Crea sito

Il Futuro dell’Alimentazione Umana

La Tecnocrate Visione per il futuro del cibo

Nel 2014, la Cina ha annunciato che avrebbe trasferito 100 milioni di agricoltori rurali fuori dalle loro fattorie (in modo permanente) e nelle città, al fine di far posto all’agricoltura industrializzata. Bill Gates ha pensieri simili sull’uso dei terreni agricoli e ha già accumulato 242.000 acri di terreno agricolo di prima qualità. ⁃ TN Editor

Il miliardario della tecnologia Bill Gates, co-fondatore ed ex CEO di Microsoft, può sembrare uno strano adattamento per il ruolo del miglior agricoltore americano. Ma ha tranquillamente accumulato enormi tratti di terra degli Stati Uniti sotto la copertura della società di investimenti Cascade Investment LLC, e ora possiede un minimo di 242.000 acri di terreno agricolo negli Stati Uniti. 1

La scoperta è stata divulgata dalla rivista di Eric O’Keefe, The Land Report, che pubblica ogni anno un elenco dei 100 più grandi proprietari terrieri negli Stati Uniti. È stato un acquisto nel 2020 di 14.500 acri “prime” nello stato di Washington che per primo ha attirato l’attenzione di O’Keefe, come definisce qualsiasi vendita di oltre 1.000 acri “eventi della luna blu”.

Quando ha scavato più a fondo, l’acquirente dei 14.500 acri – nel cuore di alcune delle superfici più costose d’America – è stato registrato come una piccola azienda della Louisiana. “Questo ha immediatamente fatto scattare un campanello d’allarme”, ha detto O’Keefe al New York Post. 2  Si è scoperto che la società agiva per conto di Cascade Investment per conto di Bill Gates e che possiede terreni non solo a Washington ma anche in Illinois, Iowa, Louisiana, California e in molti altri stati.

“Bill Gates, co-fondatore di Microsoft, ha un alter ego”, ha scritto O’Keefe. “Farmer Bill, il ragazzo che possiede più terreni agricoli di chiunque altro in America.” 3  Chiaramente Gates ha una grande visione per tutta quella terra, ma sfortunatamente non coinvolge metodi di agricoltura biologica, biodinamica o rigenerativa, che sono necessari per guarire gli ecosistemi e produrre cibo veramente sostenibile e nutriente per le generazioni future.

Invece, la superficie sembra destinata a colture di mais e soia ancora più ingegnerizzate geneticamente (GE), gli alimenti di base per quello che diventerà un approvvigionamento alimentare sempre più sintetico e ultra trasformato.

Cancelli e pezzi grossi della carne finta mirano all’agricoltura industrializzata

L’azienda di imitazione della carne Impossible Foods è stata cofinanziata da Google, Jeff Bezos e Bill Gates, 4  e Gates ha chiarito che crede che il passaggio alla  carne sintetica  sia la soluzione per ridurre le emissioni di metano che provengono dagli animali allevati in operazioni di alimentazione animale concentrata CAFO). 5

La forte raccomandazione di sostituire la carne bovina con carne finta è contenuta nel libro di Gates “Come evitare un disastro climatico: le soluzioni che abbiamo e le scoperte di cui abbiamo bisogno”, pubblicato nel febbraio 2021. 6  In un’intervista con MIT Technology Review, si spinge fino a dire che i comportamenti delle persone dovrebbero essere cambiati per imparare ad amare la carne finta e, se non funziona, i regolamenti potrebbero fare il trucco. 7

Negli Stati Uniti, i consumatori sono sempre più alla ricerca di alimenti sani, reali e poco lavorati. La carne finta  come  Impossible Burger  è l’opposto: un cibo falso altamente elaborato, ma mascherato da qualcosa di buono per te e per l’ambiente.

Dove in natura puoi trovare ingredienti come lievito geneticamente modificato, concentrato di proteine ​​di soia, amido alimentare modificato e isolato di proteine ​​di soia? La risposta non è da nessuna parte, e qui sta una parte fondamentale del problema.

Tuttavia, Gates, insieme a Pat Brown, fondatore di Impossible Foods, ritiene che la “strategia vincente” per il futuro dell’agricoltura implichi “trovare modi per gli agricoltori di produrre più mais e soia su ogni acro … riducendo sostanzialmente le emissioni di carbonio”. 8  Secondo Fortune: 9

“Sorprendentemente, sia Gates che Brown ritengono che i semi geneticamente modificati e gli erbicidi chimici, nelle giuste dosi – e non l’agricoltura biologica ad alta intensità di terra – siano cruciali per ridurre le emissioni di carbonio”.

Gates e Brown supportano OGM e prodotti chimici

Quando gli animali vengono allevati secondo l’  agricoltura rigenerativa, viene creato un ecosistema completo, che è sia curativo per la terra che produttivo per gli agricoltori che lo mantengono. Mangiare carne non è sinonimo di danneggiare l’ambiente; sono le pratiche agricole industriali che infliggono il danno. Alcuni credono anche che mangiare carne significhi strappare più foreste in modo che gli animali possano pascolare, ma spesso sono  praterie e praterie  che sono state arate per piantare un surplus di mais per l’etanolo.

I terreni coltivati ​​negli Stati Uniti sono già dominati da un ciclo di semina a due colture di mais e soia, principalmente per l’alimentazione animale industriale. Come  le operazioni di alimentazione concentrata degli animali , queste monocolture cariche di sostanze chimiche stanno devastando l’ambiente e, anche se sono alimenti vegetali, fanno parte del problema, non della soluzione.

Piuttosto che tornare all’agricoltura rigenerativa, in cui il bestiame e le colture sono integrati in un sistema simbiotico e complementare che imita il modo in cui funziona la natura, le aziende agrochimiche come Syngenta stanno usando l’editing genetico, l’ingegneria genetica, prodotti chimici e biologici per creare linee di semi ibride, resistenti alle colture a venti, inondazioni, siccità e altri elementi agricoli creati in laboratorio.

È tutto basato sulla tecnologia per promuovere la protezione delle sementi e delle colture, in quello che viene definito “il nuovo paradigma dell’agricoltura”. Se Gates ha la sua strada, il biologico verrà eliminato dal quadro. Fortune segnalato: 10

“Gates – il più grande proprietario americano di terreni agricoli – riconosce che l’agricoltura biologica è più dannosa per l’ambiente rispetto all’agricoltura convenzionale. Chiesto da Rashida Jones in un podcast di dicembre 2020, “Mangiare biologico aiuta [a ridurre le emissioni]?” Gates ha risposto: ‘No, i prodotti biologici richiedono più terra rispetto alle tecniche agricole tipiche. So che non è una risposta popolare. Jones ha risposto: “Partita difficile, Bill!” “

Brown è anche pro-OGM ed erbicidi chimici. La fortuna è continuata: 11

“In un articolo del 2019, Brown ha scritto che Impossible stava affrontando una carenza di soia perché faceva affidamento su aziende agricole che non utilizzavano semi geneticamente modificati. Il motivo: i semi non modificati non erano altrettanto resistenti alle malattie, riducendo la produzione e costringendo gli agricoltori a usare molto più erbicida.

Brown ha scoperto che l’uso di colture geneticamente modificate forniva sia l’approvvigionamento extra di cui aveva bisogno, sia dava agli hamburger la “consistenza carnosa” che i suoi fan desideravano. “L’opzione più sicura ed ecologica per consentirci di aumentare la produzione e fornire l’Impossible Burger ai consumatori al minor costo possibile è la soia GM”, ha affermato. “

È un’affermazione incredibilmente miope, tuttavia, che ignora completamente i molti  aspetti negativi della soia GM , che includono effetti devastanti su insetti come le farfalle monarca e la promozione di super erbacce resistenti agli erbicidi.

I test di Moms Across America hanno anche rivelato che Impossible Burger contiene  glifosato, il principio attivo dell’erbicida Roundup, che ha dimostrato di  alterare la funzione genica di oltre 4.000 geni nel fegato, nei reni e causare gravi danni agli organi nei ratti a livelli di appena 0,1 parte per miliardo. 12  The Impossible Burger conteneva 11,3 ppb (glifosato e la sua decomposizione AMPA).

Campagna di pubbliche relazioni biotecnologiche per convincerti a mangiare cibo sintetico

La giornalista statunitense Right to Know Stacy Malkan ha twittato nel marzo 2021 che i piani di Bill Gates di rifare i nostri sistemi alimentari sono un problema sia per gli agricoltori che per i consumatori che non vogliono mangiare mais e soia GE trasformati in prodotti alimentari sintetici trasformati. 13

Che sia o meno “impopolare” non importa, però, poiché Gates ha detto che pensa che i paesi ricchi dovrebbero mangiare tutta carne finta. Quando gli è stato chiesto se pensa che le carni vegetali e coltivate in laboratorio potrebbero “essere la soluzione completa al problema delle proteine ​​a livello globale”, ha risposto che, nei paesi a reddito medio-alto, sì, e che le persone possono “abituarsi ad esso. “: 14

Il piano per abituare i consumatori a sostituire i loro hamburger con cibo sintetico e falso è in corso almeno dal 2014, quando un gruppo di potenti dirigenti dell’agrobusiness si è incontrato per organizzare una campagna di pubbliche relazioni che avrebbe messo la biologia sintetica e gli OGM in una luce più favorevole. Dana Perls, di Friends of the Earth, ha partecipato all’incontro e in seguito ha scritto: 15

“L’incontro era secondo le regole della Chatham House, il che significa che non posso rivelare chi ha detto cosa. Tuttavia, posso dire che l’incontro è stato una visione allarmante del processo dell’industria della biologia sintetica di creare una narrativa mediatica ricoperta di zucchero per confondere il pubblico, ignorare i rischi e rivendicare il mantello della “ sostenibilità ” per nuovi prodotti di biologia sintetica potenzialmente redditizi .

Nel corso della giornata, principalmente amministratori delegati, direttori e addetti alle pubbliche relazioni di potenti società di biologia chimica e sintetica, hanno rimbalzato su storie di promesse, hanno discusso su come posizionare la biologia sintetica come una “ soluzione ” alla fame nel mondo e hanno fatto allegre affermazioni di sicurezza che non sono stati supportati da dati effettivi.

… Quando ho chiesto come le aziende biotecnologiche proteggeranno i piccoli agricoltori che producono prodotti veramente naturali, sono stato accolto con uno sguardo duro e freddo, silenzio e una non risposta sulla necessità di soddisfare la domanda dei consumatori “.

In un riepilogo dei punti chiave dell’incontro, Perls ha affermato che la strategia di PR del settore includeva il non utilizzo dei termini “biologia sintetica” e “ingegneria genetica”, che hanno connotazioni negative, e il tentativo di cambiare la narrativa pubblica catturando le emozioni e inondando i media di storie piacevoli sulla biologia sintetica.

Il gruppo ha convenuto che il settore dovrebbe rimanere il più possibile autoregolato e che i risultati degli studi aziendali non dovrebbero essere di pubblico dominio. Hanno persino suggerito che l’industria dovrebbe presentare l’immagine che sta cercando di sostenibilità alimentare, trasparenza e sovranità alimentare. Ma, Perls ha osservato: “Quando ho sottolineato che la biologia sintetica controllata dalle aziende è l’antitesi della ‘sovranità alimentare’, sono stato nuovamente accolto con un silenzio di pietra”. 16

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://www.technocracy.news/technocrat-vision-for-the-future-of-food/

®wld