Archivi tag: Alice Bailey

L’elitarismo del luciferianesimo

Luciferianesimo: uno sguardo secolare a un sistema di credenze globalistiche distruttive

di Brandon Smith

Nel corso di molti anni di investigazione sulla meccanica degli eventi globali e le persone dietro di loro sono diventato forse un po ‘ossessionato da un particolare argomento – la fonte e le motivazioni del male. Questo fascino non deriva da una semplice curiosità morbosa, ma da un bisogno strategico di comprendere un nemico. Proprio come un disinfestatore deve capire il comportamento degli scarafaggi per essere efficace, cerco di comprendere il comportamento e la natura del male organizzato.

Un fatto molto importante che deve essere prima chiarito nelle menti delle persone è che il male esiste davvero. La propaganda dell’istituto ha passato immensi tempo, sforzi e capitali nel tentativo di condizionare la società a credere che il male non sia nient’altro che una costruzione sociale – un’opinione. Il male è presumibilmente negli occhi di chi guarda; un prodotto di condizionamento religioso. Questa è una menzogna. Proprio come i concetti di bellezza, i concetti di malvagità sono in realtà inerenti alla nostra psiche sin dalla nascita. L ‘”occhio di chi guarda” è irrilevante.

Due particolari aree della psicologia umana supportano questo fatto:

In primo luogo, come l’opera di Carl Jung (e per estensione di antropologi come Joseph Campbell), tutti gli esseri umani indipendentemente da dove siano nati, dalla tribù più isolata dell’Amazzonia alla più grande metropoli d’America, portano lo stesso simboli archetipici nella loro psiche. Vale a dire, TUTTI abbiamo gli stessi elementi psicologici nelle nostre menti indipendentemente dall’ambiente.

Questo fatto da solo è così travolgente per l’uomo moderno che alcune persone si rifiutano addirittura di riconoscerlo come una possibilità. Siamo stati addestrati come topi da laboratorio per vedere solo un percorso attraverso il labirinto; ci è stato detto più e più volte che tutto è “relativo”; che ogni persona è interamente un prodotto dell’ambiente e che tutti noi iniziamo vuoti come “liste vuote”.

Gli attacchi viziosi contro Carl Jung da parte dell’establishment (comprese bugie che ha collaborato con i nazisti) mi dicono che Jung era molto vicino al marchio. Si era imbattuto in qualcosa di molto pericoloso per l’establishment; qualcosa che potrebbe far deragliare il loro condizionamento del pubblico.

Secondo, l’esistenza innegabile della coscienza umana suggerisce che siamo nati con una comprensione della dualità. Significa, proprio come ha scoperto Jung, la nostra psiche contiene concetti inerenti al bene e al male che influenzano le nostre decisioni e reazioni. Jung si riferiva al male, o agli impulsi psicologicamente distruttivi, come l”ombra personale’ e l”ombra collettiva’.

La stragrande maggioranza delle persone ha una relazione intuitiva con il bene e il male. Provano ansia quando si trovano di fronte a azioni o pensieri malvagi e sentono un senso di colpa personale quando sanno di aver fatto qualcosa di male agli altri. Qualcuno potrebbe chiamarlo una “bussola morale”. Mi riferirò ad esso come parte dell’anima o dello spirito.

In ogni caso, c’è un contingente di persone nel mondo che non ce l’ha – una piccola percentuale della popolazione che nasce senza coscienza, o che trova facile ignorare la coscienza. Arriveremo a quelle persone in un momento, ma prima, dovremmo probabilmente definire cos’è il male.

Il male è prima di tutto qualsiasi azione che cerchi di distruggere, sfruttare o schiavizzare in nome del guadagno personale o della gratificazione. Sfortunatamente, le azioni malvagie sono spesso travisate come vantaggiose per il gruppo, rendendole così moralmente accettabili. I bisogni dei molti presumibilmente superano i bisogni dei pochi, e quindi il male è razionalizzato come mezzo per un “fine positivo” per il “bene superiore”.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le azioni distruttive non finiscono per servire gli interessi della maggioranza e finiscono per dare più ricchezza e potere a una minoranza elitaria. Questa non è una coincidenza.

Il male inizia con la negazione dell’esistenza della coscienza o la negazione dell’esistenza della scelta. Ogni persona nasce con una capacità o libertà di scelta. Possiamo ascoltare la coscienza o possiamo ignorarla. Possiamo fare del bene, o possiamo fare il male. Il male ci dice che la scelta è relativa e che la moralità è relativa; che non c’è differenza tra una buona scelta e una cattiva scelta, o che la scelta del male è l’unica scelta.

Oltre a ignorare la coscienza, dobbiamo anche definire la motivazione che guida il male. La psicologia suggerirebbe che le azioni distruttive di autoservizio derivano da un desiderio ossessivo di ottenere o controllare cose che non possiamo o non dovremmo avere. È interessante notare che questo è anche ciò che alcune religioni ci insegnano, ma continuiamo con un esame laico.

Come accennato in precedenza, c’è un gruppo di persone nel mondo che non vede il bene e il male come la maggior parte di noi. La loro psiche funziona in un modo completamente diverso, senza il filtro della coscienza. Queste persone esibiscono i tratti dei sociopatici narcisisti. I sociopatici narcisistici di alto livello hanno rappresentato circa l’1% -5% della popolazione umana totale e la maggior parte di essi sono nati, non creati dal loro ambiente. Inoltre, dal 5% al ​​10% delle persone ha tratti latenti del narcisismo o della sociopatia che generalmente emergono in superficie in un ambiente di crisi instabile.

Ho scritto molto sui sociopatici narcisistici e sull’establishment globalista in numerosi articoli. Ho anche delineato come tali persone, contrariamente alla credenza popolare, non sono isolate l’una dall’altra. Di fatto, si organizzano in gruppi per ottenere un reciproco vantaggio.

Esiste un’ideologia o un sistema di credenze che sostiene l’esatto opposto di ciò che la coscienza ci dice essere “buono”, e quel sistema è il Luciferianesimo. In realtà, il luciferianesimo sembra essere l’influenza primaria per la maggior parte degli “ismi” distruttivi esistenti nella nostra società odierna (inclusi il socialismo e il globalismo). La mia teoria è che il luciferianesimo sia una religione o un culto progettato dai narcisisti sociopatici a beneficio dei narcisisti sociopatici.

A volte è difficile identificare i veri “sacramenti” dietro al luciferianesimo perché, per dirne uno, i luciferini rifiutano di ammettere che il sistema è una religione. Preferiscono chiamarla filosofia o metodologia, almeno in pubblico. Il sistema sembra anche incoraggiare la disinformazione attiva al fine di dissuadere o fuorviare i non aderenti. Il termine storico per questo segreto religioso è “occultismo”. Lo chiamerei “elitismo”.

Ci sono alcune credenze fondamentali che i luciferiani ammettono apertamente. Innanzi tutto, l’obiettivo del luciferianesimo è raggiungere la divinità. Vale a dire, credono che ALCUNI esseri umani abbiano la capacità di diventare dei attraverso l’accumulo di conoscenza.

Ho scritto della follia dell’obiettivo della divinità in passato, delineando in che modo la fisica quantistica e la Prova di incompletità di Kurt Godel rendono impossibile l’osservazione scientifica e matematica e la comprensione dell’universo. Ma la realtà matematica non impedisce ai circoli luciferiani di inseguire distruttivamente ciò che non possono avere. Per estensione, la conoscenza scientifica non mitigata dalla disciplina, dalla saggezza e da una bussola morale può portare a una catastrofe. La conoscenza materiale viene invariabilmente abusata da coloro che cercano il potere divino.

La nozione di auto-culto è un tratto fondamentale dei narcisisti sociopatici; Il luciferianesimo lo codifica semplicemente come se fosse una virtù. Un altro problema con l’idea di diventare un dio è che inevitabilmente si sviluppa un desiderio di seguaci e adoratori. Che cos’è un salvatore, dopotutto, senza un gregge? Ma come fa un essere umano a guadagnare un gregge e diventare più un dio? Attraverso la forza o l’inganno?

Secondo, i luciferiani sostengono di cercare di elevare il potere dell’individuo in generale. Nella mente di molte persone questo non sembra affatto un negativo. Anche io ho discusso sull’importanza dell’individualismo nel mezzo dei controlli della società. Detto questo, qualsiasi ideologia può essere portata agli estremi.

Il perseguimento della gratificazione individuale può essere spinto troppo lontano, al punto che le persone intorno a noi cominciano a soffrire. A causa della natura elitaria del luciferianesimo, non cercano necessariamente l’elevazione di TUTTI gli individui, solo certi individui “meritevoli”. C’è una tendenza a considerare i non aderenti come “inferiori”; persone stupide che dovrebbero essere tosate come pecore da coloro che stanno inseguendo un sogno superiore di divinità personale.

Questo atteggiamento può anche essere visto nelle azioni comuni dei sociopatici narcisistici, che non hanno remore a conning o sfruttare le persone intorno a loro come risorse, nutrendosi di altri come parassiti. Lo considerano una pratica accettabile perché si considerano speciali; sono destinati a ottenere più della plebaglia ignorante. Sono destinati a fare grandi cose e la loro immagine è destinata a essere cementata nei fondamenti della storia.

L’elitarismo del luciferianesimo è difficilmente nascosto. I luciferini affermano di non avere alcun interesse a convertire altre persone. Invece, gli aderenti devono essere “abbastanza intelligenti” per venire al sistema di credenze da soli. Tuttavia, il loro obiettivo di influenzare il pubblico attraverso le sfere sociali e politiche è piuttosto evidente.

I guardiani politici, anche se non apertamente luciferiani, tendono a lasciare scivolare le loro affiliazioni a volte. Saul Alinsky, un organizzatore di sinistra di alto livello e guardiano democratico, elogia il ribelle Lucifero nei ringraziamenti personali del suo manuale politico “Rules For Radicals”, in cui afferma:

“Per non dimenticare almeno un riconoscimento immediato al primissimo radicale: da tutte le nostre leggende, mitologie e storie (e chi deve sapere da dove la mitologia parte e inizia la storia – o quale è quale), il primo radicale noto all’uomo che si ribellò contro l’establishment e lo fece in modo così efficace che almeno vinse il suo regno – Lucifero.” 

Il luciferianesimo è anche prevalente nelle istituzioni globaliste. Ad esempio, l’ ONU sembra essere fortemente coinvolta nell’ideologia attraverso gruppi come Lucis Trust, una casa editrice fondata da Alice Bailey, un’appassionata promotrice di luciferianesimo che possedeva anche la Lucifer Publishing Company . Lucis Trust aveva inizialmente sede presso l’edificio delle Nazioni Unite a New York, e gestisce ancora oggi una biblioteca privata di libri occulti fuori dall’ONU.

Gli ex direttori delle Nazioni Unite come Robert Muller erano strettamente legati con Lucis Trust e il lavoro di Alice Baily e promuovevano apertamente il luciferianesimo. Muller era al centro delle politiche di educazione globale delle Nazioni Unite per i bambini e formava numerose agenzie di filiale con l’intento di una governance globale. Puoi leggere i white paper di Robert Muller sulla formazione di un governo globale sul suo sito web Good Morning World.

I luciferiani si avvicinano alla governance globale come fanno qualsiasi altra cosa – con pesanti spinte propagandistiche. Muller sostiene che l’obiettivo deve essere lanciato al pubblico attraverso l’idea di “proteggere la Terra”. In altre parole, riteneva che l’ambientalismo fosse la chiave per convincere le masse del bisogno di centralizzazione totale del potere nelle mani delle istituzioni globaliste. Gli ideali luciferiani sono ricoperti di zucchero in una miriade di motivi sonori fioriti e nobili. Ma di cosa stanno veramente parlando?

Alcuni luciferini adottano una posizione gnostica sulla figura del diavolo e pretendono solo di apprezzare il concetto di mitologia piuttosto che il diavolo esistente come forza letterale. Alcuni testi gnostici descrivono Satana come il “bravo ragazzo” e Dio il “cattivo” nella storia della Genesi; Essendo Dio un padrone schiavo spietato e il serpente come il “liberatore” che porta la conoscenza del mondo materiale all’umanità. Lucifero è presentato come una sorta di Prometeo; il titano che rubò il fuoco agli dei e lo diede all’uomo.

Questa narrativa di “Lucifero come eroico salvatore” è molto comune. Manly P. Hall, massone del 33 ° grado e influente scrittore del New Age è citato come detto nella sua raccolta di scritti intitolata “The All Seeing Eye”:

“Lucifero rappresenta l’intelletto e la volontà individuale che si ribella contro il dominio della Natura e tenta di mantenersi contrario all’impulso naturale. Lucifero, nella forma di Venere, è la stella del mattino di cui parla l’Apocalisse, che deve essere data a coloro che superano il mondo.”

Un modello di Lucifero descrive Dio solo come un concetto archetipico, una coperta di comodità mitologica che ci aiuta ad affrontare la solitudine dell’esistenza. Non credono che esista una figura di Dio corporeo, tuttavia, ci si chiede come possano riconciliare l’esistenza di archetipi psicologici inerenti con quella nozione? Da dove vengono gli archetipi se non c’è design creativo o significato inteso per l’umanità?

Luciferiani più discreti a volte sostengono che la figura mitologica di Lucifero sia separata dall’immagine cristiana di “Satana”. Il nome “Lucifero” non è menzionato direttamente nella Bibbia in riferimento a Satana (sebbene la frase “stella del mattino”, la traduzione diretta della parola “lucifero” sia menzionata in riferimento a Satana). Ma questa discussione mi sembra piuttosto schiva e inaffidabile. Per secoli il termine Lucifero è stato sinonimo del diavolo nella coscienza pubblica. I luciferiani sembrano cercare di separarsi dalle connotazioni negative associate al satanismo attraverso una forma contorta di giochi di parole e semantica.

Ma perché dovrebbero preoccuparsene? A meno che, naturalmente, non stiano cercando di influenzare la coscienza pubblica e si rendano conto che è difficile vendere la gente al satanismo, quindi vogliono dare una faccia diversa a un’idea vecchia e brutta. I satanisti spesso si riferiscono a Lucifero e Satana nello stesso respiro di essere la stessa figura. In questo documentario, Anton LaVey, un noto rappresentante di ambienti satanici e luciferini, fa esattamente questo.

LaVey sembra essere trattata come un fastidio dai gruppi luciferiani più attenti al marketing. Sospetto che la sua pubblica schiettezza su ciò che le credenze luciferiane implicano realmente sia considerata troppo onesta. Queste persone credono nella segretezza e nell’iniziazione. A loro non piace il loro lato più oscuro in mostra perché tutto il mondo possa vedere e giudicare.

Un’antitesi diretta a qualcuno come Anton LaVey sarebbe stato Michael Aquino, un ufficiale dell’intelligence militare specializzato in guerra psicologica che era un membro della chiesa satanica di LaVey, ma che è partito per fondare il suo Temple Of Set più vendibile. Aquino è meglio conosciuto per una tesi di tattica sulla guerra psicologica che ha scritto con il generale Paul Vallely (accreditato nel documento “Paul E Valley”) chiamato “From Psyop To Mind War” . La tesi delinea l’uso della propaganda e di altre strategie per trasformare una popolazione bersaglio contro se stessa, o distruggere quella popolazione o controllarla più facilmente senza mai usare la forza militare.

Aquino’s Mind War mostra la credenza luciferiana nella “magia”, ma non la magia nel modo in cui la cultura popolare lo comprende. I luciferiani credono nel potere delle parole e dei simboli magici sotto forma di frasi chiave e archetipi psicologici. Vale a dire, hanno adottato l’uso della psicologia archetipica, ma laddove psicologi come Carl Jung usavano la psicologia archetipica per curare le persone con malattie mentali ed emotive, i luciferini usano gli archetipi per manipolare e controllare il pensiero pubblico.

Questo è spesso fatto attraverso la cultura popolare e film. Truthstream Media ha prodotto un eccellente documentario su questo argomento che consiglio vivamente.

Ci sono esempi più ovvi come Blade Runner di Ridley Scott, in cui gli androidi si ribellano contro il loro padrone e creatore di schiavi e alla fine lo uccidono. Poi c’è un intrattenimento più sovversivo come la serie di sfortunati eventi di Netflix, che inizia come un divertente racconto per bambini da commedia, ma si conclude con una dimostrazione di ogni aspetto della credenza luciferiana fino all’elitismo come pratica necessaria, relativismo morale, non utile e di controllo figura di Dio circondata da sicofanti e persino un serpente con una mela contenente la “conoscenza” per salvare i protagonisti da un destino orribile.

La duplicità del luciferianismo da solo dovrebbe essere sufficiente per rendere le persone caute sulle sue promesse e argomenti. L’umanità ha passato la parte migliore di 2000 anni cercando di rimuovere le influenze dell’elitarismo occulto segreto (la classe del sommo sacerdote) dalle nostre strutture politiche e sociali. Eppure, queste persone sono implacabili nel loro desiderio di potere.

Indipendentemente dallo spin positivo che i luciferini adottano per la loro ideologia, i frutti delle loro attività parlano molto più forte della propaganda. Attraverso i loro sforzi verso il globalismo, quello che vedo è un desiderio cancerogeno per il controllo sulla civiltà e su ogni aspetto del pensiero umano. Vedo anche una perversione della natura mentre cercano di ottenere ciò che chiamano “divinità”. Il transumanesimo e la manomissione genetica portano tutte le caratteristiche dell’ideale luciferino. Indipendentemente dalle proprie affiliazioni religiose, è difficile trovare qualcosa di valore nel loro sistema. Tutto a riguardo è un affronto alla coscienza intrinseca. Può solo diventare accettabile per la maggioranza attraverso l’inganno.

Se devi mentire sui motivi della tua filosofia per convincere la gente ad adottare la tua filosofia, allora la tua filosofia deve essere pericolosamente incompleta o addirittura cataclismica.

Fonte: http://www.alt-market.com/

®wld