Archivi tag: Antropologia filosofica

Citazioni errate nell’interpretazione

 

“Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” – Attribuito erroneamente, abusato e oscenamente sottovalutato

Caitlin Johnstone, Ospite
Waking Times

(La frase virgolettata nel testo sopra – e nel mio Logo ndr) Indica una citazione di Mahatma Gandhi.

Le probabilità sono che la prima cosa che salta nella tua mente è il famoso, “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo.” È una buona citazione. È abbastanza conciso da adattarsi a un adesivo per paraurti, e risuona profondamente con qualcosa dentro di noi che ci dice che indica qualcosa di vero e prezioso.

Ma, come in molte altre citazioni di sticker paraurti che vediamo fluttuare oggi, queste parole non sono mai state pronunciate dalla persona a cui sono state attribuite. Ciò che Gandhi in realtà ha detto è stato questo:

“Se potessimo cambiare noi stessi, cambierebbero anche le tendenze nel mondo. Quando un uomo cambia la propria natura, cambia anche l’atteggiamento del mondo nei suoi confronti”.

Oof. Questo è un po’ più conflittuale rispetto alla versione divulgata, non è vero? Cambia la mia natura? Pensavo che stessimo parlando di qualcosa di leggero e facile, come non indossare pellicce o comprare chicchi di caffè del commercio equo e solidale.

Ecco come “essere il cambiamento che desideri vedere nel mondo” tende a essere interpretato oggi. È una frase che è così rigurgitata nella nostra società che ora è cliché e quasi priva di significato, qualcosa che si vede su portachiavi economici al centro commerciale e scruta senza leggerla veramente, ma immagina di capire perché l’hai visto tante volte in passato. Se premuto per davvero pensarci, la maggior parte delle persone dirà che significa qualcosa come fare i cambiamenti nel mondo che vuoi vedere. Se non ti piace l’agricoltura industriale, diventa un vegano. Se non ti piace la povertà, fai volontariato in una mensa per i poveri.

Ma non è quello che dice la citazione. Non è niente di simile a quello originale di Gandhi. Non è nemmeno quello che dice la versione adesiva del paraurti.

Anche se guardi la versione divulgata della citazione, guardala davvero con occhi nuovi che non l’hanno vista rigiocamente rigurgitata dai liberali aziendali e intonacata sui prodotti K-Mart, ti viene in mente lo stesso messaggio dell’originale. Non dice “Fai il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Non dice “Attiva il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Dice “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo. “Non si riferisce a un semplice cambiamento nel comportamento o nello stile di vita, sta dicendo cambiare chi sei come persona. Sta dicendo cambiare la tua stessa natura per cambiare il mondo.

Questa è notte-e-giorno diversa dall’interpretazione convenzionale. L’interpretazione convenzionale della citazione esiste come una plateale vana che le persone prendono in giro gli hippy e i New Age per l’uso eccessivo. Una comprensione profonda e viscerale di quella stessa frase, tuttavia, trasmette più saggezza di tutti i testi religiosi del mondo messi insieme. È una chiamata a una trasformazione più reale del parto. Più esistenzialmente conflittuale di una diagnosi terminale del cancro.

La prima sfida della citazione è di farti riflettere seriamente su quali cambiamenti di fatto vuoi vedere nel mondo. La maggior parte delle persone non arriva mai così lontano. Pochi hanno davvero pensato a quale tipo di mondo vorrebbero vedere in un modo positivo che immagina realmente come sarebbe il mondo. La maggior parte delle persone pensa solo in termini di piccole battaglie partigiane che stanno vedendo attualmente: sanità universale, politiche di immigrazione, controllo delle armi, politiche di austerità, aborto, problemi LGBTQ, brutalità della polizia, ecc. Poche persone arrivano fino a sedersi e a contemplare profondamente una visione positiva per il tipo di mondo che vorrebbero aiutare a creare.

Quando faccio un inventario dei cambiamenti che desidero vedere nel mondo, so che voglio vedere le persone che scelgono costantemente la salute rispetto all’illusione della sicurezza.

Voglio che facciano scelte con il più alto interesse di tutti gli interessati rispetto al proprio interesse personale, anche se queste scelte li fanno sentire esposti o vulnerabili perché sembrano andare contro le loro finanze o il pensiero di gruppo tribale, o sono al di fuori della loro zona di comfort.

Voglio che le persone siano collaborative piuttosto competitive.

Voglio che le persone inizino a fidarsi del fatto che i passaggi appariranno di fronte a loro mentre forgiamo un percorso su una nuova rotta sconosciuta piuttosto che ritirarsi sulle autostrade ben battute perché sono familiari anche se sappiamo già che guidano nel modo sbagliato.

Voglio vedere la gente rinunciare al proprio tribalismo e abbracciare il proprio umanesimo.

Voglio vedere le persone che si amano abbastanza profondamente da amare gli altri in modo significativo e con occhi chiari.

Voglio che le persone si elevino al di sopra delle narrative in competizione e facciano le loro distinzioni in base alle azioni e alla realtà piuttosto che alle storie dei manipolatori o delle loro stesse manipolazioni interne.

Voglio che le persone abbiano la saggezza di riconoscere dove hanno potere e privilegio e usarle coraggiosamente, e dove sono impotenti, così possono costringere coloro che sono al potere a cambiare immediatamente la nostra traiettoria suicida.

Voglio che la gente dica la verità, anche se all’inizio è solo per se stessi.

Voglio che le persone scelgano la vita sulla morte, ogni volta, senza esitazione, e voglio che cerchino sempre le loro soluzioni nella vita e nella guarigione e nell’armonia e rifiutino le soluzioni offerte dalla morte, dalla distruzione, dalla manipolazione, dal sabotaggio e dal caos.

Questi sono solo i miei desideri personali per il mondo. Dopo averli scoperti, la prossima sfida posta da “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” è molto più seria e, se intrapresa, rimarrà davanti e al centro della tua attenzione per il resto della tua vita.

Osservando i cambiamenti che desidero vedere nel mondo, cerco di essere qualcuno che sceglie costantemente di premere il pulsante “salute” anche se mi spaventa, o altri, o entrambi.

Cerco di essere qualcuno che sceglie sempre il massimo interesse piuttosto che manipolarlo leggermente, così ne ricavo un po’ di più o sembro un po’ più cool.

Cerco di dire la verità anche quando la mia tribù mi sta urlando per stare zitta, ma cerco di avere la saggezza per farlo solo quando giova a tutti e non solo per cercare il dramma o l’attenzione.

Cerco di trascinarmi attraverso la vita usando la mia bussola interiore perché so per certo che i miei vecchi sentieri non hanno mai portato a nulla di buono.

Cerco di non manipolare gli altri, e cerco di non manipolarmi per fingere a me stesso che non sto manipolando gli altri.

Cerco di amare le parti di me che vedo negli altri, specialmente quelle parti che mi fanno rabbrividire, ma anche io cerco di amarmi abbastanza da allontanarmi da qualcuno i cui schemi mi fanno male.

Cerco di fare distinzioni in base a ciò che vedo fare alle persone piuttosto che a ciò che sento sentirmi dire, e cerco di integrare i miei pensieri e le mie azioni il più possibile.

Cerco di usare il mio potere e il mio privilegio per il più alto interesse di tutti, ma mi rifiuto di assumermi la responsabilità per cose al di fuori del mio controllo, e mi impegno a mantenere quelli che hanno quel potere da rendere conto.

Cerco sempre di dire la verità, anche se è solo per me stesso a volte perché in quel caso non ho abbastanza potere e privilegio per parlarne senza essere punito ingiustamente. Ma se è nel più alto interesse prendere punizioni ingiuste, allora lo scelgo.

Scelgo la vita, ogni volta, senza esitazione, e voglio guarire qualsiasi blocco in me o fuori di me che sia resistente a trasformare ogni atomo del mio essere verso la vita e la guarigione.

Certo che mi manca molto, ma spero di continuare a notare quando fallisco e correggo il corso ogni volta che è necessario, perché ottenere questo diritto è molto più importante per me che sentirmi giusto. Voglio questo più di quanto voglio la storia di aver già questo. Voglio cambiare il mondo più di quanto voglio la storia di cambiare il mondo.

Fondamentalmente, voglio questo più di quanto io voglia “me”, più di quanto voglio la personalità che io considero come “me”. Intere parti della mia identità sono dovute morire per trasformarsi in qualcosa di più sano e più agile, e ci saranno molte altre parti di me che devono morire in futuro, e ne sono felice. Lo accolgo con un profondo respiro di trepidazione perché non è facile, e nel momento prima di lasciarmi andare mi sembra di morire davvero, ma so che deve succedere, e più lo faccio, più positivamente mi rinforzo per ottenere come la mia riluttanza viene annullata con curiosità su ciò che si manifesterà nello spazio che ho creato. E so che in ogni caso è meglio dell’alternativa, che è una morte lenta e reale attraverso la stagnazione.

Oltre l’adesivo del paraurti, sono abbastanza sicuro che Mahatma abbia avuto qualcosa di davvero enorme. Sono abbastanza sicuro che questo è il modo in cui lo aggiustiamo. Ricorda quell’altra castagna trita, La preghiera della serenità. “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza di conoscere la differenza”, un altro detto che ha eroso nella superficialità ma contiene una profonda saggezza se la prendi come la tua chiamata. Se tutti noi abbiamo preso individualmente la responsabilità sincera per l’unica cosa che possiamo realmente cambiare – noi stessi – allora gli effetti a catena non sono quantificabili.

E, inevitabilmente, cambiamo il mondo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

 

®wld

Ipotesi di Simulazione

 

Gli scienziati affermano: stiamo vivendo una simulazione al computer

Postato da: Dan Falk

La mente dei Technocrati che è affidata a tali vane speculazioni non dovrebbe mai essere attendibile per fornire soluzioni scientifiche che potenzialmente interessino tutta la società. È tempo che le persone razionali “dicano semplicemente no” ai loro piani e ai loro sogni. ⁃ Editor TN

E se tutto intorno a noi – la gente, le stelle in alto, il terreno sotto i nostri piedi, persino i nostri corpi e le menti – fosse un’illusione elaborata? E se il nostro mondo fosse semplicemente una simulazione iper-realistica, con tutti noi solo personaggi in una specie di sofisticato videogioco?

Questo, naturalmente, è un concetto familiare di libri e film di fantascienza, tra cui il film di successo del 1999 “The Matrix”. Ma alcuni fisici e filosofi dicono che è possibile vivere davvero in una simulazione, anche se questo significa mettere da parte ciò che sappiamo (o pensiamo di sapere) sull’universo e sul nostro posto in esso.

“Se viviamo in una simulazione, allora il cosmo che stiamo osservando è solo un piccolo pezzo della totalità dell’esistenza fisica”, ha detto il filosofo di Oxford Nick Bostrom in un articolo del 2003 che ha iniziato la conversazione su ciò che è diventato noto come ipotesi di simulazione. “Mentre il mondo che vediamo è in un certo senso ‘reale’, non si trova al livello fondamentale della realtà”.

Simulare mondi e esseri

Rizwan Virk, fondatore del programma PlayLabs del Massachusetts Institute of Technology e autore di “The Simulation Hypothesis”, è tra coloro che prendono sul serio l’ipotesi della simulazione. Ricorda di aver giocato a un gioco di realtà virtuale così realistico che ha dimenticato di trovarsi in una stanza vuota con un auricolare acceso. Ciò lo portò a chiedersi: siamo sicuri di non essere radicati in un mondo creato da esseri più tecnologicamente esperti di noi stessi?

Quella domanda ha senso per Rich Terrile, un informatico del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Dettagliate come sono, le migliori simulazioni di oggi non coinvolgono le menti artificiali, ma Terrile pensa che la capacità di modellare gli esseri senzienti potrebbe presto essere alla nostra portata. “Siamo all’interno di una generazione di essere quegli dei che creano quegli universi”, dice.

Non tutti sono convinti. Durante un dibattito del 2016 all’American Museum of Natural History di New York, la fisica della Harvard University Lisa Randall ha detto che le probabilità che l’ipotesi della simulazione sia corretta sono “effettivamente zero”. Per i principianti, non ci sono prove che il nostro mondo non sia la matrice di stelle e galassie che sembra essere. E si chiede perché gli esseri avanzati si prenderebbero la briga di simulare l’Homo sapiens. “Perché simularci? Voglio dire, ci sono così tante cose da simulare”, ha detto. “Non so perché questa specie più alta dovrebbe disturbarsi con noi.”

Echi di Genesi

Eppure, c’è un anello familiare all’idea che c’è un simulatore, o un creatore, che si preoccupa per noi. Allo stesso modo, l’idea che un essere superiore forgia un universo simulato paragona la nozione di una divinità che crea il mondo – per esempio, come descritto nel Libro della Genesi.

Alcuni pensatori, incluso Terrile, accolgono l’analogia con la religione. Se l’ipotesi della simulazione è corretta, dice, “c’è un creatore, un architetto – qualcuno che ha progettato il mondo”. È un’idea antica riformulata in termini di “matematica e scienza piuttosto che solo fede”.

Ma per altri studiosi, incluso il fisico dell’Università del Maryland, Sylvester James Gates, la somiglianza tra l’ipotesi della simulazione e la credenza religiosa dovrebbe essere presa come un avvertimento che siamo fuori strada. La scienza, come ha detto in una recente intervista radiofonica, ci ha portato “lontano da questa idea che siamo burattini” controllati da un’entità invisibile. L’ipotesi della simulazione, ha detto, “inizia a sembrare una religione”, con un programmatore che sostituisce dio.

Chi, o cosa, è l’entità divina che potrebbe aver creato un universo simulato? Una possibilità, sostenitori dell’ipotesi della simulazione, è che si tratta di una razza di esseri avanzati – alieni spaziali. Ancor più inclinazione alla mente è la possibilità che siano i nostri discendenti – “i nostri sé futuri”, come dice Terrile. Cioè, gli esseri umani che vivono centinaia o migliaia di anni nel futuro potrebbero sviluppare la capacità di simulare non solo un mondo come il nostro, ma i corpi e le menti degli esseri al suo interno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro!

 

 

Integrazione – il Cammino Autonomo Verso Casa

“E mentre tutte le altre creature guardano a terra con gli occhi bassi sin dalla nascita; disse all’uomo di camminare eretto e osservare il cielo dove è nata la sua anima e a cui vengono offerte le proprie speranze.” Ovidio

L’integrazione è la tolleranza di tutti i livelli dell’essere come parti valide del tutto. Significa abbandonare la negazione. Significa abbracciare noi stessi e il prossimo.

 

Proprio come la nostra coscienza unificata ha creato questo regno di polarità, noi possiamo trasformarlo. Quando si verificherà l’integrazione, questo regno sarà definito da parametri molto diversi. Diventeremo sia gli archetipi che i Fondatori. Sposteremo la prospettiva e diventeremo consapevoli di noi stessi come il Creatore.  

 

Non significa necessariamente che le nostre identità saranno assorbite. Potrebbe significare che ci risveglieremo al punto in cui sceglieremo consapevolmente i nostri destini. Forse potremmo scegliere di entrare in altri regni e di essere gli amici invisibili delle società planetarie che giocano ancora al gioco della separazione.

 

Riflettendo sulle stesse decisioni riguardanti le interferenze che i nostri antenati hanno affrontato, potremmo persino essere gli extraterrestri di un altro pianeta. 

 

Fermandoci e ascoltando attentamente, potremo sentire e percepire le correnti sotterranee di questa trasformazione. L’esistenza e il cambiamento sono le uniche costanti. Potremo giocare al gioco dell’illusione, in cui per caso ci troviamo in una creazione, ma prima o poi ci daremo una pacca sulla spalla e il gioco sarà finito. Per arrivare a questo, nella realtà della Terra abbiamo creato gli Arturiani, i Siriani, i Lirani, gli Orioniani, i Reticuli, i Pleiadiani, ecc…

 

Fanno davvero tutti parte della stessa cosa – sono una parte di noi

 

Quindi, come mai sulla Terra incoraggiamo l’integrazione? Prima di tutto, dobbiamo sapere che avverrà con o senza una nostra azione cosciente. La differenza è solo che la consapevolezza farà in modo che il viaggio sia più piacevole. Ci sentiremo più sicuri dei nostri destini.   

 

L’azione cosciente che accelererà il nostro processo di integrazione è molto semplice: la tolleranza. Se permettiamo che l’integrazione avvenga a tutti i livelli, vedremo che i sentieri si apriranno gioiosamente davanti a noi. 

 

L’integrazione avverrà sui quattro livelli principali: quello mentale, quello emotivo, quello spirituale e quello fisico.  

MENTALE 

Integrare la nostra mentalità significa permettere di combinare non solo i processi cerebrali, ma anche quelli intuitivi ed emotivi. Il tipo di pensiero oggi convalidato è quasi interamente basato sulla testa. Le formule e i calcoli hanno determinato la realtà della Terra del XX secolo. Se riuscissimo a comprendere e quindi permettere che i processi intuitivi ed emotivi siano altrettanto validi e possano essere usati in combinazione con quelli mentali, saremmo sulla buona strada verso l’integrazione della nostra mentalità.  

EMOTIVO 

Integrazione emotiva significa iniziare ad imparare come accogliere il nostro sé ombra. Potremmo iniziare aprendo gli armadi interiori e scavando in profondità nel subconscio per trovare le credenze che ci impediscono di proseguire. Molto spesso, questi aspetti trascurati di noi stessi vogliono solo un po’ di attenzione.Come hanno scoperto i Pleiadiani e i Lirani prima di loro, la negazione non fa altro che prolungare il dolore dell’esistenza. Impariamo da questi esseri provenienti da mondi lontani. Facciamo in modo di non ripetere le stesse lezioni più e più volte.  

SPIRITUALE 

L’integrazione spirituale è forse la più facile di tutte. Ogni persona possiede una spiritualità interiore che non è connessa alla dottrina. Se riuscissimo ad abbandonare la dottrina e toccare la nostra innata spiritualità, potremmo iniziare il processo di integrazione. Si estende esternamente sul pianeta onorando la verità che ogni persona è una manifestazione dell’Unica Verità. Questo permette a ciascuno di noi di coesistere all’interno delle nostre filosofie senza dover cambiare le proprie credenze. L’esistenza di Dio / Tutto Ciò Che È, non viene messa in dubbio discutendo su quale colore sia il suo abito. Abbiamo così tanta paura di essere soli e separati che creiamo ancora più separazione attraverso il nostro desiderio di avere una dottrina unificata. Se avessimo il coraggio di iniziare a toccare questa spiritualità interiore, vedremmo fiorire la nostra trasformazione.  

FISICO  

L’integrazione fisica è leggermente diversa. Implica il riconoscimento del nostro passato e della nostra storia come parte di uno scenario più grande su scala cosmica. Ci siamo frammentati dalla Sorgente e dai Fondatori. Abbiamo esteso la nostra individualità ai suoi limiti esterni. Per riunirci bisognerà ancora una volta riconoscerci e accettarci come parti della nostra famiglia galattica. Mentre ci allontaneremo dalle nostre paure razziali e smetteremo di permettere che il colore della pelle e le differenze culturali siano delle barriere, ci allontaneremo anche da tutte le altre paure, celebrando la comunione che ci offre Zeta Reticuli.

Possiamo permettere che l’integrazione a tutti i livelli della nostra vita fisica, avvenga qui sulla Terra.

 

Nessuno di noi viene “da” un altro posto. Proveniamo dalla Fonte e la Fonte è immensa. Dire che veniamo “dalle” Pleiadi significa negare tutte le altre idee riguardo la nostra provenienza. I nostri sé terrestri si confondono se neghiamo continuamente che la nostra esistenza è una parte del corpo del pianeta. Facciamo parte di Tutto Ciò Che È! 

 

Se avvertiamo una connessione con una razza fuori dal pianeta, ci stiamo identificando con ciò che rappresenta o con le varie vite che abbiamo vissuto in quel sistema. Se gli individui insistessero nel dire che vengono “da” qualche parte, si potrebbe insinuare che stiano proclamando la loro alleanza con la Terra. Hanno scelto di vivere qui. 

 

In un senso molto reale, le persone della Terra possono essere viste come dei modelli per l’integrazione. Siamo sia divini che terrestri; sia dèi che uomini. Siamo la prova che la vita umana può adattarsi a circostanze apparentemente insormontabili.

 

Celebriamo quindi l’umanità! 

 

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro! Non siamo bambini. Anche se stiamo ancora giocando al gioco dell’ignoranza, le altre civiltà ci considerano un enigma. Siamo la civiltà che si è rifiutata di morire! 

 

La nostra resilienza e la fiducia nelle nostre capacità hanno continuamente dimostrato il nostro valore. Siamo stati usati e riusati dal gruppo Lirano nel Giardino dell’Eden. 

 

Le varie “piaghe” degli dei non sono riuscite a spazzarci via. Grazie a Noè e al signore Siriano che lo avvertì, oggi abbiamo una civiltà fiorente. In molti si sono chiesti perché la Terra sia stata osservata da così tanti gruppi extraterrestri. Forse perché si tratta di una dimostrazione prevedibile di integrazione in azione. Potrà essere doloroso, ma nel nostro credo cosciente di massa, il dolore può produrre dei risultati miracolosi. La Terra del presente e la Terra del futuro fanno parte di quel miracolo. Celebriamolo integrandoci e assumendoci la responsabilità della nostra realtà planetaria. 

 

Facciamo parte di un’Associazione di Mondi e la nostra adesione è pronta per il rinnovo! Questa volta, per aderire dobbiamo risvegliarci al dramma cosmico di cui abbiamo accettato di far parte. 

 

Il nostro risveglio ci aiuterà a tornare a casa … da soli.

 

Tratto dal PDF “Il Prisma della Lira”

Testo tradotto in italiano da claudiordali

 

®wld 

Una radicale teoria su di un futuro più equo

 

Solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri – afferma lo storico 

Uno non deve essere un genio per vedere che c’è molta ingiustizia sul nostro pianeta. I ricchi stanno diventando più ricchi e le persone povere hanno spesso pochissime possibilità di migliorare la loro vita. 

Uno storico ha avanzato una teoria radicale che suggerisce che solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri. 

È una visione pessimista, ma alcuni scienziati credono che questo sia l’unico modo per “salvare” il mondo. 

Nel suo libro The Great Leveler: Violenza e storia dell’ineguaglianza dall’età della pietra al ventunesimo secolo, lo storico di Stanford Walter Scheidel sostiene che la violenza di massa e le catastrofi possono seriamente ridurre la disuguaglianza economica,  

Secondo Scheidel, i documenti storici mostrano che le società sono “livellate” solo da eventi enormemente distruttivi: la guerra di mobilitazione di massa, le rivoluzioni radicali, i fallimenti dello stato e le pandemie mortali.  

La violenza di massa e le catastrofi sono le sole forze che possono seriamente ridurre la disuguaglianza economica? Per giudicare da migliaia di anni di storia, la risposta è sì. Tracciando la storia globale dell’ineguaglianza dall’età della pietra fino ad oggi, Walter Scheidel mostra che l’ineguaglianza non muore mai pacificamente. La disuguaglianza diminuisce quando la carneficina e il disastro colpiscono e aumenta quando la pace e la stabilità ritornano. The Great Leveler è il primo libro a tracciare il ruolo cruciale degli shock violenti nel ridurre la disuguaglianza nel corso dell’intero arco della storia umana in tutto il mondo.  

Da quando gli umani hanno iniziato a coltivare, ad allevare bestiame ea trasmettere i loro beni alle generazioni future, la disuguaglianza economica è stata una caratteristica determinante della civiltà. Nel corso di migliaia di anni, solo gli eventi violenti hanno ridotto significativamente la disuguaglianza. I “Quattro cavalieri” del livellamento – la guerra di mobilitazione di massa, le rivoluzioni trasformative, il crollo dello stato e le piaghe catastrofiche – hanno ripetutamente distrutto le sorti dei ricchi. Scheidel identifica ed esamina questi processi, dalle crisi delle prime civiltà alle guerre mondiali catastrofiche e alle rivoluzioni comuniste del XX secolo. Oggi, la violenza che ha ridotto l’ineguaglianza nel passato sembra essere diminuita, e questa è una buona cosa. Ma getta seri dubbi sulle prospettive di un futuro più equo.  

Un contributo essenziale al dibattito sull’ineguaglianza, The Great Leveler fornisce nuove importanti informazioni sul perché la disuguaglianza è così persistente – e sul perché è improbabile che declini presto. Leggi di più  

Come esempi storici che dimostrano il caso, Scheidel menziona il collasso dell’Impero Romano, la Peste Bubbonica, la Rivoluzione Francese e le guerre napoleoniche, la Guerra civile americana, le rivoluzioni comuniste russa e cinese e le Guerre Mondiali I e II.  

Quando le società sono sotto stress tendono a riformarsi in modi che riducono temporaneamente le ingiustizie nelle opportunità e nel reddito. 

Senza un evento drammatico e distruttivo, il divario tra ricchi e poveri aumenterà, ha detto lo storico. 

Scheidel ha detto: “Nei prossimi decenni, il drammatico invecchiamento dei paesi ricchi e le pressioni dell’immigrazione sulla solidarietà sociale renderanno sempre più difficile assicurare una distribuzione equa dei redditi netti. E al di sopra di tutto il resto, i cambiamenti tecnologici in corso potrebbero aumentare le disuguaglianze in modi imprevedibili, dall’automazione più sofisticata che scavalca il mercato del lavoro ai miglioramenti genetici e cibernetici del corpo umano privilegiato”.  

Scheidel sottolinea che una guerra non è sufficiente per migliorare le condizioni di vita future per coloro che sono poveri ora. Secondo lui solo una guerra nucleare può riformare il mondo come è adesso.  

Inoltre, sempre Scheidel: “Solo una guerra termonucleare a tutto campo”, asserisce, “potrebbe sostanzialmente ripristinare la distribuzione esistente delle risorse”.  

Quindi sembra che la scelta sia l’ineguaglianza o l’apocalisse, a meno che non ci sia una terza opzione che Scheidel e altri scienziati hanno trascurato.     

https://www.ancientpages.com/ 

®wld