Rimodulazione dell’ordine mondiale

Russia e Cina stanno contenendo gli Stati Uniti per rimodellare l’ordine mondiale

Fortunatamente il mondo di oggi è molto diverso da quello del 2003, i decreti di Washington sono meno efficaci nel determinare l’ordine mondiale. Ma nonostante questa nuova, più equilibrata divisione del potere tra diverse potenze, Washington appare sempre più aggressiva nei confronti degli alleati e dei nemici, indipendentemente da quale presidente degli Stati Uniti sia in carica.

La Cina e la Russia stanno guidando questa transizione storica, facendo attenzione a evitare la guerra diretta con gli Stati Uniti. Per riuscire in questo sforzo, usano una strategia ibrida che coinvolge la diplomazia, il supporto militare agli alleati e le garanzie economiche ai paesi sotto l’attacco di Washington.

Gli Stati Uniti considerano l’intero pianeta il suo campo di gioco. La sua dottrina militare e politica si basa sul concetto di egemonia liberale, come spiegato dallo scienziato politico John Mearsheimer. Questo atteggiamento imperialista ha, nel tempo, creato un fronte coordinato e semi-ufficiale dei paesi che resistono a questa egemonia liberale. I recenti eventi in Venezuela indicano perché la cooperazione tra questi paesi contro-egemonici sia essenziale per accelerare la transizione da una realtà unipolare a una realtà multipolare, in cui il danno che l’imperialismo statunitense è in grado di produrre è diminuito.

Mosca e Pechino guidano il mondo ostacolando Washington

Mosca e Pechino, in seguito a una complessa relazione del periodo della guerra fredda, sono riuscite a raggiungere una confluenza di interessi nei loro grandi obiettivi nei prossimi anni. L’intesa con cui sono venuti principalmente ruota attorno a scatenare il caos che Washington ha scatenato sul mondo.

Il principio guida dell’apparato di intelligence militare USA è che se un paese non può essere controllato (come l’Iraq dopo l’invasione del 2003), allora deve essere distrutto per evitare che cada nel campo sino-russo. Questo è ciò che gli Stati Uniti hanno tentato di fare con la Siria e cosa intende fare con il Venezuela.

Il Medio Oriente è un’area che ha attirato l’attenzione globale per qualche tempo, con Washington chiaramente interessata a sostenere i suoi alleati israeliani e sauditi nella regione. Israele persegue una politica estera finalizzata allo smantellamento degli stati iraniano e siriano. L’Arabia Saudita persegue anche una strategia simile contro l’Iran e la Siria, oltre ad alimentare una spaccatura all’interno del mondo arabo derivante dalle sue differenze con il Qatar.

Le decisioni di politica estera di Israele e Arabia Saudita sono state sostenute da Washington per decenni, per due ragioni molto specifiche: l’influenza della lobby israeliana negli Stati Uniti e la necessità di assicurare che l’Arabia Saudita ei paesi OPEC vendano petrolio negli Stati Uniti dollari, preservando così il ruolo del dollaro statunitense come valuta di riserva globale.

Il dollaro USA che rimane la valuta di riserva globale è essenziale per Washington che è in grado di mantenere il suo ruolo di superpotenza ed è fondamentale per la sua strategia ibrida contro i suoi rivali geopolitici. Le sanzioni sono un buon esempio di come Washington usa il sistema finanziario ed economico globale, basato sul dollaro USA, come arma contro i suoi nemici. Nel caso del Medio Oriente, l’Iran è l’obiettivo principale, con sanzioni volte a impedire alla Repubblica islamica di commerciare su sistemi bancari esteri. Washington ha posto il veto alla capacità della Siria di procurarsi contratti per ricostruire il paese, con le società europee minacciate di rischiare di non poter più lavorare negli Stati Uniti se accettano di lavorare in Siria.

Pechino e Mosca hanno una chiara strategia diplomatica, respingendo congiuntamente innumerevoli mozioni avanzate da Stati Uniti, Regno Unito e Francia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condanna l’Iran e la Siria. Sul fronte militare, la Russia continua la sua presenza in Siria. Gli sforzi economici della Cina, sebbene non ancora pienamente visibili in Siria e in Iran, saranno la parte essenziale del rilancio di questi paesi distrutti dagli anni di guerra inflitti da Washington e dai suoi alleati.

La strategia di contenimento della Cina e della Russia in Medio Oriente mira a difendere la Siria e l’Iran usando diplomaticamente la legge internazionale, qualcosa che viene continuamente travolta dagli Stati Uniti e dai suoi alleati regionali. L’azione militare della Russia è stata fondamentale per arginare e sconfiggere l’inumana aggressione lanciata contro la Siria, e ha anche tracciato una linea rossa che Israele non può attraversare nei suoi sforzi per attaccare l’Iran. La sconfitta degli Stati Uniti in Siria ha creato un precedente incoraggiante per il resto del mondo. Washington è stata costretta ad abbandonare i piani originali per sbarazzarsi di Assad.

La Siria sarà ricordata in futuro come l’inizio della rivoluzione multipolare, in cui gli Stati Uniti erano contenuti in termini militari-convenzionali come risultato delle azioni coordinate di Cina e Russia.

Il contributo economico della Cina prevede bisogni urgenti come la fornitura di cibo, prestiti governativi e medicine ai paesi sotto l’assedio economico di Washington. Finché il sistema finanziario globale rimane ancorato al dollaro USA, Washington rimane in grado di causare molto dolore ai paesi che si rifiutano di obbedire ai suoi diktat.

L’efficacia delle sanzioni economiche varia da paese a paese. La Federazione Russa ha usato le sanzioni imposte dall’Occidente come impulso per ottenere un rifinanziamento completo, o quasi autonomo, del suo principale debito estero, oltre a produrre in patria ciò che era stato precedentemente importato dall’estero. La strategia a lungo termine della Russia è quella di aprire alla Cina e agli altri paesi asiatici il principale mercato per le importazioni e le esportazioni, riducendo i contatti con gli europei se paesi come Francia e Germania continuano nella loro ostilità nei confronti della Federazione russa.

Grazie agli investimenti cinesi, insieme a progetti pianificati come la Belt and Road Initiative (BRI), l’egemonia del dollaro USA è minacciata a medio-lungo termine. Le iniziative cinesi nei settori delle connessioni infrastrutturali, energetiche, ferroviarie, stradali e tecnologiche tra dozzine di paesi, aggiunte al continuo bisogno di petrolio, guideranno un consumo di petrolio in Asia sempre più elevato, attualmente pagato in dollari USA.

Mosca è in una posizione privilegiata, gode di buoni rapporti con tutti i maggiori produttori di petrolio e GNL, dal Qatar all’Arabia Saudita, e include Iran, Venezuela e Nigeria. Le buone relazioni di Mosca con Riyadh sono finalizzate alla creazione di un accordo OPEC + che includa la Russia.

Un’attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alla situazione in Venezuela, uno dei paesi più importanti dell’OPEC. Riyadh ha inviato a Caracas nelle scorse settimane un’autocisterna che trasporta due milioni di barili di petrolio, e Mohammed bin Salman (MBS) ha preso una posizione neutrale nei confronti del Venezuela, mantenendo un prevedibile equilibrio tra Washington e Caracas.

Queste iniziative congiunte, guidate da Mosca e Pechino, mirano a ridurre l’uso del dollaro USA da parte dei paesi coinvolti nelle BRI e aderiscono al formato OPEC +. Questa diversificazione al di fuori del dollaro USA, per coprire le transazioni finanziarie tra paesi che coinvolgono investimenti, petrolio e GNL, vedrà il progressivo abbandono del dollaro USA come conseguenza di accordi che fanno sempre via via il dollaro.

Per il momento, Riyadh non sembra intenzionato a perdere la protezione militare degli Stati Uniti. Ma i recenti eventi legati a Khashoggi, così come la mancata lista di Saudi Aramco nelle borse di New York o di Londra, hanno gravemente minato la fiducia della famiglia reale saudita nei suoi alleati americani. L’incontro tra Putin e MBS al G20 di Bueno Aires sembra indicare un chiaro messaggio a Washington e al futuro del dollaro americano.

Gli sforzi militari, economici e diplomatici di Mosca e Pechino vedono il loro culmine nel processo di Astana. La Turchia è uno dei principali paesi alla base dell’aggressione contro la Siria; ma Mosca e Teheran l’hanno incorporata nel processo di contenimento del caos regionale generato dagli Stati Uniti. Grazie a accordi tempestivi in ​​Siria noti come “zone di deconfigurazione”, Damasco è avanzato, città per città, per liberare il paese dai terroristi finanziati da Washington, Riyadh e Ankara.

Il Qatar, un garante economico della Turchia, che in cambio offre protezione militare a Doha, si sta anche allontanando dal campo israeliano-saudita a causa degli sforzi sino-russi nei settori dell’energia, diplomatica e militare. La mossa di Doha è stata anche a causa della guerra diplomatica-economica fratricida lanciata da Riyadh contro Doha, che è ancora un altro esempio dell’effetto contagioso del caos creato da Washington, in particolare sugli alleati degli Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita.

Washington perde l’influenza militare nella regione grazie alla presenza di Mosca, e questo porta i tradizionali alleati degli Stati Uniti come la Turchia e il Qatar a gravitare verso un campo composto essenzialmente dai paesi contrari a Washington.

La sconfitta militare e diplomatica di Washington nella regione permetterà a lungo termine di modificare la struttura economica del Medio Oriente. Una realtà multipolare prevarrà, dove potenze regionali come Egitto, Turchia, Arabia Saudita e Iran si sentiranno costrette a interagire economicamente con l’intero continente eurasiatico come parte dell’Iniziativa Belt and Road.

Il principio di base per Mosca e Pechino è l’uso di mezzi militari, economici e diplomatici per contenere gli Stati Uniti nella sua incessante spinta a uccidere, rubare e distruggere.

Dal Medio Oriente all’Asia

Pechino si è concentrata in Asia nel settore diplomatico, facilitando i colloqui tra Corea del Nord e Corea del Sud, accelerando il dialogo interno sulla penisola, escludendo quindi attori esterni come gli Stati Uniti (che hanno solo l’intenzione di sabotare i colloqui). Anche la componente militare di Pechino ha svolto un ruolo importante, sebbene non sia mai stata utilizzata direttamente come la Federazione russa ha fatto in Siria. Le opzioni di Washington nei confronti della penisola coreana erano fortemente limitate dal fatto che al confine con la Corea del Nord vi erano enormi forze nucleari e convenzionali, vale a dire la dissuasione offerta dalla Russia e dalla Cina. Il potere militare combinato della RPDC, della Russia e della Cina ha reso qualsiasi ipotetica invasione e bombardamento di Pyongyang un’opzione poco pratica per gli Stati Uniti.

Come in passato, la linea di vita economica estesa a Pyongyang da Mosca e Pechino si è rivelata decisiva nel limitare gli effetti dell’embargo e la completa guerra finanziaria che Washington aveva dichiarato sulla Corea del Nord. L’abile lavoro diplomatico di Pechino e Mosca ha prodotto un effetto simile a quello della Turchia in Medio Oriente, con la Corea del Sud che sembra lentamente scivolare verso il mondo multipolare offerto da Russia e Cina, con importanti implicazioni economiche e prospettive di unificazione della penisola.

La Russia e la Cina – attraverso una combinazione di un gioco intelligente di diplomazia, deterrenza militare e offerta alla penisola coreana della prospettiva di investimenti economici attraverso le BRI – sono riuscite a frustrare gli sforzi di Washington per scatenare il caos ai loro confini attraverso la penisola coreana.

Gli Stati Uniti sembrano perdere il loro ruolo imperialistico in modo significativo in Asia e nel Medio Oriente, non solo militarmente ma anche diplomaticamente ed economicamente.

La situazione è diversa in Europa e in Venezuela, due aree geografiche in cui Washington gode ancora di un peso geopolitico maggiore rispetto all’Asia e al Medio Oriente. In entrambi i casi, l’efficacia delle due resistenze sino-russe – in termini militari, economici e diplomatici – è più limitata, per ragioni diverse. Questa situazione, in linea con il principio di America First e il ritorno alla dottrina Monroe, sarà oggetto del prossimo articolo.

Fonte: https://theduran.com/russia-and-china-are-containing-the-us-to-reshape-the-world-order-2/