Archivi tag: articoli 11-13

Almanacco di marzo 2019

 

Rapporto sul Netizen: gli attivisti respingono i piani dell’UE per prevenire le violazioni del copyright e contenuti “terroristici”  

L’Advox Netizen Report offre un’istantanea internazionale di sfide, vittorie e tendenze emergenti nel campo della tecnologia e dei diritti umani in tutto il mondo. Questo rapporto copre notizie ed eventi dal 29 febbraio all’8 marzo. 

Circa 5.000 persone hanno sfidato le temperature gelide a Berlino il 2 marzo per protestare contro una proposta di legge sul copyright dell’UE che potrebbe cambiare radicalmente le dinamiche di pubblicazione e condivisione dei contenuti online.

L’ultima bozza della direttiva sul copyright dell’UE richiederebbe piattaforme Internet come YouTube per installare “filtri di caricamento” – un meccanismo tecnico che impedirebbe agli utenti di caricare contenuti protetti da copyright, imponendo in modo efficace un sistema di “censura preventiva” sui principali social media e internet piattaforme.

I dimostranti portavano cartelli colorati che dicevano “Non siamo bot”, “Filtro diesel invece di filtro di upload”, “Salva Internet” e intonati i testi della canzone “Wir sind keine bot” (We ‘re not bot) realizzati da YouTuber Willboy in particolare in opposizione alla disposizione. La canzone è stata pubblicata venerdì, un giorno prima della manifestazione, ed è diventata una hit virale con oltre mezzo milione di visualizzazioni in pochi giorni.

Se la direttiva sul diritto d’autore è approvata o meno, i sostenitori dei diritti digitali avranno più battaglie da combattere nel breve termine, quando si tratta di proposte politiche che cercano soluzioni tecniche automatizzate per le sfide dei contenuti online.

Una commissione della Commissione europea incaricata di affrontare “contenuti terroristici” online ha proposto una soluzione simile che obbligherebbe le piattaforme online a utilizzare strumenti automatizzati per “rilevare, identificare e rimuovere rapidamente o disabilitare l’accesso ai contenuti del terrorismo”.

Il progetto di regolamento richiede una cancellazione più aggressiva di “contenuto terroristico” (che rimane vagamente definito) e tempi di consegna rapidi alla sua rimozione. Ma non istituisce un tribunale speciale o altri meccanismi giudiziari che possano offrire indicazioni alle aziende che lottano per valutare contenuti online complessi.

Invece, costringerebbe i fornitori di servizi di hosting a utilizzare strumenti automatici per impedire la diffusione di “contenuti terroristici” online. Ciò richiederebbe alle società di utilizzare il tipo di sistema che YouTube ha già messo in atto volontariamente, che è noto per censurare la documentazione delle violazioni dei diritti umani e dei crimini di guerra.

Sia questa proposta dell’UE che la direttiva sul diritto di autore ripongono molta fiducia in questi strumenti, mostrando scarsa preoccupazione per le conseguenze che possono avere per la libertà di espressione, il giornalismo e l’informazione pubblica.

A una conferenza pubblica a gennaio, Evelyn Austin, dell’organizzazione per i diritti digitali con sede in Olanda Bits of Freedom, ha espresso profonda preoccupazione per le politiche che si muovono nella direzione della censura preventiva automatizzata:

Vediamo come inevitabile una situazione in cui esiste un filtro per i contenuti protetti da copyright, un filtro per contenuti presumibilmente terroristici, un filtro per contenuti potenzialmente sessualmente espliciti, uno per sospetto incitamento all’odio e così via, creando un ecosistema di informazione digitale in cui tutto ciò che diciamo , anche tutto ciò che cerchiamo di dire, è monitorato.

Fonte: https://www.activistpost.com/

*************************************

  

Dane Wigington  

GeoengineeringWatch.org 

Il nostro mondo continua a cambiare ad un ritmo che supera in modo esponenziale qualsiasi cosa mai documentata in tutta la storia del pianeta. Realtà artificiali completamente insostenibili stanno mantenendo enormi segmenti di popolazione pacificati per il momento, anche mentre crescono le voci sul conflitto globale. Ciò che si sta rivelando non sembrerà reale finché non lo sarà. L’ultima puntata di Global Alert News è qui sotto.

L’ingegneria meteorologica invernale è uno degli obiettivi primari per i geoingegneri. Manipolando le correnti eoliche di livello superiore e con processi brevettati di nucleazione chimica del ghiaccio per la modifica del clima, gli ingegneri del clima stanno (e stanno già facendo) raffreddando le regioni più popolate degli Stati Uniti (sostenute dal più massiccio complesso industriale militare del pianeta). Questo processo alimenta la continua confusione e divisione della popolazione rispetto al vero stato del clima globale. Gran parte dell’aria più fredda è, in sostanza, sottratta all’Artico mediante manipolazione a getto d’acqua tramite installazioni di riscaldatori ionosferici. Cosa succede allora? La partenza più recente dalla normale mappa ad alta temperatura sotto dipinge un’immagine chiara. La fusione totale dell’Artico accelera, così come le emissioni di metano di massa che si verificano lì dall’aumento di calore accresciuto. Se abbastanza depositi di idrato di metano precedentemente congelati si liberano nell’atmosfera, sarà presto finito. Questo non è per incolpare tutte le nostre sfide sull’ingegneria del clima, ma matematicamente parlando, è il singolo fattore di disturbo climatico più grande in questo momento. Le zone rosso scuro sulle regioni polari sono foriere di un futuro molto grave per tutti noi (e poi c’è lo strato di ozono collasso da considerare, in cui anche l’ingegneria del clima è un fattore causale primario).  

 Partenza dalla normale mappa ad alta temperatura 

Cercare di fare la differenza per il meglio è una decisione personale, è una scelta. Non importa quanto grandi siano le probabilità contro di noi, non siamo sconfitti finché non decidiamo di esserlo. Se stiamo insieme nello sforzo dedicato e incessante per dare l’allarme e risvegliare le popolazioni globali, potremmo ancora realizzare un bene profondo. Se possiamo esporre l’ingegneria del clima, potremmo fermarlo. Se possiamo fermarlo, almeno compreremo il tempo. Tutti noi dobbiamo fare la nostra parte, condividere dati credibili da una fonte credibile, far sentire la vostra voce.
DW 

Lo stand di sensibilizzazione di GeoengineeringWatch.org di questa settimana è al Del Mar Fairgrounds, a Del Mar, in California, ed è mostrato sotto. La mia più sincera e continua gratitudine agli organizzatori della mostra Gem Faire per aver facilitato e allestito questo stand molto efficace nella location Gem Faire di ogni settimana. Il programma per gli eventi Gem Faire in arrivo è QUI. Uno stand di geoengineeringwatch.org sarà in ogni caso, grazie al supporto costante di Gem Faire.

Le sfacciate configurazioni della griglia nei nostri cieli costringeranno le popolazioni a cercare e prendere atto? Il video di 1 minuto qui sotto è stato catturato lungo la Sierra orientale, in California. Credito video: Athina Kaviris

Fonte: https://www.geoengineeringwatch.org/

*************************************

 

Una Bufala e una Frode Assoluta

di Massimo Lupicino 

“Il Global Warming è una bufala e una frode assoluta”. Sono le parole di Patrick Moore: non un “negazionista” qualsiasi, bensì il co-fondatore di Greenpeace, ed ex-presidente di Greenpeace Canada. È una intervista di fuoco, quella rilasciata da Moore a Breitbart. Di cui ovviamente non sentirete parlare sui (tele)giornaloni italiani, ma che si inserisce in un dibattito altrettanto infuocato che va avanti da mesi oltreoceano. Dibattito del quale in Europa non arrivano nemmeno gli spifferi (qui si discetta delle bigiate di Greta), ma di cui renderemo conto prossimamente su queste pagine. Ma torniamo all’intervista, di cui provo a fare di seguito un sunto.

Paura e Senso di Colpa

“La paura è sempre stata usata nella storia per controllare la mente della gente, e i portafogli. E quella della catastrofe climatica è una pura e semplice campagna di paura: paura e senso di colpa. Ti spaventi per il fatto che stai uccidendo i tuoi bambini perché li porti in giro in un SUV che emette anidride carbonica, e ti senti in colpa per questo. Non ci sono altre motivazioni per questa campagna, se non queste due”.

Scienziati cooptati e corrotti

“Gli scienziati sono cooptati e corrotti da politici e burocrati impegnati nel portare avanti la narrativa del clima che cambia, in modo da centralizzare a livello politico potere e controllo”.

“Le società ‘verdi’ fanno parassitismo dei soldi dei contribuenti attraverso regolamentazioni a loro favorevoli, e sussidi giustificati esclusivamente alla luce delle minacce collegate alla narrativa sul Climate Change. Lo fanno servendosi della protezione offerta dalla propaganda dei mezzi di comunicazione”.

“I media fanno da cassa di risonanza distribuendo fake news, e ripetendo all’infinito che stiamo uccidendo i nostri bambini, e poi ci sono i politici ‘verdi’ che comprano gli scienziati con i soldi stanziati dai governi per produrre paura su cui speculare, sotto la forma di materiale pseudo-scientifico”.

“E poi ci sono i business ‘verdi’, gli speculatori e i ‘capitalisti di connivenza’ che si avvantaggiano di sussidi giganteschi, tagli fiscali e stanziamenti governativi per usufruire dei loro servizi, e si arricchiscono grazie a tutto questo. E poi, ovviamente, hai gli scienziati che volontariamente si attaccano alla lenza dei contributi statali”

Consensus

“Quando parlano del 99% di consenso scientifico sul global warming, parlano di un numero assolutamente ridicolo e falso. La gran parte degli scienziati (virgolettato) che spingono questa teoria catastrofista sono pagati con soldi pubblici. Non sono pagati dalla General Electric, dalla Dupont o dalla 3M per fare ricerca, laddove società private si aspettano dalla ricerca qualcosa di utile per produrre qualcosa di meglio e fare un profitto perché la gente la vuole. La gran parte di quello che fanno questi cosiddetti scienziati è semplicemente produrre più paura, in modo che i politici possano usare questa paura per controllare la mente della gente e raccattare i loro voti. Perché qualcuno crede davvero che quei politici possano salvare i suoi figli da un destino segnato”.

Una minaccia esistenziale alla ragione

“La narrativa sul Global Warming è una minaccia esistenziale alla ragione. La più grande bugia dal tempo in cui la gente credeva che la Terra fosse al centro dell’universo. È una ripetizione dell’esperienza di Galileo: quello che accade oggi con la narrativa sul Global Warming è la più grande minaccia al pensiero illuministico dai tempi di Galileo: non è mai accaduto niente di così brutto alla scienza da allora. Si sta sostituendo la scienza con la superstizione e con una combinazione tossica di religione e ideologia politica. Non c’è niente di vero in questo. È una bufala e una frode assoluta”.

Qualche riflessione

In attesa che parta la solita character assassination a media unificati che annienta regolarmente le voci dissidenti in fatto di Climate Change, e Moore venga quindi accusato di crimini inauditi o proposto per un ricovero d’urgenza in manicomio, vale la pena fare almeno una considerazione.

Greenpeace è stata co-fondata da Moore nel lontano 1971. L’ambientalismo allora era cosa ben diversa da quello odierno: affrontava problemi seri, reali, e pur tra i soliti inevitabili eccessi, contribuiva a battaglie decisive che hanno reso le nostre vite migliori, e il Pianeta più vivibile. Basti pensare alla battaglia combattuta, e vinta alla grande contro le piogge acide: vinta grazie alle campagne ambientaliste, e alla ricerca scientifica. Ricerca vera, che produce soluzioni ai problemi, come i sistemi di abbattimento delle emissioni di composti solforati che avvelenavano e distruggevano le foreste di casa nostra. Proprio quella scienza “buona” di cui parla Moore.

Il confronto tra quella scienza e quell’ambientalismo di 40 e più anni fa, e la scienza del clima e l’ambientalismo di oggi, è semplicemente disperante. E questo, solo questo, giustifica ampiamente l’amarezza e la rabbia che traspaiono dalle parole di Moore.

Fonte: http://www.climatemonitor.it/?p=50385

®wld

Una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet

 

Stop ACTA 2: proteste, blackout di Internet e azioni Hacktivist per arrivare al voto finale sugli articoli distopici 11 e 13 in UE

Di Aaron Kesel

Dopo un breve ritardo, i legislatori dell’Unione Europea stanno continuando il loro viaggio per censurare Internet e hanno concordato modifiche al testo degli articoli 11,12 e 13, secondo quanto riportato da The Independent. Nel frattempo, Anonymous e Pirates stanno pianificando azioni on-the-ground e online contro le direttive sul copyright proposte.

Germania e Francia hanno concordato una terribile versione di “compromesso” dell’articolo 13 in seguito a una discussione accesa, che pretende di proteggere le piccole imprese. Tuttavia, nella stampa fine della legge, non protegge quasi nessun sito web come sottolinea Julia Reda.

Per ottenere la protezione, il sito Web in questione deve soddisfare i seguenti criteri:

  • Meno di 3 anni
  • Hanno entrate inferiori a 10 milioni di euro (11 milioni di dollari)
  • Hanno meno di 5 milioni di visite uniche al mese

I nuovi articoli legislativi saranno presentati ai deputati, che decideranno le controverse regole sul copyright in una data successiva ad essere annunciata.

Sia gli attivisti che le multinazionali affermano che le nuove regole – in particolare l’articolo 11 e l’articolo 13 – cambieranno per sempre parti centrali di Internet.

Google e la sua consociata YouTube, così come Wikipedia e molti altri, hanno sostenuto che le nuove regole potrebbero impedire agli utenti Web di essere in grado di cercare e condividere contenuti liberamente come consentito dalle leggi vigenti.

Julia Reda, eurodeputata tedesca di Pirate Parties International e prominente oppositrice alle riforme, ha espresso indignazione:

L’accordo sporco tra Francia e Germania prevale, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla peggiore versione dell’articolo 13 ancora, la prossima interruzione dei negoziati con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora!

Prevalgono accordi sporchi tra Francia e Germania, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla versione peggiore dell’articolo 13 ancora, i prossimi negoziati di arresto con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora! https://t.co/tMqBgPkVz7 #SaveYourInternet #uploadfilters pic.twitter.com/u7n07CDeLC

– Julia Reda (@Senficon), 8 febbraio 2019

Come riportato in precedenza da Activist Post , l’articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sui contenuti pubblicati dagli utenti sui loro siti Web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di caricamento per proteggersi da rivendicazioni di titolari di copyright e agenzie che lavorano per loro per conto come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Immagina di voler collegare a un articolo di notizie perché vuoi avere una discussione libera su di esso? Secondo la legge, l’utente potrebbe ora aver bisogno di pagare per collegare l’articolo di materiale protetto da copyright – follia assoluta!

Questo è qualcosa che “distruggerà il nostro Internet, e non possiamo accettarlo. Quindi stiamo combattendo. Attivisti, hacktivisti e pirati si stanno ora unendo sotto lo stendardo di StopACTA2”, scrive Anonimo Bites Back .

Anonymous Bites Back esprime inoltre che lo show radiofonico ospitato da Anons è in “pieno sostegno alle (di strada) proteste contro queste mosse orwelliane per censurare internet. Abbiamo già avuto diversi episodi su questo argomento e abbiamo in programma di unirci ai manifestanti per la strada e trasmettere in diretta alla nostra rete”.

Quindi cosa è cambiato da allora? Non tanto. Tuttavia, potrebbe essere una buona notizia che l’Italia è ora dalla nostra parte e ha denunciato gli articoli, dicendo al resto dell’UE di eliminare gli articoli 11 e 13 dalla direttiva sul diritto d’autore per proteggere gli utenti di Internet.

“La priorità per l’Italia è l’eliminazione della tassa di collegamento e dei filtri diretti o indiretti sui contenuti caricati dagli utenti delle piattaforme, insieme con un’estensione delle eccezioni al copyright che consente lo sviluppo dell’economia dei dati. In queste condizioni, l’Italia è pronta ad aderire a una proposta che dovrebbe venire dalla Presidenza rumena “, ha detto Luigi Di Maio, Ministro per lo Sviluppo Economico.

“Chiediamo un cambiamento a livello europeo – conclude il Ministro – dei famosi articoli 11 e 13 della direttiva. La rete deve essere mantenuta libera e neutrale perché è un’infrastruttura fondamentale per la libera espressione dei cittadini, del sistema italiano e della stessa Unione europea “.

Ciò significa che ufficiosamente i paesi che si sono opposti alla direttiva com’erano erano: Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovacchia, Svezia e Malta. La Slovenia ha scelto di astenersi, la Polonia In, ha riferito. Ciò lascia 20 paesi, o 19 se la Brexit passa, per decidere il destino di Internet e la libertà di informazione.

Julia Reda, eurodeputata del Partito dei Pirati, osserva che gli utenti saranno ritenuti responsabili per eventuali violazioni del copyright che fanno su piattaforme Internet.

“I negoziatori hanno raggiunto un accordo sul nucleo dell’articolo 13, che cambierà internet così come lo conosciamo: vogliono rendere le piattaforme Internet direttamente responsabili di eventuali violazioni del copyright che i loro utenti commettono”, osserva Reda.

Reda inoltre esprime che i negoziati finali si trascineranno fino a più tardi questa settimana.

Il primo trilogo “finale” su #copyright sta iniziando ora. Probabilmente i negoziati si trascineranno fino a domani e mercoledì. Daremo un breve aggiornamento più tardi, stasera. #SaveYourInternet # Article13 #UploadFilters

– Julia Reda (@Senficon), 11 febbraio 2019

La Electronic Frontier Foundation (EFF) avverte che le politiche proposte aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa creando uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono  wolnemediaSoMee.SocialBitchutePresearchblogmedia24Anonymous Bites BackwykoppolskapartiapiratowPirate Parties International,  kontestacjaHackread.cominsproStowarzyszenie LibertarianskieAnonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Numerose altre organizzazioni e individui stanno uscendo e parlano dei negoziati degli articoli 11, 12 bis e 13 e di ciò che è fondamentalmente sbagliato in loro.

Già 54 ONG, tra cui il FEP e 40 accademici, hanno emesso lettere aperte distinte al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia per i diritti fondamentali, portando al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Tuttavia, gli studiosi sottolineano che dubitano della “giurisprudenza della CGUE e del suo riferimento alla Carta europea dei diritti fondamentali e se l’articolo 13 della proposta di direttiva sul copyright sia effettivamente proporzionato, anche se l’articolo 17, paragrafo 2 della Carta europea prevede che la proprietà intellettuale devono essere tutelati, in quanto l’articolo 17, paragrafo 2, non ha la stessa base di calcolo degli articoli 7 e 11. Gli articoli 7 e 11 della Carta europea sono pilastri fondamentali di qualsiasi società democratica. Le violazioni del diritto d’autore non dovrebbero essere inserite troppo rapidamente nella stessa categoria dei reati gravi come la pornografia infantile “.

A dicembre, più di 4 milioni di petizioni avanzate di utenti e imprese di Internet sono state inviate al Parlamento europeo chiedendo la fine delle proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

EFF rileva che la petizione è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le aziende statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano per negoziare accordi migliori) e perché questi filtri censurerà enormi quantità di materiale legittimo, grazie a errori e abusi algoritmici inevitabili.

I settori creativi chiedono anche una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 con 14 organizzazioni che chiedono il blocco, secondo Creative Refresh un altro gruppo che supporta un “Internet gratuito e aperto”.

Settori creativi Chiedere una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 #SaveYourInternet

LEGGI DI PIÙ QUI: https://t.co/EWFboialh2 pic.twitter.com/gYgpZgKbme

– Create.Refresh (@CreateRefresh) 15 gennaio 2019

Dietro le quinte, diversi movimenti stanno lavorando a un blackout di Internet simile al 2012 quando gli attivisti hanno combattuto contro l’ACTA originale proponendo leggi per Internet. Per mettere le cose in prospettiva più ampia per i lettori, ciò che sta accadendo nell’UE è l’ACTA sugli steroidi; le conseguenze se questo passa cambierà per sempre Internet. Ai siti web sarà richiesto di acquistare costosi e problematici filtri di caricamento, e il contenuto generato dagli utenti sembrerà quasi cessare di esistere perché sarà anche impossibile collegarsi al materiale di origine, inclusi i contenuti educativi. Oh e se ti piacciono i meme, anche quelli possono essere protetti da copyright e autorizzati.

Il fondatore di Wikipedia e WikiTribune, Jimmy Wales, ha twittato che avrebbe sostenuto un blackout di Internet per attirare l’attenzione sull’attuale crisi crescente.

Non dipende da me. Ma lo appoggerei, sì.

– Jimmy Wales (@jimmy_wales) 6 febbraio 2019

Nel frattempo, questo scrittore ha assistito a chiacchiere in varie stanze di chat su potenziali azioni di hacktivist se l’UE dovesse passare con queste proposte e molto di più se passassero. Ci sono anche attivisti che stanno organizzando proteste sul campo che saranno annunciate nelle prossime settimane.

Anonimi e Pirati di tutto il mondo invitano il grande pubblico a protestare come mai prima d’ora e invadere le strade dell’Europa per inviare un messaggio – mani da Internet, aiuto per salvare Internet.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Pirati e attivisti dei diritti d’autore

Pls segue @ stopActa2_eu combattendo l’articolo 11 e 13 in modo digitale e con gli stivali sul terreno. @PPInternational, coordinerà tra queste persone e gli sforzi #Pirate. Dietro di loro U troverà l’equipaggio #anonymous più efficace che ci sia oggi. pic.twitter.com/WDv3ELvg1v

– Raymond Johansen (@ RayJoha2), 13 gennaio 2019

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019 in tutta Europa. Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, # Article11, # Article13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopActa2.org, un sito Web che viene eseguito per supportare l’operazione Stop Acta 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole:

Perché # ACTA2 farà in modo che tu debba essere molto ricco per eseguire un blog sul sito e il giornalismo indipendente svanirà. Permettendo ai governi e ai loro compari appaltatori di andare in giro e di inviarci rapporti falsi come il memo di Downing St per invadere i paesi. # StopActa2 #SaveYourInternet https://t.co/YCehnpWYzn

– ⒶK # Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 13 febbraio 2019

Ciò che è importante, e potrebbe essere una possibile occhiata al nostro futuro distopico orwelliano, Spagna e Francia – due paesi coinvolti in proteste (Francia con Gilets Jaunes e Spagna con la Catalogna libera) – stanno disperatamente spingendo ACTA 2. Ci si deve chiedere se questo sia per mettere a tacere le voci dissidenti online. Ad esempio, supponiamo che sia stato caricato un video di una manifestazione di strada. Se c’è un business visto in quel filmato, il video potrebbe quindi essere rimosso per “copyright”. Tutto ciò sarebbe fatto con il filtro di upload che rileverà il logo di un’azienda e impedirà il caricamento online del video. Allo stesso modo, il presidente della Francia Emmanuel Macron e il presidente della Spagna Mariano Rajoy potrebbero usare una nuova tattica: basta pagare qualcuno per cantare testi protetti da copyright come una canzone di Michael Jackson alla protesta e qualsiasi video caricato verrà segnalato.

Ora potrebbe sembrare folle o sciocco, ma quelli sono il tipo di tattica che potrebbe essere schierata se questi articoli passassero attraverso il Parlamento Europeo. “Sei stato colpito da; sei stato colpito da un criminale agevole e tutto quello che voglio dire è che a loro non importa davvero di noi. “

Aaron Kesel scrive per Activist Post. Sostienici a Patreon . Seguici su Minds, Steemit, SoMee, BitChute, Facebook e Twitter. Pronto per le soluzioni? Iscriviti alla nostra newsletter premium Counter Markets .

Credito immagine: LoboTaker / DeviantArt

Fonte: https://www.activistpost.com/

 

®wld