Archivi tag: Analogico

Almanacco di ottobre 2018

chi ha fatto più debito pubblico

Riprendo da IcebergFinanza questa tabella. E ricordare che nel 1980, quando ancora vigeva il “matrimonio” fra Tesoro e Banca Centrale, il debito publico era sotto il 60% del Pil: il risparmio italiano finanziava se stesso, e la crescita del Pil. Nel 1981, non per legge bensì con un paio di lettere che si scambiarono privatamente il ministro del Tesoro (Andreatta) e il governatore di Bankitalia (Ciampi), quest’ultima cessò di acquistare i BOT che i “mercati” non assorbivano, come aveva fatto prima, in pratica cessandfo di calmierare gli interessi sul debito. 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

“La storia di una grande illusione” di William White 

Il secolo 19º è il secolo che vide la nascita delle vaccinazioni di massa, e con essa vide anche un feroce dibattito che prese forma, già allora, fra vaccinisti e anti-vaccinisti. Del gruppo dei secondi faceva parte lo scrittore William White, che nel 1885 – dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale in Inghilterra – scrisse il libro “The story of a Great Delusion” (La storia di una grande illusione). Quelli che seguono sono alcuni estratti dalla prefazione del libro. 

[Nota storica: prima della vaccinazione vera e propria, inventata dal medico inglese Edward Jenner, si praticava la variolizzazione, che consisteva nel contagiare direttamente le persone con una forma leggera di vaiolo tramite una escoriazione cutanea “arm to arm” (da un braccio all’altro), dalla persona già contagiata alla persona sana. Questa pratica sarebbe poi stata sostituita dall’inoculazione diretta del virus del vaiolo preso dalla mucca (da cui il termine “vaccino”)].

La storia di una grande illusione – di William White L’articolo continua QUI

Vaccinare ragazzi e nonni, o niente più esenzioni sul ticket?

Si chiama “vaccinazione universale”, e ha un sapore sinistramente orwelliano: negli Usa, prevede che siano immunizzati i neonati – ad appena 6 ore di vita – dal virus dell’epatite B, che si può contrarre solo per via sessuale o attraverso aghi infetti. «E’ pieno, infatti, di neonati che ad appena 6 ore dal parto vanno in giro a fare sesso o a iniettarsi eroina». Una garanzia: «I piccoli incorporano veleni che possono danneggiargli il cervello in modo anche irriversibile, non avendo ancora un sistema immunitario bilanciato». Massimo Mazzucco, ovvero: viaggio – virtuale, ma non troppo – nell’incubo che ha invaso di colpo la mente di milioni di italiani, dopo l’adozione del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale. «Prima, dei 4 vaccini obbligatori non parlava nessuno», ricorda Fabio Frabetti di “Border Nights”. «Poi, all’improvviso, le vaccinazioni divenute improvvisamente obbligatorie (in prima battuta addirittura 12, e senza alcuna emergenza sanitaria in corso) sono state recepite come un fatto fisiologico, quasi naturale, al quale semplicemente arrendersi». Fino al delirio che ora sembra contagiare lo stesso governo gialloverde: lungi dall’abrogare la filosofia della legge Lorenzin, il grillino Stefano Patuanelli sta lavorando a un decreto legge che, si dice, potrebbe anche sfociare in qualcosa di persino peggiore: per esempio, l’obbligo vaccinale esteso agli anziani, pena la perdita dell’esenzione dai ticket sanitari.L’articolo continua QUI

SCIE CHIMICHE E TUMORI A TERNI – “L’INDAGINE SENTIERI”  

Di: Errante

Il presente articolo non vuole mettere in dubbio l’esito dell’Indagine “SENTIERI”, ma vuole approfondire e tentare di fare chiarezza in un settore critico come Ambiente/Salute.

TERNICirca un mese fa a Terni è stata resa pubblica l’Indagine “SENTIERI”. Uno studio sull’incidenza di tumori e mortalità nelle età giovanili da 0 a 29 anni. L’indagine è stata eseguita su alcuni siti sensibili italiani, particolarmente soggetti ad inquinamento da industrie. Da sottolineare, come dice il documento, che alcune fonti sono sconosciute ma l’accusa è rivolta soprattutto contro l’impianto siderurgico che ha sede in città. Si parla di “eccessi”, ossia la differenza risultante dal confronto con la casistica nazionale. Quello che si sussurrava ora è noto a tutti, ufficialmente, importante rilevare come afferma il documento pubblico (link download), che si tratta della prima volta che lo studio è rivolto al settore dei giovani.

I risultati sono veramente tragici, tumori perfino nei feti, non vengono citati altri casi molto diffusi come Leucemie e Tumori della Tiroide; da 0 a 29 anni è in corso una strage. (Vedasi situazioni e casi analoghi in tutta Italia). L’articolo continua QUI

PIOGGIA DI FILAMENTI DAL CIELO

Il fenomeno alquanto strano si ripete da anni in molte zone del globo, ed anche in Italia. E proprio negli ultimi giorni pare intensificarsi. Segnalazioni arrivano soprattutto dall’Italia centrale. Molte persone hanno anche filmato la pioggia di tali filamenti, molto simili a ragnatele.

Mostriamo foto e analisi di uno tra i tanti casi. Un ingegnere elettronico voleva sapere di più e ha fatto eseguire una analisi a spese sue analizzando i campioni di questi filamenti per capire quanto meno l’origine e le cause, ed eventuali tossicità per l’uomo. I dati mostrano , come del resto altre volte, non sono stati ragni a depositare questi filamenti. Continua a leggere QUI

Ancora errori dell’IPCC sui cambiamenti climatici. Gli scienziati lo dimostrano

Pubblicato da Enzo Ragusa  

Di John Dale Dunn e Joseph Bast – 8 Ottobre 2018  

Oggi, il Gruppo Intergovernativo di esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) ha pubblicato una relazione speciale sui presunti impatti del “riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e dei relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia di cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà”.

In concomitanza con la pubblicazione di questa pubblicazione, il Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) ha pubblicato il 5 ottobre una bozza di Summary for Policymakers del quinto volume della serie “Climate Change Reconsidered”. Quel rapporto è disponibile online qui.

Le due relazioni raccontano storie drammaticamente diverse sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici. Si prevede che il rapporto dell’IPCC, denominato SP15, affermi che le emissioni di gas serra provocano un riscaldamento senza precedenti dell’atmosfera del pianeta, che è troppo tardi per evitare un riscaldamento di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e che nulla meno di una drastica riduzione dell’uso di combustibili fossili, forse persino un divieto assoluto imposto dalle Nazioni Unite, è necessario per prevenire una catastrofe globale. Continua a leggere QUI 

BARNARD SPIEGA LA DISRUPTION A TUTTI: COME FUNZIONA NEL CUORE.

Di Paolo Barnard

Prefazione fissa: cos’è la Disruption. Per Disruption oggi s’intende lo sconvolgimento, in positivo o in negativo, delle società e dell’economie portato dall’arrivo di nuove tecnologie dotate di una potenza mai vista dalla Storia umana. Il termine Disruption esprime il seguente concetto: tutto cambierà come mai visto prima, e nulla sarà più come prima. Ne consegue che, nel Terzo Millennio, non comprendere la Disruption equivale alla progressiva esclusione di Stati e individui da tutto, fra cui lavoro, produzione, salute, democrazia.

Non si può scrivere una piccola enciclopedia della Disruption iniziando a raccontare le cose che già, almeno di nome, sono sula bocca di tutti, come l’Artificial Intelligence, le App, la robotica, i super computer, la Blockchain o Big Data. Questo perché è fondamentale, prima, darvi lo strumento per capire cosa si nasconde dietro a tutto questo immane potere tecnologico, cioè proprio come fa a funzionare alla base. Infatti quasi nessuno lo sa.

Ogni singolo oggetto Digitale che oggi esiste, da quelli nella tasca del cittadino fino ai sistemi industriali e intercontinentali, deve la sua straordinaria capacità al seguente e davvero strano concetto:

Mucchi di elettroni sparati dentro a circuiti contando sull’alta… probabilità che si comporteranno come desiderato. Questo è il succo della grande scoperta chiamata Meccanica Quantistica. Senza di essa non esisterebbe il Digitale, né la Disruption.

A questo punto vi chiederete: la tech del futuro che già oggi domina il Pianeta sta in piedi su… calcoli di PROBABILITA’? Sembra una frase assurda, ma vi garantisco che è precisamente il modo in cui nell’essenza più profonda un cellulare usa la Rete, un computer crea una grafica, un laser esplora lo Spazio, una risonanza magnetica cerca immagini, un robot industriale riconosce una vite, l’Artificial Intelligence pensa, o l’energia illumina le città. Ora scomponiamo parola per parola quell’affermazione, e alla fine avrete compreso tutto ciò che è fondamentale capire su come le incredibili tecnologie della Disruption siano potute nascere e possano fare ciò che fanno. Continua a Leggere QUI

®wld