Archivi tag: Anubi

Davanti agli occhi – oltre il mistero delle costruzioni antiche

 

 

Gli strumenti usati per costruire antichi monumenti potrebbero esserci stati davanti agli occhi da sempre   

di HAF

 

Uno dei motivi principali per cui oggi restiamo affascinati dalle strutture antiche è il mistero di quanto spesso le pietre massicce venissero tagliate e montate insieme con una precisione inspiegabile.

Usando i tuoi occhi, un chiaro difetto nella narrativa tradizionale diventa palesemente evidente.

Le spiegazioni tradizionali suggeriscono che strumenti ordinari e primitivi combinati con straordinarie imprese dello sforzo umano hanno reso tutto possibile.

Non c’è una buona spiegazione del perché le tecniche di costruzione e i progetti condividano così tante somiglianze in tutto il pianeta quando emerge il quadro generale.  

 

Oltre al mistero della costruzione, c’è un altro anello mancante: cosa è successo agli strumenti? Inoltre, perché non vediamo le informazioni registrate che spiegano questi sorprendenti metodi di costruzione?

Questi metodi erano intenzionalmente tenuti segreti o le risposte ci hanno sempre guardato in faccia?

È la ragione per cui non abbiamo trovato prove evidenti di strumenti perché uno di questi è il suono e le vibrazioni effimere? E, è un’altra ragione perché abbiamo frainteso gli strumenti utilizzati?

Le “Pietre veliche d’Egitto”

Un antico racconto di un antico storico e geografo arabo suggerisce che gli egiziani usassero il suono per trasportare enormi blocchi di pietra. Conosciuto come Erodoto degli Arabi, registrò una leggenda secolare nel 947 d.C.

Secondo Mysterious Universe, la leggenda dice così:

“Quando costruirono le piramidi, i loro creatori posizionarono con cura ciò che era descritto come magico papiro sotto i bordi delle possenti pietre che dovevano essere usate nel processo di costruzione.

“Poi, uno ad uno, le pietre furono colpite da ciò che era curiosamente, e piuttosto enigmaticamente, descritto solo come un’asta di metallo.

“Ecco, le pietre iniziarono lentamente ad alzarsi in aria e – come soldati diligenti che seguono indubbiamente gli ordini – procedettero in modo lento, metodico, a file singole un numero di piedi sopra un sentiero lastricato circondato da entrambi i lati da simili, aste di metallo misteriose.”

 

 

Lo scettro di Was

 

Abbiamo visto tutti divinità egiziane come Anubi, in piedi con una strana asta in mano come nella foto sopra.

Tuttavia, non molte persone sanno cos’è quell’oggetto. Si chiama Was-sceptre, un bastone con una base a forcella e sormontato da una testa a punta a forma di canino stilizzato o di un altro animale.

L’asta è sottile e perfettamente diritta e associata ad altri oggetti misteriosi come l’Ankh e il Djed. Erano semplicemente simbolici o avrebbero potuto essere strumenti di qualche tipo?

Ankh, Djed & Was di Kyera Giannini (CC BY 2.0)

  Djed di Mark Cartwright (CC-BY-NC-SA)

 

Secondo l’Enciclopedia della storia antica, questi oggetti sono simboli che rappresentano il potere e il dominio reali.

“I tre simboli più importanti, che spesso appaiono in tutti i modi di opere d’arte egiziane, dagli amuleti all’architettura, erano l’ankh, il djed e lo scettro.

“Questi sono stati spesso combinati in iscrizioni e spesso compaiono su sarcofagi insieme in un gruppo o separatamente. Nel caso di ciascuno di questi, la forma rappresenta l’eterno valore del concetto: l’ankh rappresentava la vita; la stabilità djed; era il potere.”

In alcune raffigurazioni, gli scettri Was sono visti sostenere il tetto di un santuario mentre Horus guarda.Allo stesso modo, il Djed è visto su architravi del tempio che sembrano reggere il cielo nel complesso di Djoser a Saqqara.

Un video di Ancient Architects esplora questa idea, mostrando esempi di diapason usati dagli egiziani.

Il narratore Matthew Sibson dal Regno Unito solleva alcune idee affascinanti su come gli egiziani potrebbero aver usato oggetti come lo scettro di Was e le forchette di sintonia per tagliare le pietre più dure usando il potere del suono e delle vibrazioni. (vedi video sotto)

Una statua di diapason è raffigurata su una statua di Iside e Anubi, ognuna con in mano un’asta. Tra le divinità, una scultura mostra due diapason che sembrano essere collegati da fili.

Sotto le forche, un oggetto arrotondato con quattro punte è centrato e appare quasi come una freccia rivolta verso l’alto.

Nel video, Sibson fa apparire un’e-mail interessante ma non verificata sul sito Web KeelyNet.com dal 1997. L’e-mail suggerisce che gli egittologi hanno trovato antiche forcelle in sintonia e potrebbero averle etichettate come “anomale” quando non potevano immaginare quale fosse il loro scopo.

“Alcuni anni fa un amico americano ha scelto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del museo egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All’interno ha trovato “centinaia” di ciò che ha descritto come “diapason”.

Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della “forcella”. Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non ferrosi, ma “acciaio”.

Questi oggetti assomigliavano a una lettera “U” con una maniglia (un po’ come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.

Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione.

Sebbene l’e-mail sia solo una prova aneddotica, sembra confermare il geroglifico di diapason sulla statua di Iside e Anubi, con filo teso tra i denti.

Successivamente, vediamo un sigillo Sumerian Cylinder molto più vecchio che mostra una figura che regge quello che sembra essere un diapason. Come vedi di più, sembra che gli antichi sapessero molto di più sugli effetti del suono e delle vibrazioni di quanto attualmente comprendiamo.

Oggi stiamo imparando nuovi modi di guardare alle strutture antiche. L’archeoacustica sta rivelando come il suono abbia giocato un ruolo vitale nella costruzione di siti in tutto il mondo.

Nel frattempo, lo studio dei cimatici rivela come le vibrazioni alterano la geometria della materia in modi intricati e inspiegabili.

Inoltre, i misteri della meccanica quantistica si stanno svelando quando troviamo nuove particelle e utilizziamo algoritmi di intelligenza artificiale per scoprire come funziona la materia stessa.

Potremmo finalmente raggiungere la fase in cui inizieremo a capire esattamente come gli antichi popoli del mondo hanno creato enormi monumenti in tutto il mondo? 

Riferimento: Ancient-code.com

Fonte: https://humansarefree.com/

®wld

Anubi la sfinge?

 

Qual’era la Sfinge?

Di Robert Temple

Non c’è mai stata una risposta soddisfacente a ciò che la Sfinge effettivamente è o era. Chiunque si rechi a Giza può vedere da sé che c’è qualcosa di “sbagliato” nella Sfinge. Ci vuole solo un istante Il corpo è gigantesco e la testa è solo un brufolo. Gli egiziani non hanno mai fatto nulla del genere, erano sempre meticolosi riguardo alle proporzioni nella loro arte. Allora, com’è che abbiamo questo mostro con una piccola testa seduta lì nella sabbia, allora?

Ci sono molte altre cose sbagliate con la Sfinge. Loro sono:

  • La parte posteriore è piatta. Chi ha mai visto un leone con la schiena piatta, senza un grosso petto e senza criniera?
  • La Sfinge è seduta in un buco profondo nel terreno. Perché? Perché non è seduto da qualche parte in alto in modo che possa mettersi in mostra?
  • C’è un tempio in rovina proprio di fronte alla Sfinge, con un muro praticamente contro il suo naso, e nessuna porta in quel muro. Perché ostruire la vista della Sfinge dal fronte in questo modo? E se il tempio fosse per adorare la Sfinge, perché non c’è accesso dal tempio alla Sfinge, così che non puoi nemmeno arrivarci?
  • La fossa in cui si trova la Sfinge sembra essere profondamente erosa, come per i flussi d’acqua. Cosa ha causato tutto ciò? Sembra che l’acqua abbia riversato i lati. D’altra parte, non ci sono tali schemi di erosione verticale sulla Sfinge stessa, che invece ha chiari schemi di erosione orizzontale. Come si possono riconciliare questi due diversi modelli ad angolo retto l’uno con l’altro? E cosa potrebbe aver causato l’uno o l’altro?

Niente di tutto questo ha senso se ci pensate. Certo, molte persone non pensano. Stanno solo a bocca aperta e vanno avanti, il loro cervello in posizione neutrale.

Ma quando mia moglie Olivia ed io abbiamo visto per la prima volta la Sfinge molti anni fa, siamo rimasti lì stupiti ed entrambi hanno convenuto che l’intera faccenda era sbagliata, sbagliata, sbagliata.

Quindi ora, dopo molti anni di lavoro, pensiamo di aver trovato delle risposte. Naturalmente, ogni nuova idea su tutto ciò che “tutti conoscono” rende (1) la convinzione convenzionale che le persone si infuriano e (2) rende le persone anti-establishment felici. Nessun premio per indovinare da che parte sto.

Permettetemi prima di dichiarare la mia posizione su quello che è diventato qualcosa di una nozione radicata tra i miei colleghi anti-establishment. Non credo che la Sfinge abbia 12.500 anni. Né credo nella “pioggia antica”.

Credo che la Sfinge sia più antica di quanto si creda convenzionalmente. Ma non credo che sia più vecchio di migliaia di anni, o qualcosa del genere.

Credo che ci sia un’erosione dell’acqua nel sito della Sfinge, ma non credo che abbia avuto nulla a che fare con la “pioggia antica”, né credo che ci fosse qualcosa da erodere nel momento in cui una “pioggia antica” cadeva.

Allora, qual è la risposta?

Isola Sfinge e Fossato

L’acqua del Nilo in quei giorni, al momento dell’inondazione una volta all’anno (che non succede più a causa della diga di Assuan), arrivò direttamente al bordo del Tempio della Sfinge, dove ci sono anche banchine di fronte. Quindi quello che credo sia accaduto è che l’acqua del Nilo è stata fatta entrare nella Fossa della Sfinge, che ora chiamo Sphinx Moat, con alcuni semplici dispositivi di innalzamento dell’acqua, guidata lungo lo stretto canale tra il Tempio della Sfinge e il Tempio della Valle (il due strutture di fronte alla Sfinge) e il suo flusso era controllato da una serie di chiuse e porte d’acqua. I segni di queste chiuse e porte, con i loro numerosi fori per i bulloni e così via, non esistono più, perché su di loro sono state posate nuove pietre e cemento. Ma non preoccuparti! Ho fatto un sacco di fotografie di loro prima che scomparissero, e quelle sono tutte riprodotte nel nostro libro. Tutti possono quindi vedere tutto molto chiaramente. La ragione per cui il muro del tempio è di fronte alla Sfinge è di agire come la quarta barriera all’acqua. Il motivo per cui non c’è una porta nel muro è che avrebbe lasciato uscire l’acqua.

L’erosione orizzontale sul lato della Sfinge (dove non è coperta da “pietre di restauro”) è perché la Sfinge era seduta nel mezzo di un fossato pieno d’acqua. L’erosione verticale ai lati della fossa, in particolare il lato sud, è dovuta al dragaggio continuo del fossato dovuto alla sabbia trasportata dal vento che si accumula lì. Ogni volta che il Fossato veniva dragato, l’acqua veniva versata a torrenti sui lati, causando un’erosione verticale, accentuata dalle cavità naturali nella roccia calcarea.

Quindi penso che la Sfinge fosse, tra le altre cose, un’isola!

Questo risolve immediatamente l’enigma delle prove registrate dal quinto secolo aC storico greco Erodoto, che disse che il re Cheope fece entrare l’acqua dal Nilo per circondare un’isola a Giza. Ecco qui!

Di chi è la testa sulla Sfinge?

Quindi abbiamo un’isola. Ora cosa ne facciamo? E perché la testa del re Cheope ha le dimensioni di un brufolo sul davanti di questo grande leone dalla schiena piatta, circondato dall’acqua? Cosa sta succedendo?

Ma aspetta! Chi lo dice che è la testa del re Cheope? Alcuni dicono che è la testa del re Chephren, ma se hai mai visto la testa di Chephren su quell’enorme statua nel Museo del Cairo, sai che non assomigliano affatto, dal momento che Chephren ha una faccia lunga e la Sfinge ha una faccia tonda, solo un anticipo, e c’è anche molto altro che non è lo stesso.

A questo punto delle mie meraviglie, ho iniziato a sentirmi davvero a disagio. Generalmente so quando qualcosa non va bene. Potrei non sapere cosa si adatta, ma più spesso so cosa no.

E quella faccia non è né Cheops (non che noi sappiamo che aspetto ha davvero in ogni caso, poiché l’unica somiglianza di lui che sopravvive è una statuetta d’avorio alta tre pollici, che potrebbe essere tuo zio Tony o anche la tua ziae Madge per quella materia) né vecchia Chephren Long-Face. Allora, chi è?

Fu a questo punto che scoprii una di quelle fonti dimenticate che continuano a cadere nelle mie ginocchia, e in questo caso era un articolo scritto da un archeologo tedesco di nome Ludwig Borchardt molto prima che la Sfinge fosse scavata, quando solo la sua testa e il suo collo erano attaccare sopra la sabbia. Borchardt era solito andarci e guardarlo. A quei tempi, potevi guardare la Sfinge negli occhi e lui non avrebbe nemmeno battuto ciglio, anzi, gli rispose sorridendo. Al giorno d’oggi, è molto bloccato, con la testa alta sopra di noi se ci mettiamo ai suoi piedi, quindi non riesci a distinguere bene i dettagli della sua testa.

Borchardt ha avuto modo di pensare. Notò che la Sfinge indossava strisce di vernice per gli occhi (nessun commento, i faraoni hanno il diritto di fare ciò che vogliono come adulti consenzienti nella privacy della propria Sfinge), e sapeva che quelli non erano indossati nel periodo noto come l’Antico Regno, quando visse Cheope e Chefren. Notò i dettagli dei motivi a strisce nello strano copricapo indossato dalla Sfinge. La faccia doveva essere quella di un faraone, dal momento che questo copricapo era il sacro copricapo religioso del faraone noto come nemes . Ma Borchardt, che era a capo dell’Istituto tedesco al Cairo e quindi sapeva una cosa o due, si rese conto che quegli schemi a strisce non erano nemmeno usati nell’Antico Regno.

Cominciò a fare qualche ricerca sui copricapo di nemes , e scoprì che quei particolari motivi a strisce erano usati solo nel periodo del Medio Regno, centinaia di anni dopo Cheops e Chephren. Ha scritto tutto questo in forma tecnica e l’ha pubblicato in un distinto periodico accademico (in tedesco ovviamente, ma l’ho tradotto e appare come un’appendice del nostro libro), e ho concluso che la Sfinge era stata scolpita nel Regno di Mezzo Periodo, non nel periodo del Vecchio Regno.

Ma tutti ridevano del povero vecchio Borchardt. Chi ha mai sentito parlare di una cosa del genere? Il regno di mezzo! Borchardt deve essere impazzito! E poi la Sfinge fu scavata nel 1926 e infine completamente scavata nel 1936, ed era perfettamente chiaro a tutti che la Sfinge era molto più antica del Regno di Mezzo. Ma tutti hanno dimenticato che Borchardt non aveva mai visto il corpo della Sfinge nel momento in cui ha scritto l’articolo, parlava solo della testa.

Così ho riaperto il caso e ho concluso che la testa si è ricomposta nel Regno di Mezzo, proprio come ha detto Borchardt, e per di più, credo di poter persino identificare con precisione quale faccia del faraone sia. Certo, per scoprirlo, devi davvero vedere il libro.

Tuttavia, è tutto molto ben identificativo del volto sulla Sfinge. Alcune persone potrebbero essere soddisfatte solo facendo ciò. Ma no, è come guardare un film noir senza conoscere il finale. Anche se conosci whodunnit, vuoi comunque conoscere il motivo.

“Tutti conoscono” La Mentalità della mandria

Allora, qual era la Sfinge prima che la faccia di quel ragazzo fosse scolpita su di essa? Bene, per capirlo, devi cercare di capire che cosa fosse la Sfinge prima che quel faraone gli mettesse i suoi scalpelli. Questo attira l’attenzione sul dorso piatto. “Tutti sanno” che la Sfinge ha il corpo di un leone. Non appena sento che “tutti sanno” qualcosa, so che deve essere sbagliato. Ho una mentalità patologicamente anti-gregge. Tutto quello che devi fare è dirmi “tutti sanno” qualcosa, e io non lo crederò immediatamente. Questo perché le folle hanno sempre torto. Le folle hanno lo stesso senso di un mollusco.

Ho iniziato dalla premessa che la Sfinge non era affatto un leone. Milioni di persone lo vedono ogni anno, da ogni parte del mondo, e tutti “sanno” che è un leone. Ciò significa che non può essere uno. Loro “sanno” che è un leone perché gli è stato detto che è un leone. Ai tedeschi fu detto che Hitler era il loro salvatore e così “lo sapevano”, i russi tutti “sapevano” che Stalin era come un padre gentile, che si sarebbe preso cura di loro. Sì, tutti, o almeno tutti quelli che conoscevano, “sapevano” queste cose. E anche le persone una volta “sapevano” che la Terra era piatta e che il Sole girava intorno alla Terra. Quelle cose erano tutte “note”. Ma erano vere?

Se non era un leone, cos’era? Beh, doveva essere un animale con la schiena dritta, senza petto enorme e senza criniera. Doveva anche essere un animale che si accovacciava in quel modo con le zampe sporgenti di fronte. (È inutile guardare troppo da vicino le zampe, poiché sono completamente ricoperte di pietre di restauro, e sono state modellate per sembrare “ciò che tutti sanno”, al fine di riconfermare la falsità del consenso che tutti hanno accettato di credere in .)

Anubi – Guardiano della Necropoli

La Sfinge è accucciata lì all’ingresso della Necropoli come un guardiano. Bene, eccolo! È un cane da guardia! Gli antichi Egizi avevano un dio chiamato Anubis, che era un cane selvatico accovacciato, generalmente definito uno sciacallo (sebbene in senso stretto non ci fossero sciacalli in Egitto, e Anubis era in realtà una specie di cane selvaggio che ora è estinta). Anubis era il guardiano della Necropoli, il guardiano dei morti, ed era spesso raffigurato nella precisa posizione della Sfinge – e in modo famoso in una statua trovata nella tomba di Tutankhamon – così che la sua immagine è familiare a quasi tutti chi ha mai avuto un interesse nell’antico Egitto.

Nella Figura 1 mostro il disegno che ho commissionato che mostra come la testa ricamata della Sfinge è stata scolpita dal moncone del collo che è rimasto sulla Sfinge dopo che la statua originale è stata mutilata dalle masse scatenate che hanno distrutto tutto ciò che potevano sul Plateau di Giza durante il periodo del caos noto come il Primo Periodo Intermedio, tra il 2200 e il 2000 AC.

Era la cosa più facile del mondo battere le orecchie e il naso dalla Sfinge quando la Sfinge era Anubis. Non potevi rimetterli indietro perché la Sfinge era scolpita nella solida roccia, e comunque i pezzi dovevano essere fatti a pezzi. Quindi il futuro faraone esibizionista potrebbe persino dire a se stesso che stava facendo un atto pio e ‘restaurare’ la statua sfoggiando se stesso, proprio come, ad esempio, Madonna aiuta il mondo, vero? Tom Cruise sta anche salvando il mondo, ricordi? Sì, sappiamo tutti che tutte le celebrità stanno ottenendo le loro foto sui giornali solo per cause nobili, e non ha nulla a che fare con il voler che le persone li guardino, o con cose così basse come la vanità.

Parlando di stelle del cinema, la Sfinge è ora così botox e ha subito così tanta chirurgia plastica da “restauro” pazzo (che è tutto mostrato in grande dettaglio nel nostro libro) che potrebbe facilmente ottenere una parte principale in un successone. Ma il suo ‘lavoro da naso’ non è andato molto bene, perché manca ancora. Fu abbattuto nel 13 ° secolo da un imam fanatico di nome Sheikh Mohammed, che desiderava purificare l’Egitto dalle influenze non islamiche. Si è spinto fino al naso, almeno. (La storia che il naso è stato sparato dai soldati di Napoleone è falsa).

Quindi ora abbiamo un Anubis accucciato come un’isola, circondato da un piccolo lago. E finalmente abbiamo qualcosa che gli studenti dei testi antichi possono improvvisamente riconoscere. Per i più antichi testi egiziani sopravvissuti, noti come i Testi delle Piramidi, spesso si parla di un luogo sacro associato alla necropoli di Giza chiamata Lago di Jackal. Ed eccolo qui!

Adesso stiamo andando da qualche parte. Tutto comincia a dare un senso. Nel nostro libro raccogliamo i molti testi antichi che si riferiscono ad Anubi che custodiscono la Necropoli, situata a Giza, che si trova accanto a una strada rialzata, ed è molto grande. Riproduciamo anche rilievi a tombe della IV Dinastia di Giza che mostrano un gigantesco Anubi, che può essere inteso come rappresentazione attuale della Sfinge.

Camera segreta sotto la Sfinge

La maggior parte delle persone che sono incuriosite dai misteri egizi si sono interrogate a lungo sul fatto che ci possa essere una camera segreta sotto la Sfinge. Ho strisciato all’interno della Sfinge e descrivo il tunnel che esiste nella parte posteriore del corpo della Sfinge, così come il tunnel verticale scavato nella base rocciosa sotto la groppa della Sfinge, e riprodurre le foto di questi. Nella Figura 2 vedi una foto che Olivia ha preso da me con la mia testa che spuntava dal fondo schiena della Sfinge, il che forse dimostra quanto bene lo conosca.

Poi è successa una cosa incredibile. Mi sono imbattuto in un passaggio in uno dei vecchi libri che raccolgo, in questo caso pubblicato nel 1715, che descriveva una camera sotto la Sfinge e ne forniva una testimonianza oculare! Ero sbalordito. Il libro faceva riferimento a precedenti resoconti di questa camera, ma trascurava di dire chi li aveva scritti o quando erano stati pubblicati. Leggero problema! Come potevo trovare questi libri?

Se andavi nella British Library e dicevi a un bibliotecario che avevi bisogno di un libro pubblicato prima del 1715 che descrivesse una camera sotto la Sfinge, ti verrebbe detto di tornare quando avevi il nome dell’autore o il titolo del libro. Tutto quello che dovevo fare era “un libro che menziona la Sfinge prima del 1715”, quindi come ho fatto?

È qui che entrano in gioco le mie abilità speciali, che mi consentono di ottenere informazioni che altri non sembrano in grado di ottenere. Io sono quello che potreste chiamare un esperto di recupero di informazioni, e non ho bisogno di sapere nulla sul campo per ottenere le sue informazioni “nascoste”. Non esiste alcuna informazione nascosta o distrutta: è tutto lì nello spazio informazioni se si ha accesso. Tutti conoscono le e-mail che le persone pensano di aver cancellato dai nostri computer, ma che possono essere recuperate dagli esperti di recupero dati dei computer (come parte di un’indagine penale, ad esempio). Bene, c’è una versione più alta di quella, che consente a tutte le informazioni che siano mai esistite in qualsiasi forma materiale di essere accessibili dal regno interamente non-materiale di Information Space.

Sfortunatamente, non ho mai incontrato nessuno che sembra in grado di accedere a questo materiale in modo metodico e sistematico. La maggior parte degli esseri umani può accedervi in ​​modo debole e tremolante, attraverso quella che viene chiamata “intuizione” o “intuizione”. Forse è altrettanto giusto che l’accesso corretto a tutte queste informazioni sia limitato. Dopotutto, lo scopo del nostro essere qui nel mondo materiale è vedere come affrontiamo senza informazioni . Ecco perché le persone come me trovano così difficile comunicare ciò che sappiamo quando in qualche modo, in un modo che non capiamo, acquisiamo informazioni dallo spazio informazioni. Non è per lo più destinato alla circolazione, e forse non dovrei nemmeno farlo. Quando rivelo queste informazioni alle persone, non mi credono comunque, quindi generalmente non mi preoccupo.

Non posso spiegare come accedo. Mi sembra di “vedere attraverso la materia” in un modo che è difficile da descrivere, e vedo le informazioni dietro di esso dall’altra parte. La materia diventa sempre più trasparente per me ogni giorno, e non ci credo più. In una sola occasione ero così disperato che ho “violentato” lo spazio informazioni. Fu allora che il nostro amato cane Kim fu erroneamente bloccato in una stanza con un codice di sicurezza digitale. Poiché era vecchia e malata e aveva bisogno di acqua, e potrebbe altrimenti morire prima che potessi convincere qualcuno con il codice a venire, ho “acceduto” al codice numerico, l’ho preso a pugni, la porta si è aperta e l’ho rilasciata. Non l’ho fatto all’istante. Prima ho fatto due o tre tentativi isterici sbagliati e ho sprecato minuti preziosi a causa dell’eccessivo stress. Mi sono fatto provare a rimanere calmo e poi ho capito bene. Ciò significava che dovevo effettivamente accedere all’intero numero di diverse cifre, nessuna delle quali era nota a me. Davvero, non dovremmo fare questo genere di cose, ma il mio cane era più importante per me del protocollo.

Per me è importante anche un cane più grande, la Sfinge! Mi sento quasi affettuoso verso di lui come ho fatto io … beh, no, non sarebbe giusto per Kim. Ma mi piace anche la stella del cane. In effetti, io sono un succhiatore per i cani, lo sono davvero. Non sono una persona felina, anche se sono un grande fan della versione originale del film “Cat People” (1942). Guardalo prima o poi! Vedi la mia recensione sul mio sito web.

Alla fine sono riuscito a trovare i resoconti di testimoni oculari pubblicati nella sala al di sotto della Sfinge di 281 anni, comprese informazioni dettagliate su dove si trovava esattamente, le sue dimensioni e il fatto che contenesse i resti di una bara di legno. Poiché la camera è stata descritta come dotata di geroglifici sui muri, sono certo che ciò che gli archeologi chiamano “una sepoltura intrusa”, ma deve essere stata una reale, poiché un albero è stato accuratamente costruito e una camera tagliata in uno dei monumenti più importanti in Egitto, all’interno del recinto sacro della necropoli reale. L’asta fu sigillata con cemento da Émile Baraize nel 1926. Un secolo prima, Henry Salt sigillò anche alcune aperture e passaggi altrove nella Sfinge, e fu fortemente criticato per questo dal conte francese de Forbin. Tutto questo è descritto in dettaglio nel nostro libro. Quindi, sì, c’è una “camera segreta” sotto la Sfinge. E le informazioni contenute nel nostro libro dimostrano ciò al di là di ogni possibilità di dubbio. Ma no, non è originale e non risale al tempo della scultura della Sfinge. Inoltre, è vuoto, quindi non c’è oro o tesoro. Ma se potessimo solo leggere quello che dice sui muri!

Un’altra cosa che ho potuto dimostrare è che la Sfinge e le tre piramidi di Giza facevano parte di un unico concetto di design unificato dell’altopiano di Giza. La posizione e la dimensione della Sfinge sono determinate precisamente in relazione alle tre piramidi, in un modo mai notato prima. Questo è mostrato e spiegato a lungo nel libro, e non è davvero possibile riassumere quel materiale, poiché è troppo lungo e dettagliato per una breve descrizione. Posso dire, tuttavia, che faceva parte di un culto della resurrezione. Nel tentativo di spiegare questo in dettaglio, ho persino l’occasione di spiegare la vera natura di quei bizzarri rilievi in ​​una cripta a Denderah che hanno suscitato molte speculazioni, quelle con le “lampadine”, anche se sono più di 2.500 anni recente, e la loro unica connessione è attraverso il simbolismo.

Spero che tutti possano vedere molto attraverso il nostro libro e, chissà, magari anche leggerlo. Sono successe cose più strane.

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso. 

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

®wld

Approfondimento su Anubis:

I Canidi (Anubis) 

Il Protettore dell’altro mondo.
Nella religione egizia, Anubi era la divinità che proteggeva le necropoli ed il mondo dei morti, per il quale veniva anche chiamato “Il Signore degli Occidentali”.

Prima divinità dell’Oltretomba, come recitano i “Testi delle Piramidi“, venne successivamente sostituito da Osiride già verso la V dinastia, ma restava il dio protettore del XVII nomos dell’Alto Egitto il cui capoluogo, Khasa, venne chiamato in epoca ellenistica Cinopoli, ossia “Città dei Canidi” per il culto che vi veniva celebrato.  

ANTROPOMORFI (seconda parte)

I Canidi (Anubis)

Il Protettore dell’altro mondo.
Nella religione egizia, Anubi era la divinità che proteggeva le necropoli ed il mondo dei morti, per il quale veniva anche chiamato “Il Signore degli Occidentali”.

Prima divinità dell’Oltretomba, come recitano i “Testi delle Piramidi“, venne successivamente sostituito da Osiride già verso la V dinastia, ma restava il dio protettore del XVII nomos dell’Alto Egitto il cui capoluogo, Khasa, venne chiamato in epoca ellenistica Cinopoli, ossia “Città dei Canidi” per il culto che vi veniva celebrato.

Aveva numerosi titoli che coglievano i vari aspetti della complessa natura del dio, tra i quali:

“Colui che presiede l’imbalsamazione”

“Colui che è sulla montagna” intendendo la montagna ove erano scavati gli ipogei

“Colui della necropoli”

“Colui che è nelle bende” intendendo le bende funerarie ma dall’oscuro significato

Nel primitivo culto zoolatrico, Anubi era raffigurato come un cane dal pelo rossiccio, con grandi orecchie e lunga coda, ma a partire dal Nuovo Regno veniva rappresentato con il corpo di uomo e testa di cane, chiamata poi genericamente testa di sciacallo, per identificare così l’animale che si nutre di carogne e quindi strettamente connesso alla morte.

La testa era raffigurata nera perché questo colore indicava la putrefazione dei corpi, il bitume impiegato nella mummificazione ma anche il fertile limo, simbolo di rinascita, quindi, la comune immagine di questo dio, altro non era che un geroglifico indicante la “natura e le caratteristiche” della divinità.

Le divinità ibride con testa di canide erano diverse e ne citiamo tre:

Anubi, Upuat e Khentamentyu.

Anubi veniva definito nei “Testi delle Piramidi” come quarto figlio di Ra generato con la dea Hesat, dalla testa di vacca.

Le varie teologie, in realtà molto confuse, lo indicavano anche come figlio frutto di un rapporto tra Osiride e Nefti oppure della coppia Nefti-Seth ed era anche indicato come fratello di Osiride mentre, inizialmente, negli antichi testi non venivano citati né genitori né coniuge. La dea Qeb-hwt, anche conosciuta come Kebechet ossia “Colei che versa l’acqua fresca” che ristorava i defunti, era considerata la figlia di Anubi e qualche volta la sorella.

La sua paredra era la dea Inpwt avente anche lei per simbolo il canide ed un centro di culto sempre nel XVII distretto dell’Alto Egitto.

Protettore della sacra terra della necropoli, aveva il compito di accompagnare il Ba del defunto davanti al tribunale supremo degli dei, così come narrato nel “Libro dei morti”, illuminando il cammino con la Luna tenuta nel palmo della mano. In questo caso diveniva la forma sincretica del dio Upuat che significa “Colui che apre la strada” ed era anche assimilato all’altra divinità canide, Khentamentyu, ossia “Colui che è a capo della necropoli”.

Ebbe anche un ruolo importante nel mito di Osiride del quale imbalsamò le spoglie su ordine di Ra, facendone così la prima mummia e divenendo il dio protettore dell’imbalsamazione. Gli stessi imbalsamatori erano suoi sacerdoti e quello che presiedeva ai riti funebri indossava la maschera nera con le sembianze del dio, assumendo egli stesso la personificazione della divinità.

Partecipava inoltre alla psicostasia ove conduceva il defunto nella “Sala delle due verità” e ne pesava il cuore assieme al dio Thot che, come scriba, ne registrava la pesatura.

Procione nella costellazione del Cane Minore
Il Cane Minore (in latino Canis Minor) è una delle 48 costellazioni elencate da Tolomeo ed è anche una delle 88 costellazioni moderne; rappresenta uno dei cani che seguono Orione, il cacciatore.

Il Cane Minore è una piccola costellazione dell’emisfero boreale che consiste principalmente di due stelle,

Procione (α Canis Minoris)
Gomeisa (β Canis Minoris)

Procione (α Canis Minoris) è una stella bianco-azzurra di sequenza principale di magnitudine 0,38 e trovandosi alla distanza di soli 11,4 anni luce è la tredicesima stella più vicina al Sole.

Gomeisa (β Canis Minoris) è una nana bianco-azzurra di magnitudine 2,89 ed è distante 170 anni luce, mentre γ Canis Minoris è una gigante arancione di magnitudine 4,33 distante 398 anni luce. Costituisce il vertice nordorientale dell’asterismo del Triangolo Invernale, ciò rende la costellazione, nonostante le sue piccole dimensioni, immediatamente individuabile anche dalle aree urbane più popolate.

Il Procione, in realtà, è una stella doppia, la componente principale (Procione A o α Canis Minoris A) è una nana sub-gigante giallo-bianca con un massa 1,4 volte quella del sole e 7,5 più volte luminosa, la componente secondaria (Procione B o α Canis Minoris B) è una nana bianca.

Procione B orbita ad una distanza media dalla principale di circa 14,9 UA (2,229 miliardi di km), poco meno di quella che separa Urano dal Sole, sebbene l’eccentricità dell’orbita la porti da una distanza minima di 9 a una massima di 21 UA.

L’età della stella era stimata sui 3 miliardi di anni, ma nuove stime hanno ridotto questo valore a 1,7 ± 0,3 miliardi di anni, ritenendo che la stella nei prossimi 10-100 milioni di anni ultimerà la sua espansione, sino a diventare una gigante rossa di dimensioni da 80 a 150 volte quelle attuali.

Il nome Procione deriva dal greco antico e significa “Prima del Cane”, per il fatto che precede Sirio (la “Stella del Cane”) durante la rotazione della sfera celeste a causa della rotazione della Terra sul proprio asse.

Presso i Romani la stella era nota con la traduzione latina del nome greco Antecanis, gli arabi la conoscevano invece come Al Shira ed Elgomaisa.

Il primo nome deriva dal termine “il Segno Siriano” (l’altro segno era Sirio), il secondo da “la donna dagli occhi annebbiati”, in contrasto con “la donna con gli occhi lacrimanti”, ovvero Sirio. Il nome moderno in arabo di Procione è ghumūş, in Cina è noto con il mandarino nánhésān, “la Terza Stella del Fiume Meridionale”.

Queste due “stelle del cane” sono menzionate nella letteratura sin dall’antichità ed erano venerate sia dai Babilonesi che dagli antichi Egizi.

Un pianeta oscuro scavato nella roccia
Dalle ultime e più recenti ricostruzioni, sembra che tra Procione A e B siano collocati ben 13 pianeti rocciosi.

Solamente il secondo e il terzo pianeta hanno condizioni favorevoli ad ospitare la vita, ed è nel secondo che abita la razza Canide o degli Anubis. Il pianeta ha una grandezza poco più ampia della nostra Terra, ma a confronto risulta essere completamente diverso, in quanto al primo impatto appare come un mondo oscuro, con ampie zone della superficie annerite, completamente rivestito di una intricata rete di catene montuose.

E’ del tutto roccioso, con poche zone pianeggianti e fertili, inoltre sono presenti anche dei “piccoli oceani” sparsi qua e là su tutto il globo, non rivestendo comunque una qualche importanza fondamentale.

L’aspetto ancora più particolare di questo mondo risiede nell’atmosfera, pressoché intrisa di nubi e/o nebbia in modo perenne, questo dovuto al massiccio irradiamento solare che rende il pianeta caldo e umido. Anticamente il pianeta doveva essere molto più simile alla Terra, ma una qualche catastrofe, probabilmente dovuta all’impatto di un planetoide, ne ha bruciato l’intera superficie, sterminando buona parte di tutte le creature in esse presenti.

La conseguente vivacità geologica ha scatenato successivi terremoti ed eruzioni vulcaniche che, nel corso dei millenni, hanno modificato per sempre l’aspetto di questo pianeta, nell’opaco e nero di cui abbiamo testimonianza. Certamente un luogo non adatto alla vita dell’Uomo, ma a quanto pare mondo ideale per questa razza aliena.

Gli Anubis vivono all’interno di alte montagne, in immense costruzioni completamente scavate all’interno della roccia, luoghi che presentano tutti i canoni comuni di una normale convivenza tra i propri simili.

Centri di potere, uffici, negozi, luoghi di incontro, case, si trovano tutte internamente a queste caverne, attraverso un intricato reticolo ben costruito e funzionale. L’interno delle montagne, oltre a rendere più accettabile il clima, quindi più temperato, ha anche la particolarità di rendere sicuro da attacchi esterni e di qualsiasi natura, tutto il loro apparato.

Il pianeta è privo di qualsiasi altra forma di vita animale o vegetale, a parte qualche mostro carnivoro che vive negli oceani o pozze d’acqua sparse nelle risacche, e tutte le materie prime (se si escludono sostanze presenti all’interno del pianeta, come gas o combustibili fossili, etc.), provengono dalle due lune che orbitano attorno o dal terzo pianeta.

Le due lune sono tra i satelliti più affascinanti conosciuti, il primo, grande più o meno quanto la nostra Luna, è completamente ricoperto di acqua.

A causa della sua particolare orbita e della composizione atmosferica, durante il suo lento movimento attorno al pianeta, e la sua posizione rispetto a Procione A, presenta metà della superficie acquatica rivolta verso il pianeta ricoperta di ghiaccio, mentre l’altra metà rivolta verso la stella, allo stato liquido. Questa continua fusione e congelamento delle acque, produce una forte attività atmosferica con la formazione di gigantesche cellule temporalesche che riversano continuamente pioggia o neve su tutta la Luna.

La seconda luna, metà della prima, è un piccolo mondo roccioso privo di atmosfera ma ricchissimo di metalli, gas naturali, etc. Nel terzo pianeta, molto più temperato e simile al nostro, sono presenti forme di vita vegetali e animali in grande quantità e varietà.

Questo mondo è sottoposto ad una forte pressione e sfruttamento da parte degli Anubis, utilizzato come una sorta di immenso e totale “mondo da allevamento”, nel quale ogni materia prima, forma animale o vegetale, esiste in funzione alla sussistenza e alla sopravvivenza della specie.

Un alieno di nome Anubi
La razza aliena degli Anubis, rispetto a tante altre che già conosciamo, è tra le poche che presenta un aspetto simile a quello conosciuto nelle nostre antiche culture terrestri.

Vedere una rappresentazione del dio Anubi degli antichi Egizi è come vedere in fotografia un esemplare di questa razza aliena, per quanto siano pressoché somiglianti. Fisicamente presentano un altezza variabile dai 3 ai 6 metri, più alti sono i maschi, più basse le femmine ed entrambi i sessi, come tutti gli appartenenti alla specie, hanno il colore della pelle di un nero ebano, più lucido nei maschi e leggermente più opaco e rossiccio nelle femmine.

La corporatura è del tutto umana, possente e forte, le uniche differenze che esistono con il genere umano si riscontrano nelle mani e i piedi, a forma più di zampa che di arto umano, anche se in grado di poter tenere oggetti di qualsiasi fattura.

Altra differenza è la testa dalla forma canina, simile a quella di un lupo nei maschi, con il muso allungato in avanti e le orecchie lunghe, mentre al contrario più tondeggiante nelle femmine. Entrambi i sessi presentano una capigliatura somigliante a capelli intrecciati finemente, che diventa quasi rasta nei maschi, di lunghezza variabile, ma che non oltrepassa le spalle.

Questa unione di faccia canide con capelli, conferisce un aspetto a caschetto o di copricapo. Sono simili gli uni con gli altri, ci sono leggerissime differenze tra singoli individui, inoltre il loro abbigliamento non lascia spazio ad ulteriori identificazioni. Quasi del tutto nudi, portano soltanto un gonnellino alla vita, di vario colore a seconda della funzione, mentre ai piedi indossano dei calzari o sandali.

Raramente vestono con delle tuniche, soprattutto quando si svolgono funzioni pubbliche di una certa importanza, al contrario, portano svariati gioielli e bracciali, gli unici che permettono di far riconoscere il livello di appartenenza nella società.

Più ornamenti sono presenti sul corpo, più elevato è il potere, anche carismatico dell’individuo sugli altri della stessa specie.

La loro società è gestita in modo “democratico” da un “Consiglio degli Anziani”, retaggio di una antica tradizione e di quando il popolo dei canidi viveva in un diverso mondo, allo stato brado e dove al posto delle città si trovavano tribù erranti guidate dagli anziani (una società simile a quella degli indiani d’America).

Nel consiglio si accede dopo aver raggiunto l’età della massima maturità ed aver conseguito durante la lunga vita (attualmente 1.600 / 1.900 anni, dato provvisorio) innumerevoli riconoscimenti.

Dotati di grande forza fisica, possiedono anche una straordinaria capacità psichica, con la quale riescono a comunicare tra di loro telepaticamente e a riconoscersi.

Nei più anziani sono presenti anche casi di telecinesi, amplificata con l’utilizzo di una appropriata tecnologia.

Interferenze con l’Uomo
L’intervento della razza Canide sul genere umano è legato alla sua protezione e monitoraggio nei riguardi degli alieni Horus e, a diretti contatti, con entità extra-dimensionali (questi ultimi sopravvivono in Universi paralleli al nostro), se è invece la razza stessa ad intervenire direttamente, la situazione si presenta sotto molteplici aspetti.

Al momento non disponiamo di molti dati al riguardo, sia perché questo genere di interferenza è molto raro, sia perché il lavoro che svolgono è ancora pressoché sconosciuto.

La razza dei Canidi, insieme a quella dei Felini e degli Adam fa parte della potente e temuta “Gerarchia Superiore”. Sappiamo per certo che esiste una collaborazione attiva tra le razze che compongono questa gerarchia e che si aiutano a vicenda per raggiungere determinati obbiettivi.

Come spiegato per la razza Felina, svolgono anch’essi azioni di interventi per rimuovere o inserire nuovi microchip, molto più sofisticati e tecnologicamente avanzati, seguono alcuni tipi particolari di impianto di feti (ibridi umano-alieni) nelle donne, sembra non parassitino a livello di memorie aliene, ma sono responsabili della creazione continua di blocchi di acquisizione di coscienza, soprattutto ad un livello fortemente spirituale.

Essendo tra le prime e più antiche razze create, grazie alla sua particolare evoluzione è sempre stata al vertice di un potere, quasi assoluto e soprattutto militare, interferendo su ogni sviluppo di qualsiasi altra razza aliena presente nella Via Lattea.

Guardiani della Galassia?
Se i Felini Sek sono coloro che hanno suddiviso i centri di poteri, per meglio monitorare e controllare le altre razze aliene e mandare avanti il progetto delle Abductions, gli Anubis sono il braccio armato che detta legge nella Galassia (o buona parte di essa), decretando persino la distruzione delle civiltà nemiche.

Compito della Gerarchia Superiore, come ampiamente scritto, è quello di mandare avanti il “Progetto di Perfezionamento Umano”, ovvero una sorta di missione astro-biologica nel quale sia possibile fondere l’attuale Uomo con le razze aliene, soprattutto quelle della Gerarchia, con l’unico scopo finale di acquisire l’immortalità ed arrivare, attraverso una Coscienza quasi divina, alla conquista Universale.

E’ in questa potente razza aliena che la Gerarchia Superiore ha trovato la propria arma per mettere a tacere ogni voce fuori dal coro, soggiogando con la potenza distruttiva in loro possesso, ogni ribellione.

Dotati di avveniristiche astronavi dalle forme più bizzarre (si pensa che possiedano una flotta di migliaia di astronavi, alcune di grandezza simile ad un planetoide), sono equipaggiate con armamenti per noi sconosciuti, ma in grado di distruggere interi pianeti attraverso armi che utilizzano frequenze vibrazionali, in grado di cuocere il pianeta dall’interno (lo stesso effetto che viene innescato dai forni a microonde, ovviamente su scala planetaria).

Ci sono testimonianze uscite da alcune visualizzazioni di addotti, i quali asseriscono di aver visto in stati di trance interi pianeti distrutti da un calore innaturale e che, oltre a surriscaldare l’atmosfera, provocava anche un incremento esponenziale di terremoti ed eruzioni vulcaniche.

Civiltà dalla natura ambigua, stranamente rispecchia la visione che abbiamo della figura del Cane nella visione delle antiche civiltà della Terra, il quale rappresenta simbolicamente la fedeltà e la vigilanza.

Non di rado viene considerato guardiano dell’aldilà oppure viene sacrificato ai defunti per poter servire loro da guida anche nell’altro mondo. I cani sono considerati in grado di “vedere gli spiriti” e quindi di salvaguardare dai pericoli invisibili. In alcune culture primitive, il cane, a causa della sua intelligenza e della facilità di apprendimento, veniva invece considerato portatore di molti beni per la civiltà umana.

Nell’antichità si citavano l’adulazione e la spudoratezza dei cani, ma si sottolineava il loro attaccamento alla casa e le loro doti di guardiani del gregge, ma nel medioevo Cani infernali accompagnavano Satana, il cacciatore di anime.

Nell’antica Cina il cane è l’undicesimo segno dello zodiaco, ma il suo significato simbolico-mitico ha invece caratteri diversi, perché in primo luogo i cani dovevano scacciare i demoni, ma in alcune regioni venivano ritenuti carne commestibile (quindi portatori di cibo), mentre per la popolazione dello Yao, nella Cina meridionale, diviene progenitore dell’Uomo, attraverso numerose leggende di uomini dalla testa di cane.

Leggi QUI la prima parte 

Tratto da: http://www.bibliotecapleyades.net/ 

http://ningizhzidda.blogspot.it/