Crea sito

UNA NUVOLA NERA CHE STA DISINTEGRANDO LA SOCIETA’

Mascherine birichine

di: Dott. Roberto Slaviero

Alcuni giorni fa, un genitore mi ha portato una mascherina data a suo figlio nella scuola elementare, chiedendomi di fare un’analisi chimica, per evidenziare eventuali sostanze dannose alla salute.

Mi sono attivato e qui sotto i risultati ottenuti.

RAPPORTO DI PROVA N° 20LA42430 Laboratorio Analisi Chimiche Dott. A. Giusto – Servizi Ambiente S.r.l. Facente parte del gruppo LifeAnalytics

FARMACIA ALTA PUSTERIA APOTHEKE HOCHPUSTERTAL Via: Rainer, n° 8 Città: 39038 San Candido (BZ)

Data ricevimento: 09/11/2020 Data prelievo: 09/11/2020 — Campionamento eseguito da: Cliente Data inizio prove: 10/11/2020 Data fine prove: 11/11/2020

Descrizione campione:

Mascherina chirurgica

I risultati contenuti nel presente Rapporto si riferiscono esclusivamente al campione provato. La riproduzione parziale del presente Rapporto deve essere autorizzata per iscritto dal Laboratorio Emittente

Denominazione prova Unità di Valore misura LOQ Metodo di prova

RISULTATI DELLE PROVE

Alluminio (Al) mg/kg 7,5

Bario (Ba) mg/kg 3,5

Cromo totale (Cr) mg/kg 2,8

Ferro (Fe) mg/kg 3943,9

Manganese (Mn) mg/kg 13,3

Nichel (Ni) mg/kg 1,6

Rame (Cu) mg/kg 5,5

Zinco (Zn) mg/kg 203,9

COME POTETE VERIFICARE, VI SONO PRESENTI DIVERSI METALLI PESANTI.

DOMANDA?

DOVE SI APPROVVIGIONANO LE SCUOLE?

PENSATE CHE, USANDO LA MASCHERA PER PIU’ ORE, TALI METALLI NON POSSANO VENIR INSPIRATI?

E’ QUESTA LA PREVENZIONE PER EVITARE L’ALLARGARSI DI UNA IPOTETICA INFEZIONE VIRALE?

E’ QUESTA LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEI BAMBINI?

UNA NUVOLA NERA PURTROPPO ATTANAGLIA L’ITALIA E MOLTE PARTI DEL MONDO.

UNA NUVOLA NERA FATTA DI MENZOGNE E PAURE.

UNA NUVOLA NERA CHE STA DISINTEGRANDO LA SOCIETA’.

UNA NUVOLA NERA CHE VUOLE SRADICARE E DISTRUGGERE TRADIZIONI ANTICHE DI STILI DI VITA.

UNA NUVOLA NERA CHE DISTRUGGE LE SETTIMANE DELL’AVVENTO CRISTIANO E CHE NE MODIFICA RITUALITA’ CENTENARIE.

UNA NUVOLA NERA GESTITA DA ESSERI IMMONDI, CHE CREDONO DI ESSERE DIO IN TERRA.

INFAMI FALSI PROFETI.

STA GIUNGENDO L’ORA DELLE DECISIONI IRREVOCABILI.

STA GIUNGENDO L’ORA DEL MUSO DURO.

E’ GIUNTA L’ORA DELLA FERMEZZA E TEMPERANZA.

PER LE PERSONE DEBOLI ED ONESTE, CHE PER PAURA DELLA MORTE, CREDONO ANCORA AGLI INFAMI, PROVO COMPRENSIONE E PARTECIPAZIONE SINCERA.

PER GLI INFAMI COLLABORAZIONISTI DEL COSIDDETTO “GRANDE RESET” , IMPOSTO E VOLUTO DAI CONTROLLORI DELLA NUVOLA NERA, NON PROVO NULLA;

SPERO SOLO NELLA LORO DISINTEGRAZIONE TOTALE ANIMICA, NEL GIORNO IN CUI PASSERANNO LA PORTA, CHE DIVIDE IL GIORNO DALLA NOTTE, LA VITA DALLA MORTE CORPOREA.

ALLE PERSONE CHE ANCORA CREDONO ALLE ISTITUZIONI “DEMOCRATICHE”, ALLO STATO CHE SALVAGUARDIA I SINGOLI, CONSIGLIO DI RISVEGLIARSI PRIMA CHE QUESTA “SCOSSA TELLURICA“ SIA TERMINATA.

DOPO, RESTERANNO SOLO MACERIE, POVERTA’ E DOLORE E SARA’ TROPPO TARDI PER RIPRENDERSI!

L’INVERNO IN ARRIVO E LA CANDIDA NEVE, SPERO RIESCANO AD ELIMINARE QUALCHE PARTE DELLA NUVOLA NERA CHE VI HANNO INCOLLATO NEL CERVELLO.

A PROPOSITO;

NON VOLETE FARE SCIARE LE PERSONE SUGLI IMPIANTI DI RISALITA?

APRITE IN GENNAIO DOPO IL 10 O NON APRITE CAUSA VIRUS?

PROPRIETARI DI IMPIANTI A FUNE, ALBERGATORI, AFFITTACAMERE, PARTITE IVA COMMERCIALI, LAVORATORI DEL SETTORE TURISTICO INVERNALE, UNA DOMANDA?

VOLETE MORIRE SENZA COMBATTERE?

SE LA RISPOSTA E’ NO, AGITE A MUSO DUO, IL TEMPO DELLE FAVOLE E DELLE MELE E’ FINITO, NON SIATE PIU’ BAMBINI CAPRICCIOSI, MA DIVENTATE GUERRIERI INDOMABILI!

MORS TUA, VITA MEA!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

La scomparsa della civiltà sumera

Dall’antropologia e dall’archeologia apprendiamo che …

Nel mondo accademico internazionale è ampiamente consolidata la convinzione che i Sumeri erano un popolo dotato di conoscenze straordinarie in ogni ambito dello scibile: scrittura, letteratura, agronomia con relativi sistemi di irrigazione, geometria, metallurgia,astronomia e calendario, unità di misura, legislazione civile e penale, governo pubblico e amministrazione, fiscalità, contabilità, sistemi di trasporto, musica e danza, educazione istruzione scolastica …

Avevano decine di termini con cui identificavano il petrolio e i suoi derivati.

Nell’ambito dell’edilizia hanno dato prova di una perizia straordinaria di cui troviamo conferma anche nella Bibbia (Gen 11, 1-4) la scienza moderna ha testato con prove di laboratorio che i mattoni di argilla cotta sono cinque volte più resistenti di quelli essiccati al sole e le loro costruzioni tenevano conto di questo aspetto: i mattoni essiccati venivano usati per costruire la struttura di base mentre i mattoni cotti in forno servivano per le parti degli edifici che erano sottoposti a particolari oscillazioni, come le scalinate, gli elementi architettonici sporgenti, strutture particolarmente esposti agli agenti atmosferici; il tutto era poi tenuto insieme dal bitume che fungeva da cemento.

E’ stato scoperto di recente (Università di Berlino) che la cultura mesopotamica utilizzava la geometria trapezoidale per calcolarle orbite dei pianti e prevederne quindi le posizioni. La trigonometria  era conosciuta in Mesopotamia almeno mille anni prima dei greci.

Come si comprende facilmente, questo popolo non poteva passare inosservato, eppure i lettori più attenti della Bibbia hanno sicuramente notato ciò che già il sumerologo S.N.Kramer ha evidenziato e cioè che l’Antico Testamento cita solo incidentalmente la terra di Sinàr (Gen 10, 10; Zc 5, 11) che viene identificata come Sumer, ma non nomina mai espressamente i Sumeri.

Nella cosiddetta Tavola delle Nazioni (Gen 10) sono elencati tutti i popoli che abitavano nei territori del Medio Oriente e non solo (Assiri, Babilonesi, Cananei, Filistei, Urriti, Hittiti, Moabiti, Etiopi, Amorrei, Evei, Accadi, quelli di Cipro, Rodi, Tarsi, Ofir …) ma non ci sono i Sumeri.

Non possiamo non porci la seguente domanda: com’è stato possibile dimenticare proprio il popolo da cui l’Antico Testamento ha addirittura tratto gran parte dei suoi contenuti originali!?

Il sumerologo Kramer ci riconduce agli studi del suo mastro Poebel raccolti in un articolo in cui in sostanza si afferma che gli ebrei sono in realtà i diretti discendenti dei Sumeri.

La Bibbia non li cita quindi espressamente perché quando parla degli Ebrei parla con ogni probità di un gruppo etnico diretto discendente di quel popolo.

I Sumeri erano quindi semiti!?

Proviamo a rispondere con l’aiuto della Bibbia stessa.

Sappiamo (Gen 10,21 e segg.) che Shem (Sem), figlio di Noè, ha avuto vari figli da cui sono derivate popolazioni che la storia conosce molto bene: Ashur, Elam, Aram …

Da uno di questi figli discenderà Ebèr (Evèr) capostipite degli Ebrei.

Gli studiosi citati rivelano alcuni aspetti decisamente interessanti e degni di un’attenta considerazione

Lam dicitura corretta presente negli scritti cuneiformi originali riporta Shumer e non Sumer;

  • nel nome Sem la Bibbia usa la consonante שֵׁ (scin) per cui la lettera esatta è Shem;
  • il vocabolo ebraico che indica “nome” è shem e corrisponde all’accadico shumu perché la “e” dell’ebraico equivale alla vocale “u” della scrittura cuneiforme;
  • La parola Shumer era pronunciata Shumi o Shum.

A queste note degli accademici noi aggiungiamo che:

  • I Sumeri avevano il loro territorio si lezione in Mesopotamia (a oriente della Palestina);
  • in Mesopotamia si pone la patria di origine del patriarca Avràm (gen. 15,7 e 24,10), che sappiamo essere discendente di Evèr, e dal cui figlio Isacco prosegue la discendenza genericamente pura;
  • gli usi matrimoniali seguiti da Abramo, Isacco e Gacobbe per garantire la discendenza corrispondevano esattamente a quelli dei governanti Sumeri e, ancora prima, dagli Anunnaki che garantivano la discendenza dinastica attraverso il matrimonio con una donna appartenente alla stessa famiglia finalizzato al mantenimento del patrimonio genetico; in genere si trattava di una sorellastra nel pieno rispetto degli usi dinastici, in Genesi20, 12 Avràm dce espressamente: <<Sara è figlia di mio padre ma non figlia di mia madre ed è divenuta mia moglie>>. E’ un caso che gli usi matrimoniali seguiti da Abramo e dalla sua famiglia corrispondessero a quelli dei governanti sumeri e, ancora prima, a quelli degli Anunnaki?
  • Il nome Isacco pare derivare dall’accadico (cultura che è succeduta a quella sumera) “Ishakku”: un titolo che indicava la più alta autorità della città. Questo ci fa pensare che la famiglia di Abramo occupasse una posizione di potere all’interno della società da cui poi si è mosso per andare a insediarsi nel territorio che il suo Elohim aveva avuto in dotazione per se stesso e per lui.E’ un caso che il nome di uno dei patriarchi fondatori del popolo, Isacco, derivi da un termine accadico che indicava un’altra carica amministrativa?

Dopo queste indicazioni manca un tassello per completare il quadro: la questione del territorio in cui vivevano i Sumeri, il sud della Mesopotamia che si trova a est della Palestina.

Ancora una volta è la Bibbia a venirci in soccorso e lo fa là dove elenca i figli di Ioktàn e ci dice (Gen 10, 29-30) che i figli di Ioktàn occuparono quindi Mesha, probabilmente il territorio dell’attuale Arabia che si spingeva lungo la penisola arabica fino a Sefàr, l’attuale catena montuosa dello Zafar che si affaccia sul mar arabico.

Non sappiamo con certezza se l’ultima parte del versetto indica che Safàr è il nome che si trova a oriente oppure se i figli di Ioctàn hanno raggiunto un’ulteriore catena montuosa non meglio definita che si trova anch’essa a oriente, ma la Bibbia ci dice comunque con chiarezza che una porzione della discendenza di Shem si è spostata a est.

Ricordiamo per inciso che Ioctàn era figlio di Evèr e dunque formalmente “ebreo”, esattamente come i figli di Abramo, discendente di Pelèg, fratello di Ioktàn.

Registriamo un ulteriore dato: la storiografia ufficiale fa terminare la civiltà Sumera intorno al 2000 a.C. e contemporaneamente attribuisce allo stesso periodo la comparsa del teatro mesopotamico prima, e palestinese poi, del patriarca Abramo.

Sappiamo che la storicità di questa figura è messa in discussione anche da molti rabbini ma quand’anche si trattasse di una finzione letteraria in cui sono state convogliate caratteristiche di varia  e vicende di varia origine, rimane un fatto inequivocabile: la consequenzialità storico-temporale che non vede interruzioni tra la scomparsa dei sumeri e la comparsa del capostipite (o dei capostipiti) del popolo che diventerà successivamente Israele, l’eredità data in assegnazione a Yahweh dal comandante Elyon (Dr 32, 8 e segg.).

Questi sono naturalmente spunti, elementi di riflessione certamente molto interessati ma il dato fondamentale non è costituito dall’ipotetica identificazione tra sumeri ed ebrei bensì dalla constatazione che la cultura sumera si è presentata sulla scena essendo nella sostanza già completamente formata (come ci dice la stereografia ufficiale).

L’antropologia e l’archeologia evidenziano la stupefacente assenza di tracce di una sua lenta evoluzione, cioè di quel processo dai tempi necessariamente lunghi che consente a un popolo barbaro e incolto di acquisire tutte quelle ricche, articolate e complesse conoscenze che abbiamo elencato in apertura della scheda e abbiamo visto essere inerenti in sostanza all’intero specchio dello scibile almeno nel modo in cui ce lo possiamo immaginare alcuni millenni fa.

Questa mancanza di tracce ci induce a pensare che la civiltà Sumera non sia il frutto di un processo secondo i  tempi e i modi della lenta evoluzione naturale ma il prodotto di una progressiva, ma sorprendentemente rapida, attività di acculturazione (ammaestramento) condotta da una civiltà superiore che ha trasmesso, almeno parzialmente, le sue conoscenze.

D’altra parte sono gli stessi sumeri ad aver registrato nelle loro memorie un dato di fatto: la loro esistenza e le loro conoscenze sono state un dono degli Anunnaki.

E’ sufficiente avere la mente scientificamente aperta e disponibile a “fare finta che” questa ammissione sia corrispondente al vero e si hanno le risposte alle domande che attualmente ne sono prive.

Mauro Biglino

Tratto dal libro “Resi Umani” di Pietro BuffaMauro Biglino. (2018 Uno Editori) (seconda ristampa Febbraio 2020)

___________________________________________

Corsivo mio:

ho letto questo libro almeno un paio di volte per comprenderne il messaggio; sono un amante delle antiche civiltà e tutto quello che riguarda i sumeri e ancora prima gli Anunnaki. 

Le mie ricerche sono state fatte, (oltre la Bibbia) anche sui libri dello scomparso Zecharia Sitchin e sul sumerologo S.N. Kramer. 

Seguo con veemenza tutti gli scritti e conferenze di Mauro Biglino.

Il libro “Resi Umani”, è avvincente sin dall’inizio, è una buona lettura che consiglio: “avere la mente scientificamente aperta” non è così peregrina, esce dagli schemi paradigmatici a cui siamo portati a credere e il “facciamo finta che” lascia aperti molti interrogativi sulla condizione umana.

Letture consigliate:

Sitchin & Il soggettivo business accademico

la sensibilità accademica sta facendo gridare i critici “al sacrilegio”

L’enigma Anunnaki

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

“IL DIALOGO”

®wld

Il continente perduto di Kumari Kandam

di Ḏḥwty 06 Agosto 2014dal Sito Web Ancient-Origins traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La maggior parte delle persone ha familiarità con la storia di Atlantide, la leggendaria città sommersa descritta dall’antico filosofo greco Platone.

Fino ad oggi, l’opinione è ancora divisa sul fatto che questa storia debba essere interpretata letteralmente o presa semplicemente come un racconto morale. Più a est, nel subcontinente indiano, c’è una storia simile, anche se probabilmente meno conosciuta rispetto a quella di Atlantide.

Questo è il ‘continente perduto’ di Lemuria, spesso collegato alla leggenda di Kumari Kandam da persone che parlano la lingua tamil.

Il termine Lemuria ha le sue origini nell’ultima parte del XIX secolo.

Il geologo inglese Philip Sclater è rimasto perplesso dalla presenza di fossili di Lemuri in Madagascar e in India, ma non nell’Africa continentale e nel Medio Oriente.

Così, nel suo articolo del 1864 intitolato “I mammiferi del Madagascar”, Sclater teorizzò che il Madagascar e l’India un tempo facessero parte di un continente più grande e chiamò questa massa continentale mancante “Lemuria”.

La teoria di Sclater fu accettata dalla comunità scientifica di quel periodo come spiegazione del modo in cui, in tempi antichi, i Lemuri avrebbero potuto migrare dal Madagascar all’India e viceversa.

Con l’emergere dei concetti moderni relativi alla deriva dei continenti e delle placche tettoniche, purtroppo, non era più sostenibile la proposta di un continente sommerso di Sclater.

Tuttavia, l’idea di un continente perduto si rifiutava di morire, e alcuni credono ancora che Lemuria fosse un vero continente che nel passato esisteva.

Uno di questi gruppi sono i nazionalisti Tamil

Il termine Kumari Kandam è apparso per la prima volta nel 15 secolo come Kanda Puranam, la versione Tamil dello Skanda Puranam.

Tuttavia, le storie di un’antica terra sommersa nell’Oceano Indiano sono state ritrovate in molte precedenti opere letterarie tamil.

Secondo le storie, c’era una porzione di terra che un tempo era governata dai re Pandiyan e fu inghiottita dal mare.

Quando i racconti su Lemuria arrivarono nell’India coloniale, il paese stava attraversando un periodo in cui il folklore cominciava a permeare la conoscenza storica come fatti.

Di conseguenza, Lemuria fu rapidamente “equiparata” a Kumari Kandam

Bhagavata-Purana, 10° Skanda.

La storia di Kumari Kandam non è considerata solo una “storia”, ma sembra carica di sentimenti nazionalistici.

È stato affermato che i re Pandiyan di Kumari Kandam erano i governanti dell’intero continente indiano e che la civiltà Tamil è la più antica civiltà del mondo.

Quando Kumari Kandam fu sommerso, la sua gente si sparse in tutto il mondo e fondò varie civiltà, da qui l’affermazione che il continente perduto fosse anchela culla della civiltà umana.

Allora, quanta verità c’è nella storia di Kumari Kandam?

Secondo i ricercatori dell’Istituto Nazionale Indiano di Oceanografia, il livello del mare era più basso di 100 metri circa 14.500 anni fa e di 60 metri circa 10.000 anni fa.

Quindi, è del tutto possibile che una volta ci fosse un ponte di terra che collegava l’isola dello Sri Lanka all’India continentale.

Poiché il tasso di riscaldamento globale è aumentato tra 12.000 e 10.000 anni fa, l’innalzamento del livello del mare ha provocato inondazioni periodiche. Ciò avrebbe sommerso gli insediamenti preistorici che si trovavano intorno alle zone costiere basse dell’India e dello Sri Lanka.

Le storie di questi eventi catastrofici potrebbero essere state trasmesse oralmente da una generazione all’altra e infine scritte come la storia di Kumari Kandam.

Un elemento di prova utilizzato per sostenere l’esistenza di Kumari Kandam è il Ponte di Adamo (chiamato anche Ponte di Rama), una catena di banchi calcarei costituiti da sabbia, limo e piccoli ciottoli situata nello stretto di Palk che si estende per 18 miglia dall’India continentale allo Sri Lanka.

Una volta si credeva che questa striscia di terra fosse una formazione naturale, tuttavia, altri sostengono che le immagini scattate da un satellite della NASA raffigurano questa formazione terrestre come un lungo ponte interrotto sotto la superficie dell’oceano.

La posizione del ponte di Adam tra India e Sri Lanka

L’esistenza di un ponte in questo luogo è supportata anche da un’altra antica leggenda.

Il Ramayana racconta

la storia di Sita, la moglie di Rama, tenuta prigioniera sull’isola di Lanka.

Rama commissiona un imponente progetto per costruire un ponte per trasportare il suo esercito di Vanara (uomini scimmia) attraverso l’oceano fino a Lanka.

Come con la maggior parte dei cosiddetti miti, sembra probabile che ci sia almeno un po ‘di verità nelle antiche leggende Tamil di Kumari Kandam, ma quanto deve ancora essere individuato…

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Tutto ciò che è non essenziale – tutto ciò che ci rende umani – viene allegramente scartato

 

L’età distopica della maschera – Come Ernst Jünger predisse l’ubiquità delle maschere 

 

di Thomas Crew
dal sito
TheCritic

 

Il nuovo mondo coraggioso di Huxley (1932) ha Alpha, Beta e Epsilon Semi-Morons – classi geneticamente modificate con abbigliamento uniforme e opinioni uniformi.

 

Orwell s’ Nineteen Eighty-Four (1949) ha il pensiero di polizia e Neolingua   

 

Mentre Yevgeny Zamyatin ‘il Noi (1921) ha numeri al posto delle persone – D-503, I-330, O-90: le vocali per le femmine, le consonanti per i maschi. Se c’è un’unica caratteristica che definisce la letteratura distopica, è l’eliminazione di ogni individualità.

“L’autocoscienza”, scrive Zamyatin, “è solo una malattia”.

Per questo motivo, le distopie sono invariabilmente raccontate da estranei tormentati:

coloro che sono ben consapevoli della standardizzazione simile alla merce dei loro simili, ma o temono le conseguenze del parlare apertamente o si risentono del proprio senso di sé.

Dopotutto,

“nessuna offesa è tanto atroce quanto non ortodossia di comportamento”, come scrive Huxley.

Data la loro tirannica preoccupazione per l’uniformità, non c’è da meravigliarsi che, come forma letteraria, le distopie siano emerse all’inizio del ventesimo secolo.

 

I regimi totalitari di Russia e Germania, così come le loro controparti occidentali tecnocratiche, ispirate da artisti del calibro di FW Taylor e Henry Ford, furono fonti di ispirazione centrali.

 

Nonostante tutte le loro apparenti differenze, queste ideologie concorrenti sono unite dal tentativo utopico di ridisegnare non solo la società, ma l’essere umano stesso.

 

Il potere crescente della scienza e della tecnologia ha dato origine all’idea che la natura stessa, in tutta la sua disordinata complessità, potesse essere finalmente rimessa a posto.

 

Oltre a questi tre autori canonici, tuttavia, questa generazione ha prodotto un altro scrittore distopico altrettanto impressionante, anche se molto meno noto:

l’enigmatico tedesco Ernst Jünger

Conosciuto principalmente per i suoi diari della prima guerra mondiale e la ferma opposizione al liberalismo di Weimar, Jünger ha continuato a vivere fino all’età di 103 anni, scrivendo su argomenti dall’entomologia e psichedelici al nichilismo e alla fotografia .

 

Nella seconda metà della sua carriera ha prodotto tre opere principali di narrativa distopica:

  • Heliopolis (1949)

  • Eumeswil (1977)

  • forse il suo migliore, The Glass Bees (1957)

Probabilmente la sua visione più agghiacciante, tuttavia, è offerta in un ampio saggio pubblicato alla vigilia dell’ascensione al potere nazista nel 1932.

 

L’operaio, come Jünger lo chiama, si propone di disegnare ciò che egli considera come la venuta ‘nuovo ordine mondiale‘ – un ordine definito da un radicalmente nuovo tipo di uomo.

 

Dopo aver rinunciato ai valori liberali del passato e abbracciato il suo destino nelle fabbriche e sui campi di battaglia dell’inizio del XX secolo, il segno distintivo dell’uomo nuovo è una misteriosa somiglianza – sia nel corpo che nell’anima – con la macchina.

 

 

Nato da genitori umani, il “lavoratore” di Jünger è tuttavia un figlio dell’era industriale.

 

 

Seguendo le distopie dei suoi contemporanei, la prima vittima di questa nuova era è anche l’individuo. Perché la logica della macchina non ammette differenze.

 

Che si tratti del mondo naturale o della mente umana, Jünger sostiene che tutto è sempre più definito da,

“un certo vuoto e uniformità”.

Il risultato, per usare le parole di Orwell, è,

“una nazione di guerrieri e fanatici, che marcia in perfetta unità, tutti pensando gli stessi pensieri e gridando gli stessi slogan” – milioni di persone, aggiunge, “tutti con la stessa faccia”.

La nostra disponibilità a nascondere la nostra faccia riflette le tendenze disumanizzanti che sono alla base del periodo moderno …

 

È sotto quest’ultimo aspetto che The Worker assume una rilevanza inquietante per i nostri tempi.

 

Perché l’uniformità della nuova era è simboleggiata, suggerisce Jünger, dall’improvvisa proliferazione della maschera nella società contemporanea.

“Non è un caso”, scrive, “che la maschera ricomincia a giocare un ruolo decisivo nella vita pubblica.

 

Appare in molti modi diversi … sia come una maschera antigas, con cui stanno cercando di equipaggiare intere popolazioni; sia come una maschera per lo sport e le alte velocità, vista su ogni pilota da corsa; sia come maschera di protezione per i luoghi di lavoro esposti a radiazioni, esplosioni o sostanze stupefacenti “.

 

“Possiamo presumere”, prosegue con inquietante preveggenza, “che la maschera arriverà ad assumere funzioni che oggi difficilmente possiamo immaginare”.

Data l’improvvisa ubiquità della maschera facciale nel 2020, in tutto il mondo e in un numero crescente di contesti sociali, è impossibile evitare la conclusione che questo sia esattamente il tipo di sviluppo che Jünger aveva in mente.

 

La nostra disponibilità a oscurare il volto riflette le tendenze disumanizzanti che, per Jünger, sono alla base del periodo moderno.

 

Rappresenta un’altra tappa del degrado dell’individuo che si è esplicitato nella prima guerra mondiale.

Che si tratti di un frammento di materiale sul campo di battaglia o di un ingranaggio della macchina dell’economia di guerra, l’età moderna ha l’abitudine di ridurre l’essere umano a un oggetto funzionale.

 

Tutto ciò che è “non essenziale” – tutto ciò che ci rende umani – viene allegramente scartato.

La domanda per noi è cosa significhi assomigliare a una tale visione distopica.

Siamo felici di razionalizzare le trasformazioni della nostra vita quotidiana o siamo preoccupati dalla vicinanza del mondo di oggi con alcuni dei più basilari tropi distopici?

Che si tratti della richiesta di isolamento sociale, di una perpetua “vigilanza” o di maschere facciali obbligatorie, le misure degli ultimi sei mesi rappresentano più di un assalto alla libertà.

 

Ci impongono implicitamente di

sacrificare la nostra umanità per “salvare” le nostre vite. ..

Anche se questo Rubicone non è stato ancora superato, vale la pena pensare al punto in cui si trova. Perché forse c’è di più nella vita della sua mera continuazione.

 

Forse “l’oggetto”, come ben sapeva Winston Smith,

“non è restare vivi ma restare umani” …

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

Allora, chi vuoi essere?

E’ una questione d’età, non è vero? E non in “Che cosa vuoi essere quando sarai grande?” Un modo, che ha il solo requisito di diventare come qualcun altro come un indicatore per essere ‘cresciuto’ (posso essere come un pompiere, amministratore delegato, metalmeccanico, scienziato … ma soprattutto, un contribuente). Finché sembri “curare” te stesso, seguire le regole ed essere un membro produttivo della società, è più facile credere nel “normale” poiché sembra che ci siano “ricompense” per andare avanti.

Ma in chi ti trasformi? Cosa sacrifichi? Cosa sei disposto a regalare? I resti di ciò che “avremmo potuto essere” non sono che un lontano ricordo (fantasia); persi tra le proiezioni ad alta definizione che ci hanno aiutato a guidarci, al punto che ora affrontiamo la (maschera).

 

Allora chi vuoi essere? Ebbene, forse dovremmo definire in primis chi “noi” siamo diventati. È sicuramente facile in questi giorni inventare elenchi di cose da sottolineare sulla mia specie che porterebbero a una visione “negativa”, ma ti risparmierò questa volta e ti farò notare semplicemente che ci sono molti articoli precedenti che, potresti trovare, elabora il mio punto.

 

Che cosa siamo diventati se non xenofobi che vivono nella paura della nostra morte fino al punto di non vivere; disgusto di sé al punto da accettare la nostra stessa distruzione? Persone così spaventate da “distinguersi” che vanno avanti, a vivere nell’ombra, anche quando poi sentono che non è giusto. Troppa paura per parlare, per non offendere ed essere giudicato “uno di quelli”. Cosa ci rende tali? Stiamo semplicemente mentendo ipocritamente? Siamo la definizione della codardia, minacciata principalmente da ciò che noi percepiamo e, che gli altri percepiscono di noi?

 

Creiamo continuamente i nostri “demoni” da temere per sentire qualcosa che possa somigliare alla “vita”? Afferriamo qualche ‘emozione’ nel nostro mondo inattivo per sentirci vivi? Seguiremo ciecamente qualsiasi “autorità” semplicemente per sentirci parte di qualcosa; o, nulla? Guardati intorno dove siamo oggi e dimmi che la nostra mentalità mondiale non si è attenuata dalla vita. Guarda negli occhi i tuoi simili mascherati e dimmi che non sono sconfitti nella loro stessa anima. Dov’è la VITA, LA GIOIA, L’AMORE e la FORTITUDINE della mia specie?

 

Credo che una parte della causa di quella sconfitta possa essere attribuita all’incapacità di definire se stessi onestamente. La costante fiducia nelle “protezioni” esterne piuttosto che nell’autoriflessione e nel miglioramento, ha reso semplice per le “soluzioni” offerte trovare un’ampia “accettazione” insieme all'”appartenenza” e all’apatia.

 

Le paure “presentate” sono semplicemente “definizioni” di ciò che si accetterà della loro ignoranza. “Lotta o Fuggi” non riguarda solo il suo significato letterale, in questo caso può rappresentare la pigrizia apatica della mente che “blocca” le basi della domanda e quindi della conoscenza.

 

Ho detto la scorsa settimana in una discussione:

 

L’intelligenza inizia con la semplicità delle domande.
Peccato che la maggior parte creda di aver semplicemente bisogno di “risposte”.

 

Alla ricerca di quelle risposte esterne, si continua semplicemente a inseguire le storie di altri che producono “nomi” e “azioni” ma non rivelano il come e il perché della questione; perché quelle sono “scelte” fatte lungo la strada. Che tipo di “persone” hanno fatto le scelte che ci hanno messo nella “situazione” che ci coinvolge tutti in questo momento? Non importa dove ti trovi nel mondo, sei “coinvolto” in questa “operazione” globale su una scala o sull’altra; volontariamente o con la forza. Ci sono “Giocatori” e “Pedine”; indovina quale siamo.

 

Senza un’onesta “definizione” (attenta a non vincolare) del ME, come posso sapere che potere “io” ho? Gli io del mondo sono quelli che conoscono il potere e l’equilibrio del “ME” e del “NOI”; comprendono anche il potere del “NO”. “No! Non vivremo così” detto all’unisono è tutto ciò che ci vorrebbe per cambiare il ‘corso’ del nostro attuale ‘destino’.

 

L’Io sa di non essere frivolo, sfrenato o infantile con i loro no. Sanno la necessità di comprendere la base e la moralità del loro no e non la basano sull’egoismo, ma piuttosto sulla fortezza.

 

Fortezza – forza d’animo che consente a una persona di affrontare il pericolo o sopportare il dolore o le avversità con coraggio – Merriam-Webster

 

Si può considerare che nel “teatro” odierno di oggi si può vedere il contrario. La breve durata dell’attenzione, che è stata sviluppata, nel corso della vita, per non essere mai soddisfatta e quindi facilmente “adescata” in comportamenti e schemi di pensiero incentrati su desideri e desideri. Questo può lasciare che non si sia mai soddisfatti di ciò che si “sa”, il che può portare a rincorrere molte storie così come la più facile “accettazione” di “nuove norme”. Per sempre ‘distratto’ dall’acquisizione di vera conoscenza.

 

Il “Grande Risveglio” e i “Media alternativi” sono ottimi esempi di distrazioni per il “pensatore”. Perché si può stare al passo con i desideri programmati che alimentano la breve capacità di attenzione; quali sono le novità, le ultime novità, le tendenze, i virali? Finché riescono a convincersi della “differenza” di “informazione”, possono sentirsi “elevati” al di sopra della programmazione delle masse.

 

Tanti sono rimasti in diversi stadi di “risveglio”. Vedere oltre il paradigma ‘speculare’ che l”alt’ ha da offrire ma sparsi in tutto il mondo in diversi stadi di angoscia, povertà, solitudine e salute mentre si cerca di mantenere un decoro di ‘stabilità’ per pensare abbastanza chiaramente da provare e vedere cosa giace oltre le montagne delle distrazioni (drammi).Sembra che ci siano molte cose per cui COMBATTERE.

 

Non puoi combattere il nemico esterno perché perderai. Il nemico esterno viene semplicemente presentato perché uno possa vedere se stesso, vedere cosa ha permesso di diventare e liberarsi volontariamente e condurre se stesso ad essere esseri liberi; per diventare il tuo “eroe” come comunità di individui.

 

La “scelta” è sempre stata nostra. Ogni giorno che passa ormai, è un altro chiodo nella bara dell’umanità. Quando grideremo “NO” all’unisono e ci rifiuteremo di essere “governati” nell’oblio? Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

 

Postato da SylvainLamoureux

 

®wld

Ahi serva Italia, di dolore ostello, Nave sanza nocchiere in gran tempesta, Non donna di provincie, ma bordello

Il conte Ugolino fra Dante e Pascoli | Tarantobuonasera

MUOVASI LA CAPRAIA E LA GORGOGNA…

 

Di: Dottor Roberto Slaviero 05.09.20

Nel 33.o canto, il penultimo, dell’Inferno, nella Divina Commedia del sublime Dante Alighieri, si narra di un episodio terribile, accaduto tra il Ghibellino Conte Ugolino ed il Guelfo Arcivescovo Ruggieri.

Siamo nell’Antenora infernale, la zona dei TRADITORI POLITICI, che hanno tradito la Patria o la fazione politica.

I Ghibellini parteggiavano per l’Imperatore, mentre i Guelfi, parteggiavano per il Papa.

Tra accordi e tradimenti vari, alla fine l’Arciv. Ruggieri, riuscì a far arrestare il Conte Ugolino ed altri suoi familiari che, rinchiusi in una torre, vennero fatti morire di fame, tra probabili atti di cannabilismo: un atrocità spaventosa.

Nell’Inferno Dantesco, il Conte Ugolino mastica di continuo il cranio dell’Arciv. Ruggieri, per l’eternità…

”la bocca sollevò dal fiero pasto“… il Conte, per poter proferire parola con Dante ed il suo Maestro Virgilio, nel loro viaggio infernale.

Alla fine del racconto,

il fiorentino Dante, scrisse uno dei pezzi più famosi della Commedia, contro Pisa, la città del Ruggieri:

“Ahi Pisa,vituperio delle genti del bel paese, là dove‘l si sona,

Poi che i vicini a te punir son lenti,

Muovasi la Capraia e la Gorgogna,

E faccian siepe ad Arno in su la foce, Si ch’elli annieghi in te ogni persona“

Piccola spiegazione :

– dove il si sona, è l’Italia

– la Capraia e la Gorgogna (o Gorgona) sono due isole, che si trovano davanti alla foce del fiume Arno, le quali, muovendosi e bloccando la foce, avrebbero potuto creare un immensa diga all’interno, che avrebbe annegato tutti i pisani!

Dante era un Ghibellino…

Usciti poi dal 34.mo canto…

“Vexilla regis prodeunt inferni“

ossia

“I vessilli del re dell’inferno emergono…”

Siamo nell’ultimo canto, dove Dante vedrà Lucifero con le sue grandi ali…nella Giudecca congelata!

Lucifero ha tre facce in una sola testa…siamo appunto nella Giudecca, dove ci sono i peggior peccatori,

ovvero  i

TRADITORI DEI  BENEFATTORI.

Le sue tre bocche, maciullano e sfracellano i Tre grandi Traditori;

  • – Giuda Iscariota
  • – Bruto
  • – Cassio

Tu quoque, Bruti, fili mi…

ossia

Anche tu Bruto, figlio mio…

Parole di Cesare, che riconobbe anche il figlio Marco Bruto, tra i suoi uccisori, il 15 marzo dell 44 a.C, le Idi di Marzo.

L’Iscariota, credo sappiate tutti chi fu!

La pena assegnata a Lucifero, Angelo decaduto, è quella di soffrire e far soffrire!

Virgilio, preso allora Dante sulle sue spalle, scende sopra il corpo peloso di Lucifero; quindi arrivato al centro della Terra, risale verso l’altro emisfero (Australe), vedendo il corpo di Lucifero, che è infilato al centro della Terra, dalla parte opposta, con le gambe all’aria.

Dante temeva di risalire all’Inferno, ma Virgilio lo rassicurò spiegandogli che stavano dirigendosi all’antipodo  opposto …

Nel Medioevo, vi era la concezione Aristotelica -Tolemaica, con la Terra immobile, al centro dell’Universo.

Al Nord della Terra vi era l’emisfero boreale, con le terre abitate, al Sud vi era l’emisfero Australe, con le acque ed una montagna, che costituiva il Purgatorio…

infatti l’Inferno si conclude con

“E quindi uscimmo a riveder le stelle“

Menti immaginative spettacolari…o viaggiatori astrali…

Emilio Salgari, non viaggiò mai in Malesia, ma scrisse romanzi incredibili su Sandokan e le Tigri di Mompracem.

L’immaginazione e l’intuizione, sono probabilmente, la vera realtà.

“Lascia lente le briglie del tuo ippogrifo, Astolfo, e sfrena il tuo volo ove più ferve l’opera dell’uomo.

Però non ingannarmi con false immagini, ma lascia che io veda la verità e possa poi…toccare il giusto“

Banco del Mutuo Soccorso

http://www.treccani.it/vocabolario/fervere/

Ho voluto citare i traditori della patria e dei benefattori, poiché siamo dentro ad un Reset colossale mondiale, voluto ed organizzato dai riccastri planetari, nel quale l’Italia o parti della penisola, giocano e giocheranno ruoli importanti, nello scacchiere mondiale.

Con oltre il 95% della popolazione in crisi di ossigeno e quindi non in grado di ragionare, saremo campo di battaglia di altre nazioni, che vorranno spartirsi la penisola.

Tra l’altro, abbiamo una gestione sulla scuola, tra massime idiozie di banchi, separè e maschere, che solo degli stolti imbecilli, potevano inventare.

Lasciamo perdere i danni psicologici, che i bambini avranno, nel vedere le maestre mascherate;

vedere solo gli occhi e non vedere l’espressione del parlare, ricorda situazioni di orrore e sado-maso!

Andrebbero processati immediatamente questi pervertiti!

Pare, che sempre in ambito scolastico, qualcuno voglia eliminare dagli studi, il caro Alighieri: alla nullità di pensiero e ai danni che idioti al potere possano creare, non c’è mai fine!

Mi par, comunque di capire che, il Conte, non Ugolino, ma Giuseppe, sia ormai arrivato alla fine del suo mandato:

ha fatto il lavoro sporco per le Elite, che congedandolo a breve, gli daranno comunque altri incarichi di valore.

L’Italia, è sempre più indebitata ed indebolita e quindi sarà facile darle il colpo finale.

I primi traditori della patria, dovrete ricercarli verso la fine degli anni 80, quando la moneta “al portatore,“ venne di fatto sostituita e poi integrata nella moneta Euro, di proprietà privata.

Il resto è facile da intuire;

Mani pulite aveva spazzato via tutti i partiti a parte l’ex Pci , che nel frattempo aveva cambiato il nome…

Il prode Cavaliere, oggi tamponato positivo, sebbene asintomatico, tentò di ripristinare un partito socialdemocratico, ma fu facilmente ricattabile per le sue ingenti attività imprenditoriali e pare, per una sua adesione ad una loggia massonica e quindi…promesse da marinaio.

Oggi comandano sempre più le potenti logge massoniche, la Silicon Valley e Cina technology, con le loro realtà virtuali ed Intel. Artificiali, in procinto di essere collegate agli umani, in fase di cippaggio, come accadde pochi anni fa, ai cani.

Vi è una grossa incognita, nella politica italiana, che si chiama Usa Trump e Spy Russia story: vedremo che accadrà.

Se ci capita, dopo il Conte, il potente Dragone super Mario, forse l’Italia non sarà svenduta a prezzi di saldo, ma venduta a prezzi di mercato, per cosi dire.

L’ex Governatore della BCE, mi pare stia dicendo, che la ripresa economica, sarà strettamente legata a tamponature a manetta della popolazione e vaccinazioni a largo spettro.

Non riesco a cogliere il nesso tra economia e vaccinazioni, se non quella appunto, del cippaggio canino.

Infatti, nel frattempo il Ministro della Salute, annuncia aumenti nel numero di ricerca sierologica sulla popolazione, di sieropositività al corona.

L’ingente spesa pubblica dei kit di ricerca, avrebbe una sua logica dal punto di vista storico, ovvero; stabiliamo quante persone nell’inverno trascorso, sono venuti a contatto col corona ed hanno sviluppato gli anticorpi.

Sieropositività vuol dire questo e null’altro!

Dietro a ciò vi sono anche affari enormi, per kit che costano anche 300 euro/uno, con scarsa affidabilità.

Chi si ricorda i tempi dell’Aids, negli anni 80, troverà gli stessi accadimenti e stesse metodiche.

Ahh…e il vaccino per l‘Aids…? Dov‘è?… ah ah ah

Vedo che ogni giorno che passa, spostano la data del nuovo vaccino anti corona, sempre più in là; ieri parlavano…non prima della primavera 2021.

Io, come già detto in precedenti articoli, parteggio per quello russo, spero a base di vodka!

Sarà importante vedere, in questo tumulto di follia pseudo scientifica, come la ex Chiesa Cattolica Romana si muoverà…

Resta poi, l’incognita di un bel meteorite e di forti terremoti e cicloni devastanti.

Il Cielo aiuta gli audaci, quindi niente paura, armatevi di buon senso e forza morale e avanti senza alcun timore…in fondo, anche ai tempi del Conte Ugolino, le dispute tra potenti e signorotti avevano esiti letali.

Oggi le eliminazioni fisiche sono più soft e spesso non servono più; le persone vengono ridicolarizzate e messe nel dimenticatoio.

Tornando all’Italia, già descritta dall’Alighieri 8 secoli fa, penso abbiate saputo che;

pare che i turchi ottomani guidati da Erdogan, abbiano fatto un contratto di 99 anni con la Libia cirenaica di Misurata, per il controllo del loro porto. Petrolio libico?

Cosa sta facendo il nostro super abbronzato ministro degli esteri Gigino?

“Ahi serva Italia, di dolore ostello, Nave sanza nocchiere in gran tempesta, Non donna di provincie, ma bordello“

XI canto Purgatorio

Neanche l’Eni riesce più a difendere la nostra economia.

E’ chiaro quindi, che il Gabinetto, per dirla all’inglese, del nostro governo, è teleguidato da altri!

Peccato sia miseramente fallito, il tentativo di creare una società abbastanza equilibrata, senza eccessi di ricchezza e povertà…cosa che, negli anni 80 parzialmente si realizzò; poi incominciò la lenta discesa per i “normali” e la potente ascesa dei “forti“ , con l’eliminazione dei vecchi Stati, che sono divenuti strumenti esecutivi di svariate multinazionali.

Tornando agli eventi dell’inverno passato, in Tanzania, il loro Presidente ha fatto analizzare per il corona, diversi tessuti vitali, spacciati tutti per umani; erano POSITIVI quelli di capra e di papaya

 https://www.youtube.com/watch?v=KHpn7zRX1Jc&feature=youtu.be

Viene accusato di essere un dittatore:

Il paese ha modificato le leggi che disciplinano l’aggiudicazione dei contratti minerari, dando a se stesso il diritto di rinegoziare o risolvere il contratto in caso di frode accertata.

La nuova legislazione elimina anche il diritto delle società minerarie di ricorrere all’arbitrato internazionale.

https://it.wikipedia.org/wiki/John_Magufuli

Per fortuna che il Berlusca è un POSITIVO asintomatico…non capra, ma umano!

La Telenovela continua e seguiremo il suo svolgimento!

In ultimo, la citazione su Pisa ed i pisani è assolutamente casuale.

Tra l’altro: due miei grandi amiconi del Liceo scientifico, erano un pisano ed un aretino casentinese.

Saluti a tutti e … attenti al corona: nel mio piccolo paese, ho visto stamani sul video informativo all’ingresso del centro, una scritta in bilingue:

“il corona non dorme mai!”

Fantastico…chissà cosa usa di cosi tonificante: spero di scoprirlo presto!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

I ribelli sono una parte molto importante della società, ma raramente ottengono il riconoscimento che meritano

I sette motivi per cui obbediamo all’autorità

Questo articolo è stato scritto da Phillip Schneider e originariamente pubblicato su Phillipschneider.com

I ribelli sono una parte molto importante della società, ma raramente ottengono il riconoscimento che meritano. Ci aiutano a infrangere le vecchie norme e ci impediscono di cadere nel pensiero di gruppo. Tuttavia, la natura umana esorta la maggior parte di noi a rimanere nella nostra zona di comfort anche quando significa meno libertà o problemi più difficili lungo la strada.

Perché così tante persone ignorano il mondo esterno o lo fanno passare per il problema di qualcun altro fino a quando non raggiunge la loro soglia? In un recente video, Brittany Sellner ( Brittany Pettibone prima di sposarsi) descrive i sette motivi per cui gli uomini obbediscono all’autorità, anche quando è contro il loro interesse.

Abitudine n. 1

Come tutti sanno, le abitudini sono estremamente difficili da rompere e anche se abbiamo lamentele sullo stato delle cose, accettare la nostra realtà imperfetta ci sembra meglio che affrontare la scoraggiante prospettiva del cambiamento. Al contrario… l’abitudine cessa di essere motivo di obbedienza in tempi di crisi politica ; un po ‘simile a quello che stiamo vivendo ora come conseguenza di Covid. Nonostante molti di noi non volessero modificare le nostre abitudini, le nostre abitudini sono state alterate con la forza per noi.

# 2 Obbligo morale

La seconda ragione dell’obbedienza è l’obbligo morale che è ovviamente un motivo che si trova molto spesso nella religione, ma politicamente parlando … alcuni lo vedono come un obbligo morale di “1) obbedire per il bene della società,” 2) “a causa del sovrano che ha fattori sovrumani come essere un soprannaturale essere o una divinità, “che non è qualcosa che penso si applichi a troppi americani… 3) La gente lo vede come un obbligo morale di obbedire perché” percepisce il comando come legittimo, a causa della sua fonte un emittente “. Ad esempio, un sindaco o un agente di polizia [sarebbe considerato in base a questo motivo], e 4) La gente vede come un obbligo morale obbedire a causa della “conformità dei comandi alle norme accettate”. Ad esempio, la maggior parte delle persone crede che un comando come non commettere un omicidio sia un comando morale e quindi lo obbedisce.

# 3 Interesse personale

La terza ragione dell’obbedienza è l’interesse personale e questo è forse uno dei motivi più comuni al giorno d’oggi. Ad esempio, la maggior parte delle grandi società è immorale e cerca di tirarsi indietro dalle attuali tendenze sociali e politiche per ottenere denaro, status e approvazione. Basta guardare a tutte le corporazioni che sono diventate improvvisamente “paladini della giustizia sociale” dopo la morte di George Floyd; nessuno di loro si è preso una stronzata sulla brutalità della polizia e su Black Lives Matter fino a quando non è diventato nel loro interesse prendersi cura di loro.

Questo interesse personale può ovviamente estendersi anche agli individui. Le persone famose e non famose hanno molto da guadagnare mettendosi in fila, o … c’è anche un interesse personale negativo in cui la persona non obbedisce semplicemente perché sta per guadagnare qualcosa ma quindi non perderà tutto : la loro reputazione, lavoro, posizione sociale e prospettive di carriera future.

# 4 Identificazione psicologica con il sovrano

La quarta ragione dell’obbedienza è l’ identificazione psicologica con il sovrano, il che significa che le persone hanno uno stretto legame emotivo con il sovrano, il regime o il sistema. Immagino che avresti riscontrato molto di questo, ad esempio, nella Russia comunista o nella Germania nazista.

# 5 Zone di indifferenza

Il quinto motivo dell’obbedienza è oggi estremamente comune e cioè le ‘zone di indifferenza’, nel senso che anche se le persone non sono pienamente soddisfatte dello stato delle cose, hanno un margine di indifferenza o un margine di tolleranza per gli aspetti negativi della loro società e governo.

# 6 Paura delle sanzioni

La sesta ragione dell’obbedienza è la ragione più ovvia … e questa è la “ paura delle sanzioni ”, che generalmente comporta la minaccia o l’uso di qualche forma di violenza fisica contro il soggetto disobbediente e induce l’obbedienza mediante un potere meramente coercitivo, un potere realmente operante. sulle persone semplicemente attraverso le loro paure.

# 7 Assenza di fiducia in se stessi

Infine, la settima e ultima ragione dell’obbedienza è l’assenza di fiducia in se stessi tra i soggetti, il che significa che molte persone semplicemente non hanno sufficiente fiducia in se stesse, nel loro giudizio e nelle loro capacità per rendersi capaci di disobbedienza e resistenza.

Grazie a Internet, osservo abbastanza spesso questo motivo. Migliaia di persone denunciano quotidianamente di essere infelici con lo stato delle cose eppure non fanno nulla perché non hanno fiducia nella loro capacità personale di guidare, organizzare una protesta pacifica, avviare un movimento e così via.

Sebbene l’autorità possa essere legittima e significativa, la resistenza a inutili atti di violenza o all’ingiustizia draconiana del governo è spesso migliore per l’individuo e la società e mostra un carattere maggiore dell’inazione. Anche se questo non è certamente un elenco completo, forse ti aiuterà a comprendere meglio il tuo ruolo nella vita e nella società più ampia.

Guarda l’analisi di Brittany Sellner:

Fonte: http://www.alt-market.com/

*********************************************

Correlati:

Dateline, 2 giugno 2074 – Il giorno in cui la popolazione umana sarebbe esistita come un apparato coordinato

Il liberalismo moderno è il nemico assoluto di ogni pensiero indipendente

 

 

®wld