Crea sito

Milano: … quando i sogni muoiono all’alba …

La camera a gas di Milano; il sole del mattino ha il bario in bocca

Ore 8:30

Tosse, bronchite, raffreddore, ostruzione delle vie respiratorie, tranquillo è solo BPCO una nuova patologia ancora sconosciuta, l’OMS la chiamata “broncopneumopatia cronica ostruttiva”

Queste non sono fotografie di repertorio è il cielo su Milano nella periferia nord-est (Parco Nord) di oggi alle ore 8:30

Una giornata ideale per fare jogging prima di andare al lavoro

Vasco Rossi scriveva nella sua “Alba Chiara”:  

Respiri piano per non far rumore ti addormenti di sera e ti risvegli con il sole sei chiara come un’alba sei fresca come l’aria; se ascolti i tuoi bronchi i rumori li senti, certamente la sera ti addormenti per la spossatezza, non certamente ti risvegli con il sole, l’alba non è chiara (lo puoi vedere noo?), l’aria non è fresca.

Ti sembrano nuvole normali? Beh se pensi che lo siano, hai una strana concezione di normale.

Queste sono le domande che dovresti farti …

… Cosa sta succedendo nei nostri cieli?
… Cosa sono veramente quelle striature biancastre che rilasciano  gli aerei?
… Perché si vede a malapena il sole e il blu del cielo?
… Perché sempre più spesso avvengono estremi agenti atmosferici?
… Perché sempre più persone lamentano tosse cronica, raffreddori difficili  da   debellare, stanchezza e allergie?
… Perché patologie neurologiche come il morbo di Alzheimer sono in un esponenziale aumento?
… Perché sempre più medici indicano nelle analisi di laboratorio un eccessivo   aumento di alluminio e bario? 

http://ningizhzidda.blogspot.it/

2 Risposte a “Milano: … quando i sogni muoiono all’alba …”

  1. Anche a Roma e dintorni si è assistito allo stessso osceno spettacolo.
    Aria di morte inalata a pieni polmoni.
    Forse è una mia impressione ma credo di assistere ad una vera escalation delle irrorazioni. Ogni giorno che passa è una dose maggiore e sempre più evidente di scie rilasciate nei nostri cieli.
    Anche nelle più calde e torride giornate soleggiate si assiste ad un via vai incredibile di aerei con scie poco persistenti al seguito.
    C’è da augurarsi di essere ancora in salute quando verrà il momento di rendere il conto di quanto subito.
    Grazie
    Marco

    1. Bentrovato Marco;
      quello che sta succedendo ormai non ha più scusanti, sia da parte dei giornalisti che da parte dei piloti che alcune volte ci lasciano la pelle.

      Io sono attivo sia nello scrivere e denunciare che nel comunicare verbalmente ad amici e conoscenti; prima venivo deriso, adesso se ne rendono conto personalmente, vuoi per costrizioni di tipo respiratorio, vuoi per stanchezza cronica e altre allergie che stanno devastando, tutti, bambini, donne e uomini di tutte le età.

      Chi deve intervenire e … sa! E’ seduto in parlamento con un congruo emolumento che ci viene defraudato tutti i giorni; è da lì che bisogna intervenire, nei vari ministeri: salute, ambiente, militare.

      Poco servono manifestazioni di piazza, bisogna rendere eruditi tutti quelli che conosciamo che a loro volta fanno notare ad altri questo crimine e, ricordarsi di quando li si abilita con il voto alle urne; chiedere loro l’abolizione di questo programma infernale firmato anni fa da quel bel tomo di “SB” il programma degli USA “avere il controllo del clima per il 2025” firmato nel 2003.

      Grazie della tua testimonianza Marco;
      ciao

I commenti sono chiusi.