Crea sito

Quand’è che abbiamo perduto il senno?

Morti da coronavirus? Siamo proprio sicuri?

Marcello Pamio

La morte è la morte e nessuno vuole mancare di rispetto alle vittime e alle famiglie colpite da un lutto.

Fatta questa premessa però è arrivato il momento di togliere un po’ di ragnatele dal cervello, ripulendo magari l’interno della scatola cranica con l’Amuchina ordinata su Amazon o accalappiata con la forza durante i raid nei supermercati.

A qualcuno invece bisognerebbe dargli il biglietto da visita di un bravo psicanalista, perché c’è grossa crisi se si arriva a spendere 312 euro per un litro di disinfettante mani! Su e-bay infatti vendono “Amuchina Gel Xgerm” da 80 ml alla modica cifra di 24,90 euro, senza spese di spedizione però.

Veniamo al pericolosissimo coronavirus “Covid-19” giunto dall’Oriente (lungo la “Via della Seta”…) che attualmente ha un impatto molto inferiore ad una influenza stagionale (che detto tra noi causa all’incirca 300-400 morti ogni anno in Italia, alle quali vanno aggiunte tra le 4.000 e le 10.000 morti ‘indirette’ per complicanze), e come tale sta colpendo la popolazione.

I conti non tornano: ogni anno muoiono circa 10.000 persone circa per complicanze dovute a virus influenzali e nessuno di scompone, quest’anno stranamente con 11 morti, e dico 11 morti, stiamo vedendo orde di lanzichenecchi assaltare i discount facendo scorte per l’inverno (nucleare); scuole chiuse, città militarizzate, viaggi cancellati, ecc.

Quand’è che abbiamo perduto il senno?

Come ogni influenza coloro che ne pagano lo scotto peggiore NON sono i giovani (non a caso NON c’è nessun morto) ma le persone anziane, cioè quelle in condizioni di salute precaria, con patologie pregresse.
TUTTE le vittime infatti erano anziani o in cura per malattie molto gravi.
Inoltre va ricordato che tutte le persone decedute erano ricoverate in ospedale per altre patologie, per cui i nosocomi si confermano il luogo più pericoloso del pianeta!

Ecco l’elenco delle persone morte:

Castiglione D’Adda (Lodi): uomo di 62 ANNI ricoverato all’ospedale di Como. Era in dialisi e soffriva per patologie pregresse.

Castiglione D’Adda (Lodi): uomo di 80 ANNI ricoverato all’ospedale di Lodi per un infarto.

Casalpusterlengo (Lodi): donna di 75 ANNI, era andata in ospedale per una grave crisi respiratoria

San Fiorano (Lodi): uomo di 91 ANNI (non ci sono informazioni)

Codogno (Lodi): donna di 83 ANNI (non ci sono informazioni)

Trescore Cremasco (Cremona): donna di 68 ANNI morta all’ospedale di Crema. Era malata di cancro e aveva subito anche un infarto

Villa di Serio (Bergano): uomo di 84 ANNI deceduto all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, era ricoverato per patologie polmonari.

Nembro (Bergano): uomo di 91 ANNI deceduto all’ospedale di Alzano

Vo’ Euganeo (Padova): uomo di 78 ANNI era ricoverato all’ospedale di Schiavonia (PD) per una polmonite

Treviso (Treviso): donna di 76 ANNI, era ricoverata all’ospedale per obesità e grave scompenso cardiaco

Caselle Landi (Lodi): uomo di 88 ANNI. (non ci sono informazioni).

La conclusione è scontata: se si vuole vivere a lungo, non serve attendere il vaccino miracoloso o evitare i cinesi come la peste, ma avere uno stile di vita sano e girare alla larga dagli ospedali!!!

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld