I danni dello smartphone

 

L’esposizione prolungata alla luce blu dei telefoni cellulari può portare alla degenerazione maculare 

(Naturale News) Il tuo smartphone ti rende cieco? Una nuova ricerca ha confermato che la luce blu emessa dai telefoni cellulari e altri gadget può causare danni permanenti ai tuoi occhi e, infine, può persino portare alla cecità. Poiché il tempo passato a guardare lo schermo continua ad aumentare, aumenta anche il rischio di degenerazione maculare da troppa luce blu. Come gli scienziati ora sanno, la luce blu è fondamentalmente una campana a morto per la tua retina. 

Per i giovani di oggi, che sono stati esposti alla luce blu per tutta la loro vita, questo rischio è particolarmente preoccupante. Mentre non è un segreto che i bambini trascorrono troppo tempo incollati ai loro schermi, sta diventando sempre più chiaro che gli effetti dei cellulari sulla salute umana non sono ancora completamente compresi. 

Sia che si parli degli effetti dannosi della luce blu, sia degli effetti che causano il cancro delle radiazioni dei cellulari, gli scienziati stanno veramente imparando i risultati sulla salute delle nuove tecnologie dopo che questi prodotti sono stati sviluppati e messi in uso.

https://www.naturalnews.com/2018-10-30-prolonged-exposure-to-blue-light-from-mobile-phones-macular-degeneration.htmlClicca QUI per vedere il video sopra esposto 

La luce blu fa male ai tuoi occhi 

Scienziati dell’Università di Toledo affermano che la connessione tra la luce blu e la degenerazione maculare è impossibile da ignorare. 

Il dott. Ajith Karunarathne, un assistente professore del dipartimento di chimica e biochimica dell’università, ha spiegato: “Siamo esposti continuamente alla luce blu e la cornea e la lente dell’occhio non possono bloccarla o rifletterla”

“Non è un segreto che la luce blu danneggia la nostra visione danneggiando la retina dell’occhio”, ha aggiunto Karunarathne. La luce blu ha una lunghezza d’onda corta che causa la formazione di molecole tossiche nelle cellule sensibili alla luce dell’occhio. Queste tossine uccidono le cellule oculari sensibili alla luce, che sono necessarie per la visione. 

Come succede? La retina è una vitamina essenziale per i tuoi occhi. Le cellule sensibili alla luce nell’occhio dipendono dalla retina per rilevare la luce e inviare segnali al cervello. Ma quando la retina è esposta alla luce blu, diventa mortale. 

Kasun Ratnayake, un dottorato di ricerca lo studente che ha lavorato allo studio, ha spiegato, “Se fai brillare la luce blu sulla retina, la retina uccide le cellule dei fotorecettori mentre la molecola di segnalazione sulla membrana si dissolve.” 

Come spiega Green Med Info : 

Mentre la cornea e la lente dell’occhio sono trasparenti alla luce blu, questo spettro di luce eccita le molecole retiniche, creando sottoprodotti di condensazione chiamati lipofuscins: materiali fototossici, non degradabili che causano la degenerazione maculare. Questa “retina eccitata dalla luce blu” provoca cambiamenti irreversibili alla membrana plasmatica dell’occhio, interrompendo la sua funzione e causando danni ossidativi al nucleo della membrana. In poche parole, una luce blu brillante sulla retina uccide le cellule dei fotorecettori. 

Una volta che le cellule fotorecettrici sensibili alla luce dell’occhio sono morte, sono morte definitivamente. 

Attualmente, gli esperti affermano che gli adulti di età pari o superiore a 50 anni sono a rischio più elevato. L’alfa tocoferolo, un nutriente antiossidante naturale, può prevenire la morte dei fotorecettori nelle persone più giovani, ma i benefici diminuiscono con il passare del tempo. Per il set over-50, la degenerazione maculare da esposizione alla luce blu è una preoccupazione importante. 

I benefici protettivi dell’alfa tocoferolo (un tipo di vitamina E) sono promettenti, ma per i bambini i rischi di esposizione alla luce blu sono ancora poco conosciuti, soprattutto a lungo termine. Tuttavia, non è irragionevole sospettare che i bambini piccoli possano effettivamente essere più suscettibili agli effetti tossici della luce blu rispetto agli adulti, dato che non sono ancora in fase di sviluppo. 

Potrebbero volerci decenni agli scienziati per capire quale esposizione permanente alla luce blu fa agli occhi. Per i bambini, le fonti suggeriscono che i genitori impongono limiti sullo schermo, insieme a tempi designati “screen-free”, per aiutare a minimizzare l’esposizione. Anche gli adulti dovrebbero limitare il proprio tempo sullo schermo. 

Vedi più copertura di storie su problemi con la tecnologia su Glitch.news. 

Le fonti per questo articolo includono:  

GreenMedInfo.com  

AllAboutVision.com  

Independent.co.uk  

Fonte: https://www.naturalnews.com/ 

®wld