Archivi tag: amore

La Pazzia dell’Amore – un dono degli dei

 

 I Baccanali degli Andrii 1523-24 di Tiziano

 

di Alejandro Martínez Gallardo 16 Ottobre 2018 dal Sito Web PijamaSurf traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo 

Quattro tipi di pazzia che vengono dagli dei

La pazzia,

più che una malattia,

può essere una cura;

una cura divinamente ispirata,

che ristabilisce lo stato di integrazione

tra l’anima e la sua fonte divina…

In uno dei suoi brani più memorabili della storia della filosofia, Socrate discute con Fedro se coloro che non amano sono superiori a coloro che amano.

Fedro legge il discorso di Lisia, che difende coloro che non amano, poiché praticano la misura e vivono un’amicizia moderata libera da passioni e ebbrezze.

Socrate, prima un po’ sconcertato, fa un discorso che sembra assecondare quanto detto da Lisia, ma immediatamente dopo fa notare che ciò che ha detto è blasfemo.

Sotto un grande banano dove scorre una fresca sorgente d’acqua e cantano le ipnotiche cicale, il filosofo cerca di riparare all’offesa fatta a Eros e si lascia trasportare dalle ninfe, pronunciando un megadiscorso, quindi parla dell’essere posseduto dalla divinità mentre egli stesso è posseduto da un dio: “per paura dell’Amore stesso, desidero lavare, con parole migliori, l’amarezza di quanto udito”.

Socrate adesso ricorre alla pazzia – alla loquacità divina – affinché curi il suo insulto usando la massima apollinea: O trosas iásetai, “ciò che ha ferito guarirà”.

Contro Lisia che aveva detto che bisognava preferire colui che non ama, poiché insiste sulla salute mentale mentre colui che ama entra in uno stato di demenza, Socrate difende la pazzia, la mania, parola che rimanda alle scienze dell’oracolo (mantíké): perché se fosse una cosa così semplice affermare che la demenza è un male, un’affermazione così andrebbe bene. Risulta però che attraverso questa demenza, è certamente un dono che gli dei donano e ci arreca un gran bene.

Il filosofo aggiunge anche che la gran parte delle cose belle avvenute in Ellade sono avvenute grazie a delle persone che “non erano sane di mente”.

Sono il frutto del delirio delle profetes e sacerdotesse e dobbiamo aggiungere dei filosofi e dei poeti che hanno raggiunto le vette più alte in stato maniacale.

Oggi ci può apparire strano e molti lo vedrano con un certo cinismo e con incredulità, ma per i Greci l’ispirazione divina era una realtà quotidiana, e anche una scienza psicofisica alla quale erano iniziati e per essa realizzavano purificazioni e libagioni.

Dopo tutto questo Socrate si predispone a provare e qui troviamo il quid del suo discorso: “que tale ‘manía’ ci è donata dagli dei per notra maggior fortuna”. Si tratta di un discernimento di spiriti.

Socrate allora spiega la famosa struttura a tre dell’anima, formata dall’auriga e dai due cavalali, uno dei quali è una bestia bruta controllata dalla concupiscenza, che rende difficile il volo dell’anima verso la regione celeste.

L’anima umana è come divisa, tra sussulti passionali e freni razionali, in un mondo che a momenti gli da immagini che la elevano verso ricordi beati del suo passaggio nella dimensione celeste al seguito della sua tutelare divinità.

E’ l’amore, quella mania che la possiede per contemplare la bellezza del suo amato, il che fa in modo che, l’anima in buona misura prende il volo e si spinge nella sua dimensione verticale. Quindi il volto dell’amato le porta il ricordo di una bellezza eterna che la chiama dall’alto.

E la bellezza stessa opera come una specie di alchimia che scioglie le strutture anchilosate e intorpidite del corpo, permettendo che le ali si aprano e spuntino di nuovo le piume liberando un fiume d’ambrosia, un vino divino come quella che Zeus lascia scorrere sull’amante Ganimede (Acquario, colui che sostiene la coppa di ambrosia del cielo).

Come dice Socrate è:

“grazie all’amore otterranno le proprie ali, quando arriverà il tempo di averle”.

Questa è la prova che l’amore è realmente un regalo degli dei, poiché è la sostanza stesa della divinità, l’energia che eleva al ritorno verso la fonte celeste: ho Theos agape estin.

Finalmente, Socrate espone la sua famosa classificazione quaternaria della pazzia divina, sebbene prima chiarisce che esistono due tipi di pazzia in generale:

  • quella dovuta a malattie umane
  • l’altra avviene quando “la divinità fa un cambiamento dagli usi stabiliti”

Quest’ultima si divide in quattro:

  1. Mantica o profetica, propria di Apollo
  2. Telestica o mistica, propria di Dioniso
  3. Poetica, propria delle Muse
  4. Erotica, la più eccelsa, propria di Afrodite e Eros

Il filosofo neoplatonico Hermias, nel suo Commentario al Fedro, ordinò queste manie divine in uno schema di iniziazione progressiva, secondo gli effetti che questa aveva sull’anima del discepolo.

L’ordine sarebbe questo:

  1. Poetica
  2. Telestica
  3. Mantica
  4. Erotica

Prima di aprirsi alla possessione divina, sicuro, era indispensabile percorrere un processo di purificazione che consisteva nell’eliminare tutto quanto non era proprio dell’anima per divenire il “veicolo” reattivo all’influsso divino o per essere una bella dimora per l’agape degli dei.

Come una quinta mania divina forse potremmo aggiungere come dice Calasso:

“la pazzia che proviene dalle ninfe”. La ninfolepsia, lo stesso Socrate ne era posseduto quando faceva il suo divino discorso.

Anche se potrebbe essere situata nella mania poetica, per la sua vicinanza con le Muse, è certo che le ninfe sono associate ad Apollo e quindi anche a un certo furore erotico.

Questa è la mania di cui è presa fino a un certo punto e che vediamo riemergere, per esempio, nella ardua infatuazione di Nabokov per la sua ninfetta Lolita…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il livello della nostra intimità

Intelligenza emotiva e intima 

di Bernhard Guenther

L’intimità è spesso erroneamente intesa come sola vicinanza fisica:

abbracciare, coccolare, baciare, sesso.

Tuttavia, se non vi è alcuna intimità emotiva (come nelle relazioni emotive) e un sentimento di sicurezza in una relazione, allora l’intimità fisica non può che andare così lontano.

Per poter veramente aprirci ad un partner e andare in profondità, dobbiamo sentirci sicuri e poter condividere l’intimità emotiva, le nostre paure, gli errori e i dolori e ricevere l’altro con compassione ed empatia. 

Per molte persone l’intimità fisica è più facile dell’intimità emotiva. Per gli altri è il contrario. Spesso le persone evitano l’intimità emotiva concentrandosi sull’intimità fisica, usando il sesso per tamponare la loro vulnerabilità. 

Per essere intimi emotivi con un partner, dobbiamo essere in grado di essere intimi con noi stessi, sentendo la nostra vulnerabilità senza giudizio e sviluppando un sano amore per se stessi. 

Se non ci sentiamo a nostro agio con la nostra vulnerabilità, non possiamo ricevere pienamente la vulnerabilità di un’altra persona e l’intimità emotiva è bloccata. 

Non importa quanto sia caldo il sesso e quanto sia grande l’intimità fisica, se non sviluppiamo o non abbiamo un’intimità emotiva e la sicurezza di esprimerci in quel modo, solo così una relazione potrà andare lontano.  

Abbiamo bisogno di limiti sicuri e salutari per stabilire l’intimità a tutti i livelli. Questa sicurezza è molto più che sentirsi “sicuri” e i confini non significano rifiuto o evitamento. Si tratta di prendersi cura di noi stessi. 

Il nostro corpo ci dà costantemente indizi su ciò che è sicuro per noi e cosa no. Più siamo in contatto con i nostri corpi, più possiamo ricevere questi messaggi che ci mettono anche in contatto con la nostra vulnerabilità. 

È importante ascoltare queste sensazioni corporee che vanno più in profondità delle sole sensazioni sessuali. Molto spesso sono sepolti sotto strati di “armature”. 

È facile razionalizzare queste sensazioni più profonde, valutando se stessi per non aprirsi quando non ci si sente sicuri. Non ascoltare la mente, fidati del tuo corpo e non giudicare te stesso per quanto tu provi. 

L’intimità emotiva va di pari passo con la fiducia, sapendo che possiamo essere completamente noi stessi con tutta la nostra vulnerabilità ed essere sempre ricevuti con compassione ed empatia in un contenitore sicuro da un partner.

Ma prima di poter ricevere un’altra persona come quella di noi stessi, o persino esprimerci in quel modo, dobbiamo essere capaci di essere compassionevoli con noi stessi e amare noi stessi, l’oscurità e la luce, senza gonfiarci o diminuirsi.

Altrimenti continueremo a cercare il partner illusorio, che non arriva mai e che vogliamo essere in un certo modo, quando in realtà questo è ciò che dobbiamo dare prima a noi stessi. 

A volte cerchiamo inconsciamente un “salvatore” in un partner, ma è una proiezione di ciò che abbiamo negato o evitato di dare a noi stessi: 

un sano auto-amore, vulnerabilità e sicurezza interiore.

Prima di poter sviluppare una fiducia più profonda con un partner, dobbiamo essere in grado di fidarci di noi stessi e degli indizi più profondi che i nostri corpi ci stanno dando.

“Hai paura di essere intimo con te stesso – di essere solo con te stesso. Una volta che sviluppi un’intimità, un silenzio, un amor proprio e un contenimento della tua energia, allora vorrai rendere quell’aspetto del tuo livello di intimità con qualcun altro.”

Barbara Marciniak

Bringers of the Dawn  

Dal sito: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Per non dimenticare quella notte – questa notte …

Per Lory

Ci sarai sempre quando mi sentirò solo,
quando sarò triste, quando il dolore sarà più acuto,
quando mi cimenterò in una nuova avventura.
Tu sai quanto ti ho amato, non lascerò andare via i ricordi,
mi seguiranno ed arricchiranno la mia vita.
Porterò sempre nel mio cuore il bagliore
dei tuoi occhi verdi, il tuo sorriso il tuo dolce amore.
…mi manchi…
23 dicembre 2006

Una mia poesia, tratta dal mio vecchio blog “Windows live space” del: 31 ottobre 2008

Trascendenza o Atrofizzazione della Mente Umana?

 

Psicologia della razza umana

Il Filmato sotto esposto (qui trascritto nda) spiega come funziona la mente Umana e come è possibile Manipolarla per raggiungere un determinato obbiettivo, influenzando le masse o per meglio dire il Gregge Umano di questo Pianeta!

Forse è per questo motivo che la serie Visitors è stata interrotta…era troppo evidente che metteva alla luce ciò che opera nell’ombra e quindi potenzialmente poteva risvegliare le Coscienze pronte ad essere svegliate e quindi liberate dalla Manipolazione Mondiale che stanno applicando!In un momento di profonda crisi, chi vorrebbe un Salvatore? 

Nelle giuste condizioni e con un po di tempo, la gratitudine diventa Adorazione o peggio Devozione. Il nostro senso di smarrimento di fronte alle “Catastrofi”, e la smarrita capacità di comprendere il mondo ci rendono pedine manipolabili da chi usa queste tragedie come opportunità.

PROBLEMA – REAZIONE – SOLUZIONE

Ogni aiuto che riceviamo, genera due aspetti fondamentali, Devozione appunto e, l’altro aspetto è la Ricattabilità. L’opposizione rafforza la maggioranza.

La Tecnologia come nuova religione

Ma che cos’è la Tecnologia? In greco “tekhnologhia” significa: Trattato, grammatica di una lingua. Ad esempio, le Api per comunicare hanno sviluppato una tecnologia interna, capace di leggere le frequenze e le vibrazioni, senza far uso di qualche linguaggio. Ma tutte le scoperte e i mille modi “Fisici” di comunicare, dal Pc, al Cellulare, non fanno altro che atrofizzare queste nostre possibilità.

L’uomo vuole trascendere, Vuole andare sempre oltre, ed è una dote Sacra che ci ha portato lontano, ma stiamo atrofizzando l’empatia a vantaggio di una tecnologia estrema a noi e da cui siamo dipendenti.

La Dipendenza porta a due aspetti. La Dipendenza porta alla paura del distacco, e la paura porta alla manipolazione. La paura, la disperazione, l’odio, sono emozioni di bassa frequenza, le sensazioni che hanno picchi emozionali più tenui, insieme alla consapevolezza portano all’azione consapevole.

Chi conosce le nostre emozioni, è di conseguenza le nostre reazioni, può controllarci e manipolarci semplicemente toccando i nostri punti deboli, giocando con le nostre Reazioni Prevedibili, che mancano di consapevolezza.

La Paura è l’arma che tutti noi usiamo per raggiungere certi scopi (pensate all’uomo nero che viene raccontato ai bambini per non fargli fare certe cose, o all’inferno per chi va in chiesa) e sa bene come usare queste Paure per poterci Controllare.

La mente è un grande mezzo ma se non la conosciamo bene diventa una prigione, cominciamo quindi a studiare noi stessi, la nostra psicologia, rafforziamo la “VISTA” del nostro Osservatore interno, siamo prima di tutto Esseri Spirituali, non siamo macchine.

Agiamo il più possibile con Amore Incondizionato. Diamo al Cuore il timone della Mente. E manteniamo la Fede in questo principio Universale. Ma non facciamoci Illudere da Falsi Profeti, da false Correnti Spirituali che promettono la Pace e la Gioia, escludendo la Sofferenza e la fatica

NEW AGE

Questo è il tempo in cui l’Odio verrà mascherato da Amore, parlerà come un DIO sapiente e saggio, e sarà la MENTE il suo vero obiettivo. Addestriamo il Cuore, l’Empatia e la nostra FEDE nell’Universo.

Trascrizione Video a cura di Nin.Gish.Zid.Da

La Dignità di un nonno bambino

Dopo che quest’uomo muore in una casa di cura, le infermiere trovano qualcosa che cambia le loro vite.

Ogni giorno migliaia di persone anziane attendono con ansia nelle case di riposo una visita o almeno una telefonata dei loro cari. Ma, nella fase finale delle loro vite, molto spesso i loro vecchi cuori rimangono amaramente delusi. Quando un uomo anziano, che le infermiere avevano sempre bollato come “brontolone”, muore e la sua stanza viene riordinata, le infermiere trovano qualcosa che tocca i loro cuori così profondamente da farle piangere.

Tra gli effetti personali del paziente, i ricordi di una vita intera, trovano infatti questa poesia:

Che cosa vedi infermiera? Che cosa vedi? A cosa stai pensando quando mi guardi? Un uomo vecchio e irritabile, non molto saggio, di abitudini incerte e con la distanza negli occhi? Che sbava sul cibo e non risponde.

Uno che, quando dici ad alta voce: “Voglio che ci provi!” sembra non accorgersene, anche delle cose che fai. Uno che sempre perde… un calzino o una scarpa? Uno che, resistendo o non lasciandoti fare ciò che vuoi, con il bagno o durante la cena, riempie le tue lunghe giornate? È questo che stai pensando? È questo che vedi?

Allora apri gli occhi, infermiera. Tu non mi guardi. Ti dirò chi sono, finché sono ancora qui, così come faccio ciò che mi chiedi e mangio ciò che tu vuoi.

Sono un bambino a 10 anni, con un padre e una madre, fratelli e sorelle, l’amore l’uno dell’altro. Un giovane ragazzo a sedici anni, con le ali ai piedi sognando, presto o tardi, di incontrare l’amore. Uno sposo precoce a vent’anni, il mio cuore sobbalza, ricordando i voti che ho promesso di mantenere.

A 25 anni, ho già il mio proprio figlio, che ha bisogno di essere indirizzato nella vita e condotto al sicuro a casa. A trent’anni, mio figlio è già cresciuto in fretta, siamo legati l’uno all’altro, indissolubilmente. A quarant’anni, i miei giovani figli sono cresciuti e se ne sono andati, ma la mia donna è ancora al mio fianco, per vedere che io non pianga. A cinquant’anni, ancora una volta, i bambini giocano sulle mie gambe, ancora siamo circondati da piccoli, la mia amata e io. Giorni bui per me, mia moglie ora è morta.

Guardo al futuro, mi vengono i brividi di terrore. Penso agli anni, all’amore che ho conosciuto. Ora sono vecchio, e la natura è crudele, la vecchiaia ti fa apparire come un pazzo. Il corpo si sbriciola, la grazia e il vigore vengono meno, vi è ora una pietra, dove una volta ho avuto un cuore.

Ma all’interno di questa vecchia carcassa ancora abita un giovane, e, di tanto in tanto, il mio cuore malconcio si gonfia. Ricordo le gioie, mi ricordo il dolore, e sto amando e vivendo la vita di nuovo.

Penso agli anni, troppo pochi, corsi via troppo velocemente, e accetto il fatto nudo e crudo che nulla può durare. Quindi, apri gli occhi e guarda: non un uomo irritabile e vecchio, guarda più da vicino, guarda ME!

Non dare mai per scontato che “un vecchio nonno” accanto a te sia solo questo e nulla più. Lui vive e sente proprio come te. In ogni corpo batte un cuore che rimane giovane, anche quando il corpo decade e invecchia. Ricordati le parole di quest’uomo ogni volta che vedi un anziano essere trattato in un modo che non merita.

Condividi questa poesia con tutti quelli che conosci e che sono in grado di ricordare che, nei nostri cuori, non invecchiamo mai.

Fonte

Inchiostro simpatico

inchiostro-invisibileNotare come una parola gentile e sincera riscalda il cuore e da a lungo conforto.
Quando si aiuta qualcuno ne abbiamo di ritorno una forma positiva. E ci viene voglia di ricominciare.
Smettiamola di essere sempre più esigenti con i nostri cari. Teniamoli bene e siamo indulgenti con loro.
L’amore vero va di pari passo con il rispetto dell’altro. Bisogna essere fieri di chi si ama.
In un conflitto, accettate di tendere la mano per primi per arrivare alla sua soluzione.
Fare pace dopo un litigio. Accettare di abbassare la guardia, rifiutare di cercare chi ha torto e chi ha ragione, smettere di ricercare i rimproveri … Sapere dire: <<La smettiamo, adesso?>>, e sorridere. Questo è il modo migliore di disarmare l’altro.