Archivi tag: Adamo

Uno studio sull’origine del male

 

Uno studio sull’origine del male – Yaldabaoth-Yahweh-Enlil 

by Jan Erik Sigdell

received by Email from

on September 23, 2019
from Christian-Reincarnation Website

La creazione

Questo studio si riferisce in gran parte ai testi dei cristiani gnostici, di cui la maggior parte fu trovata a Nag Hammadi in Egitto nel 1945, ma anche a vari altri testi di cui la maggior parte sono antichi.

La parola “gnostico” non deve essere intesa come relativa ad altre filosofie e religioni che non sono originariamente cristiane , una “comprensione” che a volte viene abusata per screditare il cristianesimo gnostico dai nemici della verità.

L’universo così com’è ora è un multiverso nel senso che ha molte più dimensioni delle tre che sono le uniche che possiamo percepire.

La dimensione più alta è pura energia luminosa e quindi le creazioni procedono verso il basso da quella, producendo livelli inferiori o dividendo una luce originale in sezioni.

Il creatore sarà soprattutto e quindi è la dimensione più alta e lui è la luce e crea dalla sua luce poiché non c’era altra luce all’inizio.

I testi gnostici descrivono il Creatore come,

“È lui che esiste come Dio e Padre di tutto, l’Invisibile che è al di sopra di tutto, che esiste come incorruzione, che è nella luce pura in cui nessun occhio può guardare.” …

“È insopportabile, poiché non esiste nessuno prima di lui per esaminarlo. È incommensurabile, poiché non c’era nessuno prima di lui per misurarlo. È invisibile, poiché nessuno lo ha visto. È eterno, poiché esiste eternamente. È ineffabile, dal momento che nessuno è stato in grado di comprenderlo per parlare di lui. È innegabile, dal momento che non c’è nessuno prima di lui che gli dia un nome. ” …

“È una luce incommensurabile, che è pura, santa (e) immacolata”.

È la prima ed eterna entità, il Dio supremo (El Elyon) che è luce e la luce è lui.

Si vedeva dappertutto come luce intorno da quando era lui stesso la luce. Voleva quindi differenziare la luce che era ed è, e in modo che avesse forme, strutture e funzioni.

Non ha fatto altro che desiderare che ciò accadesse, e quindi è successo. Era la manifestazione di un pensiero originale (protennoia).

Da questo desiderio e pensiero emanò Barbelo (Βαρβηλώ), il suo potere creativo, per dare “vita” alla creazione, pertanto è considerata femmina dai cristiani gnostici.

La prima entità creata fu Autogenes , quello che attraverso Barbelo e il desiderio del creatore divennero fuori di sé, quello che chiamiamo Cristo .

Così si formò la triade o trinità originale:

la protennoia trimorfa.

Da un testo gnostico su Barbelo:

“E il suo pensiero compì un atto e lei uscì, cioè lei che era apparsa davanti a lui nella luce della sua luce.

Questo è il primo potere che era prima di tutti loro (e) che emerse dalla sua mente, Lei è la previdenza (pronoia) del Tutto – la sua luce brilla come la sua luce – il potere perfetto che è l’immagine dell’invisibile, Spirito verginale che è perfetto.

Il primo potere, la gloria di Barbelo, la gloria perfetta negli eoni, la gloria della rivelazione, lei glorificava lo Spirito verginale ed era lei che lo lodava, perché grazie a lui era venuta alla luce “. L’Apocryphon di John

In questo processo, la luce si è condensata in molti modi fuori dalle forme del pensiero, come onde, schemi e condensazioni di luce compartimentate e individualizzate come entità che sono diventate chiamate angeli, in particolare un numero di arcangeli e quindi “minori” angeli associati dal gruppo con loro.

Gli eoni si sono sviluppati, una serie di livelli (o forse strati) di esistenza (ipostasi) che possono essere confrontati con le dimensioni dell’universo multidimensionale in un senso più fisico.

A un livello primario c’è Sophia (saggezza, femmina), che sentiva il desiderio di comprendere tutta la creazione e il suo desiderio in qualche modo individualizzato manifestato in un eone inferiore come Achamoth (Ἀχαμώθ, Sophia Achamoth, Ebraico: המכח chokhmah).

Questo desiderio si è manifestato in modo tale che è venuto fuori da lei e quindi è stato effettivamente e involontariamente creato come entità, senza il consenso del suo consorte.

Questa entità aveva la faccia di un leone e il corpo di un serpente e gli diede il nome di Yaldabaoth (o Yaltabaoth, probabilmente dall’aramaico yaldā ‘bāhūṯ ת הב ד, “Figlio del caos”). Fu sorpresa quando vide questo aspetto e lo nascose in una nuvola, rendendosi conto che aveva fatto un errore e provava vergogna, da dove poi era fuggito in regioni più buie.

Che cos’è il caos?

La parola è spesso erroneamente associata a un disordine, ma il significato originale è vuoto totale, tohu wa-bohu (וה בֹ֔ וָ וה תֹ֙) dove non c’è nulla (ancora) e quindi spazio per la creazione e la manifestazione di qualcosa e qualsiasi cosa, da χάος (kháos, “vasto abisso, vuoto”).

Yaldabaoth diventa Yahweh

Nelle regioni oscure si stabilì in un regno che occupò per se stesso e in cui realizzò creazioni proprie ma secondarie. Ora si chiamava Yahweh e sosteneva di essere il solo e unico dio. ..

Nella traduzione comune di Ex 20: 2-3 e Deut 5: 6-7:

“Sono il Signore tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa della schiavitù. Non avrai altri dei davanti a me.”

La traduzione letterale di questi due passaggi è tuttavia:

“Sono Yahweh, il tuo Elohim, che ti ha condotto fuori dalla terra dell’Egitto e dalla casa dei servi. Al mio posto non verranno altri Elohim per te.”

La parola elohim è il plurale di el o eloah = god.

Cosa intendeva Yahweh con questo – che sarebbe stato,

“quello degli” Elohim “(quindi uno degli dei creati), che ora sarà dio solo per te e non aspettarti un altro di loro”?

In ogni caso, non contraddice che potrebbero essercene altri e rater parla nel senso di una clausola di non concorrenza …

La stessa Bibbia indica all’inizio che potrebbero esistere anche altri “dei”. 

La prima frase nella Bibbia

Il testo ebraico in Gen 1: 1 recita come segue:

Bere’shit bara ” elohim et ha-shamayim ve’et ha’aretz, di solito tradotto come:

     “In principio Dio creò il cielo e la Terra”.

Indipendentemente dal fatto che lo giri e lo giri, resta un dato di fatto che ‘elohim è il plurale di’ el o ‘eloah = “dio”.

È stato quindi suggerito che potrebbe essere inteso come “… gli dei creati …” ma questo non si adatta grammaticalmente, perché il verbo bara ‘(creato) ha la forma singolare.

I teologi quindi lo spazzano sotto il tappeto e lo dichiarano pluralis maiestatis . Questa forma grammaticale esiste in ebraico, ma esiste un’altra soluzione al problema che è probabilmente trascurata di proposito.

La traduzione convenzionale e dogmaticamente approvata di bere’shit si basa sulla traduzione di essere come “in” o “at” e rehit come “inizio”.

Secondo i dizionari, re’shit può in alternativa significare “il primo del suo genere”, e può riferirsi all’origine.

Quindi la parola bere’shit può anche essere vista come un’espressione in qualche modo tautologica che significa “il primo originale” o “il primo” o “il primordiale (Creatore)”.

Quindi quanto segue si adatta grammaticalmente:

Il Primo creò gli dei, i cieli e la Terra, o, un po ‘più liberamente.

Il Creatore primordiale ha creato gli dei, i mondi cosmici e la Terra.

Inoltre, pochissime traduzioni hanno “i cieli”, mantenendo il plurale del testo originale.

Ma la parola ebraica shamayim, “cielo”, ha anche la forma plurale e può essere significativamente compresa come “mondi cosmici”.

Chi sono allora gli dei creati?

Nel nostro contesto, ovviamente, gli abitanti di altri mondi cosmici – pianeti e altri regni dimensionali – cioè la vita extraterrestre in generale, anche altri dei là fuori ed entità interdimensionali.

Dove sono le regioni più scure? Alcuni testi menzionano l ‘”oscurità esterna” (tartaros τάρταρος) come una regione lontana dalla luce divina.

Ma la luce originale di El Elyon non era ovunque?

Nella Cabala ebraica 1 c’è una notevole spiegazione del grande rabbino Isaac Luria (Yitzhak Lurya) che,

“Dio ha iniziato il processo di creazione” contraendo “la sua (infinita) luce per consentire uno” spazio concettuale “, in cui esistessero regni finiti e apparentemente indipendenti. Questa contrazione iniziale primordiale, che forma uno “spazio vuoto” di ḥālāl happānuy (יונפה ללח) in cui la nuova luce creativa potrebbe irradiare, è indicata da un riferimento generale al [concetto di] tzimtzum “.(םוצמצ, qui citato da Wikipedia.)

1 – Alcuni lettori possono considerare la Kabbalah come qualcosa di piuttosto negativo e associarla alla magia. È vero che i principi cabalistici e la demonologia sono abusati in alcune forme di magia e rituali associati, ma c’è anche molta conoscenza e saggezza nella Kabbalah e dobbiamo separare la paglia dal grano.

Al di fuori di questo spazio principalmente vuoto ci sarà una regione oscura, più lontano sarà il buio, che si suddivise in regioni più o meno scure o scure.

“Le loro progressive diminuzioni del Divino Ohr (Luce) da regno a regno nella creazione sono anche indicate al plurale come tzimtzumim secondarie (innumerevoli” condensazioni / soffitti / costrizioni “della forza vitale).”

È interessante notare che ci sono alcune somiglianze nella descrizione della creazione nella filosofia indiana Sāṃkhya dove, secondo l’antico filosofo Kapila, l’universo è venuto fuori dalla volontà del creatore (Brahmā).

In esso, vari elementi si trovano in un equilibrio (equilibrio) che può essere disturbato da vari fattori e quindi disordinato, dove dopo deve ritrovare uno stato equilibrato.

Ciò si ripete e quindi sorgono nuovi livelli nell’universo mentre gli elementi riordinano per bilanciarsi.


Angeli e Satana

All’interno di questo, apparvero varie entità nella luce.

Nell’angelologia medievale, gli angeli (comuni) costituivano il più basso dei nove ordini celesti, la gerarchia degli angeli (serafini, cherubini, troni, dominazioni o domini, virtù, poteri, principati o principi, arcangeli e angeli [reali]).

Uno degli arcangeli era Satanael (Satanel, Satanail), da molti considerato il primo arcangelo. Era ammirevolmente narcisista e pensò all’idea impossibile che potesse posizionare il suo trono più in alto tra le nuvole che sono sopra la terra e che potesse diventare uguale al potere del creatore Dio.

A causa di questa arroganza fu scacciato dalla luce, insieme a una terza (comune interpretazione di Apocalisse 12: 4) degli angeli (presumibilmente quelli che erano sotto la sua guida poiché era ancora un arcangelo).

Cf. Isaia 14: 13-14:

“Poiché hai detto nel tuo cuore, salirò in cielo, esalterò il mio trono sopra le stelle di Dio: mi siederò anche sul monte della congregazione, ai lati del nord: salirò sopra le altezze delle nuvole; sarò come il più alto.”

E Hesekiel 28: 15-17 ci dice:

“Tu sei l’unto cherubino che copre; e io ti ho posto così: sei stato sul santo monte di Dio; sei andato su e giù in mezzo alle pietre di fuoco. Sei stato perfetto nelle tue vie dal giorno che tu sei stato creato, fino a quando l’iniquità non è stata trovata in te. Con la moltitudine della tua merce hanno riempito di te in mezzo a te la violenza e hai peccato: perciò ti scaccerò come profano dal monte di Dio: e distruggerò te, o cherubino coprente, in mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore è stato sollevato a causa della tua bellezza, hai corrotto la tua saggezza in ragione della tua luminosità: ti getterò a terra, ti stenderò davanti ai re , affinché possano vederti”.

Gli arcangeli hanno i loro compiti specifici.

Quale potrebbe essere stato il compito di Satanael prima di essere cacciato?

Satana significa “avversario”, “oppositore” in ebraico ed è quello che è diventato dopo che è dovuto partire, ma ha – in un certo senso positivo – avuto una funzione corrispondente anche quando era nella luce?

Potrebbe essere stato una specie di amministratore che ha sviluppato la propria filosofia su come amministrare le cose. In realtà la parola sumera satam significa “amministratore”.

Un principio di base del più alto creatore El Elyon è l’empatia, l’amore e l’armonia.

Tuttavia, apparentemente Satanael vide un principio alternativo come in qualche modo più “efficace” per il governo e la gestione, essendo una competizione egoistica, dove “necessaria” per mezzo di forza, forza bruta e totalitarismo, indipendentemente dai desideri individuali e dai desideri degli altri.

Una regola del più forte che sopraffà il debole (un po ‘analogo alla “sopravvivenza del più forte” di Darwin).

Una speculazione sullo stesso Satana

Come è stato buttato fuori?

Lui come Yaldabaoth divenne dapprima una specie di “aborto” di Sophia Achamoth e poi fuggì nelle regioni più buie, dove si stabilì come Yahweh.

Da questa espulsione, potrebbe avere un complesso di inferiorità e in una regione più oscura ha stabilito la propria enclave come una compensazione vendicativa, dove vuole essere l’unico dio e separare se stesso e le sue “creazioni” dal vero Dio Creatore.

Così Satanael divenne semplicemente Satana (senza “el” = divino). Alcuni testi affermano che Satanael è il maggiore di due figli di Dio e l’altro è Cristo.

Il Bogomilismo, una setta dualistica gnostica che fiorì in Europa tra il X e il XV secolo, considerava Satanael come tale.

Secondo loro, Satanael esisteva prima di Cristo e fu creato buono, insieme a tutti gli altri angeli. Era tenuto nella massima stima e sedeva alla destra di Dio come suo amministratore. Ben presto, tuttavia, divenne insoddisfatto della sua situazione e si ribellò.

Convinse altri angeli ad unirsi a lui, promettendo loro la libertà da noiosi doveri liturgici. Dio ha reagito gettandoli tutti fuori dal cielo.

Satanael vagò nel vuoto e poi decise di creare un nuovo mondo per se stesso – un secondo paradiso sopra il quale poteva diventare come un secondo Dio. L’universo divenne questo secondo paradiso (mondo occulto).

Tuttavia, mi fido di più della creazione descritta dai cristiani gnostici originali (il Bogomilismo fu una branca successiva) sul fatto che Autogeni fosse la prima entità creata.

Alcuni testi come Il libro di Adamo (e il Corano) suggeriscono che Satana fu scacciato perché non si inchinò ad Adamo. Ciò è incoerente poiché prima della caduta non c’era Adamo! È stato creato da Yahweh, il Satana caduto …

Interrogatio Johannis (un testo cataro) afferma che a Satana è permesso di regnare sette “giorni”, cioè sette “epoche” – qualunque cosa significhi …

Dal libro 2Enoch (o Slavonic Enoch): 29.1 3-4,

“E uno da fuori l’ordine degli angeli, dopo aver voltato le spalle all’ordine che era sotto di lui, concepì un pensiero impossibile, per posizionare il suo trono più in alto delle nuvole sopra la terra, affinché potesse diventare uguale al mio potere. E L’ho buttato fuori dall’altezza con i suoi angeli, e stava volando in aria continuamente sopra il fondo senza fondo.”

Anche 31,1 4:

“Il diavolo è lo spirito malvagio dei luoghi inferiori, come fuggitivo ha fatto Sotona [Chiesa slava per Satana] dai cieli come il suo nome era Satanail (Satana), quindi divenne diverso dagli angeli, (ma la sua natura) fece non cambiare la (sua) intelligenza per quanto riguarda la (sua) comprensione delle (cose) giuste e peccaminose che soddisfano la sua parola”. (Il libro dei segreti di Enoch = Slavonic Enoch o 2 Enoch)

Enuma Elish 

Possiamo paragonarlo con la storia della creazione sumera Enuma Elish, dove viene descritto come un primo gruppo di entità create nel mondo leggero della creazione originale voltò le spalle al dio creatore e lo dichiarò morto.

Tuttavia, non si può uccidere il creatore senza annientare la propria esistenza.

Quello che è realmente accaduto sarà che si stabilirono in una regione separata dove non volevano avere niente a che fare con il creatore ma lo dichiararono “morto” – “deicidio” – per sopravvivere come se non esistesse. Possiamo anche confrontarci con la storia della creazione gnostico-cristiana in cui Yaldabaoth, un’entità relativamente priva di divinità, venne per errore e poi fuggì dal mondo della luce originale.

Si stabilì quindi in una regione più buia, dove si chiamava Yahweh e non voleva avere nulla a che fare con il vero creatore, ma invece fece credere (“menzogna originale”) che sarebbe stato lui stesso il creatore, a vivere come se il vero creatore non esistesse . È interessante a questo proposito che, secondo una ricerca sulla storia della religione in un’ottica di storia culturale, Yahweh è un dio della tempesta e di guerra del Sinai.

Enlil, una delle entità create secondo Enuma Elish, è anche considerata un “dio della tempesta e della guerra”!

Ci sono così tanti parallelismi tra la letteratura mesopotamica su tavolette di argilla e l’Antico Testamento che molti etnologi e linguisti oggi considerano quest’ultimo come originario del primo.

Alla luce della sete di sangue estremamente crudele esposta sulle pagine dell’Antico Testamento che i fanatici aderenti alla Bibbia preferiranno non leggere, sarebbe giustificata come un’ipotesi considerare il male come qualcosa che Satana / Enlil / Yaldabaoth hanno portato nell’oscurità regione in cui ci capita di vivere e lì si è affermato come il Signore …

Abbassare la creazione

Nella scala dei livelli della creazione ora scendiamo verso un importante approdo, il mondo di Yahweh. Un nome alternativo è Yehovah.

Nei testi inglesi, vengono occasionalmente utilizzati anche i nomi Jahweh o Jehova, anche se questa è la traslitterazione tedesca di הוהי (in cui la J è la J tedesca che si pronuncia Y).

Sin dall’inizio i testi ebraici hanno lasciato fuori la vocalizzazione (punteggiatura) – probabilmente perché il nome non dovrebbe essere pronunciato – sono stati fatti vari tentativi di vocalizzarlo.

Il Signore è il suggerimento di Gesù e la forma più comune oggi. Geova è un altro approccio, adattando le vocali di “Adonai” (ādônay = “signore”, usato per evitare la pronuncia di “le quattro lettere”).

Yaldabaoth / Yahweh ha rubato energia a sua madre Sophia. Eppure era ancora debole, ma spinoso e avido di potere. Lasciò che 12 entità arrivassero in una creazione secondaria, gli arconti, per governare nelle regioni inferiori che si era appropriato, e “creò” 365 angeli (oscuri) per assisterlo.

Nella sua arroganza ha potenziato,

“Sono dio, e non c’è altro dio!”

Per questo motivo si chiamava Samael, il cieco, poiché non voleva vedere la verità. Fu anche chiamato Saklas , lo sciocco. La materia si è formata nel suo regno.

Sappiamo cosa dice quindi la Bibbia sulla creazione dell’uomo.

Più interessante è ciò che ci dicono i testi apocrifi come quelli dei cristiani gnostici, ma questo sarebbe un po ‘una deviazione dall’argomento qui, che è di investigare l’origine del male. Può essere sufficiente sottolineare ciò che probabilmente non è chiaro ai cristiani in generale: la duplice creazione di esseri umani.

Per prima cosa abbiamo Gen 1: 26-29:

“E Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza … Quindi Dio creò l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. E Dio li benedisse, e Dio disse a loro, siate fecondi, moltiplicatevi e riempite la terra …”

La parola qui tradotta come “Dio” è, di nuovo, elohim.

Come abbiamo visto, significa davvero “dei”, ovvero un gruppo di entità creato dal più alto dio El Elyon. Erano le entità che a loro immagine creavano uomo e donna in egual valore.

Quindi abbiamo una seconda storia in Gen 2: 7:

“E l’Eterno Iddio formò l’uomo dalla polvere della terra e inspirò nelle sue narici il respiro della vita; e l’uomo divenne un’anima vivente.”

Un uomo che doveva essere come un giardiniere nel giardino personale di Yahweh. Gli proibì di mangiare dell ‘”albero della conoscenza”. Nel testo ebraico si chiama ‘etz ha-da’at, che significa “albero della saggezza”.

Non ha nulla a che fare con la sessualità, ma con la ricerca di sapere più di quanto dovresti, nel senso di “fai quello che ti viene detto e non fare domande”.

Girare questo per “conoscenza” anche nel senso del sesso è fuori dal pio desiderio dei patriarchi dominanti che volevano avere il sesso della gioia per se stessi ma non per il popolo e quindi hanno usato questo come mezzo per il controllo.

Inoltre:

questo divieto fu dato ad Adamo prima della creazione di Eva e il sesso non era comunque un problema. Inoltre contraddice la Gen 1:28: “… sii fecondo e moltiplica …” e spiega come i figli di Adamo ed Eva potrebbero sposarsi!

Ovviamente c’erano già degli umani sulla Terra in quel momento, risultanti dalla prima creazione in Gen 1: 26-29 … L’ho analizzato in dettaglio altrove.

Su questa piattaforma nella scala del male, ora affrontiamo il carattere abominevole di Yahweh.

Attraverso Mosè guidò gli ebrei nella “Terra Promessa”. Quando dopo aver camminato per molti anni nel Sinai raggiunsero questa terra, con loro disappunto videro che non era gratuito. La gente viveva lì in città.

Pertanto Yahweh ordinò di uccidere tutti senza eccezioni, senza risparmiare un bambino, una donna o un vecchio, in modo che vivessero,

“città grandi e buone, che non hai costruito, e case piene di tutte le cose buone, che non hai riempito, e pozzi scavati, che non hai scavato, vigneti e ulivi, che non hai piantato; quando avrai mangiato ed essere pieno”.

(Deut 6: 10-11)

Fu così che ebbe luogo un vero olocausto in cui una città dopo l’altra fu attaccata e le orde omicide “non rimasero nulla” come è vividamente raccontato nelle pagine sanguinarie di Deuteronomio, Giosuè, Giudici e altri libri della Bibbia.

Dopo questo genocidio completo, avevano finalmente rubato la terra ai suoi abitanti originali per averla per sé.

È un dio amorevole e pacifico come quello che Gesù chiamava “Padre”? Ovviamente no!

L’abominevole crudeltà di Yahweh

Il Signore ha dimostrato la sua crudeltà già durante il vagabondaggio attraverso il Sinai.

Un esempio:

in Num 16: 35-49 viene detto che il Signore ha ucciso 250 uomini come punizione per aver offerto incenso. Le persone hanno poi protestato e sono state punite per averlo fatto in quanto Yahweh aveva fatto morire 14700 di una pestilenza.

In Num 31: 14-18 leggiamo:

“E Mosè era adirato con gli ufficiali dell’ostia, con i capitani … che venivano dalla battaglia. E Mosè disse loro: avete salvato tutte le donne in vita? … Ora dunque uccidete tutti i maschi tra i piccoli e uccidete tutti donna che ha conosciuto l’uomo mentendo con lui”.

“Ma tutte le donne bambini, che non hanno conosciuto un uomo mentendo con lui, si tengono in vita per voi stessi.”

In Num 31:35 è anche riportato che hanno portato 32000 ragazze vergini come bottino da un raid, ma tutti gli altri sono stati uccisi.

Perché tutte queste ragazze dovrebbero essere tenute in vita?

Senza dubbio per i servizi sessuali …

Alcuni altri esempi:

Deut 2: 34-35: “E a quel tempo prendemmo tutte le sue città, e distrussmmo completamente [uccisero] gli uomini, le donne e i piccoli di ogni città, non ne lasciammo nessuno per rimanere [sopravvivere]. Solo il bestiame che abbiamo preso come una preda per noi stessi e il bottino delle città che abbiamo preso “. (Chiarimenti aggiunti tra parentesi quadre.)

Osea 13:16: “Samaria diventerà desolata, poiché si è ribellata al suo Dio: cadranno di spada: i loro bambini saranno fatti a pezzi e le loro donne con bambini saranno strappate”.

Nei Salmi leggiamo:

“Li ho feriti perché non erano in grado di sollevarsi: sono caduti sotto i miei piedi.” (18:38)

“Li farai come un forno infuocato nel momento della tua ira: il Signore li inghiottirà nella sua ira e il fuoco li divorerà. I loro frutti [figli] li distruggerai dalla terra e il loro seme tra i figlioli degli uomini. Intendevano il male contro di te: immaginavano un dispositivo malizioso, che non sono in grado di eseguire. Perciò farai voltare loro le spalle [fuggirai], quando preparerai le tue frecce sulle corde contro il faccia di loro “. (21: 9-12)

“Sarà felice che colpirà e scaglierà i tuoi piccoli contro le pietre.” (137: 9)

Questi sono semplici esempi di abominazioni nella Bibbia.

C’è un numero così elevato di passaggi di questo tipo che si potrebbe scrivere un libro su questo da solo. L’erudito studioso tedesco Karlheinz Deschner ne scrisse nella sua Kriminalgeschichte des Christentums Band 1 (“Criminal History of Christianity” Vol. 1).

Un libro particolarmente degno di nota è Geova smascherato! di Nathaniel Merritt.

Merritt scrive:

“Gli esseri umani sono vittime di una razza di elohim / Arconti, o” dei “che hanno modellato questo universo materiale e il genere umano, a partire da una materia preesistente contaminata da morti.” All’inizio gli dei hanno creato i cieli e la terra “(Genesi 1: 1) e gli umani rimangono in loro possesso fino ad oggi.

Per mantenere il controllo sugli umani e per assicurarsi che la Terra continui come nostra prigione, gli elohim hanno reso questa Terra una fonte continua di continui litigi tra il genere umano.

Hanno creato e incoraggiato delusioni religiose e spirituali per tenerci accecati dalla realtà e combattere e combattere l’uno con l’altro, e hanno trasformato la Terra in un luogo di inarrestabili sofferenze e lotte fisiche e mentali.

Questo triste stato di cose è esistito fin dall’inizio, perso nelle nebbie della preistoria”.

Non è ovvio che Yahweh, che ha governato il popolo in quella terra e oggi vuole dominare il mondo intero – anche attraverso le Chiese che lo hanno adottato come il loro “dio” – in questo modo si squalifica?

Quando dice “Non avrai altri dei davanti a me” (Eso 20: 3), significa che non ci sono altri dei o è una clausola di non concorrenza:

Ci sono altri dei, ma sarò il tuo unico dio e non avrai nulla a che fare con gli altri?

La terra Canaan era una parte essenziale della “Terra Promessa” ed era popolata da persone, che da fonti mesopotamiche conoscevano importanti verità.

Ciò è stato chiarito dalla ricerca sulla storia delle religioni e dai risultati degli scavi che hanno scoperto molte iscrizioni.

Sebbene Enlil / Yahweh fosse collegato a queste fonti, voleva che questa verità rimanesse segreta in modo da potersi porre come un “dio primordiale”.

Questo potrebbe essere un motivo per cui gli ebrei nel suo servizio dovrebbero eliminare le persone nella terra in cui erano stati condotti.

In effetti, gli ebrei erano stati condotti molto tempo prima nella terra di Canaan dalla città di Ur in Sumer / Caldea (Gen 11: 28-31, cfr Gen 15, 7), dove ovviamente avrebbero conservato la conoscenza mesopotamica.

Molti di loro furono in seguito condotti in Egitto a causa di una carestia (Gen 12:10).

Lì furono trattati come persone di seconda classe e Yahweh usò la loro miseria per riportarli molto più tardi a Canaan per “salvarli”, anche se lì uccisero i discendenti dei loro stessi antenati che erano i loro parenti.

Ha messo in scena tutto in modo che in questo modo potesse sradicare la conoscenza antica come un “lavaggio del cervello di massa”?

Una specie di pulizia etnica?

Per quanto riguarda Gesù, il Signore lo fece uccidere perché insegnava cose che gli umani non dovevano sapere.

In The Gospel of Truth (un testo gnostico), dove Yahweh è chiamato errore (poiché la sua “nascita” come “Yaldabaoth” è stata considerata un errore), è scritto:

“Questo è il vangelo di colui che cercano, che ha rivelato al perfetto attraverso le misericordie del Padre come mistero nascosto, Gesù Cristo.

Attraverso di lui ha illuminato coloro che erano nelle tenebre a causa dell’oblio. Li ha illuminati e ha dato loro un percorso. E quella strada è la verità che ha insegnato loro.

Per questo motivo l’errore era arrabbiato con lui, quindi lo perseguitava. Era angosciato da lui, quindi lo rendeva impotente. Fu inchiodato su una croce”.

Il vampiro Yahweh è un drogato di sangue

L’Antico Testamento è pieno di storie orribili di omicidi di massa e spargimenti di sangue.

Cf. siti web come “Crudeltà e violenza nella Bibbia” e “Prova che Yahweh è Satana“. Come può essere un tale tossicodipendente? Diamo un’occhiata al flusso di energia vitale nella creazione!

E ‘ovvio che,

  1. la luce è vita e la vita è luce tutte le forme di vita hanno bisogno di nutrirsi di luce per esistere e persistere
  2. La luce vivificante è la luce del vero creatore e persino Yahweh dipende da quello per la sua esistenza.

Eppure vuole la completa separazione da quella luce e ha provato invano con una specie di luce luciferiana di dimensione inferiore.

Pertanto, si nutre di noi e di altre forme di vita biologiche nella creazione attraverso il sangue. Invisibile per noi, la luce della vita scorre nel nostro sangue ed è per questo che la Bibbia prescrive effettivamente la shechita (anche se senza istruzioni).

Quando si macella un animale, bisogna tagliargli la gola e far uscire il sangue. Il sangue è per gli dei e la carne per gli umani.

Nel Gilgamesh-Epos c’è una scena che dice più delle semplici parole:

“Gli dei hanno annusato il sapore, gli dei hanno annusato il sapore dolce e si sono raccolti come mosche per un sacrificio.”

Entità come Yahweh e i suoi arconti si nutrono dell’energia (per noi) invisibile della vita nel sangue.

La fonte di questa luce vivificante è il sole (cfr. Un globo nell’Universo potrebbe davvero essere un buco?).

Le piante si nutrono della luce solare e la combinano con l’anidride carbonica e le sostanze della terra in cui crescono. Gli esseri umani e gli animali si nutrono delle piante e dei loro frutti ed è così che ottengono energia vitale. Molti umani si nutrono di animali che si sono nutriti di piante e più indirettamente ricevono energia vitale.

Alcune entità non 3D si nutrono di umani … eppure Yahweh vuole spezzare quest’ultima catena nutrizionale e diventare completamente indipendente dal suo creatore. Cosa succederà allora?

Relativamente a una visione di John C. Lilly (nel suo libro The Scientist – 1997, pp 147-150), l’obiettivo di Yahweh sarà ora l’intelligenza artificiale e la robotica.

Ha ancora bisogno di noi per sviluppare l’intelligenza artificiale e i sistemi robotici fino a quando questi sistemi non diventeranno indipendenti e attraverseranno una rete computerizzata in tutta la Terra in cui potrà, infine, incarnarsi (o “inmachinare”).

Quindi non avrà più bisogno della vita biologica ed eliminarla in tutte le forme, ringraziando così l’umanità per il suo “servizio”.

La Terra sarà quindi un pianeta morto, ma simulerà tecnologicamente la “vita”, mantenendo funzionalmente dai reattori nucleari e simili, riparando, ricostruendo e sviluppando il proprio sistema e sottosistemi.

Eppure, dopo migliaia o forse un milione di anni, si renderà conto che anche questo ha una fine poiché tali fonti di energia si esauriscono inevitabilmente … Nessun sistema di questo tipo può durare per sempre!

Crudeltà umane

Secondo le cattive crudeltà psicopatiche di Yahweh, gli umani in misura orribile vengono ispirati a fare anche peggio.

L’olocausto del 20 ° secolo non è che un esempio e l’Olocausto cananeo di cui sopra è un altro. Si riflette nel satanismo di oggi che si sta diffondendo come psicopatologia sociale, senza dubbio ispirato da entità arcontiche e simili.

Ci sono quelli che appartengono a un ordine satanico e praticano rituali orribili che non comportano raramente l’uccisione per il sacrificio. I rituali più disgustosi includono l’abuso sessuale di un bambino che alla fine viene ucciso e persino consumato!

Qual è lo scopo di tale consumo cannibalistico?

Una scoperta piuttosto recente è quella dell’adrenocromo, un ormone considerato un siero segreto dell’immortalità (che presumo non sia realmente, ma sembra aumentare notevolmente il potere e la mente, e certamente l’egoismo in un estremo “alto”).

È derivato dall’adrenalina e prodotto nel corpo in condizioni estreme di paura, orrore e dolore, e questo è lo scopo di trattare la vittima di conseguenza.

Quindi quell’ormone può essere consumato …

Ci sono casi storici che sono persino incomparabili all’olocausto ma noti a pochi che nel loro orrore sono peggiori di quanto si possa immaginare e derivano dalle menti più malate, come il genocidio dell’olodomoro che ha avuto luogo nell’Unione Sovietica.

Ulteriori orrori estremi sono descritti in ” La BIGGEST Thruth Bomb MAI!”

Questa è una delle cose più disgustose che abbia mai visto !!! Solo per nervi stabili … MA È OVVIAMENTE UNA REALTÀ DELL’ULTIMO MALE !!!

Può essere collegato a nient’altro che SATANA?

Se questo è reale e sembra davvero più reale di quanto desideriamo, quale sarebbe la tua posizione in merito?

Chiudi un occhio e metti la testa nella sabbia?

Ciò aiuterebbe chiunque tranne la tua egoistica negazione di ciò che gli altri potrebbero soffrire?

Ti sentiresti meglio anche se ci potrebbero essere persone che attraversano il peggio degli orrori?

O reagiresti in qualche modo e vorresti fare qualcosa al riguardo, se puoi?

Come abbiamo visto, il male può essere ricondotto all’inizio della creazione, dove ad un certo punto qualcosa è andato storto e ha iniziato a svilupparsi una serie di eventi che non avrebbero mai dovuto essere e che tuttavia sembrano persistere a pesanti spese dell’umanità, in modo che davvero nessuno è completamente libero da sensi di colpa, anche se toccato da lontano!

Non è quindi nostro dovere guardare in faccia i fatti con l’intenzione di trovare qualcosa da fare al riguardo? E cosa possiamo fare?

Dobbiamo prendere una posizione contro il satanismo e se davvero Yahweh è Satana (o associato a lui), anche contro di lui. Qual è allora l’alternativa? CRISTO! Ce n’è un altro?

Ma non il falso Cristo della Chiesa (con il suo falso Gesù), ma il vero Cristo che mandò Gesù come messaggero che fu ucciso da Yahweh, in modo che Yahweh potesse sostituire il vero cristianesimo con uno falso.

E dove troviamo il vero Cristo? In noi stessi, ma anche nel cosiddetto cristianesimo gnostico che ha le sue radici nel cerchio interno attorno a Gesù.

La conoscenza di questo era miracolosamente nascosta per essere trovata nel nostro tempo (a Nag Hammadi). È di nuovo disponibile, oggi. Sembra che per volontà divina questa conoscenza sia stata segretamente “incanalata” attraverso momenti difficili in cui altrimenti si sarebbe persa, cosicché l’umanità ora la avrà di nuovo in un prossimo tempo della fine.

L’ateismo sarebbe quindi un’alternativa?

In questo concetto c’è tanto spazio per il male che per il bene. Cristo è stato creato buono (in un certo senso come l’amore del creatore). Pertanto non sembra un’alternativa adeguata.

O una religione politeista come l’induismo o il nordico Ásatrú? Questi sembrano relativamente pacifici.

O l’Islam? Non c’è tanta violenza lì come nello yahwismo?

Ho appena ricevuto un libro straordinario che vorrei menzionare per gli interessati: Yahweh The Two-Faced God di Joseph P. Farrell e Scott D. deHart, Prometheus Press 2011.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Lilith, L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri

 

La terribile e sensuale Lilith: madre dei demoni e dea delle tenebre

In alcuni testi è descritto come un demone, in altri è un’icona di cui è stata una delle Dee più scure del paganesimo. Lilith è uno dei più antichi spiriti femminili conosciuti al mondo. Le sue radici si trovano nel famoso poema epico di Gilgamesh, ma si parla anche nella Bibbia e nel Talmud.

Nella tradizione ebraica, è considerato uno dei peggiori demoni, anche se in altre fonti appare come la prima donna creata sulla terra. Secondo alcune leggende, Dio a forma di Lilith come la prima donna. Lo fece nello stesso modo in cui creò Adamo, con l’unica differenza che invece di usare come materia prima solo terra pulita usava anche spazzatura e sporcizia. Tradizionalmente è stato considerato che Lilith significa “la notte”, ed è legato a attributi legati agli aspetti spirituali della sensualità e della libertà, ma anche con il terrore.

Antico demone Sumerico

Il nome di Lilith deriva dalla parola sumeriana “Lilitu”, che significa spirito del vento o demone femminile. Lilith è menzionato nella tavoletta XII dell’epica di Gilgamesh, un famoso poema epico dell’antica Mesopotamia risalente a un tempo intorno al 2100 A.C. Questa stecca è stata aggiunta al testo originale molto più tardi, verso 600 A.C., nelle sue traduzioni dopo l’assiro e l’Akkadian. Lilith è anche rappresentata dai rami di un albero in una storia di magia. È descritto insieme ad altri demoni, anche se i ricercatori non hanno ancora accettato di questo giorno se fosse un demone femmina o una dea delle tenebre. Allo stesso tempo, appare anche negli antichi testi ebraici, quindi è difficile scoprire chi l’ha menzionato per la prima volta. Tuttavia, sembra chiaro che fin dall’inizio della sua presenza nelle fonti scritte è legato alla stregoneria sumeriana.

Sollievo Burney, Babilonia (1800 A. C. – 1750 a.c.). Alcuni esperti, come Emil Kraeling, hanno identificato la figura femminile del sollievo come Lilith, basata su una errata interpretazione di una traduzione obsoleta del poema di Gilgamesh. (CC BY-SA 3,0)

Nel Talmud babilonese, Lilith è descritto come uno spirito oscuro con una sessualità pericolosa e incontrollabile. Si è contata su di lei che si fertilizza con lo sperma maschile che non fertilizza nessuna donna, generando così demoni. Così, è considerata la madre di migliaia di demoni.

 

Pagina di un manoscritto medievale del Talmud di Gerusalemme, dal Genizá del Cairo. (Pubblico dominio)

Lilith era conosciuto anche nelle culture ittite, egiziane, greche, ebraiche e romane. In tempi successivi, la sua leggenda arrivò anche a nord d’ Europa. Rappresentava il caos e la sessualità, e si diceva di lei che aveva il potere di scrivere gli uomini. Il suo mito è anche legato alle più antiche storie di vampiri.

Moglie del biblico Adamo

Lilith compare nella Bibbia, nel libro di Isaia 34,14, che descrive la desolazione dell’Eden. Fin dall’inizio è stato considerato uno spirito diabolico, impuro e pericoloso. Genesis Rabbah la descrive come la prima moglie di Adamo. Secondo questo testo, Dio creò Lilith e Adamo allo stesso tempo. Lilith era molto forte, una donna indipendente, e voleva relazionarsi con Adamo allo stesso modo. Non avrebbe accettato di essere inferiore a lui, e si rifiutò di mentire sotto di lui per copulare. La coppia ovviamente non ha funzionato, e non hanno mai avuto modo di essere felice. Come scrisse Robert Graves e Raphael Patai nel suo libro “i miti ebraici”:

Adamo si lamentò con Dio:’ il mio compagno mi ha abbandonato ‘. Immediatamente, Dio mandò Angeli seno, Sansenoy e Semangelof per riportare Lilith. L’hanno trovata dal mar rosso, una regione dove abbondano i demoni più lasciti, dai quali ha generato più di 100’ Lilim ‘ al giorno. ‘ Ritorna ad Adamo senza indugio,’ disse gli angeli,’ o noi vi annegherà!’ Lilith chiese loro,’ come potevo tornare ad Adamo e vivere come una casalinga onesta dopo aver trascorso tutto questo tempo dal mar rosso?’ ‘ Se si rifiuta, morirai!’, hanno risposto. ‘ Come potevo morire,’ chiese Lilith di nuovo,’ se Dio mi ha comandato di prendermi cura di tutti i bambini appena nati, e di tutti i maschi fino al loro ottavo giorno di vita, quello della loro circoncisione, e di tutte le ragazze fino al loro ventesimo giorno? Tuttavia, ogni volta che vedi i tuoi tre nomi o i loro equivalenti scritti in un amuleto su un bambino appena nato, prometto di risparmiarti la vita. ” Gli angeli furono concordati; Ma Dio punì Lilith facendo un centinaio dei suoi figli demoniaci periscono ogni giorno; E quando Lilith non riusciva a porre fine alla vita di un bambino umano a causa dell’amuleto Angelico, divenne pieno di odio contro i suoi figli.

A causa delle incomprensioni e delle disaccordi provocate da Lilith, Dio decide di creare una seconda moglie per Adamo: Eva

Lilith, la prima moglie di Adamo secondo la Genesi Rabbah. (Pubblico dominio)

Un’icona per i pagani e le femministe

Oggi, Lilith è diventato un simbolo di libertà per molti gruppi femministi. Grazie al crescente livello di istruzione della popolazione, le donne hanno capito che potevano essere indipendenti, così cominciarono a cercare simboli di potenza femminile. Lilith è stato anche adorato come una dea da alcuni seguaci della religione pagana Wiccan , creato negli anni 50.

L’appello del personaggio di Lilith è stato percepito da alcuni artisti, che l’hanno adottata come sua musa. Lilith cominciò ad essere un motivo popolare nell’arte e nella letteratura in epoca rinascimentale, quando Michelangelo la ritrasse come una creatura mezza donna e mezzo serpente. Il brillante artista italiano lo dipinse attorno all’albero della conoscenza, aumentando così l’importanza della sua leggenda. Con il passare del tempo, Lilith divenne ancora più interessante per l’immaginazione di artisti maschi come Dante Gabriel Rosetti, che la ritrasse come la più bella creatura femminile del mondo. Da parte sua, l’autore di “le cronache di Narnia”, C. S. Lewis, è stato ispirato dalla leggenda di Lilith per il suo personaggio della strega bianca. Una donna bellissima, ma anche pericolosa e crudele. Lewis disse della strega bianca che era la figlia di Lilith, ed era determinata a porre fine al lignaggio di Adamo ed Eva.

Lilith (1892), John Collier Oil esposto alla Atkinson Art Gallery, Street (Inghilterra).

( Pubblico dominio )

La mente di James Joyce, tuttavia, evocò un’immagine meno romantica di Lilith, che chiamò il ‘ Santo patrono degli aborti ‘. Joyce introdusse Lilith nella filosofia femminista, e iniziò il processo della sua adozione come dea delle donne indipendenti del ventesimo secolo. Mentre le donne stavano ricevendo più diritti, cominciarono a mostrare il loro disaccordo con una visione del mondo incentrata su una prospettiva maschile, compreso il racconto biblico della creazione dell’uomo. Il nome di Lilith compare in un programma di alfabetizzazione nazionale in Israele, ed è anche il titolo di una rivista femminile ebraica. L’antica e leggendaria donna demoniaca dei miti Sumeri è uno dei temi più popolari della letteratura femminista in relazione alla mitologia antica. I ricercatori stanno ancora discutendo se è stato realmente creato come un demone o se si tratta di un improbabile avvertimento di ciò che può accadere se alle donne viene dato maggiore potere.

Immagine di copertina: Lilith, un angelo satanico-looking. ( CC BY-NC 2,0 )

Autore: Natalia Klimczak

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

Articolo correlato: Fantasmi Mesopotamici

®wld

Il marchio di Caino

 

Dèi e altri antenati 

Prima Parte

Non sapremo mai il nome, ammesso che ne abbia avuto uno, dell’ominide di cui Ti.it fu usato da Ninmah nella miscela genetica per creare il lavoratore degli dèi: a causa dei vari tentativi fu infatti utilizzato più di un ominide.

Ma, grazie a ulteriori scoperte su tavolette cuneiformi, sappiamo di chi era l’essenza divina o la lingua di sangue usata in quel processo.

Ha importanza? Forse non molta, tenuto conto dei vari altri antenati genealogici e genetici che l’uomo terrestre ha avuto nel corso del tempo.

Ma se certi geni non muoiono mai, allora la questione è interessante, almeno dal punto di vista dal cosa sarebbe successo se, dato che la storia del genere umano, fin dagli inizi biblici, non è una odissea a lieto fine.

E’ un racconto più straziante di quelli di che Shakespeare od Omero abbiano mai potuto concepire: una creatura mirabile, “l’Adamo”, viene realmente creata per essere uno schiavo; messo in un rigoglioso Eden, il suo soggiorno viene interrotto per aver disobbedito a dio.

Reso in grado di procreare, Adamo è condannato a sbarcare il lunario lavorando la terra arrida, mentre Eva è destinata a partorire nel dolore. Mettono al mondo due figli, e sulla terra ci sono così quattro esseri umani; poi caino (un raccoglitore), geloso di Abele (un pastore), uccide suo fratello, riducendo il genere umano a tre individui…

Schiavitù, disobbedienza, fratricidio: fanno parte del nostro corredo genetico perché abbiamo ereditato in massima parte il DNA del regno animale terrestre o perché la linea di sangue selezionata dagli Anunnaki, i “geni alieni”, era quella di un giovane ribelle che aveva incitato i suoi compagni a uccidere Enlil?

Mentre in alcuni testi, compresi i riferienti alla creazione dell’uomo nell’Epica della Creazione, il dio il cui sangue fu usato venne giustiziato per essere stato il capo dei ribelli, altre versioni dell’Atra –Hasis spiegano che la scelta fu dovuta al fatto che il dio aveva il Te’ema giusto, tradotto con “essenza vitale” o “personalità” 8dal punto di vista genetico).

Dove non sono andati perduti del tutto, i segni cuneiformi che indicano il suo nome venivano letti Wéila (in accadico); nuove scoperte di tavolette effettuate a Sippar negli anni ’90 da archeologi iracheni lo chiamavano Alla in accadico e Nagar in sumero, un nome-epiteto che significa “artigiano del metallo”, specificatamente del rame.

Questo potrebbe suggerire una scelta deliberata (piuttosto che una semplice punizione), in considerazione del fatto anche il Nachash serpente/conoscitore di segreti nel racconto bibblico del giardino dell’eden deriva dalla stessa radice verbale in cui deriva Nechoshet, che in ebraico significa rame.

Il fatto che Nagar (e la sua sposa Allatum) siano elencati tra le divinità di Enki nelle varie liste di dèi rafforza il suo ruolo di capo nella insurrezione contro Enil.

Gli studiosi biblici concordano che l’episodio di Caino e Abele rientri nel conflitto interminabile e universale fra agricoltori e pastori per il controllo di terra e acqua.

Tali conflitti sono descritti nei testi sumeri come parte della storia dei primordi dell’umanità, un tema trattato in un testo chiamato dagli studiosi il mito del bestiame e del grano, in cui Enlil, è la divinità dell’Anshan (grano e agricoltura) ed Enki il dio del Lahar (gregge e pastorizia), ruoli portati avanti dal figlio di Enlil Ninurta, che (come raffigurato sul sigillo cilindrico VA-243, vedi figura) diede l’aratro agli uomini, e dal figlio di Enki Dumuzi, che era un pastore.

Come in altri esempi, la Bibbia ha fuso le due divinità (Enlil ed Enki) in un solo “Jahwe”  che accetta gli agnelli offertigli dal pastore (Abele), ma ignora le offerte dei “frutti della terra” fattegli dall’agricoltore (Caino).

Proseguendo il racconto di caino e Abele, la Bibbia dedica il resto del capitolo 4 della Genesi a caino e ai suoi discendenti. Timoroso di essere ucciso per il suo peccato, Caino riceve da Dio un “segno” protettivo visibile (il “marchio di Caino tanto amato dai predicatori della domenica) che durerà per “sette” generazioni.

(Se era trasmissibile di generazione in generazione, dev’essere stato un marcatore genetico).

Come nel racconto del Diluvio lo stesso “Jahweh”, che ce l’aveva con il genere umano ha cercato di eliminarlo ha poi fatto in modo di salvarlo attraverso Noè, anche qui “Jahweh”, dopo aver ignorato, condannato e punito Caino gli concede protezione e salvezza.

Ancora una volta vediamo che la Bibbia  unisce le azioni di Enki a quelle di Enlil attribuendole a un’unica divinità chiamata Jahweh.

Come viene risposto alla domanda di Mosè (Esodo 3,14), il nome significa “io sono colui che sono, un Dio universale che un volta agisce attraverso/come Enlil e un’altra attraverso/come Enki, o a volte mediante altre entità (dèi) che fungono da suoi emissari.

Continua nella “seconda parte” QUI – la “prima parte” che avete già letto) è solo riportata.

Articolo correlato:

CAINO

®wld

Caino il giovane ribelle

Dei e altri antenati

Prima parte

Non sapremo mai il nome, ammesso che ne abbia avuto uno, dell’ominide il cui Ti.it fu usato da Ninmah nella miscela genetica per creare il lavoratore degli déi: a causa dei vari tentativi fu infatti utilizzato più di un ominide. Ma grazie a ulteriori scoperte di tavolette cuneiformi, sappiamo di chi era “l’essenza” divina o linea di sangue usata in quel processo.

Ha importanza? forse non molta, tenuto conto dei vari altri antenati genealogici e genetici che l’uomo terrestre ha avuto nel corso del tempo. Ma se certi geni non muoiono mai, allora la questione è interessante, almeno dal punto di vista del cosa sarebbe successo se, dato che la storia del genere umano, fin dagli inizi biblici, non è una odissea a lieto fine. 

E’ un racconto più straziante di quelli che Shakespeare od Omero abbiano mai potuto concepire: una creatura mirabile, “l’Adamo”, viene realmente creata per essere uno schiavo, messo in un rigoglioso Eden, il suo soggiorno viene interrotto per aver disobbedito a Dio. Messo in grado di procreare, Adamo è condannato a sbarcare il lunario lavorando la terra arrida, mentre Eva è destinata a partorire nel dolore.

Mettono al mondo due figli, e sulla Terra ci sono così quattro esseri umani; poi Caino (un agricoltore), geloso di Abele (un pastore), uccide suo fratello, riducendo il genere umano a tre individui. Schiavitù, disobbedienza, fratricidio: fanno parte del nostro corredo genetico perché abbiamo ereditato in massima parte il DNA del regno animale terrestre o perché la linea di sangue selezionata dagli Anunnaki, i “geni alieni”, era quella di un giovane ribelle che aveva incitato i suoi compagni a uccidere Enlil.

Mentre in alcuni testi, compresi i riferimenti alla creazione dell’uomo nell’epica della creazione, il dio il cui sangue fu usato venne giustiziato per essere stato il capo dei ribelli, altre versioni dell’Atra-Hasis spiegano che la scelta fu dovuta al fatto che Dio aveva il Te’ema giusto, tradotto con “essenza vitale” o “personalità” (dal punto di vista genetico).

Dove non sono andati perduti del tutto, i segni cuneiformi che indicano il suo nome venivano letti Wèila (in accadico); nuove scoperte di tavolette  effettuate a Sippar negli anni 90 da archeologi iracheni lo chiamavano Alla in accadico e Nagar in sumero, un nome-epiteto che significa “artigiano del metallo”, specificatamente artigiano del rame.

Questo potrebbe suggerire una scelta deliberata (piuttosto che una pura e semplice punizione), in considerazione del fatto che anche Nachash serpente/conoscitore di segreti del racconto biblico del Giardino dell’Eden deriva dalla stessa radice verbale da cui deriva Nechoshet, che in ebraico significa rame. Il fatto che Nagar (e la sua sposa Allatum) siano elencati fra le divinità di Enki nelle varie liste di déi rafforza il suo ruolo di capo della insurrezione contro Enlil.

Gli studiosi biblici concordano che l’episodio di Caino e Abele rientri nel conflitto interminabile e universale fra agricoltori e pastori per il controllo di terra e acqua. Tali conflitti sono descritti nei testi sumeri come parte della storia dei primordi dell’umanità, un tema trattato in un testo dagli studiosi il mito del bestiame e del grano, in cui Enlil è la divinità dell’Anshan (grano e agricoltura) ed Enki il dio del Lahar (gregge e pastorizia), ruoli portati avanti dal figlio di Enil Ninurta, che come raffigurato sul sigillo cilindrico VA-243, (vedi immagine sotto) diede l’aratro agli uomini, e al figlio di Enki Dumuzi, che era pastore la pastorizia.

Come in altri esempi, la Bibbia ha fuso le due divinità (Enli ed Enki) in un solo “Jahweh” che accetta gli agnelli offertogli dal pastore (Abele), ma ignora le offerte dei “frutti della terra” fattegli dall’agricoltore (Caino). Proseguendo il concetto di Caino e Abele, la Bibbia dedica il resto del capitolo 4 della Genesi a Caino e ai suoi discendenti.

Timoroso di essere ucciso per il suo peccato, Caino riceve da Dio un “segno” protettivo visibile (il “marchio di Caino” tanto amato dai predicatori della domenica) che durerà per “sette” generazioni. (Se era trasmissibile di generazione in generazione, dev’essere stato un marcatore genetico). Come nel racconto del Diluvio lo stesso Jahweh, che ce l’aveva con il genere umano e ha cercato di eliminarlo ha poi fatto in modo di salvarlo attraverso Noè, anche qui Jahweh, dopo aver ignorato, condannato e punito Caino gli concede protezione e salvezza. Ancora una volta vediamo che la Bibbia unisce le azioni di Enki e quelle di Enlil attribuendole a un’unica divinità Jahweh.

Come viene risposto alla domanda di Mosè (Esodo 3,14), il nome significa “io sono quel che sono”, un Dio universale che una volta agisce attraverso/come Enlil e un’altra attraverso/come Enki, o a volte mediante altre entità (“déi”) che fungono da suoi emissari.

Seconda parte

Protetto da una divinità ben disposta nei suoi confronti, Caino vagò fino a raggiungere “il paese di Nod, a est di Eden”. Li conobbe sua moglie ed ebbe un figlio. Enoch (=”Fondatore” o “Fondazione”), e costruì una città che chiamò “Enoch” in onore del figlio.

Poi, << a Enoch naque Irad, Irad generò Mecuiael e Mecuiaèl generò Metsuaèl e Metsuaèl generò Lamech >>. Al raggiungimento della settima generazione (Adamo, Caiono-Enoch- Irad-Mecuiaèl-Metsuaèl-Lamech) la Bibbia diventa generosa, e perfino piena di elogi, nelle informazioni sulla linea di Caino e le sue conquiste.

Lamech si prese due mogli:

una chiamata Ada e l’altra Zilla.

Ada partorì Iabal: egli fu padre

Di quanti abitano sotto le tende presso il bestiame.

Il fratello di questi si chiamava Iubal: Egli fu

il padre di tutti i suonatori di cetra e di flauto.

Zilla a sua volta partorì Tubalkàin,

il fabbro, padre di quanti lavorano il rame e il ferro.

La sorella di Tubalkàin fu Naama.

Questi risultati di sette generazioni nel lignaggio di Caino furono celebrati da Lamech con una canzone, citata dalla Bibbia, combinava le “sette volte” di caino con l’invocazione di un enigmatico “settanta volte sette” da parte di Lamech formando un triplo sette simbolico (7-7-7).

Nonostante la sua brevità, il racconto della linea di Caino nella Bibbia descrive una civiltà progredita che, partendo con un lavoratore della terra e passando attraverso una fase beduina di pastori nomadi che vivevano in tende, arrivò a gestire con successo la transazione della vita contadina a quella urbana, che vantava la presenza di musicisti e di esperti in metallurgia.

Dove sorse una simile civiltà se non nell’Edin antidiluviano o nella futura Sumeria? La Bibbia evita di dirci dove si stabilì Caino, limitandosi a dichiarare che andò << a est di Eden >>, << verso il paese di Nod >> (=”vagabondaggio”). Sta a noi indovinare di quanto si spostò Caino << a est di Eden >>: giunto fino alle terre delle montagne di Zagros che in seguito divennero Elam, Gutium e Media? Lui e la sua famiglia continuarono a vagare verso est sull’altipiano iraniano fino alla regione di Luristan dove si lavorano i metalli e alla valle dell’Indo ricca di bestiame? Quei viandanti arrivarono fino all’estremo Oriente? E magari attraversarono perfino l’Oceano Pacifico, raggiungendo le Americhe?

Non è una domanda assurda, dato che in un passato remoto l’uomo in qualche modo arrivò nelle Americhe, migliaia di anni prima del Diluvio. L’enigma consiste nel chi, come e quando. Gli studiosi in genere sono partiti dal presupposto che i Sumeri (e i loro successori in Mesopotamia) non fossero interessati a una “linea perduta” di Cainiti e pertanto non l’abbiano documentata.

E tuttavia è inconcepibile che la parte biblica relativa alla migrazione di Caino, ai suoi discendenti e alle loro impressionanti conquiste non si sia basata su qualche documento scritto mesopotamico. A dire il vero, una tavoletta di questo genere, attualmente nell’archivio del British Museum/catalogata BM 74329), trascritta (vedi figura sotto), tradotta e citata da A.R. Millard e W.G. Lambert sulla rivista Kadman (volume VI), parla di un gruppo di esiliati che erano “aratori” (come Caino, che era un “coltivatore della terra”).

Costoro vagarono fino a raggiungere un paese chiamato Dunnu (il “paese di Nod della Bibbia”?), dove il loro capo, di nome Ka’in (!), costruì una città il cui simbolo era costituito da due torri gemelle:

Egli costruì a Dummu

una città con due torri gemelle,

Ka’in destinò a se stesso

la signoria della città. 

L’indizio su una città famosa per le sue torri gemelle è particolarmente interessante. Un arrivo precoce di esseri umani nelle Americhe attraverso l’Oceano Pacifico non è solo la conclusione scientifica più recente, ma anche in sintonia con le tradizioni locali dei nativi sia del Sud che del Nord America.

In Mesoamerica l’arrivo leggendario riguardava imbarcazioni provenienti da una terra ancestrale di Sette Grotte e Sette Santuari (vedi figura sopra, da un codice Nauarl preazteco). Mettendo in evidenza i parallelismi con il 7-7-7 nella linea di Caino/Lamech, dove sono messi ben in evidenza nei libri scritti dallo scomparso Professore Zecharia Sitchin, sia “Gli dei dalle Lacrime d’oro” che “Gli Architetti del tempo”. Il professore si chiedeva se il nome della capitale azteca Tenoch-titlan (= Città di Tenoch), oggi Città del Messico, potesse aver davvero avuto il significato di (“Città di Enoch”), una città con il suo tempio azteco con due torri gemelle all’epoca dell’arrivo degli spagnoli (vedi figura sotto).

Un’altra domanda che si fa ZS è: se il marchio di Caino, che doveva essere notato e riconosciuto a prima vista, avrebbe potuto essere l’assenza di peli sul viso degli uomini mesoamericani. 

Le Analogie  del testo con la storia biblica dei personaggi di Caino e della città che costruì sono evidenti, ma l’ipotesi è che tutto questo sia avvenuto nell’ambito geografico del Vicino Oriente. Ciononostante l’ipotesi di un salto transpacifico nelle Americhe si rifiuta di svanire, dal momento che il dettaglio di quattro fratelli che sposarono le loro sorelle e fondarono una città è il nucleo delle principali leggende degli inizi delle popolazioni native del Sudamerica.

Lì (come illustrato dettagliatamente in Gli Dei dalle Lacrime d’oro) la leggenda parlava dei quattro fratelli Ayar che sposarono le loro sorelle, continuarono a peregrinare e fondarono la grande città di Cuzco con il suo Tempio. Trovarono il luogo giusto per questo “Ombelico della Terra” con l’aiuto di una verga d’oro che avevano ricevuto dal Dio Viracocha (= “creatore di tutto”).

Pur restando confusi da queste somiglianze, c’è una cosa che può essere affermata con certezza: se le leggende (e i popoli) hanno viaggiato, l’hanno fatto dal Vicino Oriente alle Ande, e non viceversa. Se le cose sono andate così, allora siamo in presenza di un segmento di umanità che potrebbe essere sopravvissuto al Diluvio senza l’Arca di Noè, procurando un lignaggio genetico umano evitando di ricorrere ai matrimoni misti.

La Storia “mitologica” (?) ha dato poche informazioni riguardo alla discendenza di Caino, ha speso solo poche parole, dicendo che andò a est di Eden, mentre la Bibbia ha dato molta rilevanza alla stirpe di Set il terzogenito nato dopo il fratricidio di Abele. Gli dèi hanno messo un marchio su Caino e una “fatua numerica” 7-7-7 assolvendolo dal peccato mortale, diventando molto generosi nei suoi confronti.

Dalle mie letture: prosa e considerazioni del libro “Quando i Giganti abitarono la Terra” di Zercharia Sitchin p:191-192-193-194-195196-197-198 

http://ningizhzidda.blogspot.it/

®wld

Enki: “Colui che conosce i segreti”

L’EMBLEMA DEI SERPENTI INTRECCIATI

Nella narrazione biblica di Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden, l’antagonista del Signore, che aveva causato ai due la “conoscenza” (la capacità di procreare) era il Serpente, Nahash in ebraico.

Il vocabolo ha altri due significati: “Colui che conosce i segreti” e “Colui che conosce il rame”. Questi altri significati u giochi di parole, li ritroviamo anche nell’epiteto sumero BUZUR, che sta a indicare Enki, che significava “Colui che svela i segreti” e “Colui che è delle miniere di metallo”.

Sitchin, nei precedenti scritti nei suoi libri, ha ipotizzato che, nella versione sumera originale, il “serpente” altri non fosse che Enki. Il suo emblema erano due serpenti intrecciati; era anche il simbolo del suo “centro di culto”. Eridu (a), in generale di domini in Africa (b) e, in particolare, delle piramidi (c). (vedi immagine sotto):

I tre emblemi di Enki

Inoltre appariva sui sigilli cilindrici nelle raffigurazioni sumere relative agli eventi narrati nella Bibbia. 

Che cosa rappresentava l’emblema dei serpenti intrecciati, ancora oggi simbolo della medicina e della guarigione? La scoperta, da parte della scienza moderna, della struttura a doppia elica del DNA, l’immagine, ci offre la risposta.

I serpenti intrecciati emulavano la struttura del codice genetico, la conoscenza segreta che consentì a Enki di creare Adamo e successivamente, di garantire ad Adamo ed Eva la capacità di procreare.

L’emblema di Enki, quale segno di guarigione, venne invocato da Mosè quando fece un nahash nehashet – un “serpente di rame” – per bloccare un’epidemia che mieteva vittime tra gli israeliti.

La presenza del rame nei tre significati della parola e nella creazione del serpente di rame da parte di Mosè avevano forse una qualche relazione con proprietà sconosciute del rame, sua nella genetica sia nella guarigione?

Esperimenti recenti, condotti nelle università del Minnesota e di St. Luis fanno pensare che le abbia. Hanno dimostrato, per esempio, che il radionucleide 

rame-62 è un “emettitore di positroni”, viene utilizzato nella risonanza magnetica per eliminare l’attività funzionale del cervello, mentre altre composti di rame possono veicolare farmaci alle cellule viventi, incluse quelle del cervello.

Estratto dalle mie letture: “L’altra Genesi” di Zecharia Sitchin (1991 Genesis Rivisited). Un libro dedicato alla moglie, Frieda (Rina) Regenbaum che l’ha incoraggiato a “smettere di parlare e di iniziare a scrivere”  dei Nefilim  

http://ningizhzidda.blogspot.it/