Crea sito

La Caduta dell’Impero Accadico

 

L’impero accadico all’epoca di Sargon I il Grande. Wikipedia.

Uno studio determina che La Caduta dell’Impero Accadico potrebbe essere dovuta a un Cabiamento Climatico

di Stephen Luntz dal Sito Web IFLScience traduzione di Nicoletta Marino  Versión original en ingles  Versione in spagnolo

Circa 4200 anni fa, il primo imperodella Mesopotamia, l’Impero Accadico, cadde, in concomitanza con grandi trasformazioni in Egitto e nella Valle dell’Indo, le altre due grandi civiltà dell’epoca.

Uno studio su determinate stalagmiti in Iran fa capire che un evento climatico generalizzato può essere stato il responsabile di tutto questo.

Le civiltà crescono e cadono per molte ragioni e le cause della scomparsa dell’Impero Accadico continuano ad essere controverse. La coincidenza sincronizzata di eventi lontani ha portato alcuni storici a propendere per una causa climatica.

Eppure la natura e l’esistenza stessa di questa causa climatica non è stata chiara come successe a metà dell’era dell’Olocene, caratterizzata da temèerature in gran parte stabili, senza un aumento conosciuto della attività vulcanica o di cambiamento nella produzione solare.

Quindi, quando un gruppo diretto dalla dott.ssa Stacy Carolin, dell’Università di Oxford, studiò stalagmiti della grotta Gol-e-Zard, nelle montagne di Alborz, in Iran, formatesi tra 5.200 e 3.700 anni prima, trovò che più o meno in quel periodo era successo qualcosa.

Il resoconto del gruppo (Precise Timing of Abrupt Increase in Dust Activity in the Middle East coincident with 4.2 ka Social Change), pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), dimostra che ci furono forti incrementi nella quantità di magnesio esistente in relazione con il calcio più o meno 4.510 e 4.260 anni prima, in concomitanza con una crescita più lenta e con cambiamenti negli isotopi di ossigeno delle stalagmiti.

Quei cambiamenti durarono tra 110 e 290 anni prima che la composizione delle stalagmiti tornassero ai livelli precedenti.

L’industria e l’attività estrattiva delle civiltà antiche a volte hanno lasciato l’impronta sul pianeta, ma non conosciamo nessun meccanismo a causa del quale gli Accadi sono stati sottoposti a un impatto osservato in grotte così distanti.

Pertanto sembra probabile che qualunque cosa sia stata la causa del cambiamento chimico trovato nelle stalagtiti e che ha coinciso con il declino degli Accadi invece che la causa del loro declino sia stata l’alterazione chimica di queste grotte lontane.

 Stalgmiti nella grotta di Gol-e-Zard, Iran.

Il cambiamento nella composizione delle stalagtiti sembra essere il risultato di un aumento di polvere che cade dalle montagne della Mesopotamia il che sembra essere una conseguenza di condizioni più secche esistenti all’ovest.

Oggi gli anni aridi dei deserti della Siria e dell’Iraq, si associano a un maggior deposito della polvere in Iran. La lenta crescita delle stalagtiti potrebbe essere anche un indice dell’esistenza di condizioni locali più secche.

I sedimenti del Mar Rosso e del Golfo dell’Oman, tra gli altri paleoclimi vicini, sono stati utilizzati per desumere che l’ovest dell’Asia fu sottoposto a un periodo arido molto importante nel periodo preso in considerazione, ma la datazione degli stessi è troppo imprecisa per vincolarla son sicurezza alcollasso accadico.

Invece le analisi delle stalagtiti danno un errore di soli 31 anni.

C’è un gan dibattito tra gli storici su qyanto il cambiamento climatico ha contribuito al collasso della civiltà accadica.

Non sappiamo perché la Mesopotamia divenne arida durante quel periodo però sembra che fece crollare quella civiltà e riguardò gravemente Egitto e la Valle dell’Indo.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Articolo correlato: Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica

®wld

L’enigma Anunnaki

L’enigma dietro gli Anunnaki, creatori della nostra civiltà 

Gli Anunnaki (anche trascritti come Anunaki, Anunna, Ananaki) sono un gruppo di divinità che appaiono nelle leggende mitologiche degli antichi Sumeri, Accadi, Assiri e dei Babilonesi.

Gli Anunnaki sono le divinità più influenti del pantheon, erano i discendenti di An, il dio dei cieli, e la loro funzione primaria è quella di giudicare le sorti dell’umanità.

Secondo la mito-patia mesopotamica, gli Anunna erano, inizialmente, gli dei più potenti del cielo che sono vissuti con Anu.

Nel poema Enûma Elish, è stato Marduk che ha creato l’umanità e poi ha diviso l’Anunna tra cielo e terra e ha assegnato loro i vari compiti. Allora gli Anunna, riconoscenti a Marduk, fondarono Babilonia e costruirono un tempio in loro onore chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunnaki attraverso la sua forma accadica, Anunnaki, è emersa nel 1964 dopo la pubblicazione sull’antica Mesopotamia: “ritratto di una civiltà morta” dell’assiriologo Adolph Leo Oppenheim, che ha popolarizzato questo concetto.

Successivamente, è stato Zecharia Sitchin che ha ulteriormente diffuso il termine degli Anunnaki.

Immagine: Abaddon- la caduta di Ur da berov 

I primi usi conosciuti del termine Anunnaki provengono da iscrizioni scritte durante il regno di Gudea e dalla terza dinastia di Ur.

Nei primi testi il ​​nome viene applicato alle più importanti e potenti divinità dell’antico pantheon sumero: i discendenti dal cielo-dio An.

Zecharia Sitchin, dagli anni ’70, pubblica una dozzina di libri conosciuti come Cronache della Terra  che si sono ulteriormente occupati nello studio degli antichi Anunnaki.

Nei libri pubblicati da Sitchin, le tavolette d’argilla sumeriche scritte in carattere cuneiforme e i testi biblici, sono stati tradotti nella loro scrittura originale, rivelando dettagli affascinanti che rapidamente hanno guadagnato popolarità tra i lettori.

Nel libro Il 12° pianeta, l’autore descrive l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra circa 450.000 anni fa da un presunto pianeta chiamato Nibiru. Gli Anunnaki erano esseri molto alti, circa 3 metri di altezza, pelle pallida, capelli lunghi e barba, si sarebbero insediati in Mesopotamia e, mediante l’ingegneria genetica, accelerarono l’evoluzione del Neanderthal a Homo Sapiens contribuendo alla loro genetica e quindi creando l’umanità.

La storia di come gli Anunnaki hanno creato l’umanità è abbastanza simile alla creazione divina dell’uomo da parte di Dio scritto nella Bibbia. La storia dice che Enki ha preso dell’argilla e gli ha dato forma, nonostante il suo primo tentativo non sia riuscito.

I primi uomini consideravano gli antichi Anunnaki come dei, perché erano estremamente intelligenti per via delle loro tecnologie possedute che l’umanità non aveva mai visto prima.

Alcuni autori sostengono che la prova dell’esistenza degli Anunnaki può essere trovata nella Bibbia, dove vengono chiamati “Nefilim”, anche se alcune altre traduzioni li chiamano “giganti”.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki sono ancora lontani dalla nostra portata, poiché gli Anunnaki 450.000 anni fa avevano la capacità di viaggiare nello spazio e la scienza dell’ingegneria genetica.

Si ritiene che gli antichi Anunnaki avessero notevolmente contribuito allo sviluppo della Terra con la loro tecnologia ancora sconosciuta e che fossero coinvolti nella costruzione di piramidi e in numerosi luoghi megalitici in tutto il mondo.

Le ipotesi di Sitchin sono state duramente criticate e licenziate da scienziati, storici e archeologi che non condividevano le sue “traduzioni” di testi antichi e la sua incomprensione della fisica.

Quindi chi erano gli Anunnaki? Erano solo parte di una grande mitologica leggenda antica? O, come molti autori affermano, è possibile che le antiche divinità mesopotamiche siano infatti quelle responsabili della creazione della nostra civiltà?

Immagine in primo piano di DElevit

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Articoli correlati: 

IL PIANETA DEGLI DEI

“IL DIALOGO” 

la sensibilità accademica sta facendo gridare i critici “al sacrilegio”

Sitchin & Il soggettivo business accademico

La bollatura degli “studiosi”: “I MITI”

ADDIO A ZECHARIA SITCHIN

Antichi Sigilli che raccontano la storia umana

 

Il segno della storia:
Gli incredibili antichi sigilli cilindrici sumeri

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri sono considerati senza dubbio alcuni degli oggetti più interessanti mai recuperati dall’antica Mesopotamia.

Un sigillo cilindrico è un piccolo oggetto decorato con immagini, parole, o in alcuni casi, entrambi incisi sulla sua superficie in modo intricato.I sigilli cilindrici mesopotamici sono importanti per gli studiosi dal momento che spesso raccontano la storia di una linea temporale di una specifica civiltà. Gli antichi sigilli cilindrici sumeri hanno lasciato un segno nella vera storia

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri venivano usati facendoli roteare su di una base di argilla fresca, una tavoletta che veniva impressa dal cilindro.

Quando l’argilla si essiccava, l’immagine rimaneva impressa sulla sua superficie. Queste impronte sono state utilizzate dagli antichi Sumeri per una varietà di scopi, ivi incluse le operazioni commerciali, decorazione, e la corrispondenza. La stampa del cilindro è stata considerata come una parte estremamente importante della vita quotidiana nell’antica Mesopotamia.

Dimensione dei sigilli impressi nell’argilla fresca, (impressioni moderne/ correnti)

I sigilli cilindrici erano noti in sumero come kishib e kunukku in accadico e sono stati utilizzati da tutti, sia dai reali che dagli schiavi.

I cilindrici sigilli sono stati fatti da un ‘sealcutter’ noto come burgul in sumerico e come purkullu in lingua accadica

Le immagini lasciate dai sigilli sulla tavoletta d’argilla erano piuttosto complesse e belle.

I sigilli cilindrici sono stati utilizzati da culture del Vicino Oriente antico, tra i Sumeri, Accadi, Ittiti, e Persiani.

Secondo gli esperti, l’origine di questi intriganti oggetti sono originari del periodo tardo Neolitico, intorno al 7600-6000 a.C., nella moderna Siria. Ci sono alcuni studiosi che sostengono che i sigilli cilindrici abbiano avuto origine in Sumer, il moderno Iraq.

I sigilli cilindrici sumeri erano solitamente creati di pietre (talvolta pietre dure) di diversi tipi. Gli antichi utilizzavano l’ametista, l’ossidiana, tra gli altri elementi usati c’era anche l’ematite. Tuttavia, gli esperti hanno riscontrato che per produrre questi oggetti in tempi antichi sono stati usati altri materiali come: vetro, ceramica, oro, argento, legno, osso e avorio.

Questi sigilli cilindrici sumeri, oltre di essere considerati simboli di status e amuleti, venivano usati anche per altri usi pratici.

Sigillo cilindrico e impressione mesopotamica di argilla calcarea del culto di  Shamash, (Louvre)

Essi sono stati usati per firmare documenti scritti su tavolette d’argilla. Utilizzandolo come un timbro, veniva impresso sulla superficie di una tavoletta di argilla fresca, così facendo un individuo avrebbe potuto certificare che il documento era autentico.

Questa necessità di autenticare i documenti si è manifestata con l’aumento della burocrazia che ha avuto luogo in Mesopotamia nel IV millennio a.C., in particolare nelle regioni meridionali, dove la burocrazia era più complessa.
Nel mondo degli affari e del commercio, i sigilli cilindrici sono stati usati per memorizzare e certificare le merci evitando la manomissione o il furto. In questo modo, le impressioni fatte dai sigilli cilindrici d’argilla, che sono stati trovati, venivano usate per sigillare vasetti e lo stoccaggio, sulle porte dei magazzini nell’antica Sumer.

Il disegno dei sigilli cilindrici sumeri ha sempre suscitato grande interesse tra gli esperti, principalmente a causa degli intagli intricati che coprono soggetti molto diversi.

Come viene fatto notare dagli esperti, i motivi erano solitamente concentrati su tre motivi principali: combattimento, banchetti e temi religiosi.

Sulla loro superficie, possiamo vedere le divinità, gli esseri umani, le piante, gli animali e l’iconografia religiosa. Tra gli altri disegni che si possono osservare sui sigilli cilindrici sono motivi geometrici e iscrizioni in scrittura cuneiforme.

Come notato da Ancient.eu, ci sono due stili di sigillo cilindrico: lo stile Uruk e lo stile Nasr Jemdet che si riferiscono ai motivi utilizzati e il modo in cui i sigilli sono stati intagliati. Gli autori Megan Lewis & Marian Feldman hanno commentato su questo, scrivendo:

Lo stile dei sigilli di Uruk mostrano animali e figure rappresentate in modo eccezionalmente naturalistico, suggerendo che gli incisori tenevano a una mirata chiarezza espressiva. I motivi sono narrazioni e rituali che coinvolgono i templi, le barche e le offerte agli dei, così come le rappresentazioni del mondo naturale negli accordi gerarchici. Essi sono abilmente tagliati, dettagliati, e la loro composizione tende ad essere equilibrata ed esteticamente piacevole. I sigilli in stile Nasr Jemdet, lo stile Uruk, sono meno dettagliati di guarnizioni e si caratterizzano per l’uso pesante di frese e dischi di taglio, che rispettivamente producono segni circolari e lineari. Motivi comuni del Nasr in stile Jemdet includono le donne con le trecce coinvolte nel lavoro domestico e gli allevamenti di animali davanti a templi.

Se diamo uno sguardo alla documentazione archeologica, troveremo che gli archeologi hanno scoperto molti sigilli cilindrici e di come le tavolette d’argilla siano  state stampate.

Ci sono numerosi sigilli cilindrici nei musei di tutto il mondo.
Il Museo di Baghdad, per esempio, ha una collezione di 7.000 sigilli cilindrici, sebbene la maggior parte di loro siano stati saccheggiati quando nel 2003 Baghdad cadde nelle mani delle truppe statunitensi .

Questi pezzi archeologici di valore non sono ancora stati recuperati.

Riferimento:

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da