Archivi tag: Angeli

Uno studio sull’origine del male

 

Uno studio sull’origine del male – Yaldabaoth-Yahweh-Enlil 

by Jan Erik Sigdell

received by Email from

on September 23, 2019
from Christian-Reincarnation Website

La creazione

Questo studio si riferisce in gran parte ai testi dei cristiani gnostici, di cui la maggior parte fu trovata a Nag Hammadi in Egitto nel 1945, ma anche a vari altri testi di cui la maggior parte sono antichi.

La parola “gnostico” non deve essere intesa come relativa ad altre filosofie e religioni che non sono originariamente cristiane , una “comprensione” che a volte viene abusata per screditare il cristianesimo gnostico dai nemici della verità.

L’universo così com’è ora è un multiverso nel senso che ha molte più dimensioni delle tre che sono le uniche che possiamo percepire.

La dimensione più alta è pura energia luminosa e quindi le creazioni procedono verso il basso da quella, producendo livelli inferiori o dividendo una luce originale in sezioni.

Il creatore sarà soprattutto e quindi è la dimensione più alta e lui è la luce e crea dalla sua luce poiché non c’era altra luce all’inizio.

I testi gnostici descrivono il Creatore come,

“È lui che esiste come Dio e Padre di tutto, l’Invisibile che è al di sopra di tutto, che esiste come incorruzione, che è nella luce pura in cui nessun occhio può guardare.” …

“È insopportabile, poiché non esiste nessuno prima di lui per esaminarlo. È incommensurabile, poiché non c’era nessuno prima di lui per misurarlo. È invisibile, poiché nessuno lo ha visto. È eterno, poiché esiste eternamente. È ineffabile, dal momento che nessuno è stato in grado di comprenderlo per parlare di lui. È innegabile, dal momento che non c’è nessuno prima di lui che gli dia un nome. ” …

“È una luce incommensurabile, che è pura, santa (e) immacolata”.

È la prima ed eterna entità, il Dio supremo (El Elyon) che è luce e la luce è lui.

Si vedeva dappertutto come luce intorno da quando era lui stesso la luce. Voleva quindi differenziare la luce che era ed è, e in modo che avesse forme, strutture e funzioni.

Non ha fatto altro che desiderare che ciò accadesse, e quindi è successo. Era la manifestazione di un pensiero originale (protennoia).

Da questo desiderio e pensiero emanò Barbelo (Βαρβηλώ), il suo potere creativo, per dare “vita” alla creazione, pertanto è considerata femmina dai cristiani gnostici.

La prima entità creata fu Autogenes , quello che attraverso Barbelo e il desiderio del creatore divennero fuori di sé, quello che chiamiamo Cristo .

Così si formò la triade o trinità originale:

la protennoia trimorfa.

Da un testo gnostico su Barbelo:

“E il suo pensiero compì un atto e lei uscì, cioè lei che era apparsa davanti a lui nella luce della sua luce.

Questo è il primo potere che era prima di tutti loro (e) che emerse dalla sua mente, Lei è la previdenza (pronoia) del Tutto – la sua luce brilla come la sua luce – il potere perfetto che è l’immagine dell’invisibile, Spirito verginale che è perfetto.

Il primo potere, la gloria di Barbelo, la gloria perfetta negli eoni, la gloria della rivelazione, lei glorificava lo Spirito verginale ed era lei che lo lodava, perché grazie a lui era venuta alla luce “. L’Apocryphon di John

In questo processo, la luce si è condensata in molti modi fuori dalle forme del pensiero, come onde, schemi e condensazioni di luce compartimentate e individualizzate come entità che sono diventate chiamate angeli, in particolare un numero di arcangeli e quindi “minori” angeli associati dal gruppo con loro.

Gli eoni si sono sviluppati, una serie di livelli (o forse strati) di esistenza (ipostasi) che possono essere confrontati con le dimensioni dell’universo multidimensionale in un senso più fisico.

A un livello primario c’è Sophia (saggezza, femmina), che sentiva il desiderio di comprendere tutta la creazione e il suo desiderio in qualche modo individualizzato manifestato in un eone inferiore come Achamoth (Ἀχαμώθ, Sophia Achamoth, Ebraico: המכח chokhmah).

Questo desiderio si è manifestato in modo tale che è venuto fuori da lei e quindi è stato effettivamente e involontariamente creato come entità, senza il consenso del suo consorte.

Questa entità aveva la faccia di un leone e il corpo di un serpente e gli diede il nome di Yaldabaoth (o Yaltabaoth, probabilmente dall’aramaico yaldā ‘bāhūṯ ת הב ד, “Figlio del caos”). Fu sorpresa quando vide questo aspetto e lo nascose in una nuvola, rendendosi conto che aveva fatto un errore e provava vergogna, da dove poi era fuggito in regioni più buie.

Che cos’è il caos?

La parola è spesso erroneamente associata a un disordine, ma il significato originale è vuoto totale, tohu wa-bohu (וה בֹ֔ וָ וה תֹ֙) dove non c’è nulla (ancora) e quindi spazio per la creazione e la manifestazione di qualcosa e qualsiasi cosa, da χάος (kháos, “vasto abisso, vuoto”).

Yaldabaoth diventa Yahweh

Nelle regioni oscure si stabilì in un regno che occupò per se stesso e in cui realizzò creazioni proprie ma secondarie. Ora si chiamava Yahweh e sosteneva di essere il solo e unico dio. ..

Nella traduzione comune di Ex 20: 2-3 e Deut 5: 6-7:

“Sono il Signore tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa della schiavitù. Non avrai altri dei davanti a me.”

La traduzione letterale di questi due passaggi è tuttavia:

“Sono Yahweh, il tuo Elohim, che ti ha condotto fuori dalla terra dell’Egitto e dalla casa dei servi. Al mio posto non verranno altri Elohim per te.”

La parola elohim è il plurale di el o eloah = god.

Cosa intendeva Yahweh con questo – che sarebbe stato,

“quello degli” Elohim “(quindi uno degli dei creati), che ora sarà dio solo per te e non aspettarti un altro di loro”?

In ogni caso, non contraddice che potrebbero essercene altri e rater parla nel senso di una clausola di non concorrenza …

La stessa Bibbia indica all’inizio che potrebbero esistere anche altri “dei”. 

La prima frase nella Bibbia

Il testo ebraico in Gen 1: 1 recita come segue:

Bere’shit bara ” elohim et ha-shamayim ve’et ha’aretz, di solito tradotto come:

     “In principio Dio creò il cielo e la Terra”.

Indipendentemente dal fatto che lo giri e lo giri, resta un dato di fatto che ‘elohim è il plurale di’ el o ‘eloah = “dio”.

È stato quindi suggerito che potrebbe essere inteso come “… gli dei creati …” ma questo non si adatta grammaticalmente, perché il verbo bara ‘(creato) ha la forma singolare.

I teologi quindi lo spazzano sotto il tappeto e lo dichiarano pluralis maiestatis . Questa forma grammaticale esiste in ebraico, ma esiste un’altra soluzione al problema che è probabilmente trascurata di proposito.

La traduzione convenzionale e dogmaticamente approvata di bere’shit si basa sulla traduzione di essere come “in” o “at” e rehit come “inizio”.

Secondo i dizionari, re’shit può in alternativa significare “il primo del suo genere”, e può riferirsi all’origine.

Quindi la parola bere’shit può anche essere vista come un’espressione in qualche modo tautologica che significa “il primo originale” o “il primo” o “il primordiale (Creatore)”.

Quindi quanto segue si adatta grammaticalmente:

Il Primo creò gli dei, i cieli e la Terra, o, un po ‘più liberamente.

Il Creatore primordiale ha creato gli dei, i mondi cosmici e la Terra.

Inoltre, pochissime traduzioni hanno “i cieli”, mantenendo il plurale del testo originale.

Ma la parola ebraica shamayim, “cielo”, ha anche la forma plurale e può essere significativamente compresa come “mondi cosmici”.

Chi sono allora gli dei creati?

Nel nostro contesto, ovviamente, gli abitanti di altri mondi cosmici – pianeti e altri regni dimensionali – cioè la vita extraterrestre in generale, anche altri dei là fuori ed entità interdimensionali.

Dove sono le regioni più scure? Alcuni testi menzionano l ‘”oscurità esterna” (tartaros τάρταρος) come una regione lontana dalla luce divina.

Ma la luce originale di El Elyon non era ovunque?

Nella Cabala ebraica 1 c’è una notevole spiegazione del grande rabbino Isaac Luria (Yitzhak Lurya) che,

“Dio ha iniziato il processo di creazione” contraendo “la sua (infinita) luce per consentire uno” spazio concettuale “, in cui esistessero regni finiti e apparentemente indipendenti. Questa contrazione iniziale primordiale, che forma uno “spazio vuoto” di ḥālāl happānuy (יונפה ללח) in cui la nuova luce creativa potrebbe irradiare, è indicata da un riferimento generale al [concetto di] tzimtzum “.(םוצמצ, qui citato da Wikipedia.)

1 – Alcuni lettori possono considerare la Kabbalah come qualcosa di piuttosto negativo e associarla alla magia. È vero che i principi cabalistici e la demonologia sono abusati in alcune forme di magia e rituali associati, ma c’è anche molta conoscenza e saggezza nella Kabbalah e dobbiamo separare la paglia dal grano.

Al di fuori di questo spazio principalmente vuoto ci sarà una regione oscura, più lontano sarà il buio, che si suddivise in regioni più o meno scure o scure.

“Le loro progressive diminuzioni del Divino Ohr (Luce) da regno a regno nella creazione sono anche indicate al plurale come tzimtzumim secondarie (innumerevoli” condensazioni / soffitti / costrizioni “della forza vitale).”

È interessante notare che ci sono alcune somiglianze nella descrizione della creazione nella filosofia indiana Sāṃkhya dove, secondo l’antico filosofo Kapila, l’universo è venuto fuori dalla volontà del creatore (Brahmā).

In esso, vari elementi si trovano in un equilibrio (equilibrio) che può essere disturbato da vari fattori e quindi disordinato, dove dopo deve ritrovare uno stato equilibrato.

Ciò si ripete e quindi sorgono nuovi livelli nell’universo mentre gli elementi riordinano per bilanciarsi.


Angeli e Satana

All’interno di questo, apparvero varie entità nella luce.

Nell’angelologia medievale, gli angeli (comuni) costituivano il più basso dei nove ordini celesti, la gerarchia degli angeli (serafini, cherubini, troni, dominazioni o domini, virtù, poteri, principati o principi, arcangeli e angeli [reali]).

Uno degli arcangeli era Satanael (Satanel, Satanail), da molti considerato il primo arcangelo. Era ammirevolmente narcisista e pensò all’idea impossibile che potesse posizionare il suo trono più in alto tra le nuvole che sono sopra la terra e che potesse diventare uguale al potere del creatore Dio.

A causa di questa arroganza fu scacciato dalla luce, insieme a una terza (comune interpretazione di Apocalisse 12: 4) degli angeli (presumibilmente quelli che erano sotto la sua guida poiché era ancora un arcangelo).

Cf. Isaia 14: 13-14:

“Poiché hai detto nel tuo cuore, salirò in cielo, esalterò il mio trono sopra le stelle di Dio: mi siederò anche sul monte della congregazione, ai lati del nord: salirò sopra le altezze delle nuvole; sarò come il più alto.”

E Hesekiel 28: 15-17 ci dice:

“Tu sei l’unto cherubino che copre; e io ti ho posto così: sei stato sul santo monte di Dio; sei andato su e giù in mezzo alle pietre di fuoco. Sei stato perfetto nelle tue vie dal giorno che tu sei stato creato, fino a quando l’iniquità non è stata trovata in te. Con la moltitudine della tua merce hanno riempito di te in mezzo a te la violenza e hai peccato: perciò ti scaccerò come profano dal monte di Dio: e distruggerò te, o cherubino coprente, in mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore è stato sollevato a causa della tua bellezza, hai corrotto la tua saggezza in ragione della tua luminosità: ti getterò a terra, ti stenderò davanti ai re , affinché possano vederti”.

Gli arcangeli hanno i loro compiti specifici.

Quale potrebbe essere stato il compito di Satanael prima di essere cacciato?

Satana significa “avversario”, “oppositore” in ebraico ed è quello che è diventato dopo che è dovuto partire, ma ha – in un certo senso positivo – avuto una funzione corrispondente anche quando era nella luce?

Potrebbe essere stato una specie di amministratore che ha sviluppato la propria filosofia su come amministrare le cose. In realtà la parola sumera satam significa “amministratore”.

Un principio di base del più alto creatore El Elyon è l’empatia, l’amore e l’armonia.

Tuttavia, apparentemente Satanael vide un principio alternativo come in qualche modo più “efficace” per il governo e la gestione, essendo una competizione egoistica, dove “necessaria” per mezzo di forza, forza bruta e totalitarismo, indipendentemente dai desideri individuali e dai desideri degli altri.

Una regola del più forte che sopraffà il debole (un po ‘analogo alla “sopravvivenza del più forte” di Darwin).

Una speculazione sullo stesso Satana

Come è stato buttato fuori?

Lui come Yaldabaoth divenne dapprima una specie di “aborto” di Sophia Achamoth e poi fuggì nelle regioni più buie, dove si stabilì come Yahweh.

Da questa espulsione, potrebbe avere un complesso di inferiorità e in una regione più oscura ha stabilito la propria enclave come una compensazione vendicativa, dove vuole essere l’unico dio e separare se stesso e le sue “creazioni” dal vero Dio Creatore.

Così Satanael divenne semplicemente Satana (senza “el” = divino). Alcuni testi affermano che Satanael è il maggiore di due figli di Dio e l’altro è Cristo.

Il Bogomilismo, una setta dualistica gnostica che fiorì in Europa tra il X e il XV secolo, considerava Satanael come tale.

Secondo loro, Satanael esisteva prima di Cristo e fu creato buono, insieme a tutti gli altri angeli. Era tenuto nella massima stima e sedeva alla destra di Dio come suo amministratore. Ben presto, tuttavia, divenne insoddisfatto della sua situazione e si ribellò.

Convinse altri angeli ad unirsi a lui, promettendo loro la libertà da noiosi doveri liturgici. Dio ha reagito gettandoli tutti fuori dal cielo.

Satanael vagò nel vuoto e poi decise di creare un nuovo mondo per se stesso – un secondo paradiso sopra il quale poteva diventare come un secondo Dio. L’universo divenne questo secondo paradiso (mondo occulto).

Tuttavia, mi fido di più della creazione descritta dai cristiani gnostici originali (il Bogomilismo fu una branca successiva) sul fatto che Autogeni fosse la prima entità creata.

Alcuni testi come Il libro di Adamo (e il Corano) suggeriscono che Satana fu scacciato perché non si inchinò ad Adamo. Ciò è incoerente poiché prima della caduta non c’era Adamo! È stato creato da Yahweh, il Satana caduto …

Interrogatio Johannis (un testo cataro) afferma che a Satana è permesso di regnare sette “giorni”, cioè sette “epoche” – qualunque cosa significhi …

Dal libro 2Enoch (o Slavonic Enoch): 29.1 3-4,

“E uno da fuori l’ordine degli angeli, dopo aver voltato le spalle all’ordine che era sotto di lui, concepì un pensiero impossibile, per posizionare il suo trono più in alto delle nuvole sopra la terra, affinché potesse diventare uguale al mio potere. E L’ho buttato fuori dall’altezza con i suoi angeli, e stava volando in aria continuamente sopra il fondo senza fondo.”

Anche 31,1 4:

“Il diavolo è lo spirito malvagio dei luoghi inferiori, come fuggitivo ha fatto Sotona [Chiesa slava per Satana] dai cieli come il suo nome era Satanail (Satana), quindi divenne diverso dagli angeli, (ma la sua natura) fece non cambiare la (sua) intelligenza per quanto riguarda la (sua) comprensione delle (cose) giuste e peccaminose che soddisfano la sua parola”. (Il libro dei segreti di Enoch = Slavonic Enoch o 2 Enoch)

Enuma Elish 

Possiamo paragonarlo con la storia della creazione sumera Enuma Elish, dove viene descritto come un primo gruppo di entità create nel mondo leggero della creazione originale voltò le spalle al dio creatore e lo dichiarò morto.

Tuttavia, non si può uccidere il creatore senza annientare la propria esistenza.

Quello che è realmente accaduto sarà che si stabilirono in una regione separata dove non volevano avere niente a che fare con il creatore ma lo dichiararono “morto” – “deicidio” – per sopravvivere come se non esistesse. Possiamo anche confrontarci con la storia della creazione gnostico-cristiana in cui Yaldabaoth, un’entità relativamente priva di divinità, venne per errore e poi fuggì dal mondo della luce originale.

Si stabilì quindi in una regione più buia, dove si chiamava Yahweh e non voleva avere nulla a che fare con il vero creatore, ma invece fece credere (“menzogna originale”) che sarebbe stato lui stesso il creatore, a vivere come se il vero creatore non esistesse . È interessante a questo proposito che, secondo una ricerca sulla storia della religione in un’ottica di storia culturale, Yahweh è un dio della tempesta e di guerra del Sinai.

Enlil, una delle entità create secondo Enuma Elish, è anche considerata un “dio della tempesta e della guerra”!

Ci sono così tanti parallelismi tra la letteratura mesopotamica su tavolette di argilla e l’Antico Testamento che molti etnologi e linguisti oggi considerano quest’ultimo come originario del primo.

Alla luce della sete di sangue estremamente crudele esposta sulle pagine dell’Antico Testamento che i fanatici aderenti alla Bibbia preferiranno non leggere, sarebbe giustificata come un’ipotesi considerare il male come qualcosa che Satana / Enlil / Yaldabaoth hanno portato nell’oscurità regione in cui ci capita di vivere e lì si è affermato come il Signore …

Abbassare la creazione

Nella scala dei livelli della creazione ora scendiamo verso un importante approdo, il mondo di Yahweh. Un nome alternativo è Yehovah.

Nei testi inglesi, vengono occasionalmente utilizzati anche i nomi Jahweh o Jehova, anche se questa è la traslitterazione tedesca di הוהי (in cui la J è la J tedesca che si pronuncia Y).

Sin dall’inizio i testi ebraici hanno lasciato fuori la vocalizzazione (punteggiatura) – probabilmente perché il nome non dovrebbe essere pronunciato – sono stati fatti vari tentativi di vocalizzarlo.

Il Signore è il suggerimento di Gesù e la forma più comune oggi. Geova è un altro approccio, adattando le vocali di “Adonai” (ādônay = “signore”, usato per evitare la pronuncia di “le quattro lettere”).

Yaldabaoth / Yahweh ha rubato energia a sua madre Sophia. Eppure era ancora debole, ma spinoso e avido di potere. Lasciò che 12 entità arrivassero in una creazione secondaria, gli arconti, per governare nelle regioni inferiori che si era appropriato, e “creò” 365 angeli (oscuri) per assisterlo.

Nella sua arroganza ha potenziato,

“Sono dio, e non c’è altro dio!”

Per questo motivo si chiamava Samael, il cieco, poiché non voleva vedere la verità. Fu anche chiamato Saklas , lo sciocco. La materia si è formata nel suo regno.

Sappiamo cosa dice quindi la Bibbia sulla creazione dell’uomo.

Più interessante è ciò che ci dicono i testi apocrifi come quelli dei cristiani gnostici, ma questo sarebbe un po ‘una deviazione dall’argomento qui, che è di investigare l’origine del male. Può essere sufficiente sottolineare ciò che probabilmente non è chiaro ai cristiani in generale: la duplice creazione di esseri umani.

Per prima cosa abbiamo Gen 1: 26-29:

“E Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza … Quindi Dio creò l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. E Dio li benedisse, e Dio disse a loro, siate fecondi, moltiplicatevi e riempite la terra …”

La parola qui tradotta come “Dio” è, di nuovo, elohim.

Come abbiamo visto, significa davvero “dei”, ovvero un gruppo di entità creato dal più alto dio El Elyon. Erano le entità che a loro immagine creavano uomo e donna in egual valore.

Quindi abbiamo una seconda storia in Gen 2: 7:

“E l’Eterno Iddio formò l’uomo dalla polvere della terra e inspirò nelle sue narici il respiro della vita; e l’uomo divenne un’anima vivente.”

Un uomo che doveva essere come un giardiniere nel giardino personale di Yahweh. Gli proibì di mangiare dell ‘”albero della conoscenza”. Nel testo ebraico si chiama ‘etz ha-da’at, che significa “albero della saggezza”.

Non ha nulla a che fare con la sessualità, ma con la ricerca di sapere più di quanto dovresti, nel senso di “fai quello che ti viene detto e non fare domande”.

Girare questo per “conoscenza” anche nel senso del sesso è fuori dal pio desiderio dei patriarchi dominanti che volevano avere il sesso della gioia per se stessi ma non per il popolo e quindi hanno usato questo come mezzo per il controllo.

Inoltre:

questo divieto fu dato ad Adamo prima della creazione di Eva e il sesso non era comunque un problema. Inoltre contraddice la Gen 1:28: “… sii fecondo e moltiplica …” e spiega come i figli di Adamo ed Eva potrebbero sposarsi!

Ovviamente c’erano già degli umani sulla Terra in quel momento, risultanti dalla prima creazione in Gen 1: 26-29 … L’ho analizzato in dettaglio altrove.

Su questa piattaforma nella scala del male, ora affrontiamo il carattere abominevole di Yahweh.

Attraverso Mosè guidò gli ebrei nella “Terra Promessa”. Quando dopo aver camminato per molti anni nel Sinai raggiunsero questa terra, con loro disappunto videro che non era gratuito. La gente viveva lì in città.

Pertanto Yahweh ordinò di uccidere tutti senza eccezioni, senza risparmiare un bambino, una donna o un vecchio, in modo che vivessero,

“città grandi e buone, che non hai costruito, e case piene di tutte le cose buone, che non hai riempito, e pozzi scavati, che non hai scavato, vigneti e ulivi, che non hai piantato; quando avrai mangiato ed essere pieno”.

(Deut 6: 10-11)

Fu così che ebbe luogo un vero olocausto in cui una città dopo l’altra fu attaccata e le orde omicide “non rimasero nulla” come è vividamente raccontato nelle pagine sanguinarie di Deuteronomio, Giosuè, Giudici e altri libri della Bibbia.

Dopo questo genocidio completo, avevano finalmente rubato la terra ai suoi abitanti originali per averla per sé.

È un dio amorevole e pacifico come quello che Gesù chiamava “Padre”? Ovviamente no!

L’abominevole crudeltà di Yahweh

Il Signore ha dimostrato la sua crudeltà già durante il vagabondaggio attraverso il Sinai.

Un esempio:

in Num 16: 35-49 viene detto che il Signore ha ucciso 250 uomini come punizione per aver offerto incenso. Le persone hanno poi protestato e sono state punite per averlo fatto in quanto Yahweh aveva fatto morire 14700 di una pestilenza.

In Num 31: 14-18 leggiamo:

“E Mosè era adirato con gli ufficiali dell’ostia, con i capitani … che venivano dalla battaglia. E Mosè disse loro: avete salvato tutte le donne in vita? … Ora dunque uccidete tutti i maschi tra i piccoli e uccidete tutti donna che ha conosciuto l’uomo mentendo con lui”.

“Ma tutte le donne bambini, che non hanno conosciuto un uomo mentendo con lui, si tengono in vita per voi stessi.”

In Num 31:35 è anche riportato che hanno portato 32000 ragazze vergini come bottino da un raid, ma tutti gli altri sono stati uccisi.

Perché tutte queste ragazze dovrebbero essere tenute in vita?

Senza dubbio per i servizi sessuali …

Alcuni altri esempi:

Deut 2: 34-35: “E a quel tempo prendemmo tutte le sue città, e distrussmmo completamente [uccisero] gli uomini, le donne e i piccoli di ogni città, non ne lasciammo nessuno per rimanere [sopravvivere]. Solo il bestiame che abbiamo preso come una preda per noi stessi e il bottino delle città che abbiamo preso “. (Chiarimenti aggiunti tra parentesi quadre.)

Osea 13:16: “Samaria diventerà desolata, poiché si è ribellata al suo Dio: cadranno di spada: i loro bambini saranno fatti a pezzi e le loro donne con bambini saranno strappate”.

Nei Salmi leggiamo:

“Li ho feriti perché non erano in grado di sollevarsi: sono caduti sotto i miei piedi.” (18:38)

“Li farai come un forno infuocato nel momento della tua ira: il Signore li inghiottirà nella sua ira e il fuoco li divorerà. I loro frutti [figli] li distruggerai dalla terra e il loro seme tra i figlioli degli uomini. Intendevano il male contro di te: immaginavano un dispositivo malizioso, che non sono in grado di eseguire. Perciò farai voltare loro le spalle [fuggirai], quando preparerai le tue frecce sulle corde contro il faccia di loro “. (21: 9-12)

“Sarà felice che colpirà e scaglierà i tuoi piccoli contro le pietre.” (137: 9)

Questi sono semplici esempi di abominazioni nella Bibbia.

C’è un numero così elevato di passaggi di questo tipo che si potrebbe scrivere un libro su questo da solo. L’erudito studioso tedesco Karlheinz Deschner ne scrisse nella sua Kriminalgeschichte des Christentums Band 1 (“Criminal History of Christianity” Vol. 1).

Un libro particolarmente degno di nota è Geova smascherato! di Nathaniel Merritt.

Merritt scrive:

“Gli esseri umani sono vittime di una razza di elohim / Arconti, o” dei “che hanno modellato questo universo materiale e il genere umano, a partire da una materia preesistente contaminata da morti.” All’inizio gli dei hanno creato i cieli e la terra “(Genesi 1: 1) e gli umani rimangono in loro possesso fino ad oggi.

Per mantenere il controllo sugli umani e per assicurarsi che la Terra continui come nostra prigione, gli elohim hanno reso questa Terra una fonte continua di continui litigi tra il genere umano.

Hanno creato e incoraggiato delusioni religiose e spirituali per tenerci accecati dalla realtà e combattere e combattere l’uno con l’altro, e hanno trasformato la Terra in un luogo di inarrestabili sofferenze e lotte fisiche e mentali.

Questo triste stato di cose è esistito fin dall’inizio, perso nelle nebbie della preistoria”.

Non è ovvio che Yahweh, che ha governato il popolo in quella terra e oggi vuole dominare il mondo intero – anche attraverso le Chiese che lo hanno adottato come il loro “dio” – in questo modo si squalifica?

Quando dice “Non avrai altri dei davanti a me” (Eso 20: 3), significa che non ci sono altri dei o è una clausola di non concorrenza:

Ci sono altri dei, ma sarò il tuo unico dio e non avrai nulla a che fare con gli altri?

La terra Canaan era una parte essenziale della “Terra Promessa” ed era popolata da persone, che da fonti mesopotamiche conoscevano importanti verità.

Ciò è stato chiarito dalla ricerca sulla storia delle religioni e dai risultati degli scavi che hanno scoperto molte iscrizioni.

Sebbene Enlil / Yahweh fosse collegato a queste fonti, voleva che questa verità rimanesse segreta in modo da potersi porre come un “dio primordiale”.

Questo potrebbe essere un motivo per cui gli ebrei nel suo servizio dovrebbero eliminare le persone nella terra in cui erano stati condotti.

In effetti, gli ebrei erano stati condotti molto tempo prima nella terra di Canaan dalla città di Ur in Sumer / Caldea (Gen 11: 28-31, cfr Gen 15, 7), dove ovviamente avrebbero conservato la conoscenza mesopotamica.

Molti di loro furono in seguito condotti in Egitto a causa di una carestia (Gen 12:10).

Lì furono trattati come persone di seconda classe e Yahweh usò la loro miseria per riportarli molto più tardi a Canaan per “salvarli”, anche se lì uccisero i discendenti dei loro stessi antenati che erano i loro parenti.

Ha messo in scena tutto in modo che in questo modo potesse sradicare la conoscenza antica come un “lavaggio del cervello di massa”?

Una specie di pulizia etnica?

Per quanto riguarda Gesù, il Signore lo fece uccidere perché insegnava cose che gli umani non dovevano sapere.

In The Gospel of Truth (un testo gnostico), dove Yahweh è chiamato errore (poiché la sua “nascita” come “Yaldabaoth” è stata considerata un errore), è scritto:

“Questo è il vangelo di colui che cercano, che ha rivelato al perfetto attraverso le misericordie del Padre come mistero nascosto, Gesù Cristo.

Attraverso di lui ha illuminato coloro che erano nelle tenebre a causa dell’oblio. Li ha illuminati e ha dato loro un percorso. E quella strada è la verità che ha insegnato loro.

Per questo motivo l’errore era arrabbiato con lui, quindi lo perseguitava. Era angosciato da lui, quindi lo rendeva impotente. Fu inchiodato su una croce”.

Il vampiro Yahweh è un drogato di sangue

L’Antico Testamento è pieno di storie orribili di omicidi di massa e spargimenti di sangue.

Cf. siti web come “Crudeltà e violenza nella Bibbia” e “Prova che Yahweh è Satana“. Come può essere un tale tossicodipendente? Diamo un’occhiata al flusso di energia vitale nella creazione!

E ‘ovvio che,

  1. la luce è vita e la vita è luce tutte le forme di vita hanno bisogno di nutrirsi di luce per esistere e persistere
  2. La luce vivificante è la luce del vero creatore e persino Yahweh dipende da quello per la sua esistenza.

Eppure vuole la completa separazione da quella luce e ha provato invano con una specie di luce luciferiana di dimensione inferiore.

Pertanto, si nutre di noi e di altre forme di vita biologiche nella creazione attraverso il sangue. Invisibile per noi, la luce della vita scorre nel nostro sangue ed è per questo che la Bibbia prescrive effettivamente la shechita (anche se senza istruzioni).

Quando si macella un animale, bisogna tagliargli la gola e far uscire il sangue. Il sangue è per gli dei e la carne per gli umani.

Nel Gilgamesh-Epos c’è una scena che dice più delle semplici parole:

“Gli dei hanno annusato il sapore, gli dei hanno annusato il sapore dolce e si sono raccolti come mosche per un sacrificio.”

Entità come Yahweh e i suoi arconti si nutrono dell’energia (per noi) invisibile della vita nel sangue.

La fonte di questa luce vivificante è il sole (cfr. Un globo nell’Universo potrebbe davvero essere un buco?).

Le piante si nutrono della luce solare e la combinano con l’anidride carbonica e le sostanze della terra in cui crescono. Gli esseri umani e gli animali si nutrono delle piante e dei loro frutti ed è così che ottengono energia vitale. Molti umani si nutrono di animali che si sono nutriti di piante e più indirettamente ricevono energia vitale.

Alcune entità non 3D si nutrono di umani … eppure Yahweh vuole spezzare quest’ultima catena nutrizionale e diventare completamente indipendente dal suo creatore. Cosa succederà allora?

Relativamente a una visione di John C. Lilly (nel suo libro The Scientist – 1997, pp 147-150), l’obiettivo di Yahweh sarà ora l’intelligenza artificiale e la robotica.

Ha ancora bisogno di noi per sviluppare l’intelligenza artificiale e i sistemi robotici fino a quando questi sistemi non diventeranno indipendenti e attraverseranno una rete computerizzata in tutta la Terra in cui potrà, infine, incarnarsi (o “inmachinare”).

Quindi non avrà più bisogno della vita biologica ed eliminarla in tutte le forme, ringraziando così l’umanità per il suo “servizio”.

La Terra sarà quindi un pianeta morto, ma simulerà tecnologicamente la “vita”, mantenendo funzionalmente dai reattori nucleari e simili, riparando, ricostruendo e sviluppando il proprio sistema e sottosistemi.

Eppure, dopo migliaia o forse un milione di anni, si renderà conto che anche questo ha una fine poiché tali fonti di energia si esauriscono inevitabilmente … Nessun sistema di questo tipo può durare per sempre!

Crudeltà umane

Secondo le cattive crudeltà psicopatiche di Yahweh, gli umani in misura orribile vengono ispirati a fare anche peggio.

L’olocausto del 20 ° secolo non è che un esempio e l’Olocausto cananeo di cui sopra è un altro. Si riflette nel satanismo di oggi che si sta diffondendo come psicopatologia sociale, senza dubbio ispirato da entità arcontiche e simili.

Ci sono quelli che appartengono a un ordine satanico e praticano rituali orribili che non comportano raramente l’uccisione per il sacrificio. I rituali più disgustosi includono l’abuso sessuale di un bambino che alla fine viene ucciso e persino consumato!

Qual è lo scopo di tale consumo cannibalistico?

Una scoperta piuttosto recente è quella dell’adrenocromo, un ormone considerato un siero segreto dell’immortalità (che presumo non sia realmente, ma sembra aumentare notevolmente il potere e la mente, e certamente l’egoismo in un estremo “alto”).

È derivato dall’adrenalina e prodotto nel corpo in condizioni estreme di paura, orrore e dolore, e questo è lo scopo di trattare la vittima di conseguenza.

Quindi quell’ormone può essere consumato …

Ci sono casi storici che sono persino incomparabili all’olocausto ma noti a pochi che nel loro orrore sono peggiori di quanto si possa immaginare e derivano dalle menti più malate, come il genocidio dell’olodomoro che ha avuto luogo nell’Unione Sovietica.

Ulteriori orrori estremi sono descritti in ” La BIGGEST Thruth Bomb MAI!”

Questa è una delle cose più disgustose che abbia mai visto !!! Solo per nervi stabili … MA È OVVIAMENTE UNA REALTÀ DELL’ULTIMO MALE !!!

Può essere collegato a nient’altro che SATANA?

Se questo è reale e sembra davvero più reale di quanto desideriamo, quale sarebbe la tua posizione in merito?

Chiudi un occhio e metti la testa nella sabbia?

Ciò aiuterebbe chiunque tranne la tua egoistica negazione di ciò che gli altri potrebbero soffrire?

Ti sentiresti meglio anche se ci potrebbero essere persone che attraversano il peggio degli orrori?

O reagiresti in qualche modo e vorresti fare qualcosa al riguardo, se puoi?

Come abbiamo visto, il male può essere ricondotto all’inizio della creazione, dove ad un certo punto qualcosa è andato storto e ha iniziato a svilupparsi una serie di eventi che non avrebbero mai dovuto essere e che tuttavia sembrano persistere a pesanti spese dell’umanità, in modo che davvero nessuno è completamente libero da sensi di colpa, anche se toccato da lontano!

Non è quindi nostro dovere guardare in faccia i fatti con l’intenzione di trovare qualcosa da fare al riguardo? E cosa possiamo fare?

Dobbiamo prendere una posizione contro il satanismo e se davvero Yahweh è Satana (o associato a lui), anche contro di lui. Qual è allora l’alternativa? CRISTO! Ce n’è un altro?

Ma non il falso Cristo della Chiesa (con il suo falso Gesù), ma il vero Cristo che mandò Gesù come messaggero che fu ucciso da Yahweh, in modo che Yahweh potesse sostituire il vero cristianesimo con uno falso.

E dove troviamo il vero Cristo? In noi stessi, ma anche nel cosiddetto cristianesimo gnostico che ha le sue radici nel cerchio interno attorno a Gesù.

La conoscenza di questo era miracolosamente nascosta per essere trovata nel nostro tempo (a Nag Hammadi). È di nuovo disponibile, oggi. Sembra che per volontà divina questa conoscenza sia stata segretamente “incanalata” attraverso momenti difficili in cui altrimenti si sarebbe persa, cosicché l’umanità ora la avrà di nuovo in un prossimo tempo della fine.

L’ateismo sarebbe quindi un’alternativa?

In questo concetto c’è tanto spazio per il male che per il bene. Cristo è stato creato buono (in un certo senso come l’amore del creatore). Pertanto non sembra un’alternativa adeguata.

O una religione politeista come l’induismo o il nordico Ásatrú? Questi sembrano relativamente pacifici.

O l’Islam? Non c’è tanta violenza lì come nello yahwismo?

Ho appena ricevuto un libro straordinario che vorrei menzionare per gli interessati: Yahweh The Two-Faced God di Joseph P. Farrell e Scott D. deHart, Prometheus Press 2011.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Lilith, L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri

 

La terribile e sensuale Lilith: madre dei demoni e dea delle tenebre

In alcuni testi è descritto come un demone, in altri è un’icona di cui è stata una delle Dee più scure del paganesimo. Lilith è uno dei più antichi spiriti femminili conosciuti al mondo. Le sue radici si trovano nel famoso poema epico di Gilgamesh, ma si parla anche nella Bibbia e nel Talmud.

Nella tradizione ebraica, è considerato uno dei peggiori demoni, anche se in altre fonti appare come la prima donna creata sulla terra. Secondo alcune leggende, Dio a forma di Lilith come la prima donna. Lo fece nello stesso modo in cui creò Adamo, con l’unica differenza che invece di usare come materia prima solo terra pulita usava anche spazzatura e sporcizia. Tradizionalmente è stato considerato che Lilith significa “la notte”, ed è legato a attributi legati agli aspetti spirituali della sensualità e della libertà, ma anche con il terrore.

Antico demone Sumerico

Il nome di Lilith deriva dalla parola sumeriana “Lilitu”, che significa spirito del vento o demone femminile. Lilith è menzionato nella tavoletta XII dell’epica di Gilgamesh, un famoso poema epico dell’antica Mesopotamia risalente a un tempo intorno al 2100 A.C. Questa stecca è stata aggiunta al testo originale molto più tardi, verso 600 A.C., nelle sue traduzioni dopo l’assiro e l’Akkadian. Lilith è anche rappresentata dai rami di un albero in una storia di magia. È descritto insieme ad altri demoni, anche se i ricercatori non hanno ancora accettato di questo giorno se fosse un demone femmina o una dea delle tenebre. Allo stesso tempo, appare anche negli antichi testi ebraici, quindi è difficile scoprire chi l’ha menzionato per la prima volta. Tuttavia, sembra chiaro che fin dall’inizio della sua presenza nelle fonti scritte è legato alla stregoneria sumeriana.

Sollievo Burney, Babilonia (1800 A. C. – 1750 a.c.). Alcuni esperti, come Emil Kraeling, hanno identificato la figura femminile del sollievo come Lilith, basata su una errata interpretazione di una traduzione obsoleta del poema di Gilgamesh. (CC BY-SA 3,0)

Nel Talmud babilonese, Lilith è descritto come uno spirito oscuro con una sessualità pericolosa e incontrollabile. Si è contata su di lei che si fertilizza con lo sperma maschile che non fertilizza nessuna donna, generando così demoni. Così, è considerata la madre di migliaia di demoni.

 

Pagina di un manoscritto medievale del Talmud di Gerusalemme, dal Genizá del Cairo. (Pubblico dominio)

Lilith era conosciuto anche nelle culture ittite, egiziane, greche, ebraiche e romane. In tempi successivi, la sua leggenda arrivò anche a nord d’ Europa. Rappresentava il caos e la sessualità, e si diceva di lei che aveva il potere di scrivere gli uomini. Il suo mito è anche legato alle più antiche storie di vampiri.

Moglie del biblico Adamo

Lilith compare nella Bibbia, nel libro di Isaia 34,14, che descrive la desolazione dell’Eden. Fin dall’inizio è stato considerato uno spirito diabolico, impuro e pericoloso. Genesis Rabbah la descrive come la prima moglie di Adamo. Secondo questo testo, Dio creò Lilith e Adamo allo stesso tempo. Lilith era molto forte, una donna indipendente, e voleva relazionarsi con Adamo allo stesso modo. Non avrebbe accettato di essere inferiore a lui, e si rifiutò di mentire sotto di lui per copulare. La coppia ovviamente non ha funzionato, e non hanno mai avuto modo di essere felice. Come scrisse Robert Graves e Raphael Patai nel suo libro “i miti ebraici”:

Adamo si lamentò con Dio:’ il mio compagno mi ha abbandonato ‘. Immediatamente, Dio mandò Angeli seno, Sansenoy e Semangelof per riportare Lilith. L’hanno trovata dal mar rosso, una regione dove abbondano i demoni più lasciti, dai quali ha generato più di 100’ Lilim ‘ al giorno. ‘ Ritorna ad Adamo senza indugio,’ disse gli angeli,’ o noi vi annegherà!’ Lilith chiese loro,’ come potevo tornare ad Adamo e vivere come una casalinga onesta dopo aver trascorso tutto questo tempo dal mar rosso?’ ‘ Se si rifiuta, morirai!’, hanno risposto. ‘ Come potevo morire,’ chiese Lilith di nuovo,’ se Dio mi ha comandato di prendermi cura di tutti i bambini appena nati, e di tutti i maschi fino al loro ottavo giorno di vita, quello della loro circoncisione, e di tutte le ragazze fino al loro ventesimo giorno? Tuttavia, ogni volta che vedi i tuoi tre nomi o i loro equivalenti scritti in un amuleto su un bambino appena nato, prometto di risparmiarti la vita. ” Gli angeli furono concordati; Ma Dio punì Lilith facendo un centinaio dei suoi figli demoniaci periscono ogni giorno; E quando Lilith non riusciva a porre fine alla vita di un bambino umano a causa dell’amuleto Angelico, divenne pieno di odio contro i suoi figli.

A causa delle incomprensioni e delle disaccordi provocate da Lilith, Dio decide di creare una seconda moglie per Adamo: Eva

Lilith, la prima moglie di Adamo secondo la Genesi Rabbah. (Pubblico dominio)

Un’icona per i pagani e le femministe

Oggi, Lilith è diventato un simbolo di libertà per molti gruppi femministi. Grazie al crescente livello di istruzione della popolazione, le donne hanno capito che potevano essere indipendenti, così cominciarono a cercare simboli di potenza femminile. Lilith è stato anche adorato come una dea da alcuni seguaci della religione pagana Wiccan , creato negli anni 50.

L’appello del personaggio di Lilith è stato percepito da alcuni artisti, che l’hanno adottata come sua musa. Lilith cominciò ad essere un motivo popolare nell’arte e nella letteratura in epoca rinascimentale, quando Michelangelo la ritrasse come una creatura mezza donna e mezzo serpente. Il brillante artista italiano lo dipinse attorno all’albero della conoscenza, aumentando così l’importanza della sua leggenda. Con il passare del tempo, Lilith divenne ancora più interessante per l’immaginazione di artisti maschi come Dante Gabriel Rosetti, che la ritrasse come la più bella creatura femminile del mondo. Da parte sua, l’autore di “le cronache di Narnia”, C. S. Lewis, è stato ispirato dalla leggenda di Lilith per il suo personaggio della strega bianca. Una donna bellissima, ma anche pericolosa e crudele. Lewis disse della strega bianca che era la figlia di Lilith, ed era determinata a porre fine al lignaggio di Adamo ed Eva.

Lilith (1892), John Collier Oil esposto alla Atkinson Art Gallery, Street (Inghilterra).

( Pubblico dominio )

La mente di James Joyce, tuttavia, evocò un’immagine meno romantica di Lilith, che chiamò il ‘ Santo patrono degli aborti ‘. Joyce introdusse Lilith nella filosofia femminista, e iniziò il processo della sua adozione come dea delle donne indipendenti del ventesimo secolo. Mentre le donne stavano ricevendo più diritti, cominciarono a mostrare il loro disaccordo con una visione del mondo incentrata su una prospettiva maschile, compreso il racconto biblico della creazione dell’uomo. Il nome di Lilith compare in un programma di alfabetizzazione nazionale in Israele, ed è anche il titolo di una rivista femminile ebraica. L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri è uno dei temi più popolari della letteratura femminista in relazione alla mitologia antica. I ricercatori stanno ancora discutendo se è stato realmente creato come un demone o se si tratta di un improbabile avvertimento di ciò che può accadere se alle donne viene dato maggiore potere.

Immagine di copertina: Lilith, un angelo satanico-looking. ( CC BY-NC 2,0 )

Autore: Natalia Klimczak

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

Articolo correlato: Fantasmi Mesopotamici

®wld

una questione di luce

Affascinante intervista del 1899, con Nikola Tesla  che  rivela la sua personalità straordinaria.

Nikola Tesla è senza dubbio uno degli inventori più importanti che abbia vissuto sulla Terra. Stranamente, anche se lui è uno degli inventori più importanti e scienziati nella storia della civiltà, è anche il più assente dai libri di storia.

Le interviste con Tesla sono estremamente rare, ma quelli che sono disponibili offrono grande intuizione della mente di uno scienziato brillante i cui obiettivi sono stati quelli di portare alla gente della Terra un potere illimitato e gratis.

Quindi, diamo uno sguardo a questa intervista del 1899 quando Tesla è stato intervistato dal giornalista John Smith e di quello che Tesla ha detto: Tutto è Luce. In uno di questi raggi di luce c’è il destino delle nazioni, ogni nazione ha il suo raggio in quella grande fonte di luce, che noi vediamo come il Sole E va ricordato: l’uomo che esisteva in passato non è morto.


GIORNALISTA: Mr. Tesla, ti sei guadagnato la gloria di colui che è stato coinvolto nei processi cosmici. Chi sei tu, signor Tesla?
TESLA: E’ una domanda giusta, il signor Smith, e aa questa domanda cercherò di darvi la risposta giusta.GIORNALISTA: Alcuni dicono che sei del paese della Croazia, dalla zona chiamata Lika, dove insieme con le persone stanno crescendo alberi, rocce e cielo stellato. Si dice che il villaggio natale prende il nome dai fiori di montagna e che la casa, in cui sei nato, si trova accanto alla foresta e alla chiesa.
TESLA: In realtà, è tutto vero. Sono orgoglioso della mia origine serba e della mia patria croata.

GIORNALISTA:
i futuristi dicono che il XXI (ventunesimo) secolo è nato nella testa di Nikola Tesla. Vengono cantati inni nel celebrare il campo magnetico e il motore a induzione. Il loro creatore è stato chiamato il cacciatore che ha catturato la luce nella sua rete dalle profondità della terra, e il guerriero che ha catturato il fuoco dal cielo. Padre della corrente alternata e che farà della Fisica e Chimica il dominio di mezzo mondo. L’industria lo proclamerà come il loro supremo santo, uno dei più grandi benefattori. Nel laboratorio di Nikola Tesla per la prima volta l’atomo viene rotto. Viene creata un’arma che da le vibrazioni di un terremoto. Sono stati scoperti i raggi cosmici neri. Si pregherà per lui nel tempio del futuro perché avrà insegnato un grande segreto, avviando così le teorie di Empedocle sulle forze della vita nell’etere.
TESLA: Sì, queste sono alcune delle mie scoperte più importanti. Sono un uomo sconfitto. Non sono riuscito a portare a termine la cosa più grande a cui tenevo e potevo fare.GIORNALISTA: Qual’è, signor Tesla questa cosa?
TESLA: Volevo illuminare tutta la terra. C’è abbastanza energia elettrica per per alimentare un secondo sole. La Luce potrebbe girare attorno all’equatore della Terra, come un anello gira intorno a Saturno.
L’umanità non è pronta per le cose grandi e buone. In Colorado Springs ho cosparso la terra di energia elettrica. Inoltre, siamo in grado di irradiare le altre energie, come l’energia mentale positiva. Esse sono nella musica di Bach o Mozart, o nei versi di grandi poeti. Nell’interno della Terra, ci sono immense energie di gioia, pace e amore. Le loro espressioni sono un fiore che cresce dalla terra, il cibo lo si ottiene fuori da lei, questo e tutto ciò che rende la patria dell’uomo. Ho passato anni a cercare il modo in cui questa energia avrebbe potuto influenzare le persone. La bellezza e il profumo delle rose possono essere usate come una medicina e i raggi del sole come cibo. La vita ha un numero infinito di forme, e il dovere degli scienziati è quello di trovare in loro in ogni forma di materia. Tre cose sono essenziali in questo. Tutto ciò che faccio è una ricerca per loro. So che non li troverò, ma non voglio rinunciare a loro.

GIORNALISTA: Quali sono queste cose?
TESLA: Un problema è il cibo. Quale energia stellare o terrestre potrebbe nutrire gli affamati sulla Terra? Con quale vino annacquato potrebbe dissetare  in modo che possa rallegrare il loro cuore e capire che sono dèi? Un’altra cosa è quello di distruggere il potere del male e della sofferenza in cui la vita dell’uomo è costretta a passare! A volte si verificano come un’epidemia nelle profondità dello spazio. In questo secolo, la malattia della Terra si è diffusa dalla Terra all’Universo. La terza cosa è: Ci potrebbe essere un eccesso all’Universo? Ho scoperto che una stella e tutte le leggi astronomiche e matematiche potrebbero scomparire, e che nulla sembra essere stato modificato. Questa stella è in questa galassia. La densità della sua luce potrebbe essere raccolta e inserita in una sfera più piccola di una mela, la sua densità è più pesante del nostro Sistema Solare. Religioni e filosofie insegnano che l’uomo può diventare il Cristo, Buddha e Zoroastro. Quello che sto cercando di dimostrare è più selvaggio, e quasi irraggiungibile. Questa cosa ha a che fare con l’Universo, così ogni essere potrebbe nascere come Cristo, Buddha o Zoroastro.
So che la gravità è incline a tutto ciò che è necessario per volare, e la mia intenzione non è quella di rendere i dispositivi (aerei o missili) in grado di volare, ma insegnare individuo a riprendere coscienza sulle proprie ali … Ulteriori; Sto cercando di risvegliare l’energia contenuta nell’aria. Ci sono le principali fonti di energia. Ciò che viene considerato come lo spazio vuoto è solo una manifestazione della materia che non si è risvegliata? Nessuno spazio su questo pianeta, né l’Universo. In buchi neri, quello che gli astronomi parlano, sono le più potenti fonti di energia e di vita.

GIORNALISTA: Nella finestra della vostra camera a Hotel “Valdorf-Astoria”, al trentatreesimo piano, ogni mattina, gli uccelli arrivano sul davanzale.
TESLA: Un uomo deve essere sentimentale verso gli uccelli. Questo è a causa della loro ali. Gli umani  una volta le avevano, reali e visibili!

GIORNALISTA: Non hai smesso di volare da quei giorni lontani in Smiljan!
TESLA: Volevo volare dal tetto e sono caduto: i calcoli fatti dai bambini potrebbero essere sbagliati. Ricordate, le ali giovanili avere tutto dalla vita!

GIORNALISTA: Si è mai sposato? Non siamo a conoscenza di fatti affettivi amorosi o per una donna. Le foto da giovane mostrano che eri bell’uomo.
TESLA: Ci sono due punti di vista: molto affetto o per niente. Il centro di tutto questo serve per ringiovanire il genere umano. Le donne per certe persone nutre e rafforzare la propria vitalità e lo spirito. Essere single per altre persone è la stessa cosa. Ho scelto questa seconda strada.

GIORNALISTA: I tuoi ammiratori si lamentano che attacchi la relatività. Lo strano è la vostra affermazione che la materia non ha energia. Il tutto è intriso di energia, dove si trova?
TESLA: In primo luogo è che si parla di energia, allora importa.

GIORNALISTA: Mr. Tesla, è come quando hai detto che non sei nato da tuo padre, ma dalla materia.
TESLA: Esattamente! Che dire della nascita dell’Universo? La materia è creata dall’energia originaria ed eterna che noi conosciamo come Luce. E splendeva, e sono apparse le stelle, i pianeti, l’uomo, e tutto ciò che c’è sulla Terra e nell’Universo. La materia è espressione di infinite forme di luce, perché l’energia è più vecchio di essa. Ci sono quattro leggi della Creazione. La prima è che la fonte più sconcertante, la trama oscura che la mente non può concepire, o misura matematica. In quella trama è sorto l’intero Universo. La seconda legge si sta diffondendo nel buio, che è la vera natura della luce, che inspiegabilmente si è trasformata in Luce. La terza legge è la necessità della luce per diventare una questione di luce. La quarta legge è: senza inizio e senza fine; le tre leggi precedenti avvengono sempre e la creazione è eterna.

GIORNALISTA: Nella ostilità sulla teoria della relatività per andare così lontano, si tengono lezioni contro il suo Creatore a portata di feste di compleanno ..
TESLA: Ricordate, non è lo spazio che è curvo, ma la mente umana, che non può comprendere l’infinito e l’eternità! Se la relatività è stato ben compresa dal suo Creatore, avrebbe guadagnato l’immortalità, anche fisicamente, se ne fosse stato contento. Io sono parte della luce, che è musica. La luce riempie i miei sei sensi: lo vedo, ascolto, sento, odoro, tocco e penso. Il pensiero è il mio sesto senso. Le particelle di luce sono note scritte. Un fulmine potrebbe essere un’intera sonata. Un migliaio di palle di alleggerimento sono un concerto … Per questo concerto ho creato un Fulmine Globulare, che può essere ascoltato sulle cime ghiacciate dell’Himalaya. A proposito di Pitagora e la matematica uno scienziato non può e non deve violare questi due elementi. I numeri e le equazioni sono segni che segnano la musica delle sfere. Se Einstein avesse sentito questi suoni, non avrebbe creato le teorie della relatività. Questi suoni sono i messaggi dati alla mente che la vita ha un senso, che l’universo esiste in perfetta armonia, e la sua bellezza è la causa e l’effetto della Creazione. Questa musica è l’eterno ciclo di cieli stellari. La più piccola stella che ha completato la composizione e anch’essa parte della sinfonia celeste. I battiti del cuore dell’uomo sono parte della sinfonia sulla Terra. Newton ha imparato che il segreto è nella disposizione geometrica e il movimento dei corpi celesti. Ha riconosciuto che la legge suprema di armonia esiste nell’universo. Lo spazio curvo è il caos, il caos non è musica. Einstein è il messaggero del tempo del rumore e del furore.

GIORNALISTA:
Mr. Tesla, lei hai capito che cosa è la musica?
TESLA: L’ho sentita da sempre. Il mio orecchio spirituale è grande come il cielo che vediamo sopra di noi. Il mio orecchio naturale è come un radar. Secondo la Teoria della Relatività, due linee parallele si incontreranno all’infinito. Con che cosa Einstein vuole raddrizzare le curve. Il suono, una volta creato dura per sempre. Per un uomo che può scomparire, ma continua ad esistere nel silenzio è il più grande potere dell’uomo. No, non ho nulla contro il signor Einstein. Lui è una persona gentile e ha fatto molte cose buone, alcuni delle quali entreranno a far parte della musica. Scriverò a lui e cercherò di spiegargli che esiste l’etere, e che le sue particelle sono ciò che mantengono l’universo in armonia, e la vita nell’eternità.

GIORNALISTA: Mi dica, per favore, in quali condizioni un Angelo potrà adottare la Terra?
TESLA: Ne ho dieci di loro, per mantenere la vigilanza.

GIORNALISTA: Caro Signor Tesla, io documentare tutte le tue parole,
TESLA: Il primo requisito è un’elevata consapevolezza della sua missione e del lavoro da fare. Essa deve, se solo vagamente, esistono nei primi giorni. Cerchiamo di non essere falsamente modesti; La Quercia sa che è una quercia, un cespuglio accanto a lei sa di essere un cespuglio. Quando avevo dodici anni, ero sicuro che sarei andato alle Cascate del Niagara. Per la maggior parte delle mie scoperte che ho conosciuto nella mia infanzia mi hanno permesso di conseguire i risultati, anche se non del tutto evidente … La seconda condizione di adattamento è la determinazione. Tutto quello che ho potuto finire, l’ho finito.

GIORNALISTA
: Qual è la terza condizione della regola, signor Tesla?
TESLA: Linee guida per tutte le energie vitali e spirituali nel lavoro. Pertanto, la purificazione dei tanti effetti che l’uomo ha bisogno. Pertanto, non ho perso nulla, ma ho sempre guadagnato.
Così ho goduto ogni giorno e notte. Scrivevo: Nikola Tesla era un uomo felice …
Il quarto requisito è regolarne il fisico con un lavoro.

GIORNALISTA: Che cosa vuoi dire, signor Tesla?
TESLA: In primo luogo, il mantenimento del gruppo corporeo. Il corpo dell’uomo è una macchina perfetta. So che la mia circolazione e tutto ciò che è bene per il mio corpo. Il cibo ciò che quasi tutte le persone mangiano, per me è dannoso e pericoloso. A volte mi visualizzo che gli chef del mondo sono tutti in congiura contro di me …

GIORNALISTA:
E’ stato freddo.
TESLA: Sì. Flusso il sanguigno può essere controllato, e molti processi dentro e intorno a noi. Perché Giovane sei così spaventato?

GIORNALISTA: E’ una storia che Mark Twain ha scritto un misterioso straniero, quel meraviglioso libro di Satana, ispirato da voi.
TESLA: La parola “Lucifer” è più affascinante. Mr. Twain piace scherzare. Quando ero un bambino, sono guarito, una volta letto i suoi libri. Quando ci siamo incontrati qui e gli raccontai, era così commosso che si mise ad urlare di gioia. Siamo diventati amici, e lui veniva spesso al mio laboratorio. Una volta mi ha chiesto di mostrargli una macchina che tramite la vibrazione provocava una sensazione di beatitudine. Era una di quelle invenzioni per l’intrattenimento, quello che a volte ci piace fare. Ho avvertito il signor Twain, di non rimanere a lungo sotto quelle vibrazioni. Lui non ha ascoltato ed è rimasto più a lungo. Si è conclusa con una corsa lanciandosi in una certa stanza, tenendosi i pantaloni in mano. E’ stato diabolicamente divertente, ma ho mantenuto la mia serietà.
Ma, per regolare la circolazione fisica, oltre al cibo, il sogno è molto importante. Da un lungo e faticoso lavoro, che ha richiesto uno sforzo sovrumano, dopo un’ora di sonno, mi sono pienamente recuperato. Ho guadagnato la capacità di gestire il sonno, di addormentarmi e svegliarsi nel tempo che ho designato. Se faccio qualcosa di quello che non capisco, mi sforzo di pensare a questo proposito nel mio sogno, e quindi trovare una soluzione.
TESLA: La quinta condizione di adattamento è la memoria. Forse nei maggior parte delle persone, il cervello è custode della conoscenza del mondo e le conoscenze acquisite attraverso la vita. Il mio cervello è impegnato in cose più importanti che il ricordare; seleziono ciò che è necessario in un dato momento. Questo è tutto intorno a noi. Dovrebbe essere solo consumato. Tutto ciò che una volta si è visto, ascoltato, letto e imparato, ci accompagna in forma di particelle di luce. Per me, queste particelle sono obbedienti e fedeli. Il Faust di Goethe, il mio libro preferito, l’ho imparato a memoria in tedesco come studente, e ora lo posso recitare tutto. Ho tenuto le mie invenzioni per anni ‘nella mia testa “, e solo allora le ho capite.

GIORNALISTA: Lei spesso ha citato il potere della visualizzazione.
TESLA: avrei potuto creare grazie alla visualizzazione per tutto quello che ho inventato. Gli eventi della mia vita e delle mie invenzioni sono reali davanti ai miei occhi, visibile come ogni ricorrenza o voce. Nella mia giovinezza, ho avuto paura di non sapere di cosa si trattasse, ma in seguito, ho imparato a usare questo potere come un talento eccezionale e un dono. L’ho nutrito e gelosamente custodito. Ho fatto anche delle correzioni sulle visualizzazioni nella maggior parte delle mie invenzioni e li finirle in questo modo, con la visualizzazione posso risolvere mentalmente complesse equazioni matematiche. Per quel dono che ho, riceverò un alto rango dal Lama in Tibet.
La mia vista e l’udito sono perfetti e, oserei dire, più forte rispetto alle altre persone. Ho sentito il rombo a un centinaio di 50 miglia di distanza, e vedo i colori nel cielo che gli altri non possono vedere. Questo allargamento della visione e dell’udito, l’ho avuto da quando ero un bambino. Più tardi l’ho consapevolmente sviluppato.

GIORNALISTA: In gioventù, è stato più volte seriamente malato. e una malattia è un requisito per adattarsi?
TESLA: Sì. Spesso è il risultato di un esaurimento o una mancanza di forza vitale, ma spesso bisogna purificarsi dalle tossine del corpo e della mente che si sono accumulate. Questo porta l’uomo di volta in volta a soffrire. La fonte della maggior parte delle malattie è nello spirito. Pertanto, lo spirito può curare la maggior parte delle malattie. Come studente mi sono ammalato di colera che imperversava nella regione della Lika. Ero guarito perché mio padre finalmente mi ha permesso di studiare la tecnologia, che è stata la mia vita. l’illusione per me non era una malattia, ma la capacità della mente di penetrare oltre le tre dimensioni della terra. Li avevo tutta la mia vita, e li ho ricevuto come tutti gli altri fenomeni che ci circondano. Una volta, durante l’infanzia, stavo camminando lungo il fiume con lo zio e ha detto: “appariranno nell’acqua le trote, e buttando un sasso e si è tagliato.” Questo è quello che è successo. Spaventato e stupito, lo zio gridò: “Bade retro di Satana!” Era un uomo erudito e parlava in latino … ero a Parigi quando ho visto la morte di mia madre. Nel cielo, pieno di luce e musica ho visto galleggiare delle creature meravigliose. Uno di loro aveva i contorni del viso di mia madre, che mi guardava con infinito amore. Come la visione scomparve, sapevo che mia madre era morta.

GIORNALISTA: Qual è il settimo di regolazione, signor Tesla?
TESLA: la conoscenza di come l’energia mentale e vitale si trasformano in ciò che vogliamo, e raggiungere il controllo su tutti i sentimenti. Gli Indù la chiamano Kundalini Yoga. Questa conoscenza può essere appresa, anche se ci vogliono molti anni per acquisirla o viene acquisita per nascita. La maggior parte di loro l’ha acquisita per nascita. Sono legami stretti con una energia sessuale che è quella più diffusa nell’Universo. La donna è il più grande ladro di quell’energia, e quindi il potere spirituale. l’ho sempre saputo e sono stato avvisato. Da me stesso, ho creato quello che volevo: una macchina riflessiva e spirituale.
GIORNALISTA: La nona regolazione, signor Tesla?
TESLA: fare tutto quello che ogni giorno, ogni momento, se possibile, per non dimenticare chi siamo e perché siamo sulla Terra. persone straordinarie che stanno lottando con la malattia, privazioni, o la società che fa male con la sua stupidità, incomprensione, persecuzione e altri problemi di un paese pieno di paludi con insetti, che lasciamo dietro di noi senza riconoscerli fino al termine dei lavori. Ci sono molti angeli caduti sulla Terra.GIORNALISTA: Qual è il decimo adattamento?
TESLA: E’ il più importante. Scrivi che il signor Tesla ha giocato. Ha giocato tutta la sua vita, e gli è piaciuto.

GIORNALISTA: Mr. Tesla! Sia che si riferisce ai suoi risultati e il tuo lavoro? Si tratta di un gioco?
TESLA: Sì, caro ragazzo. Ho tanto amato a giocare con l’elettricità! Ho sempre rabbrividito quando sento parlare di quello che anche la Grecia, che rubò il fuoco. Una terribile storia di accoltellamenti, e aquile che beccano il fegato cibandosene. Ha, forse che Zeus non ha avuto abbastanza lampi e tuoni, ed è stato danneggiato per un fervore? Credo vi sia un malinteso … i fulmini sono i più bei giocattoli che si possono trovare. Non dimenticate che nel testo spiccano: Nikola Tesla fu il primo uomo che ha scoperto il fulmine.

GIORNALISTA: Mr. Tesla, si sta parlando solo di angeli e il loro adattamento alla Terra.
TESLA: Si potrebbe scrivere questo: ha avuto il coraggio di prendere su di sé le prerogative di Indri, Zeus, e Peron. Immaginate uno di questi dei in un abito da sera nero, con la bombetta e indossando guanti di cotone bianchi che prepara fulmini, incendi, terremoti e per l’élite di New York City!

GIORNALISTA: I nostri lettori amano l’umorismo del nostro giornale. Ma si confondono se affermo che le vostre scoperte, hanno immensi benefici per il popolo, rappresentato da un gioco. Molti, su questo avranno un cipiglio.
TESLA: Caro signor Smith, il guaio è che le persone sono troppo oppresse. Se non lo fossero, sarebbero più felici e vivrebbero più a lungo. Un proverbio cinese dice che la gravità dell’oppressione riduce la vita. Visitando la locanda a Tai Pe ho intuito che essa frequenta il Palazzo Imperiale. Ma che i lettori dei giornali non avrebbero visto di buon occhio, torniamo alle cose che considerano importanti.

GIORNALISTA:
Sarebbero felici di ricevere la vostra filosofia.
TESLA: La vita è un ritmo che deve essere compreso. Sento il ritmo che si dirige verso la vita e mi coccolo su di essa. La vita mi è stata molto grato e mi ha dato la conoscenza che ho. Tutto ciò che vive è connesso ad un profondo e meraviglioso rapporto: l’uomo e le stelle, amebe e il sole, il cuore e la circolazione di un numero infinito di mondi. Questi legami sono infrangibili, ma possono essere docili e per propiziare e cominciare a creare nuovi e diversi rapporti in tutto il mondo, senza violare il vecchio. La conoscenza viene dallo spazio; la nostra visione è la sua serie più perfetta. Abbiamo due occhi: il terreno e spirituale. Ci si raccomanda che diventi un solo occhio. L’universo è vivo in tutte le sue manifestazioni, come un animale pensante. Il nocciolo consiste un pensare e di essere senziente, come ad esempio animali e uomini. Una stella che brilla chiede di essere guardata, e se non siamo considerevolmente egocentrici vorremmo comprendere il suo linguaggio e il messaggio. Il suo respiro, i suoi occhi, e le orecchie sono come quelle di un uomo deve  rispettare la respirazione, gli occhi e le orecchie del dell’Universo.

GIORNALISTA: Come dici tu queste parole, mi sembra, come ho sentito nei testi buddisti, o taoisti Parazulzusa.
TESLA: Questo è giusto! Questo significa che non vi è conoscenza generale e verità che l’uomo abbia sempre posseduto. Nella mia sensazione e l’esperienza, l’Universo ha una sola sostanza e una suprema energia con un numero infinito di manifestazioni della vita. La cosa migliore è che la scoperta di una natura segreta, rivela l’altra. Non si può nascondere; ci sono intorno a noi, ma noi siamo ciechi e sordi a loro. Se noi stessi emotivamente abbiamo un legame con loro, loro vengono a noi stessi. Ci sono un sacco di mele, ma Newton ne ha vista solo una cadere davanti a lui.

GIORNALISTA: Una domanda che potrebbe essere messa all’inizio di questa conversazione. Cosa è l’elettricità per voi, Caro Signor Tesla?
TESLA: Tutto è energia elettrica. Prima era la luce, fonte inesauribile da cui è scaturito il materiale che si è sparso in tutte le forme che rappresentano l’Universo e la Terra con tutti i suoi aspetti della vita. Il nero è il vero volto della Luce, solo che questo non lo vediamo. È notevole la grazia per l’uomo e le altre creature. Una delle sue particelle più leggere possiede, la termica, il nucleare, le radiazioni, chimica, meccanica ed una energia non identificata. Questo è il potere che ha la Terra con la sua orbita. Niente di più vero è la leva di Archimede.

GIORNALISTA: Mr. Tesla, sei troppo sbilanciata verso l’elettricità.
TESLA: io sono energia elettrica. O, se lo si desidera, io sono l’energia elettrica in forma umana. Sei energia elettrica; Anche tu Mr. Smith, ma non te ne rendi conto.

GIORNALISTA: E’ in tal modo che la capacità consente di fallire all’energia elettrica di aumentare in numerosi volt grazie al vostro corpo?

TESLA: Immaginate un giardiniere che viene attaccato da erbe. Questo sarebbe davvero folle. il corpo e il cervello dell’uomo sono costituiti da una grande quantità di energia; in me, vi è la maggior parte dell’energia elettrica. L’energia che è diversa in ognuno di noi è ciò che rende l'”io” o l'”anima” umana. Per le altre creature alla loro essenza, “anima” della pianta è l'”anima” di minerali e animali. la funzione del cervello e la morte si manifesta alla luce. I miei occhi in gioventù erano neri, ora sono blu, e col passare del tempo il cervello diventa più forte, sono più vicini al bianco. Il bianco è il colore del cielo. Attraverso la mia finestra una mattina si è posata una colomba bianca, dove le ho dato da mangiare. Voleva esprimere una parola che stava morendo. L’ho compreso dai suoi occhi, i getti di luce che uscivano. Ma penso anche dagli occhi di qualsiasi creatura se non avessi visto così tanta luce, come in quel piccione.

GIORNALISTA: il personale nel laboratorio parla di lampi di luce, fiamme e fulmini che si verificano quando si arrabbia o in genere di rischio.
TESLA: E’ la scarica psichica o un avviso di stare attenti. La luce era sempre dalla mia parte. Sai come ho scoperto il campo di induzione magnetica e motore a rotazione, che mi ha fatto diventato famoso quando avevo ventisei anni? Una sera d’estate a Budapest, ho visto con il mio amico Sigetijem al tramonto. Migliaia di fuochi colorati e fiammeggianti mi giravano intorno. Mi sono ricordato del Faust e ho recitato i suoi versi e poi, come in una nebbia, ho visto girare il campo magnetico, e motore a induzione. Li ho visti al sole!

GIORNALISTA: Il Servizio dell’Hotel dice che, al momento del fulmine lei si isola nella stanza e parlare con se stesso
TESLA: parlo con lampi e tuoni.

GIORNALISTA: con loro? In che lingua, Mr.Tesla?
TESLA: Per lo più la mia lingua madre. Ha le parole e suoni, soprattutto in poesia, ciò che è adatto per questo.

GIORNALISTA: I lettori della nostra rivista sarebbe molto grato se volesse interpretare tale dialogo.
TESLA: Il suono non esiste solo nei tuoni e fulmini, ma, nella trasformazione in luminosità e colore. Un colore può essere ascoltato. Il linguaggio è delle parole, il che significa che è da suoni e colori. Ogni tuono e fulmine sono diversi e hanno i loro nomi. Chiamo alcuni di loro con i nomi di coloro che mi sono stati vicini nella mia vita, o da coloro che ammiro. Nel cielo, la luminosità e il tuono vivono in mia madre, sorella, fratello Daniel, un poeta Jovan Jovanovic Zmaj e altre persone della storia serba. Nomi come AsIsaiah, Ezechiele, Leonardo, Beethoven, Goya, Faraday, Puskin e tutti i fuochi accesi segnano secche e grovigli di fulmini e tuoni, che non si fermano tutta la notte portando alla pioggia preziosa alla Terra e la masterizzazione di alberi o villaggi. Ci sono fulmini e tuoni, e sono più luminosi e più potenti, che non svaniranno. Stanno tornando indietro, e li riconosco tra le migliaia di altri.

GIORNALISTA: Per voi, la scienza o la poesia sono la stessa cosa?
TESLA: questi sono i due occhi di una persona. William Blake ci ha insegnato che l’Universo è nato dalla fantasia, che mantiene e che esisterà fino a quando vi è un ultimo uomo sulla Terra. Con esso era una ruota a cui gli astronomi possono raccogliere le stelle di tutte le galassie. È l’energia creativa identica alla energia luminosa.

GIORNALISTA:
L’immaginazione è più reale per voi che la vita stessa?
TESLA: Si nasce alla vita. L’Ho appreso dalla mia insegnate; Ho imparato a controllare le emozioni, sogni e visioni. Ho sempre amato, come ho nutrito il mio entusiasmo. Tutta la mia lunga vita l’ho passato in estasi. Questa è stata la fonte della mia felicità. Mi ha aiutato in tutti questi anni a sopportare con il lavoro, che è stato sufficiente per cinque vite. La cosa migliore è lavorare di notte, perché con la luce stellare, ho uno stretto legame.

GIORNALISTA: Lei ha detto che io sono, come ogni essere, di Luce. Questo mi lusinga, ma confesso, io non capisco.
TESLA: Perché ha bisogno di capire, signor Smith? Basta credere. Tutto è luce. Nel un suo raggio c’è il destino delle nazioni, ogni nazione ha il suo raggio in quale grande sorgente di luce che vediamo come il sole. E ricordate: nessuno che non è più non è morto. Si sono trasformati in luce, e come tale esiste ancora. Il segreto sta nel fatto che le particelle di luce ristabiliscono il loro stato originale.

GIORNALISTA: Questa è la resurrezione!
TESLA: Io preferisco chiamarla: tornare a un’energia precedente. Cristo e molti altri sapevano il segreto. Sto cercando come preservare l’energia umana. Si tratta di forme di luce, a volte diritte come luce celeste. Non l’ho guardata solo per il mio bene, ma per il bene di tutti. Credo che le mie scoperte rendono la vita delle persone più facile e più sopportabile, e convogliarli alla spiritualità e la moralità.

GIORNALISTA: Pensa che il tempo potrà essere abolito?
TESLA: Non proprio, perché la prima caratteristica dell’energia è che si trasforma. E’ in trasformazione perpetua, come le nuvole dei taoisti. Ma è possibile sfruttare il fatto che l’uomo conserva la coscienza dopo la vita terrena. In ogni angolo dell’universo esiste energia della vita; una di loro è l’immortalità, la cui origine è al di fuori dell’uomo, che lo aspettava. L’universo è spirituale; siamo solo a metà in questo modo. L’Universo è più morale di noi, perché non sappiamo la sua natura e il modo di armonizzare la nostra vita con esso. Io non sono uno scienziato, la scienza è forse il modo più conveniente per trovare la risposta alla domanda che sempre mi perseguitano, e che i miei giorni e le notti trasformato in fuoco.

GIORNALISTA: Qual è il problema?
TESLA: Vedo che i tuoi occhi i si illuminarono! … Quello che devi sapere è: cosa succede a una stella cadente come il sole se si spegne? Le Stelle cadono come polvere o seme in questo o in altri mondi, e il sole è sparso nella nostra mente, nella vita di molti esseri, quello che succederà sarà il rinascere come una nuova luce, o il vento cosmico sparso nell’infinito. Capisco che questo è necessario includerlo nella struttura dell’Universo. Il fatto è, però, che una di queste stelle e uno di questi soli, anche il più piccolo, conserva.

GIORNALISTA: Ma, signor Tesla, ci si rende conto che questo è necessario ed è inclusa nella costituzione del mondo!
TESLA: Quando un uomo diventa confuso; il suo più alto obiettivo deve essere quello di correre per una stella cadente, e cercare di catturarla; deve capire che la sua vita è stata data a lui e a causa di questo sarà salvato. Alla fine bisogna essere in grado di catturare le stelle!

GIORNALISTA: E cosa accadrà allora?
TESLA: Il creatore riderà e dirà: “E’ soltanto caduta nel suo rincorrerla e cercare di afferrarla”

GIORNALISTA: Non è tutto questo in contrasto con il dolore cosmico, che così spesso si parla nei suoi scritti? E che cosa è il dolore cosmico?
TESLA: No, perché siamo sulla Terra … Si tratta di una malattia la cui esistenza la stragrande maggioranza delle persone non sono a conoscenza. Quindi, molte altre malattie, la sofferenza, il male, la miseria, le guerre e tutto il resto ciò che rende la vita umana una condizione assurda e orribile. Questa malattia non può essere completamente guarita, ma la consapevolezza deve rendere meno complicato e pericoloso il percorso. Ogni volta che uno delle persone e cari a me vicine sono rimasti feriti, ho sentito il dolore fisico. Questo perché i nostri corpi sono fatti dello stesso simile materiale, e la nostra anima-correlata con filamenti infrangibili. La tristezza incomprensibile che a volte ci travolge significa che da qualche parte, dall’altra parte del pianeta, un bambino o uomo generoso è morto. Di per sé l’intero universo in certi periodi di malattia è come noi. La scomparsa di una stella e la comparsa di comete ci riguardano più di quanto possiamo immaginare. I rapporti tra le creature sulla Terra sono ancora più forti, a causa dei nostri sentimenti e pensieri il fiore profuma e ancora quando è più bello cadrà in silenzio. Queste sono verità che dobbiamo imparare, al fine di essere guariti. Il rimedio è nei nostri cuori e in modo uniforme, nel cuore degli animali che noi chiamiamo universo.

Intervista a Nikola Tesla nel suo laboratorio a Colorado Springs per la rivista “Immortalità” .
Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

GERUSALEMME CELESTE

NUOVO ORDINE MONDIALE & NUOVO ORDINE CELESTE

Quando Nostradamus evoca <<un altro Regno di Saturno e un Secolo d’oro>>, difficilmente ci si trova difronte a una semplice coincidenza. Il nuovo Ordine Mondiale potrebbe anche cedere il passo al Nuovo Ordine Celeste e, l’Angelica <<Gerusalemme Celeste>>, suggestivamente citata alla fine dell’Apocalisse di San Giovanni, potrebbe allora scendere dal cielo, e anche atterrare sulla Terra. Sì, perché in effetti si tratta a tutti gli effetti di una immane città volante.

 Eccone infatti la testuale e dettagliata immagine:

“L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa. Gerusalemme, che scende dal cielo, da Dio, rispendente della sua gloria. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come una pietra di diaspro cristallino.

E’ cinta da alte e grandi mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.

Le mura della città posano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Angelo (Cristo). Colui che mi parlava aveva come misura una canna d’oro per misurare la città, le sue porte e le sue mura.

La città è a forma di quadrato: la sua lunghezza è uguale alla sua larghezza, la larghezza e l’altezza erano uguali. >Ne misurò anche le mura: sono alte centocinquantaquattro braccia, secondo la misura in uso tra gli uomini operata dall’Angelo.

Le mura sono costruite con diaspro e la città è di oro puro, simile a terso cristallo. I basamenti delle mura della città sono adorni di ogni specie di pietre preziose. Il primo basamento è di diaspro; il secondo di zaffiro; il terzo di calcedonio; il quarto di smeraldo; il quinto di sardonice; il sesto di cornalina; il settimo di crisòlito; l’ottavo di berillo; il nono di topazio: il decimo di crisopazio; l’undicesimo di giacinto; ol dodicesimo di ametista. e le dodici porte sono di dodici perle; ciascuna porta era formata da una sola perla e la piazza della città è di oro puro, come cristallo trasparente.

<<In essa non vidi alcun tempio: / il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Angelo / sono il suo tempio. / La città non ha bisogno della luce del Sole / né della luce della Luna; / la Gloria di Dio la illumina / e la sua lampada è l’Agnello / le nazioni cammineranno alla sua luce, / e i re della Terra a lei porteranno il loro splendore. / Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, / perché non vi sarà più notte. / E porteranno a lei la gloria e l’onore delle nazioni. / Non entrerà in essa nulla d’impuro / nel libro della vita dell’Angelo>> (Ap 21,10-27)

Si tratta solo di una descrizione un po’ cervellotica ma puramente allegorica? Forse. Ma a ben vedere questa volante <<Città di Dio>> di provenienza celeste definita la <<Dimora degli Eletti>> (in quanto questi ultimi – che poi siano i biblici 144 mila espressamente menzionati, o di più o di meno poco importa – portatevi materialmente a bordo per salvarli dalle distruzioni del conflitto finale in corso sulla terra, vi abiteranno fisicamente per mille anni prima di poter poi ridiscendere sul nostro mondo disastrato e ripopolarlo dopo il giudizio finale dei Reprobi e degli Angeli caduti) effettua la sua lenta discesa dal cielo <<con la gloria di Dio>>, ovvero mediante una radiante energia luminosa (divina), ovvero grazie a quella stessa <<gloria>> (energia luminosa) che caratterizza nel linguaggio biblico sia il manifestarsi di Jahvè dal Sinai al tempio di Salomone sia l’aspetto della Shekina (il <<carro>> di Dio) discesa di fronte al profeta Ezechiele.

Ma forse la cosa più interessante è che si tratta a tutti gli effetti di una sorta di <<contenitore abitativi>> (naturalmente <<sacro>> perché vi risiede Cristo fisicamente asceso dal cielo) che presenta dimensioni immani ma anche ben definite: si tratta, per essere precisi, di una colossale struttura quadrata dal perimetro all’incirca di 2400 Km. quadrati e dunque 600 x 600 chilometri di lato )più o meno la distanza che separa Bologna da Napoli).

cloaked-ufo-next-to-mercury-1Il 2 Dicembre 2011 la sonda spaziale della NASA Stereo (Secchi HI-1A) ha registrato una eiezione di massa coronale dal Sole, diretta verso il pianeta Mercurio. Durante il suo tragitto, la massa coronale ha evidenziato la presenza di un misterioso oggetto spaziale abbastanza grande da incuriosire ricercatori e appassionati di UFO. Nelle immagini che vi proponiamo si evidenzia, durante l’espulsione di massa coronale, la presenza massiccia di uno strano oggetto spaziale abbastanza grande, vicino il pianeta Mercurio. All’interno di questo LINK è stato rimosso il video.

In altri termini, considerato l’ambiente da cui proviene (l’alto dei cieli, cioè le estreme profondità dell’universo), le definite caratteristiche funzionali e strutturali, le titaniche dimensioni e il suo ruolo assimilabile a quello di una sorta di <<unità militare>> angelica, potremmo anche dire tranquillamente che potrebbe trattarsi di una colossale fortezza spaziale descritta di forma cubica e munita di 12 portelloni di accesso (tre su ognuno dei suoi quattro lati) di grandi veicoli <<angelici>< di taglia minore: in pratica, una stazione cosmica a tutti gli effetti ( o se preferite nave-madre) in grado di orbitare come pure di procedere autonomamente nello spazio, sul tipo dei pianetini artificiali della classe <<Morte Nera>> nella fantascientifica saga di Star Wars, delle titaniche <<unità d’invasione da sbarco>> aliene di Indipendence Day, ovvero di una versione enormemente maggiorata dell’Interprise di Star Trek.

Solo che qui la science fiction non c’entra affatto. Perché nella Bibbia le <<guerre stellari>> sono una realtà a tutti gli effetti. A suo tempo, come leggiamo nell’Apocalisse di san Giovanni (12,7-9)

Ci fu gran guerra nel cielo. Michele e i suoi Angeli guerreggiavano col Drago. E il Drago guerreggiò insieme a lui e ai suoi Angeli. ma non prevalsero, e non si trovò più posto per loro nel cielo. E fu precipitato giù il Gran Drago, il Serpente Antico che è chiamato “Diavolo” e “Satana”, il seduttore di tutta la Terra. Fu precipitato sulla terra e tutti i suoi Angeli furono precipitati con lui.

La descrizione, fin troppo minuziosa e accurata, che del Gran Drago ci dà il libro di Giobbe è piuttosto sconcertante. <<Leviatàn>>, il nome con il quale il Gran Drago è chiamato in tale libro, come pure in altri libri dell’Antico Testamento, è una parola ebraica dal significato quanto mai oscuro.

La traduzione letterale di tale termine, infatti, è propriamente: <<qualche cosa che è avvolta a mo’ di spira>>. La sua identificazione, pertanto, non è assolutamente stabilita; sappiamo comunque, come ci fa notare il Ricciotti, che, sebbene esso venisse solitamente raffigurato come dimorante del mare (donde il termine finì poi, nel linguaggio poetico, col venire applicato, impropriamente, al coccodrillo, creatura acquatica), gli ebrei gli attribuivano un’origine e una provenienza celeste, dal momento che lo ritenevano il diretto responsabile delle eclissi solare.

In ogni caso, esso simboleggia le potenze del cielo avverse a dio. Allusioni bibliche al mitico Leviatàn come un mostro marino, ma anche come un serpente <<alato>> (nahash hariah), oppure come un serpente <<tortuoso>> (nahash aqalaton), il Leviatàn è richiamato dai testi biblici che si possono leggere nella Bibbia. 

Prima edizione giugno 2013 p: 350-351-352-353