Crea sito

Frida Kahlo

 

La National Music Library of Mexico ha fatto la scoperta dell’unica registrazione conosciuta finora della voce di Kahlo

Come sappiamo bene, negli ultimi anni la figura di Frida Kahlo ha acquisito rilevanza mondiale. Per ragioni che riguardano, ovviamente, le sue qualità artistiche, ma anche per altri fattori legati al mercato dell’arte o della pubblicità, sia il suo lavoro che altri aspetti della sua vita sono ora fonte di interesse e curiosità.

In questo spirito, condividiamo in questa occasione quella che potrebbe essere l’unica registrazione esistente della voce di Kahlo, trovata e recuperata negli archivi della National Music Library del Messico.

La scoperta è stata annunciata ieri in una conferenza stampa diretta da Pável Granados, direttore della National Sound Library, e da Alejandra Frausto, a capo del Ministero della Cultura del governo messicano.

Granados ha annunciato che la registrazione è stata trovata nella collezione di Álvaro Gálvez y Fuentes, soprannominato “El Bachiller”, un annunciatore dell’età d’oro della radio messicana, che era anche uno dei promotori più innovativi ed entusiasti della cultura e educazione in Messico Gálvez y Fuentes ha usato gran parte della sua esperienza nei mass media per promuovere progetti relativi all’accesso di massa all’educazione e alla cultura, così come la sua diffusione attraverso questi canali.

Così, nel 1955, “El Bachiller” presentò sulla stazione radio XEW il programma pilota di un’emissione che sarebbe stata dedicata ai grandi pittori del Messico moderno e che, in quell’episodio, fece di Diego Rivera la sua figura centrale. Gálvez y Fuentes ha pensato di creare un “profilo sonoro” del muralista, per il quale ha convocato diverse persone che lo avevano conosciuto per condividere una sorta di testimonianza sull’artista.

Questa era la voce di Frida Kahlo (una scoperta inaspettata della National Sound Library)

Nel caso di Kahlo, è una registrazione che, tutto sembra indicare, è stata realizzata con un dispositivo portatile e non necessariamente nelle condizioni di uno studio. È importante notare questo dettaglio perché Kahlo era scomparso quando è stato presentato il programma pilota.

Secondo il direttore della Fonoteca Nacional, le ragioni che ci fanno pensare che sia la voce di Frida Kahlo sono, prima di tutto, che Gálvez y Fuentes stesso dice alla fine del programma che è lei. In secondo luogo, l’audio è stato presentato a Guadalupe Rivera, figlia di Diego, una delle poche persone ancora in vita che una volta aveva sentito parlare il pittore. Secondo lei, l’oratore è davvero Kahlo.

La registrazione è stata ascoltata anche da Esteban Volkov, nipote di Leon Trotsky, che ora ha 93 anni e che ha anche conosciuto e ascoltato Kahlo. Nel suo caso, tuttavia, non poteva dire che la voce fosse quella del pittore, perché a suo parere l’intonazione che si ascolta è molto particolare specificarla.

Vale la pena ricordare che il testo letto da Kahlo è una composizione che il pittore ha scritto per celebrare i 50 anni di carriera di Diego Rivera, celebrati nel 1949.

Secondo Granados, la National Sound Library prevede di esaminare attentamente la registrazione per stabilire esattamente che la voce in questione è effettivamente quella di Kahlo.

Tuttavia, per ora questo audio è già stato di interesse mondiale, e certamente non poche persone sorprese da questa donna di “voce melodiosa e calda”, come una volta ha detto il fotografo e scrittore Gisèle Freund su Frida Kahlo, indubbiamente una delle personalità più creative nella storia dell’arte in Messico.

Anche in Pijama Surf: Trotsky, Frida Kahlo e Diego Rivera passeggiano per Coyoacán nel 1938 (VIDEO)

Fonte: https://pijamasurf.com/

******************************

 

Viva la Vida

******************************

 

®wld

I Maghi di Is

L’arte è pericolosa per le autorità

Di Jon Rappoport 

Nel 1891, Oscar Wilde scrisse: “L’arte è l’individualismo, e l’individualismo è una forza inquietante e disintegrabile. Ci si trova il suo valore immenso. Per quello che cerca di disturbare la monotonia del tipo, la schiavitù dell’usanza, la tirannia dell’abitudine e la riduzione dell’uomo al livello di una macchina”. 

L’autorità desidera una percezione limitata.

Vuole le “cose così ​​come sono” per regolare la giornata.

Vuole che il fuoco dell’esplorazione creativa esca e si rivolga alle ceneri.

L’arte è pericolosa. Spinge le persone fuori dai canali delle risposte standard.

Non vedono più le cose che dovrebbero vedere.

È per questo che viene trasmesso nell’insegnamento in vari corsi da parte di collegi e scuole di ogni rango, nascondendosi nella storia dell’arte. Ogni tentativo è fatto per codificare le reazioni degli studenti.

Non sto solo parlando di arte politica. Voglio dire QUALUNQUE ARTE che veramente esce dalla fiducia dell’immaginazione.

Coloro che gestiscono le cose – e le loro libere volontà – vogliono che la realtà si guardi in un certo modo e si sperimenti per farla sentire in certi modi. Questi spettri limitati formano un comune denominatore.

Anche la cosiddetta esperienza spirituale è codificata. Si chiama religione organizzata. Lo chiamo “dare soldi al soffitto”. Lei dà i tuoi soldi e ti dicono che per la tua esperienza il soffitto è alto e, cosa troverai quando ci arrivi.

L’arte non ha nessuna di queste limitazioni. È creata da persone che sono andate al di là del ridotto catalogo di emozioni, pensieri e percezioni.

L’arte, come la intendo è l’immaginazione, che si libra cauta ai venti. Inventa realtà che generano nuove reazioni, mai sperimentate.

I colpi di martello e la morbida propaganda della comune cultura installa strati di controllo sulla mente: “Vedi le cose e le sperimenti in questi modi prescritti”.

Nel corso degli anni ho incoraggiato un certo numero di persone a diventare artisti. A parte il lavoro che hanno inventato, ho notato tutto il loro approccio alla percezione che ha radicalmente cambiato la loro vita.

Il loro senso di vitalità, il loro coraggio, il loro spirito avventuroso è venuto in primo piano.

Il controllo mentale, applicato esternamente e auto-indotto, è tutto quello di mettere un coperchio sul potere creativo. Questo è il suo vero obiettivo.

I tecnici credono che agganciando il tuo cervello a un super-computer soddisferà le tue esigenze e i tuoi desideri. Essi cercano di dimostrare che tutta l’invenzione, tutta la creazione, tutta l’arte, tutta l’immaginazione è solo un insieme di calcoli all’interno di un sistema chiuso.

Questo sforzo tradisce la propria disperazione: non vedono in alcun modo la reale possibilità di creare.

È il vuoto in cui vivono tutte le élite. Costruiscono una coscienza morta congelata di modelli e algoritmi e “soluzioni”, e cercano di imporli, come realtà, alle menti delle popolazioni.

In sostanza, stanno dicendo: “Se abbiamo una malattia dell’anima, devi averla anche al corpo”.

Si chiama odio della vita.

D’altra parte, il potere creativo individuale viene lanciato da una piattaforma di libertà e sale attraverso le stratificazioni, su un altro strato di maggiore libertà.

Da questa prospettiva, il potere autoritario assomiglia a una charade mortalmente malata.

Ci sono due livelli di false novità. La prima, è quella che molte persone sanno. Cioè, un’informazione falsa e ingannevole trasmessa dai principali mezzi di comunicazione, per impedire al pubblico di scoprire cosa succede veramente sotto la superficie e dietro il velo, da dove viene esercitato il potere.

Il secondo livello, che pochissime persone capiscono. È di proprietà e gestito da quello che io chiamo i Maghi di Is. Dicono: “Ora è questo che c’è qui, non c’è qualcos’altro perché … continui a guardare e a pensare, quello che c’è già esiste”.

“Familiarizzate con tutto ciò che già esiste. Vi daremo un’offerta infinita di cose e di idee che potete esplorare e realizzare. Vi daremo ciò che esiste. Guarda tutte queste cose e accettale. E, Continua a farlo.”

Il corollario è: Non c’è niente da creare. Tutto ciò che può essere creato è stato creato. Tu stesso, tu, non hai il potere di creare.

Questa è la menzogna più profonda. Questo è dove la battaglia si ferma e l’individuo si arrende.

Questo è dove l’individuo che potrebbe essere più diventa meno.

È qui che l’artista non ancora nato decide di vivere a metà luce.

È qui dove le energie vitali si disperdono e si esauriscono.

Questo è dove si assume la macchina.

O…

L’individuo può svegliarsi e attivare la sua immaginazione.

Senza limiti.

È qui che comincia la nuova battaglia. Questo è dove l’artista mette da parte tutte le risposte standard e le piccole emozioni e, invece, INVENTA.

Questo è dove la paura viene spazzata via.

Questo è dove l’individuo può riconquistare se stesso con le sue più profonde azioni.

https://jonrappoport.wordpress.com/ 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Le pieghe dell’apparenza

La realtà è solo un sentimento

La realtà è un mito. Come dire: tutto ciò che ci sta intorno non è quello che sembra, cioè molte cose stanno lì, davanti ai nostri occhi, eppure non le vediamo. Ossia ciò che percepiamo non è tutto il reale.

A pensarci bene la storia dell’arte non è altro che il tentativo di <<riprodurre>> la realtà nella sua veste completa. I primi grafiti delle caverne ci mostrano i diversi tentativi dell’uomo primitivo di rappresentare sulle due dimensioni virtuali gli animali che gli facevano paura, quasi a esorcizzarli, a domarli in un’eterna immobilità, ma anche a farli riconoscere ai piccoli, una volta capaci di muoversi da soli.

Le scoperte della prospettiva pittorica, delle profondità, del trompe l’oeil, di una possibile resa della terza dimensione attraverso i chiaroscuri, ci racconta di una vocazione al realismo mai abbandonata dall’essere umano.

Prima Raffaello poi Caravaggio creano spazi, profondità e luci che Giotto non poteva neanche immaginare. E Michelangelo ha addirittura capito che sembrano più vere le cose false.

Basta dare un’occhiata alla Pietà: Maria, seduta ha tra le braccia il corpo di Cristo. A guardare bene la scultura ci si rende subito conto che se la madre si alzasse in piedi sarebbe alta quasi il doppio del figlio. Invece in quella posizione l’immagine è perfetta e congrua nelle proporzioni.

La pittura del seicento, i manieristi, fino agli iperrealisti e allo stesso Andy Warhol, si avventurano nel realismo approdando quasi alla fotografia. Solo con la coscienza di una realtà altra, non formalizzata, invisibile a occhio nudo, nascosta nelle pieghe dell’apparenza, comincia a prendere piede l’arte dei nostri tempi, anche in coincidenza con la scoperta dell’inconscio e con la crisi delle filosofie totalizzanti.

Le figure cominciano a sfumare, a farsi indiziarie (impressionismo), a spezzarsi (Picasso), a diventare astratte e informali, dove il colore e linee <<dicono>> della realtà più cose di quanto possano dire le forme.

Alla base di questa vocazione mai abbandonata dall’uomo c’è la necessità, da parte sua, di raccontarsi nelle sue verità più recondite. E non c’è modo migliore di raccontarsi se non mostrando con quale sguardo viene inquadrato il mondo, cioè la realtà circostante.

L’arte, quindi, produce oggetti testamentari che narrano la storia dell’uomo dal punto di vista del suo sentimento della realtà. Una storia più veritiera di quella appiattita sui fatti e sulle vicende politiche ed economiche che è scritta sui libri di scuola.

Ho fatto l’esempio della pittura ma se si va a confrontare il discorso con le altre arti, si noterà che la spinta a raccontare il reale è da tutte condivisa e perpetuata. La letteratura e la musica (con l’innesto di nuove sonorità) hanno attraversato gli stessi processi della pittura. Sono in perenne viaggio verso il mito della realtà, di cui è sempre impossibile un inventario definitivo.

“Pensieri Così” di Vincenzo Cerami  

Nin.Gish.Zid.Da