifico, il segreto perduto dei Templari … riguarda la costruzione di un umano migliore attraverso il rilascio di secrezioni dalla sbalorditiva pianta di produzione di oli spirituali, il cervello umano. Questo olio o essenza era il segreto chiave di Maria Maddalena e degli Esseni, recuperati dai Templari tra i templi. Il cranio [in particolare il terzo ventricolo] è … la Coppa della Vita, il Graal, che cattura queste secrezioni dal cervello … L’obiettivo ultimo dei Templari era quello di ripristinare il vero monoteismo gnostico nel mondo, unendo Cristianesimo, Giudaismo e Islam in un Nuovo Regno dei Cieli sulla Terra. I “nuovi” umani che abitavano questa Nuova Gerusalemme (o Nuova Atlantide) avrebbero conosciuto e incarnato il segreto del Regno dei Cieli all’interno del cervello e la sua capacità di produrre … l’elisir della vita, il Sacro Soma, il tonico dell’immortalità, per questi termini si riferiscono tutti all’essenza cosmica o alla sostanza cerebrale. “Fu chiamato anche Christos (olio per l’unzione) dagli Esseni. 
 
Come i loro precursori, i Bogomili, i Catari impegnati nel canto. Questo insieme al sole era la chiave per attivare la ghiandola pineale e produrre l’olio di Christos. L’uso di mantra e canto può risvegliare la ghiandola pineale perché si trova sopra la bocca sospesa nel terzo ventricolo, una camera piena di liquido cerebrospinale. La sua posizione sopra la bocca in una camera di fluido rende la ghiandola pineale posizionata in modo univoco per rispondere alle vibrazioni soniche. Manly P. Hall, in L’apertura del terzo occhio, ha affermato che la ghiandola pineale “che vibra ad un altissimo tasso di velocità, è la vera causa della vera illuminazione spirituale”. 
 
La beatitudine che si prova durante il canto del sole e il canto non è solo un alto naturale. Secondo William Henry, la beatitudine è creata da Christos ed è uno stato di estrema felicità e libertà dall’attaccamento, dalle reazioni condizionate e dalla paura. È la chiave necessaria per entrare nel Regno dei Cieli. Omraam Mikhael Aivanhov ha detto che solo coloro che sono felici e spensierati come i bambini possono entrare nel Regno dei Cieli. 
 
Gli insegnamenti dei Catari rappresentavano una vera minaccia per la nascente Chiesa cattolica. A differenza dei Catari, la Chiesa di Roma chiaramente non ha prodotto una sostanza che ha dato alle persone un’esperienza di beatitudine divina. E se lo facesse, lo manterrebbe dalla gente. Ecco perché la Chiesa ha dovuto sterminarli. 
 
Fortunatamente, oggi viviamo in un’epoca di libertà spirituale e chiunque può insegnare e apprendere la scienza della parola e delle tecniche di sungazing presentate dal sole yogi Hira Ratan Manek e altri. Sebbene la luce dei Catari fu spenta nel XIII secolo, all’inizio del XX secolo, gli insegnamenti dei Bogomili furono rianimati dal maestro Peter Deunov e dal suo principale discepolo, Omraam Mikhail Aivanhov. 
 
I misteri del sole rivelati 
 
Il 31 gennaio 1900 Mikhael Aivanhov nacque in una povera famiglia a Serbtzi, un piccolo villaggio della Macedonia. Durante la sua infanzia e adolescenza, fu ispirato leggendo il Vangelo di Giovanni, vite dei santi e libri sullo yoga, che lo portarono, all’età di quindici anni, a un’esperienza di illuminazione o samadhi.
 
Andò in riva al mare per guardare l’alba. Dopo aver meditato e cantato per un po ‘, sentì la presenza di un essere celeste. Improvvisamente bagnato da una nuvola di luce brillante, fu immerso in uno stato di estasi. Più tardi, ha commentato: “Era così bello che ero fuori di me. Vedere un tale essere, con tutti quei colori, tutta quella luce! Era quasi invisibile nella straordinaria luminosità che lo circondava. Mi sono trovato inondato di luce. Ero in uno stato di beatitudine, di estasi così immensa, così potente, che non sapevo più dove fossi. Era una gioia delirante; era il paradiso; era l’universo! Da allora ho sentito che se Dio non fosse tutto di bellezza non potrei credere in lui. È la bellezza che rimane nella mia mente come l’essenziale: né potere, né conoscenza, né ricchezza, né gloria. Solo bellezza! ” 
 
Sulla base delle proprie esperienze spirituali e della sua lettura di ciò che chiamò il “Libro della Natura”, scoprì i misteri del sole prima di essere insegnato loro da Peter Deunov. Mikhael e il suo maestro sarebbero andati insieme per meditare nella calma pre-alba e guardare il sorgere del sole. Deunov gli diede anche i metodi di base e gli esercizi di mantra, preghiera e canto sacro: i misteri della parola pronunciata. 
 
Nel 1959, viaggiò in India, dove visitò numerosi ashram e incontrò diversi leader spirituali. Fu accolto da diversi rinomati saggi indù come un maestro esperto a tutti gli effetti. Un adepto lo salutò come un “rishi solare”. Un altro gli diede il suo nome spirituale, Omraam. Uno dei maestri che incontrò fu il bodhisattva immortale, Babaji, che nel 1992 e 1998 diede le sue benedizioni ad un altro maestro di yoga solare, Hira Ratan Manek. 
 
L’insegnamento centrale di Omraam è il concetto di luce. Vide in luce la prima emanazione del Divino, mantenendo le qualità del Divino più di ogni altra manifestazione. Come ha insistito: “La luce è uno spirito vivente che viene dal sole e che stabilisce una relazione diretta con il nostro spirito”. Spiega come possiamo usare la luce per trasformarci e diventare radiosi come il sole. In The Splendour of Tiphareth, ha scritto, “Solo i raggi del sole sono in grado di sostituire tutto ciò che è impuro, logoro o oscuro dentro di te, e possono farlo solo se impari a riceverli. Se li accogliete con tutto il cuore, inizieranno il loro lavoro di sostituire il “vecchio” in voi, in modo da essere interamente rigenerati, rinnovati e rianimati; i tuoi pensieri, i tuoi sentimenti e le tue azioni saranno tutti diversi. Solo i raggi del sole sono in grado di operare questa trasformazione dentro di te.” 
 
Omraam amava parlare dello Spirito del sole. Sotto questo aspetto la sua filosofia coincideva con i secolari misteri del sole, che insegnavano che il vero sole non è la stella visibile nel cielo, ma il sole spirituale invisibile, la fonte di ogni vita, luce e amore. 
 
Ha sottolineato che “Sul piano fisico, materiale, il sole è la porta, il collegamento e il mezzo grazie al quale possiamo entrare in contatto con il Signore … Attraverso il sole, lavoriamo con Dio stesso. Posso dire che certe cose che nessun umano può insegnarmi mi sono state rivelate dal sole. Nessun libro può darti quello che il sole ti dà se impari ad avere la giusta relazione con lui … Se vuoi creare un legame tra te [e il sole], devi guardarlo in ogni coscienza. Se lo fai ci sarà una comunicazione di vibrazioni tra il sole e te in cui forme e colori, un mondo completamente nuovo, nascerà … Il sole è un’intelligenza, una vita, una luce vivente. E quando lo capisci, all’improvviso inizia a parlarti … Prova a fargli una domanda e vedrai che ti risponderà. 
 
“Omraam morì nel 1986, ma i suoi insegnamenti sui misteri del sole vivono in numerosi libri. Oltre 90 libri sono stati pubblicati in inglese, e ci sono abbastanza appunti dalle sue centinaia di conferenze per riempire altri 400 libri. Di questi libri, quelli che riguardano principalmente i misteri del sole sono Lo splendore di Tiphareth: Lo yoga del sole, Verso una civiltà solare e la luce è uno spirito vivente. La nuova biografia di Omraam Mikhael Aivanhov di Louise-Marie Frenette, La vita di un maestro in Occidente , è stata appena pubblicata in Nuova Zelanda dalla First Edition Press (per ordinare il numero +64 (04) 586-1973). Oggi, i suoi insegnamenti e i suoi riti sono praticati dalla Società IDEAL, dal Centro Hearts e da altre comunità spirituali in tutto il mondo.
 
L’articolo precedente è apparso per la prima volta in World Explorer 37 Vol. 5 n.
 
Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 113.
© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com . Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.
 
 

La città perduta di Z

La città perduta di Z e la sua misteriosa connessione con i potenti Atlantidei

by Ivan

Ci sono un certo numero di città antiche – considerate miti dalla maggior parte degli autori – che alcuni credono esistessero prima della storia scritta, in diversi luoghi sulla Terra.

The Lost City of Z, proprio come Atlantis è uno di questi luoghi misteriosi.

La persona più famosa che abbia mai cercato questa città perduta era un uomo di nome Percy Harrison Fawcett, un rinomato esploratore che cercò di scoprire la città a lungo sperata di rimanere nascosta da qualche parte nella giungla amazzonica.

Secondo miti e leggende, la città perduta di Z sarebbe stata eretta in tempi molto antichi dai discendenti di Atlantide. Si ritiene che gli Atlantidei sopravvissero alla distruzione della loro casa e fuggirono in diverse regioni della Terra, e alcuni di essi finirono in Amazzonia, dove alla fine si stabilirono.

Fawcett fece otto spedizioni, scomparendo nell’ultima in strane circostanze.

Ha trovato la città perduta di Z nella giungla amazzonica? La città perduta di Z potrebbe essere collegata a El Dorado e Atlantis? E cosa è successo esattamente a Fawcett nella sua ultima spedizione?

Nessuno sembra avere risposte per queste domande.

Ma da dove provengono storie di città massicce fatte di oro, abitate da esseri potenti?

Possiamo dire che parte delle storie proviene dal vecchio continente. In altre parole, quando gli esploratori europei iniziarono ad arrivare nelle Americhe, i miti e le leggende di creature soprannaturali e tribù pseudo-umane lentamente lasciarono il posto a storie di enormi città antiche nascoste nel cuore della giungla.

Ma qual è esattamente la ragione?

Alcuni autori sostengono che grazie all’abbondanza di comunità indigene affrontate dagli europei e ai loro esuberanti riti religiosi hanno alimentato le fantasie europee che si sono diffuse rapidamente.

Pensando a una grande civiltà la cui ricchezza non si può immaginare è stata rapidamente riconosciuta come un’idea comune. Un’idea che sarebbe poi divenuta nota a molti autori, diventata nota come la leggenda di El Dorado e che, peraltro, soddisfaceva la delirante fame d’oro dei primi, e di molti dei seguenti, visitatori del continente.  

The Lost City of Z e Col. Percy Harrison Fawcett 

Il Col. Percy Harrison Fawcett era un esploratore britannico che nel 1912 nominò la Città Perduta di Z dopo aver trovato un antico documento intitolato Manoscritto 512, conservato nella Biblioteca Nazionale del Brasile. Si ritiene che la sua convinzione sia stata alimentata in parte a causa della riscoperta della città perduta di Machu Picchu nel 1911.

Quello che vedi qui è la prima pagina del testo originale brasiliano intitolato Manoscritto 512.

Il documento-Manoscritto 512-si crede sia stato scritto da Bandeirantes portoghese, João da Silva Guimarães, che presumibilmente scoprì le rovine di una possente città antica, contenente archi, statue e templi coperti di geroglifici, nel profondo della giungla amazzonica nel 1753 Mentre Guimarães ha descritto la città in modo molto dettagliato, non è riuscito a dare la sua posizione.

L’enigmatico manoscritto è completato da dettagli curiosi, come la documentazione della scoperta di un sacchetto di monete d’oro con la sagoma di un arciere e una corona, o la riproduzione di geroglifici copiati da vari angoli della città, che alcuni dicono nuda come una strana somiglianza con lettere greche e fenicie.

In un certo senso, Fawcett era ossessionato dalle città perdute.

Durante i suoi viaggi, Fawcett aveva sentito parlare di un’antica città sotterranea segreta situata “da qualche parte” nella giungla del Cile, che, secondo racconti, leggende e resoconti, era fatta di strade lastricate d’argento e tetti d’oro.

Fawcett scrisse della Lost City of Z in una lettera a suo figlio nel 1912:

Mi aspetto che le rovine siano di carattere monolitico, più antiche delle più antiche scoperte egiziane. A giudicare dalle iscrizioni trovate in molte parti del Brasile, gli abitanti usavano una scrittura alfabetica associata a molte antiche scritture europee e asiatiche. Ci sono anche voci di una strana fonte di luce negli edifici, un fenomeno che riempì di terrore gli indiani che sostenevano di averla vista.
Il posto centrale che chiamo “Z” – il nostro obiettivo principale – è in una valle sormontata da alte montagne. La valle è larga circa dieci miglia, e la città è al centro di essa, avvicinata da una carreggiata di pietra a canna. Le case sono basse e senza finestre, e c’è un tempio piramidale. Gli abitanti del posto sono piuttosto numerosi, hanno animali domestici e hanno miniere ben sviluppate sulle colline circostanti. Non molto lontano c’è una seconda città, ma le persone che vi abitano sono di ordine inferiore a quelle di “Z”. Più a sud c’è un’altra grande città, metà sepolta e completamente distrutta.

Il mistero dietro la scomparsa di Fawcett

Allora, cosa è successo a uno dei più famosi esploratori della storia?

Nel 1921, la prima spedizione a trovare la città perduta di Z fu assemblata da Fawcett. La sua ricerca di Z è culminata con la sua scomparsa e l’apparizione di molti miti e storie che circondano la sua fede.

La sua ultima spedizione è stata fissata a marzo nell’aprile del 1925, questa volta finanziata da giornali e società come la Royal Geographic Society e i Rockefeller. Fawcett era certo che la sua spedizione sarebbe culminata con la scoperta della mitica città.

Nel maggio del 1925, le spedizioni avevano raggiunto il bordo di un territorio inesplorato, esplorando un’area che nessuno straniero aveva mai osato attraversare.

Le convinzioni di Fawcett erano fortemente influenzate da quello che gli indiani gli avevano raccontato sulle presunte città perdute disseminate nella giungla amazzonica. Perfino la sua penultima lettera – nove giorni prima che misteriosamente sparisse, menziona una di queste storie.

Corrispondenza del colonnello Fawcett datata 20 maggio 1925

“Ho visto il capo indiano Roberto e ho parlato con lui.
Sotto l’influenza crescente del vino che ha corroborato, tutto il mio amico di Cuyaba mi ha detto, e altro ancora. A causa di ciò che suo nonno gli aveva detto, voleva sempre fare il viaggio verso la cascata, ma ora è vecchio. È dell’opinione che i cattivi indiani siano numerosi lì, ma si è impegnato a dichiarare che i suoi antenati avevano costruito le vecchie città. Questo sono incline a dubitare, perché lui, come gli indiani Mechinaku, è di tipo marrone o polinesiano, il tipo giusto è rosso che associo alle città”.

La squadra ha viaggiato in un territorio che nessuno aveva mai visto. Hanno affrontato molti pericoli, ma non si arresero. Alla fine raggiunsero un’area chiamata “Dead Horse Camp” quando Fawcett rimandò i dispacci per altri cinque mesi, fermandosi infine dopo il quinto. In questa spedizione, avrebbe inviato una lettera a sua moglie dicendo (datata 29 maggio 1925):

“Mia cara Nina,
Il tentativo di scrivere è irto di molte difficoltà, grazie alle legioni di mosche che lo infastidiscono dall’alba al tramonto – e talvolta per tutta la notte! I peggiori sono quelle piccole che sono più piccole di una capocchia di spillo, quasi invisibili, ma pungono come una zanzara. Le nuvole di loro sono sempre presenti. Milioni di api si aggiungono alla pestilenza, e altri insetti in abbondanza, orrori pungenti che si impadroniscono di tutte le mani. Persino le reti per la testa non le tengono fuori, e come per le zanzariere, i parassiti volano attraverso di loro! È piuttosto esasperante.
Speriamo di attraversare questa regione in pochi giorni, restiamo qui per un po ‘di tempo per accamparci e per il ritorno dei peoni, che sono ansiosi di tornare, perché ne hanno abbastanza – e non li biasimo. Andiamo avanti con otto animali: tre muli da sella, quattro muli da carico e una madrinha, un animale leader che tiene uniti gli altri. Jack è in forma e si sta rafforzando ogni giorno, anche se soffre un po’ per gli insetti.
Io stesso sono morso o punto dalle zecche e questi piccoli insetti, chiamati seni, su tutto il corpo. È Raleigh di cui sono preoccupato. Ha ancora una gamba fasciata in una benda ma non tornerà indietro. Finora abbiamo cibo in abbondanza e non c’è bisogno di camminare, ma non sono sicuro per quanto tempo durerà. Potrebbe esserci poco da mangiare per gli animali mentre ci dirigiamo più in là. Non posso sperare di alzarmi in piedi in questo viaggio meglio di Jack o Raleigh – i miei anni in più raccontano, anche se faccio del mio meglio per rimediare con entusiasmo – ma io dovevo farlo

Calcolo che contatterò gli indiani in circa una settimana, forse dieci giorni, quando dovremmo essere in grado di raggiungere la tanto discussa cascata.

Eccoci al Dead Horse Camp, Lat. 110 43 ‘S e 540 35’ O, il punto in cui il mio cavallo morì nel 1920. Restano solo le sue ossa bianche. Possiamo lavarci da soli qui, ma gli insetti lo rendono una questione di grande fretta. Tuttavia, la stagione è buona. È molto freddo di notte e fresco al mattino, ma gli insetti e il calore ritornano in pieno vigore a metà giornata, e da allora fino a sera è pura miseria in campo.

Non devi temere alcun fallimento …”

Quelle erano le ultime parole del Col. Percy Harrison Fawcett.

Passarono due anni e di Fawcett e la sua squadra non si è sentito nulla.

Ciò ha comportato l’avvio di molte spedizioni per trovarle.

Misteriosamente, ogni spedizione ha subito lo stesso destino di Fawcett.

La scomparsa di Fawcett ha portato a un totale di 13 spedizioni in cui più di cento persone hanno perso la vita, tentando di trovare non solo Fawcett ma anche la leggendaria città perduta di Z.

Nessuno sa cosa sia successo esattamente a Fawcett, alla sua spedizione ea più di cento persone che hanno tentato di cercarlo.

Alla fine furono proposte numerose teorie.

Alcuni dicono che Fawcett e la sua squadra sono stati uccisi da una tribù amazzonica, mentre le lontre suggeriscono che potrebbero essere stati affamati, affogati o sofferti di una malattia. Ci sono alcuni che dicono anche che potrebbero essere stati derubati e uccisi dai banditi nella regione.

Immagine in evidenza Credito: Leon Tukker. Pubblicato con permesso.

https://www.ancient-code.com/

®wld

“GIGANTI” – “TITANI” – “umani”

por Ron McVan
01 Julio 2007
del Sitio Web Vinlandfolkresistance
traducción de Editorial-Streicher
22 Agosto 2016
del Sitio Web Editorial-Streicher
Versión original en ingles

 I Figli del Tuono

L’artista e scrittore americano Ron McVan (1950), che è stato associato con l’illustre David Lane e sua moglie Katja, nove anni fa ha scritto in castigliano il seguente e breve testo.

Uno studio su personaggi remoti dell’antichità, fatti di recente ha portato a prove di leggende e mitologie sui Giganti, che secondo quanto l’archeologia scopre continuamente non sono storie false.

Questo articolo può essere trovato in inglese sul sito Web Vinlandfolkresistance.

I “miracoli nella vita …
O meglio, la vita è tutto un miracolo. ” 

Ogni paese sembra avere all’interno dei suoi miti e leggende a volte molto distanti che fanno riferimento  a uomini di colossali e incredibili dimensioni e forza che si stenta a credere abbiano mai camminato sulla Terra.

I miti della storia sono mascherati e portano i giovani di tutto il mondo, dove l’atmosfera è più vicino al cielo, più vicino agli uomini che degli dei, e il tempo più vicino all’eternità.

La memoria della mente ha dimenticato molto tempo fa il suo passato, ma il ricordo del sangue conserva ancora al buio, l’antica magia selvaggia e la paura mistica del tempo dei Titani.

L’uomo moderno è felice di minimizzare l’importanza di tali epoche della storia come soggetto delle fiabe, e tuttavia la crescente evidenza continua a dimostrare il contrario.

Poiché non vi è alcun enigma che i dinosauri esistevano, dal momento che abbiamo le ossa, la carne e le sue orme, ma per quanto riguarda il gigante umano?

Prima di tutto bisogna andare indietro ai primi tempi in cui si credeva che i giganti erano i veri figli degli dei che sono venuti dal caos avvolti nella nebbia.

Con l’evoluzione, il pianeta Terra per eoni di tempo e miliardi di anni ha sviluppato una varietà infinita di specie viventi, molte delle quali si sono alternate nell’andirivieni, dove la storia ha davvero avuto inizio ?

A Londra, in Texas, per esempio, nel 1934 un piccolo manico di legno è stato trovato che sporge da una scogliera di roccia solida.

La roccia è stata spaccata e aperta nel 1947 da dove è scaturito una testa di metallo martello e all’altra estremità un manico in legno. L’età delle rocce analizzate è stata misurata in segmenti di tempo a 50.000 anni.

Quanti anni ci saranno voluti perché una roccia solida si formasse attorno a un martello?

Questo porta poi alla questione di come in molte epoche intere civiltà siano state completamente cancellate dalle liste della storia del genere umano a causa di molti disastri del passato?.

Il fatto è che il principio della storia umana si dissolve in un buio crescente, la grande età della nostra preistoria, Atlantide arriva di soppiatto a farci visita di nuovo. La leggenda di Atlantide sembra essere solo la fine di una memoria simbolica di una cultura perduta, una tenda che si chiude in un’epoca d’oro passata.

Molti fatti indicano che queste prime civiltà non erano affatto quelle che hanno iniziato tutto; invece, erano i resti di civiltà perdute molto più antiche.

Oggi, alla luce delle conoscenze accumulate su Atlantide, che conseguentemente più o meno sarebbe giusto dire che la loro distruzione ha anche segnato la fine dell’era delle razze giganti.

Lo scienziato austriaco molto competente Otto Muck [1892-1956] ha svelato molto del mistero circa la distruzione di Atlantide. Secondo la sua indagine sul disastro, la Terra sarebbe poi stata colpita da un asteroide nella zona del Mar dei Sargassi.

L’asteroide in realtà si sarebbe diviso in due prima di collidere con la Terra causando un doppio impatto. I crateri lasciati dagli impatti (che sono ancora ben visibili sul fondo dell’oceano) possono ora essere visti dai satelliti della NASA.

Al tempo delle indagini di Muck è stata visionata l’intera area con immersioni intorno al luogo dell’impatto.

Gran parte della pioggia di meteoriti che hanno seguito gli asteroidi hanno colpito le aree territoriali del Nord e Sud Carolina (USA) hanno lasciato un campo di crateri anche ben visibili, utilizzando i satelliti della NASA.

L’ingegnere Muck ha spiegato che questi asteroidi (ancora concentrati in quella zona dell’impatto) contengono molti miliardi di tonnellate di nickel. Ciò potrebbe spiegare il caos inusuale degli strumenti di misura in dotazione alle barche, navi e aerei che sono scomparsi nel noto Triangolo delle Bermuda.

Molti ricercatori hanno speculato circa la data sulla distruzione di Atlantide, che varia tra 10.000 e 12.000 anni.

Otto Muck non era soddisfatto di indovinare e speculare, ha fatto un’accurata ricerca sulla datazione, basandosi principalmente sulla precisione del calendario Maya. Egli individua il momento esatto della fine di Atlantide alle ore 20:00 locali, il 5 giugno 8498 a.C.

Il Nordic Edda sono una sorta di documento germanico di Atlantide, vale a dire, una descrizione del sito della “isola sacra” nella regione di ambra nell’età del bronzo, la sua distruzione causata da incendi e inondazioni, (distruzioni che si sono verificate in tutto il mondo), e la sua ricomparsa in un secondo momento.

Nel regno degli dei norreni conosciuti come Asgard, era noto il mjot vithr, “l’albero di misura”, noto anche come “cenere Yggdrasil”.

Questo albero, secondo l’Edda, è un simbolo centrale polare del cielo.

La parola Æsir [degli dei, norreni] deriva dalla parola che significa che è il polo o cielo, la colonna centrale dell’isola.

Diverse fiabe europee sono legati all’albero del mondo, come Cenerentola, che si traduce come “la ragazza dalle ceneri” [scorie = cenere; ash = cenere]. Nella storia di Jack e il fagiolo magico che deve salire il fusto dell’albero o del mondo per raggiungere la terra dei giganti.

Nel territorio di Atlantide, il gigante Atlante, è uno dei loro governanti e figlio del dio titano Poseidone, delle Esperidi, dall’Isola dei Beati, che possiedono le mele d’oro.

Nel pantheon norreno la dea Idun mantiene le mele d’oro nella cenere del suo petto, gli dei devono sempre dimostrare la loro giovane età. L’Edda Nordica ha conservato esattamente i ricordi dei tempi di Atlantide da cui deriva il nome “Golden Age”.

Nel Gylfaginning [prima parte del Edda in prosa, Sturluson] racconta come dopo Ragnarok (la fine dei tempi) Æsir si è seduto insieme agli altri per parlare con loro, facendo venire in mente la saggezza segreta e gli eventi di quei tempi che li hanno portati al successo …

Poi si sono trovati nell’erba quegli scacchi d’oro che Æsir aveva. Secondo l’Edda, l’Æsir ricorda la loro saggezza segreta; la parola “saggezza segreta” in norvegese è “Runar”, che significa anche “rune”.

Il dio Wotan è noto per aver dato il suo occhio sinistro alla luna Mimir per farle imparare bene la saggezza segreta del gigante. Mimir era il gigante più saggio del mondo ed è stato responsabile dell’antica conoscenza sacra.

In Atlantide i dieci re governanti indossavano mantelli blu. Wotan in Asgard era noto anche per aver indossato lo strato simbolico di cielo azzurro, come il dio Apollo era noto per avere i capelli tinti di blu che nasceva tra l’hiperbóreos del Nord. Tutta cosmologia teutonica della creazione inizia con i giganti.

Questi erano i giganti primordiali della tenera età del ghiaccio, la “Ur-Homines ” i cui discendenti avrebbero dato alla luce dopo Wotan e i suoi fratelli Vili.

Più tardi, quando i Giganti sono diventati una minaccia per gli dei di Asgard, a loro volta sono stati chiamati nemici.

Thor, figlio di Wotan, era noto tra gli altri nomi come “Assassino Giant”. In sostanza, il gigante è un simbolo di malcontento, per il quale hanno provato a detronizzare gli dei distruggendo il lavoro dell’uomo.

L’impresa del protagonista è quello di ripristinare l’equilibrio che era stato sconvolto dai giganti per sovvertire l’ordine universale.

“Gli uomini divini, andres theioi, alti dirigenti della repubblica ateniese, corrispondono alle ‘Suns di Dio”, i dieci re di Atlantide. In un caso abbiamo il padre del ‘seme’ Okeanos; in un altro, della Madre Terra, Gea. Ma in entrambi i casi Dio ha nominato custodi di uomini, Phylakes, una classe speciale di uomini, non solo politicamente, ma anche fisicamente.

Erano soprattutto quegli “uomini divini”, quei “Dei-uomini” … che erano saggi e profeti “. Platone

“Ha vissuto nella vostra terra (prima del diluvio) una razza più bella e più nobile degli uomini che sia mai vissuta,” afferma il sacerdote di Sais a Solone, “del quale voi e tutta le vostra città siete, un seme o un residuo” Platone, Crizia

In tutta la mitologia occidentale sono molte le leggende e i riferimenti europei  ai giganti nei primi giorni di Atlantide.

Altrettanto importante è l’eredità di Atlantide che rimane nella cultura, minoica e l’inizio egiziano e, di come essi stessi siano l’emanazione dell’Impero di Atlantide.

E’ importante notare che due papiri egiziani sono stati esaminati da Heinrich Schliemann nel Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo contenente le seguenti informazioni su Atlantis:

“Il faraone ha inviato una spedizione in Occidente per raccogliere le tracce di Atlantide, dove, 3.350 anni prima che gli antenati degli egiziani, sono venuti portando con sé tutta la saggezza della loro terra natale.”

Heinrich Schliemann, noto per la sua scoperta delle grandi – città perdute di Troia e Micene, ha anche trovato manufatti di Atlantide che avevano la scritta “Cronos di Atlantide”.

Cronos era conosciuto come il padre di Zeus.

“C’erano giganti sulla terra in quel momento.” Genesi 6: 4

Papa Gregorio ha ordinato di distruggere la letteratura classica,

“Il fedele non può distrarsi nella contemplazione del cielo.”

La Bibbia, tuttavia, non poteva ignorare certe realtà preistoriche che hanno dato la legittimità di alcune delle loro storie. Che comprendeva l’esistenza di antichi giganti umani.

In diversi segmenti di quella Bibbia si possono trovare passaggi come questi:

«E noi abbiamo visto i giganti, figli di Anak, che provengono dei giganti: e siamo rimasti al cospetto dei loro occhi come locuste.” numeri 13:33

“E ci fu un’altra battaglia a Gath, dove un uomo (nato da Giganti) di grande statura, che aveva sei dita per ogni mano e sei dita per ogni piede, in totale. 2 Samuel 21:20

Molti secoli lontani dell’uomo sulla terra potrebbero essere stati persi per sempre nel tempo.

I tempi noti per gli Atlantidei erano:

  • il Polar
  • Hyperborea
  • Lemuria
  • l’Atlante, che conduce al tempo dell’Aria

Le originali antiche razze di Atlantide erano molto alte di statura, tra 3 e 3.6 e 4.5 mt. di altezza.

Oggi, secondo i nostri standard, questi erano certamente dei giganti.

L’anglo – sassone denominato Etin, è ancora narrato nelle leggende scozzesi, è lo stesso scandinavo jötunn, la via, entrambi possono essere filologicamente confrontati con il Titano greco.

“Figli del Cielo e della Terra, Titani coronati di gloria, lontani dai loro genitori che vivono nel Tartaro buio, sono le fonti della vita e la fonte di tutte le creature che soffrono”.

L’antica preghiera Orfica 


L‘alta tribù Aurignaziana degli Atlantidei, fu poi succeduta dall’Aziliano, che ha invaso l’Europa in ampiamente differenti periodi.

La gigantesca popolazione Aurignaziana, durante quel periodo di storia era fisiologicamente di gran lunga superiore a qualsiasi tipo umano esistente. Ma alla fine sono stati sostituiti dall’Aziliano un popolo ancora alto ma molto più piccolo.

Lall’Aziliani, in seguito, sono stati i precursori della razza iberica.

Gli iberici erano una popolazione più piccola degli Aziliani, fisicamente ben sviluppati ma normale per i nostri attuali standard. Gli iberici erano un ramo delle tribù ariane, con capelli nerissimi, che sono stati creduti essere i fondatori del primo druidismo.

La loro razza si è mescolata in una buona parte con i Celti, Egizi, ispanici e diverse tribù costiere lungo le rotte di navigazione e commercio, sulla costa occidentale d’Europa, del Mediterraneo e del Nord Africa.

La maggior parte della loro gente sono diventati i minoici di Creta.

La mescolanza Celtica e iberica viene oggi comunemente indicato come i “Black irlandesi“.

“In alto, sopra regnava il Padre degli uomini, che minacciosamente tuonava verso il basso, Poseidone ha ampliato il mondo facendo tremare le alte vette … tale era la confusione quando la battaglia degli dei è iniziata.” Omero Iliade, XX

Per quanto riguarda la mitologia, Poseidone è un nome derivato da Potei-Don, che significa “Signore dell’acqua”.

In passato era conosciuto come “lo scuotimento della Terra. Potei-Don” è stato anche il grande dio titano di Atlantide.

Titano ha avuto tre figli:

  • atlante
  • Albione
  • Iberius

Atlas è diventato il dio di Atlantide, Albion, il dio della zona di quello che ora è la Gran Bretagna, e Iberius, Dio d’Irlanda.

Con l’affondamento di Atlantide, Atlas è anche diventato oggetto di mitologia.

Anche gli inglesi hanno una leggenda storica, la terra di Albione è rimasta abitata da giganti. Il più giovane Anthenor di Troia, Bruto, figlio impegnato in battaglia con il gigante Albion, accompagnato da un gruppo di Troiani esiliati sotto il comando di un campione lottatore chiamato Corineo.

Bruto è approdato in quello che è oggi il porto di Southampton.

Quando è arrivata la notizia dell’invasione, Albione ha impiegato un gigante molto possente e andò a cercare Bruto. E’ stata combattuta una sanguinosa battaglia in cui sono stati sconfitti i Troiani molti di loro sono stati uccisi, costringendo il suo esercito a ritirarsi.

Bruto non si è dato per vinto.

Durante la notte sono state scavate delle profonde e lunghe trincee con pali appuntiti che sono stati collocati sul loro suolo. Poi, i giganti, sono stati sfidati in una seconda battaglia. Questa volta i Troiani sono emersi vittoriosi, mettendo in fuga i restanti giganti in Cornwall, tallonati dagli uomini di Bruto.

A quel punto, Bruto ha deciso che sarebbe stata saggia l’idea di dividere l’isola in due, in quanto avrebbe potuto facilitare il controllo della razza dei giganti, mantenendo il resto di Albione presso il proprio dominio e rinominare l’altra metà dell’isola come la Gran Bretagna.

In una successiva sanguinosa battaglia d’Albione è stato ucciso da Bruto suo fratello Gogmagog, il più potente dei giganti in Gran Bretagna, è stato ucciso dal guerriero Corineo, che ha scaraventato il mostro giù da una rupe.

Quella scogliera sarà conosciuto in seguito come Lan-Goemagog o il Salto dei Giganti. Alba è un nome celtico derivato da Albione, da dove la Scozia ha preso il nome da Albania.

Dietro le opere profetiche del visionario artista e poeta William Blake, nel suo poema “Albion” si riferisce non solo alla Gran Bretagna, ma alla perfezione dell’umanità stessa, dove la vecchia età dei Titani, e contenuta nei suoi potenti membri e tutte le cose del Cielo e della Terra.

Nel suo catalogo descrittivo, Blake spiega che i figli di Albione, un tempo erano le figure archetipiche della “Golden Age”.

In quei giorni, la persona più conosciuta che è entrata e ha soggiornato in Roma è stato  Claudio Cesare. Il suo nome era Gabbaras, guidato dall’imperatore dall’Arabia.

Era alto 2,90 mt. Questo è importante per capire che i giganti sono completamente diversi degli antichi Titani, che erano la generazione originale degli dei, semi-divini “Ur-Homines”.

In California e Arizona sono stati rinvenuti scheletri di giganti alti 3,60 mt, con sei dita per ogni piede. Nei suoi scavi in Moravia l’archeologo Burkhalter ha trovato strumenti di pietra lunghi più di 3 metri di peso compreso tra 13,5 e 18 chili.

Le prove hanno dimostrato che questi strumenti non erano simbolici, ma erano stati utilizzati.

In epoca preistorica lAntica Creta era una propaggine dell’impero di Atlantide. Alcuni ritengono che Atlantide esisteva nelle regioni africane più vicine alle regioni del Nord-Ovest della Spagna vicino alle Colonne d’Eracle (Ercole). Le montagne dell’Atlante, montagne vicine al Marocco, gli antichi credevano che erano state così chiamate da Atlas, il titano di Atlantide.

Una scoperta elettrizzante è stata fatta ad Agadir, in Marocco, dove il capitano francese La Fanechere ha scoperto un arsenale completo di armi da caccia che comprendeva 500 doppie – assi da taglio del peso di 8 chili.

E’ stato stimato che per gestire quel tipo di scure, si dovrebbe dovuto avere le mani come un gigante con un’altezza di almeno 3,90 mt. Il capitano Fanechere potrebbe aver scoperto un insediamento dei giganti in una delle zone delle regioni di Atlantide.

Oggi, le menti incredule rimangono ancora chiuse come quando si era nel Medioevo, nonostante prove solide vengono presentate loro.

Quindi dobbiamo prendere in considerazione la scoperta di un gigante trovato sepolto con la sua armatura.

La scoperta è stata riportata da Hugh Hodson di Thorneway nel 1601, che si trova a Cumberland, Inghilterra.

“Questo gigante è stato sepolto a 3,60 mt. Nel profondo della terra, che ora è un campo di grano.

Misurava 4.10 mt. di altezza completo di armatura completa: con la sua spada e ascia astante da battaglia. La sua spada era di due piedi [40 cm]. Ampia, e più lunga di 1,80 mt.

la cima della sua ascia da battaglia era lunga e misurava 90 cm, e lo stesso asse, tutto di ferro, era spesso come la coscia di un uomo, lungo più di 1,80 mt. …

I suoi denti misuravano 15 cm. di lunghezza e 5 cm. d’ampiezza; la fronte era larga più di 50 cm. L’osso della mandibola poteva contenere 6 chili di farina d’avena.

La sua armatura, le armi come spada e l’ascia sono dove risiede il signor Sands, Redington e Mr. Wybers in St. Bees.”

Samuel Jefferson
La Storia e Antichità di Allerdale Ward, 1842
preso il manoscritto Machel, Carlisle, vol. VI

Ai nostri tempi moderni di tanto in tanto sentiamo parlare di anomalie in cui un essere umano raggiunge l’altezza di 2,40 o 2,70 mt., Ma ancora una volta questi casi sono rari.

Il gene biologico che produce il gigantismo nella statura degli esseri umani è un’anomalia che è quasi estinta. Se torniamo indietro di qualche secolo, quando il mondo era enorme e non ancora completamente esplorato gli avvistamenti dei giganti erano più frequenti.

Mentre la flotta di Magellano era nel porto di San Giuliano [Southern Argentina] nel giugno 1520, un gigante nativo è apparso sulla spiaggia vicino alla barca.

“Quell’uomo,” dice Pigafetta, un compagno di Magellano, “era così alto che le nostre teste a malapena raggiungevano la sua vita, e la sua voce era come quella di un toro.”

Il più piccolo dei particolari del nativo era molto più lungo e più ingombrante rispetto a Magellano e a uno dei suoi uomini.

Con uno stratagemma sono riusciti a mettere ai ferri due dei nativi, destinati ad essere portati in Europa. Entrambi sono morti prima del previsto viaggio.

Anthony Knyvet, che ha accompagnato Cavendish nel suo secondo viaggio disastroso e attraversò lo stretto [Magellano] nel mese di aprile 1592, parla di aver visto dei nativi della Patagonia alti da 14 a 16 campate (ovvero, tra 3 e 3,50 mt. ) di altezza.

Sebald de Weert, che ha visitato lo stretto nel 1598, parla dei nativi alti come da i 3 e 3,30 mt.

Joris van Spilbergen il 3 aprile 1615 che ha visto,

“Un uomo alto di straordinaria statura” che guardava le loro barche dal lato sud dell’ingresso per l’Oriente.

Nel ranch Lampock in California nel 1833 alcuni soldati hanno scoperto durante gli scavi uno scheletro di 3,65 metri di lunghezza e circondato da conchiglie lavorate, asce di pietra pesanti e rocce coperte con la scrittura incomprensibile.

E, uno simile è stato scoperto sull’isola di Santa Maria vicino a Los Angeles.

Nel luglio 1887 Ronald Charles Calais dice:

“Quattro uomini in cerca di metalli preziosi a Spring Valley nei pressi di Eureka, Nevada, hanno notato uno strano oggetto che fuoriuscuva da una roccia.

L’oggetto era un osso di una gamba umana, perfettamente rotto sopra il ginocchio. Dopo lo smaltimento di quarzite intorno alla gamba è stato portato a Eureka dove i medici lo hanno esaminato con attenzione. La gamba era senza dubbio quello di un uomo, e che uomo!

dal ginocchio al tallone misura 99 centimetri, il che significava che l’uomo deve aver avuto una altezza di 3,65 metri “.

Da sempre prima che gli dei apparissero e si manifestassero in mezzo a noi, e quando questo è accaduto, hanno sempre offerto gloriose ecatombi, hanno sempre partecipato con noi seduti allo stesso tavolo, e anche se un viaggiatore si è trovato da solo con loro, non hanno mai avuto ragione di travestirsi, visto che noi siamo parenti stretti di loro, come i Ciclopi e le tribù selvagge dei giganti “.

Omero, Odissea, VII

L’eminente scrittore Omero nella sua epica tomi l’Iliade e l’Odissea dà vita a un mondo vivido di dei, giganti ed eroi immortali.

Egli ha anche introdotto nel mondo della letteratura il più ricordato di tutti i giganti, il ciclope Polifemo, un flagello di umano e ubriacone che mangiava i greci un occhio. Quel personaggio impressionante alla fine viene sconfitto dall’astuzia di Ulisse.

Quella storia nell’Odissea ha lasciato l’impressione che Polifemo sia un residuo di una razza di ciclopici giganti di tempo fiorente molto lontano.

Ciò che è evidente anche nella ricerca del mito dei Ciclopi è che sembra ci siano stati due tipi di questi giganti. I primi ciclopi appaiono semi-divini e molto superiori all’uomo, e le specie successive si caratterizzano come incivili e come pastori di poco ingegno che sembrano a seguire ciò che tutti in generale seguono.
Il ciclope, caratterizzato dalla presenza di un occhio alla nascita, posto nella parte anteriore, è molto raro oggi.

O è un occhio epicerebrale, in qualche modo collegato allorgano parietale [occhio parietale o pineale] atrofizzato nell’uomo moderno, o un caso patologico.

Come una deformità, è il movimento di entrambi gli occhi verso il ponte del naso, dove vengono mescolati in un occhio.

La storia di Titanomaquia, o la guerra divina contro i Titani, riferisce che Urano, il primo sovrano del mondo, ha gettato i loro figli, Briareo e Gige Coto, la Ecatonchiri o Centímanos, nel Tartaro, insieme con il Ciclope,

“creature con occhi rotondi e circolari, i pastori giganti della Sicilia”.

Entrambi cromañones come i Ciclopi sembrano essere stati aborigeni degenerati di Atlantide.

Il Cro – cranio Magnon era grande, le orbite dei suoi occhi erano enormi, e tutto il suo fisico era possente.

Ci sono ampie prove disponibili sulla precedente esistenza del Cro-Magnon, ma che dire di quella strana specie esotica che sono diventate note nella mitologia come il ciclope di un occhio?

Il fatto stesso che un occhio dei giganti siano rimasti un elemento stabile per così tanto tempo nella letteratura occidentale, lascia un seme di pensiero concreto che  tempo fa sia esistito.

I Ciclopi talvolta sono stati conosciuti dall’uomo come gli assistenti, nell’esecuzione di grandi compiti di là delle nostre capacità, come lo spostamento di enormi pietre e lavoro per edifici e muri. Questi sono ancora oggi conosciuti come pietre ciclopiche.

Tali pietre irregolari enormi così accuratamente lavorate e messo in atto rimangono ancora un enigma per il mondo.

Le mura di Tirinto e Micene sono stati attribuiti dai greci del periodo classico ai Ciclopi, perché sembravano troppo difficile per semplici umani sollevarle.

Le pareti che presentano analogie identiche possono essere trovate in Perù, e in edifici in pietra subacquei di un’epoca passata molto tempo fa sulla costa di Bimini, nelle Bahamas. Ci sono alcune pietre lavorate così incredibilmente grandi e ciclopiche che la più grande gru al mondo non riesce a sollevarle.

Queste sono le tre pietre di Baalbek in Libano, dove i romani hanno posizionato sopra il loro tempio chiamata Heliopolis, o “Città del Sole”. Queste pietre posizionate una sopra l’altra alte come un edificio di cinque piani, e ciascuna dal peso compreso tra 600 e 800 tonnellate.

Il Trilithon di Baalbek

Il mistero si infittisce ulteriormente dalla presenza di una quarta ancora più grande, ma poi è stato abbandonato il taglio in una cava di pietra.

Quasi 1.100 tonnellate e 22 metri di lunghezza, il gigantesco monolite è il più grande pezzo di roccia scavata sulla faccia della terra. Per Spostarlo soli 3 cm. Sarebbe necessario un esercito di più di 16.000 lavoratori messi insieme. 

Il Trilithon di Baalbek

Oggi, con le nostre migliori attrezzature moderne non possiamo gestire pietre di queste dimensioni.

Come lo hanno potuto fare gli antichi uomini?.

Un aspetto unico circa i Titani e i giganti dell’antichità che parla chiaro dalle prove inoppugnabili è che probabilmente erano superuomini sia nel corpo che nella mente.

Erano fondatori di grandi civiltà e portatori di cultura, ingegneri e artigiani.

I giganti sono stati originati su questo pianeta prima o in parallelo con l’età dei dinosauri, o forse potrebbero essere venuti qui da un pianeta lontano delle Pleiadi, che alcune leggende suggeriscono?

Fai a te stesso questa domanda:

  • Dove, quando e perché una specie dha avuto origine?
  • Sono semplicemente apparsi dal nulla o hanno migrano da un pianeta all’altro attraverso le infinite galassie?

Ci deve essere un punto di origine per tutta la vita, ma dove?

Quanto più si guarda indietro nel tempo, dove ci aspetteremmo di trovare l’esistenza di società completamente primitive, tralasciamo di guardare in alto, molto più in alto, di quanto si possa immaginare oggi dalle migliori menti del nostro tempo.

Gli scienziati stimano che l’esistenza della Terra sia di 3.700 milioni di anni.

W. Scott-Elliot ha detto nel suo libro “La Storia di Atlantide”, pubblicato nel 1896, che le origini di Atlantide esisteva più di un milione di anni fa. Nel 1960, in una miniera di carbone in Italia, sono stati trovati resti umani risalenti a 10 milioni di anni.

Il nostro studio di archeologia ci dice chiaramente che le storie sono state completamente cancellate molte, molte volte.

Questo vecchia e croccante terra è sempre in lotta è stanca ed esausta, con i continui assalti di comete, asteroidi, meteoriti, alluvioni, terremoti, ere glaciali, elevazione e affondamento di continenti, cambiamenti continentali e cambiamenti dell’asse, e sì, anche con quel piccolo parassita distruttivo noto come l’umanità.

Noi umanoidi arroganti e rapaci della nostra fragile esistenza con dispositivi di consumo del mondo artificiale continuiamo a ignorare gli avvertimenti della natura, sempre partendo dal presupposto che sappiamo tutto, noi siamo l’alfa e l’omega di tutto ciò che è e mai potrà essere.

Da qualche parte, lontano nello spazio infinito, se si ascolta con attenzione, si sente la risata dei Titani …

“Le persone commettono errori nella vita
credendo troppo,
ma hanno una noia completa
se si sentono troppo poco.” James Hilton

bibliografia

Berlitz, Charles – Il mistero di Atlantide 

Bord, Janet e Colin – The Secret Paese
Collins, Andrew – Gateway to Atlantis
Paese, J. – Atlantide e le Sette Stelle 

Ebon, Martin – Atlantis le nuove prove
Georg, Eugen – Le avventure del genere umano
Gould, Rupert T. – Enigmas
Heindell, Max – Rosacroce Cosmo Conception
Kolosimo, Peter – Fuori dal mondo
Larkin, David – Giants
Life-Time – Talenti e saggezza degli antichi
Mereshkousky, Dimitri – Atlantis / Europa il segreto del West
Muck, Otto – Alla ricerca di Atlantide
Spanuth, Jurgen – Atlantis of the North
Spence, Lewis – Storia di Atlantide
Trench, Brinsley Le Poer – Temple of the Stars

http://www.bibliotecapleyades.net/gigantes/esp_gigantes_16.htm 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da