Archivi tag: A.I

Armi Autonome – Droni Assassini

I’inquietante video sotto esposto mostra uno sciame di droni con intelligenza artificiale che effettuano omicidi di massa senza aver ricevuto ordini umani

Di Matt Agorist

Immagina un mondo in cui le persone che possiedono una certa ideologia politica possano essere ricercate e sommariamente sopresse con precisione chirurgica usando microdroni autonomi e senza danni collaterali. Anche se questo può sembrare un ottimo modo per eliminare organizzazioni terroristiche come ISIS o Al-Qaeda, potrebbe anche essere usato da loro per spazzarci via.

Come sottolinea il Future of Life Institute, le armi autonome selezionano e coinvolgono obiettivi senza l’intervento umano. Potrebbero includere, ad esempio, quadricotteri armati che possono cercare ed eliminare persone che soddisfano determinati criteri predefiniti, senza però includere missili cruise o droni pilotati a distanza per i quali gli umani prendono tutte le decisioni di strategia. La tecnologia dell’Intelligenza Artificiale (AI) ha raggiunto un punto in cui il dispiegamento di tali sistemi è – praticamente se non legalmente – fattibile in anni, non in decenni, e la posta in gioco è alta: le armi autonome sono state descritte come la terza rivoluzione nella guerra, dopo la polvere da sparo e armi nucleari.

In questo momento esiste tutta la tecnologia per assemblare queste macchine che realizzerebbero assassinii autonomi. Tuttavia, per quanto riguarda il pubblico, non è ancora stato implementato al punto che vediamo nel video minaccioso sotto il quale è stato creato dal Future of Life Institute per sensibilizzare a questa realtà distopica che invade la realtà.

Se il video sopra ti ha fatto sentire a disagio, dovrebbe. Conoscendo l’orribile lunghezza a cui i governi e le organizzazioni terroristiche andranno ad attuare la loro volontà, l’idea di spazzare via facilmente i nemici politici è come un sogno ad occhi aperti per l’élite guerrafondaia.

In effetti, queste armi sono state a lungo i sogni anelati dei guerrafondai e sono delineati nei loro stessi documenti che dettagliatamente spiegano come flotte di robot “possono stare nella tasca di un soldato” e armi che possono “mirare a specifici genotipi”. Il Progetto per il Nuovo Secolo Americano, il think tank neocon fondato da William Kristol e Robert Kagan nel 1997 descrissero queste armi nel loro rapporto, scritto nel settembre 2000, intitolato Rebuilding America’s Defenses.

Sulla terra, lo scontro a braccio combinato di massicce forze armate può essere sostituito dai proiettili di forze molto più leggere, più furtive e ad alta intensità di informazione, aumentate da flotte di robot, alcune abbastanza piccole da stare nelle tasche dei soldati … e avanzate forme di guerra biologica che possono essere “indirizzati” a genotipi specifici potendo trasformare la guerra biologica dal regno del terrore in uno strumento politicamente utile.

I brulicanti droni – come nella finzione ritratta nel video qui sopra – sono reali. Infatti, lo scorso anno come riportato dal TFTP, il segretario alla Difesa Ashton Carter ha rivelato l’esistenza di micro-droni che possono essere lanciati dai lanciafiamme dei caccia F-16 e F/A-18 viaggiando alla velocità del suono. Quando i droni vengono rilasciati, piccole eliche forniscono loro la propulsione di cui hanno bisogno per ritrovarsi e creare uno sciame.

Mentre l’idea di uno sciame di micro-robot dispiegati e armati  da uno dei governi più distruttivi nella storia del mondo è inquietante e terrificante, i burocrati guerrafondai alla DC, si stanno davvero dando delle pacche sulla schiena e hanno rilasciato il video dei loro robot per giustificare ancora una volta di più l’approprazione indebita – rubando – i soldi delle tasse dei contribuenti per costruirli.

Dopo il rilascio del video, il segretario alla Difesa Ashton Carter ha richiesto 902 milioni di dollari di finanziamento per SCO nel 2017 – quasi il doppio di ciò che ha ricevuto quest’anno e 18 volte in più di quando ha iniziato – e l’ha ottenuto.

Se pensavi che il finto video sopra fosse spaventoso, aspetta di vedere questo video molto reale qui sotto.

Dato che il governo degli Stati Uniti non rivela mai tutto ciò su cui sta lavorando, possiamo tranquillamente supporre – date le informazioni che hanno già rilasciato – che al momento esista una versione di questi robot assassini. Questo deve essere fermato.

La buona notizia è che il resto del mondo è d’accordo sul fatto che consentire al governo di usare i soldi delle tasse e sviluppare dei macelli autonomi, che potrebbero potenzialmente spazzare via l’umanità, è generalmente una cattiva idea e stanno prendendo provvedimenti per fermarlo.

Il Comitato internazionale per il controllo degli armamenti dei robot chiede alla comunità internazionale un trattato contro i sistemi d’arma autonomi.

Dato il rapido ritmo sullo sviluppo della robotica militare e i pericoli che questi pongono alla pace e alla sicurezza internazionale e ai civili in conflitto, chiediamo alla comunità internazionale un trattato giuridicamente vincolante per proibire lo sviluppo, la sperimentazione, la produzione e l’uso di sistemi autonomi d’arma in tutte le circostanze.

Human Rights Watch è un’altra organizzazione che chiede misure preventive per fermare le macchine …

Lo sviluppo di armi completamente autonome – “robot assassini” – che possano selezionare e coinvolgere obiettivi senza l’intervento umano devono essere fermati per prevenire un futuro di guerra e di polizia al di fuori del controllo e della responsabilità umana.

Human Rights Watch indaga su questi e altri sistemi di armi problematiche e lavora per sviluppare e monitorare gli standard internazionali per proteggere i civili dalla violenza armata.

Fonte: https://www.activistpost.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Tra Pro e Contro e ancora, Tra Contro e Pro

NEPPURE SE LO SFASCI PROTEGGI LA TUA PRIVACY. TECH-GLEBA.  

di Paolo Barnard 

Giusto per quelli che non lo sanno, il dettaglio è considerevole, è un tragico paradigma davvero.

Allora, siamo tutti spiati dai nostri cellulari, tablet e fra poco dagli schermi Tv e dai Drones. Già scritto ottocento volte come e chi ci analizza, le TECH già pronte ecc. Ma per chi ha in tasca un cellulare Android c’è un… optional poco carino. 

Il vostro Android, ci rivela un articolo su QUARTZ di Keith Collins, manda la vostra esatta posizione a Google anche se voi avete
 
1) disabilitato ogni opzione location service.
 
2) disabilitato ogni App
 
3) tolto persino la SIM
 
4) frantumato il cellulare gettandolo dalla finestra (fonte: privata)
 
La stessa Google ha candidamente dichiarato a QUARTZ che è tutto vero, e che “i possessori degli Android non ci possono fare nulla”. Con la faccia come il c… (finisce per ulo).
 
Ora, uno dice “ormai, sanno anche la lunghezza del tuo mitto (getto d’urina), quindi…”. Wrong. Sbagliato. Vi sfugge un dettaglio mostruoso, ed è che l’opzione ‘unplug them’, cioè che se proprio siamo alla disperazione con ste super TECH gli possiamo staccare la spina, è saltata. Perché oggi già i cellulari li puoi disabilitare, spegnere, persino sfasciare, ma quelli continuano a trasmettere i tuoi dati a qualcuno.
 
E siamo solo agli inizi. Immaginate quando i computers in Artificial Intelligence (A.I.), gli Artificial Neural Systems, i DNA computers e i quantistici non si fermeranno neppure se gli stacchi la spina. Come oggi col tuo IPhone o, peggio, con gli Android. Fantasie?
 
Vi ricordo che pochi mesi fa una A.I. in Texas si è auto insegnata a trarre e ad accumulare energia da elettroliti del vetro, con cui si creano batterie potentissime. Naturalmente questo salto inquietante è ancora sotto controllo umano, ma sappiamo a che velocità stanno viaggiando queste super TECH, e sappiamo soprattutto che (fonte: MIT, Boston) gli stessi uomini che le stanno creando non capiscono più esattamente come funzionano o perché reagiscono in certi modi.
 
Le A.I. non sono ancora arrivate neppure vicino al livello della coscienza umana, anche se nel frattempo ci renderanno GLEBA, ma se butti un bebè dalla finestra… dopo non ti fa lo stesso ciao ciao con la manina. L’Android sì. E lo fa a gente poco bella. Non fatelo il bebè (e non buttatelo dalla finestra per vedere se Barnard ha ragione).
 
 

 Due parole sui “social network” e la libertà

di Enrico Galoppini 

Va bene che ufficialmente sono nati per ritrovare “gli amici di una vita”. Ma se si eccettua chi posta solo foto di mogli, mariti, figli, vacanze, acquisti e manicaretti, va detto che queste reti sociali vengono utilizzate da molti per esprimere le proprie idee. 

Ora, in un ambiente che ogni tre per due si dichiara libero la cosa più banale del mondo sarebbe il poter esprimere liberamente le proprie idee, su qualsiasi argomento.
 
Accade invece che la maggioranza dei moderni, benché inebriata dall’illusione della libertà, non riesce assolutamente a sopportare l’espressione, anche a mezzo di questi strumenti, di idee non conformiste (cioè non conformi al “moralmente corretto“). Al primo comparire di qualche idea “strana” certi psicopoliziotti volontari s’indignano e se la prendono come se gli fosse stata offesa la mamma.
 
Però sono convinti che qui ci sia la libbertà (questa volta con due B). Questo tipo d’individui va preso con le molle: può toglierti “l’amicizia” (cosa di cui m’interessa men che zero) e potrebbe “segnalarti” agli amministratori del giocattolo, che così provvederanno a metterti nel “cattiverio” per un po’ (altra cosa che alla fine non ha nessun valore, prima che qualche “autorità” s’inventi un “rating” per le persone basato sulle idee espresse in pubblico).
 
Ed è quello che sta accadendo ad alcuni miei amici, tra i quali si annoverano studiosi e pensatori di notevole spessore, che però, a causa di omuncoli insignificanti, ogni tanto si vedono precluso l’accesso su Facebook, dove sono ammessi anche animali vestiti e pagliacci in servizio permanente. Questi signori, insomma, stanno in “castigo” per le loro idee, nella speranza che col tempo si autocensurino sempre più (ma non lo faranno!).
 
È per questo che, sebbene a qualcheduno possa sembrare incredibile (dato che non la mando certo a dire), il sottoscritto sta attento a non esprimere pubblicamente tutto quel che veramente pensa su parecchie questioni “calde”. Calde, intendiamoci, solo perché c’è troppa gente – schiava dentro – che per l’appunto si scalda subito per un nonnulla, mentre ci sarebbe un gran bisogno di ragionare a mente fredda… Se ci fosse libertà, s’intende… 
 
 

 ‘Declassificazione’: a censura ai tempi del Web è a colpi di algoritmi

Se il potere vede che le vecchie manipolazioni non han più presa, ricorre all’unica risorsa che sa: reprimere di più, imbavagliare di più. Le ultime sulla censura contro RT e i non allineati 
 
di Leni Remedios.
 
Mi fa francamente sorridere l’ennesima guerra sferrata contro media russi come RT e Sputnik. Se non fosse che mette a rischio centinaia di posti di lavoro (a livello planetario, non solo in RT America) mi farei una grassa risata. La nuova faccia della censura si chiama ‘de-ranking’, ovvero declassificazione. Sabato 18 novembre, durante il Forum per la Sicurezza internazionale ad Halifax, Canada, Eric Schmidt – direttore della compagnia Alphabet, socia in affari con Google – annuncia: Google News combatterà la cosiddetta propaganda russa, perciò nasconderà i contenuti di RT e Sputnik. «Non vogliamo bloccare i siti web, non è il nostro stile di lavoro», ha dichiarato Schmidt. «Non sono un sostenitore della censura, sono un sostenitore della classifica».
 
Ma che diavolo vuol dire tutto questo? Schmidt, in maniera che vuol essere sibillina e che risulta in realtà maldestra, spiega candidamente: in base ad algoritmi specifici che obbediscono a criteri interni, i siti compariranno in fondo alle ricerche. In altre parole, «un’altra forma di censura», come commenta l’avvocato statunitense per i diritti umani Dan Kovalik, che aggiunge: «L’attacco a RT è un attacco a narrazioni diverse su questioni come Siria ed Ucraina», e precisa che «infatti Google ha già iniziato ad usare questo metodo anche con siti alternativi nordamericani. Finiranno per censurare tutti. I cittadini americani dovrebbero esserne allarmati». Una mossa che arriva tra l’altro con eccezionale tempismo, subito dopo la decisione del Ministero della Giustizia statunitense di registrare RT fra gli agenti stranieri.
 
Insomma, una censura a colpi di algoritmi. È un po’ l’equivalente del trafiletto in quarta pagina, rifilato lì come paravento per poter poi dire «non è vero che non ne abbiamo parlato».
 
Ma la logica applicata ai quotidiani cartacei non funziona con internet. Zbigniew Brzezinski – spietato oligarca ma mente fine – avrebbe scrollato la testa di fronte a questo puerile e malcelato tentativo di censura. Too bad and too late. Un intervento fatto male ed arrivato troppo tardi. Come la grottesca comparsata dei tre moschettieri della rete (ossia le tre scimmiette, come li ha chiamati Giulietto Chiesa) ovvero Google, Facebook e Twitter, chiamati a giudizio dalla commissione americana sul Russiagate: voleva forse essere una lezione collettiva, un impatto visuale tremendo che funzionasse da monito per tutti, utenti e compagnie. Invece il risultato è stato per molti versi quasi demenziale: i tre moschettieri, oltre a snocciolare dati a dir poco innocui, ben distanti da quel che i giudici volevano sentire, sembravano scolaretti balbettanti di fronte alla maestra cattiva. Mancava solo che chinassero la testa e recitassero il ‘mea culpa’ all’unisono.
 
Google può pure gettare RT in fondo alle sue ricerche o persino toglierlo. Ma, come si diceva, è troppo tardi. Se volevano fare sul serio i censori, avrebbero dovuto agire prima, in maniera preventiva. Invece la tecnologia viaggia a velocità interstellare, sfugge alle mani dei suoi creatori. Una grande fetta di utenti ormai non aspetta il filtraggio dei motori di ricerca per trovarsi RT in ultima pagina. Ci va direttamente nel sito di RT. Ci va direttamente nel sito di Sputnik, Press TV, Al Manar, Hispan TV, Pandora TV. Se non ci va direttamente, ci pensano le amicizie in comune su Facebook, Twitter etc a segnalarle attraverso la condivisione. Perché negli ultimi anni si è gradualmente abituato (una verità che fa molto male ad ogni establishment di ordine e grado) a un fenomeno inedito: c’è qualcun altro che fornisce una narrazione diversa rispetto a quella monocolore fornita dai mainstream e dai suoi servi, pardon, esecutori.
 
Lo strumento militare introdotto al grande pubblico pensando che si potesse manipolare come si fa con la televisione, sta sfuggendo di mano. Nemmeno il succitato Zbigniew Brzezinski, che nel 1970 scrisse Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era, avrebbe potuto prevedere un acceleramento simile.
 
I gatekeepers faticano a controllare tutte le informazioni in entrata e in uscita. Neppure la sapiente introduzione di infiltrazione/cooptaggio/inquinamento delle fonti d’informazione indipendente – per non dire la costruzione ad arte di finti personaggi o entità anti-sistema – è servita a scoraggiare il pubblico, che si sobbarca il rischio d’incappare in qualche granchio.
 
Non è certo un processo iniziato ieri con RT. E ahimè non si concluderà con questa vicenda.
 
Chiudono i quartieri generali britannici dell’iraniana Press TV? Press TV si mette in rete e la guardano in tutto il mondo. Ti mettono in fondo alla ricerca Google? Ci pensano gli utenti dei social a moltiplicare le visite rendendo i contenuti virali. Vuoi silenziare i contenuti di un sito scomodo? La notizia rimbalza come un boomerang di pubblicità negativa.
 
Insomma, non sanno più come fare per tenere a bada tutto.
 
E quando un establishment oppressore riconosce che le vecchie tecniche manipolatorie non hanno più presa, in mancanza di una visione strategica, ricorre all’unica risorsa che conosce: reprimere ancora di più, imbavagliare ancora di più, anche a costo di non curarsi della maschera che cala. Sì, il re è nudo, e allora? Mi chiedo fino a che punto la loro sia spudoratezza o disperazione.
 
A livello planetario, l’establishment – o per meglio dire, le correnti variegate che formano l’establishment – non godono più del consenso granitico che avevano, poniamo, nel 2001, all’alba dei fatti dell’11 settembre.
 
Vorrei in ultima attirare l’attenzione sulle parole seguenti di Schmidt, che svelano l’ideologia sottostante a simili operazioni:
 
«Durante l’anno scorso, si è dimostrato che non ci si può fidare delle capacità del pubblico di distinguere da solo fra fake news e notizie reali».
 
Secondo una certa linea di pensiero che attraversa l’establishment contemporaneo, ma che affonda le radici nelle antiche oligarchie, i cittadini sono visti paternalisticamente come pecorelle smarrite ignare di quel che succede e che vanno sviate…pardon…guidate per manina.
 
È qui che le scimmiette digitali del potere si sbagliano. È il pubblico a non fidarsi di te, caro Schmidt. Forse anche perché una grossa fetta di utenti, grazie anche alle testate che vuoi silenziare, è al corrente che proprio tu, che sbraiti contro la presunta propaganda di altri, peraltro mai dimostrata, sei stato consigliere sui servizi digitali nelle campagne elettorali del 2012 per Barack Obama e del 2015 per Hillary Clinton.
 
Eccoci alla chiusura del cerchio. Non c’è neanche più il bisogno di smascherarli, si sputtanano da soli. In questo senso risparmiano un lavoro notevole a noi giornalisti. Grazie, Schmidt, ci risparmi fatica.
 
Mi sembra che non debba aggiungere ulteriori spiegazioni: contrariamente a quanto pensa Schmidt, ho un’elevata ficucia nelle facoltà intellettive dei lettori. 

L’intelligenza artificiale sarà la guerra del futuro

Il visionario transhumanista avverte che l’Europa è in ritardo per la “guerra dell’A.I. (Intelligenza Artificiale)”

Sembra che l’Europa non sia disposta a contendersi per la leadership globale dell’A.I., secondo un esperto francese sul transhumanisme può arrivare in ritardo al tavolo delle trattative.

Laurent Alexandre, imprenditore francese e visionario transhumanista, ha detto a Sputnik France che l’Europa sembra incapace di comprendere la natura dell’intelligenza artificiale e il suo ruolo nel futuro dell’umanità.

“Ci sono quattro entità geopolitiche: gli Stati Uniti con la sua Silicon Valley che hanno capito tutto, la Cina che si sta rapidamente affermando e la Russia che ha compreso l’equazione geopolitica anche se le manca il potere informatico della Silicon Valley o della Cina che, colui che raggiunge la leadership nell’intelligenza artificiale dominerà il mondo … E poi c’è l’Europa che non ha capito nulla e manca sia del potere tecnologico dell’US o della Cina e la visione geopolitica di Putin. In termini di tecnologia, Laurent ha detto: l’Europa non ha ancora realizzato che l’intelligenza artificiale è la guerra del futuro, l’Europa pensa che sarà in pace per i prossimi mille anni e ritorneranno a confrontarsi tra cervelli biologici e le entità geopolitiche”.

Il Presidente Google: la Cina “dominerà” gli Stati Uniti nell’AI entro il 2030  

Ha sottolineato che l’intelligenza artificiale è pronta a superare in alcune aree l’intelligenza umana, in quanto anche “l’A.I. non auto-consapevole può diagnosticare il cancro in modo più efficiente del miglior oncologo al mondo”.

Inoltre ha osservato che: 

“L’intelligenza e il rapido pensiero otterrà più soldi e opportunità di lavoro, mentre altri potranno trovarsi in un vicolo stretto. A causa del fatto di non aver migliorato le loro scuole tenendo conto della difficile situazione di coloro che sono meno capaci di riuscirci, affrontando il rischio dell’emersione degli “Dei” e delle “persone inutili”: l’emergere di un’aristocrazia intellettuale di minime dimensioni che governerebbe il mondo in cui un’orda di naufraghi deve combattere fondamentalmente con un reddito universale”.

PER SAPERNE PIÙ: ‘Invocazione del Demone’, ‘Torre di Babele’: Dibattito su Dio A.I. E Riscaldamento

Laurent ha anche affermato che i transhumanisti finiranno per diventare la maggioranza e, perché trasformeranno le tecnologie che aumenteranno il cervello prima dei “bio-conservatori”, i primi acquisiranno il primato mondiale del potere demografico e successivamente quello politico nel mondo.

Ha aggiunto che i conservatori come Alain Finkielkraut, che hanno affermato che Internet è la creazione peggiore dell’umanità, non contribuiscono al progresso. 

Laurent ha spiegato:

“Il tipo di conservatorismo spinto da Finkielkraut è inutile e sarà eliminato dal progresso tecnologico … Non possiamo lasciare che l’élite intellettuale ignori la situazione di milioni di persone meno dotate. Dobbiamo diminuire la diseguaglianza intellettuale: bisogna ridistribuire l’intelletto per evitare disuguaglianze”.

Fonte: https://sputniknews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Articoli correlati:

La “SINGOLARITÀ” del Trans-umanesimo 

Tutti in corsa sulla supremazia dell’AI – Intelligenza Artificiale 

DARKNET – encryptions quantistiche

La cancrena sociale

Medical tent

ECCO COSA HANNO OTTENUTO. SPALMERANNO TECH SU CANCRENA. E FORSE UN HITLER. 

di Paolo Barnard  

Ricordate il mio ultimo articolo e la ‘benda’ miracolosa in A.I.? A voi TECH-GLEBA non la metteranno mai, ma anche ve la concedessero, sarebbe una super TECH appiccicata a cancrena sociale. No, non parlo di ‘bestiame’ qui, ma di altro ed è gravissimo di nuovo. Leggete, poi le TECH e ‘Hitler’ nel finale.

Non saremmo oggi a un livello di allarme nucleare-sociale se i bianchi occidentali fossero rimasti quelli che erano prima del trionfo Neoliberale e delle Austerità di bilancio. Se in questa epoca noi bianchi occidentali avessimo solo un problema di altre razze svantaggiate e immigrazione, credetemi, ci sarebbe da baciarsi i gomiti. 

Ma quando, per la prima volta nella Storia, l’Occidente ha masse enormi di bianchi – cittadini nazionali a tutti gli effetti – che vivono oggi come i neri o gli immigrati (in Italia a volte anche peggio), allora abbiamo una bomba atomica che pende per un filo di cotone da un B52. Perché? Semplice:

L’ingiustizia verso le minoranze, gli svantaggiati, gli ‘alieni’, si affronta come si affrontano sacche d’infezioni in un corpo, la si può curare, i mezzi ci sono eccome. Ma se anche coloro che da tempi storici sono sempre stati in cima, se anche questi finiscono oggi per colare rovinosamente nella stessa cancrena dove soffrono le minoranze ecc., allora significa che il 99% del corpo è in cancrena, e lì non esistono più cure. Lì, la Storia ti dice che i Padroni del mondo oggi, cioè persino dopo l’illusione della Civiltà del Diritto, fanno stragi senza guardare davvero più in faccia a nessuno: non al nero, non all’immigrato è ovvio, ma neppure al pensionato bianco che era bancario, neppure ai giovani bianchi che, laurea o meno, sono sperduti nel non-futuro, neppure alla classe media bianca che stanno falcidiando a frotte spaventose come mai accaduto dalla nascita della borghesia sulla Terra

E ciò apre scenari realistici da incubo con l’arrivo delle SUPER TECH. 

Guardate, non serve laurearsi in scienze politiche per sapere la storia di questa catastrofe. Io ne annusai gli inizi quando a Londra lavoravo ventenne in nero in un tunnel senza areazione a sgrassare motori, circondato da almeno 5 razze diverse di disperati, ma tutti odiavano tutti. Certo, zero solidarietà, lo stava insegnando alla nazione Margaret Thatcher col suo Disegno, eccolo: 

Lo Stato Sociale non esisterà più, la spesa di Stato per la gente non esisterà più. Ogni cittadino deve pensarsi individuo/azienda di se stesso, coltivare il suo orto di cash e assicurazioni private per e contro tutto, e far fuori chiunque glielo calpesti. Se il vicino di casa crepa di fame, mai dargli una carota, perché ha fallito, perché è un fallito, e se lo merita.

Nella realtà il Disegno di quel Mostro orripilante era ben altro, e si riassume così:

SE PERMETTIAMO A 2/3 DEI CITTADINI DI STARE ALMENO DECENTEMENTE, ESSI SI ATTACCHERANNO COME SANGUISUGHE AL LORO STILE DI VITA, E LI AVREMO SEMPRE DALLA PARTE DEL CAPITALISMO, ANCHE NELLA CABINA ELETTORALE. OBBEDIRANNO A TUTTO PUR DI NON PERDERE ANCHE IL MINIMO AGIO. FINE DELLE LOTTE SOCIALI. IL RIMANENTE 1/3 PUO’ CREPARE, NON CI SERVONO A NULLA. 

Quella putrida ideologia ha pervaso non solo gli sfigati del Pianeta, ma anche l’intero mondo ricco bianco, dagli USA alla UE di oggi, con le Austerità, i Pareggi di Bilancio, col terrore della Spesa Pubblica, con la devastazione dei Servizi Pubblici, lo smantellamento ‘nazista’ dell’idea stessa di Interesse Comune, e siamo al presente. E ripeto copia-incolla il risultato di sta follia politica: 

Ma quando, per la prima volta nella Storia, l’Occidente ha masse enormi di bianchi – cittadini nazionali a tutti gli effetti – che vivono oggi come i neri o gli immigrati (in Italia a volte anche peggio), allora abbiamo una bomba atomica che pende per un filo di cotone da un B52.

Mi ha colpito in questi giorni, davvero colpito, come l’editorialista e scrittore inglese Gary Younge abbia saputo condensare in un saggio la peste dilagante della povertà dei bianchi in America. Ma io ne avevo parlato molti anni fa nell’inchiesta di Report “E-conomy”. Già nel 2000 mi accorsi di cosa stava accadendo in quel Paese così ricco ma spietato, e lanciai un allarme. Ovvio, per un cazzo. 

Ho sempre scritto di come gli USA ‘vantino’ 22 milioni di cittadini senza nessuna assistenza sanitaria (ma di certo i numeri sono superiori), e 44 milioni di americani che mangiano una sola volta al giorno. Ma il fenomeno scioccante è proprio che oggi, fra i derelitti d’America, i bianchi ex classi medie sono quasi vicini alla maggioranza, stanno per scavalcare i neri. E non sono preparati a questo, esattamente come in Europa. Peggio:

Mentre le classi storicamente svantaggiate come neri e immigrati hanno nella seconda metà del XX secolo sviluppato almeno delle reti d’assistenza e beneficienza capaci di soccorrere milioni d’individui, i bianchi no. Non ne esistono capaci di soccorrere milioni di bianchi, non furono neppure pensate, perché si dava per scontato che lo Stato lo facesse quando capitava, se capitava, ma si davano per scontati il lavoro, i risparmi… (sì ciao). Nessuno fra coloro che sono nati pensando di essere privilegiati mai s’immaginò di trovarsi da vecchi a razzolare nei rifiuti urbani per mangiare, di dover fare la fila in ospedali da campo per le cure urgenti (foto sopra), come una volta vedevano in Tv per l’Africa o per le favelas in Brasile. 

Guardate che qui in Italia le cose stanno marciando precisamente nella direzione USA; dopo vi elenco una manciata di dati. Ma ora Gary Younge sugli States:

“In America oggi il 48% dei bianchi si sente “sotto attacco, sia dalle Corporations, che da governo e immigrazione”. L’aspettativa di vita dei bianchi si è bloccata o addirittura sta retrocedendo. Gli stipendi reali dei lavoratori sono stagnanti dal… 1973. Entro una generazione, i bianchi americani saranno la minoranza dei cittadini. Il ‘razzismo sociale’, quello che rigetta come sorcio la vista del povero, sta colpendo sempre più bianchi americani poveri a milioni, ma i bianchi storicamente non hanno Paladini anti razzismo, né i Lobbisti anti razzismo”

La rabbia. I bianchi in USA sono terrorizzati e hanno paura. La paura genera rabbia, e questo veleno finisce in ciò che tutti sappiamo: la guerra fra poveri. Non sto neppure a descriverla, ne hanno parlato milioni di articoli e libri di questo fenomeno, dove la gggènte bianca che sta di merda la prima cosa che fa è prendersela con l’altro sfigato con la pelle differente, mica mai con Mario Monti, la Fornero, Tronchetti Provera, Lloyd Blankfein, Jean Claude Trichet, o Bill Gates. Ma di fatto il risultato, e anche qui sono state scritte le Bibbie, è, riassunto, la nascita di formazioni politiche oscene

Aryan Nation e American Renaissance negli Stati Uniti, anche se il Partito Repubblicano e Trump rischiano di stargli addirittura a destra…; Forza Nuova, Casa Pound e Lega in Italia; Vlaams Belang in Belgio; Fronte Nazionale Le Pen in Francia; AFD che in Germania sfiora il 15%, come i fascistoidi Democratici Svedesi; l’Austria con l’FPO medaglia di bronzo alle legislative del 2017; l’Ungheria fa festa nell’estremismo razzista fra il MIEP, il Jobbik e l’Unione Civica del premier Orbàn; Alba Dorata in Grecia, e bla bla.

Ma mica tanto bla bla, questi sono segnali di una guerra inaudita, quella di cui parlavo sopra, quella dove da sacche d’infezione che posso essere curate, si passa all’infezione del 99% del corpo, la cancrena completa. 

Italia: ho smesso di scaricare dati sull’impoverimento italiano un anno fa, era tempo perso. Da noi si sta riproducendo esattamente il ‘disegno Thatcher’ dei 2/3 della popolazione che starà dal benissimo alla mediocre stabilità, con un 1/3 che sarà alla disperazione. Ma 1/3 d’italiani conciati così non sono 500 sfigati, sono 10 milioni di adulti lavoranti e 4 milioni di pensionati. 

Tutti avete visto le immagini dei Talk Show con gli anziani italiani che si nutrono dai cassonetti dei rifiuti. Non ci vuole un genio per trovare un’invalido/a italiani senza uno straccio di aiuto, né accompagnamento, né casa, mentre al Bangladeshi con 5 figli danno un tetto. Né occorre genio per capire dai giornali finanziari che se non fosse per i risparmi dei nonni/genitori italiani dal ’50 al ’90, una percentuale di giovani connazionali sarebbero a prostituirsi, disfarsi di sostanze, o a raccogliere olive picchiandosi a vicenda per avere il posto dal ‘Caporale’. Ecco una manciata di dati Istat, solo per dare una pallida idea: 

il 30% degli italiani è costretto a ricorrere al prestito, non arriva a fine mese. 

il 38% è in seria difficoltà economica.

il 76% è costretto alla flessibilità sul lavoro, con limiti invalicabili per l’acquisto di una casa o persino per la pianificazione di una famiglia.

il 50% delle pensioni italiane non raggiunge i 1000 euro, il 27% delle pensionate arriva a meno di 500 euro.

1 italiano su 5 rimanda le visite specialistiche urgenti per mancanza di mezzi.

l’11% degli italiani non si riscalda d’inverno.

la crescita degli stipendi è ai minimi dal 1983, quando iniziano le serie storiche ricostruite dall’Istat.

dal 2011 chiusi 104.500 negozi. Persi 340mila posti di lavoro.

Censis, 2016: La fine del lavoro e del ceto medio… crescono le professioni non qualificate. La crisi del settore pubblico non favorisce la domanda: la deflazione è figlia anche di questo sistema del massimo ribasso, che ha compresso e impoverito la classe media. 

Ecc. ecc.

Posso dire, dunque, che il mondo occidentale per come lo abbiamo conosciuto finora è rappresentabile da un organismo prima decentemente sano (lunga guarigione dall’Illuminismo alle Democrazie anni ’70-90), ma che è oggi ormai divorato dalla cancrena (Neoliberismo, Austerità, Disegno Thatcher) persino là dove era inimmaginabile che essa potesse infettare (le classi bianche). Ma…

… di colpo su questo ammalato gravissimo piomba l’assoluto imprevedibile: L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE. 

Sapete benissimo di cosa parlo, ne ho scritto a volumi. E, in metafora dall’ultimo articolo, la domanda è: come attecchirà la ‘benda’ magica della VTT fatta di A.I e Cellulose Nanofibrils su carne umana in cancrena? Cioè come attecchirà L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE su popoli occidentali ridotti alla rabbia, disperazione e persino fame in una larga minoranza bianca di suoi cittadini un tempo privilegiati? 

Cestinando neppure pensandoci lo stuolo di falsari che vi spacciano L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE come la panacea dei problemi umani – panacea forse, ma solo dopo che abbiamo ripagato gli investitori vendendo cornee, reni, polmoni, uteri, Colossei, metà delle Alpi, e la Lombardia – cioè stando seri per favore, il problema che si pone con L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE per chiunque abbia un figlio di meno di 40 anni, è ora duplice: 

1) Quello da me già menzionato 2mila volte e riassunto nel paragrafo sopra.

2) Ma anche che l’abominevole dissennatezza delle nostre classi politiche non vuole ammettere neppure sotto pena di morte che L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE atterrerà su un Occidente sfasciato come mai prima nella sua Storia. Persino in quella razza bianca che, invece, da un secolo ne era divenuta privilegiata padrona.

Pensateci bene, guardate che è agghiacciante. Pensate solo a questo:

Oggi miliardi di umani che mai hanno conosciuto la Democrazia, il Benessere, i Diritti, si stanno riversando su questo Occidente proprio nel suo peggior momento moderno di cancrena di Democrazia, Benessere e Diritti

L’immaginate la miscela atomica che ne sta uscendo? E già da anni L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE gli viene spalmata sopra, a sta tragedia collettiva. 

E quindi va PRETESO ancora di più (nel mondo dei sogni) che la Governance internazionale tiri ferocemente i freni; che ammetta che Neoliberismo, Austerità e Disegno Thatcher hanno putrefatto come mai nella Storia persino il mondo leader, là dove risiedevano Democrazie, Benessere, e Diritti; che oggi questo mondo non è affatto in grado di assorbire sia i miliardi di disperati che L’ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE coi suoi inimmaginabili prezzi, e… 

… e sì, la Governance internazionale dovrebbe ammettere che si deve ricominciare dal Primato del Pubblico Interesse, delle Costituzioni, da John Maynard Keynes, dalla vera idea anarchica che pretende che il Potere debba sempre dimostrare al popolo la sua legittimità, da un riordino degli squilibri mondiali, e poi, ma solo poi tagliare il nastro dell’ ERA DELLE SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE, comunque sempre sotto strettissimo controllo delle Sovranità popolari nell’Interesse Pubblico.

Chi ha pensato, studiato, analizzato, gli scenari in questo modo? Avete letto da nessuna parte l’analisi nelle componenti che io ho descritto qui oggi? L’ha pubblicata l’Economist? O il Future of Humanity Institute di Oxford? O l’MIT di Boston? O i cervelli di Alibaba, o Micromega?

No. La leggete per la prima volta qui.

Oggi il 75enne bianco, sposato nel 1972, allora con lavoro casa ferie risparmi, ma che proprio ieri in Alabama, oppure a Hackney di Londra, o a Roma ha dovuto fare a gomitate con un immigrato messicano, giamaicano o senegalese per farsi visitare la prostata o curare un dente o mangiare, è un’atomica appesa a un filo di cotone sotto la pancia di un B52, molto, ma molto più pericoloso della sua controparte che viene dai Paesi poveri del mondo. Il perché l’ho già accennato sopra, ma lo ribadisco citando l’immenso Thomas Mann:

“Un linea retta collegò la follia della povertà tedesca alla follia del Terzo Reich… La donna che al mercato chiedeva, con voce spenta, 100 miliardi di marchi per un uovo, aveva perso totalmente la sua capacità di reagire a qualsiasi cosa. Da quel momento, nulla fu così folle o così atroce da poter scioccare quella gente..”. 

Ci stanno ridando il Terzo Reich, in SUPER TECH IN ARTIFICIAL INTELLIGENCE. 

Non fate figli. 

MA I RIMEDI CI SAREBBERO:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1874  

MA PURTROPPO IN ITALIA: 

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1922  

Fonte: http://www.paolobarnard.info/

DARKNET – encryptions quantistiche

DI TECH-GLEBA FREGA UN CAZZO A NESSUNO. FINCHE’ NON VI SPENGONO LA LUCE.

Imparate a memoria questo articolo, così lo potrete raccontare quando sarete al buio, senza riscaldamento, tappati in casa, e a batterie scariche di tutti i gadget possibili.

L’ultima intuizione di Paolo Barnard, colui che le cose le vede quei ‘millenni’ avanti a tutti, è persino più ignorata delle altre. Questo reporter, oggi non più uomo-Tv, viaggia sui 28 lettori al giorno con la sua campagna su TECH-GLEBA SENZA ALTERNATIVE. Cioè quello di cui tutti stanno parlando (e investendo come pazzi) nel mondo meno che in Italia.

Pazienza. Altrove – ripeto, non nel pollitalico pollaio perché a tutto ci pensa Di Maio e quindi tranquilli – altrove, dicevo, sono svegli e guardano all’immane rivoluzione delle TECH in Artificial Intelligence (A.I.) anche nei loro lati oscuri, quelli che Barnard denuncia qui. Barnard è incappato in un’audizione della Commissione Sicurezza del Senato USA dove un esperto pubblico avvertiva gli Stati Uniti d’America di questo: “Il rischio che un attacco hacker o cyber lasci al buio l’intera nazione, è oggi divenuto realtà. Washington deve prendere immediatamente decisioni di difesa nazionale”.

Ma come può accadere che la più potente e tecnologica nazione al mondo sia a rischio di essere spenta come una candela?

La risposta sono le nuove TECH in A.I., che ahimè non stanno solo nelle mani del Bambin Gesù, ma anche di brutti individui. Barnard precisa che la possibilità di letteralmente spegnere un’intera nazione industrializzata già esiste, ma finora essa risiedeva nelle mani della più potente agenzia d’Intelligence del mondo, la NSA americana. Fra le rivelazioni di Ed Snowden nel 2013, vi fu proprio il fatto che la NSA aveva già in pugno l’intera rete elettrica del Giappone e dell’Austria, mentre si accingeva a impossessarsi di altre. Cioè la NSA poteva già nel 2013 spegnere il Giappone da capo a piedi. Oggi questa incredibile arma sta però finendo nelle mani di altri brutti ceffi, grazie, ripeto, alle super TECH in A.I.

All’audizione del Senato americano, l’esperto ha chiesto la creazione di una DARKNET, cioè di un Internet parallelo ma unicamente in mano al governo, su cui appoggiare la gestione dell’intera rete elettrica USA, che oggi è invece sul classico Internet. Ma di più. Un suo collega ha suggerito alla Casa Bianca che la rete elettrica nazionale sia dotata di encryptions quantistiche. Calma, spiego. Play it cool.

Il cliente medio del Web non si accorge mai che questo strumento, oggi nelle case di tutti, esiste e resiste perché là fuori infuria una guerra mostruosa e micidiale fra code-makers, hackers, cyber-pirati di ogni nazione, mega TECH Corporations, Mafie, Stati e Intelligence varie, a colpi di algoritmi, A.I., encryptions e decryptions, dove immensi computers si sfidano a colpi di trilioni di botte al secondo. Sono, qui, di particolare importanza le encryptions.

Play it cool zia Marta, Barnard spiega.

In questa colossale giungla di TECH e relativi trilioni su trilioni di dati, ciascun attore protegge il suo ‘gregge’ con delle ‘chiavi’, che appunto sono le encryptions. Esempio: Apple vuole comunicare un suo segreto industriale a un suo lab nel New Mexico, ok? Il testo, per non essere letto da pirati o dalla concorrenza, viene encrypted. Cioè a chiunque lo intercetti apparirà una cosa tipo questa:

#jdsfbv -.13ubvùù¶¶πøªœ√æ™√殆…¬jzuqwgd eyurf ≠÷‹~“«¨æ¨œ® ß¥´iua ∆∞®ß€¥‘‹æfytrsyt‘~‹76tfΩ¡@ƒ®ß€ÅΩ€¨ŒUIJNJYRTS«“‘¥~~´˜˜ººmnjbl987˜√

Il cyber pirata o la concorrenza, per decifrare quella formula industriale dovrà usare dei potentissimi computer per renderla decrypted, decifrata. E questa impresa con le A.I. oggi non è affatto impossibile, anzi. Quindi, ora la gara è a creare queste ‘chiavi’ che siano il più complicate possibile e quindi il più difficile possibile da decifrare. Ed era questo che suggeriva al Senato americano il secondo esperto parlando di encryptions quantistiche per proteggere la rete elettrica nazionale.

Oggi sono nati i primi computers quantistici, cioè quei computer da pianeta Giove che non funzionano più con il metodo tradizionale, ma con i princìpi allucinatori della fisica quantistica. Essi hanno potenzialmente un potere di calcolo superiore al numero di atomi dell’universo al millisecondo. Ok? Ed ecco, ripeto, che l’esperto americano alla Commissione ha suggerito che il sistema elettrico nazionale degli Stati Uniti sia protetto in futuro da ‘chiavi’ (encryptions) quantistiche.

Peraltro, uno dei motivi per queste decisioni al vertice USA non è solo il rischio che davvero l’intera nazione venga messa al buio e quindi esposta alla potenziale distruzione, ma anche che i soliti cinesi queste ‘chiavi’ quantistiche le hanno già scoperte.

Ok. Ma voi sapete bene qual è uno dei postulati Barnard: queste TECH salva nazione costano miliardi di dollari che sono stati messi principalmente da investitori privati, che poi vorranno lucrare sull’investimento, e quindi le TECH salva nazione o vite (Sanità) saranno vendute ai popoli a peso d’oro. E infatti la parte più drammatica dell’audizione alla Commissione Sicurezza del Senato USA è venuta proprio quando gli esperti hanno in pratica detto questo: “Egregi Senatori, l’esistenza della vitale DARKNET e delle encryptions quantistiche per la protezione dell’elettricità nazionale, dipendono dalla volontà del Presidente di metterci il denaro di Stato. Non possiamo affidare ai privati un settore così delicato”.

Solito problema, ma almeno in quel Paese ne discutono, e ai massimi livelli legislativi. Non scherziamo, qui si parla del pericolo che un’intera nazione sia rasa al suolo dal buio, mica meno. Ma quel Barnard blatera cose che non interessano a nessuno, suvvia, o a pochissimi fessi, come i suoi 28 lettori e la Commissione Sicurezza del Senato USA…

Sovente si fa sesso al buio, ma non fate figli, e comprate candele.

Fonte:http://paolobarnard.info/

Baracuda con le chiavi della vita sulla Terra

2017 YTD RETURN. E CAPITE PERCHE’ TECH-GLEBA CI SARA’. 

2017 YTD RETURN, tre semplici cose. Ma dovete capirle.

Il 2017 è quest’anno, fin lì ci arriva anche Stefano Fassina.

YTD significa Year To Date. Tradotto è: dall’inizio dell’anno (YEAR) alla (TO) data di oggi 29 ottobre (DATE).

RETURN è la percentuale di profitti realizzati da un investitore nelle azioni di un’azienda nel periodo appena citato.

Ora, con questa nozione, prendiamo il settore di cui vi parlo da quasi un anno, perché sta letteralmente cambiando il Pianeta come mai nella Storia: le TECH in Artificial Intelligence.

Il postulato N. 1 che io vado spingendo da tempo, è che gli investitori, cioè soprattutto gli squali della mega-finanza, si stanno buttando sulle aziende TECH perché sanno che esse – grazie all’Artificial Intelligence, ai computer quantistici, a nuovi materiali e farmaci incredibili, e grazie alla robotica o ai Drones commerciali, armi e tanto altro – sono sulla strada per diventare i Padroni Privati della vita sulla Terra con in mano le Chiavi.

Il postulato N. 2 di cui vi avviso, è che se è vero che i barracuda della finanza mondiale si sono gettati in questo settore, essi poi pretenderanno un ricavo alto sugli investimenti, per cui queste Chiavi della vita sulla Terra – ovviamente nei settori cruciali di Salute, Ambiente, Energia, Difesa o Commerci, e non le stupide App per il popolino – avranno prezzi talmente alti da creare un mondo con miliardi di umani in TEC-GLEBA e con un’elite ricca come mai nella Storia.

Ma allora, sto Barnard dice la verità sul lucro della mega-finanza sulle aziende TECH in Artificial Intelligence?

Ok, sopra c’è la foto dello YTD RETURN in queste aziende, cioè della percentuale di profitti realizzati dagli investitori dal primo gennaio 2017 a oggi 29 ottobre 2017. Sono listate le 19 maggiori aziende TECH in Artificial Intelligence, e (IBM a parte) potete capire voi stessi anche solo con uno sguardo, quanto si stanno impennando i profitti di chi ha ficcato milioni in questi colossi.

Dal minor profitto della Cisco Systems (relativamente, perché ha dato un +16,7%), si sale lungo Intel, Alphabet di Google, SAP SE, SoftBank, Oracle, Microsoft, Apple, Baidu, Salesforce, Amazon, Tesla, Facebook, Netflix, Samsung, PayPal, Tencent, e nella stratosfera troviamo Alibaba.

Per darvi un’idea, Jack Ma con sta sua azienda TECH dal nome buffo, Alibaba, ha reso un incredibile YTD RETURN sulle sue azioni del +98,8%.

E QUESTA E’ LA SITUAZIONE AD OGGI, QUANDO ANCORA TUTTA LA NUOVA GENERAZIONE DI TECH IN A.I, QUANTISTICA ecc. CHE RIBALTERA’ IL PIANETA, DEVE ANCORA USCIRE.

Allora, siccome uscirà e di questo esiste la certezza sia scientifica che finanziaria, voi dovete chiedervi due cose: quanto s’impenneranno i YTD RETURNS, dato che vi sarà la frenesia mondiale per acquisire le TECH, le cure, i farmaci, i robot, i Drones commerciali, le armi ecc.; e quanto dovranno pagarle i popoli per garantire quelle impennate nella tasche degli investitori.

Tutto qui.

E la risposta è già oggi sulle pagine dei quotidiani. Gli Stati non possono più spendere, per cui venderete un polmone, e forse ce la farete, con famiglia, per qualche annetto. Questa, badate, è roba confronto a cui il disastro delle Austerità UE vi sembrerà un sorbetto al limone. Fa rima con polmone.

Non fate figli.

MA I RIMEDI CI SAREBBERO:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1874

MA PURTROPPO IN ITALIA:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1922

Fonte: http://paolobarnard.info/