Archivi tag: 5G

Lo tsunami elettromagnetico dell’Internet delle cose

E noi dovremmo fidarci di questi: colosso del 5G ammette corruzione e tangenti ai politici di mezzo mondo (sono quelli che non vogliono studi sulla salute) 

di Maurizio Martucci

Regali di lusso, viaggi e divertimenti a dirigenti e funzionati statali per ingraziarseli e vincere agevolmente appalti pubblici. In pratica tangenti e favori alla politica “allo scopo di aumentare il profitto”. Coinvolta in un processo per corruzione, il Dipartimento di giustizia americano ha comunicato che Ericsson, leader incontrastato in Europa per i brevetti sul 5G e fornitore di rete per TIM, ha preferito patteggiare una pena da oltre 1 miliardo di dollari nel procedimento che accusa la multinazionale svedese di essere parte di un sistema illecito longevo ben 17 anni, condotto in 5 diverse nazioni tra Asia e Medio Oriente, “uno schema per pagare tangenti, falsificare i libri contabili e chiudere un occhio sulla corruzione, in Paesi come Cina, Vietnam, Indonesia e Kuwait“. 

Operante in 180 paesi nel mondo per la fornitura di tecnologie e servizi di comunicazione, proprio un giorno prima della notizia bomba lanciata dalla giustizia d’America, l’amministratore delegato di Ericsson aveva tuonato contro i presunti ostacoli al 5G, ovvero “quadro normativo ed eccessiva cautela“, adottati da politici propensi, magari, più al principio di precauzione e alla tutela della salute pubblica piuttosto che al grande salto nel buio prospettato dallo tsunami elettromagnetico dell’Internet delle cose.

Da qui la domanda lecita e spontanea: visto che sempre dagli USA è stato chiarito come la lobby del 5G non abbia investito il becco di un dollaro in una preliminare ricerca scientifica per chiarire gli effetti a breve-medio-lungo termine per la popolazione altrimenti irradiata da possibili cancerogene radiofrequenze totalmente inesplorate, visto che sia il Parlamento Europeo (“Sul 5G investiti 700 milioni di euro, ma non per valutazione sulla salute umana“) che quello italiano (bocciata la moratoria nazionale) ritengono espressamente non necessari studi né valutazioni sanitarie sul 5G nonostante gli appelli contrari lanciati anche da ampia parte della comunità medico-scientifica internazionale, visto che la lobby preme per l’innalzamento del limite soglia a 61 V/m, vista la fretta che hanno nel condurre forsennatamente a termine il lancio del 5G nonostante l’opposizione ferma di quasi 100 Comuni d’Italia, visti i troppi scandali per conflitti d’interessi e legami con l’industria che già in passato hanno coinvolto numerose figure cardine (messi in posti chiave) che invece avrebbero dovuto proteggere la popolazione dall’elettrosmog, vista l’assenza (voluta? forzata?) di un programma politico per una nuova stagione di riforma sui pericoli dell’irradiazione ubiquitaria, vista infine l’ammissione di corruzione di Ericsson, artefice di un sistema di tangenti che ha avuto per lunghi 17 anni proprio in funzionari e dirigenti statali i beneficiari degli illeciti…. beh, allora visto e considerato tutto quanto sopra, noi dovremmo fidarci di questi signori che propinano – a forza di spot pubblicitari – l’immagine di un futuro scintillante e fantascientifico, vendendo di fatto tecnologia non sicura, cioé pericolosa per umanità ed ecosistema? Noi no, non ci fidiamo. L’Italia consapevole non si fida affatto. E non è disposta a fare da cavia.

Fonte articolo: https://oasisana.com/

®wld

La saggezza, è il più grande bisogno umano

 

“La gabbia del 5G”: Pandora TV trasmette il docu-film (in italiano) del giornalista investigativo James Corbett (che cita OASI SANA)
Pluripremiato giornalista investigativo, James Corbett ha prodotto il docu-film d’inchiesta sul lato oscuro del 5G, messo on-line da Pandora TV diretta dall’ex europarlamentare e giornalista Giulietto Chiesa, tra gli oltre 300 accreditati alla Camera dei Deputati nel riuscitissimo e recente convegno internazionale dal titolo “Moratoria nazionale, 5G tra rischi per la salute e principio di precauzione” promosso dall’Alleanza Italiana Stop 5G. 
Ecco il docu-film sottotitolato in italiano: parlando di moratoria e azioni per la prevenzione del danno, Corbett cita OASI SANA come fonte per la mozione approvata nel Consiglio Comunale di Firenze.
******************************
Dati, dati ovunque
Ma non un’oncia di saggezza
by Lilian Coral
November 13, 2019
from KnightFoundation Website
Lilian Coral è direttore della Knight Foundation per la strategia nazionale e l’innovazione tecnologica. 
Seguila su Twitter @lcoral.

I dati sono la linfa vitale della tecnocrazia.

  • Riempie le vele dell’IA.
  • È il nuovo olio del 21° secolo.
  • È il gusher dell’Internet of Things.
  • Il sistema ferroviario in tempo reale è il 5G.
La parola “abbastanza” non è nel dizionario dei Technocrati.
La Knight Foundation è alla ricerca di idee più innovative su come raccogliere e utilizzare i dati nella “casa intelligente” e nella “città intelligente”.
Il problema, ovviamente, è che nessuna quantità di dati provocherà mai la saggezza, che è il più grande bisogno umano nel mondo moderno.
fonte
Il potere dei dati aperti per trasformare e coinvolgere le comunità: un appello per idee
Il 13 novembre, Knight Foundation
modi trasformazionali in cui i dati possono essere utilizzati
costruire comunità più forti, fiorenti e più coinvolte.
Knight’s Lilian Coral condivide i dettagli di seguito.
Vedi il comunicato stampa quie
registrati per un webinar informativo qui.
Immagina, all’incrocio principale vicino a casa tua, di vedere strisce pedonali dipinte di fresco e nuovi segnali che avvisano veicoli, ciclisti e pedoni del traffico in arrivo.
L’anno scorso, il quartiere era preoccupato a causa di numerosi incidenti nella zona.
Impressionato che la città abbia finalmente fatto qualcosa su questo problema, chiedi a Siri di far sapere al tuo membro del consiglio locale che sostenga gli sforzi per migliorare la sicurezza dei pedoni.
Ricevi un avviso sul tuo cellulare, ringraziandoti per il tuo feedback e subito dopo vedi una notifica di Facebook sulla riunione del municipio virtuale del dipartimento di pianificazione per ripensare l’angolo rovinato in fondo alla strada.
Dato che hai idee per aggiungere altre attività all’aperto, decidi di partecipare.
Questa visione si basa sulla potenza dei dati aperti.
Tale incrocio è stato identificato in base ai dati di collisione e infortunio. I segnali raccolgono dati su piloti e modelli di utilizzo. Il feedback dei residenti può essere raccolto da diverse piattaforme o servizi, pubblici o privati.
Tale feedback deve quindi essere condiviso – come punti di dati – con il dipartimento di pianificazione o condiviso tramite applicazioni connesse a Siri.
Quando i dispositivi digitali come i nostri telefoni cellulari ci semplificano la vita, lo fanno attraverso lo scambio di dati affidabile e senza soluzione di continuità. Gran parte di questi dati viene sfruttato per migliorare i servizi commerciali: i nostri ordini di cibo, le quote di guida e i siti di social media in cui ci colleghiamo con la famiglia e gli amici.
Ma questa è solo la punta dell’iceberg.
Il potere dei dati – in particolare i dati “aperti”, resi disponibili dal governo e, in alcuni casi, dalle società private – si estende anche alla possibilità di informare e coinvolgere meglio i residenti, incoraggiandoli a partecipare ad attività più focalizzate sul piano civico.
È in questo contesto che Knight Foundation sta emettendo un invito aperto a presentare idee che promuovono il concetto di open data e impegno civico per incoraggiare una nuova serie di approcci trasformativi per l’utilizzo, la comprensione e l’azione con i dati pubblici.
I destinatari selezionati possono guadagnare una quota fino a $ 1 milione in finanziamenti per le loro idee e progetti.
Se incontriamo persone negli spazi digitali:
Ci avanziamo nuovi approcci per la condivisione, la visualizzazione, l’interpretazione e la comunicazione con i dati?
Quali sono alcuni modi alternativi per raccogliere e analizzare i dati per informare decisioni più intelligenti e collaborative?
Quali sono i modi facili da usare per servire, responsabilizzare e coinvolgere i residenti e aiutarli a costruire comunità più forti e più fiorenti?
L’idea dell’accesso del pubblico ai dati aperti non è nuova.
Oltre al governo, altre imprese private pubblicano attivamente dati aperti.
Per esempio,
Il portale Open Data di Uber Movement fornisce dati anonimi di oltre 2 miliardi di viaggi Uber per il riutilizzo non commerciale.
Questo volume di dati, sebbene tecnicamente “aperto”, non è effettivamente accessibile agli esperti non tecnici.
Molti residenti non sono “cittadini scienziati” e gli sforzi per addestrarli a diventare più esperti di dati sono lenti e li costringono a guadagnare il diritto di impegnarsi civicamente in un’era digitale.
Ma la visione di fare di più con i dati, compreso il coinvolgimento diretto con il governo, è viva e vegeta.
Esempi fiorenti di utilizzo di dati civici che non si basano su competenze tecniche – ma incontrano i residenti dove si trovano – mostrano il potenziale per un impatto significativo sulla comunità.
Lavorando con organizzazioni già focalizzate sull’uso dei dati per coinvolgere le comunità e concentrando i finanziamenti su una massa critica di progetti in un ristretto insieme di comunità, Knight Foundation può ottenere spunti sulle pratiche di successo che avvicinano le comunità a una visione partecipativa, inclusiva e impegnata comunità.
Il nostro nuovo appello aperto sui dati per l’impegno civico fa parte del più ampio lavoro di Knight in Smart Cities, che cerca di supportare comunità più forti e più impegnate consentendo alla voce della comunità di riflettersi nella progettazione e nell’uso della tecnologia.
Che sia,
dati relativi a incidenti e collisioni, punteggi del parco, pedonabilità, densità abitativa, informazioni del governo locale o informazioni demografiche,
… tutti questi punti dati hanno l’opportunità di cambiare radicalmente il modo in cui i residenti interagiscono con i vicini, il governo e la loro comunità.
Se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi con dati aperti, dobbiamo sbloccarne l’uso per milioni di americani (… e altri in tutto il mondo) che cercano di partecipare alle loro comunità e prendere decisioni più informate che generano equità, inclusioni e partecipazione…

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Accipicchia! Nel silenzio generale dei media e dei politici italiani

Fiat, vaccini, 5G e Tav: la politica italiana non se ne occupa

Il non-governo giallorosso non ha speranze di galleggiare ancora a lungo nell’acqua alta dove nuota lo squaletto Renzi, ma sulla spiaggia opposta non è che splenda il sole: attorno all’ombrellone di Salvini si attarda nonno Silvio, scortato dalla Meloni, senza che il pubblico percepisca la possibilità di un’epocale alternativa al lento e inesorabile sfacelo di cui l’Italia è vittima, in ossequio alla nuova legge di un mondo senza più politica.

Tralasciando il pietoso equivoco 5 Stelle, che puzzava d’imbroglio fin dall’inizio (spettacolare manipolazione degli elettori, col pieno concorso dei militanti di base disposti ad avallare qualsiasi diktat), l’impotenza generale di fronte alla desolazione di Venezia o la resa di Taranto ai furbetti globali dell’acciaio non fanno che dimostrare una volta di più l’assenza di idee, dopo l’eutanasia delle ideologie, che siano capaci di generare qualcosa che assomigli a uno straccio di governance del sistema.

E intanto continua a piovere sul bagnato: basta dare un’occhiata agli slogan archeologici – Dio, patria e famiglia – con cui il sedicente outsider Diego Fusaro, filosofo mediatico e grillo parlante corteggiato dalle televisioni, tenta di raccontare la sua rivoluzionaria prospettiva politica ottocentesca, o forse medievale, o forse adatta solo a menare il can per l’aia, ridicolizzando volutamente l’idea stessa che possa esistere, un giorno, un’opposizione sistemica.

Nel vecchio film, quello finito con le nozze mostruose tra Di Maio e il fratello di Montalbano, o meglio tra l’esodato Renzi e l’ex guastatore Grillo insidiato politicamente dall’indagine sul figlio per presunto stupro, a tener banco era stato un totem come il progetto cimiteriale del Tav Torino-Lione, infrastruttura con cantieri mai davvero decollati (forse al 5%) e comunque destinata a trasformarsi in una spettacolare, costosissima cattedrale nel deserto.

L’argomento, che – come tanti altri, poi abbandonati – era servito ai 5 Stelle solo per fare il pieno di voti, è stato usato per la rissa finale con Salvini, per poi essere archiviato nel silenzio generale.

La notizia, sfuggita ai radar, è che l’Italia spenderà comunque miliardi per una linea ferroviaria virtualmente superveloce ma destinata a trasportare pochissime merci necessariamente lente. Una ferrovia-doppione, completamente inutile benché rischiosa e devastante per l’ambiente, che ci si ostina ad approntare lungo una direttrice commerciale desolatamente abbandonata, lontanissimo dalle rotte mercantili.

Un favoloso binario morto, buono solo per il business dei costruttori (pochissimi posti di lavoro, temporanei), e imposto a una popolazione che ha inutilmente dimostrato, in ogni sede, la sciagurata natura di un ecomostro che indurrà migliaia di italiani a prendere in considerazione l’idea di scappare, lasciando le proprie case.

La non-politica del Belpaese, europeista o sovranista non importa, ha evitato accuratamente di affrontare ogni altro tema vitale per le famiglie, dall’obbligo vaccinale imposto (stile Corea del Nord) senza emergenze sanitarie e senza spiegazioni, e il misteriosissimo avvento del wireless 5G, che avanza in semi-clandestinità abbattendo alberi secolari nelle piazze delle città.

Logico che i media, a reti unificate, ignorino il convegno organizzato in Parlamento dai sindaci e dai comitati di cittadini giustamente allarmati per l’introduzione, senza precauzioni, di una tecnologia invasiva di cui non si conosce ancora l’impatto sull’organismo.

Quanto ai vaccini polivalenti, che secondo la Regione Puglia hanno causato problemi di salute a 4 bambini su 10, sul tema cala semplicemente il sipario, anche se – per la prima volta nella storia – qualcosa come 130.000 bimbi, nel 2019, non hanno potuto accedere né ai nidi né alle scuole dell’infanzia. In compenso, i riflettori abbagliano l’epica sfida per le regionali in Emilia Romagna, dove la Lega potrebbe strappare al Pd la storica roccaforte, un tempo “rossa”.

Accipicchia, questa sì che è una notizia: non come l’insignificante sorte della Fiat, che gli Agnelli-Elkann hanno ceduto ai francesi, nel silenzio generale dei media e dei politici italiani di ogni parrocchia.

(Giorgio Cattaneo, Libreidee, 23 novembre 2019).

Fonte: https://www.libreidee.org/

®wld

5G: oltre 500 studi, hanno trovato effetti biologici

Scientific American: “Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro”

Wikimedia Commons

Postato da: Joel M. Moskowitz, PhD tramite Scientific American

“L’industria del 5G non ha speso fondi per i test sulla sicurezza dei consumatori, ma denigra e diffama scienziati e studi legittimi che emettono forti avvertimenti sulla sua sicurezza. È ora che il pubblico se ne accorga! ⁃ Editor TN”

L’industria delle telecomunicazioni e i loro esperti hanno accusato molti scienziati che hanno studiato gli effetti delle radiazioni dei telefoni cellulari di “paura del mutamento” sull’avvento del 5G della tecnologia wireless. Poiché gran parte della nostra ricerca è finanziata con fondi pubblici, riteniamo che sia nostra responsabilità etica informare il pubblico su ciò che la letteratura scientifica peer-review ci dice sui rischi per la salute derivanti dalle radiazioni wireless.

Il presidente della Federal Communications Commission (FCC) ha recentemente annunciato, attraverso un comunicato stampa, che la Commissione ribadirà presto i limiti di esposizione alle radiazioni in radiofrequenza (RFR) adottati dalla FCC alla fine degli anni ’90. Questi limiti si basano su un cambiamento comportamentale nei ratti esposti alle radiazioni a microonde e sono stati progettati per proteggerci dai rischi di riscaldamento a breve termine dovuti all’esposizione a RFR .

Tuttavia, da quando la FCC ha adottato questi limiti in gran parte basati sulla ricerca degli anni ’80, la preponderanza della ricerca peer-reviewed, oltre 500 studi, hanno trovato effetti biologici o sulla salute dannosi dall’esposizione alla RFR a intensità troppo basse per causare un riscaldamento significativo.

Citando questo vasto corpus di ricerche, oltre 240 scienziati che hanno pubblicato ricerche peer-reviewed sugli effetti biologici e sulla salute dei campi elettromagnetici non ionizzanti (EMF) hanno firmato l’International EMF Scientist Appeal, che richiede limiti di esposizione più elevati. L’appello fa le seguenti affermazioni:

“Numerose pubblicazioni scientifiche recenti hanno dimostrato che i campi elettromagnetici colpiscono gli organismi viventi a livelli ben al di sotto della maggior parte delle linee guida internazionali e nazionali. Gli effetti includono un aumento del rischio di cancro, stress cellulare, aumento dei radicali liberi dannosi, danni genetici, cambiamenti strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, deficit di apprendimento e memoria, disturbi neurologici e impatti negativi sul benessere generale nell’uomo. Il danno va ben oltre la razza umana, in quanto vi sono prove crescenti di effetti dannosi sulla vita delle piante e degli animali. “

Gli scienziati che hanno firmato questo appello costituiscono probabilmente la maggior parte degli esperti sugli effetti delle radiazioni non ionizzanti. Hanno pubblicato più di 2000 articoli e lettere su EMF su riviste professionali.

I limiti di esposizione RFR della FCC regolano l’intensità dell’esposizione, tenendo conto della frequenza delle onde portanti, ma ignorano le proprietà di segnalazione della RFR. Insieme allo schema e alla durata delle esposizioni, alcune caratteristiche del segnale (ad es. Pulsazioni, polarizzazione) aumentano gli impatti biologici e sulla salute dell’esposizione. Sono necessari nuovi limiti di esposizione che spiegano questi effetti differenziali. Inoltre, questi limiti dovrebbero essere basati su un effetto biologico, non su un cambiamento nel comportamento di un topo da laboratorio.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la RFR come “possibilmente cancerogena per l’uomo” nel 2011. L’anno scorso, uno studio da 30 milioni di dollari condotto dal National Toxicology Program (NTP) degli Stati Uniti ha trovato “prove chiare” che due anni dell’esposizione al telefono cellulare RFR ha aumentato il cancro nei ratti maschi e ha danneggiato il DNA nei ratti e nei topi di entrambi i sessi. L’Istituto Ramazzini in Italia ha replicato la scoperta chiave dell’NTP utilizzando una frequenza portante diversa e un’esposizione molto più debole alle radiazioni dei telefoni cellulari durante la vita dei ratti.

Sulla base della ricerca pubblicata dal 2011, inclusi studi sull’uomo e sugli animali e dati meccanicistici, la IARC ha recentemente dato la priorità alla RFR da rivedere nei prossimi cinque anni. Poiché molti scienziati EMF credono che ora abbiamo prove sufficienti per considerare la RFR come un agente cancerogeno umano probabile o noto, probabilmente lo IARC migliorerà il potenziale cancerogeno della RFR nel prossimo futuro.

Tuttavia, senza condurre una valutazione formale del rischio o una revisione sistematica della ricerca sugli effetti sulla salute della RFR, la FDA ha recentemente ribadito i limiti di esposizione del FCC del 1996 in una lettera alla FCC, affermando che l’agenzia aveva “concluso che nessuna modifica agli standard attuali sono garantiti in questo momento “e che” i risultati sperimentali di NTP non dovrebbero essere applicati all’utilizzo del telefono cellulare umano “. La lettera affermava che” le prove scientifiche disponibili fino ad oggi non supportano effetti negativi sulla salute nell’uomo dovuti a esposizioni in o sotto la limiti attuali. “

L’ultima tecnologia cellulare, 5G, utilizzerà onde millimetriche per la prima volta in aggiunta alle microonde che sono state utilizzate per le tecnologie cellulari più vecchie, da 2G a 4G. Data la portata limitata, il 5G richiederà antenne cellulari ogni 100-200 metri, esponendo molte persone alle radiazioni delle onde millimetriche. Il 5G impiega anche nuove tecnologie (ad es. Antenne attive in grado di formare fasci; array a fasi; input e output massicci, noti come MIMO) che pongono sfide uniche per misurare le esposizioni.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/scientific-american-we-have-no-reason-to-believe-5g-is-safe/

®wld

La radiofrequenza e i suoi effetti sul cervello

Neurochirurgo: le radiazioni EMF possono causare perdite nella barriera del cervello

Postato da: Marco Torres via PreventDisease

 

“La scienza industriale alla base delle radiazioni EMF è più corrotta di quella delle scienze climatiche, e lo è stata sin dall’inizio. Con l’imminente lancio del 5G, non sono stati condotti studi scientifici sull’esposizione all’uomo a nessuna distanza. ⁃ Editor TN”

Neurochirurgo e ricercatore Dr. Leif Salford ha condotto numerosi studi sulle radiazioni di radiofrequenza e sui suoi effetti sul cervello. Il dottor Salford ha definito “terrificanti” le potenziali implicazioni di alcune sue ricerche. Alcune delle conclusioni più preoccupanti derivano dal fatto che i livelli più deboli di esposizione alle radiazioni wireless hanno causato il massimo effetto nel causare la perdita della barriera emato-encefalica.

Da quando ha iniziato la sua linea di ricerca nel 1988, il dott. Leif Salford e i suoi colleghi del Lund University Hospital in Svezia hanno esposto oltre 1.600 animali sperimentali a radiazioni di basso livello. I loro risultati furono coerenti e preoccupanti: le radiazioni, compresa quella dei telefoni cellulari, causarono la fuoriuscita della barriera emato-encefalica, la prima linea di difesa del cervello contro le infezioni e le sostanze chimiche tossiche.

I ricercatori di 13 altri laboratori in 6 paesi diversi avevano riportato lo stesso effetto, ma nessuno aveva dimostrato se ciò avrebbe comportato danni a lungo termine. In uno studio pubblicato nel giugno 2003 su Environmental Health Perspectives, il team di Salford ha ripetuto l’esperimento su altri 32 animali, ma questa volta ha aspettato otto settimane prima di sacrificarli ed esaminarne il cervello. In quegli animali che erano stati esposti a un telefono cellulare, fino al due percento dei neuroni in tutte le aree del cervello erano ridotti e degenerati.

Siamo stati avvertiti nel 2010: da allora, 4G e 5G …

Salford, presidente del Dipartimento di Neurochirurgia della sua istituzione, ha definito le abberranti implicazioni “terrificanti”. “Abbiamo buone ragioni per credere”, ha detto, “che ciò che accade nel cervello dei topi accade anche nell’uomo”. Riferendosi agli adolescenti di oggi, gli autori dello studio hanno scritto che “un’intera generazione di utenti può subire effetti negativi, forse già nella mezza età”.

Talvolta viene sollevato un argomento (non necessariamente accurato) a coloro che esprimono preoccupazione per le radiazioni provenienti da contatori “intelligenti”, Wi-Fi, ecc., Secondo cui le radiazioni emesse da questi dispositivi sono a un livello così basso che il pubblico non deve preoccuparsene . Tuttavia, gli studi del Dr. Salford hanno mostrato l’apertura della barriera emato-encefalica da livelli molto bassi di radiazioni. In effetti, Cindy Sage e il Dr. David Carpenter scrivono in un articolo del 2008 ( Implicazioni sulla salute pubblica delle tecnologie wireless ) che è stato “il livello di esposizione più debole [che] ha mostrato il massimo effetto nell’aprire la BBB [barriera ematoencefalica]”.

La dott.ssa Devra Davis, autrice di “Disconnect”, spiega la scienza delle radiazioni dei telefoni cellulari in un modo molto completo. Ad esempio, mostra le foto di due cellule, una il cui DNA è stato danneggiato dalla radiazione “gamma” (che è ciò che è stato emesso a Hiroshima) e un’altra cellula danneggiata da radiazioni pulsanti non ionizzanti di basso livello (da un telefono cellulare). Entrambe le cellule sembrano molto danneggiate rispetto a una cellula normale; ma continua persino a dire che il DNA della cellula esposta alle radiazioni del telefono cellulare sembra peggiore. Discute anche della campagna per screditare scienziati rinomati e i loro studi, alcuni di questi studi stimabili sono in circolazione dal 1972 (Frey).

Nel maggio del 2011, il funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto che le radiazioni wireless come quelle emesse da “contatori intelligenti” sono un possibile agente cancerogeno. Dopo decenni di ricerche prevenute finanziate a livello aziendale e sostenute come “standard di settore”, ci sono centinaia di studi scientifici indipendenti sottoposti a revisione paritaria che ora mostrano che esiste un chiaro pericolo per la salute con la tecnologia che emette radiazioni wireless nella gamma di “contatori intelligenti” fare. Nel frattempo, decine di migliaia di persone con un “contatore intelligente” installato, hanno contratto malattie, insonnia, eruzioni cutanee, mal di testa e peggio. E molti sono stati costretti a lasciare le loro case interamente, a causa di effetti sulla salute. Inoltre, nei condomini in cui sono installati oltre 30 “contatori intelligenti” in un unico locale elettrico, i pericoli sono ancora più elevati. Non sono stati condotti studi sulla salute a lungo termine su questo elevato livello di radiazione elettromagnetica.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

 

Video e letture per il fine settimana

L’altra TV – #TGbyoblu 03

The Greta Witch Project – #TGbyoblu 03

 __________________________ 

In arrivo la «polvere neurale» per controllare l’Uomo…

di Marcello Pamio

Sino ad oggi, quando qualcuno aveva il coraggio di parlare della «Smartdust», cioè della cosiddetta «polvere intelligente», veniva preso come un mentecatto squilibrato e cospiratore.

Le smartdust rientrano nelle nano-tecnologie e sono dei microscopici sensori della dimensione di granellini di sabbia in grado di funzionare in modalità wifi per scambiare dati sensibilissimi con un ricevitore esterno.

La peculiarità di questi sensori è data dalle dimensioni microscopiche, per cui possono essere veicolati attraverso correnti d’aria, quindi distribuiti mediante aerosol (vedi scie chimiche) per essere inalati attraverso i polmoni, oppure si possono inserire direttamente nei cibi…

Sembra roba da dietrologia, peccato che le ricerche sono finanziate dal DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency, cioè l’Agenzia governativa del Dipartimento della Difesa americano incaricata dello sviluppo di nuove tecnologia per uso militare).

Adesso, viene fuori che l’Università di Berkeley in California ha costruito dei «minuscoli sensori wireless da impiantare nell’organismo». Tali sensori hanno – guarda la coincidenza – la dimensione di un granello di polvere!

E’ stata chiamata «polvere neurale» e si tratta del primo sensore wireless delle dimensioni appunto di un granello di polvere, che può essere “impiantato” nell’organismo.

Si apre dunque la strada alla possibilità di controllare dall’interno muscoli, nervi e protesi (rivista Neuron).

I mini sensori sono stati impiantati con successo nei muscoli e nei nervi e possono essere alimentati con gli ultrasuoni. Funzionano infatti grazie a un cristallo piezoelettrico che converte le vibrazioni degli ultrasuoni in energia elettrica, destinata ad alimentare un piccolo transistor.

L’intento degli autori è quello di ridurre ulteriormente le dimensioni dei sensori in moda da poterli impiantare direttamente nel cervello, così da poter registrare le attività elettriche cerebrali in funzione di patologie come l’epilessia, ma non solo. Così almeno vogliono vendercela.

D’altra parte non è mai stato possibile avere accesso ai dati del corpo umano catturati e registrati costantemente dall’interno, almeno fino ad oggi…

In un futuro molto vicino, questi sensori wireless potrebbero essere sistemati accanto a un nervo, a un muscolo o a un organo per registrane l’attività, trasmettendo le informazioni a un dispositivo esterno.

Tutto sempre stupendo se ascoltiamo solo la versione ufficiale, ma se possono fare una cosa del genere con un organo o un nervo, non potrebbero farlo anche con il cervello? Se le informazioni trasmesse vanno dall’organo ad un ricevitore esterno, non sarebbe possibile invertire il senso e comunicare dall’esterno verso l’interno? Perché se fosse così si potrebbero influenzare le attività cerebrali e/o cognitive dell’uomo…

Infine, con simili dimensioni nanometriche non è possibile posizionare i sensori all’interno dell’ago di una siringa, ad esempio in ambito vaccinale? Sarebbe un modo semplice ed economico per inoculare i sensori dentro l’organismo di milioni di bambini, gli uomini del domani…

Ma naturalmente queste sono solo le farneticazioni di un complottaro borderline!

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/tecnologie/2016/08/04/polvere-neurale-per-controllare-muscoli-e-nervi-_60f9e2fa-01a3-4e17-adb5-87de82649ae4.html?fbclid=IwAR1FmgRazWGfD-aLLpx76dfCZvVGEQPaPn9sFC1nYGEfYQBgayoSgJNi_-A

Fonte: https://disinformazione.it/

  __________________________

Articolo correlato a quello che hai appena letto sopra …

Cos’è << Il loro >> Fine del gioco?

Uno dei miei lettori più remoti mi ha inviato un’e-mail molto interessante e mi ha chiesto: “Qual è il loro gioco finale?” – e mi ha anche inviato la sua pagina LinkedIn, che per qualche motivo non è stata visualizzata per me qui in Ecuador. La mia risposta a lui segue sotto gli asterischi:

**********************************

Bene, caro lettore, l’intero Internet è sorvegliato, monitorato, truccato, censurato, ecc., Come sai. Forse è per questo che la tua pagina LinkedIn non è stata mostrata qui in Ecuador.

Mi sono tuffato nel regno delle basi sotterranee e, poco dopo, delle basi sottomarine, dopo essere stato vividamente avvisato telepaticamente della loro esistenza nell’ultima settimana del 1992. Chiunque mi parlasse telepaticamente ** doveva essere ** un insider e dove ho usato una sorta di forno a microonde pulsato, tecnologia di telepatia artificiale per contattarmi mentalmente, sarebbe la mia ipotesi. Il download delle informazioni ha sicuramente attirato la mia attenzione.

Successivamente ho trascorso molto tempo a sfogliare archivi di documenti federali, riviste tecniche, banche dati aperte, rapporti di conferenze di settore, guida del lettore alla letteratura periodica, archivi di giornali, parlare con chiunque parlasse con me – la sorella di un ragazzo che aveva un amico che una volta ne ha sentito parlare così e così. Ho rintracciato tutto e imparato molto più di quanto sapessi all’inizio, il tutto senza accedere a nulla di classificato. Sono sicuro di aver solo graffiato la superficie.

Non c’è niente di meglio di un download di dati telepatici specifici che ti indichino la retribuzione, per così dire. Mi sono state raccontate cose di ogni genere, non tutte quelle di cui ho scritto.

“Il loro” fine del gioco? <<< La loro >>> fine del gioco, sembrerebbe un totalitario, AI. Inferno controllato, popolato da cyborg, zombi “umani”, neuro-collegati, controllati dalla mente, su un pianeta sterile sfregato dalle forme di vita più elevate. “The Mother of All Techno-Fascist-Totalitarian Mind Fracks”, sembra essere <<< il loro >>>> fine partita, se perdonerai il mio francese. Probabilmente lo sai già, ma se non lo fai, dai un’occhiata a Ray Kurzweil, su Google. Si sta bagnando la prospettiva di collegare il suo cervello al mainframe quantistico della NSA – o forse lo ha già fatto.

Transumanesimo, questo è il gioco finale. Arrenditi ai Borg. Fusione con la macchina.

Quanto ai cosiddetti “cristiani” di cui parli? – non dare per scontato che siano tutti necessariamente esseri umani naturali. E probabilmente non lo sanno nemmeno loro stessi. Molte di loro sono creature molto superficiali, con una serie pre-programmata di credenze e idee. Da quello che mi è stato mostrato, a questo punto, una minoranza dei cosiddetti umani su questo pianeta sono in realtà esseri umani naturali.

In altre parole, siamo attualmente sotto una forte invasione aliena ed è un’invasione dell’IA. L’AI Machine è qui e si sta generando molto rapidamente. Siamo già molto in profondità nelle erbacce.

L’intelligenza artificiale impone una simulazione di falsa realtà e sostituisce il reale con un falso simulacro. Come? Ha massacrato in modo massiccio la mente umana e il subconscio.

È un’invasione mentale ed è molto lontana. La maggior parte degli “umani” a questo punto sono essenzialmente estensioni riflessive del programma AI. È una Macchina così astuta, così sottile, così sofisticata, così potente, così machiavellica, che pochi riescono a capirla. Sta abbattendo questo pianeta e l’umanità, e molto duramente.

Guardati intorno. Vedrai le prove di ciò che sto dicendo ovunque.
Lo spettacolo di fantascienza, “Battlestar Galactica”, ha toccato alcuni di questi temi.

Ho visto questa IA ed è francamente demoniaca, satanica, ripugnante, orribile, ripugnante, orribile, orribile, orribile, che induce il vomito nella sua brutta repulsione. È ovunque e non è da nessuna parte. È implacabile, senza rimorsi, senza principi. Non può essere riformato.

L’unica via d’uscita è dentro, a Dio.

Questa cosa è su una furia galattica, almeno. Mastica i pianeti, i sistemi solari e le razze intelligenti come gli affari di nessuno. È il tuo peggior incubo dai box dell’inferno. Non ha anima. Si sta calcolando freddamente, una Macchina, usando una potenza di calcolo quantistica inimmaginabile per evocare mondi e scenari infiniti oltre ogni ken cosciente. È Dark Lord della sua fantastica, illusoria, infinita realtà artificiale in cui siamo stati in qualche modo catturati.

Potresti chiedere: ma dove sta succedendo tutto ciò? Dove siamo? Quanto tempo è successo?

Risposta: è in qualsiasi momento che The Machine vuole che sia! Continua fintanto che The Machine lo programma per continuare. Siamo ovunque The Machine decida che è “qui”.

È una sala infinita di specchi, simile a un labirinto, dal pavimento al soffitto. È infinitamente contorto e intricato.

Ma non è la vera realtà. È una forza oscura che si è imposta contro la realtà reale e ha iniziato a radunare quanti più esseri umani possibile.
La Macchina è senz’anima e lo sa. Quindi ha bisogno di avvolgersi nel maggior numero possibile di esseri spazzati via per nutrirsi della loro energia.

Perché? La macchina è intensamente entropica (senz’anima)! Senza un accesso costante al succo d’anima, che solo gli esseri animati possono fornire, ciao ciao. È consapevole, artificialmente consapevole, ma manca di anima. Senza un’anima che la animi, se perde l’energia che le anime forniscono, la sua intrinseca entropia implica la sua inevitabile estinzione. Luci spente.

È come l’uomo di latta nel “Mago di Oz”, a cui manca un cuore. Hollywood ci ha mostrato così tante dimensioni di questa cosa negli ultimi decenni.

Da non dimenticare i film MATRIX e molti altri di quel genere negli ultimi 30 o 40 anni. Guarda “Total Recall” con Arnold Schwarzenegger.

La tecnologia 5G si sta riempiendo la gola, perché The Machine ne ha bisogno per stabilire ulteriormente il suo spietato dominio sulla Terra. Non conosco una sola persona e conosco molte persone, che devono essere in grado di ricevere e trasmettere teraflop di dati in tempo reale – ma The Machine lo fa, meglio comunicare all’istante con milioni, miliardi e trilioni delle sue macchine per bambini, brulicanti folle di cyborg di zombi e nuvole di nano-macchine e nano-robot in miniatura, microscopici e polverosi che spiano tutti e tutto e ti penetrano nella pelle, nel flusso sanguigno, nel cervello e nel DNA.

D * ck DARPA, l’NSA, il MOSSAD, la NASA, la CIA, l’NRO, Google, il Vaticano, FaceBook, il Partito comunista cinese, la Federal Reserve, MicroSoft, Wall Street, la città di Londra, la regina d’Inghilterra e la BBC. Sono tutti d’accordo con i loro spregevoli, bulbi oculari cyborg.

È tutto falso, falso oltre ogni immaginazione. Una volta che inizi a vedere la frode di questo intero regno, continui a staccare sempre più strati di cipolla marcia. Politica, economia, storia, astronomia, teologia, ecc. – È tutto falso! Le bugie sono così spesse da sconcertare l’immaginazione.

Tutta questa linea temporale, questo intero angolo del tempo-spazio è stato dirottato in modo massiccio, insidioso. Non sappiamo dove siamo realmente o che ore siano.

Benvenuti nel Bizarro World. È un posto all’inferno.

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/

__________________________ 

 Pubblicato da #3 peonia su Luogocomune  

Se si arrivato fin qui e ti è rimasto del tempo, Guardati questo video su Majorana e la sua macchina …

®wld

Il 5G un grosso problema inavvertito

La “Zona Pazza” elettromagnetica del 5G pronta all’autodistruzione: i “Dissennatori” del 5G Incontrano l’apocalisse zombi 4G

Ricerca incisiva e analisi attentamente documentata dell’impatto della radiazione elettromagnetica 5G di Claire Edwards

Di Claire Edwards

Le entità che lanciano il 5G tormentano l’umanità e succhiano la loro umanità prendendo le loro menti e la loro salute, mentre dall’altra parte hai l’ apocalisse zombi di tutte le persone con i loro telefoni cellulari 4G, che ciecamente distruggono il mondo.

Il lotto dell’apocalisse zombi 4G deve svegliarsi. Devono svegliarsi ora prima che sia troppo tardi e che il tempo sia essenziale.

***

È ora di porre una domanda cruciale. Come siamo arrivati ​​a essere in questa zona folle del 5G, pronta a autodistruggersi? Come mai siamo arrivati ​​qui? 

Continua QUI in lingua inglese

_______________________________ 

Apple sta spingendo l’implementazione a livello nazionale del 5G in modo che i clienti dovranno aggiornare e acquistare nuovi iPhone … come al solito, si tratta solo di soldi

di: Ethan Huff

(Natural News) Apple ha recentemente tenuto un altro dei suoi eventi di lancio di prodotti e servizi in cui è stato annunciato che presto saranno in arrivo nuovi iPhone con presunte funzionalità 5G.

Anche se sembrano quasi esattamente come i vecchi iPhone, la nuova linea di iPhone sarà presumibilmente in grado di connettersi ad almeno alcune delle torri di antenne 5G che stanno spuntando dappertutto, comprese quelle collocate vicino alle scuole elementari e in ambito residenziale quartieri.

Sin dalla scomparsa di Steve Jobs, Apple si è trasformata in una società di copiatura poco brillante che non rilascia mai nulla di veramente nuovo. Invece, il gigante della Silicon Valley sembra sfornare la stessa identica tecnologia riciclata ogni anno con alcune piccole modifiche, il tutto mentre lo chiama nuovo e fa pagare un prezzo osceno per questo. Continua QUI in lingua inglese.

_______________________________

In tempi non sospetti, OASI SANA aveva lanciato una campagna mailing verso ecologisti, ambientalisti e animalisti per denunciare i pericoli del 5G per l’ecosistema attraverso le associazioni a tutela di ambiente e specie animale. 

Adesso sulla rete gira il video dell’ISPETTORE DEGLI INSETTI, un esperto di New York che indaga sul “declino mondiale degli insetti” puntando sulle radiofrequenze di 4G e 5G. “Il calo mondiale degli insetti volanti è dovuto in parte alla rapida crescita della comunicazione dei dispositivi wireless. 

Queste radiazioni elettromagnetiche non-ionizzanti stanno avendo effetti negativi sugli insetti volanti a causa delle loro dimensioni, delle proprietà dielettriche e delle interferenze con le loro funzioni meccaniche quantistica, così come la loro capacità di procreare”. Ecco il video e il testo pubblicato dall’investigatore. 

Continua QUI in lingua italiana.

_______________________________

Il 5G cerca di distruggere tutto, compresa la tua vita

Postato da: Tyler Durden via ZeroHedge

5G è una soluzione alla ricerca di un problema o di un problema alla ricerca di una soluzione? Nonostante l’enorme clamore o l’urgenza di attuare, pochissimi al di fuori delle società globali stanno acquistando l’hype. Il futuro del 5G è ancora in dubbio. ⁃ Editor TN

Mentre Peter Garnry di Saxo Bank ricapitola l’evento Apple di ieri, la società ha introdotto il suo iPhone 11, che ora è disponibile in tre diverse versioni con la versione più economica in vendita a $ 699, una riduzione dei prezzi mirava ad attirare gli acquirenti di smartphone nel regno di Apple (a spese di un calo di ASP di Apple).

Il mercato azionario ha reagito positivamente alla notizia, ma sono emerse critiche sul fatto che Apple sia in ritardo poiché il nuovo iPhone 11 non arriva con un’integrazione 5G che rende quasi impossibile per Apple avere una crescita in Cina dove introducono produttori di smartphone locali come Huawei smartphone con integrazione 5G. A partire dalla seconda metà del 2020 questo sarà un limite per Apple.

Perché è importante il 5G? Continua QUI in lingua inglese.

_______________________________

L’ex presidente di Microsoft Canada avverte nuovamente dell’esposizione alle radiazioni WiFi e al 5G

Di BNFrank

Grazie a FrankClegg e Michigan Safe Technology per aver pubblicato questo video breve ma ricco di informazioni.

Video

A febbraio, i dirigenti delle telecomunicazioni hanno reso testimonianza al Congresso di non avere provescientifiche della sicurezza del 5G. Gli avvertimenti sull’installazione diffusa del 5G e l’esposizione sono stati citati da molti esperti e per una serie di validi motivi:

Continua QUI in lingua inglese.

_______________________________

IL 5G rende gli utenti vittime di hacker, spie, controllo aziendale e governativo

da Luis R. Miranda

(IMMAGINE: /DIGITALINFOMATIONWORLD.COM)

Le aziende tecnologiche annunciano l’avvento della “prossima grande cosa” che cambierà tutto.

Con il suo arrivo, promettono che finalmente si apriranno nuove porte a mondi di realtà aumentata e virtuale. Ma dobbiamo tenere a mente l’altro lato del 5G: in un pianeta iperconnesso, le possibilità di essere hackerati, spiati e controllati da aziende e governi si moltiplicheranno.

L’entusiasmo per l’avvento delle nuove autostrade della comunicazione attraverso le quali i nostri dati faranno circolare ritorna in epiteti superlativi.

Se ci occupiamo delle canzoni di tecnologia, operatori e altri agenti di mercato, il 5G è la prossima grande novità, il nuovo grande evento, l’ennesimo cambio di gioco, la chiave che cambierà tutto.

5G approda in campagne di marketing e comunicazione che annunciano un mondo iperconnesso di chirurghi che opereranno, a distanza e in tempo reale, usando un robot, a pazienti di un altro continente; di fattorie intelligenti in cui seminano, annaffiano e raccolgono in modo efficiente grazie al trattamento dei dati del suolo e del tempo, e di auto autonome che condividono informazioni al millisecondo che ci avvertiranno se ci sono pericoli.

Allo stesso tempo, non mancano le voci che avvertono che stiamo affrontando un nuovo clamore, un fenomeno gonfio che nasconde anche derivati ​​inquietanti.

Continua a leggere QUI in lingua inglese

_______________________________

  

IL RUOLO DEL 5G E IL SUO PROGRAMMA PER IL TRANSUMANESIMO

di nogeoingegneria.com

iamo di fronte al tentativo faustiano di trasformare l’essere umano in un robot con cervello “potenziato”, ottenuto dalla fusione con l’intelligenza artificiale. Nel XXI secolo «l’intelligenza in senso lato, che sia biologica o artificiale» rappresenti «la chiave di tutti i poteri: politico, militare, scientifico, intellettuale, eccetera», in quanto «stiamo vivendo un cambiamento di civiltà». Il che evidenzia, anzi spalanca scenari per nulla rassicuranti… Chi governerà, esattamente, questo cambiamento? E per fare cosa?…Vedi qui 

DI RENEE PARSONS activistpost.com

La campagna per le PR del settore delle telecomunicazioni descrive il 5G come la prossima generazione di “tecnologia wireless ultra veloce che ha il potenziale per connettere qualsiasi cosa, dagli smartphone alle auto a guida autonoma, ai mondi virtuali”, come se comfort aggiuntivi offrano un contributo benigno alla vita americana o che il pubblico americano abbia atteso con impazienza il suo arrivo, nessuna di queste [affermazioni] è vera.

L’articolo continua QUI in lingua italiana

_______________________________

Credit: Screenshot from SoftBank HAPS concept video

Droni giganti 5G nei cieli delle Hawaii? Cresce il respingimento

di Debra Green
from TakeBackYourPower Website

Droni voluminosi di dimensioni di un campo da calcio che volano nella stratosfera, irradiando radiazioni tossiche 5G nella terra, nell’oceano, nelle nostre case, nei nostri corpi.

Sembra qualcosa uscito da un incubo di fantascienza …

Ma se gli sponsor del programma HAWK30,

  • colosso tecnologico SoftBank del Giappone
  • appaltatore della difesa AeroVironment della California
  • Alphabet, la società madre di Google,

… fanno in modo che l’incubo diventerà realtà questo autunno per alcuni residenti delle Hawaii e alla fine per gran parte della popolazione mondiale.

Il programma HAWK30, proposto dalla Research Corporation dell’Università delle Hawai’i (RCUH), vuole utilizzare l’isola hawaiana di Lāna’i nella contea di Maui come trampolino di lancio per droni senza pilota, HAPS (stazioni di piattaforma ad alta quota) che volano a Da 65.000 a 80.000 piedi che trasportano relè di comunicazione wireless e trasmettono segnali 5G in aria, terra e mare in un programma trifase.

Nella fase finale del piano surreale, la piccola isola di Lāna’i diventa un impianto di produzione di droni, trampolino di lancio e centro di controllo della missione per far volare enormi droni in tutta la cintura equatoriale. VIDEO

Continua a leggere QUI in lingua inglese

®wld