Crea sito

Metalli Divini

Sud Africa, trovata una metropoli di 200.000 anni realizzata dagli Anunnaki?

METALLURGIA

L’uso dei metalli da parte dell’uomo è iniziato con l’oro ed è continuato con argento e rame – metalli che si trovano allo stato puro in natura. Reperti archeologici indicano che l’uso di “pietre tenere” (ossia i metalli), martellandole e dando loro forme utili, cominciò nel vicino Oriente nel IV millennio a.C.; l’uso di metalli puri si trasformò in metallurgia nel IV millennio a.C. con l’introduzione della lega di rame e stagno chiamata bronzo; i progressi tecnologici nella lavorazione dei minerali metallici introdussero l’Età del Ferro nel II millennio a.C. 

A differenza dell’archeologia, le antiche credenze in tutto il mondo, che trattano la successione delle età dei metalli (a partire dall’Età dell’Oro), assegnavano invariabilmente a queste tre ère una ben maggiore antichità.

Anche le narrazioni sumere degli Anunnaki, che descrivono il loro arrivo sulla terra alla ricerca di oro e la creazione di Bad-Tibira come centro metallurgico nell’Edin, fanno risalire questi eventi a un periodo precedente il Diluvio.

Anche nella Bibbia si trovano riferimenti all’uso del metallo prima del Diluvio: osservando ad esempio che uno dei fiumi dell’Eden scorreva da dove <<giungeva il buon oro>> e notando che Tubalkain (della stirpe esiliata di Caino) era <<il fabbro, padre di quanti lavorano l’oro, il rame e il ferro>>. (Genesi 4,22). 

Secondo le iscrizioni sulle mura del tempio a Edfu, in Egitto, il dio Horus donò ai suoi sostenitori umani armi di “ferro divino” forgiate in una fonderia che lui aveva creato in quel luogo.

Attività estrattiva delle miniere

Pur se in linea di massima viene considerata parte integrante dell’argomento metalli e metallurgia, l’estrazione mineraria svolse un ruolo importante negli affari degli Anunnaki, come è descritto chiaramente nell’Epica di Atra-Hasis e in altri testi citati da ZS.

Essendo stati costretti a lavorare nelle miniere per estrarre l’oro di cui avevano bisogno, gli Anunnaki assegnati a tale lavoro si ribellarono, l’ammutinamento sfociò nella creazione di un “Lavoratore Primitivo” – l’Homo Sapiens – affinché lavorasse al posto loro.

Oro (Gush.kin, Ku.gi).

“L’Oro Lucente estratto dalla Terra”; anche Zu.ab. “Ciò che brilla proviene dalle profondità primordiali”, da cui deriva probabilmente (H) Zahab, “oro”): minerale prezioso e lucente che si trova sia sotto forma di filoni nelle viscere della Terra, sia come pepite nei letti dei fiumi o come granelli mescolati all’acqua di mare.

E’ il metallo più malleabile e duttile conosciuto: può essere allungato, ridotto in fili sottilissimi, in lamine, in fogli, in grani o polvere (oggi persino essere ridotto ai suoi atomi). Si può fondere, colare, forgiare, martellare e si può legare ad altri metalli; non è corrosivo ed è un perfetto conduttore elettrico.

Primo metallo noto al genere umano, sin dall’inizio venne considerato proprietà degli dèi che lo usavano per comunicare con l’umanità (il bastone d’oro che Viracocha consegnò in Perù; i Cherubini d’oro sull’Arca dell’alleanza per ascoltare Yhaweh). 

Sia nel Vecchio sia nel Nuovo Mondo, le dimore divine e i Sancta Sanctorum erano interamente rivestiti del prezioso metallo a formare recinti d’oro, decorati con emblemi d’oro, oggetti rituali in oro e perfino utensili in oro.

Secondo i testi sumeri, gli Anunnaki estraevano l’oro dall’Africa sud-orientale (Arali, “luogo dei filoni lucenti”), dalle miniere dell’Ab.zu (“Profonda sorgente primordiale”). I testi attribuivano la decisione degli dèi di creare l’uomo alla necessità di avere dei lavoratori primitivi in grado di sostituire gli Anunnaki nelle miniere, dopo l’ammutinamento di questi ultimi, stufi delle condizioni proibitive in cui erano costretti a lavorare.

Quando il Diluvio distrusse tutto, emerse una nuova fonte di oro, pronta per essere raccolta: le pepite che abbondavano sul terreno esposto proprio dalle acque del Diluvio in Sud America, dando origine agli insediamenti e alle operazioni che ebbero come centro Tiahuanacu. Ciò spiega la quantità incredibilmente vasta di oro e manufatti d’oro razziata dai conquistadores spagnoli nelle terre andine del Sud America, i cui indigeni non erano assolutamente in grado di estrarre dalle miniere.

Lo Stagno (An.na):

metallo che, a differenza dell’oro, argento o rame, si trova molto raramente allo stato puro in natura. Veniva ricavato da un minerale, la cassiterite (ossido di stagno), seguendo un processo di estrazione complesso, composto da numerosi fasi: il minerale veniva combinato con il carbonio in apposite fornaci in grado di raggiungere temperature elevate; lo stagno fuso veniva raccolto e purificato attraverso un ulteriore processo di fusione.

E’ un metallo estremamente utile perché, mescolato in piccole porzioni al rame (poco più del 10%), forma una lega – il bronzo – che acquista una resistenza straordinaria. Nonostante la complessità dei processi metallurgici che hanno consentito il passaggio alla cassiterite al bronzo, a Sumer (dove lo stagno veniva chiamato An.na, “Pietra Celeste”) “L’età del Bronzo” risale al 3600 a.C., e da lì si diffuse poi lentamente, nell’arco di parecchi secoli, in tutto il Vicino Oriente.

Questa impresa dei Sumeri è ancora più importante se si considera il fatto che, mentre il rame si poteva ricavare dalle fonti del Vicino Oriente, relativamente poco distanti (Cipro, Creta), i minerali di stagno si trovavano in terre più lontane: nel subcontinente indiano e nel Lontano Oriente, nelle Isole Britanniche (Cornovaglia) o in Sud America (nei pressi del Lago Titicaca).

Nel libro Gli Dei dalle Lacrime d’Oro di ZS, viene citato un testo sumero in cui Inanna parla della presenza di stagno nel suo dominio nella Valle dell’Indo e fornisce la prova che gli Anunnaki ricavavano lo stagno a Tihuanacu in Bolivia – ancora oggi principale fonte mondiale di stagno. ZS si è chiesto persino se il nome della città derivi dalla parola accadica per stagno – Anaku – così che Ti-anaku significava letteralmente “Città dello stagno”

Ferro: Età del ferro (An.ta):

il passaggio dal bronzo al ferro, quale metallo più robusto per armi e utensili, richiedeva importanti progressi tecnologici, che andavano dall’estrazione mineraria, alla separazione delle scorie, alla raffinazione, alla fusione, alla colatura.

Prove archeologiche indicano che il cambiamento si verificò nell’antico Vicino Oriente nel 1200 a.C. circa. Prove testuali, tuttavia, suggeriscono una precoce familiarità con il ferro: leggende egizie di Horus e Seth in battaglia – molto prima dell’era faraonica – descrivono Horus che donava ai suoi seguaci umani <<armi che vennero forgiate>> (ossia fatte di ferro).

La Bibbia, nel capitolo 4 della Genesi racconta che Tubalkain, discendente di Caino, era un “fabbro, padre di quanti lavoravano il rame e il ferro”, presumibilmente già prima del Diluvio. Nel Deuteronomio, la Terra promessa è descritta – all’epoca dell’Esodo, nel XV secolo a.C. – come un <<paese dove le pietre sono ferro e dai cui monti scaverai il rame>>. 

Fonte: 

Le Cronache Terrestri Rivelate di Zecharia Sirchin 2009

p: 104-163-186-187-230

Articoli correlati:

La Maledizione dell’Oro  

L’Età dell’Oro, dell’Argento, del Bronzo e l’eroica età del Ferro  

Dov‘è finito tutto l’Oro del Mondo?  

Il Sud Africa è conosciuto come il più grande paese produttore di oro al mondo. La più grande zona di produzione d’oro del mondo è il Witwatersrand, la stessa regione dove l’antica metropoli si trova. Infatti nelle vicinanze di Johannesburg, una delle città più note del Sud Africa, è anche un luogo chiamato “Egoli”, che significa la città d’oro. (Continua QUI l’interessante articolo) 

Nin.Gish.Zid.Da 

La misteriosa Piana di Giza

Oggi, nonostante il fatto che solo pochi conoscono la vasta città sotterranea,
in passato era ben conosciuta e documentata.

C’è un’incredibile città “perduta” sotto le Piramidi di Giza

C’è un’incredibile città “perduta sotterranea che si trova sotto le piramidi di Giza, e nonostante il fatto che solo oggi pochi conoscono, è stata estremamente ben documentata in passato.

La misteriosa Piana di Giza è ancora più sbalorditiva quando ci si rende conto che l’antica città di Memphis (l’odierna Giza) è piena di passaggi sotterranei, colonne, con un sistema di caverne e camere, dove si trova tra le loro mura manufatti storici di immenso valore datati migliaia di anni fa migliaia. Tuttavia, le autorità egiziane non sono disposte a rivelare al grande pubblico ciò che si trova al di sotto della piana di Giza, come molte altre scoperte fatte nel corso degli anni in Egitto.

C’è una storia del tutto perduta e ignorata dagli studiosi tradizionali quando si tratta di civiltà dell’antico Egitto e le enigmatiche Piramidi, che a detta di molti precede la civiltà egizia stessa. Per comprendere la misura (parziale) di quello che ci hanno insegnato a scuola della storia sul nostro pianeta, dobbiamo capire che innumerevoli scoperte sono state completamente ignorate dagli studiosi tradizionali.

Una di queste scoperte ha avuto luogo in Egitto, dove un imponente sistema di tunnel sotterranei con camere e sale è stato scoperto sotto la superficie della Piramide. Una vera storia di quello che è accaduto sotto la sabbia migliaia di anni fa, non è presente negli insegnamenti tradizionali del nostro passato sulla civiltà e, la riflessione sulle innumerevoli scoperte effettuate negli ultimi decenni indicano chiaramente che la storia così come la conosciamo è solo parziale.

Al fine di comprendere l’enigmatica ‘città’ sotterranea situata sotto la Piana di Giza, ci si avventura fuori dal distretto dell’Oasi del Fayum, che si trova a poche miglia al di fuori di Memphis. È degno di nota ricordare che in passato, il Lago Moeris delimitava l’Oasi del Fayum e proprio sulle sue sponde si trova l’enigmatico labirinto descritto da Erodoto come “una meraviglia senza fine.”

Si dice che il misterioso ‘labirinto’ di dimensioni impressionanti, conteneva fino a 1500 camere e una pari quantità di camere sotterranee che al filosofo greco non è stato consentito di ispezionare. Secondo i custodi del Labirinto, “i passaggi erano sconcertanti e intricati”, creati al fine di mantenere sicuri nei numerosi sotterranei gli innumerevoli testi antichi e pergamene.

In realtà, questo antico complesso, ha impressionato Erodoto in modo tale che si sentiva in dovere di parlare della misteriosa struttura:

“Ho visto dodici palazzi regolarmente disposti, che comunicavano gli uni con gli altri, intervallati da terrazze e disposti intorno dodici padiglioni. E’ difficile credere che sono opera dell’uomo, le pareti sono ricoperte da figure scolpite, e ogni costruzione è squisitamente costruita di marmo bianco e circondato da un colonnato. Presso l’angolo dove finisce il labirinto, c’è una piramide, duecentoquaranta piedi di altezza, con grandi figure scolpite di animali su di essa e un passaggio sotterraneo che l’attraversa. Mi è stato detto che è molto credibile che passaggi sotterranei siano collegati a questa piramide con le piramidi di Memphis.

In realtà, l’antica Memphis (Giza) ha un sistema sotterraneo gigantesco che si combina con una serie di intricati passaggi artificiali, fiumi sotterranei e gallerie. Mentre questi sono stati descritti migliaia di anni fa, le cavità sotterranee gigantesche sono state mappate nel 1978 con il georadar grazie ad esplorazioni guidati dal Dr. Jim Hurtak, che si dice essere entrato in enormi camere che sono più grandi delle più grandi e moderne cattedrali erette dall’uomo.

Tuttavia, in aggiunta a quanto sopra, ha parlato anche delle giganti metropoli sotterranee collocate al margine di Giza, datate almeno 15.000 anni.

È interessante notare, ci sono numerosi autori antichi che hanno sostenuto la documentazione di Erodoto ‘di passaggi sotterranei che collegano le principali piramidi. E’ importante ricordare che Giamblico, noto anche come Giamblico Chalcidensis, o Giamblico di Apamea, un filosofo neoplatonico siriano che ha registrato informazioni su di un ingresso attraverso il corpo della Sfinge che conduce all’interno della Grande Piramide di Giza:

Oggi, questo ingresso ostruito da sabbie e detriti ma, può ancora essere rintracciato tra le zampe anteriori del colosso accovacciato. In precedenza era chiuso da un cancello di bronzo la cui segreta serratura poteva essere aperta solo dai Magi. L’ingresso è stato sorvegliato e tenuto nascosto al pubblico, e una sorta di timore religioso ha mantenuto la sua inviolabilità, meglio di quello che avrebbe fatto una protezione armata. Nel ventre della Sfinge sono state scavate delle gallerie che conducono alla parte sotterranea della Grande Piramide.

Queste gallerie attraversano abilmente tutto il percorso fino alla Piramide che, se ci si avventura sempre più in questa rete di gallerie senza una guida, inevitabilmente ci si ritrova al punto di partenza.

Antica Sala Egiziana delle annotazioni degli antichi codici

Crantore (300 a.C.), ha affermato che in Egitto una serie di pilastri sotterranei contengono una documentazione preistorica scritta sulla pietra, Crantore ha sostenuto con grande fermezza gli scritti di Erodoto.

Tuttavia, ancor più, interessante è il fatto che scritti su antichi sigilli cilindrici sumeri sono la documentazione degli Anunnaki dove la loro dimora segreta è stata descritta come: 

“Un luogo sotterraneo … dove si entra in un tunnel, il suo ingresso è nascosto dalla sabbia e da quello che chiamano Huwana … che ha denti come quelli di un drago, il suo volto, quello di un leone”. Questi estremamente antichi testi, frammentati in diversi pezzi, registrano, inoltre, che “gli [Huwana] non sono in grado di andare avanti, n’è indietro”, ma possono essere attaccati da dietro, così facendo, “la dimora segreta degli Anunnaki” poteva essere violata. (Fonte

Sorprendentemente gli antichi testi sumerici hanno relativamente fornito una buona descrizione sulla testa di leone della Sfinge di Giza, un monumento che precede sicuramente le civiltà dell’Antico Egitto ed è stata edificata per proteggere le Piramidi e le innumerevoli camere e gallerie situate sotto Giza. 

Tuttavia, troviamo molte e vaste più prove sulle camere sotterranee negli scritti di Plinio nello storico primo secolo romano, dove ha documentato che sotto la potente Sfinge si trova una “tomba di un principe di nome Harmakhis che contiene un grande tesoro Sorprendentemente Nascosto. “La Grande Sfinge una volta era chiamata “la Grande Sfinge Harmakhis che ha fatto la guardia fin dai tempi dei seguaci di Horus”. 

Un’ulteriore prova a sostegno dell’esistenza delle volte sotterranee è documentata dallo storico romano del IV secolo Ammiano Marcellino che ha documentato l’esistenza di passaggi che portano all’interno della Grande Piramide di Giza: 

“Le iscrizioni che gli antichi asserivano sono state incise sulle pareti di alcune gallerie sotterranee e passaggi, sono stati costruiti in profondità nell’interno e al buio per preservare la saggezza antica dal Diluvio.” 

Altre prove si trovano in un manoscritto documentato dallo scrittore arabo Altelemsani e conservata al British Museum. Altelemsani ha documentato l’esistenza di una vasta camera sotterranea quadrata situata sotto terra, tra la Grande Piramide e il fiume Nilo. Altelemsani ha scritto che c’era qualcosa di enorme che bloccava l’ingresso dal fiume Nilo. 

Altelemsani ha scritto: 

“… Nei giorni di Ahmed Ben Touloun, una squadra è entrata nella Grande Piramide attraverso il tunnel e ha trovato in un lato della camera un calice, un bicchiere di rara fattura e consistenza. Mentre stavano per uscire, hanno perso un componente della squadra, sono ritornati indietro a cercarlo, in quel mentre, il disperso è andato incontro alla squadra e ridendo disse: “Non cercatemi e non seguitemi”, e poi si precipitò all’interno della piramide. I suoi amici hanno percepito che era incantato, qualcosa lo aveva stravolto. 

Dopo aver appreso di strani avvenimenti sotto la Piramide, Ahmed Ben Touloun espresse il desiderio di vedere il calice di vetro. Durante l’esame, è stato riempito con acqua e pesato, poi svuotato e ri-pesato. Lo storico ha scritto che era “risultato essere dello stesso peso, sia vuoto come quando era pieno d’acqua.” (Fonte

È interessante notare che nel corso del 10° secolo, uno scrittore di nome Masoudi ha affermato che le avanzate statue meccaniche erano a guardia delle gallerie sotterranee situate sotto la Grande Piramide di Giza. La sua descrizione, di mille anni fa, può essere paragonata oggi a un robot computerizzato. Secondo Masoudi, questi robot sono stati programmati per distruggere tutti gli intrusi “ad eccezione di quelli che con il loro comportamento erano degni di essere ammessi”.

Egli scrisse: “… resoconti scritti di saggezza e acquisizioni nelle diverse arti e le scienze erano nascosti in profondità, per rimanere a testimonianza e beneficio di coloro che potrebbero in seguito capire …”.

Masoudi ha asserito: “… ho visto cose che non posso descrivere per la paura di persone che possano mettere in dubbio la veridicità e la mia intelligenza … ma, quelle cose io le ho viste …”.

Secondo Erodoto, gli antichi sacerdoti egizi parlavano di un un lungo tempo passato e della creazione di camere sotterranee create dai costruttori originali dell’antica Memphis. È interessante notare che queste storie sono state confermate quando le grandi cavità sono state scoperte nel corso di un sondaggio condotto di Giza nel 1993.

I rapporti che sostengono l’esistenza di vaste camere è stato documentato da un articolo di giornale chiamato “Mistero in galleria in Sphinx”:

“I restauratori che con difficoltà hanno riparato la Sfinge hanno scoperto un antico passaggio che conduce nelle profondità nel corpo del misterioso monumento. Il direttore e archeologo degli antichi scavi di Giza, il signor Zahi Hawass, ha detto che non vi era alcuna controversia, limitandosi a dire che il tunnel era molto vecchio. Tuttavia, ciò che è sconcertante è: chi ha costruito il passaggio e Perché? Inoltre, dove porta …? Il signor Hawass ha detto che aveva intenzione di rimuovere le pietre che bloccano l’ingresso. I cunicoli segreti del tunnel nel lato nord della Sfinge, circa a metà strada tra le zampe tese della Sfinge e la coda.” (Fonte)

Nel 1935, storie incredibili sono emerse dopo che ha avuto luogo un progetto di compensazione durato un decennio. Un articolo pubblicato lo stesso anno da Hamilton M. Wright ha descritto l’esistenza delle aree sotto Giza. Queste informazioni, come molte altre scoperte, vengono ancora negate dalle autorità egiziane, nonostante numerose evidenze dimostrano la loro esistenza.

L’articolo diceva:  

“… Abbiamo scoperto un sottopassaggio utilizzato dagli antichi Egizi di 5000 anni fa. Si passa sotto la strada rialzata che porta tra la seconda Piramide e la Sfinge. Essa fornisce un mezzo per passare sotto la strada rialzata dalla Piramide di Cheope alla Piramide di Chefren. Da questa strada sotterranea, abbiamo portato alla luce una serie di colonne che scendono più di 125 piedi, con ampi spazi e camere laterali … “. ( Fonte )

L’esistenza sotterranea di ampie camere a Giza è estremamente ben documentata, anche se solo un paio di persone in tutto il mondo sanno della sua esistenza. I rapporti dei media nel 1930 hanno descritto le camere sotterranee e i passaggi situati tra il tempio del “Sole” situato sull’altopiano e il tempio della Sfinge nella valle di Giza.

Situato a metà strada tra la Grande Sfinge e la grande piramide, sono state scoperte quattro enormi colonne verticali, ciascuna circa di otto piedi quadrati, che conducono in camere interne attraverso un solido calcare.

“… Si chiama” Campbell Tomb “in massoneria e nel gergo rosacrociano, e” quel complesso colonnato “, ha detto il dottor Selim Hassan,” termina in una camera spaziosa, al centro della quale c’è un altra colonna che scendeva in una costruzione capiente fiancheggiata da sette camere laterali … “.

Secondo i rapporti, all’interno delle segrete stanze c’erano enormi sarcofagi sigillati in basalto e granito, alti 18 piedi.

Nel 1935, quando il dottor Selim Hassan stava esplorando la zona che ha scritto:

“… Speriamo di trovare alcuni monumenti importanti dopo l’eliminazione di questa acqua. La profondità totale di queste serie di colonne è più di 40 metri o più di 125 piedi … Nel corso dei lavori, aprendo la parte meridionale della strada sotterranea, è stata trovata un bellissimo testa di una statua molto espressiva in ogni dettaglio della faccia…”. (Fonte)

La Cappella delle offerte, Enoch, e i conti preistorici

In aggiunta a quanto sopra, il dottor Selim Hassan ha anche riferito la scoperta di tre corti interne ed esterne e una camera che ha chiamato la ‘Cappella delle offerte,’ tagliata in uno sperone di roccia massiccia trovato tra la tomba di Campbell e la Grande Piramide. Rapporti indicano che al centro della cappella ci sono tre montanti verticali decorati posizionati in una disposizione a forma triangolare. I pilastri sono punti estremamente importanti nel rapporto in quanto la loro esistenza si crede sia stata registrata nella Bibbia.

Si ritiene che Ezra, lo scrittore della Torah,
ha avuto conoscenza dell’esistenza dei passaggi e delle grandi camere sotto Giza ancor prima di scrivere la Torah.

È interessante notare che i rapporti delle ‘sofisticate macchine meccaniche’ scoperte a Giza, insieme ad una città sotterranea precedentemente sconosciuta, si trovano scritte in un articolo dell’Espresso della Domenica del 7 Luglio 1935.

Tuttavia, nonostante ampi testi antichi che documentano l’esistenza di vaste gallerie, camere e passaggi sotto Giza, le autorità egiziane hanno a lungo negato l’esistenza di questi, insieme ad una serie di altre scoperte incredibili fatte in Egitto.

Secondo i rapporti, ‘l’inaccessibile’ città sotterranea è possibile accedervi dall’interno della Sfinge (ma pure da altre parti), da scale scavate nella roccia, che conducono al sistema di caverne sotto il letto del fiume Nilo. L’enorme, complesso, di sistema sotterraneo sotto la Piana di Giza si estende ad est, e porta verso Il Cairo.

In un articolo scritto nel 1972 è stata fatta la seguente dichiarazione: 

“Nessuno dovrebbe prestare attenzione alle pretese assurde per quanto riguarda gli interni della Grande Piramide o i presunti passaggi e templi scavati sotto la sabbia, la zona delle Piramidi è stata fatta da coloro che sono in connessione con i cosiddetti segreti dei culti misterici o da società Egiziane e Orientali.

Queste cose esistono solo nella mente di coloro che cercano di attirare le persone in cerca di mistero, e più si negano l’esistenza di queste cose, tanto più il pubblico è portato a sospettare che stiamo deliberatamente cercando di nascondere ciò che costituisce uno dei grandi segreti d’Egitto. E’ meglio per noi ignorare tutte queste affermazioni che semplicemente vengono negate. Tutti i nostri scavi nel territorio della Piramide non sono riusciti a rivelare eventuali passaggi sotterranei o sale, templi, grotte, o qualcosa del genere ad eccezione di quello del tempio adiacente alla Sfinge. “(Fonte)

Testi storici documentano la vasta quantità di scavi effettuati nel corso del 20° secolo e delle incredibili scoperte sconvolgenti che sono state tenute lontane dalla società. Come abbiamo accennato in articoli precedenti, vi è un modello specifico e rigoroso implementato nella società di oggi, dove solo alcune informazioni vengono rilasciate al mondo, mentre la maggior parte sono tenute bloccate lontano da occhi indiscreti, quasi come se ci fosse in funzione un livello nascosto di censura, specificamente progettate per proteggere le parti della storia che appartiene al genere umano, una specie con una grande amnesia.

Riferimenti:

http://www.bibliotecapleyades.net/

http://www.burlingtonnews.net/tunnels.html

http://www.sacred-texts.com/earth/osgp/osgp10.htm

Gaston Maspero, dagli albori della civiltà, 1901.

Fonte Link e immagini: http://www.ancient-code.com/there-is-an-incredible-lost-underground-city-beneath-the-pyramids-of-giza/ 

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.com/

 

Articoli correlati:

Gli Akhu-Shemsu-Hor (I seguaci di Horus) 

SHEMSU-HOR II PARTE 

“Zep Tepi”   

La ricerca dell’immortalità di Alessandro il Macedone

INCONTRI NEL GIGUNU

Più di 2.500 anni dopo che Gilgamesh andò alla ricerca dell’immortalità, un altro re leggendario, Alessandro il Macedone, emulò il re sumero e i faraoni egizi. Anche lui sosteneva di essere, almeno in parte, divino. E’ probabile che Aristotele raccontasse al proprio discepolo delle precedenti ricerche; ma ciò che Alessandro probabilmente ignorava, era che la radice di questa sua pretesa si trovava nel GIPAR di Uruk (“Casa della Notte”) e nel suo santuario interno, il GIGUNU.

Dopo l’assassinio di Filippo II, Alessandro fu incoronato re di Macedonia e si recò a Delfi, in Grecia, per consultare il famigerato oracolo. A quell’epoca, Alessandro aveva solo 20 anni e fu sconvolto nel sentire la prima di diverse profezie che gli annunciavano, sì, grandi successi, ma vita breve.

Le profezie servirono solo a fomentare la credenza nelle voci che circolavano all’interno della corte macedone, secondo il quale Filippo II non era realmente suo padre e che lui era figlio di un faraone egizio di nome Nectnanebus che, giunto in visita alla corte macedone, aveva sedotto in segreto sua madre, Olimpia.

E Nectnanebus – maestro di magia e divinatore – pare che fosse, in realtà niente meno che il dio egizio Ammone, travestitosi da essere umano per dare i natali al futuro conquistatore del mondo. Non appena Alessandro raggiunse l’Egitto (nel 332 a.C.), dopo aver reso omaggio agli dèi egizi e ai loro sacerdoti, si mise in viaggio verso l’oasi di Siwah nel deserto occidentale, , dove si trovava un famoso oracolo di Ammone. Lì (così raccontano gli storici che lo accompagnarono) il grande dio in persona gli confermò le origini divine.

A questo punto i sacerdoti egizi lo proclamarono faraone divino. Ma, anziché attendere la morte e ricevere l’immortalità nell’aldilà, Alessandro si mise alla ricerca delle famose Acque della Vita. Le sue ricerche lo portarono nella penisola del Sinai, in luoghi sotterranei, ricchi di magia e abitati da angeli, e, infine (su ordine di un uomo-alato) fino a Babilonia. Alla fine come aveva profetizzato l’oracolo di Delfi, morì famoso, ma ancora nel fiore degli anni.

Andando alla ricerca dell’immortalità, Alessandro lasciò le sue truppe ad aspettarlo e si avventurò verso la Terra dell’Oscurità, alla ricerca di una montagna chiamata Mushas. Al limitar del deserto lasciò i suoi pochi, fidati compagni e proseguì da solo.

Vide e seguì <<una strada diritta che non aveva mura e che non aveva né salite, né discese>>. La percorse per dodici giorni e dodici notti, quando poi <<avvertì la radianza di un angelo>>. Man mano che si avvicinava, la radianza divenne un <<fuoco fiammeggiante>> e Alessandro si rese conto di essere arrivato alla <<montagna che circonda il mondo>>.

Parlando ad Alessandro dall’interno del fuoco fiammeggiante, l’angelo gli pose delle domande: <<Chi sei, e per quale ragione sei qui, o mortale?>>. Gli chiese inoltre come aveva fatto a <<penetrare in questa oscurità, che nessun altro mortale è mai riuscito a superare>>. Alessandro spiegò che era stato il dio in persona a guidarlo e a dargli la forza necessaria per giungere in quel posto <<che è il Paradiso>>. Ma l’angelo gli disse che l’Acqua della Vita si trovava in un altro luogo, e che <<chiunque la beva, sia pure una sola goccia non morirà mai>>

Per trovare il pozzo dell’Acqua della Vita Alessandro aveva bisogno di un saggio che conoscesse tali segreti, e dopo molto cercare, infine lo trovò. Lungo la strada visse avventure magiche e miracolose. Per essere certi che il pozzo fosse davvero quello giusto, i due dovevano portare con sé un pesce essiccato.

Una notte raggiunsero una fontana sotterranea e, mentre Alessandro stava ancora riposando, la sua guida testò l’acqua e il pesce tornò in vita. Poi egli stesso si immerse in quelle acque, diventando così El Khidr “il sempreverde” – Colui che è per sempre giovane – delle leggende arabe.

Al mattino Alessandro si recò al luogo indicato <<Era intarsiato di zaffiri, smeraldi e zirconi rossi.>> Ma lì due uccelli con tratti umani gli sbarrarono il cammino. <<La terra sulla quale ti trovi appartiene a Dio e a Dio solo>> dissero. Comprendendo di non cambiare il proprio fato, Alessandro rinunciò alla ricerca e iniziò a erigere città che portavano il suo nome, così che restassero a sua imperitura memoria.

I numerosi particolari della ricerca di Alessandro, virtualmente identici a quelli di Gilgamesh – l’ubicazione, il nome della montagna, i dodici periodi del viaggio sotterraneo, gli uomini uccello alati, le domande delle guardie, l’immersione nel pozzo delle Acque della Vita – indicano una certa famigliarità con l’Epica di Gilgamesh; una famigliarità che non riguardava solo l’opera letteraria (che continua a sopravvivere ancora oggi), ma anche il motivo di fondo della ricerca: la discendenza semi-divina.

A dire il vero anche le affermazioni dei faraoni egizi di essere figli di divinità o, in mancanza d’altro, di essere stati allattati da una dea, si si possono far risalire all’epoca di Gilgamesh. Infatti fu a Uruk che ebbe inizio questa tradizione proprio con la dinastia dello stesso Gilgamesh.

Uruk

Il potere sovrano nacque a Uruk, la città era circondata esclusivamente solo da un recinto sacro. Lì secondo la Lista dei Re sumera, <<Meskiaggasher, il figlio del dio Utu divenne sommo sacerdote e poi re>>. Poi, dopo i regni di Enmerkar e di Lugalbanda e un regno intermedio del divino Damuzi, ascese al trono Gilgamesh. E di lui si dice fosse il figlio della dea Ninsun.

Queste sono affermazioni sorprendenti, in particolare alla luce dell’episodio nel quale si narra che i Nefilim avevano preso in moglie le figlie degli uomini, suscitando le ire di Enlil, che era giunto a desiderare di sterminare il genere umano.

All’umanità, agli Anunnaki e alla stessa terra ci vollero anni per riprendersi dalle devastazioni del Diluvio. Ci vollero millenni perché gli Anunnaki, passo dopo passo, gradatamente, con cautela, trasferissero al genere umano la conoscenza, la tecnologia, la domesticazione e, infine, la civiltà. Ci volle quasi un millennio per creare a Kish il potere sovrano. E poi inaspettatamente, questo potere venne trasferito a Uruk, dove ebbe inizio la prima dinastia con il figlio di un dio (Utu/Shamash) e una donna.

Mentre gli intrallazzi sessuali delle altre divinità (alcune già menzionate all’interno del blog e altre che citerò in altri post) sono stati riportati nei testi antichi, Utu/Shamash non sembra essere uno di questi libertini. La sposa ufficiale, nonché consorte era la dea Aia (vedi figura sopra) e i testi non gli attribuiscono alcuna infedeltà. 

Tuttavia qui incontriamo il figlio il cui nome, le cui funzioni e i luoghi che visita sono inequivocabili. Cosa significava allora? I tabù erano forse stati rimossi o solo ignorati dalla nuova generazione? E’ ancora più peculiare il caso di Ninsun, madre di Gilgamesh (vedi figura sopra). La sua genealogia e i documenti relativi ai suoi figli sono esemplari della promiscuità che si stava diffondendo fra gli Anunnaki. 

Capitolo ottavo “La Bibbia degli Dei” Titolo originale Divine Encounters 1995-2002 by Zecharia Sitchin p: 181-182-183-184-185

http://ningizhzidda.blogspot.it/

IL Lago Titicaca e gli Anunnaki

IL Lago Titicaca e gli Anunnaki 

Gli Anunanki sono considerati da molti come i “padri fondatori” della civiltà e l’umanità, Sumer è considerata la culla della civiltà. Alcuni archeologi anno suggerito che gli Anunnaki hanno una storia molto importante con il Sud America e la civiltà pre-Inca e Inca. (Ricordate la Fuente Magna Bowl?) Oggigiorno la moderna archeologia non è d’accordo con queste teorie, anche se vi è abbondanza di prove. Un esempio è il ritrovamento della piramide che è stata localizzata e sepolta sotto Tiahuanaco, questo importante ritrovamento fornisce nuove teorie riguardo a questa antica cultura. Queste nuove teorie, unitamente alla somma di ricerche fatte per più di cento anni, fornisce una nuova visione del rapporto tra gli dèi Anunnaki e le divinità del Sud America.

Il Lago Titicaca è un posto molto speciale in questo contesto. In passato, più di duemila pezzi archeologici sono stati salvati dalle profondità del lago Titicaca. La maggior parte dei pezzi sono stati recuperati da subacquei archeologi belgi con il sostegno della Andino Underwater Archaeology Centre (CASA), ma l’archeologia di oggi sembra ignorare questi risultati come se non avessero nessuna importanza.

Gli incredibili manufatti recuperati includono nella collezione ossa, statue, pezzi d’oro, pietre preziose e ceramiche. La lunga storia di questi manufatti ha una grande importanza in quanto alcuni dei pezzi sono stati datati al periodo Inca, altri al periodo pre-Inca e alcuni reperti sono stati datati addirittura all’anno 500 d.C.

Secondo gli storici e gli archeologi, molti dei pezzi che sono stati recuperati sono in realtà offerte gettate nel lago Titicaca, dagli antichi abitanti di Tiahuanaco che anticamente era considerato un lago sacro. Tra questi, ci sono teoriche “speculazioni”, a riguardo di antichi alieni dove si crede ci siano indizi molto importanti che sono stati trascurati dai tradizionali archeologi, indizi che puntano verso un potente collegamento tra le antiche culture della regione e gli antichi Anunnaki. I manufatti d’oro e le monete scoperte sul fondo del Lago Titicaca sono un indizio molto importante, che puntano verso l’antica teoria aliena esposta da Zecharia Sitchin.

Secondo Sitchin, intorno al 4000 a.C., Enki, uno dei capi Anunnaki, legato alle operazioni di estrazione di metalli sulla Terra, ha deciso di invitare suo padre, il re di Anu per visitare l’impianto metallurgico più importante del mondo, Tiahuanaco. Secondo i teorici degli antichi astronauti alieni, tra cui anche Sithcin, ritengono che le strutture a Tiahuanaco siano state ricoperte con tavole d’oro, questo in onore dell’arrivo del re Anu. La prova di questa teoria si basa sui risultati dell’archeologo austriaco Arthur Posnansky che ha trovato e fotografato a Tiahuanaco una serie di piccoli fori nei blocchi di pietra levigata, questi fori, si ritiene che siano stati fatti da strumenti avanzati di precisione.

Il nome di “Posnansky” non suona familiare perché l’archeologia tradizionale lo ha annoverato tra gli “archeologi dilettanti”, anche se le sue scoperte e il lavoro svolto per la storia a Tiahuanaco e nel Sud America è incalcolabile. Posnansky fondò la Società archeologica della Bolivia nel 1930. Anche se a Tiahuanaco non è stato il luogo in cui sono state trovate grandi quantità di oro, i ricercatori ritengono che la maggior parte degli oggetti d’oro sono nascosti sotto il duro terreno della regione e nelle profondità del Lago Titicaca dove sono già stati scoperti pezzi d’oro.

Secondo Posnansky, ad un certo punto della sua storia, l’incredibile città di Tiahuanaco era ricoperta di piastre d’oro che sono state fissate con piccole borchie d’oro che si adattavano perfettamente nei fori della pietra. Posnansky ha suggerito che la precisione di questi fori non sono stati messi lì per scopi decorativi, ma piuttosto avevano un significato meccanico. Recenti scoperte, più che mai, sembrano sostenere la teoria degli antichi alieni astronauti, e i ricercatori si aspettano nuove prove dagli scavi in programma, già iniziati nella metà del 2015, nuove prove verranno portate alla luce, il che significa che i tradizionali archeologi dovranno cambiare il loro approccio su Tiahuanaco e la sua antica storia.

I misteri circa Tiahuanaco e il Lago Titicaca sono grandi, e con le nuove scoperte che sono state fatte negli ultimi mesi, gli archeologi sperano di scoprire tutti i segreti che detiene questa misteriosa regione.

Ivan è uno scrittore free-lance, redattore capo del ancient-code.com, scrive anche per EWAO, condividendo le sue conoscenze, Svemir online e le antiche origini.

Storia, Archeologia, Spazio e misteri del mondo sono alcuni dei temi di cui scrive.
http://www.ancient-c  Link diretto 

Articoli correlati:

Mesoamerica – 3113 a.C.

“Ba’albek del nuovo mondo” 

L’Eldorado degli Anunnaki

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

La “Fine dei Giorni”

IL PASSATO E’ IL NOSTRO FUTURO
(seconda parte)

Di interesse specifico in merito al problema della Fine dei Giorni e del ritorno è l’affermazione attribuita allo stesso Mosè, e rivolta a Dio: << Ai tuoi occhi, mille anni sono come il giorno di ieri che è passato>> (Salmo 90,04). Questa affermazione ha dato origine all’ipotesi (che nacque subito dopo la distruzione del tempio a opera dei Romani) che si trattava di un modo per immaginare l’elusiva Fine dei Giorni messianica: se la Creazione, “l’Inizio”, stando alla Genesi impegnò Dio per sei giorni e un giorno divino dura mille anni, il risultato sono 6000 anni dall’Inizio alla Fine. La Fine di Giorni, perciò, è stata collocata nell’Anno Mundi 6.000.

Applicato al calendario di Nippur che iniziava nel 3760 a.C., significa che la Fine dei Giorni (6000 – 3760 = 2240) ci sarà nel 2240 d.C. Questa terza data per la Fine di Giorni può essere confortante o, al contrario, deludere, dipende dalle aspettative. La bellezza di questo calcolo è che è in perfetta armonia con il sistema sessagesimale sumero. Potrebbe anche dimostrarsi corretto in futuro, ma non credo: di nuovo ci troviamo di fronte a un calcolo lineare – mentre l’unità di tempo utilizzata per le profezie è ciclica.

Se nessuna delle date “moderne” funziona, allora dobbiamo riprendere in esame le vecchie “formule” – fare ciò che è stato detto in Isaia: <<guardare i segni a ritroso>>. Abbiamo allora due scelte cicliche: il Tempo Divino, il periodo orbitale di Nibiru, e il Tempo Celeste, la precessione zodiacale. Quale dei due?

Che gli Anunnaki vennero e se ne andarono durante una “finestra” allorché Nibiru arrivò al perigeo (il punto più vicino al sole e quindi anche più vicino alla terra e alla Luna) è talmente ovvio che alcuni dei lettori dei libri di ZS sottraevano semplicemente 3600 da 4000 (data approssimativa dell’ultima visita di Anu sulla terra), il che dava come risultato il 400 a.C.; oppure sottraevano il 3600 dal 3760 (quando ebbe inizio il calendario di Nippur) – come fecero i Maccabei – ottenendo il 160 a.C.

In realtà, come sa ora il lettore (dalle cronache scritte dei libri di ZS), Nibiru arrivò ben prima, nel 560 a.C., circa. Se consideriamo questa “digressione” bisogna tenere in mente che il SAR perfetto (3600) è sempre stato un periodo orbitale matematico, perché le orbite celesti – di pianeti, comete, asteroidi – divergono da un’orbita all’altra a causa dell’attrazione gravitazionale che esercitano i pianeti accanto ai quali passano.

Se prendiamo come esempio la ben nota cometa di Halley, il suo periodo orbitale di 75 anni in realtà fluttua tra i 74 e i 76 anni; quando è comparsa nel 1986, erano trascorsi 76 anni dal suo ultimo passaggio. Se riportiamo lo scarto della cometa di Halley ai 3600 anni di Nibiru, avremo una variante di circa 50 anni. E abbiamo un’altra ragione per chiederci perché mai Nibiru abbia avuto uno scarto così consistente dal SAR previsto: il Diluvio del 10900 a.C. circa.

Nei 120 SAR prima del Diluvio Nibiru orbitò senza causare questa catastrofe. Poi accade qualcosa di anomalo che portò Nibiru più vicino alla terra, il che, unito slittamento della calotta di ghiaccio che copriva l’Antartide, causò di fatto il Diluvio. In cosa consisteva quella anomalia? La risposta può trovarsi nei recessi del nostro Sistema Solare, laddove orbitano Urano e Nettuno – pianeti le cui numerose lune includono alcune che, inspiegabilmente, orbitano in direzione opposta (“retrograda”) – esattamente come Nibiru.

Uno dei grandi misteri del nostro Sistema Solare è il fatto che il pianeta Urano è letteralmente coricato sul fianco: il suo asse nord-sud si trova in posizione orizzontale difronte al Sole (anziché in posizione verticale). Gli scienziati della NASA sostengono che”qualcosa”, molto tempo fa, ha dato uno “spintone” a Urano, ma non provano nemmeno a ipotizzare cosa fu quel “qualcosa”.

Potrebbe essere quel “qualcosa” la misteriosa cicatrice “semi-rettangolare” di una delle Lune di Saturno? Questo solco inspiegabile si trova su Miranda (una delle lune di Saturno), quando nel 1986 il Voyager 2 la scoprì (vedi immagine a lato) – una luna che, sotto molti punti di vista, è diversa dalle altre lune di Urano. Una collisione celeste con Nibiru e con le sue lune avrebbe potuto causare queste anomalie?

Negli ultimi anni gli astronomi hanno appurato che i pianeti esterni più grandi non sono rimasti nella posizione in cui si erano formati, ma si sono spostati verso il margine esterno del Sistema Solare, allontanandosi dal Sole stesso. 

Gli studi sono giunti alla conclusione che questo allontanamento è stato più pronunciato nel caso di Urano e Nettuno (vedi figura a lato) e ciò può spiegare perché lì nulla è accaduto per molte orbite di Nibiru. Si può ipotizzare con una certa ragionevolezza che, durante l’orbita “del Diluvio”, Nibiru incontrò urano che si stava allontanando e che, una delle lune colpì Urano, facendolo coricare; potrebbe anche darsi che “l’arma” sia stata l’enigmatica luna Miranda – una luna di Nibiru – che dopo aver colpito Urano, è stata catturata dalla sua orbita. 

Questo evento avrebbe avuto delle conseguenze sull’orbita di Nibiru, rallentandola a circa 3450 anni terrestri, anziché i normali 3600 anni, causando, quindi, una ricomparsa postdiluviana con schema 7450, 4000 e 550 a.C.

Se ciò è quanto accadde realmente, spiegherebbe il “precoce” arrivo di Nibiru nel 556 a.C. e ci fa pensare che il suo prossimo arrivo sarà nel 2900 d.C. Manca ancora tempo, dunque, per coloro che associano gli eventi cataclismi-ci profetizzati al ritorno di Nibiru (per alcuni si tratta del “Pianeta X“).

Ma è comunque errata l’ipotesi che gli Anunnaki limitarono il proprio andirivieni a una singola breve “finestra” al perigeo del pianeta. Infatti hanno continuato a viaggiare anche in altri periodi. I testi antichi riportano numerosi viaggi degli dèi, senza alcuna indicazione relativa alla prossimità del pianeta.

Esiste anche una serie di storie di viaggi tra la Terra e Nibiru, compiuti da terrestri che omettono qualsiasi relazione relativa alla presenza di Nibiru nei cieli ( se ne parla, invece, quando Anu visitò la Terra nel 4000 a.C. circa). In un caso Adapa, figlio di Enki e di una donna Terrestre, al quale venne data la Sapienza, ma non l’immortalità, compì una breve visita su Nibiru, accompagnato dagli dèi Damuzi e Ningishzidda. Anche Enoch, emulando l’Enmeduranki sumero, compì due viaggi mentre era ancora sulla Terra.

Questo era possibile in almeno due modi, (come da figura sopra), uno per mezzo di una navicella spaziale che accelerava  nella fase di arrivo di Nibiru (dal punto A), che arrivava ben prima del perigeo; l’altro per mezzo di una navicella spaziale che decelera (al punto B) durante la fase di allontanamento di Nibiru, tornando verso il Sole (e, quindi verso la terra e Marte).

Una breve visita sulla Terra, come quella di Anu, poteva verificarsi, combinando “A” per l’arrivo e “B” per la partenza; una breve visita su Nibiru (come quella di Adapa) si poteva verificare usando la procedura inversa – lasciando la terra per intercettare Nibiru nel punto “A” e partendo da Nibiru nel punto “B” per il ritorno sulla Terra, e così via. Quindi il ritorno degli Anunnaki è possibile anche in un periodo diverso da quello del ritorno del pianeta e, in questo caso, abbiamo bisogno dell’altro tempo ciclico: quello zodiacale.

Zecharia Sitchin, nel suo libro “Gli Architetti del Tempo” lo ha chiamato tempo Celeste, che non avanza nella stessa direzione del Tempo Terrestre (il ciclo orbitale del nostro pianeta) e del Tempo Divino (l’orologio del Pianeta degli Anunnaki), al contrario, avanza in direzione opposta, in senso orario. Se l’atteso Ritorno sarà degli Anunnaki e non del loro pianeta, allora dobbiamo cercare la soluzione agli enigmi di uomini e dèi attraverso l’orologio che li ha uniti – lo zodiaco ciclico del Tempo Celeste.

Gli Anunnaki lo inventarono proprio per riconciliare i due cicli; la loro proporzione – 3600 per Nibiru, 2160 per un’era zodiacale – corrispondeva alla proporzione aurea  di 10 : 6. Come ipotizzava l’autore, risultava nel sistema sessagesimale sul quale si fondano astronomia e matematica dei Sumeri (6 x 10 x 6 x 10 ecc.)

Beroso riteneva  che le ere zodiacali fossero punti di svolta negli affari di uomini e dèi sostenendo che il mondo va periodicamente soggetto a catastrofi apocalittiche causate da acqua e da fuoco, la cui comparsa è determinata da fenomeni celesti. Come Manetone, suo omologo in Egitto, anche Beroso divideva storia e preistoria in fasi divine, semidivine e post-divine con un totale di 2.160.000 anni della “durata di questo mondo”. Questo – nemmeno a dirlo – è esattamente mille ere zodiacali: un millennio.

Gli studiosi che esaminano le antiche tavolette di argilla che trattano di matematica e astronomia restano sorpresi nello scoprire che le tavolette partivano dal numero 1296000 – sì, proprio 12.960.000. Sono giunti alla conclusione che questo numero si poteva collegare solo alle ere zodiacali di 2.160, i cui multipli danno 12.960 (se 2.160 x 6) o 129.600 (se 2.160 x60) o 1.296.000 (se moltiplicato per 600); e – meraviglia delle meraviglie – il numero con cui iniziano queste liste antiche, il 12.960.000, è un multiplo di 2.160, cioè 2.160 moltiplicato per 6.000-come i sei giorni divini della creazione.

All’inizio di ogni nuova era si verificava un evento di grande portata; l’Era del Toro segnalò il dono della civiltà al genere umano. L’Era dell’Ariete venne introdotta dall’olocausto nucleare e terminò con la partenza degli dèi. L’Era dei Pesci arrivò la distruzione del Tempio e con l’avvento della cristianità.

Non dovremo forse chiederci se la Fine dei Giorni delle profezie non sia in realtà la fine dell’era zodiacale?

L’espressione usta da Daniele <<tempo, tempi e la metà di un tempo>> era forse una terminologia che faceva riferimento alle ere zodiacali? La possibilità è stata vagliata da Sir Isaac Newron. Meglio noto per la sua formulazione delle leggi naturali che regolano i moti celesti, l’eminente studioso si interessava anche di religione, e scrisse trattati approfonditi sulla Bibbia e sulle profezie bibliche. Lui considerava i moti celesti come “la meccanica di Dio” e credeva fermamente che le scoperte scientifiche, iniziate con Galileo e Copernico e che lui portò avanti, erano destinate a essere fatte esattamente nel momento in cui ciò accadeva: non prima e non dopo. Questa convinzione gli fece prestare particolare attenzione alla “matematica di Daniele” – La Fine dei Giorni. 

Tratto dal Libro “Il Giorno degli Dei” p.305-306-307-308-309310-311

Leggi QUI la Prima parte

ANTROPOMORFI (terza parte)

I SAUROIDI

“Questo pianeta è il nostro, siamo noi i veri terrestri, non voi.”

La figura mitologica del Serpente
I nativi americani Hopi raccontano dell’esistenza di una razza di uomini rettile che vivrebbe sottoterra chiamata Sheti o “Fratelli Serpente”, mentre nella mitologia precolombiana, l’Eva primordiale di nome Bachue si trasformò in un grande serpente, a lei ci si riferiva anche come “Il Serpente del Cielo”.

Quetzalcoatl, ovvero il serpente con le piume (anche chiamato Viracocha o Kontiki), era il nome azteco del dio Serpente piumato dell’antica Mesoamerica, una delle divinità più importanti per molte civiltà messicane e centro americane.

La divinità del serpente piumato rivestì una certa importanza, sia nell’arte che nella religione, in gran parte del territorio mesoamericano per quasi 2.000 anni, dall’età pre-classica fino alla conquista spagnola: tra le civilizzazioni che praticavano il culto del serpente piumato ricordiamo, 

  • gli olmechi
  • i mixtechi
  • i toltechi
  • gli aztechi
  • i maya

In Asia, invece, nelle scritture e leggende indiane, i Naga (Devanagari) erano esseri a forma di serpente che si riteneva vivessero sottoterra, pur avendo contatti anche con gli uomini, in alcune versioni, si riferiva che tali esseri avessero vissuto su di un continente che si sarebbe poi inabissato nelle acque dell’Oceano Indiano; i testi indiani riferiscono anche di un’altra razza di uomini serpente chiamata Sarpa (Devanagari). 

Nella cultura cinese, vietnamita, coreana e giapponese, si conoscono le storie dei Long (Yong in Coreano, Ryu in giapponese ) o dragoni, forme a metà tra il piano fisico e il piano astrale, ma raramente descritte in forma umanoide, e che possono assumere una forma tra l’umano e il rettiliano, mentre i Giapponesi raccontavano le storie sui Kappa, un popolo di rettili umanoidi. In Cina, Corea e Giappone, i reami sottomarini erano mitologicamente popolati da Re Dragoni e i loro discendenti sono considerati, ancora oggi umani, discendenti da una razza di dragoni, tanto che questa discendenza viene spesso rivendicata dagli Imperatori Asiatici, che si credeva fossero in grado di mutare volontariamente da una forma umana ad una forma di drago, forma ritenuta, presso le tradizioni asiatiche, migliore rispetto alla forma del diavolo. 

Nel Medio Oriente sono conosciuti i Jinn, uomini serpente o dragoni di cui si parla fin dai tempi più antichi, mentre nella Genesi ebraica, Dio punì il serpente per aver convinto con l’inganno Eva a mangiare il frutto della conoscenza:

«Allora il Signore Dio disse al serpente: poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame, e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita.»

Questo passo della Bibbia suggerirebbe che i serpenti avessero originariamente le gambe.

Nella mitologia sumera il termine Anunnaki (o Anunnaku), ossia “figli di An”, indicava l’insieme degli dèi sumeri ed essi erano costituiti in un’assemblea, presieduta da An, dio del cielo.

Tale assemblea si componeva dei sette supremi, di cui facevano parte i quattro principali dei creatori (An, Enlil, Enki, Ninhursag), con l’aggiunta di Inanna, Utu e Nanna e di 50 dei minori, detti anche Igigi.

Alcuni sostengono, tra cui Zecharia Sitchin, di aver individuato in tavolette sumere il riferimento a una razza aliena (gli Anunnaki) che avrebbe creato la razza umana (mischiando i propri geni con quelli dell’Homo Erectus) allo scopo di utilizzare gli uomini come schiavi in alcune miniere in Africa. Secondo altri, gli Anunnaki però avrebbero sembianze umane (sarebbero discendenti o facente parte della razza aliena Umanoide) e oggi abiterebbero il loro pianeta Nibiru.

Secondo Sitchin le tavolette attesterebbero che il popolo Sumero dalla “Testa Nera” sarebbe stato creato da questi esseri mescolando “l’essenza di vita” di “uomini e bestie” e il “Popolo dalla Testa Nera” sarebbe stato schiavo dei Sumeri, una casta gerarchicamente al di sotto dei loro creatori.

L’esistenza di uomini serpente secondo Sitchin sarebbe provata dalla concezione di regalità e dal suo collegamento alla figura del drago, definita in Babilonia come ‘Sir’ o dragoni (ossia “grande serpente”, dal sanscrito sarpa, parola che originariamente descriveva il grande “Dio-Dragone”, creatore e governatore della antichissima cultura dravidica).

Secondo Laurence Gardner, sarebbe esistita una “Linea del Sangue dei Dragoni”, una variante del Sacro Graal collocata nell’antica Sumeria quando gli Anunnaki sarebbero discesi sulla regione creando una linea di sangue reale attraverso una manipolazione genetica.

In Africa, l’antico dio egiziano Sobek veniva riprodotto come un uomo con la testa di coccodrillo, mentre nel Mali si trova ancora oggi una popolazione, i Dogon, che possiede un mito di fondazione che comprende un uomo rettile: i Dogon dicono di discendere dal dio Amma, proveniente dalla stella Po Tolo (Sirio B).

In Europa, il primo re mitico di Atene, Cecrope, era mezzo uomo e mezzo serpente e nella mitologia greca, avevano servitori serpenti i Titani e i Giganti e, talvolta, i Giganti stessi venivano raffigurati in forma “anguiforme”, ossia con le gambe formate da terminazioni serpentiformi, come il gigante Klyteros, raffigurato nel fregio della Gigantomachia sull’Altare di Pergamo.

Anche il vento Borea (Aquilone per i Romani) veniva descritto in questa forma. Si narra, ad esempio, che al matrimonio di Giove e Giunone ci fu una gara tra tutte le gerarchie divine nell’offrire alla coppia i doni più preziosi. La Terra non aveva voluto essere da meno e regalò degli alberi da frutto molto particolari: infatti ogni primavera sui loro rami nascevano delle mele d’oro.

Questi alberi erano custoditi in un meraviglioso giardino affidato a quattro ninfe, le Esperidi, le quali avevano posto a guardia del cancello d’entrata un drago con cento teste. Ogni volta che qualcuno si avvicinava al giardino con l’intenzione di rubare i pomi, le teste del drago iniziavano a gridare con cento tonalità diverse facendo fuggire via anche il più coraggioso degli uomini.

Ma una delle dodici fatiche date a Ercole da Euristeo chiedeva proprio di rubare quelle mele, ed Ercole grazie al consiglio di Prometeo di farsi aiutare da Atlante e grazie ad Atlante stesso, riuscì ad uccidere il drago e a rubare le mele; infine Era pose il drago nel cielo nella costellazione del Dragone in modo che tutti potessero ricordarlo.

Nei bestiari e nelle leggende greche ed europee, il basilisco (dal greco βασιλίσκος basilískos, “piccolo re” da βασιλεύς basiléus, “re”; in latino rēgulus) è una creatura mitologica citata anche come “re dei serpenti”, che si narra abbia il potere di uccidere con un solo sguardo diretto negli occhi.

Secondo Solino e la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, il basilisco sarebbe un piccolo serpente, lungo meno di venti centimetri e nonostante questo sarebbe la creatura più mortale in assoluto. È infatti velenosissimo ed è in grado di uccidere con il solo sguardo.

Secondo alcune leggende medioevali, se un cavaliere cercava di colpire il basilisco con la lancia, il veleno vi si infiltrava immediatamente uccidendo cavallo e cavaliere. Il basilisco vivrebbe nel deserto da lui stesso creato, perché ha la capacità di seccare gli arbusti oltre che con il contatto, con il solo sguardo. A Plinio si rifece Isidoro da Siviglia, che lo definiva come il re dei serpenti, i quali lo temono per il suo soffio velenoso e per il suo sguardo mortale.

Alessandro Neckham attorno al XII secolo, fu il primo a riferire la teoria secondo la quale non era lo sguardo del basilisco a uccidere direttamente, ma la corruzione dell’aria che esso provocava. Viene chiamato “re” a causa della cresta a forma di mitra che ha sulla testa oppure, secondo Plinio, a causa di un marchio biancastro sulla sommità del capo.

Nell’iconografia dell’arte occidentale vi sono, inoltre, rappresentazioni di una donna con una coda di serpente, qualche volta con piedi da rettile, come nel quadro il Giudizio Universale di Hieronymus Bosch, tanto che nel Medioevo il Diavolo veniva spesso raffigurato con caratteristiche rettiliformi, così come i demoni nella maggior parte dell’iconografia.

Una leggenda: Rettiliani e Draconiani
Supponiamo che sul pianeta Terra in un periodo compreso tra i 245 e i 65 milioni di anni fa (probabilmente tra i 160 – 115 milioni di anni), in piena “Era dei Dinosauri” e tra le variegate razze di Sauri che popolavano il pianeta, si sia sviluppata una razza intelligente, capace di dar vita ad una prima civiltà terrestre.

Supponiamo, inoltre, che attorno a 65 milioni di anni fa un cataclisma di proporzione gigantesche abbia scosso l’intero pianeta, sterminando i Dinosauri e costringendo questa civiltà ad abbondare il pianeta e a trasferirsi verso altri sistemi solari. Infine, supponiamo che comunque, non tutte le forme di vita scomparvero, poche sopravvissero e tra queste, anche alcuni superstiti di questa civiltà di Sauri intelligenti che, per vivere all’inverno nucleare che seguì, si rifugiarono nel sottosuolo, contribuendo poi milioni di anni dopo, ad alimentare il mito della Terra Cava o del regno perduto di Agharti.

Secondo la tradizione induista, esiste un grande regno sotterraneo, dove dimorerebbe il Re del Mondo, colui che da Shamballah (in sanscrito “Città degli Smeraldi”), la capitale di questo grande luogo mitico, domina le menti dei grandi, dei re, degli imperatori e dei capi di stato di tutto il mondo.

Qui vivono esseri superiori, da tempo immemorabile, esseri capaci di cose inaudite, in grado di usare ancora quell’energia che noi, uomini di superficie, abbiamo ormai dimenticato ad usare, un’energia che, volendo, può essere ancora risvegliata, in quanto è presente ancora in tutti noi, ma è “addormentata”.

La capitale di questo regno, che dovrebbe trovarsi in profondità sotto il deserto del Gobi, in Asia, è solo il centro dato che dovrebbe estendersi, attraverso un’immensa rete di gallerie, sotto tutta la superficie del globo, collegando tra loro i diversi continenti. Agharti è questo, un’estesissima rete di gallerie sotterranee abitate da questi esseri, terrestri, che ancora oggi vivono nelle profondità della Terra e che per comodità chiameremo i Rettiliani, dato che è un termine comune agli studiosi di questa teoria.

Ma la razza dei Sauri che era fuggita dalla Terra, si evolse in modo se stante, i “Draco o Draconiani” (gli alieni Sauroidi), andando alla conquista del Cosmo. Per milioni di anni vagarono nella Galassia, entrando in contatto con altre civiltà, sfamando la loro voracità attraverso la conquista e nel predominio dei mondi altrui.

Infine, stabilirono la loro nuova patria nel sistema solare della stella Thuban, nella costellazione del Dragone, da qui continuarono le loro scorribande galattiche arrivando a conoscere le entità luciferine, che divennero ben presto un fedele alleato. Da questa ricostruzione è facile capire come nel loro lungo peregrinare, milioni di anni fa, le due razze entrarono in contatto, più o meno quando i Sauri si erano già da tempo insediati tra i pianeti della costellazione di Orione e, ancor prima, avevano preso contatti con la razza degli Horus, con la quale iniziarono un importante collaborazione futura.

Dapprima, questo vampirismo dei Luciferini iniziò in modo subdolo e silenzioso, poi quando i Sauroidi si evolsero tanto da arrivarne a scoprirne la presenza, iniziarono uno scambio di informazioni, sino a stipulare un patto di mutuo soccorso reciproco.

I Sauri avevano bisogno di acquisire maggiore conoscenza del creato e dell’Universo, sfamando la loro voracità di conquista grazie ad un maggiore sapere, mentre il Luciferino trovava in esso una forza impressionante e un contenitore dove vivere e nel quale sarebbe stato in grado di trarne molta energia, seppur per un tempo limitato (il mito del “Frutto della Conoscenza” di cui i Serpenti furono i portatori e che poi doneranno anche all’Uomo attuale, ovvero la “Conoscenza Luciferina”).

Ma quando entrambi scoprirono che nella Galassia (e in tutto l’Universo) erano stati creati esseri intelligenti dotati di una energia inesauribile, un energia eguagliabile a quella di Dio, decisero di cambiare i piani e di andare a sfruttarla per altri scopi e a loro vantaggio.

Trovata una variante ibrida dell’Uomo (Giganti o Nephilim) su un pianeta meraviglioso e dal quale curiosamente provenivano (l’Eden o la Terra), dopo aver compreso che non era possibile assoggettarlo al proprio volere, decisero di comune accordo con altre razze aliene, che nel frattempo si erano unite al progetto, di creare un contenitore più piccolo in grado di contenere ugualmente quell’energia per poi sfruttarla.

Fu così che apparve sulla scena l’attuale Essere Umano, sintesi di una operazione genetica che vide l’unificazione del genoma alieno, con quello dei Giganti e delle scimmie. Tutta questa parte è approfondita in diversi studi paralleli e analoghi, ma già è possibile trarre molti spunti di riflessione.

I Sauroidi, che nella mitologia sono i Serpenti, concessero all’uomo nel Giardino dell’Eden (il pianeta Terra), il “Frutto della Conoscenza”, in realtà questo frutto è ciò che portavano dentro di se da molto tempo, la “Conoscenza Luciferina”, questa entità di luce generata dalla stessa materia di cui sono formate le stelle. In questo ritorno al pianeta di origine, ma che da tempo avevano dimenticato, ripresero contatti anche con la razza dei Rettiliani, rimasta nel sottosuolo Terrestre e che aveva visto svilupparsi in superficie, la venuta dei mammiferi e delle altre forme ibrido-umane.

Superata una prima diffidenza iniziale che spesso è sfociata anche in aperti conflitti, attualmente è in atto un programma di riunificazione, dato che gli obbiettivi finali e le origini sono comuni.

I Sauroidi continuano a vivere in varie colonie, la principale si trova su Thuban nella costellazione del Dragone, le altre a Bellatrix nella costellazione di Orione, Zeta Reticoli in quanto fondatori del “Nuovo Ecosistema Alieno” che coinvolge la razza dei Grigi, e su Sirio, in un pianeta esterno al sistema binario, il quale è occasione di scontro e di veri e propri conflitti con la razza degli Umanoidi.


La costellazione del Dragone
Il Dragone (in latino Draco) è una costellazione settentrionale, è una delle 88 moderne costellazioni ed era anche una delle 48 elencate da Tolomeo.

Quella del Dragone è una delle costellazioni più grandi della volta celeste, si presenta completamente circumpolare fino alle latitudini temperate boreali, come le regioni del Mediterraneo. Il gruppo della testa è rappresentato da quattro stelle, tra cui le più luminose chiamate Eltanin e Rastaban, la prima stella riveste una grande importante storica, poiché fu misurando la parallasse di questo astro che James Bradley scoprì nel 1725 il fenomeno dell’aberrazione della luce, che costituisce una delle prime prove della rotazione della Terra attorno al Sole.

Inoltre tra 1.5 milioni di anni, la stella che attualmente si trova a 148 anni luce da noi, transiterà a soli 28 anni luce, a questo punto sarà la stella più brillante del cielo (ovviamente dopo il Sole), arrivando a rivaleggiare con Sirio. Il resto della costellazione si snoda attorno al polo nord celeste, insinuandosi tra l’Orsa Maggiore e quella Minore, circondando quest’ultima sui lati est, sud ed ovest.

Circa 2.700 anni fa, il polo nord celeste si trovava in direzione di questa costellazione e in particolare nella parte della coda, all’altezza della stella Thuban, che all’epoca era considerata la Stella Polare.

Thuban (α Draconis/ Alpha Draconis) è una stella della costellazione del Dragone (Draco, in latino), nell’emisfero boreale e in buone condizioni atmosferiche è individuabile dato che si trova immediatamente sopra l’asterismo del Grande Carro dell’Ursa Major.

Per la precessione degli equinozi, Thuban è stata la stella di riferimento del polo nord dal 3.942 a.C., prendendo il posto di θ Bootis fino al 1.793 a.C., quando venne soppiantata da κ Draconis; il momento in cui è stata più vicina al polo nord è stato nel 2.787 a.C., quando si è trovata a soli 2 gradi e mezzo dal polo. Nonostante la vicinanza al polo è stata usata come punto di riferimento fino circa al 1.900 a.C. quando la più brillante Kochab (β Umi) entrò nella zona del polo nord, allentandosi lentamente negli ultimi 4.800 anni.

Arriverà al massimo di lontananza dal polo nord intorno nel 10.000 d.C., per poi riavvicinarsene gradualmente e tornare ad essere la stella polare nel 20.346 d.C. Thuban, attualmente, ha finito la fusione dell’idrogeno ed è passata alla fusione dell’elio, è quindi una stella gigante brillante circa 250 volte più del Sole e distante circa 300 anni luce, inoltre è una stella binaria, con un periodo di orbita di 51 giorni e la compagna è probabilmente una nana rossa o bianca.

Poche indicazioni abbiamo sui pianeti che compongono questo sistema solare, anche perché la stella essendo una gigante ha inglobato molti di essi durante la sua espansione.

Attualmente presenta pochi mondi, il primo è un gigante roccioso, grande la metà del nostro Giove dove vivono i Sauroidi. Il pianeta, che si trova ad una considerevole distanza dalla stella, ne subisce comunque tutti gli effetti, in quanto il pianeta è arido e caldo e i Sauri vivono nel sottosuolo, ancora ricco di materie prime e in parte di acqua. La sua superficie è per buona parte interamente ricoperta di rocce, mentre vaste aeree sono soggette a continue e spettacolari eruzioni vulcaniche.

Praticamente è un ambiente simile ad un Inferno, deserto e caldissimo, ma base ideale per lo svernamento di questa razza che comunque è riuscita a creare nelle viscere del pianeta, un intricato complesso di città altamente funzionale e sofisticato, sfruttandone ogni proprietà geotermica. Seguono piccoli pianeti, residui di giganti gassosi, nutrite fasce di asteroidi e meteore.

Altre fonti di sostentamento, invece, provengono da un pianeta ancora più esterno, un tempo ricoperto di ghiacci mentre attualmente ricoperto da un vasto oceano allo stato liquido, con un clima temperato ai poli e caldo umido all’equatore, nel quale vivono moltissime specie animali.

Da questo mondo, i Sauri, prelevano l’acqua di cui hanno bisogno e il cibo ittico che vi viene coltivato, nonché viene utilizzato, addirittura, come un vero e proprio luogo di villeggiatura per le classe più abbienti.

Chi sono i Sauroidi
I Sauroidi (anche se spesso vengono erroneamente chiamati “Rettiloidi”) sono in realtà anfibi, tra i quali non è evidente la presenza di sessi e se ne possono riconoscere di due tipi.

Il primo è alto circa 2,80 m, ha cinque dita nelle mani e nei piedi, più sull’avambraccio distante dalla mano, un’unghia rostrata simile al dito che i gatti hanno nelle zampe posteriori, ma con una struttura chitinosa molto dura. La pelle, che sembra sempre umida e traslucida, è di colore verde-marrone e vista da vicino, appare dotata di scaglie, le quali se esaminate attentamente, si rivelano più morbide del previsto.

Sul torace, alcuni esemplari, presentano inoltre un piumaggio, raro da vedersi, perché spesso ricoperto da una tuta o divisa che indossano, questo piumaggio dal colore cangiante con alcune striature azzurre e verdi, si confonde perfettamente con le scaglie presenti. Sembra che questo piumaggio sia presente in un alcune razze di alto lignaggio, probabilmente denotano l’appartenenza ad una casta altolocata o di regnanti.

La pelle diventa progressivamente rossa nella zona ventrale e nei polpastrelli delle mani, in quelle zone si fa addirittura più sottile e si può veder scorrere una linfa rossa all’interno di un intricato quanto mai affascinante sistema sanguigno, soprattutto quando l’alieno sembra comportarsi in modo collerico. Le dita delle mani e dei piedi sono abbondantemente palmate.

Il cranio sui lati destro e sinistro è caratterizzato dalla presenza di due superfici cornee, tondeggianti e poco sporgenti, mentre al centro esiste una struttura più morbida, sotto la quale si vede pulsare la linfa; questa struttura sembra una spina dorsale in rilievo e percorre, bene in evidenza, tutta la lunghezza della testa, del collo, del dorso e della grossa coda.

Disponiamo di pochi dati anatomici sulla lingua, che sembra, però, anch’essa tozza e bifida.

Gli occhi sono dotati di una sotto-palpebra (membrana nittitante) che scorre in diagonale, dal basso verso l’alto e dal naso verso l’esterno. Le pupille sono verticali e le iridi cambiano di colore, dal giallo verde al rosso vivo, a quanto pare secondo l’umore. L’orecchio esterno è inesistente, mentre l’orecchio interno sembra chiudibile a comando.

L’aspetto generale viene descritto come quello di un “drago” o a volte, come quello di un “coccodrillo in piedi”, anche se il viso (o muso?) è arrotondato come quello di un serpente, con labbra sottili e narici poste in fondo al setto nasale, ma laterali, piuttosto che frontali come le nostre. La grossa e tozza coda viene utilizzata come terzo punto di appoggio quando il Sauroide sta fermo sulle due corte e tozze gambe.

Altre volte, viene utilizzata come vera e propria arma per attaccare il nemico, soprattutto nelle battaglie agonistiche per la supremazia del più forte. Ci sono rapporti su “draghi” di varie dimensioni e pare che queste dipendano dall’età, cioè che essi continuino a crescere sempre, senza un vero e proprio limite massimo. Il secondo tipo è rappresentato da Sauroidi senza coda, alti circa 2 m, con pelle traslucida, occhi a palla che conferiscono rigidità allo sguardo (perciò li chiameremo “Rane”) e denti verticali, lunghi e sottili, che ricordano i fanoni delle balene.

Sulla testa hanno come dei piccoli corni che, da lontano, ricordano una capigliatura a spazzola; non si tratta tuttavia di capelli, ma di molte escrescenze cornee ravvicinate.

Questi esseri sono talmente simili l’uno all’altro da rendere impossibile l’identificazione di differenze, anche quando se ne vedono diversi contemporaneamente. Sono caratterizzati da un abito simile alla divisa dei militari nazisti dell’ultima guerra mondiale, spesso presentando dei simboli simili a quelli dell’alfabeto runico e, anche tra di loro, non si nota la presenza di sessi.

Conosciamo poco della loro dieta, anche se è ben nota la loro voracità, alcuni sostengono che i Sauri userebbero gli umani anche come cibo. Fortemente indipendenti e autoritari, soggetti a colleriche reazioni, da sempre si sono imposti una guida o re supremo, definito anche “Re del Mondo”, colui che ha la facoltà di imporre le sorti a tutta la popolazione e prendere le decisioni più importanti, soprattutto riguardo le conquiste da intraprendere su altri mondi (stessa carica di “Re del Mondo” è comune anche nei Rettiliani terrestri).

Comune a molte razze aliene è la struttura piramidale, dove al vertice si trova questo Re e a scendere tutto un intricato sistema di sottocomandanti, una componente strutturale simile al nostro feudalesimo medievale con al comando una sorta di “Barone”. Tutti i “Baroni” formano una “Suprema Casta o Consiglio”, seconda carica più importante dopo quella del “Re”.

Ogni “Barone” comanda un proprio territorio, non solo nel pianeta-capitale, ma anche negli altri pianeti colonizzati sparsi per la Galassia. Sotto di lui e ai suoi servigi, si trova una popolazione composta da funzionari, amministratori, sacerdoti, istruttori, scienziati, ginnasti, operai e schiavi che compongono il tessuto sociale.

Ogni baronia è fortemente autarchica e il suo potere è dovuto non solo allo sfruttamento delle risorse, sia planetarie o sauriane (nel nostro caso si direbbe in materie prime e umane), ma anche alla capacità di conquista di altri mondi e lo sfoggio di potenza e autorevolezza, con la conseguente capacità distruttiva e di saccheggio più totale.

Interferenze con l’Uomo

Grande capacità dei Sauroidi, durante le adduzioni, è quella di manipolare il tempo, creando quella condizione meglio conosciuta come “missing time”.

Questi vuoti di tempo, che possono variare da pochi secondi a qualche minuto, sono tipici di quelle adduzioni dove si rende necessaria un interruzione temporale, in grado di creare un buco quantico e nel quale l’alieno può agire indisturbato. Comune a molti addotti è la visione, nelle paralisi apparenti o nei sogni, di serpenti viscidi dallo strano comportamento, di solito di colore marrone, spesso anche di draghi dalle fattezze possenti e dagli occhi rossi, sino ad arrivare alla visione indistinta di ombre o di aloni olografici in movimento.

Spesso nei ricordi più vividi è sovente rammentare un respiro pesante, profondo e rumoroso, accompagnato da sibili e grugniti.

Artefice sin dai primi tempi del vasto progetto di manipolazione genetica su vasta scala, è la razza che per prima arrivò sulla Terra, dopo averla abbandonata milioni di anni prima per motivi di sopravvivenza, nel quale attuò un iniziale piano di nuova conquista e ricerca insieme alla razza aliena degli Horus, a quel tempo all’interno dei vertici della “Gerarchia Superiore”.

Non è un caso che la figura del Serpente o del Drago, sia presente insieme a quella dell’Aquila o del Falco (ma anche del Leone o gli Uomini Pesce), in quanto erano le principali divinità presenti in quel periodo sul nostro pianeta e direttamente responsabili di quanto è stato realizzato.

Durante i vari millenni di permanenza sulla Terra sono cambiate molte cose, non soltanto il progetto di ibridazione umano-aliena per il controllo futuro delle Anime, ma anche la composizione gerarchica delle varie razze aliene. Un tempo potenti e temuti, persero ben presto potere per essere declassati anche da altre civiltà più recenti, ritenuti troppo collerici, voraci e pericolosi, fu necessario ridimensionare il loro potere, per meglio contenere la loro “fame”.

Inoltre, il grande errore imputato ai Sauri fu quello di aver concesso ai Luciferini di entrare all’interno dei contenitori umani, regalando, involontariamente, quello che comunemente nelle nostre religioni è meglio conosciuto come il “Frutto della Conoscenza”.

Il passaggio dei Luciferini, dal Sauroide all’Umano, dette una spinta a quest’ultimo in fatto di intelligenza, portandolo ben presto ad una maggiore consapevolezza di se, attuando, al tempo stesso, un forte parassitaggio condizionando il comportamento umano (vedi la religione, la politica, l’economia).

I Sauri, inoltre, non sono stati da meno in tutta questa operazione, intervenendo molto spesso di persona sulla Terra, portando e regalando importanti conoscenze all’Uomo. E’ molto probabile che questo sviluppo dell’Uomo, sia stato deciso per avere esseri viventi più “svegli e meno dormienti”, in grado di regalare molta più energia, rispetto ad un soggetto più spento o peggio ancora ridotto ad un automa.

Sia i Luciferini che i Sauri, hanno bisogno di grandi risorse energetiche per sopravvivere che solo gli umani sono in grado di dare, per questo sono stati tra i primi a creare i macchinari necessari per strappare le Anime dagli addotti ed immetterli per breve tempo all’interno dei loro corpi per auto-rigenerarsi.

La sua invadenza, non solo nelle gerarchie aliene è ovviamente opprimente, ma anche sulla civiltà umana, perché non a caso il Serpente nella nostra cultura è associato al diavolo e di quanto più malefico possa esistere.

In lui si ritrova uno dei tanti demoni che vogliono rapirci l’Anima, che vivono negli inferi, profusori di versi aberranti, affamati di potere ma anche della nostra carne, del nostro sangue, nonché della nostra energia animica.

Nelle ricostruzioni delle adduzioni, la parte mistico-religiosa di questo essere ha assunto componenti più scientifiche, facendo notare la sua vera natura, la tecnologia che dispone, le grandi capacità tattiche, ma anche una frustrazione latente dovuta ad un ridimensionamento del suo potere, che spesso l’ha portato in aperto contrasto e in lotta con le altre razze.

Infondo si considera padrone di questo mondo, perché qui è nato, ed aspetta un passo falso delle altre razze aliene per riscattare questo diritto.

E’ ovvio pensare che considera l’Uomo di sua esclusiva proprietà, prospettando per lui un futuro di schiavitù a livello sociale ed energetico.

Moderne teorie cospirazioniste
Alcune teorie della cospirazione hanno sostenuto la presenza sulla Terra di stirpi di “rettiliani” di origine extraterrestre, in alcuni casi in grado di mutare la propria forma.

Secondo tali teorie sarebbero per esempio rettiliani gli alieni provenienti dalla costellazione del Drago, che sarebbero le “eminenze grigie”, i padroni nascosti degli alieni più famosi, i cosiddetti Grigi, provenienti dal sistema di Orione, Zeta Reticuli e Bellatrix.

Di extraterrestri rettiliani racconta Herbert Schirmer, che sostiene di essere stato rapito ad Ashland nel 1967 da esseri umanoidi, alti tra 1,4 e 1,8 m, rivestiti da una tuta aderente, con testa sottile e allungata e pelle grigio-bianca; la bocca sarebbe stata simile ad una fenditura e non si sarebbe mossa mentre parlavano e i loro occhi sarebbero stati inclinati. Sulle tute Schirmer avrebbe visto un emblema a forma di “serpente alato”.

Secondo sempre Schirmer tali esseri proverrebbero da un’altra galassia e sarebbero provvisti di basi sul nostro pianeta.

John Rhodes raccolse insieme le testimonianze dei presunti contatti tra esseri umani e rettiliani umanoidi, ha fondato nel 1997 un apposito centro di ricerca ed è apparso in televisione e alla radio per illustrare le sue scoperte e le presunte prove scientifiche di sostegno alle sue teorie.

Rhodes afferma che i rettiliani umanoidi discenderebbero dai dinosauri e sarebbero quindi un sottoprodotto dell’evoluzione terrestre. Rhodes per avvalorare le proprie tesi cita le teorie di Dale Russel degli anni ottanta, relative alla descrizione di quale sarebbe potuta essere l’evoluzione dei dinosauri in una specie intelligente. Secondo Rhodes l’attenzione umana sarebbe intenzionalmente spostata dai mondi sotterranei allo spazio profondo, proprio allo scopo di mantenere segreti gli argomenti riguardanti le dimore dei popoli sotterranei e le loro antiche civiltà.

Secondo David Icke, come pubblicato nel suo libro “The Biggest Secret: The Book That Will Change the World” (in italiano “Il più grande segreto: Il libro che cambierà il mondo”) gli umanoidi rettiliani sarebbero una forza occulta che manipolerebbe e controllerebbe l’umanità.

La razza sarebbe costituita da esseri alti 2,13 m e bevitori di sangue e proverrebbe dal sistema stellare Alpha Draconis.

Antropomorfi, prima parte QUI

Antropomorfi, seconda parte QUI

Tratto da: http://www.bibliotecapleyades.net/ 

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Montagne Sacre

I MONTI SACRI DELL’ANTICHITÀ

In questa breve esposizione parlerò dei “Monti Sacri dell’Antichità”, spesso dimenticati dalle narrazioni storiche ma, di vitale importanza nell’ambito delle ricerche archeologiche legate al nostro passato antropologico e religioso.

Monte del Tempio: monte Moriah

Il monte Moriah (“Monte che indica la via, che addita”), il monte centrale dei tre sui quali sorge Gerusalemme, tra il monte Zophin (“Monte degli osservatori”) a nord e il monte ziom (“Monte del segnale”) a sud. E’ chiamato così perché sulla sua piattaforma venne costruito il Tempio dedicato a Yahweh. Circondata da un muro, la piattaforma rialzata contiene la sacra Even Sharit (“Pietra della fondazione”) dove sia la tradizione, sia gli studi archeologici, indicano che si trova il Sancta Sanctorum del Tempio (ora inglobato nel Duomo della Roccia, è diventato un tempio mussulmano.

A ovest, l’antica piattaforma è supportata dal Muro Occidentale, contemporaneo al Tempio, le cui fondamenta poggiano direttamente sul substrato roccioso. Rovine che risalgono all’epoca di Gesù di Nazareth indicano che l’accesso del pubblico al Tempio avveniva attraverso una scala cerimoniale, nonché attraverso le porte del muro meridionale.

Il Monte Moriah (“Monte che indica la via”) è il monte centrale dei tre monti di Gerusalemme, dove venne costruito il Tempio e dove era ubicato il Centro di controllo missione postdiluviano degli Anunnaki.

Monte Olimpo 

Il Monte Olimpo, che secondo le leggende dell’antica Grecia era la dimora dei “dodici” dèi, dèi che a capo dei quali era Zeus.

“Il Monte Olimpo si trova nel Nord della Grecia: altissimo e inaccessibile, sempre avvolto dalle nuvole, fu ritenuto la dimora degli dèi, che per questo motivo furono chiamati anche olimpici. E il termine olimpico, sta a indicare le vite beate delle divinità, è ancora oggi sinonimo di imperturbabile calma” 

Monte Sinai 

 Il Monte Sinai, è il monte sul quale il Libro dell’Esodo, atterrò Yahweh a bordo del suo Kavod difronte al popolo israelita, e dove Mosè ricevette le tavolette con i Dieci Comandamenti. I monaci del monastero di Santa Caterina, nella parte meridionale montuosa del Sinai, chiamano “Monte di Mosè” un monte che si trova lì accanto e lo identificano come il biblico monte Sinai.

Questa identificazione presuppone che l’Esodo abbia seguito quella che gli studiosi chiamano una “Via meridionale”. Per ragioni addotte in alcuni libri, l’approcio è che si tratti di una “Via centrale”, in base alla quale il vero monte Sinai si troverebbe più a nord, nella zona pianeggiante della penisola.

Il monte si presume possa essere legato alle strutture postdiluviane degli Anunnaki, il “monte Masu” è lo stesso monte dove Gilgamesh si recò per essere trasportato in cielo.

Monte Zaphon

Il monte Zaphon, viene indicato in ebraico come il “monte del Nord” – nome biblico di un picco nella regione settentrionale di Cannan; il nome poteva anche significare in ebraico “Monte del segreto nascosto”. Poiché la narrazione epica cananea di Kerer descrive il monte come “il monte di Ba’al” e il suo “recinto sacro (…) recinto dell’ampia misura”, con i suoi trilithon da oltre 1200 tl. Nella zona di Ba’albek in Libano.

Monti Tauro 

I monti del tauro si trovano nella catena montuosa in Asia Minore (odierna turchia) che corre in direzione est-ovest lungo una buona parte della regione meridionale del paese, con vette che raggiungono i 3.048-3.657 metri; da questi monti nascono i fiumi Tigri, Eufrate e i loro affluenti.

 

Gli Ittiti e altri popoli dell’Anatolia vi estraevano l’argento e, in seguito lo stagno; l’ipotesi è che dopo il Diluvio il dio Teshub/Adad portò con sé esperti minatori dall’Anatolia per estrarre oro e stagno nella regione del lago Titicaca in Sud America.

Monti Zagros

I monti Zagros sono una catena montuosa che forma il confine orientale della pianura mesopotamica e che segna l’inizio dell’altopiano montuoso dove si trova il regno di Elam, diventato poi la Persia/Iran.

Elam è l’antico regno nelle terre montuose a sud-est di Sumer; citato la prima volta nella Bibbia come la Terra di Elam, figlio di Sem; la sua capitale era Susa, era la Shushan dei tempi persiani citata nella Bibbia.

Estensione della civiltà sumera, Enlil la assegnò a suo figlio Ninurta (che gli Elamiti chiamavano In-shushinak, “Signore di Shushin”). Gli Elamiti erano un popolo guerriero e ottimi produttori di armi in metallo, fornivano truppe per diverse campagne militari, come la “Guerra dei re”, descritta nel capitolo 14 della Genesi.  

http://ningizhzidda.blogspot.it/