Archivi tag: Amazon

Almanacco di maggio 2019

L’era della tirannia è iniziata – Washington ha distrutto la libertà occidentale

by Paul Craig Roberts
April 26, 2019

di PaulCraigRoberts Website

Un pesce marcisce dalla testa. Nel mondo occidentale il marciume sta accelerando.

Il marciume di Washington si sta diffondendo rapidamente ai governi statali e locali e all’estero ai governi dei vassalli dell’Impero. L’attacco di Washington al giornalismo rappresentato dall’arresto illegale di Julian Assange si è ora diffuso in Francia.

La politica di sanzioni del governo degli Stati Uniti nei confronti dei paesi sovrani che non seguono gli ordini di Washington si è diffusa,

lo stato di New York, dove il governatore ha minacciato sanzioni contro le istituzioni finanziarie che fanno affari con la National Rifle Association (NRA).
In Francia il presidente vassallo di Macron ha detto a tre giornalisti – che hanno rivelato che il governo di Macron ha intenzionalmente venduto armi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti per massacrare donne e bambini nello Yemen – per presentarsi alle interrogazioni della polizia.

Il rapporto dimostra che il governo di Macron mentì deliberatamente quando disse che non era a conoscenza del fatto che le armi francesi dovevano essere utilizzate per l’attacco piuttosto che per l’uso della difesa in violazione del Trattato sul commercio delle armi del 2014.

I giornalisti sono sotto inchiesta della gestapo francese per,

“compromettere i segreti di difesa nazionale”.

In altre parole, quando il governo francese mente, è una violazione dei segreti di difesa nazionale segnalarlo.

L’intero mondo occidentale sta adottando l’approccio di Washington nei confronti di Assange e criminalizza la pratica del giornalismo, proteggendo così la criminalità dei governi.

Se rivelate un crimine governativo, come ha fatto Wikileaks, sarete perseguiti dal governo criminale per averlo fatto. È come permettere a un criminale di perseguire la polizia e il pubblico ministero che lo vogliono arrestato.

  • Con il Primo Emendamento già sotto attacco e mirato all’eliminazione da parte di Identity Politics per aver permesso “l’incitamento all’odio”
  • Con il decimo emendamento distrutto dal criminale di guerra Abe Lincoln
  • Con l’habeas corpus e il giusto processo distrutti dai regimi di George W. Bush e Obama,

… rimane solo il secondo emendamento, ed è sotto attacco dal governatore di New York, Andrew Cuomo.
Cuomo ha rivelato che la sua minaccia di sanzioni contro le organizzazioni finanziarie ha lo scopo di mettere

“l’NRA è fuori dal mercato, stiamo costringendo l’NRA a compromettere finanziariamente, non ci fermeremo fino a quando non le chiuderemo”.

Il tiranno Cuomo sa che l’ANR non può operare senza un conto bancario e una copertura assicurativa.
Per essere chiari, il successo di Washington nel governo delle armi contro il popolo si è diffuso in tutto l’impero e giù nei governi statali degli Stati Uniti.
Quando aggiungiamo a questo la massa spiando i cittadini resi possibili dalla rivoluzione digitale, abbiamo come risultato la morte della libertà.
Parlare più delle “democrazie occidentali” significa mettere in bocca una menzogna. Ci sono esattamente zero governi occidentali che possono essere ritenuti responsabili dal popolo .

Non ci può essere un governo responsabile senza una stampa libera.

Non c’è libertà economica o libertà di associazione quando le imprese sono punite per avere rapporti commerciali con organizzazioni che sono bersaglio dell’oppressione del governo.
La “guerra al terrore” era un travestimento per un attacco alla Costituzione degli Stati Uniti, un attacco che è riuscito. Il peggior atto di tradimento nella storia è la distruzione da parte del governo degli Stati Uniti della Costituzione degli Stati Uniti.
L’era della tirannia è iniziata. Le elezioni non possono fermarla …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*******************************

GUERRA ALL’IRAN – SI PREPARA UN FALSE FLAG?

di Maurizio Blondet

Domenica  John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha minacciato l’Iran di  “forza inesorabile” annunciando lo spiegamento dell’USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group e di una task force per i bombardieri nella regione del Golfo Persico,  un messaggio “chiaro e inequivocabile” al regime iraniano.

La dichiarazione di Bolton ha  fatto riferimento a un “numero crescente di indicazioni preoccupanti” dall’Iran. A rincalzo, la corrispondente del Pentagono della CNN Barbara Starr ha precisato   che gli USA  sono al corrente  “specifiche e credibili” minacce iraniane contro le forze e i beni degli Stati Uniti in Siria, Iraq e in mare. L’articolo continua QUI

*******************************

 Più trivelle, meno marines.

Posted By Massimo Lupicino

Si parla in questi giorni delle nuove sanzioni all’Iran (embargo totale sulle esportazioni di petrolio) che andranno a colpire in modo pesantissimo l’economia del Paese messo già da tempo nel mirino dall’amministrazione Trump. Le analisi che si leggono in questi giorni sono ovviamente di tipo geopolitico, e ruotano attorno al complesso incrocio di interessi che vedono Stati Uniti, Israele e la monarchia saudita, unirsi appassionatamente nella lotta al regime degli ayatollah. Certamente sono considerazioni che hanno una loro validità. Ma sotto la cenere, al solito, cova altro. E come al solito quando si parla di Medio Oriente, covano temi legati all’energia. L’articolo continua QUI

*******************************

La geopolitica di Internet, vettore dell’egemonia statunitense

di PAUL ANTONOPOULOS

Il semplice fatto che gli Stati Uniti siano stati gli inventore di Internet attraverso il progetto militare DARPA del Pentagono ha impregnato un’egemonia unica, ma questo sta cominciando a essere sminuito dai suoi rivali cibernetici in Cina e in Russia.

La “guerra informatica” è già iniziata e gli Stati Uniti stanno combattendo contro la Cina e la Russia. Ora che il presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, assorto nel puzzolente scandalo INA Papers, ha dato ai suoi capi a Washington in modo non glorioso il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange – di doppia nazionalità australiano-ecuadoriana – un grande dibattito è stato scatenato nel decadente Occidente (‘qualunque cosa significhi’). Riguarda la libertà di espressione e la censura, specialmente nell’era cibernetica dominata dai giganti tecnologici della GAFAT della Silicon Valley (Google, Apple, Facebook, Amazon e Twitter), che irrompono persino nella privacy del codice genetico dei cittadini del valetudinario. L’articolo continua QUI in lingua inglese

*******************************

La UE respinge il termine iraniano di 60 giorni per l’accordo sul nucleare, dice che per il momento rimarrà impegnata.

[Nota del redattore: quindi eccoci qui, sia con gli Stati Uniti che con la UE non in conformità con il JCPOA, e l’UE sta attualmente minacciando di più sanzioni contro l’Iran se insiste sul fatto che l’Unione europea rispetti gli obblighi di commercio aperto con l’Iran.

Il provvedimento dell’UE per valutare la propria conformità è semplicemente dire che è da un lato, e dall’altro, promettendo di essere all’altezza dell’affare, ad un certo punto, è un’ammissione che non lo è. I media aziendali non li hanno ancora interpellati su questo.  L’articolo continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Le preoccupazioni sulla privacy crescono mano a mano che i dispositivi dello IoT si accendono 

di Chris Teale

La grande maggioranza dei cittadini non si fida dell’Internet of Things per due grandi motivi: mancanza di sicurezza e privacy dei dati. I tecnocrati non correggeranno questo senza una legislazione legalmente obbligata. ⁃ Editor TN

La sicurezza e la sicurezza dei dispositivi Internet of Things (IoT) rimane un problema irritante per i legislatori, mentre un’indagine da parte di Internet Society mostra che c’è ancora molta strada da fare prima di raggiungere una diffusa accettazione da parte del pubblico della connettività IoT.

L’indagine, condotta in sei paesi dalla società di sondaggi IPSOS Mori, ha rilevato che il 65% degli intervistati si occupa di come i dispositivi connessi raccolgono dati, mentre il 55% non si fida di tali dispositivi per proteggere la propria privacy. Nel frattempo, il 63% degli intervistati ha dichiarato di trovare i “dispositivi inquietanti”, che sono proiettati in numero di decine di miliardi in tutto il mondo, e sono “inquietanti”. Continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Affrontalo: se stai usando Amazon Alexa a casa tua, sei una persona incredibilmente credulona.

Di Ethan Huff

(Natural News) Il tono muto della popolazione americana mainstream è ancora una volta in piena mostra con il continuo successo dei dispositivi di ascolto di Alexa di Amazon, che sono stati ripetutamente esposti come nient’altro che strumenti di sorveglianza del Grande Fratello per tenere sotto controllo persone abbastanza credulone da permettere tale tecnologia nelle loro case “intelligenti”.

Commercializzandoli come “cool” giocattoli tecnologici che presumibilmente rendono la vita più facile e più confortante, Amazon ha davvero fatto una rapida comparsa sul pubblico con il suo stratagemma Alexa – e specialmente quelli abbastanza stupidi da pagare effettivamente per una di queste cose, che fondamentalmente permette a Jeff Bezos e alla sua brigata di spioncini digitali di spiarli 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non sorprende affatto il fatto che quasi nulla di ciò che Amazon ha da tempo rivendicato sulle protezioni della “privacy” di Alexa sia in realtà vero. L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld

Quanto è profonda la tana del coniglio?

rscheer1025amazon-1024x576 - 1

AMAZON: La più grande operazione congiunta CIA-Corporate Covert nella storia degli Stati Uniti 

Pubblicato il 6 marzo 2019 da State of the Nation

C’è una buona ragione per cui l’hanno chiamata AMAZON!

Stato della nazione

Proprio come Walmart è stato utilizzato per rilevare l’industria al dettaglio americana dopo essere stato incorporato nell’ottobre del 1969, Amazon è stato effettivamente creato per dominare completamente l’industria di vendita al dettaglio basata su Internet, che ha realizzato con successo.

A partire dal 31 gennaio 2019, Walmart ha 11.348 negozi e club in 27 paesi, operanti con 55 nomi diversi. [1]

Amazon

Pensi davvero che il nome stesso – AMAZON – non sia stato scelto con un design deciso?

Non solo questa joint-venture della CIA-Corporate è un’operazione black black, ma è anche un enorme psyop (ndr. operazione psicologica) che aumenta di giorno in giorno.

Come mai?

Bene, ancora una volta, il settore della vendita al dettaglio americano è crollato con negozi e centri commerciali che chiudono in tutto il paese a perdifiato.

Laddove Walmart ha funzionato efficacemente come un tornado F5 per le piccole comunità rurali di tutto il mondo, Amazon si sta rapidamente trasformando in un mega-uragano Cat 5: NATIONWIDE.

Amazon è andato da una società che non ha fatto un centesimo per molti anni e ha letteralmente operato in perdita, fino a diventare nel 2019 “l’aziendapubblica più preziosa al mondo dopo aver superato Microsoft“.

Amazonrivermap.svg_2

In realtà, il Rio delle Amazzoni è il fiume più lungo del mondo e il più grande per volume di scarico dell’acqua. Il suo sistema tributario di fiumi, torrenti e ruscelli è il più complesso e complicato del pianeta. Il suo impatto pervasivo e profondo sul Sud America è maggiore di qualsiasi altro grande fiordo di qualsiasi altro continente.

Non solo, ma il modello di business di Amazon è stato creato e strutturato dall’inizio come un polpo che innerva e compenetra ogni segmento del settore aziendale. Questo è il modo in cui Amazon viene utilizzato per monitorare e controllare gran parte della Corporate America. Proprio come il gigantesco Rio delle Amazzoni serpeggia attraverso la metà settentrionale del Sud America, poiché numerosi affluenti influenzano profondamente tutto ciò che incontra sul loro cammino, l’enorme piattaforma Amazon.com esercita un’influenza ben oltre il commercio su Internet.

La linea di fondo qui è che Amazon può comportarsi come un gorilla da 800 libbre, che siede dovunque voglia, perché è stato fatto in quel modo. Basta guardare il dramma recitato a New York City con il ritiro della proposta di Amazon di aprire un negozio lì. Che scherzo completo … su tutti tranne Deep State. 

jeff-bezos-amazon-cia-and-the-washington-post - 3

Il Teatro Kabuki

La storia nascosta dietro la debacle di AOC a New York è che tutto il teatro Kabuki viene deliberatamente messo in scena in modo che ogni comunità negli Stati Uniti sia consapevole che Amazon è molto serio … e che non deve essere incasinato … da nessuno. Otterranno sempre ciò che vogliono perché è una vera e propria operazione governativa-aziendale.

Ora vediamo il palco giusto e il melodrammatico Jeff Bezos-Lauren Sanchez “Peyton Place” viene messo in scena con il massimo effetto. In questo caso, la moglie è la vera agente segreta della CIA che manca a tutti. Non solo era la vera mente dietro Amazon, è anche il conduttore, il gestore di Bezos. Guarda esattamente come è fatto al link sottostante.

PEDOGATE: donne agenti in posti molto alti

Chiunque pensi che MacKenzie S. Bezos sia solo una ragazza innocente spacciata dal suo matrimonio con il miliardario Bezos dovrebbe considerare il vero MO dietro ogni grande start-up che nasce in un laboratorio DARPA.

A proposito, come fa un ragazzo come Jeff Bezos a diventare l’organo principale dei media di Mockingbird della CIA … … … tranne che per un design deciso, ESTREMAMENTE VELOCE?!

Allo stesso modo, come fa Amazon a conquistare il mercato del cloud computing in un giorno e una notte? Parla di una grande mossa del Grande Fratello per bloccare lo spazio nel cloud! Ora Amazon sta perseguendo la logistica: Amazon ha rilevato il mercato di 176 miliardi di dollari per il cloud computing. Ora sta usando lo stesso playbook nella logistica.

Tutte queste enormi mosse nella corporativa America riflettono lo schema segreto per concentrare in modo significativo il potere e l’influenza delle corporation nelle mani di poche aziende e di alcuni amministratori delegati/ presidenti/magnati aziendali.

Anche le principali metriche che misurano il successo dei mercati indicano che, nel 2019, tutto si riduce all’AAAA – Amazon, Apple, Alphabet, AT & T – così come Walmart, Microsoft, Facebook, Exxon Mobil e pochi altri colossi aziendali che sono stati istituiti fin dall’inizio come imprese governative.

Screen-Shot-2019-03-06-at-9.53.17-AM - 4

Comando e controllo

Il vero problema che emerge di volta in volta con tutti questi mostri aziendali è che mangiano tutto a vista in modo da poter controllare monopolisticamente il mercato – OGNI MERCATO, direttamente o indirettamente.

Tuttavia, è il mercato delle idee e dell’innovazione che soffre davvero per mano di questi mostri controllati dalla CIA. Chi non vede il controllo draconiano che i Big Social Media esercitano attualmente sulla nostra libertà di parola? Sia Facebook che Twitter disattivano la voce di chiunque a cui non interessa ascoltare, così come la sempre censura di Google.

Quello che segue è solo un gelido esempio del modo in cui Amazon viene utilizzato per porre fine a qualsiasi dissenso negli Stati Uniti contro l’agenda di super-vaccinazione dannosa e talvolta mortale.

Shifty Adam Schiff minacciando la censura, spinge Amazon a rimuovere tutti i contenuti anti-vaccino

Ora qui ci sono altri due esempi lampanti della censura amazzonica che dovrebbe riguardare ogni lettore in America. E questo modello sta diventando sempre più frequente e audace di mese in mese, proprio come Facebook e Twitter stanno chiudendo incautamente gli account utente a destra ea manca per non fare altro che esercitare la libertà di parola.

AmazonBans ‘Holocaust Denial’, distrugge e incenerisce migliaia di libri

Come il mio libro che smaschera Bill Browder è stato censurato da Amazon da AlexKrainer

Non solo le idee estremamente importanti vengono eliminate con un solo tasto dai Sultani della Silicon Valley, così come le persone che si oppongono all’agenda del Nuovo Ordine Mondiale. Come proprietario del Washington Post, Bezos è noto per abbattere qualsiasi nemico di Deep State DCi n un momento. Vedi: Il pedone della CIA Jeff Bezos usa WashPo per imbrogliare gli oppositori politici di Deep State

In che modo Bezos è arrivato a possedere il WAPO in primo luogo? Allo stesso modo, suo nonno è stato misteriosamente nominato Presidente della Monsanto.

BLOCKBUSTER: il nonno di Jeff Bezos era presidente della Monsanto

Tutto fa pensare alla famiglia Bezos come a una di quelle famiglie della CIA che risalgono a generazioni. È il tipo di famiglia che prenderà ordini dal TPTB e condurrà senza dubbio quegli ordini, non importa quali siano le conseguenze per le persone e il pianeta. In sé e per sé, non esercitano alcun potere reale, ma vengono usualmente usati come agenti di Deep State e agenti della US Intelligence Community-24/7.

A questo proposito, Bezos non è altro che un appaltatore della CIA il cui compito principale è quello di espandere e consolidare la portata della Società (come la CIA è conosciuta in ambienti di intelligence) in tutto il mondo. Molto presto Amazon sarà pervasiva e potente, a livello internazionale, come lo è Walmart e come Coca Cola era una volta sul campo.

PUNTO CHIAVE: Pochissimi capiscono davvero, ma il motivo principale per cui viene chiamata la CIA La Società è perché controllano [COMPLETAMENTE] l’America corporativa. Non puoi nemmeno diventare un amministratore delegato e/o presidente aziendale senza essere un agente o un appaltatore della CIA che trasporta carte. Le 1000 aziende della Fortune sono popolate da così tanti spettri della CIA in seno alla direzione che possono essere contati per portare a termine i vari programmi segreti della CIA, sia a livello nazionale che internazionale.

La natura stessa della società pubblica o quotata è tale che non appena diventa pubblica e le azioni possono essere scambiate, l’influenza dei suoi proprietari, fondatori e dirigenti è immediatamente diluita nella misura in cui è di proprietà al di fuori della CIA – azionisti scelti. Ogni volta che la CIA vuole assumere una qualsiasi corporazione, si limitano ad acquistare azioni, obbligazioni e ogni altra sicurezza quotata in borsa. Poi dettano chi sarà il Consiglio di amministrazione, che quindi approverà il top management attentamente selezionato e compromesso e i loro pacchetti di compensazione.

Screen-Shot-2019-03-06-at-10.08.04-AM - 5.png

Intelligenza

Non c’è stata una maggiore collaborazione pubblica tra la Central Intelligence Agency e una società con sede negli Stati Uniti rispetto a quella di Amazon e della CIA

Il numero ENORME di progetti comuni che sono stati resi pubblici è senza precedenti e allarmante. Il fatto che il più grande rivenditore online al mondo sia così strettamente associato alla CIA è una riflessione sul fatto che a Deep State davvero non importa più quello che pensano gli americani. A loro non interessa nemmeno se i cittadini chiedono: Amazon Echo è un dispositivo di ascolto della CIA?

Ciò che rende questa partnership in rapida evoluzione così pericolosa e angosciante è il fatto che ci sia una finta lucentezza attribuita a queste entità statali di cui molti vogliono essere parte. In questo modo, le persone sono in soggezione di questi Frankentein aziendali, invece di essere estremamente diffidenti nei loro confronti.

Il che pone la domanda: quanto ha collaborato la CIA con AMAZON per cambiare la raccolta di informazioni americane?

Il che richiede ulteriori indagini su questa richiesta: “Cosa sta facendo la CIA su Amazon’s Cloud?”. Sicuramente, ci sono molte altre domande che devono essere fatte post-fretta in questi vari progetti comuni che influenzeranno profondamente ognuno di noi in futuro.

Ciò che è fuori discussione è che Amazon.com si è trasformato in una delle più grandi operazioni di data mining nella storia del mondo. Alcune persone trascorrono tutto il giorno lì a fare shopping e lasciare commenti e sfogliando da video a video, da libro a libro e da audio ad audio. Ognuno di questi tempi passati crea più dati che sono indubbiamente catturati e archiviati e analizzati in modi che solo la CIA può fare.

Quello che è di fondamentale importanza per comprendere è che la CIA, l’NSA e la DIA sono al centro di questa operazione globale di raccolta di informazioni. Amazon, Google, Facebook, Twitter, Apple, Microsoft, Instagram, Snapchat, ecc. Alimentano continuamente i loro dati raccolti furtivamente al governo, così come ad altri acquirenti dei dati che poi li utilizzano in modo altamente manipolativo. Wow: che schema complesso e complicato per spogliare la cittadinanza della loro privacy, eppure quante persone ne conoscono la profondità e l’ampiezza?

Censura amazzonica 

Con questa comprensione critica, Amazon è stata intenzionalmente creata per centralizzare gran parte del potere di acquisto e vendita al dettaglio in una società. Il sito Web Amazon, famoso in tutto il mondo, non è solo un negozio per tutto quello che c’è sotto il sole, ma stabilisce un registro digitale degli acquisti di ogni acquirente e di altre abitudini online. Affermare che un profilo sociale altamente dettagliato è in via di definizione sarebbe un eufemismo grossolano perché una MOLTA maggiore profilazione si sta compiendo con ogni visita al proprio sito.

Tuttavia, è il potere grezzo dello stato di censurare illegalmente quella che è la più grande preoccupazione per una società libera e aperta. A questo proposito, quando Amazon getta il suo peso intorno, We the People viene schiacciato senza ricorso. E il governo non metterà nemmeno un dito in difesa del Primo Emendamento o di qualsiasi altro alto principio o del diritto dato da Dio.

Dopotutto, Amazon è interamente posseduta e gestita da entità governative segrete che sono praticamente impossibili da identificare e, quindi, difficili da controllare.

Questa è la rubrica sotto la quale l’intera società americana è realmente governata e controllata; è una corporazione fascista in cui il settore delle imprese si unisce al governo con il governo … ma nessuno sa davvero della collusione criminale, tranne alcuni power-players in cima.

190306-bezos-network-al-1014_76a772458fdb8087939d21aa53b90eed.fit-2000w-1024x512 6

Il cast di personaggi va ben oltre le principali stelle di “The Jeff Bezos Affair”

The Jeff Bezos Affair and Divorce

Alla luce di queste rivelazioni cruciali, come si fa a capire la soap opera più accattivante nella storia di Hollywood? Ricorda, anche la CIA e Hollywood sono state sempre affiancate. Sono esperti nel creare spettacoli che distraggono e ingannano, distraggono la nostra attenzione e l’errata direzione.

Persino il New York Times ha etichettato il “caso Bezos e il divorzio” il più grande melodramma di VIP che abbia mai incantato così tanti osservatori in tutto il mondo. Anche la star dello show – Jeff Bezos – sembra divertirsi nel suo nuovo ruolo di star dello schermo (smartphone) … e avvocato. Vedi: Cosa sta succedendo nel mondo con “Jeff Bezos, Esq.”?

In verità, tutto questo affare di Bezos fa sembrare “DALLAS” la “FLYING NUN”. Davvero non puoi inventare questa roba; a meno che, ovviamente, sia stato sceneggiato dai migliori e più brillanti contraenti della CIA di Hollywood, cosa che ha fatto.

Tuttavia, qui c’è un retroterra politico altamente radioattivo. Quella storia riguarda Donald Trump e Jeff Bezos, la CIA e l’organizzazione Trump, The Washington Post e National Enquirer. E, “Sì!”, Ha molto a che fare con il fatto che CIAPawn Jeff Bezos usa WashPo per imbrogliare gli oppositori politici di DeepState.

Ma qual è la vera storia qui?

Questo sarà trattato in un articolo futuro perché il punto vitale di questo pezzo è molto più essenziale da comprendere. Nel frattempo, ci sono molti dettagli sordidi nel link qui sotto che aiuteranno i poliziotti a seguire questo puzzle intel insieme.

ENORMETakedown di Jeff Bezos in corso: la parte di Padrona è MANLY?

Conclusione

Abbiamo alcuni problemi molto seri nel modo in cui Amazon ha preso il controllo di tanta parte della società americana. Ciò che è particolarmente preoccupante è il modo in cui il crescente impero di Bezos ha arrogato così tanto potere a se stesso così rapidamente, in particolare durante gli anni senza legge di Obama.

Quando i titoli sono letti in questo modo: Trump Leak Now punta all’affare nascosto da 600 milioni di Bezos con la CIA di Obamaper alimentare Washington Post, sai che abbiamo GRANDI problemi. Il fatto che un sito di vendita al dettaglio possa sviluppare così tante interrelazioni corrotte e compromettenti in tutta la comunità Intel, ci si chiede quale sia lo stato profondo messo in atto nel corso di diverse decadi sotto il radar.

Alla fine della giornata, Amazon è solo un’altra entità fascista che dovrà essere trattata in modo decisivo … prima di trattare gli Stati Uniti con tutto ciò che riteniamo sacro e importante per il modo di vivere americano. Oh, e comunque, quasi tutti gli impiegati di Amazon ti diranno che lavorare lì è come lavorare nel Terzo Reich, dove la Gestapo diretta da Bezos sta conducendo lo spettacolo da dietro. (il sipario enfasi aggiunta).

Il Piano d’azione

banned-1 - 8

Stato della nazione

6 marzo 2019

fonte [1] Walmart

Fonte articolo: http://stateofthenation2012.com/?p=117984

®wld

Almanacco di settembre 2018

NELLA UE, NE’ LIBERI NE’ soprattutto UGUALI

Maurizio Blondet

Heri dicebamus:

Ogni giorno  bisogna diventare più coscienti che quella verso questa UE è una vera lotta di liberazione  – per la  riconquista della libertà e dell’uguaglianza nel consesso europeo, dove siamo stati ridotti a inferiori e subalterni.

Una tizia dell’OCSE ci ingiunge di non abolire la legeg Fornero e accusa l’Italia di essere “un rischio per la prosperità europea”.

La  BCE e la Commissione  ci minacciano di apocalissi e ritorsioni se “sforiamo” il deficit dell’1,6 per cento,  negandoci il 2, e il 2,9 –  ma non era il 3, il limite per tutti gli altri? mentre  Macron sforerà il 3 per cento anche quest’anno come da almeno un quinquennio, senza ricevere  alcuna censura.

Quello che ci vien vietato  così  severamente è una spesa in deficit di 10-15 miliardi;  mentre  la BCE non si è accorta che la Danske Bank  ha, tra il 2007 e il 2015, riciclato 200  miliardi di euro – e il tutto nella filiale estone, ossia di un paese di 1,4 milioni di abitanti, il cui prodotto interno lordo è di 22 miliardi, ossia un decimo della cifra riciclata e fatta sparire. Ma   Danimarca ed Estonia non sono  un rischio per la prosperità dell’Europa – l’Italia lo è.

L’Italia  i cui “mercati esteri”, al contrario delle previsioni e desideri degli oppositori all’attuale governo, nemici interni in combutta con i nemici esterni, sono tornati a comprare i Buoni del TEsoro italiani: perché non credono affatto all’imminente default italiano minacciato dali tedeschi e francesi, e propagandato dagli italiani servi.

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2018/09/19/investitori-esteri-tornano-a-comprare-btp-a-luglio_037d3072-486d-4aa0-a884-1972ef4be6ec.html Continua QUI

5G, pericolo salute: in America 300 sindaci non lo vogliono! E in Italia una petizione da 5.000 firme pel Governo: “FERMATE IL 5G”!

di Maurizio Martucci

America dei controsensi, dal 1° Ottobre il 5G funzionerà a Houston, Indianapolis, Los Angeles e Sacramento, ma c’è pure chi dice no: se a Doylestown (Pennsylvania) da più d’un anno i funzionari rimbalzano tra tribunali statali e federali per fermare l’invasione di mini-antenne di quinta generazione, dopo le città di San Anselmo e Ross, anche il comune di Mill Valley (sempre in California) ha bloccato il 5G: troppo inquinamento elettromagnetico, esiste un fondato pericolo per la salute pubblica! Ricevute le protesta dei cittadini, i municipi si sono opposti all’installazione del wireless 5G per salvaguardare “la salute e la sicurezza della comunità”.

Lo stesso è accaduto a Palm Beach (Florida): i maligni dicono perché lì risieda nientemeno che il Presidente Trump (pare non gradisca vivere in un groviglio di radiofrequenze pulsate senza eguali!), ma il numero dei tecnoribelli potrebbe lievitare il 26 Settembre se la spunteranno i sindaci: oltre 300 primi cittadini della Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti ha infatti annunciato una maxi-denuncia contro la Commissione Federale delle Comunicazioni se proseguirà “con la forza ad installare il 5G sulle città che non lo vogliono”. Ciò, sostengono, “impedirebbe ai governi locali di esaminare adeguatamente l’impatto che gli impianti di trasmissione potrebbero avere su salute pubblica, sicurezza e benessere della comunità locale“.

A differenza della silente Italia (un vuoto d’informazione sui rischi sanitari ha accompagnato la posa della prima antennina 5G a Bari del sorridente e sprovveduto Di Maio), all’estero l’opinione pubblica si mobilita perché dibatte nel capire se e come il 5G potrebbe minare la salute pubblica. Dueesempi: in USA ne parla in prima serata Tv il seguitissimo Dottor Oz, mentre in Inghilterra un tabloid come il Mirror rilancia la storia di Neil Whitfield, 60enne britannico malato di cancro. Se vincerà il giudizio contro un colosso di telefonia mobile, previsto un risarcimento record di 1 milione di sterline! Continua QUI 

Corbyn: web di Stato, libero e trasparente, per i cittadini

 

Parliamoci chiaro: uno dei grandi problemi dei nostri tempi è che la politica e il diritto non riescono a stare al passo con i progressi tecnologici, specialmente a partire dall’avvento dell’era di Internet. È accaduto infatti che, mentre alcune grandi aziende informatiche si affermavano e diventavano rapidamente monopoli, i nostri parlamenti sono rimasti perlopiù inermi, sia perché vittime dell’illusione che rappresenta Internet come il regno delle libertà, il massimo terreno di realizzazione della democrazia, sia per semplice inadeguatezza e mancanza di preparazione in materia.

Si è dovuta attendere la totale scomparsa della privacy, prima di porsi il problema di come tutelarla. Si son dovuti perdere miliardi di euro in tasse, a fronte degli enormi fatturati di Google, Facebook e Amazon, prima di iniziare a discutere sulla possibilità di una “tassa del web”, da rimandare però in sede europea. I ceti politici invece inizialmente non hanno compreso le potenzialità offerte dai social network, perdendo bruscamente e a causa di ciò i loro consensi in favore di quelle nuove forze che invece ne hanno intuito i vantaggi in termini di propaganda, per poi farne, tutti insieme, un uso sistematico e spregiudicato, riducendo di fatto il loro rapporto con i cittadini ad una manciata di caratteri su Twitter (basti pensare che, a dispetto di una lunga tradizione che vedeva i candidati alla presidenza americani fare il proprio annuncio in discorsi tenuti nelle università, Hillary Clinton palesò le proprie intenzioni su Twitter). Continua QUI

UNISEX: LA VIA PER L’INDIVIDUO SENZA IDENTITA’

È notizia di queste ore che a New York, a partire da questo periodo, i genitori dei neonati potranno scegliere di far scrivere sul certificato di nascita di questi ultimi, invece di “maschio” o “femmina”, la dicitura “Gender X”. Questa è solo l’ultima follia di una ideologia che sempre più si sta affermando nelle istituzioni. In pochi hanno il coraggio di denunciare questa situazione; e quei pochi che questo coraggio lo hanno, sono violentemente attaccati e messi alla pubblica gogna. Una situazione di cui tutti dovete prendere coscienza: ne vale del vostro futuro e di quello dei vostri figli.

Esiste un libro “speciale” in Italia dal titolo UNISEX e con sottotitolo “Cancellare l’identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale” pubblicato da Arianna Editrice. Gli autori sono la giornalista Enrica Perucchietti e lo scrittore Gianluca Marletta. Perché questo libro è “speciale”? Perché è uno dei pochissimi libri esistenti che denunciano la così detta “ideologia gender” non tramite un altro credo dogmatico, bensì attraverso una vera e propria inchiesta molto documentata. A ogni affermazione, infatti, viene sempre riportata la documentazione e le fonti verificabili. Con UNISEX, dunque, a mio parere ci troviamo di fronte a una vera e propria opera di “giornalismo d’inchiesta”.

Inchiesta che, appunto, data la quantità di fonti riportate, non può che lasciare scioccato e basito il lettore per le conclusioni a cui questo libro arriva. Infatti non a caso gli autori hanno subito numerose minacce (persino di morte), evidentemente da chi queste conclusioni non le può accettare. Non solo. Il libro “vanta” anche periodici tentativi di screditamento. L’ultimo — avvenuto proprio durante la scrittura di questo articolo — sì è verificato su Wikipedia dove, alla voce “Omosessualismo”, l’ideologia gender viene definita come “complotto che vedrebbe il movimento omosessuale tentare di reclutare le giovani generazioni per distruggere l’umanità”. Continua QUI

Sarin per la Siria, l’influenza suina per la Russia, i medicinali avvelenati per gli Stati Uniti e molti georgiani morti per testare tutto

 By GordonDuff, Senior Editor

Al fine di rendere il mondo più sicuro, gli Stati Uniti stanno sviluppando un virus del colera armato presso il laboratorio Lugar di Tbilisi, in Georgia. Il tasso di mortalità proposto per questo “prodotto” sarà del 50% e non ci sarà alcun vaccino.

Per VT, sembra un’arma biologica, non una ricerca.

Il video è sottotitolato. Questa è una storia di VT, spezzata dal nostro Jeffrey Silverman che è dovuto andare a nascondersi.

I documenti di VT stanno dimostrando che gli Stati Uniti hanno spostato il loro programma di guerra batteriologica in Georgia e in altre nazioni vicino al confine russo. Lì, gli Stati Uniti stanno armando e testando una varietà di malattie sotto la copertura di “epidemie misteriose”.

VT detiene migliaia di pagine di documenti che descrivono violazioni di trattati che vietano lo sviluppo di armi biologiche e chimiche, gli unici trattati che gli Stati Uniti sono ancora firmatari.

È questo uno dei motivi per cui John Bolton ha minacciato di arrestare (assassinare?) I giudici presso la Corte penale internazionale dell’Aia se gli americani sono accusati di crimini di guerra?

Veterans Today racconta al pubblico russo dove proviene il gas velenoso usato all’interno della Siria.

I georgiani, che hanno stupidamente ospitato questo impianto di bio-armi dal 2011, ora soffrono di malattie inaudite. Continua QUI in lingua inglese

Assange rivela la più grande minaccia per l’umanità nell’ultima registrazione rilasciata

Prima di essere tagliato da quasi tutti i mezzi di comunicazione con il mondo esterno a marzo, il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che rimane nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, ha condiviso la sua prospettiva sulle minacce che l’umanità deve affrontare in relazione allo sviluppo e alla protezione dei dati.

Uno dei più famosi whistleblowers del mondo, Julian Assange, ricercato dagli Stati Uniti per aver fatto fuoriuscire documenti riservati attraverso il suo sito WikiLeaks sulla guerra in Iraq per quasi un decennio, ha predetto uno scenario cupo che è “molto instabile sulla civiltà tecnologica”, affermandolo ” non va avanti a lungo “a causa della concorrenza molto rapida nel mondo cablato.

“Può produrre intelligenze artificiali molto robuste che possono essere accoppiate con stati. Lo puoi vedere negli Stati Uniti e in Cina … queste due forze prenderanno tutto il mercato. E la rapida concorrenza tra di loro con il sostegno e il sostegno degli Stati dietro di loro, l’esacerbazione della competizione commerciale attraverso la competizione geopolitica porterà ad un desiderio incontrollabile di crescita della capacità di intelligenza artificiale, portando a un conflitto o una stucchezza molto grave. Questa è la nostra più grande minaccia”, ha detto nel video, registrato prima del suo quasi completo oscuramento e rilasciato dagli organizzatori del World Ethical Data Forum di Barcellona. 

Secondo il fondatore di WikiLeaks, “quella competizione geopolitica imbrigliata dalle più grandi società di intelligence artificiale” è pronta “per accelerare un processo che gli esseri umani non possono più controllare”. Continua QUI in lingua inglese

®wld

AI – il prossimo passo della civiltà

 L’IA distruggerà la razza umana?  Credito dell’immagine: Shutterstock

Elon Musk avverte: l’Intelligenza Artificiale è altamente probabile che distrugga gli umani

Nonostante il fatto che ci siano molti che accolgono l’intelligenza artificiale dicendo che è il prossimo passo per la nostra civiltà, ci sono molti esperti in materia che hanno emesso un forte avvertimento quando si tratta di AI.

Elon Musk, fondatore di Tesla e SpaceX sostiene che l’Intelligenza Artificiale è altamente probabile che sia una minaccia per le persone.

L’uomo dietro SpaceX e Tesla desideravano che una manciata di grandi aziende finissero per controllare i sistemi di IA con un livello di potenza “estrema”.

Questo, secondo Musk, non è una buona idea e può risultare estremamente pericoloso per la nostra civiltà.

Il Rolling Stone riferisce che dopo aver fatto vedere il documentario sull’intelligenza artificiale al personale di Neuralink, ha detto che “forse c’è una probabilità del 5-10% di successo [di rendere l’intelligenza artificiale sicura]”. 

Mr. Musk avverte che dobbiamo procedere con attenzione quando si tratta di AI, ed è stato detto e chiesto alle compagnie che sviluppano sistemi di IA di rallentare al fine di garantire che non creino involontariamente qualcosa di estremamente pericoloso per gli umani. 

Ha detto a Rolling Stone che “Tra Facebook, Google e Amazon – e probabilmente Apple, – ma sembrano preoccuparsi più della privacy – quando in realtà hanno più informazioni su di te di quanto tu possa ricordare”. 

“C’è molto rischio nella concentrazione del potere. Quindi, se l’AGI [intelligenza artificiale generale] rappresenta un livello estremo di potere, dovrebbe essere controllato da poche persone su Google senza sorveglianza?” 

E probabilmente Musk ha ragione, sai, non possiamo lasciare una tecnologia potenzialmente pericolosa per la civiltà nelle mani di poche aziende, giusto? Questo è il motivo per cui Mr. Musk crede che dovremmo regolare proattivamente lo sviluppo dell’IA.

L’ultima volta che Mr. Musk ha parlato delle minacce che l’Intelligenza Artificiale rappresenta ha detto: “Ho un’esposizione all’IA più all’avanguardia di molti e penso che le persone dovrebbero essere davvero preoccupate. Continuo a far suonare il campanello d’allarme ma fino a quando la gente non vedrà i robot andare in strada a uccidere la gente, non sapranno come reagire perché sembra così etereo”.

Il presidente della Russia, Vladimir Putin condivide, in parte, la sua opinione, ma allo stesso tempo vede l’IA come una “opportunità colossale”

In una dichiarazione agli studenti, il leader russo ha affermato che qualsiasi paese che conduce la ricerca sull’intelligenza artificiale dominerà il pianeta. E avranno un sacco di potenziali vantaggi sia nel bene che nel male.  

Putin non poteva essere più esplicito e assicura che “l’intelligenza artificiale è il futuro, non solo per la Russia ma per tutta l’umanità”. 

Voleva anche, ed era sua intenzione, di avvertire dei possibili pericoli che, come sappiamo, sono difficili da prevedere:

L’intelligenza artificiale offre opportunità colossali, ma anche minacce difficili da prevedere. 

Putin ha avvertito che questa tecnologia aiuterà a progredire nella ricerca medica e in tutti i tipi di industrie, ma il vero timore è che possa anche essere la chiave di volta di una possibile guerra.

Subito dopo le dichiarazioni di Putin, Elon Musk ha usato il suo account Twitter per chiarire che è molto preoccupato, assicurando che tutto ciò ci porterà verso la terza guerra mondiale. 

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da  

Articoli in correlazione:

L’intelligenza artificiale sarà la guerra del futuro 

La cancrena sociale  

Armi Autonome – Droni Assassini 

DARKNET – encryptions quantistiche 

Baracuda con le chiavi della vita sulla Terra

Baracuda con le chiavi della vita sulla Terra

2017 YTD RETURN. E CAPITE PERCHE’ TECH-GLEBA CI SARA’. 

2017 YTD RETURN, tre semplici cose. Ma dovete capirle.

Il 2017 è quest’anno, fin lì ci arriva anche Stefano Fassina.

YTD significa Year To Date. Tradotto è: dall’inizio dell’anno (YEAR) alla (TO) data di oggi 29 ottobre (DATE).

RETURN è la percentuale di profitti realizzati da un investitore nelle azioni di un’azienda nel periodo appena citato.

Ora, con questa nozione, prendiamo il settore di cui vi parlo da quasi un anno, perché sta letteralmente cambiando il Pianeta come mai nella Storia: le TECH in Artificial Intelligence.

Il postulato N. 1 che io vado spingendo da tempo, è che gli investitori, cioè soprattutto gli squali della mega-finanza, si stanno buttando sulle aziende TECH perché sanno che esse – grazie all’Artificial Intelligence, ai computer quantistici, a nuovi materiali e farmaci incredibili, e grazie alla robotica o ai Drones commerciali, armi e tanto altro – sono sulla strada per diventare i Padroni Privati della vita sulla Terra con in mano le Chiavi.

Il postulato N. 2 di cui vi avviso, è che se è vero che i barracuda della finanza mondiale si sono gettati in questo settore, essi poi pretenderanno un ricavo alto sugli investimenti, per cui queste Chiavi della vita sulla Terra – ovviamente nei settori cruciali di Salute, Ambiente, Energia, Difesa o Commerci, e non le stupide App per il popolino – avranno prezzi talmente alti da creare un mondo con miliardi di umani in TEC-GLEBA e con un’elite ricca come mai nella Storia.

Ma allora, sto Barnard dice la verità sul lucro della mega-finanza sulle aziende TECH in Artificial Intelligence?

Ok, sopra c’è la foto dello YTD RETURN in queste aziende, cioè della percentuale di profitti realizzati dagli investitori dal primo gennaio 2017 a oggi 29 ottobre 2017. Sono listate le 19 maggiori aziende TECH in Artificial Intelligence, e (IBM a parte) potete capire voi stessi anche solo con uno sguardo, quanto si stanno impennando i profitti di chi ha ficcato milioni in questi colossi.

Dal minor profitto della Cisco Systems (relativamente, perché ha dato un +16,7%), si sale lungo Intel, Alphabet di Google, SAP SE, SoftBank, Oracle, Microsoft, Apple, Baidu, Salesforce, Amazon, Tesla, Facebook, Netflix, Samsung, PayPal, Tencent, e nella stratosfera troviamo Alibaba.

Per darvi un’idea, Jack Ma con sta sua azienda TECH dal nome buffo, Alibaba, ha reso un incredibile YTD RETURN sulle sue azioni del +98,8%.

E QUESTA E’ LA SITUAZIONE AD OGGI, QUANDO ANCORA TUTTA LA NUOVA GENERAZIONE DI TECH IN A.I, QUANTISTICA ecc. CHE RIBALTERA’ IL PIANETA, DEVE ANCORA USCIRE.

Allora, siccome uscirà e di questo esiste la certezza sia scientifica che finanziaria, voi dovete chiedervi due cose: quanto s’impenneranno i YTD RETURNS, dato che vi sarà la frenesia mondiale per acquisire le TECH, le cure, i farmaci, i robot, i Drones commerciali, le armi ecc.; e quanto dovranno pagarle i popoli per garantire quelle impennate nella tasche degli investitori.

Tutto qui.

E la risposta è già oggi sulle pagine dei quotidiani. Gli Stati non possono più spendere, per cui venderete un polmone, e forse ce la farete, con famiglia, per qualche annetto. Questa, badate, è roba confronto a cui il disastro delle Austerità UE vi sembrerà un sorbetto al limone. Fa rima con polmone.

Non fate figli.

MA I RIMEDI CI SAREBBERO:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1874

MA PURTROPPO IN ITALIA:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1922

Fonte: http://paolobarnard.info/

Letture per il fine settimana

 
 
 
 
 

L’impegno verde degli unicorni di Wall Street

 Chi comanda davvero? 

By Massimo Lupicino

Sostiene il Mainstream che il mondo va in malora perché gli inquinatori e gli sfasciamondo, forti della loro potenza economica, continuano ad inquinare impunemente. Pur di rovinare il Pianeta con sadico accanimento, i rovinamondo manipolano l’informazione e corrompono le menti dei più deboli, sostenuti dal gotha della finanza, molto vicino agli interessi delle mega-corporations petrolifere, energetiche, chimiche e industriali in generale. Del resto, parliamo di società la cui capitalizzazione in borsa permette di fare attività di lobby come nessun’altra società. Chi si oppone alle mega-corporations in questione, invece, è privo di sostegno e di mezzi economici, e non ha voce in capitolo, schiacciato com’è dal potere economico dei cattivi.

Ma è davvero così?

In Fig.1 possiamo vedere quali sono le società più capitalizzate al mondo, ovvero le più “ricche”, per farla semplice. La classifica è riferita a intervalli temporali di 5 anni e mostra una evoluzione di cui il Mainstream non ama parlare. 

Fig.1. I magnifici 5

 Si scopre, per esempio, che tra il 2001 e il 2011 le società petrolifere erano molto ben rappresentate, con Exxon, Total, Shell e PetroChina. Troviamo anche General Electrics, gigante americano molto legato all’industria dell’energia, della tecnologia e dei servizi. E poi le banche, immancabili, con Citigroup e la China Investment Bank. Nel 2011, però, irrompe Apple che si piazza direttamente al secondo posto della speciale classifica.

I giganti high-tech in questione, non casualmente, sono rappresentati in verde in Fig. 1: sono proprio loro, infatti, a sostenere la narrativa della nuova economia sostenibile salvamondo, a bassa emissione di CO2. Viene da pensare a come si sosterrebbero, i giganti in questione, se qualcun altro non producesse energia elettrica a basso costo per consentire un accesso globale ai loro prodotti, ma questa ovviamente è un’altra storia.

Quel che è certo, è che nel 2016 lo scenario è completamente cambiato. Nessuna società petrolifera, banca, gruppo industriale, grande distribuzione. Solo tecnologici ai primi 5 posti, nell’ordine: Apple, Alphabet (Google), Microsoft, Amazon e Facebook. Definirlo un ribaltone è dire poco. I cosiddetti FANG (Facebook-Amazon-Netflix-Google), del resto, sono stati protagonisti indiscussi della bolla azionaria degli ultimi anni, in cui hanno clamorosamente sovraperformato l’indice di riferimento, l’S&P500 (Fig.2).

 
Fig.2. Performance in borsa dei FANG vs. S&P 500 (fonte)
Particolare non di poco conto, esiste una correlazione strettissima (Fig.3) tra l’incremento di capitalizzazione dei FANG e il Balance Sheet delle 3 più grandi banche centrali al mondo (FED, Bank of Japan, BCE). Cosa vuol dire in parole semplici? Che c’è una probabilità molto alta che i trilioni riversati dalle banche centrali di mezzo mondo sui mercati negli ultimi anni siano finiti per gonfiare, direttamente o meno, proprio le quotazioni delle mega-corporations tecnologiche in questione.
 
Fig.3. Dove finiscono i soldi dei Quantitative Easing? Fonte: zerohedge
Di certo il peso economico dei salvamondo high-tech si fa sentire, anche nella disputa tra produzione di energia fossile e rinnovabile. Solo a titolo di esempio, vale la pena citare la Breakthrough Energy Coalition (BEC), fondata in piena COP21 con l’intento di finanziare progetti per la produzione di energia a zero emissione di CO2. Indovinate un po’ chi fa la parte del leone tra i finanziatori di questa indispensabile iniziativa? Ben tre dei cinque “unicorni” di Wall Street (li chiamano così) in testa alla classifica delle società più ricche nel 2016; nello specifico: Facebook, Amazon e Microsoft.
 
L’impegno verde degli unicorni non ha tanto valore commerciale quanto, piuttosto, di immagine. Gli investimenti nel solare, del resto, hanno prodotto risultati catastrofici negli ultimi anni (SunEdison, First Solar, SolarCity-Tesla solo per fare qualche nome tra i caduti più celebri). Se quindi da una parte la fanfara del catastrofismo climatico puo’ dare una mano a prolungare gli incentivi che hanno tenuto in piedi la baracca fino ad oggi, dall’altra parte mostrarsi verdi, salvamondo ed eco-compatibili ha un valore enorme dal punto di vista del marketing.
 
Sono soldi ben spesi, quindi, quelli del Breakthrough Energy Coalition e delle altre millemila iniziative volte a riversare miliardi o trilioni di dollari in investimenti che in una pura ottica di business sono nella gran parte dei casi catastrofici. Soldi ben spesi solo per i FANG & Friends, naturalmente, perché a fronte di investimenti a loro carico relativamente limitati (il BEC comporta un impegno per “solo” un miliardo di dollari in 20 anni), la parte del leone la fanno i finanziamenti pubblici dei governi ovvero, in ultima analisi, i soldi dei contribuenti, gettati letteralmente nel camino per finanziare progetti energetici senza alcun senso da un punto di vista economico.
 
Ma quel che è ancora più importante, la demonizzazione dei giganti decaduti dell’energia e dell’industria, e la concomitante esaltazione dell’high-tech in ottica salvamondo, hanno un risvolto ancora più pratico. Basti pensare ai tanti gruppi di pressione, lobby ambientaliste in testa, che a gran voce chiedono agli investitori più ricchi e potenti di distogliere i loro investimenti dalle società rovinamondo. L’effetto del tam-tam ambientalista e salvamondista, in ultima analisi, è proprio quello di gonfiare ulteriormente le capitalizzazioni degli unicorni a tutto danno delle altre società quotate in borsa.
 
Proviamo quindi a riassumere.
  • Nonostante la narrativa del mainstream, le società più ricche del mondo oggi sono quelle high-tech, mentre quelle legate all’energia, alle risorse minerarie e all’industria arrancano. 
  • Le stesse società high-tech attraggono la grandissima parte della carta cartamoneta che viene stampata dalle banche centrali nel disperato tentativo di far ripartire l’economia e salvare il debito dei paesi scassati. In altre parole, si stanno ingrassando impunemente grazie a soldi che avrebbero potuto sostenere una ripresa economica vera, piuttosto che l’ennesima gigantesca bolla finanziaria.
  • La narrativa catastrofista e salvamondista è utilizzata dalle stesse società per mere questioni di marketing, per apparire più etiche, belle e oneste rispetto ai rivali tradizionali: brutti, sporchi e rovinamondo per definizione.
  • La demonizzazione degli avversari in ottica salvamondista si associa all’azione di lobby ambientaliste che pretendono il ritiro degli investimenti nelle società energetiche per motivi “etici” con la conseguenza di gonfiare ulteriormente la bolla del tecnologico.
Dulcis in fundo. Forse a qualcuno interessa sapere che il boss di Amazon è casualmente anche il proprietario del Washington Post, quotidiano da cui i giornali mainstream di mezzo mondo scopiazzano, traducono e incollano impunemente una parte significativa dei “loro” articoli. Inutile dire quali siano le posizioni del Washington Post in fatto di Climate Change, vero?
 
Direi che il cerchio si chiude abbastanza bene così.
 
Colgo l’occasione per anticiparvi che del rapporto tra la stampa mainstream e il climatismo catastrofista parleremo molto presto, in un articolo in uscita all’inizio della prossima settimana. Ché saranno pure giorni di vacanza, ma Climatemonitor non va in ferie, neppure quest’anno. Così ci potete leggere anche sotto l’ombrellone.