Crea sito

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando

Illustrazione di ktsdesign / Shutterstock

Il mondo infestato dagli alieni

Schermare l’ipotesi di un oggetto alieno di un animale domestico suggerendo che non viene preso sul serio a causa di un difetto nel modo in cui facciamo scienza è giocare un gioco falso con i fatti.

Sapete che ci sono molti scienziati che dedicano la loro vita lavorativa a tracciare abilmente le parti più modeste del nostro sistema solare, parti che probabilmente nessuna delle nostre specie vedrà mai da vicino? Pezzi che, individualmente, sono semplici puntini nella nuvola di milioni di avanzi planetari così primordiali che circondano il nostro sole. O sei consapevole che c’è chi passa giorno dopo giorno a lottare per misurare e decodificare le straordinarie danze orbitali di esopianeti irraggiungibili, o per rilevare e interpretare i delicati spettri che rivelano la composizione di atmosfere aliene a decine di trilioni di miglia di distanza?

Se non loro, allora che dire di coloro che, per decenni, hanno affrontato alcune delle domande più scoraggianti sul fenomeno che chiamiamo vita stessa, incluso come è iniziata qui sulla Terra miliardi di anni fa, e come potrebbe essere iniziato in qualsiasi altro luogo in il cosmo? E riesci a ricordare che ci sono scienziati devoti e di talento che perseguono la squisita possibilità che da qualche parte ci siano menti aliene che inviano segnali strutturati e ricchi di informazioni, o ripropongono i loro ambienti in modi in cui noi, altri frammenti di vita pensante, potremmo essere in grado di individuare attraverso il vuoto spalancato dello spazio interstellare?

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando.

Se potessi rispondere di sì a una di queste domande, ben fatto. Sei un cittadino ben informato del pianeta Terra, consapevole dei continui sforzi dell’umanità per dare un senso alla natura della realtà. Se, d’altra parte, non potessi rispondere affermativamente, forse non sbatteresti un occhio davanti ad articoli di giornale o titoli televisivi chiedendoti perché (oh perché?!) gli scienziati non si assumeranno il compito di “cercare alieni”. “Più seriamente? O articoli che insistono su quanto sia conservatrice la scienza quando si tratta di “pensare fuori dagli schemi”, specialmente se l’argomento è stato abusato così tante volte nel corso dei secoli letteralmente che i ricercatori ora hanno poca scelta se non quella di applicare estrema cura e cautela.

Se al momento non siete al corrente delle vostre notizie scientifiche, mi riferisco a una recente raffica di parole e opinioni che sono state, in parte, innescate dalla pubblicazione del libro Extraterrestrial dell’astrofisico teorico Avi Loeb, in cui egli tenta di dimostrare che un recente oggetto interstellare che attraversa il nostro sistema solare (l’oggetto ‘Oumuamua) potrebbe essere stato un pezzo di tecnologia, presumibilmente anche una vela leggera che rotola da un’astronave aliena, piuttosto che un pezzo di roccia ghiacciata e gas. Loeb scrive anche di come la scienza a volte possa essere eccessivamente conservatrice, indirizzando le sue lamentele in particolare sulla reticenza di elevare la questione della vita aliena a un posto più prominente nelle nostre ipotesi su ciò che vediamo nell’universo che ci circonda.

Ma basta aver trascorso un po ‘di tempo di recente nei corridoi delle chiamate scientifiche Zoom o sui social media per vedere l’infelicità espressa da molti ricercatori su tutto questo. Quell’infelicità raggiunge un livello rovente ogni volta che viene pubblicato un nuovo pezzo d’opinione che riprende questo particolare filo. Più recentemente (almeno mentre scrivo questo), è l’apparizione sul New York Times di un articolo di opinionecon il titolo “Gli alieni devono essere là fuori: perché non li cerchiamo?”, scritto dall’editorialista Farhad Manjoo. Penso che sia giusto dire che il tono del titolo, suggerendo erroneamente che la vita aliena esiste perché pensiamo che debba e che non stiamo prestando attenzione, riflette gran parte della spinta del contenuto. Raggiungendo un apice di sorta quando il pezzo usa i pensieri di Loeb sull’argomento per ammonire la scienza e le agenzie di finanziamento della scienza, per la loro “chiusura mentale” e “scetticismo riflessivo” quando si tratta di considerare cose esotiche (sì, aliene) nel mix per spiegare fenomeni cosmici nuovi o inaspettati. 

Ciò che è così incredibilmente deludente per uno scienziato come me e per tanti miei colleghi in discipline correlate – dall’astronomia alla scienza planetaria, all’astrobiologia – è che non ci sono altre voci rappresentate in questo tipo di scrittura. Nessun frammento o citazione dalle centinaia di scienziati che sono gli esperti mondiali su questioni come ‘Oumuamua, o altri oggetti extraterrestri, dagli asteroidi alle comete a (sì) blocchi interstellari, o alla Ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI), o esopianeti, o in effetti la stessa ricerca delle cosiddette firme tecnologiche che viene menzionata fugacemente. E questo articolo non è affatto l’unico in quella strana incompletezza, dove la “due diligence” sembra essere uscita dalla finestra.

In realtà ci sono persone che pensano a tutte queste domande scientifiche, settimana dopo settimana. Scavano montagne di dati e sudano sangue per comprendere la delicata natura delle misurazioni astronomiche e della strumentazione. Costruiscono veicoli spaziali per andare in altri mondi, così come asteroidi e comete, finanziati da agenzie nazionali come NASA, ESA, JAXA, CNSA e altre. Queste persone sono entusiaste e motivate, motivate proprio da questi stessi enigmi extraterrestri: siamo soli? Da dove veniamo noi o qualsiasi altra vita?

Questi scienziati, inclusi quelli come la straordinaria Jill Tarter, una delle forze motrici e delle voci dietro SETI negli ultimi 40 anni, hanno spinto i loro strumenti e le loro abilità ai limiti assoluti nella ricerca di prove di vita extraterrestre. Spesso di fronte a un intenso scetticismo. Nonostante questo sforzo, non ci sono state prove fino ad oggi di vita extraterrestre. Ma questa mancanza di prove non è dovuta al fatto che l’impresa scientifica è uniformemente conservatrice, rigida e di vedute chiuse, come suggerito da Loeb e ripreso acriticamente da alcuni editorialisti. È perché nessuna scoperta o evento è salito al livello in cui è inspiegabile in qualsiasi altro modo. Potrebbero maggiori finanziamenti e sostegno cambiare questa storia? Forse, ma lo stesso si potrebbe dire per quasi ogni altra ambiziosa impresa scientifica, e la risposta non può essere conosciuta in anticipo.

Una proposta secondo cui un fenomeno come ‘Oumuamua è un artefatto alieno incontrerà sicuramente un respingimento. Ma questo respingimento è fondato. È il risultato del vasto lavoro di esperti scientifici proprio su questo tipo di visitatore interstellare. I nostri modelli di formazione di stelle e pianeti hanno a lungo ipotizzato l’esistenza di residui di materiale solido (planetesimi) che potrebbero trascorrere eoni spostandosi attraverso lo spazio interstellare. Hanno delineato come un intruso come ‘Oumuamua sarebbe una straordinaria scoperta. Ma sarebbe una scoperta sbalorditiva che riflette i processi naturali; serbatoi di questi planetesimi – già suggeriti dalla luce nebbiosa vista intorno ad alcune altre stelle – che possono essere espulsi e dispersi nello spazio interstellare in quantità che possono essere perfettamente coerenti con le possibilità che il nostro sistema solare venga visitato da uno.Proprio per questo un’agenzia come l’ESA sta sviluppando il proprioComet Interceptor Mission, per essere pronti a inseguire futuri visitatori interstellari.

Fonte: https://nautil.us/blog/the-alien_haunted-world

®wld

GLI UFO ESISTONO E ORA LO DICE ANCHE IL PENTAGONO

GLI UFO ESISTONO E ORA LO DICE ANCHE IL PENTAGONO – ROBERTO PINOTTI –

Michele Crudelini

Su Byoblu si parla di UFO, insieme allo scrittore, giornalista e ufologo Roberto Pinotti, affrontando così domande che hanno accompagnato la storia dell’uomo da sempre. Siamo soli nell’universo? Alzando gli occhi al cielo e guardando le infinità dello spazio siderale viene difficile pensare che l’uomo sulla terra sia l’unica creatura intelligente presente nel cosmo.

Eppure fino ad oggi mancherebbe ancora la prova incontrovertibile che dimostri il contrario. Alcuni studiosi però sostengono che le prove ci sono e anche tante. Tra queste il fenomeno UFO occupa uno spazio di primo piano. Oggetti volanti non identificati. Avvistamenti di velivoli dotati di tecnologia sconosciuta sulla terra che vengono continuamente avvistati in tutto il mondo.

Testimonianze e filmati amatoriali fanno da quadro a questo vasto e misterioso fenomeno, che apre prospettive impensabili sulla storia e il destino dell’uomo.

Fonte: https://www.byoblu.com/2020/10/30/gli-ufo-esistono-e-ora-lo-dice-anche-il-pentagono-roberto-pinotti/

Ti potrebbe interessare:

Cosa c’è da sapere su “The Great Reset”

La Banca Mondiale getta tutto il peso dietro al grande ripristino

Un lockdown light

®wld

Alieni – Umani e DNA

Gli Esseri Umani ereditarono il DNA dagli Alieni?

dal Sito Web CodigoOculto traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo

Non è la prima volta che si pensa a questa teoria, comprese alcune correnti come la panspermia in passato hanno ventilato questa possibilità.

Il DNA umano contiene traccia di vita extraterrestre?

C’è un messaggio strano in codice nel nostro DNA?

I fallimenti gravi nella teoria dell’evoluzione di Darwin sono una sfida per le nostre credenze profondamente radicate e ci spingono ad aprire le nostre menti a nuove possibilità e a esplorare il vecchio mondo fa una prospettiva diversa.

La teoria che “qualcuno” ha seminato la vita sul nostro pianeta per molti anni da diversi scienziati.

 

Sir Francis Crick è un buon esempio.

Sir Francis Crick (1916-2004), vincitore del Premio Nobel, astronomo e scopritore della molecola del DNA, nel 1980 disse che una civiltà avanzata seminò la vita sulla Terra in un passato remoto.

Questa teoria si chiama Panspermia diretta

 

Crick non era solo uno scienziato intelligente, ma anche molto coraggioso, e non temeva di affrontare le critiche di coloro a cui non piacevano le sue idee poco ortodosse.

Mentre ricercava sulle origini della vita, Crick non seguì i misteri della storia antica.

SI centrò invece sulla natura del DNA (acido En cambio, se centró en la naturaleza del ADN (acido desossirribonucleico) e sul ARN (acido ribonucleico), e ciò che all’epoca si sapeva su come si era originata la vita sulla Terra.

“Dobbiamo presupporre che su un qualche pianeta distante approssimatamente quattro milioni di anni, esisteva una forma evoluta di creature elevate che, come noi, avevano scoperto la scienza e la tecnologia, sviluppandole di quanto noi siamo riusciti adesso.

Le orme della vita più antiche che abbiamo potuto scoprire oggi si associano a delle rocce datate approssimativamente 3.600 milioni di anni… però il reperto fossile, formato da animali semplici, le cui parti rigide si sono conservate, hanno solo 600 milioni di anni”.

Sir Francis Crick

La vita stessa: la sua origine e la sua natura

 

La complessità del DNA

 

Crick era cosciente dell’impressionante complessità del DNA.

 

Accentuò il fatto che ci erano voluti 1.400 milioni di anni per la evoluzione degli organismi unicellulari più semplici.

Il seguente passo cruciale sulla complessità degli organismi multicellulari impiegò quasi 2 miliardi di anni di più…

Però quando i mammiferi apparvero improvvisamente 200 milioni di anni, per una qualche ragione, la complessità fece un salto quantico.

Foto da: OVNIHoje.com

 

La conclusione è che speriamo che sia trascorso almeno un periodo di tempo più breve per l’evoluzione di vite semplici, e molto più tempo per organismi complessi.

 

Indubbiamente ai mammiferi ci volle solo una frazione del tempo per il loro sviluppo a paragone con le forme di vita più antiche e semplici.

 

Cosa successe?

Crick scoperse che una prova forte a sostegno della Panispermia diretta era nel reperto fossile…

Secondo la teoria di Crick, i microrgani sarebbero apparsi:

“senza nessun reperto di sistemi prebiotici o organismi molto primitivi”.

Lo scienziato ha potuto confermare l’assenza di qualsiasi reperto fossile di vite di transizione.

 

Secondo Crick, il nostro pianeta non ha forme di transizione:

Le forme transitorie sono la prova dell’evoluzione che “sarebbe esistito solo nel pianeta che le ha emesse, non sulla Terra”.

Crick concluse:

“La panspermia diretta:

Stabilisce un principio secondo il quale le radici della nostra forma di vita provengono da un altro luogo dell’universo quasi con sicurezza da un altro pianeta, che aveva raggiunto una forma molto avanzata, prima che altre cose iniziassero quì,

…e che la vita quì fu seminata da altri microrganismi inviati con una qualche navicella spaziale, da una civiltà avanzata”.

Messaggi alieni nel DNA umano?

Un altro scienziato che ha presentato una teoria interessante fu il professor Paul Davis, del Centro Australiano di Astrobiologia, dell’Università Macquarie di Sydney.

Davies crede che ci può essere un messaggio strano codificato nel nostro DNA.

“Recentemente, gli scienziati hanno scoperto grandi sequenze di DNA “spazzatura” che non contengono nessun gene e sembrano essere molto stabili.

Se gli extraterrestri mettono un messaggio negli organismi terrestri, questo è il posto dove cercare”.

Foto da: OVNIHoje.com

Un artefatto potrebbe essere sotterrato facilmente, inabissato o eroso.

 

La soluzione ideale sarebbe codificare il messaggio dentro una grande quantità di macchine microscopiche che si auto copiano e riparano, per moltiplicarsi e adattarsi alle condizioni che cambiano.

 

Fortunatamente tali macchine già esistono:

si chiamano cellule vive

Davies ha detto:

“Le cellule dei nostri corpi, per esempio, contengono messaggi genetici scritti da Madre Natura da miliardi di anni”.

Secondo Davies, il messaggio codificato si scoprirà solo quando la razza umana avrà la tecnologia per leggerlo e comprenderlo.

 

Un messaggio impiantao nel DNA umano potrebbe sopravvivere per molto tempo. Secondo gli scienziati statunitensi, parti intere di DNA umano “spazzatura” o di un ratto possono essere immutabili per decine di milioni di anni…

 

Se consideriamo la quantità di reperti e piste che i nostri dei stellari ci hanno lasciato sparsi in tutto il pianeta, sembra logico supporre che potrebbe esserci un messaggio codificato nel nostro DNA.

 

Le nostre cellule umane son un buon posto per inserire un messaggio.

 

Se cè un messaggio strano nel nostro DNA, c’è speranza che un giorno sia scoperto e decifrato.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Lettura Consigliata:

Oltre la Paura – nello stesso modo in cui gli sperimentatori fanno con i topi di laboratorio

®wld

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

Il Pentagono ha scoperto le basi della SOTTERRANEE degli Anunnaki in Iraq e Romania

DI Michael

Una delle basi sotterranee più importanti del pianeta ospiterebbe una tecnologia aliena all’avanguardia. Più specificamente, degli Anunnaki. La base del Monte Bucegi, in Romania. In esso, il lato di Enki, tra le altre grandi personalità dell’antica Mesopotamia, si sarebbe rifugiato durante il diluvio. Uno dei luoghi più misteriosi ed enigmatici del pianeta, che ora sta dando molto di cui parlare.

Molti controller dedicati alla mappatura e geolocalizzazione delle basi militari sotterranee di Anunnaki (tra le altre cose), hanno sentito parlare di questa base che, a quanto pare, è protetta con la tecnologia elettromagnetica che consente la sua “invisibilità” per questi motori di ricerca. Nel 2002, è stato scoperto un orifizio in un’area dei Monti Bucegi, una misteriosa cavità che penetrava all’interno di questo complesso roccioso.

Le caratteristiche di questo ingresso alla montagna, hanno un tunnel con una forma così ben fatta che deve essere stato creato artificialmente. Ha un itinerario perfettamente costruito e quello, e le immagini che i satelliti hanno raccolto durante la scansione del monte Bucegi, e che presumibilmente hanno due enormi mura di energia elettromagnetica, concludono che si tratta di una base militare Anunnaki o qualcosa di simile.

Si sostiene che fu il Pentagono degli Stati Uniti a scoprire questa base e che vide che il muro di energia sotto forma di un semicerchio e la frequenza di vibrazione presentata da detta “porta”, oltre alle sue caratteristiche, avevano già scoperto a Baghdad, in Iraq, poco prima dell’inizio della devastante “Guerra in Iraq”.

Si dice che questa fosse la vera ragione per cui le truppe statunitensi hanno invaso il paese e che avrebbero preso il controllo di quella base senza che il popolo iracheno avesse mai avuto conoscenza di questa base sotterranea. L’esercito americano sarebbe riuscito a penetrare nella base usando le armi più sofisticate disponibili. L’ingresso alla base stessa sarebbe stato a circa settanta metri dal muro elettromagnetico di sicurezza.

Anunnaki Armi inimmaginabili per il resto dell’umanità, poiché avrebbero usato raggi al plasma e macchinari in grado di penetrare oltre la crosta terrestre a velocità incredibile. Tecnologia immaginabile solo per il comune dei mortali come fantascienza. Ma, come sempre, la realtà supera la finzione. La cosa più sorprendente di questa base sarebbe ciò che c’era dentro.

Due generali del Pentagono e il consigliere della Presidenza degli Stati Uniti sono andati alle strutture dopo tentativi falliti di sbloccare la barriera elettromagnetica che ha impedito l’accesso ai locali. Sono riusciti a scollegare la porta di alimentazione che aveva ucciso diversi soldati, grazie alle ultime tecnologie utilizzate dal Pentagono e che è il segreto.

Dopo quel tunnel, potevano accedere a una grande galleria che, nonostante avesse disconnesso quel muro di energia, poteva essere vista con grande chiarezza. L’altra barriera (ancora attiva) che era proprio di fronte alla prima, iniziò a emettere una maggiore energia. Continuarono a scendere e videro che, all’interno di altre gallerie più profonde, c’erano due enormi sculture in pietra, una di fronte all’altra, alte circa due metri.

In essi avevano intagliato una fortuna di scrittura cuneiforme come quella della Grotta del Taylor quella del lago Titicaca, solo che questa ha origini sconosciute, come quella che era nella Monolith Pokotia, che presentano protosumerias caratteristiche. Ma non è stato tutto quello che hanno trovato.

Fonte: https://infinityexplorers.com/

Articoli correlati:

L’oro monoatomico e il Dio della steppa

Il mistero del saccheggio al Museo di Baghdd

Piramidi & Serpenti

Leggi anche:

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate?

®wld

L’ultima carta è la carta aliena


Lo Stato Profondo, dopo aver esaurito la Carta del Controllo Globale, lancierà sotto falsa bandiera l’invasione aliena?

del dott. Michael Salla 06 giugno 2020 

dal sito Web di Exopolitics

Poco prima della sua morte nel 1977, Werner Von Braun, un pioniere dei programmi missilistici sia tedeschi che statunitensi, avvertì che un gruppo di controllori globali , noto anche come Deep State, si sarebbe sistematicamente spostato attraverso una serie di eventi con false bandiere o “carte”, che avrebbero essere suonato in una sequenza progettata per alla fine militarizzare lo spazio e inaugurare un nuovo ordine mondiale.

 

Von Braun ha dato il suo famoso avvertimento a Carol Rosin, che, dal 1974 al 1977, era un dirigente aziendale della Fairchild Industries, Inc., un importante appaltatore aerospaziale al quale Von Braun aveva aderito due anni prima. 

Rosin afferma che Von Braun le ha chiesto di essere il suo portavoce dopo la diagnosi di cancro terminale e ha rivelato un piano elaborato dal complesso industriale militare americano per armare lo spazio.

In una intervista video registrata del dicembre 2000 per il Disclosure Project, Rosin ha descritto la seguente sequenza di eventi con false flag che Von Braun le ha spiegato:
 
La strategia che Wernher von Braun mi ha insegnato è stata quella che prima i russi vennero considerati nemici. In effetti, nel 1974, erano il nemico, il nemico identificato. 
 
Ci hanno detto che avevano “satelliti assassini”. Ci è stato poi detto che stavano arrivando per prenderci e controllarci – che erano “comunisti”.
 
Quindi i terroristi sarebbero stati identificati e questo sarebbe presto seguito. Abbiamo sentito molto parlare del terrorismo.
 
Quindi avremmo identificato i “pazzi” del Terzo Paese del mondo. Ora li chiamiamo “nazioni preoccupanti”. Ma ha detto che sarebbe il terzo nemico contro il quale costruiremmo missili spaziali
 
Il prossimo nemico furono gli asteroidi. Ora, a questo punto, ridacchiò la prima volta che lo disse. Asteroidi: contro gli asteroidi costruiremo armi basate sullo spazio. E il più divertente di tutti era quello che chiamava alieni, extraterrestri.

Quello sarebbe lo spavento finale. E ancora e ancora e ancora durante i quattro anni che lo conoscevo e facevo discorsi per lui, avrebbe tirato fuori l’ultima carta.

Carol, l’ultima carta è la carta aliena.

Dovremo costruire armi spaziali contro gli alieni e tutto ciò è una bugia

 

Per quanto riguarda l’identificazione del gruppo che orchestra questa serie di eventi globali inventati, Rosin era riluttante a dare nomi ma ha detto (nel video sopra):

La stanza era piena di gente nel gioco della porta girevole.

C’erano persone che avevo visto una volta in uniforme militare e altre volte in un abito grigio e un completo da industria. Queste persone giocano a una porta girevole.

Lavorano come consulenti, persone del settore e / o militari e di intelligence.

Lavorano nelle industrie e si sono rivolti attraverso queste porte e hanno assunto posizioni governative.  

 

La descrizione di Rosin di ciò che stava accadendo nella sala del consiglio di Fairchild Industry è molto rivelatrice del ruolo chiave della società all’interno del complesso industriale militare e di come Deep State opera manipolando eventi globali e narrazioni dei media mainstream. La sequenza di eventi globali inventati descritti da Von Braun rifletteva quanto lontano in avanti il ​​Deep State proiettasse i suoi piani.

 

Ora, quasi 50 anni dopo, vediamo la sequenza descritta da Von Braun riprodotta in tempo reale.

La Russia, il terrorismo e le nazioni canaglia hanno dominato collettivamente decenni di cicli di notizie.

 

Più recentemente, stiamo assistendo a un numero crescente di storie di asteroidi assassini che mancano alla Terra nei media mainstream.

 

Gli esempi più recenti sono tre enormi asteroidi assassini diretti verso la Terra e previsti per volare vicino il 6,8 giugno e il 20, ognuno dei quali potrebbe causare danni catastrofici.

 

Ulteriori “carte” si trovano nel mazzo da gioco Deep State descritto da Von Braun negli anni ’70.

Ciò include una pandemia globale, che è stata discussa nella Città di Londra da un gruppo di alto livello di burocrati nel 2005 come parte di un piano segreto dello Stato profondo per inaugurare un Nuovo Ordine Mondiale

L’avvertimento di Von Braun ci avverte della minaccia di un’invasione aliena usata come carta finale in una lunga sequenza di eventi inventati che giustificherebbe l’armonizzazione dello spazio e l’istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale voluto dallo Stato Profondo.

 

Ora c’è un flusso costante di articoli di notizie che indicano la possibilità di un’invasione aliena in un mondo post-COVID 

 

Il potenziale per un tale evento che si verifica in vista delle elezioni del 2020 è una possibilità distinta data la determinazione del Deep State di rimuovere l’amministrazione Trump con ogni mezzo possibile.

 

Un documento trapelato il 18 ottobre 2016, presumibilmente da una grande società di consulenza democratica, il Benenson Strategy Group, ha discusso della possibilità di un’invasione aliena messa in scena mantenendo i sostenitori di Trump a casa e aiutando la campagna di Clinton a vincere le elezioni del 2016. L’articolo ha esaminato alcune delle tecnologie olografiche avanzate  

 

che potrebbe essere utilizzato nella messa in scena di un evento di falsa bandiera. Mentre l’autenticità del documento rimane controversa, mostrava comunque come la carta di invasione aliena potesse essere utilizzata a fini elettorali.

 

Mentre ci avviciniamo alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 3 novembre,

La carta di invasione aliena poteva essere giocata mentre Von Braun lo avvertiva negli anni ’70?  

O Von Braun aveva uno scopo completamente diverso per dire a Rosin della carta di invasione aliena usata dal complesso industriale militare?

Invece di tentare eroicamente di impedire la militarizzazione dello spazio,

Von Braun era un doppio agente per una colonia tedesca in fuga alla base antartica che voleva impedire ai militari statunitensi di minacciare il loro programma spaziale segreto?

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Chiesa cattolica – Alieni & Teorie Teologiche

  

Cosa succederebbe alla religione cattolica se annunciano l’esistenza della vita aliena? Credito: Narvii.com / Walkerssk / Pixabay. Edizione: Erick Nielssen.  

Cosa accadrebbe alla “religione cattolica” se annunciassero l’esistenza della vita aliena? 

di Erick Nielssen Wonder 07 aprile 2020 dal sito web CodigoOculto

Un ipotetico annuncio dell’esistenza della vita extraterrestre … Potrebbe cambiare la dottrina cattolica su Dio e sulla creazione? Il sacerdote e l’astronomo gesuita esprime la sua opinione.

Il direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, José Gabriel Funes, ha affermato che la fede cattolica non cambierebbe se gli scienziati venissero ad annunciare l’esistenza della vita extraterrestre.

Questo prete e astronomo crede che Yahweh, il dio giudaico-cristiano, potrebbe aver creato forme di vita aliene su esopianeti. Ciò implicherebbe che Dio potrebbe essere in relazione con loro proprio ora. Gli astronomi hanno scoperto molti esopianeti considerati probabilmente abitabili e simili alla Terra.

Un esempio recente è il pianeta GJ 1061D situato a 12 anni luce dal nostro pianeta. È simile alla Terra …

Vita extraterrestre e Chiesa cattolica: teorie teologiche

 

Civiltà extraterrestretecnologia extraterrestreCredito: tombud / Pixabay

Un altro esempio è la scoperta del 2017, quando la NASA ha annunciato la presenza di un sistema planetario extrasolare (al di fuori del Sistema Solare).  

La NASA ha affermato che tre di questi esopianeti si trovano in aree abitabili con caratteristiche di supporto vitale (come gli oceani di acqua).

Questi mondi alieni con un potenziale di sviluppo della vita hanno ispirato nella mente degli studiosi e del pubblico la questione di come la scoperta della vita su altri pianeti influenzerebbe le religioni, in particolare il cristianesimo e la Chiesa cattolica 

 

Cattedrale di San Pietro, Roma. Credito: papannon / Pixabay 

Il prete e astronomo gesuita José Gabriel Funes, ex direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, ritiene che la vita extraterrestre non cambierebbe ciò che la Bibbia dice riguardo al dio giudeo-cristiano. 

Il gesuita disse in una dichiarazione:  

“I cattolici non hanno bisogno di cambiare la nostra visione dell’universo (…) Dio, nella sua libertà, avrebbe potuto creare altre creature che sono anche intelligenti e potrebbero far parte della creazione”.  

“Dio” potrebbe essere in relazione con gli alieni 

Secondo il pensiero di Padre Funes, Dio potrebbe aver creato e persino messo in comunicazione o in relazione con questi ipotetici alieni intelligenti. 

Tuttavia, forse “Gesù Cristo” non avrebbe predicato dove lo hanno fatto.

 

Per gentile concessione: jasonstadlander.com

Da parte sua, il teologo Vesa Nissinen dell’Università di Helsinki in Finlandia crede,  

Secondo gli ebrei, cristiani e il Vaticano, gli esseri umani sono le scelte persone di ‘Dio’ e per questo, sono loro che avrebbero dovuto predicare su Yahweh ad altre civiltà provenienti da altri pianeti. 

L’altra opzione dice che questo dio avrebbe potuto stabilire diversi tipi di salvezza per diverse civiltà.  

Va anche notato che Papa Francesco ha affermato che se alcuni alieni dovessero sbarcare sul nostro pianeta, la Chiesa cattolica non li respingerebbe e li inviterebbe a conoscere la sua dottrina.   

Come possiamo vedere, un annuncio sulla presenza della vita extraterrestre non sembra molto problematico per una parte dei teologi cattolici.  

Tuttavia, Vesa Nissinen ritiene che, dato il fatto che questi alieni portano le loro “credenze religiose”, ciò potrebbe cambiare o “minacciare” la Chiesa cattolica 

Riferimenti 

Enormi insabbiamenti del passato

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Perché il Vaticano ha nascosto la storia dell’Umanità Prima del Diluvio

dal Sito Web Think-AboutIt traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La chiesa cattolica romana ha lavorato duramente per impedire al grande pubblico di comprendere appieno la civiltà “prima del diluvio” nella storia umana.

Il mondo prima del diluvio è misterioso e sembra essere stato cancellato dalla storia per adattarsi alle ideologie bibliche; una strategia utilizzata per impedire alla razza umana di interagire con le razze aliene.

Quindi, il Vaticano controlla la storia?

Chiunque operi una ricerca può vedere che la storia è stata riscritta da potenti forze, le prove che arrivano sotto forma di manufatti e articoli accademici, sono state nascoste o distrutte.

Perché?

Le chiese furono costruite su siti pagani per conquistare le civiltà e coprire i resti di prima del diluvio.

La narrazione è stata propagata.

Siamo portati a credere che una volta gli esseri umani erano tutti uomini di Neanderthal, che poi si sono evoluti nella nostra attuale condizione umana.

Ma le prove suggeriscono il contrario…

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Forse perché la civiltà pre-diluvio è stata creata da una specie aliena…

Rapporti da Disclose.tv:

Questi alieni hanno creato le prime popolazioni umane per portarle dove siamo oggi – sebbene il diluvio abbia spazzato via gran parte di queste prove.

Se il grande pubblico fosse a conoscenza di questa precedente civiltà, non ci sarebbe alcun controllo sulla popolazione.

Inoltre, i siti pagani su cui sono state costruite molte chiese sono serviti da portali per questi alieni che viaggiano avanti e indietro tra la Terra e le loro aree dell’universo.

Alcune prove di ciò risiedono sia nei resti dei giganti sia in quelli con altre deformità genetiche.

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Queste anomalie erano dovute al mescolamento di specie non umane con l’uomo.

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Il diluvio ha tentato di ripulire la lavagna da tutte queste anomalie ma non ha svolto del tutto il lavoro.

Pertanto, il Vaticano ha dovuto entrare con le ideologie della Bibbia e tentare di coprire il resto delle prove

È davvero affascinante vedere alcuni di questi enormi insabbiamenti esposti mentre curiosi ricercatori trovano sempre più prove di questa grande civiltà.

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld