Crea sito

UNA POPOLAZIONE ROVINATA È PRONTA PER ESSERE CONDOTTA PER MANO IN UN NUOVO ORDINE MONDIALE

 

Messaggistica televisiva in tempo di guerra: per l’amore dell’unità 

di Jon Rappoport 

Nell’episodio odierno della finzione COVID sulla segale e sull’apocalisse, iniziamo con una serie di citazioni di Edward Bernays (1891-1995), il padre riconosciuto delle pubbliche relazioni moderne, noto anche come propaganda. Includo le sue dichiarazioni come sfondo di riscaldamento. 

“Questa è un’era di produzione di massa. Nella produzione di massa di materiali è stata sviluppata un’ampia tecnica applicata alla loro distribuzione. Anche in questa epoca deve esserci una tecnica per la distribuzione di massa delle idee. ” (1928)  

“L’ingegneria del consenso è l’essenza stessa del processo democratico, la libertà di persuadere e suggerire”. (1947)  

“A volte è possibile cambiare l’atteggiamento di milioni, ma impossibile cambiare l’atteggiamento di un uomo”. (data sconosciuta)  

“Quando sono tornato negli Stati Uniti, ho deciso che se tu potessi usare la propaganda per la guerra, potresti certamente usarla per la pace. E ‘propaganda’ deve essere una parolaccia a causa dei tedeschi che la usano, quindi quello che ho fatto è stato cercare di trovare qualche altra parola. Quindi abbiamo trovato le parole “consulente in pubbliche relazioni”. “(data sconosciuta)  

“Quando Napoleone disse: ‘Circostanza? Faccio la circostanza’, ha espresso quasi lo spirito del lavoro del consulente di pubbliche relazioni.” (1923)  

“Oggi il dominio non è un prodotto di eserciti o marine o ricchezza o politiche. È una dominazione basata da un lato sull’unità compiuta e dall’altro sul fatto che l’opposizione è generalmente caratterizzata da un alto grado di disunione. ” (1923)  

“Il consulente di pubbliche relazioni, quindi, è un creatore di notizie per qualunque mezzo scelga di trasmettere idee. È suo dovere creare notizie, indipendentemente dal mezzo che trasmette queste notizie. ” (1923)  

“L’unica differenza tra” propaganda “e” educazione “è davvero dal punto di vista. La difesa di ciò in cui crediamo è l’educazione. La difesa di ciò in cui non crediamo è la propaganda.” (1923)  

“La manipolazione consapevole e intelligente delle abitudini organizzate e delle opinioni delle masse è un elemento importante nella società democratica. Coloro che manipolano questo meccanismo invisibile della società costituiscono un governo invisibile che è il vero potere dominante del nostro paese. Siamo governati, le nostre menti sono modellate, i nostri gusti formati, le nostre idee suggerite, in gran parte da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare. Questo è un risultato logico del modo in cui è organizzata la nostra società democratica. Vasto numero di esseri umani deve cooperare in questo modo se vogliono vivere insieme come una società che funziona senza problemi.” (1928) 

“La propaganda è il braccio esecutivo del governo invisibile”. (1928)  

“Se riesci a influenzare i leader, con o senza la loro cooperazione cosciente, influenzerai automaticamente il gruppo che essi influenzano. Ma gli uomini non hanno bisogno di essere effettivamente riuniti insieme in una riunione pubblica o in una rivolta di strada, per essere soggetti alle influenze della psicologia di massa. Poiché l’uomo è per natura socievole, si sente membro di una mandria, anche quando è solo nella sua stanza con le tende tirate. La sua mente conserva gli schemi che sono stati impressi su di essa dalle influenze del gruppo.” (1928)  

I direttori delle notizie, i talk show, i direttori sportivi, gli inserzionisti, i burocrati, i politici, i gruppi della salute pubblica e le celebrità stanno assicurando agli spettatori televisivi, senza vergogna: siamo tutti insieme. Ancora ed ancora. Notte e giorno. Su ogni canale  

Questa era la strategia durante le guerre più vecchie. Non c’è tempo per il disaccordo o il dissenso; ci deve essere una risposta e uno sforzo unificati; altrimenti, potremmo perdere.  

Siamo tutti insieme. Significa: metterci in fila.  

Se è condivisione, cura e amore, è amore robotico.  

Gli inserzionisti, nonostante i loro studi e la loro raffinatezza e la loro profilazione da parete a parete dei consumatori, credono ancora nel primo principio di propaganda: la ripetizione.  

Ottieni il nome del tuo prodotto e della tua azienda e non fermarti. Fallo mille volte, un milione di volte. Finché hai soldi per pagare per le pubblicità, fallo.  

Guarda le pubblicità delle compagnie assicurative. Progressive, State Farm, Liberty, Geico. Le vignette su cui poggiano sono davvero l’occasione per incollare il nome della loro azienda sullo schermo. Rendi queste storie di 30 secondi amichevoli, divertenti e pazze, ma il colpo di denaro è il nome dell’azienda.  

Gli annunci e i messaggi Pandemic seguono la stessa regola. In questo caso, è INSIEME. UNITÀ. Picchiato ancora e ancora.  

Perché? Se la cooperazione, l’amore e la solidarietà sono impulsi umani fondamentali, perché è necessario ricordare alle persone che 24 ore al giorno, in televisione?  

Un marito che ama sua moglie ha bisogno di vedere la sua faccia e quella di sua moglie su uno schermo, su ogni canale, senza lasciar perdere, insieme a un messaggio che lo spinge ad adorarla?  

D’altra parte, una persona che è stata espulsa da un lavoro, che non riesce a trovare lavoro, che vede i suoi assegni governativi svanire a zero … ha bisogno di pacificazione. È una vendita difficile. Quel lavoro di vendita richiede molte ripetizioni …  

… Al fine di produrre in lui VERGOGNA, se si sente ingannato, esiliato e fregato. 

La ripetizione di unione e falso amore lo informa che la cittadinanza collettiva non è dalla sua parte. Gli dice che la sua giusta rabbia non ha posto nel messaggio implacabilmente ottimista di “unità”. Lo fa sentire isolato.  

Ora ci stiamo avvicinando. Non lasciare che le persone economicamente devastate credano di potersi trovare. Chiudili. Riempili di pubblicità di servizio pubblico televisivo che dipingono un’immagine “edificante” da cui sono esclusi.  

Possono essere devastati, ma la televisione dice loro che non fanno parte della squadra se danno priorità alle proprie preoccupazioni. Se lo fanno, sono non-persone.  

Dopo tutto, quando si siedono a casa a guardare la TV, vedono un video ritagliato di un altro disoccupato seduto in una stanza buia che dice: “QUESTO È PAZZO. VOGLIO LAVORARE. HO BISOGNO DI CIBO. IL MIO BOSS HA CHIUSO LA SUA AZIENDA. HE’S BANKRUPT. CHE DIAVOLO STA SUCCEDENDO?”

Viene offerto quel tipo di unità? Solidarieta?  

“Ciao. Sono un cornerback della NFL. Ne ho guadagnati trenta milioni durante la mia carriera. Eccomi a casa con i miei figli. Stiamo giocando sul pavimento. Mi sto godendo la mia famiglia. Lo supereremo. Tutti noi. Rimanga sicuro. Usa il tempo per avvicinare la tua famiglia”.  

Le principali agenzie di stampa hanno ricevuto severi ordini di tenere “inquietanti storie di interesse umano” fuori dalla prima pagina e lontano dalle loro trasmissioni. Anche questo fa parte dello sforzo bellico.  

Dovrebbe essere, dal momento che la devastazione economica è in realtà questa falsa pandemia. Nessuno nel mainstream lascerà quel gatto fuori dalla borsa. Sarebbe più che un errore. Sarebbe una confessione. Sarebbe un suicidio.  

Che ne dici di questi titoli? I re del vaccino vogliono ammorbidire le popolazioni per un ago nel braccio. UNA POPOLAZIONE ROVINATA È PRONTA PER ESSERE CONDOTTA PER MANO IN UN NUOVO ORDINE MONDIALE.  

I propagandisti sanno che un pugno di paura di uno-due e poi la sicurezza funziona. Spaventali con il virus, confortali insieme. 

Tuttavia, è una vendita difficile. Ha le gambe per un pò, ma poi gli indigeni diventano irrequieti, specialmente nell’entroterra. Le persone che non sono bloccate insieme nelle grandi città, che vivono in spazi aperti, tendono a sviluppare l’immunità alle menzogne. Le prostitute stampa coiffatte in televisione che distribuiscono le cosiddette notizie portano meno pugni. Gli agricoltori sanno se non riescono a piantare i loro raccolti in tempo, con i lavoratori fianco a fianco, andranno in rovina.  

In generale, le persone che non vedono altre persone che sono malate e non sentono le sirene delle ambulanze, iniziano a chiedersi cosa sta succedendo.  

Le proteste iniziano. Le proteste si espandono.  

La finta notte dell’obbedienza si trasforma nel vero giorno della ribellione.  

Si scopre che una storia su un virus invisibile non è la stessa di una linea di carri armati nemici che si avvicina. Tutte le guerre promosse non sono uguali.  

Fauci lo sa. Birx lo sa. Bill Gates lo sa. Sindaci e governatori lo sanno. Il CDC e l’OMS lo sanno. A loro non importa se sopravvivi, ma sanno che ti importa. Quindi, per loro, è una corsa contro il tempo. Per quanto tempo possono tenere il coperchio? Per quanto tempo possono funzionare i loro messaggi assurdi?  

La magia del palcoscenico è un gioco strano. L’esecutore deve eseguire i suoi trucchi rapidamente, quindi le persone non hanno il lusso di sedersi e pensare a come li sta prendendo in giro. Tuttavia, i maghi della salute pubblica, i maghi politici e i maghi delle notizie sono coinvolti: sono fondamentalmente dei pony a un trucco. Virus, virus, virus = insieme, insieme, insieme.

Sembra buono, ma si consuma. Si sta esaurendo ora.  

Chiuderò questo pezzo con alcune altre gemme di Edward Bernays, per esortarti a tenere d’occhio la palla. La vera palla.  

“Se comprendiamo il meccanismo e i motivi della mente di gruppo, è ora possibile controllare e governare le masse secondo la nostra volontà senza che loro lo sappiano?” (1928)  

“Una singola fabbrica, potenzialmente in grado di fornire un intero continente con il suo particolare prodotto, non può permettersi di aspettare fino a quando il pubblico chiede il suo prodotto; deve mantenere un contatto costante, attraverso la pubblicità e la propaganda, con il vasto pubblico al fine di assicurarsi la domanda continua che da sola renderà redditizia la sua costosa pianta. Ciò comporta un sistema di distribuzione molto più complesso rispetto al passato.” (1928)  

“Nessun sociologo serio crede più che la voce del popolo esprima un’idea divina o particolarmente saggia e alta. La voce del popolo esprime la mente del popolo e quella mente è compensata dai leader del gruppo in cui crede e da quelle persone che comprendono la manipolazione dell’opinione pubblica. È composto da pregiudizi ereditati e simboli e cliché e formule verbali fornite loro dai leader. ” (1928)  

“La propaganda non è di alcuna utilità per il politico se non ha qualcosa da dire che il pubblico, consapevolmente o inconsciamente, vuole ascoltare.” (1928)  

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/ 

®wld 

Almanacco di maggio 2020

IL PIANO ROCKEFELLER PER IL CONTROLLO DELLA SOCIETÀ – Manlio Dinucci #Byoblu24

***************************************

 

La maggior parte della mente non sa distinguere la realtà dalla finzione

Postato da Jim Davies il 19 maggio 2020

le storie, compresa la finzione, agiscono come una specie di vita surrogata. Si può imparare da loro in modo senza soluzione di continuità che si potrebbe credere si sapeva qualcosa, su Grecia antica, per esempio, prima di aver raccolte dal romanzo di Mary Renault Le ultime gocce di vino . Potrai anche conservare informazioni false, anche se non dire a. Sembra una responsabilità: i filosofi si sono da tempo preoccupati di quello che chiamano “il paradosso della finzione”: perché troveremmo storie immaginarie che suscitassero emotivamente? La risposta è che la maggior parte della nostra mente non si rende nemmeno conto che la finzione è finzione, quindi reagiamo ad essa quasi come se fosse reale.

Allo stesso tempo, i bambini molto piccoli “possono affrontare razionalmente gli aspetti inventati delle storie”, distinguendo il reale, il possibile e il fantastico con raffinatezza, come ha scritto Denis Dutton in The Art Instinct . “La struttura artistica delle storie non solo parla alle fonti darwiniane: anche l’intenso piacere preso nei loro temi universali di amore, morte, avventura, conflitto familiare, giustizia e superamento delle avversità.” Questo può aiutare a spiegare perché, quando le storie sono fatte bene, le adoriamo così tanto. Proprio come i dolcificanti artificiali ingannano le nostre menti nel pensare che stiamo mangiando zucchero, le storie – anche quelle strane come Alice nel Paese delle Meraviglie – sfruttano la nostra naturale tendenza a voler conoscere le persone reali e come trattarle. Continua QUI in lingua inglese

***************************************

 

L’OMS ammette inavvertitamente che le vaccinazioni non funzioneranno contro il coronavirus

Nel tentativo di mantenere la pandemia in atto il più a lungo possibile, sembrerebbe che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) insista sul fatto che lo sviluppo dell’immunità naturale al coronavirus di Wuhan (COVID-19) potrebbe non essere possibile, e che l’unica speranza della società è un vaccino. Ma se l’immunità naturale è fuori discussione, allora perché l’immunità indotta dal vaccino sarebbe migliore? 

Con circa 310.000 decessi confermati in tutto il mondo, la pandemia di coronavirus di Wuhan (COVID-19) continua a dominare i titoli delle notizie, soprattutto ora che l’amministrazione Trump sta facendo girare la palla sviluppandosi e rilasciando un vaccino accelerato. Ma nessuno sembra affrontare il fatto che se i nostri sistemi immunitari naturali non possono combattere la cosa, allora non c’è modo in cui un vaccino possa fare altro che causare inutilmente effetti negativi. Continua QUI in lingua inglese 

***************************************

 

 

Alluminio, fluoruro, glifosato ed EMF: l’intruglio deliberato per spegnerti

Alluminio, fluoruro, glifosato ed EMF agiscono insieme per spegnere la ghiandola pineale. Casuale coincidenza o un intruglio deliberato? Scopri le soluzioni per fermarlo.

mescolanza deliberata

di 4 elementi separati che lavorano sinergicamente insieme per spegnere la ghiandola pineale , sembra, a meno che non abbonati a coincidenze selvagge. Il Dr. Dietrich Klinghardt è un rinomato medico naturale con decenni di esperienza in nutrizione, salute e argomenti correlati. Nel video qui sotto, rivela come il veleno nell’aria, il veleno nell’acqua e il veleno nel cibo si combinano per produrre un effetto acuto e dannoso sulla ghiandola pineale al centro del nostro cervello – danno che viene poi amplificato ed esacerbato dal Radiazione wireless EMF (campo elettromagnetico).

 

La ghiandola pineale è la “sede dell’anima” come la chiamava Cartesio, il ricevitore per i più alti campi di energia e la ghiandola che controlla i nostri sistemi immunitari ed endocrini. Klinghardt è sicuramente un genio per scoprire questa miscela deliberata e il meccanismo con cui funziona. Tuttavia, l’esistenza di un tale meccanismo può giustamente portare a disagio nelle persone.

 

Perché i 4 elementi di questa miscela sono così diffusi nella società? Esiste una forza geniale malvagia che ha capito come funzionava questo meccanismo e ha introdotto deliberatamente questi elementi in massa nella società, conoscendo l’eventuale effetto che avrebbe sul cervello delle persone?

 

 

I 4 elementi che lavorano insieme per danneggiarti  
 
Il veleno nell’aria è l’alluminio delle scie chimiche o della geoingegneria. L’alluminio (alluminio in Inghilterra, Australia, ecc.) È presente anche in molti prodotti come il deodorante e gli imballaggi alimentari … e i vaccini, dove agisce come adiuvante per aumentare la risposta immunitaria del corpo. Questo studio ha posto specificamente la domanda “Coadiuvanti del vaccino in alluminio: sono sicuri? ” E ho scoperto che non lo erano. Altri studi hanno implicato l’alluminio nello sviluppo di funzioni congestive compromesse, neurotossicità, Alzheimer e autismo.

 

Il veleno nell’acqua è fluoruro . Come ho trattato in questo precedente articolo Fluoro, Fluoro, Ovunque: Fonti e rimedi per questa tossina ubiquitaria, il fluoro è un vero perno della distruzione e presente anche in pesticidi, antiobiotici, tè, prodotti dentali, veleno per topi e molto altro. È un disgregatore alogeno, che si lega ai siti dei recettori del corpo che necessitano di iodio. Il fluoro è implicato in artrite, diabete, disturbi endocrini, effetti gastrointestinali, ipersensibilità, malattie renali, fertilità maschile, fluorosi scheletrica, patologia tiroidea, danni alla struttura ossea e al cervello e alle 2 principali cause di morte negli Stati Uniti: malattie cardiovascolari e cancro. 

 

Il veleno nel cibo è il glifosato, presente in molti pesticidi come il RoundUp di Bayer/Monsanto spruzzato liberamente su colture OGM. Nel mio precedente articolo Houston, abbiamo un problema con glifosate, ho messo in evidenza come il glifosato è orribilmente diffuso, presentandosi nel sangue, nelle urine e nel latte materno ovunque, anche in quelle persone che mangiano alimenti biologici al 100%.

 

La “sostanza chimica più distruttiva nel nostro ambiente”, come è stata definita, agisce interferendo con il percorso shikimate, una funzione metabolica nelle piante che consente loro di creare aminoacidi o proteine ​​essenziali. Il glifosato esaurisce i micronutrienti (come calcio, zinco, magnesio, zolfo e cobalto, solo per citarne alcuni) che sono essenziali per la salute degli organismi vegetali e animali.

 

Uccide i batteri sani nel nostro microbioma nell’intestino, che sono responsabili della nostra salute, immunità e del nostro “secondo cervello”. In particolare, il glifosato imita 1 dei 22 aminoacidi, la glicina. Fingendo di essere la glicina, il glifosato ripiega male le proteine, le fa comportare in modo innaturale e porta a effetti gravemente negativi. 

 

Finora tutto ciò è negativo: ma ecco il kicker. L’effetto deleterio di questi 3 elementi materiali viene esacerbato quando vengono introdotti i campi elettromagnetici (frequenze elettromagnetiche), in particolare il wi-fi, che di solito è compreso tra 2-5 GHz. L’EMF in realtà apre qualcosa nel nostro cervello, permettendo alla miscela di attraversare la barriera emato-encefalica e disattivare la ghiandola pineale. 

 

Errori stupidi a cascata? O un preparato intenzionale? 

 

Quindi è una coincidenza? Possibilità casuale? Errori stupidi a cascata? Persino gli umani? O una mentalità non umana, diabolica che ha orchestrato questo? Ecco cosa dice Klinghardt nel video (incorporato sopra):

“Rudolf Steiner, il mistico austriaco … il fondatore delle scuole Waldorf e dell’agricoltura biodinamica e una specie di medicina alternativa … ha predetto che … ci sarà un movimento guidato da grandi compattazioni per allontanare l’anima dalle persone, per disconnettere le persone dal mondo superiore.

E, per farlo, devono distruggere la ghiandola pineale nelle persone. Ho seguito la ricerca su questo, e sorprendentemente … la ghiandola pineale è la parte più sensibile del nostro sistema nervoso centrale ed è altamente altamente sensibile a 4 cose: alluminio, glifosato, fluoro e wi-fi. E noi (USA) siamo l’unico paese al mondo che ha spinto queste 4 cose negli ultimi 60 anni circa su tutti quelli che sono cresciuti qui …”

“Le persone hanno ghiandole pineale fortemente calcificate. Mostro l’anatomia in alcuni dei miei corsi. È molto chiaro che la ghiandola pineale è un ricevitore per campi di energia più elevati e li traduce in pensiero e nel controllo del nostro sistema immunitario, del nostro sistema endocrino … aquindi, è sorprendente che l’industria delle telecomunicazioni abbia selezionato le frequenze dall’enorme spettro di frequenze che sono assolutamente distruttive per le nostre cellule, e specialmente per la ghiandola pineale.

Non avrebbero potuto fare scelte migliori di 2,4 GHz … il punto finale quando si inala l’alluminio come facciamo dal programma di geoingegneria e si ha il glifosato nella catena alimentare … il glifosato e l’alluminio si combinano nel sangue, nell’intestino e in il flusso sanguigno per formare 6 diversi composti chimici in cui alluminio e glifosato sono collegati insieme, e il punto finale di quel composto è la ghiandola pineale … ciò che è necessario affinché questo composto entri effettivamente nel cervello è aprire la barriera emato-encefalica, e le frequenze attuali nel mondo Wi-Fi lo stanno facendo esattamente. ” 

Il fatto che una combinazione così letale, una tempesta così perfetta – alluminio, glifosato, fluoro e wi-fi – esistano intorno a noi in forme facilmente combinabili è già abbastanza sconcertante. Ma è solo una coincidenza che questi 4 elementi si siano riuniti, o è un intruglio deliberato? E se si tratta di un intruglio deliberato, che tipo di genio malvagio o forza oscura lo ha capito e fatto accadere? Klinghardt di nuovo:

“Deve esserci stato un gruppo di scienziati ultra intelligenti che hanno progettato questo protocollo per fluorurare l’acqua potabile, mettere in alluminio nanonizzato nell’aria, mettere il glifosato nel cibo e quindi attivarlo, accendendolo con le giuste frequenze.

Quasi – ci sono voluti 20 anni per capire la tempesta perfetta che ha creato – ed è una coincidenza, il che è possibile (che abbastanza persone stupide hanno fatto le scelte sbagliate nel corso degli anni [Spero ancora che … sia parzialmente vero]), oppure è orchestrato da un gruppo molto intelligente di menti distruttive, o, anche quello che credo sia molto possibile, che ci siano alcuni campi superiori di coscienza che possono essere entrambi sintonizzati sulla luce (azione affermativa della vita) e possono essere assolutamente distruttivo … i fenomeni Adolf Hitler e altri, le persone che subiscono l’influenza di qualcosa di assolutamente oscuro e distruttivo … e credo che sia possibile che un numero sufficiente di scienziati e politici siano stati influenzati da quei campi superiori e agiscano di conseguenza, senza sapere a livello umano perché stanno facendo quello che stanno facendo.”

The Dark Force e Demonic Possession

Quindi prosegue affermando che il 5G è un buon esempio di politici che agiscono sotto l’influenza di una forza distruttiva senza rendersi conto del perché lo stiano facendo. Il 5G è abbastanza malevolo nei router e negli alberi telefonici a terra, ma lo irradia dall’alto verso il basso su tutte le piante, animali e persone sottostanti, soffocando tutti noi con specifiche frequenze EM tossiche (che possono ridurre la disponibilità di ossigeno e molte altre cose) quindi non c’è via di fuga? Quale forza oscura sta spingendo una tale follia? 

 

Klinghardt ha 3 risposte su come è successo, ma la sua ultima teoria – che le persone agiscono sotto l’incantesimo di un’oscura forza distruttiva e non sanno nemmeno come o perché – è una descrizione perfetta e agghiacciante del modo in cui opera il Nuovo Ordine Mondiale. È possesso demoniaco. Se si ricerca la cospirazione in tutto il mondo abbastanza a lungo, e si fa viaggi profondi in abbastanza buche di coniglio, si inizia a rendersi conto che ci sono poche coincidenze e che le cose sono molto meglio spiegate dalla cospirazione, non coincidenza.

 

La coincidenza è spesso la scusa dell’uomo pigro per spiegare l’inspiegabile. Interessante il modo in cui il termine teorico della cospirazione è stato armato ma, in un mondo sano, essere descritto come un teorico di coincidenza sarebbe davvero più un insulto perché mostrerebbe ignoranza e pigrizia intellettuale. 

 

Suggerirei, per quanto difficile possa essere accettare per alcuni, che questa deliberata mescolanza non sia il risultato di una coincidenza, una serie di scelte stupide casuali o semplicemente un gruppo di scienziati del “genio malvagio”. Lo vedo come un segno rivelatore dell’influenza della forza oscura e non umana che si trova in cima alla piramide NWO e dirotta le menti di coloro che serve, che obbedientemente e spesso inconsapevolmente fanno le sue offerte. Per ulteriori informazioni sulla natura di questa forza non umana, dai un’occhiata alla mia breve serie di 2 articoli intitolata Cosa rivelano mistici e profeti sulle entità iper-dimensionali. 

 

Prove corroboranti sul glifosato della dott.ssa Stephanie Seneff 

 

In questa intervista con l’attivista Derrick Broze, la dott.ssa Stephanie Seneff rivela come ha studiato il glifosato e i suoi effetti per decenni. Considera il glifosato la sostanza chimica più tossica in tutto il mondo. Seneff discute la connessione COVID del glifosato.

 

Rivela come New York, lo stato più colpito negli Stati Uniti per COVID, sia un luogo che utilizza molto biodiesel, a sua volta a base di etanolo a base di mais OGM (per questo motivo, il biodiesel può effettivamente causare più danni del normale diesel). Indovina un po? Gli hotspot COVID di NY sono correlati alle aree in cui il biodiesel viene bruciato.

 

Un altro fattore è che il glicerolo, usato nelle sigarette elettroniche e nello svapo, è prodotto dalla biomassa rimanente utilizzata per produrre biodiesel e quindi ha anche glifosato. New York ha visto molti casi di asfissia attribuiti a COVID – è davvero glifosato? 

 

Seneff riassume la connessione COVID del glifosato come segue: 

 

1. Se sei stato esposto al glifosato, indebolisce il tuo sistema immunitario, rendendoti così più suscettibile alle malattie; 

 

2. È stato dimostrato che il glifosato causa danni ai polmoni e COVID è una malattia respiratoria; e 

 

3. I sintomi della malattia da svapo sono equivalenti ai sintomi di COVID.

Inoltre, il glifosato rovina anche la bellissima trippa elica di collagene e la sua capacità di curare il corpo. Il collagene rilascia importanti macrofagi che distruggono i virus e svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario. 

 

Soluzioni per l’intruglio deliberato 

 

Quindi quali sono le soluzioni qui? Fortunatamente ci sono alcune opzioni per ottenere queste cose dal tuo corpo: 

 

Alluminio: evitare i vaccini, tutti i prodotti personali con alluminio e tutti gli alimenti con imballaggi in alluminio o alluminio. Il dottor Chris Exley ha fatto grandi ricerche sull’alluminio. Raccomanda una specie di acqua di silice dalla Malesia ( Acilis ) che può legarsi con l’alluminio e rimuoverlo in modo sicuro dal tuo corpo. 

 

Fluoro: evitare cibi carichi di pesticidi, acqua fluorurata, tè non biologico e antibiotici. Utilizzare la distillazione dell’acqua come metodo migliore per eliminare il fluoruro dall’acqua (se si devono bere forniture municipali). Lo iodio è un nutriente assolutamente essenziale nel corpo umano, la cui importanza non può essere sopravvalutata.

 

Assicurandoti di aumentare la quantità di iodio, il tuo corpo sarà meno suscettibile all’assorbimento del fluoro. La melotonina e il boro possono aiutare a rimuovere il fluoruro. Paul Fassa ha suggerito di usare la lecitina (in aggiunta allo iodio) per l’escrezione dei fluoruri, nonché il tamarindo, le saune secche e la pulizia del fegato.

 

Ha anche suggerito che le persone adottano misure per alleviare la tossicità da fluoro e i sintomi della neuropatia aumentando il loro sistema immunitario e nervoso. Questo può essere fatto aumentando l’assunzione di omega-3 (ad es. Usando semi di lino, canapa o chia), aumentando l’assunzione di ALA (acido alfa lipoico) per contrastare la neuropatia, aumentando l’assunzione complessa di vitamina B (incluso B12, ma solo il tipo di metilcobalamina) e aumentando il CoQ10, specialmente come ubichinolo.

 

Inoltre, il cloruro di magnesio e il citrato di magnesio sono utili per aiutare quasi ogni trattamento. Infine, poiché la neuropatia è un’infiammazione del tessuto nervoso, anche il consumo e la cottura adeguati con curcuma o curcumina possono essere molto utili. Le prove suggeriscono che la curcuma può ridurre gli effetti dell’avvelenamento da fluoro. 

 

Glifosato: una società chiamata Purium afferma che il suo prodotto Biome Medic può rimuovere in sicurezza il glifosato dal corpo. Klinghardt raccomanda Matrix Minerals. 

 

Wi-Fi: spegnilo! Collega casa e ufficio in modo da non doverlo mai usare all’interno. Utilizzare vernici e tende con blocco EMF. Klinghardt raccomanda i prodotti scientifici Ki Ki Wave ed E-Shield. 

 

Considerazioni finali sul preparato intenzionale 

 

A volte, la semplice scala del male può essere difficile da ingoiare, capire e integrare. Tuttavia, il punto di forza a cui tornare è che ci sono sempre modi per rivendicare la tua sovranità, che si tratti di sovranità sanitaria o di altre forme. Questo assalto all’umanità sta accadendo proprio perché siamo potenti e abbiamo molta ambita creatività ed energia che le forze oscure stanno cercando di dirottare e rubare. Questo sta accadendo per costringerci ad entrare in pieno potere per respingere questi attacchi. A volte, nulla può costringerti a raggiungere il tuo potenziale a corto di un avversario che minaccia tutto ciò che ti sta a cuore – o la tua stessa vita. 

 

***** 

 

Makia Freeman è la redazione di media alternativi / sito di notizie indipendenti  The Freedom Articles  e ricercatrice senior presso  ToolsForFreedom.com. Makia è su  Steemit  e  FB.  

fonti:  

* Https: //www.youtube.com/watch? V = zR6OiKNnp2M

* Http: //www.klinghardtacademy.com/

* Https: //thefreedomarticles.com/pineal-gland-activation-reclaim-your-superpowers/

* Https: //thefreedomarticles.com/toxic-vaccine-adjuvants-the-top-10/

* Http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21568886

* Http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24973993

* Http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25243176

* Http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23380995

* Http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23609067

* Https: //thefreedomarticles.com/fluoride-fluoride-everywhere/

* Https: //thefreedomarticles.com/glyphosate-problem-carcinogen/

* Https: //thefreedomarticles.com/micronutrients-the-key-to-vibrant-health/

* Https: //thefreedomarticles.com/bacterial-human-cell-ratio/

* Https: //thefreedomarticles.com/hyper-dimensional-entities-part-1/

* Https: //thefreedomarticles.com/hyper-dimensional-entities-part-2/

* Https: //www.bitchute.com/video/JStbnEOiBUuf/

* Https: //thefreedomarticles.com/nascent-iodine-key-mineral-health/

* Http: //www.naturalnews.com/026605_fluoride_fluorides_detox.html

* Http: //naturalsociety.com/turmeric-can-save-brain-fluoride-poisoning/

* Http: //naturalsociety.com/dangers-fluoride-based-antibiotics-avoid-natural-solutions/#ixzz3CIJGjRS9 

Fonte: https://thefreedomarticles.com/

 

®wld

Oggi non ci sono dirigenti politici occidentali che vedono oltre il proprio naso

JPEG - 20.7 Kb

La trasformazione delle società per il COVID-19 annuncia la militarizzazione dell’Europa

Riportiamo un dibattito con un gruppo di studenti, ove Thierry Meyssan spiega come le risposte politiche al COVID-19 non abbiano scopo sanitario. Un gruppo transnazionale, in parte individuabile, cerca di approfittarsi dell’epidemia per imporre una trasformazione profonda alle società europee, come già utilizzò gli attentati dell’11 settembre 2001 per trasformare gli Stati Uniti. Siamo ancora in tempo per opporci alla gerarchizzazione del mondo futuro.

 

Domanda: Secondo lei, chi ha fabbricato il COVID-19?

Thierry Meyssan: La mia analisi è esclusivamente politica. Non mi pronuncio su questioni mediche, soltanto sulle decisioni politiche.

Generalmente un’epidemia è un fenomeno naturale, ma può essere anche un atto di guerra. Il governo cinese ha pubblicamente chiesto agli Stati Uniti di far luce sull’incidente del laboratorio militare di Fort Detrick; il governo statunitense ha a sua volta chiesto altrettanta trasparenza per il laboratorio di Wuhan. Entrambi gli Stati hanno ovviamente rifiutato di aprire i propri laboratori. Non si tratta di cattiva volontà, ma di necessità militare. Non ci resta che prenderne atto.

La questione è del resto irrilevante perché, con il passare dei giorni, entrambe le ipotesi sono apparse infondate: né gli USA né la Cina controllano il virus. Quindi da un punto di vista militare il COVID-19 non è un’arma, bensì un flagello.

Quindi lei non esclude che il virus possa essere accidentalmente uscito da uno di questi laboratori?

È un’ipotesi, che però non porta da alcuna parte. Dobbiamo escludere la possibilità di un sabotaggio perché non giova ad alcuno. Potrebbe essersi trattato di un incidente, ma in tal caso la responsabilità sarebbe individuale e non avrebbe senso farla ricadere su uno Stato.

Qual è il suo giudizio sulle reazioni politiche all’epidemia?

Il ruolo dei dirigenti politici è proteggere la popolazione. Per questo motivo, in tempi normali, devono preparare il Paese ad affrontare le crisi che potrebbero sopraggiungere. Ebbene, l’Occidente si è trasformato in modo tale da perdere di vista questa vocazione: gli elettori esigono che gli Stati costino il meno possibile e che i politici li gestiscano come grandi imprese. Di conseguenza, oggi non ci sono dirigenti politici occidentali che vedono oltre il proprio naso. Uomini quali Vladimir Putin o Xi Jinping sono bollati “dittatori” solo perché hanno una visione strategica del proprio compito; sono considerati esponenti di una scuola di pensiero che gli Occidentali giudicano superata.

Di fronte a una crisi i dirigenti politici devono agire. Gli Occidentali sono invece stati colti alla sprovvista, totalmente impreparati. Furono scelti perché capaci di far sognare un futuro radioso, non per sangue freddo, capacità di adattamento nonché autorevolezza. Molti di loro sono persone che umanamente ben rappresentano i propri elettori, dunque non posseggono alcuna di queste qualità. Prendono le misure più radicali soltanto per timore di essere accusati di non aver fatto abbastanza.

Nell’attuale crisi i nostri politici hanno trovato un esperto, il professor Neil Ferguson dell’Imperial College of London, che li ha convinti che stava arrivando l’Angelo della Morte: 500 mila morti in Francia, ancor più nel Regno Unito, oltre il doppio negli Stati Uniti. Profezie 2.500 volte superiori al tasso di mortalità in Cina. Ferguson è uno statistico avvezzo a preconizzare calamità senza timore di esagerare. Per esempio, predisse che l’influenza aviaria avrebbe ucciso 65 mila britannici, ma ne morirono 457 [1]. Fortunatamente Boris Johnson l’ha estromesso dal SAGE [comitato di consulenza scientifica per le emergenze], ma il danno è fatto [2].

Sicché, presi dal panico, i politici si sono precipitati a cercare consiglio da un’autorità sanitaria internazionale. Dal momento che l’OMS non considerava, a giusto titolo, quest’epidemia prioritaria rispetto a malattie ben più mortali, si sono rivolti alla CEPI [Coalition for Epidemic Preparedness Innovations], di cui tutti conoscevano il direttore, dottor Richard Hatchett, per averlo incontrato al Forum economico di Davos o alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco. Ciascuno di loro era stato almeno in un’occasione contattato da Hatchett, in questua di finanziamenti per l’industria vaccinale.

Si dà il caso che, quando lavorava alla Casa Bianca, Hatchett sia stato uno dei due autori dell’aspetto sanitario del progetto politico mondiale di Donald Rumsfeld [3]. Nel 2001 Rumsfeld pianificò una divisione geografica dell’economia mondiale: le materie prime sarebbero arrivate dalle zone instabili, i prodotti sarebbero stati trasformati negli Stati stabili (fra cui Russia e Cina), le armi sarebbero state prodotte soltanto negli USA. Conveniva perciò militarizzare la società statunitense e trasferire la maggior parte dei lavoratori in fabbriche di armamenti. Nel 2005 Rumsfeld incaricò il dottor Hatchett di preparare un piano d’isolamento domiciliare obbligatorio per l’intera popolazione, da attivare in caso di attacco bioterroristico, paragonabile a quello all’antrace del 2001, contro il Congresso e i grandi media.

Il dottor Richard Hatchett ha rispolverato il piano e l’ha presentato ai dirigenti occidentali in cerca di consigli. Deve essere ben chiaro che l’isolamento obbligatorio generalizzato non è mai esistito ed è cosa diversa dall’isolamento dei malati. Quello generalizzato non è affatto una misura sanitaria, bensì un mezzo per trasformare le società. La Cina non vi ha fatto ricorso né con l’epidemia H1N1 [4], quello della SARS [5], né con quella COVID-19 [6]. L’isolamento della città di Wuhan a inizio 2020 è stato una misura politica del governo centrale per riprendere il controllo di una provincia mal gestita dal potere locale. Non si è trattato di una misura sanitaria.

Nessuno studio epidemiologico al mondo ha mai preso in considerazione l’isolamento generalizzato obbligatorio, tanto meno l’ha consigliato.

Può darsi, però in Francia siamo isolati non per combattere la malattia, ma per scaglionarla nel tempo, così da non sovraccaricare gli ospedali e non essere costretti a scegliere chi salvare e chi invece lasciar morire.

Nient’affatto. Quest’argomentazione è posteriore alla decisione dell’isolamento. Altro non è che una scusa di cui i politici si sono serviti per mascherare la propria inettitudine gestionale. Sicuramente in due regioni francesi i reparti di rianimazione degli ospedali pubblici si sono rapidamente saturati. Pazienti che avevano bisogno della rianimazione sono stati trasferiti in altre regioni, persino in Germania. Nelle cliniche private c’erano però molti letti disponibili.

È quanto ho detto all’inizio di questa conversazione: i nostri dirigenti politici sono inadeguati a gestire le crisi. Il concetto che hanno di Stato impedisce loro di agire. Sono incapaci di pensare un coordinamento tra settore pubblico e privato, eccezion fatta per alcuni presidenti di regione. Non si tratta in questo caso della tradizionale opposizione fra Stato centrale e regioni. Faccio un esempio: all’inizio dell’epidemia i laboratori privati non avevano mezzi per effettuare test di depistaggio su larga scala, il governo non è stato però in grado di requisire per ragioni di salute pubblica i laboratori del ministero della Ricerca e, soprattutto, dell’Agricoltura. Eppure, ricercatori e veterinari continuavano a offrire la propria disponibilità.

D’accordo per gli ospedali e i test, ma lei ha contestato anche le mascherine.

Sì, ormai da un secolo è dimostrata l’utilità delle mascherine chirurgiche nei blocchi operatori e durante le cure post-operatorie. Sono però situazioni che nulla hanno a che vedere con quanto sta accadendo oggi.

Adesso moltissimi sindacati e accademie raccomandano l’obbligo per tutti della mascherina nei luoghi pubblici. L’uso della mascherina è rassicurante, ma non serve contro il COVID-19. Del resto, in mancanza di mascherine chirurgiche, si arriva persino a indossare un pezzo di tessuto qualsiasi che copre naso e bocca, ma privo delle capacità di filtraggio delle mascherine chirurgiche. Contrariamente a una convinzione diffusa, la contaminazione non avviene attraverso gli schizzi di saliva, bensì attraverso il virus che questi disseminano nell’aria, fino a una distanza di otto metri da chi strilli o starnutisca. Inoltre, per essere contaminati è necessario essere ricettivi al virus, e non tutti lo siamo. Per sviluppare la malattia occorre un sistema immunitario debole.

Siccome non sanno cosa fare, i nostri governanti ricorrono all’isolamento generalizzato e all’obbligo delle mascherine per tutti. Non è dimostrato che queste misure abbiano un impatto sull’epidemia, però tutti lo credono. È l’affossamento della cultura occidentale: un tempo si ragionava pacatamente, oggi portiamo feticci, indossiamo mascherine, sprofondiamo nella magia.

In Francia un bambino è morto di COVID-19.

Quel che è vero in termini individuali è assolutamente falso in termini collettivi. L’età media dei deceduti in Francia è di 84 anni! Questo significa che oltre la metà dei morti aveva oltre 84 anni.

Ma allora se l’isolamento è assurdo e le mascherine servono a nulla, cosa si deve fare?

Non ho detto che l’isolamento è assurdo di per sé. Parlo dell’isolamento come misura obbligatoria e cieca. In tutte le epidemie bisogna isolare le persone malate, ma soltanto queste. Non riconosco legittimità a un potere che istituisce ammende, manda in prigione, persino spara su cittadini che rifiutano di essere messi agli arresti domiciliari a tempo indeterminato.

Non si tutela la salute pubblica con le imposizioni, ma con la fiducia. Nessuno deve essere protetto da sé stesso. Mi sembra indegno impedire a persone anziane di vedere la propria famiglia, qualora lo desiderino. Forse saranno contagiate, forse si ammaleranno e forse moriranno, ma sarà per loro scelta; la vita è un lungo cammino per prepararvisi e i vecchi hanno diritto di scegliere tra vivere con i propri famigliari invece che qualche anno in più.

Le epidemie si affrontano sempre nello stesso modo. Misure igieniche – lavarsi e aerare – e isolamento dei malati, a casa loro o in ospedale per essere curati. Tutto il resto è spettacolo. Occorre tornare alle misure di base, non inventare costrizioni.

Com’è possibile che i nostri dirigenti ci abbiano imposto un progetto fascista USA?

Capisco cosa intendete per fascista, ma in questo caso non è un aggettivo appropriato. Il fascismo è un’ideologia nata in risposta alla crisi del capitalismo del 1929; Rumsfeld ne possiede alcune caratteristiche, ma pensa a partire da un mondo diverso.

Il dottor Hatchett non è mai stato chiamato a rendere conto negli USA del suo progetto totalitario. Donald Rumsfeld neppure. Alla fin fine, nessuno ha mai dovuto rispondere di quanto è accaduto dopo l’11 settembre 2001: abbiamo collettivamente deciso di non far luce sugli attentati. Questo crimine è all’origine di una catena di conseguenze. L’amministrazione Obama ha continuato a mettere fedelmente in atto il progetto Rumsfeld in Libia, Siria e Yemen (dottrina Cebrowski). E poiché l’amministrazione Trump vi si è fermamente opposta, vediamo gli ex collaboratori di Rumsfeld proseguirne l’opera attraverso altre strutture, al di fuori dello Stato federale USA. Che ci piaccia o no, tutto questo continuerà fino a quando non sarà riaperto il dossier dell’11 Settembre.

Scusi se torno indietro, ma se l’isolamento obbligatorio e generalizzato non è che una misura autoritaria senza scopo sanitario, perché è così difficile uscire dall’isolamento?

Non è difficile. Occorre solo riappropriarci della libertà. Il problema è che oggi non si conosce il virus molto meglio di due mesi fa e che siamo impelagati in conoscenze immaginarie.

Le curve epidemiologiche sono pressoché uguali in tutti i Paesi colpiti, quali che siano le misure messe in atto. Soltanto due tipi di Paesi se ne distaccano: quelli che per ignote ragioni non ne sono stati colpiti, per esempio le nazioni della penisola indocinese (Vietnam-Laos-Cambogia-Tailandia), e quelli che, come Taiwan, hanno reagito molto più velocemente degli altri, isolando immediatamente gli ammalati e curandoli. Perciò, in qualsiasi modo si esca dall’isolamento ci sarà sicuramente un numero più o meno grande di persone contaminate, ma questo non dovrebbe influire.

I governi continueranno a imporre l’isolamento obbligatorio fino alla scoperta di un vaccino?

Non sappiamo se un giorno si troverà un vaccino. Da 35 anni se ne sta cercando uno contro l’AIDS. Del resto, è improbabile che l’epidemia COVID-19 duri più a lungo di quella degli altri coronavirus, la SARS o la MERS.

Il vaccino nonché i nuovi farmaci sono sfide economiche ragguardevoli. Alcune industrie farmaceutiche sono pronte a tutto pur d’impedire che i medici curino le persone con farmaci a buon mercato. Ricordatevi che, quand’era alla guida di Gilead Science, Donald Rumsfeld fece chiudere la fabbrica di Al-Shifa, che produceva farmaci contro l’AIDS, senza corrisponderle le royalties: la fece bombardare dal democratico Bill Clinton, affermando che apparteneva ad Al Qaeda, cosa assolutamente falsa. Ed è proprio il dottor Hatchett che oggi dirige la più importante coalizione vaccinale, la CEPI.

Cosa accadrà adesso?

In qualche settimana abbiamo visto lacerazioni notevoli in alcune società. In Francia sono state sospese alcune libertà fondamentali, come quella di tenere riunioni e manifestare. Tredici milioni di lavoratori sono stati messi in disoccupazione parziale. Sono temporaneamente diventati degli assistiti. La scuola riaprirà, ma non sarà obbligatoria: i genitori potranno decidere se mandarvi o no i figli. E così via. Tutto questo non è conseguenza dell’epidemia, ma, come detto, delle modalità di reazione all’epidemia di politici inetti.

L’isolamento generale obbligatorio era stato immaginato dall’équipe di Donald Rumsfeld per trasformare la società USA. Il progetto non è stato applicato negli Stati Uniti, bensì, dopo 15 anni, in Europa. Il trasferimento da un continente all’altro illustra il carattere transnazionale del capitalismo finanziario, di cui Rumsfeld è mero prodotto. Non c’è ragione perché coloro che hanno finanziato l’équipe Rumsfeld ora non portino avanti il loro progetto politico in Europa.

Se ci riusciranno, nei prossimi anni grandissima parte dei lavoratori europei sarà trasferita nell’industria degli armamenti. La NATO – che il presidente Macron riteneva in stato di morte cerebrale – nonché il suo elemento civile, l’Unione Europea – i cui membri nelle ultime settimane si sono sbranati l’un l’altro per rubarsi carichi di mascherine – saranno riorganizzati. NATO e UE continueranno la distruzione sistematica, iniziata nel 2001, di tutte le strutture statali del Medio Oriente Allargato, poi passeranno al Bacino dei Caraibi.

Tuttavia gli uomini di Rumsfeld hanno commesso un errore. Volendo mascherare il progetto del 2006, quando hanno imposto l’isolamento obbligatorio generalizzato hanno dato l’impressione d’ispirarsi al modello cinese. Così la Cina ha soppiantato di fatto gli Stati Uniti come referente intellettuale degli europei. Diventerà perciò un bisogno ossessivo l’impedirle di costruire le vie della seta. La Cina dovrà essere contenuta a ogni costo.

Le epidemie non provocano rivoluzioni, ma le guerre e i disastri economici le fomentano. Per l’incapacità dei governanti, le economie della UE sono oggi rovinate e ci stiamo preparando alla guerra. Stiamo per attraversare un’epoca di transizione, da cui potrà nascere il meglio come il peggio.

L’evoluzione del mondo sarà la risposta alla sparizione delle classi medie che implica la globalizzazione finanziaria – denunciata dai Gilet Gialli – così come la seconda guerra mondiale fu la risposta all’indebolimento degli imperi coloniali e alla crisi del capitalismo dei cartelli del 1929.

La Francia ha già vissuto un dramma simile: nel 1880-81, quando il capitalismo industriale non riusciva a sfruttare gli operai a causa del nascente sindacato. Jules Ferry espulse alcune congregazioni religiose e creò la scuola laica obbligatoria per sottrarre i giovani all’influenza della Chiesa cattolica. Li fece educare da partigiani del militarismo, gli “ussari neri”. Ne fece dei soldati del proprio progetto coloniale. Per 35 anni la Francia ha sottomesso molti popoli stranieri, indi è entrata in rivalità con la potenza emergente dell’epoca, la Germania, precipitando nella prima guerra mondiale.

Assisteremo in Europa ai medesimi dibattiti vissuti vent’anni fa negli Stati Uniti. Dobbiamo assolutamente rifiutarci di venire imbarcati in crimini di tal fatta. Questa sarà la lotta dei prossimi anni, e toccherà a voi combatterla.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) – inserito nell’articolo 13 con carattere d’urgenza

 

 

Col decreto “Rilancio” saremo spiati a norma di legge 

 

Marcello Pamio 

 

Quanti hanno sentito parlare del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)?

 

Eppure dovrebbe interessare tutti visto che si tratta di una cartella che raccoglie i nostri dati sanitari, anche i più sensibili: esami, cartelle cliniche, diagnosi, patologie, farmaci, consenso o diniego alla donazione degli organi, vaccinazioni, ecc.

 

Stiamo parlando di una vera e propria identità digitale di tipo sanitario! 

 

Questa registrazione non è mai partita nonostante ci abbia provato nel 2012 il governo Monti, e in effetti ad oggi risulta attivato solo dal 20% della popolazione. Troppo poco per chi vuole controllare il paese….

 

Ma ecco che la psicopandemia casca a fagiuolo e infatti nel Decreto legge “Rilancio” il FSE è stato rilanciato alla grande. D’altronde in piena emergenza non possiamo mica andare a rompere le balle al Sistema con piccoli dettagli come diritti, libertà e ovviamente privacy. 

 

Tutto è scritto nero su bianco nella bozza del Decreto che deve ancora essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ma lo sarà a breve.

 

Nell’articolo 13 dal titolo: “Misure urgenti in materia di Fascicolo sanitario elettronico” c’è scritto chiaramente che nella cartella digitale saranno inseriti tutti i documenti del sistema sanitario pubblico e anche di quello privato, inoltre “rende disponibile ai FSE i dati relativi al consenso o al diniego alla donazione degli organi e tessuti; le Anagrafi vaccinali regionali rendono disponibili ai FSE i dati relativi alla situazione vaccinale”. 

 

Avete capito? In un unico file personale sarà riportata vita, morte e miracoli di ognuno di noi, dalle patologie, ai farmaci in uso per arrivare alle scelte terapeutiche e/o vaccinali.

 

Tecnicamente tutti questi dati saranno a disposizione solo delle autorità sanitarie e del personale medico per superare l’emergenza. Questo è quello che ci dicono e possiamo crederci oppure no. Ma se venissero usati per altri scopi meno nobili, come per esempio nel caso di una seconda ondata di contagi? O per ficcare il naso dentro ai conti delle famiglie? Ebbene sì, un altro passaggio inquietante del Decreto “Rilancio” è infatti l’art.7 Metodologie predittive dell’evoluzione del fabbisogno di salute della popolazione”. Il governo in pratica conferisce al Ministero della Salute la facoltà di trattare e gestire non solo i dati sanitari di ogni cittadino, ma anche quelli “reddituali riferiti all’interessato e al suo nucleo familiare per lo sviluppo di metodologie predittive dell’evoluzione del fabbisogno di salute della popolazione”. 

 

Quali sarebbero queste metodologie predittive? E soprattutto qual è la ratio di un ministero della salute libero di violare i conti e le tasche delle famiglie? Forse per individuare più velocemente le famiglie “indigenti” o quelle che non accettano i protocolli ortodossi; quelle che intraprendono percorsi terapeutici diversi; o peggio ancora quelle che negano l’utilità delle vaccinazioni?

Magari per sottrarre loro i minori?

 

Fonte: https://disinformazione.it/

 

®wld

I mondi di Mad Max e Resident Evil, stanno diventando una realtà davanti ai nostri occhi.

Gli dei della peste: la geopolitica dell’epidemia e le bolle del nulla 

di: Alexander Dugin 

Crediamo che il vuoto dell’universo sia in equilibrio, cioè l’intero ciclo di possibile entropia è passato … ma cosa succede se si finge di esserlo? 

 

Il coronavirus e il crollo dell’ordine mondiale 

Negli ultimi decenni abbiamo aspettato qualcosa di fatale, qualcosa di irreversibile e decisivo. Forse l’epidemia di coronavirus sarà quell’evento.

È troppo presto per trarre conclusioni esatte, ma alcuni elementi di geopolitica e ideologia potrebbero aver già superato il punto di non ritorno. 

L’epidemia di coronavirus rappresenta la fine della globalizzazione. La società aperta è matura per l’infezione. Chiunque voglia abbattere i confini prepara il territorio per il totale annientamento dell’umanità.

Puoi sorridere, ovviamente, ma le persone in giacca bianca HazMat metteranno fine alle risate inappropriate. Solo la vicinanza può salvarci. La chiusura in tutti i sensi – confini chiusi, economie chiuse, fornitura chiusa di beni e prodotti, quello che Fichte chiamava “stato commerciale chiuso”.

Soros dovrebbe essere linciato e dovrebbe essere costruito un monumento per Fichte. Lezione uno. 

Secondo: il coronavirus trasforma l’ultima pagina del liberalismo. Il liberalismo ha reso più facile la diffusione del virus – in tutti i sensi. L’epidemia richiede la demolizione di tutte le differenze. Il liberalismo è il virus.

Passerà un po’ più di tempo e i liberali saranno equiparati a “lebbrosi”, “maniaci” contagiosi che invitano a ballare e divertirsi nel bel mezzo della pestilenza. Il liberale è il corriere del coronavirus, il suo apologeta. Questo è particolarmente vero se si scopre che è stata creata negli Stati Uniti, la “cittadella del liberalismo”, come arma biologica. Lezione due: il liberalismo uccide. 

Terzo: i criteri per il successo e la prosperità di paesi e società stanno cambiando radicalmente. Nella battaglia contro l’epidemia, né la ricchezza della Cina né il sistema sociale europeo, né l’assenza di un sistema sociale negli Stati Uniti (che ha il più grande potere militare e finanziario del mondo) li salveranno. 

Perfino il regime spirituale e verticale dell’Iran non aiuta. Il coronavirus ha tagliato l’intera punta della civiltà: petrolio, finanza, libero scambio, mercato, dominio totale della Fed … i leader del mondo sono indifesi. Sono emersi criteri completamente diversi: 

– il possesso di un antivirus – la capacità di provare autonomamente la vita per se stessi e i propri cari in condizioni di massima chiusura. 

Soddisfare questi criteri significa rivalutare tutti i valori. Il vaccino si trova nella provincia di coloro che molto probabilmente hanno sviluppato il virus ed è quindi una soluzione inaffidabile. Tuttavia, la chiusura e il passaggio all’autosufficienza sono qualcosa che tutti possono fare, sebbene ciò richieda multipolarità. Piccole fattorie e scambi naturali sopravviveranno al collasso totale di tutto.

Quindi, quali sarebbero i prossimi passi logici dopo una marcia trionfale di coronavirus in tutto il pianeta? Nella migliore delle ipotesi, la comparsa di diverse zone del mondo relativamente chiuse – civiltà, ampi spazi o, nella peggiore delle ipotesi, i mondi di Mad Max e Resident Evil. La serie russa “The Epidemic” sta diventando una realtà davanti ai nostri occhi.

Gli dei della peste 

Sto cominciando a capire perché in alcune società gli dei della peste fossero venerati e adorati. L’arrivo della peste consente un completo rinnovamento delle società.

L’epidemia non ha logica e non risparmia né il nobile né il ricco, né il potente. Distrugge tutti indiscriminatamente e riporta le persone al semplice fatto di essere. Gli dei della peste sono i più giusti. Antonin Artaud ne scrisse paragonando il teatro alla peste.

Lo scopo del teatro, secondo Artaud, è, con tutta la possibile crudeltà, restituire l’uomo al fatto che è, che è qui e ora, un fatto che cerca costantemente e costantemente di dimenticare.

La peste è un fenomeno esistenziale. I Greci chiamarono Apollo Smintheus “il dio del topo” e attribuirono alle sue frecce il potere di portare la peste. È qui che inizia l’Iliade, come tutti sanno. 

Questo è ciò che Apollo farebbe se guardasse all’umanità moderna: banchieri, blogger, rapper, deputati, impiegati, migranti, femministe … questo è tutto.

Bunuel ha un film intitolato “The Exterminating Angel” che parla più o meno di questo. 

Come finisce il mondo 

Si può anche prendere nota degli elementi dell’epidemia che sembrano suggerire che sia stata creata dall’uomo, o consentendo all’Occidente di usare il virus contro i suoi avversari geopolitici (che spiega la Cina e l’Iran, ma non l’Italia e il resto) o persino l’inizio dello sterminio mirato di tutti questi miliardi in più da parte di un piccolo cerchio di umanità con un vaccino che è stato esso stesso prodotto dal “progresso” e dalla “società aperta”.

In questo caso, gli “dei della peste” potrebbero rivelarsi rappresentanti piuttosto specifici dell’élite finanziaria globale, che da tempo riconosce i “limiti della crescita”. Ma anche in questo caso – specialmente se questo non è l’inizio di un genocidio globale a tutti gli effetti, ma solo un test della penna – la conclusione è la stessa: coloro che fingono di essere responsabili delle società umane non sono ciò che sembrano.

Il liberalismo è solo un pretesto per lo sterminio di massa, come lo erano la colonizzazione e la diffusione degli standard della moderna civiltà occidentale.

Le élite globali e i loro burattini locali possono contare sul sopravvivere con un vaccino, ma qualcosa suggerisce che questo potrebbe essere il problema.

Il virus può comportarsi in modo inadeguato e i processi che sono iniziati a livello di civiltà, e persino in singoli eventi spontanei imprevedibili, possono interrompere i loro piani attentamente studiati.

L’intera economia mondiale potrebbe non collassare entro pochi mesi, ma sembra che stia andando esattamente in quella direzione … 

Tutto ciò che la gente moderna considera “sostenibile” e “affidabile” è pura illusione, il coronavirus lo sta dimostrando in modo chiaro e vivido. In effetti, una volta che la logica di ciò che sta accadendo continua a svilupparsi ulteriormente, potremmo vedere come finisce il mondo, almeno il mondo che conosciamo e in cui viviamo. E, allo stesso tempo, inizieranno ad apparire i primi contorni di qualcos’altro. 

Materia a rischio 

È curioso che parallelamente al coronavirus, che è diventato, in un certo senso, oggetto di civiltà, siano scoppiate discussioni nella comunità scientifica sulle “bolle del nulla”, facendo rivivere alcune ipotesi del famoso fisico Edward Witten, uno dei principali teorici dei fenomeni di “superstringhe”. 

Secondo le idee dei fisici moderni, le “bolle del nulla” possono derivare da un “falso vuoto”, cioè un vuoto che non ha raggiunto la stabilità, ma sembra solo averlo raggiunto.

Nel mondo tridimensionale (con 4 misurazioni ordinarie e altre 6, presenti attraverso la compacificazione) tali “bolle del nulla” sono abbastanza probabili. Se si presentano, possono risucchiare le galassie nel nulla e ingoiare l’Universo. Questi vortici generati da vuoti instabili lasciano un’impressione.

E ancora, come nel caso del coronavirus, dicono “non sta succedendo niente di male, tutto è sotto controllo”. I rappresentanti dell’élite scientifica ci rassicurano che la possibilità della comparsa delle “bolle del nulla” è ridicolmente piccola. 

Ma mi sembra che non lo sia. Al contrario, è abbastanza significativo. Il mondo moderno è esattamente una tale “bolla del nulla” che sta crescendo rapidamente, assorbendo significato e dissolvendo l’esistenza: il liberalismo e la globalizzazione sono le sue espressioni più vivide. Il coronavirus è anche una bolla di nulla. 

La natura stessa di questo virus è interessante (anche se odio il concetto di “natura”, non c’è nulla di più insensato). È qualcosa tra un essere vivente – ha DNA o RNA – e un minerale (non ha cellule). Tuttavia, soprattutto, ci ricorda una rete neurale o persino un’intelligenza artificiale. O è lì, o no, vivente o inanimato … questo è esattamente ciò che è il “vuoto di non equilibrio”, che crea queste “bolle del nulla”. 

Crediamo che il vuoto dell’universo sia in equilibrio, cioè l’intero ciclo di possibile entropia sia passato … ma cosa succede se questo sembra solo essere il caso?

Quando senti la storia del mercato di Wuhan e immagini la lotta dei pipistrelli con serpenti velenosi, il loro feroce scambio di contagi e micidiali frecce microscopiche di inesistenza a forma di corona, è impossibile sbarazzarsi dell’immagine di bolle di niente.

La stessa sensazione è causata dal calo dei prezzi del petrolio e dal crollo degli indici azionari. Perfino la guerra – con la sua specificità e il risveglio esistenziale – non ci salva dall’attacco del nulla, poiché la motivazione delle guerre moderne è così profondamente intrecciata in interessi materiali, finanziari e corrotti, avendo perso la sua purezza originale: l’incontro diretto con la morte.

Serve solo come un’altra bolla di nulla, rispettando le sue istruzioni per condurre la materia all’oblio totale.

La peste come evento 

È possibile aspettarsi che, dopo aver affrontato il coronavirus, l’umanità trarrà le conclusioni appropriate, ridurrà la globalizzazione, getterà via le superstizioni liberali, fermerà la migrazione e metterà fine alle oscene invenzioni tecniche che stanno immergendo tutti sempre più in profondità in infiniti labirinti di materia? La risposta è chiaramente no.

Tutti torneranno rapidamente ai loro vecchi modi in un batter d’occhio, prima ancora che i cadaveri vengano seppelliti. Non appena – e se – i mercati prendono vita e il Dow Jones si risveglia, tutto tornerà alla normalità. L’ingenuo è colui che la pensa diversamente. Ma cosa significa? Significa che anche un’epidemia di questa portata si trasformerà in uno sfortunato malinteso.

Nessuno capirà il significato dell’arrivo degli dei della peste, nessuno penserà alle “bolle del nulla” e tutto si ripeterà più volte fino a raggiungere il punto di non ritorno.

Se si presta molta attenzione al passare del tempo, dovrebbe essere chiaro che attualmente stiamo attraversando quel punto. 

 

 

®wld 

La Fragilità della Democrazia può portare alla Dittatura e al Regno del Terrore

 

Dipinto del XIX secolo di Philipp Foltz raffigurante il politico ateniese Pericle che consegna la sua famosa orazione funebre di fronte all’Assemblea. Wikipedia

 

La fragilità della democrazia – Atene e i tremta tiranni

 

by Edward Whelan May 08, 2020 from ClassicalWisdom Website 

 

Atene è tradizionalmente vista come la culla della democrazia … 

 

Tuttavia, come sappiamo, le democrazie sono vulnerabili alle forze antidemocratiche, come il populismo e i movimenti autoritari. Questo è stato anche il caso di Atene.  

 

Per circa otto mesi (404-403 a.C.) la città fu controllata da un’oligarchia filo-spartana nota come i “Trenta tiranni“.

 

Questi autocrati hanno scatenato un’ondata di terrore e Atene è stata intrisa di sangue durante il loro tempo al governo. 

 

La guerra del Peloponneso 

 

Dopo la sconfitta dei persiani, il mondo greco fu dominato dagli spartani, dai loro alleati e ateniesi. 

 

Tuttavia, nel 431 a.C., la seconda guerra del Peloponneso scoppiò tra le due più potenti città-stato. Questo è stato un conflitto lungo e brutale. 

 

Dopo la disastrosa sconfitta ateniese in Sicilia, il governo democratico fu brevemente rovesciato e sostituito da un’oligarchia.

 

Gli ateniesi furono sconfitti nella battaglia navale di Aegospotami (405 a.C.) e ciò garantì effettivamente la vittoria di Sparta nella guerra. L’oligarchia che era stata al potere ad Atene fu screditata e presto rimossa dal governo.

Lysander fuori dalle mura di Atene. Litografia del XIX secolo. 

 
La pace spartana
 
Gli spartani circondarono Atene e chiesero che le sue “lunghe mura” o le sue mura difensive fossero abbattute intorno alla città e al suo porto, il Pireo.
 
Il re Lisandro dettò i termini di pace agli ateniesi che erano quasi totalmente indifesi. Gli spartani non volevano un ritorno della democrazia che disprezzavano.  
 
Sostennero gli ateniesi che erano solidali con Sparta e che credevano nel governo da un’élite. Con il sostegno degli spartani, controllavano la città.  
 
I leader più famosi dei cosiddetti Trenta Tiranni erano Theramenes e Critias ed erano filo-spartani e odiavano la democrazia e i democratici.
 
Hanno immediatamente spogliato i comuni cittadini dei diritti politici e governato con un’assemblea di sostenitori accuratamente selezionata.
 
Dal Pnyx di Atene, una piattaforma tradizionalmente utilizzata dagli oratori, i tiranni annunciarono una serie di misure che ponevano fine alla democrazia in città. Hanno governato con l’aiuto di un presidio spartano e hanno costretto tutti i cittadini a consegnare le loro armi.
 
Solo 3000 sostenitori dei tiranni avevano il diritto di portare le armi.
 

The Pnyx (a destra), si trova di fronte l’Acropoli (a sinistra) 

Regno del terrore 
 
I tiranni oi “sorveglianti”, come piaceva essere conosciuti, temevano i loro concittadini, molti dei quali li consideravano traditori. 
 
Chiunque fosse considerato un democratico o potenzialmente in grado di opporsi al proprio governo è stato giustiziato dopo un processo per spettacolo. Innumerevoli uomini ateniesi innocenti venivano spesso giustiziati per essere stati costretti a bere la cicuta del veleno. 
 
I Trenta Tiranni dovevano anche fornire paghe e cibo alla guarnigione spartana. Questo è stato in un momento in cui Atene era sull’orlo della carestia e ha provocato grandi sofferenze. 
 
Gli oligarchi, per ottenere il sostegno popolare, hanno cercato di coinvolgere i comuni cittadini nei loro crimini. 
 
Ad esempio, a Socrate fu chiesto con altri di portare a morte un innocente. Il filosofo ha coraggiosamente rifiutato e quasi fuggito con la sua vita. 
 
Atene era in bancarotta a causa della guerra e i “Trenta tiranni” avevano bisogno di soldi per rimanere al potere e per soddisfare le richieste spartane. Critia, che era il più crudele di tutti i tiranni, decise di uccidere ricchi ateniesi e residenti stranieri e sequestrare i loro oggetti di valore e proprietà. 
 
Ciò fu resistito da Thermanes, ma Critias lo fece eseguire. Era un uomo molto complesso, un poeta e un uomo colto che è un personaggio nel dialogo platonico che porta il suo nome. 
 
Era anche molto crudele e sembrava godere di spargimenti di sangue.
 

Critia, uno dei trenta tiranni, ordinando l’esecuzione di Theramenes, un membro dell’oligarchia che governò Atene nel 404-403 a.C. Prisma Archivo / Alamy 

 

A questo punto, nessuno era al sicuro ad Atene. Si stima che migliaia di persone siano state uccise e molte altre esiliate e imprigionate durante il dominio degli oligarchi. 

 

Il regno dei Trenta tiranni può essere paragonato al “Regno del terrore” nella Francia rivoluzionaria o alle Purghe di Stalin negli anni ’30. 

 

La fine dei “trenta tiranni” 

 

La brutalità e la corruzione dei tiranni era così grande, che tutta la città arrivò a odiarli e non rimasero quasi sostenitori. 

 

Molti altri stati greci non volevano che Atene fosse controllata da un gruppo filo-spartano e temevano il crescente potere di Sparta. Tebe e altri diedero supporto ai molti esiliati ateniesi e formarono unità militari per rovesciare i tiranni e ripristinare la democrazia. 

 

Nel 404 a.C. l’ex generale Thrasybulus riunì un gruppo di ateniesi e in un attacco a sorpresa afferrò il Pireo, il porto della città. 

 

Quindi fortificò una collina che sovrastava il porto in modo che quando i Trenta Tiranni arrivarono con la loro forza per riprenderlo, furono sconfitti. 

 

Questa è stata una vittoria notevole, soprattutto considerando che i democratici erano più numerosi di cinque a uno.

 

Thrasybulus (? – 389 a.C.), Soldato ateniese e statista.  Un disegno di Mary Evans Picture Library.

 

n questa battaglia, Critia fu ucciso e gli oligarchi furono effettivamente senza leader. 

 

Gli spartani intervennero e inflissero una sconfitta a Thrasybulus, ma a costi elevati. Alla fine hanno negoziato un accordo di pace tra i democratici e i trenta tiranni.

 

Gli oligarchi dovettero lasciare la città e in cambio ottennero il diritto di governare la vicina città di Eleusi. 

 

Nel 403 a.C., Thrasybulus ripristinò la democrazia ad Atene e i tiranni sopravvissuti furono uccisi uno ad uno negli anni seguenti. 

 

Le conseguenze dei trenta tiranni 

 

Alla fine i democratici ottennero il controllo di tutto il territorio ateniese e pose fine all’influenza di Sparta. 

 

La democrazia restaurata fu molto più moderata di quella stabilita da Pericle nel V secolo a.C. La reputazione di Socrate soffrì molto perché, nonostante la sua posizione di principio contro i tiranni, era stato il maestro di molti di loro, incluso Critia. 

 

Molti credono che questo alla fine abbia portato al suo processo ed esecuzione.

 

La morte di Socrate, Jacques-Louis David, 1787. Museo Metropolitano d’Arte, New York 

 

Conclusione 

 

I trenta tiranni mostrano quanto possa essere fragile la democrazia. Qualsiasi crisi può essere sfruttata dalle forze antidemocratiche e questo può portare alla dittatura e al regno del terrore.

 

L’esempio dei tiranni mostra che anche la democrazia è a rischio e non dovrebbe essere data per scontata.

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

La Peste Antonina

L’angelo della morte colpisce una porta durante la peste di Roma. Incisione di Levasseur secondo J. Delaunay.

 

di Kit Kennedy17 Aprile 2020 dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

 

Immaginate, se volete, che è l’anno 165 d.C.

A Roma ci sono due imperatori, Marco Aurelio e Lucio Vero, che governano insieme da quattro anni e la vita di ogni giorno è buona.

I nuovi imperatorie consentono la libertà di parola, sono popolari tra i militari romani e l’impero è stabile.

Cioè, fino a quando i Parti non invadono il Regno di Armenia.

Questo atto di guerra innesca un contrattacco romano, l’esercito romano chein genere fa rappresaglie. Allo stesso tempo, le tribù germaniche lungo i confini settentrionali iniziano le incursioni, quindi le invasioni dei territori settentrionali.

Nel giro di pochi mesi, il potente impero romano fu coinvolto in una guerra di massa su più fronti. È durante questi tempi già difficili che un nuovo nemico avrebbe invaso l’impero.

Fu un assalto molto più mortale e più silenzioso, e uno i cui effetti avrebbero sgomentato le pagine della storia mentre decimava la popolazione.

Roma fu attaccata dalla peste…

Di Thomas Cole Il decorso dell’Impero: Desolazione, 1836 (Per gentile concessione della New York Historical Society / Wikipedia)

È facile immaginare la scena; non è del tutto estraneo a quello che affrontiamo attualmente col Covid-19.

C’erano voci su ciò che stava accadendo in terre lontane, il governo si rivolse alla popolazione, ma prima che molti potessero fare piani e prepararsi, il loro stile di vita era sotto attacco.

La peste, che prende il nome dalla famiglia Antonina che ha dominato per tutta la durata della peste stessa, è apparsa per la prima volta nell’inverno del 165-166 a Seleucia da una fonte sconosciuta.

Rapporti dell’epoca suggeriscono che la peste fu diffusa dalle truppe dell’Impero Romano di ritorno dalle loro campagne nel Vicino Oriente.

Una volta contratta dall’esercito, si diffuse in tutti i territori dell’impero mentre le legioni si muovevano attraverso i villaggi e la campagna.

Dopo quattro anni di pestilenza, nel 169 d.C., Lucio Vero stava tornando a Roma con Marco Aurelio da Aquileia, quando contrasse la malattia. Anche se avrebbe confortato il fatto che suo fratello adottivo fosse al suo fianco, la morte di Lucio fu rapida.

La rapida dipartita dell’imperatore fu etichettata come “intossicazione alimentare”, anche se ora si ritiene che sia inaccurata.

L’Imperatore romano Antonino Pio (Caracalla) nel forte ricostruito a Saalburg, in Germania.

 

Galeno, il medico greco, descrisse i sintomi costituiti da febbre, diarrea e faringite.

Altri sintomi includevano la pelle che esplodeva in vesciche simili a bolle, alcune secche e altre piene di muco, che sarebbero apparse intorno al nono giorno. Galeno non ha identificato completamente la malattia o la sua origine, ma alcuni studiosi ritengono che questa piaga fosse il vaiolo.

Un’eccezione a questo è lo storico William McNeill, che afferma che la peste Antonina e la successiva peste di Cipriano (251ca – 271) avrebbero probabilmente potuto essere focolai di morbillo e vaiolo.

I sopravvissuti svilupparono una certa immunità a queste malattie, il che suggerisce che nessuna malattia era esistita prima del 165 d.C. nella civiltà romana.

Purtroppo, questa “grande” piaga, come la chiamava Galeno, sarebbe durata ancora per molti anni. Per quindici anni devastò l’Impero, dal 165-180 d.C.

Quando la malattia attaccò la città di Roma, circa nove anni dopo il primo focolaio, si ritiene che abbia causato fino a 2.000 morti al giorno, o con probabilità del 25% di morti per la popolazione di Roma.

Durante questa devastazione, si pensa che un terzo della popolazione sia stata uccisa dalla peste, questo include quelli nelle campagne e nell’esercito e con circa 5 milioni di morti attribuiti durante il suo regno del terrore.

Marco Aurelio e Lucio Vero, British Museum.

All’epoca non esistevano trattamenti o cure. Invece, ondate dopo ondate della malattia, la società romana ha rafforzato l’immunità ai suoi effetti.

Tuttavia, è interessante notare che una piaga con gli stessi sintomi stava affliggendo i regni di due imperatori Han nel Vicino Oriente:

  • Huan di Han (146-168)

  • Ling di Han (168-189)

Durante il governo di questi due imperatori, ci furono focolai nel 151, 161, 171, 173, 179, 182 e 185 – che sono date simili a focolai noti nell’Impero Romano, e sono stati suggeriti come collegati alla Peste Antonina in Eurasia.

Si sospetta che questa piaga abbia avuto origine in una parte sconosciuta e isolata dell’Asia centrale e che si sia diffusa in tutto l’impero cinese e romano con il crescere del commercio tra le due potenze.

La maggior parte di questo commercio è stato portato avanti con il commercio marittimo, che ha subito un danno “irreparabile” a causa della perdita di vite umane.

Pertanto, il commercio con il Sud-est asiatico ha subito un rallentamento drammatico e, sebbene il commercio di seta e spezie sia continuato nel IV secolo, non sarebbe mai tornato alla sua piena gloria.

Invece, l’eredità della peste Antonina sarebbe diventata evidente solo dopo il 500 d.C., con l’evoluzione del morbillo e i suoi effetti sul nostro DNA.

Il decorso dell’Impero (Serie di dipinti di Thomas Cole) Distruzione (1836)

Sebbene la peste Antonina avrebbe avuto poca influenza sulle arti o sulla cultura romana, i suoi effetti sociali e politici hanno lasciato un segno indelebile nelle pagine della storia.

Con esso, la peste fece suonare la campana della morte dell’Impero Romano e avrebbe preannunciato un periodo di costante sconvolgimento, tradimento e – alcuni sosterrebbero – follia per mano di un capriccioso dittatore.

Ma forse dovremmo anche ricordare l’effetto della peste sulla società romana. Tra il terrore e la confusione, i Romani finirono col credere alle menzogne, a comportarsi male e ad agire senza vera comprensione e onore.

I pensieri di Marco erano stati tormentati da un’altra pestilenza e, secondo i suoi scritti nelle Meditazioni, era profondamente turbato da ciò che osservava.

La sua amata Roma stava precipitando nel caos, negli atti sfrenati, negando i fatti a favore della finzione e scegliendo bugie invece della verità e della giustizia…

Forse abbiamo qualcosa da imparare dalla sua seguente riflessione:

“La vera buona fortuna sarebbe quella di abbandonare la vita senza mai incontrare disonestà, ipocrisia, autoindulgenza o orgoglio.

Ma il ‘prossimo miglior viaggio’ è morire quando ne hai avuto abbastanza. O sei determinato a abbandonarsi al male?

L’esperienza non ti ha nemmeno insegnato questo – per evitarlo come la peste? Perché è una piaga – un cancro mentale – peggio di qualsiasi cosa causata dall’aria contaminata o da un clima malsano.

Una malattia del genere può solo minacciare la tua vita; questa attacca il tuo essere umano”.Meditazioni, IX.2

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld