Crea sito

Il tempo di Omero o … I Secoli Bui XII – IX Secoli a.C.

di Edward Whelan 08 Settembre 2020 dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

Spesso consideriamo i Greci come la quintessenza delle civiltà

 

Tuttavia, prima del grande successo del V secolo a.C. Atene e altri luoghi subirono un periodo di declino e dislocazione.

Per oltre tre secoli la Grecia ha vissuto un’età oscura quando le città furono abbandonate e la società crollò.

Tuttavia, da questo triste periodo sono emerse tendenze che hanno contribuito alle glorie della civiltà greca.

 

Il crollo della civiltà di Micene

 

Prima del 1200 a.C., l’attuale Grecia moderna era dominata dai Micenei.

Sono considerati come i primi Greci ed erano un popolo guerriero.

 

Sulla base dei loro resti archeologici si vede che hanno sviluppato una società gerarchica. Hanno costruito vasti palazzi in siti di tutta la Grecia ed erano rinomati marinai.

I Micenei furono probabilmente la fonte delle leggende sull’assedio e la caduta di Troia.

Verso il 1200 a.C., la civiltà micenea crollò e abbandonò i propri palazzi.

 

Una volta si credeva che un altro gruppo di Greci dei Balcani settentrionali, i Dori li avessero portati alla rovina. Tuttavia, negli ultimi anni, questa tesi è stata rifiutata.

 

La caduta dei Micenei fu probabilmente dovuta al crollo dell’età del bronzo, quando molte civiltà del Vicino Oriente crollarono. Spesso questo lo si imputa a un gruppo di invasori, Popolo del Mare.

 

È possibile che il cambiamento climatico abbia portato a carestie, che hanno causato la guerra civile e portato al crollo dei Micenei.

Trovato nella tomba V a Micene da Heinrich Schliemann nel 1876.Maschera mortuaria in oro nota come “Maschera di Agamennone”.Questa maschera raffigura il volto imponente di un nobile barbuto.È costituito da una lamina d’oro con dettagli repoussé.Due fori vicino alle orecchie indicano che la maschera è stata tenutalegata al viso del defunto con un laccio.

 

Le conseguenze

 

Il crollo miceneo in Grecia ha visto per secoli la fine della grandiosa struttura.

 

Le loro strutture erano stati centri di cultura e con la loro scomparsa, la conoscenza del loro sistema di scrittura noto come Linear B andò perduta.

 

La conoscenza materiale della regione diminuì come si è visto dalla scarsa qualità della ceramica del periodo. Sembra che molte zone della Grecia e delle sue isole si fossero spopolate e molti insediamenti abbandonati.

 

Ci sono prove che le città furono abbandonate e molte persone tornarono a vivere in insediamenti remoti che potevano essere facilmente difesi.

 

Non c’erano più regni con stati centralizzati e burocrazie come in passato. In quel momento sembra più probabile che la società fosse basata su clan guidati da capi principali.

 

La gente viveva in famiglie autosufficienti chiamate Oikos.

 

Gli archeologi dimostrano che il commercio a lunga distanza era crollato e mentre una volta i Micenei facevano scambi con altre civiltà, questo non avvenne più dal 12 al 9 secolo a.C.

 

Sacche di civiltà

 

Mentre gran parte della Grecia era nell’età oscura, alcune aree rimasero urbanizzate e impegnate nel commercio a lunga distanza.

 

Lefkandi, nell’isola di Eubea, era un centro commerciale e manifatturiero ed era una grande città per gli standard del tempo. Sembra che fosse una potenza marittima.

 

  La Porta dei Leoni, l’ingresso principale della cittadella di Micene, XIII secolo a.C.

 

I Micenei avevano colonizzato parti dell’isola di Cipro, dove ci sono gli elementi della loro civiltà, tra cui l’uso di una versione adattata di Lineare B.

 

Tali scoperte hanno portato alcuni esperti a credere che non esistesse l’Età Oscura e che la società greca fosse molto più sofisticata di quanto spesso si crede.

 

Con l’8° secolo, la documentazione archeologica evidenzia che insediamenti più grandi erano in aumento in termini di dimensioni e che stavano sorgendo nuove città.

A questo punto Atene e Sparta stavano cominciando a crescere.

Ci sono prove di più commercio e produzione a lunga distanza.

Anche la qualità della ceramica migliora.

Sembra che i Greci avessero molti più contatti con altre culture, come i Fenici. I Fenici erano grandi mercanti e avevano sviluppato anche un alfabeto fonetico.

 

Questo fu adottato dai Greci e, di conseguenza, ancora una volta furono in grado di diventare una società alfabetizzata.

 

La Grecia divenne piuttosto prospera nell’VIII secolo e la popolazione aumentò.

 

Ciò ha portato alla colonizzazione di altre aree soprattutto in Crimea e in Asia Minore.

  

Il Secolo di Omero?

 

Il Medioevo ha visto l’emergere della poesia di Omero. Era il più grande di tutti i poeti greci e uno dei più grandi poeti di tutta la tradizione occidentale.

 

Tradizionalmente, Omero è ritratto come un uomo cieco.

 

Omero e la sua guida (1874) di William-Adolphe Bouguereau

 

Omero è conosciuto per i due grandi poemi epici:

  • l’Iliade
  • l’Odissea…

Si trattava di originali opere di poesia orale basate sulle storie semi-leggendarie di una guerra tra Greci e Troiani e sulle avventure di Ulisse all’indomani della fine della guerra.

Gli esperti ritengono che Omero visse nel 9° secolo e può essere visto come una figura dell’Età Buia.

Tuttavia, fu anche un precursore del recupero della civiltà greca nell’VIII secolo a.C.

 

Ha usato l’alfabeto greco per scrivere le poesie orali e ha creato una nuova lingua letteraria, che ha notevolmente stimolato la crescita della cultura ellenica.

Le storie dell’Iliade e dell’Odissea hanno avuto un profondo impatto sulla società greca, compresa la sua letteratura, l’arte, l’etica e persino la mitologia. Altrettanto importante è che i poemi epici hanno contribuito a promuovere il senso comune di un’eredità e un’identità greche.

 

Omero fu un’influenza critica nello sviluppo della cultura greca classica.   

Conclusione

 

I Micenei svilupparono una grande civiltà ma, dopo il crollo dell’età del bronzo, scomparve.

 

La Grecia è decaduta socialmente, culturalmente ed economicamente. Divenne una zona povera e arretrata, e così rimase per molti secoli. Tuttavia, alcune parti del mondo greco potrebbero aver continuato ad essere avanzate e prospere.

 

La creazione di un nuovo alfabeto greco fu cruciale per la fine del Medioevo e le opere di Omero contribuirono a un Rinascimento del mondo ellenico.   

 

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.