Crea sito

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

Il Pentagono ha scoperto le basi della SOTTERRANEE degli Anunnaki in Iraq e Romania

DI Michael

Una delle basi sotterranee più importanti del pianeta ospiterebbe una tecnologia aliena all’avanguardia. Più specificamente, degli Anunnaki. La base del Monte Bucegi, in Romania. In esso, il lato di Enki, tra le altre grandi personalità dell’antica Mesopotamia, si sarebbe rifugiato durante il diluvio. Uno dei luoghi più misteriosi ed enigmatici del pianeta, che ora sta dando molto di cui parlare.

Molti controller dedicati alla mappatura e geolocalizzazione delle basi militari sotterranee di Anunnaki (tra le altre cose), hanno sentito parlare di questa base che, a quanto pare, è protetta con la tecnologia elettromagnetica che consente la sua “invisibilità” per questi motori di ricerca. Nel 2002, è stato scoperto un orifizio in un’area dei Monti Bucegi, una misteriosa cavità che penetrava all’interno di questo complesso roccioso.

Le caratteristiche di questo ingresso alla montagna, hanno un tunnel con una forma così ben fatta che deve essere stato creato artificialmente. Ha un itinerario perfettamente costruito e quello, e le immagini che i satelliti hanno raccolto durante la scansione del monte Bucegi, e che presumibilmente hanno due enormi mura di energia elettromagnetica, concludono che si tratta di una base militare Anunnaki o qualcosa di simile.

Si sostiene che fu il Pentagono degli Stati Uniti a scoprire questa base e che vide che il muro di energia sotto forma di un semicerchio e la frequenza di vibrazione presentata da detta “porta”, oltre alle sue caratteristiche, avevano già scoperto a Baghdad, in Iraq, poco prima dell’inizio della devastante “Guerra in Iraq”.

Si dice che questa fosse la vera ragione per cui le truppe statunitensi hanno invaso il paese e che avrebbero preso il controllo di quella base senza che il popolo iracheno avesse mai avuto conoscenza di questa base sotterranea. L’esercito americano sarebbe riuscito a penetrare nella base usando le armi più sofisticate disponibili. L’ingresso alla base stessa sarebbe stato a circa settanta metri dal muro elettromagnetico di sicurezza.

Anunnaki Armi inimmaginabili per il resto dell’umanità, poiché avrebbero usato raggi al plasma e macchinari in grado di penetrare oltre la crosta terrestre a velocità incredibile. Tecnologia immaginabile solo per il comune dei mortali come fantascienza. Ma, come sempre, la realtà supera la finzione. La cosa più sorprendente di questa base sarebbe ciò che c’era dentro.

Due generali del Pentagono e il consigliere della Presidenza degli Stati Uniti sono andati alle strutture dopo tentativi falliti di sbloccare la barriera elettromagnetica che ha impedito l’accesso ai locali. Sono riusciti a scollegare la porta di alimentazione che aveva ucciso diversi soldati, grazie alle ultime tecnologie utilizzate dal Pentagono e che è il segreto.

Dopo quel tunnel, potevano accedere a una grande galleria che, nonostante avesse disconnesso quel muro di energia, poteva essere vista con grande chiarezza. L’altra barriera (ancora attiva) che era proprio di fronte alla prima, iniziò a emettere una maggiore energia. Continuarono a scendere e videro che, all’interno di altre gallerie più profonde, c’erano due enormi sculture in pietra, una di fronte all’altra, alte circa due metri.

In essi avevano intagliato una fortuna di scrittura cuneiforme come quella della Grotta del Taylor quella del lago Titicaca, solo che questa ha origini sconosciute, come quella che era nella Monolith Pokotia, che presentano protosumerias caratteristiche. Ma non è stato tutto quello che hanno trovato.

Fonte: https://infinityexplorers.com/

Articoli correlati:

L’oro monoatomico e il Dio della steppa

Il mistero del saccheggio al Museo di Baghdd

Piramidi & Serpenti

Leggi anche:

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate?

®wld

L’ultima carta è la carta aliena


Lo Stato Profondo, dopo aver esaurito la Carta del Controllo Globale, lancierà sotto falsa bandiera l’invasione aliena?

del dott. Michael Salla 06 giugno 2020 

dal sito Web di Exopolitics

Poco prima della sua morte nel 1977, Werner Von Braun, un pioniere dei programmi missilistici sia tedeschi che statunitensi, avvertì che un gruppo di controllori globali , noto anche come Deep State, si sarebbe sistematicamente spostato attraverso una serie di eventi con false bandiere o “carte”, che avrebbero essere suonato in una sequenza progettata per alla fine militarizzare lo spazio e inaugurare un nuovo ordine mondiale.

 

Von Braun ha dato il suo famoso avvertimento a Carol Rosin, che, dal 1974 al 1977, era un dirigente aziendale della Fairchild Industries, Inc., un importante appaltatore aerospaziale al quale Von Braun aveva aderito due anni prima. 

Rosin afferma che Von Braun le ha chiesto di essere il suo portavoce dopo la diagnosi di cancro terminale e ha rivelato un piano elaborato dal complesso industriale militare americano per armare lo spazio.

In una intervista video registrata del dicembre 2000 per il Disclosure Project, Rosin ha descritto la seguente sequenza di eventi con false flag che Von Braun le ha spiegato:
 
La strategia che Wernher von Braun mi ha insegnato è stata quella che prima i russi vennero considerati nemici. In effetti, nel 1974, erano il nemico, il nemico identificato. 
 
Ci hanno detto che avevano “satelliti assassini”. Ci è stato poi detto che stavano arrivando per prenderci e controllarci – che erano “comunisti”.
 
Quindi i terroristi sarebbero stati identificati e questo sarebbe presto seguito. Abbiamo sentito molto parlare del terrorismo.
 
Quindi avremmo identificato i “pazzi” del Terzo Paese del mondo. Ora li chiamiamo “nazioni preoccupanti”. Ma ha detto che sarebbe il terzo nemico contro il quale costruiremmo missili spaziali
 
Il prossimo nemico furono gli asteroidi. Ora, a questo punto, ridacchiò la prima volta che lo disse. Asteroidi: contro gli asteroidi costruiremo armi basate sullo spazio. E il più divertente di tutti era quello che chiamava alieni, extraterrestri.

Quello sarebbe lo spavento finale. E ancora e ancora e ancora durante i quattro anni che lo conoscevo e facevo discorsi per lui, avrebbe tirato fuori l’ultima carta.

Carol, l’ultima carta è la carta aliena.

Dovremo costruire armi spaziali contro gli alieni e tutto ciò è una bugia

 

Per quanto riguarda l’identificazione del gruppo che orchestra questa serie di eventi globali inventati, Rosin era riluttante a dare nomi ma ha detto (nel video sopra):

La stanza era piena di gente nel gioco della porta girevole.

C’erano persone che avevo visto una volta in uniforme militare e altre volte in un abito grigio e un completo da industria. Queste persone giocano a una porta girevole.

Lavorano come consulenti, persone del settore e / o militari e di intelligence.

Lavorano nelle industrie e si sono rivolti attraverso queste porte e hanno assunto posizioni governative.  

 

La descrizione di Rosin di ciò che stava accadendo nella sala del consiglio di Fairchild Industry è molto rivelatrice del ruolo chiave della società all’interno del complesso industriale militare e di come Deep State opera manipolando eventi globali e narrazioni dei media mainstream. La sequenza di eventi globali inventati descritti da Von Braun rifletteva quanto lontano in avanti il ​​Deep State proiettasse i suoi piani.

 

Ora, quasi 50 anni dopo, vediamo la sequenza descritta da Von Braun riprodotta in tempo reale.

La Russia, il terrorismo e le nazioni canaglia hanno dominato collettivamente decenni di cicli di notizie.

 

Più recentemente, stiamo assistendo a un numero crescente di storie di asteroidi assassini che mancano alla Terra nei media mainstream.

 

Gli esempi più recenti sono tre enormi asteroidi assassini diretti verso la Terra e previsti per volare vicino il 6,8 giugno e il 20, ognuno dei quali potrebbe causare danni catastrofici.

 

Ulteriori “carte” si trovano nel mazzo da gioco Deep State descritto da Von Braun negli anni ’70.

Ciò include una pandemia globale, che è stata discussa nella Città di Londra da un gruppo di alto livello di burocrati nel 2005 come parte di un piano segreto dello Stato profondo per inaugurare un Nuovo Ordine Mondiale

L’avvertimento di Von Braun ci avverte della minaccia di un’invasione aliena usata come carta finale in una lunga sequenza di eventi inventati che giustificherebbe l’armonizzazione dello spazio e l’istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale voluto dallo Stato Profondo.

 

Ora c’è un flusso costante di articoli di notizie che indicano la possibilità di un’invasione aliena in un mondo post-COVID 

 

Il potenziale per un tale evento che si verifica in vista delle elezioni del 2020 è una possibilità distinta data la determinazione del Deep State di rimuovere l’amministrazione Trump con ogni mezzo possibile.

 

Un documento trapelato il 18 ottobre 2016, presumibilmente da una grande società di consulenza democratica, il Benenson Strategy Group, ha discusso della possibilità di un’invasione aliena messa in scena mantenendo i sostenitori di Trump a casa e aiutando la campagna di Clinton a vincere le elezioni del 2016. L’articolo ha esaminato alcune delle tecnologie olografiche avanzate  

 

che potrebbe essere utilizzato nella messa in scena di un evento di falsa bandiera. Mentre l’autenticità del documento rimane controversa, mostrava comunque come la carta di invasione aliena potesse essere utilizzata a fini elettorali.

 

Mentre ci avviciniamo alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 3 novembre,

La carta di invasione aliena poteva essere giocata mentre Von Braun lo avvertiva negli anni ’70?  

O Von Braun aveva uno scopo completamente diverso per dire a Rosin della carta di invasione aliena usata dal complesso industriale militare?

Invece di tentare eroicamente di impedire la militarizzazione dello spazio,

Von Braun era un doppio agente per una colonia tedesca in fuga alla base antartica che voleva impedire ai militari statunitensi di minacciare il loro programma spaziale segreto?

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Chiesa cattolica – Alieni & Teorie Teologiche

  

Cosa succederebbe alla religione cattolica se annunciano l’esistenza della vita aliena? Credito: Narvii.com / Walkerssk / Pixabay. Edizione: Erick Nielssen.  

Cosa accadrebbe alla “religione cattolica” se annunciassero l’esistenza della vita aliena? 

di Erick Nielssen Wonder 07 aprile 2020 dal sito web CodigoOculto

Un ipotetico annuncio dell’esistenza della vita extraterrestre … Potrebbe cambiare la dottrina cattolica su Dio e sulla creazione? Il sacerdote e l’astronomo gesuita esprime la sua opinione.

Il direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, José Gabriel Funes, ha affermato che la fede cattolica non cambierebbe se gli scienziati venissero ad annunciare l’esistenza della vita extraterrestre.

Questo prete e astronomo crede che Yahweh, il dio giudaico-cristiano, potrebbe aver creato forme di vita aliene su esopianeti. Ciò implicherebbe che Dio potrebbe essere in relazione con loro proprio ora. Gli astronomi hanno scoperto molti esopianeti considerati probabilmente abitabili e simili alla Terra.

Un esempio recente è il pianeta GJ 1061D situato a 12 anni luce dal nostro pianeta. È simile alla Terra …

Vita extraterrestre e Chiesa cattolica: teorie teologiche

 

Civiltà extraterrestretecnologia extraterrestreCredito: tombud / Pixabay

Un altro esempio è la scoperta del 2017, quando la NASA ha annunciato la presenza di un sistema planetario extrasolare (al di fuori del Sistema Solare).  

La NASA ha affermato che tre di questi esopianeti si trovano in aree abitabili con caratteristiche di supporto vitale (come gli oceani di acqua).

Questi mondi alieni con un potenziale di sviluppo della vita hanno ispirato nella mente degli studiosi e del pubblico la questione di come la scoperta della vita su altri pianeti influenzerebbe le religioni, in particolare il cristianesimo e la Chiesa cattolica 

 

Cattedrale di San Pietro, Roma. Credito: papannon / Pixabay 

Il prete e astronomo gesuita José Gabriel Funes, ex direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, ritiene che la vita extraterrestre non cambierebbe ciò che la Bibbia dice riguardo al dio giudeo-cristiano. 

Il gesuita disse in una dichiarazione:  

“I cattolici non hanno bisogno di cambiare la nostra visione dell’universo (…) Dio, nella sua libertà, avrebbe potuto creare altre creature che sono anche intelligenti e potrebbero far parte della creazione”.  

“Dio” potrebbe essere in relazione con gli alieni 

Secondo il pensiero di Padre Funes, Dio potrebbe aver creato e persino messo in comunicazione o in relazione con questi ipotetici alieni intelligenti. 

Tuttavia, forse “Gesù Cristo” non avrebbe predicato dove lo hanno fatto.

 

Per gentile concessione: jasonstadlander.com

Da parte sua, il teologo Vesa Nissinen dell’Università di Helsinki in Finlandia crede,  

Secondo gli ebrei, cristiani e il Vaticano, gli esseri umani sono le scelte persone di ‘Dio’ e per questo, sono loro che avrebbero dovuto predicare su Yahweh ad altre civiltà provenienti da altri pianeti. 

L’altra opzione dice che questo dio avrebbe potuto stabilire diversi tipi di salvezza per diverse civiltà.  

Va anche notato che Papa Francesco ha affermato che se alcuni alieni dovessero sbarcare sul nostro pianeta, la Chiesa cattolica non li respingerebbe e li inviterebbe a conoscere la sua dottrina.   

Come possiamo vedere, un annuncio sulla presenza della vita extraterrestre non sembra molto problematico per una parte dei teologi cattolici.  

Tuttavia, Vesa Nissinen ritiene che, dato il fatto che questi alieni portano le loro “credenze religiose”, ciò potrebbe cambiare o “minacciare” la Chiesa cattolica 

Riferimenti 

Enormi insabbiamenti del passato

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Perché il Vaticano ha nascosto la storia dell’Umanità Prima del Diluvio

dal Sito Web Think-AboutIt traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La chiesa cattolica romana ha lavorato duramente per impedire al grande pubblico di comprendere appieno la civiltà “prima del diluvio” nella storia umana.

Il mondo prima del diluvio è misterioso e sembra essere stato cancellato dalla storia per adattarsi alle ideologie bibliche; una strategia utilizzata per impedire alla razza umana di interagire con le razze aliene.

Quindi, il Vaticano controlla la storia?

Chiunque operi una ricerca può vedere che la storia è stata riscritta da potenti forze, le prove che arrivano sotto forma di manufatti e articoli accademici, sono state nascoste o distrutte.

Perché?

Le chiese furono costruite su siti pagani per conquistare le civiltà e coprire i resti di prima del diluvio.

La narrazione è stata propagata.

Siamo portati a credere che una volta gli esseri umani erano tutti uomini di Neanderthal, che poi si sono evoluti nella nostra attuale condizione umana.

Ma le prove suggeriscono il contrario…

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Forse perché la civiltà pre-diluvio è stata creata da una specie aliena…

Rapporti da Disclose.tv:

Questi alieni hanno creato le prime popolazioni umane per portarle dove siamo oggi – sebbene il diluvio abbia spazzato via gran parte di queste prove.

Se il grande pubblico fosse a conoscenza di questa precedente civiltà, non ci sarebbe alcun controllo sulla popolazione.

Inoltre, i siti pagani su cui sono state costruite molte chiese sono serviti da portali per questi alieni che viaggiano avanti e indietro tra la Terra e le loro aree dell’universo.

Alcune prove di ciò risiedono sia nei resti dei giganti sia in quelli con altre deformità genetiche.

Perché la chiesa cattolica dovrebbe spingersi così lontano per orchestrare una simile copertura?

Queste anomalie erano dovute al mescolamento di specie non umane con l’uomo.

Per maggiori informazioni, clicca sull’l’immagine…

Il diluvio ha tentato di ripulire la lavagna da tutte queste anomalie ma non ha svolto del tutto il lavoro.

Pertanto, il Vaticano ha dovuto entrare con le ideologie della Bibbia e tentare di coprire il resto delle prove

È davvero affascinante vedere alcuni di questi enormi insabbiamenti esposti mentre curiosi ricercatori trovano sempre più prove di questa grande civiltà.

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

 

Monitorare la razza umana

 

OGGETTI COORBITALI E MONITORAGGIO ET

 

V.T. notato questo, ed è uno di quegli articoli che ti fanno andare “hmmm …”. Nel mio caso, non sto solo andando “hmmm”, ma il mio metro di sospetto è nella zona rossa al confine con il viola. Ma torneremo al sospetto speculativo sugli alti ottani di oggi tra un momento.

L’articolo si occupa di “oggetti co-orbitali” scoperti di recente che hanno almeno uno scienziato che si chiede se potrebbero essere “sonde extraterrestri” messe in atto per monitorarci:

 

“Oggetti co-orbitali” appena scoperti potrebbero essere sonde extraterrestri che ci guardano

L’articolo inizia rilevando l’anomalia:

    I fatti: un articolo pubblicato recentemente dal fisico James Benford nell’Astronomical Journal ipotizza che gli oggetti vicini alla Terra appena scoperti (ce ne sono molte migliaia) potrebbero essere un hub per “sonde” extraterrestri per monitorare la razza umana.

Continua offrendo questo:

    Il fisico dottor James Benford, un membro del SETI, ha recentemente pubblicato un documento che ipotizza che forse stiamo venendo monitorati. Lo studio è stato pubblicato sull’Astronomical Journal.

    Ci sono molti che condividono questa convinzione, tra cui l’ex senatore Mike Gravel, che in un’intervista ha affermato che “Qualcosa sta monitorando il pianeta e lo stanno monitorando con molta cautela.” Personalmente credo che la nostra razza sia nota da molto tempo tempo e siamo davvero monitorati da una presenza extraterrestre. Perché? Bene, forse il pianeta è più importante di noi. Forse siamo una minaccia per gli altri e il pianeta? Esistono diversi scenari che si potrebbero ipotizzare.

Il dott. Norman Bergrun, uno scienziato e ingegnere che faceva parte del programma voyager della NASA e ha lavorato per decenni alla NASA presso il Centro ricerche Ames, ne ha chiarito il punto nel suo libro “Ringmakers of Saturn” per sottolineare che questi oggetti (che sono controllati in modo intelligente, secondo lui, da extraterrestri) probabilmente sono stati in giro molto più a lungo di noi. Afferma anche che se ci fosse stata qualche cattiva intenzione nei confronti del nostro pianeta, probabilmente sarebbe già successo qualcosa. Ha anche lavorato a Lockheed Martin dove ha gestito i test missilistici Polaris. Purtroppo, recentemente è passato. Ho avuto la fortuna di ricevere una copia del suo libro da uno dei suoi familiari.

Condivido la convinzione che se ci fosse stata qualche cattiva intenzione o che la presenza di ET rappresentasse una sorta di minaccia, ormai sarebbe già successo qualcosa.

E verso l’inizio dell’articolo otteniamo il solito “giro di rivelazione”:

    D’altra parte, abbiamo una grande quantità di informazioni che devono ancora colpire il mainstream alludendo al fatto che noi, o almeno alcuni di noi, sappiamo per certo che non siamo soli e siamo stati al corrente delle prove suggerendo che siamo stati visitati in passato e che ci stiano visitando ora.

    Questa prova arriva sotto forma di testimonianza di astronauti come il Dr. Edgar Mitchell, per esempio, che ha detto al mondo in più occasioni che nel profondo del Dipartimento della Difesa e del Complesso Industriale Militare, è ben noto che siamo stati visitati e siamoo stati visitati e da diversi anni è in atto un massiccio insabbiamento. Il dottor Brian O’Learyè un altro grande esempio di astronauta che ha parlato. Ci sono state più perdite interne, così come accademici e centinaia di militari di alto rango provenienti da tutto il mondo che hanno anche detto la stessa cosa.

Louis Elizondo, ex funzionario del Dipartimento della Difesa di alto rango e parte dell’Accademia TTSA che ha pubblicato diversi video di UFO della Marina (che la Marina ha recentemente confermato essere reali) ha dichiarato di ritenere che questi oggetti siano extraterrestri, ma ufficialmente sono stato intenzionalmente lontano da questa domanda perché molte persone hanno “sentimenti” nei suoi confronti.

 

Inutile dire che ho problemi con tutto questo tipo di analisi, e questo è l’argomento oggi del sospetto ad alto numero di ottani. Nel caso in cui non l’avessi notato, recentemente c’è stato un leggero “aumento” in questo tipo di reportage sugli UFO, anche nei media lamestream. Non meno del New York Times, ad esempio, ha riportato sulla storia di Louis Elizondo, con i suoi video e immagini di accompagnamento. Colorami scettici semplicemente per il motivo per cui abbiamo conosciuto “connessioni tra quella carta e tra Elizondo e quella “comunità”, e tutti sanno che la “comunità” dell’intelligence non mente, giusto? E per quanto riguarda Mitchell e O “Leary, abbiamo un problema epistemologico simile, poiché come astronauti sono collegati al governo, e questo governo non ha mai mentito su nulla, giusto, forse con l’eccezione dell’assassinio del JFK, Waco, Ruby Ridge, l’attentato di Oklahoma City, 9 / 11, lo scandalo della BCCI, l’Iran Contra, il tracollo finanziario e i salvataggi, la missione trilioni di dollari e alcune altre cose minori. Quindi se domani il governo improvvisamente si “pulisse” e annunciasse la presenza di ET, perché qualcuno dovrebbe credere su questo problema? (E c’è quel fastidioso problema menzionato da Richard C. Hoagland nel suo libro Dark Mission, che ci sono indicatori che gli astronauti dell’Apollo potrebbero essere stati deliberatamente sottoposti a una sorta di manipolazione della mente e della memoria. E quelle tecniche e tecnologie certamente esistono ed esistevano al momento. Ma sto divagando.)

L’altro mio problema è quello che ho affrontato in precedenza, e questo è il presupposto che i “visitatori” non rappresentino una minaccia. Se fossero una civiltà di classe III su scala Kardashev, probabilmente no. Ma se la classe I o II, forse lo fanno, specialmente se uno dei miei fattori ipotizza che l’umanità abbia già raggiunto la capacità di progettare sistemi su scala planetaria e forse persino stellare. In tal caso, allora si potrebbe guardare a una sorta di versione “interplanetaria” della dottrina della distruzione reciproca assicurata.

Non fraintendetemi: se l’ipotesi dell’antica guerra cosmica e il suo corollario, l’antica ipotesi del modello di Versailles, è vera, allora è logico che i vincitori stabiliscano una rete per “sorvegliare” il pianeta e i suoi scarsi abitanti certo che non escono dalla zona di quarantena demilitarizzata attorno a una versione celeste della smilitarizzazione della Renania. E mentre speculiamo, c’è sempre anche la possibilità che “loro”, come una Francia celeste, si siano semplicemente stancati e/o troppo stanchi per affrontare gli start up dall’altra parte del fiume.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

®wld

Presenti sulla Terra fin dagli albori dell’umanità

 

Ci sono 5 specie aliene che cercano di dominare la Terra

Ancient Code 

Ufficialmente parlando, gli alieni non sono reali.

Infatti, non abbiamo ancora trovato prove conclusive che suggeriscano che non siamo l’unica specie vivente nell’universo.

Anche se questa è la storia ufficiale, basata su numerose descrizioni e resoconti di avvistamenti registrati in tutto il mondo, oltre a numerose fonti – alcune di loro, migliaia di anni – gli ufologi hanno determinato l’esistenza di diversi alieni specie che presumibilmente lottano per dominare il nostro pianeta. In questo articolo, diamo un’occhiata ad alcuni dei “visitatori ultraterreni” più frequentemente segnalati dai testimoni.

I siriani

Si ritiene che i Siriani siano esseri molto antichi e avanzati, indicati come responsabili dell’insegnamento di conoscenze evolute a diverse civiltà in tempi antichi come gli egiziani (che avrebbe aiutato alla costruzione delle piramidi, e con la medicina e l’informazione astronomica), tra le altre, le culture Maya e Pre-Inca.

I Grigi

I Grigi sono senza dubbio gli extraterrestri più popolari e i più menzionati nei casi di rapimenti. I testimoni spesso li descrivono come piccoli, con teste bulbose e grandi occhi neri. Comunicano in forme telepatiche e si dice che abbiano fatto diversi patti segreti con il governo.

I grigi alti

Non così popolare come i normali alieni grigi, i grigi alti sono estremamente alti (ovviamente), sono pallidi e non hanno capelli. Sono considerati una razza egocentrica avanzata per la quale la vita umana è inutile.

I Grigi Alti sono descritti per avere origine dalla costellazione di Orione, e secondo il Dr. Arthur Horn svolgono un ruolo di supervisione nei grigi medi:

I grigi piccoli sono supervisionati all’interno dei loro ranghi dai grigi più alti di sette-otto piedi di altezza. Questi grigi sono quelli che effettivamente svolgono missioni “diplomatiche”, come negoziare segretamente trattati con i capi dei governi umani. Come accennato i grigi in generale, e i piccoli tre a cinque piedi grigi in particolare, sono stati paragonati a mercenari.

La conferma del ruolo diplomatico svolto dai “grigi alti” proviene da William Cooper, ex Navy Intelligence Advisor, che sostiene di aver visto documenti classificati in cui i “Gray alti” hanno negoziato nelle riunioni accordi con l’amministrazione Eisenhower a partire dal 1954.

Più tardi, nel 1954, la razza di grandi alieni grigi dei ficcanaso che orbitavano intorno alla Terra, atterrarono alla Base Holloman Air Force. È stato raggiunto un accordo di base. Questa razza si identificava come originaria di un Pianeta intorno a una stella rossa nella Costellazione di Orione che chiamavamo Betelgeuse. Hanno dichiarato che il loro pianeta stava morendo e che in un futuro sconosciuto non sarebbero più stai in grado di sopravvivere lì.

Reticoli di zeta

I presunti alieni chiamati Zeta Reticoli provengono dal sistema dei Reticoli e sono considerati tra gli ufologi come alcuni dei visitatori spaziali più noti.

Questi esseri sono presumibilmente alti tra tre o quattro piedi e sono spesso menzionati nei casi di rapimento.

Come riportato da bibliotecapleyades, le canalizzazioni di Lyssa Royal suggerisce che provengono da un pianeta chiamato il pianeta Apex nel sistema Lyran. Questo era un pianeta molto simile alla Terra.

La loro crescita spirituale, tuttavia, non corrispondeva al loro sviluppo tecnologico che alla fine portò ad un cataclisma planetario.

Le esplosioni atomiche causarono il deterioramento della vita vegetale, il che portò la civiltà a costruire rifugi sotterranei. Fu durante questo periodo sotterraneo della loro storia che cominciarono a riprodursi attraverso tecniche di clonazione, che fa parte del lavoro che continuano nel loro lavoro di rapimento sulla razza umana.

Alieni rettili

I rettili sono descritti come creature a due zampe, con pelle verde squamosa, un forte odore del corpo e grandi occhi con una pupilla verticale. Si ritiene che la loro interazione con l’umanità risalga a migliaia di anni fa.

Diversi popoli antichi provenienti da tutto il mondo hanno ritratto gli esseri rettiliani, che agivano in modo ostile verso gli esseri umani. Si ritiene che questi alieni siano stati presenti sulla Terra fin dagli albori dell’umanità.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati: 

Zeta Reticuli Guarire il passato per cambiare il futuro della terra

guerre aliene

ANTROPOMORFI 

®wld

Ipotesi di Simulazione

 

Gli scienziati affermano: stiamo vivendo una simulazione al computer

Postato da: Dan Falk

La mente dei Technocrati che è affidata a tali vane speculazioni non dovrebbe mai essere attendibile per fornire soluzioni scientifiche che potenzialmente interessino tutta la società. È tempo che le persone razionali “dicano semplicemente no” ai loro piani e ai loro sogni. ⁃ Editor TN

E se tutto intorno a noi – la gente, le stelle in alto, il terreno sotto i nostri piedi, persino i nostri corpi e le menti – fosse un’illusione elaborata? E se il nostro mondo fosse semplicemente una simulazione iper-realistica, con tutti noi solo personaggi in una specie di sofisticato videogioco?

Questo, naturalmente, è un concetto familiare di libri e film di fantascienza, tra cui il film di successo del 1999 “The Matrix”. Ma alcuni fisici e filosofi dicono che è possibile vivere davvero in una simulazione, anche se questo significa mettere da parte ciò che sappiamo (o pensiamo di sapere) sull’universo e sul nostro posto in esso.

“Se viviamo in una simulazione, allora il cosmo che stiamo osservando è solo un piccolo pezzo della totalità dell’esistenza fisica”, ha detto il filosofo di Oxford Nick Bostrom in un articolo del 2003 che ha iniziato la conversazione su ciò che è diventato noto come ipotesi di simulazione. “Mentre il mondo che vediamo è in un certo senso ‘reale’, non si trova al livello fondamentale della realtà”.

Simulare mondi e esseri

Rizwan Virk, fondatore del programma PlayLabs del Massachusetts Institute of Technology e autore di “The Simulation Hypothesis”, è tra coloro che prendono sul serio l’ipotesi della simulazione. Ricorda di aver giocato a un gioco di realtà virtuale così realistico che ha dimenticato di trovarsi in una stanza vuota con un auricolare acceso. Ciò lo portò a chiedersi: siamo sicuri di non essere radicati in un mondo creato da esseri più tecnologicamente esperti di noi stessi?

Quella domanda ha senso per Rich Terrile, un informatico del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Dettagliate come sono, le migliori simulazioni di oggi non coinvolgono le menti artificiali, ma Terrile pensa che la capacità di modellare gli esseri senzienti potrebbe presto essere alla nostra portata. “Siamo all’interno di una generazione di essere quegli dei che creano quegli universi”, dice.

Non tutti sono convinti. Durante un dibattito del 2016 all’American Museum of Natural History di New York, la fisica della Harvard University Lisa Randall ha detto che le probabilità che l’ipotesi della simulazione sia corretta sono “effettivamente zero”. Per i principianti, non ci sono prove che il nostro mondo non sia la matrice di stelle e galassie che sembra essere. E si chiede perché gli esseri avanzati si prenderebbero la briga di simulare l’Homo sapiens. “Perché simularci? Voglio dire, ci sono così tante cose da simulare”, ha detto. “Non so perché questa specie più alta dovrebbe disturbarsi con noi.”

Echi di Genesi

Eppure, c’è un anello familiare all’idea che c’è un simulatore, o un creatore, che si preoccupa per noi. Allo stesso modo, l’idea che un essere superiore forgia un universo simulato paragona la nozione di una divinità che crea il mondo – per esempio, come descritto nel Libro della Genesi.

Alcuni pensatori, incluso Terrile, accolgono l’analogia con la religione. Se l’ipotesi della simulazione è corretta, dice, “c’è un creatore, un architetto – qualcuno che ha progettato il mondo”. È un’idea antica riformulata in termini di “matematica e scienza piuttosto che solo fede”.

Ma per altri studiosi, incluso il fisico dell’Università del Maryland, Sylvester James Gates, la somiglianza tra l’ipotesi della simulazione e la credenza religiosa dovrebbe essere presa come un avvertimento che siamo fuori strada. La scienza, come ha detto in una recente intervista radiofonica, ci ha portato “lontano da questa idea che siamo burattini” controllati da un’entità invisibile. L’ipotesi della simulazione, ha detto, “inizia a sembrare una religione”, con un programmatore che sostituisce dio.

Chi, o cosa, è l’entità divina che potrebbe aver creato un universo simulato? Una possibilità, sostenitori dell’ipotesi della simulazione, è che si tratta di una razza di esseri avanzati – alieni spaziali. Ancor più inclinazione alla mente è la possibilità che siano i nostri discendenti – “i nostri sé futuri”, come dice Terrile. Cioè, gli esseri umani che vivono centinaia o migliaia di anni nel futuro potrebbero sviluppare la capacità di simulare non solo un mondo come il nostro, ma i corpi e le menti degli esseri al suo interno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld