Crea sito

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

La   scienza ha dimostrato che l'”intenzione collettiva” influenza il mondo fisico

di Paul Lenda dal sito web: Shift

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

Possono il pensiero, l’intenzione e l’emozione influenzare il mondo fisico?

Molte persone credono di poterlo fare, ma i modelli scientifici per testare e quantificare questa idea spesso falliscono. La fisica classica ha avuto molto successo nel comprendere la natura fisica dell’universo , tuttavia questa visione del mondo presume che la realtà sia limitata alla materia.

Ciò lascia la fisica classica mal equipaggiata per misurare o quantificare i fenomeni non fisici.

Ciò ha portato a un movimento verso la scienza post-materiale. Se sperimentate l’intuizione e altri fenomeni non fisici, sarete entusiasti di apprendere che la scienza sta iniziando a convalidare questo regno.

Sarai ispirato ad esplorare i modi quantistici in cui sei connesso con l’intero universo. Le pratiche spirituali come la meditazione, il qi gong e lo yoga erano considerate forme di scienza molto prima che Newton ispirasse la fisica classica.

La fisica quantistica flirta con i regni del mistero che erano tradizionalmente riservati ai mistici.

Non c’è bisogno di essere in disparte come osservatore perché ci sono alcuni progetti di ricerca molto interessanti in corso negli interstizi tra scienza e spiritualità, che esploreremo di seguito.

Oggi abbiamo un’opportunità senza precedenti di partecipare a questo processo storico che integra fisica, coscienza e meditazione di gruppo.

Perché la scienza dei materiali post?

La fisica newtoniana classica si concentra principalmente sul mondo materiale, ma gli studi sulla coscienza sono una delle punte di diamante della ricerca scientifica.

Ciò richiede un nuovo paradigma che consenta di accettare la mente, la coscienza e i fenomeni non materiali nell’equazione della realtà, trovando al contempo mezzi adeguati per studiarli e quantificarli.

Un gruppo leader di scienziati di tutto rispetto si è riunito e ha presentato un Manifesto per la scienza post-materialistica come soluzione ai limiti della fisica classica.

Come per ogni nuovo campo di indagine, non è privo di controversie e sconvolge alcuni membri dello status quo scientifico.

I principali progressi della scienza – persino le rivoluzioni – seguono il crollo di paradigmi obsoleti, il cui rovesciamento è forzato dall’accumulo di prove empiriche che violano il paradigma.

Dave Pruett Ex ricercatore della NASA Professore emerito di matematica, James Madison University


Come la scienza è arrivata alla soglia della spiritualità

I primi echi della necessità di un nuovo paradigma che affronti la realtà non fisica provenivano da Einstein all’inizio degli anni ’30.

Nella sua ricerca, ha osservato qualcosa di così bizzarro che riusciva a malapena a credere a ciò che stava vedendo.

Lo definì “azione spettrale a distanza“, che in seguito divennero due dei concetti principali studiati nelle scienze dell’informazione quantistica, noti come entanglement e non-località.

L’entanglement si verifica quando due particelle sono così profondamente legate (da un campo quantistico) che una particella può istantaneamente (cioè più veloce della velocità della luce!) Influenzare l’altra anche a grandi distanze non localmente.

Ciò implica che la distanza fisica tra le particelle è irrilevante, quindi un salto di qualità nella nostra idea di ciò che è possibile.

Il passaggio dalla scienza materialistica alla scienza post-materialistica può essere di vitale importanza per l’evoluzione della civiltà umana.

Può essere ancora più centrale rispetto alla transizione da geocentrismo a eliocentrismo .

Un manifesto per la scienza post-materialistica

Sebbene questo fenomeno non sia completamente compreso, è accettato nella meccanica quantistica.

Forse hai vissuto un momento in cui hai pensato casualmente a una persona cara a cui non pensavi da molto tempo, poi il telefono squilla e tu lo sollevi per sentire la sua voce?

Questo tipo di “sincronicità” si verifica spesso per molte persone, ma può essere difficile dimostrare esattamente perché o come si verificano.

La fisica quantistica è proprio all’inizio dell’esplorazione di questo fenomeno che è stato spesso chiamato coincidenza … fino ad ora.

Senza il mondo spirituale il mondo materiale è un enigma sconfortante.

Joseph Joubert


La scienza della ricerca incontra la meditazione, l’intenzione umana e la coscienza


Bill (William) Tiller, membro dell’American Academy for the Advancement of Science e presidente emerito del Dipartimento di scienza dei materiali della Stanford University , ha trascorso trentaquattro anni nel mondo accademico dopo nove anni come consulente fisico presso i Westinghouse Research Laboratories.

Ha pubblicato oltre duecentocinquanta articoli scientifici convenzionali, tre libri e diversi brevetti. In qualità di famoso scienziato, è anche un forte sostenitore della meditazione, della scienza non fisica e della spiritualità.

Ha coniato il termine Scienza Psicoenergetica per descrivere il suo lavoro che combina coscienza e scienza .

Negli ultimi quattrocento anni, un assunto non dichiarato della scienza è che l’intenzione umana non può influenzare ciò che chiamiamo “realtà fisica”.

La nostra ricerca sperimentale dell’ultimo decennio mostra che, per il mondo di oggi e nelle giuste condizioni, questa ipotesi non è più corretta.

Noi umani siamo molto più di quanto pensiamo di essere e la Scienza Psicoenergetica continua ad ampliarne le prove.

Dottor Bill Tiller

Tiller è convinto che l’intenzione possa influenzare le sostanze fisiche e ha sviluppato una tecnologia al silicio a base cristallina in grado di catturare e memorizzare un’intenzione diretta da un gruppo di meditatori.

Questa intenzione energetica risuona a una frequenza che può essere registrata o trasmessa per ottenere un effetto designato nelle persone.

Le prime ricerche con questa tecnologia nel suo laboratorio a Stanford, così come nei laboratori di Londra e Berlino, indicano la capacità dell’intenzione umana diretta di,

aumentare o abbassare il pH dell’acqua di un punto, la crescita delle larve a una velocità maggiore del 30% e l’uccisione dei batteri a una velocità maggiore del 30% …

Ciò implica una sorta di connessione non fisica, non locale tra l’intenzione e queste sostanze fisiche.


Affrontare lo scetticismo

Come per qualsiasi nuovo campo di studio, ci saranno successi e fallimenti.

Gli scienziati sono vulnerabili alle debolezze che tutti sperimentiamo.

Negazione dei fatti, pregiudizi di conferma, resistenza a nuove idee, ecc. Sono questioni che gli scienziati del vecchio e del paradigma emergente dovranno affrontare.

Una ricerca vigorosa può essere costosa e può essere difficile trovare finanziamenti per teorie non convenzionali.

Quindi sì, ci saranno scettici e ci saranno anche nuove scoperte che faranno cadere le convinzioni di lunga data sugli esseri umani, l’universo e ciò che è possibile.

Proprio come era Einstein ,

sconcertato e scettico riguardo alle proprie osservazioni sull’entanglement,

… siamo tutti suscettibili di vedere le nostre nozioni preconcette sfidate e ribaltate da questo campo emergente della scienza non materiale.


Posso essere coinvolto?

Si, puoi!

La cosa migliore della ricerca sulla coscienza su scala globale è che richiede la partecipazione di molte persone.

Poiché affrontiamo sfide senza precedenti con,

… non c’è mai stato un momento più potente sul pianeta per gli umani per accedere collettivamente a regni di potenziale superiori.

Siamo pronti per un cambiamento quantico e ne abbiamo davvero bisogno.

Sincronizzato a livello globale per un balzo quantico

Attualmente, le menti più importanti nel campo della scienza, della spiritualità e della tecnologia stanno imparando a collaborare in modi che sicuramente faranno ondate.

Il Merraki Institute ha collaborato con Bill Tillere sta conducendo una vigorosa ricerca scientifica in un altro esperimento globale partecipativo.

Merraki è una parola greca che significa,

“Fare qualcosa con anima, creatività o amore”,

… ed è piacevole vedere questa etica essere centrale in un progetto di ricerca scientifica.

Se sei interessato a partecipare alla nuova entusiasmante tecnologia di Tiller che utilizza il silicio a base cristallina per immagazzinare ed emettere una trasmissione di energia dell’intenzione, puoi saperne di più o essere coinvolto qui.


E l’amore?

Esistiamo tutti all’interno di un campo di energia più ampio, un campo quantistico.

Forse amore, intenzione ed emozione sono intrecciati in questo campo misterioso?

Abbiamo la capacità di accedere a vari stati interni di coscienza attraverso la meditazione e la consapevolezza, possiamo alterare le nostre relazioni sociali e potenzialmente possiamo cambiare le cose su scala globale.

Questo processo inizia all’interno, si approfondisce con la pratica personale ed è celebrato nella comunità più ampia che si sta impegnando in queste antiche pratiche. Potremmo finalmente iniziare a vedere la convalida scientifica per i regni invisibili che molti di noi sentono intuitivamente. Si spera che inizieremo anche a sperimentare cambiamenti quantistici nel mondo che ci circonda mentre approfondiamo la nostra comprensione.

 

Siamo non solo, ei confini dove iniziare o finire come esseri fisici, emotivi, ed elettriche viene costantemente ridefinito dalla scienza.

L’unità di coscienza può essere una legge scientifica che aspetta di essere scoperta …

La combinazione di fisica, coscienza e meditazione di gruppo è ancora nelle prime fasi di esplorazione della scienza, ma il potenziale di scoperta è infinito …!

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

***********************************

Ti potrebbero interessare:

La Nuova Normalità

La corruzione nel mondo classico

®wld

Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

Allora, chi vuoi essere?

E’ una questione d’età, non è vero? E non in “Che cosa vuoi essere quando sarai grande?” Un modo, che ha il solo requisito di diventare come qualcun altro come un indicatore per essere ‘cresciuto’ (posso essere come un pompiere, amministratore delegato, metalmeccanico, scienziato … ma soprattutto, un contribuente). Finché sembri “curare” te stesso, seguire le regole ed essere un membro produttivo della società, è più facile credere nel “normale” poiché sembra che ci siano “ricompense” per andare avanti.

Ma in chi ti trasformi? Cosa sacrifichi? Cosa sei disposto a regalare? I resti di ciò che “avremmo potuto essere” non sono che un lontano ricordo (fantasia); persi tra le proiezioni ad alta definizione che ci hanno aiutato a guidarci, al punto che ora affrontiamo la (maschera).

 

Allora chi vuoi essere? Ebbene, forse dovremmo definire in primis chi “noi” siamo diventati. È sicuramente facile in questi giorni inventare elenchi di cose da sottolineare sulla mia specie che porterebbero a una visione “negativa”, ma ti risparmierò questa volta e ti farò notare semplicemente che ci sono molti articoli precedenti che, potresti trovare, elabora il mio punto.

 

Che cosa siamo diventati se non xenofobi che vivono nella paura della nostra morte fino al punto di non vivere; disgusto di sé al punto da accettare la nostra stessa distruzione? Persone così spaventate da “distinguersi” che vanno avanti, a vivere nell’ombra, anche quando poi sentono che non è giusto. Troppa paura per parlare, per non offendere ed essere giudicato “uno di quelli”. Cosa ci rende tali? Stiamo semplicemente mentendo ipocritamente? Siamo la definizione della codardia, minacciata principalmente da ciò che noi percepiamo e, che gli altri percepiscono di noi?

 

Creiamo continuamente i nostri “demoni” da temere per sentire qualcosa che possa somigliare alla “vita”? Afferriamo qualche ‘emozione’ nel nostro mondo inattivo per sentirci vivi? Seguiremo ciecamente qualsiasi “autorità” semplicemente per sentirci parte di qualcosa; o, nulla? Guardati intorno dove siamo oggi e dimmi che la nostra mentalità mondiale non si è attenuata dalla vita. Guarda negli occhi i tuoi simili mascherati e dimmi che non sono sconfitti nella loro stessa anima. Dov’è la VITA, LA GIOIA, L’AMORE e la FORTITUDINE della mia specie?

 

Credo che una parte della causa di quella sconfitta possa essere attribuita all’incapacità di definire se stessi onestamente. La costante fiducia nelle “protezioni” esterne piuttosto che nell’autoriflessione e nel miglioramento, ha reso semplice per le “soluzioni” offerte trovare un’ampia “accettazione” insieme all'”appartenenza” e all’apatia.

 

Le paure “presentate” sono semplicemente “definizioni” di ciò che si accetterà della loro ignoranza. “Lotta o Fuggi” non riguarda solo il suo significato letterale, in questo caso può rappresentare la pigrizia apatica della mente che “blocca” le basi della domanda e quindi della conoscenza.

 

Ho detto la scorsa settimana in una discussione:

 

L’intelligenza inizia con la semplicità delle domande.
Peccato che la maggior parte creda di aver semplicemente bisogno di “risposte”.

 

Alla ricerca di quelle risposte esterne, si continua semplicemente a inseguire le storie di altri che producono “nomi” e “azioni” ma non rivelano il come e il perché della questione; perché quelle sono “scelte” fatte lungo la strada. Che tipo di “persone” hanno fatto le scelte che ci hanno messo nella “situazione” che ci coinvolge tutti in questo momento? Non importa dove ti trovi nel mondo, sei “coinvolto” in questa “operazione” globale su una scala o sull’altra; volontariamente o con la forza. Ci sono “Giocatori” e “Pedine”; indovina quale siamo.

 

Senza un’onesta “definizione” (attenta a non vincolare) del ME, come posso sapere che potere “io” ho? Gli io del mondo sono quelli che conoscono il potere e l’equilibrio del “ME” e del “NOI”; comprendono anche il potere del “NO”. “No! Non vivremo così” detto all’unisono è tutto ciò che ci vorrebbe per cambiare il ‘corso’ del nostro attuale ‘destino’.

 

L’Io sa di non essere frivolo, sfrenato o infantile con i loro no. Sanno la necessità di comprendere la base e la moralità del loro no e non la basano sull’egoismo, ma piuttosto sulla fortezza.

 

Fortezza – forza d’animo che consente a una persona di affrontare il pericolo o sopportare il dolore o le avversità con coraggio – Merriam-Webster

 

Si può considerare che nel “teatro” odierno di oggi si può vedere il contrario. La breve durata dell’attenzione, che è stata sviluppata, nel corso della vita, per non essere mai soddisfatta e quindi facilmente “adescata” in comportamenti e schemi di pensiero incentrati su desideri e desideri. Questo può lasciare che non si sia mai soddisfatti di ciò che si “sa”, il che può portare a rincorrere molte storie così come la più facile “accettazione” di “nuove norme”. Per sempre ‘distratto’ dall’acquisizione di vera conoscenza.

 

Il “Grande Risveglio” e i “Media alternativi” sono ottimi esempi di distrazioni per il “pensatore”. Perché si può stare al passo con i desideri programmati che alimentano la breve capacità di attenzione; quali sono le novità, le ultime novità, le tendenze, i virali? Finché riescono a convincersi della “differenza” di “informazione”, possono sentirsi “elevati” al di sopra della programmazione delle masse.

 

Tanti sono rimasti in diversi stadi di “risveglio”. Vedere oltre il paradigma ‘speculare’ che l”alt’ ha da offrire ma sparsi in tutto il mondo in diversi stadi di angoscia, povertà, solitudine e salute mentre si cerca di mantenere un decoro di ‘stabilità’ per pensare abbastanza chiaramente da provare e vedere cosa giace oltre le montagne delle distrazioni (drammi).Sembra che ci siano molte cose per cui COMBATTERE.

 

Non puoi combattere il nemico esterno perché perderai. Il nemico esterno viene semplicemente presentato perché uno possa vedere se stesso, vedere cosa ha permesso di diventare e liberarsi volontariamente e condurre se stesso ad essere esseri liberi; per diventare il tuo “eroe” come comunità di individui.

 

La “scelta” è sempre stata nostra. Ogni giorno che passa ormai, è un altro chiodo nella bara dell’umanità. Quando grideremo “NO” all’unisono e ci rifiuteremo di essere “governati” nell’oblio? Quando smetteremo di muovere la nostra “Linea nella sabbia” e staremo come INDIVIDUI LIBERI?

 

Postato da SylvainLamoureux

 

®wld

La filosofia del denaro di Keanu Reeves in 5 lezioni lucide


Il denaro può essere un mezzo di benessere o preoccupazione, secondo queste lezioni di Keanu Reeves 

Il famoso attore Keanu Reeves ha una posizione molto particolare sul denaro. Mentre la maggior parte di noi non genera le quantità di denaro che caratterizzano attori come Reeves, le loro idee sul denaro possono darci un po’ di luce in modo che non rappresenti un problema che ci impedisce di perdere la concentrazione sulle cose che conta davvero nella nostra vita.

Vediamo

 

l denaro aumenta lo stress

Essere consapevoli di quanti soldi vengono aggiunti o sottratti dal tuo conto bancario aumenta lo stress della tua vita, dice Reeves. 

Lavori per ottenere denaro, coprire le esigenze di base e perché no, acquisire lussi. Tuttavia, più proprietà possediamo, è necessario investire più tempo e attenzione. 

Quando non abbiamo tante cose di cui preoccuparci, possiamo dedicare il nostro tempo ad altre attività: più tempo per noi stessi, più tempo con i nostri cari, più tempo per cooperare in altri spazi vicini per migliorarli – come le associazioni civili o le fondazioni senza scopo di lucro (Come Keanu, che per molti anni dona anonimamente la maggior parte dei suoi guadagni a una fondazione per combattere la leucemia) -.

  

Quando l’area finanziaria della tua vita prospera, un’altra area della tua vita soffre  

Quando dedichiamo molta più attenzione a un solo aspetto della nostra vita (in questo caso quello economico) trascuriamo gli altri e probabilmente inizieremo ad avere problemi in altri settori: le nostre relazioni personali o di coppia, al lavoro, con la famiglia ecc. 

Imparare a dare il meritato tempo e spazio ai soldi impedirà ad altre aree della vita di essere riempite di problemi e oneri inutili. 

Per Keanu Reeves, la cosa più importante è la cura della tua salute, quindi l’uso principale che dai ai tuoi soldi è quello di garantire una buona salute, sia fisica che mentale.

 

Il denaro è un risultato secondario.

In diverse interviste, a Keanu Reeves è stato detto che grazie ai suoi film ha guadagnato molti soldi, a cui risponde: “Sì, ma molte persone si sono già divertite prima”. Con questa posizione l’attore allude a un’idea più o meno ricorrente di sviluppo umano, secondo la quale il desiderio e il gusto personale devono avere il primato sull’interesse per il denaro. 

In altre parole: l’importante è dedicarti a ciò che vuoi e ti piace, dedicarti completamente a ciò, mettere tutte le nostre risorse nell’attività che ci soddisfa e ci fa sentire pieni, e quindi, come guadagno secondario, molto probabilmente appare i soldi 

Questa idea è molto vicina alla domanda che una volta Alan Watts poneva ai suoi studenti: “Se il denaro non fosse importante, cercheresti quello che vuoi veramente? Secondo Watts, quando una persona si arrende alla sua attività preferita, finisce necessariamente per dominarlo e, quindi, finisce per essere riconosciuto e premiato per i suoi sforzi.

  

Lascia che i soldi funzionino per te, non per i soldi

Secondo Keanu, il denaro dovrebbe aiutare a semplificare la nostra vita e non, come abbiamo detto prima, riempirlo di preoccupazioni. Fare soldi il nostro obiettivo di vita è in qualche modo renderlo un “maestro” che serviremo sempre, insaziabilmente.

 

Vivi generosamente 

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la generosità non dipende dalla quantità di denaro che hai nel tuo conto bancario o nel tuo portafoglio. La generosità è un atteggiamento che una persona adotta di fronte alla vita e di fronte agli altri. Dare senza riserve o condizioni. Dai ciò che abbiamo e che, in fondo, non è mai un possesso assoluto. Dai valore inestimabile (tempo, attenzione, amore). Dai, infine, perché come sottolinea Erich Fromm in L’arte dell’amore, tutto ciò che diamo ci ritorna. 

Il denaro è senza dubbio una delle maggiori preoccupazioni della maggior parte delle persone oggi. Senza ridurre al minimo l’importanza di questo bene, una delle grandi lezioni di questo attore è vivere in modo semplice e senza l’aspirazione di accumulare ossessivamente denaro, oggetti e relazioni, che alla fine ci causano livelli di stress inutili.  

Anche in Pajama Surf: Seneca, che era l’uomo più ricco del mondo, su come non essere schiavo del denaro e della ricchezza  

Immagine di copertina: Always Be My Maybe, Nahnatchka Khan (2019)

Fonte: https://pijamasurf.com/  

®wld 

La Pazzia dell’Amore – un dono degli dei

 

 I Baccanali degli Andrii 1523-24 di Tiziano

 

di Alejandro Martínez Gallardo 16 Ottobre 2018 dal Sito Web PijamaSurf traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo 

Quattro tipi di pazzia che vengono dagli dei

La pazzia,

più che una malattia,

può essere una cura;

una cura divinamente ispirata,

che ristabilisce lo stato di integrazione

tra l’anima e la sua fonte divina…

In uno dei suoi brani più memorabili della storia della filosofia, Socrate discute con Fedro se coloro che non amano sono superiori a coloro che amano.

Fedro legge il discorso di Lisia, che difende coloro che non amano, poiché praticano la misura e vivono un’amicizia moderata libera da passioni e ebbrezze.

Socrate, prima un po’ sconcertato, fa un discorso che sembra assecondare quanto detto da Lisia, ma immediatamente dopo fa notare che ciò che ha detto è blasfemo.

Sotto un grande banano dove scorre una fresca sorgente d’acqua e cantano le ipnotiche cicale, il filosofo cerca di riparare all’offesa fatta a Eros e si lascia trasportare dalle ninfe, pronunciando un megadiscorso, quindi parla dell’essere posseduto dalla divinità mentre egli stesso è posseduto da un dio: “per paura dell’Amore stesso, desidero lavare, con parole migliori, l’amarezza di quanto udito”.

Socrate adesso ricorre alla pazzia – alla loquacità divina – affinché curi il suo insulto usando la massima apollinea: O trosas iásetai, “ciò che ha ferito guarirà”.

Contro Lisia che aveva detto che bisognava preferire colui che non ama, poiché insiste sulla salute mentale mentre colui che ama entra in uno stato di demenza, Socrate difende la pazzia, la mania, parola che rimanda alle scienze dell’oracolo (mantíké): perché se fosse una cosa così semplice affermare che la demenza è un male, un’affermazione così andrebbe bene. Risulta però che attraverso questa demenza, è certamente un dono che gli dei donano e ci arreca un gran bene.

Il filosofo aggiunge anche che la gran parte delle cose belle avvenute in Ellade sono avvenute grazie a delle persone che “non erano sane di mente”.

Sono il frutto del delirio delle profetes e sacerdotesse e dobbiamo aggiungere dei filosofi e dei poeti che hanno raggiunto le vette più alte in stato maniacale.

Oggi ci può apparire strano e molti lo vedrano con un certo cinismo e con incredulità, ma per i Greci l’ispirazione divina era una realtà quotidiana, e anche una scienza psicofisica alla quale erano iniziati e per essa realizzavano purificazioni e libagioni.

Dopo tutto questo Socrate si predispone a provare e qui troviamo il quid del suo discorso: “que tale ‘manía’ ci è donata dagli dei per notra maggior fortuna”. Si tratta di un discernimento di spiriti.

Socrate allora spiega la famosa struttura a tre dell’anima, formata dall’auriga e dai due cavalali, uno dei quali è una bestia bruta controllata dalla concupiscenza, che rende difficile il volo dell’anima verso la regione celeste.

L’anima umana è come divisa, tra sussulti passionali e freni razionali, in un mondo che a momenti gli da immagini che la elevano verso ricordi beati del suo passaggio nella dimensione celeste al seguito della sua tutelare divinità.

E’ l’amore, quella mania che la possiede per contemplare la bellezza del suo amato, il che fa in modo che, l’anima in buona misura prende il volo e si spinge nella sua dimensione verticale. Quindi il volto dell’amato le porta il ricordo di una bellezza eterna che la chiama dall’alto.

E la bellezza stessa opera come una specie di alchimia che scioglie le strutture anchilosate e intorpidite del corpo, permettendo che le ali si aprano e spuntino di nuovo le piume liberando un fiume d’ambrosia, un vino divino come quella che Zeus lascia scorrere sull’amante Ganimede (Acquario, colui che sostiene la coppa di ambrosia del cielo).

Come dice Socrate è:

“grazie all’amore otterranno le proprie ali, quando arriverà il tempo di averle”.

Questa è la prova che l’amore è realmente un regalo degli dei, poiché è la sostanza stesa della divinità, l’energia che eleva al ritorno verso la fonte celeste: ho Theos agape estin.

Finalmente, Socrate espone la sua famosa classificazione quaternaria della pazzia divina, sebbene prima chiarisce che esistono due tipi di pazzia in generale:

  • quella dovuta a malattie umane
  • l’altra avviene quando “la divinità fa un cambiamento dagli usi stabiliti”

Quest’ultima si divide in quattro:

  1. Mantica o profetica, propria di Apollo
  2. Telestica o mistica, propria di Dioniso
  3. Poetica, propria delle Muse
  4. Erotica, la più eccelsa, propria di Afrodite e Eros

Il filosofo neoplatonico Hermias, nel suo Commentario al Fedro, ordinò queste manie divine in uno schema di iniziazione progressiva, secondo gli effetti che questa aveva sull’anima del discepolo.

L’ordine sarebbe questo:

  1. Poetica
  2. Telestica
  3. Mantica
  4. Erotica

Prima di aprirsi alla possessione divina, sicuro, era indispensabile percorrere un processo di purificazione che consisteva nell’eliminare tutto quanto non era proprio dell’anima per divenire il “veicolo” reattivo all’influsso divino o per essere una bella dimora per l’agape degli dei.

Come una quinta mania divina forse potremmo aggiungere come dice Calasso:

“la pazzia che proviene dalle ninfe”. La ninfolepsia, lo stesso Socrate ne era posseduto quando faceva il suo divino discorso.

Anche se potrebbe essere situata nella mania poetica, per la sua vicinanza con le Muse, è certo che le ninfe sono associate ad Apollo e quindi anche a un certo furore erotico.

Questa è la mania di cui è presa fino a un certo punto e che vediamo riemergere, per esempio, nella ardua infatuazione di Nabokov per la sua ninfetta Lolita…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il livello della nostra intimità

Intelligenza emotiva e intima 

di Bernhard Guenther

L’intimità è spesso erroneamente intesa come sola vicinanza fisica:

abbracciare, coccolare, baciare, sesso.

Tuttavia, se non vi è alcuna intimità emotiva (come nelle relazioni emotive) e un sentimento di sicurezza in una relazione, allora l’intimità fisica non può che andare così lontano.

Per poter veramente aprirci ad un partner e andare in profondità, dobbiamo sentirci sicuri e poter condividere l’intimità emotiva, le nostre paure, gli errori e i dolori e ricevere l’altro con compassione ed empatia. 

Per molte persone l’intimità fisica è più facile dell’intimità emotiva. Per gli altri è il contrario. Spesso le persone evitano l’intimità emotiva concentrandosi sull’intimità fisica, usando il sesso per tamponare la loro vulnerabilità. 

Per essere intimi emotivi con un partner, dobbiamo essere in grado di essere intimi con noi stessi, sentendo la nostra vulnerabilità senza giudizio e sviluppando un sano amore per se stessi. 

Se non ci sentiamo a nostro agio con la nostra vulnerabilità, non possiamo ricevere pienamente la vulnerabilità di un’altra persona e l’intimità emotiva è bloccata. 

Non importa quanto sia caldo il sesso e quanto sia grande l’intimità fisica, se non sviluppiamo o non abbiamo un’intimità emotiva e la sicurezza di esprimerci in quel modo, solo così una relazione potrà andare lontano.  

Abbiamo bisogno di limiti sicuri e salutari per stabilire l’intimità a tutti i livelli. Questa sicurezza è molto più che sentirsi “sicuri” e i confini non significano rifiuto o evitamento. Si tratta di prendersi cura di noi stessi. 

Il nostro corpo ci dà costantemente indizi su ciò che è sicuro per noi e cosa no. Più siamo in contatto con i nostri corpi, più possiamo ricevere questi messaggi che ci mettono anche in contatto con la nostra vulnerabilità. 

È importante ascoltare queste sensazioni corporee che vanno più in profondità delle sole sensazioni sessuali. Molto spesso sono sepolti sotto strati di “armature”. 

È facile razionalizzare queste sensazioni più profonde, valutando se stessi per non aprirsi quando non ci si sente sicuri. Non ascoltare la mente, fidati del tuo corpo e non giudicare te stesso per quanto tu provi. 

L’intimità emotiva va di pari passo con la fiducia, sapendo che possiamo essere completamente noi stessi con tutta la nostra vulnerabilità ed essere sempre ricevuti con compassione ed empatia in un contenitore sicuro da un partner.

Ma prima di poter ricevere un’altra persona come quella di noi stessi, o persino esprimerci in quel modo, dobbiamo essere capaci di essere compassionevoli con noi stessi e amare noi stessi, l’oscurità e la luce, senza gonfiarci o diminuirsi.

Altrimenti continueremo a cercare il partner illusorio, che non arriva mai e che vogliamo essere in un certo modo, quando in realtà questo è ciò che dobbiamo dare prima a noi stessi. 

A volte cerchiamo inconsciamente un “salvatore” in un partner, ma è una proiezione di ciò che abbiamo negato o evitato di dare a noi stessi: 

un sano auto-amore, vulnerabilità e sicurezza interiore.

Prima di poter sviluppare una fiducia più profonda con un partner, dobbiamo essere in grado di fidarci di noi stessi e degli indizi più profondi che i nostri corpi ci stanno dando.

“Hai paura di essere intimo con te stesso – di essere solo con te stesso. Una volta che sviluppi un’intimità, un silenzio, un amor proprio e un contenimento della tua energia, allora vorrai rendere quell’aspetto del tuo livello di intimità con qualcun altro.”

Barbara Marciniak

Bringers of the Dawn  

Dal sito: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Per non dimenticare quella notte – questa notte …

Per Lory

Ci sarai sempre quando mi sentirò solo,
quando sarò triste, quando il dolore sarà più acuto,
quando mi cimenterò in una nuova avventura.
Tu sai quanto ti ho amato, non lascerò andare via i ricordi,
mi seguiranno ed arricchiranno la mia vita.
Porterò sempre nel mio cuore il bagliore
dei tuoi occhi verdi, il tuo sorriso il tuo dolce amore.
…mi manchi…
23 dicembre 2006

Una mia poesia, tratta dal mio vecchio blog “Windows live space” del: 31 ottobre 2008

Trascendenza o Atrofizzazione della Mente Umana?

 

Psicologia della razza umana

Il Filmato sotto esposto (qui trascritto nda) spiega come funziona la mente Umana e come è possibile Manipolarla per raggiungere un determinato obbiettivo, influenzando le masse o per meglio dire il Gregge Umano di questo Pianeta!

Forse è per questo motivo che la serie Visitors è stata interrotta…era troppo evidente che metteva alla luce ciò che opera nell’ombra e quindi potenzialmente poteva risvegliare le Coscienze pronte ad essere svegliate e quindi liberate dalla Manipolazione Mondiale che stanno applicando!In un momento di profonda crisi, chi vorrebbe un Salvatore? 

Nelle giuste condizioni e con un po di tempo, la gratitudine diventa Adorazione o peggio Devozione. Il nostro senso di smarrimento di fronte alle “Catastrofi”, e la smarrita capacità di comprendere il mondo ci rendono pedine manipolabili da chi usa queste tragedie come opportunità.

PROBLEMA – REAZIONE – SOLUZIONE

Ogni aiuto che riceviamo, genera due aspetti fondamentali, Devozione appunto e, l’altro aspetto è la Ricattabilità. L’opposizione rafforza la maggioranza.

La Tecnologia come nuova religione

Ma che cos’è la Tecnologia? In greco “tekhnologhia” significa: Trattato, grammatica di una lingua. Ad esempio, le Api per comunicare hanno sviluppato una tecnologia interna, capace di leggere le frequenze e le vibrazioni, senza far uso di qualche linguaggio. Ma tutte le scoperte e i mille modi “Fisici” di comunicare, dal Pc, al Cellulare, non fanno altro che atrofizzare queste nostre possibilità.

L’uomo vuole trascendere, Vuole andare sempre oltre, ed è una dote Sacra che ci ha portato lontano, ma stiamo atrofizzando l’empatia a vantaggio di una tecnologia estrema a noi e da cui siamo dipendenti.

La Dipendenza porta a due aspetti. La Dipendenza porta alla paura del distacco, e la paura porta alla manipolazione. La paura, la disperazione, l’odio, sono emozioni di bassa frequenza, le sensazioni che hanno picchi emozionali più tenui, insieme alla consapevolezza portano all’azione consapevole.

Chi conosce le nostre emozioni, è di conseguenza le nostre reazioni, può controllarci e manipolarci semplicemente toccando i nostri punti deboli, giocando con le nostre Reazioni Prevedibili, che mancano di consapevolezza.

La Paura è l’arma che tutti noi usiamo per raggiungere certi scopi (pensate all’uomo nero che viene raccontato ai bambini per non fargli fare certe cose, o all’inferno per chi va in chiesa) e sa bene come usare queste Paure per poterci Controllare.

La mente è un grande mezzo ma se non la conosciamo bene diventa una prigione, cominciamo quindi a studiare noi stessi, la nostra psicologia, rafforziamo la “VISTA” del nostro Osservatore interno, siamo prima di tutto Esseri Spirituali, non siamo macchine.

Agiamo il più possibile con Amore Incondizionato. Diamo al Cuore il timone della Mente. E manteniamo la Fede in questo principio Universale. Ma non facciamoci Illudere da Falsi Profeti, da false Correnti Spirituali che promettono la Pace e la Gioia, escludendo la Sofferenza e la fatica

NEW AGE

Questo è il tempo in cui l’Odio verrà mascherato da Amore, parlerà come un DIO sapiente e saggio, e sarà la MENTE il suo vero obiettivo. Addestriamo il Cuore, l’Empatia e la nostra FEDE nell’Universo.

Trascrizione Video a cura di Nin.Gish.Zid.Da