Archivi tag: Aristotele

In realtà tutto è relativo ed interpretabile

Ricevo dall’amico Dott. Roberto Saviero di Alta Pusteria e pubblico 

Come in cielo così in terra

Dott. Roberto Slaviero

In un discorso alla Pontificia Accademia delle Scienze nel 1992 il Papa Giovanni Paolo II, il polacco Karol, dichiaro’ sul trattamento ricevuto da Galileo da parte della Chiesa…”l’errore dei teologi del tempo nel sostenere la centralita’ della Terra, fu quello di pensare che la nostra conoscenza della struttura del mondo fisico, fosse in certo qual modo, imposta dal senso letterale della Sacra Scrittura”

Un affermazione clamorosa che metteva in dubbio la veridicità letterale delle Scritture e quindi di tutta la struttura ecclesiastica che Wojtyla tra l’altro rappresentava.

170 anni prima,nel 1822 la Congregazione del Sant’ Uffizio rimosse il divieto di pubblicazione dei libri che trattano del moto della Terra in conformità con l’astronomia moderna; per fare un nome, il famoso “Il dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo” di Galileo Galilei pubblicato nel 1632

Nel 1543 a Norimberga veniva pubblicato il “De Rivolutionibus orbium

coelestium” di “Nicolaus Copernicus”, il grande astronomo polacco…strano destino con l’altro grande polacco Karol 5 secoli piu’ tardi. La sua frase famosa è “in vero medio omnium residet Sol “ovvero”e in mezzo a tutto sta il sole” ma in realtà egli formulò una teoria Eliostatica e non Eliocentrica; tale teoria infatti prevede due sistemi che sono in moto relativo tra loro…dopo lo vedremo meglio.

Si dice che Copernicus si oppose alla sua pubblicazione e non se ne conosce bene il perchè in quanto, purtroppo per lui, era sul letto morente e quindi non penso gliene importasse molto se la Chiesa lo avesse considerato un eretico, con le conseguenze del caso.

Ricordiamo comunque che nel 1517 con la pubblicazione delle “95 tesi di Lutero” contro la vendita delle indulgenze da parte della Chiesa Cattolica in Germania, iniziava la Riforma Protestante.

Quindi l’Europa stava vivendo un periodo di lotte anche di pensiero e religiose ed è in questo trambusto che si inseriscono le varie ipotesi sui moti dei pianeti e del sole!

La premessa del libro di Copernicus, in cui si afferma che poi non è che con questa teoria si vuole confutare quella Tolemaica, venne scritta pare da un teologo luterano, tale Andrea Osiander; almeno cosi dimostrò un altro grande astronomo nel 1609 Johannes von Kepler (Keplero) teologo evangelico tedesco oltre che matematico e astronomo.

Keplero dimostrò empiricamente le leggi che regolano i moti dei pianeti. La cosa molto interessante sulle intuizioni di Keplero e’ la sua convinzione che Dio nella creazione si sia ispirato ai cinque solidi regolari,detti Platonici; tetraedro-esaedro-ottaedro-dodecaedro-icosaedro. Ne ho gia’ parlato in altri miei articoli.

Ma andiamo avanti

Nel 1921 nell enciclica “In Praeclara summorum” il Papa Benedetto XV dice cose a mio avviso molto belle, con una sorta di profonda amarezza per le convinzioni della nuova scienza, chiamiamola Newtoniana-Darwinista “questa Terra che noi abitiamo, quantunque NON sia il CENTRO dell’universo, come un tempo si credeva, tuttavia è sempre stata la sede della felicità dei nostri progenitori; e testimone in seguito della loro miserrima caduta, che segnò per essi la perdita di quella felice condizione che fu poi restituita dal sangue di Gesù Cristo”

Sapete secondo me il problema più grande che affronta l’uomo nella sua vita? Dover sempre prendere una decisione alla quale un’altra contraria vi si oppone; il famoso dualismo della nostra dimensione, che si dice comunque ci faccia conoscere meglio la realtà del mondo…

Io personalmente dubito fortemente che sia cosi la storia. Ma veniamo a noi…cosa voglio raccontarvi…Stiamo parlando dei due sistemi di visione del funzionamento dell’universo o meglio principalmente del nostro sistema solare.

L’antico sistema detto TOLEMAICO-ARISTOTELICO parlava di una Terra Ferma al centro dell’universo e di pianeti, compreso il sole, che giravano intorno ad essa. E’ anche vero che il mondo Sublunare, cioè la Terra,veniva considerata l’unica parte imperfetta del cosmo per i suoi movimenti lineari e per la sua mutabilita’ dovuta ai suoi principali quattro elementi

-terra
-aria
-fuoco
-acqua

Al di fuori della sfera terrestre vi erano altre otto sfere composte da un quinto elemento fluido ed INCORRUTTIBILE: l’ETERE

Le prime sette sfere corrispondevano ai sette pianeti

-luna
-mercurio
-venere
-sole
-marte
-giove
-saturno

e l’ultima sfera

-il firmamento delle stelle fisse

Ogni oggetto delle sfere era incastonato nella propria sfera e ne condivideva il moto circolare uniforme perfetto, immutabile ed eterno attorno alla Terra.

Genesi 1-(7-8)
“Dio fece il firmamento e separò le acque che sono sotto il firmamento dalle acque che sono sopra il firmamento e cosi avvenne e chiamò il firmamento cielo”

Questa teoria accettata dai più fino al 16mo secolo venne poi rimpiazzata dai più dal sistema ELIOCENTRICO COPERNICANO che comunque sarebbe meglio chiamarlo ELIOSTATICO poichè prevede che il Sole sia fermo al centro e che la Terra gli giri intorno; ma prevede anche che gli altri pianeti in realtà girino intorno al movimento della Terra.

E’ un sistema in cui DUE DIVERSI SISTEMI DI RIFERIMENTO SONO IN MOTO RELATIVO TRA LORO

Ok?! Il sole è fermo, la Terra gli orbita intorno ma…anche la Terra ha un suo sistema orbitale attorno ad essa,costituito dagli altri pianeti…Quindi si tratta di due sistemi che interagiscono tra loro, “è da notare che, sebbene il Sole sia immobile, tutto il sistema solare non ruota intorno ad esso ma intorno al centro dell’orbita della Terra, la quale conserva ancora un ruolo particolare nell’Universo…” cosi si dice nella teoria copernicana NILAKANTA SOMAYAJI matematico ed astronomo indiano (1444-1544) aveva già ipotizzato un sistema doppio GEO-ELIOCENTRICO nel quale tutti i pianeti orbitavano intorno al sole, che a sua volta ruotava intorno alla Terra.

Il contrario del sistema eliostatico copernicano però con la stessa struttura di funzionamento.

E adesso arriviamo ad un grandissimo genio astronomo danese, il mitico Thyco Brahe (1546-1601) di cui Keplero fu suo allievo. Thyco possedeva molto denaro e fece costruire un enorme osservatorio sull’isola di Hven (Danimarca), l’Uraniborg (costruito tra 1576-1580) ultimo grande osservatorio che non si basava sul telescopio, che avrebbe sviluppato poco dopo Galileo…anzi Nel 1608 l’olandese Hans Lippershey costruì il primo modello di telescopio a rifrazione che poi Galileo perfezionò nell’anno successivo.

Torniamo a Thyco…nel 1573, quindi esattamente dopo 30 anni dalla pubblicazione copernicana, pubblica il suo “De stella nova”, dopo aver visto una stella molto luminosa apparire improvvisamente nella costellazione di Cassiopea.
Tale fenomeno metteva in discussione la teoria tolemaico-aristotelica dell’immutabilita’ delle stelle fisse!

Ma badate badate…avendo avuto grandi possibilità di osservazione del cielo rispetto a Copernico che fa?! Si convince come Copernico che vi sono due sistemi orbitali che interagiscano, ma dice che la TERRA E’ FERMA e che il Sole e la Luna le ruotano intorno, ed intorno al Sole ruotano gli altri pianeti. Il suo sistema passato quasi nel dimenticatoio si chiama
SISTEMA TICONICO

Egli affermava inoltre che “il cielo è fluido (etere) e libero, aperto in tutte le direzioni, tale da non opporre alcun ostacolo alla libera corsa dei pianeti”… affermazione rivoluzionaria per l’epoca.

La Chiesa romana adottò la sua teoria dal 1611 al 1620…poi chissa’…

Nel 1610 Galileo pubblica il suo “Sidereus Nuncius” annunciando la scoperta dei pianeti medicei, ovvero i quattro maggiori satelliti di Giove che ruotano intorno ad esso. Questa scoperta mette in seria crisi il modello geocentrista tolemaico che non prevedeva altre orbite di corpi se non e solo attorno alla Terra. Nello stesso anno Galileo osserva che il pianeta Venere presenta le fasi, come la Luna e questo è possibile solo se il pianeta ruota attorno alla sorgente luminosa.

Adesso faccio una piccola parentesi tecnica e di difficile comprensione, che però viene usata dalla vigente scienza copernicana per confutare la teoria di Thyco a favore dell’Eliocentrismo.

Il Parallasse: https://it.wikipedia.org/wiki/Parallasse#Parallasse_stellare

E’ un fenomeno per cui un oggetto sembra spostarsi rispetto allo sfondo se si cambia il punto di osservazione.

Thyco quando vide la stella accendersi improvvisamente in Cassiopea, disse che se la Terra FOSSE IN MOTO le stelle vicine avrebbero dovuto cambiare posizione relativamente alle stelle più lontane, il che a suo avviso non accadde! Oggi si dice che essendo le stelle molto piu’ lontane di quello che si pensava allora il Parallasse esiste ed è facilmente verificabile.

La luce ed i suoi effetti di riflessione e rifrazione spesso ingannano l’occhio umano, organo anch’esso dotato di percezione estremamente limitate alle frequenze vibratorie dal rosso al viola!

Noi abbiamo una VISIONE BINOCULARE che ci consente di percepire la profondità, quando entrambi gli occhi partecipano alla visione di uno stesso oggetto o di una stessa area di campo visivo.

La nostra percezione elaborata dal cervello dell’oggetto ci è data da una specie di un solo occhio virtuale, posto al centro dei due veri fisici…direzione visiva ciclopica…in quanto la parte retinica di destra e sinistra si sommano.

Fate una prova:

Osservate un oggetto vicino a voi tenendo lo sguardo verso l’infinito, copritevi alternativamente prima un occhio e poi l’altro … e vedrete che l’oggetto sembra spostarsi; la sua posizione si modifica…come per il concetto del Parallasse…
Ma non è forse UN’ ILLUSIONE OTTICA QUESTA???? L’oggetto è fermo ma noi lo vediamo spostarsi semplicemente chiudendo un occhio!

E’ come per la luce STROBOSCOPICA tanto cara al grande Ighina Pierluigi, scienziato del novecento italiano che affermava che la Terra è FERMA e ciò che si muove è l’Etere; lo Spirito solare che ci dona la vita, etere, la quintessenza che la scienza moderna si rifiuta di accettare.

Abbiamo poi un altro grande scienziato italiano del novecento l’Ing. Todeschini e la sua Psicobiofisica che confuta le tesi Einsteniane e Newtoniane; afferma anch’egli che ciò che si muove è l’etere. Ne ho ampiamente parlato nei miei articoli. Ma loro sono considerati gli eretici della scienza moderna alla stregua di come venne trattato Galileo dalla Chiesa della Controriforma nel processo a lui intentato nel 1633…

Tra l’altro a quel tempo, o meglio vent’anni prima del 1633, nella Chiesa i due ordini che tutelavano la scienza e teologia, erano gli ordini dei Gesuiti e quello dei Domenicani, più vicini essi a San Tommaso e più sospettosi di qualsiasi novità metafisica; inizialmente infatti i domenicani osteggiarono la teoria Galileio-Copernicana, mentre pareva che i Gesuiti fossero piu’ aperti al dialogo. In realtà poi chi denunciò Galileo nel 1633 furono i Gesuiti che coinvolsero nelle accuse anche i domenicani, che avevano autorizzato la pubblicazione del “Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo”!

Cosa accadde in quei vent’anni per far cambiare opinione ai gesuiti e contrastare la visone copernicana?

Nel 1616 Dirk Hartog esploratore e navigatore olandese mise piede in Australia e quindi nuove terre venivano scoperte e magari qualche navigatore ben esperto, usando il sestante dubitava di una Terra che dovrebbe girare a 1666 km/ora da Ovest verso Est.

Gli aristotelici dicevano…ma se la Terra girasse cosi velocemente si dovrebbero generare dei venti continui e perenni da Est verso Ovest, per lo spostamento che, un volume cosi enorme, procurerebbe nell’aria superficiale.

Ma poi ci pensò zio Isaac nel 1687, pubblicando la legge di Gravitazione Universale e chiudendo quindi la partita per chi aveva pensieri più empirici di osservazioni semplici di cosa succede di giorno e di notte.

Ovvero…

quando ci alziamo vediamo il sole spuntare ad est e poi tramontare ad ovest
…di notte osserviamo i movimenti lunari e gli spostamenti della volta celeste…
Ma ci hanno detto che chi si muove è la Terra…pero’ noi non percepiamo tale movimento … ci hanno detto che non lo percepiamo perchè il sistema è chiuso e c’e’ la gravita’…ok

A dare il colpo finale, con le spiegazioni e dimostrazioni scientifiche dell’era moderna, ci pensò la Nasa ed il barone nazista Werner Von Braun, inventore nella seconda guerra mondiale delle famigerate V1 e V2 che i tedeschi spararono sull’Inghilterra, che…si dice..mandò l’uomo sulla Luna.

Sapete che oggi la Nasa dice di aver perso molti filmati dello sbarco lunare e delle tecniche per riproporre tale sbarco?? Anche ultimamente è molto attiva nello proporre ottimi film tipo Hollywood, grandi effetti speciali!

La Nasa venne fondata il 29 luglio 1958 ed il primo dicembre 1959 venne firmato il Trattato Antartico, dove praticamente venne militarizzato il continente antartideo.

Beh ok c’e’ un sacco di freddo da quelle parti e poi tra foche e pinguini…insomma … e che ci fanno laggiu’ oltre 60 basi militari ??? Cosa ci devono nascondere ?? Forse l’ISOLA CHE NON C’E’ per dirla alla Bennato ?? Altre Terre meno ghiacciate, come descrisse nel 1947 l’Ammiraglio americano Bird ??

Tutto ciò potrebbe esserci se e solo se…la Terra fosse ferma ed orizzontale… sulla Bibbia si parlava infatti dei 4 angoli della Terra…ve beh ma dai cavolaccio, anche il Papa Karol ha detto che le Scritture non vanno prese alla lettera.
Capite chicos ??

Corsi e ricorsi storici…adesso sono presi di mira quelli che hanno idee diverse dal pensiero unico scientifico che si sta imponendo soprattutto in Italia..vedi legge scandalo sulla frequentazione nelle scuole dei non vaccinati. Sono loro la nuova Inquisizione..che loro chiamano…scientificamente dimostrabile…pagliacci invece venduti agli interessi delle Corporation assetate di denaro … gente con idee fisse, direi quasi paranoiche e che non accettano altri pensieri diversi dai loro

Cosa vi ho voluto raccontare oggi…
che in realtà tutto è relativo ed interpretabile…

Copernico senza telescopio dice..il sole è fermo… trent anni dopo Thyco senza telescopio dice…la terra è ferma…Galileo altri trent’anni dopo con il suo piccolo telescopio dice…la terra si muove…

Tutti pero’ sono umani dotati di visione binoculare e spesso possono prendere degli abbagli di luce…stroboscopica…

Concludo e mi viene in mente William Blake (1757-1827)

“l’immaginazione non è uno stato mentale, è l’esistenza umana stessa” 

Dott. Roberto Slaviero Alta Pusteria

http://olisticoaltapusteria.com/

Critica alla democrazia

 Perché Socrate odiava la democrazia … e cosa possiamo fare per questo

by Scotty Hendricks
October 08, 2017
from BigThink Website

In tutto il mondo, persone di tutte le età hanno una ragione per essere preoccupate del governo democratico.

Mentre il mondo occidentale pone oggi un valore elevato sulla democrazia, questo non è sempre stato così. Alcune delle più grandi menti della storia della civiltà occidentale hanno avuto forti critiche sulla democrazia, critiche che sarebbe da idioti ignorare.

In Repubblica, Platone scrive che Socrate stava discutendo (molto più che in forma docente) sulla natura dello stato ideale.

Ad un certo punto chiede al suo compagno, Adeimantus,

che avrebbe preferito gestire un viaggio per mare, con un qualche passeggero casuale o un capitano ben addestrato, istruito ed esperto

Video Sottotitolato in lingua italiana

Ovviamente, dopo che il capitano è stato scelto per validi motivi di competenze, Socrate estende la metafora allo stato, chiedendo perché lasciare che qualcuno cerchi di gestire la nave dello stato.

Egli continua a proporre un regime totalitario come lo stato ideale, in cui i governanti sono stati tutti istruiti in decisioni per decenni prima di assumere il potere assoluto.
Le obiezioni di Socrate per il governo democratico possono essere trovate anche in altre opere.

Ha lodato la monarchia Spartana come ben gestita, e in vari dialoghi sulle virtù lamenta che, sono così poche le persone le hanno e ancora meno persone che siano in grado di capirlo.

È senza dubbio che non ha considerato abbastanza intelligente la generale popolazione per gestire le cose.

Questa non è l’unica critica inerente all’intelligenza della popolazione che vota nella culla della democrazia. Nelle parti successive della Repubblica, Platone suggerisce che la democrazia è una delle fasi successive al declino dello stato ideale. Una cosa così sbagliata e male gestita che la gente in ultima analisi grida per avere un dittatore per essere salvata.

Questa era una grande idea per Platone, la democrazia porterebbe ai tiranni.

Aristotele, da parte sua, ha elencato che la democrazia è come la versione fallita della regola da parte delle moltitudini.

La “timocrazia”, la regola della classe privilegiata o anche solo una forma più costituzionale del governo repubblicano che nella mente dei molti era il tipo ideale di regola. Avrebbe visto l’Atene come una città sempre in decomposizione, allontanandosi dalla sua originaria costituzione timocratica come stabilito da Solone.

L’idea che la democrazia sia fondamentalmente sbagliata è addirittura sponsorizzata nei successivi e più liberali pensatori.

Voltaire, che ha sostenuto tutte le libertà liberali del discorso e della religione, ha detto alla Grande Caterina di Russia che,

“Quasi niente di grande è mai stato fatto nel mondo tranne per il genio e la fermezza di un solo uomo che combatte i pregiudizi della moltitudine”.

La sua comprensione del liberalismo è stata quasi completamente separata dalla democrazia.

Se allora la democrazia era così deleteria, perché l’abbiamo ora? E perché ripetere l’errore?

Ora, è importante capire che la democrazia ad Atene era molto diversa da quella che abbiamo oggi. Atene era molto più vicino a una democrazia diretta che la maggior parte di noi sarebbe a suo agio.

Era anche molto limitata; solo il venti per cento della popolazione era mai stato affidato allo stesso tempo, tutti i maschi bianchi liberi all’età di 18 anni con genitori che erano anche cittadini.

Alcuni uffici avevano un requisito minimo di ricchezza.

Il quorum per l’Assemblea era di 6000 cittadini, in modo da aumentare la presenza degli schiavi con una corda tinta di rosso che avrebbe portato gente lì all’agorà e, chiunque catturato con tinture rosse sui loro vestiti veniva mutilato.

Molti posti nel governo sono stati tenuti da cittadini selezionati a caso per servire in essi.

Socrate stesso si trovò in questo modo una volta, e testimoniò di che cosa si trattava a una folla arrabbiata che mise illegalmente i generali a morte. Allora, naturalmente, una giuria decise con una sottile maggioranza di metterlo a morte su accuse deboli.
Platone ci dice che solo 30 voti, da una giuria di 500, lo hanno condannato a morte uccidendolo.

La morte di Socrate

Ma perché contano ancora le critiche se non abbiamo la Democrazia Ateniese?

Beh, il fatto che abbiamo un governo diverso da Atene non significa che non condividiamo problemi simili.

Socrate era preoccupato per i problemi posti da una popolazione non addestrata e facilmente capace di avere potere sullo stato. Un problema che continua a disturbare i pensatori come Richard Dawkins.

Negli Stati Uniti gli elettori possono essere poco meno informati di quello che votano.

Jimmy Kimmel ci mostra come le persone non sanno molto dell’Obamacare e che i risultati della mancanza di informazione si sono dimostrati negativamente per loro.

Questi fatti, combinati con il potere degli uffici nelle mani del pubblico votante, avrebbero fatto raggiungere a Socrate le porte dell’inferno.

Cosa possiamo fare?

“C’è un bene, una conoscenza e un male, ignoranza”.

Così ha parlato il Socrate antidemocratico …
L’istruzione è la “migliore” speranza di una democrazia. Una popolazione che comprende i tratti necessari in un leader, conosce la differenza tra un artista e un legittimo leader e sa quale sia il cammino da intraprendere che è la differenza tra un’efficace democrazia e l’incubo socratico.

Mentre nella nostra democrazia l’elettore tipico non ha bisogno di preoccuparsi di essere messo in una posizione di potere per via di una lotteria, hanno bisogno di capire abbastanza per selezionare la persona ‘giusta’ per metterla e porla al potere.

Per i Greci questo era un’istruzione in grammatica, logica e retorica, aritmetica, geometria, musica e astronomia. Tutte le cose vissute come vitali per partecipare alla vita pubblica e vivere la vita di un cittadino libero, avvenne solo più tardi la fondazione della nostra moderna educazione all’arte liberale.

Mentre l’idea che,

“l’argomento migliore contro la democrazia è una conversazione di cinque minuti con l’elettore medio”,

… può ancora suonare vero, migliorando l’educazione dell’elettore medio si indebolisce tale argomento.

“La democrazia è la forma peggiore di governo, eccetto tutte quelle altre forme”, ha affermato Winston Churchill, noto campione di ideali democratici.

Qualsiasi governo è solo buono come i suoi governanti …

In una democrazia, questo significa che la popolazione generale deve essere adeguatamente istruita per governarsi.

  • Le critiche della democrazia date dalla sua culla saranno riconosciute?
  • O finiremo come ad Atene?
  • Una democrazia in nome, ma in realtà governata dalla folla non erudita?

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Il numero di Dunbar – il contatto sociale

Hai delle vere amicizie?Aristotele pensa che tu non le possieda

di Scotty Hendricks 30 settembre 2017 dal sito BigThink

Pensate al nome dei vostri cinque amici più vicini …

Pensate alle persone con cui potete parlare di qualsiasi cosa, quelle persone che avete conosciuto da un po’ di tempo, quelle che puoi sempre chiamare.

Ora, pensa a quante persone su Facebook si possono davvero definire qualcosa di simile a quel gruppo che hai pensato. Tutti noi abbiamo su Facebook un “amico” della scuola che non pensiamo fino al giorno del suo compleanno.

Il numero di Dunbar, è il presunto e significativo numero di rapporti sociali che si possono avere, ed è di 150.

L’utente medio di Facebook ha un numero molto maggiore di amici di quello sopra citato,

  • Quanti di loro sono veramente persone che ancora conosci?
  • Quanti di loro sono persone che vorreste vedere per un motivo qualsiasi
  • cosa ci piace della loro presenza?
  • Quanti dei tuoi amici si possono annoverare come i tuoi “amici”?
  • Come puoi discernere la differenza?
  • Qual è la differenza?

Nel suo etico capolavoro L’etica di Nicomachean, Aristotele si immerge con la sua brillante mente sul problema di quale amicizia in realtà si possa definire tale.

Aristotele non vede solo una retta vita che richiede la virtù, un bene interiore a cui siamo in gran parte responsabili; ma richiede anche beni esterni che facilitano in sé le virtù divertenti.

Tali cose includono l’essere greco, maschio, benestante finanziariamente, istruito, ragionevolmente sano, avere una decente fortuna e avere buoni amici. La questione di ciò che è un amico assume una nuova importanza per lui.

Nell’VIII° libro  di questo lavoro definisce tre tipi di amicizie e una virtù di amicizia, “Filia” o amore fraterno.

Come per tutte le virtù di Aristotele, Philia è il punto intermedio tra due vizi. La mancanza di amore fraterno conduce al vizio dell’egoismo, mentre la persona che è troppo amichevole con tutti è anch’egli viziosa a modo suo.

Aristotele sarebbe d’accordo sul fatto che,

“L’amico di tutti è un amico di nessuno”.

Per essere una persona autoritaria, nel senso aristotelico, devi dominare l’arte dell’amicizia.

Ma quali sono i tre tipi di amicizie?

L’amicizia dell’utilità è il primo tipo di amicizia che Aristotele menziona.

Queste amicizie si basano su ciò che le due persone coinvolte possono fare per l’altro e spesso hanno poco a che fare con l’altro individuo come persona. La persona a cui si offre un drink in modo da poter avere dei biglietti, mettere una buona parola per te, o anche solo per farti guardare meglio dagli altri.

Tali amicizie come questa includono l’offerta di ospitalità, così afferma Aristotele. Queste amicizie possono finire rapidamente, non appena si avrà raggiunto il possibile utilizzo dell’altra persona.

Il secondo è l’amicizia del piacere. Queste sono le amicizie basate sul godimento di un’attività condivisa e il perseguimento di piaceri e emozioni fugaci. La persona con cui bevete, ma non sareste mai andate a cena. Il ragazzo o la persona che vai a una partita di calcio, ma non la potreste mai tollerare di vedere altrove. Aristotele dichiara che è l’amicizia dei giovani. Questo è, ancora una volta, una amicizia spesso-corta, amicizia, tenuta con persone che possono improvvisamente cambiare quello che vogliono fare e  senza una connessione al loro amico.

In entrambe queste amicizie l’altra persona non viene valutata “in sé” ma come mezzo per una fine. Piacere di uno e qualche cosa di utile nell’altro. Mentre queste sono elencate come amicizie “minori” a motivo del motivo, Aristotele si apre all’idea della più ampia e ultima forma di amicizia che trova la sua genesi in queste categorie.

 La categoria finale è l’amicizia “Vera”.

L’amicizia della virtù o l’amicizia del “bene”. Queste sono le persone che ci piace per noi stessi, le persone che ti spingono ad essere una persona migliore.

La motivazione è che si cura per la persona stessa e quindi il rapporto è molto più stabile delle due categorie precedenti.

Queste amicizie sono difficili da trovare perché le persone che fanno il taglio “virtuoso” sono difficili da trovare. Aristotele lamenta la rarità di tali amicizie, ma osserva che sono possibili tra due persone virtuose che possono investire il tempo necessario per creare un tale legame.

Mentre Aristotele ci incoraggia a cercare la “pura” forma di amicizia. Non pensa necessariamente che si debba essere una persona cattiva per avere amici dei due precedenti tipi. Tutti noi li abbiamo.

Mentre ammette che alcuni piaceri siano cattivi per noi, egli chiama anche il piacere un bene che la gente vuole per trarne godimento.

Il vero problema in queste amicizie è quando non riesci a capire che sono del tipo inferiore e non vengono fatti sforzi per trovarne delle migliori.

Ma tutte le amicizie del piacere che ho adesso mi definiscono una persona cattiva?

No, ma gli aristotelici ti incoraggiano a salire.

Inizia a pensare alle tue amicizie. Non c’è qualcuno dei tuoi amici che vorresti conoscere meglio? Fallo! Se non funziona prova di nuovo.

Aristotele è chiaro, le amicizie della virtù sono rare, potrebbe richiedere un po’ di tempo. Prima che tutto funzioni, devi essere virtuoso. Non dovete essere subito un modello di virtù, anche Cicerone ha messo in dubbio quanto fosse virtuoso essere veri amici, ma una comprensione di “Philia” sarebbe utile.

In un mondo di connessioni sociali sempre più in crescita, la questione di quale amicizia “è veramente” una questione importante.

La guida di Aristotele, con le sue opinioni di diverse amicizie e la possibilità di miglioramento, sono un suggerimento molto necessario nel nostro mondo moderno.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Ni.Gish.Zid.Da

Paracelso – “Theatrum Alchemiae”

images-duckduckgo-com

Il principe dei medici e dei filosofi del fuoco
Grande fisico paradossale
Il trismegisto della Svizzera
Primo riformatore della filosofia alchemicha
Adepto in alchimia, Cabala e Magia
Fedele naturalista
Maestro dell’elisir della vita e della pietra filosofale
Grande sovrano dei segreti alchemici

Philippus Aurelius Teophrastus Bombastus von Hoenheim nacque in Svizzera nel 1493, medico eccelso ed alchimista di prim’ordine, dotato di una forte personalità e di un’altrettanta forte arroganza. Era talmente pieno di sé che gli inglesi inventarono il termine bombastic per definire le persone arroganti. Si autodefinì Paracelso, ovvero più grande di Celso (massima autorità medica nel 1° secolo d.C.)

Tuttavia tale pomposità trovava valido motivo di essere nei suoi studi, tra i tanti scritti lasciati troviamo appunti che tuttora lasciano sorpresi e perplessi. Il suo libro Chirurgia minore è il precursore della moderna medicina, e su molti dei suoi libri troviamo concetti ed insegnamenti innovativi.

Paracelso era figlio di un gran maestro dell’ordine Teutonico e valente medico, tanto che Paracelso avrà sempre parole di grande rispetto nei suoi confronti. Dopo un primo periodo di studi con il padre, fu seguito da Tritemius, abate di Spanheim, e grande Cabalista, per poi imparare la medicina e la chimica da Sigismund Figger. Per tutti i suoi maestri Paracelso avrà sempre parole di lode. Si recò poi in Germania ed Ungheria per imparare i segreti dei metalli dai minatori. Nonostante le difficoltà perseguì il suo scopo con tenacia. La sua ricerca lo porterà in Russia alla ricerca delle miniere dei Tartari. Sarà fatto prigioniero dal Khan dove apprenderà altri segreti. Sarà inviato da quest’ultimo al seguito di una spedizione diplomatica a Costantinopoli dove incontrerà un Arabo che gli insegnerà i segreti della pietra filosofale, all’epoca aveva 28 anni. Nonostante la moltitudine di libri non vi è nessuno scritto di Paracelso su questo viaggio, documentato però da Van Helmont.

In Turchia Paracelso esercitò come chirurgo presso l’armata Imperiale eseguendo operazioni straordinarie, il suo libro la Grande Chirurgia stampata in folio ne è una prova schiacciante.

In Europa all’epoca si usavano le pratiche Galvaniche e Arabiche, i metodi usati erano quelli del salasso, lo spurgo, il rigurgito, i lavaggi, ecc. Nulla potevano queste pratiche contro un disturbo venereo che colpì l’Europa. A Bologna Jon Carpus, illustre chirurgo e anatomista, eccelleva nella tecnica della salivazione indotta col mercurio. Paracelso apprese le proprietà del mercurio e riuscì a preparare delle pillole. La cura diveniva meno aggressiva di quella usata da Carpus, in questo modo fu in grado di curare la scabbia, la lebbra, le ulcere, il morbo Napoletano e persino la gotta.

La sua fama aumentò rapidamente, tanto che gli fu offerta la cattedra di medicina all’università di Basilea. Al suo discorso pubblico di fronte all’università disse “Sappiate dottori, che la mia barba ha più esperienza di tutte le vostre università, il più sottile capello della mia nuca ne sa più di tutti voi, le fibbie delle mie scarpe sono più sapienti dei vostri sapienti più famosi.” E’ facile immaginare l’indignazione che provocò, alla sua prima lezione si fece portare un vaso in ottone e dopo averlo riempito di zolfo e salnitro vi appiccò il fuoco bruciando i libri di Galeno e Avicenna. A causa del suo carattere focoso, le sue lezioni pian piano furono disertate dagli studenti, e Paracelso iniziò a bere, tanto che ben presto lo additarono come ubriacone. Dopo tre anni lasciò la cattedra per riprendere i suoi vagabondaggi. Non smise mai di bere, eppure pur essendo ubriaco riusciva a compiere operazioni chirurgiche di tale bravura e precisione da rasentare l’impossibile.

Morì a Salisburgo, vicino al caminetto dell’osteria il Cavallo Bianco. In tutta la sua vita aveva pubblicato si e no quattro libri. Il suo servitore Oporinus rimase al suo fianco per anni nella speranza di carpirne i segreti, ed alla morte di Paracelso fu sorpreso di trovare tanti manoscritti, poiché non lo aveva mai visto scrivere una parola. E la sorpresa fu ancora maggiore quando si rese conto che tali scritti avevano un’eleganza ed una forma di linguaggio che non sembrava possibile fossero stati scritti da un ubriacone.

Eppure nell’Archidoxa Medicinae tratta dei fondamenti e delle massime che riguardano la chimica, tanto che sono considerate a tutt’oggi tra le più illuminanti nel campo chimico. Nella prefazione si legge “Era mia intenzione pubblicare tutti e dieci i volumi dell’Archidoxa, ma poiché ritengo che il genere umano non sia ancora maturo a sufficienza per i tesori offerti nel decimo libro, ho pertanto deciso di tenerlo nascosto nel mio occipite e di non riportarlo alla luce finché non vi decidiate ad abiurare Aristotele, Avicenna e Galeno e giurare fedeltà al solo ed unico Paracelso”

La grandezza di Paracelso fu quella di affrontare la ricerca della conoscenza con mente aperta e spirito indagatore, rifuggendo quelle che erano le schematiche dell’epoca. Usava l’oppio in alcune delle sue terapie somministrando pastiglie che lui chiamava laudanum, ovvero la sua medicina più lodevole.

Si narra che fosse riuscito a concepire la vita in vitro, i suoi studi erano un misto di scienza e alchimia, come si evince dai suoi appunti “Se la fonte di vita, chiusa in un’ampolla di vetro sigillata ermeticamente, viene seppellita per quaranta giorni in letame di cavallo e opportunamente magnetizzata comincia a muoversi e a prendere vita. Dopo il tempo prescritto assume forma e somiglianza di essere umano, ma sarà trasparente e senza corpo fisico. Nutrito artificialmente con arcanum sanguinis hominis per quaranta settimane e mantenuto a temperatura costante prenderà l’aspetto di un bambino umano. Chiameremo un tale essere Homunculus, e può essere istruito ed allevato come ogni altro bambino fino all’età adulta, quando otterrà giudizio ed intelletto.”

Nei resoconti di Oporinus spiega che il suo padrone era un giorno senza un soldo ed il giorno successivo ne aveva in grande abbondanza. Si faceva prestare i soldi da amici e conoscenti per restituirli il giorno dopo con l’aggiunta di stravaganti interessi. Nella sua conoscenza di alchimia e chimica sembra difatti che vi fosse anche la pietra filosofale, sicuramente era in grado di trasmutare gli elementi, pur senza avere cognizione dei numeri atomici che accompagnano le formule chimiche moderne. Nel suo Theatrum Alchemiae fa riferimento ad un tesoro nascosto sotto un albero.

Ad ucciderlo più che la sua passione per l’alcool fu la delusione di aver incontrato una platea di menti ottuse tra i grandi dottori e i grandi sapienti dell’epoca. Forse lo consolerebbe sapere che a distanza di 500 anni non è cambiato nulla.

button3

“ETERE” – il quinto elemento

Anomalie solari e rinnovata percezione dell’etere

Articolo ricevuto dall’amico Dott. Roberto Slaviero
 

“Tutti i moti dell’Universo, dal infinitamente piccolo, al infinitamente grande, nascono da un ETERE UNIVERSALE, in perenne moto vorticoso, capace di influenzare sia la materia che gli esseri viventi ed il loro Spirito”

 

Marco Todeschini (Valsecca di Bg 25.04.1899 – 13.10.1988)

Un genio italiano pressoché sconosciuto ai più, in quanto messo nel “dimenticatoio” negli anni 60-70, dalla cosiddetta scienza con la A maiuscola; scienza dei potenti di regime, di quelli che pensano di possedere la Verità e non accettano di confrontarsi su paradigmi, dogmi e certezze, che magari si potrebbero rivelare non cosi veritieri …

Ma andiamo con ordine

ETERE

“nella antica Cosmologia greca, il quinto elemento (aria acqua terra fuoco etere), incorruttibile, di cui sono costituiti le sfere ed i corpi celesti, dal cielo della luna, al cielo delle stelle fisse”
da Treccani

“l’Universo non è un oggetto meccanico indipendente da noi osservatori, ma bensì un atto CREATIVO, la cui origine sono i movimenti vorticosi dell’Etere, che si può considerare l’energia fondamentale che permea tutto l’Universo; capace attraverso le vibrazioni da esso prodotte di dare origine anche alle nostre sensazioni, e queste poi, a loro volta, sarebbero in grado di influenzare la Materia stessa”
M.Todeschini

Potrebbe essere questa sostanza impalpabile la Sostanza Originaria, la Madre, di cui parlano molte culture antiche e da cui si origina la VITA?

Il Dr.Todeschini nel corso di centinaia di esperimenti ha dimostrato le sue teorie e ha costruito apparecchiature in grado di confermare le sue scoperte. Tra le altre invenzioni vi è il Motore a Forza Propulsiva Centrifuga; il dispositivo è in grado di generare una forza propulsiva autonoma, orientabile, senza necessita’ di trasmissione. Va oltre i principi delle leggi fisiche comunemente accettate.

Il brevetto di tale Motore,che ricorda molto i famosi UFO, cosiddetti “alieni”, fu depositato nel 1932 e rilasciato il 17.11.1933 (numero 312496) dall’allora Ministero per le Corporazioni del Regno d’Italia.

Il 2 novembre 1975 all’International Kongres der Ufologes a Wisbaden, gli scienziati presenti sostennero, dopo aver visto gli esperimenti, che tale dispositivo ha le stesse caratteristiche e possibilità di quelli usati per la propulsione degli UFO (Unidentified Flying Object).

Ognuno faccia le sue considerazioni in merito quindi al discorso Ufo-alieni e sappia comunque che gli studi sono andati avanti in un ramo di ricerca detto PNN, ovvero Propulsione Non Newtoniana, che ha sviluppato motori sulle basi delle ricerche di Todeschini.

Magari proprio per questo il “regime” ha posto un velo sopra tale incredibile scienziato e le sue scoperte, che contrastano i paradigmi di Newton ed in parte di Einstein.

Come saprete, da alcuni ricercatori soprattutto “quantistici”, la insuperabilità della velocità della luce, postulata dalla Teoria della Relatività, viene messa in dubbio, e questo potrebbe cambiare completamente la visione del nostro Universo!!

Come diceva un altro grande italiano, il Dr Rol Adolfo Gustavo (Torino 20.06.1903 – 22.09.1994), le leggi della Fisica valgono qui sul pianeta Terra, non sappiamo nulla delle leggi che regolano le stelle e gli infiniti universi galattici.

Interessante … se sappiamo possedere la “dotta ignoranza” (Nicolaus Cusanus)

Parliamo allora adesso delle ANOMALIE di comportamento della nostra Stella, IL SOLE, anomalie inspiegabili secondo i paradigmi scientifici odierni.

Le anomalie sono tendenzialmente 3:

Anomalia – 1il Sole ha una massa nel sistema solare pari a quasi il 99% della massa totale. Una grandezza di misura fisica, chiamata MOMENTO ANGOLARE, esprime i moti di rotazione delle stelle e pianeti e dipende dalla massa, dalla velocità e dalla distanza tra i vari pianeti o sfere.

Ebbene il Sole che possiede il 99% della massa del nostro sistema solare, ha solo l’1% del momento angolare del sistema solare. Ha PERSO cioè il 98% di tale “prerogativa” diciamo e questo contrasta soprattutto con il paradigma, che afferma che il sistema solare nacque da una contrazione di una nebulosa.

Contrazione, che avrebbe dovuto tra l’altro, far ruotare il Sole su se stesso molto più velocemente dei suoi 28 giorni di rotazione attuali. Il fatto viene giustificato dicendo che il Sole ha forse trasferito all’esterno gran parte del suo Momento Angolare, oppure con altre teorie che si “attaccano sugli specchi”.

OK, MA DOVE AVREBBE TRASFERITO IL SUO MOMENTO ANGOLARE? Ad un’altra Stella? E’ l’ipotesi su cui indagano i ricercatori del BRI (Binary Research Insitute).

Ovvero stanno cercando un’altra stella nel nostro sistema che giustifichi questa anomalia del momento angolare solare.

Un altra stella che intersechi il nostro sistema, oppure si potrebbe pensare ad un altro grosso pianeta che passa ogni qualche migliaia di anni nel sistema solare, il famigerato pianeta X, tanto declamato negli scritti, o meglio nelle tavolette, lasciatici dalla famosa e progredita civiltà Sumera (4000 a.C.)??

Anomalia – 2
La Corona solare, ovvero la parte più esterna dell’atmosfera solare ha un CALORE spaventosamente MAGGIORE rispetto alla superficie del Sole, che è, ricordiamoci, una grande sfera di plasma, ovvero di gas ionizzati ad altissime temperature e non ha superficie solida come i pianeti.

Questo contrasta con i principi della Termodinamica,dove il calore procede da un posto più caldo verso un posto più freddo (convezione) e non viceversa. E’ come se sulla Terra ci fossero 30 gradi in superficie e a 10 km di altezza, dove volano normalmente gli aerei, invece dei -60 gradi centigradi, vi fossero migliaia di gradi di calore!!!

Ma la Terra non è una Stella giusto!

Ed allora perché la nostra scienza inventa paradigmi e postulati di applicazione universale?

Il 14 ottobre del 2012 l’austriaco Felix Baumgartner si è lanciato da quasi 39 km dalla stratosfera sulla Terra, ricordate? Ho seguito in diretta l’evento e ricordo che a quella altitudine la temperatura segnalata dagli strumenti era di poco sotto lo zero!! Ma come? Non ci hanno detto che tra i pianeti nello spazio profondo c’è il vuoto assoluto e temperature vicino allo zero assoluto Kelvin, ovvero -275 gradi celsius e tutto è immobile!!

Se non c è il vuoto, allora cosa c’è?

Perché la temperatura a 39 km è addirittura più calda rispetto ai 10 km sopra la Terra? Ci stanno nascondendo scomode verità? Non manca molto … vedrete!!

Tornando al Sole allora; si presume che sul Sole tra la superficie e la sua enorme atmosfera, che si estende per migliaia e migliaia di km, succeda qualcosa di incredibile; ovvero si generino quantità mostruose di energia, sotto forma di calore, milioni e milioni di gradi, che non arrivano però per convezione dalla superficie o dall’interno della nostra stella!! Vi è forse un trasporto attivo di calore o accade qualcosa che contrasta i principi della termodinamica?

Anomalia – 3
nel Sole l’energia viene prodotta per reazione TERMONUCLEARE, ove atomi di Idrogeno (H) vengono trasformati in Elio (He), con liberazione enorme di energia sotto forma di radiazioni elettromagnetiche che poi raggiungono tutti gli spazi del sistema solare.

Tra questi vi sono anche i raggi X (usati in radiologia per verificare lo stato osseo) ed i raggi GAMMA, che sono i più pericolosi per le cellule umane, in quanto penetrano in profondità.

Ebbene, moltissimi dei raggi gamma che, per postulato, si generano in questa termo-reazione nucleare, NON si trovano da nessuna parte, spariscono nel nulla!! è vero (si presume) che molti vengano assorbiti dalla magnetosfera terrestre che ci protegge : altri ricercatori teorizzano che vengano in parte riassorbiti dal Sole, ma comunque manca molta quantità all’appello.

Sapete come appare il Sole a varie frequenze? Quello che noi vediamo è in frequenze OTTICHE, dei nostri sensi, che vedono una limitatissima banda di onde (ne ho già parlato in altri articoli). In RAGGI X appare solo la Corona Solare!! In RAGGI GAMMA non appare nulla, il Sole è scomparso!!

“Da qui Messere si domina la valle, ciò che si vede è; ma se l imago (immagine) è scarna al vostro occhio, scendiamo a rimirarlo da più in basso e planeremo in un galoppo alato entro il cratere ove gorgoglia il tempo”
Banco del Mutuo Soccorso

Cosa vediamo allora noi umani? Parziali immagini che in altre frequenze si modificano o spariscono. Viviamo in un gigantesco OLOGRAMMA? E tale Ologramma può forse venir modificato o manipolato da persone o civiltà che possiedono uno sviluppo tecnologico maggiore alle nostre comuni limitate conoscenze?

“C è un intimo legame tra il Sole e la Terra. Vi è un Tunnel Spazio-Temporale che unisce all’istante i due cuori del Sole e della Terra e connette i loro Momenti Angolari … Il partner del Sole è scomparso ed è (diventato) il Cuore del Cristallo al centro della Terra, è il Sole Nero.”
Da Cambio di Logica di Giuliana Conforto astrofisica

“Le due spirali di energia magnetica Solare e Terrestre con il loro movimento di senso contrario uno all’altro, producono effetti STROBOSCOPICI, che danno l’illusione che tutto attorno al nostro pianeta si MUOVA, mentre in realtà è TUTTO FERMO …

I sette colori esistenti nella luce del Sole visibile, sono campi magnetici di RITORNO da altri Sistemi Solari, con i quali il nostro Sole è in Rapporto …

Il Sole dona a tutta la materia la sua Energia ritmica, ma la vuole nuovamente indietro dopo che è stata utilizzata.

L’energia del campo magnetico terrestre uscendo dalla Terra viene attirata verso il Sole e produce sul Globo solare una MACCHIA dovuta alla sua mancanza di Luminosità; tale energia viene poi riconvertita dal Sole in Energia Luminosa Solare riutilizzabile”
Teoria del ritmo solare Pierluigi Ighina (Milano 23.06.1908 – Imola 2004)

Sono tutti pazzi questi Signori sopracitati, Todeschini, Rol, Ighina non più presenti corporeamente sul pianeta e grandissimi ricercatori del 900 italiano e la vivente astrofisica Conforto? O forse hanno visioni, istinti e percezioni diverse dal conformismo scientifico imperante all’epoca e oggi giorno, che come nelle religioni utilizza dogmi e paradigmi rigidi ed indiscutibili??

Possiamo pensare che forse la nostra stella sia un TRASFORMATORE di altre Energie che arrivano dalla Galassia e che converta tali energie sconosciute in calore per permettere la VITA sul pianeta Terra? O che produca energia non necessariamente attraverso reazioni termonucleari? E che magari sia in contatto ETERICO diretto con la Terra, dove il Creatore ha attivato il seme della Vita?

Il sistema Tolemaico prevedeva la Terra al centro del sistema solare, poiché la Vita è presente sulla Terra e quindi il Sole e gli altri pianeti venivano visti più esterni, poiché l’obiettivo della Creazione era la Vita sulla Terra. Tutta l’opera di creazione aveva questo obbiettivo.

Poi sono arrivati i telescopi e Galileo, Copernico Keplero ed altri e cosi abbiamo visto e calcolato altre soluzioni possibili. Poi però abbiamo scoperto che esistono onde di vibrazioni diverse e che l’occhio umano è estremamente limitato: quindi lo sono anche i telescopi terrestri, a parte quelli che lavorano recentissimamente sui satelliti al di fuori dell’atmosfera terrestre in Infrarosso, Ultravioletto, Raggi x etc e che stanno rivoluzionando il pensiero scientifico consolidato da centinaia di anni.

Possiamo pensare che il Sole sia un PORTALE che comunica con altri sistemi solari? E quante altre domande …

Se pensate alle anomalie sopra descritte,soprattutto sulla mancata o minima emissione dei Raggi gamma in una reazione termonucleare, tutto si rimette in discussione!!

Possiamo pensare che oltre il 90% del nostro DNA, chiamato dalla scienza dogmatica, “DNA SPAZZATURA”, poiché non è implicato nella sintesi proteica e nei messaggeri nucleari ed è quindi considerato INUTILE, sia in realtà la CHIAVE per accedere ad altre percezioni su vibrazioni diverse, utilizzando non la materia grigia (neuroni), ma la materia bianca cerebrale, presente tra l’altro in misura maggiore nel cervello?

E la famosa ghiandola pineale, la piccola pigna “magica” al centro del nostro cervello, considerata fino a pochi decenni fa dalla scienza un inutile retaggio del passato? Andate a leggervi i miei articoli su pineale e Dmt.

Io personalmente sono stufo di dover ascoltare e credere in un tipo di ricerca scientifica che chiede prima ai “padroni” in quale direzione si deve cercare ed anche la verità che si deve poi comunicare: ed inoltre esilia e ridicolizza persone che propongono altre visioni o percezioni.

Cartesio, Aristotele e Platone non credo fossero degli stolti e Newton e Darwin, per fare due nomi, i possessori della Verità assoluta. Forse la Verità assoluta non esiste; esistono sistemi diversi di percepire la realtà e l’osservatore, cioè Noi, partecipa direttamente alla creazione di questa realtà, anche se non lo sa, oppure inconsciamente lo sa ed attraverso le sue scelte (libero arbitrio) crea realtà differenti.

I nostri pensieri ed intuizioni volano attraverso l’Etere universale e si scontrano ed interagiscono con lui, come lui interagisce con noi. Altro che Universo immobile e sfere fisse!! Universo attivo ed in armonioso movimento, che interagisce con le coscienze dei suoi abitanti!!

Del MOTORE PRIMO della Creazione, di CHI muove e produce l’Etere è inutile parlarne, abbiamo la dotta ignoranza; limitiamoci a pensare e valutare le manifestazioni percepibili.

Quindi vi rendete conto che siamo di fronte alla Rivelazione, alla cosiddetta Apocalisse e vedete come i governanti del mondo siano completamente impazziti (scrivo il 22.09.2016) e cerchino di bloccarla. Sanno che sta arrivando la fine dei loro inganni e delle loro bugie, perpetrati per centinaia e centinaia di anni per garantire soldi e potere nelle mani di pochi soggetti.

Non crederete mica che in un anno per colpa dell’uomo, delle sue emissioni di composti del Carbonio, al Polo Nord la temperatura si sia alzata di 30 gradi, mi pare in un mese invernale; oppure che le correnti oceaniche per la prima volta nella storia conosciuta, si stiano mescolando tra emisfero boreale ed astrale con conseguenze imprevedibili e catastrofiche per il clima!!

E’ la Terra ed il Sole in connubio, che hanno iniziato la pulizia dagli inganni e dalla incoerenza dei pensieri umani, dai soprusi soprattutto verso i minori ed i poveri, da parte soprattutto di uomini e talune donne che credono solo nella gerarchia di potere “scimmiesco”, senza voler offendere una specie presente sul pianeta.

Pur nei difficili momenti che la popolazione terrestre sta passando, si sente che qualcosa comincia a muoversi, che un nuovo senso di coerenza nei comportamenti e di giustizia morale in molti soggetti sta riemergendo. Ma ricordate che il sistema può cambiare, solo se ognuno di noi avrà il coraggio di dire quello che pensa e sente, a partire dai rapporti familiari, nel lavoro, nella politica, nelle scienze, religioni etc.

Dire: tanto va bene cosi, non è un bel ragionare, è un modo passivo di vivere questa esperienza terrestre!! La libertà di pensiero e di sentimenti e la purezza nei ragionamenti è irrinunciabile per un essere umano, qualsiasi sia il prezzo da pagare!!

E quando una trasformazione avverrà in voi, quando l’Alchimia della Coerenza vi avrà rigenerati, trasformati o trasfigurati in persone più oneste e veritiere verso voi stessi ed il mondo, il mondo cambierà per sempre!!

Cap 21-8 

“Ma per i vili e gli increduli, gli abbietti e gli omicidi, gli immorali e i fattucchieri, gli idolatri e tutti i mentitori, è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. è questa la seconda morte”
Apocalisse di Giovanni 
Dott. Roberto Slaviero 

Il declino di una civiltà

Il Declino di un Impero (prima parte

Come alcuni di voi sanno, io sono un appassionato di storia antica. (non solo l’autore di questo articolo è un “appassionato di storia antica, ma anch’io lo sono – corsivo mio)

Ho pensato che potrebbe essere utile per discutere di ciò che è accaduto a Roma e sulla base di questo, ciò che è probabile accada agli Stati Uniti

Va detto che:

Ci sono alcune somiglianze tra gli Stati Uniti e Roma.

Ma prima di continuare a leggere, vi preghiamo di stare seduti comodamente.

In questo articolo vengono necessariamente esplicitate quelle cose nascoste che non si è mai supposto di parlarne prima d’ora come – religione e politica – e cose che non si avrebbero dovuto mai fare, cioè, il male fatto dai militari.

Ci sono buone ragioni per guardare a Roma piuttosto che a qualsiasi altra civiltà quando si cerca di vedere dove sono diretti negli Stati Uniti.

Tutti sanno e hanno conosciuto il declino della Roma Imperiale, ma poche persone ne conoscono le cause. E, credo, ancora meno si rendono conto che gli Stati Uniti sono ormai sullo stesso percorso per più o meno delle stesse ragioni, che a breve io e voi esploreremo insieme.

Roma ha raggiunto il suo picco di potenza militare intorno all’anno 107, quando Traiano ha completato la conquista della Dacia (territorio dell’attuale Romania moderna).

Con la conquista della Dacia, l’Impero Romano ha raggiunto il massimo del suo picco in termini di dimensioni, ma direi che il suo picco maggiore era già passato oltre misura.

Per certi versi, gli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo assoluto del suo picco rispetto al mondo, già nel 1950. Nel 1950 questo paese ha prodotto il 50% del PIL mondiale e l’80% dei suoi veicoli. Ora si tratta di circa il 21% del PIL mondiale e il 5% dei suoi veicoli.

Era proprietario dei due terzi delle riserve auree del mondo; ora ne detiene un quarto.

E’ stato, con un enorme margine, il più grande creditore del mondo, mentre ora è il più grande debitore con un margine enorme.

Il reddito di un americano medio era di gran lunga il più alto del mondo; oggi si colloca sull’ottavo, e sta scivolando sempre più verso il basso.

Ma non sono solo gli Stati Uniti – è la stessa civiltà occidentale che è in declino.

Nel 1910 l’Europa controllava quasi tutto il mondo – politicamente, economicamente e militarmente. Ora sta diventando una Disneyland con edifici reali e uno zoo per i cinesi. E’ ancora più in declino e sta scivolando giù per un pendio rispetto agli Stati Uniti

Come l’America, Roma fu fondata dai profughi – da Troia, almeno come è raccontata nel mito.

Roma, come l’America, è stata governata nella sua storia remota da re. Più tardi, i romani si sono dati un auto-governo, con diverse assemblee e un Senato. Più tardi ancora, il potere è stato devoluto all’esecutivo, che probabilmente senza dubbio non è stato un incidente.

I Fondatori degli Stati Uniti hanno modellato il paese sui fondamenti dell’antica Roma, dalle strade fino all’architettura degli edifici governativi, hanno adottato l’uso dell’aquila, come l’uccello nazionale, l’uso di motti latini, e lo sfortunato uso di fasci – la scure circondata da fascine di legna – come il simbolo del potere statale.

Publio, lo pseudonimo dell’autore di The Federalist Papers, ha preso il suo nome da uno dei primi consoli di Roma. Come è stato per Roma, il valore militare è al centro dell’identità nazionale degli Stati Uniti

Quando si adotta seriamente un modello, si cresce fino ad assomigliargli.

Un notevole e capillare lavoro si è sviluppato confrontando tempi antichi e tempi moderni da parte di Edward Gibbon nella pubblicazione del il declino e la caduta dell’Impero Romano nel 1776 – nello stesso anno sono stati scritti da s ‘Adam Smith, La ricchezza delle nazioni e la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati.

Io sono un grande fan di tutti e tre, ma D & F non è solo una grande storia, è una letteratura molto elegante e leggibile. In realtà fa sorridere; comunque Gibbon aveva una sottile ingegno.

Ci sono stati enormi progressi nella nostra comprensione di Roma dal tempo di Gibbon, guidati da scoperte archeologiche. C’erano molte cose che non sapeva, perché era molto più filologo che come storico, e ha basato la sua scrittura su quello che dicevano gli antichi su se stessi.

Non c’era vera scienza dell’archeologia quando Gibbon ha scritto; poco era stato fatto anche per correlare i testi antichi sopravvissuti con quello che era sui monumenti superstiti – anche i monumenti noti – e sulle monete. Per non parlare di scienziati che scavano intorno nelle province di ciò che era rimasto di ville romane, luoghi di battaglia, e questo genere di cose.

Così Gibbon, come la maggior parte degli storici, si possono paragonare a collezionisti del sentito dire.

E come poteva sapere a chi credere tra le antiche fonti?

È come se William F. Buckley, Gore Vidal, HL Mencken, Norman Mailer, e George Carlin abbiano scritto la stessa cosa sullo stesso evento, facendovi intendere che la storia fosse vera.

Oggi è quasi difficile e impossibile dire cosa è realmente accaduto a pochi anni fa … quando in realtà è stata dimentica la storia antica. Ecco perché lo studio della storia è così tendenziosa; così come lo è gran parte di essa, del tipo, “hanno detto/è stato detto.”

In ogni caso, non vogliamo qui fare una lezione sulla storia antica. Ci vogliamo intrattenere un po’ su ipotesi interessanti su ciò che è probabile che accada negli Stati Uniti.

Vorrei iniziare dicendo che io non sono sicuro che il crollo dell’Impero Romano non sia stata una buona cosa.

Ci sono stati molti aspetti positivi a Roma – come ci sono per la maggior parte delle civiltà. Ma a Roma non c’era molto altro, ad esempio io disapprovo, il suo anti-mercantilismo, il suo militarismo e, dopo Cesare, il suo governo centralizzato e sempre più totalitario.

In questa luce, vale la pena considerare se il crollo degli Stati Uniti potrebbe non essere una buona cosa.

Allora perché Roma è caduta?

Nel 1985, un tedesco di nome Demandt ha assemblato 210 motivi. Trovo stupidi alcuni di loro – come la degenerazione razziale, l’omosessualità, e la libertà eccessiva. La maggior parte sono ridondanti. Alcuni di questi motivi sono solo di buon senso – come il fallimento della perdita di fibra morale, e la corruzione.

La Lista di Gibbon è molto più breve. Anche se è piuttosto difficile riassumere i suoi sei grossi volumi in una sola frase, Gibbon, ha attribuito la caduta di Roma a sole due cause, una interna e una esterna:

Rispettivamente, Cristianesimo e invasioni barbariche.

Credo che Gibbon avesse essenzialmente ragione su entrambi.

Tuttavia, a causa della sensibilità della sua epoca, ha sondato il cristianesimo primitivo (cioè, dalla sua fondazione a metà del 4° secolo) molto delicatamente; Ho deciso di farlo meno delicatamente.

Spero che né la mia analisi della religione, né quella delle invasioni barbariche (allora come oggi) disturberà troppo molti lettori.

In ogni caso, pur accettando le idee di base del Gibbon sui cristiani e i barbari, ho deciso ulteriormente di abbattere le ragioni del declino di Roma, in 10 categorie:

  • politico
  • legale
  • sociale
  • demografico
  • ecologico
  • militare
  • psicologico
  • intellettuale
  • religioso
  • economico,

… Ognuno dei quali mi ha toccato.

E, come bonus, verso la fine di questo articolo, vi darò un altro motivo, completamente indipendente, ed estremamente importante per il crollo di Roma e il crollo degli Stati Uniti

Non è necessario essere d’accordo con la mia interpretazione, ma vediamo quali lezioni ci vengono offerte dalla storia di Roma, dalla sua fondazione semi-mitica da Romolo e Remo nel 753 a.C. (una storia che è in conflitto con il racconto di Virgilio di Enea e dei rifugiati troiani) a ciò che è convenzionalmente indicato come la fine dell’impero occidentale nel 476 d.C., quando il bambino-imperatore Romolo Augustolo fu deposto da Odoacre (un generale germanico che era responsabile di quello che passava per l’esercito romano – che per quel tempo era in carenza di personale militare quasi interamente formato da mercenari germanici che non avevano la fedeltà all’idea di Roma).

Sembra un po’ come l’esperienza americana nel corso degli ultimi due secoli:

prima conquista ed espansione

poi dominanza globale

poi slittamento e declino

Politico

Però, è un po’ fuorviante, parlare di una semplice caduta di Roma, e molto più esplicito parlare di una sua graduale trasformazione, con episodi come quelli che i paleontologi descrivono “squilibri punteggiati.”

Ci sono state molte cadute.

Roma repubblicana è caduto nel 31 a.C. con l’adesione di Augusto e l’inizio di quello che è stato chiamato il Principato. Si è quasi disintegrato nei 50 anni della metà del 3° secolo, un periodo di guerra civile costante, l’inizio di gravi incursioni barbariche, e la distruzione della moneta d’argento di Roma, il denaro.

Roma come qualcosa di simile ad una società libera è caduta nel 290 e poi è cambiata di nuovo radicalmente, con Diocleziano e il periodo Dominate (a breve  sarò più preciso su questo). Forse la fine è venuta nel 378, quando i Goti hanno distrutto l’esercito romano ad Adrianopoli e le grosse invasioni sono  iniziate. Forse dovremmo parlare della fine del 410, quando Alarico – un gotico che in realtà era un generale romano – ha condotto il primo sacco di Roma.

Si potrebbe dire che la civiltà non sia davvero crollata fino alla fine degli anni 600, quando l’Islam ha conquistato il Medio Oriente e il Nord Africa tagliando il commercio mediterraneo.

Meglio ancora, è più opportuno parlare del 1453, quando Costantinopoli e l’Impero d’Oriente è caduto.

Forse l’Impero è ancora vivo oggi, sotto forma di Chiesa cattolica – il Papa è il Pontifex Maximus che indossa pantofole rosse, così come quando Giulio Cesare ha ricoperto quella posizione.

Possiamo vedere un lontano riflesso nello specchio a partire nel periodo del Principato, Roma ha subito un trend di accelerazione verso:

assolutismo

centralizzazione

totalitarismo

burocrazia

Credo che si possa discutere che l’America sia entrato nel suo Principato con l’elezione di Roosevelt nel 1933; Da allora, il presidente ha regnato sovrano sul Congresso, come Augusto fece nel Senato Romano.

Nel corso del tempo Roma è caduta sempre più in basso, proprio come hanno fatto gli Stati Uniti

Dopo il terzo secolo, con la costante guerra civile e la distruzione della moneta, il Principato (quando l’imperatore, almeno in teoria, era solo il primo tra gli uguali) ha dato modo al periodo di Dominazione (dalla parola “dominus”, o Signore, riferendosi a un padrone di schiavi), quando l’imperatore divenne un monarca assoluto.

Questo è accaduto con l’ascensione di Diocleziano nel 284 e poi, dopo un’altra guerra civile, Costantino nel 306. Da quel punto in avanti, l’imperatore non ha fatto nemmeno più finta di essere il primo tra uguali ed è stato trattato come un sovrano orientale.

La stessa tendenza è ora in atto negli Stati Uniti, ma siamo ancora lontani dal raggiungimento del suo obiettivo – anche se va notato che il presidente è ora protetto da centinaia e/o addirittura migliaia di guardie del corpo.

Harry Truman fu l’ultimo presidente che in realtà ha avuto il coraggio di uscire dall’ufficio in forma informale a passeggiare per W-DC, come un comune cittadino.

In ogni caso, proprio come il Senato, i consoli, i tribuni e con i loro veti sono diventati anacronismi impotenti, così come lo sono le istituzioni degli Stati Uniti. Nella fase iniziale, a partire dal quarto imperatore, Claudio, nel 41 d.C., i pretoriani (che sono stati istituiti da Augusto) hanno avuto la possibilità di indicare e nominare l’imperatore.

Così probabilmente è vero che oggi gli Stati Uniti, ha i suoi pretoriani:

la NSA, CIA, FBI e, tra gli altri – naturalmente, i militari.

Vedremo in seguito come la controversia elezione presidenziale verrà risolta.

La mia ipotesi è che la massa delle genti (i romani la chiamavano censi capite, o il conteggio delle teste) richiederà un leader forte che possa risolvere la Grande Depressione, la distruzione del dollaro, e la seria guerra in corso.

Bisogna ricordare che la guerra è sempre stata la salute dello stato. Così come sono sempre stati in guerra gli imperatori romani, non da ultimi i loro soldati, da sempre impegnati in guerra. E non è un caso che i cosiddetti grandi presidenti degli Stati Uniti sono stati presidenti di guerra – Lincoln, Wilson e Roosevelt.

Umoristicamente Possiamo aggiungere il presidente di guerra autoproclamato il bambino Bush.

Eroi militari – come Washington, Andrew Jackson, Ulysses Grant, Teddy Roosevelt e Eisenhower – sono sempre facili da eleggere.

La mia ipotesi è che un generale verrà assegnato per l’ufficio alle prossime elezioni, quando saremo in una vera e propria crisi. Il pubblico vuole un generale, in parte perché i militari sono oggi di gran lunga l’istituzione più rinomata della società statunitense.

La sua probabile elezione sarà un errore per diversi motivi, non ultimo che i militari in realtà sono solo una pesante variante armata del servizio postale.

E’ saggio tenere a mente le parole di Gibbon circa i militari:

“Ogni ordine di uomini abituati alla violenza e alla schiavitù saranno dei custodi deboli della costituzione civile.”

Un parallelo politico supplementare con gli Stati Uniti:

fino a Traiano nel 100 d.C., tutti gli imperatori erano culturalmente romani provenienti da vecchie famiglie nobili. Dopo di loro, pochi lo erano.

Gli Stati Uniti ora hanno il suo primo presidente del Kenya – stiamo solo scherzando, naturalmente …

Seconda Parte

Come i romani, siano stati presumibilmente governati da leggi, non dagli uomini.

A Roma, la legge è iniziata con le 12 tavole incise nel 451 a.C., con pochi dettami e abbastanza semplici da essere inscritte sul bronzo dove tutti potevano vederle. Un corpo separato di diritto comune sviluppato da prove, che si teneva a volte al Forum, a volte in Senato.

Quando la legge è stata breve e semplice, il detto “ignorantia legis non excusat” (l’ignoranza della legge non è una scusa) aveva un senso.

Ma, quando il governo e la sua legislazione è diventata più pesante, il detto è diventato sempre più ridicolo. Alla fine, sotto Diocleziano, il diritto è diventato del tutto arbitrario, fatto tutto da decreti dell’imperatore – oggi noi li chiamiamo ordini esecutivi.

Ho citato Diocleziano già più volte. E’ vero che le sue misure draconiane hanno tenuto insieme l’Impero, ma era una questione distruggere Roma per salvarla.

Come negli Stati Uniti, a Roma lo statuto e il diritto comune a poco a poco si trasformò in un labirinto di regole burocratiche.

La tendenza ha avuto una accelerazione sotto Costantino, il primo imperatore cristiano, perché il cristianesimo è una religione trasmessa dall’alto verso il basso, che riflette una gerarchia in cui i governanti sono stati visti come concessioni date loro da Dio.

La vecchia religione romana non ha mai cercato di catturare la mente degli uomini in questo modo. Prima del cristianesimo, chi violava le leggi dell’imperatore non veniva visto come una persona che violava anche le leggi di Dio.

La devolution è simile negli Stati Uniti Vi ricorderete che solo tre delitti sono menzionati nella Costituzione degli Stati Uniti – il tradimento, la contraffazione, e la pirateria.

Ora è possibile leggere nel libro di Harvey Silverglate s ‘, I Tre Crimini del giorno, in cui si sostiene che nella media dei tempi moderni americani, per lo più inconsapevolmente, è in funzione una propria ondata di criminalità personale – perché la legge federale ha criminalizzato oltre 5.000 atti diversi.

Roma divenne sempre più corrotta col passare del tempo, così come gli Stati Uniti

Tacito (56-117 d.C.) ecco cosa dice:

“Più numerose sono le leggi, più corrotta è la nazione”.

Sociale

Insieme ai problemi politici e legali ci sono i problemi sociali.

Il governo romano ha iniziato ad offrire a bocche inutili pane gratuito e più tardi i circhi, verso la fine del Repubblica, dopo le tre guerre puniche (264-146 a.C.). Panem et circenses erano per lo più limitate alla capitale stessa.

Naturalmente erano estremamente distruttive, ma sono state fornite esclusivamente per una ragione pratica: per mantenere la folla sotto controllo.

Roma al suo massimo apice contava di una grande folla di gente intorno ad un milione di abitanti, e almeno il 30% viveva con il sussidio di disoccupazione. Vale la pena notare che il sussidio di disoccupazione è durato più di 500 anni ed è diventato parte del tessuto della vita romana – termina solo quando le spedizioni di grano provenienti dall’Egitto e dal Nord Africa sono state tagliate fuori dai Vandali all’inizio del 5° secolo.

Negli Stati Uniti, ci sono ora più destinatari di benefici statali che di quelli che lavorano.

Programmi come:

Sicurezza sociale

Medicine

aiuto medico

buoni pasto,

… e numerosi altri programmi di welfare assorbono oltre il 50% del bilancio degli Stati Uniti, e che a lungo termine cresceranno rapidamente ancora di più, anche se prevedo che arriveranno al termine o di essere riformati radicalmente entro i prossimi 20 anni.

Riconosco che è una previsione audace, data la longevità del sussidio di Roma.

demografia

L’Impero sembra aver subito un crollo demografico in ritardo nel 2° secolo, durante il regno di Marco Aurelio, almeno in parte, a causa di una piaga che ha ucciso nell’ordine il 10% della popolazione.

Le piaghe antiche sono poco documentate, forse perché erano viste come eventi normali. Ma ci possono essere altre ragioni, più sottili per il calo della popolazione.

Forse la gente non stava solo morendo, inoltre non si stavano riproducendo, che è molto più grave.

La religione cristiana nascente era puritana e ha incoraggiato il celibato. Soprattutto tra i ceppi gnostici del primo cristianesimo, il celibato era parte della formula per la perfezione e la conoscenza di Dio.

Ma, naturalmente, se il cristianesimo fosse stato efficace nel favorire il celibato, ci sarebbero stati più morti. La stessa cosa sta accadendo ora in tutto il mondo sviluppato – in particolare in Europa e in Giappone, ma anche negli Stati Uniti e in Cina.

Dopo la seconda guerra mondiale, le donne americane avevano in media 3,7 figli. Ora è l’1,8; in alcune parti d’Europa, è l’1.3. Parte di questo è dovuto alla urbanizzazione e partecipare ad una comprensione del controllo delle nascite, ma la verità è che una parte crescente semplicemente non può permetterselo; Oggi, è molto costoso avere un bambino.

Credo che un altro elemento importante sia un nuovo movimento religioso, il Greenism, che per molti modi è analogo al primo cristianesimo. E’ ormai considerata antisociale la riproduzione, dal momento che avere figli aumenta le emissioni di anidride carbonica.

Intellettualità

L’essenzialità anti-razionalista del primitivo e avvelenato cristianesimo l’atmosfera intellettuale del mondo classico.

Questo è vero non solo per le religioni in generale, ma per le religioni desertiche del giudaismo, il cristianesimo e l’Islam in particolare – ogni religione è più estrema rispetto al suo predecessore. In tarda antichità, ci fu una battaglia tra la fede dei Padri della Chiesa e la ragione dei filosofi.

Il cristianesimo ha fermato il progresso della ragione, che è cresciuto nel mondo greco-romano fin dai tempi dei razionalisti Ionici,

Anassimandro

Pitagora

Eraclito,

… e altri, fino a:

Aristotele

Archimede

Plinio

La conoscenza di come funzionava il mondo è stata conciliata, anche se lentamente – poi si fermò con il trionfo della superstizione nel 4° secolo. E andò in retromarcia durante tutto il Medioevo, a partire dal 6° secolo.

Si ritiene che il Cristianesimo sia stato utilizzato su tutto ciò che sembra in contrasto con la verità rivelata o anche con le estrapolazioni della verità rivelata, un anatema è il modo di quello che oggi fa molto l’Islam.

La chiesa ha attirato generazioni di uomini da attività intellettuali e scientifiche e verso occupazioni ultraterrene – che non ha aiutato la causa romana. Si può sostenere che, se non fosse per il cristianesimo, il mondo antico avrebbe potuto fare un salto di una rivoluzione industriale (io dico un salto planetario, corsivo mio).

E’ impossibile fare progressi scientifici se il meme in carica sostiene che se non è la parola di un dio, non vale la pena conoscere.

Per quasi 1000 anni, ha sfollato e rivelato credenze, scienze della ragione. Questo ha iniziato a cambiare solo nel 13° secolo con Tommaso d’Aquino, un’anomalia in quanto egli ha abilmente integrato il pensiero razionale degli antichi filosofi – Aristotele in particolare – nel cattolicesimo.

Aquino è stato fortunato che non fu condannato come eretico, invece di essere trasformato in un santo.

Però, il suo pensiero ha avuto alcune conseguenze non volute, che ha portato al Rinascimento, la rivoluzione industriale, e al mondo d’oggi. Almeno fino ad Aquino, da secoli il cristianesimo ha rallentato l’ascesa dell’uomo e all’aumento del razionalismo e la scienza, in aggiunta alla sua complicità nella caduta di Roma.

Tuttavia l’importanza della scienza è cresciuta, la religione – o la superstizione, come descritta da Gibbon – è passata in secondo ordine.

Nel corso degli ultimi 100, anche gli ultimi 50 anni, il cristianesimo è sceso al rango di una storia caratteristica posteriore di Babbo Natale e, sia pure poetica, racconti di saggezza popolare …

Terza Parte Le guerre fatte da Roma.

Le guerre hanno ampliato i confini del paese portandolo alla ricchezza, ma ha anche seminato i semi della sua distruzione, soprattutto le tre grandi guerre contro Cartagine, 264-146 a.C.

Roma iniziò come una repubblica di agricoltori piccoli terrieri, ciascuno con il proprio appezzamento di terreno.

Si doveva essere un proprietario terriero per aderire l’esercito romano; questo era considerato un grande onore, e il non appartenere alla marmaglia. Quando la Repubblica veniva minacciata – e le guerre fin dall’inizio sono diventate una costante ininterrotta – un legionario avrebbe potuto essere impegnato per cinque, dieci o più anni.

La moglie e i successivi figli impegnati nell’azienda avrebbero potuto aver bisogno di denaro preso in prestito per mantenere le cose in corso per non andare in default, quindi, i soldati facendo ritorno a casa alle loro aziende agricole avrebbero dovuto rifondere i creditori, diversamente le aziende sarebbero diventate dei cespugli incolti. Quelli che sono sopravvissuti alle guerre, per un ex legionario potrebbe essere stato difficile ritornare alla vita della fattoria dopo anni anni di saccheggio, saccheggiare e schiavizzare il nemico.

In cima a tutto questo, ci sono state maree di schiavi che si sono resi disponibili a lavorare le proprietà appena confiscate. Così, come l’America, Roma divenne più urbana e meno agraria. Come in America, ci sono stati un numero inferiore di famiglie di agricoltori ma più latifondisti su scala industriale.

La Guerra combattuta  nel lago Mediterraneo romano.

Con le guerre puniche, la Spagna e il Nord Africa divennero province

Pompeo Magno (106-48 a.C.) ha conquistato il Vicino Oriente

Giulio Cesare (100-44 a.C.) conquistò la Gallia, 20 anni dopo

Augusto ha preso l’Egitto

La cosa interessante è che nei primi giorni, la guerra era in realtà molto redditizia.

Si conquistava un posto e si rubava tutto l’oro, bestiame e altri beni mobili e schiavizzando la gente. C’era molta ricchezza che si poteva portare a casa – e poi si poteva mungere la zona per molti anni con le tasse.

Ma le guerre hanno anche contribuito a distruggere il tessuto sociale di Roma con l’annientamento degli agrari, le radici repubblicane del paese hanno corrotto tutto con il costante afflusso del lavoro degli schiavi a basso costo e prodotti alimentari importati gratuitamente.

Le guerre hanno creato ancora più confini lontani, che poi dovevano essere difesi. E alla fine, il contatto ostile con i “barbari” effettivamente liquidati e disegnati come invasori.

Le guerre di Roma hanno cambiato radicalmente la società, proprio come sta facendo l’America. Si stima che a volte l’80-90% della popolazione della città di Roma era nata all’estero. Questo ha una similitudine in molte città degli Stati Uniti.

Però, ho sempre cercato di guardare il lato positivo: dopo ogni disavventura straniera, gli Stati Uniti hanno ottenuto un afflusso di nuove culture esotiche.

Il flusso delle ruberie delle ricchezze da parte di Roma si è conclusa con la conquista della Dacia nel 107. Anticipatamente sono stati fermati i Persiani, una potenza militare comparabile a quella di Roma. Dall’altra parte del Reno e del Danubio, i tedeschi – che vivevano nelle paludi e nelle foreste, formati da piccoli villaggi – i quali non erano degni di essere conquistati. A sud c’era solo il Sahara.

A questo punto, non c’era niente di nuovo da rubare, ma c’erano i costi continui di amministrazione e di difesa delle frontiere.

Era scomodo – e forse non solo una coincidenza – che i barbari cominciarono a diventare davvero problematici di cui solo il cristianesimo lo era iniziando a diventare sempre più popolare, nel 3° secolo.

Il Cristianesimo, nei suoi primi giorni, a differenza di oggi, ha incoraggiato il pacifismo … questa non era la cosa migliore quando si è di fronte a invasioni barbariche.

Ricordate, l’esercito ha iniziato come una milizia di cittadini soldati che hanno fornito le proprie braccia. E alla fine ha accettato di trasformarsi e diventare una forza mercenaria completamente organica e guidata in gran parte da stranieri.

Questo è più o meno come le forze armate degli Stati Uniti si sono evolute.

Ininterrottamente la propaganda ha “Sostenuto le nostre truppe”, le forze armate americane sono ora più rappresentative delle stesse Barrios, ghetti, e roulotte del paese nel suo complesso. E sono isolate da esse, una classe a se stante, come l’esercito tardo-romano.

Anche se l’esercito romano era di grandi dimensioni e avevano un enorme costo, nel periodo della Dominazione, rimane il fatto che era pur sempre una tigre di carta.

Dopo la sua sconfitta nella battaglia di Adrianopoli nel 378, l’impero occidentale si è involuto in una spirale di morte. Le forze armate degli Stati Uniti possono ora essere in una postura analoga, paragonabile alle forze sovietiche del 1980.

Anche se gli Stati Uniti hanno vinto molti impegni e alcune guerre non impegnative, non ha mai vinto una vera e propria guerra dal 1945. Il costo delle sue guerre, tuttavia, è aumentato enormemente. La mia ipotesi è che se si arriva in un’altra grande guerra, non vincerà, anche se nel suo conto sconfiggesse enormi quantità di nemici.

Ricordiamo il piano astuto di Osama Bin Laden, vincere mandando in rovina gli Stati Uniti.

La maggior parte delle attrezzature degli Stati Uniti è solo un bene per combattere un replay della seconda guerra mondiale – mezzi come i $ 2 miliardi spesi per i bombardieri B-2, i $ 350 milioni per gli F-22, e 110 milioni di $ spesi per i V-22 Osprey sono dinosauri ad alto prezzo.

L’esercito ha perso 5.000 elicotteri in Vietnam. Quanti Blackhawks si possono permettere di perdere gli Stati Uniti nella prossima guerra a $ 25 milioni ciascuno?

La seconda guerra mondiale è costato agli US nel 1940 $ 288.000.000.000, in dollari. Le avventure inutili in Iraq e in Afghanistan sono una stima approssimativa pari a $ 4 miliardi di dollari, un importo approssimativamente paragonabile in termini reali.

In futuro – a meno che non cambia completamente la sua politica estera e militare – gli Stati Uniti dovranno probabilmente affrontare decine di attori indipendenti non statali, piuttosto che altri stati-nazione.

Noi non conosciamo veramente chi sono, ma saranno molto efficaci nell’attaccare infrastrutture estremamente costose con  l’hacking computer a quasi costo zero. Essi non avranno bisogno di un B-2 quando una bomba nucleare pakistana rubata può essere caricata su di un cargo. Essi possono prendere con $ 5 milioni un serbatoio di M-1 ordigno incendiario essenzialmente improvvisato a costo zero.

Mentre gli Stati Uniti si avvalgono di bancarottieri come appaltatori della difesa le cui armi hanno un tempo di sviluppo di circa 20 anni, i nemici useranno la guerra open-source, una imprenditoria di sviluppo a basso costo, con armi non convenzionali componenti off-the-shelf.

Questo è in realtà analogo a quello che è successo a Roma di fronte all’invasione dei nomadi.

Nel 450 d.C., un aneddoto riferito da Prisco, ambasciatore Romano alla corte di Attila, dopo aver incontrato un greco che si era unito ai barbari vi darà un sapore della storia che racconta Prisco.

Dopo la guerra gli Sciti sono tornati a vivere rimanendo completamente inattivi, godendo di ciò che hanno guadagnato, molestato, depredato, anche quelli che ne hanno tratto un esiguo profitto o per niente.

I romani, d’altra parte, sono molto suscettibili sulle perdite avute in guerra, perché devono riporre le loro speranze di sicurezza sugli altri, e non sono ammessi, all’utilizzo della braccia a causa dei loro tiranni. E coloro che vengono usati sono provati dalla viltà vissuta con i loro generali, che non possono sostenere la condotta della guerra.

Ma la condizione di questi soggetti in tempo di pace è molto più grave di quanto lo siano i mali della guerra, soggetti alle cospicue  e gravose esazione delle tasse, così uomini senza scrupolo infliggono lesioni ai poveri malcapitati, perché le leggi non sono praticamente valide contro tutte le classi.

Le guerre hanno distrutto Roma, proprio come distruggeranno gli Stati Uniti ..

Ma per quanto riguarda le invasioni barbariche che Gibbon indicava correttamente è forse la causa diretta della caduta di Roma? Abbiamo oggi una analoga situazione? La risposta è un qualificato “sì.”

E’ anche vero che gli stessi Stati Uniti andranno in bancarotta combattendo la “ridicola e chimerica guerra al terrore“, per via del mantenimento di centinaia di basi militari e operazioni in tutto il mondo, sperando forse di entrare in una grande guerra. Ma da un punto di vista culturale, è possibile che il confine meridionale presenterà un problema altrettanto grave.

Il confine USA-Messico è un classico, riguardo al confine, non più stabile e altrettanto permeabile come la linea che divideva il Reno-Danubio, era per i romani.

Il problema ora è che non stanno invadendo delle orde barbariche, ma una popolazione che non ha la fedeltà culturale all’idea di America.

Un sorprendente numero di messicani che attraversano il confine degli Stati Uniti parlano seriamente di una Riconquista, in riferimento al fatto che gli americani hanno rubato il terreno in questione a persone che presumono siano i loro antenati.

In molte parti del sud-ovest, i messicani costituiscono la maggioranza decidendo di non imparare l’inglese – loro non ne hanno bisogno, questa è una cosa nuova per l’immigrazione negli Stati Uniti

La maggior parte sono “illegali”, come si potrebbe dire dei Goti, i Vandali e gli Unni negli ultimi giorni di Roma.

La mia ipotesi è che nel prossimo futuro, ci saranno un sacco di giovani maschi ispanici che riterranno attivamente di non pagare la metà di quello che è il loro reddito per la sicurezza sociale, e le tasse di Obamacare al fine di sovvenzionare vecchie donne bianche nel Nord-Est.

Non sarei sorpreso di vedere parti del sud-ovest in zone “no go” per molte agenzie governative nel corso dei prossimi decenni.

Potranno gli Stati Uniti rimediare e rompere lo schema fatto in passato dall’Impero Romano? Assolutamente; i colori sulla mappa sopra non fanno parte del firmamento cosmico. E non deve avere nulla a che fare con la conquista militare.

Nonostante la presenza di Walmarts, McDonald, e concessionarie Chevrolet in un paese le cui strade sono così impressionanti come i quasi 50.000 miglia di autostrada, così come hanno fatto i romani nel passato, ci sono prove che il paese si stia disintegrando culturalmente.

Anche se ciò che sta accadendo nella zona di confine messicano è la cosa più importante, ci sono crescenti differenze culturali e politiche tra gli stati “blu” e gli stati cosiddetti “rossi”.

Semi-gravi movimenti secessionisti sono al lavoro nel nord del Colorado, Maryland occidentale e Kansas occidentale.

Si tratta di un fenomeno nuovo, almeno da quando è stata combattuta la guerra tra gli Stati del 1861-1865 …

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Le ambizioni della ‘scienza’ dai camici bianchi

La scienza è una religione con i propri sacerdoti
(che indossano camici bianchi non abiti neri).
Richiede fede (fede)
nelle sue teorie migliorabili (dottrine).

 La scienza è una religione  

Scienza ufficiale, nonostante tutte le sue pretese di obiettività, e nonostante il fatto che tenta di rivendicare la verità, è essa stessa una religione.

La scienza si pone su un piedistallo e assicura a tutti che è spassionatamente arrivata alle proprie conclusioni. Nel frattempo, però, è piena di ipotesi, smentite e limitazioni, e rende il grave errore di presentare le sue teorie come fatti.

Gli errori della scienza ufficiale sono volentieri afferrati da tecnocrati, desiderosi di usare la scienza e la tecnologia per promuovere le proprie ambizioni di controllo, costringendoci ad essere sottoposti a tali ambizioni che comprendono:

vaccini
OGM
sorveglianza
riscaldamento globale artificiale
geo-ingegneria
INTELLIGENZA
microchip,
… una agenda sopra un pubblico ignaro.

Il previsto Nuovo Ordine Mondiale ha un massiccio aspetto tecnocratico.

Il materialismo è la forza trainante dietro la scienza ufficiale, è stato dimostrato più e più volte che ha marcato la capacità di spiegare il mondo che ci circonda, soprattutto in relazione all’idealismo o altre teorie che spiegano la natura energetica della realtà.

Eppure, nonostante questo, restiamo tutti insieme abbagliati dal materialismo, perché la scienza è una religione che ha indotto una certa fiducia in noi.

Fino a poco tempo fa, la società ha avuto in generale delle difficoltà ad accettare il fatto che i regni energetici invisibili sono più potenti e più primordiali dei regni materiali che possiamo vedere e toccare … ma che stanno cominciando a cambiare.

The human energy field (aura)

is evidence that we are not just matter.

Il campo energetico umano (aura) è la prova che non è solo un’ipotesi.

La scienza è una religione Going Back to Athens – Materialismo contro idealismo

Questa non è certamente la prima volta che abbiamo lottato con il dibattuto sul fatto che il mondo può essere meglio descritto con il materialismo.

Gli antichi scienziati e filosofi greci hanno meditato a lungo sulla questione.

Il materialismo contro l’idealismo è davvero una battaglia filosofica tra idee che,

la materia esiste indipendentemente (e che la coscienza non esiste o è secondaria)


in contrasto è che l’idea e la coscienza, il pensiero e l’energia sono primari (e che la materia sia secondaria)

E’ stato il primo punto di vista che ha sostenuto Democrito (e le sue idee sono state prese ulteriormente da Aristotele), mentre Plato ha proposto il secondo punto di vista con la sua famosa teoria delle Forme o teoria delle idee.

Secondo Platone, la nostra realtà materialista è una copia inferiore di un mondo molto più perfetto.

Questo è esattamente in linea con quello che culture diverse, sciamani, religioni e tradizioni spirituali hanno detto circa la preminenza dell’energia della mente sulla materia.

Anche molti tradizionali illustri scienziati occidentali nel corso degli ultimi 100 anni hanno colto il punto che la materia non è solida.

Qui ci sono i migliori e i più brillanti di loro che alludono al fatto che l’energia è preponderante alla materia:

“In origine, tutta la materia esisteva solo in virtù di una forza che porta la particella di un atomo che vibra e mantiene questo sistema solare più minuto dell’atomo stesso. Dobbiamo assumere dietro questa forza l’esistenza di una mente cosciente e intelligente. Questa mente è la matrice di tutta la materia”. Max Planck

“Se si vogliono trovare i segreti dell’universo, bisogna pensare in termini di energia, la frequenza e la vibrazione.”

Nikola Tesla

“Oggigiorno la scienza comincia a studiare i fenomeni non fisici, renderà più progressi in un decennio che in tutti i precedenti secoli dell’esistenza stessa della scienza.”

Nikola Tesla

“Gli atomi o le particelle elementari stesse non sono reali, formano un mondo di potenzialità o possibilità piuttosto che dei fatti o delle cose.

Werner Heisenberg

“Possiamo quindi considerare la materia come un essere costituito dalle regioni di spazio in cui il campo è estremamente intenso … non c’è posto in questo nuovo tipo di fisica per il campo e la materia, il campo è l’unica realtà.”

Albert Einstein

“Il campo è l’unico organismo di governo della particella.” 

Albert Einstein

“Tutto quello che chiamiamo reale è fatto di cose che non possono essere considerate come proprio vere.”

Niels Bohr

Platone ha scritto anche che l’intero universo può essere spiegato matematicamente dai numeri.

Questo si allinea esattamente con l’idea che viviamo in un universo olografico – una sorta di simulazione al computer con i numeri digitali a sua fondazione.

Il Rinascimento – Rafforzare la parte sinistra del cervello – Visione Materialista

Il Rinascimento è stato annunciato come un periodo d’oro per l’umanità, e per molti versi lo era, ma ha anche cementato ulteriormente la visione materialista (nella sinistra del cervello) del mondo, che si trova nelle opere di,

Copernico
Galileo
Cartesio
Newton

Copernico e Galileo notoriamente hanno proposto l’eliocentrismo il modello geocentrico esistente, come ha dimostrato il recente l’aumento del movimento terra piatta, vi è una quantità copiosa di prove che suggeriscono che la teoria eliocentrica è ben lungi dall’essere completa e infallibile.

E’ stato Cartesio che notoriamente ha affermato “Penso, dunque sono” e ha dato alla luce la menzogna che il pensiero, la ragione e la logica sono alla base della nostra esistenza, quando in realtà lo è l’essere o la coscienza.

Non vi è alcun cervello che possa pensare, senza una coscienza che lo anima.

Newton, per tutto il grande lavoro che ha fatto per la fisica, si avvicinò basandosi matematicamente con una serie di numeri, formule astratte, meccaniche che ha definito “le leggi della natura”.

Sebbene fosse di vissuto diversi secoli dopo Newton, geniale inventore e vero scienziato Nikola Tesla ha lasciato un commento molto significativo per quanto riguarda l’ufficiale tendenza della scienza lasciando gli scienziati bloccati in un solco con le loro astratte teorie matematiche.

Questa affermazione potrebbe sicuramente essere applicata a Einstein, che nonostante il suo ardore nel proporre la teoria della relatività, ha lavorato più di 3 decenni, successivamente dopo e non è mai riuscito a completare la sua teroria portandola a termine.

Tesla ha detto:

“Gli scienziati di oggi hanno sostituito la matematica con gli esperimenti, e vagano fuori attraverso equazione dopo equazione, e, infine, hanno costruito una struttura che non ha alcuna relazione con la realtà.”

Eugenetica darwiniane e Evoluzione 

Charles Darwin, per quelli di voi che non lo conoscono, faceva parte di una famiglia d’elite che ha favorito l’eugenetica, e non è sorprendente che la sua teoria dell’evoluzione abbia sottolineato la competitività del cane che mangia cane, la sopravvivenza del più forte e la potenza, avvalorando come giusto – tutte le abitudini e i valori della psicopatica classe dominante.

Coloro che insistono sull’idea che “la scienza sia una religione” è falso, possono trovarsi in difficoltà a spiegare perché uno come Darwin abbia scelto di concentrarsi in questa teoria, sugli elementi della natura, invece di concentrarsi sull’incredibile cooperazione e simbiosi che è diffusa in natura – e in misura maggiore di concorrenza. 


La scienza oggi è una Religione – La Folle Ricerca senza fine per la più piccola particella

La scienza oggi va avanti e velocemente, e sembra sia una religione come mai visto prima.

E’ quello sta succedendo al CERN con l’Hadron Collider per la ricerca di particelle sempre più piccole, sembra una ufficiale scienza materialista, disperatamente sta cercando di giustificare se stessa e la sua superata teoria, come un cane che invano si morde sempre la coda.

Recentemente nel novembre 2014 il Dr. Brian Whitworth ha pubblicato un documento (Realismo Quantum – il mondo fisico è come una realtà virtuale), che contrasta le opinioni materialistiche e idealistiche, inquadrandole come un realismo fisico e realismo quantistico.

Quando i dati sono stati abbinati, ha trovato (simulando) il modello del realismo quantistico che si adattava molto meglio ai fatti e alle osservazioni.

Lui scrive:

“Il bosone di Higgs è la particella virtuale creato da un campo invisibile per spiegare un’altra particella virtuale creato da un altro campo invisibile per spiegare un effetto reale (decadimento del neutrone).

I dati  sull’energia oscura e materia oscura, spiega al massimo il 4% della massa dell’universo, questo è quello che ha avuto bisogno il modello standard, così quando dopo cinquant’anni il CERN ha trovato un milione, milioni, milioni, milionesimi di un secondo segnale nella gamma possibile, la fisica si è sentita sollevata.

Non ci sono prove di questa “particella” non ha alcun effetto su tutta la  massa, ma il modello standard sopravvive.

Impilando i campi su campi, il modello standard ha ora almeno 48 particelle puntiformi, 24 immobili a muro, 5 campi invisibili sovrapposti e 14 particelle virtuali che compaiono dentro e fuori, sempre e ovunque, su richiesta della loro esistenza.

E non è ancora finito, come ogni nuovo effetto ha bisogno di un nuovo campo, ad esempio, l’inflazione ha bisogno di un campo inflatone.

Se questo approccio, fondato sul realismo fisico, è preferito, non ha causa della sua semplicità, in quanto è difficile immaginare qualcosa di più complicato! Il capitolo 4 suggerisce che mentre i calcoli a muro funzionano, la loro interpretazione è una mitologia su una scala che non si vedeva dai tempi di Tolomeo “.

La scienza è una religione – Noi siamo fondamentalmente ciechi allo spettro elettromagnetico

Il materialismo è come un grande magazzino nel quale possiamo apprendere e stivare l’apprendimento che abbiamo con i nostri 5 sensi, soprattutto con la vista, dal momento che è il senso dominante per la maggior parte delle persone.

Eppure, di tutto ciò che conosciamo noi possiamo vedere solo una piccola gamma da circa 700 nanometri (nm) abbreviato a 400 nm, tra i raggi infrarossi e ultravioletti tutto il resto che non possiamo vedere esiste solo nello spettro elettromagnetico completo.

Secondo questo breve video clip, se lo spettro elettromagnetico fosse una bobina di un film lungo 2500 miglia (che si estende dalla California all’Alaska), la banda della luce visibile sarebbe di circa 1 pollice!

Secondo i miei calcoli, se questi numeri sono corretti, significa che noi percepiamo solo lo 00000000631313% di ciò che è veramente lì.

Allora perché la tradizionale scienza ripone tanta fiducia nella nostra realtà  dei 5-sensi e ignora l’invisibile tacciandolo come fantasia o immaginazione, perché siamo così ciechi?


La diffusa ricerca scientifica fraudolenta della Big Pharma, è stata riconosciuta come una frode stabile da  redattori di riviste mediche, professori, medici, funzionari di governo e gli ex addetti Big Pharma.


Il Mainstream della Scienza – impantanato da frodi e falsità

Finora, ho discusso le ragioni per cui la scienza ufficiale è ideologicamente o teoricamente sulla strada sbagliata.

Non ho ancora iniziato a toccare i modi in cui la scienza sia terribilmente sbagliata e scambiata a livello pratico. Triste a dirsi, la scienza è stata completamente corrotta da interessi particolari che finanziano e determinano l’esito di gran parte della ricerca.

Essi possono pagare chi vogliono per qualsiasi cosa che abbia un “risultato scientifico”, questo è il loro ordine del giorno, non solo perché il proprio atto di osservazione determina la propria realtà, ma anche perché possono inclinare, distorcere e omettere dati in linea con i loro obiettivi.

In poche parole, uno scienziato che scopre un risultato “sbagliato” sarà rapidamente respinto o tolti i fondi.

Questo falso della scienza fraudolenta, non è per tutti vera scienza, ma piuttosto l’aziendale scienza spazzatura che passa tutta pervasiva  sotto la rubrica della scienza.

Vedi articoli,

… per una discussione più completa su questo punto.

Ecco come Marcia Angell, ex redattore capo del stimato New England Journal of Medicine (NEJM), ha qualcosa da dire sulla pervasiva ricerca scientifica fraudolenta

“E’ semplicemente non più possibile credere alla gran parte della ricerca clinica che viene pubblicata, o fare affidamento sul giudizio dei medici di fiducia o di linee guida mediche autorevoli …

Certamente questa conclusione non mi da nessun piacere, ho raggiunto lentamente e con riluttanza le mie deduzioni da due decenni come redattore di The New England Journal of Medicine “.

Fortunatamente, ci sono molti veri scienziati con i piedi per terra al di fuori della falsità che mettono avanti le prove alternative da prendere in considerazione  (ad esempio l’uomo politico con l’agenda del riscaldamento globale).

La verità non può essere nascosta per sempre.

Conclusione – La scienza è una religione che richiede la fede

Gli scienziati tradizionali probabilmente si sentono inorriditi nel sentirlo, ma la verità è che la scienza è una ‘religione’ con i propri sacerdoti – che indossano  camici bianchi piuttosto che abiti neri.

Richiede fede (fede) nelle sue teorie (dottrina) che in ultima analisi non potrà mai essere provata  (Evoluzione, Relatività, del Big Bang), perché sono pieni di ipotesi e contraddizioni.

C’è sempre almeno una domanda che non potrà mai essere risolta, e ridefinire costantemente i termini, omettendo i numeri o inventare nuovi fattori, diventa a un certo punto, come torcere i fatti in base alle teorie, piuttosto che torcere le teorie per soddisfare i fatti, così come amava dire il personaggio di fantasia Sherlock Holmes.

Terence McKenna scherzosamente la messa in questo modo:

“La scienza moderna si basa sul principio:
‘Dateci un miracolo gratuito, e spiegheremo il resto.’

L’unico libero miracolo è l’aspetto di tutta la massa e l’energia dell’universo e di tutte le leggi che lo governano in un solo istante dal nulla”. 

La scienza materialista ha cercato di convincerci che tutto può essere spiegato con gli atomi solidi, ma come vari esperimenti hanno dimostrato, solo teorie che rappresentano la coscienza, l’energia, non la località e altri fenomeni hanno senso.

Le particelle sono distribuzioni di probabilità, non le poche cose cose difficili.

Il materialismo è inferiore più e più volte nel descrivere e prevedere il nostro mondo. Noi in realtà viviamo in un universo olografico – una simulazione al computer, che guarda e si sente reale, ma che si compone di materiale che non è solido.

Il Mainstream della scienza materialista è una religione – ed è atteso da molto il tempo di rinunciare alla ‘fede’ …

fonti
https://www.youtube.com/watch?v=mfHitaYNZas  (youtube non più attivo)
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/toxic-vaccine-adjuvants-the-top-10/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/category/gmos-genetically-modified-organisms/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/hijacked-environmental-movement/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/category/geoengineering/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/smart-deception/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/digestible-microchips-nwo-microchipping/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/2nd-biggest-conspiracy-flat-earth/
http://www.scienceandapologetics.org/engl/turner.html
http://brianwhitworth.com/BW-VRT1.pdf
https://www.youtube.com/watch?v=kfS5Qn0wn2o
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/hierarchy-of-evidence-massive-flaw/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/corporate-junk-science-10-tricks/
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/fraudulent-scientific-research-big-pharma/
http://www.nybooks.com/articles/2004/07/15/the-truth-about-the-drug-companies/?pagination=false
http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/scientists-refute-manmade-global-warming/

by Makia Freeman
May 29, 2016
from Freedom-Articles Website 

LINK

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.da